Version classiqueVersion mobile

La densità meravigliosa del sapere

 | 
Maurizio Pirro

Cultura tedesca in «Società» e nel «Politecnico»

Domenico Mugnolo

Texte intégral

1L’Italia è ancora in guerra quando la rivista trimestrale «Società» inizia le pubblicazioni: il primo numero porta la data gennaio-giugno 1945. Insieme al fondatore, l’archeologo Ranuccio Bianchi Bandinelli, che ne assume la direzione, della redazione fanno parte lo scrittore Romano Bilenchi e il filosofo Cesare Luporini (i quali dal 1946 diventano vicedirettori), nonché Maria Bianca Gallinaro, moglie di Luporini, traduttrice dal russo e dall’inglese, e Marta Chiesi, segretaria di redazione, che avrebbe poi collaborato con Bilenchi in ricerche storiche, anche al di fuori dell’ambito della rivista. Nel corso degli anni successivi la composizione della redazione avrebbe subito numerose trasformazioni. Già nel 1947 Cesare Luporini assume la direzione effettiva della rivista, conservandola fino al 1949. Nel 1950 gli succede lo storico Gastone Manacorda, che a partire dal 1953 la condivide con l’italianista Carlo Muscetta. Tanto Luporini quanto Manacorda e poi Muscetta sono coadiuvati nel corso degli anni da un comitato di redazione di cui fanno parte, fra gli altri, il biologo e patologo Massimo Aloisi, gli storici Delio Cantimori e Ambrogio Donini, il costituzionalista Vezio Crisafulli, il matematico Lucio Lombardo Radice, Cesare Luporini, l’italianista Natalino Sapegno, Antonio Giolitti, uomo politico dagli spiccati interessi per gli studi di economia, Mario Alicata, critico letterario e dal 1955 responsabile della Commissione culturale del PCI, Giuseppe Berti, già responsabile del centro estero del PCd’I sotto il fascismo e cultore di studi filosofici e letterari. A partire dal 1954 «Società» esce con cadenza bimestrale. Con il sesto fascicolo della diciassettesima annata, il 1961, cessa infine le pubblicazioni. Editore della rivista è inizialmente Leonardo (Firenze), cui subentrano dapprima Einaudi (Torino) nel 1950 e infine Parenti (Milano) nel 1956.

2Riprendendo un’idea di Eugenio Curiel, nell’estate del 1945 Elio Vittorini fonda a sua volta a Milano «Il Politecnico», assumendone la direzione. Editore della rivista è Giulio Einaudi. Il primo numero reca la data del 29 settembre 1945. Ha cadenza settimanale fino al numero 28, uscito il 6 aprile 1946; poi la rivista diventa mensile, cambia veste tipografica e passa dal formato di un tradizionale quotidiano a quello di una odierna rivista settimanale. Difficoltà economiche, ma non solo, portano alla chiusura con il numero 39, pubblicato nel dicembre 1947. Responsabile dell’innovativa, memorabile grafica della rivista è Albe Steiner, che richiamandosi alle avanguardie russe dei primi anni dopo la Rivoluzione associa al tradizionale colore nero dei caratteri a stampa il rosso, che domina la testata e compare a sorpresa e irregolarmente nei titoli o in qualche riquadro, e introduce il fumetto. La scelta del titolo ha un valore programmatico, dichiarato nella prima pagina del primo numero, dove si ricorda ai lettori «L’altro Politecnico, il più bel periodico di cultura e di scienza che avesse in quel tempo l’Europa» («Il Politecnico» 1 29/9/1945: 1). Ancora più significativo di tale richiamo alla rivista di Cattaneo è l’articolo «Una nuova cultura» che il direttore Elio Vittorini firma in prima pagina. Partendo dall’assunto che nella Seconda guerra mondiale a essere stata sconfitta è stata quella cultura, rappresentata esemplarmente da Thomas Mann, Benedetto Croce, Julien Benda, Johan Huizinga, John Dewey, Jacques Maritain, Georges Bernanos, Miguel de Unamuno, i cui principi non avevano impedito al fascismo di commettere crimini inauditi, Vittorini si chiede:

Potremo mai avere una cultura che sappia proteggere l’uomo dalle sofferenze invece di limitarsi a consolarlo? Una cultura che le impedisca, che le scongiuri, che aiuti a eliminare lo sfruttamento e la schiavitù, e a vincere il bisogno, questa è la cultura in cui occorre che si trasformi tutta la vecchia cultura. (Ibidem)

3E non nasconde l’ambizione che «Il Politecnico» contribuisca a far nascere una siffatta cultura.

  • 1   Si veda la scheda bibliografica, acclusa al Reprint della rivista, 1989, Torino, Einaudi.

4Il nome del direttore si legge subito sotto la testata; non sono indicati i nomi dei redattori, che tuttavia conosciamo. Si tratta di Franco Calamandrei, Franco Fortini, Vito Pandolfi, Stefano Terra (per alcuni mesi), Albe Steiner, Giuseppe Trevisani1. Fra i collaboratori (non sempre i testi sono firmati) spiccano i nomi di importanti scrittori e filosofi: accanto a Remo Cantoni, Giulio Preti, Galvano Della Volpe figurano Eugenio Montale, Umberto Saba, Massimo Bontempelli, Vitaliano Brancati, Alfonso Gatto, Vittorio Sereni, Sergio Solmi, Nelo Risi, Vasco Pratolini o ancora i più giovani Italo Calvino, Natalia Ginzburg, Oreste Del Buono e tanti altri ancora. Al di là dei contributi letterari, «Il Politecnico» si caratterizzava anche per una spiccata attenzione alla politica internazionale, per la battaglia in favore di una riforma della scuola (e a questo proposito sono da ricordare soprattutto gli interventi di Concetto Marchesi e di Dina Bertoni Jovine), per la denuncia dei monopoli industriali (Montecatini, FIAT), delle condizioni di lavoro nell’industria e nelle campagne (soprattutto pugliesi, grazie alla collaborazione alla rivista di Ugo Vittorini, fratello del direttore, che viveva a Barletta, gestendo una libreria). La volontà di rinnovamento culturale, dichiarata nel primo numero, «è tutta coerente» però, ha osservato Asor Rosa, «con una serie di preferenze letterarie e, soprattutto, con un’idea di letteratura, nella quale vengono riassorbite anche le istanze politiche e ideologiche» (1975: 1596). All’origine degli interventi critici prima di Mario Alicata, poi di Palmiro Togliatti è proprio questa sussunzione di «istanze politiche e ideologiche» a «un’idea di letteratura» – interventi a cui Vittorini risponde nel numero 35 (gennaio–marzo 1947). Al proposito, a posteriori Franco Fortini (1957) ha osservato che Vittorini riduce la replica al segretario del PCI «dalla distinzione di cultura e politica qual era, alla distinzione di letteratura e politica e finalmente di poesia e letteratura, per non dire all’opposizione fra poesia e cultura» (54-55). E Asor Rosa andrà oltre le parole di Fortini, scrivendo che le distinzioni indicate da Fortini

proliferanti necessariamente l’una dall’altra sono già presenti nel corpo della rivista, nel senso almeno che Vittorini media e tiene insieme sotto una cifra culturale generale, visibilmente letteraria, i contributi diversi che ad essa affluiscono, dall’inchiesta sulla FIAT agli articoli di storia della scienza di Giulio Preti. (Asor Rosa 1975: 1597)

5Le due riviste, che al momento della fondazione si collocavano politicamente entrambe nell’area dalla quale si sarebbe sviluppato di lì a poco il Fronte popolare, erano tuttavia diversissime fra loro: i collaboratori di «Società», per lo più organicamente legati al PCI, erano in massima parte accademici e il taglio dei loro interventi ambiva ad avere le caratteristiche del contributo specialistico. L’impianto degli articoli pubblicati dal «Politecnico», i cui autori del resto non aderivano tutti a quello che ben presto si sarebbe profilato come il maggior partito della sinistra italiana, era invece inequivocabilmente ‘militante’.

6Quale atteggiamento nei confronti della cultura tedesca emerge dalle pagine di «Società» e del «Politecnico»? La risposta a questa domanda, che deve tener conto di diversi fattori, non può che essere differenziata. Occorre infatti non solo ricordare che l’occupazione del paese da parte delle truppe tedesche e la guerra di liberazione avevano lasciato dietro di sé ferite e risentimenti; va considerata pure la maggiore o minore attenzione alla cultura tedesca da parte dei collaboratori delle due riviste, come conseguenza della loro formazione culturale; va infine tenuto conto dell’atteggiamento assunto da parte dei singoli collaboratori nei confronti dell’assetto della Germania determinatosi alla fine della Seconda guerra mondiale: divisa dapprima in zone di occupazione per volere delle potenze vincitrici, a loro volta separate poco dopo la fine della guerra da contrasti insanabili, e poi in stati autonomi collocati in blocchi politici contrapposti. Da quest’ultimo punto di vista, si può dire che l’attenzione e la simpatia prevalenti tanto nel «Politecnico» quanto in «Società» andassero all’esperimento sociale e politico che si andava tentando nella zona di occupazione sovietica, da cui nel 1949 sarebbe nata la Repubblica Democratica Tedesca. Il ‘muro’ è di là da venire (sarà eretto solo negli ultimi mesi di vita di «Società») e il prestigio dell’URSS, in quanto paese che aveva sopportato le maggiori perdite umane e materiali nella lotta contro il nazionalsocialismo, produceva ancora pienamente i propri effetti.

7Nel numero 10 del «Politecnico» (1/12/1945, in gran parte dedicato alla Germania, con una ricostruzione della fallita rivoluzione spartachista del 1918-19) un lettore sollecita Vittorini a polemizzare con le parole che aveva pronunciato il vescovo di Bergamo Adriano Bernareggi a conclusione della Settimana Sociale tenutasi a Firenze qualche settimana prima. Riferendosi al pensiero di Marx, che godeva di enorme prestigio fra gli intellettuali italiani, questi aveva posto in rilievo «questo fenomeno strano, che è la Germania vinta che tutt’ora tende a dominare nel settore dell’idea», aggiungendo: «E non dovrebbe ciò far riflettere dopo le rovine che le ideologie germaniche hanno disseminato in tutto il mondo?» Vittorini liquida la questione con queste parole: «L’opinione di Mons. Bernareggi non è che una delle tante ingenue forme di razzismo e di nazionalismo intellettuale» («Il Politecnico» 10 1/12/1945: 1). Anche il fascicolo 33–34 (settembre-dicembre 1946) presenta un ampio servizio dedicato alla Germania, che si apre con un lungo articolo di Silvio Menicanti dal titolo La situazione. Nella prima parte l’autore discute la posizione della chiesa cattolica nei confronti della società uscita dalla guerra, mentre nella seconda affronta la questione della responsabilità, o meglio della colpa collettiva del popolo tedesco («Il Politecnico» 33-34: 22–25); all’acuto articolo di Menicanti fanno da contorno testimonianze di Alvarez del Vayo, Klaus Mann e Stephen Spender sulle condizioni del paese (ibidem: 25-26; 29-31). Si leggono poi anche l’estratto di un articolo di György Lukács sul rapporto fra prussianesimo e nazismo visto attraverso la letteratura, apparso nella rivista sovietica «Letteratura internazionale» (ibidem: 27-29) e infine due pagine dedicate a Hölderlin, introdotte da una breve nota del direttore Vittorini. Del grande poeta svevo si legge l’inno Wie wenn am Feiertage, nella traduzione di Ruth Leiser e Franco Fortini, nonché un estratto dalle pagine dedicate da Heidegger al componimento (ibidem: 32-33). Sempre nello stesso fascicolo, ricordando il manifesto che aveva scritto nel settembre 1943, con l’appello ai soldati tedeschi a unirsi ai partigiani «nella lotta che abbiamo iniziato contro i tiranni comuni», Elio Vittorini scrive:

Che si infierisse sui Tedeschi come Tedeschi, dopo la guerra di Hitler, era vitale. La Vendetta è una forza attiva nella storia, e non può non avere tra noi la sua dimora. Ma deve chiamarsi col suo proprio nome. Mentre non spetta che alla Giustizia, figlia della fredda Ragione, di chiamarsi anche Indulgenza o Perdono. (Ibidem: 21)

8Del resto, qualche anno dopo, in un lungo articolo in cui ripercorre gli sviluppi della storia tedesca sulla scorta del libro di Alexander Abusch Irrweg einer Nation, pubblicato nell’esilio messicano nel 1945, anche Bianchi Bandinelli avrebbe parlato dell’identificazione del popolo tedesco con il nazismo come di un «errore», sì, ma «inevitabile», aggiungendo: «Ma procedere ancora sulla via di tale errore porterebbe a una sorta di razzismo» (Bianchi Bandinelli 1950: 4).

9In questa cornice, non è difficile intuire già quale spazio possa occupare nelle due riviste la Auseinanderstzung con la storia, la cultura e la letteratura tedesche. Per qual che riguarda Vittorini, è superfluo ricordare il suo prevalente interesse per la letteratura americana (non è un caso che nella rivista da lui diretta si pubblichi a puntate, a partire dal primo numero, il romanzo di Ernest Hemingway For whom the Bell Tolls, nella traduzione di Luciano Foà e Alberto Zevi, con il curioso titolo Per chi suonano le campane). Molto più organicamente legato alla cultura tedesca era invece il fondatore e primo direttore di «Società» Bianchi Bandinelli, che conosceva bene il tedesco – sua madre, originaria della Slesia, era peraltro di famiglia tedesca.

  • 2   Rispettivamente nei fascicoli 25: 3, e 31-32: 63-64. Va osservato tuttavia che, pur considerando (...)

10Sebbene personalmente Vittorini non sia propriamente di casa nella cultura e nella letteratura di lingua tedesca, la rivista conta collaboratori assidui che a quella cultura sono invece più attenti. Ricordo non soltanto i filosofi Remo Cantoni e Giulio Preti, ma in una certa misura anche Vito Pandolfi, cui si devono interventi su Bertolt Brecht e sul teatro di Erwin Piscator2. A Luigi Rognoni, ancora in bilico fra interessi cinematografici e musicologici (che poi prevarranno), si deve un acuto profilo del regista cinematografico Georg Wilhelm Pabst («Il Politecnico» 31-32 luglio–agosto 1946: 74-75). Pure da segnalare è un articolo sul Bauhaus dovuto al designer Giuseppe Trevisani, il quale tenta di mettere a fuoco ciò che considera ancora fruttuoso dell’esperienza di quel movimento («Il Politecnico» 23 3/3/1946: 3).

11Non è un caso che finora sia stato ricordato solo marginalmente il nome di Fortini, il quale negli anni del «Politecnico» è inizialmente interessato più alla poesia e alla cultura francesi: gli viene affidata infatti un’importante intervista a Sartre («Il Politecnico» 31-32 luglio-agosto 1946: 33–35) e si assume il compito di tradurre in diversi fascicoli testi di Eluard, Aragon, Frénaud, ma anche di Chrétien de Troyes. Solo verso la fine della parabola della rivista si manifestano i suoi interessi nei confronti della cultura tedesca, soprattutto quando il direttore decide di dedicare considerevole spazio a Franz Kafka in quello che sarebbe stato il terzultimo fascicolo prima della cessazione delle pubblicazioni («Il Politecnico» 37 ottobre 1947).

12Sulla collaborazione di germanisti in senso stretto, la rivista non può contare se non in un caso isolato: Alessandro Pellegrini, che negli anni successivi avrebbe insegnato Lingua e letteratura tedesca prima a Catania, quindi a Pavia, firma nello stesso fascicolo due articoli, uno intitolato Hegel, Kierkegaard, Marx, l’altro Gundolf, che costituisce una lunga segnalazione della monografia goethiana dello studioso, appena apparsa in traduzione italiana («Il Politecnico» 31-32 luglio-agosto 1946: 36-38; 87). Ancora il nome di un germanista compare fra i collaboratori del «Politecnico», ma non come studioso, bensì come autore di un racconto: Marianello Marianelli («Il Politecnico» 21 16/2/1946: 2).

  • 3   A questo proposito si segnala la collaborazione instancabile di Cesare Ottenga, storico contempor (...)

13Diversa la situazione di «Società», che si mostra fin dall’inizio particolarmente attenta alla tradizione filosofica, nonché alla storia e alla storiografia tedesche3. Sotto il profilo più specificamente letterario, a partire dal 1952 la rivista si avvale della collaborazione di Paolo Chiarini, cui nel corso degli anni si affiancheranno di volta in volta Cesare Cases, Giorgio Dolfini, Ferruccio Masini e Mazzino Montinari, nessuno dei quali tuttavia sarà altrettanto assiduamente presente nelle pagine della rivista. Nel caso di Cesare Cases ciò fu dovuto verosimilmente a una progressiva divaricazione delle sue posizioni ideologiche da quelle dominanti in redazione e fra i collaboratori. Dolfini e Montinari firmarono da parte loro soltanto alcune recensioni, o meglio schede per lo più informative, mentre nel caso di Masini la sua collaborazione ebbe semplicemente inizio nell’ultimo periodo di vita della rivista; il giovane studioso fece comunque in tempo a firmare un ampio e acuto saggio su Gottfried Benn nel secondo numero del 1961, alla vigilia della cessazione delle pubblicazioni, importante perché segna un’apertura della rivista a un autore non riconducibile a quella cultura che si usava definire democratica e che sembrava costituire il confine invalicabile per la rivista (Masini 1961). La presenza di Chiarini si caratterizza tra l’altro per il gran numero di schede di segnalazioni librarie (anche due o tre per fascicolo); se non possono certo ambire a essere contributi scientifici, esse rivelano però per un verso un’attitudine spiccata alla mediazione culturale, per altro verso presuppongono nel pubblico dei lettori un interesse e un’attenzione alle dinamiche della vita culturale in area germanofona impensabili solo alcuni anni prima. Quanto ai veri e propri contributi, Chiarini dispiega quasi l’intero arco dei propri interessi scientifici negli anni Cinquanta: da Brecht a Thomas Mann, da Lessing a Heine, all’Espressionismo. La sua collaborazione si apre con un saggio inteso come Auseinandersetzung con la parabola dello scrittore e dell’intellettuale Thomas Mann (Chiarini 1952), delle cui pubblicazioni rende via via puntualmente conto (Chiarini 1955), tracciando poi un primo bilancio della ricerca a qualche mese dalla sua scomparsa (Chiarini 1956a), mentre una puntuale nota mostra il giovane studioso romano nelle vesti di attento filologico e appassionato polemista (Chiarini 1953). Nei contributi su Brecht, dell’autore di Augsburg affronta esclusivamente l’aspetto di drammaturgo (Chiarini 1956b; 1961).

14Si deve verosimilmente al lavoro con cui Chiarini aveva contribuito alla conoscenza di Mann se il terzo fascicolo della rivista dell’anno 1955 si apre con il saggio dell’autore di Lubecca su Anton Cechov (Mann 1955). Analoga spiegazione è forse all’origine della pubblicazione di un saggio di Lukács su Heine e la preparazione ideologica della Rivoluzione del ‘48, tradotto dallo stesso Chiarini, con cui si apre il secondo fascicolo del 1956 (Lukács 1956).

15Diverso il carattere della collaborazione di Cesare Cases alla rivista. I suoi non numerosi contributi appaiono tutti nell’arco di tempo che va dal 1954 al 1956 – data, direi, sintomatica per intuire le ragioni della cessazione della collaborazione. E, come spesso accadeva per Cases, che anche in questo mostra le proprie ascendenze illuministiche, essi si presentano formalmente come note o recensioni; senonché dalla discussione di un preciso volume l’orizzonte si amplia, in almeno due casi, a considerazioni che travalicano l’orizzonte che il lettore si attenderebbe, sicché quella che sarebbe dovuta essere una recensione acquista il carattere di contributo autonomo (Cases 1954; 1956). Non è tuttavia questo il caso dell’unico saggio pubblicato, nel 1955, da Cases nella rivista (Cases 1955).

16Si deve infine sottolineare il sostanziale silenzio nelle due riviste sulla più recente letteratura tedesca. Solo in qualche scheda firmata da Chiarini per «Società» ci si imbatte nei nomi di Hermann Kasack, Wilhelm Lehmann o Stephan Hermlin, autori che peraltro non si potevano certo ascrivere alle ultime leve della letteratura di lingua tedesca.

17Si affronteranno ora due nodi problematici che hanno segnato la vita delle due riviste. Il primo è costituito dal già ricordato numero 37 del «Politecnico» che dedica 12 delle 32 pagine complessive a Kafka; per «Società» si prenderanno invece le mosse da un saggio di Giuseppe Berti pubblicato all’indomani della fine della guerra (Berti 1946).

  • 4   Antonio Ghirelli firma un profilo biografico di Franz Kafka (8-9), Carlo Bo un articolo che oggi (...)
  • 5   Vittorini gli rispose in toni molto concilianti e senza dare eccessivo risalto alla propria repli (...)

18Si incomincerà dal numero su Kafka del «Politecnico», annunciato nella copertina con il titolo «5 inediti di Kafka. Con articoli di Bo, Fortini, Ghirelli» («Il Politecnico» 37 ottobre 1947: 1)4. Superfluo sottolineare che con Kafka si affrontava il caso dello scrittore che, per eccellenza, rappresentava quella categoria di autori di avanguardia o decadenti che erano stati, sì, al centro delle riserve espresse da Mario Alicata («Rinascita», 1946, 3.5-6: 116)5 e poi da Palmiro Togliatti nella Lettera a Vittorini («Rinascita», 1946, 3.10: 284-287), ma soprattutto della risposta di Vittorini stesso alla lettera aperta del segretario generale del PCI (Vittorini 1947). I brani di Kafka presentati sono, nell’ordine: un estratto della Lettera al padre («Il Politecnico» 37 ottobre 1947: 8-9), tre frammenti postumi (L’invitato dei morti, Lampade nuove e Nella nostra sinagoga, ibidem: 12–13; 16–17; 17–19), oltre a una pagina di diario del 19 gennaio 1915, presentata con il titolo La spada (ibidem: 17). Per quanto il nome del traduttore non sia indicato, si può ragionevolmente supporre che si tratti di Franco Fortini: in una lettera dei primi di giugno del 1947 Vittorini lo invita infatti a completare la traduzione della Lettera al padre (Vittorini 1977: 122). In apertura si legge un’importante avvertenza, non firmata e dunque presumibilmente dovuta al direttore Vittorini:

Si sarebbe voluto, con gli articoli che qui pubblichiamo su Kafka, definire il significato che questo scrittore, indubbiamente fra i più grandi del nostro secolo, ha o può avere per noi che leggiamo e scriviamo credendo in una trasformazione del mondo. Si sarebbe anche voluto distinguere nella questione quello che può esservi di valido come documento da quello che vi è di valido come poesia insostituibile, e mettere in guardia contro ogni possibilità di mistificazione della coscienza che Kafka contiene. Dobbiamo ammettere che non ci siamo riusciti. Ma così complesso è il tema trattato, così difficile da raggiungere il nostro intento, che questi articoli dovevano essere quali sono. Vorrà dire che ripartiremo da essi per completare la nostra indagine, la quale sarebbe la prima d’un nostro tentativo di analizzare, dal punto di vista di un interesse anche politico, anche morale, cioè civile e non soltanto letterario, letteratura ed arti del nostro tempo. («Il Politecnico» 37 ottobre 1947: 9)

19Si coglie, in queste parole, l’insoddisfazione soprattutto per l’articolo che Fortini aveva scritto e su cui, nelle intenzioni, doveva fondarsi il fascicolo (Vittorini 1977: 122). Di tale insoddisfazione testimonia peraltro Fortini stesso nel suo Diario di un giovane borghese intellettuale pubblicato nell’ultimo numero della rivista («Il Politecnico» 39 dicembre 1947: 9–10): Vittorini, scrive, aveva trovato «astruso e inutile» (ibidem: 9) l’articolo, evidentemente perché non soddisfaceva quell’intento dichiarato di «analizzare dal punto di vista […] civile» l’opera dello scrittore praghese. Fortini aveva posto invece al centro del suo articolo un’altra domanda: «Ma perché K. ha scritto racconti, poemetti in prosa e romanzi?» – domanda, a suo modo di vedere, ineludibile, tanto «di fronte all’assenza in K. di formulazioni teoriche», quanto in considerazione della poca cura che la critica si era data «di vedere in lui uno “scrittore” o un “artista”, cioè un uomo che esprime altro da quello che sembra dire» («Il Politecnico» 37 ottobre 1947: 16). La sua risposta, a questa domanda che Vittorini deve aver trovato astrusa, si inscrive tutta nella comune origine ebraica di Fortini stesso e Kafka:

Ecco dunque K. accettare quello che i suoi personaggi accettano sempre troppo tardi o mai: che cioè ogni uomo o cosa o atto è segno di altro, rivelazione di altro, messaggero dell’Imperatore o funzionario del tribunale, che solo un bottone distingue da un uomo qualsiasi, [sicché] la scrittura gli si fa operazione poetica nel senso antico della parola, cioè cerimoniale e magia. K. incanta i propri demoni e dèi, nominandoli; ma nominandoli con i loro nomi profani, non con quelli veri e segreti. Che, se lo facesse, lo distruggerebbe. («Chi vede iddio muore», dice il proverbio). Fra l’orgoglio razionale e la stoltezza delle favole, sceglie quest’ultima, che gli permette, finché dura, almeno, l’incanto, di sfuggire alla distruzione. La sua scrittura è una operazione di culto che lo mantiene in vita. (Ibidem: 17)

20Si tratta, com’è evidente, di una lettura di Kafka che non risponde alla questione dell’interesse civile della sua scrittura. Del resto, Fortini era fermamente convinto di non essere andato fuori tema. Su Kafka torna nel già ricordato Diario di un giovane borghese intellettuale, per chiedersi, riferendosi certo alle parole di Vittorini nell’avvertenza: «C’è insomma nella sua opera una polpa da ritenere ed una buccia da buttare via; ha semplicemente rivelato una certa verità, che noi traduciamo in termini politico-sociali? Per me ciò equivale a buttar via Kafka» («Il Politecnico» 39 dicembre 1947: 10). A Vittorini va riconosciuta l’onestà di aver dato alle stampe questa replica di Fortini che metteva a nudo la limitatezza dell’immagine di Kafka che avrebbe voluto proporre.

 

21Veniamo alla questione che riguarda «Società».

22Nel fascicolo 7–8, pubblicato nel 1946, si legge un articolo a firma di Giuseppe Berti, intitolato Appunti sull’epoca romantica (Berti 1946); nel complesso esso non si raccomanda per la correttezza delle valutazioni storico-culturali da parte dell’autore, che in particolare vi affronta varie questioni, alcune delle quali sono di non poco conto per la costruzione di un’immagine della Germania: le condizioni della società tedesca nel Settecento, il ruolo subalterno degli intellettuali in una società retriva, la deutsche Misere, la confusione fra radicalizzazione dell’Illuminismo e problematiche anticipazioni del Romanticismo, soprattutto l’onnipresenza di correnti irrazionalistiche nella cultura tedesca.

23Berti prende le mosse dai presunti effetti che produsse la ricezione di Rousseau nella cultura germanica – «diede spinta e forma al movimento iniziale dello Sturm und Drang» (ibidem: 578). Effetti diversi, secondo Berti, da quelli che essa produsse in Italia e nella stessa Francia, i quali si estesero «ai problemi politici e sociali» (ibidem: 579). Ora, Berti vede nell’arretratezza della società tedesca, nella seconda metà del Settecento, la condizione perché lo Sturm und Drang appaia e sia, in realtà, una ribellione. In effetti, però, egli vede il movimento soprattutto come «una reazione contro l’Illuminismo e la Rivoluzione Francese» (ibidem: 584): che esso sia «una reazione contro l’Illuminismo» è solo un errore di valutazione storico-letteraria, che sia una reazione alla Rivoluzione Francese è un madornale anacronismo.

24Non occorre sottolineare come si tratti, sotto diversi punti di vista, da quello storico-letterario a quello temporale, di una ricostruzione che, se oggi fa sorridere, nel 1946 poteva ancora godere di credito. Veniamo a un’altra questione affrontata da Berti. Che ruolo ebbero gli intellettuali all’interno di uno sviluppo della cultura che non vede svolte, crisi, ripensamenti, bensì un procedere rettilineo dallo Sturm und Drang al Romanticismo? Berti ricorda, in blocco, «uomini come Lessing e Herder, come Kant e Hegel, come Goethe e Schiller» per dire che, al contrario di ciò che accadeva in Francia, Olanda e Inghilterra, essi non misero in moto un processo di trasformazione che fosse, oltre che culturale, anche sociale (ibidem: 586). Essi non avrebbero lottato contro quella società retriva che avevano sotto gli occhi per costruire una Germania progredita, preferendo rifugiarsi «nei cieli dell’arte pura, della ragion pura, dell’assoluto» (ibidem). Il perfezionamento della lingua, il raffinamento della letteratura, non accompagnandosi a una trasformazione dei rapporti sociali, avrebbe di conseguenza determinato «una rottura tra la vita e la filosofia, fra la meccanica elevatissima del pensiero […] e la realtà di ogni giorno della gretta e reazionaria vita tedesca» (ibidem). Ne consegue il verdetto che «l’antiilluminismo, l’antigiacobinismo, l’antimaterialismo propugnati dal romanticismo tedesco nascose sempre, sotto le belle forme, un contenuto piuttosto sospetto» (ibidem).

25La ricostruzione di Berti non meriterebbe, date la sua approssimazione, di essere ricordata, se non fosse che essa riflette un’immagine alquanto diffusa dello sviluppo della cultura tedesca, della tradizione che sarebbe alle spalle degli intellettuali tedeschi. Pur se Berti non lo dice esplicitamente, le sue parole suggeriscono che il nazionalsocialismo affondi le sue radici in quel che di retrivo e di reazionario ha la società tedesca, in quel che di «piuttosto sospetto» ha il Romanticismo per primo.

  • 6   Sulla controversa figura di Berti si veda, fra l’altro, Isola 1982.
  • 7   Introduce la traduzione una nota non firmata, verosimilmente stesa dal traduttore stesso, nella q (...)
  • 8   Paolo Chiarini ricorderà in un suo saggio lessinghiano nel 1957 il giudizio di Herder, per il qua (...)

26Per quanto le fortune politiche di Berti fossero in fase decisamente calante rispetto ai tempi in cui aveva ricoperto un ruolo centrale nel PCd’I in esilio, si trattava pur sempre di uno dei redattori di «Società»6: una confutazione esplicita delle sue azzardate analisi, fondata su di una conoscenza meno epidermica dei processi sociali e culturali della Germania del Settecento, avrebbe provocato senza dubbio qualche imbarazzo, sicché l’eventuale replica avrebbe dovuto essere condotta in forma implicita. E appunto questo avvenne. A prendersene cura fu l’allora giovane studioso di letteratura russa Pietro Zveteremich (che, traducendo testi dal russo, pur senza mai firmare articoli, aveva collaborato anche al «Politecnico»): nel 1948 viene pubblicata la sua traduzione di un saggio di Nikolaj Černyševskij dal titolo Lessing nella storia del popolo tedesco (Černyševskij1948)7. Il nome dell’autore era, sul piano ideologico, inattaccabile, avendolo Lenin annoverato fra gli autori prediletti, al punto da prendere in prestito il titolo di un suo celeberrimo lavoro dall’unico romanzo dello stesso Černyševskij, Che fare. Ebbene, il saggio si legge a tratti come una puntuale replica alle parole di Berti: se lì si sosteneva che gli scrittori da lui ricordati non avevano lottato «per cancellare i residui del retrivo passato feudale tedesco» (Berti 1946: 580), qui si legge che «in cinquant’anni la letteratura fece per il bene stabile del popolo tedesco più di quanto abbiano fatto tutte le altre forze sociali per qualsiasi popolo in cento, duecento anni» (Černyševskij1948: 402). Per questo ruolo della letteratura, il critico russo riconosce a Goethe e Schiller «nella storia dell’umanità […] un posto assai più significativo» di quello di un Dante o di un Milton, che pure considera superiori «per il loro genio poetico» (ibidem: 403). Quanto all’azione di Lessing in particolare sulla vita sociale della Germania del suo tempo, passa in rassegna le condizioni nelle quali si trovò a operare e con le quali fu costretto a confrontarsi (subalternità dei letterati tedeschi alla letteratura francese e a quella inglese, mancanza di unità della letteratura nazionale e conseguente rilevanza solo locale degli intellettuali, mancanza di unità morale del popolo, apatia, vuoto), combattendo instancabilmente contro pedanteria, timidezza, servilismo e pregiudizi di ogni genere, insegnando ai suoi connazionali un pensiero che obbedisse a una logica rigorosa, mostrando il coraggio di chi non indietreggia di fronte alle conseguenze ultime del proprio stesso pensiero8. Quanto agli influssi culturali stranieri sulla cultura tedesca della seconda metà del Settecento, se Berti aveva sottolineato la centralità del pensiero rousseauiano, e anzi fatto riferimento esclusivamente ad essa, Černyševskij sottolinea la rilevanza della ricezione di Diderot da parte di Lessing, che in questo modo ne diffonde la conoscenza nella cultura tedesca tutta. Soprattutto riconosce al più importante scrittore illuminista la paternità di una svolta nel pensiero teologico e filosofico, che perde con lui la subalternità al Protestantesimo, come grazie alla Riforma aveva perduto la subalternità al Cattolicesimo, mentre al tempo stesso consolida la mancanza di ostilità al Cristianesimo (ibidem: 427). Sono questi due elementi che, a parere di Černyševskij, mostrano la rilevanza di Lessing nello sviluppo della tradizione filosofica tedesca. Ultimo e più alto effetto dell’azione dell’autore di Nathan der Weise è, per lui, la diffusione di uno spirito di tolleranza che porta a un indebolimento dell’ostilità fra confessioni (ibidem: 428). Alla domanda, che a questo punto aleggerebbe nell’aria, sulle ragioni per cui non abbia scritto opere politiche ed economico-giuridiche, Černyševskij dà una risposta analoga a quella che lo stesso Lessing dà, nella Erziehung des Menschengeschlechts, per spiegare le dinamiche della Rivelazione: l’immaturità dei tempi e dei potenziali destinatari del discorso: «Lessing parlava di ciò che era più accessibile alla comprensione e agli interessi del suo pubblico nella sua epoca» (ibidem: 429). Il profilo che di Lessing tratteggia, ne fa la più rilevante figura di intellettuale (se non di scrittore) nella storia della cultura tedesca e, quel che più conta, un intellettuale capace di lasciare profonda e duratura traccia della sua opera nella vita civile del mondo di lingua tedesca.

27La necessaria revisione dell’immagine della cultura tedesca finisce da questo momento in poi, se non per attraversare come un vero e proprio filo rosso l’intera vicenda della rivista, quanto meno per caratterizzare i momenti salienti del confronto con gli sviluppi del vicino europeo.

28Quando, nel 1954, Cases recensisce il libro di Roy Pascal sullo Sturm und Drang (uscito l’anno prima e poi pubblicato in traduzione italiana da Feltrinelli nel 1957), anche in questo caso va ben al di là dei compiti di un recensore (pur adempiendoli, è appena il caso di ribadirlo, esemplarmente). Esordisce con un chiarimento che oggi apparirebbe forse superfluo, ma che era in quegli anni indispensabile: il radicamento degli Stürmer all’interno dell’Illuminismo, considerato che «si giovano del soccorso di altri illuministi, giocando Diderot o Ferguson contro Voltaire e Hume, o il nostro Galiani (tradotto da Hamann) contro Quesnay» (Cases 1954: 493); contestualmente il recensore denuncia la problematicità della categoria storico-letteraria di Preromanticismo sotto cui vengono sussunte le estreme propaggini dell’Illuminismo, con l’effetto di collegare indebitamente correnti e fenomeni culturali e letterari non soltanto molto lontani, ma soprattutto indipendenti l’uno dall’altro, per giunta separati da quello spartiacque che furono la Rivoluzione Francese, prima, e poi le guerre napoleoniche. Gli Stürmer, sottolinea, «costituiscono un filone particole del grande movimento di emancipazione ideologica della borghesia e con il moderno irrazionalismo nulla hanno a che fare» (ibidem).

29Nel 1957 Giuseppe Petronio torna ad affrontare il passaggio dall’Illuminismo al Romanticismo (Petronio 1957), che come si è visto implica la grande questione dell’insorgere dell’irrazionalismo, considerato spesso come la lontana origine del nazionalsocialismo. Quella che definisce «la leggenda dell’illuminismo», vale a dire un Illuminismo che non vede null’altro che intelletto, è una costruzione dei romantici (ibidem: 1007). Se però in altri paesi la messa a fuoco di questo dato di fatto ha condotto a rettificare l’immagine dell’Illuminismo,

la critica letteraria italiana, invece, ha preferito la strada opposta […]: viene sceverando nella ricca letteratura e cultura del secondo Settecento quanto non rientri nel quadro di un «arido» razionalismo […]; sceverare, dunque, tutto ciò e considerarlo non una componente, un aspetto o un modo dell’illuminismo, ma un’anticipazione del romanticismo, preromanticismo o protoromanticismo che dir si voglia. (Ibidem)

30E, risalendo infine a Lessing, affronta il nodo del ruolo della scoperta della natura, negando la centralità della figura di Rousseau: «La verità è che in Lessing, come in Diderot, come in tutti gli illuministi, l’apertura preromantica alla natura, alla sensibilità, al genio, e così via dicendo, non nasce mai da sfiducia nella ragione, ma si accompagna anzi e si fonda con una fede ferma nelle forze razionali dell’uomo e nella sua capacità illuministica» (ibidem: 1014).

31E sono proprio questi, il confronto con la letteratura della Moderne e l’insorgere dell’irrazionalismo, i temi su cui la sinistra italiana e in modo particolare quella di orientamento marxista ha dovuto riflettere e trovare una risposta nella sua Auseinandersetzung con la cultura e la letteratura tedesca degli ultimi tre secoli.

Bibliographie

Abusch A., 1946, Der Irrweg einer Nation. Ein Beitrag zum Verständnis deutscher Geschichte, Berlin, Aufbau.

Alicata M., 1946, La corrente “Politecnico”, «Rinascita» 3.5-6: 116.

Asor Rosa A., 1975, La cultura, in Storia d’Italia. Dall’Unità a oggi, vol. IV.2, Torino, Einaudi.

Berti G., 1946, Appunti sull’epoca romantica, «Società» 2.7-8: 578-590.

Bianchi Bandinelli R., 1950, Autocritica della Germania, «Società» 6.1: 3-39.

Cases C., 1954, [recensione a Roy Pascal, The German Sturm und Drang], «Società» 10.3: 493-498.

Cases C., 1955, I limiti della critica stilistica e i problemi della critica letteraria, «Società» 11.1: 46-63; 9.2: 266-291; poi 1963, Saggi e note di letteratura tedesca, Torino, Einaudi: 267-314.

Cases C., 1956, [recensione a Heinz Stolpe, Die Auffassung des jungen Herder vom Mittelalter. Ein Beitrag zur Geschichte der Aufklärung], «Società» 12.4: 738-744.

Černyševskij N., 1948, Lessing nella storia del popolo tedesco, «Società» 4.3: 398-430.

Chiarini P., 1952, Cultura e poesia nell’opera di Thomas Mann, «Società» 8.4: 642-665.

Chiarini P., 1953, Le varianti di uno scritto di Thomas Mann su “L’artista e la società”, «Società» 9.1-2: 269-272.

Chiarini P., 1955, Manierismo dell’ultimo Mann, «Società» 11.2: 379-382.

Chiarini P., 1956a, Recenti studi su Thomas Mann, «Società» 12.2: 326-336.

Chiarini P., 1956b, La parabola di Bertolt Brecht, «Società» 12.6: 1059-1093.

Chiarini P., 1957, Storia, cultura e vita nel pensiero di Lessing, «Società» 13.2: 261-309.

Chiarini P., 1961, Recenti studi brechtiani, «Società» 17.5: 778-823.

Fortini F., 1947, Capoversi su Kafka, «Il Politecnico» 37 ottobre 1947: 14–19.

Fortini F., 1957, Che cosa è stato “Il Politecnico”, in Dieci inverni (1947-1957). Contributi ad un discorso socialista, Milano, Feltrinelli: 54-55.

Isola G., 1982, Giuseppe Berti fra memoria e storia, «Annali della Fondazione Giangiacomo Feltrinelli» 22: 375-414.

Lukács G., 1956, Heine e la preparazione ideologica della rivoluzione del Quarantotto, «Società» 12.2: 225-245.

Mangoni L., 1981, “Società”: storia e storiografia nel secondo dopoguerra, «Italia contemporanea» 145: 39–58.

Mann Th., 1955, Saggio su Cechov, «Società» 11.3: 393-414.

Masini F., 1961, Gottfried Benn o del suicidio lirico, «Società» 17:2: 200-217.

Modica E., Biografia [di Pietro Zveteremich], http://cab.unime.it/zveteremich/cennibiografici

Petronio G., 1957, Illuminismo, Preromanticismo, Romanticismo e Lessing, «Società» 13.5: 1002–1020.

Togliatti P., 1946, Lettera a Vittorini, «Rinascita» 3.10: 284-287.

Vittorini E., 1947, Politica e cultura. Lettera a Togliatti, «Il Politecnico» 35 gennaio-marzo: 2-5; 105-106.

—, 1977, Gli anni del “Politecnico”. Lettere 1945-1951, a cura di C. Minoia, Torino, Einaudi.

Notes

1   Si veda la scheda bibliografica, acclusa al Reprint della rivista, 1989, Torino, Einaudi.

2   Rispettivamente nei fascicoli 25: 3, e 31-32: 63-64. Va osservato tuttavia che, pur considerando lo stato della ricerca al momento della pubblicazione, gli articoli di Pandolfi non si raccomandano per precisione e correttezza di informazione.

3   A questo proposito si segnala la collaborazione instancabile di Cesare Ottenga, storico contemporaneo che appare solitamente molto ben informato e del quale sembrano essersi smarrite le tracce: non se n’è ritrovata alcuna notizia biografica, sicché si potrebbe pensare anche che si tratti di uno pseudonimo. Su «Società», si veda Mangoni 1981.

4   Antonio Ghirelli firma un profilo biografico di Franz Kafka (8-9), Carlo Bo un articolo che oggi appare irrimediabilmente superato, ma forse anche all’epoca non doveva presentarsi come particolarmente significativo (10-15). Per l’articolo di Fortini, Capoversi su Kafka (14-19), si veda infra.

5   Vittorini gli rispose in toni molto concilianti e senza dare eccessivo risalto alla propria replica: «Il Politecnico» 31-32 luglio-agosto 1946: 2.

6   Sulla controversa figura di Berti si veda, fra l’altro, Isola 1982.

7   Introduce la traduzione una nota non firmata, verosimilmente stesa dal traduttore stesso, nella quale si traccia un sommario profilo intellettuale della figura dell’autore e lo si inquadra nella cultura russa del XIX secolo.

8   Paolo Chiarini ricorderà in un suo saggio lessinghiano nel 1957 il giudizio di Herder, per il quale Lessing «ci conduce nell’officina del suo spirito e ci insegna a pensare» (Chiarini 1957: 272).

Auteur

Ha insegnato Lingua e Letteratura tedesca (poi Letteratura tedesca) nelle Università di Trento, Macerata e Bari. Dal 2002 al 2004 ha presieduto l’Associazione Italiana di Germanistica

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search