Version classiqueVersion mobile

Exposhakespeare

 | 
Paolo Caponi
, 
Mariacristina Cavecchi
, 
Margaret Rose

A.A., di Paolo Caponi

Per Anna Anzi, studiosa shakespeariana dall’insuperabile risotto giallo

Texte intégral

1Correva l’anno 1978 quando l’Italia in maglia azzurra si trovava a testa in giù dall’altra parte del globo, per i mondiali di calcio in Argentina; a Milano, dietro gli spessi muri del Teatro Lirico di via Larga, che è come dire il Piccolo, Giorgio Strehler prova e riprova la sua Tempesta, quella famosa, per accorgersi che i muri non sono poi tanto spessi se non si riesce a lavorare, tanto è lo strombazzamento di clacson a parte, fuori scena. L’Italia ha vinto, quel giorno, e i due eventi cominciano a intersecarsi, a sovrapporsi, tanto che non può il secondo (in ordine di apparizione) ignorare il primo, ed ecco il maestro, e gli attori, uscire in strada, non proprio a festeggiare ma almeno a capire cosa sta succedendo. Il calcio dunque non rispetta quella straordinaria ripresa che fu quella memorabile Tempesta, e possiamo immaginarci, alla Nichetti, la Lazzarini che rimane appesa alle sue imbracature mentre il palco si svuota della stessa sostanza di cui sono fatti i sogni. Disse una volta Strehler, ma probabilmente per finta, che la sua passione per il teatro lo aveva privato di una vita vera, che avrebbe voluto trovare un po’ più di tempo per sé e magari giocare, diceva proprio così, qualche volta a tennis. Quella volta non fu il tennis, fu il calcio, che è a dire la stessa cosa davanti a Shakespeare.

2In fondo alla sala, quella del Lirico, chi poi sarà la mia professoressa di Storia del teatro inglese assiste alle prove dello spettacolo per poi scriverne, tra l’altro, e in più occasioni. Di questo evento, tante volte Anna Anzi mi ha parlato come se, in un certo senso, fosse cominciato tutto da lì. Naturalmente non poteva essere proprio così, dal momento che per la carriera di uno studioso questi sono punti di arrivo, più che di partenza. Eppure nella nostra vita riconosciamo tutti, a volte, strane, e spesso non desiderate, cancellature e ripartenze – come appunto, quel giorno di Argentina-Italia. E mi è sempre piaciuto pensare che anche per me quel giorno (tanto che non dimenticherò mai dov’ero, e con chi: con mia mamma, bambino a spasso per una città deserta) tenesse in grembo una sorta di lontano, e molto inconsapevole, inizio.

3Sarebbe sbagliato, però, ridurre tutto a una mera questione personale. A fine anni Settanta, parlare di regia e soprattutto di registi nei corsi di letteratura all’università era qualcosa di più di una novità: era l’apertura a un mondo nuovo e infido, capace di rendere impopolari nella nostra assai conservativa accademia. Anzi percorse decisamente, e con rigore, questa strada. I suoi due volumi su Shakespeare nei teatri milanesi documentano sulla presenza del drammaturgo a Milano, e non solo – come al massimo ci si azzardava a fare allora – attraverso Strehler. Una delle lezioni che abbiamo appreso durante gli anni della nostra ‘isola felice’, all’ultimo piano di Sant’Alessandro, è stata proprio come riconoscere l’importanza non solo della drammaturgia, che pure è fondamentale, ma anche della performance che, come in The Triumph of Peace di Shirley – e, molti anni dopo, nelle prove di Strehler – può essere proficuamente interrotta dai rumori della strada.

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search