Version classiqueVersion mobile

Tabucchi o del Novecento

 | 
Vincenzo Russo

Patrimoni della lingua portoghese: Antonio Tabucchi e la traduzione del Brasile letterario. Un ricordo

Roberto Vecchi

Note de l’auteur

Comunicazione presentata nell’omaggio a Antonio Tabucchi L’impegno del traduttore, organizzato da Roberto Mulinacci, il 4 marzo 2013, presso il Dipartimento di Lingue, Letterature e Culture Moderne dell’Università di Bologna. Ho mantenuto nel testo il tono colloquiale del ricordo presentato a voce, il che motiva anche l’esiguità del suo apparato.

Texte intégral

1A Bologna, la memoria dei nostri insegnamenti – Lingua e traduzione e Letterature portoghese e brasiliana – è strettamente intrecciata alla figura di Antonio Tabucchi. Se qualcuno prende in mano la prima edizione di Piazza d’Italia (1975) nota subito nel risvolto di copertina che il suo autore era all’epoca docente presso la Facoltà di Magistero di questa Università e insegnava, come si chiamava all’epoca, “Lingua e letteratura portoghese”.

2Fu una esperienza in un certo modo delimitata, ma credo sia importante segnalare come le materie che oggi insegniamo presso l’Università di Bologna, di ambito portoghesistico, siano state inaugurate ai suoi esordi, 40 anni fa, nel 1973, proprio da Antonio Tabucchi. Il che già in sé vale, da parte di tutti noi, riconoscenza e affetto. L’ultimo invito istituzionale che ricordi, venne rivolto allo scrittore quando, nel dicembre del 2007, Bologna conferì la Laurea Honoris Causa ad Eduardo Lourenço e il filosofo portoghese inviò a Antonio e a Zé un personale invito di partecipazione.

3Il pretesto di questo ricordo, a un anno dalla scomparsa di Antonio Tabucchi, è forse un tema piuttosto laterale nel vasto museo – uso il termine nel senso più alto e istituzionale – della sua opera.

4Anche se puntuale, una ricognizione su un ambito come quello del lavoro di traduttore di Tabucchi di autori brasiliani corrisponde a quell’“impegno” di “politica della lingua” dello scrittore ad ampio raggio che fissa nell’uso della lingua portoghese un preciso strumento di conoscenza e riconoscimento del mondo. O dei tanti mondi che il Portogallo ha dato al mondo, per ricorrere ad un verso tra i più noti (e forse meno rappresentativi) dei Lusiadi camoniani.

5La letteratura di Antonio Tabucchi scrittore, almeno per me, è segnata in modo profondo da una malinconia generata dal viaggio. Il viaggio che arricchisce e trasforma ma che al contempo cristallizza la sua memoria come una reliquia. Provo a spiegare meglio questa immagine. Nella narrativa, si avverte che la scrittura è la trama con la quale si trattiene un sentimento dello spazio altrimenti votato alla perdita o alla dispersione.

6Per chi si occupa di culture di paesi di lingua portoghese, l’opera di Tabucchi è un atlante e incontra in esso davvero quasi l’intera geografia della lingua. Ovviamente il Portogallo, ma anche le Azzorre, Goa, le atmosfere afroportoghesi. E anche, ma con una declinazione particolare, il Brasile.

7Assumo questo tema all’apparenza più periferico nell’opera critica di Tabucchi non solo perché si era strutturato su di esso l’idea originaria dei tre colleghi organizzatori di questo «ricordo lungo un anno» (Sei incontri per Antonio Tabucchi) di un grande collega scomparso. Ma perché credo che un Brasile di Tabucchi occupa nei vasti spazi della sua opera una posizione propria, non egemonica ma netta e riconoscibile.

8Lo attestano in modo chiaro alcune opere dello scrittore che fissano in particolare nella modalità della traduzione letteraria la cifra di un rapporto con un Paese come il Brasile che è parte – complessa, ancora non del tutto metabolizzata, ma ancora simbolicamente assai viva – del Portogallo così come, non per chiasmo, ma per pertinenza culturale, il Portogallo è una parte del tutto fondamentale per afferrare alcuni elementi essenziale della indecifrabile formazione brasiliana.

9La breve ricognizione che propongo – affatto soggettiva – lascia volutamente da parte molte altre sfaccettature brasilianistiche del lavoro di Tabucchi. Ne ricordo alcune. La presentazione alla Storia della letteratura brasiliana di Luciana Stegagno Picchio, tenuta da Tabucchi all’Ambasciata del Brasile, è significativa del gioco di rimandi non semplice che il rapporto Portogallo Brasile suppone. Potremmo trovare un altro accesso sempre laterale a tale dialogo nella polemica, tra le ultime, che coraggiosamente Tabucchi sollevò contro un aggrovigliato circolo politico-intellettuale franco-brasiliano che lo spinse a rinunciare, in conseguenza del caso Battisti, al Festival letterario di Parati (2011). O alla operazione traduttologico-teatrale con gli studenti del magnifico poema di João Cabral de Melo Neto, Vida e morte severina, messo in musica negli anni ‘60 da Chico Buarque, una traduzione pubblicata nel 2003 e recentemente ricordata da Antonio Melis nel volume Parole per Antonio Tabucchi (2013) curato da Roberto Francavilla.

10Ho scelto per questa presentazione che non intende intrecciare nemmeno maldestramente qualche filo di ricordo (se non di lettura), tre traduzioni di Tabucchi di testi letterari brasiliani. Dal momento che questa tappa bolognese della commemorazione è dedicata – almeno prevalentemente – alla attività del traduttore, azzarderò solo qualche piccola annotazione sui modi con cui Tabucchi pratica l’arte traduttoria su questi tre oggetti specifici. Ne scaturisce, a mio avviso, una immagine multidimensionale della lingua portoghese che merita qualche considerazione a margine.

11È proprio al suo arrivo a Bologna, nel 1974, che Tabucchi mette mano ad un doppio progetto che riguarda il Brasile. Il primo con la pubblicazione nel 1974 de Il treno di Recife di José Lins do Rego, contenitore costruito su isotopie tematiche di due romanzi – il primo e il quarto della pentalogia – del ciclo della canna da zucchero di Lins do Rego, Menino de Engenho e O moleque Ricardo. È importante sottolineare la filiazione dell’opera dalla traduzione del grande romanzo sempre di Lins do Rego, Fogo morto Fuoco spento, con cui nel 1956 aveva praticamente iniziato la sua carriera di lusitanista (è la pubblicazione n. 5 della sua sterminata bibliografia) la maestra di Antonio, Luciana Stegagno Picchio. Una curiosa e in un certo senso voluta coincidenza di inizi, dunque, concentrata su un classico del “Romance de 30” della letteratura nordestina.

12La traduzione, se un commento mi è permesso peraltro basato su prospezioni limitate, già evidenzia un impegno all’adeguamento del testo originale a una modalità elegante di prosa italiana, impostata su una scrupolosa attenzione verso la resa linguistica degli effetti della narrazione. È questa, l’attenzione per la lingua di arrivo, anche a scapito di possibili e immediate contiguità letterali, un tratto piuttosto evidente delle traduzioni letterarie qui riunite. Un frammento molto lineare ma in grado comunque di dare conto di questo impegno, al contempo filologico e stilistico:

A minha Tia Sinhàzinha era uma velha de uns sessenta anos. Irmã de minha avó, ela morava há longo tempo com o seu cunhado. Casada com um dos homens mais ricos daqueles arredores, o Dr. Quincas, do Salgadinho, vivia separada do marido desde os começos dos matrimônio. Era um temperamento esquisito e turbulento. Contava-se que um dia amanhecera num engenho de seu pai, amarrada num carro de boi, com uma carta do marido fazendo voltar ao sogro a sua filha. (Rego 1969: 14)

La zia Sinhàzinha era una vecchietta sulla sessantina. Sorella di mia nonna, abitava da molto tempo ormai col cognato. Sposata con uno degli uomini più ricchi dei dintorni, il dottor Quincas, del Salgadinho, viveva separata dal marito sin dai primi giorni del matrimonio. Era un temperamento strano e turbolento. Raccontavano che una mattina all’alba era apparsa alla piantagione del padre, legata su un carro da buoi, con una lettera del marito che la rispediva indietro. (Rego 1974: 35)

13Sempre nel ‘74, Tabucchi traduce un importante romanzo – soprattutto sul piano della storia letteraria – di Ignácio de Loyola Brandão, Zero. Qui l’impegno del traduttore trova una piena sanzione.

14La storia di Zero infatti costituisce un vero caso nei rapporti tra cultura e dittatura militare nel Brasile degli anni ‘70. Intitolato inizialmente Inauguração da morte, il romanzo «ambientato in un paese dell’America latina, domani» (Brandão 1974: 9) è scritto in un curioso montaggio sperimentale, di scritture e grafici, assecondando la tendenza allegorica della narrativa di quegli anni e costruendo uno sfondo iperrealista, distopico, dove tuttavia si colgono chiaramente i riflessi della violenza di stato in corso nel periodo più sanguinoso della repressione militare.

15Il libro non sarebbe mai potuto uscire nel Brasile del tempo e infatti la traduzione di Tabucchi nell’edizione Feltrinelli è la prima edizione in assoluto. Pubblicato e premiato poi in Brasile due anni dopo, il romanzo viene censurato. Riapparirà nel 1979, già nella fase di consolidamento dell’apertura politica.

16Si tratta dunque di un progetto di impegno politico a sostegno della opposizione al regime militare. Il romanzo è introdotto da una epigrafe di un poeta portoghese molto caro a Tabucchi Alexandre O’Neill (“O poema pouco original do medo”) che io ho sempre pensato fosse un contributo del traduttore. Invece, mettendo ora a confronto l’edizione brasiliana con quella italiana, mi sono accorto che anche su questo Tabucchi era un traduttore filologo che non irrompeva arbitrariamente sul testo di partenza. Anche qui, una campionatura renderebbe bene la qualità della traduzione di Tabucchi, soprattutto la capacità di rendere espressioni colloquiali o idiomatiche del brasiliano in corrispondenti di pari efficacia.

17Ma la traduzione dal brasiliano giustamente forse più nota, ancora in circolazione, di Tabucchi ha a che fare con la poesia e non con la prosa. Si tratta della antologia di 37 poesie di Carlos Drummond de Andrade, Sentimento del mondo, pubblicato da Einaudi nel 1987 della collezione di poesia.

18Molto opportunamente Stefano Benni, quando nel marzo 2012, subito dopo la morte dello scrittore, pubblicò un articolo in sua memoria, scelse proprio i versi di uno dei poemas più belli e forti di questa antologia, “Resíduo” di A rosa do povo («Rimane sempre un poco di tutto/A volte un bottone. A volte un topo» (Andrade 1987: 69)).

19L’incanto del volume nasce dai propositi del tutto antiaccademici o antieditoriali che ne hanno favorito la nascita, nell’idea di una traduzione come oggetto di dialogo, di accesso laterale ma decisivo al testo letterario

Dire che scelsi di tradurre le poesie che sentivo più vicine e congeniali, sembrerà banale. Meno banale, almeno per me, è forse il fatto che ogni poesia tradotta costituì la lettura privilegiata di una o più serate, durante un inverno trascorso in un paese della campagna toscana. (Andrade 1987: VII)

20La scelta delle poesie è solo parzialmente rappresentativa della voce poetica di Drummond. Ma si capisce subito che non è tra gli scopi dell’editore quello di fornire una sintesi dell’opera. Mancano per esempio testi chiave come “Oficina irritada” di Claro enigma. È un vaglio molto più sentimentale e personale quello di Tabucchi, con due testi autoritratto – dichiarazioni di poetica all’inizio e alla fine sull’ ars del poetare (“Poema de sete faces” di Alguma poesia e “A música barata” di Poemas inéditos).

21L’approdo a una scelta così caratterizzata avviene, esplicitamente, grazie anche ad un transito precedente – transito sostanziale – attraverso l’opera di Fernando Pessoa. Ma è interessante riassumere le direttrici lungo le quali distende le motivazioni delle scelte che formano un «certo Drummond», ancora largamente ignoto al pubblico italiano. Il versante privilegiato è allora quello che mostra Drummond come poeta moderno che odia la modernità e ne ha paura. Ne teme la violenza implicita, simbolica ma anche reale, associata ai rovesci della storia come dice Tabucchi «la violenza palese e la violenza subdola e surrettizia» (Andrade 1987: VI). Soprattutto la paura investe la raccolta, paura che è anche il titolo di un poema dorsale della antologia del massimo impegno civile di Drummond, A rosa do povo, («dopo la città, il mondo/dopo il mondo, le stelle/ballando il ballo della paura» (55)). La paura di avere paura della paura a cui il poeta reagisce con coraggio e fingimento, esibendo e non occultando l’esperienza del dolore: è questa la figura cultista, in un certo modo anche pessoana, che riveste il lato malinconico, riflessivo, forse anche umbratile per la proiezione di alcuni topoi chiave della poesia drummondiana nella raccolta come quelli della morte e della memoria.

22Ci sono poi molti tributi personali: per esempio la poesia di Claro enigma, “Um boi vê os homens”, che fornisce a Tabucchi come egli stesso esplicita nel Prologo di un’opera proprio di quegli anni, Donna di Porto Pim, (che contiene un testo che si chiama “Una balena vede gli uomini”) una figura di inversione essenziale: il mondo visto con gli occhi pensosi di un «lento animale» (81).

23Le scelte che informano un’arte della traduzione che è improntata, come dicevo, ad una idea di misura distillata in chiave di riflessione estetica e di gusto per la letteratura che si coglie nella presenza discreta ma fondamentale del traduttore, in poesie come per esempio il sonetto “Conclusão” di Fazendeiro do ar (1954) di cui vorrei fornire, d’immediato e in termini acritici, un frammento, per mostrare gli istanti – quasi l’intermittenza dei bagliori delle lucciole pasoliniane – in cui si intravedono gli occhi di Antonio lettore:

Os impactos de amor não são poesia
(tentaram ser: aspiração noturna).
A memória infantil e o outono pobre
vazam no verso nossa urna diurna.
[…]
De que se formam nossos poemas? Onde?
Que sonho envenenado lhes responde,
se o poeta é ressentido, e o mais são nuvens?

Le collisioni d’amore non sono poesia
(hanno cercato di esserlo: aspirazione notturna)
La memoria dell’infanzia e l’autunno povero
fluiscono nel verso della nostra urna diurna.
[…]
Di cosa si formano le nostre poesie? Dove?
Quale sogno avvelenato risponde loro,
se il poeta è un rancoroso, e il resto è nuvole?
(Andrade 1987: 94-95)

24Concludo con un’osservazione, scusandomi per lo schematismo di questo breve percorso. Per dare un titolo a questo ‘ricordo’ assai più di lettore (il Tabucchi che ho conosciuto rimane nella mia memoria e nel mio dolore del tempo) ho usato un termine che potrebbe sembrare spropositato ma che a mio parere rappresenta meglio di ogni altro il ‘peregrinare’ – verbo assai portoghese – di Tabucchi nelle sete partidas dei mondi della lingua portoghese. Si tratta del termine ‘patrimonio’ (al plurale). Uso questo termine, perché innanzitutto mostra un aspetto sostanziale che è quello della memoria culturale, parallelo ma anche alternativo al termine – problematico – di tradizione. Soprattutto, patrimonio presenta proprio nell’elemento del munus – termine ambiguo e concettualmente complesso – un affisso comune col termine comunità.

25E in una coscienza dove la lingua permette di riscattare i patrimoni non tangibili delle culture e dei saperi nei quali le comunità si sono rispecchiate e talora identificate anche se forse solo in modo illusorio, si iscrive il senso della lingua portoghese per Tabucchi, ben al di là delle tante possibili trappole sottese all’idea assai discutibile di ‘Lusofonia’: la lingua come il viaggio, come esperienza di memoria e di incontro le cui tracce sono labili e destinate – ancora una volte come le lucciole – a spegnersi e a disperdersi.

26Ed è nella letteratura che esse trovano una speranza di sopravvivenza, spesso solo illusoria. La possibilità, forse unica, di resistere e di conservarsi almeno come frammenti. È questo per me il Brasile letterario di Antonio Tabucchi.

Bibliographie

Andrade C. Drummond de, 1987, Sentimento del mondo. Trentasette poesie scelte e tradotte da Antonio Tabucchi, Torino, Einaudi.

Brandão I. Loyola de, 1974, Zero, trad. di Antonio Tabucchi, Milano, Feltrinelli.

Francavilla R. (a cura di), 2012, Parole per Antonio Tabucchi. Con quattro inediti, Roma, Artemide.

Neto J. Cabral de Melo, 2003, Morte e vida severina: rappresentazione del Natale pernambucano, trad. di Cristiana Bambini, R. Greco, D. Occelli, L. Rocchi, con una nota introduttiva di Antonio Tabucchi, Roma, Robin.

Rego J. Lins do, 1956, Fuoco spento, trad. di Luciana Stegagno-Picchio, Roma-Milano, Bocca, 1956.

—, 1969, Menino de engenho, Introdução de José Adelardo Castello e nota de João Ribeiro, Rio de Janeiro, José Olympio (1932).

—, 1974, Il treno di Recife. Due romanzi di José Lins do Rego, pref. di Luciana Stegagno Picchio e trad. di Antonio Tabucchi, Milano, Longanesi.

Tabucchi A., 1975, Piazza d’Italia, Milano, Feltrinelli.

Auteur

Professore associato di Letteratura Portoghese e Brasiliana presso l’Università di Bologna. In Portogallo, è ricercatore associato presso il CES (Centro de Estudos Sociais) della Università di Coimbra e presso l’ELAB, il Laboratório de Estudos Literários Avançados della Universidade Nova de Lisboa. In Brasile, è ricercatore CNPq e si occupa dei rapporti tra contesto storico e produzione culturale. È Honorary Professor (2012-2015) di Lusophone Studies presso la School of Cultures, Languages and Area Studies della University of Nottingham.

Acheter

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search