Version classiqueVersion mobile

Alimentazione, cultura e società in Africa. Crisi globali, risorse locali

 | 
Valerio Bini
, 
Martina Vitale Ney

Parte seconda. Politiche del cibo

Le luci delle navi... la pesca in Guinea Bissau

Valerio Bini

Texte intégral

1. Introduzione

1Il presente articolo analizza, attraverso uno studio di caso relativo alla pesca in Guinea Bissau, il rapporto complesso, talvolta contraddittorio, tra la dimensione locale e quella globale nell’economia e nella società dell’Africa contemporanea. In particolare saranno oggetto di analisi le strategie di pesca artigianale da una parte e le politiche di pesca dell’Unione Europea nei mari africani, dall’altra.

 

  • 1   La superficie del paese è di 36.000 km2, poco meno della Svizzera.

2La Guinea Bissau è uno stato costiero dell’Africa occidentale, situato in un’area confinante con il Senegal e la Guinea Conakry. Si tratta di uno stato di piccole dimensioni1, il cui territorio può essere diviso in due parti: la zona continentale, caratterizzata da un clima tropicale più umido sulla costa e progressivamente più secco all’interno, e l’arcipelago delle Bijagos, un gruppo di 88 isole di dimensioni variabili, la principale delle quali è quella di Bubaque.

3La popolazione del paese è di circa 1,5 milioni di persone, in buona parte concentrate nella capitale, Bissau (400.000 ab.), città fondata nel XVII secolo dai colonizzatori portoghesi. La Guinea Bissau è uno degli stati più poveri del pianeta e occupa una delle ultime posizioni (176°/187) nella classifica dello Sviluppo Umano stilata ogni anno dal Programma delle Nazioni Unite per lo Sviluppo (UNDP, 2013).

  • 2   La gran parte del pesce, come si vedrà, non viene tecnicamente esportata perché è parte degli acc (...)
  • 3   Nel 2003, nel 2004, nel 2009 e nel 2012.

4L’economia, come spesso accade in Africa, è sostanzialmente bipartita: da una parte vi è un settore informale che non appare nei dati ufficiali, ma che di fatto interessa direttamente la gran parte della popolazione, soprattutto a basso reddito; dall’altra si trova un’economia ufficiale focalizzata sull’esportazione di poche materie prime i cui canali commerciali sono controllati da pochi soggetti nazionali e stranieri. Nel caso della Guinea Bissau il principale prodotto di esportazione è l’anacardio, seguito da arachidi, legname, semi di palma e pesce2. La situazione politica è estremamente precaria: dopo l’indipendenza, raggiunta nel 1974, il paese è stato governato in regime monopartitico fino al 1991, quando si è avviata una transizione al multipartitismo che però è stata segnata da grande conflittualità, sfociata nella guerra civile della fine degli anni Novanta. Dopo la fine del conflitto si sono susseguiti quattro colpi di stato3, privando di fatto il paese della possibilità di consolidare un sistema stabile di diritti civili.

5Uno degli elementi di maggiore criticità è dato dal ruolo svolto dalle forze militari del paese, che costituiscono di fatto un potere autonomo privo di una qualsiasi forma di reale controllo politico. Sono queste forze ad aver guidato l’ultimo colpo di stato, nell’aprile del 2012.

2. La pesca in Guinea Bissau

6La Guinea Bissau dispone di un notevole potenziale di pesca che potrebbe rappresentare un elemento strategico per il miglioramento delle condizioni di vita degli abitanti, sia in termini di attività artigianali destinate all’autoconsumo e al mercato locale, sia in prospettiva di uno sviluppo del settore industriale. Nonostante la sua superficie limitata, la Guinea Bissau dispone di una lunghezza di coste piuttosto significativa (più di 3000 km), generata dalla conformazione frastagliata e dalla presenza delle isole.

7Il paese si affaccia sul settore dell’Oceano Atlantico denominato dalla FAO “Cape Verde Coastal” (34.3.1, sub-sezione 34.3.13) che copre l’area più prossima alla costa dell’Africa occidentale, nella zona compresa tra il Senegal a Nord e la Guinea Conakry a Sud. Si tratta di un’area dall’elevato potenziale: secondo ricerche condotte alla fine degli anni Novanta (Horemans 1996; AFDB 2001), la Guinea Bissau avrebbe un potenziale annuo di pesca di circa 250-300.000t, il secondo della subregione dopo la Mauritania. Il recente incremento della pesca nell’area ha però probabilmente ridotto tali valori.

  • 4   La distinzione tra pesca industriale e pesca artigianale non è definita in modo univoco. Tuttavia (...)

8I dati relativi alla pesca totale nelle acque del paese sono piuttosto incerti e le stime variano sensibilmente nei diversi studi. In generale tuttavia è possibile affermare che in Guinea Bissau vengano pescate ogni anno circa 100.000 tonnellate di pesce, di cui circa 50.000 attraverso sistemi di tipo industriale e altrettante con modalità artigianali4 (Horemans 1996; AFDB 2001).

9I dati ufficiali relativi alla flotta nazionale sono molto più bassi (inferiori a 7000 t) per due ordini di motivi: da una parte, infatti, la gran parte della pesca industriale è effettuata sotto bandiere diverse da quelle nazionali; dall’altra il settore della pesca artigianale si sviluppa al di fuori della formalità uscendo di fatto dalle statistiche ufficiali. Per comprendere il contesto occorre dunque analizzare separatamente i due ambiti.

2.1. La pesca artigianale

10La pesca artigianale è un settore molto rilevante per l’economia del paese anche se, considerato il suo carattere perlopiù informale, non appare nelle statistiche ufficiali. Le stime relative al numero di pescatori variano secondo le diverse ricerche, anche perché per molte persone la pesca rappresenta un’attività di tipo stagionale, ma rimangono comprese tra 3000 e 10.000 persone (Macías González 2007). La pesca artigianale costituisce un elemento chiave delle strategie economiche delle famiglie, sia direttamente, contribuendo in modo sostanziale all’alimentazione locale, sia indirettamente attraverso la trasformazione e la commercializzazione del pescato. Il piatto base per la popolazione della Guinea Bissau è infatti costituito da riso e pesce e il consumo di pesce pro-capite è il più alto della subregione.

  • 5   L’Accordo con l’Unione Europea in teoria prevede un sostegno alla pesca artigianale, ma l’impatto (...)

11Le stime relative alle barche coinvolte variano secondo i diversi studi e sono comprese tra 1000 e 2000 unità. Si tratta in gran parte di piroghe costituite da un semplice scafo ricavato da un unico pezzo di legno, solo per un quarto dotate di motore. Una parte minore, ma significativa, di imbarcazioni (20%) è di tipo ‘senegalese’, più strutturata, di norma motorizzata. Il dato mostra indirettamente il ruolo svolto nella pesca artigianale dai pescatori stranieri: gli immigrati, in gran parte senegalesi, ma anche provenienti dalla vicina Guinea Conakry e da altri paesi della subregione costituiscono infatti circa il 25% del totale dei pescatori coinvolti nella pesca artigianale. Oggi la criticità più rilevante è costituita dalla mancanza di materiali per la pesca: l’assenza di un pur minimo apparato industriale costringe i pescatori ad importare tutti i materiali necessari alla pesca5.

2.2. La pesca industriale

12La componente esogena osservata nella pesca artigianale appare ancora più marcata nel caso della pesca di tipo industriale. Secondo i dati del 2008, infatti, nel paese, erano presenti 124 navi per la pesca industriale, di cui solo 3 di proprietà nazionale (Oceanic Development 2010).

  • 6   Un dato significativo è dato anche dalla presenza senegalese perché, pure limitata (4 navi), è ri (...)

13Già da molti decenni la Guinea Bissau concede quote di pesca a stati esteri: negli anni Settanta e Ottanta, ad esempio, l’Unione Sovietica pescava regolarmente nel mare della Guinea Bissau. L’attore principale però negli ultimi decenni è certamente l’Unione Europea che a partire dal 1980 ha sottoscritto specifici accordi di pesca con il Paese. In base a tali accordi negli ultimi anni un numero compreso tra 51 e 74 di barche europee ha pescato annualmente nel paese. La Cina, che rappresenta la seconda presenza in questo settore, può contare in media su un totale di circa 15 navi. Un numero significativo di imbarcazioni (26 nel 2008) operano invece nel paese sotto forma di partenariato tra imprese estere (spesso coreane) e interessi locali e battono bandiere molto varie (Panama, Belize, Togo, Mauritania)6.

14Tra le specie più ricercate nell’ambito della pesca industriale vi sono certamente i gamberi: le imbarcazioni europee (Spagna e Portogallo) si muovono soprattutto al largo, alla ricerca di gamberi di profondità, come il gambero rosa (Parapenaeus longirostris) e il gambero viola (Aristeus varidens), che vengono venduti a prezzi più alti sul mercato mondiale, le altre navi pescano più vicine alla costa alla ricerca di gamberi più comuni.

2.3 Trasformazione e commercializzazione

15La maggior parte del pesce pescato artigianalmente è consumato fresco, ma circa un terzo viene lavorato o direttamente dalla famiglia del pescatore o da soggetti, prevalentemente donne, specializzati nel settore. La trasformazione è particolarmente importante per approvvigionare le zone meno accessibili del paese, dove il pesce arriva dopo lunghi viaggi e senza possibilità di conservazione a basse temperature. Il pesce trasformato, secco o affumicato, viene venduto sia nei mercati locali, sia esportato nei paesi limitrofi. Il pesce affumicato è in buona parte destinato alla Guinea Conakry, dove poi viene ulteriormente esportato nei paesi della sub-regione: il commercio di pesce affumicato costituisce infatti un importante settore economico per tutta l’Africa occidentale (Tall 1999). Il pesce essiccato viene invece prevalentemente esportato in Senegal. Il mercato nazionale del pesce è piuttosto ampio ed esiste una domanda insoddisfatta, soprattutto nelle aree più interne del paese. La pesca artigianale avrebbe dunque la possibilità di espandersi se adeguatamente supportata per quanto concerne i mezzi di pesca e i trasporti interni, una delle più grandi criticità per lo sviluppo del commercio nel paese.

16Per quanto riguarda la pesca industriale, la trasformazione rappresenta forse l’elemento di maggiore criticità: la gran parte del pesce infatti non viene sbarcato nei porti della Guinea Bissau e nel paese di fatto non esistono impianti di lavorazione del pesce attivi. L’unica impresa del settore al momento è Afripeche, presso il porto di Bissau, ma la sua attività si limita alla produzione di ghiaccio per la conservazione e l’esportazione del pesce.

17A Cacheu, il secondo porto del paese, sono presenti due impianti destinati alla commercializzazione industriale del pesce, ma al momento hanno un’operatività molto limitata o nulla. Il primo, di proprietà della società spagnola Viguipesca, è stato avviato nella seconda metà degli anni Novanta: l’impianto riceveva il pesce pescato artigianalmente da pescatori senegalesi e locali e, fino alla guerra civile del 1998, ne organizzava la commercializzazione, anche in Europa. L’impresa non è più attiva da anni, ma le strutture sono ancora relativamente in buono stato e potrebbero rappresentare una potenziale risorsa per il rilancio del settore.

18Il secondo impianto di dimensioni più modeste è di proprietà coreana. Anch’esso non è attivo per quanto concerne la commercializzazione del pesce, ma nel giugno del 2012 era l’unico centro di produzione del ghiaccio nella zona di Cacheu.

19La trasformazione e la commercializzazione industriali risultano dunque praticamente assenti, costituendo una delle principali potenzialità inespresse per l’economia del paese. Nessun progresso economico è infatti ipotizzabile per la Guinea Bissau senza un adeguato sviluppo del settore della pesca, anche nella sua componente industriale. Tale sviluppo tuttavia non sarà possibile finché la maggior parte del pesce pescato nelle acque del paese continuerà ad essere sbarcato in paesi esteri.

3. L’Unione Europea

3.1 Gli Accordi di Partenariato sulla Pesca (FPA)

20L’UE è uno degli attori più rilevanti nel campo della pesca a livello mondiale. Da secoli buona parte del pesce pescato dalle navi europee e commercializzato in Europa proviene da mari lontani dalle coste europee. Questa pesca ‘extraterritoriale’ permette ai paesi dell’Unione Europea di limitare l’impatto ambientale della pesca nei propri mari, garantendo al tempo stesso il proseguimento delle attività economiche nel settore. Ovviamente l’impatto ambientale non risulta annullato, ma semplicemente trasferito in altre aree del pianeta ritenute, a torto o a ragione, meno a rischio dei mari europei.

  • 7   La Zona Economia Esclusiva si estende per 200 miglia nautiche oltre il limite delle acque territo (...)

21Dall’età moderna fino a tempi recenti i mari erano considerati ‘acque internazionali’ e la pesca avveniva liberamente, salvo in una porzione molto limitata di acque costiere (3 miglia). Con la Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare (UNCLOS), in vigore dal 1984, la legislazione in materia è stata profondamente trasformata ed è stata riconosciuta per ogni paese costiero una Zona Economica Esclusiva7 (ZEE), all’interno della quale lo Stato può disporre delle risorse naturali in essa contenute. Questa ridefinizione legislativa ha comportato una trasformazione nell’approccio dell’UE: a partire dagli anni Ottanta sono stati dunque firmati accordi bilaterali con diversi paesi che garantissero alle barche europee il libero accesso ai mari di stati terzi. Fino alla riforma della Politica di Pesca Comunitaria del 2002 tali accordi si limitavano ad elementi di carattere economico; successivamente sono stati trasformati in Accordi di Partenariato sulla Pesca (FPA), al fine di garantire un approccio più sistemico che considerasse gli aspetti economici dei due soggetti firmatari, ma anche le questioni ambientali e le esigenze di sviluppo della popolazione locale.

3.2. I termini dell’accordo

22Come detto, gli Accordi di Pesca regolano l’accesso delle navi da pesca europee alla Zona Economica Esclusiva di paesi terzi. L’aspetto singolare nel caso della Guinea Bissau è che, considerata la particolare conformazione del paese, questa Zona Economica Esclusiva copre un’area più ampia della superficie stessa del paese. Se si considera che, a causa delle limitate risorse da destinare al pattugliamento, la zona risulta al di fuori del controllo governativo, la questione assume un carattere di particolare rilevanza in termini di sovranità.

  • 8   Le elezioni legislative e presidenziali dell’aprile-maggio 2014 hanno portato alla ripresa delle (...)

23Il primo accordo tra la Guinea Bissau e la Comunità Europea relativo ai diritti di pesca risale al 1980 ed è stato ripetutamente aggiornato. Accordi di più ampio respiro, della durata di cinque anni, sono stati firmati nel 1997 e nel 2001. Nel 2007 è stato poi firmato il primo Accordo di Partenariato, che è arrivato a naturale scadenza nel 2011, prima che venissero definiti i termini del rinnovo. Nel 2011 è stato dunque firmato un accordo transitorio che prolungava di un anno, fino al giugno 2012, l’accordo precedente. Nel frattempo, nel febbraio 2012 le due parti hanno trovato un’intesa sulla base di un documento che avrebbe dovuto essere poi ratificato ufficialmente dai due paesi. Il colpo di stato dell’aprile 2012 e la conseguente rottura delle relazioni diplomatiche dell’UE con il governo de facto del paese hanno però interrotto il processo di ratifica, creando una situazione di impasse8.

24Il testo di riferimento per poter analizzare gli accordi di pesca nel paese negli ultimi anni rimane dunque l’accordo 2007-2011, prolungato per il 2011-12, in base al quale l’UE ha versato alla Guinea Bissau una somma di 7,5 milioni di euro annui.

25Una necessaria premessa ai dati che seguono è costituita dal fatto che uno degli elementi di debolezza dell’Accordo di partnership è dato dalla mancanza di dati certi relativamente alle quantità reali di pesce pescato. Le navi europee pescano in un’area molto lontana dalla costa che di fatto non è controllabile dalle autorità della Guinea Bissau a causa della mancanza di mezzi. Poiché non esiste, al momento, nemmeno una forma di controllo satellitare e poiché il pesce non viene scaricato sul suolo nazionale, tutti i dati relativi alla pesca sono di fatto il frutto di dichiarazioni delle stesse imprese di pesca. In ogni caso le stime del CIPA, il Centro di Ricerca del Ministero della Pesca, divergono in misura non sostanziale da quelle ufficiali (Oceanic Development 2010: 78).

3.3. Benefici per l’UE

  • 9   Queste imbarcazioni sono poi riconducibili a un numero estremamente ristretto di gruppi industria (...)

26In media la quantità di pesce pescato annualmente nel quadro dell’Accordo ammonta a 7628 tonnellate, per un valore superiore ai 30 milioni di euro annuali (Oceanic Development 2010). Più della metà di questa cifra è prodotta dalla pesca di gamberi, pescati esclusivamente da navi spagnole e portoghesi, mentre un’altra quota significativa è generata da pesci e cefalopodi, pescati esclusivamente da pescherecci spagnoli. La pesca di tonno incide per ora in misura limitata, producendo mediamente un valore di circa 2 milioni di euro all’anno (6% circa del totale), ma il trend è in crescita. Il numero delle imprese europee che beneficiano direttamente di questi accordi è piuttosto limitato: Nel 2011, 48 navi europee hanno pescato nei mari della Guinea Bissau sotto l’accordo di partenariato9.

3.4. Benefici sociali ed economici per la Guinea Bissau

  • 10   L’accordo prevedeva esplicitamente che il 35% dei fondi trasferiti alla Guinea Bissau (2,5 milion (...)

27Il beneficio fondamentale dell’accordo per quanto concerne la Guinea Bissau è certamente il flusso finanziario costituito dalla compensazione (4,5 milioni di euro annui), dalle licenze rilasciate agli operatori europei (1 milione di euro/a) e dalle politiche di supporto alla pesca (in teoria 3 milioni di euro10 annui, non sempre erogati a causa delle difficoltà nell’implementazione delle politiche di pesca). Tale somma di denaro rappresenta una porzione molto significativa delle entrate governative che ammontavano a 50 milioni di euro nel 2008 (40 nel 2007).

28La quota dei fondi destinata allo sviluppo della pesca locale, già più contenuta rispetto alla maggior parte degli accordi siglati dall’Unione Europea, rappresenta uno degli elementi di maggior criticità dell’accordo con la Guinea Bissau. I fondi infatti sono stati prevalentemente indirizzati al pattugliamento delle coste e al finanziamento del Centro di Ricerca sulla Pesca (CIPA). La pesca locale, la cui promozione dovrebbe essere al centro degli Accordi di Partenariato, ha invece ricevuto un finanziamento più modesto. Una parte importante degli interventi dell’UE a sostegno della pesca locale è stata indirizzata a cinque centri di sostegno alla pesca artigianale che tuttavia versano in condizioni di sostanziale abbandono a causa della difficoltà del governo a finanziare il loro funzionamento. La scelta di investire il denaro dell’accordo in questi centri, in assenza di un programma a medio-lungo termine, si è dunque tradotta in uno spreco economico e in un impatto sociale pressoché nullo. Se a ciò si aggiunge che la maggior parte del fondo di sostegno alla pesca è stata investita in un servizio di pattugliamento che di fatto ad oggi non è in grado di garantire alcun effettivo controllo sulla pesca illegale, soprattutto nella zona oltre le 12 miglia, il bilancio per la pesca locale dei benefici degli Accordi di Partenariato risulta decisamente negativo.

  • 11   Nel 2006 il porto è stato parzialmente ripulito con il contributo del governo spagnolo e del Port (...)

29L’impatto economico degli accordi dovrebbe investire anche le opportunità di lavoro create, ma anche in questo settore i benefici appaiono oltremodo limitati: secondo la valutazione ex-post dell’accordo (Oceanic Development 2010), solo 150 cittadini della Guinea Bissau hanno beneficiato di un impiego nelle imbarcazioni coinvolte nell’accordo, mentre nullo è stato l’indotto di tale accordo sugli altri settori dell’economia. Il pesce pescato nel quadro di questi accordi infatti viene sbarcato in porti esteri e dunque non genera alcuna esternalità positiva sul territorio del paese. Il porto di Bissau d’altra parte non sarebbe assolutamente nelle condizioni di poter ospitare questo tipo di attività: creato nel 1964, è stato dragato per l’ultima volta quasi 40 anni fa ed ora è spesso inagibile per le navi di grandi dimensioni. In molti casi, anche laddove vi sia la possibilità di attraccare, l’attesa risulta insostenibile, soprattutto in un settore come quello della pesca, strutturalmente condizionato nei tempi11.

30Il bilancio complessivo per la pesca locale risulta dunque alquanto deficitario, nonostante il fatto che il sostegno a questo settore sia una delle finalità principali degli Accordi di Partenariato. Tale obiettivo però è destinato a rimanere disatteso fino a che le organizzazioni di pescatori locali non saranno coinvolte nell’allocazione delle risorse generate dagli accordi. In Guinea Bissau esistono diverse organizzazioni attive nel settore della pesca artigianale (ANAPA - Associação Nacional de Armadores da Pesca Artesanal; Ropa - Réseau des Organisations Professionnelles de Pêche Artisanale). Si tratta al momento di gruppi piuttosto deboli, talvolta esistenti in modo intermittente, che tuttavia in alcuni casi sono stati coinvolti in partenariati internazionali. Il rafforzamento delle capacità di questi gruppi di pescatori, in vista di un loro coinvolgimento nel processo decisionale, potrebbe essere strategico per attuare nel futuro un reale sostegno al settore della pesca artigianale.

31Viceversa, l’accentramento di tutte le risorse in progetti governativi non pare destinato a portare benefici ai pescatori locali, né a breve, né a lungo termine. Da una parte infatti, non pare esserci corrispondenza tra le esigenze dai pescatori e le risposte governative, dall’altra la cronica debolezza dell’apparato statale del paese rende la sostenibilità di questi progetti alquanto aleatoria.

3.5. L’impatto sull’ambiente

32La campagna di valutazione delle risorse alieutiche condotta dalla CIPA nell’autunno del 2011 (IMROP, CIPA 2011) non ha rilevato evoluzioni particolarmente preoccupanti rispetto alla precedente campagna del 2004.

33Tale campagna, tuttavia, a causa della limitatezza delle strutture disponibili, si è svolta nella zona più prossima alla costa. Una valutazione complessiva dell’impatto ambientale degli accordi di pesca tra UE e Guinea Bissau richiederebbe invece un’analisi a scala più ampia. La pesca europea, infatti, avviene lontano dalle coste, in acque che politicamente appartengono alla ZEE della Guinea Bissau, ma che ovviamente dal punto di vista ecologico non hanno confini definiti rispetto ai paesi limitrofi. Se, quindi, per quanto riguarda la pesca nelle zone prossime alla costa è possibile fare delle valutazioni specifiche sulla Guinea Bissau, nel caso della pesca in alto mare i dati più rilevanti sono quelli relativi all’Atlantico centro-orientale (Area FAO 34). Osservando i dati a questa scala, la situazione appare decisamente più preoccupante. Gli ultimi dati della FAO, riferiti al 2002, riportano almeno 8 specie sovrasfruttate e la maggior parte delle altre specie risultano sfruttate al massimo. Osservata ad una scala più ampia di quella nazionale, dunque, la pressione sulle risorse alieutiche appare piuttosto rilevante, soprattutto se si dovesse intensificare la presenza di altri soggetti, in particolare asiatici, i cui oceani hanno conosciuto negli ultimi decenni un incremento straordinario della pesca.

34In questa direzione il caso del Senegal può essere un monito per il futuro, anche per la Guinea Bissau. Dopo anni di pesca intensa e di accordi con l’UE, dal 2006 al 2014 il Senegal non ha sottoscritto i nuovi accordi anche a causa della condizione di sovrasfruttamento nel quale si trovavano i suoi mari. Il nuovo accordo firmato nel 2014, limitatamente alla pesca del tonno, ha suscitato forti proteste tra i pescatori senegalesi.

3.6. L’impatto sulle comunità

35La distanza – non solo fisica, ma anche tecnologica – tra le navi europee e la pesca tradizionale appare con evidenza ancora maggiore intervistando le comunità locali. Non solo non c’è percezione di un impatto della pesca europea su quella locale, ma la stessa idea dell’esistenza delle barche europee è molto sfumata.

36Ciò naturalmente non significa che questo impatto non ci sia, soprattutto in prospettiva. Al momento attuale la pesca europea, sia per il tipo di imbarcazioni utilizzate che per le specie ricercate non entra in competizione con quella locale. Sembrano infatti altre imbarcazioni (dalla Guinea Conakry e dal Senegal) quelle che competono più direttamente con i pescatori locali.

37Tuttavia, come si è potuto osservare analizzando l’impatto ambientale, il proseguimento di una pesca intensiva in questa parte dell’Oceano Atlantico potrebbe comportare una diminuzione degli stock ittici di alcune specie. Tale scenario al momento non sembra compromettere direttamente la sicurezza alimentare delle popolazioni locali, poiché il pesce pescato dalle barche europee non è quello consumato sul mercato locale, ma potrebbe avere conseguenze negative in prospettiva futura, sia incidendo sugli stock ittici, come è successo in Senegal, sia, più indirettamente ostacolando lo sviluppo della pesca industriale destinata al mercato regionale che rappresenterebbe un’importante occasione per l’economia della Guinea Bissau, anche in un’ottica di sovranità alimentare.

38Accanto a queste possibili criticità che riguardano il futuro del paese, occorre però sottolineare anche il mancato beneficio per le popolazioni locali rispetto ai fondi dell’accordo di pesca. Nei villaggi della costa, infatti, non si avverte alcun impatto positivo dei fondi dell’accordo che viceversa dovrebbero essere utilizzati per la pesca locale.

4. Le luci delle navi...

39Delineato il quadro generale della situazione è ora possibile tracciare qualche riflessione conclusiva cercando di evidenziare alcuni elementi di particolare rilevanza.

40Il primo elemento, di natura prettamente geografica, è la distanza e la segregazione spaziale che si realizza tra i due sistemi di pesca. Lo squilibrio esistente tra le due realtà infatti è talmente accentuato da creare un doppio spazio: da una parte le acque territoriali dove si esercita la pesca locale, dall’altra la Zona Economica Esclusiva, con una superficie superiore al territorio continentale della Guinea Bissau, dove nessuna imbarcazione locale, nemmeno quelle impegnate nel pattugliamento, può arrivare.

41I pescatori locali non riescono nemmeno a vedere le navi europee: intervistati su questo tema, i pescatori di Cacine rispondono che certe notti, guardando l’orizzonte si riescono a percepire i bagliori delle navi straniere. La lontananza delle navi trasforma dunque la percezione dei pescatori, che non le avvertono come un problema. Al contrario i pescatori sottolineano con forza la competizione esercitata dai pescatori artigianali che vengono nelle acque della Guinea Bissau dai paesi vicini.

42Questa immagine di distanza incolmabile è in qualche modo la sintesi di questo articolo poiché esemplifica icasticamente un sistema che dovrebbe essere di partenariato e cooperazione e che in realtà si risolve in una semplice estrazione di risorse in un contesto di mutua indifferenza. L’Europa, al fine di mantenere il proprio equilibrio economico e ambientale sposta le proprie aree di pesca in altre zone del pianeta definendo accordi commerciali con benefici molto limitati per le popolazioni locali. Questo tentativo da parte degli attori ‘forti’ dell’economia mondiale di risolvere le proprie crisi ambientali ed economiche a spese del patrimonio ambientale di aree relativamente più ‘deboli’ è un processo che può essere osservato anche a una scala più ampia e richiama da vicino l’idea di «accumulazione per espropriazione» discussa dal geografo David Harvey (Harvey 2006). In conclusione di questo ragionamento è utile sottolineare il nesso, che d’altra parte era tipico della razionalità territoriale coloniale, che lega ancora oggi l’espropriazione delle risorse e la segregazione spaziale che abbiamo visto all’opera anche nei mari della Guinea Bissau.

43Un secondo elemento di riflessione, complementare al primo, è costituito dalla negazione della ‘razionalità territorializzante’ locale. Nel caso in oggetto, la legittimità degli Accordi di Partenariato nel settore della pesca si fonda sull’idea che la popolazione dei paesi terzi non riesca o non voglia valorizzare appieno le proprie risorse ittiche o, con le parole dell’UE, sulla presenza di «risorse in eccesso cui i suoi partner non possono o non intendono attingere» (UE: 1).

44Questo processo di negazione delle strategie locali è alla radice di molti processi di espropriazione delle risorse locali in Africa: la classificazione delle terre africane come ‘incolte’, ‘libere’, ‘sottoutilizzate’, ad esempio, è determinante per giustificare i processi di land grabbing attualmente in atto nel continente (Hall 2010). Tecnicamente, questo concetto di ‘sottoutilizzo’ andrebbe osservato criticamente per valutarne da una parte la pertinenza rispetto a sistemi economici fondati sulla minimizzazione del rischio più che sulla massimizzazione del profitto e dall’altra la sostenibilità all’interno di società in rapida evoluzione, anche dal punto di vista demografico. Più in generale, si può osservare come questa negazione del valore della storia e della geografia locale – o, con le parole del filosofo Valentin Mudimbe, «l’integrazione di storie economiche locali nella prospettiva occidentale» (Mudimbe 2007: 23) – fosse uno degli elementi fondanti dell’ordine coloniale.

45Il terzo e ultimo elemento che occorre sottolineare è che questo caso studio rappresenta un esempio paradigmatico delle contraddizioni del sistema alimentare globale: in un paese dove ancora 100.000 persone non hanno cibo sufficiente, ogni anno 50.000 tonnellate di pesce lasciano il paese senza toccare le coste per finire nei piatti – o nelle scatolette – europee. In questo caso studio è possibile osservare come la dimensione locale e quella globale siano al tempo stesso radicalmente separate e profondamente connesse: separate nella percezione quotidiana dei pescatori, connesse nelle reti ecologiche e nelle relazioni economiche e politiche internazionali. Le luci delle navi sono certamente distanti, ancora di più per chi vive in Europa, però possono servire da guida per comprendere un sistema di produzione e distribuzione del cibo certamente complesso e spesso paradossale.

Bibliographie

ACP-UE, 2012, Declaration of the ACP-EU Joint Parliamentary Assembly. The reform of European fisheries policy and its impact on ACP countries.

African Development Fund, 2001, Appraisal Report - Fishing Sector Support Project, Republic Of Guinea Bissau, Abidjan, ADF.

Commissione delle Comunità Europee, 2002, On An Integrated Framework For Fisheries Partnership Agreements With Third Countries.

Cullberg M., 2009, To draw the line. EU fisheries agreements in West Africa, Stockholm, Swedish Society for Nature Conservation.

Fair Politics, 2010, Fisheries Partnership Agreements. European vessels versus African fisherman, http://www.fairpolitics.eu/onderwerpen/fisheries, (consultazione 12/12/2014).

FAO, 2005, State of exploitation and annual nominal catches of selected species and ISSCAAP groups fished in the Eastern Central Atlantic (FAO Statistical Area 34), 1950-2002, Roma, FAO.

FAO, 2012, The State Of World Fisheries And Aquaculture 2012, Roma, FAO.

Gorez B., 2005, Policy Study: EU-ACP Fisheries Agreements, http://transparentsea.co/images/6/6b/CFFA_DFID_study_FA_march2005.pdf, (consultazione 12/12/2014)

Greenpeace, 2007, Witnessing the plunder 2006. How Illegal Fish from West African Waters Finds its Way to the EU Ports and Markets, Amsterdam, Greenpeace.

Greenpeace, 2010, How Africa is feeding Europe. EU (over)fishing in West Africa, Amsterdam, Greenpeace..

Hall R., 2010, Sleeping giants and the ‘wasteland’ thesis: what should we learn from land deals in Africa?, Awakening Africa’s Sleeping Giant?, FAC/SOAS workshop, 21 June 2010.

Harvey D., 2006, La guerra perpetua. Analisi del nuovo imperialismo, Milano, Il Saggiatore.

Horemans B., 1996, L’état de la pêche artisanale en Afrique de l’Ouest en 1995, Roma, FAO-Danida.

Kaczynski V. M., Fluharty D. L., 2002, European policies in West Africa: who benefits from fisheries agreements?, «Marine Policy», 26: 75–93.

Macías González J., 2007, Enquête sur les aspects socio-économiques de la Pêche Artisanale en Guinée Bissau, Repubblica della Guinea Bissau, Ministero della Pesca.

Mudimbe V., 2007, L’invenzione dell’Africa, Roma, Meltemi.

Oceanic Development, Megapesca Lda, 2010, Ex-post evaluation of the current protocol to the fisheries partnership agreement between the European Union and Guinea Bissau and analysis of the impact of the future Protocol on sustainability, Final Report, http://transparentsea.co/images/a/a5/EC_evaluation_Guinea_Bissau2010.pdf (consultazione 12/12/2014).

Tall A., 1999, Obstacles to the development of small scale fish trade in West Africa, Abidjan, Infopeche.

Trouillet B., Guineberteau T., Bernardon M., LeRoux S., 2011, Key challenges for maritime governance in West Africa: Fishery-based lessons from Guinea and Mauritania, «Marine Policy», 35: 155-162.

UE, Accordi di Partenariato nel settore della pesca. http://ec.europa.eu/fisheries/documentation/publications/cfp_factsheets/fisheries_partnership_agreements_it.pdf (consultazione 12/12/2014)

UNDP, 2013, Human Development Report 2013. The Rise of the South: Human Progress in a Diverse World, New York, UNDP.

Witbooi E., 2008, The infusion of sustainability into bilateral fisheries agreements with developing countries: The European Union example, «Marine Policy», 32: 669–679.

WWF, 2012, Sorting Myth from Fact: The truth about Europe’s Common Fisheries Policy, Brussels, WWF.

Notes

1   La superficie del paese è di 36.000 km2, poco meno della Svizzera.

2   La gran parte del pesce, come si vedrà, non viene tecnicamente esportata perché è parte degli accordi di pesca con l’Unione Europea e dunque viene sbarcata direttamente fuori dal territorio della Guinea Bissau.

3   Nel 2003, nel 2004, nel 2009 e nel 2012.

4   La distinzione tra pesca industriale e pesca artigianale non è definita in modo univoco. Tuttavia la FAO definisce industriale la pesca condotta con imbarcazioni dotate di motori superiori a 60 Hp.

5   L’Accordo con l’Unione Europea in teoria prevede un sostegno alla pesca artigianale, ma l’impatto di tale sostegno sarebbe probabilmente maggiore se, al contrario di quanto accade, i pescatori artigianali venissero coinvolti nelle scelte di allocazione dei fondi.

6   Un dato significativo è dato anche dalla presenza senegalese perché, pure limitata (4 navi), è rilevante per la prossimità del paese e per il fatto che le navi senegalesi sono talvolta collegate con imprese estere, anche italiane. Attraverso questi accordi con società senegalesi le imprese europee possono dunque pescare in Guinea Bissau al di fuori degli accordi definiti con l’UE.

7   La Zona Economia Esclusiva si estende per 200 miglia nautiche oltre il limite delle acque territoriali.

8   Le elezioni legislative e presidenziali dell’aprile-maggio 2014 hanno portato alla ripresa delle relazioni diplomatiche tra la Guinea Bissau e l’Unione Europea e di conseguenza all’implementazione dell’accordo.

9   Queste imbarcazioni sono poi riconducibili a un numero estremamente ristretto di gruppi industriali.

10   L’accordo prevedeva esplicitamente che il 35% dei fondi trasferiti alla Guinea Bissau (2,5 milioni di euro) fosse destinato alla promozione della pesca sostenibile del paese. A questa somma si sono aggiunti altri 500.000 euro destinati alla promozione di un sistema di controllo sanitario efficiente.

11   Nel 2006 il porto è stato parzialmente ripulito con il contributo del governo spagnolo e del Porto di Las Palmas, ma la situazione appare ancora assolutamente insufficiente per un reale sviluppo del settore. L’Unione Europea ha finanziato la realizzazione di un piccolo porto nel quartiere di Bandim, in modo da alleggerire la pressione sul porto centrale, ma la struttura non risulta ancora operativa. L’infrastruttura risultava terminata nel giugno 2012, ma l’inaugurazione dell’opera è stata sospesa con la rottura dei rapporti diplomatici tra UE e il governo golpista (2012-14). D’altra parte la realizzazione di questo piccolo porto rappresenta un elemento importante, ma assolutamente insufficiente per garantire lo sbarco del pesce sul suolo della Guinea Bissau.

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search