Version classiqueVersion mobile

La densità meravigliosa del sapere

 | 
Maurizio Pirro

L’istituto di psicologia di Padova e la tradizione psicologica mitteleuropea

Mauro Antonelli

Texte intégral

1. Introduzione

  • 1   Tra i Laboratori e Istituti di psicologia fondati dagli allievi di Brentano, vanno menzionati que (...)

1L’Istituto di Psicologia di Padova, fondato nel 1919 da Vittorio Benussi (1878-1927), ha rappresentato per oltre sessant’anni non solo un ponte tra la cultura psicologica italiana e quella di lingua tedesca, ma anche l’anello di una catena di istituti e laboratori di ricerca psicologica appartenenti al movimento fenomenologico, ossia a quella complessa rete di scuole e di tradizioni di ricerca originatesi dall’insegnamento di Franz Brentano (1838-1917): a partire dal suo epicentro viennese, questo movimento ha esercitato una significativa influenza non solo in Germania, presso le università di Würzburg, Gottinga, Francoforte e Berlino, ma anche e soprattutto nei principali centri universitari del multiforme Impero asburgico, comprese le sue propaggini ceche, polacche e ucraine1. In Italia, esso ha esteso la sua influenza prima su Firenze, poi su Padova e, da qui, su Milano, Trieste e Bologna.

Fig. 1. La fenomenologia nella cultura filosofica e psicologica europea tra Ottocento e Novecento (schema ripreso, adattato e sviluppato a partire da Smith 1988: 229)

Fig. 1. La fenomenologia nella cultura filosofica e psicologica europea tra Ottocento e Novecento (schema ripreso, adattato e sviluppato a partire da Smith 1988: 229)

2Le premesse per la fondazione dell’Istituto di Psicologia di Padova furono poste nel 1882, quando Roberto Ardigò (1828-1920), massimo esponente del positivismo italiano, chiamato a insegnare Storia della filosofia in quella Università, propose l’istituzione di una cattedra o, in subordine, di un insegnamento di Psicologia sperimentale. La richiesta non venne accolta, ma l’influenza di Ardigò sull’allora ministro della Pubblica Istruzione Guido Baccelli (1832-1916) fu decisiva per ottenere una dotazione straordinaria che gli consentì di acquistare una serie di strumenti presso la ditta Zimmermann di Lipsia, con l’intenzione di istituire presso la Facoltà di lettere e filosofia un Laboratorio di psicologia (Musatti 1987b: 108-109). Gli strumenti, dati in consegna al Museo di antropologia e mai utilizzati, costituirono il primo nucleo di apparecchi di cui Benussi poté servirsi per attrezzare il suo laboratorio (ibidem). Oltre che da Ardigò e dai suoi allievi, un ruolo importante nel promuovere la nuova disciplina fu svolto anche da Giovanni Marchesini (1868-1931), filosofo e pedagogista, che pure aveva acquistato alcuni strumenti di ricerca psicologica per il suo Museo pedagogico, che sarebbero finiti anch’essi nel laboratorio padovano di Benussi (Stucchi 1987a: 200). Sempre a Padova, infine, aveva insegnato dal 1913 al 1919 anche Antonio Aliotta (1881-1920), già allievo a Firenze di Francesco De Sarlo, che aveva affrontato nei suoi corsi di Filosofia teoretica anche temi di psicologia sperimentale, in particolare quelli relativi alla quantificazione e misura dei processi psichici, trattati sistematicamente nella sua opera del 1905 La misura in psicologia sperimentale (Aliotta 1905).

  • 2   Lettera del Rettore dell’Università di Padova a Vittorio Benussi, 26/3/1919, Vittorio Benussi, Fa (...)

3Fu così che quando Vittorio Benussi, divenuto cittadino italiano in seguito all’annessione di Trieste all’Italia, fu costretto ad abbandonare Graz per Padova, Sante De Sanctis (1862-1935), titolare della cattedra e direttore dell’Istituto di psicologia dell’Università di Roma, si interessò del suo caso. Egli riuscì a convincere la Facoltà di lettere e filosofia di Padova ad affidare a Benussi un incarico di psicologia sperimentale, che questi tenne a partire dal 16 marzo 19192, e ad attribuirgli quindi, nel 1922, sulla base di una procedura straordinaria, ‘per chiara fama’ e senza concorso, una cattedra di Psicologia – la quarta in Italia dopo quelle di Roma, Torino e Napoli, bandite nel 1905.

  • 3   Musatti 1986: 84; – 1987b: 108-109.

4La chiamata a Padova rappresentò per Benussi un indubbio riconoscimento, sia pur tardivo, dei suoi meriti scientifici. Il trasferimento, tuttavia, non fu indolore. Su di lui pesava, oltre al disagio di trovarsi ad operare in un contesto culturale vissuto come estraneo, la difficoltà di dover gestire una cattedra di Psicologia sperimentale priva di ogni infrastruttura, priva di un laboratorio, di una biblioteca, persino di una stanza in cui studiare. Cesare Musatti (1897-1989) ricorda come, ancora in divisa militare in quanto reduce dalla guerra, assistette quasi per caso assieme ad un’unica collega – probabilmente Silvia De Marchi (1897-1936), sua futura compagna di vita e di lavoro – alla prima lezione di Benussi, rimanendo affascinato dalla sua persona e maturando una vera e propria vocazione per la psicologia, contro le proprie iniziali inclinazioni3. Benussi si presentò in quell’occasione ai due uditori con uno scatolino pieno di gessetti colorati, affermando che quello costituiva per il momento tutto il suo laboratorio (Musatti 1928: 26).

5Nel gennaio 1920 Benussi ottenne una sede provvisoria di due sole stanze. Solo nel settembre 1921 poté disporre di un abbozzo di Istituto, con sede in Corte Capitaniato 5: tre stanzette con una strumentazione nel frattempo accresciuta grazie alle prime modeste assegnazioni ordinarie, a qualche contributo straordinario, nonché all’intraprendenza dello stesso Benussi, che progettò e disegnò con straordinaria maestria tutta una serie di apparecchi, facendoli costruire dalle officine meccaniche dell’Università (Musatti 1928: 26-27).

  • 4   Archivio dell’Università di Padova, Fascicolo personale di Cesare Musatti, busta 48, fasc. 208.

6Attorno a Benussi si venne ben presto formando una cerchia di discepoli, attratta dalla sua mentalità nuova e dalla sua eccezionale figura di uomo e di studioso. Tra essi vi era anzitutto Cesare Musatti, che, primo laureato con Benussi, assunse nel 1922 la funzione di assistente volontario non retribuito e nel marzo 1925 quella di ‘coadiutore’, divenendo la sua persona di fiducia e il suo più stretto collaboratore4. Accanto a Musatti vi era Silvia De Marchi, prima donna in Italia a laurearsi con una tesi in psicologia sperimentale, che divenne nel 1925 assistente volontaria.

  • 5   Cfr. David 1966: 191.

7L’Istituto divenne ben presto non solo un attivissimo centro di ricerca, ma anche una specie di cenacolo culturale. Intorno a Benussi si radunavano studenti e allievi, ma anche docenti e uomini di cultura che si ritrovavano nel Laboratorio di psicologia a fine giornata per discutere sui temi più disparati. Oltre a Musatti e alla De Marchi, vi erano anzitutto gli amici che li avevano accompagnati nel percorso universitario, in particolare Novello Papafava, sua moglie Bianca Emo Capodilista e Margherita Signorelli, il soggetto privilegiato su cui Benussi avrebbe condotto le proprie ricerche ipnosuggestive. Vi erano poi altri allievi, come Gustavo Minella, Evel Gasparini, Fabia Gatti ed Ersilio Costa. Tra i docenti, il più assiduo frequentatore era Concetto Marchesi, latinista catanese e futuro rettore dell’Università di Padova, che divenne il miglior collega e amico di Benussi durante gli anni padovani. Vi era poi lo slavista Giovanni Maver, che con Benussi condivideva le origini triestine e la formazione in Austria. A Maver si aggregavano spesso l’altro slavista Ettore Lo Gatto e il glottologo Giacomo Devoto. E poi vi erano l’autorevole filosofo Erminio Troilo, l’italianista e poeta Giovanni Bertacchi, l’illustre grecista Manara Valgimigli, il saggista e poeta Diego Valeri, più tardi ordinario a Padova di Lingua e letteratura francese e poi di Storia della letteratura italiana (Musatti 1986: 90)5.

8Ciò che affascinava questo pubblico variegato, per età ed interessi, non era solo la personalità di Benussi, ma anche la sua consuetudine con orientamenti scientifici, filosofici e culturali mitteleuropei allora poco noti in Italia, anche a causa del clima idealistico che vi dominava nel primo dopoguerra. Musatti ricorda:

Chi ha seguito da vicino la vita universitaria di Padova negli anni del dopoguerra, sa [...] quale centro di attrazione e di interesse abbia costituito per i giovani di tutte le Facoltà – ed erano per lo più fra gli elementi migliori – l’insegnamento di Benussi. Ed era un interesse profondo: non soltanto la semplice e comprensibile curiosità per cose nuove, dette ed illustrate in modo pure del tutto nuovo, ma il senso vero di trovarsi di fronte ad una mentalità e ad una personalità eccezionali, e il desiderio di avvicinarsi più che fosse possibile ad una tale personalità. (Musatti 1928: 42)

9Tra i colleghi italiani con i quali Benussi intratteneva stretti rapporti vi era il già ricordato De Sanctis, conosciuto in occasione del V Congresso internazionale di psicologia di Roma del 1905 e col quale, da Graz, egli era rimasto in costante contatto. A partire dal 1921 i due si incontravano regolarmente ogni anno. De Sanctis avvertiva la sera prima con un telegramma e si tratteneva a Padova tutto il giorno successivo, ripartendo per Roma a notte inoltrata. In quegli incontri, aperti anche agli allievi, De Sanctis supervisionava tutte le ricerche svolte nel laboratorio l’anno precedente e al tempo stesso si confrontava con Benussi sulle ricerche svolte a Roma da lui e dai suoi collaboratori.

10La situazione della psicologia italiana dell’epoca non era affatto confrontabile con quella della psicologia tedesca, anglosassone o francese. I centri di ricerca universitari erano pochi: oltre a Torino, Roma e Napoli, sede delle prime tre cattedre istituite nel 1906, c’era solo il laboratorio fiorentino di Francesco De Sarlo. Gli echi del V Congresso internazionale del 1905, che aveva rappresentato il momento di riconoscimento ufficiale della psicologia italiana da parte della comunità scientifica internazionale, si erano ormai spenti. Si andava registrando invece un sempre più marcato isolamento della psicologia italiana, contro cui si concentravano l’ostilità del neoidealismo e il provincialismo e conservatorismo del nazionalismo culturale. Con la salita al potere del fascismo e la riforma Gentile del 1923, poi, la psicologia venne duramente colpita: eliminata completamente dalle scuole secondarie, i suoi già modesti spazi si ridussero sempre più anche a livello accademico, sia per la sua perdita di prestigio a livello di politica culturale, sia per il suo scollamento dagli studi secondari. Così la Società Italiana di Psicologia, fondata nel 1911, venne sciolta. E le posizioni degli psicologi restarono discordi e prive della forza necessaria per incidere davvero sulle scelte di politica culturale.

2. La fenomenologia in Italia

11La chiamata di Benussi a Padova fu favorita anche dalla precedente penetrazione della Fenomenologia nella cultura filosofica e psicologica italiana, conseguente alla ventennale presenza di Franz Brentano in Italia (1895-1915), a Palermo prima e a Firenze poi. Si trattò di una presenza «tenue», come ebbe a definirla Garin (1960) e come ricerche più recenti hanno confermato (Riondato 1965; Giannetti 1977; Santucci 1987; Albertazzi-Poli 1993), anche se assolutamente non trascurabile. Fu, infatti, quello di Brentano in Italia, un incontro con studiosi di estrazione culturale e scientifica diversa, per lo più collocati al di fuori del mainstream della filosofia nazionale, che viveva in quegli anni una transizione da orientamenti prevalentemente positivisti a posizioni sempre più marcatamente idealiste, e che da lui traevano spunto per operare un rinnovamento del panorama culturale nazionale.

12Tra questi studiosi vi fu Francesco De Sarlo (1864-1937), un pensatore complesso e scomodo, il cui importante contributo è rimasto a lungo oscurato a causa di complesse vicende culturali e politiche (Guarnieri 2013). Le sue critiche al Positivismo, infatti, gli alienarono le simpatie dei maggiori psicologi sperimentali del tempo, che al Positivismo si ispiravano, il suo anti-idealismo (e antifascismo) lo rese inviso al potere politico e accademico, mentre il suo originale spiritualismo doveva apparire inevitabilmente indigesto ai neoscolastici, che in epoca fascista, con Gemelli, avrebbero monopolizzato la psicologia (Luccio-Primi 1993).

  • 6   In effetti, il percorso culturale e scientifico di Brentano e di De Sarlo fu e rimase diverso: qu (...)
  • 7   Il Laboratorio precedette di tre anni quelli fondati a Torino, Roma e Napoli, in occasione dell’i (...)

13Quello tra Brentano e De Sarlo fu senz’altro un incontro tra posizioni affini, per certi aspetti parallele, ma non del tutto prive di divergenze, in un interscambio di ipotesi teoriche e di linee di ricerca per lo più poste all’intersezione tra filosofia e psicologia e tra differenti modi di fare ricerca, teorica e sperimentale, in psicologia6. De Sarlo proprio in quegli anni – nel 1903 – fondò a Firenze presso l’Istituto di Studi Superiori il primo Laboratorio italiano di psicologia sperimentale ufficialmente riconosciuto all’interno di una istituzione universitaria7, prendendo a modello il Laboratorio di psicologia fondato a Graz nove anni prima dall’allievo di Brentano Alexius Meinong (1853-1920), che aveva rappresentato la prima istituzione di questo genere all’interno dell’Impero asburgico. E sarà proprio il trasferimento da Graz a Padova dell’allievo di Meinong Vittorio Benussi, che di quel Laboratorio era stato l’autentica forza propulsiva, a sancire l’ingresso definitivo della psicologia fenomenologica nel nostro paese.

3. Benussi a Padova

14L’istituzione di una cattedra e di un Istituto di psicologia sperimentale a Padova nel 1919 aveva un obiettivo ben preciso: fornire cittadinanza scientifica e accademica in Italia a un grande psicologo sperimentale di fama internazionale, originario della Trieste asburgica, formatosi scientificamente presso l’Istituto di psicologia dell’Università di Graz e divenuto cittadino italiano in seguito all’annessione di Trieste all’Italia. L’attività scientifica di Benussi si era sino a quel momento segnalata per un imponente programma di ricerche sperimentali, dedicato alle illusioni ottico-geometriche (Benussi 1902; 1904; 1906; 1907a; 1914a), alla percezione della forma (Benussi 1904; 1909; 1911; 1914a; 1914c; 1914d), del tempo (Benussi 1907b; 1908; 1909; 1913a), del movimento (Benussi 1912; 1915; 1917; 1918) e alla psicologia della testimonianza (Benussi 1914b), pubblicate sulle più prestigiose riviste tedesche di psicologia sperimentale.

15Le indagini sperimentali di Benussi si erano sviluppate entro l’alveo della psicologia dell’atto di scuola brentaniana, e in particolare del progetto teorico del suo maestro Meinong, mirante a costruire una originale fenomenologia o «teoria dell’oggetto» (Gegenstandstheorie), a partire da quelli dell’esperienza immediata; una complessa teoria di tutti gli oggetti esperibili o pensabili, gerarchizzati secondo specifici rapporti di «fondazione», per cui, dato un oggetto complesso, poteva essere rintracciato un ordine inferiore di oggetti «fondanti» come sua base (Meinong 1891; 1899; 1904). Fu da qui che prese le mosse l’imponente programma di ricerca sperimentale sviluppato da Benussi a Graz sin dai primi anni del Novecento. Al centro delle ricerche di Benussi si colloca in particolare il rapporto intercorrente tra gli oggetti sensoriali elementari (ad esempio le note che compongono una melodia o i singoli elementi che costituiscono una figura spaziale) e le strutture globali che da essi emergono (la melodia, la figura), entrambi immediatamente presenti nell’atto dell’osservazione. Ma in alcune situazioni – specie là dove le strutture fenomenicamente evidenti risultano modificabili intenzionalmente dall’osservatore – risulta possibile studiare sperimentalmente e indagare operativamente l’insorgere e il variare dei superiora da determinati assetti di inferiora, anche se fenomenologicamente le due componenti risultano di fatto indistinguibili (Benussi 1902; 1904; 1906; 1907a; 1907b; 1908; 1909; 1911; 1912; 1913a; 1914a). Così, per esempio, nelle figure invertibili (Fig. 2), pur nell’invarianza dello stimolo sensoriale e degli inferiora, il superius può cambiare, dando luogo a rese percettive diverse.

Fig. 2. «Una figura bianca che si sviluppa all’infinito su sfondo nero» o «una figura costituita da due serie di ganci contrapposti gli uni agli altri su sfondo bianco»? (Benussi 1914a)

Fig. 2. «Una figura bianca che si sviluppa all’infinito su sfondo nero» o «una figura costituita da due serie di ganci contrapposti gli uni agli altri su sfondo bianco»? (Benussi 1914a)

16Per quanto fenomenicamente indistinguibili, oggetti sensoriali elementari e strutture organizzate possono però venire distinti in funzione della diversa origine delle rispettive rappresentazioni. Mentre le rappresentazioni degli oggetti elementari sono di origine sensoriale, nel senso che si spiegano sulla base di puri meccanismi psicofisici di ricezione, trasmissione ed elaborazione degli stimoli sensoriali, per cui la resa percettiva è sempre univocamente determinata, nel caso delle percezioni di forma ad una situazione stimolo costante fa riscontro una resa percettiva variabile. Le rappresentazioni gestaltiche sono dunque di origine asensoriale e come tali intrinsecamente instabili, ‘inquiete’, equivoche (gestaltmehrdeutig).

  • 8   Per una analisi approfondita della polemica Benussi-Koffka cfr. Musatti 1929; Bozzi 1980; Metelli (...)

17Nel 1915, in un lungo e denso saggio, Kurt Koffka, esponente della Gestalttheorie di scuola berlinese, poco incline ad accettare l’idea di livelli o fasi all’interno del processo percettivo, attaccò con veemenza le teorie di Benussi e più in generale della Scuola di Graz (Koffka 1915). Le sue critiche, per quanto parzialmente fondate, appaiono in realtà ingenerose e mirano di fatto a polarizzare le rispettive posizioni al fine di mostrare come anche Benussi rimanesse in ultima analisi ancorato a quei vecchi modelli atomisti e associazionisti, fondati sull’ipotesi di costanza, che solo la scuola di Berlino aveva saputo definitivamente superare8. Questo saggio di Koffka, a cui per varie ragioni Benussi all’epoca non replicò, contribuì in modo decisivo a obliare la sua figura e la sua opera, a lungo considerata come meramente propedeutica alle ben più mature teorie della Scuola di Berlino.

  • 9   Si veda però Koffka 1935: 147: «In the first place, we find the field organization under certain (...)

18Certo, gli elementi di contrapposizione non mancavano. L’impostazione fenomenologica della teoria della Gestalt non consente gerarchizzazioni entro il dominio degli oggetti: non esistono oggetti fondanti e oggetti fondati, reali ed irreali, strutturati secondo specifici rapporti di fondazione, ma una articolazione autoctona del campo, entro cui i rapporti di dipendenza si sviluppano in molteplici direzioni: elementi e strutture intrattengono relazioni del tipo parte-intero, in cui semmai le strutture più ampie condizionano, anche se non in misura assoluta, le parti. D’altro canto la teoria della Gestalt vede nello stesso soggetto un segmento o un’articolazione interna del campo totale dell’esperienza considerata in un dato istante; segmento privilegiato e ricco al suo interno, ma non collocato su di un piano distinto da quello degli oggetti che gli stanno attorno e la cui articolazione risponde alle stesse leggi da cui si sviluppa l’articolazione autoctona del campo9. I due modelli teorici non erano del resto neppure mutualmente esclusivi, ma semmai complementari, e gli elementi soprattutto metodologici comuni erano prevalenti (Bozzi 1980; Antonelli 1996).

  • 10   Era stato proprio Hans Gross (1847-1915), fondatore del primo Istituto di criminologia all’univer (...)
  • 11   «Io allora [nel 1906] seguivo da lontano questo movimento [il movimento psicoanalitico] ed ero tr (...)
  • 12   Medico, psicopatologo e psicoanalista, figlio dell’illustre giurista e criminologo di Graz Hans G (...)

19L’eredità mitteleuropea che Benussi portò con sé a Padova non fu però circoscritta alla psicologia della percezione. Accanto a questa vi furono la psicologia della testimonianza (Benussi 1913b; 1914b), che egli sviluppò al fine di ottenere quella che allora veniva definita la «diagnosi di un fatto» (Tatbestandsdiagnostik), ovvero stabilire, attraverso criteri oggettivi, la partecipazione o anche solo la conoscenza da parte di un individuo di un determinato fatto noto, e, sia pure in forma non ortodossa, la psicoanalisi freudiana. Con questa Benussi era entrato in contatto sin dal 1906 attraverso il collega di Graz Otto Gross (1887-1920), figlio del famoso giurista e criminologo Hans Gross10. In quell’anno, infatti, egli seguì a Graz per un intero semestre il corso sulla psicoanalisi tenuto da Gross11, analista eccentrico ed eretico, anarchico e geniale, che si sarebbe suicidato drammaticamente dopo essere stato trattato senza successo per schizofrenia da C. G. Jung12.

20Queste tre direttrici fondamentali del lavoro di Benussi a Graz vennero a convergere sempre più durante il periodo di Padova. Nel corso dei suoi studi sulla percezione della Gestalt, Benussi venne evidenziando il nesso operativo in virtù del quale il percetto si costituisce ad oggetto per un soggetto. Ciò lo portò a demistificare la nozione tradizionale di fenomeno come entità neutrale e assoluta e a porre in luce la struttura relazionale dell’esperienza, articolata in una duplice scansione: non solo quella statica e ‘orizzontale’, che investe le relazioni immanenti al dominio fenomenico, ma altresì quella genetico-dinamica e ‘verticale’, che connette questa struttura relazionale alla fonte soggettiva, spesso latente e inconscia, attraverso cui i dati fenomenici si organizzano in strutture oggettuali (Antonelli 2005).

21Centrali durante il periodo di Padova furono poi le ricerche di «analisi psichica reale», condotte facendo uso della metodologia ipnosuggestiva. Quest’ultima venne intesa da Benussi non come alternativa al metodo introspettivo tradizionale, ma come suo necessario complemento. Se infatti «l’introspezione sola è incapace, se non sussidiata da una precisa organizzazione di metodi sperimentali, di edificare un sistema scientifico dei fenomeni che costituiscono la vita psichica manifesta», occorre secondo Benussi ammettere che «con la sola introspezione non è possibile la psicologia scientifica. I metodi suggestivi, mentre da un lato rendono possibile un controllo più esatto e una variazione reale delle condizioni interne di insorgenza di un dato fenomeno psichico, sensibilizzano l’introspezione, tanto rispetto alla ricchezza, quanto rispetto all’attendibilità dei suoi dati» (Benussi 1925b: 13-14).

22Diversamente dall’utilizzo tradizionale dell’ipnosi, intesa – da Mesmer a Freud – come strumento clinico-terapeutico, Benussi se ne servì come «mezzo di analisi psichica reale», vale a dire come vero e proprio strumento materiale, atto a scomporre – in senso non puramente concettuale o metaforico, ma appunto reale – i fenomeni della vita psichica dalla loro unità funzionale globale, avvicinando così l’opera dello psicologo a quella del fisico o del chimico (Benussi 1925a: 3). Era dunque quella di Benussi un’analisi che interveniva concretamente – manipolandoli – sui processi della vita psichica, sino al limite della disarticolazione. Non a caso nella Prefazione al volume La suggestione e l’ipnosi come mezzi di analisi psichica reale egli sostiene la necessità di «sostituire al concetto di unità intrinseca della coscienza quello di coordinazione armonica di funzioni elementari autonome», finalizzate all’adattamento dell’organismo al suo ambiente (Benussi 1925a: 1).

  • 13   «La psicoanalisi è un filo prezioso, fragile ma prezioso; solo la ricerca esatta, che ancora manc (...)
  • 14   Tornato a Trieste dopo la Prima guerra mondiale, Weiss ne fece la testa di ponte per la penetrazi (...)

23Appare del tutto naturale che questo indirizzo di ricerca portasse Benussi ad accostarsi sempre di più alla psicoanalisi, che egli tra l’altro portò per la prima volta in Italia in un’aula universitaria, tenendo nel 1926, su incarico della Scuola di perfezionamento in psichiatria, un ciclo di lezioni sulle teorie e tecniche operative della psicoanalisi freudiana (Benussi [1926] 2006). Benussi, d’altra parte, si accostò alla psicoanalisi con la mentalità rigorosa dello sperimentalista, procedendo ad una personale declinazione della psicologia del profondo, che accompagnava le ipotesi psicoanalitiche con rigorosi costrutti e metodi di misurazione dei correlati fisiologici degli stati mentali e con l’applicazione di tecniche ipnosuggestive, al fine di togliere alla psicoanalisi «il carattere di arte fondata su intuizioni (che è il suo carattere presente), trasformandola in un metodo scientifico basato su leggi assicurate dall’esperimento» (Benussi [1926] 2006: 429)13. In effetti, le ricerche di «analisi psichica reale» sulle allucinazioni positive e negative, sulle alterazioni della percezione, sui sogni provocati e dimenticati, sul «sonno base» – uno stato ipnotico caratterizzato dall’assenza di contenuti o processi intellettivi, da cui Benussi inferì l’«autonomia funzionale emotiva» –, le indagini sulle azioni differite e postipnotiche, sull’alfabeto esplorativo e sulla consonanza immediata, sull’inversione causale emotiva, furono tutte tentativi di un approccio sperimentale ad una concezione dinamica della vita psichica di tipo freudiano. L’interesse per la psicoanalisi fu rafforzato anche dall’amicizia con Edoardo Weiss (1889-1970), medico triestino allievo di Paul Federn, membro sin dal 1913 della Società psicoanalitica di Vienna e della Associazione psicoanalitica internazionale e «autentico pioniere» della psicoanalisi italiana, come lo definì Freud nel 193014.

24Nel contesto delle nuove «analisi reali», ampio spazio venne dedicato anche allo studio dei nessi tra processi percettivi ed altre aree dell’accadere psichico, che portarono Benussi ad una profonda revisione del proprio modello teorico. Rielaborando le critiche dei gestaltisti, egli fu indotto da un lato a ridurre la portata del suo dualismo di sensoriale ed asensoriale, dall’altro a precisare il proprio concetto di percezione nei termini di «vivere la presenza dell’oggetto»: nella «presenza percettiva» (o «reale») l’oggetto ‘è là’, ‘di fronte a noi’, con le caratteristiche dell’‘incontrato’. Alla presenza percettiva si contrappone la «presenza solo mentale» o «presenza-assenza», definita tale perché l’oggetto, per quanto presente, è «percettivamente assente». Del tutto distinta dalla presenza è la dimensione persuasiva o constatativa, che si situa ad un livello di integrazione cognitiva del percetto, di per sé estranea alla situazione percettiva pura (Benussi 1922-1923; 1925a; 1925b). L’analisi delle determinanti interne della percezione porta altresì Benussi a far posto, accanto alle funzioni formali o gestaltiche, a funzioni assimilative, aventi la loro radice nell’esperienza pregressa (Benussi 1922-1923). All’interno dell’atto percettivo si istituisce così una connessione dinamica, per cui i processi assimilativi si sviluppano a partire dal sistema di relazioni formali tracciato da quelli figurali e questi ultimi risultano a loro volta sottoposti a trasformazione dal loro inserirsi in un sistema consolidato di esperienza (Antonelli 1996).

25Il rigore e l’autorevolezza scientifica oltre che la personalità affascinante di Benussi e la sua capacità di formare in pochi anni allievi promettenti e appassionati – a partire da Cesare Musatti e Silvia De Marchi – lasciavano intravedere, per quella che ormai veniva definita la ‘Scuola di Padova’, un ruolo di guida sullo scenario della psicologia italiana. Ma il 24 novembre 1927, appena quarantanovenne, Vittorio Benussi si diede la morte con una tazza di tè al cianuro.

4. Cesare Musatti tra Benussi e gestaltismo berlinese, tra psicologia sperimentale e psicoanalisi

  • 15   Allievo del filosofo Antonio Aliotta, completa nel 1919 gli studi sotto la guida di Vittorio Benu (...)
  • 16   Ricorda Cesare Musatti: «[...] la De Marchi, che fu donna di grande ingegno, esercitò su di me un (...)

26Succeduto nello stesso anno a Benussi nella direzione dell’Istituto, Musatti15 riprese e sviluppò in modo originale, inizialmente insieme alla De Marchi (morta prematuramente nel 1936), le direttrici di ricerca dell’ultimo Benussi, coltivando l’interesse tanto per la psicologia sperimentale quanto per quella applicata e per la psicoanalisi, ma mantenendo separati questi ambiti; il tentativo di Benussi di istituire un raccordo e una sintesi tra psicologia sperimentale e psicoanalisi rimase qualcosa di unico, che nessuno – almeno in questa forma – avrebbe mai più ripreso16. Per quanto riguarda la psicoanalisi, Musatti approfondì il pensiero freudiano, a cui dedicò due corsi universitari (1933/34 e 1934/35), e avviò l’attività terapeutica. D’altra parte, furono proprio queste lezioni, mal tollerate dagli ambienti conservatori dell’Università di Padova, a segnare il suo destino, già compromesso dall’emanazione delle leggi razziali nel ‘38. Allontanato dall’insegnamento universitario, si trasferì a Milano nel 1940 come insegnante di storia e filosofia al Liceo Parini. Dopo un breve periodo trascorso ad Ivrea presso le aziende Olivetti, che lo vide impegnato nella costituzione di un Centro di psicologia del lavoro, ottenne nel 1947 la cattedra di Psicologia all’Università degli studi di Milano, dove insegnò fino al 1967.

27La separazione tra psicologia e psicoanalisi, perseguita nel periodo padovano, caratterizzò anche la successiva e lunga esperienza milanese, durante la quale, grazie alla pubblicazione del Trattato di psicoanalisi (Musatti 1949, la prima organica esposizione della dottrina psicoanalitica freudiana in Italia), all’edizione italiana delle Opere complete di Freud (Freud 1976-1980), all’intensa attività clinica e a quella divulgativa, svolta attraverso conferenze, incontri e dibattiti, Musatti si guadagnò il titolo di ‘padre’ della psicoanalisi italiana. Egli fu tra i riorganizzatori della Società psicoanalitica italiana (SPI), ridotta all’inattività dal regime fascista, e della Rivista di psicoanalisi, fondata nel 1932 da Edoardo Weiss, che dal 1955 riprese a uscire con regolarità sotto la sua direzione. Nel 1963 fondò, insieme agli allievi Franco Ciprandi, Renato Sigurtà e Pietro Veltri, il Centro milanese di psicoanalisi, cui collaborò attivamente anche un altro suo famoso allievo, Franco Fornari.

  • 17   Il libro era la rielaborazione di un corso tenuto su invito dell’eminente giurista e avvocato Fra (...)

28Sul fronte della psicologia applicata, forense in particolare, Musatti pubblicò nel 1931 l’ormai classico Elementi di psicologia della testimonianza (Musatti 1931b), che recava la prefazione del celebre penalista Francesco Carnelutti e che avrebbe rappresentato per decenni un punto di riferimento nel nostro paese in questo campo17.

  • 18   «[…] le varie leggi della forma si riassumono in un unico principio, il principio della omogeneit (...)
  • 19   «Noi ci dobbiamo […] chiedere se è possibile, senza uscire dal campo della pura fenomenologia del (...)
  • 20   Sulla primissima ricezione della Gestalt in Italia cfr. Luccio 1985.
  • 21   Musatti 1936; – 1953a; – 1953b; – 1954; – 1957.

29In campo percettologico, infine, Musatti si venne progressivamente accostando ai criteri interpretativi della psicologia della Gestalt, che peraltro non considerò mai realmente antagonisti del punto di vista di Benussi. Questo tentativo di conciliazione del punto di vista di Benussi con quello dei gestaltisti, avviato nel saggio «La psicologia della forma» (Musatti 1929), trovò il suo compimento in «Forma e assimilazione» (Musatti 1931a) e lo portò a ricondurre tutte le leggi della Gestalt ad un unico principio, quello della «massima omogeneità», a cui risultano sottomessi anche gli elementi appartenenti all’esperienza pregressa (Musatti 1930a), che si strutturano dunque in unità con gli elementi attuali, secondo le leggi del miglioramento formale18. Fondamentale risultò poi l’interpretazione musattiana del principio di «massima omogeneità» in termini squisitamente fenomenologici, a prescindere cioè dalla versione o interpretazione neurofisiologica dei principi della Gestalt19; un orientamento che risulterà decisivo nello sviluppo del cosiddetto gestaltismo italiano20. Anche con la successiva attività di ricerca sperimentale condotta presso l’Istituto di psicologia di Milano, Musatti fornirà contributi importantissimi nel campo delle problematiche percettologiche, in special modo della percezione cromatica21, e diverrà il maestro di un’intera generazione di psicologi: accanto a Fabio Metelli e Gaetano Kanizsa – suoi allievi a Padova – vanno menzionati almeno Guido Petter, Enzo Funari, Dario Romano e Dario Varin. Dal 1960 al 1965 sarà anche presidente della Società italiana di psicologia (SIP).

  • 22   Metelli inizia a collaborare con Musatti subito dopo la laurea in lettere e filosofia, conseguita (...)
  • 23   Kanizsa si laurea nel 1938 a Padova con Musatti discutendo una tesi sulle immagini eidetiche. Nel (...)

30Nel 1943 l’allievo di Musatti Fabio Metelli (1907-1987)22 gli succedette per incarico nella direzione dell’Istituto di psicologia di Padova, dove si stabilì definitivamente nel 1954. Sebbene inizialmente attratto dalla psicoanalisi, Metelli, continuando la tradizione di Benussi e Musatti, compì ricerche nell’ambito della psicologia della testimonianza, in particolare sull’errore mnestico e testimoniale (Metelli 1940a), e della psicologia del lavoro (Metelli 1940b), e scoprì il valore interpretativo ed euristico della psicologia della Gestalt, accompagnato in questo dall’altro allievo padovano di Musatti, Gaetano Kanizsa (1913-1993)23, che nel 1953 ottenne la cattedra di Psicologia all’Università di Trieste. Il campo di ricerca preferito da entrambi divenne quello della psicologia della percezione, e da quel momento le vicende degli istituti di Padova e Trieste appaiono inestricabilmente intrecciate.

  • 24   Meritano di essere citati anche Mario Farnè, Giuseppe Galli, Paolo Bonaiuto, Pietro Tampieri e Gi (...)

31Grazie a Metelli e a Kanizsa (e ai loro allievi), la Gestalt è arrivata ad assumere un ruolo egemonico nella cultura psicologica italiana del dopoguerra (Verstegen 2000; Zanforlin 2004; Zanforlin-Sinico 2004-2005). Essi si dimostrarono particolarmente produttivi non solo sul piano scientifico, ma anche su quello istituzionale, con la fondazione della Facoltà di Psicologia di Padova e dell’Istituto di Psicologia di Trieste e con la direzione della Rivista di Psicologia e del Giornale Italiano di Psicologia. Essi seppero attrarre nell’orbita gestaltista anche ricercatori di diversa estrazione; basti pensare allo stretto legame instauratosi con il gruppo bolognese di Renzo Canestrari (1924-2017), tra i cui collaboratori mi limito qui a ricordare Gianfranco Minguzzi (1927-1987) e Marino Bosinelli (1927-2013)24.

32Gli Istituti di psicologia di Padova, Trieste, Milano e Bologna divennero di fatto una rete integrata di centri di ricerca e plasmarono in maniera profonda la cultura psicologica italiana del secondo dopoguerra, dando vita ad un vero e proprio movimento gestaltista italiano, in un periodo in cui la Gestalt era ormai tramontata come scuola sia in Germania che negli Stati Uniti.

5. Metelli, Kanizsa e il gestaltismo italiano

33Non senza qualche acrobazia, peraltro estremamente elegante, Musatti poté dunque definirsi gestaltista, senza per questo rinnegare il suo maestro. Gli allievi padovani di Musatti, Metelli e Kanizsa, liberi dai vincoli, soprattutto affettivi, che continuavano a legare idealmente il loro maestro a Benussi, finirono invece ben presto per considerarsi dei gestaltisti ortodossi, ponendo sempre più sullo sfondo quella tradizione austriaca di cui pure, accademicamente, erano eredi. Determinante a questo riguardo fu lo stretto rapporto instaurato dai gestaltisti italiani con uno degli ultimi esponenti della scuola di Berlino, Wolfgang Metzger (1899-1979), le cui frequenti visite e i cui seminari a Padova, Trieste e Bologna contribuirono, oltre che a rinsaldare e diffondere, anche a orientare il gestaltismo italiano verso i modelli berlinesi.

  • 25   Metzger 21954: 81; trad. it. 103-104: «Malgrado tutto ciò le scoperte nel campo della fisica […] (...)

34Metzger, peraltro, durante il difficile periodo della guerra si era impegnato soprattutto a sottolineare la dimensione fenomenologica del programma di ricerca gestaltista, ponendone sullo sfondo gli aspetti filosofici (primo tra tutti la psicofisica di Köhler), ovvero a fare della teoria della Gestalt una fenomenologia sistematica della percezione25. Il modello di fenomenologia sperimentale della percezione proposto da Metzger poteva così rappresentare per Musatti un termine di confronto particolarmente congeniale, dato che metteva tra parentesi proprio l’oggetto ultimo del contendere, ovvero quel modello fisiologico di Wertheimer e Köhler – l’isomorfismo psicofisico – che Benussi e Musatti non potevano in alcun modo condividere.

  • 26   «Nell’Istituto di Kanizsa non c’era troppo spazio per le discussioni teoretiche, considerate trop (...)

35Fu così che negli anni Cinquanta la teoria ufficialmente adottata a Padova (da Metelli) e a Trieste (da Kanizsa) divenne quella della Gestalt, in forma ortodossa. D’altra parte, l’interesse era tutto concentrato sulla ricerca sperimentale, «a scapito della discussione teorica; la discussione dei fondamenti era considerata già filosofia, e come tale un po’ futile e un po’ temibile»26.

  • 27   «Certo, quantificare ad ogni costo, quantificare l’irrilevante perdendo di vista ciò che è sostan (...)

36Pur condividendo quasi tutto nella teoria e nei metodi, i due triestini Metelli e Kanizsa declinarono il gestaltismo in due varianti diverse, per certi aspetti complementari. Il gestaltismo di Metelli si orientò decisamente verso la quantificazione e la formalizzazione27. L’esito più significativo di questa tendenza alla matematizzazione fu l’elaborazione di un modello algebrico per la percezione della trasparenza che, pubblicato su Scientific American (Metelli 1974), assicurò a Metelli la notorietà internazionale. Il gestaltismo di Kanizsa fu invece essenzialmente qualitativo; esso si fondava sulla capacità esplicativa dei fenomeni nel loro darsi all’osservazione immediata (Kanizsa 1979; 1980) – un metodo questo che gli consentì di fare fondamentali scoperte in campo percettivo, primo tra tutti il famoso triangolo dai margini anomali che lo rese famoso a livello internazionale (Kanizsa 1976).

  • 28   «C’è poi l’aspetto negativo del gestaltismo, il negare valore, importanza e significato ad ogni r (...)
  • 29   «Negli ultimi anni sessanta il Prof. Kanizsa dedicò molto del suo tempo alla traduzione della Psy (...)

37Occorre peraltro relativizzare la tesi dell’ortodossia gestaltista di Metelli e Kanizsa. Metelli ha a più riprese stigmatizzato il carattere settario a tratti assunto dalla teoria della Gestalt e la tendenza di molti dei suoi esponenti a negare valore ad ogni ricerca non ispirata ai suoi principi e ai suoi metodi28. Quanto a Kanizsa, la sua ortodossia gestaltista si andò progressivamente mitigando nel corso degli anni Sessanta29, alla luce del confronto con la psicologia cognitivista, che lo portò ad introdurre una distinzione tra «processo primario» e «processo secondario», tra il momento del «vedere», ossia dell’elaborazione precategoriale dell’input sensoriale, e quello del «pensare», ovvero dei processi superiori di categorizzazione e interpretazione che la mente compie sugli oggetti della segmentazione primaria (Kanizsa 1985; 1991) – una separazione che richiama la distinzione benussiana tra fattori formali, assimilativi e constatativo-persuasivi all’interno dell’atto percettivo (Bozzi 1980; Antonelli 1996b).

  • 30   Nato a Gorizia nel 1930, dopo la laurea in Filosofia a Trieste, su suggerimento di Kanizsa, fece (...)
  • 31   Nato a Udine nel 1932, dopo la laurea fu assistente di Kanizsa a Trieste dal 1960 al 1975. Dal 19 (...)
  • 32   Su Michotte cfr. Thinès-Costall-Butterworth 1991.
  • 33   Tra i molti lavori padovani e triestini ispirati alla fenomenologia sperimentale di Michotte e de (...)

38Non va poi dimenticato il progressivo accostamento di Metelli e Kanizsa, e degli allievi di quest’ultimo Paolo Bozzi (1930-2003)30 e Giovanni Bruno Vicario (1932)31, a partire dalla metà degli anni Cinquanta, alle ricerche di Albert Michotte (1881-1965) e della Scuola di Lovanio (Michotte 21954), anch’esse orientate, come quelle benussiane, alla messa in evidenza del carattere dinamico e processuale dell’esperienza percettiva (quella di Michotte è una fenomenologia degli eventi più che degli oggetti percettivi) e alla costruzione di una fenomenologia sperimentale pura, libera da ogni riferimento a modelli fisico-fisiologici. Se quella particolare ‘teoria degli oggetti’ percettivi che è la psicologia della Gestalt spiega abbastanza bene il segregarsi del campo fenomenico nell’hic et nunc dell’esperienza attuale, il lavoro di ricerca di Michotte, non a caso influenzato dalla scuola di Graz oltre che da quella di Würzburg, evidenzia come la prevalente stabilità degli oggetti d’esperienza mascheri per così dire la realtà del divenire, senza però annullarla. Il mondo degli osservabili, infatti, è a ben guardare un mondo fatto non tanto di oggetti, ma di eventi, alcuni dei quali sono stazionari, e corrispondono agli oggetti stabili della nostra esperienza immediata, mentre altri sono non-stazionari, ossia mutevoli o instabili nelle loro dimensioni spaziali e qualitative. A partire da queste premesse, il «gestaltismo autonomo» di Michotte – come efficacemente lo caratterizzò Gianfranco Minguzzi (1972) – si venne qualificando come analisi funzionale dei fenomeni percettivi, ovvero come «fenomenologia sperimentale» finalizzata all’individuazione di leggi funzionali simili a quelle che costituiscono il repertorio delle scienze naturali, ma distinte da quelle naturalistiche per il fatto che le variabili in gioco si collocano tutte sul piano fenomenico, ovvero risultano tutte ostensibili32. In altri termini, il procedimento sperimentale, così come lo concepisce Michotte, riguarda la manipolazione non delle variabili fisiche relative alla situazione percepita in esame, ma di quelle fenomeniche. Quella di Michotte è dunque una vera e propria fenomenologia sperimentale della percezione, ossia di fatti genuinamente percettivi nella loro dipendenza da altri fatti altrettanto squisitamente percettivi33.

6. La fenomenologia sperimentale di Gaetano Kanizsa

39È proprio qui, in Michotte e nella scuola di Lovanio, che va individuato l’antecedente più diretto della originalissima pratica sperimentale sviluppata da Gaetano Kanizsa, consistente nell’agire fenomenicamente su un fatto fenomenicamente esplicito per ottenere effetti fenomenici paradossali secondo il principio di complanarità delle variabili o del percept-percept coupling, lasciandosi cioè guidare dalle somiglianze o differenze che si constatano tra gli elementi della situazione percepita, e non dalle relazioni che esistono tra gli stimoli che generano quegli elementi. Mentre infatti nel gestaltismo classico gli stimoli (fisici e prossimali) sono la variabile indipendente e le percezioni la variabile dipendente, nella pratica della ricerca kanizsiana variabili indipendenti e dipendenti giacciono sullo stesso piano e sono entrambe simultaneamente osservabili. In tal modo non sono più in gioco stimoli e percezioni, ma semmai – come ha acutamente osservato Paolo Bozzi (1980) – «inferiora» e «superiora» compresenti nelle configurazioni osservabili e, per così dire, complanari, secondo un metodo che sembra riportare Kanizsa alla scuola di Graz di Meinong e Benussi.

40È stato proprio a partire dalla concreta attività di ricerca sviluppata da Kanizsa che i suoi allievi Paolo Bozzi e Giovanni Bruno Vicario hanno sviluppato, con un sottile lavoro di elaborazione epistemologica, il progetto di una fenomenologia della percezione iuxta propria principia, capace di fondare i propri concetti nel territorio stesso degli eventi percettivi oggetto di indagine e senza importazioni dalle scienze limitrofe. Tutto ciò influenzò profondamente lo stesso Kanizsa, che fu indotto a guardare con minor sospetto alle questioni teoriche e a sviluppare una riflessione critica all’interno della stessa teoria della Gestalt, intesa a combattere le enunciazioni sommarie o le estensioni ingiustificate dei suoi concetti, gli spostamenti di accento dovuti al risalto eccessivo dato ad affermazioni o aspetti non essenziali, come pure a mettere al vaglio empirico concetti – primo tra tutti quello di pregnanza – che dopo una iniziale apparente fecondità si erano mostrati molto meno consistenti di quanto in un primo momento ci si potesse attendere (Kanizsa-Luccio 1986).

7. Paolo Bozzi tra filosofia e psicologia

41In particolare, Paolo Bozzi, filosofo di formazione – si era laureato negli anni Cinquanta a Trieste con Giorgio Radetti con una tesi sul pragmatismo, in cui si era confrontato con James e Peirce, ma anche con Calderoni e Vailati –, trovò in Kanizsa un riferimento che orientò in modo indelebile il suo percorso di ricerca successivo. Fu nel corso dei suoi pionieristici studi sull’isocronismo del pendolo, condotti sul finire degli anni Cinquanta (Bozzi 1958a; 1958b), che Bozzi scoprì «un sottile filo tra la meccanica di Galileo e quella di Aristotele» (Bozzi 2003) e fu condotto a sviluppare una vera propria fisica ingenua ante litteram, quella oggi conosciuta come Naive Physics (Bozzi 1990).

42La psicologia gestaltista e il metodo fenomenologico di Kanizsa e dei gestaltisti gli apparvero così non solo un sottile metodo di indagine empirica e sperimentale, ma uno strumento altrettanto innovativo e potente sul piano filosofico. Psicologia sperimentale e filosofia sono infatti per Bozzi due aspetti non scindibili, che hanno accompagnato tutto il suo lavoro. Pur potendo essere trattate separatamente, esse diventano in Bozzi aspetti complementari di un’unica ricerca, che si sorreggono e stimolano reciprocamente, consentendo di affrontare con strumenti nuovi i problemi classici della filosofia della conoscenza e dell’ontologia, ai quali egli ha fornito nuovi e decisivi contributi.

43Proprio il metodo fenomenologico, in particolare, consente di assumere come oggetto d’indagine la reale esperienza che si ha del ‘mondo esterno’, e non gli eventi ad essa ‘sottostanti’ o ‘sovrastanti’ – sottostanti nel senso più ampio, dal piano fisico (le leggi dell’ottica), a quello fisiologico (i correlati neurali, a livello periferico e centrale, del manifestarsi dei fatti percettivi), alle presunte sensazioni pure o elementari di tanta parte della psicologia tradizionale. Questa autonomia dell’esperienza in atto comporta per Bozzi che ogni spiegazione causale della percezione, dallo stimolo distale fino all’attivazione cerebrale, va considerata come una condizione sufficiente ma non necessaria della percezione fenomenica (Bozzi 1992): il genio maligno ipotizzato da Cartesio può infatti farci dubitare della necessità del dato inteso nella sua dipendenza causale, ma non del dato fenomenico in quanto tale.

44L’autonomia della percezione non investe però solo i fatti sottostanti, ma anche quelli sovrastanti, come l’esperienza pregressa, l’attività del pensiero e il linguaggio. Qui Bozzi fa propria la distinzione tra «vedere» e «pensare» del suo maestro Kanizsa, e proprio la tesi dell’autonomia della percezione dalla dimensione logico-linguistica lo porta tra l’altro ad un confronto critico con Wittgenstein e le sue Osservazioni sulla filosofia della psicologia (Bozzi 1998).

45Da tutto questo deriva la necessità di studiare in modo rigoroso e iuxta propria principia il mondo dei fatti attualmente «osservabili», i fenomeni immediatamente accessibili nel campo dell’esperienza attuale, e le proprietà che essi esibiscono all’atto dell’osservazione; fatti e proprietà che presentano il carattere della dura realtà delle cose incontrate nel mondo, sono ostensibili, interosservabili e, attraverso il metodo fenomenologico-sperimentale, ripetibili e indagabili scientificamente. Questi fatti e queste caratteristiche sono infatti indipendenti da noi: nulla nell’esperienza immediata delle cose e delle loro proprietà – primarie (forma), secondarie (colore) e terziarie (espressività) – viene vissuto come soggettivo o dipendente dalla mente.

46Il progetto di una «scienza degli osservabili in atto» iuxta propria principia prevede dunque come metodo quello fenomenologico-sperimentale e come base teorica il monismo realista (Bozzi 1989; 2002). Se il metodo di ricerca proposto da Bozzi è inderogabilmente fenomenologico, il realismo viene da lui invece proposto come un ‘optional’: si può fare ricerca anche entro un quadro di riferimento dualista, ma da un punto di vista filosofico è il realismo monistico d’ispirazione machiana di Bozzi l’aspetto più forte e originale della sua produzione teorica, al cui sviluppo egli ha instancabilmente lavorato nei suoi ultimi anni di attività e che rappresenta uno dei suoi lasciti più significativi.

47Con Bozzi, per certi aspetti, il cerchio si chiude. Quella complementarità di indagine psicologica e riflessione filosofica che aveva ispirato i grandi maestri della tradizione fenomenologica mittel-est-europea, da Brentano, a Meinong, a Benussi, si ricompone nel goriziano Bozzi, dopo che i due percorsi, pur senza perdersi del tutto di vista, erano andati autonomizzandosi.

Bibliographie

Accerboni A. M., 1998, Vittorio Benussi e Edoardo Weiss a confronto sull’inconscio, «Rivista di Psicoanalisi» 4: 813-833.

Accerboni A. M., 1999, Vittorio Benussi and Edoardo Weiss on the unconscious (with two appendices), «Axiomathes» 10.1-3: 107-126.

Albertazzi L. (a cura di), 2003, The legacy of Gaetano Kanizsa in cognitive science [fascicolo speciale], «Axiomathes» 3-4.

Albertazzi L.-Poli R. (a cura di), 1993, Brentano in Italia: una filosofia rigorosa, contro positivismo e attualismo, Milano, Guerini.

Aliotta A., 1905, La misura in psicologia sperimentale, Firenze, Tipografia Galletti e Cocci.

Antonelli M., 1994, Die experimentelle Analyse des Bewußtseins bei Vittorio Benussi, Amsterdam/Atlanta, Rodopi.

Antonelli M., 1996, Percezione e coscienza nell’opera di Vittorio Benussi, Milano, Franco Angeli.

Antonelli M., 2005, Gestalt und Zeit. Historisch-systematische Analysen zur Gestalttheorie, in J. Ch. Marek-M. Reicher (a cura di), Experience and Analysis / Erfahrung und Analyse, Wien, öbv&hpt: 285-296.

Benussi V., 1902, Über den Einfluß der Farbe auf die Größe der Zöllner’schen Täuschung, «Zeitschrift für Psychologie und Physiologie der Sinnesorgane» 29: 264-351; 385-433.

Benussi V., 1904, Zur Psychologie des Gestalterfassens (Die Müller-Lyersche Figur), in A. Meinong (a cura di), Untersuchungen zur Gegenstandstheorie und Psychologie, Leipzig, Barth: 303-448; poi Benussi, 2002, I: 3-138.

Benussi V., 1906, Experimentelles über Vorstellungsinadäquatheit. I. Das Erfassen gestaltmehrdeutiger Komplexe, «Zeitschrift für Psychologie» 42: 22-55; poi Benussi, 2002, I: 155-188.

Benussi V., 1907a, Experimentelles über Vorstellungsinadäquatheit. II. Gestaltmehrdeutigkeit und Inadäquatheitsumkehrung, «Zeitschrift für Psychologie» 45: 188-230; poi Benussi, 2002, I: 188-228.

Benussi V., 1907b, Zur experimentellen Analyse des Zeitvergleichs. I. Zeitgröße und Betonungsgestalt, «Archiv für die gesamte Psychologie» 9: 366-449.

Benussi V., 1908, Zur experimentellen Analyse des Zeitvergleichs. II. Erwartungszeit und subjektive Zeitgröße, «Archiv für die gesamte Psychologie» 13: 71-139.

Benussi V., 1909, Über «Aufmerksamkeitsrichtung» beim Raum- und Zeitvergleich, «Zeitschrift für Psychologie» 51: 73-107; poi Benussi, 2002, I: 229-261.

Benussi V., 1911, Über die Motive der Scheinkörperlichkeit bei umkehrbaren Zeichnungen, «Archiv für die gesamte Psychologie» 20: 363-396; poi Benussi, 2002, I: 263-298.

Benussi V., 1912, Stroboskopische Scheinbewegungen und geometrisch-optische Gestalttäuschungen, «Archiv für die gesamte Psychologie» 24: 31-62; poi Benussi, 2002, I: 297-328.

Benussi V., 1913a, Psychologie der Zeitauffassung, Heidelberg, Winter.

Benussi V., 1913b, Sintomi respiratori della finzione, «Rivista di Psicologia» 9: 292-293.

Benussi V., 1914a, Gesetze der inadäquaten Gestaltauffassung (Die Ergebnisse meiner bisherigen experimentellen Arbeiten zur Analyse der sogen. geometrisch-optischen Täuschungen [Vorstellungen außersinnlicher Provenienz]), «Archiv für die gesamte Psychologie» 32: 396-419; poi Benussi, 2002, I: 341-364.

Benussi V., 1914b, Die Atmungssymptome der Lüge, «Archiv für die gesamte Psychologie» 31: 244-273; poi Benussi, 2002, I: 365-394.

Benussi V., 1914c, Versuche zur Bestimmung der Gestaltzeit, in F. Schumann (Hrsg.), Bericht über den VI. Kongreß für experimentelle Psychologie in Göttingen 1914, Leipzig, J. A. Barth: 71-73.

Benussi V., 1914d, Die Gestaltwahrnehmungen. Bemerkungen zu den gleichnamigen Untersuchungen K. Bühlers, Bd. I, «Zeitschrift für Psychologie» 69: 256-292.

Benussi V., 1915, Monokularlokalisationsdifferenz und haploskopisch erweckte Scheinbewegungen, «Archiv für die gesamte Psychologie» 33, Literaturbericht: 266-272.

Benussi V., 1917, Versuche zur Analyse taktil erweckter Scheinbewegungen (kinematohaptische Erscheinungen) nach ihren äußeren Bedingungen und ihren Beziehungen zu den parallelen optischen Phänomenen, «Archiv für die gesamte Psychologie» 36, Literaturbericht: 59-135.

Benussi V., 1918, Über Scheinbewegungskombination. (Lissajoussche S-, M- und E-Scheinbewegungsfiguren), «Archiv für die gesamte Psychologie» 37: 233-282.

Benussi V., 1922-1923, Introduzione alla psicologia sperimentale, lezioni tenute nell’anno 1922-23 dal Prof. V. Benussi e raccolte dal Dott. C. L. Musatti, dattiloscritto (Fondo Benussi).

Benussi V., 1925a, La suggestione e l’ipnosi come mezzi di analisi psichica reale, Bologna, Zanichelli; poi Benussi, 2006: 213-350.

Benussi V., 1925b, La suggestione e l’ipnosi come mezzi di analisi psichica reale, in Aa.Vv., Atti del IV Congresso Nazionale di Psicologia (Firenze 1923), Firenze, Stabilimento Tipografico Bandettini: 35-65; poi in «Rivista di Psicologia» 21: 1-22; poi Benussi, 2006: 191-211.

Benussi V., [1926] 2006, Elementi di teoria e tecnica della psicoanalisi, in V. Benussi, Sperimentare l’inconscio. Scritti (1905-1927), a cura di M. Antonelli, Milano, Raffaello Cortina: 429-470.

Benussi V., 2002, Psychologische Schriften. Textkritische Ausgabe in 2 Bänden; Band I, Psychologische Aufsätze (1904-1914); Band II, Psychologie der Zeitauffassung (1913), a cura di M. Antonelli, Amsterdam/New York, Rodopi.

Benussi V., 2006, Sperimentare l’inconscio. Scritti (1905-1927), a cura di M. Antonelli, Milano, Raffaello Cortina.

Bozzi P., 1958a, Analisi fenomenologica del moto pendolare armonico, «Rivista di Psicologia» 52.4: 281-302; poi 1993, Experimenta in visu. Ricerche sulla percezione, Milano, Guerini: 29-49.

Bozzi P., 1958b, Osservazioni sulla percezione del moto pendolare armonico, in Aa.Vv., Atti del XII Congresso degli Psicologi Italiani (1958), Firenze, Editrice universitaria: 163-165.

Bozzi P., 1969, Unità identità causalità. Una introduzione allo studio della percezione, Bologna, Cappelli.

Bozzi P., 1980, Presentazione, in G. Kanizsa, Grammatica del vedere. Saggi su percezione e Gestalt, Bologna, Il Mulino: 7-22.

Bozzi P., 1989, Fenomenologia sperimentale, Bologna, Il Mulino.

Bozzi P., 1990, Fisica ingenua. Oscillazioni, piani inclinati e altre storie: studi di psicologia della percezione, Milano, Garzanti.

Bozzi P., 1992, Dal noumeno cervello ai fenomeni o dai fenomeni al noumeno cervello?, in Aa.Vv., Il problema mente-corpo. Atti del convegno per l’assegnazione del premio Cortina-Ulisse 1991 (Padova 19-20 aprile 1991), Padova, Cedam: 40-57.

Bozzi P., 1998, Vedere come. Commenti ai §§ 1-29 delle Osservazioni sulla filosofia della psicologia di Wittgenstein, Milano, Guerini.

Bozzi P., 2002, Fenomenologia sperimentale, «Teorie & Modelli» n.s. 7.2-3: 13-48.

Bozzi P., 2003, Anmerkung zur Praxis und Theorie der experimentellen Phänomenologie, «Gestalt Theory» 3: 191-198; trad. it. Note sulla mia formazione, le mie esperienze scientifiche, le mie attuali posizioni, http://gestalttheory.net/it/bozzi03.html.

Cattonaro E.-Passi Tognazzo D. (a cura di), 1987, Giornate di studio in ricordo di Fabio Metelli, Università degli Studi di Padova, Dipartimento di Psicologia Generale.

Corsa R., 2013, Edoardo Weiss a Trieste con Freud. Alle origini della psicoanalisi italiana, Roma, Alpes.

David M., 1966, La psicoanalisi nella cultura italiana, Torino, Boringhieri.

De Sarlo F., 1903, I dati della esperienza psichica, Firenze, Galletti e Cocci.

De Sarlo F., 1905, La psicologia come scienza empirica, Bologna, Zamorani e Albertazzi.

De Sarlo F., 1907, L’attività pratica e la coscienza, Firenze, Seeber.

De Sarlo F., 1913a, La classificazione dei fatti psichici, Bologna, Stabilimento Poligrafico Emiliano.

De Sarlo F., 1913b, Psicologia e filosofia. Studi e ricerche, Firenze, Cultura Filosofica.

De Sarlo F., 1928, Introduzione alla filosofia, Milano, Dante Alighieri.

Falzeder E. (a cura di), 2002, The complete correspondence of Sigmund Freud and Karl Abraham 1907-1925, London, Karnac.

Flores D’Arcais G. B. (a cura di), 1975, Studies in perception. Festschrift for Fabio Metelli, Milano/Firenze, Martello/Giunti.

Freud S., 1976-1980, Opere, 12 voll., a cura di C. Musatti, Torino, Bollati Boringhieri.

Garin E., 1960, Nota su Brentano, «Giornale Critico della Filosofia Italiana» 2: 320.

Gerbino W., 1993, Gaetano Kanizsa (1913-1993), «Perception» 22: 877-878.

Gerbino W., (a cura di), 1985, Conoscenza e struttura. Festschrift per Gaetano Kanizsa, Bologna, Il Mulino.

Giannetti R., 1977, La presenza di Franz Brentano in Italia agli inizi del Novecento, «Rivista di Filosofia Neo-Scolastica» 69: 86-102.

Guarnieri P., 2013, Senza cattedra. L’Istituto di Psicologia dell’Università di Firenze tra idealismo e fascismo, Firenze, Firenze University Press.

Hurwitz E., 1979, Otto Gross. «Paradies»-Sucher zwischen Freud und Jung, Zürich/Frankfurt am Main, Suhrkamp.

Kanizsa G., 1976, Subjective contours, «Scientific American» 234.4: 48-52.

Kanizsa G., 1979, Organization in vision, New York, Praeger.

Kanizsa G., 1980, Grammatica del vedere, Bologna, Il Mulino.

Kanizsa G., 1985, Seeing and thinking, «Acta Psychologica» 59: 23-33.

Kanizsa G., 1987, Come Metelli vedeva se stesso, in E. Cattonaro-D. Passi Tognazzo (a cura di), Giornate di studio in ricordo di Fabio Metelli, Università degli Studi di Padova, Dipartimento di Psicologia Generale: 31-35.

Kanizsa G., 1991, Vedere e pensare, Bologna, Il Mulino.

Kanizsa G.-Luccio R., 1986, Die Doppeldeutigkeiten der Prägnanz, «Gestalt Theory» 8: 98-135.

Kanizsa G.-Metelli F., 1956, Connessioni di tipo causale fra eventi percettivi: l’effetto attrazione e l’effetto lancio inverso, in Aa.Vv., Atti dell’XI Congresso degli Psicologi Italiani, Milano 7-11 aprile 1956, Milano, Vita e Pensiero: 1-10.

Kanizsa G.-Metelli F., 1959, L’orientation relative des mouvements dans la perception de la causalité, in Aa.Vv., Actes du XVème Congrès Internationale de Psychologie (Bruxelles, 1957), Amsterdam, North Holland: 290.

Kanizsa G.-Metelli F., 1961, Recherches expérimentales sur la perception visuelle d’attraction, «Journal de Psychologie Normale et Pathologique» 4: 385-420.

Koffka K., 1915, Beiträge zur Psychologie der Gestalt- und Bewegungserlebnisse. III. Zur Grundlegung der Wahrnehmungspsychologie. Eine Auseinandersetzung mit V. Benussi, «Zeitschrift für Psychologie» 73: 11-90.

Kanizsa G.-Metelli F., 1935, Principles of Gestalt psychology, London, Kegan Paul, Trench, Trubner & Co.

Lo Russo M., 2011, Otto Gross: Psiche, Eros, Utopia, Roma, Editori Riuniti.

Luccio R., 1985, L’inizio del dibattito sulla psicologia della Gestalt in Italia: 1927-1929, in W. Gerbino (a cura di), Conoscenza e struttura. Festschrift per Gaetano Kanizsa, Bologna, Il Mulino: 245-263.

Luccio R.-Primi C., 1993, De Sarlo e Brentano, in L. Albertazzi-R. Poli (a cura di), Brentano in Italia: una filosofia rigorosa, contro positivismo e attualismo, Milano, Guerini: 103-119.

Lück H.E.-Mühlleitner E. (a cura di), 1993, Psychoanalytiker in der Karikatur, München, Quintessenz.

Marhaba S., 1999, Fabio Metelli nella storia della psicologia italiana, «Rivista di Psicologia» 80.1: 75-92.

Meinong A., 1891, Zur Psychologie der Komplexionen und Relationen, «Zeitschrift für Psychologie und Physiologie der Sinnesorgane» 2: 245-265; poi 1968-1978, vol. I: 279-300; trad. it. parziale 1979, La psicologia delle complessioni e delle relazioni, in G. Mucciarelli (a cura di), L’evoluzione della psicologia contemporanea. Antologia delle fonti, Bologna, Clueb: 388-394.

Meinong A., 1899, Über Gegenstände höherer Ordnung und deren Verhältnis zur inneren Wahrnehmung, «Zeitschrift für Psychologie und Physiologie der Sinnesorgane» 21: 182-272; poi 1968-1978, vol. II: 377-471; trad. it. 2002, Sugli oggetti di ordine superiore e il loro rapporto con la percezione interna, in A. Meinong, Teoria dell’oggetto, a cura di V. Raspa, Trieste, Parnaso: 155-233.

Meinong A., 1904. Über Gegenstandstheorie, in A.Meinong (Hrsg.) Untersuchungen zur Gegenstandstheorie und Psychologie, Leipzig, J.A. Barth: 1-50; poi 1968-1978, vol. II: 481-530.

Meinong A., 1968-1978, Alexius Meinong Gesamtausgabe, 7 voll., a cura di R. Haller-R. Kindinger-R. M. Chisholm, Graz, Akademische Druck- und Verlagsanstalt.

Metelli F., 1940a, Sulla teoria dell’errore mnestico e testimoniale, «Rivista di Psicologia» 36: 36-96.

Metelli F., 1940b, Orientamento professionale, Vittorio Veneto, Longo & Zoppelli.

Metelli F., 1974, The perception of transparency, «Scientific American» 230.4: 90-98.

Metelli F., 1987, La polemica Benussi-Koffka, in G. Mucciarelli (a cura di), Vittorio Benussi nella storia della psicologia italiana, Bologna, Pitagora Editrice: 119-132.

Metzger W., 21954, Psychologie. Die Entwicklung ihrer Grundannahmen seit der Einführung des Experiments, Berlin/Heidelberg, Springer (1941); trad. it. di L. Lumbelli, 1971, I fondamenti della psicologia della Gestalt, a cura di G. Kanizsa, Firenze, Giunti e Barbèra.

Michotte A., 21954, La perception de la causalité, Louvain, Publications Universitaires (1946); trad. it. di B. Garau, 1972, La percezione della causalità, a cura di G. Petter, Firenze, Giunti e Barbèra.

Minguzzi G., 1972, La causalità come qualità espressiva dei movimenti: alcuni problemi irrisolti, in A. Michotte, La percezione della causalità, a cura di G. Petter, Firenze, Giunti e Barbèra: 5-16.

Musatti C., 1928, La scuola di psicologia di Padova (1919-1923), «Rivista di Psicologia» 24: 26-42.

Musatti C., 1929, La psicologia della forma, «Rivista di Filosofia» 19.4: 329-357.

Musatti C., 1930a, I fattori empirici della percezione e la teoria della forma, «Rivista di Psicologia» 26.4: 259-264.

Musatti C., 1930b, Ricerche sulla diagnosi pneumografica delle testimonianze col metodo Benussi, «Archivio Italiano di Psicologia» 1: 25-50.

Musatti C., 1931a, Forma e assimilazione, «Archivio Italiano di Psicologia» 9: 61-156; poi 1964, Condizioni dell’esperienza e fondazione della psicologia, Firenze, Giunti: 213-265.

Musatti C., 1931b, Elementi di psicologia della testimonianza, Padova, Cedam.

Musatti C., 1931c, Sul valore diagnostico dei sintomi respiratori di Benussi in testimonianze a colorito personale, in Aa.Vv., Atti del VII Convegno di Psicologia sperimentale e Psicotecnica, Torino, 18-20 novembre 1929, Bologna, Stabilimenti poligrafici riuniti: 1-3.

Musatti C., 1932, Oblio e arricchimento mnestico nelle deposizioni testimoniali sopra fatti concreti (Wirklichkeitsversuche), «Archivio Italiano di Psicologia» 10; poi Aa.Vv., 1993, Scritti di psicologia raccolti in onore di Federico Kiesow, Torino, Anfossi: 3-13.

Musatti C., 1936, Le interazioni fra superfici acromatiche contigue, in Aa.Vv., Atti dell’VIII Convegno nazionale degli psicologi italiani. Roma, 3-5 aprile 1936, Roma, Tipografia Asilo scuola.

Musatti C., 1949, Trattato di psicoanalisi, Torino, Einaudi.

Musatti C., 1953a, Contributo alla teoria della percezione cromatica, in L. Canestrelli (a cura di), Atti del IX Convegno degli Psicologi Italiani, Roma, 1-4 novembre 1951, Firenze, Marzocco: 173-182.

Musatti C., 1953b, Luce e colore nei fenomeni di “contrasto simultaneo”, della “costanza” e dell’“eguagliamento”, «Archivio di Psicologia, Neurologia, Psichiatria» 14: 544-577.

Musatti C., 1954, La crisi attuale nella teoria della percezione dei colori, «Scientia» 48: 413-431.

Musatti C., 1957, Les phénomènes d’égalisation entre surfaces chromatiques, in I. Meyerson (a cura di), Problèmes de la couleur. Exposés et discussions du Colloque du Centre de recherches de psychologie comparative tenu à Paris les 18, 19, 20 mai 1954, Paris, S.E.V.P.E.N.: 93-104.

Musatti C., 1986, Il mio mondo giovanile nell’antica Padova, «Belfagor» 41: 81-94.

Musatti C., 1987a, Chi ha paura del lupo cattivo?, Roma, Editori Riuniti.

Musatti C., 1987b, Vittorio Benussi e i fenomeni ipnosuggestivi, in G. Mucciarelli (a cura di), Vittorio Benussi nella storia della psicologia italiana, Bologna, Pitagora Editrice: 107-118.

Reichmann R., 1996-1999, Cesare Musatti. Vita e opere, 3 voll., Milano, ARPA.

Riondato E., 1965, L’aristotelismo di Franz Brentano e il suo influsso sulla cultura filosofica italiana, in Aa.Vv., Aspetti e problemi del Novecento culturale italiano e tedesco nel quadro dell’unità culturale europea / Erscheinungen und Probleme der deutschen und italienischen Kultur des XX. Jahrhunderts im Rahmen der europäischen Kultureinheit. Atti del II Convegno Internazionale di studi italo-tedeschi, Merano, 5-11 aprile 1961, Merano, Istituto culturale italo-tedesco in Alto Adige: 341-345.

Santucci A., 1987, Brentano in Italia, in G. Mucciarelli (a cura di), Vittorio Benussi nella storia della psicologia italiana, Bologna, Pitagora Editrice: 3-38.

Smith B. (a cura di), 1988, Foundations of Gestalt theory, Munich/Vienna, Philosophia Verlag.

Stagner R., 1987, Fabio Metelli, obituary, «American Psychologist» 44.4: 733.

Stucchi N., 1987, Vittorio Benussi: Breve biografia e bibliografia degli scritti, in G. Mucciarelli (a cura di), Vittorio Benussi nella storia della psicologia italiana, Bologna, Pitagora Editrice: 187-220.

Thinès G.-Costall A.-Butterworth G. (a cura di), 1991, Michotte’s experimental phenomenology of perception, Hillsdale, NJ, Erlbaum.

Verstegen I., 2000, Gestalt Psychology in Italy, «Journal of the History of the Behavioral Sciences» 36.1: 31-42.

Vicario G. B., 1994, Gaetano Kanizsa. The scientists and the man, «Japanese Psychological Research» 36.3: 126-137.

Vicario G. B., 1990, Commemorazione di Fabio Metelli, «Atti dell’Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti», Tomo CXLVIII (1989-90), Parte Generale e Atti Ufficiali: 1-14.

Zanasi G., 1993, Il caso Gross. L’anima espressionista, la psicoanalisi e l’utopia della felicità, Napoli, Liguori.

Zanforlin M., 1989, Ricordando Metelli, «Atti e Memorie dell’Accademia Patavina di Scienze, Lettere ed Arti», 100.1: 97-108.

Zanforlin M., 2004, Gestalt Theory in Italy – Is it still Alive?, «Gestalt Theory» 27.4: 293-305.

Zanforlin M.-Sinico M. (a cura di), 2004-2005, I recenti sviluppi della teoria della Gestalt in Italia [fascicoli speciali], «Teorie & Modelli» n.s. 9.2-3, 10.1.

Fonti archivistiche

Archivio Centrale dello Stato, Roma.

Ministero della Pubblica Istruzione, Direzione Generale Istruzione Superiore.

Archivio dell’Università di Padova.

Meinong-Nachlaß, Universitätsbibliothek Graz.

Fondo Benussi, Aspi – Archivio storico della psicologia italiana, Università degli Studi di Milano-Bicocca. Consultabile online sul portale www.aspi.unimib.it.

Fondo Metelli, Biblioteca di Psicologia Fabio Metelli, Università degli Studi di Padova. Consultabile online sul portale https://phaidra.cab.unipd.it.

Fondo Kanizsa, Dipartimento di Scienze della Vita, Università degli Studi di Trieste. Consultabile online sul portale http://www.aspi.unimib.it.

Notes

1   Tra i Laboratori e Istituti di psicologia fondati dagli allievi di Brentano, vanno menzionati quelli di Berlino e di Graz, fondati rispettivamente da Carl Stumpf e Alexius Meinong nel 1894, quello di Innsbruck, fondato da Franz Hillebrand nel 1897, e infine quello di Leopoli, fondato da Kasimierz Twardowski nel 1910.

2   Lettera del Rettore dell’Università di Padova a Vittorio Benussi, 26/3/1919, Vittorio Benussi, Fascicolo personale, Archivio Centrale dello Stato, Roma.

3   Musatti 1986: 84; – 1987b: 108-109.

4   Archivio dell’Università di Padova, Fascicolo personale di Cesare Musatti, busta 48, fasc. 208.

5   Cfr. David 1966: 191.

6   In effetti, il percorso culturale e scientifico di Brentano e di De Sarlo fu e rimase diverso: quello di De Sarlo andò dalle scienze biologiche e dalla medicina (in particolare dalla psichiatria) alla psicologia e soprattutto alla filosofia, quello di Brentano dalla teologia e dalla metafisica alla filosofia, passando attraverso la psicologia. Gli scritti di De Sarlo presentano senz’altro, almeno a partire dal 1903, motivi di affinità con i temi della psicologia descrittiva di Brentano, ma ciò non autorizza a parlare di dipendenza e neppure, in senso stretto, di influenza, che diventò semmai più manifesta nel corso degli anni Venti, quando però Brentano aveva già lasciato l’Italia per la Svizzera (1915), dove morì poi nel 1917. In effetti, De Sarlo utilizza a più riprese categorie e modelli teorici assai vicini a quelli brentaniani, ma nel quadro di un sistema teorico autonomo e originale, non riducibile tout court a quello brentaniano, e all’interno del quale quei concetti e modelli assumono un significato del tutto peculiare. Ciò nonostante, alcune opere di De Sarlo (1903; 1905; 1907; 1913a; 1913b) possono essere considerate di ispirazione brentaniana. Una delle ultime opere di De Sarlo, l’Introduzione alla filosofia (1928), è dedicata proprio «alla memoria di Francesco Brentano». Cfr. Luccio-Primi 1993.

7   Il Laboratorio precedette di tre anni quelli fondati a Torino, Roma e Napoli, in occasione dell’istituzione delle tre prime cattedre di psicologia in Italia, occupate, rispettivamente, da Federico Kiesow, Sante De Sanctis e Cesare Colucci. Nel 1919 sarebbe seguito il Laboratorio di Benussi a Padova e nel 1924 quello di Agostino Gemelli all’università Cattolica di Milano. Tra gli allievi di Francesco De Sarlo attivi presso il Laboratorio di psicologia di Firenze meritano di essere ricordati Antonio Aliotta, Enzo Bonaventura, Vincenzo Berrettoni, Guido Della Valle, Gualtiero Sarfatti, Giuseppe Fanciulli, Renata Calabresi e Alberto Marzi. Non va dimenticato che Aliotta fu a Padova il primo maestro di Cesare Musatti, che sotto la sua guida iniziò la sua tesi di laurea su Geometrie non-euclidee e problema della conoscenza. Il trasferimento di Aliotta a Napoli nel 1919 e il pressoché contemporaneo arrivo a Padova di Benussi portarono Musatti a discutere con quest’ultimo la tesi già in avanzato stato di elaborazione e poi a dedicarsi alla psicologia.

8   Per una analisi approfondita della polemica Benussi-Koffka cfr. Musatti 1929; Bozzi 1980; Metelli 1987; Antonelli 1994.

9   Si veda però Koffka 1935: 147: «In the first place, we find the field organization under certain circumstances dependent upon attitudes, i.e., forces which have their origin not in the surrounding field at all, but in the Ego of the observer, a new indication that our task of investigating the surrounding field alone is somewhat artificial, and that we shall understand its organisation completely only when we study the total field which includes the Ego within its environment».

10   Era stato proprio Hans Gross (1847-1915), fondatore del primo Istituto di criminologia all’università di Graz, che aveva sollecitato Benussi a sviluppare le sue pionieristiche ricerche sui «sintomi respiratori della menzogna», che lo portarono a mettere a punto l’antesignano del futuro lie detector (Benussi 1913b; 1914b).

11   «Io allora [nel 1906] seguivo da lontano questo movimento [il movimento psicoanalitico] ed ero tra i conoscenti migliori di Otto Gross, uno dei primi allievi di Freud, che nel 1908 (?) tenne un corso, come libero docente, a Graz dove c’ero io pure. Io ero tra i perplessi quando leggevo ed ascoltavo: quanto qui [nelle lezioni sulla psicoanalisi tenute a Padova nel 1926] vi ho esposto è una chiarificazione che oggi è possibile ma che allora non lo era! Ma ero profondamente convinto che Freud aveva messo le mani su qualcosa di nuovo che si doveva studiare prima di respingere o di deridere: è vero che la terapia non incoraggiava ma qualche volta il successo c’era, ed è questo fatto che mi ha tenuto attaccato a questi studi» (Fondo Benussi, 9.6, 11).

12   Medico, psicopatologo e psicoanalista, figlio dell’illustre giurista e criminologo di Graz Hans Gross, Otto crebbe come bambino modello, viziato e adorato dai genitori. Dopo la laurea in medicina, in qualità di medico di bordo si recò spesso in Sudamerica, dove fece le sue prime esperienze di droga. Con la moglie si recò nella Bohème anarchica di Monaco e, nel 1906, entrò nella comunità anarchica del Monte Verità di Ascona. Negli anni successivi frequentò circoli anarchici, dadaisti ed espressionisti, sui quali esercitò una notevole influenza, in particolare su Erich Mühsam, Gustav Landauer, Franz Jung, Franz Pfemfert, Leonhard Frank; ebbe contatti col circolo di Heidelberg, in particolare con Alfred e Max Weber; ebbe una relazione con Frieda von Richthofen-Weekley, futura moglie di David Herbert Lawrence, che nella sua opera consacrerà poeticamente la morale sessuale di Gross. L’abuso di droga lo costrinse a ripetute terapie disintossicanti. Nel 1908 Sigmund Freud lo inviò in cura da Carl Gustav Jung al Burghölzli di Zurigo, da dove ben presto fuggì. Nel 1913 il padre riuscì a farlo interdire e internare. Dopo pochi mesi, però, Otto riuscì nuovamente a fuggire. Nel 1915, l’anno della morte di Hans Gross, Otto entrò in contatto con Franz Kafka, che già era stato allievo del padre a Praga. I due progettarono di fondare una rivista dal titolo Blätter zur Bekämpfung des Machtwillens, ma il progetto non andò a buon fine. Nel febbraio del 1920 Otto Gross venne trovato affamato e quasi congelato in un vicolo di Berlino; ricoverato in ospedale, morì qualche giorno più tardi, il 23 febbraio. Su Gross cfr. Hurwitz 1979; Zanasi 1993; Lo Russo 2011.

13   «La psicoanalisi è un filo prezioso, fragile ma prezioso; solo la ricerca esatta, che ancora manca, gli potrà dare resistenza. Per ora è superfluo tanto aggredire che difendere. L’esigenza a cui deve rispondere chi si sente attratto verso queste ricerche è unicamente quella di dare alla psicoanalisi una base sperimentale, che ancora le manca, di toglierle quanto più è possibile il carattere di arte fondata su intuizioni (che è il suo carattere presente), trasformandola in un metodo scientifico basato su leggi assicurate dall’esperimento. Anche se la psicoanalisi non dovesse avere nessun effetto terapeutico diretto ne avrebbe uno indiretto in quanto, chiarendo il meccanismo di sviluppo di dati fatti psicopatici, arricchisce le nozioni teoretiche della psicologia, approfondisce la genesi di dati sintomi e quindi rende più facile la terapia. La psicoanalisi, come terapia, è fondamentalmente un capitolo della psicologia applicata. […] La psicoanalisi è anzitutto un metodo di ricerca psicologica» (Benussi [1926] 2006: 429).

14   Tornato a Trieste dopo la Prima guerra mondiale, Weiss ne fece la testa di ponte per la penetrazione della psicoanalisi nella cultura italiana, provocando un autentico ciclone culturale. Nel 1931 si trasferì a Roma, dove l’anno dopo fondò la Rivista di Psicoanalisi. Il periodo romano consentì a Weiss di riunire attorno a sé un gruppo di giovani psicoanalisti (Nicola Perrotti, Emilio Servadio, oltre a Cesare Musatti), i quali dopo la guerra divennero i fondatori della psicoanalisi italiana. Weiss, invece, in seguito alla promulgazione delle leggi razziali (1938), nel 1939 emigrò negli Stati Uniti, dove si stabilì definitivamente. Sui rapporti tra Benussi e Weiss si veda Accerboni 1998; – 1999. Su Weiss cfr. Corso 2013.

I contatti di Benussi con il movimento psicoanalitico risultano tra l’altro confermati dall’invito all’VIII Congresso dell’Associazione Psicoanalitica Internazionale (cfr. la lettera di Karl Abraham a Sigmund Freud del 26/12/1923, in Falzeder 2002: 477), tenutosi a Salisburgo nel 1924, nel cui programma è annunciato un intervento di Benussi dal titolo «Zur experimentellen Erforschung der normalerweise unbewußten Vorgänge» (Lück-Mühlleitner 1993: 12-15), che in realtà non ebbe mai luogo.

15   Allievo del filosofo Antonio Aliotta, completa nel 1919 gli studi sotto la guida di Vittorio Benussi, appena trasferitosi da Graz a Padova. In qualità di assistente di Benussi collabora alle attività del Laboratorio di psicologia, da questi fondato. Alla morte prematura del maestro (1927) ne raccoglie l’eredità, succedendogli, come incaricato, sulla cattedra di Psicologia sperimentale e nella direzione dell’Istituto. Su Musatti cfr. Reichmann 1996-1999.

16   Ricorda Cesare Musatti: «[...] la De Marchi, che fu donna di grande ingegno, esercitò su di me un’influenza decisiva. Mi disse precisamente: “Musatti, noi abbiamo l’impegno di proseguire il lavoro del nostro Professore. Ma occorre, e questo vale sopra tutto per lei che ha la responsabilità maggiore, non fare gli imitatori del nostro Maestro nel campo minato dei fenomeni della ipnosi. Ognuno deve seguire la propria via personale. Scimmiottare Benussi non serve. Le sue ricerche sull’ipnosi sono fondamentali, e verrà il tempo in cui saranno riprese. Ma se ora noi, con la debolezza della nostra posizione, ci mettessimo a continuare quelle cose che sono difficili e pericolose, falsificheremmo la nostra personalità”. Benussi mi aveva introdotto nello studio dei processi percettivi; mi buttai su quel campo, senza la preoccupazione di seguire i principii della scuola di Graz da cui Benussi proveniva. Anzi andai avvicinandomi progressivamente alla dottrina della Gestalt di Wertheimer, Köhler e Koffka, che con la scuola di Graz era in polemica» (Musatti 1986: 86).

17   Il libro era la rielaborazione di un corso tenuto su invito dell’eminente giurista e avvocato Francesco Carnelutti (1879-1965), professore all’Università di Padova. Musatti vi illustrò tutti i tipi di variabili che possono invalidare la testimonianza, dalle distorsioni della percezione alle deformazioni della memoria e alle influenze emotive. Si trattava di un argomento che era già stato trattato da vari psicologi, tra cui Benussi e Wertheimer, perché oltre alle implicazioni giudiziarie metteva in evidenza i problemi metodologici della stessa ricerca sperimentale in psicologia. Tra gli altri lavori di Musatti in questo campo cfr. Musatti 1930b; 1931c; 1932.

18   «[…] le varie leggi della forma si riassumono in un unico principio, il principio della omogeneità: i raggruppamenti formali che si costituiscono nel complessivo campo percettivo si realizzano in modo che gli elementi parziali, i quali vengono a costituire una forma determinata, presentano fra loro una determinata specie di omogeneità e risultano eterogenei con elementi che rimangono esclusi o distinti da quella determinata forma» (Musatti 1931a: 78).

19   «Noi ci dobbiamo […] chiedere se è possibile, senza uscire dal campo della pura fenomenologia della percezione, trovare una unità a quelle molteplici singole leggi [della forma]» (Musatti 1931a: 76; mio corsivo).

20   Sulla primissima ricezione della Gestalt in Italia cfr. Luccio 1985.

21   Musatti 1936; – 1953a; – 1953b; – 1954; – 1957.

22   Metelli inizia a collaborare con Musatti subito dopo la laurea in lettere e filosofia, conseguita nel 1929 con una tesi sull’estetica di Platone. Assume quindi il ruolo di assistente volontario e per mantenersi insegna nelle scuole medie di Parenzo (Istria). Viene chiamato per due anni, dal 1940 al 1942, all’Istituto di psicologia del CNR e nel 1942 consegue la libera docenza in Psicologia. Nel 1943, dopo l’allontanamento di Musatti dall’Università di Padova a seguito delle leggi razziali, gli subentra nell’insegnamento e nella direzione dell’Istituto di psicologia. Vinto il concorso come professore ordinario, nel 1951 è chiamato prima all’Università di Catania, poi a Trieste, quindi a Padova, dove aveva mantenuto la direzione dell’Istituto di psicologia. Su Metelli cfr. Flores D’Arcais 1975; Cattonaro-Passi Tognazzo 1987; Stagner 1987; Vicario 1990; Marhaba 1999; Zanforlin 1989.

23   Kanizsa si laurea nel 1938 a Padova con Musatti discutendo una tesi sulle immagini eidetiche. Nel 1943, grazie a Luigi Meschieri, lavora come ricercatore presso l’Istituto di psicologia del CNR di Roma. Collabora con Musatti presso il Centro di psicologia del lavoro della Olivetti di Ivrea fino al 1947. Nel 1947 diviene assistente di Metelli a Firenze e successivamente di Musatti a Milano. Nel 1953 ottiene la cattedra di Psicologia all’Università di Trieste, mantenendola fino al 1988, anno del suo pensionamento. Su Kanizsa cfr. Bozzi 1980; Gerbino 1985; – 1993; Vicario 1994; Albertazzi 2003.

24   Meritano di essere citati anche Mario Farnè, Giuseppe Galli, Paolo Bonaiuto, Pietro Tampieri e Giuliana Giovanelli.

25   Metzger 21954: 81; trad. it. 103-104: «Malgrado tutto ciò le scoperte nel campo della fisica […] e le ipotesi psicofisiche che esse hanno reso possibili non costituiscono affatto i fondamenti principali della teoria della Gestalt, i principi insieme ai quali essa si regge o crolla. Dovrebbe essere risultato abbastanza chiaramente dai ragionamenti fatti fin qui che questa teoria si basa sullo studio delle esperienze fenomeniche; a nessuno verrebbe in mente di rinunciare a tale teoria in psicologia qualora essa non si dimostrasse giusta nella fisica o di cambiare anche soltanto un minimo particolare solo per meglio adattarla alle ipotesi della fisica».

26   «Nell’Istituto di Kanizsa non c’era troppo spazio per le discussioni teoretiche, considerate troppo astrattamente filosofeggianti. […] La teoria ufficialmente adottata era quella della Gestalt, in forma ortodossa. Gli esperimenti riferiti nelle annate della Psychologische Forschung e quelli commentati nel trattato di Koffka dovevano esserci perfettamente noti, e Kanizsa era garante dell’ortodossia gestaltistica» (Bozzi 2003).

27   «Certo, quantificare ad ogni costo, quantificare l’irrilevante perdendo di vista ciò che è sostanziale, è assurdo; ma rinunciare alla metodologia quantitativa quando può essere applicata adeguatamente è come per un naturalista rifiutarsi di guardare al microscopio. Ma in questo credo di non essere solo. La mentalità strettamente qualitativa è propria di Wertheimer, Metzger e Arnheim; ma Köhler, Koffka e Rausch non hanno mai rinunciato alla quantificazione e allo strumento matematico, quando conveniva» (Metelli, Autobiografia scientifica, in Kanizsa, 1987: 34).

28   «C’è poi l’aspetto negativo del gestaltismo, il negare valore, importanza e significato ad ogni ricerca ispirata da punti di vista che non sono quelli della Gestalt o fatta con metodi diversi da quelli della Gestalt, e questo per me è inaccettabile. Per me è semplicemente più soddisfacente, più interessante, più fruttuoso lavorare, quando è possibile, con i metodi della Gestalt. Ma non ho mai pensato che sia la detentrice della verità e che gli altri facciano soltanto delle sciocchezze» (Metelli, Autobiografia scientifica, in Kanizsa 1987: 34).

29   «Negli ultimi anni sessanta il Prof. Kanizsa dedicò molto del suo tempo alla traduzione della Psychologie di Metzger. Questa fatica lo indusse a guardare con minor sospetto alle questioni di teoria e perfino a certi problemi filosofici. Non ci fu più una ortodossia gestaltistica della scuola di Trieste, ma molte discussioni. Ognuno di noi era libero di ripensare i testi della Gestaltpsychologie a proprio modo» (Bozzi 2003).

30   Nato a Gorizia nel 1930, dopo la laurea in Filosofia a Trieste, su suggerimento di Kanizsa, fece lo psicologo pubblicitario a Milano, e proprio qui cominciò ad analizzare percettivamente il fenomeno delle oscillazioni del pendolo. Kanizsa lo chiamò allora come assistente nel suo Istituto di Trieste, dove, tra il 1958 e 1959, scrisse i suoi primi lavori di fisica ingenua. Dal 1961 al 1969 fu professore di Psicologia a Padova, e negli anni 1969-1971 a Trento, svolgendo poi la propria attività a Trieste fino al pensionamento, avvenuto nel 1999.

31   Nato a Udine nel 1932, dopo la laurea fu assistente di Kanizsa a Trieste dal 1960 al 1975. Dal 1975 al 1999 fu titolare della cattedra di Psicologia generale a Padova, dove fu a lungo direttore dell’Istituto di Psicologia. Dal 1999 ha svolto la sua attività presso l’Università di Udine, dove è attualmente professore emerito.

32   Su Michotte cfr. Thinès-Costall-Butterworth 1991.

33   Tra i molti lavori padovani e triestini ispirati alla fenomenologia sperimentale di Michotte e della scuola di Lovanio mi limito qui a ricordare Kanizsa-Metelli 1956; – 1959; – 1961; Bozzi 1969.

Table des illustrations

Titre Fig. 1. La fenomenologia nella cultura filosofica e psicologica europea tra Ottocento e Novecento (schema ripreso, adattato e sviluppato a partire da Smith 1988: 229)
URL http://books.openedition.org/ledizioni/docannexe/image/7429/img-1.jpg
Fichier image/jpeg, 465k
Titre Fig. 2. «Una figura bianca che si sviluppa all’infinito su sfondo nero» o «una figura costituita da due serie di ganci contrapposti gli uni agli altri su sfondo bianco»? (Benussi 1914a)
URL http://books.openedition.org/ledizioni/docannexe/image/7429/img-2.jpg
Fichier image/jpeg, 55k

Auteur

Professore ordinario di Storia della scienza e delle tecniche all’Università degli studi di Milano-Bicocca (dove dirige il Centro Aspi – Archivio storico della psicologia italiana) e all’Università degli studi di Trento, nonché libero docente in Filosofia all’Università di Graz. Si occupa di storia ed epistemologia della psicologia, fenomenologia, filosofia della mente, psicologia del tempo e storia della tradizione fenomenologica nell’800 e nel ’900 in Austria e in Germania. Autore di volumi, articoli e saggi nazionali e internazionali, è Editor-in-chief della collana Studien zur österreichischen Philosophie / Studies on Austrian Philosophy (Brill) e dell’«European Yearbook of the History of Psychology» (Brepols). Tra le sue monografie Die experimentelle Analyse des Bewußtseins bei Vittorio Benussi (Amsterdam/Atlanta, Rodopi 1994), Seiendes, Bewußtsein, Intentionalität im Frühwerk von Franz Brentano (Freiburg/München, Alber 2002), Il tempo come soggetto – il soggetto come tempo. La temporalità nell’orizzonte fenomenologico (Bologna, Clueb 2003). In corso di stampa lo studio Vittorio Benussi in the History of Psychology (Dordrecht, Springer)

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search