Version classiqueVersion mobile

Alimentazione, cultura e società in Africa. Crisi globali, risorse locali

 | 
Valerio Bini
, 
Martina Vitale Ney

Parte seconda. Politiche del cibo

Rafforzare le capacità per la trasformazione dell’agricoltura e la sicurezza alimentare in Africa

Cristina D’Alessandro

Texte intégral

1. L’Africa contemporanea: molteplici sfaccettature per un continente dai mille volti, ma che sta cambiando rapidamente

1Addis Abeba, la capitale dell’Etiopia, è un’icona territoriale dell’Africa che cambia rapidamente, proiettata nel futuro, ma con i problemi che derivano dalle dinamiche e dalla velocità del cambiamento. Non solo l’aeroporto di Bole è il primo e più grande snodo aeroportuale del continente (per i passeggeri e le merci), destinato a crescere ancora nei prossimi anni, ma la città è anche la sede del più gran numero di ambasciate e di consolati in Africa (e la quarta nel mondo). Quartiere generale di un gran numero di organizzazioni internazionali, d’istituzioni di ogni tipo, di multinazionali e di organizzazioni non governative (ONG), Addis Abeba è un cantiere a cielo aperto. Nuove costruzioni sono visibili un po’ ovunque nel paesaggio e sono completate in tempi brevi; tra questi palazzi bisogna citare il nuovo e futuristico palazzo dell’Unione Africana (sovvenzionato e realizzato dalla Cina), ma anche il Capital Hotel and Spa, aperto nel giugno 2013, con la sua architettura originale e accattivante. Nonostante questa concentrazione di poteri politici e di attori economici, le connessioni ad Internet sono inaffidabili. È spesso impossibile collegarsi a Internet anche per più giorni e in quartieri interi, poiché le reti tecnologiche fanno difficoltà ad adattarsi a tali cambiamenti territoriali rapidi ed importanti.

  • 1   Questo è il titolo dato dall’ACBF (African Capacity Building Foundation, la Fondazione per il Raf (...)
  • 2   I dati utilizzati sono quelli della Banca Mondiale (data.worldbank.org), salvo ove esplicitamente (...)

2«The future of Africa is now»1 (il futuro dell’Africa è adesso): il continente è certo già nel futuro ma porta con sé i lasciti positivi e negativi del passato. L’Africa non è più, infatti, solo il continente della povertà, delle carestie, della corruzione, delle cosiddette ‘guerre etniche’, ma anche quello di Nollywood, delle primavere arabe, della nuova Università Panafricana, di leader come Ngozi Okonjo-Iweala, d’imprenditori di successo come Mohamed Ibrahim... L’Africa è anche però la parte del mondo in cui l’accaparramento di vasti appezzamenti di terre sta diventando un fenomeno corrente e preoccupante, con il numero degli investimenti e la dimensione dei lotti entrambi in crescita un po’ ovunque sul continente (Cotula, Vermeulen, Leonard, Keeley 2009), in cui le risorse naturali sono abbondanti e presenti in quasi tutti i paesi (55 paesi africani possiedono risorse naturali accertate) (ACBF 2013), in cui la crescita urbana sta rallentando, ma le grandi città concentrano una parte importante della popolazione urbana (nel 2012 in Africa subsahariana il 25,4% della popolazione urbana viveva in una grande città, contro una media mondiale del 15,1%2).

3L’Africa è anche però il continente delle realtà sorprendenti, talmente opposte da sembrare inconciliabili. Dal punto di vista economico, nell’ultimo decennio la crescita annuale del prodotto interno lordo (PIL) in Africa subsahariana è sempre stata di 3-4 punti percentuali più elevata della media mondiale. Tra le dieci economie mondiali che hanno avuto la crescita economica più importante nel 2012, cinque sono africane: si tratta, nell’ordine, della Sierra Leone, del Niger, della Liberia, del Burkina Faso e della Costa d’Avorio. Il dinamismo incontestabile delle economie africane è certo legato all’abbondanza generalizzata di risorse naturali, ma anche sicuramente a delle politiche economiche sempre più attente alla gestione dei conti pubblici, alla fiscalità e al reinvestimento dei benefici. Allo stesso tempo però il 48,5% della popolazione dell’Africa sub-sahariana vive in condizioni di povertà estrema (con meno di 2 dollari il giorno!). Nonostante l’attenzione particolare della comunità internazionale e gli sforzi prolungati degli Obiettivi del Millenario per le Sviluppo delle Nazioni Unite, la povertà è ancora una piaga diffusa. Il continente è dunque ancora dipendente dagli aiuti finanziari internazionali e soprattutto alimentari, anche se il panorama della cooperazione internazionale sta cambiando rapidamente, con paesi come la Cina, il Brasile, l’India e la Corea del Sud che intervengono a cambiare le norme, le condizioni e lo scacchiere di queste operazioni.

4L’Africa sta cambiando anche rapidamente: basta per esempio citare la rapidità con la quale le nuove tecnologie della comunicazione e dell’informazione si sono diffuse sul continente, soprattutto la telefonia cellulare, internet e i servizi disponibili via telefonia mobile (e-banking, e-agriculture, e-health, etc.). Anche se l’introduzione e la diffusione di queste tecnologie non sono poi così semplici da attuare, soprattutto a causa dei problemi comuni di distribuzione insufficiente e inaffidabile dell’elettricità, certo la rapidità con la quale si sono impiantate sul continente e le società se le sono appropriate e le hanno interiorizzate, sono senza precedenti (Chéneau-Loquay 2000). Malgrado ciò, l’effetto delle nuove tecnologie dell’informazione e della comunicazione sullo sviluppo non è sempre quello atteso: l’accesso a internet non implica in modo scontato che gli utilizzatori se ne servano necessariamente per cercare lavoro, ma magari di più per leggere le informazioni sportive o per la posta elettronica (Mercer 2006). Con quasi sei miliardi di abbonati alla telefonia cellulare, corrispondente ad una penetrazione dell’86%, l’Africa è il mercato con la crescita più rapida al mondo in questo settore. Anche per quanto riguarda l’accesso a Internet nel 2010-11, il numero degli utilizzatori è aumentato del 23% (UNECA 2013).

5Alcuni luoghi, tra cui alcune grandi città, sono delle icone territoriali e paesaggistiche di quest’Africa che cambia a velocità esponenziale e che si mondializza in maniera inequivocabile dal punto di vista economica, ma anche nel suo territorio e nel paesaggio. Accra (Ghana), Dar-es-Salaam (Tanzania), Kinshasa (Congo), Harare (Zimbabwe), Nairobi (Kenya), Lusaka (Zambia) sono solo alcune capitali africane in cui il cambiamento è visibile nel paesaggio e che sono ormai città moderne, importanti e ben inserite nelle dinamiche mondiali.

6Questo testo è diviso in cinque parti che seguono questa introduzione. La prima riepiloga le ragioni e le modalità dell’avvento del paradigma del rafforzamento delle capacità (capacity building) in Africa. La seconda parte fa il punto sul ruolo strategico dell’agricoltura in Africa, per permettere poi di evidenziare nella terza parte in che modo le capacità possono essere rafforzate per una trasformazione efficace dell’agricoltura e per la sicurezza alimentare del continente. La quarta e la quinta parte sono dedicate all’agricoltura urbana, un’attività la cui importanza merita di essere rilevata, per poi analizzare in che modo le capacità possono essere rafforzate per sfruttarne pienamente le enormi potenzialità. La conclusione vuole infine porre l’accento sulle trasformazioni che queste dinamiche comportano per la geografia politica dell’Africa contemporanea.

2. Rafforzare le capacità africane per uno sviluppo veramente efficace

7L’Africa è certo un continente che cambia rapidamente, ma in cui le disparità spaziali e disuguaglianze sociali restano gravi e drammatiche. Problemi acuti e di vecchia data permangono, nonostante gli sforzi e i numerosi tentativi: lo sviluppo dell’Africa resta ancora una chimera e chissà quando diventerà veramente realtà, anche perché i presupposti euristici e storici dello sviluppo sono verosimilmente problematici e compromettono la sua realizzazione (Rist 1996). Le teorie e filosofie dello sviluppo sono nate e sono state sviluppate in Occidente, da saperi e da conoscenze occidentali, la cui applicazione problematica e le cui conseguenze negative in Africa sono ormai conosciute già dagli anni 1950, anche grazie a quei geografi francesi che hanno denunciato sin da allora gli sbagli ripetuti causati dai progetti e programmi di sviluppo, lanciando l’allerta sulla conseguenza di queste dinamiche a lungo termine (D’Alessandro-Scarpari 2005). Anche se il termine ‘sviluppo’ è generalmente utilizzato per pratiche molto diverse tra loro, con strategie e attori che variano secondo le situazioni e le scale di operatività (dalla locale all’internazionale) e anche se dei successi devono essere ricordati, soprattutto grazie ad esperienze di «development from within», rese celebri negli anni 1970-1980 (Taylor, Mackenzie 1991), nel suo insieme la valutazione di più di mezzo secolo di sviluppo in Africa è negativa: gli obiettivi generali non sono stati raggiunti.

8Dalla fine degli anni 1980, una volta accettato il fallimento dello sviluppo fin lì tentato, sotto l’egida delle istituzioni internazionali (prima fra tutte la Banca Mondiale, primo iniziatore della trasformazione), l’attenzione è stata rivolta al rafforzamento delle capacità istituzionali e individuali. Il cambiamento di strategia è radicale, poiché la focale si sposta dallo sviluppo economico verso la capacità degli individui, delle organizzazioni e delle società di gestire il loro funzionamento in modo efficace (Levy, Kpundeh 2004). Il rafforzamento delle capacità è quindi il processo tramite il quale le persone, le organizzazioni e le società stimolano, creano, consolidano, adattano e mantengono le loro capacità nel tempo. È il presupposto necessario per lo sviluppo, che lo rende possibile e sostenibile nel tempo.

9Se tradizionalmente il rafforzamento delle capacità pone l’accento sulla natura duale del processo, facendo la distinzione tra capacità individuali e istituzionali, in realtà così facendo rileva la complementarità delle due dimensioni: il bisogno di rendere lo Stato e le istituzioni pubbliche più efficaci e, nello stesso tempo, poiché le istituzioni sono il prodotto degli uomini che ci lavorano, la necessità di migliorare le capacità degli individui per rendere gli Stati e i gruppi sociali più efficienti. Questa dinamica è anche legata, e contemporanea, alla riforma del settore pubblico messa in atto dalla maggior parte dei paesi africani in quegli stessi anni, che confermava che le trasformazioni tecniche e la riduzione del costo del settore pubblico erano insufficienti. Questo spiega anche il perché dell’attenzione progressivamente crescente sin da allora per la leadership. Essa è il fulcro nel quale le due dimensioni, l’individuale e l’istituzionale, s’incontrano, ma è anche la condizione necessaria per l’ottenimento di un’amministrazione pubblica che funzioni.

10Il rafforzamento delle capacità in Africa è quindi una necessità prioritaria. Serve a migliorare la situazione sul lungo termine, a fare in modo che le trasformazioni positive non siano frutto del caso o della fortuna (come quando il prezzo di un certo prodotto agricolo aumenta o quando del petrolio è scoperto in un paese), ma che gli effetti si protraggano nel tempo e siano sotto controllo. Il processo assicura anche che siano creati i presupposti per far fronte all’incertezza e ai rischi legati alla mondializzazione, perché gli Stati possano reagire rapidamente e adattarsi ai cambiamenti in modo proficuo. Per esempio, la trasformazione dell’economia per fare in modo che una crescita economica importante duri nel tempo e sia socialmente sostenibile, cioè riduca la povertà e non arricchisca solo alcuni individui, richiede delle capacità specifiche: delle politiche economiche adeguate, il controllo della spesa pubblica, l’investimento per il lungo termine, etc.

11L’utilizzo degli aiuti finanziari al fine di garantire la sicurezza alimentare, senza che si instauri una dipendenza da tali apporti, riposa anch’esso sulla capacità dello Stato di negoziare tali aiuti. La capacità di negoziazione è anche necessaria per ottenere contratti equi tra lo Stato e le multinazionali (per la gestione delle risorse naturali tra l’altro e soprattutto di quelle non rinnovabili). Il raggiungimento degli Obiettivi del Millenario per lo Sviluppo necessita il concepimento e l’applicazione di programmi specificatamente volti a raggiungere tali obiettivi, ma anche una gestione efficace delle risorse interne, monitorando gli impatti ed eventualmente aggiustando le strategie strada facendo.

12Rafforzando le loro capacità, lo Stato e gli attori riescono a fissare delle finalità e a raggiungerle, a utilizzare i fondi pubblici in modo trasparente e per scopi scelti in maniera consensuale, a gestire il sistema politico ed economico in maniera efficace ad ogni scala. Questo è lo scopo del rafforzamento delle capacità, in Africa e altrove. Tutto ciò necessita istituzioni che funzionino al meglio, leggi e giurisdizioni efficaci, adatte ad ogni situazione specifica e capaci di difendere gli interessi dei diversi attori, ma anche gruppi sociali capaci di farsi portavoce dei loro interessi e di cambiare le regole a mano a mano che la società e le situazioni cambiano. Perché tutto ciò avvenga, leader capaci e determinati devono avere il potere di guidare le dinamiche e di fare le scelte richieste. Le organizzazioni della società civile sono, soprattutto in Africa, degli attori indispensabili per una partecipazione ai processi decisionali dei diversi gruppi che compongono le società. Sono questi i bisogni attuali comuni ai diversi paesi africani, nonostante le loro enormi differenze ed è in questa direzione che operano i molteplici attori implicati a diverso livello ed in diverso modo nel rafforzamento delle capacità.

13Tra i settori prioritari per il rafforzamento delle capacità in Africa, la trasformazione dell’agricoltura è certo cruciale per il presente e per il futuro del continente, soprattutto se si tiene conto del ruolo che quest’attività ha direttamente e indirettamente sulla vita degli individui e sulle società, a diverse scale e in molteplici modi dappertutto sul continente. Vale la pena di ricordare che l’agricoltura non si limita alla sola produzione agricola di alimenti, ma include tutta la catena, quindi anche la trasformazione e l’imballaggio dei prodotti, l’allevamento, la pesca e l’utilizzo dei prodotti delle foreste: questa è la ‘catena di valore’ dell’agricoltura.

3. Il ruolo dell’agricoltura nell’Africa di oggi

14L’Africa è tuttora fondamentalmente agricola: anche se l’agricoltura che vi si pratica ai nostri giorni non è più quella del passato, poiché l’attività si adatta alle richieste del mercato, a ciò che i consumatori desiderano e consumano e alle influenze della mondializzazione. Se, infatti, l’agricoltura africana resta dominata dai piccoli produttori, questi ultimi sono sempre più inseriti nelle reti commerciali nazionali, internazionali, o addirittura mondiali, di prodotti africani che arrivano dappertutto nel mondo: il tè dell’Africa australe, il caffè ruandese, etiopico o anche camerunese, la vaniglia di Madagascar, la frutta tropicale dei paesi del golfo di Guinea, i legni pregiati del bacino del Congo, il pesce dei Grandi Laghi, le rose e i legumi del Kenya, etc. L’agricoltura africana produce però anche sempre più biocarburanti, senza che ciò sia sempre pubblicizzato.

15È sempre in crescita, infatti, il numero di multinazionali, ma anche di attori pubblici e privati di ogni tipo, che acquistano o prendono in affitto appezzamenti enormi di terreno nei paesi africani: è il fenomeno ben conosciuto e controverso del land grab, che permette di installare delle enormi produzioni agricole meccanizzate, i cui prodotti sono spesso esportati. I paesi emergenti, tra cui la Cina e l’India, sono implicati in questo fenomeno insieme ai paesi occidentali. Le critiche, i dubbi e le preoccupazioni legati al rapido diffondersi di questo fenomeno sono principalmente dovuti al fatto che questi enormi terreni sono presi in affitto per lunghi periodi o comprati per prezzi irrisori (sfruttando spesso la corruzione dei politici unicamente interessati ad arricchirsi) non corrispondenti al valore reale delle terre ed ai prezzi del mercato, contribuendo dunque a mantenere basso il livello delle entrate degli Stati africani e così pure quello dello sviluppo economico e sociale. Drammaticamente poi tra l’altro questi terreni sono ceduti dallo Stato o dai politici senza informarne dovutamente e senza coinvolgere come dovuto i proprietari legittimi delle terre, che si trovano quindi dall’oggi al domani e senza preavviso alcuno a non avere più diritto di coltivare delle terre, spesso indispensabili al loro sostentamento.

16L’agricoltura è un fattore socio-culturale essenziale (è una parte intrinseca del funzionamento delle società), ma ha anche un ruolo preponderante nelle relazioni politiche: per la risoluzione dei conflitti ad essa legati, per la difesa dei diritti degli agricoltori, per la creazione e l’applicazione delle leggi che ne regolano il funzionamento (si pensi per esempio alle controversie sull’uso in alcuni paesi africani degli organismi geneticamente modificati). Accanto a ciò, si deve anche ricordare che l’agricoltura è l’attività principale di oltre il 60% della popolazione africana e produce più del 30% del PIL in molti paesi africani: è quindi lo scheletro portante delle economie africane e resta tale, nonostante gli sforzi d’industrializzazione e anche se il settore terziario si espande in modo rapido ed esponenziale dappertutto sul continente.

17Se si tiene quindi conto del suo ruolo sociale, economico e politico fondamentale, ma anche delle trasformazioni territoriali profonde che produce, l’agricoltura possiede un enorme potenziale di sviluppo. Può veramente partecipare ad uno sviluppo sostenibile e duraturo nei paesi africani, non solo da un punto di vista meramente macroeconomico, ma anche migliorando la sicurezza alimentare dei nuclei familiari. Una disponibilità insufficiente o irregolare di cibo e un’alimentazione non abbastanza varia o incompleta, infatti, aumentano le possibilità di malnutrizione, diminuiscono la produttività lavorativa degli individui e compromettono dunque la qualità del capitale umano, rendendo l’apprendimento più difficile.

18L’agricoltura fornisce anche lavoro, e quindi degli introiti di denaro, ai poveri e ai gruppi sociali più vulnerabili (come le donne e i giovani) ma anche ai ceti medi, aumentando le possibilità di investimento e la disponibilità economica. L’agricoltura produce, infatti, un numero importante di attività derivate (niche markets) di vendita al dettaglio, di opportunità imprenditoriali e d’investimento, di piccola industria connessa. Essa contribuisce quindi a diminuire i rischi legati alla perdita d’impiego, soprattutto in città grazie all’agricoltura urbana, aumentando quindi la sicurezza alimentare urbana e rendendo meno drammatiche le conseguenze dell’AIDS in città. L’agricoltura permette anche di migliorare le condizioni di vita degli individui e delle famiglie, stabilizzando i prezzi del cibo (e soprattutto di quegli alimenti ‘sensibili’, come i cereali di vasto consumo, quali il grano ed il riso). Le ripercussioni delle variazioni importanti e inaspettate del prezzo degli alimenti di prima necessità hanno avuto anche conseguenze drammatiche, dando luogo dal 2007 a delle ‘rivolte della fame’ in tanti paesi africani: in Egitto, in Marocco, in Costa d’Avorio, in Senegal, in Burkina Faso, in Camerun…

19L’agricoltura è ormai un’attività mondializzata, completamente trasformata dalle tecnologie dell’informazione e della comunicazione, in Africa come altrove, come pure dalle tendenze e dalle influenze produttive che vanno per la maggiore nel mondo. Negli ultimi due decenni circa, si è quindi prodotto un cambiamento di paradigma del modo in cui l’agricoltura è considerata e funziona come attività produttiva. Il movimento di pensiero del rafforzamento delle capacità, che è emerso e si è sviluppato in concomitanza, è legato a tale trasformazione ed è quindi importante considerare come sono state e come si possono rafforzare le capacità per una trasformazione efficace dell’agricoltura nei paesi africani.

4. Rafforzare le capacità per la trasformazione dell’agricoltura e la sicurezza alimentare in Africa

20Molte istituzioni sono coinvolte in un modo o in un altro nel rafforzamento delle capacità in Africa (la Banca Mondiale, la Commissione Economica per l’Africa delle Nazioni Unite, la Banca Africana per le Sviluppo, l’Unione Africana, gli Stati africani, …). L’African Capacity Building Foundation (ACBF, Fondazione per il Rafforzamento delle Capacità in Africa) è però sin dalla sua creazione, nel febbraio 1991, il principale attore per il rafforzamento delle capacità in Africa, che opera in una quarantina di paesi africani. Questa predominanza dell’ACBF è data dalla vasta copertura delle sue operazioni (in pratica l’intero continente), dalla diversità e dal gran numero dei progetti e programmi (se ne contavano 109 alla fine del 2012), ma anche dalla sua azione esclusiva in Africa, dalla portata dei risultati ottenuti e dal riconoscimento internazionale unanime della sua importanza. L’ACBF è un’istituzione internazionale che opera in partenariato con istituzioni multilaterali (come la Banca Mondiale, la Banca Africana di Sviluppo, il Programma delle Nazioni Unite per lo Sviluppo, …), ma anche con una quarantina di paesi africani e più di una decina di paesi non africani.

21Tra i settori nei quali l’ACBF lavora, da una decina di anni a questa parte, assume un’importanza crescente quello del sapere e dell’apprendimento (Knowledge and Learning Department) che conta, tra le sue attività, la redazione annuale di un Rapporto sugli Indicatori di Capacità in Africa (RICA) che è prodotto ogni anno dal 2011 e che non solo misura il livello di capacità degli Stati africani, identificando i singoli elementi che compongono il risultato ed il loro peso reciproco, ma che studia anche l’andamento e le ragioni delle variazioni di tali indicatori. Questo rapporto è importante, perché fornisce una misura rigorosa e complessa delle capacità di un numero crescente di paesi africani (36 all’inizio, più di 40 nel 2014) e il loro monitoraggio di anno in anno. I dati dell’analisi sono raccolti direttamente in ogni paese ogni anno e riguardano non solo le capacità generali del paese, ma anche un settore particolare diverso scelto ogni anno (la fragilità dello Stato nel 2011, l’agricoltura nel 2012, la gestione delle risorse naturali nel 2013 e l’integrazione regionale nel 2014). Si tratta quindi di dati di prima mano aggiornati, raccolti e analizzati da specialisti, sotto la supervisione di esperti internazionali.

22Questo lavoro non solo contribuisce ad aumentare le statistiche di qualità esistenti sul continente, e di cui si ha fortemente bisogno per studiare le dinamiche in atto e per agire nella direzione dello sviluppo dei paesi africani, ma anche perché questi dati riguardano un settore come le capacità, difficili da misurare, e per le quali le statistiche esistenti sono solo prodotte da organizzazioni internazionali (come la Banca Mondiale) usando dati prodotti internamente e ad una scala mondiale, senza quindi prestare attenzione al contesto specifico africano.

23Il RICA del 2012 (ACBF 2012) riguarda specificamente la trasformazione dell’agricoltura e la sicurezza alimentare. È dunque utile estrapolare da questo documento alcuni dati, così come dei risultati e delle analisi, per interpretarli in una perspettiva di geografia umana, più specificatamente di geografia politica ed economica, cioè concentrando l’attenzione sulle dinamiche o sugli aspetti territoriali del rafforzamento delle capacità, per quanto riguarda la trasformazione dell’agricoltura in Africa. Il rapporto mostra, in effetti, ed approfondisce il cambiamento di paradigma che si sta operando nell’agricoltura africana, proprio grazie al rafforzamento delle capacità. C’è infatti una correlazione diretta tra l’aumento delle capacità e la crescita della performance e della produttività agricola (Fig. 1).

Fig. 1 – Capacità e performance agricole

Fig. 1 – Capacità e performance agricole

Fonte: ACBF 2012

24Questo significa tra l’altro che una competizione si sviluppa tra i diversi territori agricoli ad ogni scala per essere competitivi, per soddisfare le richieste e le tendenze del mercato internazionale e per accrescere le proprie performance. Questo instaura o modifica le dinamiche territoriali preesistenti, trasformando le relazioni tra gli attori ed il modo in cui essi considerano e si relazionano con il territorio e praticano dunque l’agricoltura. Si vede per esempio anche nella Fig. 1 che i sistemi d’informazione (una delle dimensioni delle capacità agricole) hanno un più ampio impatto sulla produttività rispetto al ruolo del settore privato, alla produzione dell’innovazione o ancora alle strategie agricole nazionali. Ciò implica che le nuove tecnologie dell’informazione possiedono una capacità di trasformazione molto importante dei territori agricoli, tali cambiamenti essendo meno materiali e fisici, ma certo profondi, con conseguenze a lungo termine sulle società.

25A livello nazionale, le scelte strategiche dei singoli paesi di puntare su una certa fetta di mercato, hanno conseguenze importanti sui territori e sulle dinamiche territoriali. È il caso per esempio della scelta del Burkina Faso di puntare sull’agricoltura verde o ecologica: il rafforzamento delle capacità agricole del paese ha prodotto l’aumento della produzione di particolari prodotti come il gombo, le noci di karité, i fagioli con l’occhio (cow peas) (Fig. 2). Questa trasformazione ha certo avuto conseguenze economiche, ma anche sociali e territoriali: delle ‘cooperative agricole verdi’ sono state create attraverso il paese, in cui sono implicate ONG come Green Cross per lo sviluppo di nuove tecniche d’irrigazione e l’uso dell’energia solare. Ciò altera la relazione dei gruppi sociali alle risorse naturali e dunque agli ambienti, permettendo di trovare nuove opportunità e sbocchi.

Fig. 2 – L’agricoltura verde in Burkina Faso

Fig. 2 – L’agricoltura verde in Burkina Faso

Fonte: ACBF 2012.

26Il RICA 2012 (ACBF 2012) sottolinea che la qualità delle politiche e delle istituzioni di un paese è legata al livello delle capacità del paese in questione. Quest’ultimo permette quindi anche di capire come intervenire per trasformare l’agricoltura in maniera proficua e quali strumenti istituzionali esistono a tal fine nello Stato in questione. In agricoltura, come del resto negli altri settori dell’economia, il ruolo della leadership è strategico; è, infatti, la classe politica che garantisce che le politiche agricole siano adatte alla situazione del paese, che siano applicate e che producano i risultati positivi previsti quando sono state concepite.

27La leadership, conoscendo i meccanismi e le conseguenze della mondializzazione sull’agricoltura e sui mercati, deve anche permettere al paese di essere competitivo e di ritagliarsi una fetta di mercato specifica nella quale ha dei vantaggi o se li costruisce, grazie anche alle politiche, ma anche alla collaborazione di diversi altri attori (tra cui il settore privato). È quindi necessario avere un quadro, una visione del settore e assicurare che questa si materializzi in politiche agricole efficienti e adatte al contesto del paese.

28Tutto ciò è naturalmente possibile solo se le misure da prendere sono concepite consultando e coinvolgendo gli agricoltori, attraverso meccanismi partecipativi e consultativi a diversi livelli, con meccanismi di governance che includano i diversi attori sociali implicati nel settore e con un’inclusione sociale necessaria, in quanto i consumatori sono anch’essi parte in causa in questo tipo di decisione. Le politiche agricole trasformano quindi il settore, i territori dell’agricoltura ad ogni scala, così pure la vita dei produttori: devono essere ispirate e promosse da leader capaci e impegnati nella trasformazione di un dato paese, ma non possono prescindere dal coinvolgimento e dalla partecipazione degli attori coinvolti a diversi livelli, se si vuole che esse funzionino realmente. Le politiche nazionali non sono quindi strumenti astratti, che interessano solo gli specialisti: una politica agricola può avere un impatto forte sul settore e quindi sui gruppi sociali implicati, così pure sui territori. Le politiche agricole sono dunque territoriali e contribuiscono alla gestione del territorio.

29Nei paesi africani, l’agricoltura non può essere disgiunta dalla lotta contro la povertà e deve dunque avere a cuore i gruppi più vulnerabili e a rischio, come i giovani e le donne. L’agricoltura produce un reddito e fornisce mezzi di sostentamento: il rafforzamento delle capacità agricole deve operare in modo tale da accrescere la sostenibilità di tali mezzi di sostentamento. Ciò è reso possibile oggigiorno solo dalla diversificazione economica, che riduce i rischi e la vulnerabilità sociale degli individui e dei nuclei familiari.

30Se l’attenzione verso i produttori è strategica, quella per i territori e la loro preservazione lo sono altrettanto: essi sono, infatti, la condizione primaria di partenza per la pratica di qualsiasi agricoltura. La terra deve quindi essere al centro del rafforzamento delle capacità agricole: non solo per quanto concerne la gestione della fertilità dei suoli e l’irrigazione, ma anche il diritto sulla terra e quindi la proprietà. Questi due aspetti sono entrambi problematici nei contesti africani: le disparità sociali acute, i meccanismi di esclusione, la povertà diffusa e dei sistemi catastali inefficaci, perché calcati sui sistemi europei e quindi inadatti ai territori africani.

31La qualità delle infrastrutture è anche un fattore cruciale per la trasformazione delle agricolture africane. In Africa subsahariana 16,3% delle strade erano asfaltate nel 2010, contro una media mondiale del 57,6% nello stesso anno. Il numero e la qualità delle infrastrutture permettono di accrescere la produzione agricola (limitando per esempio le perdite e gli sprechi), riducendo i costi di produzione e quindi il prezzo al consumatore dei cibi, provocando così un aumento del livello di vita di produttori e consumatori. Le infrastrutture hanno quindi un effetto acceleratore: gli investimenti che ne migliorano la qualità o che ne accrescono il numero hanno effetti positivi a catena sull’agricoltura, dalla produzione fino al consumatore.

32Le infrastrutture danno anche o favoriscono l’accesso ai mercati agricoli che, se ben funzionanti e integrati nei circuiti globali, aumentano il guadagno dei produttori, riducono il costo del cibo per i consumatori e contribuiscono di conseguenza a far crescere la sicurezza alimentare, soprattutto quella dei più poveri. I mercati devono quindi essere facilmente accessibili per i produttori e per i consumatori, la competitività diminuisce e permette di tenere sotto controllo i prezzi, aumenta il numero e la varietà dei prodotti disponibili. Ecco perché gli spazi urbani offrono indiscutibili facilità: nonostante i problemi infrastrutturali enormi anche in ambiti urbani e periurbani in Africa, la città offre accessi più rapidi e agevolati ai prodotti agricoli, rispetto alle difficoltà molteplici degli spazi rurali.

5. L’agricoltura urbana: il nuovo volto della dimensione locale

33Non solo il mercato e la concorrenza sono più importanti in città, soprattutto nei centri urbani importanti, non solo è più facile trovarvi ormai qualsiasi prodotto, ma ormai da molto tempo gli spazi urbani e periurbani producono prodotti alimentari e contengono dunque spazi agricoli. Si fa riferimento all’agricoltura urbana nel caso di qualsiasi impresa agricola all’interno o ai margini di una città o metropoli, che produce, trasforma e distribuisce alimenti o prodotti non alimentari.

34L’agricoltura urbana è un fenomeno molto diffuso in Africa subsahariana, anche se non assume la stessa importanza e le stesse forme ovunque sul continente. È stato per esempio dimostrato che il fenomeno è più diffuso in Africa occidentale che nella parte australe. Le motivazioni culturali possono essere citate per giustificare una tradizione e un’abitudine più diffusa in Africa occidentale a ricorrere alla produzione agricola e all’allevamento in città (Cissé, Diop Gueye, Sy 2005) certo è che in Africa Australe è stato mostrato che gli individui non hanno ricorso all’agricoltura urbana quando hanno accesso a introiti regolari e sufficienti di denaro (come pensioni d’invalidità, di vecchiaia, etc.) (Onyango 2010).

35Bisogna poi distinguere la produzione modesta di famiglie intente a produrre per l’auto-consumazione (sia per ampliare la dieta, che eventualmente per ridurre i rischi di approvvigionamento dei cibi o di cambiamento inopinato dei prezzi), da quella d’imprenditori, che producono per poi rivendere nei mercati urbani o direttamente ad altre attività commerciali (ristoranti, hotel, bar, etc.) cibi che non potrebbero essere trasportati a lungo da lontano perché si rovinerebbero (frutta e verdura fresca per esempio). Si deve poi anche tener conto della differenza tra l’agricoltura praticata su terreni di proprietà privata, detenuti quindi legittimamente da chi ne trae profitto, dall’appropriazione abusiva, e quindi instabile e momentanea, di terreni considerati liberi. Tutto ciò deve anche essere valutato tenendo conto del fatto che in diverse città africane l’agricoltura urbana è vietata, oppure non si lasciano ad essa spazi idonei all’interno dei piani regolatori, allora che in altre città delle porzioni ben precise del territorio urbano sono allocate a tale attività, riconoscendole un’esistenza, una legittimità ed un’utilità vera.

36Al di là delle varianti, una cosa è certa: l’agricoltura urbana possiede un’enorme potenzialità per le città africane, ma anche per la sicurezza alimentare degli Stati, poiché in Africa la crescita urbana, benché più lenta del passato, continui inesorabilmente. Nel 2012 la popolazione urbana in Africa subsahariana costituiva il 36,8% del totale, contro il 33,2% del 2003, seguendo una tendenza simile a quella della media mondiale. In maniera però diversa da quanto accade altrove nel mondo, la popolazione urbana africana si concentra nelle grandi città: 25,4% dei cittadini africani viveva in centri urbani importanti nel 2012, contro una media mondiale del 15,1%, il che significa che le capitali e le metropoli hanno bisogni alimentari importanti e sempre crescenti.

37Se quindi, riferendosi al consumo a corto raggio tipico di una parte dell’agricoltura urbana africana, si potrebbe pensare che si tratti di un’attività locale, in realtà non si può considerare come tale. Esiste, infatti, oggigiorno un’interconnessione forte tra le attività urbane, periurbane e rurali, che implica che l’agricoltura urbana si colloca anch’essa in questo panorama complesso di scambi e all’interno dell’equilibrio e delle opportunità che derivano dalla ‘multiscalarità’ del mondo contemporaneo. Bisogna poi aggiungere che qualsiasi attività economica deve essere collocata all’interno del mercato a diverse scale (regionale, nazionale, internazionale e mondiale), oltrepassando quindi, di fatto, i limiti del locale. La produzione locale indipendente dalle dinamiche esterne non esiste, ma deve piuttosto essere collocata all’interno di processi più vasti, che ne giustificano l’esistenza ed il protrarsi oppure che ne spiegano la crisi. Ciò vale anche naturalmente per l’agricoltura, confrontata al mercato globale ed al consumo mondializzato dei cibi, ma anche per i fenomeni politico-economici. Il locale resta invece una scala di riferimento primaria per fenomeni socio-culturali per esempio.

38Per quanto riguarda più specificamente l’agricoltura urbana, anche la più piccola produzione va ricollocata nella sicurezza alimentare di un paese, nel contesto delle relazioni tra le città e gli spazi rurali circostanti, tiene conto dei prezzi nazionali, ma anche del più vasto mercato mondiale che giustifica il prezzo di un dato prodotto in una località ben precisa. I cibi prodotti poi in un certo posto possono circolare, in funzione delle reti sociali degli individui e dei nuclei famigliari, così pure delle infrastrutture, della stagione, delle opportunità….

39Indipendentemente dalle quantità, dal prodotto prescelto e dal contesto specifico in cui ricollocarlo, l’agricoltura urbana ha un ruolo sociale e territoriale strategico: permette ai più poveri di avere un apporto alimentare o in denaro, ma anche di accrescere il reddito e di diversificare la dieta di coloro che hanno un lavoro, delle classi medie, ma anche di avere una sicurezza alimentare e di diminuire i rischi per coloro che (come i funzionare statali per esempio) in Africa temono di vedere i loro salari bloccati oppure il loro lavoro venir meno, in caso di problemi politici e economici maggiori. È quindi unanimemente riconosciuto che l’agricoltura urbana africana ha un ruolo economico e alimentare di prima importanza: protegge e migliora le condizioni di vita di un gran numero di cittadini.

40Dal punto di vista più prettamente territoriale, l’agricoltura urbana trasforma profondamente i territori urbani africani, soprattutto quelli delle grandi città. Questa trasformazione può essere visibile nel paesaggio ma può anche essere più profonda e occulta, soprattutto là dove è proibita e deve quindi nascondersi e passare inosservata, senza per questo essere meno importante. È stato poi mostrato che in Africa l’agricoltura urbana è una soluzione sostenibile, che contribuisce al riciclo di residui di vario tipo e aumenta il verde urbano. Alcuni casi celebri, tra cui quello della città tanzaniana di Dar-es-Salaam, confermano che l’agricoltura urbana può anche inserirsi in maniera efficace nella pianificazione urbana, diventando così un modo di occupazione del suolo legittimo ed in fase con le altre pratiche urbane, completandole (Mlozi 1997).

41Malgrado tutte queste motivazioni che mostrino l’importanza strategica dell’agricoltura urbana in Africa e dei suoi effetti positivi notevoli, non solo alla scala locale, quest’attività è ancora oggi sottoposta a delle limitazioni e subisce l’opposizione di molti attori istituzionali e di altro tipo per le ragioni le più diverse. È quindi utile fornire qualche suggerimento per aiutare lo sviluppo dell’agricoltura urbana nelle città africane e permetterle quindi di ricoprire il ruolo che le spetta.

6. Qualche suggerimento per sfruttare pienamente il potenziale dell’agricoltura urbana

42Il RICA 2012 fornisce a tal proposito un’analisi accurata dei limiti e offre dei suggerimenti generali, validi ovunque sul continente, per aiutare a migliorare l’agricoltura urbana africana. Si propongono qui di seguito alcuni consigli fondamentali.

43Uno dei più comuni problemi dell’agricoltura urbana in Africa è il pregiudizio delle istituzioni: i politici e i funzionari statali sono generalmente contrari alla pratica di quest’attività e ne ostacolano più o meno esplicitamente le sviluppo, con le leggi o con misure puntuali. Contrastare queste visioni negative, che hanno poi come esito l’esclusione dell’agricoltura urbana dalla pianificazione ufficiale dei comuni, oppure la tendenza a volerla sopprimere nei fatti, anche qualora non esistano regole esplicite che la proibiscono, è la prima azione necessaria in molti Stati africani. Quest’opposizione ferrea delle istituzioni deriva da almeno due ragioni; la prima è il preconcetto erroneo che l’agricoltura urbana sia nociva per la salute umana e l’ambiente, poiché veicolo di malattie e utilizzatrice e produttrice di sporcizie; la seconda serie di ragioni, più euristica, deriva dall’idea più o meno conscia che le città africane per diventare ‘vere città’ devono respingere l’attività agricola al di fuori dei suoi confini, perché non ci sarebbe posto al suo interno per un’attività giudicata rurale, che renderebbe le città africane sporche, disordinate e non propriamente urbane. Questa visione urbana è errata, poiché storicamente le origini del fenomeno urbano sono legate all’agricoltura che si praticava in città (Dumont, D’Alessandro 2007).

44A tal fine, per rimediare a certi pregiudizi ancora diffusi e dagli esiti pratici negativi, è prioritario avere una pianificazione urbana che consacri all’agricoltura urbana non degli spazi residui e marginali, inutilizzabili per altri scopi, ma bensì delle parti del territorio urbano ben scelte e abbastanza vaste, nella misura del possibile, per soddisfare i bisogni esistenti e almeno quelli del futuro prossimo, in funzione della crescita urbana prevista. Esempi come quello di Dar-es-Salaam, già citato, mostrano che ciò è possibile, anche in Africa. La città di Maputo ha per esempio destinato delle ‘zone verdi’ all’orticoltura sin dagli anni ’80, proteggendo così queste zone dal degrado ambientale, nonostante la crescita urbana importante e quindi la pressione esercitata sulla terra disponibile. La città di Kigali ha lasciato 15.000 ettari di spazio urbano all’agricoltura. Qualora questo non sia possibile all’interno della città a causa della forte densità urbana o di barriere naturali o di altro tipo, insormontabili, è possibile ricorrere ad altri rimedi: Bamako, ha destinato all’orticoltura 100 ettari di terra, localizzati a 20 km a sud-ovest della capitale del Mali (FAO 2012).

45Per ottenere risultati di questo tipo, è importante che le comunità siano coinvolte nelle decisioni importanti a livello comunale: la partecipazione delle comunità, malgrado tutti i suoi limiti intrinseci, deve quindi intervenire ai diversi stadi della pianificazione per permettere d’inglobare l’agricoltura urbana in modo adeguato tra le attività di occupazione della terra riconosciute a pieno titolo. Gli esempi a tal proposito sono numerosi e diversi: da Harare a Pretoria…

46Se il coinvolgimento degli attori a valle del processo, cioè i cittadini e le comunità, è strategica, è anche molto importante che, per le decisioni sull’agricoltura urbana, i diversi livelli di responsabilità (urbano, regionale, nazionale) siano coordinati. La legislazione a tutte le scale deve prendere in conto e favorire lo sviluppo del fenomeno. I politici devono essere propensi ad agevolare la diffusione dell’attività e a predisporre misure d’incoraggiamento e di coinvolgimento degli attori del settore privato, come anche le ONG o gli attori della società civile.

47Questo coordinamento dei diversi livelli e il coinvolgimento degli attori favoriscono anche l’instaurazione di legami con altri settori economici. Se l’industria è il settore connesso più scontato, l’agricoltura, indipendentemente dal fatto che questa sia urbana o rurale, ha bisogno di legami con i mercati a diversi livelli, grazie a politiche che agevolino tale accesso.

48L’accesso all’acqua (in quantità sufficiente e di buona qualità), alla terra (tramite un regolamento catastale che preveda la proprietà della terra in città con finalità agricole) e ai fertilizzanti (tramite schemi di finanziamento adeguati) sono condizioni spesso difficili da ottenere per gli agricoltori urbani, ma anche essenziali. L’irregolarità diffusa delle precipitazioni in Africa non permette il ricorso costante all’acqua piovana per l’agricoltura urbana, l’uso dell’acqua potabile è discutibile, se si considera il deficit idrico di numerosi paesi. Si rende quindi necessario l’uso di tecniche d’irrigazione a piccola scala e facendo ricorso a tecnologie non raffinate e quindi non costose, come le pompe a pedale. Delle politiche specifiche devono anche favorire, nella misura del possibile e nonostante le difficoltà ben note in ambiti africani, l’affitto delle terre e la riforma della proprietà della terra per permettere ai piccoli proprietari di accedere più facilmente al possesso dei terreni coltivati in città. Questo ridurrebbe notevolmente i rischi d’instabilità dell’agricoltura urbana, che sono diffusi soprattutto tra i gruppi più poveri e vulnerabili. L’utilizzo abusivo delle terre implica, infatti, che queste possano essere sottratte e riprese dai legittimi proprietari in qualsiasi momento, il che rende l’attività aleatoria e inaffidabile.

49Delle politiche specifiche che proteggano gli interessi degli agricoltori urbani rispetto ai mercati globali si rendono anche necessari. La richiesta crescente di frutta e verdura fresche in Africa, ma anche in Occidente, crea un mercato per l’esportazione, di cui gli agricoltori urbani sanno trarre profitto, ma perché ciò continui, delle misure di protezione si rendono necessarie, così come si deve garantire che questa produzione non sia a discapito del cibo consumato all’interno del paese, cioè della sicurezza alimentare.

50Per fare in modo che l’agricoltura urbana si sviluppi e che esista una volontà politica costante di raggiungere tale obiettivo, essa deve far parte dei piani di sviluppo nazionale. Ciò è reso possibile solo se si crea una larga alleanza per mantenere costante la pressione sulla classe politica al potere, con la partecipazione di tutti gli attori coinvolti, inclusi i produttori informali più poveri e marginali. Le ONG locali e internazionali possono avere un ruolo strategico a tale fine, grazie alla loro capacità di collaborazione anche con le popolazioni generalmente più difficilmente raggiungibili. Le ONG possono contribuire proficuamente alla creazione e all’applicazione di politiche locali e nazionali in difesa dell’agricoltura urbana. Anche le organizzazioni della società civile possono avere tale ruolo, si pensi alle associazioni di vario tipo, ma anche alla stampa.

Conclusione: il rafforzamento delle capacità trasforma la geografia politica contemporanea

51Da quanto appena detto per l’agricoltura emerge che la geografia politica dei paesi africani, cioè la scacchiera dei poteri che operano ad ogni scala, ha subito cambiamenti notevoli dalle indipendenze ad oggi. Se, per riassumere brevemente, dagli anni ’60 alla fine degli anni ’80 o all’inizio del decennio ’90, gli Stati erano gli attori generalmente dominanti, l’avvento dei piani di aggiustamento strutturale, voluti e applicati dalle istituzioni internazionali di Bretton Woods (la Banca Mondiale e il Fondo Monetario Internationale), ha prodotto, tra i molti risultati, un ridimensionamento del ruolo degli Stati, di cui è stata riconosciuta l’incapacità a gestire la politica, la corruzione insita, i limiti nell’organizzazione e nella gestione della funzione pubblica. È in quello stesso periodo che emerge la necessità di rafforzare le capacità degli Stati africani (Levy, Kpundeh 2004) e il bisogno, allo stesso tempo, di procedere alla riforma del settore pubblico, la cui performance era stata riconosciuta troppo limitata (OWUSU, Ohemeng 2012).

52Il rafforzamento delle capacità istituzionali ha permesso allo Stato di mantenere un ruolo centrale importante nella geografia politica dell’Africa contemporanea e di non perdere potere ma bensì di trasformarne la natura, migliorando il funzionamento dei governi africani: lo Stato è oggigiorno uno degli attori, certo sempre centrale, ma che deve tener conto degli altri poteri esistenti (siano essi sovranazionali o interni al paese). Uno degli esiti cruciali del rafforzamento delle capacità istituzionali in Africa, su cui però degli sforzi sono ancora necessari, è la creazione di una leadership capace e determinata a migliorare le condizioni di vita nei paesi africani. Una tale leadership è certo politica e include i decisori, ma anche dirigenti di grandi imprese, società private o multinazionali, università. Il leader è, infatti, non solo la persona che decide, ma anche chi sa trovare e inspirare una visione strategica per il futuro adatta al contesto e che è in grado di farla applicare.

53La mondializzazione ha poi contribuito ad aumentare il potere degli attori economici e delle istituzioni internazionali, garanti del divenire e degli interessi comuni del pianeta. La globalizzazione ha anche però prodotto effetti locali notevoli, com’è stato detto, permettendo al locale di ‘uscire dall’isolamento’ e di diventare una scala inserita a pieno titolo in altre più vaste, ma ha anche permesso alla società civile di accrescere il proprio potere d’azione, grazie alla collaborazione e alla diffusione dell’informazione su quanto fatto o accaduto altrove (si pensi al ruolo della società civile in paesi che hanno recentemente scoperto del petrolio sul loro territorio o nelle loro acque territoriali, come il Ghana e l’Uganda, che possono mettere a profitto le esperienze fatte in precedenza da altri paesi africani). La mondializzazione permette anche a ONG internazionali (come la tedesca GIZ) o ad agenzie governative di paesi occidentali (come la francese Agence Française de Developpement, AFD, o l’inglese Department for International Development, DFID) di avere un ruolo centrale nello sviluppo del continente africano.

54Il rafforzamento delle capacità deve quindi tenere in conto non solo gli Stati ma tutti gli attori africani, il cui potere e la cui azione è cruciale per lo sviluppo: la società civile, il settore privato, i leader, la stampa, i governi, le università, le istituzioni di ricerca, i think tanks, ….

55Un altro fenomeno che sta profondamente cambiando la geografia politica dell’Africa è l’integrazione regionale, o più precisamente, la regionalizzazione del continente. Essa ricolloca le decisioni politiche nazionali all’interno di schemi regionali e continentali. In Africa però l’integrazione regionale è particolarmente efficace quando è settoriale, cioè quando si fonda su misure e settori specifici, piuttosto che sulla creazione di un mercato comune africano. L’agricoltura è appunto uno di questi settori in cui la regionalizzazione del continente si sta sviluppando in modo proficuo: ECOWAP (la politica agricola regionale dell’Africa dell’Ovest) è un esempio riuscito in tal senso. Non solo quindi in Africa sono forse nati Stati originali, che applicano e trasformano l’idea occidentale dello Stato (Bayart 2006), ma il continente nero potrebbe anche essere all’avanguardia nel creare dei poteri politici nuovi, in grado di oltrepassare la scala nazionale, senza con questo comprometterne il ruolo strategico, e creando un nuovo modello di unione tra Stati, che oltrepassi i limiti delle unioni internazionali già esistenti.

56Si può imparare anche dall’Africa, anche da paesi che lottano contro la povertà, la corruzione, le disparità, ma che certo non mancano di volontà e di determinazione: il nostro occidente ricco ne avrebbe particolarmente bisogno, soprattutto nei momenti di crisi. Le lezioni che si possono trarre devono però evitare di incorrere nel rischio del ‘one fits all’, cioè dell’idea semplice che una misura che funziona in un posto dovrebbe potersi applicare identicamente altrove. Ogni politica ed ogni provvedimento devono adattarsi al contesto al quale si applicano.

Bibliographie

ACBF, 2012, Africa Capacity Indicators 2012. Capacity Development for Agricultural Transformation and Food Security, Harare, ACBF.

ACBF, 2013, Africa Capacity Indicators 2013. Capacity Development for Natural Resource Management, Harare, ACBF.

Bayart J.-F., 2006, L’Etat en Afrique. La politique du ventre, Paris, Fayard.

Chéneau-Loquay A. (dir.), 2000, Enjeux des technologies de la communication en Afrique. Du téléphone à Internet, Paris, Karthala.

Cissé O., Diop Gueye N. F., Sy M., 2005, Institutional and legal aspects of urban agriculture in French-speaking West Africa: from marginalization to legitimization, «Environment & Urbanization», 17.2: 143-154.

Cotula L., Vermeulen S., Leonard R., Keeley J., 2009, Land grab or development opportunity? Agricultural investment and international land deals in Africa, London/Rome, IIED/FAO/IFAD.

D’Alessandro-Scarpari C., 2005, Géographes en brousse. Un métissage spatial entre discours et pratiques, Paris, L’Harmattan.

Dumont M., D’Alessandro-Scarpari C., 2007, La clé des villes, Paris, Le cavalier bleu.

Economist Intelligence Unit, 2013, African Markets. Managing Natural Resources: Ethiopia Country Profile, Harare, ACBF.

FAO, 2012, Growing Greener Cities in Africa. First Status Report on Urban and Peri-urban Horticulture in Africa, Roma, FAO.

Levy B., Kpundeh S. (ed.), 2004, Building State Capacity in Africa. New Approaches, Emerging Lessons, Washington, World Bank Institute.

Mercer C., 2006, Telecentres and transformations: Modernizing Tanzania through the Internet, «Africa Affairs», 105.419: 243-264.

Mlozi M., 1997, Impacts of urban agriculture in Dar es Salaam, Tanzania, «Environmentalist», 17.2: 115-124.

Onyango C. L., 2010, Urban and peri-urban agriculture as a poverty alleviation strategy among low income households: the case of Orange farm, South Johannesburg, Pretoria, University of South Africa.

Owusu F., Ohemeng F. L. K., 2012, The Public Sector and Development in Africa: The Case for a Developmental Public Service, in K. T. Hanson, G. Kararach, T. M. Shaw (eds), Rethinking Development Challenges for Public Policy: Insights from Contemporary Africa, Basingstoke, Palgrave: 117-154.

Rist G., 1996, Le développement. Histoire d’une croyance occidentale, Paris, Presses de Sciences Po.

Taylor D. R. F., Mackenzie F. (dir.), 1991, Development from Within. Survival in Rural Africa, Oxford/New York, Routledge. UNECA, 2013, MDG Report 2013. Assessing Development Goals, UNECA/AU/AfDB/UNDP. Progress in Africa toward the Millennium

Notes

1   Questo è il titolo dato dall’ACBF (African Capacity Building Foundation, la Fondazione per il Rafforzamento delle Capacità in Africa) alla cerimonia di festeggiamento del suo ventennale, à Kigali, nel febbraio 2011. L’espressione voleva enfatizzare che il rafforzamento delle capacità permette di far diventare realtà il futuro che il continente desidera.

2   I dati utilizzati sono quelli della Banca Mondiale (data.worldbank.org), salvo ove esplicitamente indicato e, nel qual caso, esplicito riferimento è fatto alla fonte dei dati.

Table des illustrations

Titre Fig. 1 – Capacità e performance agricole
Crédits Fonte: ACBF 2012
URL http://books.openedition.org/ledizioni/docannexe/image/7709/img-1.jpg
Fichier image/jpeg, 273k
Titre Fig. 2 – L’agricoltura verde in Burkina Faso
Crédits Fonte: ACBF 2012.
URL http://books.openedition.org/ledizioni/docannexe/image/7709/img-2.jpg
Fichier image/jpeg, 107k

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search