Version classiqueVersion mobile

Alimentazione, cultura e società in Africa. Crisi globali, risorse locali

 | 
Valerio Bini
, 
Martina Vitale Ney

Parte seconda. Politiche del cibo

Expo dei popoli: l’impegno della societa civile per l’Esposizione Universale del 2015

Martina Vitale Ney

Texte intégral

1. Introduzione

1L’assegnazione a Milano e all’Italia dell’Esposizione Universale 2015 dal titolo “Nutrire il Pianeta. Energia per la Vita”, offre alla società civile italiana l’opportunità di condividere – in primo luogo con la comunità nazionale, ma poi con tutti gli interlocutori che a livello globale accetteranno il confronto – idee e proposte su un tema strategico per la pace e il futuro dell’umanità.

2Secondo quanto dichiarato, l’Expo2015 potrebbe essere l’occasione per condividere con i popoli del mondo intero esperienze, progetti e strategie per nutrire il pianeta e per garantire energia per la vita alle future generazioni.

3Un’occasione importante non solo per indirizzare le risorse di quello specifico evento verso obiettivi di sostenibilità, e compatibilità ambientale o di apertura all’impegno per la lotta contro la povertà e per lo sviluppo sostenibile, ma anche – e soprattutto – per la capacità di far emergere durante l’Esposizione e diffondere, anche dopo la chiusura dell’evento, con forza e coerenza le condizioni culturali, sociali, tecnologiche e ambientali necessarie per essere cittadini di un mondo più sostenibile ed equo per tutti.

4A questo proposito è nato l’Expo dei Popoli, un coordinamento di Associazioni, Organizzazioni non governative (Ong) e Reti di organizzazioni espressione della società civile nazionale e internazionale, che dal 2007 ha iniziato a lavorare insieme – da quando vi fu la candidatura di Milano al Bureau International des Expositions (BIE) – discutendo i temi dell’Expo2015.

5Nel 2011 più di 50 di queste realtà sono state firmatarie di un Manifesto politico-culturale incentrato sul paradigma della sovranità alimentare e ambientale che si vuole proporre come chiave di lettura e modello di riferimento per nutrire il mondo, rispondendo alle sfide poste da Expo2015 (Expo dei Popoli 2014).

  • 1   Tra i soci promotori e sottoscrittori del Comitato si segnalano: Acra-Ccs, Action Aid, Agices, Ai (...)

6A supporto di questo processo, nel novembre del 2012, si è costituito un Comitato di scopo1 composto da oltre trenta Associazioni e Ong di diversa ‘vocazione’ e natura che in modo sinergico stanno lavorando alla realizzare, nel giugno del 2015, di un forum, il Forum dei Popoli, che porterà a Milano e in Italia le analisi e le proposte della società civile e dei movimenti contadini mondiali sui temi dell’Esposizione Universale – con l’obiettivo di discutere le politiche di sviluppo e di lotta alla povertà – offrendo così un contributo sia all’eredità politico-culturale della manifestazione, che al dibattito internazionale sulla nuova Agenda di Sviluppo Post-2015.

7Le diverse Organizzazioni del Comitato condividono un senso di forte responsabilità che viene dalla consapevolezza di non essere riusciti – fino ad oggi – a garantire una vita almeno decorosa a quel miliardo di uomini e donne che vive in condizioni di assoluta precarietà, così come al crescente e preoccupante numero di nuovi poveri che, giorno dopo giorno, sempre più sperimentano la miseria nelle periferie urbane, nei paesi più vulnerabili, così come in quelli convenzionalmente inclusi tra quelli più industrializzati. La cronaca degli avvenimenti di questi ultimi tempi, in tema di migrazioni, è la prova più evidente delle nuove urgenze da porre all’attenzione dell’Europa e del mondo intero.

  • 2   Sono le megalopoli del Sud del mondo a essere le città più popolose dell’intero pianeta, la loro (...)

8La popolazione urbana del pianeta ha superato per la prima volta quella rurale2; la desertificazione e la competizione sulla destinazione d’uso dei suoli, aggravate dalle speculazioni su cibo e materie prime, rendono ancora più difficile la condizione dei poveri della Terra. I forti cambiamenti climatici, la carenza di risorse idriche, la perdita continua di biodiversità e non ultimo il sovra-sfruttamento delle risorse naturali incrementano inevitabilmente la fame e la povertà.

9La crisi alimentare, aggravatasi ripetutamente in questi ultimi anni, pone problemi di governo, di distribuzione delle risorse e di autodeterminazione delle popolazioni. Il cibo, lungi dall’essere un diritto garantito universalmente, viene considerato solo una merce da cui trarre più profitto possibile e l’aumento dei prezzi delle derrate alimentari incrementa il numero delle persone che sono cronicamente malnutrite.

  • 3   Per approfondimento del tema si veda Shiva 2003.

10Allo stesso tempo aumenta il fabbisogno energetico, mentre il crescente ricorso ai combustibili fossili è all’origine dei forti cambiamenti climatici di questi ultimi decenni e di tensioni internazionali per il controllo delle risorse che spesso sfociano in gravi conflitti armati3.

11La povertà diventa miseria (Rahnema 2003) e i miserabili sono ridotti a fantasmi: impresentabili e per questo invisibili. Sono le donne, che giocano un ruolo essenziale nella produzione agricola in generale e in quella alimentare in particolare, nelle zone rurali del Sud del mondo – ma non solo – che soffrono in modo particolare, a cui viene negato l’accesso a risorse di fondamentale importanza quali il credito, la terra e il patrimonio ereditario. Il loro lavoro, fondamentale per la sopravvivenza delle proprie famiglie e nuclei di appartenenza, difficilmente viene ricompensato e riconosciuto: non solo i bisogni primari vengono negati, ma anche le opportunità e le scelte.

12È un modello di sviluppo ad essere in profonda crisi nel Nord come nel Sud del mondo, con degli stili di vita che oggi, più che mai, devono essere rivisti perché non più sostenibili. Un nuovo modello che deve considerare i limiti che la natura impone alla produzione di beni e servizi, che dovrà mantenere in armonia sostenibilità ambientale, coesione sociale, equità e crescita economica, avendo come indicatore la qualità della vita a tutte le latitudini, così come la partecipazione delle popolazioni nella formazione delle politiche agricole. Solo facendo nostra tale responsabilità e aprendoci ad un serio confronto potremo onorare i temi e i contenuti espressi nel titolo di Expo2015.

13In questo contesto, l’appuntamento milanese deve essere un’occasione importante anche per ripensare una nuova globalizzazione, un percorso comune da intraprendere consapevolmente tra gli attori della società civile con le imprese, le istituzioni e governi del Nord e del Sud del mondo. Una globalizzazione virtuosa, in grado di valorizzare – anziché appiattire – le differenti identità e culture, le caratteristiche locali e degli ecosistemi, che rappresentano la vera ricchezza del pianeta. La globalizzazione delle opportunità e della partecipazione, contro quella dello sfruttamento e dell’esclusione.

14L’obiettivo del progetto dell’Expo dei Popoli è di rendere veramente concreta e fattiva la partecipazione della società civile sia prima che durante l’Esposizione Universale del 2015. A questo riguardo si ricorda, infatti, che la partecipazione della società civile all’Expo – per la prima volta nella storia del BIE invitata come “non official participant” – è stata elemento caratterizzante per la vittoria di Milano su Smirne. Una novità importante da valorizzare e capitalizzare dando voce alle reti indipendenti della società civile facendo crescere il dibattito pubblico sui temi e sulle proposte in campo per aumentare la partecipazione attiva.

15Il riferimento al Manifesto di Expo dei Popoli garantisce che i temi siano declinati su priorità quali le questioni ambientali e di genere, l’accesso alle risorse, il diritto all’acqua e alla terra, la valorizzazione di buone pratiche sia a livello locale che globale. Tutti ambiti che caratterizzano le istanze da proporre in vista di Expo 2015 e che potranno essere indicatori importanti nella concretizzazione e nella implementazione della Nuova Agenda di Sviluppo del Millennio che verrà presentata all’Onu nel settembre 2015.

2. Le collaborazioni dell’Expo dei Popoli e gli accreditamenti istituzionali

16Il lavoro di accreditamento portato avanti in questi ultimi due anni presso le Istituzioni e gli interlocutori più riconosciuti in termini di impegno per la lotta alla povertà, e per lo sviluppo sostenibile, tanto a livello mondiale quanto a quello locale, ha consentito a Expo dei Popoli di divenire soggetto di riferimento in vista dell’Esposizione Universale.

  • 4   Si tratta di un progetto consortile che ha visto la costituzione di un’associazione temporanea di (...)

17A questo riguardo vale la pena ricordare l’interlocuzione intrapresa con la Direzione Generale Cooperazione allo Sviluppo (Dgcs) del Ministero degli Affari Esteri (Mae), che si inserisce nel percorso del Sistema Italia verso Expo2015, che ha portato al sostegno del progetto “Expo dei Popoli: informazione ed educazione alla sicurezza e alla sovranità alimentare verso il 20154”.

  • 5   Concord Italia è la Piattaforma nazionale delle Ong Italiane che operano in ambito europeo nel ca (...)

18Inoltre, il Comitato è stato invitato a prendere parte in maniera attiva al progetto per la Presidenza Europea dell’Italia nel secondo semestre del 2014 (1 luglio-31 dicembre) attraverso la piattaforma Concord Italia5, che coordina le attività della società civile con il progetto “More and Better Europe. Più Cooperazione in Europa. Più Europa nella Cooperazione”. Obiettivo di Concord è di informare i decisori italiani e europei sulle proposte e richieste della società civile, aumentando il dibattito e mobilitando l’opinione pubblica sui temi del diritto al cibo e sicurezza alimentare, l’Agenda Post-2015, la coerenza delle politiche, migrazione e sviluppo, ultimo, ma non meno importante lo sviluppo del partenariato pubblico privato, proponendo un articolato programma di eventi e attività.

19Il 14 luglio a Firenze, proprio all’inizio dei lavori della Presidenza italiana, in occasione dell’incontro informale dei ministri dello sviluppo europei, Expo dei Popoli ha organizzato l’incontro dal titolo “Feeding the planet through democracy and diversity”, che ha visto dibattere Ong, Istituzioni, rappresentati di organizzazioni contadine e di imprese private sul ruolo critico giocato da molte politiche europee nell’importante partita della sicurezza e sovranità alimentare, con l’intento di mettere in luce i correttivi da intraprendere e illustrare le possibili alternative. Ospite d’eccezione è stato Oliver De Schutter che è stato Special Rapporteur Onu sul diritto al cibo.

20Si segnala anche la partecipazione al Civil Society Mechanism Forum della FAO dell’ottobre 2013.

21A livello istituzionale, si evidenzia il significativo appoggio del Comune di Milano a favore del Comitato Expo dei Popoli con la mozione del Consiglio Comunale del 14 gennaio 2013 che ha impegnato il Sindaco e la Giunta a sostenere il percorso di Expo dei Popoli e la realizzazione del Forum.

22Un supporto che si era già tradotto in collaborazioni virtuose sia durante gli eventi collaterali all’International Participants Meeting (IPM) – organizzato dalla Società Expo 2015 spa – dell’ottobre del 2012, con la realizzazione della Prima Conferenza Internazionale dal titolo: “La società civile globale per il diritto al cibo e alla terra”, che ha ospitato diversi ospiti internazionali che hanno discusso i temi del Manifesto, sia con le attività che si sono svolte nel corso dell’anno seguente nell’ambito degli Expo Days di maggio e con il Food People Festival di ottobre organizzato in occasione della Giornata Mondiale dell’Alimentazione: due giorni di incontri, proiezioni e mostre che hanno raccontato esperienze concrete di sistemi alimentari alternativi e buone pratiche per un’agricoltura sostenibile proposte da alcune delle organizzazioni che fanno parte del Comitato.

23Il sostegno del Comune è proseguito con la progettazione congiunta su Bando DEAR dell’Unione Europea riservato alle Autorità Locali, con il Comune di Milano capofila e Comitato Expo dei Popoli partner italiano. Il progetto, dal titolo “Smart Cities for Development”, è stato costruito insieme all’Assemblea Generale Italiana del Commercio Equo e Solidale (Agices), Grain, World Fair Trade Organization e otto municipalità di Spagna, Belgio, Olanda, Francia, Colombia e Italia.

24L’Expo dei Popoli collabora inoltre con il Comitato Scientifico Expo 2015 del Comune di Milano, composto dalle sette Università milanesi e coordinato dalla Prof.ssa Claudia Sorlini.

25Anche la Fondazione Triulza, che di concerto con la Società Expo spa, gestirà le attività che si svolgeranno nella Cascina Triulza – ad oggi l’unico manufatto esistente all’interno del sito espositivo, e l’unico che rimarrà alla città di Milano come lascito dell’evento internazionale, diventando la Casa della Società Civile milanese, appoggia il progetto dell’Expo dei Popoli in quanto rispondente ai contenuti del documento “Exploding energies to change the world” che ‘regolerà’ la proposta culturale all’interno della Cascina.

26Fondazione Cariplo ha avviato, invece, con il Comitato un’interlocuzione che sfocerà sia in un appoggio alla realizzazione delle attività del Forum dei Popoli, sia a una collaborazione in occasione della 26° Assemblea Generale dello European Foundation Center prevista a Milano a maggio del 2015.

27Appoggio e interesse a sostenere il progetto, affinché il Forum dei Popoli possa discutere delle politiche di sviluppo e di lotta alla povertà, e far giungere a tutti i governi riuniti alle Nazioni Unite le proposte della società civile e dei popoli del mondo, si è dimostrato anche dall’Associazione delle Organizzazioni Italiane di Cooperazione e Solidarietà internazionale (AOI), da Link2007, dal Coordinamento Italiano Network Internazionali (CINI), dalla Coalizione Italiana contro la Povertà (GCAP) e dall’Associazione Nazionale Comuni Italiani (ANCI).

3. Campagne di sensibilizzazione e Forum dei Popoli

28La fase di preparazione al Forum prevede l’individuazione e il coinvolgimento di Reti nazionali e internazionali, inerenti i temi della sovranità alimentare e ambientale, che animeranno i lavori con una ventina di delegazioni multi-paesi (circa 200 delegati). A mo’ di esempio si segnalano: La Via Campesina, Nyéléni Europe Movement, Red Vida, European Water Movement, Climat Action Network, Rainforest Action Network, Slow Food International, Bankwatch Network, Beyond2015, Human Rights Watch, solo per segnalarne alcune.

29I lavori preparatori, in dodici città del territorio nazionale, coinvolgeranno anche varie realtà italiane portatrici di buone pratiche locali di sovranità alimentare, che si confronteranno con quelle provenienti dal Sud del mondo. A titolo esemplificativo ci si riferisce a: gruppi di acquisto solidale, distretti di economia solidale, esperienze di agricoltura sociale, produttori biologici, last minute market, banchi alimentari, cooperative su terreni sottratti alla mafia, etc.

30Queste realtà sono a loro volta veri e propri ‘moltiplicatori’ dei diversi soggetti che si vogliono coinvolgere nel momento di avvicinamento al Forum, ovvero il mondo scuola, gli insegnanti e gli studenti con le loro famiglie, i volontari e i vari operatori della società civile, gli studenti universitari, i funzionari di Enti Locali, gli imprenditori di realtà no profit e del privato locale. Il lavoro di engagement e networking nazionale e internazionale prevederà dunque due percorsi tra loro distinti, ma complementari: quello italiano caratterizzato da obiettivi di sensibilizzazione, quello internazionale con una funzione più spiccatamente di advocacy. Due percorsi fortemente connessi che porteranno al Forum che si svolgerà nella prima metà del mese di giugno 2015 e sarà caratterizzato da sessioni di lavoro realizzate con modalità partecipative, da cui scaturiranno le proposte da inserire nella dichiarazione finale. Quest’ultima riporterà le principali raccomandazioni rivolte ai governi in vista dell’attuazione della nuova Agenda di Sviluppo Post-2015 e verrà utilizzata dal Comitato dell’Expo dei Popoli per tutta la durata dell’Esposizione, fino alla fine di ottobre, per sensibilizzare l’opinione pubblica, i governi e le imprese private presenti all’evento, contribuendo al lascito culturale dell’evento milanese.

31Il Forum dei Popoli si svolgerà in parte all’interno degli spazi della Cascina Triulza (le due riunioni plenarie di inizio e fine lavori), mentre i gruppi di lavoro tematici saranno portati in altri luoghi, per una maggiore ‘contaminazione’ di tutto il tessuto urbano di Milano; in modo tale da entrare in contatto con le diverse ‘anime’ della città che lavorano per il rafforzamento del ruolo delle filiere agroalimentari alternative a livello locale, rappresentative di un nuovo ‘sentire’ che coniuga territorialità, partecipazione e democrazia dei processi.

  • 6   È stato sperimentato negli ultimi vent’anni in differenti paesi del mondo e impiegato nella gesti (...)

32Lo svolgimento del Forum avverrà secondo i principi dell’Open Space Technology6, una metodologia innovativa che permette di creare gruppi di lavoro e riunioni particolarmente partecipativi e produttivi. In tempi relativamente brevi si produrrà un documento riassuntivo di tutte le proposte e progetti elaborati dal gruppo, l’instant report, un documento che oltre alla sua utilità pratica diviene testimonianza di un lavoro fatto e garante degli impegni presi.

4. Conclusioni

33Al momento della scrittura dell’articolo il lavoro del Comitato dell’Expo dei Popoli è ancora in fase di attuazione. Manca meno di un anno all’inaugurazione dell’Esposizione Universale e la realizzazione del Forum dei Popoli è in fase di avvio.

34La decisione di dedicare un approfondimento all’Expo dei Popoli nella cornice de Le ricchezze dell’Africa ha più ragioni e significati.

35Innanzitutto, già nel 2008 Le ricchezze dell’Africa, in concomitanza con la crisi alimentare di quegli anni – spinta dalla speculazione legata al cibo – avevano dedicato al tema dell’alimentazione la loro terza Giornata di Studi dal titolo Piatto pieno, piatto vuoto, prodotti locali, appetiti globali. In tempi ancora lontani dall’’Esposizione Universale del 2015, l’aver ‘giocato’ con il ‘significato’ delle parole sottolineava l’ormai sempre più stretta interconnessione dei mercati mondiali e l’esigenza, da parte delle società africane, di limitare il più possibile la dipendenza nell’ambito agroalimentare dall’instabilità del mercato mondiale del cibo, investendo sempre più nelle proprie risorse materiali e immateriali.

36In quella occasione, la ricerca del Gruppo si era concentrata sulle politiche pubbliche e sulle pratiche locali volte a promuovere la sovranità alimentare che, come si è detto nell’articolo, è tema privilegiato di approfondimento e discussione anche per Expo dei Popoli.

37Un ulteriore punto di incontro tra il gruppo di ricerca de Le ricchezze dell’Africa e il Comitato di Expo dei Popoli risiede nella comune vocazione a leggere e rappresentare la complessità dei temi di interesse, avviando il confronto di analisi tra realtà che portano con sé differenti bagagli di ricchezza e conoscenza.

38Le ricchezze dell’Africa, che sono nate con la finalità di promuovere la ricerca e la riflessione sulle risorse materiali e immateriali del continente africano – cercando da sempre di spiegarne la complessità – fin dalla loro prima edizione nel 2004 hanno dato vita a un progetto dal carattere fortemente interdisciplinare. Inoltre, si sono sempre caratterizzate per aver offerto elementi di stimolo per nuove forme di conoscenza dell’Africa volte a valorizzare le sue ricchezze culturali attraverso il costruttivo confronto tra ricercatori universitari e operatori sul campo provenienti dal mondo delle Ong (Amref e Mani Tese in particolare), che hanno concorso a modificare una lettura spesso falsata, talvolta poco veritiera e legata ad immagini stereotipate della realtà africana.

39Dal canto suo, anche il Comitato dell’Expo dei Popoli rappresenta la complessità della società civile impegnata sui temi della sovranità alimentare, del diritto al cibo, all’acqua, alla terra, alla salute e alle altre risorse. Come si è anticipato nell’articolo, le Ong di diverse dimensioni e natura, le varie associazioni ambientaliste (e non), le reti della società civile nazionale e internazionale che lo compongono, grazie anche alla propria esperienza nel campo della cooperazione internazionale, sono quelle che più di ogni altro soggetto detiene la conoscenza, i saperi e le buone pratiche - sia a livello locale che globale - per trovare soluzioni concrete, realizzate dal basso, alla lotta alla povertà, allo sviluppo sostenibile, alla tutela dell’ambiente e alla salvaguardia di risorse importanti come l’acqua e la terra.

40Molti punti di incontro tra i due progetti e un’occasione importante per Expo dei Popoli di essere presentato e inserito in una cornice ‘culturale’ e di ricerca che ne comprenda obiettivi e finalità. Similitudini e ‘contatti’ che è stato interessante e proficuo mettere a confronto nella cornice della Quinta Giornata di Studi in attesa della realizzazione nel Giugno 2015 del Forum dei Popoli. In quell’occasione i movimenti dei contadini, allevatori, pescatori e le reti della società civile nazionale e internazionale (del Nord e Sud del mondo) verranno a Milano per discutere temi e questioni in merito alla sovranità alimentare, idrica, ambientale, la conservazione delle risorse, il riconoscimento dei diritti umani e l’accesso alla salute. L’obiettivo sarà di dare voce a chi realmente “conosce” il ruolo delle filiere agroalimentari affinché si possa incidere sulle scelte che riguardano la produzione, la distribuzione e consumo di cibo.

41Inoltre, Expo dei Popoli con Il Forum vuole leggere e rappresentare anche la complessità e “ricchezza” delle proposte che arriveranno da quei Paesi del Sud del mondo, che all’interno dell’Esposizione Universale non avranno un proprio padiglione, ma saranno “rappresentati” in Cluster tematici, ovvero, spazi espositivi che valorizzano una coltura alimentare che dovrebbe “raccontare” e rappresentare, meglio di ogni altra, il Paese stesso.

42Visioni e approcci di analisi distanti e quasi in antitesi nel rappresentare la complessità, ma di cui bisognerà tenere conto per assicurare adeguato accesso al cibo e tutelare il diritto alla salute e a una sana alimentazione. Sarà importante garantire un’assunzione di responsabilità da parte non solo degli Stati, delle Istituzioni e del mondo profit, ma anche dei cittadini consumatori, con la scelta di processi partecipativi fondati sulla democrazia, la responsabilità individuale e collettiva, secondo principi di solidarietà e dando vita a nuovi modelli di economia.

Bibliographie

Croce B., Angiolini S., 2013, La terra che vogliamo. Il futuro delle campagne italiane, Milano, Edizioni Ambiente.

Colombo L., Onorati A., 2009, Diritti al cibo, Milano, Jaca Book.

Choplin G.-Strickner A., et al. (a cura di), 2009, L’Europa e il ritorno dei contadini. Sovrànità alimentare e politiche agricole europee, Milano, Jaca Book, 2010.

De Castro P., 2011, Corsa alla terra. Cibo e agricoltura nell’era della nuova scarsità, Roma, Donzelli.

Expo dei Popoli, 2014, Manifesto per l’Expo dei Popoli, http://expodeipopoli.it/wp-content/uploads/2013/09/EXPO-dei-Popoli-Manifesto_IT.pdf

Gallino L., 2000, Globalizzazione e disuguaglianze, Bari, Laterza.

Patel R., 2008, I padroni del cibo, Milano, Feltrinelli.

Pérez-Vitoria S., 2005, Il ritorno dei contadini, Milano, Jaca Book.

Rahnema M., 2003, Quando la povertà diventa miseria, Torino, Einaudi.

Shiva V., 1988, Terra madre. Sopravvivere allo sviluppo Torino, Utet.

—, 2003, Le guerre dell’acqua, Milano, Feltrinelli.

—, 2005, Le nuove guerre della globalizzazione. Sementi, acqua e forme di vita, Torino, Utet.

Notes

1   Tra i soci promotori e sottoscrittori del Comitato si segnalano: Acra-Ccs, Action Aid, Agices, Aiab Lombardia, Ai.Bi, Amref, Arci, Arcs, Associazione Arcobaleno, Chico Mendes, Cicma, Coe, Colomba, Cooperativa Cambiamo, Cospe, Deafal, Desr Brianza, Desr Martesana, Focus Puller, Fratelli dell’Uomo, Gvc, Ibva, Intervita-WeWorld, Ipsia nazionale, Iscos, Istituto Oikos, Legambiente, Mani Tese, Oxfam, Pax Christi, Pime, Progetto Axè, Slow Food, Soleterre, Tavolo Res, Terre di Mezzo, Vis, Wwf. Tra i sostenitori del Manifesto dell’Expo dei Popoli si contano le principali Reti di Ong italiane (AOI, CINI, Concord Italia, Colomba e Link 2007), la Fondazione Triulza e il Comune di Milano.

2   Sono le megalopoli del Sud del mondo a essere le città più popolose dell’intero pianeta, la loro crescita negli ultimi decenni è stata ‘esplosiva’ ed inarrestabile. La mancanza di pianificazioni urbane, e di politiche governative per la fornitura di terreni e case a basso costo per le fasce più indigenti della popolazione, ha costretto i poveri urbani ad edificare abitazioni illegali e a vivere in insediamenti informali (slum) che presentano forti criticità sia da un punto di vista igienico-sanitario, che di sicurezza, nonostante si riconoscano spesso come ‘laboratori’ di forte creatività e di vincenti soluzioni di vita dal basso.

3   Per approfondimento del tema si veda Shiva 2003.

4   Si tratta di un progetto consortile che ha visto la costituzione di un’associazione temporanea di scopo (ATS), costituita da 9 Ong (ActionAid, Amref, Arcs, Cospe, Acra-Ccs, Intervita-WeWorld, Iscos, Oxfam), di cui Mani Tese è capofila.

5   Concord Italia è la Piattaforma nazionale delle Ong Italiane che operano in ambito europeo nel campo della cooperazione allo sviluppo dell’aiuto umanitario, dell’educazione globale, della sensibilizzazione del pubblico, attraverso programmi, progetti e iniziative di lobbying e advocacy e campagne. Concord Italia fa parte di Concord Europe, la Confederazione a cui aderiscono più di 1800 tra Ong e Associazioni europee impegnate sui temi dello sviluppo e delle emergenze, l’interlocutore principale della Commissione Europea e delle altre istituzioni comunitari in tema di sviluppo.

6   È stato sperimentato negli ultimi vent’anni in differenti paesi del mondo e impiegato nella gestione di gruppi composti da un minimo di cinque a un massimo di 2 mila persone, in conferenze della durata di una, due o anche sei giornate.

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search