Version classiqueVersion mobile

La densità meravigliosa del sapere

 | 
Maurizio Pirro

La prima «rinascita» tedesca (giugno 1944 – aprile 1962)1

Anna Antonello

Texte intégral

Il mensile «rinascita»

  • 1  Questo lavoro rientra nel progetto Storia e mappe digitali della letteratura tedesca nel Novecento(...)

1«Rinascita. Rassegna di politica e di cultura italiana» viene fondata a Napoli da Palmiro Togliatti nel 1944. Al fine di inquadrare la rivista tra la stampa periodica coeva, può risultare interessante ripercorrere un articolo apparso sul numero di gennaio del 1950, intitolato Le riviste di cultura. L’autore è lo storico romano Paolo Alatri, deputato del PCI dal 1963 al 1968, che interviene occasionalmente tra le pagine di «Rinascita» su temi letterari e di politica estera.

[…] ogni periodo si può dire abbia avuto le sue grandi riviste, espressione dell’attività culturale di quella classe e di quel gruppo che in quel periodo deteneva l’egemonia nel campo della cultura o svolgeva un compito di avanguardia. […] Tale è dunque l’importanza della rivista di cultura; e un quadro panoramico della situazione esistente oggi in Italia in questo campo può fornire un’idea non troppo imprecisa di quella che è la situazione generale nello schieramento delle forze, che necessariamente sono sempre al tempo stesso forze politiche, sociali e culturali. (Alatri 1950: 32-33)

2Questo presupposto teorico permette ad Alatri di formulare due ipotesi: 1) la crisi delle grandi riviste della borghesia (da «La Critica» di Benedetto Croce alla «Nuova Antologia») implicherebbe che «non esiste più, oggi, una borghesia conservatrice ma illuminata che affianchi alla sua opera di regime politico un’opera di egemonia culturale», per cui di fatto «la borghesia ha perso la sua funzione di guida ideologica e culturale» (Alatri 1950: 33, 36); 2) riviste come «Rinascita», «Vie Nuove», «Il Calendario del Popolo» e «Società» mostrerebbero come «i marxisti siano ormai maturi per essere vera classe dirigente» e come «la causa della rivoluzione proletaria [...] si sta già conquistando la sua egemonia ideologica e culturale, e a questa non potrà mancar di seguire la realizzazione dell’egemonia politica» (36).

  • 2   «La Critica» appare dal 1903 al 1944. L’ultimo fascicolo esce il 20 marzo, quindi poco più di due (...)

3Il dato di fatto sul quale si basa la riflessione di Alatri, che allude alla cessata pubblicazione della «Critica» di Croce2 proprio nell’anno di avvio di «Rinascita» (un fatto che incoraggia senza dubbio l’auto-investitura da parte del PCI) senza evocarla, è l’oggettivo dispiegamento di forze del Partito Comunista Italiano, destinato allo sviluppo – sulla scia degli insegnamenti di Gramsci e di Gobetti – di una strategia basata su una doppia legittimazione: non solo politica, ma anche e soprattutto culturale. A questo proposito era necessario «costruire percorsi di lettura procedendo secondo una linea di sviluppo progressivo», capaci di condurre «per esempio, il lettore domenicale de “l’Unità” a diventare lettore abituale di riviste e di libri» (Betti 1989: 67).

  • 3   Il primo numero si intitola «La Rinascita» ed esce a Napoli nel giugno del 1944. Si è scelto in q (...)
  • 4   I dati in proposito non sono del tutto concordi. Altre fonti riportano che già dal primo numero d (...)

4Il periodo di vita della rivista preso in considerazione è quello da giugno 1944 ad aprile 1962, quando «Rinascita» esce a cadenza mensile3 e – grazie anche al ruolo di direttore rivestito da Togliatti – ha una sua precisa fisionomia che rimane stabile negli anni e raccoglie consensi tra i lettori, «un pubblico di intellettuali e di quadri» (Ferretti 1986: 10). Secondo ciò che scrive Alatri, da una diffusione di 6000 copie nel 1944 passa a 54000 cinque anni dopo (Alatri 1950: 36)4.

  • 5   Nello Ajello sottolinea l’«assidua presenza redazionale di Togliatti» e le «direttive chiare, sin (...)
  • 6   «Le ‘armi della critica’ e la ‘critica delle armi’ dovevano insomma bilanciarsi: se avesse preval (...)
  • 7   Si veda la netta presa di posizione di Vittorini nel 1948, riportata da Albertina Vittoria: «Quan (...)

5Nella redazione si entra per chiamata diretta da parte del direttore, che si occupa personalmente della selezione degli articoli5, attento a non farne una semplice copia dal segno inverso della «Critica» crociana6. I temi più indagati – sulla scia degli insegnamenti di Gramsci – sono legati, oltre che alla politica nazionale e al programma del partito comunista in Italia e nel mondo, al ruolo dell’intellettuale impegnato nella società civile del dopoguerra. L’intento di diffondere un nuovo modello culturale di stampo realista, ma in particolare quello di dimostrare e sottolineare la complementarità tra il marxismo e le scienze umane, richiede una certa attenzione anche verso la letteratura, per quanto siano frequenti gli scontri, all’interno del partito e tra i suoi simpatizzanti, sulla legittimità della letteratura in generale come strumento di lotta7.

6Mentre l’indirizzo delle riviste «Società» (1945-1961) e «Il Contemporaneo» (1954-1964; poi supplemento mensile di «Rinascita»), dettato dalla linea di partito in continuo sviluppo, è mutevole e spesso sottoposto a revisioni, «Rinascita» in quanto espressione diretta dell’agenda del segretario resiste con poche variazioni fino al 1962; poi viene meno il suo ruolo di «guida ideologica» (Togliatti 1944: 1) che impone «di dare la linea e far conoscere la propria interpretazione» (Vittoria 2014: 303). La trasformazione in settimanale sancisce la nuova funzione puramente informativa (304).

Oltre l’Italia, verso la Germania

  • 8   Ancora nel 1961 si ricorda l’aggressione all’Unione Sovietica da parte della Germania di Hitler d (...)
  • 9   Nel 1953 il tedesco è e rimane colui che «vestiva la divisa della Wehrmach[t]» (Carbone 1953: 319 (...)
  • 10   Si veda il contributo di Segre del 1952 che parla di una «“riabilitazione”» del nazismo nel campo (...)
  • 11   Cfr. il ruolo di «Società» (1945-1961) e di «Il Contemporaneo» (1954-1964; poi supplemento mensil (...)

7A differenza e forse proprio come reazione alla posizione dominante della Germania e di autori e pensatori tedeschi nel sistema crociano, l’interesse di «Rinascita» per il vicino teutonico appare ben più flebile e circoscritto. Lo schema della maggior parte degli articoli dedicati alla Germania nei primi anni di vita della rivista è semplice: il mondo tedesco continua ad essere identificato con il nemico nazista mentre il ruolo svolto dall’Unione Sovietica guidata da Stalin (dalla sconfitta delle truppe hitleriane da parte dell’Armata rossa in patria alla liberazione di Berlino) è dipinto in toni encomiastici8. Persiste un chiaro tono di diffidenza verso la popolazione tedesca «ancora imbevuta dei principi nazisti» (Anonimo 1946: 28)9. Con la nascita della Repubblica democratica tedesca nell’ottobre del 1949 viene invece investito dell’eredità hitleriana chi sceglie di aderire alla Repubblica federale tedesca10; contemporaneamente aumenta l’interesse per la Germania orientale. La vicinanza ideologica, percepita come il risultato di «un processo di rieducazione che li [i tedeschi, n.d.a.] ha resi consapevoli degli errori del passato e della necessità di un mutamento radicale» (Cases 1954: 5), aiuta a porre delle basi per una reciproca comprensione libera dai pesanti fardelli del passato e dai pericoli di un ostentato «teutonismo» (Sisto 2009: 106). Anche se negli anni cresce l’insofferenza di molti intellettuali italiani verso il governo di Ulbricht, non viene meno l’ammirazione per alcuni autori simbolo della DDR, come Brecht che «aveva esercitato un vasto influsso sui giovani scrittori, incoraggiandoli, insieme a Hans Mayer, a un impegno letterario che evitasse gli equivoci del realismo socialista» (111). Ciò non basta tuttavia perché alla letteratura di lingua tedesca venga riconosciuto un ruolo di primo piano in «Rinascita». Non ci sono, nel periodo analizzato, dei veri addetti alle cose tedesche come in «Società» o «Il Contemporaneo» (Paolo Chiarini in entrambe, Cesare Cases soprattutto nella seconda)11. Le scelte qui di seguito ricostruite mostrano però la volontà e la necessità di attingere anche a fonti provenienti dal mondo germanico per affermare, attraverso l’appropriazione di determinati autori (in particolare J. Roth, Goethe, Th. Mann, Brecht e Seghers), il primato di un’etica e poetica comunista basata sul realismo. D’altronde al Convegno della critica letteraria comunista del 30 marzo 1960, Carlo Salinari (responsabile della Commissione culturale del partito dal 1951 al 1954) sottolineava che la «battaglia ideale per il realismo o contro il realismo non avviene nell’ambito della letteratura italiana, ma si svolge nell’ambito della letteratura straniera» (Consiglio 2006: 125).

Joseph Roth: uno sciopero nella Marcia di Radetzky

  • 12Sciopero si intitola anche una poesia di Renzo Nanni pubblicata su «Rinascita» l’anno precedente (...)

8La necessità di scegliere degli autori e delle opere adatti ad esemplificare un ribaltamento radicale delle prospettive, di intaccare il primato borghese e di esprimere una maggiore attenzione per una letteratura nazional-popolare, è già più che evidente nell’unico testo narrativo di uno scrittore di lingua tedesca accolto su «Rinascita» nell’arco di tempo preso in considerazione. Si tratta di un brano tratto dal romanzo Radetzkymarsch dell’austriaco Joseph Roth, edito dalla casa editrice Kiepenheuer nel 1932, che porta il titolo – scelto dalla traduttrice – Il primo sciopero12.

9La versione di Emma Lombardo Radice è introdotta da una breve prefazione:

Pubblichiamo la traduzione di un episodio del romanzo di Joseph Roth: Radetzkymarsch, esprimendo l’augurio che l’intero romanzo sia presto conosciuto in Italia. Radetzkymarsch per la sua evidenza, esattezza e vivacità storica e artistica ci ricorda Guerra e Pace. Il romanzo di Roth va dalla battaglia di Solferino alla morte di Francesco Giuseppe, alla prima guerra mondiale, seguendo attraverso tre generazioni lo sfacelo della monarchia austro-ungarica, con una eccezionale penetrazione nella psicologia di tutte le classi sociali. L’episodio che ora riportiamo è la descrizione di uno dei primi scioperi in una regione arretrata, descrizione fatta dal giovane ufficiale comandato con il suo reparto contro gli scioperanti. (Anonimo 1948: 449)

  • 13   Il romanzo ruota intorno all’assassinio di un giovane spartachista ed è ambientato in Germania tr (...)

10Il riferimento a Guerra e pace non a caso rinvia a quello che la critica letteraria sovietica aveva individuato come uno dei maestri del realismo socialista. Il paragone tra Roth e Tolstoj, a dir poco forzato, è più che coerente con l’idea di trovare nuovi nomi e opere da inserire nel canone ristretto della letteratura socialista transnazionale promosso da «Rinascita» insieme agli altri periodici marxisti. La stessa strategia viene applicata pochi anni dopo dal critico Michele Rago, nota firma dell’«Unità», quando crea un nesso tra il romanzo I morti non invecchiano di Anna Seghers e il capolavoro dello scrittore russo, sulla base della comune adesione dei loro personaggi ai «miti o alle idee che dominano gli anni e alimentano il contrasto immediato delle classi» (Rago 1952: 442)13. La vicinanza tra l’autrice più nota della Rdt e Tolstoj viene sottolineata anche dal settimanale «Il Contemporaneo» che, due anni dopo, pubblica una lettera della Seghers indirizzata «agli amici di Occidente» e più precisamente a Jorge Amado e Pablo Neruda, nella quale spiega «i motivi che l’hanno spinta all’Archivio Tolstoi di Mosca per ricercare le fonti del grande realismo tolstoiano», visto che «uno scrittore moderno può imparare da Guerra e pace più che dalla maggior parte dei poemi epici» (Seghers 1954: 3).

  • 14   Cfr. Schneider-Paccanelli 1995.
  • 15   «Fu ostile al fascismo, di cui fin dall’inizio seppe prevedere gli esiti e si oppose appassionata (...)

11Tornando a Roth, diversamente da ciò che sembra sottintendere la breve presentazione, l’intero romanzo era già stata tradotto nel 1934 da Renato Poggioli per la casa editrice Bemporad (nella collana Frontiere), nonostante la messa all’indice di tutta la produzione dello scrittore ebreo da parte dei nazisti fin dall’anno prima. Impossibile stabilire se si tratti di un dato non noto alla traduttrice o di un’informazione consapevolmente omessa nel tentativo di valorizzare il proprio operato rispetto al lavoro culturale svolto negli anni Trenta, sotto altri auspici. Senza dubbio Roth, a differenza di autori come Brecht o Mann, era completamente assente dal panorama delle riviste italiane dell’epoca e poco presente in quello editoriale14. Chi traduce è l’insegnante fiumana Gemma Harasim (1876-1961), vedova del pedagogista Giuseppe Lombardo Radice (che si oppose a Mussolini e alla sua riforma della scuola)15 e madre di Lucio, noto matematico e dirigente del Pci che collaborava a sua volta saltuariamente con la rivista. Oltre a scrivere dei saggi di pedagogia apprezzati da Croce (la sua raccolta Sull’insegnamento della lingua materna viene recensita sulla «Critica» nel 1907) e da Prezzolini, Harasim aveva già tradotto in passato dal tedesco gli Scritti pedagogici di Herder, La volontà della natura di Schopenhauer (inedito, svolto su incarico di Giovanni Papini per la collana «Cultura dell’anima» dell’editore Carabba) e La veglia di un solitario di Pestalozzi. Forse l’interesse per Roth è dovuto anche alla loro comune provenienza da una realtà multiculturale (l’impero asburgico e Fiume, allora italiana, croata e ungherese), vividamente descritta in alcuni articoli pubblicati su «La Voce» (Sistoli Paoli 1985: 468).

  • 16   Cfr. Roth 1934: 285.

12Il brano, che raccoglie parti di diversi capitoli del romanzo, è tutto incentrato sul momento cruciale in cui il tenente Trotta oscilla tra la sua personale solidarietà con la protesta dei lavoratori della vicina fabbrica di spazzole e il senso del dovere che gli impone di ordinare ai suoi soldati di far fuoco sulla folla. Per nobilitare il momento in cui nasce questo dilemma morale, viene completamente omessa la lunga digressione in cui lo scrittore racconta della visita del protagonista alla bisca del suo conoscente Brodnitzer e alla sua amante a Vienna. Al contempo, una porzione del testo originale omessa nella traduzione di Poggioli16 – quella che anticipa lo scontro imminente rivelandone i retroscena militari – viene ripristinata in quella della Harasim, evidentemente per sottolineare la rilevanza dell’episodio dello sciopero.

Il maggiore, come se si trattasse della più comune faccenda di tutti i giorni, disse che l’indomani mattina presto un plotone di cacciatori doveva uscire e prendere posizione sulla strada maestra, di fronte alla fabbrica, per fare uso, se era necessario, delle armi contro le “mene sovversive” degli scioperanti. Il tenente Trotta doveva prendere il comando di questo plotone. Il maggiore diceva che, veramente, si trattava di una piccolezza, e si prevedeva che la gendarmeria sarebbe bastata per tenere la gente nel dovuto rispetto. Si doveva soltanto avere sangue freddo per agire senza precipitazione: in ultima analisi poi sarebbero state le autorità a decidere se i cacciatori dovevano o no entrare in azione. Certo, la faccenda non era piacevole per un ufficiale: come si poteva accettare di lasciarsi comandare da un commissario? In conclusione, però, questo delicato incarico era anche una specie di distinzione per il più giovane tenente del battaglione; e infine gli altri signori non avevano avuto nessun permesso, e il più elementare obbligo di cameratismo avrebbe richiesto che… e così via. (Roth 1948: 451)

13Sull’interesse per l’appartenenza di Roth alla cultura ebraica o alla koiné mitteleuropea – che presiederà alla sua (ri)scoperta da parte di Adelphi negli anni Settanta – prevale l’esigenza di affidare un messaggio di riscatto sociale a una voce autorevole della letteratura di lingua tedesca dell’epoca pre-hitleriana.

Goethe tra Croce e Lukács

  • 17   Altri saggi che denotano il suo interesse per il mondo tedesco sono Lombardo Radice 1972 e 1978.

14L’interesse per il mondo germanico si manifesta non solo attraverso la pubblicazione di contributi letterari di autori tedeschi, ma anche e soprattutto attraverso un dibattito critico incentrato più su questioni ideologiche che su aspetti testuali. Ne è un esempio il saggio del figlio di Gemma Harasim, Lucio Lombardo Radice, intitolato Aspetti contraddittori dell’opera di Wolfango Goethe, inserito nella rubrica Letteratura e società e pubblicato nel maggio del 1950, l’anno successivo all’uscita della traduzione italiana del volume Goethe e il suo tempo di György Lukács per i tipi di Mondadori. Al posto dell’analisi del contenuto prospettata dal titolo dell’intervento, l’autore, lontano sia dal mondo della Germanistica che, in generale, da quello della letteratura (proprio nel 1951 ottiene la libera docenza in ambito matematico), usa Goethe in modo strumentale per il suo ragionamento sulla dottrina marxista17.

15L’articolo si apre con due lunghe citazioni da Il socialismo tedesco in versi e in prosa di Engels e dalle Lettere dal carcere di Gramsci, del quale nello stesso anno Lombardo Radice cura una biografia insieme a Giuseppe Carbone (Vita di Gramsci, Edizioni di Cultura sociale). Se Engels rimprovera a Goethe un «atteggiamento bifronte […] rispetto alla società tedesca della sua epoca» (Lombardo Radice 1950: 253), Gramsci afferma più genericamente che

una persona intelligente e moderna deve leggere i classici con un certo “distacco”, cioè solo per i loro valori estetici, mentre l’“amore” implica adesione al contenuto ideologico della poesia… L’ammirazione estetica può essere accompagnata da un certo disprezzo “civile”, come nel caso di Marx per Goethe. (Ibidem)

16Per superare questi giudizi ingombranti, Lombardo Radice tenta di inquadrare Goethe come «uno dei più grandi scrittori realisti di tutti i tempi» (255), rifacendosi a una definizione di realismo di Togliatti («per realismo nell’arte si intende la conoscenza e con essa la rappresentazione di una “realtà nel suo sviluppo”», ibidem). Proseguendo nel suo ragionamento, egli traccia un resoconto schematico ma efficace della battaglia ideologica in corso per stabilire con precisione l’indole socialista o meno delle opere dello scrittore. Se Thomas Mann col suo saggio Goethe e la democrazia sembra disconoscere la legittimità degli schieramenti in campo – riconoscendo invece a Goethe il merito di aver messo a fuoco «la difficoltà fondamentale della democrazia» (256) definendo visionari o ciarlatani sia i legislatori che i rivoluzionari (pronti a promettere sia uguaglianza che libertà) – le posizioni di Benedetto Croce e di Lukács riportate da Lombardo Radice mostrano chiaramente la crescente difficoltà di trovare un compromesso tra la critica letteraria di stampo idealista e quella marxista. Da un lato, l’autore dell’articolo sente il bisogno di prendere le distanze dalle posizioni di Croce, ma, al contempo, gli riesce difficile assimilare e condividere il pensiero del maggiore critico letterario comunista del suo tempo.

17Proprio a proposito di Lukács, egli afferma:

In generale non si può non restare assai perplessi quando si sente affermare che G. accetta non solo lo sviluppo produttivo operato dal capitalismo ma anche la rottura dell’involucro feudale che quello sviluppo comprime; o che G. scorge già chiaramente, e quasi perciò antivede, le contraddizioni della nuova società che sorge, quella capitalistica, spingendosi così «talvolta fino alla sfera del pensiero degli utopisti». Le obiezioni che si affollano alla mente in risposta ad affermazioni di questo genere ci porterebbero al di là dei limiti di uno studio relativamente breve. Non abbiamo la pretesa di controbattere in poche righe studiosi insigni del pensiero goethiano come Lukács, i quali propongono tesi che ci lasciano dubbiosi. Nè del resto, noi giudichiamo tesi di questo genere false in modo assoluto: le giudichiamo false solo in quanto unilaterali. (Lombardo Radice 1950: 256)

  • 18   Croce 1949.

18Per non dare però l’impressione di condividere la posizione di chi aveva più aspramente criticato il lavoro di Lukács – nella fattispecie proprio Croce18 – a questa riflessione Lombardo Radice si sente in dovere di aggiungere la seguente nota:

  • 19   Nella recensione anonima al volume di Lukàcs dell’anno precedente (Anonimo 1949) si torna esattam (...)

È veramente da deplorare il modo in cui B. Croce ha «recensito» il libro in questione del Lukács, sul n. 4 dei Quaderni della critica del 1949. Il Croce prende infatti le mosse da un’osservazione del tutto particolare, sulla quale si può anche essere d’accordo: che cioè, nella tragedia di Gretchen, lo spunto sociale progressivo sia da ricercarsi nella lotta del giovane G. contro la legge che condannava a morte le infanticide, e non nell’elemento della seduzione e dell’abbandono della ragazza del popolo da parte del nobile […]. E dopo questa osservazione particolare, unica e sola, Croce chiude il libro per sgranare il solito rosario della «monotonia e vacuità» del marxismo. È davvero triste che un uomo come il Croce, per faziosità politica, giunga a un tal punto di leggerezza scientifica. (Ibidem)19

19Pur mostrandosi, di fatto, in disaccordo con l’ipotesi interpretativa del primo e in accordo con il secondo, l’autore del saggio accantona la questione e in chiusura – sulla scia del concetto di realismo togliattiano – avanza l’ipotesi che l’attualità di Goethe vada ricercata più nel ritmo della sua opera che nei singoli episodi; quel ritmo che «può far diventare l’“apprendista stregone” di G. il simbolo del capitalismo soffocato e travolto da quelle forze produttive che egli stesso ha suscitato nel Manifesto dei comunisti» (261). E conclude con un giudizio che sembrerebbe finalizzato a salvare il salvabile, senza tuttavia schierarsi definitivamente tra i due fronti:

In questo senso, noi crediamo che si possa rendere «immortale il caduco»; in questo senso, noi crediamo che Wolfango Goethe, in quella parte della sua opera nella quale i suoi limiti ideologici e di classe non gli hanno impedito la piena conoscenza del suo mondo e della sua epoca, sia riuscito davvero a dare «durata all’attimo». (Ibidem).

20Sul filo della stessa volontà, quella di tracciare una linea netta tra realismo e decadentismo, tra letteratura popolare e borghese, e con l’intento di voltare pagina rispetto ai giudizi espressi da Benedetto Croce, si muovono anche i discorsi atti a indagare e a chiarire l’importanza e l’esemplarità dello scrittore Thomas Mann.

L’agognata adesione di Thomas Mann al socialismo

21L’autore premio Nobel del 1929 diventa interessante per «Rinascita» solamente nell’ottobre del 1949, dopo la sua visita «in zona tedesca orientale» (Mann 1949: 414), più precisamente a Francoforte sul Meno e a Weimar dove Mann si reca per commemorare Goethe. Alle polemiche suscitate da questo viaggio tra i suoi lettori nella Repubblica Federale Tedesca, lo scrittore risponde con una lettera tradotta e pubblicata dalla rivista nella quale mostra interesse e una certa solidarietà con «il comunismo in quanto umanismo» e mette in guardia coloro che gli oppongono ideali che «a parecchie riprese, hanno rivelato non essere altro che il paravento ipocrita di interessi troppo reali» (ibidem). Pur meritandosi l’appellativo di «più grande degli scrittori tedeschi viventi», l’edizione dei Buddenbrook di Einaudi del 1952 è la prima opera manniana alla quale viene dedicata una recensione. Il romanzo è presentato da Rino Dal Sasso, uno dei critici letterari di spicco del Pci, come la prima parte di una trilogia (insieme a La montagna incantata e Doctor Faustus) che narra il crepuscolo della «“buona borghesia bismarckiana”» (Dal Sasso 1952: 252), colpita da un male che sembra anticipare la piaga del nazismo. L’articolo si chiude con un accostamento che vuole evidentemente segnalare dei profondi mutamenti in atto all’interno del campo tedesco e, allo stesso tempo, associare i due nomi più importanti del passato e del futuro letterario del paese: «Per questa coerenza, una attenta e critica lettura dell’opera di Mann, profondo atto di fiducia nell’avvenire della Germania, è elemento necessario anche per comprendere le nuove prospettive della cultura tedesca, di cui la narrativa di Anna Seghers è l’esempio più alto finora giunto in Italia» (ibidem).

  • 20   In occasione della sua scomparsa nel 1955 esce un numero monografico del «Contemporaneo» con inte (...)
  • 21   Si tratta di quattro saggi: Purificazione della Germania (386-387), Germania e Unione sovietica ( (...)

22L’anno seguente Michele Rago, inviato a Parigi per «l’Unità», fautore del «Politecnico» e responsabile della direzione del «Contemporaneo» a cadenza settimanale (Rossanda 2005: 287), nella recensione della raccolta Cane e padrone ed altri racconti, sempre pubblicata da Einaudi, mette in rilievo la «sensibilità profondamente decadente» (Rago 1953: 256) dello scrittore e la sua lontananza da qualsiasi ideologia, ma allo stesso tempo lo definisce un perfetto testimone della crisi «giunta ad un punto estremo di maturazione e che proprio per questo si concreta in aspetti contraddittori ma inevitabilmente disumani» (ibidem). Una definizione che permette di apprezzare la sua opera senza richiedere tuttavia una vera adesione dello scrittore alla causa comunista; una adesione dibattuta e caldeggiata anche dopo la sua morte20. Nel 1960 Mann riappare sulle pagine di «Rinascita» come una sorta di profeta socialista: «Ascoltatori tedeschi, l’Europa sarà socialista, non appena sarà libera» (Mann 1960: 389). Nei quattro discorsi diretti ai tedeschi attraverso la radio americana tra il maggio 1942 e il marzo 1944 (Mann 1957)21, il ruolo salvifico dell’URSS nella liberazione del paese viene ancora una volta sottolineato, così come la volontà di Stalin di garantire la sovranità alla Germania del dopoguerra («Un Hitler viene e va, ma il popolo e lo Stato tedesco rimangono») (Mann 1960: 388). Dall’ambito letterario il dibattito intorno a Mann sembra essere definitivamente scivolato in quello politico.

Bertolt Brecht, Anna Seghers e la costruzione di un’etica comunista

23Decisamente più benevola e continuativa è l’attenzione dedicata a Bertolt Brecht che, negli anni, da «maggiore drammaturgo di lingua tedesca» (Anonimo 1951: 469) diventa il «primo e forse più grande marxista del teatro contemporaneo» (Salerno 1959: 891) e quindi «il maggiore uomo di teatro della nostra epoca» (Salerno 1961: 562). L’interesse per Brecht in Italia nasce e si sviluppa a partire dalla sua opera teatrale messa in scena al Piccolo Teatro di Milano. Anche su «Rinascita» l’anticipazione del penultimo ‘quadro’ tratto dall’opera teatrale Madre Courage e i suoi figli, pubblicata da Einaudi, rappresenta il primo segnale di interesse per Brecht.

24Einaudi era, in quel momento, senz’altro l’editore indipendente più legato al PCI (Feltrinelli costituirà la sua impresa solamente nel 1955), non solo attraverso la pubblicazione di alcuni periodici indirettamente o direttamente legati al partito («Politecnico», «Società» e «Risorgimento»), ma soprattutto attraverso il progetto editoriale dedicato alle opere di Antonio Gramsci, inaugurato nel 1947 con le Lettere dal carcere (Vittoria 2014: 25). Questo connubio permetteva a Giulio Einaudi di rivestire un ruolo di primo piano tra i lettori fedeli al partito e rendeva possibile viceversa al PCI di farsi conoscere anche da un pubblico estraneo alla cerchia più ristretta dei militanti. L’attenzione dell’editore torinese per la letteratura in lingua tedesca, già dimostrata fin dal 1949 attraverso la pubblicazione di Anna Seghers (La rivolta dei pescatori di Santa Barbara), di Brecht (Teatro di Brecht, 1951) e di Thomas Mann (I Buddenbrook, 1952), aumenterà grazie alla conoscenza della lingua e all’interesse specifico per gli autori germanici di Cesare Cases, che più avanti porterà alla casa opere di Weiss, Frisch, Dürrenmatt e Enzensberger (Sisto 2009: 108).

25Tornando a «Rinascita», nella breve presentazione anteposta al contributo, Brecht viene descritto come uno scrittore proibito ai tempi di Hitler in quanto ebreo (anche se proveniva da una famiglia composta da un padre cattolico e una madre protestante) e antinazista. In questo modo i comunisti vengono presentati come punto di riferimento della Germania buona, schiacciata da quella nazista, pur essendo risaputo che l’autore inizialmente suscitava qualche perplessità tra i vertici del PCI «per il suo fondo libertario e vagamente anarcoide» (Ajello 1997: 58).

  • 22   In realtà già nel 1930 Corrado Alvaro in collaborazione con il germanista Alberto Spaini «ricava, (...)

26Anche negli anni seguenti (nella fattispecie nel marzo 1956) quando L’Opera da tre soldi viene messa in scena per la prima volta in Italia da Giorgio Strehler al Piccolo22, con Brecht presente in sala solo pochi mesi prima della sua morte, il suo teatro epico è guardato con una certa diffidenza. Arturo Lazzari, nella rubrica Cronache di vita artistica, dichiara di non essere tra i «patiti e i fanatici di un “brechtismo”… dogmatico» (1956: 176), e sottolinea che Brecht solo «in questi anni ha compiuto una rapida maturazione ideologico-politica, si è tolto di dosso tutto il suo passato di espressionista, di dadaista, di anarchico, ha studiato Marx ed Engels» (ibidem); questo però lo avrebbe portato a mettere in bocca ai suoi protagonisti le loro tesi con esiti non sempre positivi («la semplificazione di certe formulazioni marxistiche le fa diventare un po’ troppo ingenue, ma non per questo meno icastiche», 178). Verso la fine del decennio tuttavia lo scetticismo verso Brecht viene meno. Accanto all’interesse per l’autore come artista, diventa sempre più importante determinare con precisione il suo ruolo politico in Germania e, in particolare, nella Repubblica democratica tedesca. Per questo motivo a Paolo Chiarini (che di Brecht si occupava anche sulle pagine di «Società» e del «Contemporaneo») in una recensione alla sua monografia su Bertolt Brecht (Laterza, 1959) viene rimproverato il «mancato approfondimento dei rapporti tra questa grande personalità e il movimento operaio del suo paese, con tutte le sue tragiche vicissitudini» (Salerno 1959: 892) e si auspica «una indagine più diretta sul suo atteggiamento politico e ideologico verso le varie fasi del movimento operaio tedesco, dallo spartachismo, alla lotta antifascista, dalla III Internazionale alla RDT, dalla lotta per la pace a quella per una civiltà unitaria della sua nazione» (ibidem). Un altro limite della ricerca di Chiarini viene ravvisato nel fatto che sfiora appena la vasta attività di regista di Brecht al Berliner Ensemble, emblematica per la creazione di un «teatro dell’éra scientifica» (ibidem), secondo la definizione dello stesso studioso romano.

  • 23   «Fortini non fu mai un agente di peso nel campo del potere in senso stretto, ma fu assai presente (...)

27Una sorte simile tocca a Franco Fortini, curatore insieme alla moglie Ruth Leiser dell’antologia di Poesie e canzoni di Brecht edita da Einaudi. Sono gli anni in cui Fortini, già traduttore di Döblin e di Goethe, ma soprattutto di Brecht (la sua versione del Romanzo da tre soldi esce nel 1958, seguita dalle Storie da calendario), ha lasciato il partito socialista e contesta su un piano generale la politica culturale dei partiti marxisti italiani23.

28Chi recensisce il volume lo accusa di aver cercato di

accreditare la leggenda di una inconciliabilità del poeta con la politica della Repubblica democratica tedesca. Le poesie di Brecht stanno invece lì fino all’ultimo a documentare una esemplare fedeltà alla linea storica fondamentale della nostra epoca, e in particolare alla storia del suo paese, del suo popolo, così tragica e piena di nodi. [...] Non vi è verso di esse che non parli di tale fedeltà, che non faccia questa scelta (che poi era la scelta compiuta dal poeta quando rientrò dall’esilio a Berlino). […] E il critico che a questo punto – per obbedire al falso schema che ha in testa secondo il quale il solo tipo di poeta comunista è il menestrello della rivoluzione – finisce col negare il rapporto tra il poeta vero e la linea, corre il grave rischio di trasformarlo paradossalmente in menestrello della controrivoluzione. Che è l’ultima cosa che Brecht si sarebbe aspettato. (Salerno 1960: 74)

29La replica del curatore dell’antologia brechtiana non tarda ad arrivare:

Egregio Direttore,
con riferimento a quanto pubblicato sul numero di gennaio di Rinascita – nella recensione alla edizione Einaudi delle poesie e canzoni di B. Brecht – dove si afferma che nella prefazione avrei «accreditato la leggenda di una inconciliabilità del poeta (Brecht) con la politica della Repubblica democratica tedesca», la prego di rendere noto che in nessun luogo ho mai affermato tale inconciliabilità ma ho invece sostenuto che i contrasti, i quali vi furono, fra la politica culturale del SED e Brecht e fra diverse valutazioni dei fatti di Berlino del 1953, non debbono e non possono costituire un argomento per chi vuole opporre Brecht al comunismo. Esattamente il contrario di quel che il suo recensore ha voluto leggere. (Fortini 1960: 149)

30In effetti sembra trattarsi di una critica pretestuosa che riprende una frase di Fortini («E poi, forse che tutti non sanno dei contrasti fra Brecht e i comunisti della Repubblica Democratica Tedesca?») che denuncia proprio le interpretazioni distorte alle quali viene sottoposto ogni verso dello scrittore, dichiarando al contrario la sua piena adesione poetica e umana alla causa del poeta («Il massimo poeta drammatico del nostro tempo si conferma il più vero, forse l’unico, “poeta morale” del Socialismo. Le nostre biografie non hanno cessato di dargli ragione», Fortini 1959: XX).

  • 24   A proposito di Fortini e Brecht, Rossana Rossanda dichiarerà: «Ma decisivi furono i tedeschi, for (...)
  • 25   Si veda a questo proposito anche l’edizione del 1956 (Brecht 1956).

31D’accordo con lo scrittore italiano, «Rinascita» nel gennaio 1960 pubblica quattordici poesie di Brecht tradotte da lui e da Rossana Rossanda24. I versi tratti dalle due opere teatrali La linea di condotta (Die Maßnahme, 1930) e La madre (Die Mutter, 1932) vogliono rappresentare un contributo «nel loro tono dichiaratamente politico ed educativo [...] alla costruzione di una etica comunista» (Anonimo 1960: 2) e «al fervore di ricerca ideale che anima oggi i comunisti italiani alla vigilia del loro IX Congresso nazionale» (ibidem). Brecht viene dunque chiaramente conteso sia dai socialisti (come Fortini) che dai comunisti25.

32La pubblicazione di queste poesie (e il modo in cui vengono presentate) è interessante almeno per due motivi: in primo luogo perché dimostra, a differenza del caso Mann, non solo il tentativo di portare l’autore stesso dalla propria parte politica, ma comporta un’esplicita appropriazione dei suoi testi con l’intento di assimilarli alla poetica elaborata e proclamata dai comunisti. In secondo luogo perché dei due traduttori, uno è un ‘letterato di professione’, l’altra è invece una figura strategica al vertice del PCI.

33Rossanda, allieva e nuora di Antonio Banfi, segretaria della Casa della cultura a Milano dal 1953, poi parlamentare comunista e responsabile della commissione culturale dopo il X congresso del dicembre 1962 (e successivamente, dopo essere stata espulsa dal partito, fondatrice del giornale «il Manifesto»), faceva parte di quella fazione che vedeva nella letteratura e nella ricerca scientifica degli strumenti imprescindibili per l’affermazione dell’ideologia marxista. Già nel 1956, durante la riunione annuale della commissione culturale, si lamentava del fatto che «noi compagni intellettuali ci sentiamo dire molto spesso a chiusura delle nostre riunioni che lo studio va bene, ma quello che importa sono le lotte, il Partito non è un’accademia, la lotta decide ed è l’ora di finirla di discutere» (Vittoria 2014: 206).

  • 26   Fortini in questa sede ripropone le seguenti poesie: Domande di un lettore operaio, Lode dell’imp (...)

34La scelta di Rossanda ricade su sei poesie (Ma chi è il partito?, Lode del partito, Vieni fuori, compagno!, E il vostro lavoro ha avuto successo, Chi combatte per il comunismo, Lode dell’Unione sovietica) tutte tratte dall’opera teatrale Linea di condotta e per la maggior parte già tradotte e pubblicate da Fortini nel suo volume einaudiano26. La costruzione di «un’etica comunista» è in questo caso affidata alla letteratura che veicola messaggi di plauso all’Unione sovietica, auspica il totale riconoscimento nel proprio partito («Noi siamo il partito. // Tu ed io e voi – noi tutti», Brecht 1960: 14), incita alla lotta («Fuori per le strade! Battiti! // È troppo tardi per aspettare», 29), esalta l’importanza dell’istruzione ed esige obbedienza. La selezione dei testi (in particolare quelli di Rossanda, più corti e più accessibili di quelli di Fortini) sembra rispondere esattamente all’appello iniziale di Togliatti di guidare e istruire i propri lettori, anche attraverso le pagine di «Rinascita».

35Oltre a Bertolt Brecht, tra gli autori più importanti della Rdt, la rivista punta anche sulla già menzionata Anna Seghers, vincitrice del premio Kleist proprio nel 1929, l’anno in cui fu assegnato il premio Nobel a Thomas Mann, e dal 1952 presidente del Schriftststellerverband der DDR. L’autrice incontra il favore dei critici con le sue opere I morti non invecchiano (Die Toten bleiben jung) e Visto di transito (Transit), incentrati sulla tematica da lei prediletta della battaglia del popolo per passare da uno stato di «incoscienza alla coscienza, alla scoperta dei motivi di vita» (Dal Sasso 1954: 208). Seghers è forse la scrittrice che meglio incarna, anche per i marxisti italiani, il bisogno di una letteratura capace di raccontare la storia della lotta proletaria, dalla presa di coscienza della propria condizione fino allo scoppio della rivolta contro le classi dominanti, attraverso le sue indagini che analizzano a partire da storie individuali «i motivi di intreccio con la società, con gli interessi, le idee, i rapporti reciproci e i fatti che compongono e ricompongono nella loro mobile dialettica gruppi, ceti, comunità» (Rago 1952: 7-8). Per questo la sua opera Visto di transito nel 1953 viene accolta nelle Edizioni di Cultura Sociale, inizialmente chiamate Edizioni di Rinascita, e confluite proprio nel 1953 nella sigla Editori Riuniti, specializzata soprattutto nella pubblicazione di opere di dottrina.

Conclusioni

  • 27   Cfr. Mehring 1983; –, 1897-98.

36Tirando le somme si può ipotizzare che il ruolo di «guida ideologica» impresso alla rivista sia il motivo principale che ha spinto alcuni collaboratori a volgere lo sguardo oltre il confine per cercare di individuare una letteratura in lingua tedesca realista, attenta ai conflitti della storia e del presente, rivolta non solo ai borghesi e rappresentativa di un programma comunista condiviso anche in ambito letterario. Questi tentativi appaiono in gran parte in sintonia con ciò che nello stesso periodo si pubblicava sulle pagine di «Società» e del «Contemporaneo», dove però erano i germanisti accademici Paolo Chiarini e Cesare Cases ad occuparsi di letteratura in lingua tedesca con una certa continuità. La loro collaborazione prolungata ai due periodici implica un repertorio più ampio che comprende non solo scrittori contemporanei, ma anche autori come Lessing e Heine, già inseriti da tempo nel canone della letteratura socialista indicato dallo storico e politico Franz Mehring (1846-1919)27 e poi rivisitato da Lukács. Nonostante la loro mole di contributi inerenti al mondo germanico sia ben più consistente di ciò che si trova in «Rinascita» (270 su «Il Contemporaneo» e 198 su «Società» contro 27), il piccolo repertorio offre ai lettori la possibilità di confrontarsi direttamente con una scelta di testi originali. Si tratta di una prassi poco diffusa in «Società» e poco praticata anche dal «Contemporaneo», nel quale le recensioni e segnalazioni superano di gran lunga i testi originali. La decisione di pubblicare un brano tratto dal romanzo di Joseph Roth è sintomatica di un periodo ancora dedicato alla ricerca attiva di una poetica comunista, incentrata più su tematiche affini (lo sciopero come primo segno del risveglio di una coscienza di classe) presenti a livello testuale che sull’appartenenza politica dello scrittore (vedi il caso Thomas Mann). Appare coerente con questa scelta anche la pubblicazione delle poesie di Brecht, dettata dalla volontà di far comprendere pienamente ai lettori la portata e la necessità di una letteratura usata come uno strumento di battaglia. In generale, la cifra più significativa è una ricerca mirata di chi, anche tra gli autori tedeschi, meglio rappresenti l’ortodossia comunista. A loro modo, tutti i collaboratori hanno in comune lo scopo di tastare il terreno per cercare riferimenti autorevoli da collocare nel proprio schieramento o, più specificamente, di contribuire ad una «Rinascita» tedesca in Italia secondo il proprio gusto e le proprie priorità.

Bibliographie

Ajello N., 1997, Intellettuali e PCI 1944-1958, Roma/Bari, Laterza (1979).

Alatri P., 1950, Le riviste di cultura, «Rinascita» 1: 32-37.

Alvaro C., 2003, Opere. Romanzi e racconti, a cura di G. Pampaloni, Milano, Bompiani.

Anonimo, 1946, Elezioni tedesche, «Rinascita» 1-2: 28.

Anonimo, 1948, Nota a J. Roth, Il primo sciopero, «Rinascita» 12: 449.

Anonimo, 1949, Giorgio Lukàcs, Goethe e il suo tempo, Mondadori, 1949, «Rinascita» 11: 504.

Anonimo, 1951, Nota a Brecht B., Un autore proibito «Mutter Courage», «Rinascita» 10: 469-471.

Anonimo, 1954, Dati concreti sullo sviluppo di “Rinascita”, «Rinascita» 6: 367.

Anonimo, 1960, Nota al Sommario, «Rinascita» 1: 2.

Antonello A., 2016, Cronaca di una battaglia. La letteratura tedesca nel campo letterario tedesco attraverso le riviste, «Studi Germanici» 9: 209-260.

Betti D., 1989, Il partito editore. Libri e lettori nella politica culturale del Pci 1945-1953, «Italia contemporanea» 175: 53-74.

Brecht B., 1956, Io, Bertolt Brecht, pref. e trad. di R. Fertonani, Milano, Edizioni Avanti.

Brecht B., 1959, Poesie e canzoni, a cura di R. Leiser-F. Fortini, Torino, Einaudi.

Brecht B., 1960, Poesie scelte, trad. di R. Rossanda (Ma chi è il partito?, Lode del partito, Vieni fuori, compagno!, E il vostro lavoro ha avuto successo, Chi combatte per il comunismo, Lode dell’Unione sovietica), F. Fortini (Domande di un lettore operaio, Lode dell’imparare, Il pensiero nelle opere dei classici, Il foglietto degli acquisti, Lode della dialettica, La scritta invincibile, Il sarto di Ulm, Rapporto sulla morte di un compagno.), «Rinascita» 1: 14, 16, 29, 31, 36, 50 (R. Rossanda); 20, 26, 34, 40, 45, 52, 58, 61 (F. Fortini).

Carbone G., 1953, Due generazioni nella Repubblica democratica tedesca (Viaggio in Germania), «Rinascita» 5: 318-319.

Cases C., 1954, I teorici del nichilismo, «Il Contemporaneo» 35: 5.

Consiglio D., 2006, Il PCI e la costruzione di una cultura di massa. Letteratura, cinema e musica in Italia (1956-1964), Milano, Edizioni Unicopli.

Croce B., 1949, George Lukács – Goethe und seine Zeit – Bern, Francke, 1947, «Quaderni della ‘Critica’» 14: 110-112.

Dal Sasso R. [r.d.s.], 1952, Thomas Mann, I Buddenbrook (Einaudi, 1952), «Rinascita» 4: 252.

Dal Sasso R. 1954, Anna Seghers, Visto di transito (Edizioni di cultura sociale, 1954), «Rinascita» 3: 208.

Dalmas D., 2013, La traiettoria di Franco Fortini nel campo letterario italiano, in I. Fantappiè-M. Sisto (a cura di), 1945-1970. Letteratura italiana e tedesca, Roma, Istituto Italiano di Studi Germanici: 129-145.

Ferretti G.C., 1986, Prefazione, in A. Cadioli (a cura di), Dal poeta al suo partito: antologia di poesie pubblicate su Rinascita, Roma, L’Unità: 9-11.

Fortini F., 1959, Prefazione a B. Brecht, Poesie e canzoni, Torino, Einaudi: VII-XXXII.

Fortini F., 1960, Lettere al Direttore. Fortini, Brecht e la RDT, «Rinascita» 2: 149.

Lazzari A., 1956, L’Opera da tre soldi. La favola e il successo, «Rinascita» 3: 176-178.

Lombardo Radice L., 1950, Aspetti contraddittori dell’opera di Wolfango Goethe, «Rinascita» 5: 253-261.

Lombardo Radice L., 1972, Gli accusati. Franz Kafka, Michail Bulgakov, Aleksandr Solzenitsyn, Milan Kundera, Bari, De Donato.

Lombardo Radice L., 1978, La Germania che amiamo, Roma, Editori Riuniti.

Mann Th., 1949, Un giudizio sulla situazione tedesca, «Rinascita» 10: 414.

Mann Th., 1957, Attenzione tedeschi!, in Scritti storici e politici, Milano, Mondadori.

Mann Th., 1960, Purificazione della Germania (maggio 1942), Germania e Unione sovietica (23 febbraio 1943), L’URSS e l’Occidente (29 agosto 1943), L’Europa sarà socialista (28 marzo 1944), «Rinascita» 5: 386-387; 387-388; 389-390; 389-390.

Mehring F., 1893, Die Lessing-Legende, Stuttgart, Dietz (trad. 1952, La leggenda di Lessing, Roma, Edizioni Rinascita).

Mehring F., 1897-98, Geschichte der deutschen Sozialdemokratie, 2 voll., Stuttgart, Dietz (trad. 1961, Storia della socialdemocrazia tedesca, prefaz. di E. Ragionieri, Roma, Editori Riuniti).

Nanni E., 1947, Sciopero, «Rinascita» 7: 185.

Ragionieri E., 1961, A vent’anni dall’aggressione fascista all’URSS; I. Anticomunismo cattolico e guerra fascista, «Rinascita» 6: 537-550; II. La tragedia dell’alleanza con la Germania, 9: 707-720.

Rago M., 1952, Anna Seghers, I morti non invecchiano (Torino, Einaudi, 1952), «Rinascita» 7-8: 442-443.

[m.r.], 1953, Thomas Mann, Cane e padrone e altri racconti (Einaudi, 1953), «Rinascita» 4: 256.

Rossanda R., 2003, Uno sperato tutto di ragione, in F. Fortini, Saggi ed epigrammi, Milano, Mondadori: XI-XXVIII.

Rossanda R., 2005, La ragazza del secolo scorso, Torino, Einaudi.

Roth J., 1932, Radetzkymarsch, Berlin, Gustav Kiepenheuer Verlag.

Roth J., 1934, La marcia di Radetzky, trad. di R. Poggioli, Firenze, Bemporad.

Roth J., 1948, Il primo sciopero, trad. di E. Lombardo Radice, disegno di S. Mirabella, «Rinascita» 12: 449-452.

Salerno B. [b.s.], 1959, Paolo Chiarini, Bertolt Brecht (Bari, Laterza, 1959); Il teatro tedesco espressionista (Bologna, Cappelli, 1959), «Rinascita» 12: 891-892.

Salerno B. 1960, B. Brecht, Poesie e canzoni (Torino, Einaudi, 1959), «Rinascita» 1: 74.

Salerno B. 1961, Il cammino di un teatro, «Rinascita» 18.6: 562-564.

Schneider-Paccanelli G., 1995, Die Aufnahme der Werke Jospeh Roths in Italien, Frankfurt am Main, Europäischer Verlag der Wissenschaften.

Seghers A., 1954, Lettera agli amici di Occidente. Tolstoi e il realismo, trad. di L.C., «Il Contemporaneo» 36.4/12: 3-4; continuazione: 37.11/12: 5.

Segre S., 1952, La rinascita del nazismo nella Germania di Bonn, «Rinascita» 12: 669-672.

Sisto M., 2009, Gli intellettuali italiani e la Germania socialista. Un percorso attraverso gli scritti di Cesare Cases, in M. Martini-Th. Schaarschmidt (a cura di), Riflessioni sulla DDR. Prospettive internazionali e interdisciplinari vent’anni dopo, Bologna, Il Mulino: 97-121.

Sistoli Paoli N., 1985, Da Fiume a Firenze: l’esperienza di Gemma Harasim, in R. Pertici (a cura di), Intellettuali di frontiera. Triestini a Firenze, vol. II, Firenze, Olschki: 451-481.

Togliatti P., 1944, Programma, «La Rinascita» 1: 1-2.

Togliatti P., 1957, La Germania e l’Italia, «Rinascita» 9: 425-427.

Vittoria A., 2014, Togliatti e gli intellettuali. La politica culturale dei comunisti italiani (1944-1964), Firenze, Carocci (1992).

Notes

1  Questo lavoro rientra nel progetto Storia e mappe digitali della letteratura tedesca nel Novecento, finanziato dal MIUR attraverso il programma FIRB 2012.

2   «La Critica» appare dal 1903 al 1944. L’ultimo fascicolo esce il 20 marzo, quindi poco più di due mesi prima del lancio di «Rinascita». Nel 1945 Croce fonda il quadrimestrale «Quaderni della “Critica”», che verrà pubblicato fino al 1951.

3   Il primo numero si intitola «La Rinascita» ed esce a Napoli nel giugno del 1944. Si è scelto in questa sede di limitare l’analisi alla rivista con periodicità mensile, edita da giugno 1944 ad aprile 1962. In questa fase la direzione rimane costantemente nelle mani di Togliatti al quale, dopo la sua morte nell’agosto del 1964, succede Giancarlo Pajetta. Da maggio del 1962 la rivista si trasforma in settimanale; cessa nel 1991.

4   I dati in proposito non sono del tutto concordi. Altre fonti riportano che già dal primo numero del giugno 1944 «Rinascita» vanta una tiratura di 12000 copie che diventeranno più di 40000 (con oltre 15000 abbonamenti) nel 1951 (Anonimo 1954: 367).

5   Nello Ajello sottolinea l’«assidua presenza redazionale di Togliatti» e le «direttive chiare, sintetiche, e non facilmente eludibili che egli diramava distribuendo bigliettini ‘di lavoro’ a redattori e collaboratori» (Ajello 1997: 45). Rossana Rossanda ricorda così la sua collaborazione a «Rinascita» fin dal 1958: «Togliatti lo conoscevo appena quando mi chiamò alla redazione di “Rinascita”, giardino privato cui teneva moltissimo. L’aveva cambiata tutta, la redazione, eravamo pochi e nuovi – c’erano Trentin e Ledda e Natoli, e si discuteva, rispettosamente, per tre ore. Senza saltare un solo mese. […] Noi ci divertivamo. Quanto rilevante fosse la discussione che seguiva non saprei, certo era uno scorrere liberamente il mese passato e quello che avevamo davanti, e ne uscivano i criteri di precedenza del segretario. […] Se un pezzo gli era piaciuto prendeva la penna e mandava due righe in inchiostro verde e la scrittura chiara. […] Allora aveva un’idea molto classica d’un mensile politico – interni, esteri, società e qualche incursione nella cultura ma senza le acerbità del dopoguerra […]. Ne veniva una rivista più tranquilla, la cui parte migliore era l’informazione sul mese passato in Italia e fuori, rivelando forza e debolezze dell’interpretazione» (Rossanda 2005: 226-228.)

6   «Le ‘armi della critica’ e la ‘critica delle armi’ dovevano insomma bilanciarsi: se avesse prevalso il primo elemento, si sarebbe finito per dar vita a qualcosa di somigliante a un periodico crociano senza Croce; se avesse avuto la meglio il secondo, si sarebbe caduti nei toni spicci di un massimalismo irriflessivo che non era nell’indole di Togliatti» (Ajello 1997: 46).

7   Si veda la netta presa di posizione di Vittorini nel 1948, riportata da Albertina Vittoria: «Quando [Sereni] mi dice che tutto, nel giudizio sui libri e sugli scrittori, è da rimandare alla storia mi si nega ogni possibilità di lavoro critico. E quando mi si dice che il Partito non sa cosa farsene della “spontaneità” mi si nega ogni possibilità di lavoro creativo. Negate queste due possibilità, che cosa resta da fare a uno scrittore?» (Vittoria 2014: 36-37).

8   Ancora nel 1961 si ricorda l’aggressione all’Unione Sovietica da parte della Germania di Hitler di vent’anni prima (si veda in particolare l’articolo in due parti di Ragionieri 1961 6; 9: 707).

9   Nel 1953 il tedesco è e rimane colui che «vestiva la divisa della Wehrmach[t]» (Carbone 1953: 319).

10   Si veda il contributo di Segre del 1952 che parla di una «“riabilitazione”» del nazismo nel campo politico, economico, militare e culturale nella Repubblica federale tedesca (669). Inoltre verte sullo stesso motivo l’intervento di Togliatti dopo le elezioni tedesche del settembre 1957 che portano alla rielezione di Konrad Adenauer: «Forse è bene non dimenticare, nel riflettere ai risultati delle elezioni tedesche, che la Germania è il paese dove il fascismo hitleriano riuscì, anche prima di avere instaurato un regime di terrore politico e quindi in condizioni della consueta relativa libertà democratica borghese, a raccogliere milioni e milioni di voti, avvicinandosi alla conquista della maggioranza. Non si possono, da questa constatazione, ricavare analogie superficiali, che sarebbero sbagliate. Il richiamo però si impone […]» (Togliatti 1957: 425).

11   Cfr. il ruolo di «Società» (1945-1961) e di «Il Contemporaneo» (1954-1964; poi supplemento mensile di «Rinascita») in Antonello 2016. Sul sito della rivista, come materiale allegato all’articolo, si può scaricare lo spoglio completo dei contributi inerenti al mondo tedesco di sedici riviste italiane.

12Sciopero si intitola anche una poesia di Renzo Nanni pubblicata su «Rinascita» l’anno precedente che descrive una scena molto simile: «Muta, la folla / ascolta sulla strada / i pugni chiusi / battere la terra. […] La gente / fa corona. / “Han fatto fuoco – grida – / sugli inermi! / Sangue di Dio / versato…”» (Nanni 1947).

13   Il romanzo ruota intorno all’assassinio di un giovane spartachista ed è ambientato in Germania tra il 1918 e il 1945.

14   Cfr. Schneider-Paccanelli 1995.

15   «Fu ostile al fascismo, di cui fin dall’inizio seppe prevedere gli esiti e si oppose appassionatamente all’incarico ministeriale di Lombardo Radice, che in qualità di direttore generale dell’istruzione primaria collaborò alla riforma della scuola del 1923 a fianco di Gentile, per il quale ella nutrì un’istintitiva avversione, [...] motivo di non superficiale dissenso col marito, che al filosofo rimase sempre fedele anche quando, dopo il delitto Matteotti, assunse una posizione politica diversa» (Sistoli Paoli 1985: 474).

16   Cfr. Roth 1934: 285.

17   Altri saggi che denotano il suo interesse per il mondo tedesco sono Lombardo Radice 1972 e 1978.

18   Croce 1949.

19   Nella recensione anonima al volume di Lukàcs dell’anno precedente (Anonimo 1949) si torna esattamente sullo stesso passo del Faust interpretato diversamente da Croce e dal critico ungherese, per poi stabilire in modo vago che: «La sostanza del libro [di L.] è altrove».

20   In occasione della sua scomparsa nel 1955 esce un numero monografico del «Contemporaneo» con interventi di György Lukács, Cesare Cases, Italo Calvino, Franco Fortini (23, 4/6/1955), mentre «Rinascita» gli dedica solo una breve nota contenente uno scarno profilo biografico e un elenco commentato delle sue opere (1955, Thomas Mann, Cenni sulla vita e sulle opere, 12.7-8: 501).

21   Si tratta di quattro saggi: Purificazione della Germania (386-387), Germania e Unione sovietica (387-388), L’URSS e l’Occidente (388-389), L’Europa sarà socialista (389-390). Cfr. anche i Moniti all’Europa (Contro il fascismo, Cultura e classe operaia, Il poeta e la politica) pubblicati sul già citato numero del «Contemporaneo» (23, 4/6/1955: 5) con lo stesso scopo di rafforzare l’immagine di un Mann fortemente simpatizzante con gli ideali comunisti.

22   In realtà già nel 1930 Corrado Alvaro in collaborazione con il germanista Alberto Spaini «ricava, ufficialmente da The Begar’s Opera di John Gay, in realtà da Die Dreigroschenoper di Bertolt Brecht, un copione messo in scena da A.G. Bragaglia al Teatro Filodrammatici di Milano con il titolo La veglia dei lestofanti» (Alvaro 2003: XLII).

23   «Fortini non fu mai un agente di peso nel campo del potere in senso stretto, ma fu assai presente invece nell’ambito politico-culturale, dove poté valorizzare la sua costante tendenza all’“eresia” o “vocazione alla minoranza” come indipendenza intellettuale e maggiore “purezza morale”» (Dalmas 2013: 132).

24   A proposito di Fortini e Brecht, Rossana Rossanda dichiarerà: «Ma decisivi furono i tedeschi, forse introdotti da Ruth; primo Bertolt Brecht e poi quei veri e propri maestri del sospetto che erano i francofortesi come Theodor W. Adorno, e più tardi Walter Benjamin. Nessuno come loro decostruiva – allora non correva l’espressione derridiana – le seducenti immagini del capitale, città, mode, gusto, e le sue teorie giustificative; questo smontaggio incantava Franco, anche lui traccheggiatore dei variopinti imbrogli della mente» (Rossanda 2003: XVIII).

25   Si veda a questo proposito anche l’edizione del 1956 (Brecht 1956).

26   Fortini in questa sede ripropone le seguenti poesie: Domande di un lettore operaio, Lode dell’imparare, Il pensiero nelle opere dei classici, Il foglietto degli acquisti, Lode della dialettica, La scritta invincibile, Il sarto di Ulm, Rapporto sulla morte di un compagno.

27   Cfr. Mehring 1983; –, 1897-98.

Auteur

Ricercatrice a tempo determinato presso l’Istituto Italiano di Studi Germanici a Roma. Ha svolto il dottorato di ricerca in Filologia moderna alla Ludwig-Maximilians-Universität di Monaco di Baviera in cotutela con l’Università di Pavia. Si interessa del transfert culturale fra Italia e Germania nel Novecento e delle sue ricadute in ambito politico, economico e culturale. In particolare studia il ruolo di alcuni importanti intermediari, come la germanista Lavinia Mazzucchetti, e il ruolo svolto dalle riviste letterarie nello scambio culturale transeuropeo. Su questi argomenti ha pubblicato saggi e la monografia La rivista come agente letterario tra Italia e Germania (1921-1944), Pisa, Pacini 2012. Ha riordinato il fondo dello scrittore Ottiero Ottieri (Centro Manoscritti, Pavia) e quello della pittrice e poetessa Graziana Pentich (Fondazione Corti, Pavia)

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search