Version classiqueVersion mobile

La densità meravigliosa del sapere

 | 
Maurizio Pirro

«Il popolo più alto». Germanofilia e scienza dell’antichità nella Normale di Giorgio Pasquali

Marco Romani Mistretta

Texte intégral

  • 1   Qualche esempio: Audano-Minutoli-Pintaudi (a cura di) 2014; Giordano 2013; Gomez Gane 2001; Bravo (...)

1«Il nome di Giorgio Pasquali», ha scritto Carlo Emilio Gadda (1952: 92), «non è forse dei più familiari alle orecchie dei tifosi di calcio: è nome insigne nell’ambito della cultura italiana ed europea». Queste le parole di Gadda sull’«Approdo letterario» del 1952, appena pochi mesi prima che un incidente stradale ponesse fine alla vita di una delle figure centrali della filologia classica del Novecento. Oggi, a distanza di oltre sessant’anni, il nome di Pasquali è noto a un pubblico probabilmente più ampio rispetto a quello che Gadda aveva in mente, soprattutto grazie alla ricca messe di studi pasqualiani apparsi negli ultimi anni: un numero impressionante di pubblicazioni tra monografie, atti di convegni, articoli e saggi in volumi collettanei1.

2Il ritratto di Pasquali che emerge dalle ricerche più recenti è quello di una personalità complessa e sfaccettata, che giganteggia sulla scena dell’antichistica italiana ricoprendo almeno due ruoli diversi: quello di studioso dell’antico, portabandiera di un nuovo modo di intendere la filologia greca e latina, e quello di esperto mediatore fra l’intellettualità tedesca e quella italiana nella difficile temperie socio-politica della prima metà del secolo scorso. Pasquali appare, quindi, da un lato nelle vesti di produttore di cultura, dall’altro in quelle di organizzatore di cultura.

  • 2   Espagne-Werner 1987, in particolare 985-986. Si veda anche —, 1985: 502-510; —, 1988, in particol (...)

3Qui mi propongo di colmare il divario fra queste due rappresentazioni dominanti, entrambe giustificatissime ed esegeticamente fruttuose, della posizione di Giorgio Pasquali nella storia intellettuale del Novecento italiano e tedesco, mostrando come il contributo scientifico di Pasquali alle discipline classiche non sia separabile dalla sua attività, eminentemente politica, di mediatore culturale, esercitata soprattutto negli anni dell’insegnamento a Firenze e a Pisa. Il mio studio chiarirà, inoltre, come l’attività di mediazione culturale esercitata da Pasquali abbracci tutte e tre le fasi principali del processo di Kulturtransfer (secondo il modello sociologico elaborato da Michel Espagne e Michael Werner)2: quella della corrispondenza privata; quella degli interventi su riviste e quotidiani; quella, infine, delle traduzioni.

  • 3   Il libro di Jemolo è una raccolta di saggi usciti sul «Ponte» stesso, prevalentemente incentrati (...)

4Il testimone più eloquente della stima di Pasquali per la cultura e la società tedesche è, naturalmente, Pasquali stesso. Nell’articolo Italia tormentata, uscito nel 1951 per «Il Ponte» di Calamandrei, Pasquali recensisce l’omonimo volume di Arturo Carlo Jemolo3, con il quale si trova in profondo disaccordo, specialmente per quanto riguarda la valutazione della storia tedesca più recente. Partendo da un contrasto con il favore manifestato da Jemolo verso la cultura statunitense, Pasquali definisce i tedeschi «il popolo [...] più alto, anche il più vicino a noi tra gli europei»:

  • 4   A parere di Arrighetti 2014, per «europei» Pasquali intende più probabilmente i dotti e gli studi (...)

Gli studenti degli Stati Uniti che ho conosciuti, nonostante la loro apertura e sincerità, mi sono rimasti più difficili a decifrare che i Tedeschi, il popolo, checché lo Jemolo, forte della triste esperienza del nazismo, ne pensi, più alto, anche il più vicino a noi tra gli europei. Sulle vicende future degli Stati Uniti io non saprei rischiare predizioni. (Pasquali 1951: 723)4

5Il giudizio gli viene aspramente rimproverato da uno dei direttori della rivista, Enzo Enriques Agnoletti, in un poscritto all’articolo stesso (ibidem: 724-726): per Agnoletti, il linguaggio di Pasquali diviene improvvisamente «vago, impreciso, semilirico» quando il discorso cade sulla Germania; il filologo, addirittura, confonderebbe la storia psicologica dell’uomo Pasquali con la storia dell’Europa tutta (725).

  • 5   Cfr., ad esempio, Pasquali 1994, vol. II: 217: «Uscito appena dall’università e ottenuto un asseg (...)

6Nelle pagine del «Ponte», in effetti, Pasquali non manca di ricordare come, già al tempo dei propri studi universitari presso la Facoltà di Lettere a Roma, aveva apprezzato soprattutto l’insegnamento di due professori tedeschi, gli unici a tenere vere e proprie «esercitazioni scientifiche», e non semplici lezioni frontali (ibidem 713). Lo sguardo retrospettivo del Pasquali sessantaseienne è qui evidentemente velato di profonda nostalgia, come confermano i ricordi — frequenti in tutta l’opera ‘stravagante’ del filologo — del breve soggiorno di studi a Gottinga negli anni della formazione5: in seguito, Pasquali avrebbe tentato (invano) di tornare a Gottinga da professore, come testimonia il suo Lebenslauf del 1911, presentato in occasione della sua candidatura alla venia legendi.

Già a Gottinga fui chiamato alla Fondazione Wilamowitz per l’edizione degli scrittori postniceani del IV secolo, ed accettai. In seguito, aprile 1910, ho conseguito la libera docenza in Letteratura greca presso l’Università di Roma, e lì ho insegnato per un anno. Ora mi propongo di domandare la venia legendi per Filologia classica presso la «Georgia Augusta», e penso di stabilirmi costà [denke dorthin übersiedeln]. (Pasquali 1984: 686)

7Il forte desiderio di ritrovare Gottinga conferma senz’altro la profonda connessione tra la storia personale del filologo e la sua dedizione alla cultura tedesca. Ma si tratta davvero, nel caso di Pasquali, di germanofilia indiscriminata, o persino di sterile autobiografismo? Che cosa spinge il filologo a definire i tedeschi «il popolo [...] più alto» in pieno secondo dopoguerra, oltre all’affezionata memoria di esperienze personali? Rispondere a queste domande significa ripercorrere un lungo tratto della storia dell’antichistica, se non della cultura, a cavallo fra Italia e Germania nei primi decenni del Novecento. La filologia classica italiana agli inizi del secolo breve vede contrapposte due fazioni, quella ‘tedescante’ o ‘intedescata’ di Vitelli e quella anti-filologica di Fraccaroli e Romagnoli.

  • 6   Cfr. Pasquali 1986a: 772; si veda inoltre Lanza 2013: 69. È noto il giudizio complessivo che Pasq (...)

8In questa cornice, la stessa biografia intellettuale di Pasquali rende evidente come lo studioso fosse votato ad assumere un ruolo di mediatore: se la vocazione del giovane Pasquali per la filologia si ‘rivela’ per il tramite di un’opera tedesca, l’Herakles di Wilamowitz6, il confronto tra l’eredità tutta italiana dei suoi primi maestri (Girolamo Vitelli e Nicola Festa) e l’influenza dei grandi tedeschi (Wilamowitz, Schwartz, Leo) sarà in seguito destinato a segnare l’intera carriera filologica dello studioso.

9Mentre lo scontro fra le due ‘scuole’ viene presto acuito e radicalizzato dal primo conflitto mondiale, che vede Italia e Germania combattere su fronti opposti (Bossina 2016: 280), Pasquali rimane germanofilo anche in questa circostanza: nel 1937, anzi, Max Pohlenz riferirà che, durante la guerra, Pasquali fu «invitato a trasferirsi a Berlino», in qualità di assistente per le Scienze dell’Antichità, «per le preziose informazioni che poteva dare al nostro Ministero degli Esteri» (282). Da Berlino, Pasquali collaborava al periodico «Italia nostra», la rivista neutralista di Cesare De Lollis, esprimendo grande rispetto per la società tedesca e la condotta di guerra della Germania (Canfora 2014: 31): tanto insensato è, per Pasquali, il conflitto militare fra i due Paesi, quanto assurda gli appare la polemica italiana contro la filologia tedesca — quale, del resto, essa appariva già al suo maestro Vitelli.

Sono fermamente convinto che nessuno dei miei avversarii creda sul serio che durante e dopo la guerra si possa in filologia classica fare a meno e del materiale scientifico raccolto e vagliato dai tedeschi, e dei resultati da essi raggiunti con l’ingegno, la dottrina e il metodo. (Vitelli 1962: 88)

10Già alla fine dell’Ottocento, Mommsen e Wilamowitz si erano accorti, con un certo allarme, delle tendenze xenofobiche, e particolarmente anti-tedesche, di certa antichistica italiana (Canfora 1983: 309). Dai suoi detrattori italiani, la filologia tedesca era considerata disciplina pseudo-scientifica, tecnicistica, anacronisticamente positivistica, e in ultima analisi arbitraria; la corrente crociana, in aggiunta, le opponeva il primato idealistico dell’estetica sulla critica testuale.

11Pasquali, da parte sua, ribadisce l’importanza della filologia come scienza storica (cioè studio d’insieme che mira alla ricostruzione di un mondo umano nella sua totalità), mostrando inoltre che, nella critica del testo, è proprio il senso estetico a guidare la congettura o la scelta di una variante, e che, di converso, alla vera fruizione estetica di un testo è necessaria quella profonda conoscenza della lingua che solo una formazione filologica può garantire.

  • 7   Cfr. Gigante 1989: 110.

12Del metodo filologico di Wilamowitz, Pasquali riprende soprattutto lo storicismo antisistematico, l’impostazione analitica e antiromantica, la diffidenza verso il positivismo e lo specialismo: per Pasquali non ci sono discipline, ma problemi7. Le parole con cui Pasquali ricorda Wilamowitz nella voce omonima dell’Enciclopedia Italiana, asserendo che «egli ha rituffato la letteratura nella cultura, cioè nella storia» (1986b: 324), possono essere applicate senza difficoltà anche a Pasquali stesso.

13L’approccio post-lachmanniano appreso da Schwartz, d’altra parte, guida lo studioso italiano nell’elaborazione di importanti obiezioni alla Texkritik di Maas (1927), che costituiranno il primo nucleo del capolavoro filologico di Pasquali, la Storia della tradizione e critica del testo (1934). Storia della tradizione e critica del testo sono, per definizione e per dimostrazione, indissolubili l’una dall’altra: analogamente, secondo Pasquali, la vecchia distinzione fra Wortphilologie e Sachphilologie va superata attraverso la trasformazione dello statuto della filologia da insieme di discipline separate a scienza unitaria dell’antichità (Giordano 2013: 30).

14In questa trasformazione, a giudizio di Pasquali, la filologia italiana ed europea non può prescindere dal magistero della scuola tedesca; come già ammoniva il maestro di Pasquali, Girolamo Vitelli, nell’opuscolo polemico Filologia classica... e romantica, non è dato al filologo «fare a meno e del materiale scientifico raccolto e vagliato dai tedeschi, e dei resultati da essi raggiunti con l’ingegno, la dottrina e il metodo» (Vitelli 1962: 88). Si tratta, dunque, unicamente di questioni metodologiche? Tutt’altro: durante e dopo il primo conflitto mondiale, la germanofilia di Pasquali non può che scontrarsi con l’estremismo nazionalistico degli oppositori della filologia tedesca (primo fra tutti Romagnoli).

Durante la guerra [Romagnoli] dichiarò per conto proprio guerra alla filologia, qualificata gratuitamente scienza tedesca, e mostrò di non intendersi di storia, di giudicar di letteratura sugli schemi dei puristi del principio del sec. XIX, di esser rimasto, quanto a formazione storica delle lingue, alle ingenue dottrine degli enciclopedisti. (Pasquali 1986a: 739)

15Una guerra privata e accademica, dunque, fianco a fianco con la guerra di carne e sangue che si combatte in tutta Europa. L’esempio più evidente della battaglia di Romagnoli contro la filologia tedesca, cui Pasquali si riferisce, è offerto dal pamphlet Minerva e lo scimmione, apparso nel 1917.

E la conclusione? — È ovvia, mi sembra. La filologia tedesca presenta la medesima preparazione metodica meticolosa e formidabile dell’esercito tedesco. Ma tale preparazione non conduce alla valutazione estetica, cioè alla intelligenza delle opere d’arte. (Romagnoli 1917: 47)

  • 8   Cfr., ad esempio, Pasquali 1964a: 50: «La filologia non è né scienza esatta né scienza della natu (...)
  • 9   Cfr. Marchand 1996: 231; Canfora 1983: 310.

16Scienza tedesca e militarismo tedesco, insomma, fanno tutt’uno. Che di ‘scienza’ effettivamente si tratti, malgrado la gratuità della definizione di Romagnoli, è per Pasquali fuor di dubbio: la dirompente carica innovativa della filologia tedesca risiede, secondo lo studioso, proprio nel suo essere ‘scienza’ e non ‘ingenua dottrina’ o erudizione8. Nel 1915, quando il Krieg der Geister infuria con tutta la violenza della diatriba sul primato ‘nazionale’ delle discipline, Pasquali non ha remore nel denunciare il vuoto opportunismo che caratterizza la retorica romanocentrica di molti contemporanei9. Con il passare degli anni, la condanna di Pasquali nei confronti della ‘romanolatria’ di certa parte dell’antichistica italiana rimane immutata:

Ha reso e rende meno facili le relazioni [tra l’Italia e l’Istituto Archeologico Germanico] anche il nazionalismo italiano, temo anche dopo la caduta del fascismo. Il Curtius evita qui di gravare la mano, ma io devo dire che non conosco nazionalismo più retoricamente rozzo e quindi più intollerante di quello di molti archeologi italiani. In essi l’idea di Roma, non indagata storicamente, che è tema di importanza capitale, eppure non ancora svolto adeguatamente, ma sentita quale una specie di religione retorica, è giovata solo a sviluppare un acritico sterile orgoglio di epigoni. (Pasquali 2013: 163-164)

17Uno scritto pasqualiano oggi poco studiato, ma che destò scalpore al tempo della pubblicazione, documenta lo stretto rapporto che intercorre fra filologia classica e politica contemporanea nel pensiero dello studioso: si tratta della Preistoria della poesia romana, uscita nel 1936 all’apice del consenso popolare del regime fascista. Nella breve monografia, Pasquali — che già in una lettera privata del 1923 si autodefiniva «antifascista accanito» (Gomez Gane 2001: 40-42) — demolisce l’idea che la poesia latina delle origini abbia sviluppato forme letterarie e metriche (il saturnio) del tutto autoctone e indipendenti dalla tradizione greca.

Pappagalli sapienti si scandalizzeranno del titolo di questo volumetto e non potranno tenersi dall’insegnarmi che la poesia non ha preistoria, perché la sua origine è nell’anima dell’artista e non in modelli o in forme ritmiche tradizionali. (Pasquali 1981: 88)

18La tesi pasqualiana infligge così un durissimo colpo sia al mito fascista della romanità sia a quello idealista-crociano dell’originalità e del genio poetico. Per Pasquali, anzi, la grandezza di Roma e della sua letteratura risiede proprio nell’aver incorporato le forme letterarie greche in un contesto storico-artistico fortemente diverso, facendo della traduzione stessa un’arte. L’inventiva dei poeti romani risiede, in altre parole, in un’opera di mediazione culturale, assai simile a quella che Pasquali stesso intraprende tra Germania e Italia proprio negli anni dominati dal più acceso nazionalismo.

19Che le nozioni di ‘origine’ e di ‘romanità’ con cui Pasquali opera nella Preistoria siano, in larga misura, una proiezione sull’antico di categorie eminentemente moderne è tanto indubbio quanto irrilevante ai fini della nostra discussione. Ciò che qui conta, infatti, è il dialogo che Pasquali instaura tra il mondo antico e la politica culturale dei contemporanei:

La mia ipotesi sarà senz’altro respinta da gente di tutt’altra risma, da persone che non possono sopportare che, com’essi ingenuamente si esprimono, l’ipercritica neghi l’originalità di Roma in un campo che sino allora nessuno le aveva conteso. Io confesso che la grandezza di Roma è, secondo me, tale che non cresce né scema, sia il saturnio invenzione originale o imitazione di modello straniero. Ma costoro hanno dell’originalità un concetto altrettanto basso e rozzo quanto della grandezza di Roma. Originale sarebbe secondo loro, anche se essi per difetto di chiarezza mentale non saprebbero formulare così il proprio pensiero, solo quello che vive fuori della storia. Roma, appena, si può dire, nata, si affaccia alla storia: poiché nel sesto secolo la cultura è già greca, Roma ha subìto contatto con il mondo greco. (Pasquali 1981: 151)

  • 10   Cfr. Marchand 1996: 124-151; 302-303. Sullo scetticismo di Pasquali nei confronti di certi eccess (...)

20Stabilire, dunque, l’esatta natura del vincolo storico-letterario che lega la Roma arcaica al mondo greco è questione che trascende il dominio della scienza dell’antichità. In Germania, infatti, tanto il Bildungsbürgertum ottocentesco quanto la gran parte della politica nazionalistica del nuovo secolo vedevano nella Grecia classica ‘una patria migliore’ (eine bessere Heimat) per i tedeschi stessi, e nel filellenismo neo-umanistico una valida arma d’assalto nel Kulturkampf contro la Zivilisation di matrice romanza (e soprattutto francese), mentre il George-Kreis si ribellava alla scienza filologica in nome di un vitalismo di matrice nietzscheana10.

  • 11   Cfr. Cagnetta 1998, qui 6.

21Ecco che il dibattito pasqualiano sul saturnio latino assume i contorni geopolitici dell’attualità: di fronte all’auto-identificazione della Germania con la Grecia, e agli eccessi sciovinistici che ne conseguono, Pasquali si dedica a ridimensionare l’originalità della poesia latina proprio in un momento in cui gli epigoni italiani della latinità necessitano urgentemente di un appello al mondo antico che valga quale strumento di legittimazione culturale e nazionale11.

22Che l’opposizione di Pasquali al nazionalismo in campo letterario e culturale vada di pari passo con il rifiuto del nazionalismo politico è documentato dall’apertura del saggio sui Socialisti tedeschi, apparso per i tipi di Laterza nel 1919: Pasquali lamenta che i protagonisti della rivoluzione spartachista siano «ignoti alla maggior parte del nostro pubblico anche colto, anzi in ispecie appunto al pubblico colto» (Pasquali 1919: 1), aggiungendo che tale ignoranza è dovuta, in larga misura, alla mancanza di uno scambio culturale di più ampio respiro.

Così per colpa un po’ del divieto italiano di importazione di opere tedesche, un po’ della censura tedesca, un po’ della pressione che lo spirito pubblico tedesco esercitava anche sui pensatori socialisti per loro natura più disposti a contrastarlo, noi non sappiamo come il pensiero di molti socialisti tedeschi più noti si sia orientato in ogni periodo della guerra rispetto ai problemi della guerra e della pace; e meno che mai possiamo indovinare come essi giudichino la sconfitta, come essi si delineino in mente la politica interna ed estera dello stato tedesco, come s’immaginino il futuro della nazione tedesca. (Ibidem: 3)

  • 12   Tacito, ricorda altrove Pasquali, elogiava i Germani del suo tempo proprio in quanto simili — nel (...)

23La critica pasqualiana al nazionalismo, in altre parole, si rivolge tanto alla forma italiana del fenomeno quanto a quella tedesca. È in quest’ottica che, nel 1933, Pasquali stigmatizza il razzismo germanico, temendone il tracimare verso l’Italia: nel breve articolo I purosangue, la cui prosa si distingue per la densa e fulminante energia di un vero e proprio pamphlet, lo studioso ricorda che il senso di superiorità di certi nordeuropei deriva da un costrutto culturale di stampo integralmente antico e mediterraneo, concludendo che «alla cultura mediterranea è dovuto il concetto che Semiti e Mediterranei siano razze inferiori» (Pasquali 1994, vol. I: 286)12.

24Lo stesso filellenismo tedesco è minato alla base da non poche tesi sostenute nell’Orazio lirico, uscito nel 1920 a poca distanza dall’opuscolo sui Socialisti tedeschi. Pasquali mostra, ad esempio, come la concezione che Orazio ha dell’amore e del suo ruolo sociale sia un’innovazione eminentemente romana, estranea alla poesia ellenistica e al tempo stesso comparabile a certe tendenze galanti della letteratura tedesca dell’età goethiana:

  • 13   Gran parte del merito di aver riconosciuto gli elementi autoctoni della civiltà romana (rispetto (...)

Io penso che Orazio rifletta qui [Carm. 2.8] immediatamente sentimenti della gioventù augustea; questo adorare a capo chino la donna, sia pur traditrice, sia pur dispregiatrice, questo darsi con mani e piedi legati in potere di una padrona spietata è alieno, mi pare, dallo spirito della letteratura del III secolo: la parola stessa domina manca, lo abbiamo veduto, nel linguaggio amoroso dei Greci. A molti nel leggere questa strofe verrà in mente il parco della Lili goethiana: «Ist doch keine Menagerie so bunt als meiner Lili ihre! Sie hat darin die wunderbarsten Thiere, und kriegt sie ’rein, weiss selbst nicht wie. O wie sie hüpfen, trappeln, mit abgestumpften Flügeln zappeln, die armen Prinzen allzumal, in nie gelöschter Liebesqual» [Goethe, Lilis Park (1775), 1-8]. Parlar di imitazione sarebbe assurdo, ma il tono è simile: anche qui è tratteggiata una società galante dove la donna regna, dove una creatura bella mercè il potere della sua bellezza tiene prigionieri insieme molti rivali, senza che alcuno di essi le si ribelli. Proprio la galanteria manca nella poesia ellenistica, si trova, come mostrano anche Tibullo e Properzio, nella romana. (Pasquali 1964b: 486)13

25Quella stessa ‘arte allusiva’ che Pasquali renderà celebre, e che si trova già in nuce nell’Orazio lirico, prende qui la forma di un’inattesa connessione, a grande distanza, tra la Roma augustea e la Germania goethiana. In pagine come questa, il lascito metodologico dell’Altertumswissenschaft come scienza storica universale è la cornice di un processo di auto-identificazione: paradossalmente, il principio di storicità proprio della filologia classica tedesca permette di approdare a una dimensione metastorica o persino astorica, nella quale il mondo greco e quello latino possono essere liberamente accostati e raffrontati con quelle che sono spesso percepite come le loro controparti moderne. Così, la corrispondenza biunivoca tra cultura italo-latina e greco-tedesca scongiura, nell’ideale pasqualiano, i pericoli dello sciovinismo e assicura che lo scambio intellettuale fra i due ambienti si svolga unicamente sul piano più proficuo e congeniale al progresso del sapere: quello della filologia come disciplina storica (per Pasquali, come si è visto, l’eccellenza della poesia romana coincide proprio con un raffinatissimo transfert culturale).

  • 14   Cfr. Attal 2013: 140; 143; 157; Canfora 2005: 7-8; 197; 230 (si veda anche —, 1980: 83-90); Gigan (...)
  • 15   Cfr. Obermayer 2014: 268, n. 170.
  • 16   Cfr. ibidem: 312.
  • 17   Cfr. ibidem: 583.
  • 18   Cfr. ibidem: 423, n. 53.

26Malgrado i successivi cedimenti al fascismo, sui quali tuttora si discute14, Pasquali contribuì personalmente — attraverso lettere di raccomandazione e altre attività di ‘diplomazia accademica’ — ad agevolare la fuga di colleghi tedeschi di origine ebraica dalle persecuzioni naziste. L’aiuto di Pasquali, ad esempio, fu determinante nel far ottenere a Eduard Fraenkel una cattedra a Oxford nel 1934, permettendogli così di lasciare la Germania15. Casi simili riguardano l’arrivo dell’aristotelico Ernst Kapp a Londra nel 193716 e l’emigrazione di Ernst Moritz Manasse in America nel 1938-3917. Friedrich Walter Lenz (che in realtà si chiamava Levy) insegnò a Firenze tra il 1936 e il 1938 su invito di Pasquali, sia all’Università sia al Teacher’s College e all’Istituto Superiore di Magistero, prima di emigrare a Yale18.

  • 19   Anche Bruno Snell riuscì, con l’aiuto di Pasquali, a ottenere un posto di lettore: cfr. Classen 1 (...)

27Il caso forse più emblematico è quello di Paul Oskar Kristeller: la grande stima di Gentile per i suoi lavori di storia della filosofia gli assicurò un posto di assistente della cattedra di Lingua e letteratura tedesca all’Istituto di Magistero; ma il vero Höhepunkt della carriera di Kristeller fu la sua nomina, voluta da Pasquali, Gentile, Calogero e Codignola, a lettore di lingua tedesca alla Scuola Normale Superiore di Pisa (ibidem: 432)19.

  • 20   Cfr. Raicich 1988, specialmente 188.
  • 21Testimonium Pasquali, 17.09.1938, New York Public Library, EC-Records 83.40: cit. in Obermayer 20 (...)

28Kristeller trovò dunque ospitalità nella Normale pisana dal 1933 al 1939, quando dovette emigrare oltreoceano a causa delle leggi razziali20. Nella sua testimonianza resa all’Emergency Committee in Aid of Displaced Foreign Scholars di New York, Pasquali menziona non solo l’alto valore scientifico della produzione di Kristeller, ma anche la generosità che questi dimostrava nei confronti di colleghi e studenti, comprovata in particolare dall’accoglienza spesso offerta ai «giovani pisani della Scuola Normale» nella «Nuova Collezione» rinascimentalistica21. Un allievo di Kristeller e di Pasquali, Vittore Branca, ricorderà con affetto la complementarità e il continuo interscambio fra i metodi, gli approcci, e gli insegnamenti dei due studiosi.

Spostandosi dal pianterreno ecdotico all’ultimo piano erudito, da Pasquali e Casella a Kristeller, noi già eravamo fatti avvertiti che senza filologia non ci poteva essere vera e grande erudizione, come senza erudizione non ci poteva essere, se non come esercizio laterale, vera filologia: cioè vera storia di testi e totale comprensione dei loro significati denotativi e connotativi. (Branca 1981: 138)

29Durante il periodo pisano di Kristeller, si rafforza così il dialogo tra filologia classica ‘alla tedesca’ e filologia italiana, di cui Pasquali, del resto, si era già fatto promotore nella Storia della tradizione e critica del testo: l’intero capitolo conclusivo del volume, dedicato alle varianti d’autore, aveva reso evidente il debito di Pasquali verso il lavoro di Vittorio Rossi, Giuseppe Vandelli e, soprattutto, Michele Barbi (al quale è dedicata la Preistoria) su testi di Petrarca, Boccaccio, Manzoni (Timpanaro 1981: 98). Alla luce dell’interesse pasqualiano per la mutua interazione fra ecdotica e italianistica, ben si comprende come la testimonianza presentata all’Emergency Committee in favore di Kristeller non manchi di sottolineare l’originalità e l’importanza filologica del Supplementum Ficinianum:

  • 22Testimonium Pasquali (cfr. nota 21), cit. in Obermayer 2014: 448, n. 138. Sul ruolo di Pasquali n (...)

[...] i due volumi di opuscoli inediti del Ficino da lui [Kristeller] recentemente pubblicati lo rivelano come storico e critico del testo bene informato e giudizioso. Sono il preludio di una raccolta di testi umanistici inediti e rari guidata finora in comune da G. Gentile e da lui.22

30La fruttuosa collaborazione editoriale tra Kristeller e Gentile, rimarcata nello stesso contesto, sembra quasi simboleggiare ciò che per Pasquali significa, persino in circostanze politicamente così difficili, promuovere una concreta mediazione culturale tra il mondo accademico italiano e quello tedesco. In effetti, è proprio la Scuola Normale, dove Pasquali tiene corsi di Filologia classica dai primi anni Trenta, a rappresentare per lo studioso un perfetto catalizzatore della comunicazione culturale italo-tedesca, che passa non solo attraverso l’applicazione del metodo storico-filologico, ma anche — forse soprattutto — attraverso la diffusione di un nuovo modo di intendere gli studi universitari.

  • 23   Ristampato in Pasquali 1990: 402.

31Pasquali, infatti, ritiene necessario per un professore di lettere, in particolare per un filologo classico, occuparsi di politica scolastica e culturale, oltre che dedicarsi alla divulgazione attraverso riviste e quotidiani: così afferma in un breve articolo del 1934, intitolato Il mestiere di un Weltreformer23. L’entusiastica ammirazione per il sistema accademico tedesco, considerato da Pasquali un modello da imitare (non pedissequamente, ma in maniera critica e consapevole), pervade l’intero progetto pasqualiano di riforma dell’Università italiana.

32Che cosa rende, per Pasquali, l’Università tedesca essenzialmente migliore e più efficiente rispetto alla nostra? Distinguerei due temi fondamentali sui quali si concentra la polemica pasqualiana: la libertà intellettuale degli studenti da un lato e la vita collegiale e comunitaria dall’altro. In un articolo intitolato Date respiro agli studenti, apparso su «Primato» nel maggio del 1941, Pasquali lamenta come gli universitari italiani siano incessantemente tormentati dagli «esami speciali», mentre i loro colleghi e coetanei tedeschi vengono sì valutati in base alle esercitazioni di ricerca e alla frequenza dei seminari, ma nel complesso vengono lasciati liberi di pensare e indagare in maniera del tutto indipendente. Per quanto riguarda gli studi classici, in particolare, il sistema tedesco, come Pasquali sottolinea, antepone all’incombenza dell’esame la libera e volontaria frequenza di corsi semestrali, spesso in forma seminariale:

In Germania, per certi studî, per es. appunto per i filologici, è prescritto solo che lo studente s’iscriva almeno a un corso di lezioni per ogni semestre: badate bene che quell’unico corso può anche essere di una sola ora settimanale e di materia non filologica! e badate ancora che iscriversi vuol dire pagare, non già frequentare, poiché all’obbligo della frequenza si dà così poca importanza, che appunto per i corsi teoretici la seconda firma, quella che si dovrebbe prendere e dare alla fine del semestre, è, da qualche anno in qua, abolita almeno nelle Università prussiane. Eppure appunto i filologi, che sono i più liberi o tra i più liberi, s’iscrivono e frequentano, per lo più, esemplarmente, e questo quantunque nessun corso filologico prepari materialmente all’esame o a parte dell’esame. (Pasquali 1994, vol. II: 260-263)

33L’Università italiana, invece, impegna gli studenti in una quantità di esami che, secondo Pasquali, non sempre corrisponde alla qualità del guadagno intellettuale che ne deriva:

La Germania ha in lettere solo un esame obbligatorio in fondo ai quattro o più anni, l’esame di Stato; l’Italia ne ha una trentina, e per giunta la laurea obbligatoria per tutti, che dal punto di vista professionale serve quasi soltanto come titolo di ammissione all’esame di Stato-concorso. Tali esami esigono una preparazione sommaria, il che per molti studenti significa bestialmente mnemonica, e parecchi professori (vogliamo sperare che non siano la maggioranza) secondano questa, diciamo così, concezione; altri si rassegna, mal volentieri, a tali studenti. (Pasquali 2013: 115)

34In altre parole, «Unum est necessarium, abolire gli esami speciali» (Pasquali 1978: 9). Il lavoro dello studente universitario, secondo Pasquali, culmina idealmente nella tesi di laurea, da lui concepita come massima espressione di quell’autonomia di ricerca e di giudizio che per l’università è — e deve essere — lo scopo ultimo di ogni percorso formativo, come dimostra il caso delle istituzioni universitarie tedesche:

E la laurea? A difendere la dissertazione scritta, a questi lumi di luna si corre rischio di essere presi per tedescofili: si sa che tesi di laurea in Germania ne vengono scritte e stampate molte più che in ogni altro paese: dunque in nome della cultura nazionale addosso alla tesi di laurea. Eppure io, per quanto mi converrebbe, non so rinnegare una certa tenerezza, pericolosa quanto si vuole, per questa, nel sistema presente unica prova che attesta nel giovane la capacità di ordinare in modo suo pensieri relativamente originali. Tutti gli altri esami sono riproduzione, anzi ripetizione; solo nella tesi allo studente è concesso di dire quel che pensa lui, sur un certo argomento, di esporre il frutto di ricerche sue. E vogliamo togliergli anche questa occasione? (Ibidem: 389)

35A fronte di questo principio cardine, quello dell’autonomia intellettuale di ogni membro della comunità accademica, Pasquali ricorda anche che «in Germania era punito lo studente che si fosse allontanato dalla città universitaria senza permesso» (ibidem: 329): l’università è un mondo a sé stante, i cui componenti sono chiamati a condurre una vita comunitaria di carattere pressoché cenobitico.

36Lungi dal trovarsi in reciproca contraddizione, le due tesi centrali del progetto accademico pasqualiano sono mutuamente corroborate attraverso un ‘assioma’ che le implica entrambe: l’idea, anch’essa ispirata al concetto tedesco di studi universitari, che l’università stessa sia «istituzione scientifica ma anche umana, cioè sociale» (ibidem: 330). Lo confermano i ritratti pasqualiani dei grandi filologi che costellano le Pagine stravaganti, tutti accomunati dal rilievo conferito all’equivalenza tra didattica e dialettica, tra insegnamento umanistico e dialogo umano di maestri e allievi. L’esempio più compiuto — o forse il solo — della realizzazione di un simile progetto è, per Pasquali, la Scuola Normale. A Pisa, il collegio sottrae i giovani al contesto familiare e li rende indipendenti (ciò che Gottinga aveva fatto al giovane Pasquali). Benché persino i normalisti pisani siano, secondo Pasquali, fin troppo oberati di lavoro, la Scuola favorisce al meglio la crescita personale e culturale degli studenti proprio grazie alla vita collegiale e alla comunanza degli studi:

Io dirigo da più di dieci anni un seminario e un proseminario nella Normale di Pisa, e non so immaginare una comunità più perfetta. Gli studenti abitano ciascuno in una camera ariosa, arredata ottimamente, riscaldabile, illuminata in modo tale che si possa studiare la notte senza sforzo e nocumento degli occhi. [...] Se dovessi proporre qualche modificazione, cercherei di alleviare il peso degli scolari, talvolta disumano: esso scemerebbe di per sé, se l’università attuasse più liberi ordinamenti, quelli per cui combatto da venticinqu’anni. Nella scuola, semmai, si studia troppo la notte; io soglio dire scherzando che si lavora a turni («Schichten», dicono i Tedeschi), proprio come nelle miniere: una metà va a letto tardi e desta l’altra, che preferisce levarsi di buon mattino. E il lavoro è veramente comune, e la comunanza diviene ogni giorno più intima: ognuno comunica all’altro studi e risultati, anche, temo, errori. [...] A un legame così stretto e così fecondo non potranno mai arrivare gli altri collegi di oggi, perché non ordinati secondo comunanza di studi; purtroppo anche meno quei collegi futuri nei quali ogni studente potrà essere ammesso pagando una retta. (Ibidem: 329-331)

  • 24   Cfr. Bornmann 1988.

37I seminari tenuti da Pasquali alla Scuola Normale testimoniano della costante attenzione rivolta dal filologo alle scoperte più recenti della filologia e della papirologia24: i suoi corsi affiancano autori da lungo tempo ‘canonici’ (Eschilo, Platone, Cicerone, Orazio) ad altri, non ritenuti in quegli anni autori ‘di pubblico dominio’ (Menandro, Callimaco, Ennio), ma sui quali si concentravano gli sforzi più recenti dell’‘avanguardia’ antichistica sia tedesca sia italiana. Ecco uno schizzo dell’esperienza vissuta da chi ai seminari pasqualiani ha potuto prendere parte:

Pasquali, che non amava le lezioni cattedratiche e le esposizioni mnemoniche, era incomparabile nei seminari in cui dava tutto se stesso con una prodigalità istintiva e vivace e in cui gli scolari rivelavano quello che era in loro di capacità e di cultura. La Scuola ha così visto sorgere, giorno per giorno, le idee direttrici delle opere più importanti di Pasquali filologo, le ha discusse fin dal momento in cui nacquero e molti stimoli sono venuti proprio in questo continuo, socratico scambio di idee con gli scolari di Firenze e di Pisa. (Bolelli 1953: 3)

38Il seminario, dunque, visto come luogo di nascita e sviluppo di un pensiero in fieri, anziché come luogo di trasmissione di una conoscenza già formata e codificata: visto, in altre parole, come Seminar alla tedesca, e dunque come fondamento e punto di partenza di quel progetto di riforma del sistema universitario italiano che Pasquali va elaborando e difendendo per l’intera durata del suo servizio accademico a Firenze e a Pisa. Che la riforma universitaria concepita da Pasquali si configuri come aspetto di un Kulturtransfer italo-tedesco è reso evidente dalle parole con cui Pasquali stesso annuncia la pubblicazione del volume L’università di domani all’amico Max Pohlenz, in una lettera del 14 febbraio 1923:

  • 25   Cit. in Bossina 2003: 19.

In diesen Tagen erscheint von mir ein für das ital. Publikum bestimmter Band über ‘l’Università di domani’; in der Vorrede komme ich auf das Verhältnis zwischen uns u. den deutschen Kollegen zu sprechen, wozu unter dieser Regierung etwas Freimut gehört.25

39L’opuscolo pasqualiano è pensato «per il pubblico italiano» proprio in quanto parte integrante di un progetto di transfert culturale: al di là dell’autocelebrazione, l’accenno di Pasquali alla propria «franchezza» documenta la convinzione del filologo che l’impegno in una simile opera di mediazione non debba cedere neppure di fronte al nazionalismo del governo fascista. In questa cornice, non potrebbe essere più chiara quella concatenazione di corrispondenza privata (con studiosi tedeschi) e interventi di più larga scala nel dibattito pubblico che caratterizza il transfert pasqualiano.

  • 26   Rist. in Pasquali 1976: 687-689, qui 689.

40Nell’auto-recensione a L’università di domani, intitolata appunto L’università di domani di un «Weltreformer» (1923), Pasquali dichiara di non voler dissimulare, per timore delle accuse dei nazionalisti, «che l’Università, come noi la ideiamo per un prossimo domani, è molto simile all’Università, come è ora attuata nella vinta Germania»26. Il cerchio si chiude: dai dibattiti teorici e metodologici intorno allo statuto della Scienza dell’antichità, dominati nel Pasquali classicista dal magistero della filologia tedesca, si approda alla concretizzazione pratica del tipo di sistema universitario più congeniale, per il Pasquali riformatore, al progresso delle scienze dello spirito e alla maturazione intellettuale dell’individuo — un sistema esplicitamente modellato sull’esempio dell’Università tedesca.

  • 27   Cfr. Bossina 2012: 11.

41Una volta esaminato il ruolo di Pasquali come mediatore culturale, non resta che chiedersi se lo studioso sia stato anche, in senso letterale oltre che metaforico, ‘traduttore’ di cultura tedesca in Italia. La risposta, seppur nell’ambito relativamente limitato della filologia classica, è affermativa. Pasquali, in un primo tempo sfavorevole alle traduzioni italiane di libri stranieri (avrebbero scoraggiato, a suo dire, l’apprendimento delle lingue), si prodiga nel 1947 presso la Nuova Italia perché quest’ultima commissioni la traduzione di due ponderosi volumi di Max Pohlenz, l’Uomo greco e la Stoa27.

  • 28Ibidem 16.

42Preceduto e accompagnato dalla corrispondenza privata tra i colleghi tedeschi e Pasquali stesso, il processo di ‘importazione’ in Italia della nuova filologia classica approda, nel 1952, alla traduzione italiana della Textkritik di Paul Maas, da cui era già scaturita (inizialmente attraverso una recensione) la Storia della tradizione e critica del testo28. L’arte della traduzione, che per il Pasquali della Preistoria aveva rappresentato l’essenza stessa del rapporto della cultura romana con quella greca, diviene ora, per il Pasquali Weltreformer, uno strumento chiave della diffusione della scienza tedesca in Italia.

43Non c’è confine sostanziale, dunque, tra l’interpretazione pasqualiana della filologia classica tedesca (quella degli Schwartz e dei Wilamowitz) in Italia e lo sforzo di integrare il modello tedesco nel sistema accademico italiano: i due progetti sono anzi funzionali l’uno all’altro. Che il programma di Pasquali non abbia trovato attuazione, né durante né dopo la vita del filologo, non ha importanza in questa sede: ciò che ci si è proposti di mostrare è l’esigenza di una visione unitaria, ‘seeing Pasquali whole’, del pensiero dello studioso, il cui rivoluzionario contributo alla filologia classica è inscindibile dalla sua attività militante di Weltreformer.

44In conclusione, nel transfert pasqualiano si intrecciano, come qui si intendeva mostrare, le tre componenti identificate da Espagne e Werner come fondamentali in ogni relazione interculturale: la corrispondenza privata su temi scientifici e politici scorre parallela ai diretti interventi, spesso polemici, nel dibattito pubblico (sia quello scientifico sia quello politico-universitario) e alle traduzioni di opere straniere. La mediazione culturale italo-tedesca, promossa da Pasquali soprattutto in campo accademico e filologico, è forse solo un aspetto — seppur probabilmente il più notevole — di quell’unità della cultura europea in cui il filologo vede una delle maggiori forze di sviluppo storico e letterario nell’intero continente.

45Come dichiarato all’avvio dell’opuscolo Filologia e storia, infatti, Pasquali crede a una Weltliteratur paneuropea. Il passo, di lunghezza considerevole, merita di essere citato per intero:

L’autore del presente libriccino, mentre stima pazzia razionalistica la Lega delle Nazioni, mentre giudica concetto assurdo quello di Stati ai quali dello Stato manchi l’attributo essenziale, la sovranità, crede all’unità dello spirito europeo, dello spirito umano. Egli si sente insieme Italiano ed Europeo, quantunque consideri i doveri verso la propria comunità statale, l’Italia, superiori a quelli verso la propria comunità di cultura, l’Europa civile, il mondo civile. Egli crede alla Weltkultur e in certa misura anche alla Weltliteratur. Una Weltliteratur c’è dal giorno nel quale l’uomo colto romano, senza rinunciare all’uso della lingua latina, studiò il greco, sentì capolavori greci, li imitò. Una Weltliteratur ci fu nell’alto Medioevo e nel Rinascimento, quando scrittori di ciascuna nazione scrivevano in una lingua internazionale, il latino, per un pubblico di tutte le nazioni; ci fu nel Trecento, quando l’uomo colto italiano leggeva e componeva poesie francesi e provenzali. Essa ci fu di nuovo nel secolo XVII, quando il colto gentiluomo inglese sapeva d’italiano e di spagnolo, per fini non soltanto e non principalmente pratici, ma essenzialmente artistici. Ci fu di nuovo nel secolo XVIII, quando sul Continente ogni persona educata liberalmente lesse nell’originale romanzieri, poeti, filosofi francesi e inglesi. Essa ci è ancor oggi. (Pasquali 1964a: 2-3)

  • 29   Eckermann 2008 (specialmente il colloquio del 31 gennaio 1827). Si veda inoltre Strich 1957: 369- (...)

46Se la Weltliteratur europea comincia, per Pasquali, proprio con quella mediazione culturale greco-romana che era stata il punto cardine della Preistoria, il fenomeno prosegue di lì quasi ininterrotto, ma sempre in forme diverse, attraverso i secoli. È indubbio che il modello pasqualiano di Weltliteratur, evidentemente limitato alla cultura europea (e derivante, in ultima analisi, da un’idea goethiana)29, abbia confini ben più ristretti del concetto di World Literature attualmente in voga tra gli studiosi di letterature comparate. Nondimeno, le parole di Pasquali sull’unità europea, concepita anzitutto come unità culturale e civile, non possono che trasmettere un’eco carica di significato alle orecchie del lettore odierno. La riforma del mondo, in Pasquali, parte da quella dell’educazione.

Bibliographie

Arrighetti G., 2014, Pasquali ritrattista, in S. Audano-D. Minutoli-R. Pintaudi (a cura di), Giorgio Pasquali sessant’anni dopo, Firenze, Accademia Fiorentina di Papirologia.

Attal F., 2013, Histoire des intellectuels italiens au XXe siècle, Paris, Les Belles Lettres.

Audano S.-Minutoli D.-Pintaudi R. (a cura di), 2014, Giorgio Pasquali sessant’anni dopo, Firenze, Accademia Fiorentina di Papirologia.

Bolelli T., 1953, Giorgio Pasquali alla Scuola Normale, «Annali della Scuola Normale Superiore di Pisa. Lettere, Storia e Filosofia» 22: 1-4.

Bornmann F., 1988, L’attività di insegnamento di Giorgio Pasquali nelle università di Firenze, Pisa e Kiel, in Giorgio Pasquali e la filologia classica del Novecento, Firenze, Olschki: 267-276.

Bossina L., 2003, Lettere inedite di Giorgio Pasquali a Max Pohlenz. Un epistolario ritrovato a Gottinga cinquant’anni dopo, «Studi italiani di filologia classica» 4: 13-28.

Bossina L., 2012, Stoa, Ellenismo e catastrofe tedesca, Bari, Edizioni di Pagina.

Bossina L., 2016, Giorgio Pasquali e la filologia come scienza storica, in D. Lanza-G. Ugolini (a cura di), Storia della filologia classica, Roma, Carocci: 277-314.

Branca V., 1981, La lezione umanistica di Paul Oskar Kristeller, «Versants» 1: 135-142, orig. prolusione del 3.10.1980 al Centro Studi sul Rinascimento di Palazzo Strozzi, in occasione della presentazione a Paul Oskar Kristeller di un volume di studi in onore del suo 75° compleanno.

Bravo B., 1983, Giorgio Pasquali e l’eredità del XIX secolo, in M. Bollack-H. Wismann (Hrsg.), Philologie und Hermeneutik im 19. Jahrhundert II / Philologie et herméneutique au 19ème siècle II, Göttingen, Vandenhoeck & Ruprecht: 333-373.

Canfora L., 1980, Ideologie del classicismo, Torino, Einaudi.

Canfora L., 1983, Vitelli e le correnti nazionalistiche prima del 1918, in M. Bollack-H. Wismann (Hrsg.), Philologie und Hermeneutik im 19. Jahrhundert II / Philologie et herméneutique au 19ème siècle II, Göttingen, Vandenhoeck & Ruprecht.

Canfora L., 2005, Il papiro di Dongo, Milano, Adelphi.

Canfora L., 2014, Pasquali e la Germania: i socialisti tedeschi, in S. Audano-D. Minutoli-R. Pintaudi (a cura di), Giorgio Pasquali sessant’anni dopo, Firenze, Accademia Fiorentina di Papirologia: 29-36.

Cagnetta M., 1998, Croce vs. Pasquali: quale storicismo?, «Quaderni di Storia» 48: 5-32.

Classen C. J., 1988, L’influsso di Giorgio Pasquali sulla filologia classica in Germania, in F. Bornmann (a cura di), Giorgio Pasquali e la filologia classica del Novecento, Firenze, Olschki: 135-158.

Eckermann J. P., 2008, Conversazioni con Goethe, trad. di A. Vigliani, Torino, Einaudi.

Espagne M.-Werner M., 1985, Deutsch-französischer Kulturtransfer im 18. und 19. Jahrhundert, «Francia» 13: 502-510.

Espagne M.-Werner M., 1987, La construction d’une référence culturelle allemande en France: genèse et histoire (1750-1914), «Annales. Économies, Sociétés, Civilisations» 42: 969-992.

(a cura di), 1988, Transfert. Les relations interculturelles dans l’espace franco-allemand (XVIIIe et XIXe siècle), Paris, Éditions recherche sur les civilisations.

Gadda C. E., 1952, [Recensione a Giorgio Pasquali, Pagine Stravaganti], «L’approdo letterario» 1: 92.

Gigante M., 1989, Classico e mediazione. Contributi alla storia della filologia antica, Roma, Carocci.

Giordano F., 2013, Lo studio dell’antichità. Pasquali e i filologi classici, Roma, Carocci.

Gomez Gane Y., 2001, Giorgio Pasquali — Angiolo Nosei. Un carteggio privato, ma non solo, «Atene e Roma» 46: 37-44.

Lanza D., 2013, Interrogare il passato. Lo studio dell’antico tra Otto e Novecento, Roma, Carocci.

Marchand S. L., 1996, Down from Olympus. Archaeology and Philhellenism in Germany, 1750-1970, Princeton, Princeton University Press.

Obermayer H. P., 2014, Deutsche Altertumswissenschaftler im amerikanischen Exil. Eine Rekonstruktion, Berlin, De Gruyter.

Pasquali G., 1919, Socialisti tedeschi, Bari, Laterza.

Pasquali G., 1934, Storia della tradizione e critica del testo, Firenze, Le Monnier.

Pasquali G., 1951, Italia tormentata, «Il Ponte» 7: 710-724.

Pasquali G., 1964a, Filologia e storia, Firenze, Le Monnier.

Pasquali G., 21964b, Orazio lirico. Studi, Firenze, Le Monnier.

Pasquali G., 1976, L’università di domani di un «Weltreformer», «Belfagor» 31: 687-689.

Pasquali G., 1978, Scritti sull’università e la scuola, a cura di P. Calamandrei, Firenze, Sansoni.

Pasquali G., 1981, Preistoria della poesia romana, Firenze, Sansoni.

Pasquali G., 1984, Ich, Giorgio Federico Guglielmo Ercole Francesco, «Belfagor» 39: 686-689.

Pasquali G., 1986a, Scritti filologici, a cura di F. Bornmann-G. Pascucci-S. Timpanaro, Firenze, Olschki.

Pasquali G., 1986b, Rapsodia sul classico. Contributi all’Enciclopedia Italiana, a cura di F. Bornmann-G. Pascucci-S. Timpanaro, Roma, Istituto dell’Enciclopedia Italiana

Pasquali G., 1990, Il mestiere di un Weltreformer, «Belfagor» 45.

Pasquali G., 1994, Pagine stravaganti di un filologo, a cura di C. F. Russo, 2 voll., Firenze, Le Lettere (1952).

Pasquali G., 2013, Storia dello spirito tedesco nelle memorie d’un contemporaneo, a cura di M. Romani Mistretta, Milano, Adelphi (prima ed. 1952, Firenze, Le Monnier).

Raicich M., 1988, Pasquali e la politica scolastica e universitaria: momenti e documenti, in F. Bornmann (a cura di), Giorgio Pasquali e la filologia classica del Novecento, Firenze, Olschki: 179-202.

Romagnoli E., 1917, Minerva e lo scimmione, Bologna, Zanichelli.

Strich F., 1957, Goethe und die Weltliteratur, Bern, Francke.

Timpanaro S., 1981, La genesi del metodo del Lachmann, Padova, Liviana (prima ed. 1963, Firenze, Le Monnier).

Vitelli G., 1962, Filologia classica... e romantica, Firenze, Le Monnier (1917).

Notes

1   Qualche esempio: Audano-Minutoli-Pintaudi (a cura di) 2014; Giordano 2013; Gomez Gane 2001; Bravo 1983.

2   Espagne-Werner 1987, in particolare 985-986. Si veda anche —, 1985: 502-510; —, 1988, in particolare 11-34.

3   Il libro di Jemolo è una raccolta di saggi usciti sul «Ponte» stesso, prevalentemente incentrati sui rapporti tra Stato e Chiesa e sulle politiche scolastiche e universitarie in Italia.

4   A parere di Arrighetti 2014, per «europei» Pasquali intende più probabilmente i dotti e gli studiosi d’Europa che i popoli del continente in generale.

5   Cfr., ad esempio, Pasquali 1994, vol. II: 217: «Uscito appena dall’università e ottenuto un assegno ministeriale per studiare un anno all’estero, dovunque volessi, avevo scelto Gottinga. Se avessi avuto qualche anno di più, avrei preferito Berlino o Monaco, le città universitarie nelle quali si sente pulsare la vita tedesca. A ventitré anni, come capita a ragazzi troppo studiosi, non ero ancora ansioso di vita; e scelsi senza esitare un momento la città che era università, grande università e nulla più; e presi il treno».

6   Cfr. Pasquali 1986a: 772; si veda inoltre Lanza 2013: 69. È noto il giudizio complessivo che Pasquali dà dell’opera di Wilamowitz nella voce omonima dell’Enciclopedia Italiana: «A lui toccò il compito di distruggere i Greci della fable convenue classicistica e quelli del mito romantico. Egli non misurò la letteratura di altri tempi alla stregua di quella del periodo classico, con la quale per lo più non è commensurabile, ma considerò ogni età in sé, nella sua individualità, e cercò in ciascuna il criterio immanente per valutarla» (Pasquali 1986b: 324).

7   Cfr. Gigante 1989: 110.

8   Cfr., ad esempio, Pasquali 1964a: 50: «La filologia non è né scienza esatta né scienza della natura, ma, essenzialmente se non unicamente, disciplina storica: questo sa qualunque filologo serio abbia riflettuto un poco sul proprio mestiere».

9   Cfr. Marchand 1996: 231; Canfora 1983: 310.

10   Cfr. Marchand 1996: 124-151; 302-303. Sullo scetticismo di Pasquali nei confronti di certi eccessi del nietzscheanesimo tedesco, e anche del cosiddetto ‘terzo umanesimo’, si veda Pasquali 2013: 68; 165.

11   Cfr. Cagnetta 1998, qui 6.

12   Tacito, ricorda altrove Pasquali, elogiava i Germani del suo tempo proprio in quanto simili — nella sua concezione — ai nobili e schietti Romani dell’Italia arcaica: «è dimostrato che Tacito in tutta la Germania ha la mira non soltanto alla tralignata Roma moderna ma alla Roma antica, all’Italia antica, nonostante la diversità delle apparenze, così simile alla Germania; anche se spesso non esprime lui il confronto, ma lascia al lettore il facile ufficio d’indovinarlo» (Pasquali 1986a: 674). I presupposti stessi del filellenismo tedesco (o, quantomeno, di certe sue punte estreme, come quelle tipiche dei nuovi nietzscheani o del George-Kreis) sono integralmente rovesciati.

13   Gran parte del merito di aver riconosciuto gli elementi autoctoni della civiltà romana (rispetto alle importazioni culturali dalla Grecia) è attribuita da Pasquali già allo stesso Wilamowitz (cfr. Giordano 2013: 69-70). Sul concetto di allusione nell’Orazio lirico si veda ora Bossina 2016: 287-288.

14   Cfr. Attal 2013: 140; 143; 157; Canfora 2005: 7-8; 197; 230 (si veda anche —, 1980: 83-90); Gigante 1989: 119.

15   Cfr. Obermayer 2014: 268, n. 170.

16   Cfr. ibidem: 312.

17   Cfr. ibidem: 583.

18   Cfr. ibidem: 423, n. 53.

19   Anche Bruno Snell riuscì, con l’aiuto di Pasquali, a ottenere un posto di lettore: cfr. Classen 1988: 157, n. 83.

20   Cfr. Raicich 1988, specialmente 188.

21Testimonium Pasquali, 17.09.1938, New York Public Library, EC-Records 83.40: cit. in Obermayer 2014: 468; n. 209.

22Testimonium Pasquali (cfr. nota 21), cit. in Obermayer 2014: 448, n. 138. Sul ruolo di Pasquali nel promuovere l’emigrazione di colleghi tedeschi durante il nazismo, si veda ancora Obermayer 2014: 268; 312; 428; 471; 573; 575, n. 64; 583, n. 97.

23   Ristampato in Pasquali 1990: 402.

24   Cfr. Bornmann 1988.

25   Cit. in Bossina 2003: 19.

26   Rist. in Pasquali 1976: 687-689, qui 689.

27   Cfr. Bossina 2012: 11.

28Ibidem 16.

29   Eckermann 2008 (specialmente il colloquio del 31 gennaio 1827). Si veda inoltre Strich 1957: 369-372.

Auteur

Laureatosi in Lettere classiche presso l’Università di Pisa e la Scuola Normale Superiore, ha conseguito il dottorato in Filologia Classica all’Università di Harvard nel 2018. La sua attività di ricerca si concentra nel campo della filosofia antica e della storia intellettuale della scienza nell’antichità. Si è anche occupato di storia degli studi classici italiani e tedeschi, in particolare curando la riedizione della Storia dello spirito tedesco nelle memorie di un contemporaneo di Giorgio Pasquali (Milano, Adelphi 2013). Ha scritto, inoltre, di poesia latina e della sua fortuna nell’Europa moderna. Le sue pubblicazioni più recenti comprendono articoli e note apparsi su riviste specializzate, tra cui «Materiali e discussioni», «Atene e Roma», «The Classical Quarterly» e «The International Journal of the Classical Tradition»

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search