Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books Ledizioni Di/Segni Tabucchi o del Novecento I ‘coccodrilli’ di Monteiro Rossi...

Tabucchi o del Novecento

 | 
Vincenzo Russo

I ‘coccodrilli’ di Monteiro Rossi: presenze letterarie italiane nella narrativa di Tabucchi

William Spaggiari

Texte intégral

  • 1 È principalmente orientata su Gadda e Pasolini la lezione per la laurea conferitagli dall’Universit (...)

1I testi narrativi di Antonio Tabucchi, dislocati nell’arco di quasi quarant’anni, sono continuamente intersecati da riflessioni teoriche, inserti saggistici, digressioni sul ruolo della letteratura e dello scrittore, che muovono da ragioni non di rado legate alle emergenze politiche del momento. Tali interventi, frequentemente ripresi, amplificati e discussi, non solo in Italia, da una pubblicistica di vario orientamento, costituiscono un corollario rilevante della complessiva visione del mondo dello scrittore; non sono da meno, quanto a spregiudicata lucidità, alcuni scritti nati in ambito accademico, ma propriamente riferibili al canone della letteratura militante, come le prolusioni recitate in occasione del conferimento di lauree honoris causa1.

  • 2 Tabucchi 2007: 17-25 (una traduzione parziale in Alloni 2011: 54-62); per la lettera su «MicroMega» (...)

2Nella lectio magistralis pronunciata nel gennaio 2007, durante la cerimonia di attribuzione del dottorato all’Università di Aix-en-Provence, Tabucchi ha nuovamente rivendicato alla letteratura una funzione civile distinta da quella del pensiero dominante, un ruolo antagonista rispetto al potere. Inevitabile che, in quella sede, Tabucchi riprendesse i termini della polemica che dieci anni prima lo aveva contrapposto a Umberto Eco, questa volta non citato esplicitamente («un sémiologue italien qui écrit aussi des romans»), secondo il quale (in una «bustina di Minerva» del 24 aprile 1997) il primo dovere degli intellettuali è stare zitti quando non servono a nulla; in caso di incendio l’intellettuale deve limitarsi, come tutti, a chiamare i pompieri, non darsi necessariamente da fare per stabilire origine e conseguenze del sinistro. Alla tesi di Eco secondo cui, fuor di metafora, l’intellettuale è un amministratore di cultura, che ha il compito non tanto di intervenire ogni volta sulle manifestazioni della realtà quanto quello di trasmettere il sapere e di agire sui tempi lunghi, Tabucchi, come è noto, aveva replicato con una lettera su «MicroMega», eloquente sia per il destinatario (Adriano Sofri) che per la data che vi aveva apposto (25 aprile), sostenendo che quella di Eco altro non era che una astratta e persino cinica costruzione geometrica, e rivendicando da una parte la creatività della conoscenza artistica e, dall’altra, l’impegno dell’intellettuale a testimoniare il presente e a produrre novità. Riprendendo quel tema nel 2007, Tabucchi riafferma che è un dovere ineludibile chiarire se l’incendio è stato prodotto da un guasto tecnico, da una bottiglia molotov o da una bomba ad alto potenziale, si tratti di fiamme divampate per cause accidentali in un appartamento o di quelle prodotte dall’esplosione nell’attentato terroristico dell’agosto 1980 alla stazione di Bologna. A quanti (strutturalisti, formalisti, semiotici, «l’avant-garde d’avanthier») sostengono poi che molti scrittori moderni sono nemici della modernità e che la letteratura è un gioco, Tabucchi obietta che la letteratura è un gioco terribilmente serio e che, a voler individuare priorità e modelli, autorevolmente moderni, in quanto implacabili descrittori della realtà, sono Kafka, Céline che ha avuto il coraggio di procedere a tentoni nelle tenebre della vita e della storia, e naturalmente Pasolini («il nostro amato Pasolini», come già era definito nella lettera del 1997), insieme ad una costellazione di autori molto familiari, da Borges a Pessoa. È vero, aggiunge Tabucchi, che l’intellettuale non deve sbrigativamente «suonare il piffero alla rivoluzione»; ma fra i compiti della letteratura c’è anche quello di intervenire, descrivere e, se possibile, contrastare le storture e gli accidenti della storia. Nel 1997, che è l’anno dell’ultimo romanzo, il più sofferto e problematico, della cosiddetta trilogia portoghese, Tabucchi aveva citato come esempio mirabile Il mondo è una prigione di Guglielmo Petroni (1949), «uno dei libri più belli sulla Resistenza». Nel 2007 è stata la volta di una indicazione ancora più remota; ovvero Auguste Blanqui, in carcere dopo la caduta della Comune di Parigi, autore nel 1872 di un libro (L’éternité par les astres) utopicamente rivoluzionario, fra meditazione storico-politica e invenzione fantastica, con la messa in scena di universi paralleli in cui le cose possono andare in un altro modo, e secondo giustizia2.

  • 3 Tabucchi 1993: 7 (Nota alla seconda edizione).
  • 4 Tabucchi 1993: 79-82. Una storia per qualche verso analoga, ricavata dall’omonimo racconto delle «n (...)

3Al principio secondo cui la letteratura deve ficcare il naso là dove cominciano silenzi, reticenze, omissioni, Tabucchi narratore è sempre rimasto fedele, pur nel variare delle situazioni, a partire da Piazza d’Italia, uscito nel 1975 con una quarta di copertina di Cesare Segre («generosa», la definì Tabucchi), giocata sul riconoscimento della efficace rappresentazione di un secolo di storia visto dalla prospettiva di un borgo toscano, ma soprattutto intesa a rivendicare gli «equilibri delicatissimi» dei valori formali del racconto, con la sua «sintassi balenante» e i suoi «passaggi brachilogici, accostamenti abrupti, scambi stupefacenti di registro»3. In Piazza d’Italia il personaggio di Melchiorre, unico fascista della famiglia (ma di convinzioni assai tiepide), scrive racconti esotici in cui un giovane scienziato, Italo Ferro (nome più che plausibile nell’Italia di quel tempo, ma che può anche avere una generica affinità con certi sintagmi della poesia patriottica di metà Ottocento, sul modello degli «itali acciari» della leopardiana canzone All’Italia, v. 53), si avventura nelle misteriose foreste dell’Africa australe, dove cresce un lichene dal quale si può estrarre una miracolosa sostanza medicinale; fatto prigioniero dalle guardie della regina Luana, sanguinaria e bellissima, che lo vuole circuire, se ne libera con l’aiuto di una schiava, riesce a estrarre dal prezioso lichene un farmaco contro il diabete e porta la luce della civiltà di Roma agli oppressi indigeni, mentre la regina, ripudiata, si uccide come Didone. Dopo averli pubblicati in rivista, Melchiorre avrebbe voluto riunire i racconti in un volume, Il lichene della Regina Luana; titolazione alquanto improbabile, ma che in qualche modo anticipa La misteriosa fiamma della regina Loana di Umberto Eco, viaggio nella memoria del passato, attraverso la fonte comune di quella stessa letteratura popolare che negli anni Trenta aveva catturato i protagonisti della tabucchiana Piazza d’Italia4.

  • 5 Tabucchi 2011a: 81.
  • 6 Tabucchi 1993: 55, 60; e D’Annunzio: 1918, 117-126 (120), dove la guerra è detta «feconda creatrice (...)
  • 7 Tabucchi 2010: 190-191.

4La letteratura, dunque, come specchio della società e strumento di intervento. Nel romanzo, o meglio nella «favola popolare in tre tempi», secondo il primitivo sottotitolo di Piazza d’Italia ripristinato nel 1993, non mancano i riferimenti letterari; alcuni ancora non così chiaramente connotati, e per lo più giocati sul filo dell’ironia (Apostolo Zeno è un burattinaio, nichilista e cavatore di marmo; ed è presente anche, con una pagina di Cuore, Edmondo De Amicis, mai citato peraltro in maniera esplicita, secondo una prassi non rara nel Tabucchi autore di racconti e romanzi), altri invece già ideologicamente delineati, da Felice Cavallotti a un antidannunzianesimo che avrà lunga vita, e che qui, in un contesto di personaggi che leggono Dante e il Socialismo cristiano dell’ex gesuita Carlo Maria Curci (un libro destinato a riapparire di lì a poco in Il piccolo naviglio)5, si traduce nel disprezzo per le formule altisonanti del Vate (la definizione della Grande guerra come «matrice di bellezza») e per le sue avventure cinematografiche (Cabiria, il film, anzi il «filme», di un fascista)6. Contro D’Annunzio, rappresentante esemplare degli scrittori del vagheggiamento, del desiderio, dell’insoddisfazione (una categoria letteraria da guardare con sospetto, che per Tabucchi va dal Tasso dell’Aminta ai poeti della Arcadia settecentesca), le armi della satira e della parodia verranno affinate nel corso del tempo, dal necrologio dettato da Monteiro Rossi in Sostiene Pereira a una Nota di Viaggi e altri viaggi del 1999, nella quale al poeta «furfantesco» che si chiedeva «perché non son io co’miei pastori?» (Sogni di terre lontane, I pastori, v. 21), Tabucchi risponde con le parole impareggiabili di Leo Longanesi: «Perché alloggi al Grand Hôtel di Montecarlo»7.

  • 8 Tabucchi 2005: 33, 102. Per l’aneddoto muratoriano cfr. Marri 2012: 457. Le Poesie complete della A (...)
  • 9 Tabucchi 1983: 58-60, 79, 87.

5D’altra parte, ridurre la catalogazione tabucchiana degli autori, non solo italiani, a categorie troppo nette di moralità individuale e di impegni civile sarebbe operazione riduttiva, tale da non rendere giustizia alle tante sfumature di una narrazione sempre intrisa di letteratura, e progressivamente aperta a dimensioni più elaborate e complesse, come il notturno e il sogno. Sottratta alla difficile convivenza con strutture romanzesche di ampio respiro, la letteratura è spesso elemento dominante nei racconti; se nella prima raccolta, Il gioco del rovescio (1981), dove la presenza del Portogallo si accampa imperiosa, le citazioni letterarie italiane sono sporadiche e legate alle occasioni dell’intreccio (un aneddoto sulla fanciullezza del Muratori nella Lettera da Casablanca, le Poesie complete di Vittoria Aganoor Pompilj citate in Paradiso Celeste)8, è nella novellistica di più marcata collocazione esotica che tali presenze si infittiscono, anche nella forma di analogie e richiami. In Donna di Porto Pim (1983) già il risvolto di copertina avvicina «l’altrove» di Tabucchi, illuminato dai colori della lontananza, a un passo dello Zibaldone di Leopardi (1789, 25 settembre 1821) su parole come «lontano» e «antico», che sono di per sé «poeticissime» in quanto destano idee vaste e indefinite. In questo libro magico e sfuggente, Tabucchi insegue fantasmi di balene e isole perdute, e non possono mancare i rinvii al Moby Dick tradotto da Pavese. Ma vi si insinua, a sorpresa, anche Canaviais no vento di «una certa Deledda»; Canne al vento, il romanzo del 1913, è uno dei tanti libri italiani letti in traduzione dal sedicente Lucas Eduino, cantante in un bar di Porto Pim, «che uccise con l’arpione la donna che aveva creduto sua»9.

  • 10 Cfr. Tabucchi 2009b: 76-92 (a p. 77 l’autore cita un proprio studio, Álvaro de Campos e Zeno Cosini (...)
  • 11 Tabucchi 2009a: 28 e 38. Cfr. Marnoto 2005: 175, 184.
  • 12 Tabucchi 2010: 115-118, 136. Cfr. Spaggiari 2012: 113-116.

6L’irrompere della cultura portoghese determina una sorta di corto circuito, che rende inevitabile il confronto fra Pirandello e Pessoa; e fra Pessoa e Svevo, oggetto anche di un contributo di Tabucchi professore a Genova10. Riesce facile, nella finzione dialogico-teatrale del 1988, avvicinare Pirandello e Pessoa per la comune attenzione alle anime in pena, ai personaggi «che si trovano intrappolati, schiavi/di un ruolo e di una maschera», e risarcire un incontro mancato nel 1931, quando Pirandello fu a Lisbona per la prima mondiale di Sogno… ma forse no (Um sonho, mas talvez não), con un altro che sarebbe bello immaginare potesse accadere a Lisbona, al caffè Martinho da Arcada sulla Praça do Comércio, frequentato da Pessoa, o in Sicilia, ad Agrigento, sulla terrazza di casa del commediografo11. Non meno coinvolgente, nell’attrazione per quell’oriente, direbbe Pessoa, che è tutto quanto noi non siamo, è il fatto che il sogno mitico di Camões e dei Lusíadas riviva nello sguardo febbricitante e velato di malinconia di Guido Gozzano, «giovane dandy torinese» in viaggio verso la «cuna del mondo», disincantato erede di una lunga sequenza, esibita da Tabucchi, di viaggiatori (Marco Polo, Matteo Ricci, Filippo Sassetti) e di sognatori (Tommaso Campanella, che a Ceylon-Taprobana colloca la «città del Sole»), prima dell’avvento dei moderni cronisti come Flaiano, Moravia (che però dell’oriente ha avuto «appena un’idea»), Pasolini, è ovviamente lo stesso Tabucchi del Notturno indiano12.

  • 13 Due notevoli contributi di Surdich (“Il principio della letteratura, raccontare il sogno di un altr (...)
  • 14 Cfr. Paz 1988: 15. Tabucchi ha citato in più occasioni le parole di Paz (Tabucchi 2013: 33, 78-79, (...)
  • 15 Presentazione, in Surdich 1990: 5-6.
  • 16 Tabucchi 1998: 46 (colloquio con Bernard Comment, Lisbona, agosto 1997); cfr. Brizio-Skov 2002: 173 (...)
  • 17 Gouchan 2007: 194-196.

7Una comunione, quella fra letteratura e vita, che si ritrova anche nelle prose minori e negli interventi occasionali, come la Presentazione della monografia su Giorgio Caproni pubblicata nel 1990 da Luigi Surdich; uno studioso, va ricordato, che ha fornito molti elementi utili alla conoscenza dello stesso Tabucchi, amico e collega all’Università di Genova13. Tabucchi insiste, ripetendo le parole di Octavio Paz («I poeti non hanno biografia, la loro opera è la loro biografia»)14, sulla tesi secondo cui l’opera del poeta e la sua biografia coincidono, così che il «limpido ritratto» di Caproni delineato da Surdich diventa una vera e propria «biografia artistica»15. Si spiegano in questo modo certe considerazioni in apparenza semplicistiche, di tono umorale, nelle interviste legate a questioni di attualità (Machiavelli è «scrittore cortigiano, mediocre in tutto fuorché nell’astuzia», responsabile del più deteriore spirito nazionale italiano)16 e nella narrativa, con una rigida tendenza a classificare gli autori secondo le loro manifestazioni e convinzioni ideologiche (da una parte Marinetti e D’Annunzio, dall’altra Thomas Mann, Majakovski, García Lorca)17.

  • 18 Tabucchi 1998: 11, 49.
  • 19 Tabucchi 2003a: 181, 186, 187.
  • 20 Tabucchi 2011b: 253.
  • 21 Tabucchi 2003a: 54-55. Ancora sul periodo pisano di Leopardi cfr. Tabucchi 2010: 31-33. Inoltre, Ch (...)

8Sfugge, per contro, ad ogni classificazione il rilievo accordato a Giacomo Leopardi, per l’altezza del pensiero filosofico, per le immagini della lirica maggiore e minore, per una specie di conterraneità acquisita grazie al decisivo soggiorno a Pisa, nel 1827-28, di colui che, ne La gastrite di Platone, è detto «il nostro grande poeta romantico». Tre versi de La quiete dopo la tempesta («e la gallina/tornata in su la via/che ripete il suo verso») sono proposti nei segmenti epigrafici, in funzione di commento ironico alle parole del procuratore generale rappresentante dell’accusa il quale, nel primo processo d’appello contro Adriano Sofri, Ovidio Bompressi e Giorgio Pietrostefani per l’omicidio del commissario di polizia Luigi Calabresi, aveva dichiarato nel giugno 1991 che «il carro del vittimismo è tirato da questi buoi, da questi utili idioti [gli intellettuali]»18. Una ottava dei Paralipomeni della batracomiomachia (I, 43) è posta in epigrafe a una delle ultime lettere di Si sta facendo sempre più tardi, romanzo epistolare del 2001; il personaggio leopardiano del conte Leccafondi, il topo filosofante che alla forza bruta degli oppressori oppone ingenuamente i valori della virtù, della saggezza e delle buone letture, è in qualche misura un ritratto del protagonista (o, volendo, del giovane Tabucchi), che scrive infiammati articoli libertari su un giornale di provincia, e che per questo gode di una certa aura di eroe romantico nella Milano dei primi anni Ottanta, liberal e mondana, popolata di intellettuali «girocollo» e di artisti che con la mano sinistra dipingono e con la destra giocano in borsa19. Al Leopardi meno noto (il Frammento XXXVIII dei Canti) rinvia anche l’epigrafe («Io qui vagando al limitare intorno…») del Diario cretese con sinopie, del 2000, accolto nell’ultimo libro di Tabucchi, Racconti con figure20; e, ancora una volta senza una richiamo esplicito, è Leopardi il «lunatico sofferente di malinconia e febbri terzane» di un’altra epistola di Si sta facendo sempre più tardi, che a Pisa, per difendersi dal freddo dell’inverno, dormiva fra due materassi (immagine già presente in uno dei Sogni di sogni, del 1992); dopo anni di silenzio poetico, «in quella città il cuore di quel lunatico risorse e ricominciò a battere come ormai non batteva più da tempo, e Zefiro ravvivò l’aria inferma e sentì in lui rivivere gli inganni aperti e noti» (dove andrà notata la ripresa di sintagmi leopardiani: «e perché l’aure inferme/Zefiro avvivi» è nell’esordio della canzone Alla primavera o delle favole antiche, vv. 2-3, mentre «gl’inganni aperti e noti» è un settenario de Il risorgimento, il canto del riaffiorare della poesia nella luce della primavera pisana del 1828, v. 147)21.

  • 22 Tabucchi 1992: 43-46 (26-28 su Cecco Angiolieri, 47-49 su Collodi).
  • 23 Tabucchi 1992: 77; e Giordani 1858: 248. Su Sogni di sogni cfr. Trentini 2003: 191-220 (per Leopard (...)

9Ma il punto più alto del leopardismo di Tabucchi, nel segno di una narratività fantastica nutrita di stilemi letterari e capace di riunire in una dimensione irreale le figure più care, è senza dubbio il Sogno di Giacomo Leopardi, poeta e lunatico, secondo dei tre racconti su autori italiani di Sogni di sogni, fra quello di Carlo Collodi, qui individuato nel suo ruolo di censore teatrale e proiettato fra le creature del suo libro famoso, e quello di Cecco Angiolieri «poeta e bestemmiatore», che col fuoco avrebbe voluto ardere il mondo e che col fuoco è punito in sogno; trasformato in gatto per aver compiuto un gesto sacrilego, Cecco viene cosparso di pece in una di quelle taverne che amava frequentare e infine bruciato, fino a quando si risveglia tormentato dalle piaghe del fuoco di Sant’Antonio. In un deserto di argenteo chiarore siderale si affollano gli elementi dell’universo dei Canti leopardiani della maturità, dei quali Tabucchi scambia le funzioni, sfruttando gli spazi del punto di vista onirico: il poeta è un pastore senza gregge (soltanto quattro pecore candide trainano la sua carrozza), dialoga con le pecore (e non con la luna) e poi con un pasticcere (riferimento alla passione di Leopardi per i dolciumi, nell’ultima stagione napoletana). Pur così vicino a Silvia, diventata una «selenita» (ma, appunto, si tratta di un sogno sulla luna), Leopardi apprende della distanza che ancora una volta lo divide dalla fanciulla vagheggiata: «Questo non sei tu, disse Silvia, è solo la tua idea, tu sei ancora sulla terra». Per suo invito, il poeta si volge al pianeta lontano e inquadra nel cannocchiale dapprima una immagine recanatese che gli procura una stretta al cuore (Monaldo che, in camicia da notte e col pitale in mano, sta andando a letto), e poi una torre pendente su un grande prato, la tortuosa via della Faggiola, una stanza modesta con un debole lume, e un letto nel quale vede se stesso, che dorme fra due materassi, sognando la luna22. In calce, l’accostamento depistante della finzione narrativa è ricondotto ai dati della realtà storica nelle schede biografiche dei sognatori; quella di Leopardi, in particolare, rivela evidenti corrispondenze con l’iscrizione sepolcrale che Antonio Ranieri aveva commissionato nel 1837 a Pietro Giordani, celebrativa della sua grandezza di poeta, filosofo e filologo23.

  • 24 Tabucchi 1986: 94.
  • 25 Tabucchi 1992: 26-27. Il racconto Clof, clop, cloffete, cloppete, in Tabucchi 2009c: 27-51 (31), è (...)

10Il gioco dell’invenzione (tale può essere considerato anche l’endecasillabo in forma di chiasmo, presentato come «motto greco» in traduzione italiana, de Il filo dell’orizzonte: «Muore il corpo dell’uom, virtù non muore»)24, il gusto per la variazione onomastica, l’inserzione di lacerti altrui, in prosa o in verso, sono caratteristica costante degli intrecci narrativi; del resto, Tabucchi ama giocare con le appropriazioni citazionistiche esplicite o dissimulate, si tratti dell’eretico Farinata nell’Inferno dantesco (una Madonna dipinta su una tavola del duomo di Siena ha un’espressione altera, «come se avesse in gran dispetto le cose terrene») o della «colonna infame» di manzoniana memoria, che è poi la colonna vertebrale che procura forti dolori al protagonista di uno dei racconti di Il tempo invecchia in fretta, non a caso «malato di letteratura»25. Il lungo elenco comprende anche Leopardi, che ne La ginestra aveva ironizzato sulle «magnifiche sorti e progressive» del genere umano (v. 51); Tabucchi riprende la formula leopardiana (o meglio, le parole di Terenzio Mamiani oggetto della parodia di Leopardi) ne La testa perduta di Damasceno Monteiro, adattandola alla pubblicistica portoghese degli anni Novanta:

tutto questo, dicevo, sarà riportato in blocco dalla stampa portoghese, tutta la stampa possibile e immaginabile, quella alla quale stanno a cuore le magnifiche sorti e progressive del genere umano e quella a cui stanno a cuore le macchine sportive degli industrialotti del Nord, che poi è un’altra maniera di concepire le magnifiche sorti e progressive del genere umano, insomma, ognuno a suo modo dovrà fornire la notizia, chi con ferocia, chi con scandalo, chi con riserve. (Tabucchi 2012: 500)

  • 26 Tabucchi 2011a: 55, 78.
  • 27 Tabucchi 2009b: 114-122.
  • 28 Tabucchi 2010: 43, 62, 80, 118 (per Sereni anche Tabucchi 2003a: 87). Per Gadda e Pasolini, il sagg (...)
  • 29 Tabucchi 2005: 377-386.

11Ma la casistica è assai ampia, fin dalle origini, e spesso declinata nelle forme di un gioco di dissimulazione. In Il piccolo naviglio, i cui personaggi leggono Pascoli e scrivono poesie, il «venerabile chierico» autore degli Annali di una imprecisata città toscana non è «Paolo Fonzio» ma monsignor Paolo Tronci, i cui Annali pisani furono editi nel 1828-29; e l’autore taciuto di un libro di propaganda coloniale, La nostra terra promessa, è Giuseppe Piazza, nel 191126. Nel folto gruppo dei moderni, che popolano soprattutto le prose di viaggio, si possono allineare Pirandello, Gadda, Carlo Levi, Cardarelli, Zanzotto (intervistato nel 1977)27, Moravia e Flaiano viaggiatori in India (ma chi più di tutti ha «sentito» quell’oriente, nota Tabucchi, è stato Pasolini in un «libro ammirevole», L’odore dell’India, del 1962), Giovanni Orelli (col suo «bel romanzo» Gli occhiali di Gionata Lerolieff, del 2000), Vittorio Sereni («se i francesi avessero un poeta come Sereni, chissà che museo gli avrebbero fatto»), Cesare Zavattini, al quale, per il realismo incantato, Tabucchi accosta l’egiziano Naghib Mahfuz, Nobel per la letteratura nel 198828. E poi Dino Campana, protagonista di Vagabondaggio (1988), racconto extravagante o, come dice Tabucchi, «senza fissa dimora», in cui il poeta di Marradi è rappresentato nel 1906, non ancora ventunenne, in viaggio lungo la via Emilia, dopo la fuga dal manicomio di Imola; un intenso omaggio che poggia sulla citazione di brani lirici e sulla ricostruzione fantastica di un episodio della biografia, l’incontro mai del tutto chiarito con un venditore ambulante mantovano, Regolo Orlandelli, evocato nell’ultima sezione dei Canti orfici29.

  • 30 Tabucchi 2011a: 11, 179; Tabucchi 2003b: 13; Tabucchi 1998: 21, 55, 79.
  • 31 Tabucchi 2005: 269.
  • 32 Cfr. Dolfi 2006: 249.

12Eugenio Montale, senza particolare distinzione fra il poeta delle raccolte canoniche e quello prolifico e pungente delle sillogi tarde, è, con Leopardi, l’autore più ricordato, secondo modalità non diverse. Suoi versi, soprattutto in funzione epigrafica, sono citati in Il piccolo naviglio (dove è anche, inconfondibilmente ispirata a Montale, la poesia Rosa Luxemburg; del resto, Tabucchi scrive che «era un’imitazione», scritta in fretta, e che «tanto non l’avrebbe letta nessuno»), Autobiografie altrui, La gastrite di Platone30; a lui va un «affettuoso ricordo» nella Nota premessa a L’angelo nero, del 1991, per avergli rubato un titolo (L’angelo nero, del 1968, è appunto una delle liriche di Satura)31; probabilmente dall’ultimo verso di Dora Markus («Ma è tardi, sempre più tardi») deriva il titolo del «romanzo in forma di lettere» del 2001 Si sta facendo sempre più tardi32. Il primo mottetto da Le occasioni («Lo sai: debbo riperderti e non posso») fa da filo conduttore a un itinerario della fine del 2008, fra nostalgia e rabbia, nel cuore di Genova (Sottoripa, via Prè, via del Campo, piazza Fossatello, via Lomellini con la casa di Mazzini «povero, che aveva curiose idee repubblicane»), in una città premiata con la medaglia d’oro della Resistenza ma ora ferita e violata, pallida immagine di quella cantata dai suoi poeti per musica, come Gino Paoli e il piemontese Paolo Conte (l’incipit di Genova per noi apre il capitolo genovese di Autobiografie altrui). Fino a Fabrizio De André, evocato con accenti di non comune affetto:

  • 33 Per Paolo Conte cfr. Tabucchi 2003b: 49. Per De André anche un articolo su «l’Unità» del 14 dicembr (...)

Com’era bella quella voce, e vera, cantava la vita con tutte le macchie che ha la vita, e Genova, e l’Italia, così come esisteva e che un clown miliardario ha fatto sparire. […] Caro Fabrizio De André, quanto mi manchi. Vorrei che tu potessi tornare a rendere questi luoghi veri grattando via la falsa vernice che il pagliaccio ha spennellato su questa città, per ridare vita alla vita nella sua semplice verità fatta soprattutto di miserie. (Tabucchi 2010: 111)33

  • 34 La trota che guizza fra le pietre mi ricorda la tua vita, in Tabucchi 2005: 325-335 (ancora per Mon (...)

13Anche se ha qualche tratto del personaggio eponimo di Sostiene Pereira (le parole rivolte alla fotografia della moglie defunta), il vecchio e solitario poeta del penultimo racconto de L’angelo nero, che riceve la visita di una ammiratrice, è proprio Montale, la cui vendetta postuma nei confronti di chi lo ha dimenticato viene messa in atto con l’affidamento alla bella visitatrice di poesie che sono la parodia di altre sue poesie, allo scopo di divulgarle postume a cadenze regolari; allusione a una vicenda clamorosa, che ha visto protagonisti l’ultimo Montale e una sua ben nota amica e musa ispiratrice, depositaria di 66 composizioni del poeta, suddivise in buste da pubblicare in sezioni a partire da cinque anni dopo la sua morte (quei testi montaliani, o pseudo-montaliani, sono stati poi riuniti e pubblicati nel 1996)34.

  • 35 Tabucchi 2012: 112.
  • 36 Tabucchi 2009b: 58. Il testo, del 1929, è «Lá chegam todos, lá chegam todos...» (Pessoa 2012: 612-6 (...)
  • 37 Tabucchi 2012: 155, 171, 189, 213, 222, 275, 284, 328. «Fora tu, Rapagnetta-Annunzio, banalidade em (...)

14La presenza letteraria italiana assume particolare rilievo nei tre romanzi portoghesi degli anni Novanta; non tanto in Requiem, del 1991, dove è dato cogliere soltanto un cenno alla volgarità del futurismo guerrafondaio (e tale fu quello italiano)35, quanto in Sostiene Pereira (1994), attraverso la figura di Monteiro Rossi, che nell’estate 1938 a Lisbona, nel pieno della dittatura salazarista, arruola segretamente volontari per la guerra di Spagna e sbarca il lunario come collaboratore molto improbabile, visti gli articoli incendiari che propone, della pagina culturale di un modesto quotidiano del pomeriggio, diretta dal dottor Pereira. Attraverso la forma originale del necrologio veritiero, annunciato o in qualche caso persino auspicato («ci sarebbero un sacco di scrittori che sarebbe l’ora che se ne andassero», afferma Marta, la fidanzata di Monteiro), in una rubrica di «Ricorrenze» che doveva aprirsi col ricordo di Pirandello, scomparso due anni prima, i bersagli polemici sono Filippo Tommaso Marinetti, nel 1938 vivo e vegeto («quel furfante di Marinetti, quel brutto tipo, dopo aver cantato la guerra e gli obici si è schierato con le camicie nere di Mussolini»), e D’Annunzio, morto invece da pochi mesi, «quell’insopportabile Rapagnetta che si faceva chiamare D’Annunzio» (è noto che il padre di Gabriele aveva aggiunto al proprio il cognome del ricco zio Antonio D’Annunzio). Occorre rilevare che quello di D’Annunzio e quello di Marinetti (Tabucchi ricorda un componimento di Pessoa, o di Álvaro de Campos, su Marinetti accademico d’Italia, che termina col suono di un pallone che si sgonfia)36 sono i due momenti centrali, e negativi, di una serie di elogi funebri di personaggi di ben altra collocazione, che si apre con García Lorca (un ricordo, come è detto chiaramente, dettato dalle ragioni del cuore, non da quelle dell’intelligenza) e si chiude con Majakovskji, «il grande democratico e il fervido antizarista». È in questa radicalizzazione dei ruoli e delle posizioni, resa necessaria dalla situazione politica dell’Europa, che il dottor Pereira, spiritualmente prostrato e inizialmente orientato su opzioni letterarie più moderate, soprattutto francesi, avvia un processo di riscatto da una vita consegnata al ricordo, compie una decisiva scelta di campo, prendendo coscienza di una dittatura che osa persino negare la realtà («qui non siamo in Europa, siamo in Portogallo», secondo la minacciosa sentenza del direttore del giornale), e riconosce che D’Annunzio sarà anche stato un buon poeta, ma ha sperperato la vita nelle frivolezze, e dunque aveva ragione Pessoa quando lo soprannominò «assolo di trombone». Risulta così del tutto plausibile la costruzione della beffa alla censura salazarista operata da Pereira, finalmente libero dal passato e autore del nobilissimo necrologio dello stesso Monteiro Rossi, assassinato dalla polizia politica37.

  • 38 In un articolo (Ma la mia Oporto può essere dappertutto) su «l’Unità 2», 23 marzo 1997.
  • 39 Tabucchi 2012: 565. Sul rapporto fra Vittorini e Tabucchi cfr. Borrelli 2009: 674-687.

15In una chiave di lettura fortemente attualizzata si pongono le strategie dell’ultimo romanzo della trilogia, La testa perduta di Damasceno Monteiro, del 1997, sullo sfondo della settentrionale Oporto, una città «arcigna» e piuttosto inglese, come l’ha definita Tabucchi38. L’episodio scatenante, in apparenza legato a un fatto di cronaca nera, si rivela poi essere un omicidio politico compiuto dietro la facciata perbenistica e rispettabile del Portogallo democratico; problematiche che riflettono le tensioni civili e di ambito politico-giuridico che Tabucchi affronta nelle fasi cruciali della vicenda di Adriano Sofri, condannato in via definitiva nel gennaio 1997 per l’affaire Calabresi, proprio mentre il romanzo è in gestazione (ma si è insistito molto anche sulle analogie e le implicazioni riconducibili alla fine dell’anarchico Pinelli). Il motore dell’azione è il giornalista Firmino, intorno al quale ruotano personaggi assimilabili a quelli del capolavoro; Mello Sequeira, il coltissimo e beffardo avvocato di Oporto, detto Loton per la somiglianza con Charles Laughton, svolge le stesse funzioni maieutiche del dottor Cardoso di Sostiene Pereira. Anche qui la letteratura fiancheggia l’azione, nello sfoggio di cultura mitteleuropea dell’avvocato Loton e nella passione che anima Firmino a comporre, sia pure con una strumentazione un po’approssimativa e ingenua, un saggio intorno all’influenza esercitata da Elio Vittorini sul romanzo portoghese del dopoguerra; preludio a una ricerca da svolgere a Parigi intorno al tema, ben più ampio, del rapporto fra censura e letteratura39.

  • 40 Tabucchi 2005: 181-182.
  • 41 Tabucchi 2006: 166 (il cenno limitativo su Calvino va letto alla luce di un giudizio nell’articolo (...)

16Il campo di indagine potrebbe poi essere proficuamente allargato, muovendo per esempio dai cataloghi di libri e di autori disseminati nell’insieme della produzione narrativa. Si pensi ai titoli della biblioteca di Guido, il professore malato terminale del racconto Stanze, in Piccoli equivoci senza importanza, del 1985; dove a Dante, Petrarca, l’Adelchi di Manzoni, la Vita di Alfieri, l’Aminta del Tasso si affiancano Virgilio, Shelley, Goethe40. Più chiaramente orientato è, vent’anni dopo, l’ultimo catalogo della serie, alla fine di L’oca al passo, resoconto del «buio che stiamo attraversando», cui la tarda cronologia assegna il valore di un ideale suggello autobiografico; è per merito di Dante, Boccaccio, Belli, Porta, Leopardi, De Roberto, Verga, Pirandello, Svevo, Levi, «un certo Calvino», Montale, Gadda, Sciascia, Pasolini che la nostra letteratura, «quella grande, quella vera», si è intrecciata con la vita, e «ha fatto conoscere l’Italia nel mondo»41. Poi, nello snodo fra un secolo e l’altro, le cose sono cambiate; ma questa è una storia, direbbe il dottor Pereira, che è preferibile non raccontare adesso.

Bibliographie

Alloni M., 2011, Antonio Tabucchi. Saudade di libertà, Reggio Emilia, Aliberti.

Borrelli D., 2009, Searching for self through others in Vittorini’s «Conversazione in Sicilia» and Tabucchi’s «Notturno indiano», «Italica» 86.4: 674-687.

Brazzelli N. (a cura di), 2012, Isole. Coordinate geografiche e immaginazione letteraria, Milano-Udine, Mimesis.

Brizio-Skov F., 2002, Antonio Tabucchi: navigazioni in un arcipelago narrativo, Cosenza, Pellegrini Editore.

Cecchini L., 2011, Da “io so” di Pasolini a “Io non so se so” di Tabucchi. L’impegno al tempo del postmoderno, in Tchehoff I. (ed.), Omaggio a/Hommage à Luminiţa Beiu-Paladi, Stockholm, Romanica Stockholmiensia: 54-63.

D’Annunzio G., 1918, Per la più grande Italia. Orazioni e messaggi, Milano, Treves.

Dolfi A., 2006, Tabucchi. La specularità, il rimorso, Roma, Bulzoni.

— (a cura di), 2008, I ‘notturni’ di Antonio Tabucchi. Atti di Seminario. Firenze, 12-13 maggio 2008, Roma, Bulzoni.

—, 2010, Gli oggetti e il tempo della saudade. Le storie inafferrabili di Antonio Tabucchi, Firenze, Le Lettere.

Eco U., 2000, La bustina di Minerva, Milano, Bompiani.

—, 22007, La misteriosa fiamma delle regina Loana. Romanzo illustrato (2004), Milano, Bompiani.

Frassica P. (a cura di), 2005, Magia di un romanzo. «Il fu Mattia Pascal» prima e dopo. Atti del Convegno internazionale, Princeton 5-6 novembre 2004, Novara, Interlinea.

Giordani P., 1858, Iscrizioni dal 1806 al 1846, in Scritti editi e postumi pubblicati da A. Gussalli, Milano, Sanvito (Opere, vol. XIII): 179-296.

Gouchan Y., 2007, La figure de l’écrivain dans l’œuvre d’Antonio Tabucchi, «Italies. Revue d’études italiennes», numéro spécial (Echi di Tabucchi/Échos de Tabucchi): 191-213.

Marnoto R., 2005, Calling Fu Mattia Pascal, in Frassica P. (a cura di), 2005: 175-187.

Marri F., 2012, Lodovico Antonio Muratori, «Nuova informazione bibliografica» IX. 3: 457-494.

Montale E., 1996, Diario Postumo. 66 poesie e altre, a cura di A. Cima, prefazione di A. Marchese, testo e apparato critico di R. Bettarini, Milano, Mondadori.

Paz O., 1988, Ignoto a se stesso. Saggi su Fernando Pessoa e Luis Cernuda, a cura di E. Franco, con un saggio di A. Tabucchi, Genova, Il Melangolo.

Pessoa F., 2012, Un’affollata solitudine. Poesie eteronime, a cura di P. Ceccucci, traduzione di Piero Ceccucci e Orietta Abbati, Milano, Rizzoli.

Rimini T., 2007, La cine (biblio) teca di Tabucchi: il montaggio di «Piazza d’Italia», «Italies. Revue d’études italiennes», numéro spécial (Echi di Tabucchi/Échos de Tabucchi): 321-348.

Spaggiari W., 2003, Immagini del Portogallo nella letteratura italiana, «Revista de ciências históricas» (Universidade Portucalense «Infante D. Henrique», Porto) XVIII: 171-190.

—, 2012, L’isola non trovata: da Camões a Guido Gozzano (e oltre), in Brazzelli N. (a cura di), 2012: 109-119.

Surdich L., 1990, Giorgio Caproni. Un ritratto, Genova, Costa & Nolan.

Tabucchi A., 1983, Donna di Porto Pim, Palermo, Sellerio.

—, 1986, Il filo dell’orizzonte, Milano, Feltrinelli.

—, 1991, Fernando Pessoa lettore di Giacomo Leopardi, «Il gallo silvestre», 3: 65-78 (poi in «Rivista internazionale di studi leopardiani», 9, 2013: 192-204).

—, 1992, Sogni di sogni, Palermo, Sellerio.

—, 1993, Piazza d’Italia. Favola popolare in tre tempi, un epilogo e un’appendice (1975), Milano, Feltrinelli.

—, 1997, Un fiammifero Minerva, «MicroMega» XII. 2: 1-13.

—, 1998, La gastrite di Platone, Palermo, Sellerio.

—, 2003a, Si sta facendo sempre più tardi. Romanzo in forma di lettere (2001), Milano, Feltrinelli.

—, 2003b, Autobiografie altrui. Poetiche a posteriori, Milano, Feltrinelli.

—, 2005, Racconti, Milano, Feltrinelli.

—, 2006, L’oca al passo. Notizie dal buio che stiamo attraversando, a cura di S. Verde, Milano, Feltrinelli.

—, 2007, Éloge de la littérature, «Italies. Revue d’études italiennes», numéro spécial (Echi di Tabucchi/Échos de Tabucchi): 17-25.

—, 2009a, I dialoghi mancati. Il signor Pirandello è desiderato al telefono. Il tempo stringe (1988), Milano, Feltrinelli.

—, 2009b, Un baule pieno di gente. Scritti su Fernando Pessoa (1990), Milano, Feltrinelli.

—, 2009c, Il tempo invecchia in fretta. Nove storie, Milano, Feltrinelli.

—, 2010, Viaggi e altri viaggi, a cura di P. Di Paolo, Milano, Feltrinelli.

—, 2011a, Il piccolo naviglio (1978), Milano, Feltrinelli.

—, 2011b, Racconti con figure, a cura di T. Rimini, Palermo, Sellerio.

—, 2012, Romanzi, Milano, Feltrinelli (Requiem, 1991; Sostiene Pereira, 1994; La testa perduta di Damasceno Monteiro, 1997).

—, 2013, Di tutto resta un poco. Letteratura e cinema, a cura di A. Dolfi, Milano, Feltrinelli.

Trentini N., 2003, Una scrittura in partita doppia. Tabucchi fra romanzo e racconto, Roma, Bulzoni.

Zografidou Z. (a cura di), 2012, Tempo spazio e memoria nella letteratura italiana. Omaggio a Antonio Tabucchi, Salonicco-Roma, University Studio Press-Aracne.

Notes

1 È principalmente orientata su Gadda e Pasolini la lezione per la laurea conferitagli dall’Università ‘Aristotele’ di Salonicco (Dipartimento di lingua e letteratura italiana) nel maggio 2010, che si legge in Zografidou (a cura di) 2012: 41-52.

2 Tabucchi 2007: 17-25 (una traduzione parziale in Alloni 2011: 54-62); per la lettera su «MicroMega» cfr. Tabucchi 1997 (più volte riedita, a partire da Tabucchi 1998: 19-42; il volume è dedicato «Alla cara memoria di Leonardo Sciascia e Pierpaolo Pasolini, con molta nostalgia»). L’articolo di Eco, apparso su «L’Espresso» del 24 aprile 1997: 192, col titolo Il primo dovere degli intellettuali: stare zitti quando non servono a niente, si legge in Eco 2000: 264-265. Innumerevoli gli interventi sulla querelle; tra i più recenti, Cecchini 2011: 54-63 (56-58). Tabucchi è tornato sul romanzo di Guglielmo Petroni in un articolo (Quei tre giorni di torture) su «la Repubblica» del 28 aprile 2005 (ora in Tabucchi 2013: 100-102).

3 Tabucchi 1993: 7 (Nota alla seconda edizione).

4 Tabucchi 1993: 79-82. Una storia per qualche verso analoga, ricavata dall’omonimo racconto delle «nuove avventure di Cino e Franco» (Firenze, Nerbini, gennaio 1935), è compendiata da Eco 22007: 250-251.

5 Tabucchi 2011a: 81.

6 Tabucchi 1993: 55, 60; e D’Annunzio: 1918, 117-126 (120), dove la guerra è detta «feconda creatrice di bellezza e di virtù». Cfr. Rimini 2007: 337-341.

7 Tabucchi 2010: 190-191.

8 Tabucchi 2005: 33, 102. Per l’aneddoto muratoriano cfr. Marri 2012: 457. Le Poesie complete della Aganoor uscirono a Firenze, Le Monnier, 1912 (rist. 1927).

9 Tabucchi 1983: 58-60, 79, 87.

10 Cfr. Tabucchi 2009b: 76-92 (a p. 77 l’autore cita un proprio studio, Álvaro de Campos e Zeno Cosini: due coscienze parallele, in Studi filologici dell’Istituto di filologia romanza e ispanistica dell’Università di Genova, Genova, Bozzi, 1978: 149-162).

11 Tabucchi 2009a: 28 e 38. Cfr. Marnoto 2005: 175, 184.

12 Tabucchi 2010: 115-118, 136. Cfr. Spaggiari 2012: 113-116.

13 Due notevoli contributi di Surdich (“Il principio della letteratura, raccontare il sogno di un altro”. Forma e sostanza dei sogni nella narrativa di Tabucchi, e Tabucchi, io ricordo…) si leggono in Dolfi (a cura di) 2008: 25-63 e 405-422.

14 Cfr. Paz 1988: 15. Tabucchi ha citato in più occasioni le parole di Paz (Tabucchi 2013: 33, 78-79, 206).

15 Presentazione, in Surdich 1990: 5-6.

16 Tabucchi 1998: 46 (colloquio con Bernard Comment, Lisbona, agosto 1997); cfr. Brizio-Skov 2002: 173-187.

17 Gouchan 2007: 194-196.

18 Tabucchi 1998: 11, 49.

19 Tabucchi 2003a: 181, 186, 187.

20 Tabucchi 2011b: 253.

21 Tabucchi 2003a: 54-55. Ancora sul periodo pisano di Leopardi cfr. Tabucchi 2010: 31-33. Inoltre, Chiardiluna. Primo quarto: una lezione, in Tabucchi 2013: 37-45 (37, 40; e 280 per la nota della curatrice sulle vicende redazionali del testo). Sul leopardismo di Tabucchi, soprattutto sulle relazioni fra Tristano muore. Una vita (2004) e l’ultima delle Operette morali (Dialogo di Tristano e di un amico), utili i rilievi di Dolfi 2010: 75-76 e 83-85.

22 Tabucchi 1992: 43-46 (26-28 su Cecco Angiolieri, 47-49 su Collodi).

23 Tabucchi 1992: 77; e Giordani 1858: 248. Su Sogni di sogni cfr. Trentini 2003: 191-220 (per Leopardi 206-207). Sul leopardismo di Pessoa cfr. Tabucchi 1991: 65-78.

24 Tabucchi 1986: 94.

25 Tabucchi 1992: 26-27. Il racconto Clof, clop, cloffete, cloppete, in Tabucchi 2009c: 27-51 (31), è stato anticipato in Dolfi (a cura di) 2008: 423-436 (426).

26 Tabucchi 2011a: 55, 78.

27 Tabucchi 2009b: 114-122.

28 Tabucchi 2010: 43, 62, 80, 118 (per Sereni anche Tabucchi 2003a: 87). Per Gadda e Pasolini, il saggio Controtempo, ora in Tabucchi 2013: 20-36 (nel volume sono molte le pagine su autori italiani del Novecento, da Primo Levi a scrittori e poeti viventi, legati a Tabucchi da vincoli d’amicizia).

29 Tabucchi 2005: 377-386.

30 Tabucchi 2011a: 11, 179; Tabucchi 2003b: 13; Tabucchi 1998: 21, 55, 79.

31 Tabucchi 2005: 269.

32 Cfr. Dolfi 2006: 249.

33 Per Paolo Conte cfr. Tabucchi 2003b: 49. Per De André anche un articolo su «l’Unità» del 14 dicembre 2004, ora in Tabucchi 2013: 133-137.

34 La trota che guizza fra le pietre mi ricorda la tua vita, in Tabucchi 2005: 325-335 (ancora per Montale, Tabucchi 2009b: 13), e cfr. Montale 1996. Può essere che a Tabucchi fossero noti alcuni elementi lusitani di Montale: nel Diario del’71 è citato il «latte alla portoghese», cotto a lungo con uova e zucchero (Il frullato, v. 19), mentre in Satura si ricordano il vino di Madeira, «un bar dell’Avenida/da Liberdade» a Lisbona e una serata durante la quale il poeta venne paragonato da qualcuno «ai massimi/lusitani dai nomi impronunciabili/e al Carducci in aggiunta.» (Xenia II, 10, vv. 2-3, 5, 7-9); cfr. Spaggiari 2003: 189.

35 Tabucchi 2012: 112.

36 Tabucchi 2009b: 58. Il testo, del 1929, è «Lá chegam todos, lá chegam todos...» (Pessoa 2012: 612-613); Tabucchi ne cita due versi in Chiardiluna. Primo quarto: una lezione, risalente in prima stesura al 2003 (Tabucchi 2013: 44).

37 Tabucchi 2012: 155, 171, 189, 213, 222, 275, 284, 328. «Fora tu, Rapagnetta-Annunzio, banalidade em caracteres gregos, “D. Juan em Patmos” (solo de trombone)!» (in Ultimatum, 1917) è l’invettiva di Pessoa, richiamata da Tabucchi anche in un articolo (Pessoa. Un poeta contro il dittatore Salazar) sul «Corriere della Sera» del 31 maggio 2001.

38 In un articolo (Ma la mia Oporto può essere dappertutto) su «l’Unità 2», 23 marzo 1997.

39 Tabucchi 2012: 565. Sul rapporto fra Vittorini e Tabucchi cfr. Borrelli 2009: 674-687.

40 Tabucchi 2005: 181-182.

41 Tabucchi 2006: 166 (il cenno limitativo su Calvino va letto alla luce di un giudizio nell’articolo Le città del desiderio, del 1998, ora in Tabucchi 2010: 202, secondo cui «le geometriche Città invisibili» appartengono al novero dei libri «meravigliosamente fantastici»).

Auteur

Insegna Letteratura Italiana all’Università degli Studi di Milano. Studia principalmente questioni, correnti, autori dei secoli XVIII e XIX. Fra i suoi volumi: Percorsi del classicismo da Metastasio a Carducci (1996), Leopardi e altri studi di primo Ottocento (2000), Studi di italianistica (2004). Ha curato edizioni di testi di Pietro Giordani (Il peccato impossibile, 2002), Francesco Algarotti (Viaggi di Russia, 2006), Giosuè Carducci (Poesie, 2007), Antonio Panizzi (Lettere sulla questione meridionale, 2012). Ha partecipato a Convegni di studio ed ha tenuto lezioni e conferenze in Istituti e Università in Italia, in vari Paesi europei e negli Stati Uniti.

Acheter

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search