Version classiqueVersion mobile

La densità meravigliosa del sapere

 | 
Maurizio Pirro

La cultura tedesca nelle riviste dell’avanguardia fiorentina (1903-15)1

Anna Baldini

Texte intégral

  • 1  Questo saggio presenta alcuni risultati del progetto di ricerca Firb 2012 Storia e mappe digitali (...)
  • 2   «Lacerba» non ha direttore fino al gennaio 1915, quando viene indicato Papini.

1Tre riviste fiorentine di inizio Novecento – «Leonardo» (1903-7) diretta da Giovanni Papini, «La Voce» (1908-14) diretta da Giuseppe Prezzolini e «Lacerba» (1913-15) fondata da Papini, Aldo Palazzeschi, Ardengo Soffici e Italo Tavolato2 – hanno svolto un ruolo importante nel transfer letterario italo-tedesco. Gli intellettuali che vi hanno collaborato, reagendo alla rappresentazione della cultura tedesca dominante in Italia a inizio secolo, hanno costruito un’immagine alternativa della Germania filosofica e letteraria importando autori tedeschi inediti e risignificando opere già note e tradotte.

2Gli studi di storia letteraria, artistica e degli intellettuali hanno da tempo individuato in queste riviste il luogo di condensazione delle maggiori innovazioni culturali del primo quindicennio del ’900. «Leonardo», «La Voce» e «Lacerba» sono state i principali strumenti di affermazione dell’«avanguardia fiorentina», una definizione che riprendo da Adamson (1993) avendo presente la risemantizzazione del concetto di avanguardia, in senso funzionale e non storico, operata dal sociologo francese Pierre Bourdieu. Bourdieu (1992) usa questo termine per indicare ogni alleanza di artisti o intellettuali non ancora affermati (i ‘nuovi entranti’ in un campo letterario, artistico o intellettuale) che viene cementata dall’esigenza di sovvertire i valori culturali dominanti; secondo il sociologo queste alleanze costituiscono il principale motore di innovazione nei diversi campi.

3Cominciamo da tre citazioni, particolarmente significative di cosa i principali animatori delle tre riviste – Papini (1881-1956), Prezzolini (1882-1982) e Soffici (1879-1964) – avevano in mente quando parlavano di cultura tedesca:

Concediamo pure che la Germania abbia avuto grandi scrittori ma concedete che da qualche tempo non ne produce più. (Papini 1906: 151)

I tedeschi sono famosi per pubblicar molti libri e grossi libri: ma questo non conta. In fatto di idee e di genio, di cultura e di arte, di letteratura e di pittura, sono muti da molto tempo. (Prezzolini 1912a: 870)

Se mai è stata al mondo una barbarie perfetta, questa è la barbarie tedesca. La mancanza di spirito, di generosità, d’apertura mentale, di leggerezza, d’intelligenza, d’eleganza intellettuale e spirituale; l’ottusità cieca, la brutalità, la violenza, la grossierité [sic], l’angolosità primordiale non si sono mai manifestate come caratteristiche di un popolo più esasperatamente di quel che abbiano fatto fra il Reno e il Baltico. […] Tutto ciò mascherato da una forma di cultura che non è cultura ma un’istruzione. Giacché la barbarie tedesca è una barbarie istruita e per questo tanto più pericolosa. (Soffici 1914: 245-246)

  • 3   La rivista chiude il 22 maggio 1915, alla vigilia dell’ingresso dell’Italia in guerra. Sul versan (...)

4Queste tre citazioni danno continuità e prospettiva al noto antigermanesimo dell’ultima nata delle tre riviste: a partire dal 1 agosto 1914, infatti, «Lacerba» si trasforma da rivista di sperimentazione letteraria, dove si stringe un’effimera alleanza tra Futurismo milanese e avanguardia fiorentina, nel principale organo culturale della campagna per l’intervento dell’Italia nella Prima guerra mondiale a fianco di Francia e Gran Bretagna3. La campagna antitedesca di «Lacerba», che potrebbe apparire di natura contingente, si pone invece in continuità con un antigermanesimo culturale che caratterizza fin dagli esordi l’attività di questi intellettuali.

5Già il «Leonardo» e poi «La Voce» e «Lacerba» contrappongono però alla Germania coeva, dalla cultura sterile e astratta, un’altra Germania:

Noi siamo infatti piuttosto nordici, tedeschi, inglesi, romantici. Ricordiamo piuttosto lo Sturm und Drang che il Rinascimento. Amiamo molto più Shakespeare che Omero e preferiamo straordinariamente il Faust al Petrarca. (Papini-Prezzolini 1904: 32)

Il periodo del romanticismo tedesco è la nostra epoca classica: quell’epoca cioè che ci ha dato tutte le idee sulle quali viviamo. (Prezzolini 1911: 496)

Come questo Nietzsche è nostro! Come il suo pensiero si concreta in noi! Quando, finalmente, si riconoscerà in lui il vero plasmatore dell’anima del nostro secolo, il profeta della grande salute spirituale? (Soffici 1913b: 94)

  • 4   E viceversa, secondo il manifesto anti-tedesco di Papini uscito come editoriale nel primo numero (...)
  • 5   De Lucia 2018.

6La Germania contemporanea viene tanto aspramente sminuita e rifiutata perché ha essa stessa rinnegato il suo periodo culturale aureo, la culla della modernità, il Romanticismo, e continua a marginalizzare i suoi intellettuali più significativi, come Nietzsche4. Il Romanticismo nordico esaltato dal «Leonardo» «rappresenta» – scrive Papini (1905: 13) – «la liberazione dell’uomo, dell’individuo particolare e passionale, fantastico e mobile, contro l’armatura di tradizioni, di regole, di norme, di leggi, di uniformità che fasciavano e asfissiavano la libera vita», mentre il Romanticismo italiano non è un vero Romanticismo ma piuttosto un «ammortizzatore di quel poco di moto rivoluzionario che si era introdotto con il romanticismo in Italia» (Papini-Prezzolini 1906: 72). Il romanzo storico di Manzoni e dei suoi imitatori «ha servito a popolarizzare l’idea che il dominio dell’artefice non sia quello della sua fantasia creatrice superbamente soverchiante la realtà (come nei primi romantici, in Novalis o in Schlegel), ma quello della precisione dell’osservazione» (77). I primi esperimenti letterari di Papini – i racconti raccolti nel Tragico quotidiano (1906) e nel Pilota cieco (1907) – si ispirano così al fantastico romantico, mentre Prezzolini, nei suoi unici due libri con ambizioni letterarie (Vita intima del 1903 e Il Centivio del 1906) adotta la struttura aforistica e frammentaria dei primi romantici tedeschi, come Novalis, da lui tradotto nel 1905 (Novalis 1905)5.

7Con questa traduzione Prezzolini intende importare in Italia la figura del «filosofo che insieme è un classico della letteratura», poiché «filosofia e arte di scrivere, idee e chiarezza, pensiero e bellezza hanno fatto fra noi divorzio» (Papini-Prezzolini 1906: 133). È innanzitutto il campo filosofico, infatti, quello che Prezzolini e Papini intendono rivoluzionare con la loro «rivista di idee» (come recita, dal numero del 10 novembre 1903, il sottotitolo del «Leonardo»): proclamandosi idealisti e romantici, promuovendo in Italia un pragmatismo «mistico» e «magico», inteso cioè come una forma estrema ed esasperata del soggettivismo delle filosofie idealistiche romantiche, i due giovani intellettuali (nel 1903 Papini ha 22 anni, Prezzolini 21) intendono contrapporsi al panorama filosofico italiano, dominato dal Positivismo oggettivista che costituisce l’orientamento principale dell’accademia italiana non solo nelle scienze naturali ma anche in quelle umane.

  • 6   Fino al 1920 l’unica sezione della «Critica» aperta ad altri collaboratori è quella delle recensi (...)
  • 7   Dopo una prima attività intellettuale di stampo erudito, nel 1893 Croce entra nel campo filosofic (...)
  • 8   Oltre ai saggi pubblicati sul «Leonardo», a questa sfera di interesse risalgono le uniche traduzi (...)
  • 9   Uno dei punti di massima aggressività di Papini contro Croce è il Discorso contro Roma e contro C (...)

8Questa battaglia è la stessa di Benedetto Croce che, nell’anno in cui nasce il «Leonardo», e un anno dopo aver pubblicato l’Estetica, fonda «La Critica», rivista da lui interamente redatta insieme a Giovanni Gentile6. Il Croce trentasettenne del 1903 non è ancora – come lo sarà dagli anni Dieci del Novecento alla morte – un punto di riferimento e poi un’istituzione della cultura italiana; si è però da almeno un decennio avviato verso il riconoscimento e la consacrazione intellettuali7. Croce individua nella rivista di Papini un potenziale alleato nella sua battaglia per l’Idealismo e contro il Positivismo: già nel 1903 recensisce favorevolmente sulla «Critica» il «Leonardo», e nello stesso anno ne conosce personalmente sia il direttore sia il più importante collaboratore, Prezzolini. Negli anni del «Leonardo» quest’ultimo è impegnato in un’esplorazione filosofica ed esistenziale incentrata su autori mistici romantici e medievali8; alla vigilia della fondazione della «Voce», di cui Croce diventerà uno dei principali autori oltre che sponsor intellettuale e finanziario, Prezzolini si ‘converte’ al crocianesimo. In quello stesso 1908 la relazione di Papini con Croce si è già guastata, e la vicenda intellettuale successiva del fiorentino si caratterizzerà per un antagonismo, più o meno esplicito e aggressivo a seconda dei momenti, nei confronti del filosofo9.

9Le vicissitudini di questi rapporti sono legate alla disparità di posizione sociale dei tre intellettuali. Nel 1903 Papini guardava a Croce come a un modello: la posizione di quest’ultimo nel campo culturale – quella di un filosofo già piuttosto affermato benché privo di laurea e di cattedra, libero di prendere nette posizioni contro gli indirizzi dominanti nell’università – è ciò cui aspira l’intellettuale più giovane. Quella particolare posizione è però resa possibile da un accumulo straordinario di capitali sociali: non solo Croce è uno degli uomini più ricchi del Regno, ma gode di un cospicuo patrimonio di relazioni sociali tra le élites politiche e intellettuali. Educato a Roma a casa dello zio Silvio Spaventa, senatore del Regno e fratello del filosofo Bertrando, Croce lascia l’università prima di laurearsi ma ciò non gli impedisce, una volta rientrato a Napoli, di trovarsi al centro di un’importante rete intellettuale e mondana. Come scrive Prezzolini alla fidanzata raccontandole il suo primo incontro con il filosofo, Croce

  • 10   Lettera del 15 ottobre 1903 in Prezzolini 1993: 89.

è un uomo di gradevolissima conversazione, pieno di aneddoti e di idee. È un uomo felice che ha molti denari, molto ingegno, molta memoria, molti amici e molti nemici, molti libri e ben scelti. Un uomo che può dir male di chi vuole, che è temuto per le polemiche, in dispetto ai professori ufficiali. Viaggia, stampa come e quanto vuole, ha una bella donna… Cosa vorresti di più?10

  • 11   Cfr. la pagina di diario del 27 luglio 1900: «Io non farò né il maestro né l’insegnante di france (...)
  • 12   L’abbandono della filosofia è sancito anche dalla pubblicazione del Crepuscolo dei filosofi (1906 (...)

10Papini è invece figlio di un artigiano, e se non prosegue gli studi fino alla laurea non è per scelta: a differenza di Croce (e anche di Prezzolini, che fino alla Prima guerra mondiale gode di una modesta rendita lasciatagli in eredità dal padre) è pressato dalla necessità di guadagnarsi da vivere, anche se rifiuta con orgoglio le soluzioni alla sua portata, come quella di mettere a frutto il suo diploma di maestro11. «La questione Croce-Papini si può tacere in una biografia di Croce, non in una di Papini», scrive Prezzolini (1915: 52) nel libro dedicato all’amico: Papini vorrebbe essere Croce, ma non può. La rottura tra i due intellettuali matura contemporaneamente alla chiusura del «Leonardo» e all’abbandono da parte di Papini dell’ambizione filosofica12, che converte in letteraria (i suoi primi libri di racconti, Il tragico quotidiano e Il pilota cieco, escono nel 1906 e nel 1907).

11Nel 1903, però, questo divario nelle posizioni sociali e negli habitus che ne derivano non ha ancora prodotto rotture. Ciò che a questa altezza accomuna la traiettoria del gran rentier Croce a quella del figlio d’artigiani e maestro elementare Papini, e a quella del figlio di prefetto che non termina il liceo Prezzolini, è l’assenza del titolo di studio – la laurea – che consente l’ingresso nel mondo accademico. Nella prefazione a La coltura italiana, il libro scritto a quattro mani da Papini e Prezzolini per denunciare ciò che ai loro occhi non funziona nelle istituzioni culturali italiane, i due autori descrivono il meccanismo con cui lo Stato controlla l’ingresso nei campi intellettuali:

Lo Stato fa distribuire malamente nelle sue scuole certe dosi di lingue o di scienze; concede largamente certificati, titoli e diplomi a chi le frequenta e non riconosce, nei concorsi di ogni genere, se non quella coltura ch’egli stesso ha fatto dare. Vale a dire che tutti coloro che vogliono vivere con quello che sanno sono obbligati a recarsi negli stabilimenti pubblici dove si confezionano, sotto la garanzia governativa, i colti, i dotti e i semidotti. Quanto a tutta la coltura che sta al di fuori di codeste scuole il Governo non se n’occupa. Per lui essa non esiste o non ha nessun valore legale. Questo terribile monopolio della coltura fa sì che manca presso di noi quella classe colta intermedia la quale fa la fortuna delle nazioni più fortunate della nostra; cioè quella classe di persone che si occupano di studi al di fuori delle scuole pubbliche e non se n’occupano né per insegnare in codeste scuole pubbliche e neppure per servire in qualsiasi modo lo Stato. Questa classe di cercatori e di lettori disinteressati e indipendenti è molto scarsa fra noi e per certe scienze manca affatto. Dall’ignoranza del popolo e dalla superficiale istruzione dei licenziati delle scuole medie si passa allo specialismo assurdo dei professori d’Università, i quali sono asini come gli altri in moltissime cose e sanno inutilmente troppo di certe altre. I pochi autodidatti che si formano qua e là, malgrado tutte le condizioni avverse, sono guardati con pietà dagli ignoranti perché non hanno una posizione ufficiale e un salario fisso e sono spregiati dai dotti regolarizzati e bollati perché non hanno né titoli né una specialità, e anche perché possono permettersi una libertà di linguaggio che a loro, stretti fra le mafie e le bizze del mondo ufficiale, non è concessa. (Papini-Prezzolini 1906: 6-7)

12Questo brano è esemplare della visione dell’escluso – e della lucidità dell’escluso, che vede chiaramente come i titoli di studio, prima che un attestato di merito, siano il biglietto di ingresso istituzionale con cui lo Stato controlla l’accesso ai campi intellettuali. Ovviamente i non laureati e sostanzialmente autodidatti Papini e Prezzolini esaltano la posizione opposta, la loro: quella di chi vuole guadagnarsi da vivere con ciò che sa, ma non possiede un titolo validato dallo Stato; la posizione di «lettori e cercatori disinteressati e indipendenti» che proprio in quanto tali «possono permettersi la libertà» (ibidem). Con questa rivendicazione orgogliosa, Papini e Prezzolini rovesciano il loro handicap (la mancanza di titoli per un inserimento canonico nel mondo intellettuale) in una ricchezza e in un punto di forza: una rivendicazione di autonomia da ogni istituzione.

  • 13   I primi scambi epistolari tra Papini e Soffici risalgono al 1903, il primo incontro al 1904.

13Anche Ardengo Soffici, che entra nell’orbita del «Leonardo» e nella vita di Papini nei primi anni del secolo13, non ha terminato regolarmente gli studi. Figlio di un ex fattore divenuto vinaio, ma con la madre di famiglia ricca, Soffici è attirato dalla pittura e frequenta l’Accademia di Belle Arti di Firenze. Il panorama artistico di Firenze però non lo soddisfa, e nel 1900 si trasferisce nella capitale internazionale dell’arte, Parigi, dove entra in contatto con i principali esponenti dell’avanguardia (da Guillaume Apollinaire a Pablo Picasso, da Alfred Jarry a Max Jacob). Le sue amicizie e relazioni francesi risulteranno fondamentali per «La Voce» e «Lacerba», in quanto mettono le due riviste a contatto diretto con il centro dell’avanguardia mondiale. L’esperienza parigina di Soffici si chiude però con una grave crisi personale e artistica che si risolve, al suo rientro in Italia nel 1907, con una riscoperta della toscanità.

Io riconosco […] di aver subito la tua influenza ma una buona influenza – scrive Papini a Soffici il 23 maggio 1908. – Tu mi hai richiamato, nientemeno, alla terra, alla nostra terra. Io ero tutto ricoperto di croste e di scaglie forestiere e tu mi hai fatto tornar toscano… (Papini-Soffici 1991: 225)

14Anche Papini, come Soffici, aveva vissuto mesi di difficoltà e di trapasso: dopo la chiusura del «Leonardo» aveva inutilmente tentato di inserirsi nel cuore del mondo giornalistico ed editoriale italiano, la Milano del «Corriere della Sera» e di Treves, fallendo. Mentre Prezzolini si ‘converte’ al crocianesimo e comincia a organizzare la «Voce», Papini trova un sostegno in Soffici e nella comune vocazione creativa (sono gli anni, per Papini, della lunga incubazione di Un uomo finito, che uscirà nel 1913).

  • 14Novalis è però l’unico volume della collana edito con la collaborazione dei modernisti (accanto a (...)

15Il consolidamento dell’amicizia tra Papini e Soffici mette in crisi la relazione fino ad allora esclusiva tra Papini e Prezzolini: lo scrittore e l’artista collaboreranno assiduamente alla «Voce», ma sempre con un certo grado di insoddisfazione per lo scarso spazio concesso dalla rivista alle sperimentazioni creative dei collaboratori. A dispetto di queste riserve, Prezzolini riesce a fare della «Voce» un organo di discussione e dibattito di portata nazionale: la nuova rivista recluta collaboratori da tutta Italia e da ogni campo intellettuale, a partire dalla cerchia di Croce e Gentile e da quella dei cattolici modernisti guidati da Alessandro Casati (che sarà anche, fino al 1911, il principale finanziatore della rivista), con cui Prezzolini aveva intrecciato i primi rapporti nel 1905, anno del varo della collana «Poetae philosophi et philosophi minores» in cui aveva pubblicato la sua traduzione dei frammenti di Novalis14. In uno studio del 2013 lo storico francese Frédéric Attal ha analizzato le traiettorie biografiche degli autori della «Voce», concludendo che

La Voce reçoit tous ceux qui se trouvent alors à la lisière du pouvoir (académique ou politique), ou en marge de leur famille politique. En bref, tous se sentent en grande partie exclus du champ qu’ils ont choisi, l’art, la politique ou encore la carrière universitaire. (Attal 2013: 45)

  • 15   Cfr. Barbagli 1974, Charle 2002.
  • 16   La «Voce» dedica ampio spazio alla questione fin dai suoi primi numeri: il 28 gennaio 1909 Prezzo (...)

16Dietro le traiettorie sociali eccentriche o irte di ostacoli degli autori della «Voce» sta un fenomeno strutturale che si manifesta in Italia a cavallo del Novecento, un paio di decenni dopo altri Paesi europei15: l’investimento dello Stato unitario nel sistema educativo come strumento di nazionalizzazione porta a una sovrapproduzione di laureati (in particolare in Lettere e Filosofia)16. Un mercato del lavoro incapace di assorbire i laureati produce disoccupazione e precariato, che a loro volta generano una frattura tra l’alto senso di sé e il riconoscimento socio-economico effettivo: di qui l’esigenza di rivoluzionare i campi in cui i singoli intellettuali desiderano inserirsi, di abbatterne i valori, i principi, le formae mentis cristallizzate nelle istituzioni. È questo comune bisogno di cambiamento a rendere possibili le alleanze che vediamo stringersi sulla «Voce» tra scrittori e artisti, filosofi e critici letterari, teologi e musicisti. Il gruppo di intellettuali che leggono, scrivono e si raccolgono intorno alla «Voce» ha tutte le caratteristiche di un’avanguardia in senso funzionale: un’alleanza di nuovi entranti che non riescono a entrare in diversi campi artistici o intellettuali, e che si ritrovano uniti più dalle insofferenze che dagli scopi comuni. La disparità dei fini e degli interessi – radicata in traiettorie biografiche e sociali differenti – ha come esito le separazioni che segnano la vita della «Voce» portando alla nascita di nuove riviste: «L’Anima» di Papini e Amendola (1909), «L’Unità» di Salvemini (1911-20), «Lacerba» (1913-15). Nelle sue memorie Prezzolini commenta ironicamente questa continua gemmazione dalla sua rivista: «Io stesso mi sentivo sacrificato e avrei voluto un periodico dove parlare a modo mio» (Prezzolini 1953: 97-98).

  • 17   Croce (1909) prende spunto dalle difficoltà incontrate da Gentile all’inizio della sua carriera a (...)
  • 18   Il modello universitario tedesco si diffonde in tutta Europa nella seconda metà dell’Ottocento in (...)

17Proprio Prezzolini (1903: 4) aveva d’altra parte scritto fin dal 1903: «Siamo accomunati qui nel “Leonardo” più dagli odi che dai fini comuni». L’articolo proseguiva elencando quali fossero gli oggetti di disprezzo e ostilità: «positivismo, erudizione, arte verista, metodo storico, materialismo, varietà borghese e collettivista della democrazia». Dietro questo elenco di sostantivi possiamo individuare il cemento che tiene insieme aristocratici milanesi e intellettuali meridionalisti, socialisti insofferenti e cattolici modernisti, estimatori del Cubismo e detrattori di Richard Strauss, psichiatri attirati da Freud e poeti sedotti da Weininger. L’oggetto principale dell’attacco condotto dal fronte comune della «Voce» è il mondo universitario che li esclude: o per mancanza di titoli di accesso (è il caso di Papini e Prezzolini, ma anche di Emilio Cecchi e Giovanni Amendola), o perché li mantiene in una condizione di precariato professionale ed esistenziale a dispetto di uno specchiato cursus honorum (il caso più clamoroso è quello di Gentile)17. L’università viene ripetutamente attaccata sulla «Voce»: la rivista è sempre pronta a discutere l’ultimo scandalo accademico, a ridicolizzare i più celebri esponenti del mondo universitario locale (come lo storico e critico letterario dell’Istituto di Studi Superiori di Firenze Guido Mazzoni) o nazionale (Roberto Ardigò, Cesare Lombroso). L’università denigrata sulla «Voce» è quella ‘germanizzata’, cioè caratterizzata dal prestigio crescente delle discipline scientifiche («positivismo», «materialismo»), dalla specializzazione all’interno delle discipline umanistiche («erudizione», «metodo storico»), dall’avvento di nuove discipline come la sociologia o la psicologia, che sottraggono a letterati e filosofi i loro tradizionali terreni di azione18.

Dopo il 1866 si dovette creare il mondo scientifico del Regno d’Italia; e per l’intedescamento di tutta Europa d’allora, specie dopo le vittorie del ’70, anche noi cademmo in ginocchio davanti alla Germania e le chiedemmo insegnanti per le nostre università e metodi per i nostri studii. La Germania che prendemmo a imitare era la Germania rinnegatrice del romanticismo e della filosofia idealistica, dove il più piatto positivismo aveva portato la calvizie. Allora, anche per reazione a certa retorica nostrana, il metodo storico divenne dominatore. (Prezzolini 1914: 5)

  • 19   In questi anni l’avversario prediletto di Croce è il matematico Federico Enriques, organizzatore (...)
  • 20   Oltre al capitolo dedicato al metodo storico nella Coltura italiana, l’obiettivo polemico preferi (...)

18Se Croce attacca direttamente le scienze dure, i cui fondamenti riduce a pseudo-concetti19, Papini e Prezzolini attaccano non solo i letterati della scuola storica20, di cui proprio l’università di Firenze, insieme a quelle di Torino e Bologna, è la roccaforte italiana, ma anche esponenti delle scienze umane nascenti, come gli antropologi Cesare Lombroso e Paolo Mantegazza. Come si evince dal capitolo della Coltura italiana dedicato agli «scienziati celebri», l’origine del conflitto è il prestigio acquisito da questi nuovi intellettuali presso la pubblica opinione, a discapito della tradizionale egemonia dei letterati:

I loro oracoli e i loro discorsi non vengono letti e ascoltati soltanto da quel pubblico molto ristretto, per quanto poco scelto, composto di scienziati amici, di assistenti ambiziosi e di relatori di accademie ma son letti e ascoltati da un pubblico molto più largo, dove entrano le signore, i dilettanti, i maestri elementari, i così detti “uomini colti” e perfino giornalisti, e non solo son letti e ascoltati ma anche discussi, criticati, lodati, citati, copiati e malintesi. (Papini-Prezzolini 1906: 153)

  • 21   Assagioli 1910. Nella Nota bibliografica dell’articolo sono citate anche opere di Abraham, Jung e (...)
  • 22   Levi 1910. Sulla ricezione di Weininger in Italia cfr. Cavaglion 2001.

19Anche promuovendo il dibattito sulla questione sessuale, prima con un numero speciale (10 febbraio 1910), poi con un convegno (Firenze, 12-13 novembre 1910), la «Voce» cerca di minare il predominio degli scienziati positivisti nel dibattito pubblico sottraendo loro argomenti di grande rilievo per la modernizzazione della società italiana: il controllo delle nascite, l’educazione sessuale, il sesso extra-matrimoniale, il ruolo sociale delle donne, il celibato dei preti. Paolo Mantegazza, infatti, aveva acquisito notorietà proprio con dei libri a cavallo tra saggistica e narrativa sulla fisiologia e l’igiene sessuale: Papini (1910b) lo sbeffeggia ferocemente sulla «Voce» del 10 febbraio 1910 che presenta, accanto a scritti di George Sorel e Auguste Forel, la prima esposizione italiana al di fuori della letteratura specialistica delle teorie di Freud21. Ma l’opera che diventerà centrale sia per gli autori della «Voce» sia per quelli di «Lacerba» non è il lavoro dello psicanalista, ma il trattato filosofico Geschlecht und Charakter (1903) di Otto Weininger, che diventa un vero e proprio livre de chevet per gli intellettuali dell’avanguardia fiorentina22. Del libro aveva parlato in Italia per la prima volta l’«Archivio per l’antropologia e la etnologia» (1905: 402) diretto da Mantegazza;a questa notizia, critica e riduttiva, fanno riscontro le recensioni ben più entusiastiche di Prezzolini e di Papini, per i quali si tratta di una «forte apparizione in un bel contrasto con la generazione letteratoide tedesca contemporanea» (Prezzolini 1906d: 358) e di «un vero e proprio capolavoro. Dopo gli ultimi libri di Nietzsche la Germania non aveva prodotto una opera teorica così importante» (Papini 1912: 3).

20È dunque un conflitto strutturale, quello tra l’avanguardia fiorentina e le istituzioni dominanti della cultura italiana del tempo, a fondare l’anti-germanesimo culturale che dal «Leonardo» passa alla «Voce» e infine a «Lacerba»: il termine «Germania» funge da metonimia di un sistema accademico preso a modello in tutta Europa e dominato dal Positivismo, osteggiato da nuovi entranti che faticano a trovare una posizione nelle istituzioni esistenti. Che la battaglia antitedesca abbia radici in questo conflitto interno al mondo intellettuale italiano lo suggerisce Prezzolini in un articolo apparso sul «Leonardo» nel 1906:

Se la Germania s’è procacciata la fama di pedante, non è tanto colpa dei pedanti tedeschi, quanto degli italiani che avevano voglia di diventare pedanti. (Prezzolini 1906c: 346-347)

  • 23   Nel primo articolo della rivista Papini inserisce il filosofo tra i maggiori esponenti dell’«idea (...)

21L’anti-accademismo è all’origine anche della fascinazione per Nietzsche, sul cui nome si era aperto il «Leonardo»23. La critica di Nietzsche al sistema culturale tedesco ha tanto maggior valore in quanto proviene dall’interno: professore di filologia (ma in un’università minore) oltre che filosofo e poeta, Nietzsche aveva denunciato tra i primi l’eccessiva specializzazione che soffocava le università tedesche. «Si dice che il tedesco brutale d’oggi è discepolo di Nietzsche» – si legge in un corsivo anonimo della «Voce» (1914: 28). «Son chiacchiere. Il primo che si è accorto, all’indomani del 1870, dell’oscuramento della coscienza tedesca, è stato proprio lui». Come spiega Charle:

L’autore di Also sprach Zarathustra ha offerto anche agli intellettuali di altri paesi ostili ai valori accademici l’alternativa eretica e profetica al dominio di una casta di mandarini priva dello slancio novatore della prima metà del secolo. (Charle 2002: 195)

22Sul «Leonardo» Papini (1904: 86) aveva confutato l’opera teorica di Nietzsche riconoscendone però allo stesso tempo la grande qualità di scrittore e artista: «io credo volentieri […] che Also sprach Zarathustra sia il più bel poema di lingua tedesca che sia stato scritto dopo il Faust». Quattro anni dopo Papini (1910a: 247) ribadisce sulla «Voce» che non è la filosofia di Nietzsche ad attrarlo, ma l’uomo, la sua vita, il «Nietzsche puro, santo, martire». A interessare Papini non è però la biografia contingente del filosofo, quanto il modello che se ne può ricavare per una postura artistico-intellettuale che intende riprodurre in Italia: quella del filosofo-poeta che attraverso la potenza dell’arte proclama la verità agli uomini. In Un uomo finito (1913) la verità passa per l’autobiografia dell’autore, ma anche dopo la conversione al cattolicesimo Papini continuerà a incarnare la figura del «predicatore» (Papini-Prezzolini 2008: 137) che annuncia la verità: quella di chi ha scoperto Cristo (Storia di Cristo, 1921) o di chi si erge a giudice della modernità (Gog, 1931) e dell’intera umanità (Rapporto sugli uomini, postumo, 1977).

  • 24   Scipio Slataper (1888-1915) è uno dei numerosi triestini che frequentano come studenti universita (...)
  • 25   Prezzolini (1906b: 179) aveva elogiato il drammaturgo tedesco sul «Leonardo» («genio aspro, dolor (...)
  • 26   «La traduzione dei Tagebücher è certo “anche” una traduzione. Ma, a mio avviso, andrebbe in prima (...)

23Tra il Romanticismo e Nietzsche un importante punto di snodo è, secondo la «Voce» (1910: 411), l’opera di Friedrich Hebbel. Introducendo un saggio di Scipio Slataper24 sul drammaturgo tedesco, una nota redazionale spiega come Hebbel sia «il presupposto critico e drammatico di Nietzsche, e il punto dove s’annoda il romanticismo, filtrato traverso Goethe, con lo spirito di oggi». Slataper – cui l’opera di Hebbel è stata probabilmente segnalata da Prezzolini25 – porta avanti un’operazione non solo di importazione, ma di vera e propria appropriazione di Hebbel prima sulle pagine della «Voce», poi attraverso le traduzioni apparse per le collane dirette da Prezzolini e Papini: il dramma Giuditta (tradotto con Marcello Loewy, «Quaderni della Voce», 1910) e il Diario («La Cultura dell’Anima», 1912)26.

24Sull’esempio di quanto già intrapreso da Croce, che a partire dal 1902 comincia a orientare l’operato della casa editrice di Giovanni Laterza dirigendo diverse collane di cui affida curatele e traduzioni alla rete sempre più ampia dei suoi collaboratori, anche Papini e Prezzolini avevano compreso precocemente l’importanza dell’editoria come strumento, insieme alla rivista, per l’affermazione e la costruzione di un’egemonia culturale (Sisto 2018). Nella Coltura italiana il panorama editoriale è descritto nelle consuete tinte fosche, e un modello alternativo viene trovato in Germania:

Gli editori umanisti – come Manuzio – capaci di parlare con i loro autori di qualche altra cosa che non sia l’esito d’un libro o le percentuali d’un contratto, sono finiti. In Italia non ne abbiamo esempio. È molto se ne vedo uno in Germania: il Diederichs. […] Questo editore invece di formarsi sui gusti del pubblico, li vuole formare. […] Nessun editore avrebbe il coraggio di fare per l’Italia quello che il Diederichs ha fatto per la Germania. A Leonardo e Galileo, a Spaventa e de Sanctis, al Bruno e al Leopardi essi preferiscono le fame bottegaie tipo Lombroso, le celebrità di grande tiratura e di piccola intelligenza tipo De Amicis, le collezioni di semi-scienza popolare e le traduzioni traditrici tipo Sonzogno, i libri sbrigatutto tipo Hoepli, le raccolte appiccica-nozioni per giochi scientifici e per salotti di signorine tipo Bocca. (Papini-Prezzolini 1906: 41-42)

25Eugen Diederichs (1867-1930), un’intervista al quale appare sul primo numero della «Voce» (Diederichs 1908), è «l’editore romantico della Germania» (Prezzolini 1905: 137): la sua casa editrice, fondata a Firenze nel 1896 ma trasferita già dall’anno successivo a Lipsia e poi a Jena, è ben nota agli autori del «Leonardo» in quanto pubblica buona parte delle edizioni di autori romantici o degli studi sul Romanticismo recensiti sulla rivista. Diederichs pubblica anche una collana di autori mistici, che Prezzolini prende a modello nel momento in cui si trova a varare la sua prima operazione editoriale, la collana «Poetae philosophi et philosophi minores». Anche Papini ha in mente il modello di Diederichs quando, in una lettera del 15 aprile 1907, annuncia la sua intenzione di farsi editore:

Non trovo niente di immorale nel tentare qualcosa di simile in piccolo, a ciò che ha fatto il Diederichs: ed essere un editore che non è solo un mercante – un pensatore che dopo aver predicato l’azione cerca di dar l’esempio – uno scrittore che dopo essersi accorto dello sfruttamento editoriale cerca di creare una piccola azienda un po’ diversa dalle altre e in cui sarà possibile pubblicare cose che nessun altro editore accetterebbe. (Papini-Prezzolini 2003: 695)

26Papini fa il suo ingresso nell’editoria nel 1909, quando assume la direzione delle collane «Scrittori nostri» e «La cultura dell’anima» dell’editore abruzzese Rocco Carabba. Come Laterza, anche questa casa editrice di Lanciano è situata alla periferia del sistema editoriale italiano, che già allora faceva centro a Milano (con importanti appendici per l’editoria scolastica e universitaria a Torino, Bologna e Firenze). Come scrive lo storico dell’editoria Giovanni Ragone,

uno spazio per tentativi di diverso segno si è aperto. Di piccola dimensione, perché sotto Bologna, a parte pochi casi isolati, più che editori veri e propri ci sono solo librai, stampatori e tipografi. […] Il tentativo si fonda in buona parte su una revanche dei centri da tempo emarginati dall’industria editoriale milanese, soprattutto nel Centro-Sud. (Ragone 2009: 251)

27Anche la maggiore impresa editoriale dell’avanguardia fiorentina, i «Quaderni della Voce» che si affiancano alla rivista a partire dal 1910, non ha un editore prestigioso: Prezzolini prima si appoggia a diversi tipografi fiorentini, poi si fa editore in proprio con la Società anonima Cooperativa Libreria della Voce che, costituitasi nel 1911 per gestire la libreria, diventa editrice nel 1912.

28L’obiettivo delle collane di Papini e Prezzolini – come già di quelle di Croce – è quello di costruire un’editoria non commerciale, ma anche slegata dalle istituzioni scolastica e universitaria, che contribuisca allo svecchiamento della cultura italiana. Il primo strumento del rinnovamento, dell’aggiornamento su quanto si è già prodotto e discusso in Europa, sono naturalmente le traduzioni. «L’Italia […] deve ancora tradurre e trascrivere quel che s’è fatto e si fa fuori di essa», scrivono Papini e Prezzolini (1906: 10) nella Coltura italiana, e l’anno precedente avevano annunciato sul «Leonardo»: «se avremo abbastanza mezzi inizieremo pure una Collezione di scrittori stranieri col proposito di far conoscere in Italia degli scrittori che ci piaccion senza aspettare le tarde ed incomplete traduzioni francesi» (Papini-Prezzolini 1905: 213). Nel 1905 la «Collezione di scrittori stranieri» non si fa, ma il progetto si concretizza negli anni successivi con la «Cultura dell’anima» e i «Quaderni della Voce».

29Il repertorio della letteratura tedesca proposto dalle collane dirette da Prezzolini e Papini comprende gli autori che abbiamo visto discussi nelle riviste: i mistici tedeschi romantici e medievali, Novalis, Hebbel, ma anche la prima traduzione italiana non mediata dal francese delle Esperienze di Wilhelm Meister di Goethe, curata da Alberto Spaini e Rosina Pisaneschi, nata su suggerimento di Prezzolini e approdata alla Laterza di Croce (Biagi 2018). La traduzione di Nietzsche era stata invece già intrapresa, fin dal 1898, da Bocca di Torino, una casa editrice di impronta positivista e accademica. Papini riesce comunque a ritagliarsi lo spazio per fare un ‘suo’ Nietzsche: nel 1914 «La cultura dell’anima» pubblica Lettere scelte e frammenti epistolari, a cura di Valerio Benuzzi, che chiude la prefazione alle lettere nietzschiane con un elogio del Futurismo. L’edizione del ’14 non corrisponde quindi soltanto all’interesse papiniano per la biografia di Nietzsche, proclamato sulla «Voce» fin dal 1909, ma anche alla più recente e clamorosa svolta nella traiettoria artistica del direttore della collana: il 1 dicembre 1913 Papini aveva spiegato su «Lacerba» Perché sono futurista, tappa finale di un percorso di alleanza con Marinetti che si era aperto il 21 febbraio con la serata futurista del Teatro Costanzi di Roma.

  • 27   «In quest’essere sbandato, infecondo, tutto pieno di confuse volontà e di grosse parole ma in con (...)

30Il Nietzsche di Carabba viene recensito positivamente sulla «Voce» da Guido Devescovi (1914: 36) – un altro dei triestini che gravitano intorno alla rivista, ex compagno di classe liceale di Slataper e Loewy – ma con qualche riserva su come l’appropriazione di Nietzsche da parte di Benuzzi-Papini si accompagni a una serie di stoccate polemiche contro Goethe: «Ci si trovan davanti di nuovo le espressioni rancide e viete contro l’‘olimpico’ vecchio Goethe ‘consigliere’, classificato ‘filisteo in spe’ (!) e posposto così senz’altro al Goethe del 1780!». L’attacco a Goethe di Benuzzi fa però sistema con le prese di posizione di «Lacerba» che culminano nell’articolo di Papini L’eroe tedesco, una feroce stroncatura del Faust funzionalizzata alla campagna interventista antitedesca27. Com’è possibile che l’autore di questo articolo sia lo stesso scrittore che un decennio prima sul «Leonardo» aveva dichiarato di preferire «straordinariamente il Faust al Petrarca» (Papini-Prezzolini 1904: 32)?

  • 28   L’appropriazione di Goethe da parte di Croce culmina con il libro Goethe, uscito per Laterza nel (...)

31Il rovesciamento radicale della posizione di Papini sul Faust non si spiega soltanto con la campagna interventista. In questo giro d’anni sia «La Voce», nei confronti della quale «Lacerba» si è posta in posizione antagonista fin dalla sua nascita, sia Croce attraverso Laterza stanno portando avanti un’operazione di traduzione e appropriazione di Goethe: «La Voce» dà ampia pubblicità alla traduzione delle Esperienze di Wilhelm Meister di Spaini e Pisaneschi (che esce in due volumi per Laterza nel 1913 e nel 1915) pubblicando in due puntate una versione ampliata dell’introduzione di Spaini (1914); la traduzione del romanzo nella collana «Scrittori stranieri» è preceduta dai Colloqui di Goethe con Eckermann (in due volumi usciti nel 1912 e nel 1914)28. Goethe è insomma un autore che porta il marchio degli avversari di «Lacerba»: «La Voce», ma soprattutto Croce. L’animosità di lunga data di Papini nei confronti del filosofo era stata d’altra parte una delle basi dell’alleanza con i futuristi, esponenti di un’estetica e di una poetica radicalmente alternative a quelle crociane (Maramai 2014). Anche grazie alle prese di posizione germanofile di Croce durante la campagna interventista, l’anti-germanesimo di «Lacerba» trapassa continuamente in anticrocianesimo:

28 febbraio. L’amico P. [Papini] mi annunzia che sta scrivendo per una rivista francese uno studio sul crocismo ch’egli battezza: Le mal de Naples. È un buon titolo. Della necessità di avversare con tutti i mezzi, di screditare in tutte le maniere, con l’argomento, col documento, col ridicolo le tendenze di questa scuola la quale sotto il bel nome di serietà, cerca d’introdurre e spandere in Italia la votaggine, l’astrattezza tedesca e, dissimulato con mille arzigogoli e verniciature, il più puro, genuino e positivo filisteismo. (Soffici 1913a: 44)

  • 29   L’articolo di Carrà si chiude con un riferimento alle traduzioni dal tedesco di Prezzolini: «Prez (...)

Il futurismo, nato sei anni fa, ebbe fin dall’inizio lo scopo principalissimo di difendere il genio novatore italiano, combattendo accanitamente tutta la cultura tedesca, la filosofia professionale tedesca e l’ossessione culturale italiana che ne derivava, rappresentata da Benedetto Croce, dal Gentile, ed infine dal loro commesso viaggiatore per lo spaccio al minuto: Giuseppe Prezzolini. (Carrà 1915: 31)29

  • 30   Lichtenberg viene anche tradotto nella collana di Papini «La Cultura dell’anima».

32Contro l’‘olimpico’ Goethe, «Lacerba» promuove Nietzsche e Weininger, l’aforista settecentesco Georg Lichtenberg30, ma soprattutto un altro aforista contemporaneo, il viennese Karl Kraus, la cui postura irreverente e feroce viene riprodotta sia dal suo traduttore Italo Tavolato sia dallo stesso Papini (Fantappiè 2017).

33L’esempio dei tedeschi di «Lacerba» ribadisce come le prese di posizione sulla cultura tedesca dell’avanguardia fiorentina abbiano la loro prima origine nel conflitto tra intellettuali italiani: sulla Germania si proiettano gli spettri delle battaglie interne al campo culturale italiano – che gli avversari siano un intero sistema, come quello accademico, o una figura individuale ma estremamente ingombrante come quella di Croce. Le traduzioni e la discussione degli autori stranieri sono uno strumento di sovversione dei valori culturali dominanti e servono a proporre poetiche e posture alternative a quelle degli avversari: e proprio in quanto tale l’interpretazione degli scrittori tedeschi può diventare il germe di pratiche creative in proprio, come nei casi delle posture di Nietzsche o Kraus riprodotte da Papini, o delle traduzioni di Hebbel di Slataper. Attraverso queste varie operazioni di importazione, traduzione e appropriazione, gli intellettuali attivi nelle riviste dell’avanguardia fiorentina rimodellano l’immagine della cultura tedesca ereditata dall’Ottocento, consegnando un nuovo canone, e i valori che vi si incarnano, al Novecento nascente.

Bibliographie

«Archivio per l’Antropologia e la Etnologia», 1905, Otto Weininger. Geschlecht und Charakter. Eine principielle [sic] Untersuchung, «Archivio per l’Antropologia e la Etnologia» 35: 402.

Adamson W.L., 1993, Avant-Garde Florence: From Modernism to Fascism, Cambridge, MA, Harvard University Press.

Assagioli R.G., 1910, Le idee di Sigmund Freud sulla sessualità, «La Voce» 10/2/1910: 262-263.

Attal F., 2013, Histoire des intellectuels italiens au XXe siècle. Prophètes, philosophes et experts, Paris, Armand Colin.

Baldini A.-Biagi D.-De Lucia S.-Fantappiè I.-Sisto M., 2018, La letteratura tedesca in Italia. Un’introduzione (1900-1920), Macerata, Quodlibet.

Barbagli M., 1974, Disoccupazione intellettuale e sistema scolastico in Italia (1859-1973), Bologna, il Mulino.

Bartocci C., 2012, Scienza e filosofia: un divorzio italiano, in S. Luzzatto-G. Pedullà-D. Scarpa (a cura di), Atlante della letteratura italiana. III. Dal Romanticismo a oggi, Torino, Einaudi: 448-453.

Biagi D., 2018, Nel cantiere del romanzo: il Wilhelm Meister della «Voce», in Baldini-Biagi-De Lucia-Fantappiè-Sisto 2018: 141-167.

Bourdieu P., 1992, Les Règles de l’art. Génèse et structure du champ littéraire, Paris, Seuil.

Carrà C., 1915, Sul passatista Prezzolini, «Lacerba» 24/1/1915: 31-32.

Cavaglion A., 22001, La filosofia del pressappoco. Weininger, sesso, carattere e la cultura del Novecento, Napoli, l’Ancora del Mediterraneo (1982).

Charle C., 2002, Gli intellettuali nell’Ottocento. Saggio di storia comparata europea, ediz. italiana a cura di R. Pertici, Bologna, il Mulino.

Croce B., 1909, Il caso Gentile e la disonestà nella vita universitaria italiana, Bari, Laterza.

De Lucia S., 2018, I mistici tedeschi tradotti e narrati da Giuseppe Prezzolini, in Baldini-Biagi-De Lucia-Fantappiè-Sisto 2018: 91-112.

De Paulis-Dalembert M.P., 2015, La rappresentazione del nemico tedesco tra Zivilisation e Kultur nella propaganda di Papini e Soffici su «Lacerba» (agosto 1914-maggio 1915), «Chroniques italiennes» 2: 86-110.

Devescovi G., 1914, [recensione a Federico Nietzsche, Lettere scelte e frammenti epistolari], «La Voce» 28/11/1914: 34-36.

Diederichs E., 1908, “La Germania si è addormentata!” Intervista a E. Diederichs, «La Voce» 20/12/1908: 3.

Fantappiè I., 2018, Traduzione come importazione di posture autoriali. Le riviste letterarie fiorentine d’inizio Novecento, in in Baldini-Biagi-De Lucia-Fantappiè-Sisto 2018: 113-139.

Filippi P.M., 2014, Alla ricerca di sé nella traduzione. Scipio Slataper e Friedrich Hebbel, in F. Rasera (a cura di), Trento e Trieste. Percorsi degli italiani d’Austria dal ’48 all’annessione, Rovereto, Osiride: 339-360.

«La Voce», 1910 [Nota introduttiva a Scipio Slataper, Friedrich Hebbel], «La Voce» 13/10/1910: 411.

«La Voce», 1914 [corsivi anonimi], «La Voce» 28/9/1914: 27-29.

Levi G.A., 1910, Ottone Weininger, «La Voce», 10/2/1910: 260-261.

Maramai F., 2014, Marinetti e i futuristi: pratiche antifilosofiche nell’Italia giolittiana e oltre, «Rivista di studi italiani» 1.33: 314-348.

Novalis, 1905, Novalis, a cura di G. Prezzolini, Milano, Libreria editrice lombarda.

Papini G. [Gian Falco], 1903, L’ideale imperialista, «Leonardo» 4/1/1903: 1-3.

Papini G. [Gian Falco], 1904, Federico Nietzsche, «Leonardo» giugno-agosto: 82-89.

Papini G. [Gian Falco], 1905, Athena e Faust, «Leonardo» febbraio: 4-14.

Papini G. [Gian Falco], 1906, La Germania allevatrice di geni, «Leonardo» aprile-giugno: 151-152.

Papini G., 1909, Il giovane scrittore italiano, «La Voce» 18/2/1909: 37-38.

Papini G., 1910a, Preghiera per Nietzsche, «La Voce» 20/1/1910: 247-248.

Papini G., 1910b, Mantegazza il sessualista, «La Voce» 10/2/1910: 264.

Papini G., 1912, Un nemico della donna, «La Stampa» 21/12/1912: 3.

Papini G., 1913, Guido Mazzoni: una stroncatura, Firenze, Libreria della Voce.

Papini G., 1914, Il dovere dell’Italia, «Lacerba» 15/8/1914: 241-244.

Papini G., 1915, L’eroe tedesco, «Lacerba» 17/11/1915: 17-19.

Papini G., 2005, Il non finito. Diario del 1900 e scritti inediti giovanili, a cura di G. Luti-P. Casini, trad. dal francese e note di A. Casini Paszkowski, Firenze, Le Lettere.

Papini G.-Prezzolini G., 1904, Palle al balzo, «Leonardo» marzo: 31-32.

Papini G.-Prezzolini G., 1905, La Biblioteca del “Leonardo”, «Leonardo» ottobre-dicembre: 212-213.

Papini G.-Prezzolini G., 1906, La coltura italiana, Firenze, Lumachi.

Papini G.-Prezzolini G., 2003, Carteggio. I. 1900-1907. Dagli «Uomini Liberi» alla fine del «Leonardo», a cura di S. Gentili-G. Manghetti, Roma, Edizioni di Storia e Letteratura-Biblioteca Cantonale di Lugano Archivio Prezzolini.

Papini G.-Prezzolini G., 2008, Carteggio. II. 1908-1915. Dalla nascita della «Voce» alla fine di «Lacerba», a cura di S. Gentili e G. Manghetti, Roma, Edizioni di Storia e Letteratura-Biblioteca Cantonale di Lugano Archivio Prezzolini.

Papini G.-Soffici A., 1991, Carteggio. I. 1903-1908. Dal «Leonardo» alla «Voce», a cura di M. Richter, Roma, Edizioni di Storia e Letteratura-Fondazione Primo Conti.

Pertici, R. (a cura di), 1985, Intellettuali di frontiera. Triestini a Firenze (1900-1950), Firenze, Olschki.

Prezzolini G. [Giuliano il Sofista], 1903, Alle sorgenti dello spirito, «Leonardo» 19/4/1903: 4-5.

Prezzolini G. [Giuliano il Sofista], 1905, I romantici, «Leonardo» giugno-agosto: 137.

Prezzolini G. [Giuliano il Sofista], 1906a, Hölderlin, «Leonardo» aprile-giugno 1906: 172.

Prezzolini G. [Giuliano il Sofista], 1906b, Il Problema Romantico, «Leonardo» aprile-giugno: 176-180.

Prezzolini G. [Giuliano il Sofista], 1906c, L’Italia all’estero, «Leonardo» ottobre-dicembre: 346-347.

Prezzolini G. [Giuliano il Sofista], 1906d, Un nemico della femmina, «Leonardo» ottobre-dicembre: 357-361.

Prezzolini G., 1911, Romanticismo, «La Voce» 26/1/1911: 496.

Prezzolini G., 1912a, Francia o Germania?, «La Voce» 8/8/1912: 870.

Prezzolini G., 1912b, Studi e capricci sui mistici tedeschi, Firenze, Quattrini (Quaderni della Voce, 14-15).

Prezzolini G., 1914, La risposta degli estetizzanti, «La Voce» 13/6/1914: 4-19.

Prezzolini G., 1915, Discorso su Giovanni Papini, Firenze, Libreria della Voce.

Prezzolini G., 1953, L’italiano inutile. Memorie letterarie di Francia, Italia e America, Milano, Longanesi.

Prezzolini G., 1993, Diario per Dolores, a cura di G. Prezzolini-M.C. Chiesi, Milano, Rusconi.

Ragone G., 2009, Classici dietro le quinte. Storie di libri e di editori. Da Dante a Pasolini, Roma/Bari, Laterza.

Sisto M., 2018, Gli editori e il rinnovamento del repertorio, in in Baldini-Biagi-De Lucia-Fantappiè-Sisto 2018: 57-89.

Soffici A., 1913a, Giornale di bordo, «Lacerba» 1/3/1913: 43-44.

Soffici A., 1913b, Giornale di bordo, «Lacerba» 1/5/1913: 93-95.

Soffici A., 1914, Intorno alla gran bestia, «Lacerba» 15/8/1914: 245-247.

Spaini A., 1914, La modernità di Goethe (Saggio storico sul «Meister» goethiano), «La Voce» 13/2/1914: 9-33 e 13/3/1914: 2-39.

Notes

1  Questo saggio presenta alcuni risultati del progetto di ricerca Firb 2012 Storia e mappe digitali della letteratura tedesca in Italia nel Novecento: editoria, campo letterario, interferenza, finanziato dal Miur. Il progetto coinvolge ricercatori dell’Istituto Italiano di Studi Germanici, dell’Università per Stranieri di Siena, di Sapienza Università di Roma e della Humboldt-Universität di Berlino. Risultati e presupposti teorici della ricerca sono illustrati in Baldini-Biagi-De Lucia-Fantappiè-Sisto (2018).

2   «Lacerba» non ha direttore fino al gennaio 1915, quando viene indicato Papini.

3   La rivista chiude il 22 maggio 1915, alla vigilia dell’ingresso dell’Italia in guerra. Sul versante politico della campagna antitedesca di «Lacerba» cfr. De Paulis-Dalembert 2015.

4   E viceversa, secondo il manifesto anti-tedesco di Papini uscito come editoriale nel primo numero della campagna interventista di «Lacerba»: «I tedeschi più geniali (Goethe, Schopenhauer, Heine, Nietzsche) si son vergognati di esser tedeschi» (Papini 1914: 243).

5   De Lucia 2018.

6   Fino al 1920 l’unica sezione della «Critica» aperta ad altri collaboratori è quella delle recensioni, mentre il corpo principale della rivista è costituito dai saggi di Croce (storia letteraria e della storiografia) e Gentile (storia della filosofia e della cultura).

7   Dopo una prima attività intellettuale di stampo erudito, nel 1893 Croce entra nel campo filosofico con La storia ridotta sotto il concetto generale dell’arte; l’anno successivo attacca in La critica letteraria tutta la critica contemporanea di matrice positivistica, specialmente universitaria. Dopo alcuni scritti dedicati al marxismo, nel 1902 pubblica l’Estetica, che ha subito una vasta eco: dalle lettere di Prezzolini alla fidanzata Dolores sappiamo per esempio che il docente di Letterature comparate dell’Istituto di Studi Superiori di Firenze, Orazio Bacci, già nel 1903 la inserisce nel suo programma d’esame (Prezzolini 1993: 117n).

8   Oltre ai saggi pubblicati sul «Leonardo», a questa sfera di interesse risalgono le uniche traduzioni dal tedesco di Prezzolini: il Novalis del 1905, il Libretto della vita perfetta d’ignoto tedesco del secolo XIV (1908); le due traduzioni vengono riprese, con l’aggiunta di altri testi, in Studi e capricci sui mistici tedeschi (Prezzolini 1912b).

9   Uno dei punti di massima aggressività di Papini contro Croce è il Discorso contro Roma e contro Croce, pronunciato durante la ‘serata futurista’ del 21 febbraio 1913 al Teatro Costanzi di Roma, che segna l’inizio della collaborazione di Papini con il movimento di Marinetti.

10   Lettera del 15 ottobre 1903 in Prezzolini 1993: 89.

11   Cfr. la pagina di diario del 27 luglio 1900: «Io non farò né il maestro né l’insegnante di francese come finora ero stato ridotto a desiderare ma farò il filosofo, il pensatore solitario» (Papini 2005: 100).

12   L’abbandono della filosofia è sancito anche dalla pubblicazione del Crepuscolo dei filosofi (1906), in cui Papini demolisce le filosofie di Kant, Hegel, Schopenhauer, Comte, Spencer e Nietzsche.

13   I primi scambi epistolari tra Papini e Soffici risalgono al 1903, il primo incontro al 1904.

14Novalis è però l’unico volume della collana edito con la collaborazione dei modernisti (accanto a Casati avrebbero dovuto figurare come traduttori e curatori Tommaso Gallarati Scotti e Ugo Monneret di Vallard): Casati, trovando indecente la traduzione di alcuni frammenti nel Novalis, ritira il finanziamento alla collana, che Prezzolini riesce a continuare con l’editore Perrella di Napoli grazie alla mediazione di Croce. Casati è però coinvolto, sia come finanziatore sia come autore, nel progetto di rivista che segue il «Leonardo» e precede «La Voce»: «Il Commento», interamente redatta da Prezzolini, Papini, Soffici e Casati, di cui esce un solo numero nel 1908.

15   Cfr. Barbagli 1974, Charle 2002.

16   La «Voce» dedica ampio spazio alla questione fin dai suoi primi numeri: il 28 gennaio 1909 Prezzolini denuncia nell’articolo Il giornalismo e la nostra cultura come la professione del giornalista abbia finito per risultare concorrenziale rispetto alle tradizionali carriere accademica e letteraria; il 4 febbraio 1909 Croce invita I laureati al bivio a scegliere la dura ma formativa via dell’insegnamento invece che la brillante ma dispersiva carriera giornalistica; Papini interviene il 18 febbraio per descrivere le difficoltà affrontate dal Giovane scrittore italiano che, pur non essendo ricco di famiglia, non voglia darsi al giornalismo né all’insegnamento, e neppure «imputtanarsi scrivendo roba qualunque per piacere alla gente» (Papini 1909: 37).

17   Croce (1909) prende spunto dalle difficoltà incontrate da Gentile all’inizio della sua carriera accademica per un attacco frontale alle modalità del reclutamento universitario.

18   Il modello universitario tedesco si diffonde in tutta Europa nella seconda metà dell’Ottocento in concomitanza con l’affermazione del Positivismo (Charle 2002, cap. 5).

19   In questi anni l’avversario prediletto di Croce è il matematico Federico Enriques, organizzatore del IV Congresso Internazionale di Filosofia tenutosi a Bologna dal 5 all’11 aprile 1911 (Bartocci 2012).

20   Oltre al capitolo dedicato al metodo storico nella Coltura italiana, l’obiettivo polemico preferito dalla «Voce» è Guido Mazzoni (Papini 1913).

21   Assagioli 1910. Nella Nota bibliografica dell’articolo sono citate anche opere di Abraham, Jung e Rank.

22   Levi 1910. Sulla ricezione di Weininger in Italia cfr. Cavaglion 2001.

23   Nel primo articolo della rivista Papini inserisce il filosofo tra i maggiori esponenti dell’«ideale imperialista» (Papini 1903).

24   Scipio Slataper (1888-1915) è uno dei numerosi triestini che frequentano come studenti universitari l’Istituto di Studi Superiori di Firenze e che vengono attratti nell’orbita della «Voce», di cui è segretario di redazione per un breve periodo. Sulle traiettorie dei triestini della «Voce» cfr. Pertici 1985.

25   Prezzolini (1906b: 179) aveva elogiato il drammaturgo tedesco sul «Leonardo» («genio aspro, doloroso, pensieroso, che ha dell’Ibsen e del Kierkegaard») e aveva voluto condividere la sua scoperta con Papini mandandogli il 12 febbraio 1907 Giuditta (Papini-Prezzolini 2003: 670).

26   «La traduzione dei Tagebücher è certo “anche” una traduzione. Ma, a mio avviso, andrebbe in prima istanza annoverata fra le composizioni originali di Slataper […]. Slataper tradisce l’aspirazione a voler restituire uno Hebbel esemplato su di sé» (Filippi 2014: 354).

27   «In quest’essere sbandato, infecondo, tutto pieno di confuse volontà e di grosse parole ma in condizione di perpetuo fallimento, la Germania vede rispecchiata sé stessa. Il popolo tedesco ammira sé medesimo in questo professore che dopo aver studiato senza saper nulla e aver agito senza concluder nulla si rifugia nel paradiso cristiano a dispetto del diavolo e della logica. Anche la Germania d’oggi ha venduto la sua anima erudita e ignorante al demonio dell’arricchimento e della prepotenza e si ha buona ragione di sperare che finirà come il suo eroe» (Papini 1915: 19).

28   L’appropriazione di Goethe da parte di Croce culmina con il libro Goethe, uscito per Laterza nel 1919, in cui il filosofo si cimenta anche come traduttore delle liriche goethiane. L’identificazione di Croce con il Goethe ‘olimpico’, che si manifesta pienamente nella monografia del 1919, era probabilmente percepibile già in precedenza: in un articolo di Prezzolini uscito sul «Leonardo» sembra di intravedere, dietro le maschere di Hölderlin e Goethe, le figure di Papini e Croce. «Chi non invidierebbe le sue [di Hölderlin] sofferenze, il pane guadagnato vendendo al minuto il greco e il latino, e le ore rubate alla tirannia delle famiglie cui serviva? Egli doveva mordere a quelle piccole porzioni di tempo con avidità sconosciuta all’economo grande impresario della propria grandezza: Goethe» (Prezzolini 1906a: 172).

29   L’articolo di Carrà si chiude con un riferimento alle traduzioni dal tedesco di Prezzolini: «Prezzolini monta in cattedra e colla sua voce di clarinetto ci canta continuamente: “Badate: Io mi degno per una volta sola di parlarvi… Voi, ignoranti, non sapete che ho letto tutto Hegel e tutto Kant… in francese!... […] Ho tradotto dal francese Novalis, ho scritto moltissimo su tutti i mistici tedeschi» (Carrà 1915: 32). La notazione finale è di una raffinata cattiveria, considerando che sulla «Voce» Prezzolini aveva promosso una campagna contro le traduzioni mediate dal francese.

30   Lichtenberg viene anche tradotto nella collana di Papini «La Cultura dell’anima».

Auteur

Insegna Tecniche del lavoro editoriale e Storia del libro all’Università per Stranieri di Siena, presso la quale ha coordinato dal 2013 al 2018 il progetto Storia e mappe digitali della letteratura tedesca in Italia: editoria, campo letterario interferenza; insieme agli altri ricercatori del progetto (Daria Biagi, Stefania De Lucia, Irene Fantappiè e Michele Sisto) ha pubblicato nel 2018 La letteratura tedesca in Italia (1900-1920): un’introduzione (Macerata, Quodlibet). Ha pubblicato un libro (Il comunista. Una storia letteraria dalla Resistenza agli anni Settanta, Torino, Utet 2008) e numerosi saggi sulla sociologia della letteratura di Pierre Bourdieu, sulla letteratura della Resistenza, sull’opera di Primo Levi e sulla letteratura della Shoah. È capo-redattrice della rivista «allegoria» e co-autrice di un manuale di letteratura per le scuole superiori (La letteratura e noi, Palermo, Palumbo 2013-14)

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search