Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Vittorio Sereni, un altro compleanno

 | 
Edoardo Esposito

III. …e nei dintorni

Il paesaggio nella poesia di Sereni

Giuseppe Nava

Texte intégral

  • 1 Cfr. Vittorio Sereni, Frontiera. Diario d’Algeria, a cura di Georgia Fioroni, Milano, Fondazione Pi (...)
  • 2 Ferdinando Camon, Il mestiere di poeta, Milano, Lerici, 1965, p. 141.

1Intendo parlare qui della presenza continua del paesaggio, o di tratti paesistici, intorno all’io poetante nella poesia di Sereni, soprattutto nel primo Sereni, quello di Frontiera (1941), il Sereni del lago, dove predomina il tempo della natura, col ritmo delle stagioni e i colori autunnali, spesso foschi e torbidi, come in un presagio di sventura. Si veda Inverno a Luino, dove la calma rasserenante del luogo lacustre è rotta dagli elementi inquietanti del vento e dei fari della torpediniera, che perlustra il lago; o Strada di Zenna, intitolata alla strada che da Luino conduce a Zenna, uno dei valichi di confine con la Svizzera, e caratterizzata da «una geografia terrena perennemente sfiorata da slanci vitali e ombre mortuarie», come scrive Georgia Fioroni nel cappello introduttivo alla poesia;1 o ancora Strada di Creva, località nei dintorni di Luino dove, come hanno notato Dante Isella e Clelia Martignoni, la strada che vi conduce porta pure al cimitero: poesia tutta costruita sul contrasto tra un primo movimento, di preannuncio dell’arrivo imminente della primavera attraverso i segnali della ricomparsa delle vele sul lago e del canto del cuculo, e un secondo movimento, di ritorno dell’inverno sotto l’impeto del vento, fino alla preghiera di salvezza della chiusa: «Salvaci allora dai notturni orrori/dei lumi nelle case silenziose». Si legga in proposito la testimonianza dello stesso Sereni nell’intervista a Ferdinando Camon: «Sono nato a Luino, in un paese di frontiera. Il termine naturalmente prendeva significato proprio tra la chiusura antidillica della vita italiana di quegli anni, d’anteguerra, e la tensione verso quello che stava al di là, verso un mondo più grande. Ecco scaturire, da un dato geografico, un ‘sentimento della frontiera’».2

2Poi con Gli strumenti umani (1965) verrà il tempo della città, il tempo della storia, con le sue contraddizioni laceranti, i suoi mutamenti epocali, la sua ‘pena di vivere’: si veda Via Scarlatti, dove l’oscurità della via, in cui l’io poetante aspetta la donna amata, corrisponde ai volti stanchi e irosi dei suoi abitanti (vv. 8-12, «Adesso dentro lei par sempre sera. /Oltre anche più s’abbuia,/è cenere e fumo la via. /Ma i volti i volti non so dire:/ombra più ombra di fatica e d’ira»); o Il tempo provvisorio, dove un paesaggio di «case dissestate» è accostato analogicamente a «morto tempo da spalare al più presto»; o ancora Le ceneri, dove domina «una pena senza pianto/né oggetto» e l’io poetante si sente «smarrito tra le cose», in preda alla «noia»; per finire col sogno-visione dell’io poetante di Le sei del mattino, che si vede tornare da morto alla propria casa, «calda ancora di me che più non ero», in una Milano battuta da «tutto quel vento», immagine in Sereni ricorrente, volta a rendere con un elemento paesistico uno stato di agitazione interna. Alla visione della città come luogo di pena e di solitudine si affianca negli Strumenti umani la rappresentazione dall’interno (Sereni aveva lavorato all’Ufficio Pubblicità della Pirelli dal 1952 al 1958) del processo di grande trasformazione socioeconomica dell’Italia tra gli anni Cinquanta e Sessanta, con l’avvento del neocapitalismo e della produzione di massa, come in Una visita in fabbrica (II, vv. 8-12: «Che cos’è/un ciclo di lavorazione? Un cottimo/cos’è? Quel fragore. E le macchine, le trafile e calandre,/questi nomi per me presto di solo suono nel buio della mente,/rumore che si somma a rumore e presto spavento per me/straniero al grande moto e da questo agganciato»); o nella dichiarazione di disamore per il proprio tempo (Nel sonno, V, vv. 1-9: «L’Italia, una sterminata domenica. /Le motorette portano l’estate/il malumore della festa finita. /Sfrecciò vano, ora è poco, l’ultimo pallone/e si perse: ma già/sfavilla la ruota vittoriosa. /E dopo, che fare delle domeniche?/Aizzare il cane, provocare il matto... /Non lo amo il mio tempo, non lo amo») e per la dimensione moderna della metropoli (si veda la poesia omonima di Strumenti umani, che si chiude con la serie di analogie riduttive: «le città etichette di valigie fiammelle di necropoli»).

  • 3 Del 1983; ora in Per Vittorio Sereni, Torino, Aragno, 2013, pp. 6-7.

3Si tratta, nel complesso, di un paesaggio esistenziale, non vedutistico o naturalistico, senza indulgenze per il colore dei luoghi o l’elemento pittorico (tutt’al più, per la città e le sue periferie, Anceschi ha parlato di Sironi). È – tornando a Frontiera – il paesaggio delle stagioni, come in Canzone lombarda («Sui tavoli le bevande si fanno più chiare/l’inverno sta per andare di qua. //Nell’ampio respiro dell’acqua/ch’è sgorgata col verde delle piazze/vanno ragazze in lucenti vestiti. /Noi dietro vetri in agguato. /Ma quelle su uno svolto strette a sciami/un canto fanno d’angeli/e trascorrono: – Digradante a cerchi/in libertà di prati, città,/a primavera. //E noi ci si sente lombardi/e noi si pensa/a migrazioni per campi/nell’ombra dei sottopassaggi»); e delle età della vita (Alla giovinezza). È, negli anni Trenta, il paesaggio dei luoghi natii, il lago Maggiore e Luino, quest’ultima vista in lontananza (Le mani), come luogo della memoria (Compleanno; 3 dicembre), segnato dalla contaminazione di passato e presente (Nebbia). Scrive Mengaldo in un suo Ricordo di Vittorio Sereni:3 «Sereni è stato un grande poeta dei toponimi […]. I luoghi avevano per lui quasi una dignità sacra: per questo erano dei generatori così potenti della sua poesia». Più tardi, negli anni Sessanta, il paesaggio sarà quello dei luoghi di vacanza, come Bocca di Magra, dove villeggiavano altri poeti e letterati, come Franco Fortini, Elio Vittorini, Giulio Einaudi (si veda Un posto di vacanza nell’ultima raccolta, Stella variabile).

4A volte quello di Sereni è un paesaggio epifanico, connotato dal ritorno del passato o da una illuminazione interiore, come in Temporale a Salsomaggiore:

Questa notte sei densa e minacciosa.
Dalla pianura balenano città
nell’ora finale dei convogli e il vento
nemico preme alle porte,
nelle piazze s’ingolfa e appanna i globi
della strada elegante.
                       S’oscura
la tua grazia e la memoria
dei parasoli brillanti per le vie
sotto le nubi tiepide, d’oro.

Né più verrà
nelle placide ore del sonno
il raccolto battito dei pozzi
che misurava le notti. I passanti
tutti hanno un volto di morte,
Emilia, nei viali
dove impazzano le foglie.
Si spegne il tempo e anche tu sei morta.

Mi riafferri coll’aria dei giardini.
Gelsomini stillanti si riaprono
a lenire la notte, si ripopola
il paese all’uscita d’un teatro.
Torna il tuo volto,
vuoi punire le torve fantasie.

Nel rombo che s’allontana
degli ultimi tuoni sorvolanti le case,
sorrido alla tua gente
sotto tettoie sonanti, in ascolto.

5o in Azalee nella pioggia, o ancora in Terrazza. È questo il paesaggio dell’hic et nunc, d’un momento di vita, fatto di percezioni, di atmosfere, di particolari visivi o uditivi, di stati d’animo, legati tra loro da nessi analogici, che fondono insieme il lago, la luce, i suoni, come in Inverno (vv. 1-11: «............ /ma se ti volgi e guardi/nubi nel grigio/esprimono le fonti dietro te,/le montagne nel ghiaccio s’inazzurrano. /Opaca un’onda mormorò/chiamandoti: ma ferma – ora/nel ghiaccio s’increspò/poi che ti volgi/e guardi/la svelata bellezza dell’inverno»); o in Incontro (vv. 1-5: «Come un rosaio,/un vortice d’ombra e di vampe/che mi fioriva d’intorno/sulla strada cancellata dal sole/a mezzogiorno»); o ancora in Ritorno. Altre volte il paesaggio avvolge un personaggio femminile, come in Diana. Soprattutto si avvertono nel paesaggio il trascorrere inesorabile del tempo e la presenza ossessiva della morte, come in Strada di Zenna:

Ci desteremo sul lago a un ‘infinita
navigazione. Ma ora
nell’estate impaziente
s’allontana la morte.
E pure con labile passo
c’incamminiamo su cinerei prati
per strade che rasentano l’Eliso.

Si muta
l’innumerevole riso;
è un broncio teso tra l’acqua
e le rive nel lagno
del vento tra le stuoie tintinnanti.
Questa misura ha il silenzio
stupito a una nube di fumo
rimasta di qua dall’impeto
che poco fa spezzava la frontiera.

Vedi sulla spiaggia abbandonata
turbinare la rena,
ci travolge la cenere dei giorni.
E attorno è l’esteso strazio
delle sirene salutanti nei porti
per chi resta nei sogni
di pallidi volti feroci,
nel rombo dell’acquazzone
che flagella le case.
Ma torneremo taciti a ogni approdo.
Non saremo che un suono
di volubili ore noi due
o forse brevi tonfi di remi
di malinconiche barche.

Voi morti non ci date mai quiete
e forse è vostro
il gemito che va tra le foglie
nell’ora che s’annuvola il Signore.

  • 4 Mengaldo, op. cit, p. 5.

6Quanto al paesaggio di città, si tratta per lo più di Milano; oppure del paesaggio di luoghi visitati, fermato nel ricordo d’un attimo, che torna ossessivo nella memoria sotto forma d’un ritmo di jazz (Toronto sabato sera, in Stella variabile: vv. 1-5 «e fosse pure la tromba da poco/– ma con che fiato con che biondo sudore –/ascoltata a Toronto quel sabato sera//ancora una volta nel segno di Tipperary/mescolava abnegazione e innocenza//e fosse pure Toronto non altro che una Varese più grande»); oppure di paesaggi dell’immaginario cinematografico o letterario, come in Memoria d’America, ancora da Frontiera, in cui l’io poetante, immergendosi in una situazione da western, s’abbandona alla voglia di starsene solo «nel ranch» e s’immagina il ritorno della «cavalla che ieri ho perduto». Ancora una volta il rapporto paesaggio-io poetante è di rappresentazione d’un attimo di esistenza, mai di descrizione naturalistica. Si avverte in questo paesaggio, che al limite si potrebbe definire fenomenologico, teso com’è a cogliere il rapporto soggetto-oggetto anziché l’uno o l’altro termine, l’eco dell’insegnamento del filosofo Antonio Banfi, di cui Sereni fu allievo all’università di Milano, che, di contro al continuo riferirsi di Croce a Hegel e allo storicismo, divulgava nella Italia degli anni Trenta i filosofi della crisi, da Heidegger a Husserl. In questo concordo pienamente con l’osservazione di Mengaldo, nel già citato Ricordo di Sereni: «forse non è stato sufficientemente sottolineato il rapporto tra la formazione culturale fenomenologica che egli ha avuto e la sua nozione fenomenologica della poesia […]. Sereni era l’antitesi del poeta orfico; era un poeta esistenziale».4

Notes

1 Cfr. Vittorio Sereni, Frontiera. Diario d’Algeria, a cura di Georgia Fioroni, Milano, Fondazione Pietro Bembo/Ugo Guanda Editore, 2013, p. 138.

2 Ferdinando Camon, Il mestiere di poeta, Milano, Lerici, 1965, p. 141.

3 Del 1983; ora in Per Vittorio Sereni, Torino, Aragno, 2013, pp. 6-7.

4 Mengaldo, op. cit, p. 5.

Auteur