Version classiqueVersion mobile

Alimentazione, cultura e società in Africa. Crisi globali, risorse locali

 | 
Valerio Bini
, 
Martina Vitale Ney

Parte seconda. Politiche del cibo

i prezzi del cibo. una riflessione critica

Riccardo Moro

Texte intégral

1. Introduzione

  • 1   Tra queste in particolare il Patto Internazionale sui Diritti Economici, Sociali e Culturali reda (...)

1Il cibo, come l’acqua, è vita. La vita dell’uomo dipende dalla disponibilità di cibo e il ruolo degli alimenti di base è talmente importante che in tutte le culture ha sempre ricevuto altissima considerazione. Per i cristiani, ad esempio, Dio si fa pane per dare agli uomini vita. Con quella consapevolezza, oggi nel dibattito internazionale si parla con convinzione di diritto al cibo e di sicurezza alimentare e la determinazione a garantirli universalmente è formalizzata nell’articolo 25 della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani approvata dalle Nazioni Unite nel 1948 e in altre successive deliberazioni della sua Assemblea Generale1.

  • 2   FAO, IFAD, WFP 2013. The State of Food Insecurity in the World 2013. The multiple dimension of fo (...)

2Nonostante la chiarezza di questo impegno, nel pianeta oggi vivono, anzi sopravvivono, circa 850 milioni di persone malnutrite2, con tutte le conseguenze che ciò comporta in termini di debilitazione e aumento della vulnerabilità a una ampia gamma di malattie. La fame, purtroppo, uccide direttamente e indirettamente.

  • 3   Questi sono dati facilmente reperibili in rete. Non ne riportiamo con puntualità le fonti per non (...)

3Il diritto al cibo, per quanto dichiarato, è disatteso non solo per lo scandalosamente elevato numero di persone che oggi non mangiano a sufficienza, ma rischia di essere minato in futuro dal processo di indebolimento che il comparto agricolo sta subendo in tutto il mondo a causa della intensa volatilità dei prezzi alimentari verificatasi nell’ultimo decennio. Questa condizione infatti disincentiva l’investimento in agricoltura. Nessuno investe volentieri se non può prevedere i prezzi futuri – in particolare se considera alto il rischio di almeno temporanee cadute dei prezzi – e questo indebolisce la capacità di rendere l’agricoltura mondiale capace di sfamare il pianeta domani, quando, come prevede la FAO per il 2050, sarà abitato da 9 miliardi di persone. Se la produzione attuale non arriva a sfamare 6 miliardi di persone, a causa dei molti squilibri legati a mancanza di reddito e pessima distribuzione, ben più difficile sarà sfamare 9 miliardi domani se non si investe oggi nell’agricoltura e nel comparto alimentare, che richiedono tempi medio lunghi per modificare e migliorare strutturalmente la propria capacità produttiva e i sistemi di distribuzione3.

4Di fronte all’urgenza dello scandalo della malnutrizione e alla preoccupazione per il futuro, i cittadini del pianeta non sembrano muoversi con coerenza. Un cittadino su otto soffre di malnutrizione e una media di 27 mila persone muore di fame ogni giorno, mentre un miliardo e mezzo è sovrappeso e circa 500 milioni soffrono di obesità. Per curare chi soffre di obesità negli Stati Uniti si spendono circa 350 milioni di dollari al giorno, mentre per gli aiuti alimentari in tutto il mondo si utilizzano circa 4 milioni al giorno. I cittadini statunitensi pagano ogni giorno 110 milioni in programmi di dimagrimento e, insieme a quelli europei, 30 milioni per nutrire i propri animali domestici. È imbarazzante anche considerare che ogni giorno si donano 14 tonnellate di cibo in aiuti e se ne gettano 70 solo negli Usa.

5L’obiettivo di questo elenco non è formulare una generica e moralistica denuncia, quanto mostrare come su un tema tanto delicato, a fronte di affermazioni particolarmente forti della comunità internazionale, manca una reale attenzione comune. Questo diventa particolarmente evidente se ci si accosta al tema delle politiche pubbliche.

6L’obiettivo di questo contributo è l’analisi delle dinamiche dei prezzi del cibo, cercando di identificare il ruolo giocato dai fattori che lo influenzano per arrivare a proporre alcuni strumenti di governance efficace che mirino non solo ad una riduzione della volatilità e del valore assoluto dei prezzi alimentari, ma anche a rafforzare le possibilità del sistema di favorire nel tempo la sicurezza alimentare in un quadro di sana sovranità alimentare, nel quale cioè cittadini e comunità svolgono un ruolo protagonista nella scelta di che cosa produrre, che cosa consumare e che cosa scambiare con altri cittadini e altre comunità.

2. L’andamento storico dei prezzi alimentari

7Come si può vedere dal grafico 1, l’indice globale dei prezzi alimentari calcolato dalla FAO, a parte un breve picco a metà degli anni Settanta durante la crisi dei prezzi delle materie prime e del petrolio, è globalmente sceso dagli anni Sessanta alla metà del primo decennio del 2000.

8Questa discesa è avvenuta nonostante una continua crescita demografica: dal 1961 al 2010 la popolazione mondiale passa da 3,3 a 7 miliardi di persone. Un aumento della domanda di cibo esercitata da una popolazione in considerevole crescita non ha provocato rilevanti aumenti dei prezzi, grazie alle rivoluzioni verdi che hanno migliorato la produttività (e dunque aumentato la produzione) e grazie – soprattutto – alle politiche dei paesi del Nord che hanno ‘sussidiato’ l’agricoltura, cioè hanno utilizzato risorse pubbliche per integrare i redditi degli agricoltori e mantenere conseguentemente bassi i prezzi per i consumatori finali.

Grafico 1 – I prezzi alimentari dagli anni Sessanta a oggi

Grafico 1 – I prezzi alimentari dagli anni Sessanta a oggi

Fonte: FAO

  • 4   Le politiche di aggiustamento strutturale vennero promosse da Banca Mondiale e Fondo Monetario In (...)

9Il giudizio sulle politiche di sussidiazione può essere articolato. Secondo le impostazioni più ortodosse è eccepibile il fatto che si usino risorse pubbliche per proteggere una fascia di popolazione (i contadini) sempre meno numerosa, come avviene in Europa o negli Stati Uniti. È vero però che questo approccio ‘interventista’ ha mantenuto i prezzi stabili e in continua discesa, rendendo il cibo accessibile. D’altra parte i sussidi del Nord del mondo hanno anche reso competitivi internazionalmente i produttori del Nord, spingendo simmetricamente fuori mercato i prodotti provenienti dai paesi impoveriti, scoraggiando così l’investimento nell’attività produttiva agricola in questi paesi. Si tratta in questo caso di un fenomeno non indifferente. La pressione nata con le politiche di aggiustamento strutturale4, imposte dalle Istituzioni Finanziarie Internazionali a partire dagli anni Ottanta, già aveva indebolito la capacità di soddisfare le esigenze alimentari nazionali, orientando la produzione locale verso le monocolture destinate all’esportazione. Le difficoltà a raggiungere i mercati internazionali e la facilità di comprare prodotti alimentari stranieri a basso prezzo, provocata dai sussidi, hanno costituito un ulteriore disincentivo a investire in agricoltura, rendendo ancora più deboli le capacità di molti paesi del Sud di rispondere alle esigenze alimentari di una popolazione in intensa crescita.

Grafico 2 – Produzione agricola alimentare mondiale (millioni di tonnellate)

Grafico 2 – Produzione agricola alimentare mondiale (millioni di tonnellate)

Elaborazione da dati FAO

10Esaminiamo ora i due grafici 2 e 3. Nel primo è rappresentata la dinamica produttiva agricola mondiale dagli anni Sessanta sino alla soglia dell’attuale decennio. In quello successivo possiamo vedere la dinamica demografica nel pianeta.

Grafico 3 – Popolazione mondiale

Grafico 3 – Popolazione mondiale

Elaborazione da dati FAO

11Come si può vedere, entrambe le grandezze hanno un andamento crescente. Tra il 1961 e il 2009 la produzione alimentare aumenta del 250% e nello stesso periodo la popolazione mondiale cresce del 227%. Questo significa che a fronte di un repentino aumento della popolazione mondiale – che in cinquanta anni più che raddoppia, passando da tre a sette miliardi – la produzione agricola mondiale è cresciuta ancora più rapidamente e il cibo disponibile per ogni abitante della Terra è aumentato.

12Questa dinamica sfata il mito secondo cui un intenso aumento della popolazione mondiale non può che portare a un aumento dei prezzi del cibo. L’esperienza dal dopoguerra a oggi insegna che politiche adeguate possono orientare i comportamenti del mercato e degli operatori creando le condizioni per soddisfare la domanda senza tensioni drammatiche.

13Il dibattito contemporaneo verte esattamente su questo punto. Secondo molti analisti e i maggiori operatori del mercato i prezzi del cibo in futuro non possono che essere destinati ad aumentare. Le prospettive demografiche per il 2050 prevedono 9 miliardi di abitanti sulla Terra. Per sfamarli occorreranno investimenti e nuove tecnologie, come ad esempio l’introduzione degli organismi geneticamente modificati (OGM). E sia per il costo degli investimenti, sia soprattutto per la pressione della domanda esercitata dai 9 miliardi di persone sull’offerta di cibo, i prezzi – questa è la tesi – ‘necessariamente’ saliranno.

Grafico 4 – Popolazione mondiale

Grafico 4 – Popolazione mondiale

Elaborazione da dati FAO

14Le curve che vediamo nel grafico 4 rappresentano tre scenari di evoluzione della popolazione mondiale. Lo scenario più severo indica in oltre dieci miliardi la previsione per il 2050, quello più debole si attesta intorno agli otto miliardi, lo scenario intermedio si attesta a nove miliardi. Le differenze tra questi valori riguardano l’intensità del cambio delle abitudini delle popolazioni cosiddette «povere» al migliorare delle condizioni economiche.

15Il tasso di natalità normalmente decresce all’aumentare del reddito: le famiglie con maggiori risorse economiche migliorano il tenore di vita e fanno meno figli. Le diverse stime sull’andamento del reddito delle popolazioni con minor reddito, combinate con altre stime sulle abitudini e la disponibilità di servizi, portano ai tre scenari rappresentati nel grafico. Possiamo dunque prendere come dato sintetico la previsione che FAO propone in tutti i suoi documenti di una popolazione che nel 2050 sarà intorno ai 9 miliardi di abitanti.

16Osserviamo ora l’andamento dei prezzi del cibo e le stime di cui disponiamo per il futuro. Secondo le previsioni proposte dalla FAO, nei prossimi dieci anni si prevede un trend di continuo aumento dei prezzi.

Grafico 5 – Prezzo medio mondiale del grano

Grafico 5 – Prezzo medio mondiale del grano

Elaborazione da dati FAO

17Nel grafico 5 è rappresentata la stima futura dei prezzi del grano. Come si può vedere il trend è di aumento sistematico, con una lievitazione dei prezzi del 12% in sei anni. Apparentemente contenuta su base annuale, ma potenzialmente molto onerosa sulle popolazioni più povere che vivono sulla soglia della malnutrizione o decisamente sotto di essa e che non necessariamente godono delle stesse opportunità di aumento di reddito.

18Stiamo esaminando un dato aggregato mondiale, con tutti i limiti che aggregazioni cosi ampie contengono, ma aiuta a dare l’idea di quelli che vengono considerati i trend futuri. Proprio per andare al di là del consenso acritico sulle stime più istituzionali, esaminiamo ora l’andamento più recente. Negli ultimi anni i prezzi del cibo, più che aumentare, sono diventati molto volatili: violente impennate si alternano a decisi ribassi. Tra il 2006 e il 2008 i prezzi sono quasi raddoppiati per poi ridiscendere ai valori iniziali. Nel 2010 si è avviato un nuovo intenso rialzo e tra il 2011 e oggi la volatilità, sia pure per fortuna un po’ meno intensa, continua alternando fiammate a cadute e attestandosi ad un prezzo attuale corrispondente ai massimi storici.

Grafico 6 – Prezzo del grano

Grafico 6 – Prezzo del grano

Elaborazione da dati FAO

19Osserviamo il grafico 6. Utilizza gli stessi dati del grafico 1, prendendo in considerazione solo gli ultimi anni. Come si può vedere il prezzo del grano passa dai 170 $ del 2005 ai 350 $ del 2007, un aumento del doppio! Quindi scende a poco più di 200 $ l’anno successivo per risalire a 300 $ alla fine del 2010.

20Prendiamo ora in considerazione l’indice globale dei prezzi alimentari e le sue diverse componenti, relative ai prodotti che costituiscono le componenti fondamentali dell’alimentazione nel mondo. Nei due grafici seguenti l’indice globale è presentato insieme ad altri indici settoriali, per raffrontarne gli andamenti e le analogie.

Grafico 7 – Indici dei prezzi internazionali del cibo e dei cereali

Grafico 7 – Indici dei prezzi internazionali del cibo e dei cereali

Elaborazione da dati FAO

21Nel grafico 7 l’indice generale dei prezzi alimentari è raffigurato insieme a quello dei cereali. Nel grafico 8 compaiono anche dei derivati del latte e della carne. Dalla rappresentazione grafica si notano i picchi del 2008 e del 2011.

Grafico 8 – Indici dei prezzi internazionali del cibo, della carne, dei prodotti lattiero-caseari e dei cereali

Grafico 8 – Indici dei prezzi internazionali del cibo, della carne, dei prodotti lattiero-caseari e dei cereali

Elaborazione da dati FAO

22A differenza di quanto si potrebbe pensare, per il cibo i prezzi locali seguono o sono fortemente influenzati dai prezzi alimentari internazionali. I prezzi vigenti nelle borse merci, in particolare quella di Chicago, orientano i prezzi locali. Le condizioni locali difficoltose, per scarsità di raccolti hanno influenze sui mercati locali. Le condizioni internazionali negative, in particolare quando si determinano aumenti nelle grandi borse merci vengono ‘registrati’ e ‘importati’ in tutto il mondo anche se sul piano locale le condizioni specifiche fossero diverse. I picchi del 2008 e del 2011 si sono verificati in tutto il mondo e, come abbiamo già notato, non si è trattato di variazioni minime: i cereali, che costituiscono l’alimento principale delle popolazioni, hanno subìto il raddoppio dei prezzi. Questo significa che per il miliardo di sottonutriti, che vive questa condizione a causa della povertà, aumenti di prezzo così violenti rendono il cibo inaccessibile. Inoltre, come abbiamo anticipato nell’introduzione, una volatilità così intensa scoraggia gli investimenti in agricoltura: nessuno investe se non può fare ragionevoli previsioni sugli incassi futuri e questo ostacola la possibilità di preparare l’agricoltura per il 2050, quando dovrà essere in grado di nutrire 9 miliardi di persone, senza lasciare alcuno spazio alla fame e alla malnutrizione.

3. Le cause dell’aumento dei prezzi alimentari

23Esistono diversi fattori che possono incidere sull’andamento dei prezzi e che sono normalmente utilizzati per spiegare le dinamiche in corso. Con una particolare attenzione ai prezzi degli alimenti base, in particolare a quelli dei cereali, possiamo individuarne alcuni particolarmente rilevanti:

  • L’aumento della popolazione mondiale
  • Lo sviluppo dei biocombustibili
  • L’influenza del cambio climatico
  • Il miglioramento delle condizioni economiche di una parte significativa della popolazione nei paesi emergenti

3.1. Il trend demografico

24Come abbiamo già visto, l’aumento della popolazione determina obbligatoriamente un aumento della domanda di cibo. L’aumento della domanda stimola l’offerta. Se possono, i produttori aumentano l’offerta, cioè la quantità prodotta per la vendita. Il più delle volte, però, ad aumentare sono i prezzi perché l’offerta richiede tempo per crescere e adeguarsi alla domanda. Di conseguenza ciò che avviene normalmente è che l’aumento della domanda dovuto alla pressione demografica si traduce in un aumento dei prezzi.

3.2. I biocombustibili

25In questi anni sono aumentate la domanda e la produzione di biocarburanti (biodiesel, etc.), in parte sostenute anche da contributi pubblici che hanno promosso sia la produzione di biocarburanti sia il loro consumo.

26La produzione agricola di vegetali utilizzati per la produzione di biocombustibili sottrae superfici coltivabili (nuove o già usate in precedenza per produrre cibo) alla produzione per il consumo alimentare. La produzione per consumo alimentare umano in questo modo non aumenta o addirittura diminuisce. Se diminuisce evidentemente questo comporta una riduzione dell’offerta. Se a questo si unisce la pressione demografica è ovvio che la conseguenza sarà una pressione sui prezzi: l’offerta diventa più scarsa e la domanda fa salire i prezzi.

3.3. Il cambio climatico

27Il cambiamento climatico negli ultimi anni ha reso più frequenti fenomeni meteo distruttivi (siccità, inondazioni, …) soprattutto nelle aree tropicali. Questi fenomeni provocano localmente, e talvolta anche regionalmente, riduzione della produzione. La riduzione dell’offerta in questi casi fa conseguentemente aumentare i prezzi, anche oltre le dimensioni della reale contrazione produttiva. Viene percepito il rischio di una prossima scarsità e questo si scarica sui prezzi.

3.4. Riduzione della povertà e aumento del benessere

28In Cina, India e America Latina un numero consistente di persone è uscito negli ultimi anni dalla povertà estrema. Migliori condizioni economiche permettono di migliorare la dieta alimentare, aumentando la domanda di carne, latte e derivati del latte. La nuova domanda alimentare stimola l’allevamento avicolo e di capi di bestiame bovino e ovino (sia per carne sia per latte) facendo aumentare la domanda di mangimi. Questo fenomeno induce un aumento della produzione di cereali e altri vegetali per consumo animale, che richiedono processi lavorativi più semplici e meno costosi di quelli per il consumo alimentare umano. La produzione di cereali per mangimi può sottrarre quindi superfici alla coltivazione per il consumo alimentare umano e anche in questo caso il risultato è una pressione sui prezzi del cibo: meno superfici coltivate significa riduzione dell’offerta e conseguente aumento dei prezzi.

 

29Tutti i fattori che abbiamo elencato coesistono e interagiscono, generando effetti non facilmente calcolabili. Tutti, però, concorrono a spingere verso l’alto i prezzi e alimentano le previsioni per un trend sistematico di aumento dei prezzi di cui abbiamo parlato all’inizio. Questi fattori non spiegano però come i prezzi possano scendere. La volatilità di questi anni non è spiegabile solo con queste cause. Dove si deve guardare per spiegare i ribassi nei ‘picchi’ che abbiamo osservato?

4. Il ruolo della finanza

30Per spiegare la volatilità che ci preoccupa per il presente e per il futuro, possiamo guardare alla finanza, che gioca in agricoltura un ruolo estremamente rilevante. Soprattutto in agricoltura, infatti, la distanza che separa l’inizio dei costi dal momento dei ricavi è grande. I ricavi vengono incassati quando il prodotto è maturo e viene raccolto, ma i costi di produzione vengono sostenuti ovviamente mesi prima, a partire dalla semina. Il mercato finanziario può mettere crediti a disposizione degli agricoltori e per questo è fondamentale per rendere possibile e sostenibile la produzione agricola.

  • 5   I venditori sono le imprese di produzione agricola, i contadini; gli acquirenti sono invece i gra (...)

31Il mercato finanziario è prezioso anche per tutelare il settore agricolo dal rischio della volatilità. Al momento della semina non si conosce il prezzo futuro, questo potrà essere molto alto (con vantaggio per l’agricoltore e costi elevati per gli acquirenti) o molto basso (col rischio di ridurre o eliminare i guadagni e contenere i costi per chi compra). Per ridurre i rischi futuri venditori e acquirenti5 si mettono allora d’accordo in anticipo firmando contratto di vendita futuro ad un prezzo prestabilito al momento della stipula.

4.1. Futures e derivati

32Nascono così i futures: contratti di compravendita, che al momento della firma stabiliscono il prezzo della merce scambiata, la sua quantità e la data futura della consegna e del pagamento. I futures sono contratti nati come forma di assicurazione: venditore e acquirente concordano oggi il prezzo a cui si scambieranno la merce domani e in questo modo evitano i rischi di un prezzo eccessivo o troppo basso. Contratti di questo tipo possono anche diventare una forma di credito: il venditore può cedere subito il diritto al pagamento previsto dal titolo future in cambio di un pagamento immediato, inferiore ovviamente a quello definito per la data di consegna. Il nuovo detentore del titolo riceverà il pagamento pieno dall’acquirente al momento della consegna del prodotto, obbligazione che rimane intestata al venditore originario.

33La nascita dei futures concorre a ridurre la volatilità: i prezzi spot, cioè quelli dei prodotti pronto alla consegna, possono variare ma ciò che conta per gli operatori è il prezzo che hanno concordato al momento della stipula del future; conseguentemente se i prezzi future sono stabilizzati a un certo livello sarà difficile che i prezzi correnti del prodotto fisico per consegna immediata sia molto inferiore o molto superiore: tutti si orienteranno a definire i prezzi con anticipo e questo conterrà i prezzi futuri e ridurrà la quantità di prodotto disponibile alla vendita sul mercato che non sia già stato negoziato da contratti future.

34La novità degli ultimi dieci anni è che, con l’evoluzione e la deregulation del mercato finanziario, i futures sono diventati strumenti di investimento finanziario utilizzati anche da chi non ha alcun interesse al prodotto negoziato. Due operatori che vogliano operare uno scambio finanziario firmano un contratto future per un quantitativo di una materia prima alimentare, per esempio il grano. Prima della scadenza «stracciano» il titolo e si scambiano la differenza tra il prezzo concordato e il prezzo spot vigente in quel momento. Se il prezzo spot è maggior di quello del titolo, guadagnerà l’acquirente. Se il prezzo spot è inferiore, guadagnerà il venditore. In questo modo i futures diventano vere e proprie scommesse. Le controparti del contratto non sono interessate realmente alla compravendita. Cercano uno strumento per ‘giocare’ le somme di cui dispongono, cercando di guadagnare dalla scommessa.

35A volte gli operatori non dispongono nemmeno delle risorse che sarebbero necessarie per acquistare la merce considerata nel contratto future, ma giocano ugualmente, contando sul fatto che tanto stracceranno il contratto prima della scadenza e il valore da eventualmente pagare effettivamente sarà quello della differenza tra prezzi spot e future.

36I futures diventano così una delle tante forme di titoli derivati, titoli finanziari il cui valore è derivato, cioè dipende, da quello di un’altra grandezza chiamata sottostante. Per un titolo derivato il cui sottostante sia il rame, ad esempio, al crescere del prezzo del rame si verifica automaticamente un aumento del valore del derivato. E simmetricamente si determina una contrazione del valore del derivato quando scende il prezzo spot, cioè il valore del sottostante.

  • 6   Un fondo di investimento è la somma delle quote dei sottoscrittori che vengono investite da un ge (...)
  • 7   Le cronache legate all’operato di Bernie Madoff, già presidente di NASDAQ, la borsa elettronica d (...)

37La diffusione dei derivati è letteralmente esplosa dalla metà del primo decennio del 2000, quando si è compiuto il processo della cosiddetta deregulation finanziaria. La pressione degli operatori finanziari sulla politica – soprattutto sul Congresso USA – ha ottenuto una drastica semplificazione delle regole e dei controlli. Con regole ridottissime non ci sono più limiti alle operazioni che si possono avviare e sono stati analogamente ridotti i severi controlli che prima esistevano sulle operazioni rischiose. Inoltre lo sviluppo dell’informatica e di internet ha permesso la creazione di strumenti finanziari sempre più articolati e raffinati, per i quali è divenuto letteralmente impossibile per il risparmiatore e il semplice operatore riconoscere che cosa contiene realmente un titolo finanziario come un fondo di investimento o un fondo di fondi6. Di fatto oggi la credibilità di un titolo non è data da ciò che rappresenta realmente – che letteralmente è inverificabile – ma dall’operatore finanziario che lo emette7.

38Inutile ricordare che questo processo ha creato la vulnerabilità che ha portato allo scoppio della crisi finanziaria del settembre 2008, trasformatasi nella grave crisi economica che tuttora produce conseguenze in una ampia parte del pianeta.

39Esaminiamo ora il grafico 9. In esso viene mostrato il valore complessivo dei titoli derivati OTC emessi dal 1998 a tutto il 2012. OTC significa over the counter, fuori dallo sportello, cioè fuori dalla negoziazione ufficiale delle borse e delle loro regole. Si tratta di titoli scambiati su mercati cosiddetti secondari e bilateralmente tra gli operatori, che si mettono d’accordo quindi per operazioni e termini non previsti (non permessi) dalle regole cui devono sottomettersi i mercati regolati come quelli delle borse.

Grafico 9 – Derivati OTC

Grafico 9 – Derivati OTC

Elaborazione da dati BRI/ISB - International Settlements Bank

40Come si può vedere il valore raggiunto alla fine del 2012 è di poco meno di 600.000 miliardi di dollari. Quasi dieci volte il valore del PIL mondiale. Il primo picco è stato toccato nel 2008, per scendere con lo scoppio della crisi e risalire dopo due anni e superare il massimo storico durante il 2011.

41Una parte importante dei titoli derivati che compongono questo totale è legata ai prezzi alimentari, si tratta di derivati, cioè, che hanno come ‘sottostante’ una grandezza del mercato alimentare, in genere il prezzo di una materia prima come il grano. In parte si tratta di futures utilizzati come scommesse per investire, in parte sono titoli e fondi legati all’andamento generale degli indici dei prezzi alimentari, i cosiddetti index fund.

42Come per i metalli preziosi, per i quali si prevede un sistemico apprezzamento, cioè un aumento del valore dato dalla scarsità della loro disponibilità che nel pianeta è ovviamente data, anche per il cibo le stime tradizionali prevedono che i prezzi tenderanno ad aumentare, come abbiamo visto all’inizio di questo intervento. È proprio questa attesa che sta orientando le scelte di investimento verso titoli derivati legati al cibo: se il sottostante è destinato ad aumentare, si acquistano ed emettono sempre maggiori derivati che aumenteranno il proprio il valore conseguentemente. I fondi di investimento che ieri compravano oro per garantire il denaro degli investitori, ora comprano futures sul grano, con la convinzione che nel tempo questo aumenterà il suo prezzo e dunque aumenterà il valore dei titoli. Per conservare il valore di un investimento finanziario diventa sensato investire in cibo.

  • 8   Come stiamo spiegando, le dinamiche del mercato finanziario stanno perdendo connessione con la ba (...)

43Questo fenomeno ha dapprima fatto moltiplicare il numero di derivati e futures legati al cibo – in particolare ai cereali8 – e ha nel tempo creato una dinamica perversa che ha di fatto invertito il rapporto causa effetto tra derivati e sottostante. Normalmente è la grandezza a cui il derivato è legato che ne determina il valore: è l’andamento del sottostante che orienta l’andamento del derivato. Ora è il derivato che determina il valore del sottostante. Si è invertita la relazione causale, un po’ come se il Torino battesse la Juve non perché gioca effettivamente meglio, ma solo perché i tifosi granata scommettono sulla vittoria al derby in numero maggiore di quanto fanno i tifosi juventini, in una sorta di profezia che si autoavvera solo per il fatto di essere stata formulata. Di fatto oggi non è il più prezzo spot del grano (quello del prodotto fisico all’ingrosso) che «fa» quello future, ma quello future che determina quello spot.

4.2. La relazione tra derivati e prezzi di mercato

  • 9   Numerosi enti locali italiani, conquistati dal richiamo delle alte remunerazioni del capitale, ha (...)

44Esistono almeno due modi per determinare questo meccanismo di trasmissione. Il primo è dato dalla crescita del volume dei derivati. Un numero sempre maggiore di operatori (compresi attori non specializzati del mercato finanziario, ma non per questo meno rilevanti socialmente o per massa critica, come i piccoli risparmiatori e gli enti locali9) ha acquistato titoli derivati o fondi legati ai derivati per «immobilizzare» le proprie risorse finanziarie. Questo ha creato una domanda di derivati che ne ha fatto aumentare il prezzo di scambio. L’incremento della domanda di titoli fa aumentare il loro prezzo anche se non è intervenuta alcuna variazione nella relazione tra derivato e sottostante, anche se il sottostante, cioè, non è cambiato.

  • 10 Proprio perché la si può consumare subito o, nel caso di un commerciante, si può venderla realizza (...)

45Ma se il prezzo futuro del grano continua a salire, trascinerà anche il prezzo spot. Visto che ordinariamente la merce disponibile subito è più preziosa di quella futura10, chi ha grano da vendere per pronta consegna ne fa salire il prezzo per «farsi pagare» la qualità in più della disponibilità immediata. Vale a dire che l’aumento dei prezzi dei derivati dovuto all’aumento della loro domanda determina a un certo punto un aumento anche nel prezzo del sottostante fisico, nel nostro esempio il grano. Questo significa che una dinamica del tutto appartenente alla dimensione del derivato ha determinato una conseguenza nel sottostante.

  • 11   In questo caso si acquista un future, con la scadenza desiderata, senza strapparlo, ma per la con (...)

46Se viceversa tutti gli operatori finanziari cominciano a vendere insistentemente i future sul grano facendone crollare i prezzi, la differenza tra il prezzo futuro e quello spot può orientare gli operatori del mercato reale a preferire il prodotto futuro. Vista la convenienza si preferisce attendere per la consegna11. In questo caso chi ha grano nei magazzini è disposto anche ad abbassare significativamente i prezzi pur di smaltirlo. Anche in questo caso è l’andamento del derivato, del prezzo future, che fa variare il sottostante, e non più viceversa.

 

47Vi è un altro meccanismo di trasmissione che può determinarsi, dato da comportamenti al limite della correttezza formale, ma severamente criticabile dal punto di vista della responsabilità sociale o più semplicemente dallo spirito che ispira le leggi e le regole internazionali.

  • 12   Il presidente Roosevelt guidò gli Stati Uniti fuori dalle secche della crisi del ’29 verso il New (...)

48Oggi non c’è praticamente più distinzione tra i grandi trader del mercato agricolo e gli attori della finanza12. I pochi grandi dominatori di questi mercati hanno la forza di emettere derivati legati ai prezzi del cibo e drogare contemporaneamente i prezzi alimentari a proprio vantaggio.

49Una grande società può emettere derivati che scommettono sull’aumento dei prezzi. All’avvicinarsi della scadenza – direttamente in ragione del suo ruolo nel mercato produttivo o indirettamente con le sue alleanze – raziona il prodotto sulla borsa merci di Chicago per far salire i prezzi. Alla scadenza dei derivati incassa il guadagno legato all’aumento di prezzo del sottostante e successivamente può rimettere il prodotto in vendita a Chicago, dove l’aumento dell’offerta farà scendere di nuovo il prezzo, magari in modo intenso se la quantità di merci movimentata è rilevante.

 

50A dimostrazione dell’esistenza della relazione tra derivati e prezzi alimentari, si osservi l’andamento dei grafici 7 e 9 che mostrano l’andamento dei prezzi del cibo e dei cereali (grafico 7) e l’ammontare dei derivati OTC emessi a livello mondiale (grafico 9). La correlazione tra i due andamenti è del tutto evidente.

  • 13   Nel gergo finanziario i mutui sub-prime sono quelli erogati ai clienti che stanno sotto (sub) la (...)

51Durante il 2007, oltre ai fenomeni che abbiamo descritto, con le prime avvisaglie della crisi che si stava avvicinando nel mercato dei titoli sub-prime i grandi operatori finanziari iniziarono a ‘proteggere’ le loro posizioni investendo liquidità nei derivati legati alle materie prime alimentari. L’idea era che l’investimento a sostenere il mercato immobiliare non fosse più sicuro, viste le prime avvisaglie negative che arrivavano dal mercato dei mutui sub-prime, cioè i primi mancati pagamenti di chi aveva sottoscritto prestiti senza contare su sufficienti garanzie13. Questo movimento portò a far aumentare i titoli derivati in circolazione e a farne alzare il valore. La dinamica durò fino alla metà del 2008, quando i mancati pagamenti iniziarono a essere particolarmente pesanti e portarono i maggiori operatori finanziari a liberarsi dei derivati per recuperare la liquidità necessaria a sanare le perdite che si stavano determinando, sino alla crisi drammatica del settembre 2008 e al simbolico crack del colosso Lehman Brothers. In questo periodo i prezzi alimentari seguono fedelmente lo stesso percorso. Salgono durante il 2007 fino alla metà del 2008 per poi crollare e recuperare a partire dal 2010, quando nuovamente i derivati trovano ossigeno dal mercato borsistico che torna a investire in questi strumenti. Le motivazioni del picco del 2008 sono del tutto interne al mercato finanziario e alle scelte spregiudicate di molti suoi operatori. I meccanismi di trasmissione sono quelli che abbiamo spiegato nelle pagine precedenti.

52L’élite degli operatori del mercato finanziario ha agito creando conseguenze pesantissime sul mercato reale del cibo. Gli operatori del mercato alimentare, dai contadini ai consumatori finali non hanno lo stesso potere di influenzare le borse internazionali.

5. conclusioni

53Al termine del nostro ragionamento possiamo tirare alcune conclusioni.

54I prezzi del cibo sono influenzati da numerosi fattori e preoccupano per le prospettive future, quando sul pianeta vivranno probabilmente 9 miliardi di persone. Una non adeguata regolamentazione del mercato internazionale e delle eventuali protezioni di quelli nazionali possono creare scompensi rilevanti. Inoltre, l’aumento della popolazione mondiale e il miglioramento delle condizioni economiche delle fasce più povere del pianeta possono creare consistenti pressioni sul mercato alimentare. Infine esiste il rischio che politiche settoriali non concordate, come la promozione dal punto di vista ambientale di combustibili ottenuti dalla produzione agricola, possano avere conseguenze negative sul mercato alimentare.

55Vi è però una forte responsabilità della finanza che non tiene conto del cibo come di una fonte di vita, ma del cibo come forma di investimento

56Occorre non prestarsi al gioco di speculatori e operatori senza scrupoli, ma agire per far tornare la finanza uno strumento al servizio del mercato reale e, in particolare, di una agricoltura che sia in grado di sfamare il pianeta senza sprechi e contraddizioni.

  • 14   Si veda da questo punto di vista il prezioso lavoro di promozione svolto in questi anni dal Relat (...)

57Oltre agli interventi necessari per sostenere il settore agricolo senza creare iniquità fra Nord e Sud del mondo, prendendo in considerazione la partita dei sussidi e della regolamentazione del mercato internazionale, nonché investendo nella direzione dell’agroecologia, cioè in metodi produttivi che orientati alla sostenibilità in armonia col concetto di sovranità alimentare14, occorre una iniziativa mirata per riformare il mercato finanziario.

58Esistono numerosi strumenti possibili, che vanno dal divieto di ‘stracciare’ i future prima della scadenza, rendendo in sostanza obbligatoria la consegna, all’introduzione di «limiti di posizione» in base ai quali ogni operatore non possa detenere più di un certo numero di future legati al cibo, o ancora alla definizione di un tetto al numero di future emettibili rispettando un preciso rapporto tra valore totale dei future circolanti ed effettivo quantitativo di prodotto reale disponibile.

  • 15   Si tratta della Frank-Dood Act per gli Stati Uniti e della proposta di direttiva presentata dal C (...)

59Stati Uniti e Unione Europea hanno tentato negli ultimi anni di proporre riforme del mercato finanziario15, che guardano però a evitare rischi sistemici come quelli hanno portato alla crisi del 2008, ma non sono ancora efficaci per evitare le degenerazioni che abbiamo descritto.

60Un futuro di sicurezza e sovranità alimentare per le regioni oggi più vulnerabili, come una parte dell’Asia e soprattutto l’Africa sub-sahariana, dipende dalla capacità che istituzioni pubbliche internazionali e nazionali, società civile e settore privato riescano a concordare regole e meccanismi di sanzione che permettano di isolare il mercato alimentare dalle eventuali degenerazioni di quello finanziario. Il mercato finanziario ha un ruolo preziosissimo nella facilitazione della produzione. Occorre che non tradisca questo mandato a causa dei comportamenti spregiudicati e irresponsabili di una élite, resi possibili dagli spazi creati dalla deregulation.

61Si tratta di un problema non risolvibile a livello locale, che richiede viceversa un impegno a livello globale, senza il quale la vulnerabilità di chi oggi ha fame e più in generale dell’intero pianeta domani non potrà che aumentare.

Notes

1   Tra queste in particolare il Patto Internazionale sui Diritti Economici, Sociali e Culturali redatto nel 1966 e approvato successivamente dalla quasi totalità dei membri ONU, che all’articolo 11, oltre a ribadire il diritto a una alimentazione adeguata, sancisce l’impegno di ogni stato firmatario “a prendere misure idonee ad assicurare l’attuazione di questo diritto”.

2   FAO, IFAD, WFP 2013. The State of Food Insecurity in the World 2013. The multiple dimension of food security. Roma FAO. Il rapporto, pubblicato annualmente, riporta in 842 milioni il numero di persone malnutrite nel biennio 2011-12, con una lieve riduzione rispetto al biennio precedente.

3   Questi sono dati facilmente reperibili in rete. Non ne riportiamo con puntualità le fonti per non appesantire testo e bibliografia poiché in questo caso servono solo per dare l’idea di alcune contraddizioni dentro cui conviviamo e non sono l’oggetto specifico del nostro intervento.

4   Le politiche di aggiustamento strutturale vennero promosse da Banca Mondiale e Fondo Monetario Internazionale come risposta alle crisi del debito estero dei paesi del Sud del mondo verificatesi a partire dal 1982. Si trattava di liberalizzazioni selvagge dell’economia che miravano a ridurre il ruolo dello Stato e della spesa pubblica e a spingere la produzione nazionale – in molti paesi soprattutto agricola – verso l’esportazione. Nella maggior parte dei casi si rivelarono un fallimento e nel caso specifico dell’agricoltura l’orientamento alla monocoltura creò problemi di insufficienza alimentare in contesti che mai l’avevano sperimentata, senza compensi positivi provenienti dalle entrate per le esportazioni: in molti casi l’immissione nei mercati internazionali di quantità di derrate dal Sud del mondo provocò abbassamento dei prezzi che ridusse le entrate da esportazioni di questi paesi. L’eredità negativa di quella stagione pesa in molti paesi ancora oggi. Le politiche di aggiustamento strutturale ebbero efficacia solo in alcuni paesi del Sud Est asiatico, dove in realtà non vennero applicate in modo ortodosso. Si orientò la produzione – in quel caso soprattutto industriale – all’esportazione, senza liberalizzare in modo estremo, eliminando ad esempio solo gradualmente i dazi sulle importazioni, proteggendo così la produzione nazionale nel mercato interno finché non fosse stata in grado di competere con quella straniera.

5   I venditori sono le imprese di produzione agricola, i contadini; gli acquirenti sono invece i grandi trader che commerciano la materia prima alimentare in tutto il mondo.

6   Un fondo di investimento è la somma delle quote dei sottoscrittori che vengono investite da un gestore in continue operazioni di compravendita nel mercato finanziario. Il singolo risparmiatore si avvantaggia della professionalità e dell’attività del gestore e il fondo può svolgere operazioni rilevanti grazie alla sua dimensione. Un fondo di fondi è un fondo che compra quote di altri fondi. Nel primo e ancora di più nel secondo caso è impossibile per il sottoscrittore essere a conoscenza di quanto in ogni momento è nelle sue mani, cioè di quanti e quali titoli in tempo reale siano posseduti dal fondo in ragione delle scelte di compravendita del gestore. Nel caso di fondi di fondi occorrerebbe avere la posizione non solo del fondo, ma anche di tutti i fondi in cui vi è partecipazione. La contabilità di questi movimenti e di queste proprietà è possibile solo grazie agli strumenti informatici. Quando anche il singolo operatore (risparmiatore o grande operatore del mercato) riuscisse a ricostruire la posizione della sua quota, cioè quali titoli, in che percentuale e per quale valore sono nelle sue mani, questa misura sarebbe immediatamente obsoleta. Le operazioni di compravendita avvengono in modo continuo. In molti casi vengono programmate informaticamente con cicli di acquisti e vendite rapidissimi legati ai trend di rialzo di un titolo, in modo da moltiplicare le opportunità di profitto. Se un titolo sta salendo si programma di comprarlo e rivenderlo un numero elevatissime di volte in modo da stimolare l’aumento del prezzo ad ogni acquisto e lucrare corrispondentemente a ogni vendita sul piccolo aumento di valore che si crea.

7   Le cronache legate all’operato di Bernie Madoff, già presidente di NASDAQ, la borsa elettronica degli Stati Uniti e di fatto la più importante borsa del mondo, sono per fortuna divenute cronache giudiziarie con la condanna a 150 anni che è stata comminata per aver sistematicamente truffato i suoi investitori. A fronte di un caso macroscopico venuto alla luce –e solo grazie alla confessione dei figli, uno dei quali morto suicida dopo la condanna del padre – moltissime altre azioni spregiudicate, illegali e no, ma ugualmente pericolose per la stabilità del sistema, sono rese più facili dalla mancanza di trasparenza che la deregulation ha consentito all’intero sistema finanziario.

8   Come stiamo spiegando, le dinamiche del mercato finanziario stanno perdendo connessione con la base reale cui si dovrebbero riferire. Spesso però il riferimento al mercato reale rimane a ispirare alcune scelte, salvo non avere riscontri ulteriori nella pratica degli operatori. In questo caso si preferiscono i derivati legati ai cereali perché i cereali possono essere conservati a lungo (a differenza di altro cibo deperibile). In realtà però l’acquisto dei derivati da parte degli investitori e degli speculatori non è più per legare a una materia prima fisica il valore finanziario, tipicamente mobile, di un investimento – come faceva chi comprava oro «per sicurezza» e lo metteva nei forzieri – ma per rivenderlo e ricomprare in un ciclo continuo. Il fatto che questo si faccia con titoli che hanno un riferimento ultimo in una materia non deperibile è del tutto relativo. Il ciclo di acquisto-possesso-vendita dei titoli usati per questo tipo di investimento è incommensurabilmente più breve del ciclo di vita del sottostante e sarebbe possibile quindi anche con sottostanti di ciclo più breve. In questo caso il significato contenuto nel termine «prodotto non deperibile» che per questo viene preferito è del tutto mistificato dalla pratica, un caso interessante di come nel mercato finanziario prevalga un gergo ormai largamente disconnesso dalla realtà che lo ha originato. Si pensi ad esempio alla ‘immobilizzazione’ dei ‘valori mobiliari’ o ‘mobili’ che ha portato il mercato statunitense e spagnolo a ‘immobilizzare’ in case somme, nemmeno risparmiate bensì anticipate da operatori finanziari spregiudicati, che ha creato e fatto esplodere prima la bolla immobiliare e poi quella mobiliare, lasciando in pochissimi anni migliaia di famiglie non solo senza immobili, cioè senza casa, ma con debiti ingenti che prima non avevano.

9   Numerosi enti locali italiani, conquistati dal richiamo delle alte remunerazioni del capitale, hanno investito la propria liquidità in titoli derivati. L’andamento improvvisamente negativo – quando non il crack – di molti di questi titoli così ‘lievi’ ha prodotto consistenti perdite e gravi problemi finanziari ai comuni che hanno per questo dovuto ridurre i servizi ai cittadini.

10 Proprio perché la si può consumare subito o, nel caso di un commerciante, si può venderla realizzando un guadagno immediato senza attendere.

11   In questo caso si acquista un future, con la scadenza desiderata, senza strapparlo, ma per la consegna fisica. Future «da stracciare» e «per consegna» non hanno alcuna differenza di circolazione nel mercato finanziario. Formalmente tutti prevedono la consegna alla scadenza e concorrono insieme a determinare i prezzi riconosciuti dalle borse merci.

12   Il presidente Roosevelt guidò gli Stati Uniti fuori dalle secche della crisi del ’29 verso il New Deal dividendo rigidamente l’attività di banche, assicurazioni e istituti di mediocredito. Oggi, tra alleanze internazionali e deregulation che eliminano le distinzioni, tutti gli operatori possono agire con qualunque ruolo. In un mercato cosi grande e indistinto i più piccoli non sopravvivono e si attua un processo di concentrazione che riduce il numero degli operatori e rende sempre maggiore la loro dimensione.

13   Nel gergo finanziario i mutui sub-prime sono quelli erogati ai clienti che stanno sotto (sub) la linea prime, la più bassa tra quelle distinguono le categorie di operatori dal punto di vista della solvibilità. Per aumentare il volume d’affari gli operatori finanziari presero a prestare anche a chi non aveva garanzie sufficienti (i clienti sub-prime) salvo scaricare su altri il rischio dell’operazione, mimetizzando i contratti sub-prime all’interno di fondi e titoli estremamente articolati che venivano venduti (e quotati) nelle borse mondiali.

14   Si veda da questo punto di vista il prezioso lavoro di promozione svolto in questi anni dal Relatore per la sicurezza alimentare delle Nazioni Unite Olivier De Schutter.

15   Si tratta della Frank-Dood Act per gli Stati Uniti e della proposta di direttiva presentata dal Commissario Barnier, ma non ancora approvata dalle istituzioni dell’UE.

Table des illustrations

Titre Grafico 1 – I prezzi alimentari dagli anni Sessanta a oggi
Crédits Fonte: FAO
URL http://books.openedition.org/ledizioni/docannexe/image/7689/img-1.jpg
Fichier image/jpeg, 107k
Titre Grafico 2 – Produzione agricola alimentare mondiale (millioni di tonnellate)
Crédits Elaborazione da dati FAO
URL http://books.openedition.org/ledizioni/docannexe/image/7689/img-2.jpg
Fichier image/jpeg, 62k
Titre Grafico 3 – Popolazione mondiale
Crédits Elaborazione da dati FAO
URL http://books.openedition.org/ledizioni/docannexe/image/7689/img-3.jpg
Fichier image/jpeg, 78k
Titre Grafico 4 – Popolazione mondiale
Crédits Elaborazione da dati FAO
URL http://books.openedition.org/ledizioni/docannexe/image/7689/img-4.jpg
Fichier image/jpeg, 95k
Titre Grafico 5 – Prezzo medio mondiale del grano
Crédits Elaborazione da dati FAO
URL http://books.openedition.org/ledizioni/docannexe/image/7689/img-5.jpg
Fichier image/jpeg, 110k
Titre Grafico 6 – Prezzo del grano
Crédits Elaborazione da dati FAO
URL http://books.openedition.org/ledizioni/docannexe/image/7689/img-6.jpg
Fichier image/jpeg, 77k
Titre Grafico 7 – Indici dei prezzi internazionali del cibo e dei cereali
Crédits Elaborazione da dati FAO
URL http://books.openedition.org/ledizioni/docannexe/image/7689/img-7.jpg
Fichier image/jpeg, 72k
Titre Grafico 8 – Indici dei prezzi internazionali del cibo, della carne, dei prodotti lattiero-caseari e dei cereali
Crédits Elaborazione da dati FAO
URL http://books.openedition.org/ledizioni/docannexe/image/7689/img-8.jpg
Fichier image/jpeg, 91k
Titre Grafico 9 – Derivati OTC
Crédits Elaborazione da dati BRI/ISB - International Settlements Bank
URL http://books.openedition.org/ledizioni/docannexe/image/7689/img-9.jpg
Fichier image/jpeg, 62k

Auteur

Università degli Studi di Milano

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search