Version classiqueVersion mobile

L’Antartide nell’immaginario inglese

 | 
Nicoletta Brazzelli

Parte II. L’Antartide fra esplorazione e scrittura

4. Tradizione letteraria e osservazione scientifica

Texte intégral

We shall not cease from exploration
And the end of all our exploring
Will be to arrive where we started
And know the place for the first time
T.S. Eliot, Little Gidding (1942)

4.1. «Terra Incognita»

  • 1 Una bibliografia sull’Antartide sempre aggiornata viene elaborata e pubblicata a cura della Libra (...)

1L’Antartide è un continente che si estende su una superficie di circa 14 milioni di chilometri quadrati, ed è circondato interamente dall’oceano australe, una vasta distesa marina in gran parte ghiacciata, in cui convergono gli oceani Atlantico, Pacifico e Indiano, punteggiata da isole sparse, perse in remote lontananze. Si tratta di una regione del tutto isolata dal resto del pianeta, situata quasi interamente oltre il 60° parallelo dell’emisfero australe, costituita di fatto da una spessa coltre di ghiaccio perenne, che ricopre la terraferma e invade i mari marginali1.

2Con il suo spazio decisamente anomalo, privo di una sovranità nazionale, che non ospita abitanti permanenti, l’Antartide rappresenta il lembo più alto, secco e freddo della terra, ma anche l’area naturale più estesa, la cui geografia è la più inaccessibile e ostile del mondo. Se l’Artide, a cui si contrappone etimologicamente con il prefisso «anti», è sostanzialmente un mare situato nell’emisfero boreale circondato dalla terra, entro cui si colloca l’isola più vasta al mondo, la Groenlandia, l’Antartide è invece un continente vero e proprio, lambito dagli oceani, collocato agli antipodi (Manzoni 1989). Sostanzialmente, Artide e Antartide sono spazi geograficamente molto diversi (Dodds 2012: 21), e si contrappongono anche dal punto di vista biologico, poiché il primo è abitato da quattro milioni di persone, mentre il secondo non ha una popolazione indigena.

3La forma pressoché circolare delle terre emerse antartiche è resa irregolare dalle due grandi rientranze formate dai mari di Weddell e di Ross; il cosiddetto corridoio transantartico che ne deriva è affiancato dalla catena montuosa che attraversa il continente in tutta la sua lunghezza e lo suddivide in due zone, una orientale, più ampia, e una occidentale. I nomi geografici, che si possono individuare facilmente su qualsiasi carta, testimoniano in maniera diretta e inequivocabile l’esplorazione occidentale dell’Antartide, innanzitutto britannica, ma anche americana, e inoltre norvegese, belga, francese, russa, svedese. Infatti, la volontà di appropriazione del territorio, almeno a livello simbolico, da parte delle potenze europee, si è manifestata attraverso la collaudata tecnica imperiale del «naming», ossia con l’imposizione dei nomi degli esploratori o dei membri delle famiglie regnanti dei paesi che ne hanno promosso le spedizioni: la toponomastica stessa, insomma, evoca per lo più eventi e situazioni di un’umanità proveniente da zone lontane e ha un’origine nazionalistica e/o commemorativa.

  • 2   Un riferimento bibliografico recente su storia e geografia dell’Antartide è Walton (2013).

4Secondo il geofisico tedesco Alfred Wegener, che nel 1912 elaborò la teoria della deriva dei continenti, l’Antartide era parte integrante di un antico super-continente chiamato Pangea2. Ultimo spazio geografico della terra a essere scoperto, per quanto la sua esistenza venisse postulata fin dall’antichità, il continente antartico è divenuto la nuova frontiera geopolitica e scientifica, il luogo chiave degli equilibri ambientali del nostro pianeta, il sito su cui convergono i dibattiti riguardanti la globalizzazione, le risorse energetiche, i cambiamenti climatici. Se le peculiari caratteristiche meteorologiche ed ecologiche fanno dell’Antartide un luogo estremo, la «wilderness» di cui è espressione conferisce ad esso un’aura di sacralità e di mistero e lo include nella sfera del sublime, quasi fosse l’esemplificazione di quella potente dimensione naturale evocata da Edmund Burke nel Settecento e recuperata nell’Ottocento in poesie romantiche come Mont Blanc (1817) di P.B. Shelley. Del resto, il protocollo di Madrid sulla protezione ambientale dell’Antartide del 1991 (parte dell’«Antarctic Treaty System») riconosce propriamente il valore «estetico» del paesaggio antartico.

5Contrariamente a quanto possa apparire a prima vista, se si considera il ghiaccio perenne che ricopre mare e terra quasi senza soluzione di continuità, l’Antartide è lo spazio più instabile della terra, visto che straordinari cambiamenti vengono registrati ogni anno dai satelliti artificiali in termini di accumulo nevoso ed estensione del ghiaccio, soprattutto marino. Dal punto di vista geologico la storia dell’Antartide è assai lunga e complessa, includendo un periodo remoto in cui l’area non era ghiacciata, tanto è vero che i fossili testimoniano la presenza in loco di vegetazione dei climi temperati.

  • 3   Sulle problematiche geopolitiche relative all’Antartide, si veda Dodds (2002a).

6Le latitudini a Sud del 60° parallelo sono state tutelate dal punto di vista ambientale e riservate alla ricerca scientifica dall’«Antarctic Treaty» del 1961, sottoscritto da 45 paesi, che ha stabilito le linee guida per l’utilizzo pacifico del continente al fine di preservarne l’ecosistema, e ne ha definito la sua struttura geopolitica: chi vive temporaneamente sul territorio antartico ha obiettivi connessi con la ricerca scientifica e gode in genere di un finanziamento statale erogato in relazione a un determinato progetto. Le stazioni scientifiche risultano attualmente una sessantina, e ospitano un migliaio di persone con permanenza annuale, molte di più nel periodo dell’estate australe. Diverse tensioni sono sorte in seguito alla stipulazione del trattato, perché, se il sistema della «governance» antartica è sembrato dapprima un modello di collaborazione e cooperazione internazionale, esso è sfociato in seguito in vari contrasti, per lo più legati al possibile sfruttamento delle risorse, oltre che alla collocazione delle basi3.

  • 4   Accanto all’interesse naturalistico non si può non collocare la preoccupazione per il futuro del (...)

7Se, dunque, in passato l’Antartide è stato percorso e descritto dagli esploratori, nel presente sono soprattutto gli scienziati ad essersi assunti il compito decisivo di trasmettere una serie di conoscenze ed esperienze relative al più remoto dei continenti, ammesso che si ritenga ancora poco rilevante il flusso turistico, pure in costante aumento. Infatti l’industria del turismo antartico da una parte si fonda sulla memoria delle esplorazioni (promuovendo spedizioni sulle tracce degli itinerari di Scott e Shackleton), dall’altra ha origine nell’interesse per un mondo ancora incontaminato, dove la natura è assoluta protagonista, in grado di garantire esperienze di viaggio e soggiorno decisamente uniche4.

  • 5 Questa definizione si trova in Manzoni (2001: 9). Si veda, per l’uso del termine «metaterritorio» (...)

8Rimasto per millenni un luogo remotissimo, inesplorato e misterioso, l’Antartide, proprio per questo, è stato progressivamente riempito dall’immaginazione umana, che ha connesso elementi scientifici, o spesso pseudo-scientifici, ad aspetti puramente fantastici; più che di un territorio reale, costituito essenzialmente di neve e ghiaccio, ci troviamo di fronte a un «metaterritorio»5. Del resto, ancora prima di essere «scoperta», la regione antartica si è imposta come un’ipotesi estetica, atta a bilanciare, secondo le teorie degli antichi greci, le terre emerse dell’emisfero boreale.

  • 6   Una ricostruzione dettagliata della storia delle esplorazioni, che hanno dato un’«identità» al co (...)

9Se oggi si presenta come una sorta di immenso laboratorio scientifico da studiare per la sua natura assolutamente unica, in passato l’Antartide è stato uno spazio «concreto», principalmente grazie alle narrazioni delle esplorazioni, svoltesi in maniera continuativa nel periodo compreso tra la fine del Settecento e i primi decenni del Novecento6. In questo arco di tempo la posizione geografica, la conformazione fisica e il clima estremo hanno costituito un indubbio ostacolo alla penetrazione umana. Bufere di neve e vento, l’insidia di crepacci e voragini, una fredda desolazione che non ha eguali sul resto del pianeta: l’ostilità ambientale si manifesta in una molteplicità di modi e ha rappresentato di fatto una sorta di difesa del territorio rispetto all’esplorazione e alla conquista imperiale, che in quest’area non ha potuto esplicarsi nelle forme convenzionali.

10Un altro aspetto degno di nota consiste nell’impossibilità di ricreare, anche nel presente, nonostante lo sviluppo tecnologico, normali condizioni di vita in un luogo in cui la comune percezione umana dello spazio e del tempo viene sconvolta: se l’estrema uniformità della regione, con la mancanza di punti di riferimento riconoscibili, genera un senso di spaesamento e rende quasi impossibile l’orientamento dell’esploratore, allo stesso modo l’alternanza, nel corso dell’anno, di un lungo periodo di illuminazione con uno di estesa oscurità, produce confusione e spaesamento a livello mentale: l’estraneità spaziale, dunque, si somma a quella temporale.

11Le difficoltà incontrate nel cartografare il territorio e nel darne una descrizione basata su una conoscenza effettiva hanno determinato il persistere, nella cultura occidentale, dell’idea della cosiddetta «terra incognita» australe: il continente sembra rifiutare qualsiasi intrusione esterna, mantiene intatti i suoi misteri e paradossalmente si rivela, ancora di più, un polo di attrazione (Dodds 1997). Come una fortezza che, con la sua imponenza, ispira le emozioni del sublime, nascondendo però gelosamente il suo interno, l’Antartide ha esercitato un fascino indiscusso; una dimensione magica e favolosa ha nutrito fin dall’antichità l’immaginazione antartica, in cui anche l’idea del «sacro» ha avuto un ruolo fondamentale. Inoltre, la percezione dell’alterità di ghiaccio dei mari e delle terre antartiche, attraverso gli occhi dei navigatori e degli esploratori, ha assunto una forte qualità poetica (Simpson-Housley 1992: 8-37); eppure soltanto durante e dopo le esplorazioni dell’Ottocento e del primo Novecento il continente si è trasformato da landa desolata, «wilderness» allo stato puro, in una regione geografica dotata di una sua specificità, pur senza mai perdere del tutto la sua aura misteriosa.

12Essendo l’unico continente la cui «civilizzazione» e, più in generale, la cui storia ha coinciso con la sua esplorazione, e risultando del tutto privo di popolazioni indigene, l’Antartide non ha assistito a nessuna interazione fra le culture «conquistatrici» o «colonizzatrici» e quelle native, e quindi il contatto degli esploratori si è realizzato con un universo puramente fisico (Pyne 2004: 66-67). Paradossalmente, l’Antartide assomma la massima espressione del mistero metafisico e della materialità concreta.

  • 7   Una storia concisa delle esplorazioni polari antartiche è fornita da Kitson (2003: XVIII). Sulle (...)

13A grandi linee, le esplorazioni antartiche si possono suddividere in due fasi, la prima, che va dal 1773 al 1839, è segnata dalla ricerca del continente favoloso della «Terra Australis Incognita»: incominciata da James Cook durante il suo secondo viaggio di navigazione nel Pacifico, culmina con James Clark Ross all’inizio degli anni quaranta dell’Ottocento, per poi subire una battuta d’arresto. La seconda ha inizio nel 1895, quando il Sesto Congresso Geografico Internazionale tenutosi a Londra stabilisce che l’esplorazione delle regioni antartiche venga considerata una priorità assoluta, esortando le società scientifiche di tutto il mondo a intraprendere spedizioni in tal senso: così l’Antartide diventa l’oggetto dell’interesse internazionale, e si creano i presupposti, assieme ai progressi tecnologici, perché abbia inizio la gara per il raggiungimento del Polo Sud7.

14Se il primo avvistamento effettivo del continente risale al 1820, ad opera del capitano della Marina britannica Edward Bransfield, l’immaginazione dell’antichità ha creato mappe fantasiose e suggestive (Murray 2005: 103-112): la teoria tolemaica della simmetria degli emisferi, infatti, prevede l’esistenza di una massa terrestre all’estremo Sud, e la stessa etimologia greca configura un territorio antitetico, un mondo opposto e rovesciato rispetto a quello conosciuto. Fin dai tempi antichi, si verifica una collaborazione, anche se indiretta, tra i creatori delle mappe e gli esploratori «sul campo»: la rappresentazione cartografica dell’olandese Ortelius (1570) suppone una grande terra australe che si spinge nel Pacifico fino all’Equatore; Francis Drake, al servizio di Elisabetta I d’Inghilterra, nel 1578 si dirige nel corso delle sue navigazioni fino a Capo Horn, ma è poi costretto ad abbandonare l’impresa: apre tuttavia nuovi stimoli all’immaginazione, inseguendo un altrove che è la proiezione dei sogni e delle paure dell’uomo della sua epoca. Dunque, più che un «continente fantasma», l’Antartide, nella prima fase delle esplorazioni, si configura come la testimonianza del desiderio dei cartografi europei di riempire gli spazi vuoti, così come della volontà dei paesi occidentali di acquisire conoscenze utili per possibili annessioni territoriali, per quanto di difficile sfruttabilità.

  • 8   Un altro testo dedicato alle esplorazioni antartiche e ai suoi protagonisti è quello di Rosove (2 (...)

15Mentre nella seconda metà del XVIII secolo la curiosità di verificare l’esistenza di quel lembo di terra che alcuni navigatori sostenevano di aver intravisto nel corso dei loro viaggi viene incarnata dal capitano James Cook, che nel 1773 si inoltra per primo tra i ghiacci dell’estremo Sud, nel XIX secolo si assiste a un’azione sistematica di presa di possesso dello spazio antartico, inteso come risorsa territoriale e luogo di importanza strategica. Le innumerevoli spedizioni nazionali che vengono organizzate esprimono le tendenze espansionistiche delle potenze occidentali; la penetrazione attraverso i ghiacci australi da una parte ha lo scopo di individuare eventuali risorse da sfruttare, dall’altra evidenzia un solido interesse scientifico, teso a offrire risposte plausibili all’interno del dibattito sull’origine della vita e sulla sua evoluzione8.

16Risale al 1838-1842 la spedizione dell’americano John Wilkes, che, dopo anni di perlustrazioni dei mari del Sud, risulta essere il primo a intuire che il territorio antartico costituisca un continente vero e proprio; tra il 1839 e il 1843 si muove il già menzionato James Clark Ross, che scopre la barriera di ghiaccio poi denominata piattaforma di Ross. La fase più intensa delle esplorazioni si apre con l’appello rivolto nel 1895 da Clements Markham, l’autorevole presidente della Royal Geographical Society, affinché le missioni scientifiche sul territorio antartico possano colmare i vuoti ancora troppo estesi nella conoscenza di quella regione remota: la cosiddetta «età eroica» si caratterizza dunque per il perseguimento ostinato della difficile meta geografica, innanzitutto, ma si carica anche di una forte connotazione patriottica, nel nome della scienza.

17Tra 1898 e 1914 ben otto paesi allestiscono e inviano una o più spedizioni in Antartide, con chiari obiettivi politico-territoriali, strategici e scientifico-naturalistici. La Spedizione Antartica Nazionale Britannica del 1901-1904 è guidata da Robert Falcon Scott, mentre la missione inglese successiva, del 1907-1909, risulta capitanata da Ernest Shackleton; la seconda e ultima spedizione di Scott si svolge tra il 1910 e il 1912 e il suo esito tragico segna in maniera decisiva i sogni di gloria britannici. L’età eroica si conclude con la movimentata Spedizione Imperiale Transantartica di Shackleton, iniziata nel 1914, alla vigilia della prima guerra mondiale, e terminata nel 1917.

18All’inizio del XX secolo, dunque, gli scenari apparentemente immobili delle coste antartiche e degli spazi interni vengono scossi da gesti largamente simbolici di presa di possesso: i vessilli nazionali appaiono innalzati da tutti gli esploratori, nel momento culminante delle loro imprese, e implicano la realizzazione del desiderio di appropriazione territoriale, che si esprime anche e soprattutto nell’attribuzione dei nomi ai luoghi e, inoltre, si carica di implicazioni scientifiche nella descrizione dettagliata del paesaggio e dei fenomeni meteorologici antartici (Cameron 1980: 131-157).

  • 9   Si veda Jones (2003): il testo si concentra soprattutto sull’impatto culturale della tragedia di (...)

19Le nazioni europee di fatto ingaggiano una vera e propria gara per raggiungere il Polo Sud e, attraverso le numerose missioni finanziate, che godono di una forte approvazione popolare, contribuiscono a descrivere e illustrare la morfologia e la conformazione geografica del più misterioso e remoto dei continenti. Le narrazioni delle esplorazioni polari sono costruite con sapienti strategie retoriche che esaltano il patriottismo e l’orgoglio nazionale. In particolare, il viaggio condotto da Scott tra il 1910 e il 1912, conclusosi tragicamente, ha una dimensione epica e genera un impatto straordinario sull’immaginazione occidentale9. Il capitano della Marina britannica e i suoi compagni vengono battuti dalla spedizione norvegese guidata da Roald Amundsen, che riesce ad arrivare per primo al Polo Sud, seguendo una rotta diversa e servendosi in modo massiccio dei cani da slitta, e muoiono sulla via del ritorno, per la fame e il freddo, impossibilitati a uscire dalla loro tenda a causa di una violenta tempesta di neve. Fino all’ultimo, però, gli esploratori inglesi raccolgono campioni geologici, per ribadire il carattere scientifico della loro missione.

20Nei diari di Scott, divenuti il documento canonico della letteratura polare, la marcia attraverso le lande desolate dell’Antartide viene rappresentata con toni ora avventurosi ora drammatici: la dimensione scientifica del testo scottiano dimostra il ruolo centrale degli elementi naturali, morfologici e atmosferici nella caratterizzazione del continente, sottolineando l’obiettivo britannico di dominare il territorio alieno attraverso la conoscenza, ma anche grazie alla forza e al coraggio degli esploratori. Solo nelle ultime pagine dei diari, Scott e i suoi compagni vengono presentati come martiri che si sacrificano all’Antartide, visto come luogo ostile e crudele: la tenda ricoperta di ghiaccio, in cui sono stati ritrovati i corpi da una squadra di soccorso, diviene parte integrante del paesaggio: pur rifiutando di essere inglobato nell’impero inglese, l’Antartide assicura agli eroi della nazione britannica la purificazione e la redenzione morale. L’estremo Sud da conquistare si configura dunque come una vastità vuota e immateriale; il Polo, espressione di affermazione imperiale, si rivela come un’immensa tomba di ghiaccio.

  • 10   Per riferimenti bibliografici più completi e precisi su Scott, Shackleton e altri esploratori-nar (...)

21Se Scott rappresenta l’icona delle esplorazioni antartiche, con il loro seguito di desolazione e di morte, Shackleton è una figura eroica che incarna l’eroismo estremo, associato alle qualità positive della resistenza fisica e della determinazione, oltre che alla dote della leadership: dopo che il Polo Sud è stato raggiunto, egli intraprende la sua missione più ambiziosa, attraversare l’intero continente antartico. Partito nel 1914 a bordo della Endurance, rimane intrappolato fra i ghiacci nel mare di Weddell e per mesi, insieme ai suoi compagni, ingaggia una lotta durissima per la sopravvivenza, senza un riparo sicuro né cibo a sufficienza, nella completa oscurità della notte polare: la sua lunga marcia verso la Georgia del Sud permette infine all’intero gruppo di ottenere soccorsi e di salvarsi10. La fuga dai ghiacci antartici viene narrata attraverso una versione rivista e corretta della tradizionale «captivity narrative»: la sopravvivenza fisica e la redenzione spirituale di Shackleton e dei suoi uomini costituiscono un’affermazione dell’identità britannica, dei valori del coraggio e della forza fisica, associati alla dimensione imperiale, nonché della visione cristiana della vita. In qualche modo, Shackleton riscatta il fallimento di Scott, presentando la figura del comandante capace di provvedere ai suoi uomini, di procurare loro la salvezza.

  • 11   Maggiori dettagli e considerazioni sull’argomento verranno inserite in seguito.

22Un ruolo particolarmente significativo nella rappresentazione dell’Antartide svolge anche la Children’s Literature dei primi decenni del Novecento, che rielabora le avventure polari per un pubblico di ragazzi, e si misura con i testi canonici delle esplorazioni, semplificando e riscrivendo gli episodi più drammatici, ma anche enfatizzando la quotidianità della vita degli esploratori, oltre che metterne in evidenza il coraggio e il senso del dovere. I racconti apparsi su riviste come «Boy’s Own Paper», di chiara impostazione imperiale, costituiscono una variante volutamente ridotta, ma orientata ideologicamente, delle raffigurazioni antartiche generate dalle esplorazioni eroiche11.

  • 12   Su Cherry-Garrard si veda Wheeler (2001). Anche in questo caso, ulteriori indicazioni bibliografi (...)

23The Worst Journey in the World, il resoconto pubblicato nel 1922 da Apsley Cherry-Garrard, uno dei membri dell’ultima spedizione di Scott, sopravvissuto perché non era stato fra i prescelti per compiere l’ultimo «assalto» al Polo, comprende tutti gli elementi del dramma polare, esalta la nobiltà dell’esplorazione in un territorio desolato e remoto, sottolinea l’affiatamento del gruppo degli esploratori, che permette di superare anche la durezza delle prove più difficili12. Non si tratta di un testo steso di getto subito dopo il ritorno, ma di una narrazione che si basa su una serie di ricerche accurate: al centro di essa si pone la cronaca della sfortunata spedizione di Cape Crozier. Il linguaggio lirico impiegato, sicuramente suggestivo, racconta soprattutto il clima di delusione prevalente in Inghilterra nell’immediato primo dopoguerra, attraverso l’interpretazione a posteriori dell’impresa antartica fallimentare di Scott. Cherry-Garrard del resto è colui che ha scelto i versi dell’Ulysses di Tennyson per la tomba di ghiaccio di Scott; il proposito morale e scientifico, così come la dimensione epica, non vengono meno in un resoconto che, comunque, appartiene a un mondo profondamente mutato dopo la grande guerra e che sottolinea il tramonto della figura tradizionale dell’eroe.

24Dopo il primo conflitto mondiale, del resto, i progressi tecnologici hanno trasformato in maniera radicale l’accesso al continente, grazie soprattutto all’utilizzo del mezzo aereo. Si parla di «età meccanizzata» delle esplorazioni, per sottolineare l’importanza fondamentale che le nuove applicazioni della tecnologia europea rivestono nell’approccio al territorio antartico: l’osservazione dall’alto ha un carattere assolutamente rivoluzionario, perché consente una nuova prospettiva, che da «land-based» diventa «aerial», e comprende anche l’uso ormai esteso delle apparecchiature fotografiche. In un certo senso, l’inaccessibilità del territorio viene superata dalla fotografia aerea (Dodds 1997: 53-54). Insieme ai cambiamenti avvenuti nelle tecnologie dei trasporti, non si può dimenticare che anche le tecniche della comunicazione fanno passi da gigante; è molto difficile infatti immaginare le condizioni in cui sono avvenute le esplorazioni dell’inizio del Novecento, con le slitte quali unico mezzo di trasporto, un equipaggiamento studiato fino nei minimi particolari, ma chiaramente insufficiente, la totale mancanza di telefono e di radio.

  • 13   Non è un caso che la letteratura abbia istituito corrispondenze, anche inquietanti, tra le due ti (...)

25Il primo sorvolo del Polo Sud è compiuto nel 1929 dall’americano Richard Byrd; nel corso degli anni successivi si procede all’installazione delle prime basi scientifiche e delle stazioni meteorologiche, che permettono di approfondire gli studi atmosferici. Dalla fine degli anni cinquanta in poi i dati forniti dai satelliti hanno permesso la costruzione di mappe sempre più dettagliate del continente: viene progressivamente rivelata la «dinamicità» delle regioni antartiche, caratterizzate da processi che devono essere studiati e interpretati. Da una parte l’evoluzione tecnologica è stata fondamentale nell’acquisizione di conoscenze sempre più complete sul continente, dall’altra nuovi materiali e apparecchiature hanno consentito all’uomo permanenze sempre più lunghe e confortevoli nell’ambiente inospitale dell’Antartide, seppure in condizioni totalmente artificiali. Forse solo il viaggio sulla luna può delineare e recuperare la lotta contro il mondo estremo dell’Antartide13.

  • 14   Sullo «Antarctic Treaty» e il sistema che esso inaugura (ATS, «Antarctic Treaty System»), esiste (...)

26Nel 1958 viene compiuta la prima traversata completa del continente, ad opera di Vivian Fuchs ed Edmund Hillary, nell’ambito di una spedizione congiunta inglese, neozelandese, australiana e sudafricana: il 1957-1958 è l’anno geofisico internazionale, ed inaugura il cosiddetto periodo dell’«età scientifica», in cui di fatto viene concepito l’assetto politico del continente. Le rivendicazioni di possesso territoriale da parte dei diversi paesi coinvolti nelle spedizioni di esplorazione vengono trasformate in aree di influenza: la suddivisione in settori è comunque artificiosa ed elaborata ad uso della comunità scientifica internazionale. Il Trattato Antartico, stipulato nel 1959 ed entrato in vigore nel 1961, vieta ogni attività militare sul territorio e stabilisce l’accesso libero su tutto il continente, che diventa così un immenso laboratorio naturale; proteggendo altresì il patrimonio naturalistico e l’equilibrio ecologico, il trattato riserva l’Antartide alle attività scientifiche, svolte sulla base di collaborazioni internazionali, compresa la creazione e gestione delle stazioni scientifiche14. Tutta l’operazione ha un alto valore simbolico (Burns 1998).

27A partire dagli anni ottanta si è sviluppato anche il già citato turismo antartico: per quanto sia improbabile la sua diffusione su larga scala, a causa dei costi troppo elevati e dei rischi che esso comporta, il potenziale impatto ambientale potrebbe compromettere il valore dell’intera regione come spazio incontaminato per eccellenza (Lamers-Liggett-Amelung 2012).

  • 15   Di «colonial pattern» nell’approccio europeo all’Antartide si parla in Maddison (2014: 151).
  • 16   Il ruolo dell’Antartide in quanto spazio dell’immaginario europeo appare oggi in un certo senso s (...)

28È oggetto di discussione la questione se l’Antartide sia attualmente un paese «postcoloniale»: da una parte è vero che il continente ha costituito un teatro di contese coloniali fra diverse nazioni; in questo senso si è posto il problema della colonizzazione e dello stanziamento, o quanto meno dello sfruttamento del territorio continentale e del mare che lo circonda (Dodds 2006). Dall’altra, però, la mancanza di popolazioni native ha determinato una differenza fondamentale rispetto a tutte le altre esperienze imperiali, in quanto non si sono verificati né lo scontro con i popoli autoctoni né alcuna forma di resistenza coloniale15. Inoltre, le pretese territoriali sul continente sono state avanzate non solo dai paesi europei e dagli Stati Uniti, ma anche da nazioni postcoloniali come l’India, l’Australia e la Nuova Zelanda: in ogni caso, gli interessi di tutti gli stati sono poi confluiti nei programmi di ricerca internazionali. L’inclusione dell’Antartide fra gli spazi postcoloniali è dunque una questione dibattuta, in quanto il continente di ghiaccio è legato indissolubilmente al passato coloniale ma presenta peculiarità che ne fanno un luogo slegato dalle dinamiche storiche dell’imperialismo e di conseguenza del mondo post-imperiale16. Anche il ruolo della scienza, nel passato e nel presente, in questo senso, è fondamentalmente ambiguo, dal momento che la ricerca scientifica è stata essenziale nella fase della «colonizzazione» e mantiene un ruolo fondamentale anche perché unisce in una prospettiva transnazionale le presenze umane in loco e garantisce il passaggio delle informazioni dal «campo» all’amministrazione della regione.

  • 17   La responsabilità di governo è condivisa dagli stati che hanno sottoscritto gli accordi internazi (...)

29L’Antartide possiede le caratteristiche di un «global commons» visto il sistema di «governance» che si è stabilito al suo interno17. Si tratta di un luogo che diventa sempre più strategico dal punto di vista scientifico, utile soprattutto per studiare la storia del clima e prevedere come esso si trasformerà nei prossimi decenni. Eppure, per quanto il ruolo della scienza e la produzione delle conoscenze scientifiche (non solo meteorologiche, ma anche fisiche, geologiche, biologiche) siano stati e siano tuttora fondamentali, l’Antartide resta una realtà isolata e ai margini del mondo conosciuto anche nella contemporaneità. La nuda e sconfinata superficie bianca dell’altopiano antartico è ancora percepita come una categoria del vuoto: vive, nelle parole e nelle immagini, in una condizione di sospensione, in uno stato di evanescenza, quasi di atemporalità. Il bianco del ghiaccio è carico di valenze simboliche, richiama inevitabilmente la purezza, ma è depositario anche di una qualità aliena, estranea all’uomo; per certi aspetti il ghiaccio sembra anche in grado di avvicinare al mistero dell’origine del mondo, avendo dunque una funzione epistemologica e una valenza quasi sacrale. D’altra parte, il vuoto antartico, come quello interplanetario, può essere riempito da sempre nuove narrazioni.

30Nell’immaginario occidentale l’Antartide, la cui identità geografica è inestricabilmente legata alla natura romantico-avventurosa dell’esplorazione, al pericolo, alla morte, continua ad essere proiettato in una dimensione fantastica, raffigurato come l’emblema di una regione liminale e misteriosa; la suggestione dei ghiacci perenni, accompagnandosi alla persistente difficoltà di accesso, conferisce al paesaggio polare una qualità peculiare, un carattere terribile e affascinante, capace di suscitare l’emozione del sublime (Summerson-Bishop 2011). Si tratta di un sublime non tanto «verticale», benché sia presente sul continente una catena montuosa, quanto soprattutto «orizzontale». Questa caratteristica genera un effetto di straniamento rispetto alle percezioni convenzionali.

31La scoperta e l’esplorazione dell’Antartide è profondamente connotata dal punto di vista del «gender», della «class» e della «ethnicity» e include anche, come si è già notato, una specifica dimensione nazionale. Tutte le spedizioni, fino a epoche piuttosto recenti, sono state condotte da uomini appartenenti alle classi alte e di origini euro-americane, in quanto le donne, a lungo, sono state ritenute fisicamente non idonee a compiere tali attività. La routine e il ritmo di organizzazione delle missioni polari hanno avuto, nel tempo, un carattere decisamente omosociale, che escludeva del tutto il sesso femminile.

32Stephen Pyne afferma che l’Antartide «began as an idea, and its discovery would be intimately connected to intellectuals and intellectual history. Its extraordinary isolation was not merely geophysical but metaphysical» (Pyne 2004: 65): l’elemento intellettuale e astratto è parte integrante della percezione del continente antartico, che è, appunto, un luogo «metafisico». La sua apparente uniformità morfologica ha dato vita a un insieme eterogeneo di rappresentazioni, spesso stratificate. Nel corso di questa sezione mi soffermerò soprattutto sull’Antartide in quanto creazione del linguaggio, in cui si intersecano elementi materiali, in relazione alle prospettive scientifiche, e immaginativi, legati alla costruzione letteraria, all’interno della quale la dimensione ideologica riveste un ruolo determinante.

4.2. Un mondo alieno

33L’Antartide è ricoperta quasi interamente dalla calotta glaciale, che costituisce una struttura quasi permanente: «Here is a world informed by ice: ice that is both substance and style: ice that is both landscape and allegory» (Pyne 2004: 2): il ghiaccio è, nello stesso tempo, sostanza e stile, paesaggio e allegoria: un ordine estetico si accompagna e si sovrappone a quello geografico, una gerarchia dei ghiacci si instaura al livello della percezione e della rappresentazione. Il gelido territorio australe, in ogni caso, contiene un elemento di negazione, essendo antitetico e opposto rispetto alle terre emerse dell’emisfero boreale. Entro di esso, poi, si verifica una curiosa compresenza di «vuoto» e di «pieno», nel senso che le esplorazioni polari e le scritture che ne derivano da un lato cercano di conquistare il vuoto e di acquisirlo, appropriandosi dello spazio estremo, dall’altro manifestano un desiderio di annullarsi nella pienezza del mondo ghiacciato, scoprendone i segreti e divenendo parte integrante di esso.

34L’idea della mancanza, della privazione o «assenza» deriva dalla storia stessa dell’Antartide, concepito appunto come la parte negativa di un’opposizione binaria. Inoltre, la visione occidentale tende a immaginare il Nord come polo «positivo» e il Sud come «negativo», e ciò spiega, per molti aspetti, le rappresentazioni del mistero e dell’alterità incarnati dall’estremo Sud. L’alienità personificata dal ghiaccio, con le sue qualità «amorfe», i processi continui di contrazione e di espansione cui è soggetto, delineano un «monstrum» territoriale che è fortemente legata alla dimensione del gotico.

35Il paesaggio polare ha esercitato e continua a esercitare una grande suggestione, sia perché la sua conoscenza è lungi dall’essere completa, sia perché la sua esperienza diretta è riservata ancora a pochi. Nel corso dei secoli, esso si è fatto portatore di un messaggio ideologico, visto che l’epoca delle esplorazioni eroiche ha connesso la conquista del Polo Sud con interessi nazionali e imperiali. Nello stesso tempo, l’Antartide si è caricato anche di una chiara connotazione estetica ed artistica, che non ha mancato di influenzare neppure la cultura di massa.

  • 18   Si veda Gosnell (2005). In questo studio, l’autrice organizza una quantità enorme di dati scienti (...)

36Il ghiaccio, che viene comunemente percepito come omogeneo e uniforme, all’interno della natura antartica si presenta tuttavia in una miriade di configurazioni diverse18. L’estrema varietà delle forme si somma al movimento perenne dei ghiacci, che per contro appaiono immobili: il processo ciclico stagionale dell’indurimento e dello scioglimento implica un cambiamento continuo del profilo del paesaggio. Nella loro dinamicità, i ghiacci marini sono meno stabili di quelli continentali; tuttavia esiste un’unione pressoché inestricabile fra la terra e il mare.

  • 19   Utilissimo, per le definizioni e le spiegazioni dettagliate relative alle strutture e ai fenomeni (...)

37L’oceano australe è caratterizzato, nella parte più esterna, da enormi piattaforme fluttuanti, che progressivamente si trasformano nella cosiddetta banchisa, o meglio, nel pack antartico, la corona di ghiaccio marino che si forma per il congelamento della superficie del mare; il territorio continentale ghiacciato è invece costituito da un’imponente catena montuosa e dall’immenso altopiano, detto plateau. La piattaforma galleggiante costiera termina sul mare aperto con la barriera, costituita da falesie di ghiaccio; la barriera della piattaforma di Ross è denominata «grande barriera» e presenta un aspetto particolarmente accidentato, con creste, ondulazioni e crepacci profondi. I blocchi che si spezzano e si staccano diventano iceberg, gli elementi più noti e, in un certo senso, più scenografici e suggestivi del paesaggio polare19.

38Anche la copertura del ghiaccio sulla terraferma è estremamente varia, passando dalla neve fresca a quella profonda, al ghiaccio, che può essere di consistenza molto diversa; le strutture di ghiaccio a loro volta possono assumere la forma di creste di neve scolpite dal vento, i cosiddetti sastrugi, oppure di dune, dossi, crepacci, conche. Le differenti geometrie del ghiaccio non vengono create solo dalle diversità morfologiche e meteorologiche, ma anche dalla particolare illuminazione, che dà origine a una molteplicità di colori (Manzoni 1989: 49-53).

  • 20   Si veda Tuan (1993). Gli elementi della impenetrabilità e della desolazione sono comuni, e hanno (...)

39Eppure, l’infinita distesa della neve e del ghiaccio può davvero apparire come un’uniformità vuota, essendo le superfici antartiche completamente prive di punti di riferimento, ossia «non qualificate». In questo senso esse assomigliano, almeno per certi aspetti, alle distese desertiche: ghiaccio e deserto sono accomunati innanzitutto dalla loro ostilità rispetto all’insediamento umano, per quanto il secondo abbia comunque conosciuto civiltà autoctone. La percezione, da parte della cultura occidentale, dei due ambienti naturali come spazi vuoti da conquistare in nome del prestigio nazionale, così come l’idea che essi lancino una sfida alle capacità umane di resistenza fisica e al coraggio, sono altri elementi comuni20.

40Dunque, se le scienze della terra e gli studi glaciologici in particolare hanno descritto e interpretato le formazioni di ghiaccio, offrendone spiegazioni sempre più precise e dettagliate, la raffigurazione letteraria ne ha trasmesso il senso della grandiosità e della diversità, attraverso il linguaggio delle metafore e dei simboli. L’estetica del ghiaccio è stata nutrita in larga misura, come si è già sottolineato, dall’immaginazione patriottica e imperiale, se è vero che il ruolo delle bandiere nazionali, conficcate nel terreno come segno di appropriazione e di vittoria, è stato fondamentale nella rappresentazione otto-novecentesca. Il paesaggio antartico è servito, nello specifico momento storico precedente la prima guerra mondiale, come specchio per rafforzare e, nello stesso tempo, purificare l’idea nazionale (Pringle 1991).

41Le rappresentazioni dell’Antartide nella letteratura precedente i primi decenni del XX secolo sono fondamentalmente associate al fantastico e all’utopia, visto che la marginalità e l’inaccessibilità del luogo, insieme alle teorie elaborate riguardo ai poli come abissi spaventosi in grado di condurre all’interno della terra, hanno reso il continente il luogo ideale per l’ambientazione di racconti utopici e/o distopici (Leane 2004). Del resto, questo motivo continua a giocare un ruolo importante anche in seguito, visto che il tema del viaggio antartico volto all’esplorazione scientifica con metodi avanzati si offre quale soggetto privilegiato all’immaginario fantascientifico anche contemporaneo, in cui il paesaggio polare diventa lo sfondo per la narrazione di avventure che mettono al centro creature aliene.

42Gli scenari abbaglianti dei ghiacci perenni, accompagnati da suggestivi fenomeni luminosi e atmosferici, come l’aurora australe, stimolano l’immaginazione romantica. La ballata di Samuel Taylor Coleridge The Rime of the Ancient Mariner (1798), testo cardine per definire una nuova sensibilità poetica, costituisce un esempio emblematico, in cui il polo sembra aprire nuove vie verso il sovrannaturale. Il viaggio onirico del vecchio marinaio si dirige oltre il circolo polare antartico, verso il ghiaccio, che da oggetto di desiderio e di meraviglia si trasforma in un incubo di morte e nell’annullamento spirituale: il ghiaccio antartico rappresenta la cifra della desolazione e del disordine cosmico.

  • 21   L’utopia Symzonia, dello stesso autore, comparsa nel 1820, si concentra sulla necessità per l’uma (...)

43La misteriosa attrazione esercitata dal Polo Sud è all’origine dell’altro testo esemplare della tradizione letteraria romantica legata all’Antartide, The Narrative of Arthur Gordon Pym di Edgar Allan Poe (1837): alla base del racconto si colloca l’idea fantasiosa di una terra vuota, secondo le speculazioni di John Cleves Symmes, che in un pamphlet del 1818, affermava che attraverso le aperture dei poli si può accedere all’interno della terra21. L’opera di Poe ispira in larga misura l’immaginario gotico polare, in cui la dimensione mistica si unisce al terrore per la profondità degli abissi spirituali. La discesa di Pym verso la «darkness» è un viaggio dell’anima, mentre l’apparizione finale del gigante bianco è una rivelazione del vuoto interiore e della morte (Wilson 2004). Diversi decenni più tardi, Jules Verne si inserisce sulla narrazione di Poe, che si conclude deliberatamente con un mistero: Le Sphynx des Glaces (1897) ipotizza il ritrovamento di una roccia enorme a forma di sfinge, che si rivela essere un magnete, che aveva attirato a sé il corpo ghiacciato di Pym, facendolo sprofondare sotto di sé. La suggestione creata dalla narrazione di Poe è enorme, tale da generare innumerevoli versioni e rivisitazioni successive. L’opera di Verne, a sua volta di ampiamente diffusa, viene pubblicata in inglese su una rivista per ragazzi, «Boy’s Own Paper», con il titolo An Antarctic Mystery.

44In questo senso, si può parlare di una «Polar psychotopography» (Leane 2012: 55), che rimanda all’orrore mentale generato dallo spazio polare, dove i confini tra i corpi e il ghiaccio sembrano allentarsi e vortici immaginari risucchiano al loro interno spirito e materia. Willam E. Lenz (1995) ha individuato una vera e propria categoria, l’«Antarctic Gothic», in cui l’Antartide costituisce la porta d’accesso alle zone più profonde dell’immaginazione. Il ghiaccio antartico è connesso al mondo primordiale, nascondendo tra i suoi strati i segreti delle origini dell’umanità, e preservando creature antiche che possono risvegliarsi e sconvolgere l’intero creato.

45I modelli letterari creati da Coleridge e Poe stabiliscono alcuni riferimenti permanenti per la scrittura connessa all’Antartide: i sogni e gli incubi delle latitudini estreme introducono a una topografia immaginaria alternativa, nella quale il ghiaccio rappresenta il principio della vita e della morte (Wilson 2003: 143). Nei due autori dei primi decenni dell’Ottocento domina l’elemento apocalittico, anche se il congelamento seguito dallo scioglimento del ghiaccio implica una distruzione cui, forse, segue una rinascita. Al rimando simbolico al bianco, riconducibile al freddo, al ghiaccio e alla morte, non sfugge nemmeno Moby Dick (1850) di Herman Melville.

46Dunque, l’Antartide è fortemente legata a una tradizione rappresentativa che sovrappone allo spazio fisico un discorso psicologico e interiore: si tratta di un luogo che apre possibilità infinite, di una «darkness» da illuminare e di una «blankness» da riempire, che manifesta la forza di attrazione e il fascino della «wilderness». Il Polo Sud è stato raffigurato come un punto di intersezione con il trascendente, enfatizzando così la qualità simbolica dell’intera regione antartica. In quanto sito legato alla vita come alla morte, l’Antartide diventa uno specchio su cui l’autore proietta il proprio paesaggio interiore, mentre il viaggio verso il raggiungimento della meta polare viene trasfigurato metaforicamente (Simpson-Housley 1992: 76-89).

47Gli stessi ideali eroici connessi alle imprese antartiche sono profondamente legati all’immaginazione romantica (Karamanski 1984): gli esploratori, ai primi del Novecento e oltre, portano con sé le poesie di Browning e di Tennyson, i cui versi vengono letti con passione nelle lunghe giornate di attesa, mentre incombe la notte polare. Le liriche dei poeti romantici servono, nelle parole dei pionieri, a calmare l’oppressione psico-fisica che l’ambiente alieno esercita su di loro; a volte sono gli esploratori stessi a cimentarsi con la composizione di versi: lo fa soprattutto Shackleton, sulle pagine del famoso «South Polar Times» (1902-1912), che redige mensilmente dal campo base delle spedizioni. Scott, insieme a Shackleton, ma anche ad altri, come l’australiano Douglas Mawson, costituisce l’incarnazione dell’uomo completo, scienziato e umanista; il viaggio antartico viene interpretato come una prova della forza fisica e morale della «razza» anglo-sassone. Il già citato Cherry-Garrard, del resto, sottolinea la dimensione interiore dell’esplorazione, attraverso cui si esprime la lotta contro la forza della natura, ma anche la curiosità intellettuale.

48L’età eroica inevitabilmente cambia, almeno in parte, la prospettiva delle rappresentazioni antartiche, non fosse altro che perché introduce molte nuove conoscenze e dati concreti relativi al paesaggio e alla morfologia del «white continent»; tuttavia non viene meno la dimensione fantastica, tanto che l’Antartide viene percepita come un nuovo pianeta, e assimilato, per esempio, a Marte (Leane 2004: 164-166). L’elemento utopico, infatti, resta determinante anche dopo le esplorazioni, e si unisce alle varie mitologie associate alle regioni australi (Simpson-Housley 1999: 83-107). In realtà, non si crea affatto un’opposizione netta tra le narrazioni di esplorazione e i testi che rispondono a un dichiarato intento immaginativo: una modalità narrativa influenza l’altra, e vi riversa una serie di elementi che vengono ripresi e reinterpretati; la tradizione «speculativa» e mitica conserva sempre un ruolo privilegiato (Fausett 1993). L’estremo Sud si configura come sito di utopie narrative anche «popolari» generate dallo spazio geografico: l’isolamento, la barriera di ghiaccio che separa l’Antartide dal resto del mondo, il potere di conservazione del ghiaccio (nei confronti per esempio di «lost races», popolazioni scomparse), fungono da tabula rasa, su cui è possibile rileggere il passato e costruire un futuro per l’intera umanità. Del resto, si può concepire il continente australe come una sorta di «repository of lost time», un deposito che conserva il tempo perduto. Il passato, geologico e biologico vi è preservato, in forma nascosta. Il passato «umano», invece, assume l’aspetto degli edifici temporanei costruiti dagli esploratori come rifugio, e scrupolosamente mantenuti nella loro configurazione originaria fino a oggi: questo interesse evidentemente si scontra con il riconoscimento dell’esistenza dello spazio antartico come non umano, come alterità assoluta (Spufford 2011: 18-23).

49Se quella che si definisce letteratura antartica include sia resoconti di viaggio e di esplorazione che relazioni scientifiche, di varie tipologie e livelli, che comunemente si ascrivono a una saggistica che rifugge dall’invenzione, le rappresentazioni letterarie dell’Antartide comprendono elaborazioni di autori che spesso non hanno mai messo piede sul suolo australe (Manhire 2004: 9-28). Questa distinzione non significa che la loro scrittura sia meno efficace nel presentare impressioni e visioni significative del continente; anzi, se molti elementi tendono a fluire dalle storie di esplorazione alle creazioni puramente immaginative, è vero anche il contrario. La «poetica» dell’Antartide include immagini convenzionali, stereotipi, visioni ricorrenti, e implica una costante connessione fra testi e punti di vista diversi (Lenz 1995: 119-120). Non dimentichiamo che anche la prospettiva sudamericana sull’Antartide, che non viene inclusa in questo studio dedicato all’immaginario britannico, è assai ricca. Basti ricordare le opere dell’autore cileno Francisco Coloane: nel 1945 compare il romanzo Los Conquistadores de la Antártida, a cui seguono altre narrazioni e altri racconti incentrati sull’estremo Sud e i suoi grandi spazi, su una natura grandiosa e desolata. I «conquistatori dell’Antartide» devono oltrepassare capo Horn, dove l’oceano concentra la sua furia devastante: l’imbarcazione viene imprigionata dai ghiacci e l’avventura si trasforma in dramma. Scoprire l’Antartide significa anche indagare cosa c’è oltre i ghiacci, quali misteri si nascondono al di là di essi: anche il mondo descritto da Coloane, per certi versi molto concreto, acquista un alone fantastico, che si nutre di leggende senza tempo.

  • 22   Per esempio il testo di Davidson (2005) fa un’operazione di questo tipo.

50L’immaginario australe comunque ingloba anche miti e figure associate alla rappresentazione dell’estremo Nord, nell’emisfero boreale: in effetti l’Antartide e l’Artide, nonostante le profonde differenze geografiche e morfologiche, sono spesso assimilati a livello narrativo e raffigurativo22. Non si può dimenticare il ruolo svolto dal romanzo di Mary Shelley Frankenstein (1818) nel plasmare l’idea del Nord come un’entità mostruosa e foriera di morte, connessa con il sovrannaturale. In entrambi i casi, ossia nella rappresentazione del Nord e del Sud, la consapevolezza del pericolo nel raggiungimento delle latitudini estreme si combina con l’impossibilità di resistere al loro richiamo: insieme ad altri elementi più specifici, a seconda delle epoche e delle culture, è costante il riferimento all’incantesimo esercitato dalla Belle Dame sans Merci keatsiana, che attrae gli uomini con il suo strano linguaggio, ma che conduce inevitabilmente verso la loro disintegrazione fisica e psichica. Non è inadeguato, in questa prospettiva, il richiamo al Dialogo della Natura e di un islandese, che compare nelle Operette Morali (1827) di Giacomo Leopardi: fuggendo la Natura e le sue minacce, tra cui il gelo e i vulcani, l’islandese viaggia fino in Africa, dove incontra proprio colei che stava evitando, sotto forma di una donna gigantesca, bella e terribile. La visione antropocentrica di cui si fa portatore l’islandese viene superata alla fine del dialogo, per lasciare spazio alla visione di un universo crudele, che agisce meccanicisticamente secondo un ciclo insensato di creazione e di distruzione.

51Nelle narrazioni tradizionali delle esplorazioni antartiche mancano due elementi importanti, che inducono a riflettere in termini di «ethnicity» ma soprattutto di «gender»: da una parte, è evidente l’assenza totale delle popolazioni native dai processi di esplorazione, e non viene dunque presa in considerazione la relazione che si potrebbe istituire con esse; manca altresì qualsiasi riferimento alla possibilità che esplorazioni extra-europee possano aggiungere elementi di conoscenza dell’Antartide. Dall’altra parte, l’enfasi sui valori maschili del coraggio e della resistenza fisica implica, come si è già accennato, il rifiuto e la marginalizzazione delle donne.

52È però importante sottolineare che la rivisitazione delle prospettive eroiche delle spedizioni polari si manifesta in maniera particolarmente efficace nell’ambito della scrittura femminile contemporanea: se le esplorazioni si configurano come attività esclusivamente maschili, l’estremo Sud è il luogo della polarizzazione in termini di genere, in quanto viene assimilato a un corpo femminile. Mentre viene riproposto lo stereotipo della donna-terra che deve essere conquistata, la regione australe appare come assolutamente incorrotta e pura, verginale: al suo interno, nulla si decompone, nemmeno i corpi degli eroi periti.

  • 23   Si possono consultare le pagine dedicate ad alcune esperienze antartiche femminili in: http://www (...)
  • 24   Il racconto di Ursula Le Guin, insieme ad altri testi della medesima autrice, verrà ripreso in se (...)

53Negli anni quaranta e cinquanta del Novecento non si hanno che sporadiche presenze femminili in Antartide, di solito si tratta di viaggiatrici al seguito dei mariti scienziati, e per periodi molto limitati, mentre alla fine degli anni sessanta le donne vengono incluse nei programmi statunitensi di ricerca. Da allora viene registrato un incremento delle esperienze femminili, tanto è vero che in tempi recenti nella stazione di McMurdo, per fare un esempio, un terzo del personale è femminile23. Lo stereotipo dell’Antartide come posto riservato esclusivamente agli uomini, tuttavia, è duro a morire, e spesso l’ironia della scrittura femminile sull’argomento è particolarmente tagliente. Nel suo racconto Sur (1982), Ursula Le Guin costruisce una storia alternativa del raggiungimento del Polo Sud, attribuendo l’impresa a un gruppo di donne sudamericane. La testimonianza diretta di una immaginaria esploratrice polare sovverte le restrizioni del «gender» e smaschera, sdrammatizzadola, la retorica maschile24.

54La riscrittura e la reinterpretazione delle avventure polari non può prescindere dai diari di Scott e di Shackleton; le figure dei due esploratori e le loro narrazioni ritornano continuamente nella letteratura antartica del secondo Novecento. Le rappresentazioni femminili tendono a proporre una rivisitazione delle raffigurazioni tradizionali, utilizzandole per esplorare la soggettività e l’identità delle donne (Rothblum 1998). Proprio a causa dell’esclusione totale delle donne dalla storia delle esplorazioni polari, le voci contemporanee cercano di riscattare, attraverso la scrittura, l’esperienza geografica polare femminile; lo spazio antartico tende a essere descritto ancora come «terra incognita», ma spostando l’attenzione sulla dimensione interiore della scoperta, enfatizzando anche la sua illusorietà: le strutture di ghiaccio, che si consolidano e si sciolgono in un processo ciclico, risultano del tutto incomprensibili, e pongono l’accento sulla difficoltà di capire l’alterità nelle sue varie forme ed espressioni.

55Elizabeth Leane individua tre stadi nella rappresentazione dell’Antartide dal punto di vista femminile (2009b: 510): prima del ventesimo secolo il continente di ghiaccio è decisamente più un simbolo che una realtà per le donne, e viene costruito nei testi degli uomini in termini implicitamente femminili; agli inizi del 1900, come è evidente, il punto di vista maschile domina la visione del continente; alla fine del secolo fiorisce una letteratura antartica femminile. Lo spazio antartico diventa uno spazio alternativo, di fuga; un luogo in cui ci si può liberare dalle imposizioni culturali del «gender», e si può rinnovare la propria identità.

56Nelle rappresentazioni femminili, il Polo Sud si configura soprattutto come un paesaggio dell’anima, come un non luogo; i margini meridionali del pianeta vengono rappresentati, da un lato, come luoghi «pieni», colmi delle parole delle narrazioni maschili, dall’altro, invece, come «vuoti», immaginati, privi di connotazioni geografiche precise, passibili di essere riempiti dalle fantasie e dai desideri individuali, e, nello stesso tempo, come espressione dell’assenza, della mancanza, del cambiamento, simboli di un altrove soprattutto mentale. In questo senso, il punto di vista femminile si pone in maniera molto critica rispetto alla visione tradizionalmente maschile: superando l’impulso a nominare i luoghi, a possederli, le percezioni delle donne si traducono in scritture ambivalenti, in meditazioni sulla relazione del sé con l’alterità.

57Dunque, nella raffigurazione contemporanea dell’Antartide, mentre i resoconti delle esplorazioni, elaborati secondo gli schemi della narrazione d’avventura imperiale, continuano a costituire un punto di riferimento ineludibile, e mentre le relazioni scientifiche, nelle loro varie forme, cercano in sostanza di assimilare il continente al mondo conosciuto, le rappresentazioni letterarie, specialmente femminili, dipingono il continente come un luogo dell’immaginazione.

58La peculiare configurazione geografica della regione polare australe, come si è già notato, ha anche ispirato la narrativa utopica e distopica: l’impossibilità di stabilirvi delle comunità convenzionali e di istituire rapporti umani e sociali tradizionali ha spinto a considerare l’Antartide come lo sfondo privilegiato per la narrazione di esperienze situate al di fuori del quotidiano, che sconfinano facilmente nel fantastico e nella fantascienza: la presenza, del resto, di comunità scientifiche, per molti aspetti artificiali, a contatto con un ambiente ostile che sembra isolarle del tutto dal mondo conosciuto, apre la strada alla creazione di cartografie antartiche oniriche e inquietanti (Leane 2003).

  • 25   Nel 1938 J.W. Campbell pubblica Who Goes There?, un racconto che si sviluppa attorno a un essere (...)

59Il ghiaccio costruisce barriere insormontabili, i crepacci aprono abissi profondi, che sembrano annientare la volontà umana di conoscere, ma sono in grado anche di proteggere alcune comunità immaginarie, che, nella fantasia dei romanzieri, rappresentano un mondo alternativo, un pianeta sconosciuto. Se la scienza attualmente si dimostra per molti aspetti in grado di controllare e dominare il continente antartico, il paesaggio estremo e il clima ostile rifiutano la sottomissione assoluta, e ripropongono l’idea della impossibilità di decifrare e comprendere l’alterità. Il discorso scientifico, che è sempre stato e continua a essere estremamente rilevante per la rappresentazione dell’Antartide, è connesso in maniera inestricabile alla «storia esoterica» del Polo Sud, che si sviluppa sulla scia di Coleridge e di Poe, e, oltre ad aver legittimato, in un certo senso, le esplorazioni eroiche, ha contribuito e contribuisce all’elaborazione di utopie e anti-utopie. Alcune considerazioni sullo spazio dell’immaginario antartico della science fiction concluderanno questo studio25.

  • 26   Per alcune considerazioni sulle numerose attività commemorative messe in campo nell’anno del cent (...)

60Il «polar heritage» nella cultura britannica è particolarmente evidente, in alcune istituzioni che rivestono un ruolo di punta nella ricerca (Scott Polar Research Institute, British Antarctic Survey) e che sostengono finanziariamente il lavoro sul campo, nei monumenti sparsi sul territorio, nelle recenti celebrazioni del centenario della spedizione di Scott26, e anche, soprattutto, nell’attenzione accademica ed editoriale per le vicende legate alle spedizioni passate e recenti. La scrittura che ruota attorno all’Antartide, nella forma dei resoconti di viaggio, così come dei romanzi, è rivelatrice di un interesse altrettanto duraturo, e lo è la produzione iconografica, televisiva e documentaristica. Eric Wilson (2003: 3) suggerisce di suddividere la cosiddetta letteratura antartica, sia «fictional» che «non fictional», in due categorie. La prima, denominata «exoteric», implica l’attenzione per le superfici esterne, costituendo «a mode of cognition that often views ice as a deathly coldness to be transcended, raw material to be converted into commodity, or static matter to be reduced to law»; la seconda, definita invece «esoteric», considera «internal depths, invisible mysteries, and individual experiences». Interno ed esterno, oggettivo e soggettivo fanno evidentemente riferimento all’opposizione tra natura e cultura. Stephen Pyne (1986: 153), del resto, sottolinea che le risposte immaginative e scientifiche all’Antartide non sono mai state effettivamente separate; le produzioni artistiche in forma scritta e visiva sono connesse inestricabilmente alle epistemologie scientifiche poiché «scientific terms provide a descriptive language; scientific reports substitute for indigenous folk art or folktales; scientists, as communicators and illustrators, replace a population of professional artists». Un percorso attraverso alcuni testi rappresentativi, a partire dalle relazioni di esplorazione fino alle riscritture femminili, permetterà di cogliere, oltre agli elementi ideologici, le raffigurazioni ricorrenti, gli stereotipi, le pratiche intertestuali. Ciò non toglie che, secondo Elena Glasberg (2012: XXIII), l’Antartide, più di ogni altro luogo al mondo, è definita dalla «potenza» delle immagini, dal loro carattere che si presenta spesso come «oggettivo», ma che si carica anche di emozioni, paure, fascinazioni: la mediazione visiva è essenziale nel caso di uno spazio come quello antartico, esperito, nel passato come nel presente, da pochi. Ovviamente, questo comporta una visione antropocentrica: dietro la macchina fotografica c’è l’occhio umano, così come ci sono individui dietro le riprese aeree e, naturalmente, le realizzazioni pittoriche e artistiche. La tecnologia della visione, in questo ambiente estremo, nello stesso tempo centro e margine del mondo, sembra essere la vera produttrice di conoscenza. Infatti, se è «the last place on earth» in termini conoscitivi, l’Antartide è «the first place» per lo sviluppo di pratiche rappresentazionali che uniscono materialità e soggettività, globalizzazione e individualità. Si tratta di una periferia che diviene centro, perché il Polo Sud è il punto più marginale della terra ma anche quello in cui convergono tutti i punti, dunque è, paradossalmente, il centro del mondo, come di una ricerca di conoscenza che non può fare a meno di emozioni e di sogni.

Notes

1 Una bibliografia sull’Antartide sempre aggiornata viene elaborata e pubblicata a cura della Library of Congress di Washington con il contributo della National Science Foundation americana. Per le ricerche bibliografiche antartiche il riferimento obbligato è lo Scott Polar Research Institute di Cambridge (UK), costituito nel 1920: oltre ai documenti d’archivio, possiede una straordinaria biblioteca di studi polari. Il catalogo e le informazioni più significative riguardo alle attività promosse sono disponibili sul sito dell’istituzione: http://www.spri.cam.ac.uk/. Da tenere presente che la ricerca antartica inglese è finanziata e gestita dalla British Antarctic Survey (http://www.antarctica.ac.uk/).

2   Un riferimento bibliografico recente su storia e geografia dell’Antartide è Walton (2013).

3   Sulle problematiche geopolitiche relative all’Antartide, si veda Dodds (2002a).

4   Accanto all’interesse naturalistico non si può non collocare la preoccupazione per il futuro del pianeta, che alimenta il turismo antartico in quanto il continente viene ritenuto il luogo in cui i problemi ecologici ed energetici contemporanei trovano più evidente espressione.

5 Questa definizione si trova in Manzoni (2001: 9). Si veda, per l’uso del termine «metaterritorio», anche Smiraglia (2012: 35-39).

6   Una ricostruzione dettagliata della storia delle esplorazioni, che hanno dato un’«identità» al continente, dal capitano Cook fino al presente, viene offerta dal volume di Day (2013). Da notare che l’autore parla di «biografia» dell’Antartide, attribuendo a esso, per così dire, una personalità.

7   Una storia concisa delle esplorazioni polari antartiche è fornita da Kitson (2003: XVIII). Sulle esplorazioni antartiche e su argomenti correlati si possono consultare anche diversi siti informativi. Si vedano, ad esempio, https://www.70southgallery.com/; http://www.south-pole.com/homepage.html; http://www.antarctic-circle.org/timeline.htm; https://www.coolantarctica.com/ http://www.discoveringantarctica.org.uk/.

8   Un altro testo dedicato alle esplorazioni antartiche e ai suoi protagonisti è quello di Rosove (2000). Nei diari di Cook la terra australe assume dimensioni più realistiche rispetto alle fabulazioni degli antichi; per i diari di Cook, si veda Beaglehole (1955). E tuttavia i resoconti di viaggio delle spedizioni di Cook nutriranno l’immaginario romantico, da Coleridge a Poe.

9   Si veda Jones (2003): il testo si concentra soprattutto sull’impatto culturale della tragedia di Scott e dei suoi uomini, e mette in grande evidenza il valore simbolico assunto dall’impresa fallita.

10   Per riferimenti bibliografici più completi e precisi su Scott, Shackleton e altri esploratori-narratori citati in questo capitolo, si vedano i capitoli successivi del volume.

11   Maggiori dettagli e considerazioni sull’argomento verranno inserite in seguito.

12   Su Cherry-Garrard si veda Wheeler (2001). Anche in questo caso, ulteriori indicazioni bibliografiche saranno specificate in seguito.

13   Non è un caso che la letteratura abbia istituito corrispondenze, anche inquietanti, tra le due tipologie del viaggio e degli esploratori coinvolti. Se consideri, per esempio, Jumpers (1972) di Tom Stoppard, un’opera teatrale che comprende, tra l’altro, un reportage televisivo riguardante un allunaggio: i due astronauti si chiamano Oates e Scott.

14   Sullo «Antarctic Treaty» e il sistema che esso inaugura (ATS, «Antarctic Treaty System»), esiste una bibliografia piuttosto vasta. In particolare si vedano Suter (1991) e Dodds (1997). Il sistema geopolitico antartico e le connessioni con le problematiche ambientali sono ben spiegati in Joyner (1998), ma si sono sviluppati dibattiti anche di recente, come dimostrano vari articoli in riviste specializzate, ad esempio S.V. Scott (2011).

15   Di «colonial pattern» nell’approccio europeo all’Antartide si parla in Maddison (2014: 151).

16   Il ruolo dell’Antartide in quanto spazio dell’immaginario europeo appare oggi in un certo senso superato dal suo stato di territorio postcoloniale «posseduto» sia dalle ex-potenze coloniali che dalle nazioni postcoloniali, come si sostiene in Brazzelli (2014). D’altronde, le caratteristiche storiche e geografiche del continente antartico rendono pressoché unica la sua collocazione nell’ambito postcoloniale.

17   La responsabilità di governo è condivisa dagli stati che hanno sottoscritto gli accordi internazionali. Ne derivano significative implicazioni economiche e in termini di strategie per la conservazione delle risorse (Joyner 1998: 31-35).

18   Si veda Gosnell (2005). In questo studio, l’autrice organizza una quantità enorme di dati scientifici e di rappresentazioni letterarie, sia poetiche che prosastiche, appartenenti a varie tradizioni. Il ghiaccio appare classificato in relazione ai laghi, fiumi, ghiacciai, montagne, piante, animali, aria e spazio. La morfologia dei cristalli di ghiaccio viene indagata secondo prospettive diverse, così come i processi di congelamento e scioglimento. Si tratta, comunque, di una raccolta di curiosità di una «pagofila», un’amante del ghiaccio, come si definisce l’autrice stessa; dunque la dimensione propriamente scientifica lascia spesso spazio alle suggestioni letterarie che il ghiaccio polare ha generato in epoche e situazioni diverse.

19   Utilissimo, per le definizioni e le spiegazioni dettagliate relative alle strutture e ai fenomeni atmosferici antartici, il dizionario di Hince (2000).

20   Si veda Tuan (1993). Gli elementi della impenetrabilità e della desolazione sono comuni, e hanno contribuito, secondo l’autore, a definire il carattere mitico dei due ambienti. Il senso della «otherness» è correlato alla bellezza sublime, alla percezione di una dimensione cosmica e alla morte.

21   L’utopia Symzonia, dello stesso autore, comparsa nel 1820, si concentra sulla necessità per l’umanità di conquistare nuovi spazi, proprio attraverso il passaggio offerto dal Polo Sud verso l’interno della terra. Si veda Griffin (2005).

22   Per esempio il testo di Davidson (2005) fa un’operazione di questo tipo.

23   Si possono consultare le pagine dedicate ad alcune esperienze antartiche femminili in: http://www.exploratorium.edu/origins/antarctica/people/women.html. Da notare che la sezione «Antarctica: Scientific Journeys from McMurdo to the Pole» del sito «Exploratorium» è sponsorizzata dalla National Science Foundation ed è ricca soprattutto di informazioni pratiche sulla vita nelle stazioni scientifiche.

24   Il racconto di Ursula Le Guin, insieme ad altri testi della medesima autrice, verrà ripreso in seguito.

25   Nel 1938 J.W. Campbell pubblica Who Goes There?, un racconto che si sviluppa attorno a un essere alieno che si libera in una base antartica, e riesce a duplicare le forme vitali che distrugge. Il racconto di Campbell è diventato un film nel 1951 e poi ancora nel 1982. Questo testo, che verrà ripreso, si pone come centrale per la science fiction antartica.

26   Per alcune considerazioni sulle numerose attività commemorative messe in campo nell’anno del centenario, si veda Brazzelli (2012a).

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search