Version classiqueVersion mobile

La densità meravigliosa del sapere

 | 
Maurizio Pirro

La cultura tedesca nell’orizzonte della Biblioteca filosofica di Palermo. Gli anni Venti e Trenta: Felix Braun, Walter Heymann ed Ernst Moritz Manasse

Nicola De Domenico

Texte intégral

1C’è un’istantanea che ritrae Felix Braun (1885-1973) nei dintorni di Palermo, in un anno non precisato ma in un mese invernale: gli fa da sfondo omogeneamente sfocato lo strapiombo del Monte Pellegrino veduto da un tornante del Monte Gallo, sul cui margine di pietra egli pare accasciato più che seduto. La spazzola folta dei baffi gli spiove da un volto dolente, reso più lungo di quanto già non fosse da una fronte alta largamente stempiata. Lo sguardo trasognato è rivolto a terra, forse per schivare una luce troppo forte dietro l’obiettivo; ma gli occhi sembrano esprimere una desolazione rassegnata, palese anche nell’abbandono del corpo e nella povertà di un abbigliamento da Wanderung goffamente raffazzonato in un guardaroba sguarnito: calzoni alla zuava da escursione montana, e paletot e lobbia appropriati per il passeggio in un viale urbano1.

  • 2   La chiamata gli sarebbe giunta «durch eine Art Wunder» (Schenk 1970).
  • 3   Un alloggio modesto ma comodo, «comfortable in its simpliciy», giudicò quella pensione, nel 1936, (...)
  • 4   «Als ich in Palermo lebte, hatte ich fast stets das Gefühl, fernen Ahnen nahe zu sein. Aber nicht (...)
  • 5   Assieme al fratellastro Robert, Felix Braun era uscito formalmente dalla comunità ebraica nel 191 (...)

2Verso la fine della sua vita, lo scrittore, forse il più estetizzante fra gli austriaci della sua generazione, rievocò il conferimento dell’insegnamento di Letteratura tedesca all’Università di Palermo come un miracolo, un evento non atteso né in qualunque modo minimamente da lui preparato2. Ciononostante, di quell’incarico lo scrittore non sarebbe stato mai davvero soddisfatto in tutti i lunghi nove anni di servizio, dall’anno accademico 1928/29 al 1936/37, senza mai abitare una vera casa ma, nei mesi da novembre a luglio, alloggiando nella pensione Lincoln di via Archirafi, «meine kleine Pension nahe dem Botanischen Garten» (Braun 1969: 150)3. Non soltanto Braun soffrì del sentirsi precario e nomade ma, come lasciò intendere in un cenno dell’autobiografia dedicata agli anni dell’infanzia e della prima giovinezza, a Palermo i luoghi e l’ambiente, traboccanti di tracce e memorie di lunga e radicata presenza semitica, lo ferivano, poiché lo ricacciavano incresciosamente indietro alle origini ebraiche della propria famiglia4, cioè a quella radice etnico-religiosa che aveva rifiutato5 quando aveva optato per un’identità senza residui austriaca. Identità che, nel 1935, avrebbe esaltato al massimo grado con una conversione, compiuta assieme al fratellastro Robert, ad un cattolicesimo vissuto con una dedizione ed un fervore mistico tali da condurlo di lì a poco ad un ulteriore approdo alla gnosi antroposofica.

  • 6   Sono attestate con sicurezza le lezioni impartite all’affascinante adolescente Topazia Alliata, f (...)

3In verità, per quanto considerato come una specie di dono provvidenziale, l’impiego precario palermitano era stato per Braun un vero e proprio ripiego, accettato soltanto in seguito allo scacco subìto dalle sue ambizioni di autore, cui non riusciva di trarre proventi adeguati dalla scrittura e dalle consulenze e collaborazioni editoriali. L’incarico alla Facoltà di Filosofia e Lettere di Palermo gli assicurava bensì il minimo di sopravvivenza, ma la remunerazione non gli bastava, tanto che, per arrotondare, dovette da subito, già nel 1929, adattarsi a dare lezioni private di lingua tedesca6.

  • 7   Su questi aspetti e, in generale, sui rapporti di Braun col mondo editoriale, oltre a Zweig 1978 (...)

4Se non fosse stato un fiasco il lancio del grande romanzo storico sulla dissoluzione dell’Impero austro-ungarico, Agnes Altkirchner, stampato nel 1927 dai Kippenberg dello Insel-Verlag di Lipsia, un’opera nella quale l’autore aveva investito anni di lavoro e grandi aspettative7, forse Braun avrebbe potuto permettersi una vita agiata e signorile, da aristocratico, quale era toccata a Rilke, a Hugo von Hofmannsthal, del quale era stato segretario, o a Stefan Zweig, altro suo intimo amico e mallevadore presso i Kippenberg, che occasionalmente fu anche suo generoso e discreto finanziatore.

5Ma queste frustrazioni non bastavano ancora: come professore universitario, Braun fu e restò sempre un outsider, un marginale senza libera docenza, né tedesca né italiana, poiché a quell’epoca, fatti salvi pochi casi, gli insegnamenti di Lingue e letterature straniere venivano frequentemente assegnati, con nomine annuali, a docenti per i quali una letteratura e la relativa didattica non costituivano quasi mai il baricentro dei rispettivi interessi professionali. Per più di una ragione, una delle quali sarà chiarita più avanti a proposito di Heymann e Manasse, Braun dopo il 1933 non avrebbe potuto più aspirare ad un posto di ruolo, quel posto che l’Università di Palermo gli volle poi offrire – quasi un tardivo indennizzo – nel 1950, prima che rientrasse in Austria dall’esilio inglese.

6Stefan Zweig, che ebbe modo di ascoltare con partecipazione simpatetica le querimonie di Braun sull’incarico universitario palermitano, ne riferì in via confidenziale allo svevo Otto Heuschele (1900-1996), che lavorava nell’industria editoriale come redattore e giornalista, il 7 maggio 1930. Mettendolo a parte delle sue impressioni sul generale fenomeno di scoramento intellettuale che credeva di osservare in poeti e scrittori del tempo, portò ad esempio Braun, che aveva scelto l’isolamento, appartandosi e facendo di tutto per farsi dimenticare, con un autolesionismo da cupio dissolvi. Con terminologia a tratti affine a quella di una Daseinsanalyse psicoterapeutica, Zweig comunicava al suo corrispondente:

Ich sehe im nächsten und allernächsten Freundeskreise, gerade bei jenen Menschen, die ich als Dichter besonders liebe, ein Zurückgeworfen- und Vergessensein, das sich in gefährlicher Weise auch bis ins Materielle, bis in die äußere Lebenshaltung hinein bedrückend auswirkt; […] Felix Braun versitzt seine Zeit an einer lächerlichen Pseudo-Universität in Palermo. (Zweig 1978: 204)

  • 8   Nel 1938 sarebbe stato colpito dalla doppia catastrofe dell’Anschluß dell’Austria al Reich, che g (...)
  • 9   Mi riferisco in primo luogo a Braun 1965: 81-82. Ma numerose sono anche le pagine, composte in el (...)
  • 10   Cfr. Michels 1979: 342-343. Quanto a Carossa, se ne vedano ad indicem i già citati Tagebücher (Ca (...)

7La definizione sprezzante dell’Università di Palermo come «pseudo-università ridicola», nella quale lo scrittore austriaco sentiva penosamente di sprecare il proprio tempo, è tanto iperbolicamente negativa da essere forse spiegabile come l’effetto, evidentemente su Braun, di una soggettiva percezione dell’ambiente dominata dalla sua depressione. Fermo restando che a quella di Palermo Braun avrebbe preferito la sede di Padova, dove nel 1937/38 sarebbe finalmente giunto, ma troppo tardi per goderne8, non pare poi così inconciliabilmente idiosincratica, sempre che la si prenda col beneficio dell’inventario, la trasfigurazione estetizzante del vissuto consegnata alle pagine che egli dedicò espressamente a Palermo9. E non sono sicuramente cupe le pagine che del periodo palermitano trattano indirettamente, essendo state concepite anzitutto per serbare la traccia di visite significative avute in quella città, come quella del 1929 di Hans Carossa (1878-1956), il quale a sua volta è fonte copiosa di notizie sulla vita di Braun in Sicilia10. E tuttavia, in nessuno degli scritti fin qui menzionati si troverà alcunché di veramente essenziale per comprendere quale sia stata la natura del rapporto che Braun ebbe con Palermo. Qualcosa se ne intenderà, se si prenderà in considerazione il suo rapporto con la Biblioteca filosofica e con il suo direttore, il dottor Giuseppe Amato Pojero, del quale egli parla raramente e, quando lo fa, in contesti narrativi d’invenzione o in allegorie epiche assai ardite.

  • 11   «Habe ich alles gerühmt was ich hier mit Liebe geschaut? Das Meer bei Mondello am Morgen, wenn es (...)

8La menzione forse più neutrale di Amato la troviamo a margine di una rassegna della luce e dei colori di Palermo, in un passaggio che fissa il ricordo del rossiccio che in certe condizioni di luce s’irradia dalla pietra del loggiato quadrangolare che incornicia il cortile Maqueda dell’odierno Palazzo dei Normanni, «den rötlichen Säulenhof des Palazzo Reale» (Braun 1965: 89). Qui sono incidentalmente richiamate le circostanze che lo resero frequentatore abituale di quel luogo monumentale, nel quale dal 1927 in poi ebbe sede la Biblioteca filosofica, al cui interno aveva l’abitazione privata il suo fondatore, il cui aspetto colpiva subito per l’aspetto «venerabile», da alto dignitario, e per l’aura di santità che quasi indossava come un sacro paramento11.

  • 12   Per questa espressione si veda sopra la nota 2.
  • 13   Espressione di devota riconoscenza è la dedica vergata dall’autore sulla carta di guardia del vol (...)

9Proprio a quest’uomo Braun scrisse di dovere l’evento inatteso, quello verificatosi «durch eine Art Wunder» (Schenk 1970)12, ossia la destinazione a lui dell’incarico del Tedesco nel 192813. Ma di ciò egli dice incidentalmente, con una laconicità forse dettata da riserbo o reticenza, in un contesto narrativo dedicato tutto, senza che ciò sia tuttavia subito evidente, al Dottor Amato, che di una sorta di novella breve, che a prima vista si classificherebbe come un toccante aneddoto autobiografico, è il protagonista occulto, dal momento che la sua persona, che brevissimamente compare, vi è rappresentata da un doppio antipodico, da un mendicante esattamente omonimo dotato di tratti somatici e caratteristiche personali coincidenti con quelli dell’originale, del quale il derelitto è una copia invertita per quanto riguarda la posizione sociale e la cultura. Ma citiamo il passo che ci interessa: «So erfuhr ich seinen Namen: Giuseppe Amato: so genau nannte er sich also wie der ehrwürdige Direktor der Philosophischen Bibliothek im königlichen Palast, dem ich es verdanke, in Palermo leben zu dürfen» (Braun 1955: 271).

  • 14Der Bettler von Palermo fu poi inserito da Braun in Braun 1955: 271-274, da cui qui si cita.
  • 15   Le collaborazioni al «Goetheanum» di Braun sono numerose e costanti. Relativamente poche sono le (...)

10Der Bettler von Palermo è il titolo del breve testo da cui traggo la citazione, un testo affatto intonato all’indirizzo del periodico cui fu destinato, il «Goetheanum» (Braun 1937: 321-322)14, settimanale svizzero della Società antroposofica universale degli steineriani, del quale Braun era divenuto collaboratore fisso, come la sorella Käthe ed il fratellastro Robert, a partire dal 193615, un anno nel quale pare che il suo cattolicesimo mistico fosse evoluto nella direzione di una spiritualità religiosa esoterica, che all’esperienza personale e diretta del soprannaturale e del miracoloso univa un senso fortissimo di appartenenza ad una comunità elitaria e non palese, quale fu quella teosofica e/o antroposofica nelle sue differenti e disperse diramazioni, che spesso potevano essere fra loro confliggenti, ma che, comunque, erano tutte accomunate dalla credenza nella metempsicosi, nella coesistenza e compenetrazione di materia e spirito e nell’unità di tutte le religioni, al di là delle forme fenomeniche locali, dottrinali e rituali, considerate estrinseche e irrilevanti dalle guide spirituali degli iniziati.

  • 16   «Er war nicht gross, sehr schlank, der lange, wirklich silberweisse Bart passte seltsam zu seiner (...)

11L’aspetto del mendicante, che nel frammento di Braun risponde al nome di Giuseppe Amato, è quello che più descrizioni pervenuteci attribuiscono a Giuseppe Amato Pojero: la sua statura era piuttosto bassa, la sua corporatura esile e snella, e al mento portava una lunga barba bianca. Le sue mani erano belle e colpivano per la loro delicatezza aristocratica. Per appartenere davvero al mendicante dell’aneddoto, avrebbero dovuto essere arti grossolani, già adusi a lavori pesanti e servili, a fatiche di quelle che ingrossano, deformano e sfigurano con calli, cicatrici, macchie e incrostazioni di lordura cronica16.

  • 17   Michele Pojero, nonno materno di Giuseppe Amato Pojero, e Francesco Amato, suo padre, erano stati (...)
  • 18   «[Er] hatte die Gleichheit des Namens vernommen, als eine Freude sein Gesicht überleuchtete. Nich (...)
  • 19   «[So wurde mir] ein kindlich gezeichneter-Stammbaum gezeigt, der das Geschlecht der Amato als rit (...)
  • 20   Nel lessico degli occultisti, tra i quali Amato Pojero va annoverato e dai quali gli antroposofi (...)

12Non meno sorprendente è una peculiarità del carattere morale del mendicante, senz’altro attribuibile ad Amato Pojero, che, come capitava spesso nell’alta borghesia palermitana imparentatasi con il patriziato, cedeva senza farsi troppi scrupoli alla tentazione di rivendicare titoli nobiliari non spettanti e, faute de mieux, di inventarsi immemoriali ascendenze blasonate17. Quando il narratore va a trovare il mendicante Giuseppe Amato nella sua abitazione miserabile, per portargli la nuova maglia di lana chiestagli in dono e la grossa moneta d’argento che un Dottor Giuseppe Amato, commosso dall’omonimia, gli aveva affidato per consegnarla al pover’uomo, il giubilo del mendicante si leva alto e non già per i doni ma per l’identità dei nomi (Braun 1955: 273)18, che forse segnalano una comune e remota origine, che al narratore viene esibita sotto forma di un albero genealogico della famiglia Amato tracciato da mano assai inesperta. L’apparenza avrebbe potuto essere quella della mistificazione, ma il narratore conclude che la nobiltà della figura del mendicante poteva anche indurre a dar credito alla pretesa ascendenza (ibidem)19. Il mendicante gratificato è un lontano parente povero dell’alto personaggio suo omonimo o ne è un’emanazione, una telefanìa20? A questa domanda, che il lettore si pone, il narratore non dà una risposta. A meno di non considerare tale la frase con la quale la breve prosa inizia e con la quale, al tempo stesso, è segnalata la scomparsa del mendicante dopo l’episodio narrato: «Nun sehe ich den Bettler schon nicht» (ibidem).

  • 21   Giambalvo 2002: 163-166; 411-412.

13L’incontro con Amato Pojero, che aveva promosso il conferimento dell’incarico a Palermo all’austriaco, fu subito coinvolgente. Appena arrivato, Braun dové tenere numerose conferenze alla Biblioteca filosofica per la cerchia ristretta, senza che fossero annunciate pubblicamente: su Rainer Maria Rilke il 27 novembre 1928, su Stefan George il 19 ed il 26 dicembre 1928. Il 15 gennaio 1929, con discussione tenuta il 10 aprile, propose un tema squisitamente occultistico, esponendo la Clara di Schelling, una singolare operetta dedicata alle evocazioni spiritiche dell’adorata moglie defunta del celebre filosofo, e, durante il soggiorno di Hans Carossa a Palermo, il 22 maggio 1929, parlò ancora del misticismo del filocattolico russo Vladimir Sergeevič Solov’ëv, fautore dell’unificazione delle chiese cristiane sotto il pontefice romano, e della sua escatologia apocalittica, che presentava aspetti più che compatibili con la gnosi teosofica della contessa Elena Petrovna Blavatskaja21. Nell’ambito degli interessi antroposofici ricadrà probabilmente, più tardi, anche la conferenza da lui dedicata nel 1935 alla poesia ‘frammentarista’ tedesca, che fa pensare a Schlegel e Novalis ma può aver tenuto presente anche il ‘frammentismo’ italiano dei vociani e forse anche quello del romano Arturo Onofri (1885-1928), che in Italia fu profondamente influenzato dalla spiritualità di Rudolf Steiner.

  • 22   In quel periodo Salaparuta finiva di elaborare la sua fortunatissima Cucina vegetariana. Manuale (...)
  • 23   Cfr. Carossa 1993: 111 per la visita «beim Herzog Salaparuta». Sulla visita d’obbligo per present (...)

14Grazie alla sua partecipazione, sin dall’inizio del suo impegno palermitano, alla cerchia esoterica della Biblioteca filosofica, Braun entrò ben presto in rapporto personale con Enrico Alliata duca di Salaparuta (1879-1947), che in quel torno di tempo fu anche teosofo militante e attivo sostenitore di una ‘gastrosofia’ o cucina integralmente vegetariana22. Dall’Alliata Braun fu ammesso a frequentare il fastoso palazzo di Piazza Bologni, dove portò con sé l’amico Hans Carossa, che ovviamente il poeta non mancò di introdurre presso Amato Pojero23.

  • 24   Il 7 maggio 1931 Felix Braun commemorò il poeta crepuscolare romano Fausto Maria Martini; il 2 e (...)
  • 25   Cfr. Giambalvo 2002: 301. La tragedia, un Trauerspiel in einem Vorspiel und fünf Akten, era stata (...)
  • 26   Per i dati relativi a Berta Ahrens rinvio alle utili informazioni sommarie che si trovano in More (...)
  • 27   Carossa ha annotato accuratamente nei suoi Tagebücher le reiterate visite fatte assieme a Braun a (...)
  • 28   Cfr. per queste notizie Hamburger 1987: 246; 257. La sua famiglia si era trasferita tempestivamen (...)

15Dopo il primo intensissimo approccio, alla Biblioteca filosofica Braun tenne annualmente un paio di conferenze24, molte delle quali dedicò all’illustrazione di aspetti particolari dei rapporti italo-tedeschi. Quasi a mo’ di congedo, il 26 maggio 1937, offrì in sessione privata una lettura di brani della sua tragedia inedita di soggetto italiano Beatrice Cenci, tradotta in versi dalla baronessa Berta Burgio delle Gazzere e dal letterato palermitano Guglielmo Lo Curzio25. La baronessa Burgio, née Berta Ahrens (1891-1989), altri non era se non la sesta figlia dell’imprenditore ebreo tedesco Albert Ahrens, che a Palermo aveva dato vita a più aziende agricole, tessili e d’arredamento assai attive26. Con la famiglia Ahrens, Braun era entrato in cordiali relazioni subito dopo il suo arrivo a Palermo. Con Berta, che allora intratteneva un salotto letterario, Braun mise in contatto Stefan Zweig, del quale la baronessa avrebbe poi tradotto più di un libro27. Alla stessa egli si sarebbe rivolto dopo la guerra per raccomandarle Michael Hamburger (1924-2007), un ebreo berlinese naturalizzato inglese, che si sarebbe fatto una gran reputazione come traduttore di Hölderlin, Rilke e Celan. Braun aveva infatti in animo di proporlo alla Facoltà di Lettere di Palermo per persuaderla ad affidargli l’insegnamento della Letteratura tedesca. Hamburger preferì però restare in Inghilterra28.

  • 29   Su questo punto cfr. Giambalvo 2002: 99, n. 18.
  • 30   La cartolina è transitata recentemente sul sito di Kotte Autographs, www.kotte-autographs.com.

16Certamente Braun ebbe un carteggio con Giuseppe Amato Pojero, che, se si fosse preservato, ci avrebbe forse aiutato a precisare l’attitudine rispettiva di entrambi nei confronti delle organizzazioni teosofica e antroposofica, la prima delle quali era in netto declino in Italia e, per di più, venne sottoposta a speciale vigilanza dalla polizia fascista a causa della prevalenza in essa della componente britannica e alla sua vocazione al tempo stesso internazionale e centralistica, mentre maggiore libertà godette la Società antroposofica italiana, che s’era resa autonoma dalla casa madre elvetica di Dornach. Le missive di Braun condivisero la sorte di quella parte del lascito manoscritto di Amato Pojero, che fu alienato e disperso dagli eredi di Concetta Comparato, che l’aveva avuto per successione29. Da quella dispersione dovrebbe ancora provenire la cartolina illustrata, recentemente offerta in antiquariato, indirizzata da Braun, da Roma, al dottor Amato il 19 dicembre 1936 e recante gli auguri di Natale30.

17Ancora negli anni successivi all’esilio in Inghilterra lo scrittore austriaco ritornò su Amato Pojero come soggetto da rielaborare letterariamente. Lo fece nell’ultima parte del romanzo allegorico e autobiografico Der Stachel in der Seele (1948), che fu pubblicata separatamente col titolo Der Liebeshimmel (1959). In questa tarda scrittura che vuole rappresentare un doloroso itinerario spirituale ed ascensionale di salvazione, la figura del dottor Amato, inquadrata all’inizio del periodo palermitano, compare in tre distinte trasfigurazioni o metamorfosi, che ce lo presentano dapprima come un prete paterno che lo attendeva in una chiesa, dove avrebbe celebrato messa. Nel corso della celebrazione, il sacerdote si trasfigura in angelo irradiante luce abbagliante: «Sein Leib war aus Feuer gewoben. In seiner brennenden Hand hielt er die unversehrte Hostie». Alla fine, il narratore ritrova Amato nelle vesti abituali e dimesse di direttore della Biblioteca filosofica ma, contrariamente a quanto era solito fare, adesso non incalza il narratore con richieste di conferenze da tenere. Anzi ne richiede l’ascolto e discorre in attitudine ieratica per svelargli il suo destino futuro. E gli predice che avrebbe trascorso ben nove anni a Palermo, lontano dalla patria.

  • 31   L’episodio delle trasfigurazioni del dottor Amato si può leggere in Braun 1959: 103-109.

18Braun commenta l’oracolo con una domanda retorica, che conferma la chiaroveggenza del dottore: «Und war seine Verkündung Erfüllung geworden?». E con una seconda domanda, che riprende e rafforza la prima: «Blieb ich nicht neun Jahre in der immer noch arabischen Stadt, die ich haßte?»31.

19In questa seconda domanda retorica riaffiora tutta l’avversione per una città, che, come abbiamo già osservato, lo forzò alla prossimità con la radice ebraica che aveva rifiutato.

20È finzione o verità tutto ciò?

  • 32   Mi riferisco all’adepto palermitano Antonio Billeci, sulla cui esperienza cfr. De Domenico 2008: (...)

21Di questo episodio sarebbe possibile una lettura che attribuisca all’autore la volontà d’essere inteso secondo la lettera della descrizione delle trasfigurazioni di Amato, il quale fu certamente dignitario della Società teosofica con funzioni sacerdotali e si attribuì, come da lui stesso ripetutamente e volentieri attestato, straordinarie capacità medianiche e chiaroveggenza. E comunque Braun non fu il solo a testimoniare d’averlo visto assumere un aspetto angelico ed emanare dal corpo materiale quello etereo e fluidico, che gli spiritisti ed occultisti chiamavano allora ‘perispirito’ e i teosofi avevano denominato ‘corpo astrale’32. Ma lasciamo pure alla letteratura il diritto all’ambiguità, senza della quale si perderebbero il fascino e la poesia.

  • 33   Tra il 1933 e il 1945 l’Italia ospitò circa 20.000 profughi provenienti dalla Germania, dall’Aust (...)

22La discriminazione ed i provvedimenti vessatori adottati a carico degli ebrei tedeschi del Reich subito dopo l’ascesa al cancellierato di Hitler avevano cominciato ad alimentare il fuoruscitismo già nella primavera del 1933. Di quella prima ondata migratoria una quota non insignificante fu attratta dall’Italia33, dove fino al 1937/38 i profughi trovarono condizioni relativamente accettabili, anche se gli studiosi ebrei espulsi dalle università e dalla ricerca non trovarono altri spazi che non fossero quelli, limitatissimi, dei lettorati di lingua tedesca, la cui destinazione, man mano che si consolidava l’alleanza italo-germanica, dipendeva in misura sempre maggiore dal placet nazista.

  • 34   Per Schächter cfr. Vincenti 1998: 55; 59; 80-81; 207 e Giambalvo 2002: 563. Sulla cessazione dell (...)

23Alcuni di quei cittadini tedeschi discriminati in cerca di miglior fortuna, fra cui i giovani Walter Heymann ed Ernst Moritz Manasse, transitarono brevemente anche attraverso la Biblioteca filosofica, quasi senza lasciar traccia. A Palermo furono dimenticati, posto che vi fossero stati mai davvero notati, a differenza di altri ebrei tedeschi, che in quella città avevano messo radici da molti anni, cospicui e bene inseriti come gli Ahrens, ma anche assai umili, come l’israelita osservante e apolide rumeno Moise Schächter, che esercitava le professioni di medico e di corrispondente in lingue estere. Alla Biblioteca filosofica, nel 1936 e all’inizio del 1937, fino a marzo, cioè finché le autorità lo consentirono, tenne insegnamenti complementari ai corsi teologici, e cioè Lingua e istituzioni ebraiche e Storia della cabala34.

  • 35   Per la biografia di Walter Heyman ovvero Walter Cerf rinvio a Kenna 2007, da cui è tratta parte d (...)

24Walter Heymann era nato a Lipsia il 14 maggio 1907 da Hermann Heymann, facoltoso ed abile uomo d’affari, e da Hertha Cerf. Della madre, Walter avrebbe adottato il cognome dopo essere emigrato dall’Europa negli Stati Uniti35. Quali motivazioni abbiano spinto Heymann a dismettere il cognome paterno non saprei dire. Certo è solo che quel cognome era comunissimo in Germania ed era tipico degli ebrei ashkenaziti.

25Dopo l’adolescenza trascorsa a Berlino, dove il padre amministrava una redditizia Gesellschaft für Eigentumsschutz, specializzata in vigilanza notturna, il giovane Heymann aveva studiato filosofia a Friburgo, dove aveva frequentato le lezioni di Martin Heidegger, e a Heidelberg, dove aveva seguito Karl Jaspers. La dissertazione di dottorato, Über die Farbe, das Farbige und das Sehen: Versuche zu einer existenzialen Interpretation der «aisthēsis» (Sinneswahrnehmung) (Heymann 1933: VII; 97), fu tuttavia presentata all’Università di Bonn, dove gli fu tutore Oscar Becker (1889-1964), studioso di logica, matematica e storia della matematica, che s’era abilitato nel 1922 con Edmund Husserl, del quale era poi stato assistente assieme a Heidegger.

  • 36   Per Olschki qui si rinvia a Brissa 1996.

26Superato l’esame orale previsto dal Promotionsverfahren (il Rigorosum) il 26 luglio del 1933 e conseguito come d’uso il dottorato con la pubblicazione della dissertazione, il giovane sapeva bene che, in forza del Gesetz zur Wiederherstellung des Berufsbeantentums (BBG) promulgato il 7 aprile, agli ebrei come lui era preclusa qualunque possibilità di intraprendere una carriera accademica in Germania, e col cospicuo e continuo sostegno finanziario del padre provò a cercare opportunità di carriera universitaria in Italia. Qui, prima dell’adozione della legislazione per la difesa della razza nel 1938, ci si dimostrava assai accoglienti nei confronti dei profughi ebrei tedeschi di elevato rango scientifico, come l’italianista e filologo romanzo, allievo di Karl Vossler, Leonardo Olschki (Verona 1885 – Berkeley 1961), che da professore ospite a Roma ricevette la comunicazione dell’amministrazione dell’Università di Heidelberg d’essere stato sollevato dal ruolo di ordinario e posto in quiescenza con decorrenza 21 agosto 1933, in quanto «non ariano», in esecuzione del BBG, art. 3, comma 136.

27Indirizzato dalla sua rete di contatti ma anche spinto dal suo amore per l’arte, il ventiseienne neo-dottore venne in Italia e, probabilmente motivato da ulteriori informazioni e da nuovi contatti, fra cui possiamo quasi sicuramente annoverare il filologo Leonardo Olschki, finì con l’approdare a Palermo, una sede universitaria sulla quale era ancora molto influente il filosofo Giovanni Gentile, noto come antirazzista di principio, che esercitava un ancora indiscusso patronato sulla Biblioteca filosofica. Fin dagli anni in cui era stato Ministro dell’Istruzione (1922-1924), aveva promosso l’aggregazione della Biblioteca all’Università, su mandato della quale, in forza di un’apposita convenzione, l’istituzione da lui fondata assieme al dottor Amato organizzava e curava lo svolgimento di corsi di perfezionamento ‘post-universitari’.

  • 37   Archivio della Fondazione Giovanni Gentile presso l’Università “La Sapienza” di Roma – Fondo Giov (...)

28Entrato in rapporto con Giuseppe Amato Pojero, il ventiseienne Heymann ottenne l’incarico, ovviamente non remunerato, di tenere un ciclo di conferenze sulla più recente filosofia germanica. Le conferenze ebbero luogo dal febbraio al maggio del 1934. Un cenno a queste si trova in una lettera del 14 marzo 1934-XII, scritta per conto di Amato Pojero a Gentile da Michele Fatta. Il cugino di Amato informava il filosofo sull’attività più recente e su quella in corso presso la Biblioteca filosofica: «Troppo lunga sarebbe la lista degli ospiti: l’anno scorso avemmo Finer e Greenwood (entrambi dell’Università di Londra), Hölscher, alto magistrato di Lipsia, Ugo Spirito[…], attualmente abbiamo Heymann dell’Università di Bonn ed il pubblicista vicentino Lioy»37.

  • 38   In quel 1933 era apparsa nel volume XVIII (GU-INDE) dell’Enciclopedia Italiana diretta da Gentile (...)
  • 39   Cfr. Giambalvo 2002: 220-224; 226; 493.

29Il ciclo di letture ebbe carattere monografico e fu interamente imperniato sulla fenomenologia di Husserl e sulla sua revisione a opera di Heidegger, un tema allora ancora quasi del tutto esotico in Italia38, rispetto al quale Heymann era un testimone diretto e informato. I registri della Biblioteca filosofica ci informano, con qualche rara lacuna, sulle date e sui temi delle lezioni tenute dal giovane studioso39: a una Introduzione alla filosofia di Heidegger furono dedicate le lezioni del 9, 10 e 15 febbraio; di Husserl e Heidegger, ossia del loro rapporto, trattò la lezione del 23 febbraio, mentre su La filosofia di Heidegger, quella autonoma e personale, Heymann riferì il 24 febbraio. Il 3 marzo iniziano la lettura e il commento di Zum [sic] Wesen des Grundes, ossia dello scritto sul principio di ragione apparso nella Festschrift pubblicata per il settantesimo compleanno di Edmund Husserl nel 1929, che in Italia sarà tradotto negli anni Cinquanta del Novecento. Temi ulteriormente indicati dal registro paiono ricadere all’interno della problematica affrontata dal trattato heideggeriano: Schopenhauer, Husserl e Heidegger (5 marzo), dove la menzione di Schopenhauer rinvia implicitamente allo scritto di quest’ultimo sulla Quadruplice radice del principio di ragion sufficiente, che è un testo che ricade pienamente nell’orizzonte della problematica heideggeriana, e Il concetto del mondo, del quale Heymann discorse il 17 ed il 23 marzo, commentando le parti del testo del Wesen des Grundes in cui quel concetto è tematico. Una ricapitolazione dell’intera interpetazione pare essere infine la ripresa, alla decima lezione, del tema introduttivo Husserl e Heidegger (2 aprile). Da corollario, quasi da implicita (e polemica) riaffermazione di un primato husserliano nella filosofia fenomenologica, fungono infine i titoli degli ultimi due interventi del ciclo annotati nel registro: Il concetto dell’interesse (11 aprile), connesso palesemente all’intenzionalità, e Il metodo della fenomenologia (5 maggio).

  • 40   AFG, Corrispondenza. Sottoserie 2, UA 2951. Il manoscritto di Heymann non è in possesso dell’AFG (...)

30Dal lavoro preparatorio per queste lezioni Walter Heymann trasse un articolo redatto in italiano su Heidegger, che, dopo la conclusione definitiva della sua esperienza palermitana e prima di lasciare l’Italia, sottopose a Giovanni Gentile perché lo pubblicasse nel «Giornale critico della filosofia italiana». Trovandosi a Roma, l’11 dicembre 1935, Heymann inviò a Gentile il suo lavoro su Heidegger, allegandolo alla lettera che segue: «Eccellenza, prendo la libertà di inviarle con la presente il manoscritto d’un mio lavoro sullo Heidegger perché voglia, se lo giudica degno, pubblicarlo nella sua pregevole Rivista. Il lavoro è stato letto e apprezzato dai proff. Olschki e Carabellese, i quali m’invogliano a raccomandarlo alla sua benevola attenzione. Nella speranza di farle cosa non del tutto sgradita, le porgo i miei più devoti omaggi»40.

  • 41   Grassi sollecitò a Gentile la pubblicazione del suo secondo articolo su Heidegger, che gli aveva (...)
  • 42   L’informazione è tratta da Scaravelli 1983, cui a suo tempo aveva attinto Gennaro Sasso: «a pp. 1 (...)

31Gentile non ritenne di dover stampare il lavoro offertogli. In lista d’attesa aveva un lavoro di Ernesto Grassi, Il problema del nulla nella filosofia di M. Heidegger, che aveva ricevuto molto prima di quello di Heymann e che vide la luce molto più tardi, nel 1937, dopo essere stato rinviato all’autore per essere riveduto e modificato41. Ma non sarà stato l’unico motivo, dal momento che, come è piuttosto noto, Gentile non intendeva affatto dare troppo risalto a Martin Heidegger, del quale, in quello stesso 1935, gli erano state offerte ben due differenti traduzioni italiane di un medesimo scritto breve, ossia della prolusione friburghese del 1929 (Was ist Metaphysik?), rispettivamente approntate da Luigi Scaravelli e da Armando Carlini, nessuna delle quali egli volle ospitare, dopo qualche incertezza iniziale, nel suo «Giornale critico»42.

  • 43   Si tratta del Regio Decreto n. 1592 del 31 agosto 1933, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del R (...)

32Completato il suo ciclo di lezioni, Heymann concordò un secondo ciclo di conferenze, da tenersi nell’inverno 1934/35, con il dottor Amato, il quale, sia che non fosse informato sui progetti per il futuro del giovane ebreo berlinese, sia che – e mi pare la cosa più probabile – non volesse dispiacergli, non gli fece alcun cenno alle novità normative introdotte dal Testo unico della legislazione universitaria italiana, che escludevano dall’accesso al ruolo ed alla funzione docente quanti non fossero a) tesserati al Fascio e b) in possesso della cittadinanza italiana43. Il berlinese avrebbe anche potuto informarsi e avvedersene da sé, ma all’epoca era ancora un giovane ricco e naturalmente ottimista, nonché piuttosto distratto riguardo agli aspetti pratici della vita, essendo tutto concentrato sui suoi interessi filosofici e artistici.

  • 44   Per il suo caso cfr. in generale Eckart-Sellin et al. 2006. Le sue personali vicissitudini sono s (...)

33Heymann era forse già ripartito quando a Palermo, in quella primavera inoltrata del 1934, approdava dalla Germania un secondo dottore in filosofia, un grecista e filologo proveniente da Heidelberg. Come Heymann, del quale era più giovane di un anno, era ebreo e cercava fortuna accademica in Italia, ma senza avere alle spalle una famiglia ricca. Si chiamava Ernest Moritz Manasse (1908-1997)44 e a Palermo, dove aveva già soggiornato per studiare qualche mese in quell’università, si presentò con lettere di raccomandazione del filologo classico Otto Regenbogen, tutore della sua tesi, e del filosofo Karl Jaspers. Il tema della dissertazione era Über Wahrheit bei Platon, ma di questa aveva ancora stampato solamente un breve stralcio nel 1933, per ottenere il titolo di dottore, poiché il professor Regenbogen gli aveva imposto di apportare all’elaborato originario rilevanti modifiche e integrazioni. Qualcuno dei professori italiani da lui interpellati a Palermo deve averlo informato immediatamente delle disposizioni del nuovo ordinamento universitario del 1933. Essendogli stata tolta ogni illusione sulle prospettive di carriera, gli si offrì comunque l’opportunità di presentare e discutere qualche parte del suo lavoro alla Biblioteca filosofica, dove, in alcuni incontri, fra i quali uno del 21 maggio 1934, trattò I due metodi della ricerca filosofica nel Filebo di Platone (Giambalvo 2002: 512).

34Accertata la mancanza di prospettive a Palermo, dopo aver superato altre traversie, Manasse finì per emigrare negli Stati Uniti. Del suo fugace passaggio alla Biblioteca filosofica resta una piccola traccia, l’edizione definitiva del 1937 della sua dissertazione di Heidelberg: Platons Sophistes und Politikos. Das Problem der Wahrheit (Manasse 1937). Il libro si trova oggi nel fondo Biblioteca Amato Pojero, presso la Fondazione Capograssi a Roma, ai segni 1 II O 48.

  • 45   Cfr. Giambalvo 2002: 235-237; 239; 241; 493.
  • 46   Vincenti 1998: 20, n. 35.
  • 47   Di questa irreconciliabilità è testimonianza la sua relazione su di un bimestre da lui trascorso (...)

35Il secondo ciclo di conferenze di Heymann iniziò al più tardi nel novembre del 1934 ed ebbe a tema una epistemologia che, da quel che si può arguire dal registro, aveva come punti di riferimento le posizioni di Nicolai Hartmann, orientate, secondo un’impostazione fenomenologica nettamente avversa alla tradizione neokantiana, nella direzione di un realismo critico o di un ontologismo accostabile a certe posizioni centrali di Pantaleo Carabellese, col quale il giovane aveva allacciato a Roma buoni rapporti. Heymann proseguì le sue lezioni almeno fino alla metà del febbraio 1935. Il registro dell’attività della Biblioteca è, per questo periodo, palesemente lacunoso e annota solo otto sue lezioni, senza indicare quella iniziale45. Imprecisi nella loro sommarietà sono i titoli dati alle singole conferenze, raggruppate secondo due temi generici, ossia: Scienza e filosofia (19 novembre, 5 e 22 dicembre 1934) e La teoria della conoscenza di Nicolai Hartmann (4, 23 e 30 gennaio; 6 e 13 febbraio 1935). Raccontando di questo suo secondo soggiorno palermitano, Heymann ricorda d’essere stato informato da Amato Pojero che «the Italian government would […] no longer allow foreigners to lecture at Italian universities»46. Presa finalmente coscienza di non avere chances di carriera accademica neppure in Italia, il giovane filosofo decise dapprima di andarsene a Roma a studiare la pittura di Caravaggio e, nel 1936, emigrò negli Stati Uniti, dove prese definitivamente, fino alla morte (26 ottobre 2001), il cognome Cerf. Nell’esilio americano studiò per conseguire un secondo PhD in filosofia a Princeton, che ottenne nel 1941. Divenuto cittadino statunitense fu arruolato nell’esercito e servì in Europa nei ranghi dei servizi segreti militari. Dopo la guerra fu risarcito con la metà del valore dell’azienda paterna, che i nazisti avevano confiscato nel 1938, e iniziò finalmente la carriera di professore di Filosofia nel 1948, al Brooklin College della City University of New York, che lasciò nel 1972 da pensionato. Degli ebrei tedeschi dell’emigrazione appartenne al gruppo di coloro che si rifiutarono di tornare in Germania e furono irreconciliabili con la loro passata identità culturale47. L’ultima parte della sua vita, quella da ricco pensionato e collezionista d’arte, la trascorse nel Vermont. Dei contributi di Walter Cerf alla filosofia e alla storia della filosofia non è qui il caso di dire. Per disposizione testamentaria il suo ragguardevole lascito, curato dal Cerf estate, è stato assegnato in parti uguali da 6,5 milioni di dollari alla Princeton University, al Brooklin College e all’israeliano Weizman Institute of Science.

  • 48   Il vertice dell’Accademia era rappresentato dal filosofo del diritto e penalista Giuseppe Maggior (...)
  • 49   Sull’atteggiamento della Curia palermitana nei confronti della Biblioteca filosofica cfr. De Dome (...)
  • 50   Nel 1935 il prefetto di Palermo Marziali fece sequestrare in tipografia due opuscoli curati da ta (...)

36A proposito dei corsi di ebraico e di Cabala di Moise Schächter, avevamo notato che la loro sospensione nella primavera nel 1937 preludeva in qualche modo all’antisemitismo ufficiale del 1938 e segnalava comunque una forte limitazione della facoltà di disporre a suo piacimento dei programmi della Biblioteca filosofica di Amato Pojero, che, sia per l’habitus mentale teosofico, irenico fino all’indifferentismo, sia per l’abitudine ad agire a capriccio in regime di privilegio, s’era sempre presa la libertà di fare intervenire alla Biblioteca filosofica, in forma pubblica o in riunioni riservate, qualunque voce gli aggradasse. E mai e poi mai avrebbe potuto garbargli l’antisemitismo, anche se magari sarebbe stato disposto a considerarlo e accettarlo come una voce tra le altre. L’accorpamento all’Accademia di Scienze, Lettere e Arti della Biblioteca filosofica, imposto autoritariamente, lasciò bensì al vecchio il privilegio di continuare a farsi le sue riunioni sotto la sigla «Biblioteca filosofica», ma essendo sottoposto ad uno stretto controllo, esercitato, da una parte direttamente dal Partito Nazionale Fascista e dal vertice dell’Accademia48 e, dall’altra, dalle autorità ecclesiastiche, che già da molti anni tenevano un piede entro la Biblioteca per controbilanciare gli indirizzi teosofici e gnostici prediletti dal dottore49, che comunque ebbe anche una piccola sanzione poliziesca, ancorché indiretta50.

37Una parte della programmazione culturale passò quindi ad altre mani, che diedero spazio all’antisemitismo del regime. Ha voluto puntigliosamente documentarlo attraverso uno spoglio del «Giornale di Sicilia» Mario Genco, che tuttavia non s’avvide che quel che passava nella comunicazione pubblica sotto la ragione sociale Biblioteca filosofica era per lo più imputabile a iniziativa altrui. Ma cito comunque, per concludere, da Genco:

  • 51   Interrompo qui la citazione, che potrebbe continuare ancora a lungo. Le lezioni menzionate furono (...)

Fino all’entrata in guerra dell’Italia, il Regime sviluppò una quantità davvero incredibile di iniziative razziste […]. Tutto ciò non sarebbe stato possibile senza la partecipazione compatta dei professori dell’università e dei circoli culturali cui facevano riferimento a Palermo. […] Ricordate la Biblioteca Filosofica, “prestigiosa istituzione culturale cittadina”? Bene, fu sede di altrettanto prestigiose lezioni e conferenze antisemite, naturalmente le più filosofiche e culturali: Paolo Varvaro […] su “Razzismo italiano” in due puntate. “Indi – informava placidamente il comunicato stampa – proseguirà la lettura e commento del Parmenide di Platone”; la settimana successiva toccò ad Agostino Di Stefano Genova che, parlando di “Fascismo e razza” trattò della nefasta influenza degli ebrei, sopportata in campo culturale con un’attività disgregatrice che non può essere tollerata da alcun popolo che si rispetti. (Genco 2000: 75-76)51

Bibliographie

Biscuso M., 2014, Luigi Scaravelli a Villa Sciarra (1931-1935), «Studi germanici» 6: 161-243.

Braun F., 1937, Der Bettler von Palermo, «Das Goetheanum. Wochenschrift für Anthroposophie» 15: 321-322.

Braun F., 1945, Palermo, in Anrufe des Geistes. Essays, Reden, Erinnerungen, Graz, Verlag Styria.

Braun F., 1949, Das Licht der Welt. Geschichte eines Versuchs als Dichter zu leben, Wien, Thomas Morus Presse in Verlag Herder.

Braun F., 1955, Der Bettler von Palermo, in Die Eisblume. Ausgewählte Essays, Salzburg, Otto Müller: 271-274.

Braun F., 1959, Der Liebeshimmel, Wien, Amandus Verlag.

Braun F., 1969, Worte zu Eröffnung der Ausstellung Hans Carossa im Hochstift zu Frankfurt am Main am 18.November, «Jahrbuch des Wiener Goethe-Vereins» 73: 150.

Brissa E., 1996, Le patrie di Leonardo Olschki, in I lettori italiani in Germania (Weimar, 27-29 aprile 1995), a cura di D. Giovanardi e H. Stammerjohann, Tübingen, Narr: 91-98.

Buchinger S., 1998, Stefan Zweig – Schriftsteller und literarischer Agent: Die Beziehungen zu deutschsprachigen Verlegern (1901-1942), Frankfurt am Main, Buchhändler-Vereinigung.

Caprarelli G., 1941, Opinoni e saggi politici, «Il Convivio Letterario» 20: 179.

Carossa H., 1993, Tagebücher 1925-1935, hrsg. v. E. Kampmann Carossa, Frankfurt am Main/Leipzig, Insel.

Castelli E., 1997, Diari, vol. I (1923-1945), a cura di E. Castelli della Gattinara jr, Padova, CEDAM.

De Domenico N., 2008, Nuovi dati su Giuseppe Amato Pojero e la Biblioteca filosofica di Palermo. Misticismo, esoterismo e sette iniziatiche, in Percorsi verso la singolarità. Studi in onore di Epifania Giambalvo, cura di F. Cambi-N. De Domenico et al., Pisa, Edizioni ETS.

Eckart W.U.-Sellin V. et al. (Hrsg.), 2006, Die Universität Heidelberg im Nationalsozialismus, Heidelberg, Springer Medizin-Verlag.

Fatta della Fratta S., 1987, Quando si cantava “Giovinezza”, Palermo, La Luna.

Genco M., 2000, Repulisti ebraico. Le leggi razziali in Sicilia: 1938-1943, Palermo, Istituto Gramsci Siciliano.

Giambalvo E., 2002, La Biblioteca Filosofica di Palermo. Cronistoria attraverso i registri manoscritti ed altre fonti, Palermo, Edizioni della Fondazione Nazionale Vito Fazio-Allmayer.

Hamburger M., 1987, Verlorener Einsatz. Erinnerungen, Stuttgart, Flugasche-Verlag.

Heymann W., 1933, Über die Farbe, das Farbige und das Sehen: Versuche zu einer existenzialen Interpretation der «aisthēsis» (Sinneswahrnehmung), Würzburg, Konrad Triltsch.

Heymann W., [Cerf W.], 1955, Existentialist Mannerism and Education, «The Journal of Philosophy» 52: 141-152.

Hitsch A. (Hrsg.), 2016, Welch’ reicher Himmel Stern an Stern. Aus 100 Jahren anthroposophisch inspirierter Dichtung, Dornach, Verlag am Goetheanum.

Imbriano G., 2016, Gentile, Heidegger, la tecnica, in M. Ciliberto (a cura di), Croce e Gentile. La cultura italiana e l’Europa, Roma, Istituto dell’Enciclopedia Italiana: 451-466.

Kenna C.-Bates S. et al, 2007, Walter Cerf: a Personal Odyssey, Middlebury, Middlebury College Museum of Art.

Mackenzie W., 1923, Metapsichica moderna – Fenomeni medianici e problemi del subcosciente, Roma, Libreria di scienze e lettere.

Maggiore L. (a cura di), 1954, Vita di nessuno. Note autobiografiche, Cuneo, Ghibaudo.

Manasse E.M., 1937, Platons Sophistes und Politikos. Das Problem der Wahrheit, Berlin-Schöneberg, Siegfried Scholem.

Michels, V. 1979, Hans Carossas Gegenwart, in V. Michels (Hrsg.), Über Hans Carossa, Frankfurt am Main, Suhrkamp.

Mirabella T., 1974, Ricordo di Giuseppe Amato Pojero, in Atti del V Congresso regionale di filosofia: Giuseppe Amato Pojero e la Biblioteca filosofica di Palermo, Comunicazioni e interventi, Milazzo, Edizioni Spes II: 238.

Morello G., 2013, Villa Ahrens. Appunti per una storia di famiglia, «Per» 36: 10-13.

Obermayer H.P., 2014, Deutsche Altertumswissenschaftler im amerikanischen Exil. Eine Rekonstruktion, Berlin/Boston, De Gruyter.

Ruta A.M.-Miceli F., 2016, Topazia Alliata. Una vita per l’arte. Catalogo della mostra (Palermo, 11 novembre 2016-11 gennaio 2017), Fondazione Sant’Elia.

Sala G., 1935, Il carattere della cultura siciliana, Palermo, La Tradizione Editrice.

Sasso G., 1995, Di Gentile, di Heidegger e della loro reciproca conoscenza (Documenti e aneddoti), in Filosofia e idealismo. Giovanni Gentile, Napoli, Bibliopolis.

Scaravelli L., 1983, Lettere a un amico fiorentino, a cura di M. Corsi, Pisa, Nistri Lischi.

Schenk E., 1970, Interview mit dem Schriftsteller Felix Braun, «Österreichische Mediathek» 17/3/1970.

Segrè E., 1993, A Mind always in Motion. Autobiography, Berkeley/Los Angeles/Oxford, University of California Press.

Varvaro P, 1982, Alla scoperta della scienza, Palermo, Mori.

Vincenti L., 1998, Storia degli ebrei a Palermo durante il fascismo. Documenti e testimonianze, Palermo, Offset studio.

Voigt K., 1989, Zuflucht auf Widerruf. Exil in Italien 1933-1945, Stuttgart, Klett-Cotta.

Zeller B.-Hofmann A. (Hrsg.), 1965, Die Insel. Eine Ausstellung zur Geschichte des Verlages unter Anton und Katharina Kippenberg, Marbach am Neckar, Deutsches Literaturarchiv im Schiller-Nationalmuseum.

Zweig S., 1978, Briefe an Freunde, hrsg. v. R. Friedenthal, Frankfurt a. M., Fischer.

Notes

1   Questa foto è visibile in rete all’interno del sito http://www.braun-prager.de/fotos.htm.

2   La chiamata gli sarebbe giunta «durch eine Art Wunder» (Schenk 1970).

3   Un alloggio modesto ma comodo, «comfortable in its simpliciy», giudicò quella pensione, nel 1936, lo straordinario di Fisica Emilio Segrè (1993: 105), che avrebbe insegnato a Palermo fino alla sua radiazione in quanto ebreo nel 1938. In tutti gli annuari dell’Università di Palermo dal 1928/29 al 1936/37 la pensione Lincoln è sempre indicata come domicilio e recapito del professor Felice Braun.

4   «Als ich in Palermo lebte, hatte ich fast stets das Gefühl, fernen Ahnen nahe zu sein. Aber nicht beglückte mich diese Rückkehr […]» (Braun 1949: 62).

5   Assieme al fratellastro Robert, Felix Braun era uscito formalmente dalla comunità ebraica nel 1917.

6   Sono attestate con sicurezza le lezioni impartite all’affascinante adolescente Topazia Alliata, figlia del Duca di Salaparuta. La notizia si trova in Carossa 1993: 111 e nota corrispondente. Su Topazia Alliata, pittrice e gallerista più nota per essere stata madre di Dacia Maraini, cfr. Ruta-Miceli 2016.

7   Su questi aspetti e, in generale, sui rapporti di Braun col mondo editoriale, oltre a Zweig 1978 e Buchinger 1998, si può ancora tener presente anche Zeller-Hofmann 1965.

8   Nel 1938 sarebbe stato colpito dalla doppia catastrofe dell’Anschluß dell’Austria al Reich, che gli impedì di tornare in patria, e dell’applicazione in Italia della legislazione antisemita, che gli fece perdere l’incarico a Padova, donde sarebbe partito per l’esilio inglese.

9   Mi riferisco in primo luogo a Braun 1965: 81-82. Ma numerose sono anche le pagine, composte in elegante prosa o in versi sapienti, dedicate alla natura e all’arte di Palermo e della Sicilia.

10   Cfr. Michels 1979: 342-343. Quanto a Carossa, se ne vedano ad indicem i già citati Tagebücher (Carossa 1993).

11   «Habe ich alles gerühmt was ich hier mit Liebe geschaut? Das Meer bei Mondello am Morgen, wenn es blau ist wie das Blau brasilianischer Schmetterlinge […]. Den Golf von Acquasanta gegen Abend, wenn letztes Himmelslicht ihn magisch umglänzt? […] Den rötlichen Säulenhof des Palazzo Reale, darin ich so oft Gast der Philosophischen Bibliothek und ihres Gründers, des verehrungswürdigen, heiligmäßigen Doktors Giuseppe Amato, gewesen […]» (Braun 1965: 89). Sulle pose ieratiche del dottor Amato, il cui correlato era l’ossequio degli adepti, concordano due testimonianze assai autorevoli riferentisi alla prima metà degli anni Trenta, quelle di Enrico Castelli e di Eugenio Garin, citate ampiamente in De Domenico 2008: 15-16.

12   Per questa espressione si veda sopra la nota 2.

13   Espressione di devota riconoscenza è la dedica vergata dall’autore sulla carta di guardia del volume del 1925 Deutsche Geister. Aufsätze, Wien/Leipzig/München, Rikola Verlag: «Al venerando amico paterno Dottore Giuseppe Amato per segnaculo [sic] della profonda gratitudine e riverenza. Palermo / gennaio 1931 Felix Braun». Il volume, segnato II.I.23, fa parte del fondo Biblioteca filosofica attualmente depositato presso il Centro Internazionale di Cultura Filosofica Giovanni Gentile a Castelvetrano (Trapani). Prima che lo assumesse Braun, l’insegnamento di Letteratura tedesca era stato retto dal germanista piemontese Giovanni Alfero (1888-1962), che nel 1923/24 lo aveva avuto dapprima per incarico, poi da comandato e quindi, per breve tempo, da titolare, con la qualifica di straordinario, fino al suo passaggio a Genova nel 1925. Fino all’accettazione di Braun, la Facoltà di Filosofia e Lettere di Palermo non era stata in grado di trovare un sostituto ad Alfero.

14Der Bettler von Palermo fu poi inserito da Braun in Braun 1955: 271-274, da cui qui si cita.

15   Le collaborazioni al «Goetheanum» di Braun sono numerose e costanti. Relativamente poche sono le prose: nel 1937 oltre a Der Bettler, il periodico diretto da Albert Steffen stampa Die Vogelheimkehr ed una Erinnerung an Rainer Maria Rilke; nel 1938 Gedanken über den “Nachsommer”, Rilke in der Zeit des Krieges, Der Künstler e Karl Thylmann. Nel dopoguerra le prose sono solo tre: Rainer Maria Rilke in Wien (1946), Das Welterlebnis Hofmannsthals (1947) e Albert Steffen (1969). Molto più numerose furono, fra rime in tedesco e versi in traduzioni dall’inglese e dall’italiano, le poesie destinate da Braun alla rivista di Dornach. Mi limito qui a ricordare solo le composizioni in tedesco: Die Bilder der Toten, Der Fuss der heiligen Agathe (1936); Die Taubenfüsse, Das Fangenspiel, Der Knecht mit dem Licht, Der Sohn, Ewigkeit (Emil Lucka gewidmet), Die vier Edelsteine, Die Kuhglocken (1937); Toscanische Frühlingslandschaft, Gewissheit, Der kleine Herbst (1938); Raphael, Gang mit Beethoven, Das Unkraut, Das syrische Weib (1939); Die Sylvesternacht, Das Erröten, Die beiden Kinder und der Zauberer (meiner Schwester Käthe) (1940); Der Knecht der Zelte, Der Angler, Herbst-Ode (1941); Pflanzen-Gleichnis (1944); Aus einer unveröffentlichten Ode an Deutschland (1945); Viola (1949). Parte delle poesie elencate fu raccolta da Braun nel 1955 nel volume Viola D’Amore. Ausgewählte Gedichte aus den Jahren 1903-1953, Salzburg, Otto Müller. Nel 2016 è stata pubblicata un’antologia di «anthroposophisch inspierierte Dichtkunst», Hitsch 2016, che ovviamente comprende più liriche di Braun.

16   «Er war nicht gross, sehr schlank, der lange, wirklich silberweisse Bart passte seltsam zu seiner Jünglingsgestalt, schön waren seine zarten, adeligen Hände, aber am schönsten die tiefen, lichtspiegelnden braunen Augen unter der blauen Seemanskappe» (Braun 1955: 271). La bassa statura del dottore Amato la attestò un suo primo cugino, che con lui ebbe lunga familiarità (cfr. Varvaro 1982: 139). Una delle figlie del cugino Michele Fatta, cui Amato era stato padrino di battesimo, ne delinea un ritratto concordante con gli altri, salvo che per il colore degli occhi dell’uomo, che comunque erano sempre schermati da lenti azzurre: «Lo zio Peppino sedeva sul divano, con le gambe strettamente avvolte in un plaid di lana. Ricordo la sua bellissima faccia cerea e la corona di capelli grigi, la barba lunga e morbida, le labbra rosse e carnose, gli occhi celesti» (Fatta della Fratta 1987: 20). Analogamente Giuseppe Maggiore: «Portava la sua nera papalina, che gl’incappucciava la testa fin sotto gli orecchi, e le sue belle mani aristocratiche coglievano invisibili fiori di sullo scialle, che gli fasciava immancabile i ginocchi» (1954: 154). Altrove Maggiore accenna al «viso barbuto dai lineamenti aristocratici» (221). La «lunga barba assira» fu specialmente notata in un incontro del 1931 da un altro visitatore, Enrico Castelli (1997: 147). Ancora un altro testimone arricchisce di attributi la descrizione delle mani del dottor Amato di Giuseppe Maggiore: guardai le mani dell’uomo che era dinanzi a me: mani affusolate, diafane, aristocratiche, che si muovevano di continuo a carezzare nervosamente le frange di un grande scialle posato sulle gambe e rivoltato all’interno» (Mirabella 1974: 238). Non sono noti ritratti di Amato Pojero, che per acroamatica riluttanza non volle mai farsi fotografare. Un pessimo ritratto postumo, un olio del profilo del personaggio, fu donato nel 1968 alla Biblioteca comunale di Palermo dalla vedova e lì ancora pende nel ‘famedio’.

17   Michele Pojero, nonno materno di Giuseppe Amato Pojero, e Francesco Amato, suo padre, erano stati entrambi dei self made men, imprenditori infaticabili venuti su dal nulla. Il fratello e la sorella di Giuseppe Amato si legarono mediante matrimonio alla nobiltà: Michele (1850-1914), che sarebbe stato nominato senatore del Regno, prese in moglie Eleonora Bordonaro, figlia del barone Alessandro Bordonaro; Maria (1859-1936) contrasse matrimonio con Eugenio Beccadelli di Bologna (1848-1897), ‘patrizio napoletano’, che è quanto dire ‘milite’ o ‘cavaliere’, un titolo di consolazione che si dava ai cadetti. E don Eugenio Beccadelli non era soltanto cadetto ma addirittura figlio di secondo letto di Giuseppe, principe di Camporeale e sesto duca di Adragna. Del titolo di duchessa di Adragna, senza in realtà potere accampare alcun diritto, non si peritò di appropriarsi la vedova Beccadelli, sorella di Giuseppe Amato Pojero, che pretese anche, in ciò appassionatamente assecondata dal fratello minore e dall’intera famiglia, di fregiare il proprio figlio maschio Giuseppe (1892-1928) del titolo di duca di Adragna. E ciò contro ogni evidenza, dato che l’Almanach de Gotha, una sorta di informale Corte di Cassazione genealogica, attribuiva il ducato di Adragna a personaggi ben noti ed assai in vista, come don Pietro Paolo, 10° Principe di Camporeale e 7° Duca di Adragna, che fu senatore del Regno dal 10 ottobre 1892, sindaco di Palermo nel 1900 e nel 1901. Dopo la sua morte nel 1918, sua figlia, donna Maria Anna, dovette appellarsi alla Consulta araldica, che le riconobbe nel 1920, con Regio Diploma, i titoli legittimamente ereditati. Il di lei marito, Filiberto di Sallier Latour, divenne così l’8° duca di Adragna. Ma per Giuseppe Amato Pojero il nipote Giuseppe Beccadelli fu sempre il vero duca, e come tale lo registrò fra i soci della Biblioteca filosofica, nel primo Annuario del 1911. Braun era da poco giunto a Palermo quando si ebbe notizia della morte a Massaua, nella Colonia Eritrea, di questo nipote del dottor Amato, che fu pianta pubblicamente, senza risparmiare alla memoria del defunto giovane ‘duca’ la millanteria familiare, che si sfrenò nel necrologio pubblicato sul «Giornale di Sicilia» di lunedì 17 e martedì 18 dicembre 1928, il giorno prima che Felix Braun tenesse a pochi uditori una conferenza sulla poesia di Stefan George (Giambalvo 2002: 164), che fu poi il giorno stesso in cui Amato Pojero dispose per il lutto la sospensione, «fino a nuovo avviso», delle attività della Biblioteca (cfr. l’annuncio nel «Giornale di Sicilia» del 18-19 dicembre). La smania di nobilitarsi degli Amato, che era oggetto del gossip della nobiltà palermitana, è stata ritratta non senza abbondante sarcasmo sui «ducastri», e con molti particolari tratti dalla memoria della sua amicizia infantile con Giuseppe Beccadelli, dallo scrittore Antonio Pizzuto nel romanzo del 1960 Si riparano bambole (Milano, Lerici), nel quale molti particolari, riferibili anche a Giuseppe Amato (detto Dottore Amarena), erano noti per via della sua amicizia d’infanzia con Giuseppe Beccadelli. Invecchiando, il dottor Amato non si emendò da questa debolezza. Al giornalista Giuseppe Caprarelli, che lo frequentò al declinare degli anni Trenta, lasciò credere d’essere «erede diretto dell’umanista Beccadelli», ossia di Antonio Beccadelli (1394-1471), detto il Panormita (Caprarelli 1941: 179).

18   «[Er] hatte die Gleichheit des Namens vernommen, als eine Freude sein Gesicht überleuchtete. Nicht das Geld war es, nicht die Maglia, nicht die Berühmtheit seines Wohltäters, was ihn beglückte war vielmehr die wunderbare Wahrheit, daß ein anderer Mensch auch, wie er, Giuseppe Amato hieß. Giuseppe Amato! Giuseppe Amato!» (Braun 1955: 273).

19   «[So wurde mir] ein kindlich gezeichneter-Stammbaum gezeigt, der das Geschlecht der Amato als ritterliches bis in das dreizehnte Jahrhundert hinauf nachwies (oder bloß behauptete?) Die Augen und Hände jedenfalls ließen den Anspruch durchaus gelten und glauben» (ibidem).

20   Nel lessico degli occultisti, tra i quali Amato Pojero va annoverato e dai quali gli antroposofi non vanno affatto esclusi, la telefanìa è il fantasma di un vivente, la proiezione dell’immagine di un soggetto che può essere volontaria o involontaria. Per Mackenzie, che è autore rappresentativo degli anni Venti per la «scienza» dei fenomeni detti «paranormali», «la immagine [telefanica] può prendere apparenza “oggettiva”, rendendosi visibile nel contempo a parecchie persone; con che si tratterebbe di “allucinazione veridica” […], quella immagine potrebbe possedere addirittura una reale consistenza oggettiva, se, come pare accertato, essa può dar luogo a manifestazioni fisiche permanenti» (Mackenzie 1923: 171).

21   Giambalvo 2002: 163-166; 411-412.

22   In quel periodo Salaparuta finiva di elaborare la sua fortunatissima Cucina vegetariana. Manuale di gastrosofia naturista (Milano, Hoepli), pubblicata nel 1930, innumerevoli volte ristampata fino ad oggi. Altri suoi scritti furono: Vivisezione o antivivisezione? Raccolta di pareri, con prefazione del Duca Di Salaparuta, Palermo, Scuola Tip. Boccone Del Povero 1931; Cristianesimo e rincarnazione in rapporto alla coscienza moderna e al problema sociale, Palermo, Vena 1931; Libertà. Krishnamurti ed i pionieri del pensiero attuale, Trieste, Artim 1935, che si possono tuttora anche consultare in parte presso la sede romana della Fondazione Capograssi, che possiede il fondo librario personale di Amato Pojero, in parte presso il già menzionato Centro Giovanni Gentile di Castelvetrano.

23   Cfr. Carossa 1993: 111 per la visita «beim Herzog Salaparuta». Sulla visita d’obbligo per presentare Carossa a Amato Braun riferì: «Als ich ihn zu den ehrwürdigen Dottore Amato, dem Gründer der Philosophischen Bibliothek führte, begeisterte ihn das Antlitz, die Haltung und das Gespräch des Greises, sowie aber Amato an ihn das Ansinnen stellte, einen Vortrag in der Bibliothek zu halten, schlug seine Meinung in ihr Gegenteil um, und ich hatte meine Mühe, die Absage des Dichters zu begründen» (Braun 1979: 347).

24   Il 7 maggio 1931 Felix Braun commemorò il poeta crepuscolare romano Fausto Maria Martini; il 2 e 16 febbraio 1932 s’intrattenne sulla poesia contemporanea. Il 20 maggio 1933, in coppia con il direttore dell’Orto Botanico dell’Università di Palermo, Luigi Montamartini, parlò delle idee di Goethe a un pubblico ampio, essendo stato il giorno prima debitamente annunciato sul «Giornale di Sicilia» del 19 maggio. Nel 1934 parlò di Franz Grillparzer, Adalbert Stifter e del romanzo contemporaneo in Europa (24 marzo, 20 giugno e 12 dicembre). L’8 maggio 1935 dedicò un’esposizione al frammentarismo tedesco; il 12 giugno dello stesso anno presentò la poesia di Hans Carossa. Nel 1936, il 23 marzo o il 1 aprile, commemorò il poeta Eduard Stucken, mentre l’Italia nell’arte tedesca fu il tema trattato il 1 giugno 1936. Il 2 marzo 1937 presentò le liriche dell’amico Hans Leifhelm, che aveva collocato a Palermo come lettore per la lingua tedesca per quel 1937, e che un anno dopo gli sarebbe subentrato a Padova dopo la sua espulsione da quella università e la sua partenza per l’esilio. Infine, nel 1937, dopo essersi intrattenuto sui caratteri della tragedia italiana (3 giugno 1937), parlò ancora del suo prediletto Adalbert Stifter il 15 dicembre. Cfr. per queste notizie Giambalvo 2002: 188; 197; 223; 229; 236; 246; 249; 263-264; 269; 293; 302; 311; 411-412.

25   Cfr. Giambalvo 2002: 301. La tragedia, un Trauerspiel in einem Vorspiel und fünf Akten, era stata scritta nel 1936 ma fu pubblicata per la prima volta nel 1955, nel volume Ausgewählte Dramen: Tantalos. Ein indisches Märchenspiel. Kaiser Karl der Fünfte. Beatrice Cenci, Salzburg, Otto Müller. Della sorte della traduzione italiana non ho notizie.

26   Per i dati relativi a Berta Ahrens rinvio alle utili informazioni sommarie che si trovano in Morello 2013: 10-13.

27   Carossa ha annotato accuratamente nei suoi Tagebücher le reiterate visite fatte assieme a Braun alla famiglia Ahrens nel corso delle tre settimane trascorse a Palermo. La Burgio-Ahrens tradusse di Zweig nel 1931 Sovvertimento dei sensi (Milano, Corbaccio), nel 1932 Tre maestri: Balzac, Dickens, Dostojevskij (Milano, Sperling & Kupfer) e Lettere d’una sconosciuta: Leporella (Milano, Sperling & Kupfer).

28   Cfr. per queste notizie Hamburger 1987: 246; 257. La sua famiglia si era trasferita tempestivamente a Londra nel 1933, sicché Michael poté frequentare le scuole e l’università nel Regno Unito. Nel 1943, senza avere ancora concluso gli studi universitari, fu reclutato nell’esercito britannico, servendovi fino al 1947, dapprima in Italia, dove apprese l’italiano, e quindi in Austria. La buona conoscenza dell’italiano acquisita da militare lo aveva reso idoneo a essere proposto da Braun per un incarico in un’università italiana.

29   Su questo punto cfr. Giambalvo 2002: 99, n. 18.

30   La cartolina è transitata recentemente sul sito di Kotte Autographs, www.kotte-autographs.com.

31   L’episodio delle trasfigurazioni del dottor Amato si può leggere in Braun 1959: 103-109.

32   Mi riferisco all’adepto palermitano Antonio Billeci, sulla cui esperienza cfr. De Domenico 2008: 24.

33   Tra il 1933 e il 1945 l’Italia ospitò circa 20.000 profughi provenienti dalla Germania, dall’Austria e da altri stati soggetti al dominio del Terzo Reich. Sul tema è ovvio il rinvio a Voigt 1989; la traduzione italiana è apparsa nel 1993 e nel 1996, anch’essa in due volumi, presso La Nuova Italia, Firenze, col titolo Il rifugio precario. Gli esuli in Italia dal 1933 al 1945.

34   Per Schächter cfr. Vincenti 1998: 55; 59; 80-81; 207 e Giambalvo 2002: 563. Sulla cessazione dell’attività di Schächter alla Biblioteca filosofica può avere influito l’accorpamento della Biblioteca filosofica, disposto d’autorità, alla Regia Accademia di Scienze, Lettere e Arti, che in quella fase di transizione fu governata da un Commissario come Giuseppe Maggiore, che limitò drasticamente l’autonomia del vecchio Amato Pojero.

35   Per la biografia di Walter Heyman ovvero Walter Cerf rinvio a Kenna 2007, da cui è tratta parte delle informazioni qui utilizzate.

36   Per Olschki qui si rinvia a Brissa 1996.

37   Archivio della Fondazione Giovanni Gentile presso l’Università “La Sapienza” di Roma – Fondo Giovanni Gentile, d’ora innanzi menzionato con la sola sigla AFG, Carteggio Gentile-Amato Pojero. Corrispondenza, sottoserie 1.

38   In quel 1933 era apparsa nel volume XVIII (GU-INDE) dell’Enciclopedia Italiana diretta da Gentile una voce di poche righe su Husserl, scritta da Ernesto Grassi, lettore d’italiano a Friburgo, all’epoca molto vicino a Martin Heidegger, che nel 1928 aveva segnalato a Giovanni Gentile come un «pensatore veramente originale e l’unico da cui qui in Germania si possa veramente imparare» (16 dicembre 1928). Ancora a Gentile, inviandogli la voce Husserl per l’Enciclopedia, segnalava che a Heidegger si deve «lo sviluppo completamente nuovo che qui la scuola fenomenologica ha ottenuto» (25 marzo 1930). Essendosi da sé assegnato la missione di fare da pontiere fra la nuova filosofia tedesca rappresentata da Heidegger e quella italiana culminante nell’attualismo di Gentile, della quale Grassi s’era fatto propagandista presso Heidegger, era riuscito a fare accettare da Gentile, per il «Giornale critico della filosofia italiana», il lungo studio su Il problema della metafisica immanente in Martin Heidegger, che uscì nel IV fascicolo del 1930, pp. 266-314, in cui proponeva la tesi di una convergenza oggettiva del pensiero dei due, tesi che sarebbe stata poi ripresa verso la fine del Novecento da Severino e dai suoi. Di Heidegger Grassi trattò ampiamente anche in un corso tenuto presso la Scuola di filosofia di Roma su invito di Carabellese, che si mostrò fortemente interessato (cfr. la lettera di Grassi a Gentile del 9 novembre 1934). Grande interesse per Heidegger s’era acceso intanto anche a Pisa, dove Armando Carlini (1878-1959), allora ordinario di Teoretica e rettore dell’Università di Pisa, parendogli il pensiero di Heidegger congeniale al suo spiritualismo personalistico cristiano, ne tradusse il Was ist Metaphysik?, uno scritto che volle tradurre anche il suo scolaro Luigi Scaravelli (1894-1957). La traduzione di Carlini fu inserita in un suo libro, Il mito del realismo, uscito nel 1936 a Firenze presso Sansoni. Quella di Scaravelli restò inedita. Le lettere di Grassi citate si trovano in AFG, Corrispondenza, sottoserie 2.UA 2812.

39   Cfr. Giambalvo 2002: 220-224; 226; 493.

40   AFG, Corrispondenza. Sottoserie 2, UA 2951. Il manoscritto di Heymann non è in possesso dell’AFG e se ne ignora la sorte.

41   Grassi sollecitò a Gentile la pubblicazione del suo secondo articolo su Heidegger, che gli aveva inviato nei mesi invernali, il 19 maggio 1935. Il 31 dicembre dello stesso anno gli scrive in proposito: «Ho sempre ancora l’articolo sul problema del nulla in Heidegger che Ella ha già visto e anzi corretto; glielo avevo già inviato l’anno scorso. Posso ora riinviarglielo per la pubblicazione?» AFG, Corrispondenza. Sottoserie 2, UA. L’articolo uscì finalmente nel III fascicolo del 1937 del «Giornale critico della filosofia italiana».

42   L’informazione è tratta da Scaravelli 1983, cui a suo tempo aveva attinto Gennaro Sasso: «a pp. 120-129 [delle Lettere di Scaravelli] si annunzia che delle “tre ipotesi” proposte a Gentile sulla traduzione, quest’ultimo ne ha scelto una quarta: “Non pubblica né la mia né quella di Carlini”» (1995: 397). Ciò sottolinea la distanza di Gentile dagli entusiasmi per Heidegger di Grassi, Carlini e Carabellese. Su questo episodio, del quale espone e delucida i minimi dettagli, cfr. Biscuso 2014, specialmente 208-214. Sulla prima ricezione di Heidegger in Italia segnalo e raccomando il recentissimo studio di Imbriano 2016.

43   Si tratta del Regio Decreto n. 1592 del 31 agosto 1933, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del Regno del 7 dicembre 1933, n. 283, all’art. 275.

44   Per il suo caso cfr. in generale Eckart-Sellin et al. 2006. Le sue personali vicissitudini sono state indagate in Obermayer 2014, dal quale sono state tratte le notizie relative a Manasse.

45   Cfr. Giambalvo 2002: 235-237; 239; 241; 493.

46   Vincenti 1998: 20, n. 35.

47   Di questa irreconciliabilità è testimonianza la sua relazione su di un bimestre da lui trascorso nelle università tedesche, per monitorare lo stato dell’insegnamento della filosofia (Heymann 1955). Per Cerf, dieci anni dopo la fine della guerra, sull’insegnamento filosofico universitario predominerebbe l’esistenzialismo, sistema antintellettualistico ostile a qualunque limpida teoria scientifica fondata su astrazioni razionali e logicamente coerenti e corriva verso la dimensione emotiva e irrazionale, che trova espressione in forme ambigue. Nel panorama della ripresa economica e civile della Germania, l’insegnamento filosofico appare come una cupa minaccia, che renderebbe disponibile la gioventù all’influenza di nuovi movimenti di massa barbarici.

48   Il vertice dell’Accademia era rappresentato dal filosofo del diritto e penalista Giuseppe Maggiore, che, da rettore dell’Università di Palermo nel 1938, non solo avrebbe dato esecuzione all’epurazione antiebraica dell’Università di Palermo espellendo i professori Camillo Artom, Maurizio Ascoli, Alberto Dina, Mario Fubini ed Emilio Segrè, ma l’anno successivo, essendo egli facile e fecondo scrittore, avrebbe fornito una giustificazione teorica alle leggi razziali, da un punto di vista cattolico, con il volume del 1939 Razza e fascismo (Palermo, Agate). Dopo l’assorbimento della Biblioteca filosofica entro l’Accademia, anche il Fascio di Palermo prese a esercitare una strettissima vigilanza su Amato Pojero. In una lettera indirizzata a Gentile il 30 ottobre 1938, Amato lo informò che per far tenere delle conferenze era obbligato ad avere l’autorizzazione preventiva e non solo, infatti: «Il Fascio esige di conoscere in antecedenza la data e il tema». Amato gli comunicava quindi che anche la sala della Biblioteca cominciava ad essere usata per manifestazioni direttamente organizzate dall’Istituto Fascista di Cultura. AFG, Carteggio Gentile-Amato Pojero. Corrispondenza, sottoserie 1.

49   Sull’atteggiamento della Curia palermitana nei confronti della Biblioteca filosofica cfr. De Domenico 2008: 18-19. Piuttosto che condannare, si preferì intervenire con una presenza massiccia di preti e frati, favorita fra l’altro da Amato, che non perdeva occasione di far professione pubblica, con i cattolici, del più ortodosso cattolicesimo, e dal cugino neotomista Michele Fatta, che lo sosteneva nella dissimulazione. Solo qualche voce isolata, proveniente dalla cerchia assai aggressiva di Pietro Mignosi, fautore di un cattolicesimo totalitario e imperialista, passò dalla cauta diffidenza alla delazione quasi esplicita, come Giuseppe Sala, che scrisse: «La Biblioteca filosofica dopo la dittatura gentiliana e di qualche altro elemento, ha perduto ogni efficacia formativa, e accoglie l’eclettismo più vacuo, giustificatovi spesso da un misticismo di manica larga, che non ha naturalmente alcun diritto di cittadinanza nel campo del pensiero» (1935: 75).

50   Nel 1935 il prefetto di Palermo Marziali fece sequestrare in tipografia due opuscoli curati da tal maestro Carmelo De Barberi, musicista e fondatore dell’associazione L’arte melodrammatica, il cui quarantesimo anniversario fu celebrato solennemente nella Biblioteca filosofica, con un cerimonioso e partecipe discorsetto introduttivo di Giuseppe Amato Pojero. Gli atti di questa celebrazione, comprensivi dell’indirizzo pronunciato da Amato, vennero raccolti in uno dei due opuscoli oggetto di sequestro, che si trovano all’Archivio di Stato di Palermo, Fondo Prefettura di Palermo-Gabinetto, serie 1931-1935, Ua 545. Dal medesimo corposo dossier si apprende che già da tempo la Questura vegliava sull’attività del De Barberi, già professore di contrabasso al Conservatorio e organizzatore di un festival della canzone siciliana, che si svolgeva nei giorni delle festività di Santa Rosalia. Ciò che aveva dato nell’occhio della polizia politica era stata l’istituzione, a fianco dell’associazione L’Arte Melodrammatica, di un ‘Ordine degli artisti e intellettuali’ «che dovrebbe essere – secondo il suo modo di vedere – l’organo di un’istituzione universale di carattere umanitario, religioso e artistico, chiamata la Triade Orfica, da lui concepita e studiata con larghezza di particolari, a favore della quale, però, ha trovato solo pochi aderenti, che lo hanno assecondato per mera compiacenza» (dal rapporto della Questura al Prefetto di Palermo, 7 dicembre 1932). Lungi dall’individuare nel sodalizio una variante dell’esoterismo che, attraverso la musica ed il mito dionisiaco, si ricollegava alla versione neoplatonica dell’orfismo tramandata da Damascio ed alla sua «triade orfica», la terza trinità teogonica, i poliziotti di buona volontà ravvisarono in un numero unico intitolato «Sacra Triade Orfica» la manifestazione di un esaltato, che in quanto tale non sarebbe stata da perseguirsi se quegli non si fosse spinto sul terreno delle relazioni internazionali senza le richieste preventive autorizzazioni e i controlli governativi, di modo che il prefetto Marziali dispose il 26 marzo 1935 il sequestro delle bozze dell’ultima «Sacra Triade Orfica», sottotitolata «(anche in francese, spagnolo e inglese) “Ordine degli Artisti e degli Intellettuali” e “Confederazione degli Artisti e degli Intellettuali”». Ciononostante, prosegue il rapporto del Questore, «in questi giorni, con parte del numero unico, sono stati stampati due opuscoli che la tipografia ha consegnato al De Barberi senza attendere il preventivo nulla osta. Ho disposto il sequestro degli opuscoli stessi: “Arte e religione” di Carmelo De Barberi anche perché contiene un articolo tendenzioso Non trascurate Iddio e “Del 40° anniversario de l’Arte melodrammatica di Palermo” in conformità al precedente divieto non esistendo tale Associazione [in quanto mai autorizzata] e perché in esso si parla dell’Ordine sopra ricordato. Ho fatto inoltre diffidare a verbale il tipografo per non essersi attenuto alle disposizioni in materia di stampa». È a questo episodio che fece riferimento un paio d’anni dopo Giuseppe Maggiore quando scrisse a Gentile, il 29 dicembre XVI [ossia 1937], nella qualità di Commissario all’Accademia di Scienze, Lettere e Arti, che aveva assorbito la Biblioteca filosofica come propria classe: «In complesso, nessuno ostacola per ora l’attività dell’Amato, a cui è dovuto tutto il rispetto. Ma se egli vuole che l’attività della Biblioteca vada (almeno nella pubblicità sui giornali) sotto il nome della R. Accademia, bisogna che tale attività sia da noi controllata e improntata a una linea di maggiore serietà e dignità degli studi. Ella saprà che da molti anni la Biblioteca non è più quale Lei la ricorda. Amato ha la mania di tenere quattro cinque conferenze […] al giorno, e chiunque (dalla donnicciola al maestro elementare, all’ultimo sacrestano) vi può parlare. Tale ipertrofia di attività ha grandemente screditato la Biblioteca e ha creato anche (specie sotto il Prefetto passato) qualche divergenza con le autorità politiche, perché non sempre tutti gli oratori sono state persone desiderabili.» AFG, Corrispondenza. Sottoserie 2, Ua 3404.

51   Interrompo qui la citazione, che potrebbe continuare ancora a lungo. Le lezioni menzionate furono tenute l’11 e 25 agosto e il 1 settembre (Varvaro) e il 14 settembre 1938 (Di Stefano Genova). Ma Genco nel 2000 non sapeva che la denominazione Biblioteca filosofica non corrispondeva più all’identità originaria dell’istituto. La conferenza di Agostino Di Stefano Genova non era stata organizzata dalla Biblioteca filosofica, ma dall’Istituto di Cultura Fascista. Per saperlo sarebbe bastato leggere più attentamente l’avviso sul «Giornale di Sicilia», n. 218 di mercoledì 14 settembre: «Istituto di Cultura Fascista. Conferenza su “Fascismo e Razza”. L’Istituto nazionale di cultura fascista, Sezione provinciale di Palermo comunica: mercoledì 14 settembre XVI, alle ore 19, nei locali della Biblioteca Filosofica (Palazzo Reale), il prof. Agostino Di Stefano Genova parlerà sul tema: “Fascismo e Razza”». Il resoconto dal quale Genco cita fu pubblicato nel n. 220 di venerdì 16 settembre.

Auteur

E stato professore associato di Storia delle dottrine morali e, dal 1992 fino al pensionamento (2010), di Filosofia morale presso l’Università di Palermo. Nel 1978 ha insegnato per due semestri presso l’Istituto di Filosofia della Freie Universität Berlin. Dal 1982 al 1988 ha fatto parte del Consiglio scientifico della Internationale Hegel-Gesellschaft. Dal 1986 al 1990 è stato associato al Laboratoire de philosophie politique, economique et sociale del CNRS di Parigi. Nel 2008 è stato Visiting Fellow presso il Sidney-Sussex College, Cambridge UK. Presiede il Centro Internazionale di Cultura Filosofica “Giovanni Gentile” di Castelvetrano. Dal 2017 è socio corrispondente dell’Accademia di Scienze, Lettere e Arti di Palermo. Ha pubblicato lavori di storia della filosofia moderna e contemporanea tedesca e italiana, oltre che numerose traduzioni dal tedesco

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search