Version classiqueVersion mobile

Alimentazione, cultura e società in Africa. Crisi globali, risorse locali

 | 
Valerio Bini
, 
Martina Vitale Ney

Parte prima. Culture alimentari e società

Sistemi di approvvigionamento nel settore alimentare in Somalia. Storia, economia, cultura

Luca Ciabarri

Texte intégral

1. Introduzione

  • 1   Una confidenza naturalmente che faceva a ogni suo interlocutore. Il Somaliland è un nuovo Stato s (...)

1A inizio 2008, nel mezzo di una forte impennata dei prezzi dei beni alimentari di base – riso in particolare, dovuto si diceva allora a turbolenze sui mercati internazionali legate ad una serie di raccolti mancati in India e nel sud-est asiatico – Aw Ali, uno dei maggiori importatori di cibo del Somaliland, mi confidò con un tono di orgoglio teso a celare il suo interesse personale1 di aver ordinato l’arrivo di un’intera nave di riso, capace di rifornire di nuovo i mercati locali e calmierare i prezzi. Si trattava in effetti di riso a basso costo, ma anche, come poi scoprii ritrovandolo nei ristoranti della città, di bassissima qualità. Apparteneva, Aw Ali, al novero di quei sei o sette grandi commercianti del posto che operando sui mercati internazionali, con aziende moderne, rifornivano le città e le aree rurali del Somaliland e del nord est etiopico, dove la popolazione dedita alla pastorizia nomade vendeva il proprio bestiame per poter ottenere cibo di base (riso, pasta, zucchero, tè), secondo modelli di scambio consolidati.

2A confermare le parole del nostro importatore, anche i ristoranti della capitale avevano smesso di servire il riso ‘alla somala’, i cui ingredienti riprendono la cucina dell’Oceano Indiano – cardamomo, chiodi di garofano, cannella, espressione di una lunga storia di scambi regionali – e la cui preparazione richiede un riso di buona qualità.

3Pure nei mercati cittadini, l’unico riso disponibile era quello di Aw Ali. Vi si trovava però pasta, come sempre, importata prevalentemente dalla Turchia, minime quantità di sorgo, prodotto localmente, e sacchi di cereali con la sigla Usaid (aiuto internazionale dagli Stati Uniti) o WFP (World Food Programme – Programma alimentare mondiale): aiuti alimentari distribuiti, in quel periodo, in Etiopia, ma che oltre ai beneficiari, o dopo di essi, trovavano uno sbocco anche sui mercati locali. I sacchi naturalmente riportavano, con grandi lettere, il monito «non destinato alla vendita»: un dono quindi, da parte della comunità internazionale.

  • 2   Questa situazione, che oltre a far scomparire il riso dai mercati in alcuni momenti aveva forteme (...)
  • 3   Per una trattazione generale del nuovo Somaliland cfr. Bradbury 2008, Ciabarri 2010a, 2011b.

4Ecco dunque, nelle parole di un importatore e in un accenno di descrizione dei mercati locali, menzionati i maggiori attori e componenti del settore delle derrate alimentari di base nel Somaliland attuale: importatori privati, aiuto internazionale e in forma molto limitata produzione locale. Nel sostenere il potere d’acquisto delle comunità locali, perlomeno in città, un importante ruolo era giocato dalle rimesse dei migranti fuggiti dal paese nel corso degli ultimi anni di instabilità e guerra. Il repentino aumento dei prezzi dei beni importati2 avveniva in effetti sullo sfondo di una peculiare situazione dettata dalla fine del conflitto civile nel nord della Somalia, che ha introdotto una serie di elementi di marginalità combinati però con il dispiegarsi di un forte processo di ricostruzione interna, trainato dalle rimesse e dai grossi importatori3. L’effetto finale, non nuovo per la storia della Somalia in quanto già presentatosi negli anni 1970-80, era una peculiare combinazione tra marginalità e sacche di ricchezza (cfr. Green/Jamal 1987).

5Detto altrimenti, in quella specifica congiuntura, la sicurezza alimentare nel nord della Somalia era garantita da un complesso sistema di interazioni che coinvolge le produzioni locali (pastorizia e una minima quantità di sorgo), l’importazione di cibo dall’esterno da parte di commercianti somali, la distribuzione di aiuti alimentari, il grado di accesso alle risorse e ai mercati dettato dalle condizioni politiche e dalle dinamiche sociali (nel caso specifico i cambiamenti post-guerra che si analizzeranno nei paragrafi seguenti), il mondo dell’emigrazione. In questo articolo intendo analizzare queste dinamiche attraverso il concetto di «sistema di approvvigionamento». Sottolineerò in particolare l’importanza storica in questo ambito dei sistemi di importazione di beni guidati da commercianti locali. Attraverso il concetto di sistemi di approvvigionamento si intende prendere in considerazione non solamente la rilevanza economica, ma anche le implicazioni politiche, sociali e culturali del sistema di produzione, distribuzione e consumo delle derrate alimentari di base. In ambito antropologico il concetto è stato recentemente ripreso (riferendosi alle formulazioni iniziali di Fine e Leopold – 1993) da Warnier (2005), all’interno di studi sulla cultura materiale, per evidenziare, attraverso un concetto che vuole tenere assieme più ambiti, proprio la stretta relazione tra dati della cultura materiale (il cibo) ed una serie di processi che uniscono l’economia, l’ambito socio-politico e la cultura.

6Prima di soffermarmi sulle specificità del sistema di approvvigionamento alimentare nel Somaliland post-conflitto, accenno nel prossimo paragrafo ad alcuni elementi di contesto di lunga durata e nel paragrafo successivo abbozzo una genealogia storica dei modi attraverso cui gli elementi del sistema di approvvigionamento attuale si sono prodotti.

2. Alcuni elementi di specificità. Pastorizia nomade e commercio internazionale

7Sottolineo, come dati di contesto, quattro punti. Anzitutto, l’attività economica prevalente nell’area settentrionale della Somalia, entro cui il Somaliland si colloca, è sempre stata, per ragioni ecologiche e tradizione, la pastorizia nomade. Il clima arido con bassa piovosità irregolarmente distribuita hanno facilitato una simile soluzione adattiva, che è poi diventata una pratica di vita radicata nella tradizione e nella cultura dell’area. La forma di pastorizia praticata, fino ad una serie di trasformazioni intervenute dopo il 1950, è stata di tipo estensivo e familiare: allevamento nomade di pecore, capre e cammelli allo stato brado (più raramente nel nord bovini), sfruttamento estensivo dei pascoli basato sul movimento stagionale delle mandrie; gestione delle mandrie a base famigliare, con una divisione del lavoro che assegnava generalmente capre e pecore alle donne con i figli più piccoli e i cammelli agli uomini e ai giovani ragazzi. Le mandrie di cammelli erano inoltre connesse a interessi più ampi legati ai gruppi di discendenza. L’espressione ‘è sempre stata’ qui utilizzata allude a una continuità storica di lungo periodo riprodottasi nel tempo, pur all’interno di svariati cambiamenti, periodi di crisi, riconfigurazioni. A questo proposito, gli ultimi 30 anni hanno tuttavia rappresentato, sovrapponendo carestie e guerre, una delle sfide più potenti alla continuità di questo modo di vita.

8In secondo luogo, a partire già dalla prima metà del 1800 il settore pastorale ha conosciuto un deciso inserimento nell’economia internazionale. Inizialmente ciò avvenne all’interno del mondo coloniale britannico poiché l’entroterra somalo divenne il luogo di approvvigionamento di bestiame vivo per la colonia inglese di Aden, stazione per i battelli a vapore lungo la via verso l’India. In seguito, a partire dal secondo dopoguerra, tale inserimento è avvenuto entro la sfera di attrazione degli Stati petroliferi della penisola araba, la cui domanda di carne era alimentata sia dall’espansione dei centri urbani e dalla presenza sul posto di nuova manodopera, sia dalla trasformazione del pellegrinaggio alla Mecca in rito di massa. Come si vedrà, questo elemento ha portato cambiamenti decisivi nel sistema di approvvigionamento del nord somalo, sebbene all’interno di una apparenza di perpetuazione del modo di vita pastorale in virtù del permanere del carattere estensivo a base famigliare delle sue strutture produttive.

9La commercializzazione sui mercati internazionali, terzo punto, ha pian piano prodotto uno scivolamento di potere, nell’economia, nella politica ma anche in forma di potere simbolico, dai produttori pastorali, sempre più marginalizzati, a figure di mediatori e commercianti impiegati nelle filiere di esportazione. Il nomadismo è rimasto un elemento esaltato nei discorsi locali ma sempre meno praticato in termini di scelte reali. Tale processo è stato accompagnato dall’urbanizzazione, in un territorio a inizio Novecento scarsamente contrassegnato da insediamenti urbani permanenti, se non lungo la costa, e dall’abbandono delle campagne.

10Questi mediatori e commercianti impiegati nelle filiere di esportazione (e di importazione, come si chiarirà) sono, e questo è il quarto punto, di origine somala (provenienti da gruppi di ex nomadi) e non stranieri. In altri termini, l’economia locale e l’inserimento nei mercati internazionali si è legato ad attori del posto. Fino ai primi del Novecento lo scambio commerciale avveniva lungo la costa, attraverso due modelli rappresentati essenzialmente dalle due maggiori città, Zeila e Berbera (cfr. Djama 1995). Zeila collegava la costa con Harar – città questa posta sul bordo dell’altipiano etiopico, centro di insegnamento islamico e nodo commerciale di esportazione di prodotti (tra cui schiavi) dall’entroterra alla costa – ed era composta da una popolazione mista, frutto di scambi storici tra gruppi somali e famiglie commercianti provenienti dai bacini del Mar Rosso e dell’Oceano Indiano. Solo al di fuori delle due città, cinte da mura, si apriva lo spazio pastorale e dei gruppi di lignaggio somali. Berbera invece esisteva solo in coincidenza con le fiere annuali (seguendo i ritmi monsonici), in cui commercianti dall’esterno vi incontravano le carovane che giungevano dall’entroterra, nuovamente da Harar o da ambiti pastorali, facilitati da mediatori locali. Nel resto dell’anno la città tornava un piccolo villaggio. È questo secondo modello, con i mediatori locali che assunsero sempre più il controllo del segmento somalo dei flussi di esportazione ed importazione, che prevalse.

3. Una genealogia storica. Commercio internazionale e fattori di shock

  • 4   Non vi sono in realtà, dopo la guerra, dati empirici capaci di fornire una rappresentazione adegu (...)

11A partire da questi quattro punti, è possibile cominciare a seguire le linee di formazione dell’attuale sistema di approvvigionamento. Come detto, tradizionalmente nel nord somalo la sicurezza alimentare si è fondata sui gruppi pastorali. Innumerevoli sono i detti e le rappresentazioni stereotipate ancora menzionate nel discorso quotidiano che sottolineano la centralità della vita nomade per la cultura somala e il suo carattere di base per l’economia locale, a tratteggiare nel loro insieme una sorta di arcadia pastorale (Ciabarri 2010a). Tra i più comuni vi è per esempio l’adagio secondo cui dagli animali allevati si traggono tutti i beni di sostentamento della società ‘tradizionale’: cibo in quanto al centro della dieta vi erano latte e in parte carne, l’abbigliamento e l’abitazione attraverso il pellame, gli attrezzi da lavoro nella forma di corde impiegate per estrarre l’acqua dai pozzi. Nelle statistiche, pubblicate prima dell’inizio del conflitto civile del 1988 dallo Stato somalo, e in seguito nelle stime e studi delle organizzazioni internazionali di aiuto, la sottolineatura della centralità della pastorizia nomade emerge puntualmente nella forma di stereotipate percentuali relative all’occupazione della popolazione, di cui si è oramai persa la fonte originaria. In esse la pastorizia nomade è invariabilmente rappresentata come il principale settore di occupazione e forma di sostentamento, con dati variabili tra il 60 e l’80 per cento, a seconda della fonte o della regione presa in considerazione. Questo assunto tuttavia non è ora più suffragato né dall’osservazione diretta della realtà del nord somalo né da aggiornati dati statistici4.

  • 5   All’interno dei riti del pellegrinaggio in particolare vi è il sacrificio di un piccolo animale, (...)

12In un’ottica di lungo periodo, la centralità della pastorizia nomade è stata sfidata anzitutto dal processo di internazionalizzazione dell’economia. Ho menzionato in precedenza i due maggiori momenti di questa internazionalizzazione: dapprima il sistema di approvvigionamento del mondo coloniale inglese nella regione del mar Rosso e dell’Oceano Indiano, che aveva identificato nel nord somalo (il Protettorato britannico del Somaliland, mentre a sud si stabiliva la colonia italiana) il territorio da cui trarre le risorse alimentari (fornitura di bestiame vivo) per Aden, nell’attuale Yemen, fondamentale stazione portuale lungo la via per l’India. In un secondo momento, la crescita delle economie petrolifere dell’Arabia Saudita e dei Paesi vicini e la trasformazione del pellegrinaggio alla Mecca in rito di massa5, controllato dalla stessa monarchia saudita, che ha moltiplicato su dimensioni del tutto inedite la domanda esterna di bestiame vivo.

  • 6   Il processo è legato anche alla contemporanea crescita del vicino porto di Gibuti, centro del col (...)
  • 7   Le forme di questa sostituzione, qui sintetizzate e semplificate, sono a dire il vero ancora cont (...)
  • 8   Mohammed 2004 e Hunt 1949 ne parlano per il mondo coloniale – studi successivi al boom della doma (...)
  • 9   Per pagamenti matrimoniali o come compensazione nel caso di dispute.

13Questi processi forniscono i contorni generali di una portentosa trasformazione, bisogna però guardare alle micro-dinamiche per comprendere modi e forme in cui questo è potuto avvenire. Concentriamoci dapprima sul periodo coloniale, da fine Ottocento agli anni 1950 (prima del boom del mercato saudita). A fronte della forte domanda esterna, sono comparsi sui mercati interni mediatori ed esportatori locali, in contatto con importatori presenti sui mercati arabi (ad Aden in particolare, con la mediazione inglese), il cui principale compito era sostanzialmente quello di convincere gli allevatori nomadi a effettivamente vendere gli animali (cfr. Djama 1995). Questo infatti non era per nulla automatico. La pastorizia nomade dell’interno somalo, pur non essendo completamente una economia di sussistenza (esistevano rapporti di scambio e di mercato con produttori di beni agricoli nell’entroterra etiopico e con mercanti stranieri della costa all’interno del traffico carovaniero), era comunque una economia il cui ritmo era profondamente dettato dagli andamenti climatici e dall’alternarsi di stagioni piovose e stagioni secche. Gli animali erano un capitale di resistenza entro questi ritmi del tutto imprevedibili e discontinui, una sorta di assicurazione e di mantenimento di valore, e non erano quindi facilmente venduti. L’accesso al mercato avveniva solitamente all’inizio dei periodi secchi, in cui la vendita degli animali serviva per ottenere beni alimentari per far fronte alle difficoltà, e solo limitatamente in periodi normali, come scambio per variare la propria dieta e ottenere beni non reperibili localmente. Per contro, la temporalità della domanda esterna era del tutto differente e dipendente da fattori esogeni. Il mediatore, collegato ai venditori sulla costa, apparteneva al medesimo gruppo di discendenza degli allevatori, ma oltre a questa garanzia poteva convincere quest’ultimi a vendere solo offrendo direttamente beni particolarmente appetibili: beni alimentari quali riso, the, zucchero e datteri, vestiario in cotone, oltre a utensili di varia natura. In una economia poco monetizzata, questo scambio diretto di beni tra produttori e mediatori risultava ancor più necessario, funzionale a quest’ultimi per poter convincere gli allevatori e per poter reinvestire i guadagni delle vendite all’estero, andando così a creare un mercato locale di beni importati. I beni alimentari importati si diffusero così fortemente nell’interno, delineando un vero e proprio cambiamento della dieta, dei consumi alimentari e dell’abbigliamento. Lo scambio non era fondato solo sull’utilità di questi beni, ma anche sul loro prestigio e valore sociale, come beni provenienti dall’esterno e solitamente consumati solo dalle élite sulla costa, elementi di distinzione per queste ultime nei confronti dei gruppi nomadi (Djama 1995). Si verifica nel tempo allora un paradossale processo di diffusione dei modi di consumo tipici delle élite urbane della costa (la dieta, l’abbigliamento) che si diffondono all’interno, e al contempo un processo di crescente dipendenza dell’interno nei confronti dell’esterno (una dipendenza alimentata proprio dai nuovi stili di consumo di cibi e abbigliamento), ma anche di presa di potere dei mediatori e nuovi commercianti somali sulle comunità miste e straniere presenti sulla costa. La città di Zeila, il porto più importante fino all’Ottocento in quanto collegato direttamente alla città di Harar, caratterizzata da una comunità cosmopolita, è infiltrata da gruppi nomadi e perde rilevanza.6 Il porto che si afferma, Berbera, si era invece sempre caratterizzato dalla prevalenza di commercianti e mediatori locali, poiché la presenza storica di stranieri compratori o degli emissari dalle carovane dell’entroterra avveniva solo in occasione delle fiere stagionali, che seguivano l’alternarsi dei monsoni. I vestiti di cotone (tobe o maro) e più tardi il macwiis, sorta di gonna lunga usato come capo di vestiario maschile (e diffuso anche in altri luoghi affacciati agli empori dell’Oceano Indiano, dallo Yemen fino al sud-est asiatico come ad esempio Indonesia o Myanmar col nome di sarong o longyi), simili a quelli usati dalle élite della costa, si diffondono così dalle classi urbane alle popolazioni nomadi dell’interno (ora il macwiis è visto come abito ‘tradizionale’ somalo), e così il consumo di riso e the – e più tardi di pasta – si espande da Zeila e Berbera fino a diventare alimento quotidiano delle popolazioni rurali.7 Come rendere conto di tali processi? Come si tengono assieme questi aspetti contradditori? L’intera dinamica può essere iscritta entro una tendenza generale. I.M. Lewis (2002), riprendendo studiosi italiani del primo Novecento (che a loro volta pensano probabilmente a Ibn Khaldun), descrive la storia del Corno d’Africa come un alternarsi tra periodi in cui nella regione risultano prevalenti le forze sulla costa, le forze esterne, rispetto alle forze e ai gruppi dell’entroterra, e viceversa. A partire dall’espansione coloniale sulla regione di fine Ottocento, è la forza dell’esterno ad essere prevalente. Questa si esprime con tutta la serie di cambiamenti sul piano socio-economico messi in moto dalla domanda esterna ma anche in specifiche gerarchie di valore che si condensano in stili e consumi, quali l’abbigliamento ed il cibo. Questa spinta dall’esterno è raccolta da una parte della società somala. Emergono le classi mediatrici e di esportatori legati a reti economiche internazionali, persone provenienti dai gruppi nomadi, che lasciavano quest’ultimi andando a costituire nuovi ceti commerciali e nuove élite urbanizzate, sebbene continuino a restare in collegamento con i luoghi di origine. All’indigenizzazione di queste reti economiche nate su una domanda esterna corrisponde una crescente dipendenza dell’interno dai prodotti di base distribuiti entro questi sistemi di scambio. Sul piano dei sistemi di approvvigionamento, la dieta cambia e i suoi componenti sono prodotti fuori. Su un piano più complessivo la società pastorale è catturata entro un sistema più ampio che ne mina l’autonomia e produce pian piano cambiamenti sulle forme di accesso alle risorse e sulla possibilità della sua stessa riproduzione. Gli interventi di mediatori e commercianti somali sulla società pastorale, come sottolineato da diversi autori (cfr. Mohamed 2004, Hunt 1940, Djama 1995, Samatar 1989, Swift 1979, Aronson 1980), nel tempo lungo spingono nella direzione di una privatizzazione delle aree di pascolo e dei punti d’acqua migliori (a favore del mantenimento di mandrie allevate appositamente per l’esportazione) accompagnata da fenomeni di pauperizzazione dei produttori meno legati a queste reti, le cui mandrie diminuiscono in numero e in capacità di muoversi sul territorio8. Mobilità, libero accesso alle risorse presenti sul territorio (salvo alcuni pozzi perenni, di proprietà di singoli lignaggi), parcellizzazione del gruppo familiare, mandrie numerose che contengono anche elementi improduttivi, come riserva in caso di stagioni secche o come capitale sociale9, costituiscono le strategie attraverso cui gli allevatori nomadi hanno da sempre fatto fronte ai ricorrenti periodi di siccità. Tutti questi fattori sono progressivamente indeboliti da forme di uso delle risorse e di strategie di allevamento orientate più verso la domanda esterna che verso la sussistenza dei gruppi pastorali. Al di fuori della società pastorale, altri cambiamenti legati al colonialismo e al processo di modernizzazione hanno pari effetti sul mondo rurale. L’espansione dell’amministrazione coloniale dà forza ai centri urbani, che si moltiplicano non più lungo la costa ma nell’entroterra, innescando a loro volta dinamiche di sedentarizzazione. L’effetto di questi processi è di nuovo forte nei confronti della pastorizia nomade, poiché sottrae l’elemento più importante dell’allevamento estensivo su base familiare: uomini e donne che si recano nelle nuove città alla ricerca di occupazioni migliori.

14Dopo il periodo coloniale, con l’edificazione dello Stato indipendente e nel momento del boom petrolifero nei paesi arabi negli anni 1950-60 che ha aperto una nuova domanda di bestiame somalo soppiantando il sistema di approvvigionamento dettato dal colonialismo inglese nell’Oceano Indiano, i modelli di trasformazione in ambito rurale sopra descritti non mutarono sostanzialmente dal punto di vista qualitativo ma solo quantitativo, diventando sempre più evidenti.

  • 10   Nella letteratura specialistica sulla pastorizia nomade in ambienti aridi sono generalmente denom (...)

15Se tutti questi cambiamenti sono avvenuti su tempi lunghi, in sostanza nell’arco di tutto il XX secolo, un secondo fortissimo elemento di trasformazione è dato da episodi di crisi e di shock che si iscrivono dunque in un quadro événementiel, e che parimenti hanno costituito dei potenti acceleratori di tutte le tendenze sopra descritte. In una zona arida, la siccità è il primo elemento ricorrente di crisi; un secondo elemento è dato dalla guerra e, legato ad essa, dalle migrazioni e movimenti di popolazione. La siccità è un compagno costante della pratica della pastorizia nomade in ambienti aridi, contro la quale sono messi in atto quell’insieme di comportamenti e strategie cosiddette ‘anti-rischio’10 sopra menzionate. Sono però localmente registrate anche siccità verso le quali tali strategie si sono rivelate del tutto vane o inefficaci e che per questo hanno rappresentato punti di rottura nella vita delle comunità locali: per esempio la siccità attorno al 1880, negli anni 1930 o dei primi anni 1970. A partire dalla metà degli anni 1970 inoltre questi fattori prima episodici si sono sovrapposti l’un l’altro avvolgendo il territorio del nord somalo in un lungo periodo di crisi culminato con il conflitto civile degli anni 1990. Quest’ultima sequenza di shock ha compreso dapprima la grande carestia del 1974-5 (cfr. Lewis 1975), poi la guerra tra Somalia ed Etiopia (1977-78) e il conseguente afflusso di rifugiati in Somalia, la tensione negli anni 1980 lungo il confine tra i due Stati e il sorgere all’interno della Somalia di movimenti di opposizione che hanno provocato una dura repressione statale, e infine nel 1988 l’inizio del conflitto civile, con ulteriori movimenti di popolazione a questo collegati. La carestia degli anni 1970 indusse molte persone ad abbandonare, anche solo momentaneamente, l’ambito rurale per cercare lavoro o sicurezza in ambito urbano o all’estero. Queste uscite furono solo in parte riassorbite negli anni successivi. Se l’emigrazione temporanea verso parenti che vivono in città rappresentava una delle consolidate strategie anti-rischio, l’emigrazione massiccia verso l’estero – in particolare verso le economie petrolifere della penisola araba – era fenomeno del tutto nuovo. Si inaugura in questi anni una relazione con questi paesi che non comprende più solo esportazione di bestiame e importazione di beni di consumo ma anche emigrazione diretta di persone, doppiamente alimentata dalla domanda di manodopera nell’economia petrolifera e dalle spinte espulsive delle crisi in Somalia. Politiche statali di contrasto alla carestia e di sviluppo, come la campagna di alfabetizzazione delle aree rurali di inizio anni 1970 o la creazione di cooperative di produttori, hanno egualmente avuto l’effetto non programmato di espellere ulteriore forza lavoro dall’economia pastorale. L’effetto delle guerre, nel 1977-78 e nel 1988-91, fu egualmente devastante, impedendo i movimenti dei gruppi nomadi e dei loro animali, per ragioni di sicurezza, per il controllo degli eserciti e perché le aree di pascolo e passaggio furono sovente trasformate in campi minati. Le dislocazioni indotte dalla guerra e la vita nei campi rifugiati che furono organizzati per contenere i movimenti di popolazione comportarono l’abbandono delle mandrie e rappresentarono in molti casi una prima tappa verso la sedentarizzazione e il trasferimento in città.

16Gli shock rappresentati dalla siccità e dalla guerra introducono un nuovo ingrediente nel sistema di approvvigionamento alimentare in area somala: la migrazione e le rimesse in denaro di quanti si sono trasferiti all’estero. Lo studioso Vali Jamal coniò già negli anni 1980 l’espressione «economia delle rimesse» (Jamal 1988, Ciabarri 2011b) riferita all’economia somala nel suo complesso per sottolineare l’incidenza di questa fonte di reddito sulla società, non registrata dalle statistiche ufficiali. Le rimesse sono direttamente collegate coi circuiti di esportazione e importazione di beni alimentari poiché rafforzano il potere d’acquisto della popolazione. La migrazione si collega inoltre ai processi di sostituzione in atto nei sistemi alimentari locali in quanto produce un cambiamento del gusto, per le influenze culturali che giungono da fuori e per il carattere di prestigio e distinzione che il consumo di beni importati (e l’ostentazione di tale consumo) procura a livello locale (v. Ciabarri 2011b). Tanto più che i movimenti di popolazione contemporanei non attivano più emigrazioni definitive ma circolarità migratorie: i diversi punti della migrazione sono continuamente collegati da viaggi e scambi di beni e influenze culturali.

17Questa configurazione di forze economiche e politiche – reti di importazione ed esportazione, marginalità crescente dei produttori rurali, ruolo delle rimesse dei migranti – fu ulteriormente rafforzata nel corso della guerra civile del 1988-91 e nel periodo successivo.

4. La centralità degli importatori dopo la guerra civile

  • 11   Per una trattazione dettagliata del conflitto si veda Bradbury 2008, Ciabarri 2010a.

18Il lungo periodo di instabilità cominciato a metà anni 1970 è culminato in una guerra civile che ha drammaticamente coinvolto l’intera società del Somaliland, attraverso la mobilitazione dei gruppi armati, l’esposizione dei civili alla violenza generalizzata, la dislocazione delle persone. In particolare, il conflitto nella regione del nord-ovest11, iniziato come rivendicazione di autonomia regionale, si è concluso nel 1991 con la dichiarazione d’indipendenza della regione, riecheggiando nel nome prescelto, Somaliland, e nei confini territoriali l’esperienza del protettorato britannico. Da allora in avanti, sebbene mai riconosciuto dalla comunità internazionale, il Somaliland ha intrapreso con successo un percorso di pacificazione al proprio interno, di costruzione di istituzioni democratiche e di ricostruzione economica. Il momento centrale del conflitto è stato il bombardamento da parte del governo centrale delle maggiori città del nord e la conseguente fuga della popolazione civile verso l’Etiopia, con la permanenza in campi rifugiati organizzati oltre confine. Al termine del conflitto, si ritrova una società fortemente trasformata, in parte all’interno dei termini di lungo periodo sopra menzionati e che si sono con la crisi ulteriormente rafforzati, in parte con elementi nuovi.

  • 12   Per una analisi di questi effetti nella regione si veda Piguet 1998. Per il caso specifico del So (...)

19Un primo nuovo elemento, se si considera la centralità che ha pian piano assunto, è la distribuzione di aiuti alimentari operato dalle organizzazioni internazionali di assistenza e di aiuto umanitario. L’aiuto alla carestia, i movimenti di popolazione e la nascita di sistemi di campi rifugiati entro cui si operavano regolari distribuzioni di cibo hanno fatto sì che l’aiuto alimentare diventasse componente ricorrente della sopravvivenza di molte famiglie e presenza di lungo periodo nelle dinamiche locali. Se la carestia dei primi anni 1970 aveva visto una mobilitazione nazionale per portare aiuto con forze proprie ai connazionali in difficoltà, vi è stato poi un sempre maggiore intervento di agenzie di aiuto esterne. L’esperienza di vita nei campi rifugiati, in un primo momento quelli derivanti dal conflitto tra Etiopia e Somalia del 1977-78 e in un secondo momento quelli derivanti dalla guerra civile, ha ulteriormente rafforzato tale tendenza. L’aiuto alimentare qui distribuito e il prolungato periodo di permanenza nei campi hanno cambiato le abitudini alimentari e introdotto nuovi beni nella dieta (per esempio cereali importati, oli vegetali, latte in polvere). Più in generale questa esperienza ha rappresentato per molti gruppi dislocati un grande processo di sedentarizzazione andando a modificare profondamente le forme della socialità ed i ritmi di vita (cfr. Ciabarri 2011a). L’aiuto alimentare inoltre, circolando anche al di fuori dei luoghi e dei beneficiari riconosciuti, ha un effetto sulle economie locali e rende disponibili a basso prezzo derrate non localmente prodotte12.

20I movimenti di popolazione legati al conflitto, che oltre ai campi rifugiati nella regione si sono diretti anche verso i paesi occidentali e verso i paesi arabi, hanno aperto una seconda fase nell’economia delle rimesse, divenute parte essenziale della sopravvivenza delle famiglie, traino per la ricostruzione economica del Somaliland seguita alla guerra e finanziatrici del consumo di beni importati. A partire dagli anni 2000 questo fattore è diventato sempre più evidente e come tale sottolineato dagli studiosi della società somala (cfr. Ahmed 2000).

21Meno sottolineato è stato invece il potere raggiunto dagli importatori nel nuovo campo politico. Già a partire dagli anni 1970-80 gli importatori ed esportatori del nord-ovest assunsero una forte visibilità politica. Questa presa di posizione fu inevitabile perché la loro crescita aveva preoccupato il potere centrale, che aveva cominciato a contrastare l’autonomia economica di questa regione. È questo un aspetto importante del conflitto tra potere centrale e nord-ovest cominciato poco dopo. Gli importatori furono dunque per tutti gli anni 1980 finanziatori del movimento d’opposizione del nord, l’SNM.

22Dopo la guerra, nello spazio liberato che si dispiegò con la vittoria del SNM, la smobilitazione dell’esercito nazionale e la fuga dalla capitale Mogadiscio del dittatore Siyad Barre, i grandi commercianti originari del nord-ovest intravidero l’opportunità di impadronirsi del mercato locale di import export senza doversi confrontare con i controlli e la tutela del vecchio stato centrale, stabilendo un rapporto diretto con la nuova classe dirigente e strappando da questa condizioni privilegiate per la propria attività. I commercianti hanno finanziato la smobilitazione delle milizie e la loro trasformazione in forze di polizia, dando un sostanziale contributo alla stabilizzazione della nuova entità politica, nei primi anni di vita segnati ancora dalle eredità della guerra (cfr. Ciabarri 2010b). In cambio hanno ottenuto una posizione di monopolio nel commercio regionale ed esenzioni sul piano fiscale. Parallelamente al non riconoscimento su piano politico del Somaliland, anche il campo economico mantiene il carattere di economia informale, che da una parte fa perdere occasioni sui mercati ufficiali ma dall’altra risulta estremamente remunerativo per un’economia di transito che importa beni dal Medio ed Estremo Oriente e ne ri-esporta una parte in Etiopia (cfr. Little 2003). Accanto all’aiuto umanitario in cibo e alla sua rivendita nei circuiti locali, gli importatori hanno direttamente contribuito alla rivitalizzazione dell’economia e del commercio locale. Al di là del piano economico, hanno guadagnato visibilità sociale attraverso varie forme di mecenatismo: la costruzione di moschee, la costruzione di ponti in città di Hargeysa e Burco, il restauro di edifici, il finanziamento di manifestazioni pubbliche. Il nuovo paesaggio urbano è punteggiato dai loro palazzi commerciali e hotel, che diventano punto di riferimento nelle nuove città e prova tangibile di sviluppo e della ricostruzione del paese (cfr. Ciabarri 2011a). Possono così raccogliere consenso nella popolazione urbana, ma sono anche, attraverso la rivendita di prodotti di consumo, tra i pochi ancora in contatto con la base rurale e pastorale. La commercializzazione di beni di prima necessità da parte degli importatori e l’acquisto di bestiame da parte degli esportatori consente infatti di mantenere con la base rurale delle reti di scambio che garantiscono ai commercianti dei canali di distribuzione e approvvigionamento ma che per i produttori spesso rappresentano uno dei pochi appigli cui rivolgersi in tempi di difficoltà.

23Questa rilevanza della classe mercantile si riflette nelle narrazioni che si possono raccogliere nella capitale del Somaliland, Hargeysa, attorno ai momenti fondativi del Somaliland stesso. In una delle più esplicite a questo riguardo, si ricorda il momento in cui ad Hargeysa si ebbe la consapevolezza che si potesse realmente voltare le spalle alla guerra civile, non tanto nella fuga di Mogadiscio da parte di Barre o nell’avanzata militare del SNM, ma nel momento in cui il maggior importatore per quei tempi mandò verso Berbera una prima nave di derrate alimentari, dimostrando che lo storico porto, così centrale per l’economia della regione, poteva tornare a funzionare e poteva essere liberato dalle milizie che allora taglieggiavano ogni movimento di beni o persone.

24Quando dunque Aw Ali, come riportato all’inizio di questo articolo, di fronte all’aumento dei prezzi internazionali del riso (che aveva provocato una penuria sul mercato locale) si vanta di essere stato colui che ha riportato una nave di riso a basso costo in Somaliland, ciò che mette in gioco non è solo un rapporto economico e non solo il suo immediato interesse, ma un sistema di rapporti più ampi: in breve la conferma e promozione del suo ruolo sociale e pubblico. La portata della sua azione è comprensibile solo all’interno del quadro qui sommariamente tracciato. Certo vi è, nell’agire e nella rappresentazione di questi grandi commercianti, una profonda ambiguità: la posizione di monopolio acquisita dai grandi importatori è infatti criticata da molti operatori più piccoli o che operano nel commercio al dettaglio, che lamentano di non riuscire più a lavorare. I grandi importatori hanno messo in piedi negli anni Novanta una rete di distribuzione che comprende venditori fidelizzati e uffici territoriali di vendita, oltre a una serie di mezzi di trasporto di proprietà, assicurandosi un controllo molto forte di tutta la filiera di distribuzione. Dall’altra parte però, essi si trovano anche al centro di rapporti di redistribuzione e di un sistema di crediti/debiti rivolto alla massa della popolazione che ne fa anche delle figure sociali.

5. Una matrice del sistema di approvvigionamento di beni alimentari nel Somaliland contemporaneo

  • 13   Pur tra povertà diffusa e alti livelli di inoccupazione, queste crisi non hanno mai generato una (...)

25Il Somaliland ha parzialmente fatto fronte alle fluttuazioni dei prezzi del 2007-8 – così come allo shock economico dell’embargo dell’importazione di bestiame vivo da parte dell’Arabia Saudita per ragioni sanitarie (cfr. Ciabarri 2011b) e a piccole carestie di quegli anni, come attorno al 1999-2000 – con una pluralità di mezzi13: interesse/mecenatismo degli importatori, le rimesse dei migranti, le circolazioni informali dell’aiuto internazionale. È possibile allora da questo quadro generale presentare un modello finale del sistema di approvvigionamento in Somaliland sotto forma di matrice (cfr. figura 1). Storicamente, si è osservata una progressiva sostituzione da beni prodotti localmente a beni importati attraverso la mediazione di una nuova classe mercantile dedita all’import/export. Si sono in questo articolo descritti alcuni dettagli e momenti di questo lungo processo di sostituzione. L’estrema volatilità dei prezzi delle derrate alimentari di base sui mercati internazionali negli anni 2007-8 ha mostrato il punto debole del processo: una forte vulnerabilità di fronte a fattori esterni non controllabili. Altro aspetto di questa volatilità sono state le fluttuazioni dei tassi di cambio delle monete utilizzate sui mercati internazionali del cibo (dollaro in particolare) che hanno reso inaccessibili a livello locale i beni acquistati all’ingrosso in dollari, a potenziale beneficio (se non ci fosse stato il processo di sostituzione sopra richiamato) dei beni prodotti localmente e scambiati in valute locali. Sul piano della produzione interna, accanto ad una limitata produzione agricola di sorgo, la pratica della pastorizia nomade, nonostante un remunerativo mercato esterno, sconta dinamiche di forte indebolimento sia sul lungo periodo sia nel breve, rappresentato dalle recenti crisi. La filiera dell’esportazione del bestiame è stata controllata da una nuova classe mercantile che ha determinato termini di scambio favorevoli a sé e penalizzanti per i produttori, sulla base di un generale ri-orientamento dei valori sociali che, nell’ideologia dello sviluppo e della modernizzazione, svalutava le occupazioni tradizionali a favore di un processo di modernizzazione fondato sui nuovi centri urbani. Questo stesso processo ha conferito a questa nuova classe non solo potere economico ma anche potere sociale e politico. Questa gerarchia di potere e di valori ha prodotto nel campo pastorale una forte differenziazione sociale. All’allevamento estensivo, a base familiare e fondato sulla mobilità, si sono sovrapposti modi di allevamento legati all’esportazione, con la raccolta e il mantenimento di mandrie destinate ad essere vendute, che hanno sottratto agli altri produttori i punti d’acqua e i pascoli migliori, attraverso processi di privatizzazione e recinzioni di terre. L’esodo della popolazione dal mondo rurale alle città ha egualmente sottratto forza lavoro, il bene più importante per consentire la mobilità degli animali sul territorio, contribuendo alla pauperizzazione di molti di questi gruppi. Nel Somaliland post guerra civile, segnato dalla centralità della classe mercantile, dall’apporto della migrazione in forma di rimesse verso i contesti locali e da una imponente urbanizzazione, altri fattori vanno ad intaccare ulteriormente l’ambito rurale. L’espansione urbana richiede uno sfruttamento intensivo delle falde acquifere, sottratte quindi all’allevamento nomade. L’espansione urbana ha inoltre fatto nascere una nuova agricoltura su base intensiva essenzialmente di ortaggi e frutta che anche qui sottrae i migliori punti d’acqua e terreni (di nuovo, privatizzando e recintando) alla pastorizia. Appare insomma, dall’insieme di questi elementi, una forte concorrenza attorno all’uso dei suoli rurali e dei suoli immediatamente prospicenti alle maggiori città (e che pian piano vengono inglobati nelle città), nonché delle falde acquifere, che spesso si traduce in aperti conflitti sulla terra (cfr. APD 2009). Ciò che è in gioco nei sistemi di approvvigionamento tuttavia, come dovrebbe essere chiaro dall’articolo, non sono solo fattori economici. Le dinamiche includono pure valori culturali e sociali che determinano i cambiamenti, assegnano premi simbolici a gruppi e pratiche e ne svalorizzano altre. Si tratta inoltre di processi che sono legati a strutture del gusto, alla sua formazione ed evoluzione, e che chiamano in causa una storia sociale dell’alimentazione.

26Un’ultima annotazione: le considerazioni emerse in questo articolo dovrebbero invitare a riconsiderare il ruolo degli aiuti esterni da parte delle organizzazioni internazionali di sviluppo e di emergenza umanitaria. L’autoproclamata centralità di queste organizzazioni (non a caso lasciate in questa analisi piuttosto in ombra), presentando in forma indifferenziata gli attori locali come poveri privi di risorse o, come è sovente il caso per i commercianti locali, come speculatori di fronte a situazioni di marginalità, è in contrasto con i dati della realtà. Al contrario, il mondo dello sviluppo dovrebbe tenere conto almeno di tre importanti fattori interni di contrasto alla povertà e di assicurazione contro eventi negativi: le strategie anti-rischio dei produttori (per quanto indebolite), il ruolo delle rimesse dei migranti e il ruolo dei grandi commercianti, che per quanto perseguano i propri interessi commerciali sono anche al centro di processi di redistribuzione e aiuto e godono per questo di legittimità e rispetto sociale. Più complessivamente, l’attenzione dovrebbe essere posta al modo in cui funzionano i mercati locali e agli effetti che hanno su di essi le distribuzioni umanitarie o gli operatori commerciali locali. Non ci sono dati statistici affidabili relativi alle dinamiche economiche dell’area somala dopo il crollo statale, a causa dell’eterogeneità delle fonti e dei metodi di raccolta, e non è stato quindi possibile accompagnare il quadro degli eventi qui delineato con un supporto quantitativo certo. Ci sono però delle stime che riguardano l’ammontare complessivo delle esportazioni di bestiame (mentre non ci sono dati complessivi sulle importazioni) e delle rimesse, e che sono ben al di sopra dell’aiuto internazionale (cfr. Ahmed 2000, Hansen 2004). Questa osservazione è confermata da ricerche condotte anche in altri contesti di pari marginalità e difficoltà (cfr. per esempio Olivier De Sardan sul caso del Niger - 2007), in cui la supposta centralità dello sviluppo esterno è spiazzata dall’evoluzione delle dinamiche sociali. Ripensare lo sviluppo non è dunque un problema teorico ma una necessità posta da contesti in profondo cambiamento.

27Figura 1: Matrice del sistema di approvvigionamento dei beni alimentari di base in Somaliland (seguendo la discussione in Warnier: 160):

FATTORI ORIZZONTALI

CARATTERISTICHE

Produzione interna vs. Importazione

(Sorgo – nuova agricoltura intensiva, ortaggi e frutta) vs. grano, riso, pasta, zucchero

Parcellizzata e su base estensiva vs. concentrata

Produzione:

Competizione su uso suoli e falde acquifere; urbano/rurale; pastorizia/agricoltura.

Sistemi di valore sbilanciati verso emigrazione da ambito rurale a centri urbani ed emigrazione internazionale.

Esposta a fattori ricorrenti di shock (carestia, guerra), erosione delle strategie anti-rischio locali

Importazione di beni alimentari di base:

Sostituzione dei prodotti interni; Grosse imprese somale monopoliste; Volatilità prezzi mercati internazionali e tassi di cambio; Cambiamento del gusto, della diete e degli stili di consumo.

Distribuzione aiuti alimentari: ricadute su economie e società locali; Effetti sui prezzi locali; Strutturazione del gusto e della dieta.

Formazione/evoluzione del gusto – storia sociale dell’alimentazione

Dettata da import / fattori di shock – orientata verso la lenta introduzione di prodotti esterni.

Accesso risorse/condizioni d’uso

Guerra e carestia come punti di svolta nell’espropriazione dei produttori.

Competizione su uso dei suoli e delle falde acquifere: da diritti collettivi a privatizzazioni

Potere/capacità d’acquisto

Termini di scambio tra produttori vs. mediatori commerciali e classe mercantile costantemente a favore di quest’ultimi;

Rimesse: ruolo fondamentale a partire dagli anni 1970 (e a maggior ragione dopo il conflitto civile e i movimenti di popolazione connessi) nell’economia dei gruppi familiari; rimesse generalmente dirette verso i centri urbani.

Bibliographie

Ahmed I. I., 2000, Remittances and Their Economic Impact in Post-war Somaliland, «Disasters», 24.4: 380-389.

Akou M. H., 2011, The Politics of Dress in Somali Culture, Bloomington, Indiana University Press.

APD Academy for Peace and Development, 2009, No more ‘Grass grown by the Spear’. Addressing land-based conflicts in Somaliland, Hargeysa (Somaliland).

Aronson D., 1980, Kinsmen and Comrades: Toward a Class Analysis of the Somali Pastoral Sector, «Nomadic Peoples», 11/1980.

Bradbury M., 2008, Becoming Somaliland, London, James Currey/Progressio.

Cassanelli V. L., 1982, The Shaping of Somali Society, Philadelphia University Press, Philadelphia.

Ciabarri L., 2010a, Dopo lo stato. Storia e Antropologia della ricomposizione sociale nella Somalia settentrionale, Milano, Franco Angeli.

—, 2010b, Trade, lineages, inequalities. Twists in the Northern Somali path to modernity, in M.V. Hoehne, V. Luling (eds) Milk and peace, drought and war: Somali culture, society, and politics, London, Hurst.

—, 2011a, Hargeysa. La ricostruzione della nuova capitale del Somaliland tra diaspora e campi rifugiati, in S. Allovio (a cura di) Antropologi in città, Milano, Edizioni Unicopli: 79-99.

—, 2011b, Estroversione della società e produzione di un paesaggio diasporico. La trasformazione dei luoghi di partenza nella migrazione somala, in A. Bellagamba (a cura di), Migrazioni. Dal lato dell’Africa, Pavia, Edizioni Altravista: 103-126.

Djama M., 1995, L’espace, le lieu. Les cadres du changement social en pays nord-somali. La plaine du Hawd (1884-1990), EHESS, Thèse de doctorat, Paris.

Fine B., Leopold E., 1993, The world of consumption, London, Routledge, Chapman & Hall, Inc., 1st edition.

Green R., Jamal V., 1987, Somalia: paradoxes of private prosperity, poverty pockets, volatile vulnerability, public pauperisation, Report per UNICEF, Mogadishu.

Jamal V., 1988, Somalia: understanding an unconventional economy, «Development & Change», 19.2: 203-265.

Hansen P., 2004, Migrant Remittances as a development Tool: The Case of Somaliland, IOM Migration Policy Research, Working Paper N.3.

Hunt J. A., 1951, A general survey of the Somaliland Protectorate 1944-1950, Hargeisa.

Lewis I. M. (ed), 1975, Abaar. The Somali Drought, London, International African Institute.

Lewis I. M., 2002, A Modern History of the Somali, 4th Edition, James Currey, Oxford.

Little P. D., 2003, Somalia: Economy Without State, Oxford, James Currey.

Mohamed J., 2004, The political ecology of colonial Somaliland, «Africa», 74.4: 534-66.

Olivier De Sardan, J.-P., 2007, Analyse rétrospective de la crise alimentaire au Niger en 2005, Niamey, LASDEL, Etudes et Travaux n° 59.

Piguet F., 1998, Des nomades entre la ville et les sables, Paris et Genève, Khartala et IUED.

Samatar A. I., 1989, The State and the Rural Transformations in Northern Somalia, 1884-1986, Madison, University of Wisconsin Press.

Swift J., 1979, The Development of Livestock Trading in Nomad Pastoral Economy: the Somali Case, in Equipe Ecologie et Anthropologie des Sociétés Pastorales (eds), Pastoral Production and Society/Production pastorale et société, Cambridge Univeristy Press / Paris, Editions de la Maison des sciences de l’homme.

Warnier, J.-P., 2005, La cultura materiale, Roma, Meltemi.

Notes

1   Una confidenza naturalmente che faceva a ogni suo interlocutore. Il Somaliland è un nuovo Stato sorto all’interno della disgregazione della Somalia; ne occupa la porzione nord-occidentale del suo territorio e non è riconosciuto dalla comunità internazionale. I dati su cui si fonda questo articolo sono in gran parte derivanti dalla letteratura specialistica (in particolare Djama 1995, Lewis 2002, Samatar 1989, ma per l’interpretazione proposta ed alcune osservazioni derivano anche da una ricerca sul campo condotta in Somaliland fra il 2007-08 per il progetto “Post-conflict Somaliland: the commercial factor in state building practices and territorial integration. An ethnography of commercial routes” supportato dal Max Planck Institute for Social Anthropology, Halle/Saale.

2   Questa situazione, che oltre a far scomparire il riso dai mercati in alcuni momenti aveva fortemente alzato i prezzi di tutti i beni alimentari importati, perdurò per alcuni mesi.

3   Per una trattazione generale del nuovo Somaliland cfr. Bradbury 2008, Ciabarri 2010a, 2011b.

4   Non vi sono in realtà, dopo la guerra, dati empirici capaci di fornire una rappresentazione adeguata della realtà.

5   All’interno dei riti del pellegrinaggio in particolare vi è il sacrificio di un piccolo animale, capra o pecora; più in generale, l’approvvigionamento di carne riguardava le masse di persone che si dirigevano verso la penisola araba all’interno del pellegrinaggio o come lavoratori nell’industria petrolifera

6   Il processo è legato anche alla contemporanea crescita del vicino porto di Gibuti, centro del colonialismo francese nel Mar Rosso.

7   Le forme di questa sostituzione, qui sintetizzate e semplificate, sono a dire il vero ancora controverse e complicate dal fatto che non conoscono una piena omogeneità su tutto il territorio somalo. Se Akou (2011) descrive il macwiis come moda portata dal nord a Mogadiscio negli anni 1970, nel settentrione la sua presenza è senz’altro antecedente, pur non corrispondendo agli attuali prodotti industriali a basso costo importati dall’Indonesia e sud-est asiatico, ma inizialmente a modelli yemeniti. C’è consenso invece sulla vera e propria “rivoluzione del cotone” che si dispiegò nel 1800, a sostituire gli abiti in pelle precedentemente utilizzati – cfr. Akou 2011, Cassanelli 1982.

8   Mohammed 2004 e Hunt 1949 ne parlano per il mondo coloniale – studi successivi al boom della domanda dai paesi arabi sono stati condotti negli anni 1970-80 e per l’appunto rivelano un modello ricorrente di trasformazioni.

9   Per pagamenti matrimoniali o come compensazione nel caso di dispute.

10   Nella letteratura specialistica sulla pastorizia nomade in ambienti aridi sono generalmente denominate “risk avoiding strategies”, “coping with mechanisms” e simili – cfr. Swift 1979.

11   Per una trattazione dettagliata del conflitto si veda Bradbury 2008, Ciabarri 2010a.

12   Per una analisi di questi effetti nella regione si veda Piguet 1998. Per il caso specifico del Somaliland cfr. Ciabarri 2010a.

13   Pur tra povertà diffusa e alti livelli di inoccupazione, queste crisi non hanno mai generato una situazione generalizzata di carestia.

Auteur

Università degli Studi di Milano

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search