Version classiqueVersion mobile

L’Antartide nell’immaginario inglese

 | 
Nicoletta Brazzelli

Premessa. «Out of space, out of time»

Texte intégral

Allí termina todo
y no termina:
allí comienza todo.

P. Neruda, Piedras antárticas (1961)

1Nel film-documentario Encounters at the End of the World (2007) uno dei primi «professional dreamers» incontrati da Werner Herzog presso la base di McMurdo è il glaciologo Douglas MacAyeal, in Antartide per studiare B-15, che monitora attentamente nel suo fluttuare inesorabile verso Nord. Dell’iceberg denominato B-15, un vagabondo nell’oceano australe, lo scienziato registra le urla e i lamenti, che fanno dell’enorme massa di ghiaccio in movimento un vero e proprio essere senziente. B-15 appare una creatura animata, pensante e vibrante, che affascina MacAyeal fino a fondersi con il suo corpo e con la sua mente, in una dinamica onirica e vagamente folle, tipica dei personaggi filmati da Herzog «alla fine del mondo».

2Meraviglia e visione si combinano nelle interviste ai temporanei abitanti dell’Antartide, mentre immagini e suoni si giustappongono, mostrando che l’ambiente polare è dotato di una sua autonomia, decisamente non umana. Il glaciologo spiega inoltre che «unlike Scott and Shackleton, who viewed the ice as this sort of static monster that had to be crossed to get to the South Pole, we scientists now are able to see the ice as a dynamic living entity that is sort of producing change, like the icebergs that I study». Dunque, egli riconduce la sua esperienza di scienziato che studia il ghiaccio antartico a quella degli esploratori dell’«età eroica», diversificando la prospettiva contemporanea rispetto a quella del passato e individuando una mobilità e una costante propensione al cambiamento dello spazio polare, a suo parere non percepita dai primi osservatori dell’Antartide.

3Tuttavia, anche per Scott e Shackleton il continente antartico non è affatto un mondo immobile e immutabile; anzi, proprio la mutevolezza del paesaggio e delle condizioni in cui occorre operare al suo interno è un aspetto centrale nelle narrazioni di esplorazione dei primi decenni del Novecento. Lo spazio antartico, in questo senso, costituisce l’emblema del cambiamento ambientale e su di esso si concentrano gli sguardi incrociati del passato e del presente. Probabilmente, ciò che invece accomuna il personaggio di Herzog e gli esploratori antartici britannici è l’idea del mistero che accompagna l’osservazione del ghiaccio nelle sue forme varie e mutevoli, delle forze ineffabili che governano questo elemento e racchiudono i segreti della stessa esistenza umana. Per usare un’espressione molto efficace che compare in Encounters at the End of the World, sono semmai i «cosmic dreams» a caratterizzare in maniera significativa gli obiettivi antartici di esploratori e scienziati. Questo riferimento fondamentale alla dimensione fantastica e sognante che invade l’area razionale e materiale pone l’attenzione sul compenetrarsi di tensione immaginativa e ricerca scientifica nei molteplici discorsi che riguardano l’Antartide.

4Del resto, proprio Scott, la figura che continua, a distanza di un secolo, a essere maggiormente rappresentativa dell’Antartide, fu un ufficiale della Marina britannica, che possedeva una buona formazione letteraria, accompagnata dagli interessi scientifici alimentati dalla sua professione e soprattutto dai contatti con la Royal Geographical Society e con il suo presidente Clements Markham ai tempi delle spedizioni che lo portarono al Polo Sud e alla morte. Le motivazioni scientifiche della British Antarctic Expedition del 1910-1912, che includevano ricerche meteorologiche, fisiche, biologiche e geologiche, vennero enfatizzate soprattutto in relazione alle caratteristiche puramente «sportive» dell’impresa rivale norvegese. E tuttavia merita di essere ricordato un dettaglio: uno degli amici più stretti di Scott fu J.M. Barrie, l’autore di Peter Pan (la cui prima rappresentazione teatrale risale al 1904). La connessione fra i due spiega indubbiamente il fascino esercitato dalla «Never-Never Land» sull’esploratore antartico: l’aspetto immaginativo non viene mai meno nella scrittura di Scott, che osserva il paesaggio con uno sguardo letterario e racconta le sue esperienze polari citando Shakespeare e i poeti romantici. L’interesse geografico, d’altra parte, accompagna l’opera di Barrie, che ama i racconti d’esplorazione e d’avventura, e apprezza la «gallantry» di chi la compie, che implica eroismo e introiezione dei valori nazionali. Barrie a sua volta idealizzerà in una visione romantica – il mito dell’eterna giovinezza che spetta agli eroi – il viaggio di Scott e la sua scomparsa fra i ghiacci. Il diario di Scott, ritrovato nella tenda in cui l’esploratore era morto assiderato assieme ai suoi ultimi compagni (essa stessa un oggetto di culto che però esiste solo a livello immaginativo, non essendosi conservata neppure in una testimonianza fotografica) rimane il dato fondamentale di un linguaggio che coniuga intimamente osservazione scientifica e spirito d’avventura, attenzione ai dettagli concreti e crescente senso della morte. Ma la coralità delle testimonianze raccolte nel tempo, riguardanti Wilson, Bowers, Oates e molti dei sopravvissuti, ben rese peraltro nel romanzo di Beryl Bainbridge The Birthday Boys (1991), genera un tessuto narrativo che riflette le diverse prospettive, affascinanti e ingannevoli, di un paesaggio «vuoto», «bianco», in cui si inscrive la storia dell’umanità novecentesca, che vorrebbe coniugare gli eroi del passato con le nuove possibilità aperte dalla scienza e dalla tecnologia.

5Vista la stimolante compresenza, nel passato e nel presente, di ricerca geografica e scientifica, necessariamente legate all’uso di tecnologie avanzate, e di aspetti letterari e immaginativi, l’Antartide costituisce un luogo privilegiato per ripensare le dinamiche spaziali e riflettere sulle modalità di percezione e rappresentazione dello spazio. L’ambiente polare australe articola le curiosità e le ansie generate dal contatto dell’elemento umano con quello non umano, del visibile con l’invisibile. Il Polo Sud è il luogo in cui si verificano gli incontri fra terrestre ed extraterrestre, ossia fra umanità e alterità. Lo spazio si rivela impossibile da dominare e da acquisire, occupato da un’alterità non assimilabile, da forze che sfidano e superano la pura comprensione umana. L’irriducibilità dell’Antartide rimanda alla dimensione visiva. Questo significa che è necessario un nuovo linguaggio per rappresentare lo spazio polare antartico, o, piuttosto, che il linguaggio deve sforzarsi di fornire nuovi significati e farsi mezzo di scambio fra l’umano e il naturale.

6Ancora oggi l’Antartide appare continuamente in bilico tra la materialità del ghiaccio, con la sua funzione cruciale in termini di effetti globali e cambiamenti climatici, e l’immaginazione. Materialità e immaginazione sono i due poli entro cui si colloca la possibilità di pensare e scrivere lo spazio. Nello specifico, non si può non ricordare che gli «Antarctic Studies» costituiscono un campo di studio emergente che interseca discorsi scientifici e culturali in senso multidisciplinare, coagulando interessi diversi e prospettando nuove ipotesi di ricerca. Tuttavia, nonostante le straordinarie possibilità che lo sviluppo tecnologico offre alla vita in un ambiente naturale estremo, nonostante le conoscenze scientifiche sempre più approfondite, nel ventunesimo secolo l’Antartide non è più leggibile al nostro sguardo, e non è meno pericoloso e letale di quanto lo fosse per Scott e i suoi compagni, essendo il luogo in cui l’umanità e la natura nella sua forma più incontrollabile e inassimilabile si confrontano e si sfidano. Nell’immaginazione letteraria, esso continua a generare storie di amore e di morte, come dimostra il romanzo di Kim Stanley Robinson Antartica (1997), che si apre con questa affermazione: «First you fall in love with Antarctica, and then it breaks your heart». È un mondo ora utopico, ora distopico, remoto nel tempo e nello spazio, eppure vicinissimo, che tocca profondamente il cuore, toglie il respiro, vive nella nostra immaginazione.

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search