Version classiqueVersion mobile

Alimentazione, cultura e società in Africa. Crisi globali, risorse locali

 | 
Valerio Bini
, 
Martina Vitale Ney

Introduzione

Marco Modenesi

Texte intégral

1Nella terza giornata di studi (2008) delle “Ricchezze dell’Africa”, studiosi e partecipanti si erano trovati a riflettere sulle molteplici e contraddittorie coniugazioni che scandiscono i rapporti fra mercato locale e mercato globale.

2Piatto pieno, piatto vuoto. Prodotti locali, appetiti globali, questo il titolo scelto per quell’incontro, aveva inaugurato una riflessione sulla sfera alimentare, economica, sociale e culturale dell’Africa che — come era parso sia agli organizzatori, prima, che ai partecipanti della giornata, poi — avrebbe richiesto, anche solo per la sua articolatissima complessità, un prolungamento di riflessione, accompagnato da un ampliamento delle prospettive adottate e da un necessario impegno a proseguire sul tema, per sondarne altri volti, per contemplare realtà già focalizzate partendo da ulteriori punti di vista.

3Alimentazione, cultura e società in Africa. Crisi globali, risorse locali, quinta giornata di studi (2012) del Gruppo di ricerca, risponde anche a questa esigenza.

4Certo, cercare di tener fede allo scopo primario del Gruppo, palesato nel nome che si è dato — e cioè identificare, indicare e condividere con tutti quelle che sono riconoscibili come le ricchezze dell’Africa —, privilegiando l’argomento del cibo e dell’alimentazione in un continente che l’immaginario collettivo associa immediatamente (e non necessariamente sbagliando) alla carestia, alla povertà e alla fame, deve far pensare.

5Quella del nostro Gruppo di studio non è, però, caparbietà gratuita né tanto meno vuota ricerca di sensazionalismo. Si tratta piuttosto di un atteggiamento scientifico e culturale che si pone come necessità di indagare oltre letture spesso veritiere, ma talvolta parziali ed incomplete, che assegnano all’Africa solo lo statuto di terra di miserie, occultandone quei tratti compositivi forieri di positività che possono costituire un suo bene prezioso del quale, anche altrove, potrebbe essere possibile beneficiare.

6Nessuno può, d’altra parte, accusare gli studiosi delle “Ricchezze dell’Africa” di non vederne la dimensione problematica: gli interventi di questa quinta giornata mi paiono testimoniarlo, ancora una volta, in maniera inequivocabile.

7In molte occasioni, infatti, la fotografia della situazione africana da cui partono diverse riflessioni, è innegabile testimonianza della presa di coscienza di una situazione a dir poco critica.

8Molti studiosi toccano, direttamente o indirettamente, la complessa questione della sovranità alimentare, rilevandone il senso preciso e le conseguenze che una presa di coscienza a tale proposito deve implicare: cosa, come e per chi produrre dovrebbero diventare elementi del paradigma a partire dal quale la realtà alimentare africana possa essere salvaguardata.

9Realtà alimentare, come si è spesso sottolineato, che è ovviamente sistema di nutrizione, ma anche sistema di logiche sociali, politiche e culturali. Fattori economici, culturali e sociali, infatti, collaborano sempre nella definizione delle situazioni attuali, in genere negative, ma, come ribadiscono diversi partecipanti, possono essere elementi determinanti per il loro cambiamento.

10Il riconoscimento e il recupero di produzioni tradizionali, così come la promozione di cibo locale nei mercati, ma anche nelle scuole e nelle case, sono riconosciuti come un modo per assecondare la valorizzazione delle identità e per impostare la strada verso una sovranità alimentare che tenga conto delle biodiversità di questi luoghi.

11Attraverso l’analisi di alcuni aspetti delle questioni che si riferiscono all’alimentazione in Africa, come i prezzi del cibo, per esempio, alcuni interventi mostrano, senza ombra di dubbio, come la correzione di diverse dinamiche in atto in terra africana necessitino di un impegno a livello soprattutto globale e non soltanto locale per trovare soluzioni ai problemi.

12Aldilà del quadro di problematicità, gli interventi di questa giornata, però, non mancano di riconoscere anche ricchezze dell’Africa: la sua biodiversità; le figure dispensatrici di cibo a livello del sociale quotidiano che segnalano un modo di vivere spesso dimenticato dall’Occidente; l’intrecciarsi del fattore nutrizionale con la storia di singoli villaggi che palesa l’inscindibilità di cultura, società e alimentazione; il rifiuto ideologico della fame, piaga che nega uno dei diritti elementari dell’essere umano e che deve, quindi, stimolare solidarietà universale; le diverse, importanti e irrinunciabili funzioni di cui si caricano i mercati locali; la capacità di trasformazione dell’agricoltura che si realizza nell’agricoltura urbana.

13Le risorse africane, quindi, esistono, ma esistono soprattutto a livello locale, frazione dello spazio geografico, ideologico e culturale che pare non entrare in contatto con la dimensione globale.

14Locale e globale appaiono, così, come due dimensioni che coesistono, inevitabilmente in rapporto nello stesso spazio, pur riuscendo paradossalmente a non vedersi e ad ignorarsi, con conseguenze tragiche come quelle che si delineano a partire dalle condizioni che caratterizzano la pesca della Guinea Bissau, in cui locale e globale sono separati da una distanza incolmabile che è, concretamente e simbolicamente, una delle fonti del problema.

15L’intervento che chiude questa giornata di studi, tutta all’insegna dell’interdisciplinarietà — che è anche il nostro modo per evitare o almeno correggere incomunicabilità e distanze fra discipline che si muovono nello stesso spazio e guardano le stesse realtà —, pertinentemente segnala la nascita dell’Expo dei popoli, tesa, sin d’ora, a continuare l’occasione di Expo 2015 con l’ambizioso progetto di riuscire a sviluppare una globalizzazione virtuosa che valorizzi le diversità delle identità culturali.

16Nello spazio che gli è congeniale, il Gruppo delle “Ricchezze dell’Africa” condivide questi percorsi di ricerca e di studio e li integra nel suo spirito d’azione.

17Un’azione culturale per la cui crescita nel tempo, infine, deve essere ringraziato, primo fra i tanti che lui stesso ha ricordato, Giorgio Botta. Forse non se ne è mai reso conto appieno, ma i suoi valori umani e le sue qualità scientifiche costituiscono, oltre che un bene per noi, proprio una delle preziose ricchezze dell’Africa e per l’Africa.

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search