Version classiqueVersion mobile

La densità meravigliosa del sapere

 | 
Maurizio Pirro

La letteratura tedesca nelle rassegne bibliografiche italiane tra le due guerre

Natascia Barrale

Texte intégral

1. Il secolo delle riviste?

1Parafrasando Contini e la sua definizione di «secolo di prosa» – riferita al XIX secolo – Giuseppe Langella (1982: 3) ha definito il Novecento, e forse non a torto, il «secolo delle riviste». Effettivamente, all’indomani della Grande Guerra, in un periodo ricco di nuove istanze culturali, novità politiche e cambiamenti legati al mondo intellettuale, il forte desiderio di uscire dalla tradizione si concretizzò in un proliferare di riviste d’arte, culturali e letterarie, di bollettini informativi e di rassegne bibliografiche. Su uno dei primi numeri de «I libri del giorno» lo scrittore Antonio Baldini, commentando la grande fioritura della stampa periodica italiana, canzonava quanti sembravano esser nati «col bernoccolo di fondatore di riviste letterarie» (Baldini 1920: 175). Era ancora il 1920 e Baldini, che a sua volta aveva appena fondato «La Ronda» con Emilio Cecchi e Riccardo Bacchelli, annotava alcune ironiche osservazioni su un fenomeno che, almeno per tutto il decennio successivo, avrebbe raggiunto dimensioni sempre più considerevoli.

2Il gran numero di riviste pubblicate fra le due guerre però, è il caso di dirlo, fu inversamente proporzionale alla loro durata: molti di questi organi di stampa nacquero spontaneamente, sotto la spinta di un bisogno di espressione che, quando mutarono i tempi o quando gli autori che avevano dato loro vita trovavano altri canali d’espressione, si esaurì presto, a volte dopo pochi mesi dalla loro fondazione.

3È doveroso sottolineare in apertura che l’uso della stampa periodica come lente attraverso cui leggere un momento storico-letterario si presta a qualche perplessità: «la linea delle riviste e i gusti personali dei recensori certo non possono riflettere uno specchio omogeneo e completo su qualsiasi dato editoriale» (Tortorelli 1997: 161), e la stessa lettura dei dati difficilmente può risolversi in una campionatura esaustiva. Dal punto di vista della storia della ricezione delle letterature straniere, una rivista o una rassegna bibliografica, come qualunque altro agente di Kulturtransfer, è certamente un intermediario tutt’altro che imparziale: gli articoli o le recensioni su un autore nuovo coincidono quasi sempre con le intenzioni programmatiche o di genere del periodico, specie nel caso di organi di matrice editoriale, ovvero diretti e pubblicati da editori con la volontà di promuovere i propri prodotti. Tuttavia resta indiscussa la portata del fenomeno della stampa periodica nella prima metà del Novecento: se le motivazioni che risiedono alla base della scelta di importare una certa letteratura in Italia si inscrivono nel rapporto che di volta in volta si instaura fra l’opera e un dato orizzonte di ricezione, una ricognizione accurata della presenza della letteratura tedesca sulla pubblicistica, spazio in fieri per eccellenza, consente una panoramica piuttosto fedele della sua ricezione in Italia fra le due guerre.

2. Le rassegne bibliografiche

4Al di là delle singole peculiarità e dei singoli gruppi redazionali, nella stampa letteraria italiana fra le due guerre sembra di poter distinguere due tipologie di periodici: le numerosissime ‘riviste di cultura’ o ‘riviste letterarie’ da una parte, e il più esiguo numero di ‘riviste’ o ‘rassegne bibliografiche’ dall’altra. Le prime prediligono per lo più articoli lunghi e brani antologici di autori italiani o stranieri in traduzione; le seconde, di cui mi occuperò qui, presentano una struttura fissa, suddivisa in rubriche dedicate ai vari ambiti del sapere, quasi esclusivamente destinate ad accogliere una grande quantità di recensioni.

  • 1   Nel 1923 Prezzolini definì le rassegne come dei «bollettini bibliografici attraenti, vere piccole (...)

5Si tratta di una tipologia di stampa periodica meno studiata – certamente meno di quanto lo siano state grandi riviste letterarie come «La Voce», «Solaria» e «900» –, i cui esempi più noti alla critica sono forse i due mensili «L’Italia che scrive» di Formìggini e «I libri del giorno» dell’editore Treves. Caratteristiche comuni delle rassegne bibliografiche furono l’eclettismo e l’ambizione a raggiungere un vasto pubblico: basti pensare alla «Fiera letteraria», che già dal nome si contrapponeva alla ‘torre d’avorio’ in cui il letterato è solito rinchiudersi, proponendo la fiera, un luogo di incontro dove è possibile utilizzare un linguaggio di mercanti e giocolieri. L’obiettivo dei promotori era conciliare le caratteristiche del bollettino informativo, agile strumento bibliografico concepito per ragguagliare sulle novità letterarie del momento, con più concrete strategie di autopromozione degli editori. Ne nacque un ibrido, a metà strada tra rivista e bollettino: una versione ‘pop’ e a larga diffusione delle grandi riviste culturali. Promuovendo insieme informazione, intrattenimento e riflessione critica, le rassegne offrivano possibilità diverse di lettura, coinvolgendo sia gli addetti ai lavori che il lettore occasionale (Fava 2004: 40)1.

  • 2   Cfr. Vigorelli 1965.

6Questa nuova forma di periodico, quasi artigianale, spesso legato all’iniziativa di un piccolo gruppo di persone, svolse la «funzione capitale», come la definì Giancarlo Vigorelli, di «fiutare i libri», di mettere sulla giusta pista per scoprire un nome o un libro nuovo2. L’attività culturale delle rassegne fu spesso il prodotto di rapporti personali, piuttosto che di schieramenti precostituiti e di rigide scuole letterarie. Al loro interno nacque un dibattito letterario che non avrebbe trovato spazio nelle istituzioni del passato: scomparsi progressivamente i vecchi circoli aristocratici, e rimasto solido il fronte accademico delle università, le rassegne – e alcune riviste – si proposero come un luogo nuovo di cultura, una modalità alternativa di circolazione della cosiddetta cultura ‘militante’, distante sia dagli organi accademici che dall’ufficialità anacronistica dei salotti letterari, fondata sull’attualità e rivolta a un pubblico più esteso, ma pur sempre colto e curioso.

7La loro principale innovazione risiedeva nella stretta collaborazione, in sede redazionale, tra figure differenti: consulenti editoriali, traduttori, recensori, talvolta anche autori. Questo interscambio sinergico diede vita ad una nuova modalità di Kulturtransfer, portata avanti da una nuova leva di mediatori culturali, i cui contatti diretti, i viaggi all’estero, gli scambi epistolari, confluivano in una sorta di elaborazione collettiva e aperta, fatta di scoperte in libreria e dialoghi nei caffè e negli uffici di case editrici e tipografie, e caratterizzata dal passaggio frequente dei redattori da una testata all’altra.

8Spesso le principali funzioni della mediazione letteraria erano ricoperte da singoli esperti, che – già allora come oggi – erano al tempo stesso traduttori, consulenti editoriali e recensori: Lavinia Mazzucchetti, Enrico Rocca e Bruno Vignola traducevano, segnalavano nuovi libri da tradurre (additandone altri da evitare rigorosamente) e recensivano a vicenda le traduzioni dell’uno e i saggi critici dell’altro, dando vita a un vivace dibattito fra addetti ai lavori che però, grazie allo stile agile e divulgativo tipico della rassegna bibliografica, risultava estremamente accessibile al vasto pubblico. Nell’ampia diffusione e nell’uscita dai circuiti accademici le rassegne definiscono la propria identità e trasferiscono cultura attraverso un’attività intellettuale che, pur raggiungendo un alto livello critico, resta genuinamente priva di ogni forma di autocompiacimento.

9Un bilancio della presenza della letteratura tedesca contemporanea su questo tipo di pubblicistica, come si vedrà, funge da cartina di tornasole dei rapporti politici e culturali fra Germania e Italia tra le due guerre. Di seguito si cercherà di indagare il ruolo svolto dalle rassegne bibliografiche nella ricezione della letteratura tedesca tra le due guerre in Italia. Il corpus selezionato è composto dalle seguenti rassegne bibliografiche: «L’Italia che scrive» (1918-1943) di Formìggini; «I Libri del giorno» (1918-1929) dei fratelli Treves, che dal 1930 viene assorbita dalla già esistente «Leonardo» (1925-1930; 1930-1947); «Pègaso» (1929-1933) e «Pan» (1933-1935), entrambe dirette da Ugo Ojetti.

3. «L’Italia che scrive. Rassegna per coloro che leggono – Supplemento mensile a tutti i periodici» (1918-1943)3

  • 3   Da qui in poi: «ICS».
  • 4   Formìggini si suicidò il 29 novembre del 1938 come gesto di protesta contro i provvedimenti razzi (...)

10Col sottotitolo «rassegna per coloro che leggono», l’«ICS», fondata, diretta ed edita da Angelo Fortunato Formìggini4, si autodefinì uno strumento di informazione bibliografica alla portata di tutti. La rassegna si professò estranea alla politica e quindi a compromettenti vicinanze ideologiche. Da numerosi editoriali trapela in modo netto l’antifascismo del direttore, tuttavia non mancarono recensioni di opere storiche che inneggiavano al fascismo. Formìggini non selezionava i propri collaboratori in base al credo politico: non stupisce quindi che al fianco di intellettuali antifascisti (Arrigo Cajumi, Alberto Giannini, Adriano Tilgher, Mario Ferrara) compaia il nome di Alfredo Panzini, firmatario nel 1925 del Manifesto degli intellettuali fascisti, redatto da Giovanni Gentile. Gradualmente l’«ICS» dovette infatti cedere e scendere a compromessi col regime. Nel 1923 uno scontro con Gentile portò Formìggini a ridurre gli articoli polemici sul commercio librario e ad aumentare le rubriche umoristiche. Anche dal punto di vista grafico, la sobria copertina azzurra che contraddistingueva il periodico venne mantenuta fino al 1934, quando Giuseppe Zucca assunse per breve tempo il ruolo di condirettore e convinse Formìggini a modificarne l’aspetto grafico con colori più sgargianti tendenti all’arancione, allineandosi nella veste alle tinte dominanti di altre pubblicazioni fasciste, come «Critica fascista» (Fava 2004: 53).

11Ciascun fascicolo dell’«ICS» è suddiviso in rubriche: Periodici italiani (brevi schede dei periodici contemporanei); Confidenze degli autori e Confidenze degli editori (annunci di progetti futuri); Recentissime (informazioni sulle ultime pubblicazioni); Profili (schede su autori italiani contemporanei); Rubrica delle rubriche (notizie sul mondo editoriale e librario), ecc. Il cuore e l’aspetto peculiare del periodico, oltre che la parte più corposa, fu però la rubrica Notizie bibliografiche, uno strumento completo e aggiornato di informazioni bibliografiche su pubblicazioni italiane e straniere. La rubrica è suddivisa in ambiti disciplinari che consentono un’agile consultazione da parte del lettore: Letteratura contemporanea, Letterature straniere in Italia, Letteratura italiana all’estero, Letteratura per fanciulli, ecc.

  • 5   Nella stima dei 700 autori stranieri, Tortorelli include opere letterarie e non, così suddivise: (...)

12Nel panorama della stampa periodica di quegli anni l’«ICS» si distingue per l’enorme quantità di libri stranieri recensiti: più di 700 dal 1918 al 1938, come riporta Tortorelli5. Secondo Formìggini la chiave per un salutare scambio di idee e per il superamento dell’arretratezza culturale italiana risiedeva proprio nella ricezione delle letterature straniere:

  • 6   L’articolo è da attribuire allo stesso Formìggini.

Il tradurre dalle letterature straniere è senza dubbio uno dei principali e più efficaci mezzi per ampliare le nostre conoscenze, elevare il pensiero a più alte e più complesse concezioni, arricchire e rammodernare di continuo la lingua e la tecnica dell’espressione, aprire nuove vie all’ispirazione degli artisti e dei poeti. (Anonimo 1918a: 9)6

  • 7   Cfr. Anonimo 1919. Cfr. anche P. E. Pavolini 1922a e C. Pavolini 1923a.
  • 8   Cfr. Anonimo 1920; C. Pavolini 1922a; –, 1922b; –, 1923b; P. E. Pavolini 1923a.
  • 9   Cfr. P.E. Pavolini 1922b; –, 1922c.
  • 10   Cfr. P.E. Pavolini 1923b; –, 1926a; Botti 1926.
  • 11   Cfr. P.E. Pavolini 1926b.
  • 12   Cfr. P.E. Pavolini 1923c; –, 1923d.

13Riguardo alla letteratura tedesca, fino al 1930 – salvo qualche eccezione – si recensirono quasi esclusivamente classici in traduzione (come l’epistolario di Kleist7, le poesie di Heine tradotte da Vincenzo Errante8, la prosa di Keller9, le opere di Goethe10 e Schiller11). Tranne due o tre interventi anonimi, le recensioni portano quasi tutte la firma di Paolo Emilio Pavolini. Le uniche segnalazioni antecedenti al 1930 di opere tedesche contemporanee si devono invece al figlio di Pavolini, Corrado, fratello maggiore di Alessandro, ben noto gerarca fascista che, dopo l’8 settembre, sarà a capo delle Brigate Nere12.

  • 13   Cfr. Caprile 1930a; –, 1930b; –, 1930c; –, 1930d; –, 1932.

14A partire dal 1930 crebbe l’interesse per i contemporanei grazie all’ingresso in redazione di Enrico Caprile, traduttore dall’inglese per Sonzogno. Pur riferendo solo di opere in traduzione, Caprile dedicò molto spazio alla letteratura contemporanea, recensendo la traduzione di Lavinia Mazzucchetti di Disordine e dolore precoce di Thomas Mann, La morte del piccolo borghese di Franz Werfel, Le orecchie del signor marchese di Jakob Wassermann, Caterina va alla guerra di Adrienne Thomas e Carlo ed Anna di Leonhard Frank13.

  • 14   Cfr. Migliore 1933; –, 1936a; –, 1938a.
  • 15   Cfr. Migliore 1934; –, 1935a; –, 1938b.
  • 16   Cfr. Migliore 1935b; –, 1935c; –, 1938c.
  • 17   Cfr. Migliore 1935d.
  • 18   Cfr. Migliore 1935e.
  • 19   Cfr. Migliore 1936b.
  • 20   Cfr. Migliore 1936c.

15Numerosi e altrettanto attenti alle novità tedesche furono anche gli articoli del trapanese Benedetto Migliore, critico letterario e giornalista, che a partire dal 1933 cominciò a collaborare con l’«ICS» e recensì molte opere di autori contemporanei come Hans Fallada14, Thomas Mann15, Franz Werfel16, Leonhard Frank17, Arnold Zweig18, Joseph Roth19 e Lion Feuchtwanger20.

  • 21   Cfr. Claps 1930: 227. Risultano scarsissime le notizie su Domenico Claps. Gramsci nei Quaderni lo (...)
  • 22   Cfr. Kociemski 1930; –, 1933. A differenza di Caprile e di Migliore, però, Palmieri, Claps e Koci (...)
  • 23   Cfr. Palmieri 1930; –, 1932a; –, 1932b; –, 1933a; –, 1933b.
  • 24   Cfr. Tonelli 1931; –, 1934.

16Accanto a Caprile e Migliore dal 1930 in poi compaiono anche i nomi dei meno noti Domenico Claps21, Leonardo Kociemski22 e di due recensori delle principali opere di Stefan Zweig: Enzo Palmieri23 (redattore de «Il corriere adriatico») e Luigi Tonelli24.

17Pur avendo il merito di ospitare numerose brevi segnalazioni di opere tedesche contemporanee, l’«ICS» non presentava alcuna recensione di opere in lingua originale, a differenza di ciò che accadde sulle colonne de «I libri del giorno», lanciato da Treves pochi mesi dopo dell’«ICS» ed estremamente affine a quest’ultimo per forme e intenti. A Formìggini, preoccupato della forte concorrenza di un colosso editoriale, questa iniziativa non apparve affatto casuale: ne nacquero forti dissapori fra i due editori, al punto che Formìggini accusò Giovanni Beltrami (direttore della casa editrice Treves) di avergli rubato l’idea e di ignorare sulla sua rivista le proprie edizioni.

4. «I libri del giorno. Rassegna mensile internazionale» (1918 –1929)25

  • 25   Da qui in poi: «ILDG».
  • 26   Inoltre, Tortorelli precisa che “ILDG” era soltanto una delle tante pubblicazioni di Treves, e fu (...)

18Da molti contemporanei «ILDG» fu considerata come la risposta di Treves a l’«ICS», ma le due rassegne rivelano un’impostazione ben diversa: il resoconto del periodico di Formìggini è più ampio ed eterogeneo, quello de «ILDG» più analitico e approfondito. L’«ICS» privilegiò brevi trafiletti che riassumevano il contenuto delle opere, con una prosa giornalistica non specialistica, chiara e semplice, e si servì di collaboratori occasionali. Il mensile di Treves diede invece ampio spazio a lunghe recensioni e affidò le proprie rubriche sempre a singoli esperti, destinati a restare invariati per tutta la durata della pubblicazione della rassegna26.

  • 27   Giovanni Beltrami (1860-1926) fu per anni ai vertici dell’Associazione degli editori, dal 1916 la (...)

19Fondata da Giovanni Beltrami27 – direttore fino al 1923, sostituito poi da Valentino Piccoli (che ne era già caporedattore) –, «ILDG» fu pubblicato dal 1918 al 1929, per confluire poi nella già esistente «Leonardo. Rassegna bibliografica mensile». Nei confronti del regime fascista non si può parlare di sostanziale allineamento, sebbene la presenza del direttore Valentino Piccoli e di altri collaboratori vicini al regime non sia un dato trascurabile.

20L’intenzione programmatica de «ILDG» era quella di

far conoscere il pensiero degli scrittori contemporanei su argomenti letterari e di coltura; dare notizie abbondanti, sicure, oggettive e curiose, che permettano di seguire il movimento intellettuale in Italia e negli altri paesi; offrire ai lettori una guida imparziale per le ricerche e la scelta in mezzo all’infinito numero di libri che si pubblicano […], facilitare gli scambi intellettuali tra autori, editori e librai tra di loro e col pubblico; rendere insomma più frequenti e più stretti i rapporti tra chi domanda il libro e chi lo produce. (Anonimo 1918: 5)

21La rassegna si caratterizzò da subito per il suo sguardo rivolto al panorama estero, evidenziato già dal sottotitolo, «Rassegna mensile internazionale». Le recensioni delle letterature straniere erano raggruppate in una sezione – denominata fino al 1927 Libri di cui si parla, poi Rassegne estere – che conteneva singole rubriche destinate ai maggiori paesi europei: Germania, Francia, Inghilterra, Spagna. Fra i collaboratori vi furono Piero Rèbora, Ettore Lo Gatto, Giuseppe Antonio Borgese, Antonio Baldini, Giuseppe Prezzolini, Arrigo Solmi, Emilio Cecchi, Carlo Boselli, Lavinia Mazzucchetti.

  • 28   Vi è poi qualche intervento occasionale di Cristina Baseggio e di Guido Piovene.
  • 29   L’unica eccezione è lo Schlemihl di Borgese: «Sarebbe da augurarsi che il Borgese […] serbasse al (...)
  • 30   Mazzucchetti 1962.

22Con almeno una recensione in ogni fascicolo, e con oltre 130 segnalazioni in soli undici anni di vita, «ILDG» detiene il primato indiscusso in materia di recensioni di letteratura tedesca. La rubrica Germania fu affidata all’instancabile Lavinia Mazzucchetti, sostituita solo occasionalmente da Bruno Vignola28. A differenza di molte altre rassegne contemporanee, solo raramente vi si recensirono opere tedesche in traduzione: Mazzucchetti segnalò esclusivamente opere contemporanee in lingua originale29. Molte di queste non trovarono mai spazio nelle collane editoriali, ma la sua attività di «ostinata contrabbandiera» – come ebbe a definirsi molti anni dopo30 – consentì al pubblico italiano di entrare in contatto diretto con la realtà letteraria tedesca del tempo.

23Una delle prime opere contemporanee recensite dalla germanista – già nel 1920 – fu Der Mensch ist gut di Leonhard Frank:

  • 31   Qualche anno dopo Mazzucchetti torna a citare il romanzo che «ha avuto una fortuna violenta ed in (...)

Non si capisce bene perché tanto si traduce dal francese, lingua accessibile a così larga classe italiana, mentre non si è trovato tempo per farci leggere il celebre romanzo L’uomo è buono del germanico Leonhard Frank. (Mazzucchetti 1920a: 261)31

24Nei confronti della letteratura tedesca contemporanea, Mazzucchetti espresse poi giudizi fortemente positivi su molti Kriegsromane, recensendo sia i noti romanzi di Ernst Glaeser (Jahrgang 1902), Arnold Zweig (Der Streit um den Sergeanten Grischa) e Erich Maria Remarque (Im Westen Nichts Neues), sia il meno conosciuto Soldat Suren di Georg von der Vring, una delle «prime opere che diedero una nuova prospettiva della mondiale tragedia, che sfatarono il luogo comune editoriale, librario e borghese, non doversi più parlar di guerra» (Mazzucchetti 1929a: 238).

25Segnalando la traduzione di Paolo Monelli del romanzo di Ludwig Renn, Krieg, la germanista, che era ben attenta a difendere il ruolo pionieristico de «ILDG», scrive un po’ risentita:

Ma perché mai Monelli nella prefazione afferma che gli Italiani non avrebbero scoperto Renn se non dopo la magna critica francese? Poteva almeno fare una eccezione per la nostra Rivista. Renn era stato analizzato qui parecchi mesi prima che lo discutessero in Francia. Il nostro periodico non ha mai aspettato la Francia per scoprire il resto del mondo: il guardare i libri di tutti i paesi con occhi italianissimi è stato appunto uno dei modesti meriti di questa rivista. (Mazzucchetti 1929b: 754)

  • 32   Mazzucchetti 1927a. La germanista recensisce romanzi ambientati nel mondo delle metropoli: Das fi (...)
  • 33   Mazzucchetti 1925b (recensione a Der Kopf di Heinrich Mann); –, 1927b (recensione a Mutter Marie (...)
  • 34   Mazzucchetti 1925c; –, 1925d.
  • 35   Cfr. Mazzucchetti 1927c.

26Giudizi parimenti positivi furono espressi anche nei confronti dei modernissimi romanzi metropolitani berlinesi32 e delle opere di Heinrich33 e Thomas Mann. Nel 1925, dopo aver recensito Der Zauberberg, Mazzucchetti lamenta il fatto che non sia ancora stato tradotto nulla di Thomas Mann34. Come è noto, un paio di anni dopo la sua entusiastica recensione di Unordnung und frühes Leid35 non basterà a incuriosire Mondadori, che ne rifiuterà la traduzione. Disordine e dolore precoce inaugurerà invece nel 1929 la collana «Narratori nordici» di Sperling & Kupfer, curata dalla stessa Mazzucchetti.

  • 36   Mazzucchetti 1920b.
  • 37   Cfr. Mazzucchetti 1923b; –, 1923c.

27Accanto agli apprezzamenti, non mancarono le stroncature: mette in guardia i lettori ad esempio dal leggere Die Verstummelten di Hermann Ungar, «un culmine nell’ambito della modernissima letteratura spietata e malata, dominata dalla infinita miseria della più torbida schiavitù sessuale» (Mazzucchetti 1923a: 661). Riguardo agli espressionisti, Mazzucchetti si esprime favorevolmente nei confronti dei drammi di Georg Kaiser36, ma ritiene che le opere di Gottfried Benn «tanto espressionista nello stile da esser spesso incomprensibile» rivelino «più uno sforzo che un risultato» (1921: 431). Ancor più aspre le critiche nei confronti di Wilhelm Lehmann – si chiede «come mai abbia proprio dovuto scrivere dei romanzi o racconti» (1924a: 487) – e del Döblin espressionista; riferendosi a Die drei Sprünge des Wang-Lun e a Berge, Meere und Giganten, la germanista scrive: leggerli «è, certo non a me soltanto, una pena senza compenso» (1924b: 408). I suoi giudizi severi non risparmiavano nemmeno i traduttori italiani: a maggio del 1923 Mazzucchetti lamentava che non era ancora stato tradotto nulla di Rilke, ma tre mesi dopo doveva recensire con estrema insofferenza le prime poesie tradotte da Leo Negrelli, riportando innumerevoli errori di interpretazione37.

5. «Leonardo. Rassegna mensile della coltura italiana» (1925-1929), poi «Leonardo. Rassegna bibliografica mensile» (1930-1947)

28Fra il 1929 e il 1930, per espresso desiderio di ampliare gli orizzonti della rassegna, «ILDG» confluisce in «Leonardo», edita prima a Roma presso diversi editori (Istituto romano editoriale, Fratelli Treves, Bestetti & Tumminelli, Treves-Bestetti-Tumminelli), poi dal 1933 a Firenze da Sansoni.

  • 38   Si vedano ad esempio le brevi recensioni di Rodolfo Bottachiari 1925a; –, 1925b.
  • 39   Cfr. Bottacchiari 1925c; Amoretti 1926.

29A curare la rubrica di letteratura tedesca per «Leonardo» fino a quel momento erano stati Rodolfo Bottachiari, Giovanni Vittorio Amoretti e Vittorio Santoli (solo occasionalmente Guido Devescovi). Fino ad allora, però, si erano recensite solo opere in traduzione e nessuna pubblicazione in lingua originale38. Inoltre, mentre su «ILDG» Mazzucchetti già nei primi anni Venti recensiva Leonhard Frank, Alfred Döblin, Stefan Zweig, Hermann Hesse, Jakob Wassermann, Siegfrid Kracauer, Kurt Tucholsky, Franz Kafka, Heinrich e Thomas Mann, qui fino al suo arrivo c’era stato spazio solo per i classici: fra il 1925 e il 1926 compaiono ben tre recensioni dell’Ifigenia di Goethe, tradotta rispettivamente da Nicola Terzaghi, Antonio Zardo e Vincenzo Errante39.

30Pur essendo giunta al suo quinto anno di vita, dal 1930, dopo la fusione con «ILDG», «Leonardo» azzera la numerazione, riparte dal volume numero uno e cambia il sottotitolo «Rassegna mensile della coltura italiana» in «Rassegna bibliografica mensile».

  • 40   Cfr. Vignola 1930; Piovene 1931.

31Lavinia Mazzucchetti entra a far parte della redazione e resta un’assidua collaboratrice fino agli anni Quaranta, sostituita solo in rare occasioni da Emilio Barbetti (chiamato soprattutto a recensire le traduzioni della stessa Mazzucchetti), Gioacchino Nicoletti, Bruno Vignola, Paolo Milano, Guido Morpurgo Tagliabue, Mario Marcazzan, Giovanni Gentile Nudi, Guido Piovene, Leonello Vincenti, Raffaello Prati, Pier Fausto Palumbo, Silvio Guarnieri. La germanista fa il suo ingresso nella nuova rassegna con recensioni di opere contemporanee: Rilke lo lascia recensire a Bruno Vignola, il Werther di Borgese a Guido Piovene e dal 1930 al 1939 circa segnala solamente novità editoriali e in lingua originale40. Una delle prime opere recensite è Berlin Alexanderplatz di Döblin. Sebbene disapprovi «il disegno […] di una versione italiana» (Mazzucchetti 1930a: 108) – perché «vi è sopra tutto da temere che […] si finisca per trovarsi fra mano un repugnante e oscuro romanzaccio, contro il quale legittimamente potrà scagliarsi la xenofobia letteraria» (109) –, per la germanista il romanzo di Döblin è «il più incommensurabile e sconcertante, il più impetuosamente fecondo e il più decisamente ribelle fra i nuovi creatori di epopee in prosa» (108).

  • 41   Cfr. Mazzucchetti 1930b; –, 1932a; –, 1936a.

32Le opere di Leonhard Frank, già apprezzate su «ILDG», continuano ad essere recensite positivamente41, mentre fra le immancabili stroncature si segnalano qui quella di Otto Zarek, nella cui opera «per spremere un poco di sugo da tutte queste marionette ci vorrebbe gran fatica» (1933a: 123) e di Und glauben, es wäre die Liebe dell’austriaco Friedrich Torberg – al cui titolo Mazzucchetti replica ironicamente: «e credono che sian romanzi…» – (1933b: 123). Per la germanista, Ein Staatsmann strauchelt di Heinrich Eduard Jacob sarebbe poi nient’altro che «una vescica vuota» (1933c: 122), mentre riguardo alle «oltre trecento pagine di incubo» (1932b: 409) di Es ist genug di Georg Kaiser, Mazzucchetti scrive: «libro senza Dio e senza speranza […] Si consiglia di non leggerlo. Si prega di non riderne» (410).

33Anche per Hans Fallada non nutriva molte simpatie: nelle opere successive a Kleiner Mann, scrive la germanista, il lettore «non riesce a superare la noia. E quel che è peggio: non riesce a credere alla spontanea necessità artistica della nuova opera» (1932c: 461-462). Fallada sarebbe «da porre tra quelle mezze capacità molto facili a curvarsi ad ogni vento estetico» (1935a: 126). Se nel 1937 Fallada è ancora gradito in Germania, nonostante Wolf unter Wölfen le sembri «un esasperato ed incoercibile straripamento di tutto il torbido accumulatosi nella sua memoria e nella sua anima», forse, scrive la germanista, è «più in grazia dell’ineccepibile sangue che non degli eccepibilissimi suoi primi libri» (1937: 371).

34L’avvento del nazismo non aveva compromesso la presenza della letteratura tedesca su «Leonardo»; nel marzo del 1933 le opere da recensire erano anzi così numerose da spingere la germanista a giustificare la necessità di una cernita:

Per consuetudine cerco su queste colonne di ignorare la ininterrotta valanga dei libri più o meno di piacevole lettura, destinati al successo sovente artificioso di una stagione e al sicuro oblio dell’immediato domani, e mi sforzo di additare invece alla attenzione del pubblico italiano solo quelle opere che per qualsiasi ragione meritano di esser conosciute e discusse. (Mazzucchetti 1933d: 122)

  • 42Cfr. Mazzucchetti, 1934a; –, 1934b; –, 1935b; –,1936b.

35Dopo il 1933 si continuava a recensire la jüdische Emigrantenliteratur: era cambiata soltanto la provenienza e le edizioni tedesche giungevano adesso dal Querido-Verlag di Amsterdam42. A proposito della letteratura dell’esilio, recensendo la raccolta di prose di autori ebrei a cura di Hermann Kesten, Mazzucchetti si chiede «che cosa mai ci sarebbe di artfremd nel psicologismo tormentato del racconto di Max Brod», oppure se «è forse poco viennese ed austriaco Felix Salten». Questa antologia, conclude, dimostra «che i ‘reietti’ non scrivon certo un peggior tedesco degli ‘eletti’». E non ci sarebbe nulla di strano, se solo «questa raccolta di novelle non ci giungesse dall’Olanda…» (1934c: 274).

5. «Pègaso. Rassegna di lettere e arti» (1929-1933); «Pan. Rassegna di lettere, arte e musica» (1933-1935)

  • 43   Su Ugo Ojetti cfr. Pullini 1976: 1-56.

36«Pègaso» e «Pan» furono due mensili fondati a Firenze e diretti da Ugo Ojetti43, romano classe 1871, noto elzevirista dal 1921 al 1943 per il «Corriere della Sera», di cui fu anche direttore nel 1926, in piena fase di fascistizzazione del quotidiano. «Pègaso» fu edito inizialmente da Le Monnier, nel 1931 dalla Casa Editrice Fratelli Treves e dal 1932 da Treves-Treccani-Tumminelli; «Pan» fu stampato da Rizzoli.

37Il segretario di redazione di «Pègaso» per i primi due anni fu Pietro Pancrazi, affiancato dal 1931 da Giuseppe De Robertis, il quale fu poi anche redattore di «Pan», a sua volta affiancato temporaneamente dall’allora giovanissimo Guido Piovene. Ojetti radunò attorno a sé intellettuali già affermati provenienti da «Solaria» (Alessandro Bonsanti, Elio Vittorini, Eugenio Montale, Bonaventura Tecchi, Giovanni Comisso), da «La Ronda» (Emilio Cecchi), da «Il Baretti» (Leone Ginzburg, Natalino Sapegno), da «900» (Massimo Bontempelli). Oltre a quelli già citati, tra i collaboratori delle due riviste vi furono altri nomi di rilievo: Mario Praz, Aldo Sorani, Giuseppe Prezzolini, Corrado Alvaro, Enrico Pea, Marino Moretti.

  • 44   Cfr. Bertacchini 1979: 154-155.

38Le due rassegne coprirono due ambiti del sapere leggermente differenti. «Pègaso» si specializzò nella letteratura italiana moderna e contemporanea con numerose recensioni, saggi su scrittori dell’Otto-Novecento e una più vasta rappresentanza di opere narrative nuove (Moravia, Alvaro, Fracchia, Palazzeschi, Bontempelli, Pirandello, Deledda ecc.). La gamma di interessi di «Pan» fu invece più eclettica e meno attuale: con la sua seconda rivista Ojetti allargò i suoi interessi alla letteratura classica greca e latina, alla storia, alle arti figurative, alle letterature straniere del passato. Nonostante queste differenze, gli orientamenti culturali dei due periodici furono simili e sostanzialmente complementari. Non furono testate di avanguardia, mantennero un legame stretto col passato e con la tradizione: entrambe professarono eclettismo e tolleranza, ma di fatto rifiutarono le forme artistiche più irrazionali, sperimentali e avanguardistiche dell’arte novecentesca, dal Futurismo all’Impressionismo, alla letteratura ispirata alla psicanalisi44.

39Nei confronti delle letterature straniere Ojetti fu molto cauto a respingere sperimentalismi esterofili. Se «Pègaso» risulta più aperta alle novità estere, «Pan» varca poco i confini dell’Italia rispetto ad altre riviste contemporanee. Comprende sì una rubrica Notizie, ma le recensioni in essa contenute non sono firmate e riportano in maniera asettica e sostanzialmente descrittiva le principali novità letterarie.

  • 45   Cfr. Ojetti 1929. La lettera è stata sottoposta a svariate interpretazioni e talune ne sottolinea (...)

40La posizione di Ojetti e dei suoi periodici nei confronti del regime fu – come accadde spesso in quegli anni – piuttosto ambivalente. Le rassegne ospitavano articoli di intellettuali antifascisti come Luigi Salvatorelli, Mario Soldati, Eugenio Montale, Alessandro Bonsanti, Francesco Flora, ma vi figuravano anche nomi di scrittori e critici fascisti: Paolo Monelli, Giovanni Comisso, Riccardo Bacchelli, Bino Sanminiatelli. Entrambe le rassegne d’altronde professarono un sollecito ossequio al regime e furono implicate nella sua politica culturale, sebbene in modo non radicale. Del fascismo condivisero gli obiettivi di grandezza nazionale e di ordine nuovo da instaurare nella società italiana e accolsero con entusiastico consenso i miti della civiltà latino-mediterranea e del fascismo universale. Non a caso nel gennaio del 1929, ad aprire il primo numero di «Pègaso» fu una lettera indirizzata A Sua Eccellenza Benito Mussolini, in cui il direttore auspicava uno stile fascista destinato a sorgere in arte e in letteratura sul denominatore comune dell’ordine45.

  • 46   Cfr. Pullini 1976: 40.

41Allo stesso tempo però, in entrambe le rassegne mancano saggi e articoli di impostazione ideologica a sostegno del fascismo come dottrina politica. Pullini sostiene che gli omaggi di Ojetti al fascismo non obbediscono a criteri di opportunismo, alla programmatica astuzia di conquistare le simpatie dell’autorità per difendere il proprio campo d’azione, ma hanno piuttosto l’accento della sincera adesione, ingenua ed enfatica, ai temi della grandezza nazionale e del prestigio dell’Italia nel mondo46. Quella di Ojetti è comunque una posizione allineata e nazionalista e, in ambito letterario, tradizionalista e sostanzialmente restia alle innovazioni.

  • 47   Si registrano un solo articolo di Eugenio Giovanetti e uno di Piero Nardi.
  • 48Di Mazzucchetti compare un solo lungo articolo: Mazzucchetti 1935c.

42In entrambe le testate furono recensite sia traduzioni che opere originali in lingua tedesca. Fra i germanisti il collaboratore di «Pègaso» più assiduo fu senza dubbio Enrico Rocca, seguito poi da Silvio Benco e Bonaventura Tecchi47. Su «Pan» invece gran parte delle recensioni sono anonime, sebbene gli indici delle annate annoverino fra i collaboratori più frequenti Vincenzo Maria Villa e Pietro Solari, e solo occasionalmente Enrico Rocca, Mario Robertazzi, Giacomo Antonini, Carlo Antoni e Lavinia Mazzucchetti48.

  • 49   Cfr. Benco 1932. Cfr. anche Rocca 1930a.
  • 50   Cfr. Villa 1934; Benco 1930; Rocca 1934.

43Nonostante le differenze fra le due rassegne, le recensioni di letteratura tedesca hanno un numero di occorrenze analogo, una ventina circa su ciascuna testata. Non mancano articoli dedicati ai grandi classici – Goethe49, Heine e i più recenti Rilke e George50 –, ma lo spazio più ampio è dedicato alle opere contemporanee. Se Krieg di Ludwig Renn viene definito da Silvio Benco come il «più potente libro di guerra che sia stato scritto» (Benco 1929a: 764), la sua recensione al bestseller di Remarque non è certo del tutto positiva:

  • 51   Benco ammette comunque che si tratta di un buon libro, visto che in Germania ne sono già state st (...)

Per il fatto che la guerra non diminuisce le forze dell’animo, anzi le rinsalda e convalida, e tempra tutte le azioni umane di una risolutezza ignota ai più pacifici tempi della civiltà, non dobbiamo credere di poterci sottrarre al sentimento d’orrore che essa suscita in noi ed ha sempre suscitato. L’una cosa può e deve coesistere con l’altra: il coraggio di affrontare quello che è necessario e talvolta inevitabile, e il chiaro discernimento di ciò che nella guerra è in opposizione con la naturale pietà del cuore umano e con tanta parte dell’educazione dell’anima […]. Remarque non conosce certamente questo equilibrio. Se lo conoscesse, sarebbe più forte. Esso è sopra tutto il libro dell’orrore. (Benco 1929b: 503)51

44Il romanzo di Remarque era stato malamente recensito anche da Gioacchino Nicoletti su «Leonardo». Secondo il recensore si trattava di «un’opera artisticamente mancata […]. Inefficace, quindi, agli stessi fini didascalici e di propaganda cui evidentemente fu ispirata». Nicoletti è principalmente irritato da questa «sudicia retorica della sincerità» e dagli «episodi volgari, infilzati nella narrazione con gusto più volgare ancora», e scrive:

È arte codesta del Remarque? Se attraverso il libro avessimo afferrato un volto, anche possibile, della guerra […]. Questa lettura ci ha lasciato, invece, un senso di pena e di vergogna. Di vergogna anche, perché qui non s’è esitato ad offendere, per finalità e scopi non certo artistici, quella gentile e diremmo quasi pudica umanità, che è il patrimonio di tutti gli uomini, non solo, ma anche si fece ancora più gelosa e fiera in quanti si trovarono a difendere, nella guerra, i valori eterni della vita. (Nicoletti 1930: 34)

45Tornando a «Pègaso», Remarque viene criticato anche per le sue opere successive. Benco non si aspettava un secondo libro dopo il noto bestseller: «senza la guerra, è possibile pensare che egli non avrebbe mai scritto una pagina». Le sue qualità di romanziere sono definite «mediocri» e in Der Weg zurück, «libro attossicato e fosco», dalla «retorica sentimentale» e dalla «tendenziosità polemica», sarebbe «impossibile prendere interesse ad alcuno dei suoi personaggi» (Benco 1931: 382-384).

  • 52   Rocca lamenta «il contrasto quasi stridente tra le idee politiche che vuol professare e i raffina (...)

46Più in generale, il pacifismo non era visto di buon occhio sulle pagine delle riviste ojettiane. Recensendo Der Mensch ist gut di Leonhard Frank, Rocca scrive: «oggi […] queste “moralità” ci sembrano abbastanza ingenue e un poco noiose […]. Il prospettar la guerra sempre e soltanto dal suo lato raccapricciante e inumano convince assai meno di una rappresentazione solo approssimativamente obiettiva» (Rocca 1930b: 317). Anche nel dramma Karl und Anna, Rocca denuncia un pacifismo «falso»: «vivere solo non basta, occorre saper per che cosa si sia disposti a morire» (322)52.

  • 53   Cfr. Mazzucchetti 1930c.

47La tendenza ideologica della rivista emerge in modo chiaro anche nella recensione di Eugenio Giovanetti al già citato volume di Hermann Kesten, 24 Neue Deutsche Erzähler, apprezzato invece da Lavinia Mazzucchetti su «Leonardo»53. Giovanetti condanna il «piagnonesimo» idealistico di Remarque e accusa Kesten di aver scelto soltanto autori «remarchiani», dal «rivoltante manierismo» e «acquafortismo» (Giovanetti 1930: 507), come Ludwig Renn ed Erich Kästner.

48Nessun recensore di «Pègaso» nutre poi molta simpatia per la prosa a sfondo politico e il teatro impegnato: Rocca ritiene che il teatro politico si sia «impantanato» nel comunismo di Ernst Toller e di Bertolt Brecht e «sembra liquidato col fallimento di Piscator» (Rocca 1931a: 553). Critica poi le opere che esaltano il proletariato e si battono contro i privilegi (Gerhart Hauptmann, Richard Dehmel, Heinrich Mann), mentre riguardo a Krieg «dell’adesso comunista Ludwig Renn» – il cui patriottismo pure era stato apprezzato da Silvio Benco – taglia corto: «quando mai dagli esami di coscienza son risultate cose gradevoli?» (555).

  • 54   Cfr. Rocca 1931b.

49Rocca respinge anche Erfolg di Lion Feuchtwanger – (la cui satira politica è «troppo ispirata dall’odio di parte per […] persuadere», ibidem: 559) – e quasi tutte le opere di Heinrich Mann, in cui vede naturalmente un campione della democrazia e di una letteratura politicamente impegnata, lontana dalla concezione di un’opera d’arte pura54. Al contrario apprezza Banditi (Die Geächteten, 1930) di Ernst von Salomon, vera «ispirazione documentaria dell’attivismo di destra» (1931a: 562), e in generale difende un’idea di cultura intesa come coltivazione dello spirito, lontana da ideali didattici e progressisti.

  • 55   Si veda anche Rocca 1932a, dove si parla di una «Germania ancora impressionata dalle brutalità fr (...)

50Gli articoli di Rocca su «Pègaso» sono emblematici dell’intero indirizzo delle rassegne ojettiane. Perfino recensendo il Werther tradotto da Borgese, Rocca coglie l’occasione per esprimersi contro la «succedanea e affossatrice Neue Sachlichkeit» (1930a: 638)55. Ben più apprezzabile per il germanista è invece Hans Carossa, «erede purissimo di Rainer Maria Rilke» (Rocca 1932b: 478), il cui Diario rumeno – lo stesso che Mazzucchetti già nel 1925 definiva un «libro modesto» (1925e: 317) – sarebbe «il più bel libro di guerra che sia stato scritto in Germania», senza descrizioni troppo crude. In fondo, conclude Rocca: «che contano in questo caso i fatti? Non bastava forse un colle al Leopardi per raggiunger l’infinito?» (1932b: 479).

51Sebbene le rassegne di Ojetti non abbiano preso posizioni nette nei confronti del regime fascista, vi si registra qualche giudizio severo riguardo alla politica di Hitler. Nel 1935 ad esempio un recensore anonimo di «Pan» si stupisce del silenzio che aveva circondato il sessantesimo compleanno di Thomas Mann (Anonimo 1935: 319). Qualche mese prima veniva segnalata la nuova edizione del Mayers Kleines Lexikon (1933), che era succeduta a distanza insolitamente breve all’ottava (1932), la quale, «per quanto purgata, non [era] del tutto pura dal punto di vista nazionalsocialista». Qui, autori di grande levatura sembravano meritare soltanto una breve citazione en passant perché ebrei o avversari politici:

Tutte le personalità in voga ieri […] sono, nel migliore dei casi, liquidate in poche righe. Nel quadro complessivo della letteratura tedesca attuale è ridotto a una semplice citazione di passaggio, con evidente parzialità critica e storica, lo stesso Thomas Mann, avversario politico sì, ma spirito tedesco al cento per cento e segnalato tra l’altro, col premio Nobel 1929, alla considerazione universale. In compenso larga parte è stata fatta a Stefan George e a Paul Ernst come precursori, a Hans Grimm, E. G. Kolbenheyer, H. F. Blunck […] e a moltissimi altri scrittori, degni certo d’ogni onore per i loro sentimenti patriottici, ma assolutamente privi di valore letterario. A fianco di numerosi altri è notata invece, quasi a demerito, l’origine ebraica, che nella precedente edizione era tralasciata anche per Enrico Heine. (Anonimo 1934a: 794)

52Sempre su «Pan», Pietro Solari nel gennaio del 1934 rifiutava apertamente l’«estetica razzista» (1934: 265) del nazionalsocialismo, secondo cui l’arte sarebbe l’espressione più tipica della razza, e gli ebrei sarebbero «assolutamente incapaci di una produzione artistica originale» (264). Ciononostante, dando un colpo al cerchio e uno alla botte, Solari non poneva riserve assolute nei confronti dello spirito razzista a cui l’arte tedesca si ispira, e precisava: «sarebbe troppo facile sottoporre questa estetica razzista, nella quale parla non la ragione ma la fede, alla fredda lente dell’ironia» (265).

  • 56   Cfr. Tecchi 1930; Anonimo 1933.
  • 57   Cfr. Anonimo 1934b.
  • 58   Cfr. Anonimo 1934c.

53E in effetti, se anche le opere del nemico del Reich Thomas Mann furono recensite solo fino al 1933 e non oltre56, ancora nel 1934 anche sulle rassegne di Ojetti comparivano recensioni entusiastiche per la Emigrantenliteratur pubblicata dal Querido-Verlag di Amsterdam, come Die Geschwister Oppermann di Lion Feuchtwanger57, l’ultimo romanzo di Jakob Wassermann Joseph Kerkhovens dritte Existenz, interrotto dalla morte dell’autore58, e Tarabas di Joseph Roth, definito da Giacomo Antonini «uno degli scrittori più significativi del tempo nostro» (1934: 310).

7. La svolta del 1939

54Nel concludere questa panoramica sulla ricezione della letteratura tedesca emerge un dato che accomuna le rassegne prese in esame.

  • 59   Cfr. Fabre 1998: 322.

55Dopo l’emanazione delle leggi razziali, col consolidamento dell’Asse Roma-Berlino e infine con lo scoppio della guerra, la traduzione di opere di letteratura tedesca contemporanea diminuì progressivamente e nel 1938 subì una dura battuta d’arresto. L’entità di questa svolta, paradossalmente, è da porre in relazione proprio con il concretizzarsi dell’alleanza politica fra Germania e Italia e con la ratifica, alcuni mesi prima dell’accordo politico, di un patto culturale che stabiliva un sistema di scambi, fra cui la nascita di istituti culturali e l’incremento dell’insegnamento delle due lingue. L’accordo del 1938 coinvolgeva anche i giornali e la produzione libraria e regolava la questione della ricezione in Italia di autori tedeschi invisi al Reich.I primi provvedimenti si susseguirono rapidamente tra la primavera e l’autunno del 1938 e alla fine del 1940 gli autori ebrei e antinazisti erano definitivamente spariti dai cataloghi editoriali italiani. Il patto tra i regimi interrompeva quel flusso di romanzi che nell’arco degli anni Trenta aveva avvicinato il pubblico italiano alla nuova narrativa tedesca59.

56Questa svolta si riflette in modo netto sulle rassegne prese qui in esame. Sull’«ICS» dopo il 1938, anno della tragica scomparsa di Formìggini, viene dato spazio a scrittori nazisti o della Innere Emigration: Rodolfo Bottachiari apprezza il motivo ricorrente dell’idea esaltatrice del Reich e recensisce positivamente opere di Hans Friedrich Blunck, Erwin Guido Kolbenheyer, Hans Carossa e molti altri romanzi che inneggiano alla guerra (Feuer und Blut di Ernst Jünger, Die deutsche Passion di Edwin Erich Dwinger, nonché i diari Aus dem Krieg di Rudolf Binding e Das rumänische Tagebuch di Hans Carossa, come anche Der feurige Weg di Franz Schauwecker):

Tutti questi scrittori esaltano il popolo piegato che non vuol morire, e in ciascuno di essi dal tormento dalla lotta e dal sacrificio sempre risorge e fiammeggia la fede che supera la stessa morte ed è raccolta dai superstiti e tramandata alle generazioni future. (Bottachiari 1940: 45)

57A scanso di equivoci, Bottachiari precisa anche che quella di Remarque sarebbe stata «solo una deviazione violenta e aberrante, una voce isolata e presto sommersa e dimenticata», e che questi libri avrebbero finalmente «liberato lo spirito dall’orrore della guerra» (ibidem).

58Bottachiari recensisce poi le opere di Werner Beumelberg, Josef Magnus Wehner, Gerhard Schumann, Hanns Johst, Hans Grimm: la letteratura tedesca di oggi si incammina su «una sola grande strada maestra», che è «il risultato di una violenta reazione e d’una vigorosa ripresa tradizionale». Per finire scrive: «non è affatto casuale che le manifestazioni più sconcertanti del fenomeno espressionistico […], quelle politicamente e socialmente più disfattiste e moralmente più pervertite, sono dovute a scrittori d’altra razza» (ibidem: 44). Nel giro di pochi anni arianesimo diventa sinonimo di arte pura, ebraismo di degenerazione.

59Anche su «Leonardo» a partire dal 1939 gli articoli dedicati alla letteratura tedesca si riducono drasticamente. Lavinia Mazzucchetti cede il posto più spesso ad altri collaboratori e, se è chiamata a recensire la nuova letteratura del Terzo Reich, lamenta con ironia l’eccessiva produzione di opere storiche:

Innegabilmente la storia sta per allagare e sommergere il romanzo tedesco […]. Se si continua così, diventeremo tutti famigliarissimi con quei secoli di cui in realtà non si sa nulla, e finiremo a sentire la sanguinosa e non proprio amena età della guerra trentennale, o l’epoca di Massimiliano, o le faccende private degli Svevi come dominanti e soffocanti. (Mazzucchetti 1939a: 102)

60E mentre Santoli, recensendo un Lesebuch des deutschen Volksliedes, informa sulla «eccellente crestomazia di canti popolari tedeschi» (1939: 277), Mazzucchetti commenta così l’ampia produzione di letteratura di viaggio:

Il numero dei libri tedeschi ad uso interno, voglio dire ispirati da vicende strettamente nazionali e destinati ad una diretta o indiretta educazione patriottica o militare, è tanto grande anche fra i romanzi e le novelle, che vien fatto talvolta di pensare non vi sian quasi più in Germania libri di vero e semplice spasso. (Mazzucchetti 1939b: 376)

61Sulla «contorsione estatica» (Mazzucchetti 1934d: 273-274) di Hanns Johst, Mazzucchetti si era già espressa nel 1934. Se nel 1940 prende ancora la parola per recensire negativamente anche i libri di Moritz Jahn (1940: 185-186) – di lì a breve membro dei Weimarer Dichtertreffen organizzati da Goebbels – nei due anni successivi e fino alla chiusura della rivista la germanista preferisce tacere su quello che definiva un periodo della letteratura tedesca «fatalmente sfavorevole alle pacifiche muse» (1939b: 375).

Bibliographie

Amoretti G. V., 1926, Johann Wolfgang Goethe, Ifigenia in Tauride, «Leonardo» 2.2: 43.

Amoretti G. V., 1919, Enrico Kleist, Epistolario [trad. di Giancarlo Stuparich], «ICS» 1.4: 44.

Amoretti G. V., 1920, Heinrich Heine, Il mare del nord [trad. in versi di Vincenzo Errante], «ICS» 3.12: 194.

Anonimo, 1918a, Le letterature straniere in Italia, «ICS» 1.1: 9.

Anonimo, 1918b, Due parole, «ILDG» 1.1: 5.

Anonimo, 1933, NotizieLetteratura tedesca, «Pan» 1.1: 159.

Anonimo, 1934a, NotizieLetteratura tedesca, «Pan» 2.4: 794.

Anonimo, 1934b, Notizie – Letteratura tedesca, «Pan» 2.10: 319.

Anonimo, 1934c, Notizie – Letteratura tedesca, «Pan» 2.6: 318.

Anonimo, 1935, NotizieLetteratura tedesca, «Pan» 3.6: 319.

Antonini G., 1934, Joseph Roth, Radetzky Marsch; Tarabas, «Pan» 2.10: 306-310.

Baldini A., 1920, I giovani fondatori di riviste, «I libri del giorno» 3.4: 175-176.

Benco S., 1929a, Ludwig Renn, La guerra [trad. di Paolo Monelli], «Pègaso» 1.12: 764-766.

Benco S., 1929b, Erich Maria Remarque, Im Westen Nichts Neues, «Pègaso» 1.10: 503-508.

Benco S., 1930, Rilke plastico e romantico, «Pègaso» 2.4: 407-419.

Benco S., 1931, Erich Maria Remarque, Der Weg zurück, «Pègaso» 3.9: 382-384.

Benco S., 1932, Volfgango Goethe, «Pègaso» 4.4: 385-397.

Bertacchini R., 1979, Le riviste del Novecento. Introduzione e guida allo studio dei periodici italiani. Storia, Ideologia e cultura, Firenze, Le Monnier.

Bottachiari R., 1925a, Johann Wolfgang Goethe, Viaggio in Italia [trad. di Eugenio Zamboni], Torquato Tasso [trad. di Barbara Allason], Elegie romane ed epigrammi veneziani [trad. di Antonio Buono], «Leonardo» 1.3: 71-72.

Bottachiari R., 1925b, Johann Wolfgang Goethe, Il viaggio in Italia [trad. di Luigi di San Giusto], «Leonardo» 1.11: 252.

Bottachiari R., 1925c, Johann Wolfgang Goethe, Ifigenia in Tauride [trad. di Nicola Terzaghi], «Leonardo» 1.3: 71-72.

Bottachiari R., 1940, La letteratura tedesca, «ICS» 22.2: 45.

Botti C., 1926, Goethe, Faust [trad. di Giovanni Ercole Vellani], «ICS» 8.12: 263.

Caprile E., 1930a, Thomas Mann, Disordine e dolore precoce [trad. di Lavinia Mazzucchetti], «ICS» 12.4: 105-106.

Caprile E.,1930b, Franz Werfel, La morte del piccolo borghese [trad. di Santino Caramella], «ICS» 12.6: 226-227.

Caprile E.,1930c, Leonhard Frank, Carlo ed Anna [trad. di Giacomo Prampolini], «ICS» 12.4: 106.

Caprile E.,1930d, Jakob Wassermann, Le orecchie del signor marchese [trad. di Enrico Rocca] «ICS» 12.6: 226.

Caprile E.,1932, Adrienne Thomas, Caterina va alla guerra [trad. di Enrico Rocca], «ICS» 14.4: 120.

Claps D., 1930, Ludwig Renn, La guerra, «ICS» 12.6: 227.

Fabre G., 1998, L’elenco. Censura fascista, editoria e autori ebrei, Torino, Zamorani.

Fava S., 2004, Percorsi critici di letteratura per l’infanzia tra le due guerre, Milano, Vita e Pensiero.

Giovanetti E., 1930, Hermann Kesten, 24 Neue Deutsche Erzähler, «Pègaso» 2.10: 505-508.

Kociemski L., 1930, Arnold Zweig, La questione del sergente Grischa [trad. di Enrico Burich], «ICS» 13.11: 357.

Kociemski L., 1933, Arthur Schnitzler, La fuga nelle tenebre [trad. di Angelo Treves], «ICS» 15.2: 55.

Langella G., 1982, Il secolo delle riviste. Lo statuto letterario dal «Baretti» a «Primato», Milano, Vita e Pensiero.

Mazzucchetti L., 1920a, Libri di pace e di guerra, «ILDG» 3.5: 261-263.

Mazzucchetti L., 1920b, Georg Kaiser, «ILDG» 3.12: 648-650.

Mazzucchetti L., 1921, I nuovi prosatori, «ILDG» 4.8: 428-431.

Mazzucchetti L., 1923a, Racconti e romanzi, «ILDG» 6.12: 660-662.

Mazzucchetti L., 1923b, Rainer Maria Rilke, «ILDG» 6.5: 262-263.

Mazzucchetti L., 1923c, A proposito di Rainer Maria Rilke, «ILDG» 6.8: 433-434.

Mazzucchetti L., 1924a, Narratori, «ILDG» 7.9: 486-488.

Mazzucchetti L., 1924b, L’epopea dell’espressionismo, «ILDG» 7.8: 406-408.

Mazzucchetti L., 1925a, Una collezione utile, «ILDG» 8.7: 375.

Mazzucchetti L., 1925b, Il romanzo di una catastrofe, «ILDG» 8.10: 543-544.

Mazzucchetti L., 1925c, La montagna incantata, «ILDG» 8.3: 145.

Mazzucchetti L., 1925d, I cinquant’anni di Thomas Mann, «ILDG» 8.8: 428-430.

Mazzucchetti L., 1925e, Diari di guerra, «ILDG» 8.6: 317-318.

Mazzucchetti L., 1926, Novelle e racconti, «ILDG» 9.9: 491-492.

Mazzucchetti L., 1927a, La città nel romanzo, «ILDG» 10.8: 441-443.

Mazzucchetti L., 1927b, Madre Maria, «ILDG» 10.10: 555-556.

Mazzucchetti L., 1927c, Le grandi novelle, «ILDG» 10.2: 106-108.

Mazzucchetti L., 1928, Germania. Romanzi moderni, «ILDG» 11.12: 753-755.

Mazzucchetti L., 1929a, La guerra ritorna, «ILDG» 12.4: 238-240.

Mazzucchetti L., 1929b, I ricordi di un cavallo, «ILDG» 12.12: 753-754.

Mazzucchetti L., 1929c, Maestri al lavoro, «ILDG» 12.2: 112-113.

Mazzucchetti L., 1929d, Difficoltà di orientamento, «ILDG» 12.9: 559-561.

Mazzucchetti L., 1930a, Alfred Döblin, Berlin Alexanderplatz, «Leonardo» 1.2: 108-109.

Mazzucchetti L., 1930b, Leonhard Frank, Bruder und Schwester; Kasimir Edschmid, Lord Byron, «Leonardo» 1.1: 33.

Mazzucchetti L., 1930c, Hermann Kesten, 24 Neue Deutsche Erzähler, «Leonardo» 1.12: 800-802.

Mazzucchetti L., 1932a, Leonhard Frank, «Leonardo» 3.5: 221-222.

Mazzucchetti L., 1932b, Georg Kaiser, Es ist genug, «Leonardo» 3.3: 408-410.

Mazzucchetti L., 1932c, Hans Fallada, Kleiner Mann was nun?, «Leonardo» 3.10: 461-462.

Mazzucchetti L., 1933a, Theater um Maria Thul, «Leonardo» 4.3: 123.

Mazzucchetti L., 1933b, F. Torberg, Und glauben, es wäre die Liebe, «Leonardo» 4.3: 122.

Mazzucchetti L., 1933c, Heinrich Eduard Jacob, Ein Staatsmann strauchelt, «Leonardo» 4.3: 122

Mazzucchetti L., 1933d, Letteratura contemporanea, «Leonardo» 4.3: 122.

Mazzucchetti L., 1934a, Lion Feuchtwanger, Die Geschwister Oppermann, «Leonardo» 5.4: 180-181.

Mazzucchetti L., 1934b, Max Brod, Die Frau die nicht enttäuscht, «Leonardo» 5.4: 181-182;

Mazzucchetti L., 1934c, Novellen deutscher Dichter der Gegenwart, hrsg. von Hermann Kesten, «Leonardo» 5.6: 274-275.

Mazzucchetti L., 1934d, Hanns Johst, So gehen sie hin – Ein Roman vom sterbenden Adel, «Leonardo» 5.6: 273-274.

Mazzucchetti L., 1935a, Hans Fallada, Wir hatten mal ein Kind, «Leonardo» 6.3: 126-127.

Mazzucchetti L., 1935b, Joseph Roth, Tarabas, «Leonardo» 6.1: 28.

Mazzucchetti L., 1935c, Guglielmo von Humboldt e Roma, «Pan» 3.5: 116-122.

Mazzucchetti L., 1936a, Leonhard Frank, Traumgefährten, «Leonardo» 7.9-10: 316-317.

Mazzucchetti L., 1936b, Ernst Glaeser, Der letzte Zivilist, «Leonardo» 7.4: 126.

Mazzucchetti L., 1937, Scrittori tedeschi, «Leonardo» 8.10-11: 371-373.

Mazzucchetti L., 1939a, Scrittori tedeschi, «Leonardo» 10.3: 101-103.

Mazzucchetti L., 1939b, Letteratura tedesca, «Leonardo» 10.11-12: 375-379.

Mazzucchetti L., 1940, Letteratura tedesca, «Leonardo» 11.5-6: 185-186.

Mazzucchetti L., 1962, Grenzgängerin zwischen Italien und Deutschland. Ein Leben im Dienste der deutschen Literatur, «Die Zeit» 23/2/1962.

Migliore B., 1933, Hans Fallada, E adesso, pover’uomo? [trad. di Bruno Revel], «ICS» 15.6: 185.

Migliore B., 1934, Thomas Mann, Le storie di Giacobbe [trad. di Gustavo Sacerdote], «ICS» 16.6: 179.

Migliore B., 1935a, Thomas Mann, Il giovane Giuseppe [trad. di Gustavo Sacerdote], «ICS» 17.12: 317.

Migliore B., 1935b, Franz Werfel, I quaranta giorni del Mussa Dagh [trad. di Cristina Baseggio], «ICS» 17.11: 289-290.

Migliore B., 1935c, Franz Werfel, Anniversario, «ICS» 17.12: 318.

Migliore B., 1935d, Leonhard Frank, I masnadieri [trad. di Barbara Allason e Aldo Oberdorfer], «ICS» 17.11: 288-289.

Migliore B., 1935e, Arnold Zweig, Claudia [trad. di Enrico Burich], «ICS» 17.12: 318.

Migliore B., 1936a, Hans Fallada, Chi c’è stato una volta… [trad. di Bruno Revel], «ICS» 18.4: 92-93.

Migliore B., 1936b, Joseph Roth, Tarabas [trad. di Emma Sola], «ICS» 18.4: 93.

Migliore B., 1936c, Lion Feuchtwanger, Il giudeo di Roma [trad. di Ervino Pocar], «ICS» 18.11: 280.

Migliore B., 1938a, Hans Fallada, Vecchio cuore va’ alla ventura [trad. di Bruno Revel], «ICS» 20.7: 219-220.

Migliore B., 1938b, Thomas Mann, Giuseppe in Egitto [trad. di Gustavo Sacerdote], «ICS» 20.6: 186.

Migliore B., 1938c, Franz Werfel, Nel crepuscolo di un mondo [trad. di Cristina Baseggio], «ICS» 20.6: 186.

Nicoletti G., 1930, Erich Maria Remarque, Im Westen nichts neues, «Leonardo» 1.1: 34.

Ojetti U., 1929, Lettera a Sua Eccellenza, Benito Mussolini, «Pègaso» 1.1: 89.

Palmieri E., 1930, Stefan Zweig, Fouché. Il genio tenebroso [trad. di Lavinia Mazzucchetti], «ICS» 12.12: 322.

Palmieri E., 1932a, Stefan Zweig, Sovvertimento dei sensi [trad. di Berta Burgio Ahrens], «ICS»14.7: 211.

Palmieri E., 1932b, Stefan Zweig, L’anima che guarisce [trad. di Lavinia Mazzucchetti], «ICS» 14.2: 53.

Palmieri E., 1933a, Stefan Zweig, Maria Antonietta [trad. di Lavinia Mazzucchetti], «ICS» 15.3: 82.

Palmieri E., 1933b, Stefan Zweig, Tre maestri: Balzac – Dickens – Dostoevskij [trad. di Berta Burgio Ahrens], «ICS» 15.5: 142.

Pavolini C., 1922a, Heinrich Heine, Nani, elfi e salamandre, «ICS» 4.8: 152.

Pavolini C., 1922b, Heinrich Heine, Confessioni e memorie [trad. di Baccio Ziliotto], «ICS» 4.11: 207.

Pavolini C., 1923a, Heinrich v. Kleist, Racconti, «ICS», 5.1: 9.

Pavolini C., 1923b, Heinrich Heine – Johann Wolfgang von Goethe, Liriche [trad. di Carlo Buscaroli], «ICS» 5.1: 9.

Pavolini C., 1923c, Leonhard Frank, L’uomo è buono [trad. di Amalia Sacerdote], «ICS» 5.4: 67.

Pavolini C., 1923d, Rudolf Lothar, Il figlio di don Giovanni [trad. di Vandregisilo Tocci], «ICS» 5.4: 67.

Pavolini P. E., 1922a, Heinrich von Kleist, Pentesilea [trad. di Vincenzo Errante], «ICS» 4.10: 185.

Pavolini P. E., 1922b, Gottfried Keller, Novelle umoristiche, «ICS» 4.5: 94.

Pavolini P. E., 1922c, Gottfried Keller, Sette leggende, «ICS» 4.8: 151.

Pavolini P. E., 1923a, Heinrich Heine, Il mare del Nord [trad. di Ervino Pocar], «ICS» 5.7: 127.

Pavolini P. E., 1923b, Johann Wolfgang von Goethe, Torquato Tasso [trad. di Antonio Carafa], «ICS» 5.7: 127.

Pavolini P. E., 1926a, Goethe, Ifigenia in Tauride [trad. di Vincenzo Errante], «ICS» 8.5: 104.

Pavolini P. E., 1926b, Johann Christoph Friedrich Schiller, Maria Stuarda [trad. di Guido Ottorogo], «ICS» 8: 12: 263.

Piovene G., 1931, Goethe, I dolori del giovane Werther [trad. di Giuseppe Antonio Borgese], «Leonardo» 2.11: 510.

Prezzolini G., 1923, La coltura italiana, Firenze, Società anonima editrice «La Voce».

Pullini G., 1976, Introduzione in Pègaso – Pan, a cura di G. Pullini, Treviso, Canova: 1-56.

Rocca E., 1930a, Volfgango Goethe, I dolori del giovane Werther [trad. di Giuseppe Antonio Borgese], «Pègaso» 2.11: 636-640.

Rocca E., 1930b, Leonhard Frank, «Pègaso» 1.9: 312-322.

Rocca E., 1931a, Romanzi politici tedeschi, «Pègaso» 3.5: 550-565.

Rocca E., 1931b, I sessant’anni di Heinrich Mann, «Pègaso» 3.12: 677-687.

Rocca E., 1932a, Erich Kästner, Fabian, die Geschichte eines Moralisten, «Pègaso» 4.8: 253-256.

Rocca E., 1932b, Lo scrittore medico Hans Carossa. Premio Gottfried Keller, «Pègaso» 4.4: 477-480.

Rocca E., 1934, Stefan George, «Pan» 2.2: 415-422.

Santoli V., 1939, Letteratura tedesca, «Leonardo» 10.7-8: 277.

Solari P., 1934, Estetica razzista, «Pan» 2.1: 263-269.

Tecchi B., 1930, Thomas Mann, Disordine e dolore precoce, Il cane e il padrone [trad. di Lavinia Mazzucchetti], «Pègaso» 2.12: 765-768.

Tonelli L., 1931, Stefan Zweig, Tre poeti della propria vita: Casanova, Stendhal, Tolstoj [trad. di Enrico Rocca], «ICS» 13.5: 148.

Tonelli L., 1934, Stefan Zweig, La lotta col Demone [trad. di Aldo Oberdorfer], «ICS» 16.3: 86.

Tortorelli G., 1992, Parole di carta. Studi di storia dell’editoria, Ravenna, Longo.

Tortorelli G., 1997, La letteratura straniera nelle pagine de «L’Italia che scrive» e «I libri del giorno», in L. Avellini-A. Gigli Marchetti (a cura di), Stampa e piccola editoria tra le due guerre, Milano, Franco Angeli: 157-196.

Vignola B., 1930, Opere di Rainer Maria Rilke, a cura di Vincenzo Errante (I. Liriche; II. I quaderni di Malte Laurids Brigge), «Leonardo» 1.3: 178-179.

Vigorelli G., 1965, Le riviste letterarie europee nell’attuale situazione culturale ed editoriale, «L’Europa letteraria» 6: 184-215.

Villa V. M., 1934, Lettere di Enrico Heine [trad. di Vittorio Trettenero], «Pan» 2.11: 458-459.

Notes

1   Nel 1923 Prezzolini definì le rassegne come dei «bollettini bibliografici attraenti, vere piccole riviste, talora illustrate, che portano a conoscenza del pubblico le loro [delle case editrici] pubblicazioni con brani scelti e giudizi della stampa» (Prezzolini 1923: 191).

2   Cfr. Vigorelli 1965.

3   Da qui in poi: «ICS».

4   Formìggini si suicidò il 29 novembre del 1938 come gesto di protesta contro i provvedimenti razzisti del fascismo.

5   Nella stima dei 700 autori stranieri, Tortorelli include opere letterarie e non, così suddivise: Russia 164, Germania 138, Inghilterra 108, Francia 103, Stati Uniti 61, Spagna 24. Cfr. Tortorelli 1997.

6   L’articolo è da attribuire allo stesso Formìggini.

7   Cfr. Anonimo 1919. Cfr. anche P. E. Pavolini 1922a e C. Pavolini 1923a.

8   Cfr. Anonimo 1920; C. Pavolini 1922a; –, 1922b; –, 1923b; P. E. Pavolini 1923a.

9   Cfr. P.E. Pavolini 1922b; –, 1922c.

10   Cfr. P.E. Pavolini 1923b; –, 1926a; Botti 1926.

11   Cfr. P.E. Pavolini 1926b.

12   Cfr. P.E. Pavolini 1923c; –, 1923d.

13   Cfr. Caprile 1930a; –, 1930b; –, 1930c; –, 1930d; –, 1932.

14   Cfr. Migliore 1933; –, 1936a; –, 1938a.

15   Cfr. Migliore 1934; –, 1935a; –, 1938b.

16   Cfr. Migliore 1935b; –, 1935c; –, 1938c.

17   Cfr. Migliore 1935d.

18   Cfr. Migliore 1935e.

19   Cfr. Migliore 1936b.

20   Cfr. Migliore 1936c.

21   Cfr. Claps 1930: 227. Risultano scarsissime le notizie su Domenico Claps. Gramsci nei Quaderni lo appellò «italiano meschino» per aver sminuito, in una recensione (Claps 1929), i ricordi di viaggio del poeta Riccardo Balsamo Crivelli (1926, Cammina…cammina…, Milano, Ceschina).

22   Cfr. Kociemski 1930; –, 1933. A differenza di Caprile e di Migliore, però, Palmieri, Claps e Kociemski si limitano ad apprezzare le opere da un punto di vista contenutistico, a lodare le traduzioni e ad esprimere per lo più valutazioni neutrali e distaccate, prive di un vero senso critico.

23   Cfr. Palmieri 1930; –, 1932a; –, 1932b; –, 1933a; –, 1933b.

24   Cfr. Tonelli 1931; –, 1934.

25   Da qui in poi: «ILDG».

26   Inoltre, Tortorelli precisa che “ILDG” era soltanto una delle tante pubblicazioni di Treves, e fungeva da mero strumento di aggiornamento bibliografico, mentre nella rassegna di Formìggini il rapporto con l’editore risultava centrale (cfr. Tortorelli 1992: 44).

27   Giovanni Beltrami (1860-1926) fu per anni ai vertici dell’Associazione degli editori, dal 1916 lavorò con Treves, fu condirettore con Guido Treves di «L’Illustrazione italiana», fu anche pittore, presidente dell’Accademia di Brera, organizzatore delle biennali braidensi, giornalista, critico d’arte per il «Corriere della Sera».

28   Vi è poi qualche intervento occasionale di Cristina Baseggio e di Guido Piovene.

29   L’unica eccezione è lo Schlemihl di Borgese: «Sarebbe da augurarsi che il Borgese […] serbasse almeno un poco del suo migliore otium alle versioni. Proprio in questi tempi in cui tutti traducono, tutti traduciamo, senza sufficiente capacità artistica, per compiere opera di avvicinamento e di cultura, senza saper ricreare, sarebbe desiderabile che si aggiungesse alla esigua schiera degli scrittori traduttori anche questo acuto interprete e sicuro stilista» (Mazzucchetti 1925a: 375).

30   Mazzucchetti 1962.

31   Qualche anno dopo Mazzucchetti torna a citare il romanzo che «ha avuto una fortuna violenta ed in parte artificiosa perché se ne sono impadroniti gli uomini della politica e della propaganda, facendosene manifesto di pacifismo umanitario e di ribellione antiborghese» (Mazzucchetti 1926: 491).

32   Mazzucchetti 1927a. La germanista recensisce romanzi ambientati nel mondo delle metropoli: Das fiebernde Haus e Auf der Suche di Walther von Hollander, Himmelpfortfasse di Max Pulver, Martin Overbeck di Felix Salten, Das verbrannte Bett di Alice Berend. Cfr. anche –, 1928, in cui recensisce Der Herr Direktor di Alice Berend, Jetzt oder nie di Walter von Hollander, Das Liebespaar di Hans Sochaczewer, Der inwendige Garten di Hermann Bahr.

33   Mazzucchetti 1925b (recensione a Der Kopf di Heinrich Mann); –, 1927b (recensione a Mutter Marie di Heinrich Mann); –, 1929c (recensione a Eugenie oder die Bürgerzeit di Heinrich Mann); –, 1929d (recensione a Sieben Jahre Chronik der Gedanken und Vorgänge di Heinrich Mann).

34   Mazzucchetti 1925c; –, 1925d.

35   Cfr. Mazzucchetti 1927c.

36   Mazzucchetti 1920b.

37   Cfr. Mazzucchetti 1923b; –, 1923c.

38   Si vedano ad esempio le brevi recensioni di Rodolfo Bottachiari 1925a; –, 1925b.

39   Cfr. Bottacchiari 1925c; Amoretti 1926.

40   Cfr. Vignola 1930; Piovene 1931.

41   Cfr. Mazzucchetti 1930b; –, 1932a; –, 1936a.

42 Cfr. Mazzucchetti, 1934a; –, 1934b; –, 1935b; –,1936b.

43   Su Ugo Ojetti cfr. Pullini 1976: 1-56.

44   Cfr. Bertacchini 1979: 154-155.

45   Cfr. Ojetti 1929. La lettera è stata sottoposta a svariate interpretazioni e talune ne sottolineano invece il valore liberista, considerandola un esempio di promozione di un’arte italiana spontanea e di rifiuto dell’interventismo statale.

46   Cfr. Pullini 1976: 40.

47   Si registrano un solo articolo di Eugenio Giovanetti e uno di Piero Nardi.

48 Di Mazzucchetti compare un solo lungo articolo: Mazzucchetti 1935c.

49   Cfr. Benco 1932. Cfr. anche Rocca 1930a.

50   Cfr. Villa 1934; Benco 1930; Rocca 1934.

51   Benco ammette comunque che si tratta di un buon libro, visto che in Germania ne sono già state stampate 700.000 copie: un «libro, intonato a lamento, ma pieno di realtà viva» (508).

52   Rocca lamenta «il contrasto quasi stridente tra le idee politiche che vuol professare e i raffinati gusti ch’egli rivela suo malgrado, tra l’Edelkommunismus ch’egli predica e il vagone-letto che preferisce» (313).

53   Cfr. Mazzucchetti 1930c.

54   Cfr. Rocca 1931b.

55   Si veda anche Rocca 1932a, dove si parla di una «Germania ancora impressionata dalle brutalità fredde della Sachlichkeit» (255).

56   Cfr. Tecchi 1930; Anonimo 1933.

57   Cfr. Anonimo 1934b.

58   Cfr. Anonimo 1934c.

59   Cfr. Fabre 1998: 322.

Auteur

E assegnista di ricerca presso l’Istituto Italiano di Studi Germanici a Roma e docente a contratto di Letteratura tedesca all’Università di Palermo. Si è prevalentemente occupata della ricezione italiana della letteratura tedesca del Novecento (studi su traduzioni, collane editoriali e sulla pubblicistica del tempo), di censura e autocensura (in Italia durante il fascismo e in Germania negli anni di Adenauer) e del rapporto fra ideologia e traduzione da una prospettiva storico-culturale

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search