Version classiqueVersion mobile

L’Antartide nell’immaginario inglese

 | 
Nicoletta Brazzelli

Parte I. L’immaginario geografico

1. Lo spazio e la sua rappresentazione

Texte intégral

Certain places seem to exist
mainly beacuse someone has written about themJoan Didion, The White Album (1979)

1.1. Luoghi reali, luoghi immaginari

1Lo spazio svolge un ruolo fondamentale nella comprensione dei fenomeni politici, sociali, antropologici e culturali. Tuttavia, se da una parte le molteplici prospettive attraverso cui lo spazio può essere indagato rendono particolarmente complicato un discorso unitario e in un certo senso onnicomprensivo, dall’altra lo spazio si trova senza dubbio al centro di una grande quantità di indagini che coinvolgono gli individui e l’ambiente in cui vivono, e dunque è oggetto di interesse e di studi interdisciplinari o, meglio, multidisciplinari. La «questione spaziale» presenta una dimensione materiale, fisica e, nello stesso tempo, riguarda la sfera immaginativa e simbolica, dal momento che si riferisce soprattutto alle modalità con cui lo spazio è percepito, descritto e rappresentato. Del resto, la conoscenza del mondo avviene attraverso l’esperienza sensoriale e il contatto materiale con l’ambiente ma anche, soprattutto, attraverso le rielaborazioni individuali e collettive, che costituiscono rappresentazioni di forma e natura diversa, in ambito sia geografico che letterario, sia a livello verbale che iconografico.

2La geografia ha avuto tradizionalmente una propensione descrittiva, potenzialmente analitica, che ha ambito ad abbracciare l’intero pianeta in cui viviamo. La produzione letteraria, dal canto suo, presenta una dimensione rappresentativa, che include elementi evocativi e simbolici. L’obiettivo di questa sezione è quello di proporre un superamento della contrapposizione disciplinare tra geografia e letteratura rispetto alla raffigurazione spaziale, muovendo nella direzione di un’interazione costruttiva di nuovi modi di considerare lo spazio, che includono ambiti di studio e di riflessione appartenenti a diversi approcci metodologici.

  • 1   Gli studi recenti sullo spazio prodotti in ambito interdisciplinare che propongono fondamentalmen (...)
  • 2   Alla base di queste considerazioni troviamo senza dubbio il lavoro di Ferdinand De Saussure, con (...)

3All’interno di ogni disciplina, si può affermare che lo spazio sia essenzialmente una strategia rappresentativa, ossia che non costituisca un semplice elemento esterno, ma piuttosto una costruzione in cui ideologia ed esperienza interagiscono1. Inoltre, è opportuno aggiungere che lo spazio si costruisce attraverso il linguaggio, nelle sue varie forme e nei suoi codici. La relazione fra spazio e linguaggio, infatti, è fondamentale ed è biunivoca: non solo lo spazio è sostanzialmente linguistico, ma il linguaggio stesso è spaziale2.

  • 3   I rapporti disciplinari tra geografia e letteratura sono stati indagati con una certa attenzione (...)
  • 4   In Fiorentino-Solivetti (2012) sono inclusi saggi molto interessanti a questo proposito.

4In un percorso che mira a riflettere sulle convergenze disciplinari, non si tratta solo di riconoscere, da una parte, che la geografia ha, anche e soprattutto, una dimensione soggettiva nel momento in cui fornisce una conoscenza dello spazio e, dall’altra, che la letteratura, nelle sue elaborazioni immaginative, può creare nuovi spazi o arricchire quelli già noti; in realtà è importante ridefinire la questione3. Gli spazi sono sempre creati immaginativamente attraverso il linguaggio, verbale o iconico. Mentre la geografia cerca di descriverli e di analizzarli, individuandone le caratteristiche, la produzione letteraria a sua volta li interpreta e li ricrea, esprimendo esperienze, sentimenti ed emozioni. La letteratura visualizza i luoghi facendo interferire le conoscenze dirette con l’immaginario. Lo spazio è sempre semantizzato dalle narrazioni4. Il pensiero geografico, comunque, è passato attraverso fasi quantitative e oggettive, ma si è anche ampliato, in epoche piuttosto recenti, grazie a una significativa componente umanistica. Occorre tenere conto che mondi reali e immaginari, geografici e letterari, rappresentano la complessità del pianeta, e che sussistono sinergie tra le diverse componenti dello spazio.

5Occorre altresì riconoscere che i luoghi hanno coordinate specifiche sulla superficie terrestre, e dunque sono individuabili in maniera univoca attraverso un sistema condiviso di codici. In termini generali, il concetto di spazio è più astratto rispetto a quello di luogo. Come osserva Tim Cresswell (2004), lo spazio si trasforma in luogo attraverso il processo della nominazione, il «naming», perché in tal modo acquisisce una dimensione specifica e si lega all’esperienza, alla storia, all’ideologia. Il luogo, in questo senso, si configura fondamentalmente come un sistema per comprendere il mondo. Ma esso, considerato secondo un’altra prospettiva, è anche un «way of seeing», ossia una modalità di vedere il mondo, calata nella soggettività dell’osservatore. Si compenetrano così i piani del significato e dell’esperienza.

  • 5   Si veda l’introduzione di Flavio Sorrentino in un recente volume che raccoglie contributi in ital (...)
  • 6 Sulla storia della geografia e i mutamenti di paradigma, si veda Capel (1987).

6Senza dubbio, nello studio geografico, spazio e luogo hanno un ruolo centrale. Fino agli anni sessanta del Novecento la geografia regionale si era concentrata sulla descrizione delle differenze tra le diverse aree della superficie terrestre, mentre con la geografia umanistica, sviluppatasi successivamente, viene data la priorità all’«immersione» individuale nello spazio piuttosto che all’astrazione descrittiva. Nelle sue varie articolazioni, il dibattito contemporaneo continua a basarsi sul filone umanistico. Il cosiddetto «spatial turn», in particolare, indica un’attenzione rinnovata, nelle scienze umane, per la dimensione spaziale5. Dunque, entro gli studi contemporanei è possibile individuare un interesse comune nei diversi saperi e in discipline specifiche, che si interrogano o reinterrogano sulla spazialità6. Questa prospettiva ampia e articolata apre evidentemente relazioni complesse e trasversali fra metodi, saperi e discipline. Il problema ineludibile, al di là delle diversità delle metodologie di indagine e dei risultati degli studi, resta legato a una discrepanza fondamentale: lo spazio è tridimensionale, pluridirezionale e percepibile sincronicamente, mentre il linguaggio attraverso cui viene rappresentato è lineare e sequenziale.

7Se negli ultimi decenni del Novecento si è assistito a una vera e propria «reassertion of space», e, come si vedrà meglio, a un decisivo cambiamento nel modo con cui lo spazio è concepito, «pensato» e «vissuto», la storia della percezione dello spazio dal Rinascimento in poi non può essere ignorata. Infatti, i decisivi cambiamenti nell’immaginazione spaziale occidentale avvenuti nel Rinascimento hanno avuto conseguenze durature e di fatto determinano ancora la nostra concezione del mondo. Nel corso del Cinquecento si aprono spazi fino ad allora inesplorati alla conoscenza europea, che configurano nuovi modi di vedere il mondo (Tally 2012: 17-19). L’età delle esplorazioni geografiche, caratterizzata dalla nascita della cartografia moderna, attraverso figure cruciali come quelle di Gerardus Mercator e Abraham Ortelius, dimostra che le nuove mappe del XVI secolo hanno di fatto costruito il mondo moderno. Basandosi sulla centralità della relazione fra spazio e rappresentazione, e sul rapporto tra il territorio e la sua percezione, la produzione cartografica è particolarmente significativa (Reinhartz 2012).

8Secondo Michel Foucault, lo spazio è la grande ossessione del XX secolo, così come la storia lo è stata nel XIX secolo. Nel corso del Novecento infatti, secondo l’intellettuale francese, lo spazio è diventato fondamentale nella costruzione dell’immaginario e del pensiero. In un famoso discorso pronunciato nel 1967, Des espaces autres (in seguito tradotto in inglese da Jay Miskowiec nel 1986), Michel Foucault ritiene appunto che il ventesimo è il secolo dello spazio, caratterizzato dal ruolo centrale dei luoghi e dalle relazioni che si instaurano fra i luoghi stessi:

La grande hantise qui a hanté le XIXe siècle a été l’histoire […] L’époque actuelle serait plutôt l’époque de l’espace. Nous sommes à l’époque du simultané, nous sommes à l’époque de la juxtaposition, à l’époque du proche et du lointain, du côte à côte, du dispersé. Nous sommes à un moment où le monde s’éprouve, je crois, moins comme une grande vie qui se développerait à travers le temps que comme un réseau qui relie des points et qui entrecroise son écheveau (Foucault 1984: 752).

  • 7   Secondo Foucault, una storia complessiva degli spazi resta ancora da scrivere, ed essa implica un (...)

9Come teorico della «spatial history», Foucault rileva il ruolo fondamentale dello spazio nell’esercizio del potere. Le storie spaziali, infatti, sono concettualizzazioni del potere. L’analisi foucaultiana esplora le relazioni spaziali e i loro legami con i processi storici: i discorsi della conoscenza e del potere sono fortemente connessi allo spazio. Foucault non delinea uno spazio astratto, ma una «geografia sostanziale» dello spazio, dotata di un suo dinamismo. Gli spazi in cui viviamo sono eterogenei, irriducibili gli uni agli altri; nella teoria foucaltiana esistono spazi utopici, irreali, in cui la società si presenta sotto una forma perfetta, mentre ogni cultura ha creato le sue eterotopie, ossia i suoi siti di crisi e di deviazione: tra i primi, i luoghi sacri e proibiti, tra i secondi, gli ospedali psichiatrici e le prigioni7.

  • 8   Lo studio di Lefebvre è stato tradotto in inglese nel 1991 e da allora ha conosciuto una notevole (...)

10La production de l’espace (1974) di Henry Lefebvre è indubbiamente un «seminal text»8 per gli studi spaziali: al suo interno Lefebvre cerca di stabilire l’importanza delle esperienze vissute e di comprendere lo spazio geografico come fenomeno sociale. Se lo spazio percepito della vita quotidiana è ignorato quando esso è concepito dai cartografi, gli individui vivono anche nello spazio dell’immaginazione, un «terzo spazio», che segna fortemente la dimensione artistica e simbolica. Lefebvre si sofferma sul processo di «produzione» dello spazio: la sua indagine su come lo spazio viene prodotto rivela che lo spazio è vivo, attivo, si trasforma e costituisce un elemento di espansione e di movimento. La distinzione di Lefebvre fra rappresentazione dello spazio, in quanto spazio concettualizzato, costruito dai tecnocrati, spazio rappresentazionale, legato alla quotidianità, e pratiche spaziali, che si connettono alla vita quotidiana, genera una «triade spaziale». Lefebvre attribuisce un valore maggiore allo spazio vissuto rispetto a quello concettualizzato, anche in relazione al ruolo del corpo e al suo movimento nello spazio.

11Del resto, lo «spatial turn» inteso come espressione di un vasto interesse per le problematiche spaziali è convalidato, oltre che dal crescente imporsi di un vocabolario spaziale nei testi critici di varie discipline, a livello concreto e materiale, anche dai movimenti massicci di popolazioni che hanno segnato la modernità e continuano a caratterizzare la contemporaneità. David Harvey (1990b) sostiene che il luogo ha acquisito un ruolo fondamentale con l’avvento delle estetiche postmoderne degli anni sessanta del Novecento e con la cosiddetta compressione tempo-spazio, che si verifica in seguito alle innovazioni tecnologiche che condensano o elidono le distanze spaziali e temporali. I grandi cambiamenti a livello economico e i mercati globali, che favoriscono il rapido passaggio dei capitali, le comunicazioni di massa costituiscono un aspetto essenziale della contemporaneità. Anche in relazione all’avanzamento tecnologico odierno, si parla di una crescente «geographical anxiety», un generale disorientamento causato appunto dalla nuova configurazione geografica del mondo contemporaneo. L’antropologo Clifford Geertz (1999) analizzando i conflitti economici e culturali correnti, sottolinea la frammentazione, le contraddizioni e gli squilibri, che generano situazioni complesse: ogni zona del mondo è un conglomerato di differenze profonde e fondamentali, formatesi non tanto a causa della politica quanto della storia. Occorre perciò pensare in base alle particolarità, alle discontinuità, ai contrasti, alle singolarità e quindi alla profonda varietà, senza occultare la differenza.

  • 9   Per questo ed altri aspetti, l’opera di Erodoto e la geografia antica, si veda Romm (1992).

12Torniamo a considerare la geografia, la disciplina che pone lo spazio al centro delle sue indagini. Nel tentativo di legittimarsi come scienza, essa ha privilegiato per molto tempo una dimensione oggettiva; la critica al paradigma positivista è incominciata negli anni settanta, mentre la nascita della cosiddetta geografia umanistica negli anni ottanta ha recuperato la dimensione soggettiva dell’analisi. Le origini antiche della geografia, invece, depongono a favore della compresenza, nel discorso geografico, di elementi immaginativi accanto all’osservazione attenta del mondo fisico. La geografia nasce dalla descrizione dei territori da parte di osservatori e viaggiatori, come è nel caso di Erodoto, che svolse la sua attività tra il 440 e il 425 a.C. I testi geografici dell’antichità contenevano molti elementi immaginari, essendo narrazioni di mondi sconosciuti, visti nelle loro componenti fisiche, antropologiche, culturali9. Dall’età dell’illuminismo in poi, alla descrizione dei caratteri morfologici e umani dello spazio, si affianca la necessità di interpretare e spiegare la diversità dei territori del pianeta e dei loro popoli. Il metodo scientifico, da allora, ha accompagnato lo sviluppo della geografia come disciplina.

  • 10  Per quanto riguarda il concetto di desiderio spaziale e il mito di El Dorado, si veda Brazzelli (2 (...)

13Ancora, nella storia delle scoperte geografiche l’intreccio fra geografia e immaginazione è particolarmente evidente e risulta indagato efficacemente da J.L. Allen (1976) in Lands of Myth, Waters of Wonder: il potere dell’immaginazione sull’esperienza, nell’espansione e nel consolidamento delle conoscenze geografiche, è esemplificato dalla persistenza dei miti che identificano i territori sconosciuti. Un esempio particolarmente significativo è il mito di El Dorado, che incorpora un vero e proprio «desiderio spaziale»: esso si esplica nell’attribuzione di ricchezze meravigliose a territori remoti e difficili da raggiungere, nel Nuovo Mondo10.

14Tra gli approcci geografici recenti, la prospettiva umanistica è la più interessante, perché, adottando un nuovo modo di indagare i fatti geografici e concentrando l’attenzione sull’uomo e sul suo modo di percepire e sperimentare i luoghi, riconosce nelle opere letterarie e nelle forme artistiche strumenti assai significativi da utilizzare per l’analisi spaziale. Tuttavia anche la geografia tradizionale si è spesso avvalsa degli scritti letterari come fonti autorevoli. Il geografo umanista, a sua volta, cerca di indagare il senso del luogo, le esperienze spaziali degli esseri umani sulle base delle relazioni affettive che legano questi ultimi al loro habitat naturale. I precursori della corrente umanistica, come J.K. Wright (1947), con il suo articolo pionieristico sulle «terrae incognitae» della mente e il ruolo dell’immaginazione nella geografia, ed Eric Dardel (1952), promotore inascoltato – ai suoi tempi – della intrinseca «geograficità» dell’uomo, che verranno presi in considerazione in seguito, avevano, del resto, già riconosciuto il ruolo fondamentale della letteratura nella percezione dello spazio.

15Per interpretare le relazioni che l’uomo instaura con l’ambiente, ossia la sua «geograficità», il suo modo di costruire e modificare il suo spazio vissuto, le narrazioni si presentano come indispensabili: narrare un luogo implica configurare gli oggetti e gli eventi rilevanti al suo interno, tracciando il loro profondo significato territoriale. Inoltre, descrivere la terra, decifrare i segni che la caratterizzano, significa riflettere sulla condizione umana e sul suo destino. L’esperienza vissuta si interseca con la «scientificità» della geografia, che non può essere scissa dall’emotività del soggetto. David Lowenthal (1961), un altro significativo precursore della corrente umanistica del pensiero geografico, già negli anni sessanta sostiene che chiunque osservi con attenzione il mondo intorno a sé è in qualche modo un geografo. Egli assegna un ruolo centrale all’azione umana e alla soggettività culturale, agli stati d’animo e ai sentimenti. La conoscenza geografica, secondo Lowenthal, è costituita da esperienze personali diverse, dai ricordi del passato e dai progetti per il futuro. La geografia, in questo senso, riconosce gli aspetti immateriali dello spazio (De Ponti 2007: 20-21).

  • 11   Lo studio dello spazio ha avuto un «powerful theorethical boost» dal «cultural turn», come sottol (...)

16Dunque, la prospettiva soggettiva ha un ruolo primario nell’approccio umanistico della geografia, che ha posto in primo piano le modalità con cui il mondo viene percepito; tale propensione ha innescato un processo che ha portato al riconoscimento delle affinità della geografia con altre discipline, filosofiche, sociologiche, psicologiche. La geografia, inoltre, ha espresso un impegno significativo nel creare possibili interazioni con gli studi culturali, tanto è vero che la nuova geografia culturale è profondamente influenzata da Raymond Williams e da altri esponenti dei Cultural Studies. Lo spazio, nella prospettiva culturalistica, è costruito socialmente e la materialità del luogo è prodotta dalla società che vi abita, ma si impone anche come entità capace di assumere su di sé una serie di raccordi con altri elementi come il paesaggio rurale e la città11. Raymond Williams, in particolare, ha esercitato una forte influenza sulla geografia, specialmente attraverso The Country and the City (1973), in cui l’idea del paesaggio come cultura comune, che implica «ways of life» e «structure of feelings», si applica all’analisi spaziale della letteratura inglese, nel suo sviluppo dalla dimensione pastorale a quella urbana.

17Due concetti chiave della geografia umanistica sono il «senso del luogo» e il «paesaggio interiore». Secondo Yi-Fu Tuan (1974), uno studioso imprescindibile in questo contesto, percepire un luogo equivale a conoscerlo; la percezione avviene a un primo livello visivo, poi coinvolge gli altri sensi, che implicano un contatto diretto con l’ambiente. Il legame inestricabile fra esseri umani e luoghi fa sì che questi ultimi non vengano percepiti solo nella loro fisicità, ma anche come presenza simbolica. La connessione degli individui e delle comunità con i luoghi ha carattere affettivo; inoltre, più in generale, esiste un’appartenenza culturale ai luoghi. In base a questo approccio critico, un legame profondo, «viscerale», lega l’individuo allo spazio, che Armand Frémont (1976) definisce «radicamento». Dunque, le relazioni individuali con i luoghi sono concrete e materiali, ma anche sentimentali e psicologiche, invisibili; si crea così il teatro dei paesaggi interiori. Nella categoria spaziale, infatti, si sedimentano e sublimano l’immaginario e la memoria, che sono materia privilegiata dei linguaggi letterari.

18Lo spazio, in questo senso, non è un vuoto inerte in cui esistono gli oggetti, ma un insieme attivo e pieno, una struttura dinamica, dalle coordinate fluide e instabili. Il superamento dell’idea di spazio come concetto meramente geometrico si deve soprattutto a Henri Lefebvre (1974), che ha posto l’accento sugli spazi della rappresentazione, elaborati a livello primariamente immaginativo, che non risultano mai coesi né coerenti. Se è vero che il termine spazio richiama concezioni diverse nelle differenti aree disciplinari, e che spesso il concetto astratto e teorico si sovrappone all’esperienza fattuale, alla luce degli studi più recenti è evidente che, in ogni campo della conoscenza, lo spazio è una questione di rappresentazione ed esiste effettivamente attraverso la sua testualizzazione.

  • 12   «Cyberspazio» è il nome attribuito a questa nuova spazialità. Si veda Dodge-Kitchin (2000).

19Attualmente, nell’epoca dell’annullamento delle distanze, nell’illusione della simultaneità della navigazione virtuale, lo «spatial turn» offre nuove prospettive ermeneutiche. La storia della globalizzazione è divenuta la storia del distacco degli individui dallo spazio e dall’esistenza fisica, generando lo sviluppo di relazioni digitali con il mondo materiale. Nella contemporaneità si è altresì imposto il tropo dello spazio come flusso, si è cioè sempre meglio delineata una spazialità mobile e molteplice, costituita da spazi eterogenei. Il mondo si espande infatti anche attraverso media che creano nuovi spazi virtuali, si estende in distanze che possono essere annullate a priori12. Nello stesso tempo, la promessa di inserire lo spettatore all’interno dello spettacolo costituito dalla dilatazione spaziale apre nuove possibilità e interpretazioni. La crisi della rappresentazione della modernità e della postmodernità implica l’instabilità sempre più intensa delle configurazioni spaziali, oltre al legame con pratiche di «(re)naming» e «(un)naming».

20Lo spazio dell’era globale è isotropico, e al suo interno confluiscono tensioni, movimenti, flussi. La globalizzazione, in ogni caso, porta anche alla percezione plurale e diversificata di quello che possiamo definire spazio-mondo. Di certo, la percezione della spazialità è stata alimentata in maniera determinante dalla rete dei flussi migratori che dalla fine della seconda guerra mondiale a oggi hanno rimodellato la contemporaneità, introducendo a livello critico una pletora di metafore spaziali. In questo modo, l’immaginazione spaziale ha «riscattato» la geografia dal ruolo subalterno cui era stata a lungo confinata da una visione despazializzata dei processi storici, fornendo ad essa la chiave di accesso alla globalizzazione. Con la nuova configurazione spaziale globale la geografia ha acquistato una nuova rilevanza strategica.

21Edward Soja viene solitamente indicato come l’iniziatore dello «spatial turn». La svolta spaziale iniziata da Soja ha origine dalle teorizzazioni di Lefebvre e Foucault, ossia dalla distinzione fra spazio percepito-concepito-vissuto e dalle eterotopie (i luoghi altri, dell’esclusione, del fuori). Ne risulta che non solo i processi sociali plasmano le geografie, ma le geografie, in misura anche maggiore, plasmano i processi sociali. Secondo Soja, nelle geografie postmoderne occorre prendere in considerazione la simultaneità e l’estensione degli eventi e delle possibilità (Soja 1989: 22-23). La simultaneità infatti estende il punto di vista dell’osservatore e connette il soggetto al mondo; le formulazioni riguardanti la spazialità postmoderna sono radicate nella riformulazione dei processi naturali e delle pratiche sociali, e producono un riequilibrio delle relazioni fra geografia, storia e società. Soja propone di andare verso una «spatialized ontology», superando la visione di uno spazio essenzialmente materiale e opaco.

22Il cosiddetto «spatial thinking» costituisce la via privilegiata di accesso alle forme di vita e di azione dei soggetti in un mondo – sferico – irriducibile a una superficie piana. La questione della spazialità si è diffusa nel campo degli studi letterari e culturali, ma anche nell’antropologia e nella storia, aprendo così una finestra che collega ambiti di studio separati fra loro in una visione interdisciplinare. La svolta postcoloniale di Edward Said, Gayatri Spivak e Homi Bhabha fa interagire gli studi comparati della letteratura con la filosofia e l’antropologia e la storia, ponendo le questioni spaziali al centro della riflessione critica. Non si può dimenticare anche il peso recente delle prospettive ambientali ed ecocritiche, che sono evidentemente legate ai luoghi e alla funzione primaria che rivestono.

23La relazione fra luogo, identità e cultura rappresenta uno dei temi centrali della riflessione contemporanea. I luoghi sono infatti il contesto simbolico che elaboriamo per agire nel mondo, sono oggetto di costanti interpretazioni e reinterpretazioni, e variano di continuo; lungi dall’essere entità fisse, essi possono assumere significati contrastanti. Il carattere instabile dei luoghi rientra nell’ambito del discorso più ampio della globalizzazione. Su questo aspetto riflette, in particolare, Doreen Massey, che ha affrontato la relazione fra identità e luoghi attraverso l’analisi del senso di identificazione nell’ambito di una cultura e di una nazione (2005). Per Doreen Massey lo spazio, dotato di «porous boundaries» (1994: 21), è il sito di complesse interrelazioni, che includono immaginazione e materialità, e conosce un perenne divenire. Il dibattito sullo spazio – ricorda Massey – è legato alla dimensione del postmoderno; c’è un’incertezza sempre maggiore riguardo al modo in cui ci relazioniamo agli spazi, poiché la compressione spazio-temporale della nostra epoca cambia la modalità con cui immaginiamo i luoghi, il loro uso, il loro impatto sulla comunità. È sempre più necessario considerare lo spazio in termini globali, mentre le coerenze locali vengono superate, ma permangono il senso di appartenenza e il radicamento. Sottolineando icasticamente che «space matters», Massey sostiene che gli spazi presentano identità multiple, costituiscono dei processi, si collocano sia all’esterno che all’interno degli individui.

24Edward Casey propone un’interessante riflessione sulla relazione fra «implacement» e «displacement», ponendo l’accento sull’esperienza corporea dello spazio. Non si può parlare di condizioni permanenti, ma di processi in continuo movimento, l’essere «a casa» e il sentirsi estranei al luogo in cui si vive sono momenti diversi e non contrapposti, poiché la possibilità del cambiamento è decisiva, soprattutto in rapporto al corpo (Casey 1993).

1.2. Geografie e ideologie

25L’espressione «immaginario geografico», «geographical imagination», è ormai entrata nell’uso comune nell’ambito della geografia, pur essendo soggetta a interpretazioni diverse. La categoria dell’immaginario fa parte della geografia in forme e significati molteplici. La nozione di immaginario geografico ha la capacità di configurare un vasto campo concettuale, congiungendo prospettive diverse (Daniels 2011). Nel Dictionary of Human Geography (Gregory-Johnston-Pratt-Watts 2000: 282-285), il termine appare una keyword della geografia umana; in quanto tale, esso permette di unire mondi conosciuti e mondi possibili. Tuttavia, l’immaginazione geografica non è esclusivamente appannaggio della geografia come disciplina autonoma, secondo H.C. Prince (1962), che la interpreta come un istinto persistente e universale della natura umana. In questo senso, Prince considera la «geographical imagination» come la risposta «umana» ai luoghi e ai paesaggi, dal momento che implica la connessione di culture e nature, e richiama la capacità di comprensione immaginativa del mondo e la sua traduzione in termini creativi.

26La nozione di immaginario geografico si è sviluppato a partire dal lavoro del sociologo Charles Wright Mills (1959), il quale utilizza l’espressione «sociological imagination» come strumento concettuale che permette di collegare gli individui con le loro vicende biografiche a più ampie strutture sociali entro specifiche coordinate storiche. Mills, tuttavia. non confina tale concetto a un ambito disciplinare specifico, ma lo attribuisce ad atteggiamenti mentali che trascendono le discipline.

27David Harvey (1973) invece ha coniato proprio l’espressione «geographical imagination» in relazione alla sua riflessione di carattere sociologico, ma anche politica e geografica. In questo senso, lo studioso inglese intende l’immaginario geografico come uno strumento deputato a superare le divisioni fra spazi diversi in vista di una «giustizia sociale», capace di combattere forme di oppressione e di ingiustizia. Gli individui riconoscono il ruolo dello spazio nelle loro biografie e comprendono che le loro relazioni con le organizzazioni sono influenzate dallo spazio che li separa.

28Evidentemente ci sono concezioni diverse riguardanti l’immaginario spaziale, che le prospettive postmoderne e postcoloniali hanno interpretato in modi differenti ma sostanzialmente complementari. Teorizzazioni e interventi particolarmente significativi sono stati sviluppati da Edward Soja e da Derek Gregory, che pongono l’accento sull’effetto conoscitivo dei luoghi sugli individui più che sulla conoscenza disciplinare in sé. Quindi non si tratta solo di considerare il «world-as-exhibition» (Mitchell 1989), ossia il mondo come spettacolo da osservare, ma piuttosto di riconoscere al soggetto come spettatore il ruolo di produttore di conoscenza geografica. Questo implica anche il riconoscimento dei limiti della conoscenza geografica. Non si può ignorare, infatti, il discorso delle geografie popolari, non accademiche, dunque profondamente soggettive, ma prive di potenzialità conoscitive.

29A sua volta, Derek Gregory (1995) ridefinisce l’immaginario geografico come la conoscenza spaziale che caratterizza i gruppi sociali, considerando le pratiche di visualizzazione come costitutive della storia della geografia, che in questo senso si configura come appropriazione visiva del mondo. In questa interpretazione, tuttavia, che propone una lettura postmoderna della testualità dello spazio, si inserisce anche la critica dell’etnocentrismo, il riconoscimento e l’accettazione dell’alterità. Gregory riconosce il ruolo centrale dell’immaginario coloniale nella definizione occidentale dello spazio, inserendolo nella dialettica fra potere coloniale e conoscenza visiva dello spazio. Inoltre, ribadisce la sua importanza nella contemporaneità:

In enlarging and examining our geographical imaginations, we might come to realize not only that our lives are “radically entwined with the lives of distant strangers”, but also that we bear a continuing and unavoidable responsibility for their need in times of distress (Gregory 1994: 205).

30Secondo Denis Cosgrove (2008), fra i principali rappresentanti della geografia culturale, per immaginario geografico si intende una risposta soggettiva ai luoghi e ai paesaggi, che richiama il potere individuale di comprendere lo spazio, e la cui resa è un atto creativo. Dunque, il valore estetico è chiaramente suggerito in questa teorizzazione. Per Sarah Radcliffe (2012) che riprende le fila del dibattito nella prospettiva contemporanea, l’immaginario geografico include la conoscenza dei luoghi e il «potere» di rappresentarli. Occorre dunque tenere sempre presente l’interazione fra testo, spazio e soggetto che lo rappresenta.

31Gli interventi accademici possono essere diversi, ma Harvey, Gregory e altri studiosi si fondano su considerazioni comuni, ponendo l’accento sulle modalità di percezione e di conoscenza dello spazio, insieme alla rappresentazione di tale percezione e conoscenza. L’immaginario geografico non è solo la cornice concettuale che si usa per comprendere le dinamiche di potere, le connessioni fra spazio e identità, la produzione di significati e miti spaziali, ma è anche lo strumento personale e collettivo per determinare la propria posizione, sia letterale che metaforica, nel mondo. Come prodotto di spazi sia immaginati che reali, di luoghi che includono le dinamiche del potere insieme alle emozioni, l’immaginario geografico è il risultato, sia conscio che inconscio, di un processo che accomuna l’individuo e il gruppo sociale nel loro concreto operare entro il contesto culturale, economico, politico e storico. Tale processo da una parte è strutturato, e dall’altra struttura identità condivise. Particolarmente significativo in questo senso anche il ruolo di Edward Said, che ha parlato di «imaginative geography» come proiezione dell’ideologia imperiale britannica, enfatizzando la dimensione testuale che produce le «master narratives» in cui non solo i colonizzatori, ma anche i colonizzati, sono invitati a riconoscere le proprie storie e le proprie identità.

32All’interno dei Postcolonial Studies, di cui Said è uno degli iniziatori, sono stati enfatizzati temi come l’identità territoriale, il contatto interculturale, l’esilio, la migrazione, la dislocazione; è stata altresì ripresa e messa in primo piano la «complicità» tra geografia politica eurocentrica e imperi coloniali. La letteratura ottocentesca, specialmente inglese, ha perpetuato questa alleanza e l’ha ridefinita, facendosi portatrice dell’ideologia dell’impero. Solo la decolonizzazione, e non in maniera definitiva e priva di ambiguità, ha messo fine al monopolio descrittivo dell’Occidente. Generando un nuovo «world order», essa ha decretato la fine della rigida suddivisione fra centro e periferia, aprendo la strada verso una visione del mondo non più binaria ma assai più articolata e frammentata. Gli spazi ricostruiti in seguito al superamento dell’esperienza coloniale sono parte integrante della dimensione intertestuale postcoloniale: gli spazi postcoloniali resistono alla linearità (West-Pavlov 2010: 145).

  • 13   Un’interessante discussione sulla teorizzazione dell’Orientalismo si trova in Young (1990: 119-14 (...)

33Con il suo lavoro pionieristico sul rapporto fra cultura e imperialismo, Edward Said (1993) ha avuto una forte influenza sul pensiero geografico: nella sua prospettiva, il romanzo e la narrativa di viaggio svolgono un ruolo primario nella creazione delle geografie popolari dell’impero, costruiscono uno spazio immaginario al di là del territorio fisico. Di fatto, in Orientalism (1978), Said sostiene che l’Oriente non esiste in sé, essendo in buona sostanza uno spazio immaginario costruito dalla scrittura coloniale; Occidente e Oriente non sono blocchi fissi ma entità costruite ideologicamente attraverso il linguaggio e l’immaginazione culturale, determinati dai meccanismi ideologici del potere13. Said considera le geografie immaginative come «triangolazioni» di potere, conoscenza e cartografia; nel suo tentativo di ripensare la geografia, egli cerca di rintracciare le dinamiche spaziali delle interrelazioni coloniali e delinea paesaggi fortemente connotati dal punto di vista ideologico, perché la percezione dello spazio e la sua rappresentazione esprimono valori egemonici. In Narrative, Geography and Interpretation (1990) Said riprende le riflessioni proposte da Raymond Williams in The Country and the City (1973). Infatti, a parere dello studioso, la geografia è la condizione spaziale unificante che rende possibile pensare alla differenza culturale in termini globali.

34In questa direzione, il «colonial gaze» teorizzato da Mary Louise Pratt in Imperial Eyes (1992) definisce lo spazio dell’incontro coloniale attraverso la pratica visiva, ossia attraverso lo sguardo. Ma Pratt va al di là della considerazione di come il soggetto dell’imperialismo europeo viene costruito ed esamina la dinamica della «transculturation», un concetto di derivazione etnografica che implica le varie risposte di una cultura subalterna rispetto a una cultura dominante. Ponendo la questione della «transculturation» come impianto metodologico del suo lavoro, Pratt si sforza di superare la visione binaria nel campo degli studi coloniali. La nozione di «contact zone» identifica uno spazio sociale in cui diverse culture si incontrano, si scontrano e si raggruppano le une con le altre; è un sito in cui popolazioni separate geograficamente e storicamente stabiliscono un contatto tra loro. Da una parte, si tratta di un luogo non geografico, mentre dall’altra ha connotazioni fisiche e materiali evidenti. Nel processo, complicato e incerto, della formazione delle identità moderne e contemporanee, in cui si allineano «class», «gender» ed «ethnicity», prevale la frammentazione, la dispersione, l’ibridazione (Young 1994: 2-4). In Migrancy, Culture, Identity (1993), Iain Chambers si sofferma sullo sguardo «obliquo» del migrante, che penetra il territorio urbano occidentale, delineando una prospettiva visiva continuamente scomposta e ricomposta, in cui si intrecciano eredità storica e spazio vissuto.

  • 14   Si veda, su questo argomento, soprattutto Carter (1987), che ricostruisce una storia spaziale del (...)

35Del resto, il processo di «othering», ossia la costruzione e raffigurazione dell’alterità, è legato all’immaginazione geografica occidentale, in quanto i territori reclamati in seguito all’espansione coloniale sono sottoposti a un’operazione di assimilazione: l’ossessione cartografica di riempire gli spazi vuoti sulle mappe dell’impero è ampiamente riconoscibile, come osserva Simon Ryan (1996), che considera la testualizzazione del territorio dell’alterità come un tentativo di decifrare il vuoto del paesaggio14.

  • 15   Sulla teorizzazione di Bhabha, si veda Young (1990: 141-156).
  • 16   Sia Loomba (1998) che Ashcroft (2007) dedicano ampie considerazioni alle questioni spaziali.

36Anche Homi Bhabha (1990 e 1994) riflette sul ruolo cruciale dello spazio colonizzato nella costruzione della modernità, caratterizzata da migrazioni e dislocazioni in nome di un nuovo ordine del mondo. La spazialità dell’epoca contemporanea è prodotta, secondo Bhabha, dai progetti imperiali e dal loro successivo disfacimento: il presente contiene inevitabilmente le storie e le geografie del passato. Dunque, le identità contemporanee sono ibride, perché includono esperienze spaziali molteplici e differenziate. Il superamento dei confini è assimilato da Bhabha a uno spazio «in-between», che viene denominato «third space»15. La complessa interazione fra colonizzatori e colonizzati genera, insomma, uno spazio eterotopico, un sito di alterità e di crisi, che è anche un luogo di sovrapposizione e di negoziazione. Bhabha si contrappone al discorso, ancora sostanzialmente monolitico e omogeneo, proposto da Said, sottolineando i termini della molteplicità dei rapporti coloniali, e ridefinendo le articolazioni ambigue degli spazi dell’incontro, segnati da instabilità, ansia e desiderio. Lo schema binario che contrappone centro e periferia non rende giustizia, anche quando viene interpretato criticamente, alla complessità degli spazi coloniali e postcoloniali16.

  • 17   Per il concetto di «imagined communities» faccio riferimento allo studio fondamentale di Anderson (...)

37La teoria postcoloniale tende a considerare lo spazio come principio basilare dell’esistenza e, nello stesso tempo, delle testualizzazioni che ne derivano, visto che non esiste una realtà non spaziale. Secondo Bhabha, lo spazio si caratterizza come il mondo sociale delle idee e delle identità, in continua trasformazione, ha una significativa componente metaforica, non è affatto «pura materia». In The Location of Culture (1994), Bhabha spiega che i confini spaziali della modernità si pongono oltre i limiti di una concezione statica dell’identità. Il «third space» include le narrazioni multiple della modernità, che fanno riferimento a spazi plurali. In Nation and Narration (1990), del resto, Bhabha sostiene che gli spazi nazionali dell’epoca contemporanea non sono più racchiusi entro confini rigidi, ma sono entità disseminate, che parlano diverse lingue e condividono culture differenti. Le «imagined communities» della contemporaneità non si costituiscono più entro i confini di una singola nazione, ma ai suoi margini17. Lo smantellamento dei grandi imperi coloniali ha portato alla trasformazione degli spazi come siti multinazionali, che rispondono alla odierna tendenza alla soppressione delle distanze e alla compressione spazio-temporale. Il concetto di liminalità culturale è fortemente connaturato alla nazione moderna. Del resto, quando si pensa allo spazio e alla nazione in questi termini, non si entra necessariamente in contraddizione con specifiche visioni nazionali dello spazio culturale: Brian Jarvis (1997), per esempio, propone un quadro dell’immaginario geografico americano che, muovendo dalla teoria al testo, sottolinea il ruolo della geografia nella costruzione dell’immaginario nazionale, attraverso la contrapposizione di due prospettive, quella utopica e quella distopica.

38Nel suo studio sulla geografia postmoderna, Claudio Minca (2001) riprende l’idea che il mondo non è una «exhibition»; l’attuale costruzione e codificazione dello spazio ha prodotto una sensazione di frammentazione e di disorientamento e, in definitiva, una perdita del senso dello spazio inteso in senso tradizionale. Se la coesistenza simultanea di interrelazioni sociali implica diverse scale geografiche, la modernità si apre a una molteplicità di spazi e di tempi, che non riescono più a mantenere contorni stabili. Nella geografia postmoderna l’identità viene rappresentata sempre più attraverso metafore di mobilità, transculturazione e diaspora. Secondo Edward Soja, nell’ordine moderno la spazialità prevale sulla temporalità. Postmodern Geographies (1989) mostra l’adesione a un modo di pensare spazializzato. Concentrandosi sulla questione della simultaneità della geografia, Soja propone nuove modalità di considerare le relazioni fra lo spazio e il tempo. Contestando l’idea della geografia come specchio riflettente, attraverso la sua revisione radicale del modo di pensare allo spazio, egli rivaluta le narrazioni storiche in quanto testi spaziali.

39Soja (1996) introduce a sua volta la nozione di «third space»: con un termine flessibile e utilizzato anche da altri studiosi in contesti diversi, egli cattura un insieme complesso e a volte sfuggente di idee, che fanno riferimento all’immaginario spaziale:

Third space too can be described as a creative recombination and extension, one that builds on a first space perspective that focused on the “real” material world and a second space perspective that interprets this reality through “imagined” representations of spatiality (Soja 1996: 6).

40Se la concettualizzazione del terzo spazio si riferisce alla costruzione e alla ricostruzione delle identità contemporanee, alla fluidità al cui interno questi processi si verificano, essa costituisce anche il luogo dell’incontro e della negoziazione. Dunque, l’espressione designa una nuova modalità di interpretazione dello spazio, dove si incontrano e si incrociano la prospettiva postcoloniale e quella postmoderna: nel terzo spazio si verificano trasformazioni e ibridazioni, si uniscono l’immaginario con il materiale. In questo modo viene individuata un’area di resistenza, in cui confluiscono anche gli approcci femminili e femministi e, più recentemente, «queer».

41Nel discorso postmoderno, una delle concettualizzazioni più influenti e dibattute riguarda i «non luoghi» di Marc Augé (1992): luoghi come i centri commerciali, le autostrade, gli aeroporti sono sintomatici della società globale della «surmodernité», poiché sono associati con il flusso ininterrotto di persone e di merci. In quanto siti di consumo, monofunzionali, segmentati, questi luoghi scoraggiano le connessioni sociali e umane. Se i luoghi sono il prodotto delle relazioni che vi vengono stabilite, e definiscono l’identità del soggetto, i siti della surmodernità sono non luoghi. Secondo Augé, i non luoghi sono spazi di transizione, definiti attraverso le parole e i testi che essi propongono: provvedono al desiderio di controllo sul presente. Al loro interno non vengono definite identità individuali o collettive, non vengono registrate relazioni storiche, perché essi rivelano solo l’anonimità, la solitudine e il presente perpetuo dell’economia del consumo.

42Non dimentichiamo che i luoghi della contemporaneità comprendono lo spazio virtuale o cyberspazio, e dunque, in questo senso, si aprono prospettive decisamente nuove, che cambiano in maniera radicale la percezione dell’alterità spaziale. Paradossalmente, si assiste all’intersezione di prospettive opposte fra loro: da una parte la ricerca di radicamento spaziale all’interno di un mondo in continuo movimento, caratterizzato da migrazioni e spostamenti, dove l’aspetto emotivo si accompagna alla dimensione storica e culturale, dall’altra l’anonimità degli spazi condivisi virtuali o surmoderni, privi di qualsiasi tensione verso il radicamento. Si tratta di due poli verso cui si indirizza la rappresentazione e percezione del mondo nella nostra contemporaneità. È interessante considerare la dinamicità di questo processo multiplo, derivante dallo scambio di prospettive a diversi livelli e dalla loro rappresentazione culturale e relazionale.

1.3. La testualizzazione dello spazio

  • 18   Un intervento recente su queste problematiche è quello di Francesco Fiorentino, Verso una geograf (...)

43Il rapporto tra lo spazio, nelle sue varie articolazioni e accezioni, e il testo, costituito da un linguaggio codificato, è fondamentale; anzi, meglio, possiamo addirittura dire che i luoghi esistono in forza dell’immaginario che essi producono e da cui a loro volta sono riprodotti. Dunque, i luoghi sono imprescindibili dalla loro testualizzazione, e questa considerazione è decisiva per superare la contrapposizione comune tra il discorso geografico e quello letterario18. La testualizzazione dello spazio va perciò messa in primo piano, senza dimenticare, per contro, la spazializzazione del testo. Dell’appropriazione del mondo mediante la sua trasformazione in testo, ossia della sua «culturalizzazione», scrive Juri Lotman (Lotman-Uspenskij 1975: 33-34): l’uomo si appropria culturalmente del mondo decifrandone il testo relativo e traducendolo in una lingua. «Culturalizzare», secondo questo approccio, significa conferire al mondo le strutture della cultura.

  • 19   In cartografia il termine italiano mappa non è sinonimo di carta geografica ma indica una carta t (...)

44Secondo Franco Farinelli, la mappa crea il territorio e il territorio crea la mappa (2003: 201)19. Lo scrittore e il cartografo sono due figure facilmente identificabili; infatti anche la narrazione, in questa prospettiva, è una forma di «world-making», ossia rende possibile, attraverso l’immaginazione, la creazione di un mondo. In questo processo di costruzioni testuali letterarie e cartografiche, se lo scrittore è (anche) un cartografo, il lettore (o osservatore) non ha certo un ruolo secondario; anzi, egli determina attivamente il significato del testo.

  • 20   Per una raccolta di saggi sulle mappe e la loro interpretazione, si veda Guglielmi-Jacoli (2012).
  • 21   Per alcune considerazioni fondamentali sulla questione delle mappe e la loro costruzione, si veda (...)

45Le mappe, inoltre, articolano il discorso sullo spazio enfatizzando la dimensione narrativa, sia relativamente al passato che al presente20. In quanto rappresentazioni di luoghi fittizi oppure, più spesso, esistenti e riconoscibili, le mappe creano, in ogni caso, un legame con l’immaginazione del lettore. Nella tradizione cartografica antica e medievale, le mappe usavano tracciare i contorni del mondo sconosciuto, riempiendolo di immagini derivanti da conoscenze mitologiche e credenze di ordine religioso, mentre il mondo moderno occidentale, con la sua propensione illuministica e catalogatoria, ha proceduto a cartografare terre e mari, per classificarli, comprenderli e renderli parte integrante della conoscenza21.

46Il lavoro contemporaneo sulle mappe, che contempla una revisione e un ripensamento della loro costruzione e della loro funzione culturale, è legato alla percezione delle immagini nel mondo globale e al loro significato comunicativo. Oggi la fotografia aerea e satellitare, e i mezzi forniti dalla tecnologia, consentono la disseminazione di immagini spaziali; la «information technology» permette la produzione e la manipolazione di dati che hanno una valenza spaziale, e le immagini generate dai computer destabilizzano i metodi tradizionali e i significati convenzionali. In ogni caso, appare evidente che le mappe costruiscono il mondo anziché semplicemente riprodurlo, creano i confini anziché tracciarli (Wood 1993). La cartografia riveste un ruolo cruciale, essendo lo strumento attraverso cui si concretizza, storicamente, il desiderio di possesso territoriale (Neocleous 2003). Emanuela Casti (1998) sostiene che le mappe non sono solo espressione dell’appropriazione del territorio, ma sono esse stesse parte di questo processo. La mappa costituisce un’interpretazione del mondo, conferisce un ordine al mondo, trasformandolo in linguaggio. La cartografia, dunque, ha una dimensione semantica, sintattica e pragmatica.

47Per quanto le carte siano state tradizionalmente concepite e percepite come uno specchio accurato o una rappresentazione grafica di alcune caratteristiche del mondo «reale», la riflessione geografica e culturale contemporanea ha riconosciuto che la mappa è un oggetto ideologico e uno strumento di potere. Secondo J.B. Harley (2001), le mappe includono valori, ideologie, miti, e sono perfettamente comparabili, per il loro significato, agli oggetti artistici e architettonici: ogni mappa presenta elementi retorici, trasmette relazioni di potere e sistemi di pensiero. La capacità di imporre nomi ai luoghi, del resto, è centrale nel processo coloniale, al cui interno le mappe rappresentano i mezzi della colonizzazione materiale e del controllo concettuale. Harley sostiene che tutte le mappe sono un prodotto mentale e che la cartografia è un archivio della memoria e della percezione del passato, piuttosto che la registrazione di semplici realtà topografiche.

48Dunque, le mappe non sono affatto strumenti neutri di registrazione della realtà, ma implicano processi di omologazione, gerarchizzazione, esclusione. Il cartografo, infatti, sceglie cosa includere e cosa escludere dal mondo che vuole rappresentare e raccontare. Il fatto che il procedimento di mappatura dello spazio sia uno strumento di conoscenza ha generato discussioni e dibattiti; tuttavia, è ormai ampiamente riconosciuto che le mappe sono fondamentali, sia nel costruire che nel comunicare la nostra comprensione del mondo. Nella prospettiva della geografia postmoderna, i cartografi rivelano che la carta non è un oggetto passivo e disinteressato, ma un arbitro silenzioso del potere, e dietro la sua pretesa di scientificità esprime evidenti scelte ideologiche (Mitchell 2007: 19). Le mappe eurocentriche, di cui quella prodotta da Mercator ad uso nautico nel 1569 costituisce l’emblema, mostrano il ruolo cruciale dell’Occidente nella legittimazione delle relazioni di potere che si andavano costituendo attraverso la cartografia. Graham Huggan (1989) propone di decostruire le mappe e di decolonizzarle, in modo da smantellare l’autorità occidentale. I nuovi spazi della rappresentazione postcoloniale si oppongono al discorso cartografico coercitivo sviluppato durante le imprese coloniali, proponendo una revisione delle mappe, da considerare come espressione di uno spazio in trasformazione. Nessuna carta infatti può essere mai definitiva né completa, tutte sono provvisorie, e questa caratteristica le rende assai ricche e stimolanti, oltre che aumentarne il valore in termini di possibilità di interpretazione. Mappare un luogo significa, in ogni caso, operare una serie di proiezioni e fornire al luogo uno spessore ontologico. In questo senso, la dimensione ideologica delle mappe non scompare con la riflessione postcoloniale, che propone la decolonizzazione delle mappe, la loro dissociazione dalle strategie del discorso coloniale, con il recupero di una dimensione precedente l’imposizione dell’ordine imperiale e della nominazione ad esso connessa.

49Le mappe hanno una decisiva connotazione iconografica, e dunque sono strettamente legate alla dimensione visiva. Il fatto che l’associazione tra la geografia e le mappe continui a permanere a livello di percezione popolare è il segnale del ruolo decisivo delle immagini grafiche nella formazione della conoscenza geografica. Occorre fare riferimento alla visione, che include sia la facoltà fisica dell’occhio di registrare il mondo esterno che la capacità immaginativa, più astratta, di creare e proiettare le immagini. Dunque, la visione intesa come processo attivo, selettivo, discriminatorio, sembra inestricabilmente legata alla pratica geografica (Cosgrove 2008: 21, 107).

50Il rinnovato interesse per l’immaginazione cartografica generato dallo «spatial turn» ha avuto un impatto notevole sulle scienze sociali e sulle discipline umanistiche, offrendo la possibilità di utilizzare nuove metafore (Pickles 2004: 28). Invece di pensare la mappa come un prodotto del territorio o una sua rappresentazione passiva, Geoff King (1996) suggerisce un’inversione strategica: è la mappa che genera il territorio, infatti il processo cartografico riveste un ruolo centrale nel conferire «realtà» ai territori in cui viviamo:

Map and territory cannot ultimately be separated. Cultural mappings play a central role in establishing the territories we inhabit and experience as real… To blur this distinction between map and territory is to destabilize this relationship, to acknowledge the socially contructed character of the mappings within which our lives are oriented (King 1996: 16-17).

  • 22   Tugnoli (1997) ha raccolto una serie di interventi sulla cartografia e la sua proiezione ideologi (...)

51In ogni caso, la riproduzione cartografica, nella quale coesistono figurazione e invenzione, va intesa come un’interpretazione del reale, che si basa su un discorso ideologico22. Nel contesto coloniale, in particolare, è possibile cogliere in maniera evidente la relazione fra ideologia e rappresentazione: infatti, il controllo dello spazio è centrale per l’affermazione degli imperi, e le mappe elaborate prima dagli esploratori e poi dagli amministratori dei territori conquistati si configurano come strumenti di appropriazione, espressione del potere coloniale. Le mappe imperiali sono caratterizzate dall’accuratezza scientifica e da una proiezione immaginativa: i due impulsi non si escludono affatto a vicenda (Thieme 2012: 48). Le carte cercano di ordinare quello che viene percepito come «caos», mentre si mira ad attribuire ad esso un significato: gli spazi ancora sconosciuti vengono «nominati» e riempiti con la fantasia, prima ancora che con la conoscenza concreta. In questo senso, nella cultura inglese, svolge un ruolo cruciale la rappresentazione conradiana dell’Africa in Heart of Darkness (1899), dove la mappa diviene la metafora dello sfruttamento territoriale, tanto è vero che il narratore conradiano, Marlow, fa risalire al fascino della carta dell’Africa, contraddistinta dai vari colori corrispondenti al dominio delle potenze europee, la sua vocazione di viaggiatore ed esploratore della «darkness» del «continente nero».

52La cartografia coloniale subisce una revisione critica particolarmente significativa con Arno Peters, che nel 1974 ha ridisegnato il mondo, proponendo una proiezione alternativa rispetto a quella standard di Mercator, ritenuta responsabile di rinforzare la visione eurocentrica del mondo a causa del sistema di proiezione adottato. Nella carta di Peters, l’Africa e il Sud America appaiono allungate, mentre l’Europa e l’Australia sono assai ridimensionate: se questo sistema cerca di riportare le diverse aree del mondo alle loro dimensioni effettive, ne distorce tuttavia la forma. Africa, India e Sudamerica riacquistano le loro proporzioni rispetto al resto del mondo: per questo la proiezione di Peters ha avuto molta risonanza, soprattutto in relazione al tentativo di riportare l’attenzione sulle aree che sono sempre state considerate di «peso minore» nella storia dell’umanità (Müller 2010).

  • 23   Wylie (2007) è un testo di riferimento molto utile per inquadrare le problematiche legate al paes (...)
  • 24   Il concetto di paesaggio in Occidente è nato in ambito pittorico, a partire dagli artisti olandes (...)

53Se le mappe trasformano lo spazio in testo e, nello stesso tempo, ne offrono un’interpretazione che varia a seconda degli intenti che presiedono alla loro creazione, anche il paesaggio come espressione testuale merita di essere preso in considerazione, soprattutto per il ruolo preponderante che esso ha svolto nella tradizione culturale occidentale. Il paesaggio rientra nell’ambito della visione e della sua semantizzazione23: esso si riferisce a un modo di vedere e rappresentare il mondo da un punto di vista privilegiato, nel momento in cui occorre determinare se l’osservazione implica l’essere parte del paesaggio oppure è distaccata da esso. Questo è uno dei problemi, o dei conflitti principali, insiti nel concetto di paesaggio: il «landscape» come «scenery», infatti, viene visto da un occhio esterno, non essendo il territorio in sé, inquadrato da un occhio «divino», ma il territorio visto da una particolare prospettiva. Così, il paesaggio prende forma nel passaggio dalla percezione all’immaginazione24.

  • 25   Varie opere di Denis Cosgrove sono significative in merito a questo discorso, da Cosgrove (1984) (...)

54Non a caso Denis Cosgrove, nei suoi studi sull’argomento, si concentra sulla prospettiva, ossia sul fatto che il paesaggio rappresentato è un modo per ordinare e strutturare il mondo, di cui lo spettatore si appropria e che ha l’illusione di possedere con lo sguardo25. Il paesaggio, secondo questo approccio, è dunque un testo. Questo punto di vista sul paesaggio deve molto agli studi semiotici e in tempi piuttosto recenti si è arricchito grazie al paradigma del «gender», che, introdotto in questo ambito soprattutto da Gillian Rose (1993), distingue lo sguardo maschile e femminile sullo spazio, e dunque sottolinea il suo diverso influsso sulla costruzione del paesaggio.

55Il discorso ideologico e quello egemonico sono particolarmente importanti per la nozione di paesaggio: è infatti il linguaggio a creare il paesaggio, che è imbevuto di credenze, pratiche, significati. Secondo Mitchell (1994), il paesaggio è una pratica occidentale di appropriazione, e, nello stesso tempo, il luogo della formazione dell’identità. In questa prospettiva si inserisce anche l’idea che il mondo sia uno spettacolo visivo, elaborato soprattutto dal discorso coloniale (J.P. Sharp 2009: 47).

  • 26   Questo discorso è articolato in maniera interessante in Balasopulos (2008: 9).

56La testualità della geografia poggia sulla dimensione retorica e ideologica delle sue rappresentazioni e sulla conoscenza che essa produce; la geografia della testualità, d’altro canto, si riferisce all’aspetto narrativo che assumono le forme spaziali26. Sia gli spazi fisici che le creazioni astratte vengono rappresentate attraverso registri linguistici, geografici ed estetici; la connessione e la sovrapposizione fra questi due processi è essenziale. L’importanza dell’immaginazione geopoetica risiede nel fatto che i luoghi sono molto più della somma delle loro componenti fisiche e includono caratteristiche che sono espresse con grande efficacia da poeti e romanzieri, e rese attraverso il lavoro immaginativo (Mallory-Simpson-Housley 1987: XI). Se ogni osservatore è anche un geografo e, attraverso la sua visione, costruisce un paesaggio carico di implicazioni autobiografiche, ideologiche, culturali in senso lato, l’artista, dal canto suo, ha la capacità di potenziare la sua visione dei luoghi attraverso l’uso di simboli, metafore, allusioni, che coinvolgono i suoi lettori o spettatori e stimolano la loro immaginazione.

  • 27   Si veda, in generale, per queste problematiche, Aiken-Brigham-Marston-Waterstone (1998).

57Il processo culturale consistente nel costruire il mondo attraverso il linguaggio, ovvero, meglio, per usare un’espressione già utilizzata precedentemente, nel «making worlds», comporta la sovrapposizione di materialità e metafore, le due polarità che sono alla base della rappresentazione dello spazio27. La letteratura non solo consolida il senso dello spazio, ma sfida nozioni spaziali consolidate, articolandone di nuove. Lo spazio testuale, in questo senso, è una categoria di analisi, esplorata secondo diverse prospettive: per Marc Brosseau (1994), autore di un saggio molto influente sull’argomento, Geography’s Literature, la letteratura è la trascrizione dell’esperienza spaziale. In precedenza, Douglas C. Pocock (1981) aveva sostenuto la necessità, per il geografo, di porsi come promotore di nuove conoscenze, ma il concetto chiave del suo discorso si basa sulla convinzione che lo spazio fisico venga rappresentato solo attraverso lo stato mentale e la risposta emotiva ai luoghi. La natura olistica del paesaggio, secondo Pocock, trova rispondenza soprattutto nella pittura, che ha uno straordinario potere conoscitivo.

58In Topographies, Hillis Miller (1995) sostiene che i termini topografici che compaiono nelle opere narrative e nella poesia creano un paesaggio immaginario per il lettore che determina un significato narrativo e concettuale dotato di una sua autonomia. La specificità dei nomi di fiumi, laghi o montagne suggerisce che il paesaggio in quanto tale non è mai un dato, ma una costruzione, mappato e nominato attraverso segni convenzionali. I geografi culturali come Denis Cosgrove ritengono il paesaggio un prodotto della cultura: il paesaggio non è il mondo che vediamo, ma una costruzione, un concetto ideologico, un «way of seeing», una composizione che struttura il mondo; in altre parole, il paesaggio diviene proprietà di chi lo osserva. Lungi dall’essere un’immagine inerte e neutrale, esso racchiude significati sociali e culturali, una configurazione simbolica.

  • 28   Si veda l’introduzione a Duncan-Ley (1993: 1-21).

59Questa idea viene anticipata da Eugenio Turri che, in Antropologia del paesaggio (1974), ha proposto una visione innovativa – per i suoi tempi – di paesaggio, considerandolo come un sistema di segni; la questione della rappresentazione è al centro di questa prospettiva, che sottolinea come la percezione del paesaggio sia un processo visivo. Più recentemente, James Duncan (1993) definisce il paesaggio come un «signifying system», un testo i cui significati sono costantemente rielaborati. Secondo Duncan, è possibile distinguere almeno quattro modalità di rappresentazione, di cui la prima consiste nel metodo descrittivo sul campo, mentre la seconda implica una forma di mimesi basata sulla scienza positivistica, che produce descrizioni astratte del mondo. La terza tipologia invece respinge radicalmente la teoria mimetica, orientandosi in senso postmoderno; infine, la quarta modalità, basata sull’ermeneutica, riconosce il ruolo centrale dell’interprete28.

60È necessario tenere conto dell’instabilità delle rappresentazioni, oltre che della dimensione intertestuale della cultura contemporanea. Paesaggi, spazi, immagini e testi sono strettamente connessi, determinati da processi ideologici (Norquay-Smyth 1997). Occorre rilevare altresì il ruolo delle immagini geografiche nella costruzione della conoscenza geografica. Guglielmo Scaramellini (2006) attribuisce una funzione cruciale, in questo senso, alle strutture archetipiche, che influenzano in maniera determinante la rappresentazione geografica. Dunque, se i paesaggi vengono creati attraverso segni e immagini, le componenti dell’ambiente fisico sono mescolate, nella consapevolezza culturale, alla memoria (Schama 1995), e incarnate dagli archetipi e dai miti, che, a loro volta, risiedono nei linguaggi letterari. L’intersezione di estetica e visione, arte e descrizione, teoria e pratica è ampiamente sviluppata negli studi letterari e parallelamente in quelli geografici. Secondo Renzo Dubbini (1994), il paesaggio rivela la trasformazione dell’ambiente e le aspirazioni della società nella quale viene prodotto: esaminando la complessa interazione che si è creata nei secoli tra pittura e paesaggio, Dubbini esplora l’invenzione del paesaggio occidentale come spazio culturale, la cui architettura è organizzata e composta da viste panoramiche. Anche Adalberto Vallega (2003) ha studiato la simbologia dei luoghi, sostenendo che il rapporto con cui il simbolo si configura nei riguardi di un luogo specifico reca un contributo fondamentale alla rappresentazione geografica dei luoghi. Così, i territori sono elementi immaginari del tutto soggettivi, ricostruiti sulla base di un sistema di simboli, percezioni e ricordi, attraverso una serie di filtri culturali. Nella pratica culturale, realtà e immaginazione creano veri e propri stereotipi legati ai luoghi, mentre gli artisti investono i luoghi di una qualità visionaria che li proietta nella sfera dell’immaginario.

  • 29   Si veda Lando (1993a), che comprende una bibliografia molto articolata, anche se non più recentis (...)
  • 30   L’intersezione tra le due prospettive è specialmente efficace nella scrittura di viaggio, come si (...)

61Le relazioni tra geografia e letteratura sono state investigate da prospettive molteplici; in genere si può concordare che le cosiddette «geografie letterarie» sono un processo attraverso cui il senso del luogo viene costruito non da agenti politici e sociali che agiscono all’interno dello spazio, ma dai testi29. Le geografie «nascoste» che operano all’interno della produzione letteraria e culturale non espressamente geografica sfidano la separazione tra una geografia «corretta» e altre visioni «scorrette»: il terreno della conoscenza geografica appare piuttosto instabile e contestato. L’idea che la natura si possa conoscere in maniera distinta e separata rispetto alla sua raffigurazione deve essere abbandonata, così come la dualità fra immagine e realtà. La percezione e la conoscenza del mondo si realizzano attraverso l’esperienza e la (ri)elaborazione mentale ed emotiva30.

  • 31   Ropars-Wuilleumier considera specialmente George Perec e il suo lavoro Espèces d’espaces (1974), (...)

62Nel 1955 Maurice Blanchot pubblicò L’espace littéraire, nel quale rivelava il paradosso che lo spazio della letteratura è effettivamente un non spazio, un vuoto. Più recentemente, proprio facendo riferimento a Blanchot, Marie-Claire Ropars-Wuilleumier in écrire l’espace (2002) riflette sullo spazio aporetico che si apre con la pratica della scrittura. Quando lo spazio viene rappresentato, si trasforma in un’entità estranea, diventa un’alterità31. L’elemento paradossale sta nel fatto che possiamo comprendere lo spazio solo attraverso i procedimenti estetici che sono alla base della letteratura e di altre forme di rappresentazione «alta». In ogni caso, lo spazio astratto è plurale, nello stesso tempo verbale e visivo, molteplice, e perciò altro e relativo.

63Nel suo Atlante del romanzo europeo (1997) Franco Moretti sostiene che le rappresentazioni spaziali nei romanzi hanno una dimensione ideologica, influenzate come sono dalla cultura, dall’economia, dalla politica di un certo momento storico. Esse riflettono diverse modalità di vedere il mondo. Eroi ed eroine incarnano una vera e propria ideologia dello spazio: il romance coloniale fa muovere i suoi personaggi nello spazio dell’avventura in maniera lineare, mentre il Bildungsroman comporta, in genere, un movimento verso un centro urbano significativo. Secondo quanto afferma Moretti, il romanzo occidentale ha contribuito per secoli alla formazione dell’immaginario spaziale, e ha raffigurato luoghi esotici per un vasto pubblico, avvalendosi anche dell’ausilio di mappe letterarie di grande impatto (Bulson 2007: 1). Nel romanzo moderno, e specialmente nel novel ottocentesco, ciò che accade dipende strettamente dal luogo in cui accade; lo spazio determina la storia.

  • 32   Tra i numerosi studi recenti sul cronotopo, si veda il recente Bemong-Borghart-De Dobbeleer-Demoe (...)

64L’elaborazione teorica del cronotopo bachtiniano costituisce un elemento imprescindibile. Bachtin (1979) chiama cronotopo l’interconnessione sostanziale dei rapporti temporali e spaziali dei quali la letteratura si è impadronita artisticamente. Lo studioso russo nota infatti che gli eventi narrati nei romanzi sono fruibili dal lettore solo grazie alla mediazione dei cronotopi nei quali il tempo, condensandosi in determinate porzioni di spazio, dà luogo all’immagine letteraria. Malgrado il «mondo raffigurante» (cioè il mondo reale in cui opera lo scrittore ed in cui vivono i lettori) e il «mondo raffigurato» nel testo siano separati da un confine netto, si stabilisce tra essi un rapporto di azione reciproca32.

  • 33   È significativa a questo proposito l’introduzione a Brown-Irwin (2008).

65La rappresentazione dello spazio nella letteratura è innanzitutto e soprattutto un atto di appropriazione. La descrizione dei luoghi non esiste puramente per permettere ai lettori di paragonare l’invenzione con l’esperienza; dal momento che gli spazi raffigurano le idee che lo scrittore vuole trasmettere, la retorica e l’estetica dei luoghi letterari ha un ruolo cruciale33. Inoltre, i luoghi nella letteratura svolgono una funzione importante nella definizione dell’identità, sia personale che nazionale: il problema sta nello stabilire un equilibrio tra luogo e personaggio.

  • 34   Si veda, per esempio, Coupe (2000) e Garrard (2004).

66Il recente approccio ecocritico alla letteratura va ricordato in questo contesto, perché mette in primo piano la connessione testuale tra spazio, ambiente e natura. A partire dalla raccolta pionieristica di Cheryll Glotfelty e Harold Fromm (1996), soprattutto in ambito anglofono, una ricca produzione ecocritica ha permesso e permette di indagare le problematiche ambientali in relazione alla letteratura, concentrando l’attenzione sugli spazi naturali e sul loro ruolo poetico e narrativo, specialmente in un momento di crisi ambientale come quello in cui viviamo, tali da delineare pratiche politiche e sociali34.

  • 35   La bibliografia in proposito è ampia. Segnalo solo Alexander (1987).

67Roberto Dainotto (2000) collega il regionalismo alla Ecoliterature: entro i confini del luogo, i valori che la storia ha reso relativi sono riportati alla stabilità delle loro certezze. Il luogo, dunque, in questa prospettiva, sembra avere un’identità più duratura, che definisce la regione come un «bounded space». Pensiamo al significato letterario e geografico del Wessex rappresentato nelle opere di Thomas Hardy (1840-1928), i cui romanzi e poemi, ambientati in un mondo pastorale mitico e insieme riconoscibile e riconducibile a un’area rurale inglese circoscritta, costituiscono un esempio assai studiato35. Lo spazio mitico esclude una conoscenza completa, è un luogo in cui si localizzano alcuni valori del passato, e che persiste come segno di discontinuità, di inquietudine, nel mondo moderno. Secondo Tuan, è ciò che sta dall’altra parte della montagna o dell’oceano, e che è costruito dall’immaginazione (1977: 85-100).

Notes

1   Gli studi recenti sullo spazio prodotti in ambito interdisciplinare che propongono fondamentalmente questa prospettiva sono molteplici. Per una raccolta di saggi significativi si veda Crang-Thrift (2000).

2   Alla base di queste considerazioni troviamo senza dubbio il lavoro di Ferdinand De Saussure, con lo sviluppo della linguistica strutturale. Stuart Hall (1997), nell’esplorare i meccanismi della rappresentazione culturale, ne tiene conto in maniera essenziale.

3   I rapporti disciplinari tra geografia e letteratura sono stati indagati con una certa attenzione nel mondo anglofono: un testo pionieristico è Mallory-Simpson-Housley (1987). Fra gli studi italiani, è significativo Lando (1993). Si tratta, in entrambi i casi, di approcci che privilegiano il riconoscimento del ruolo della geografia nelle opere letterarie: la letteratura sarebbe in grado di trasmettere in modo efficace il senso del luogo. Dall’altro lato, la letteratura viene vista come fonte di conoscenza ambientale. La geografia, a sua volta, per i suoi obiettivi di studio si appropria delle descrizioni letterarie dei luoghi.

4   In Fiorentino-Solivetti (2012) sono inclusi saggi molto interessanti a questo proposito.

5   Si veda l’introduzione di Flavio Sorrentino in un recente volume che raccoglie contributi in italiano sull’argomento (2010: 7-18). I contributi e saggi sullo «spatial turn» sono molto numerosi nell’ambito anglofono. Un testo di riferimento importante è Warf-Arias (2008).

6 Sulla storia della geografia e i mutamenti di paradigma, si veda Capel (1987).

7   Secondo Foucault, una storia complessiva degli spazi resta ancora da scrivere, ed essa implica una storia dei poteri, che li determinano e delimitano. Si veda Foucault (1974).

8   Lo studio di Lefebvre è stato tradotto in inglese nel 1991 e da allora ha conosciuto una notevole diffusione.

9   Per questo ed altri aspetti, l’opera di Erodoto e la geografia antica, si veda Romm (1992).

10  Per quanto riguarda il concetto di desiderio spaziale e il mito di El Dorado, si veda Brazzelli (2012b).

11   Lo studio dello spazio ha avuto un «powerful theorethical boost» dal «cultural turn», come sottolineano Adams-Hoelscher-Till (2001) nell’introduzione: in questo volume si affrontano tre ambiti di indagine, esperienza e identità, immaginazione e costruzione sociale, modernità.

12   «Cyberspazio» è il nome attribuito a questa nuova spazialità. Si veda Dodge-Kitchin (2000).

13   Un’interessante discussione sulla teorizzazione dell’Orientalismo si trova in Young (1990: 119-140).

14   Si veda, su questo argomento, soprattutto Carter (1987), che ricostruisce una storia spaziale dell’Australia: gli aborigeni vengono privati del loro territorio anche e soprattutto in termini linguistici, poiché esploratori e geografi imprimono nomi occidentali sul paesaggio.

15   Sulla teorizzazione di Bhabha, si veda Young (1990: 141-156).

16   Sia Loomba (1998) che Ashcroft (2007) dedicano ampie considerazioni alle questioni spaziali.

17   Per il concetto di «imagined communities» faccio riferimento allo studio fondamentale di Anderson (1983).

18   Un intervento recente su queste problematiche è quello di Francesco Fiorentino, Verso una geografia della letteratura, per cui si veda Fiorentino-Solivetti (2012: 13-44).

19   In cartografia il termine italiano mappa non è sinonimo di carta geografica ma indica una carta topografica a grandissima scala. Tuttavia, in questo volume il termine mappa viene usato in senso generico.

20   Per una raccolta di saggi sulle mappe e la loro interpretazione, si veda Guglielmi-Jacoli (2012).

21   Per alcune considerazioni fondamentali sulla questione delle mappe e la loro costruzione, si veda Le carte geografiche e la letteratura di Phillip C. Muehrcke e Juliana O. Muehrcke, in Lando (1993: 81-103).

22   Tugnoli (1997) ha raccolto una serie di interventi sulla cartografia e la sua proiezione ideologica.

23   Wylie (2007) è un testo di riferimento molto utile per inquadrare le problematiche legate al paesaggio, alla sua storia e interpretazione.

24   Il concetto di paesaggio in Occidente è nato in ambito pittorico, a partire dagli artisti olandesi del Cinque e del Seicento, divenuti maestri nelle rappresentazioni paesaggistiche. La natura estetica del paesaggio, dunque, si rivela nella connessione innegabile tra paesaggio e opera d’arte. Sulle problematiche del paesaggio e delle sue connessioni pittoriche e letterarie, si veda Orestano (2005), che si muove fra i discorsi dell’estetica, della critica e della letteratura.

25   Varie opere di Denis Cosgrove sono significative in merito a questo discorso, da Cosgrove (1984) a studi più recenti, come Cosgrove (2008). Un ruolo pionieristico ebbe la raccolta di saggi Cosgrove-Daniels (1988).

26   Questo discorso è articolato in maniera interessante in Balasopulos (2008: 9).

27   Si veda, in generale, per queste problematiche, Aiken-Brigham-Marston-Waterstone (1998).

28   Si veda l’introduzione a Duncan-Ley (1993: 1-21).

29   Si veda Lando (1993a), che comprende una bibliografia molto articolata, anche se non più recentissima.

30   L’intersezione tra le due prospettive è specialmente efficace nella scrittura di viaggio, come si osserva in Casari-Gavinelli (2007: 7-8).

31   Ropars-Wuilleumier considera specialmente George Perec e il suo lavoro Espèces d’espaces (1974), in cui l’autore nota che non esiste un solo spazio, ma una molteplicità di essi, e ciascuno di noi si muove dall’uno all’altro.

32   Tra i numerosi studi recenti sul cronotopo, si veda il recente Bemong-Borghart-De Dobbeleer-Demoen-De Temmerman-Keunen (2010).

33   È significativa a questo proposito l’introduzione a Brown-Irwin (2008).

34   Si veda, per esempio, Coupe (2000) e Garrard (2004).

35   La bibliografia in proposito è ampia. Segnalo solo Alexander (1987).

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search