Version classiqueVersion mobile

La densità meravigliosa del sapere

 | 
Maurizio Pirro

Archeologia in Magna Grecia e ‘mito germanico’. L’istituzione degli studi di archeologia nell’Italia meridionale post-unitaria e il modello accademico tedesco

Flavia Frisone

Texte intégral

  • 1   Marchand 1996; Ampolo 1997: 43-56; 79-90; — 1984: 153-184; Momigliano 1986; Christ 1988; Momiglia (...)
  • 2   Heydemann 1988; Marchand 1996: 36-50; Grafton 2001. Sulle ideologie del classicismo Canfora 1980: (...)

1L’archeologia e, più in generale, lo studio dell’antichità classica rivestono come è noto un ruolo fondamentale nella cultura tedesca degli ultimi due secoli. Difficile sarebbe qui voler anche solo sintetizzare l’ampiezza di questo tema e le profonde implicazioni che la riscoperta dell’antico – o, meglio ancora, la sperimentazione di un nuovo e originale rapporto con esso – ebbe per la rinascita spirituale e per il percorso intellettuale della Germania a partire dalla seconda metà del XVIII secolo1. Basti solo accennare, poi, alla centralità che in tale quadro assumono gli studi classici, la cui istituzionalizzazione, a livello accademico ma anche nella formazione delle giovani generazioni di ceto medio-alto, future classi dirigenti della nazione, diventa una chiave essenziale per comprendere la dimensione ideologica del classicismo tedesco2.

  • 3   Mi riferisco in particolare ai due incontri tenutisi a Roma, nel 140° anniversario della breccia (...)
  • 4   Ferrara 2014; Sampaolo 2014.
  • 5   Forster 1996; Ferrara 2014: 337-339.
  • 6   Cicala 2014; Ferrara 2014; Muscolino 2014; von Hesberg 2014.

2È in Italia, in primo luogo, che va in scena – fin dai tempi di Winckelmann – l’aspetto ‘militante’ di questa antichistica, con la presenza di intellettuali e studiosi di nazionalità germanica nei luoghi della Penisola dove più s’addensavano le testimonianze monumentali dell’antichità greca e romana. In questi scenari la cultura tedesca intreccia legami profondi con l’archeologia italiana, rinsaldati e variati nel tempo in sfumature molteplici. In anni recenti, grazie anche allo stimolo di ricorrenze e celebrazioni anniversarie3, si è posta specifica attenzione su questa presenza attiva, che travalica il cliché del viaggio ‘cultural-sentimentale’, suggello di un percorso formativo o di passioni antiquarie (Barbanera 2015: 15-16), per farsi lievito creativo. È stato così messo in luce un ampio ventaglio di suggestioni intellettuali che va dall’immaginario visivo delle ruinae e dei paesaggi archeologici creato da pittori, incisori e, da ultimo, fotografi4, alla vertigine delle architetture monumentali che richiamò a Roma, ai templi dorici di Paestum, alle mura di Velia, al teatro di Taormina un gran numero di architetti e ingegneri tedeschi attratti dalla possibilità di studiare e riprodurre la grandiosità di quegli edifici antichi5. Infine, accanto al collezionismo di alto livello – e via via sempre meno correlatamente ad esso – le attività propriamente di ricerca e scavo avviate e condotte da studiosi tedeschi in Italia meridionale nella seconda metà dell’Ottocento6.

  • 7   Treves 1962; La Penna 1983: 1747; Momigliano 1986; — 1988; Salmeri 1993; Settis 1993; Ampolo 1997 (...)
  • 8   Settis 1993; Barbanera 2001: 494-495; — 2015: 31-43.

3Sull’opposto versante, nell’ampio arco cronologico che questo Convegno ha messo al centro della sua attenzione, spicca l’importanza attribuita dalla nuova cultura classicista nell’Italia risorgimentale e post-unitaria al mondo accademico germanico e al suo metodo di approccio alle antichità7. Anche in questa riflessione occorrerà porsi nel solco degli studi che, in particolare dagli ultimi decenni del secolo scorso, hanno esplorato i caratteri e le manifestazioni della cultura antiquaria e archeologica italiana in rapporto a quello che veniva percepito come il ‘modello tedesco’8. Da questi approfondimenti sono emersi con netta evidenza i rapporti e le reciproche contaminazioni di un settore di studi decisivo per le rispettive culture nazionali e, tuttavia, si sono messe in luce, da parte italiana, non solo le difficoltà d’avvio ma il disagio o addirittura, come è stato definito (Ligota 1996), un pervasivo complesso d’inferiorità.

  • 9   Barbanera 1998: 34-39, con riferimento anche alla discussione che al tempo della problematica pri (...)
  • 10   Brice 2001: 480-488; Bonghi Jovino 2011: 414-415.

4Uno dei nodi problematici posti in luce con maggiore evidenza da questi studi individua la difficoltà di conciliare la prospettiva eminentemente teoretica della cosiddetta archeologia ‘filologica’ di matrice accademica, strenuamente difesa nelle Università tedesche, al profilo fondamentalmente pragmatico, quando non emergenziale, che da subito s’impose all’archeologia italiana9. La quale aveva peraltro elaborato – con Cuoco, Gioberti, De Sanctis – anche una dimensione ‘alta’ e ideologica delle memorie materiali del passato, nella prospettiva della costruzione della patria italiana10. Anche il mio contributo si colloca, in una certa misura, in questa linea tematica: dopo un inquadramento degli aspetti più generali e in gran parte noti di questa problematica, si proverà a dare concreta esemplificazione dello ‘spirito dei tempi’ e delle tendenze a confronto attraverso il parallelo fra due figure rappresentative dell’archeologia italiana, e in particolare siciliana, del XIX secolo: Francesco Saverio Cavallari e Antonino Salinas. Protagonisti a loro modo – in maniera totalmente diversa – di esperienze emblematiche degli scambi fra Germania e Italia in campo archeologico, i due rappresentano due percorsi potenzialmente paradigmatici della varietà di forme e soprattutto degli esiti differenti di questi contatti.

1. L’antichistica dal primato degli italiani a quello germanico

5Mi concentrerò su un momento definito, punto di partenza (o di arrivo) delle linee di contatto fra antiquaria e archeologia tedesca e italiana. Prenderò a riferimento, infatti, i primi anni Settanta dell’Ottocento, decennio che si apre con la celebre breccia di Porta Pia e vede l’Italia e la Germania giungere insieme alla fatidica soglia dell’unificazione nazionale e territoriale, l’una, dopo un decennale percorso, con la conquista di Roma, l’altra con la nascita del Deutsches Kaiserreich sotto l’egida della monarchia prussiana. Se altrove la costituzione dei due Stati unitari è stata vista come l’avvio di una nuova organizzazione e istituzionalizzazione dei rapporti fra le due giovani nazioni nel campo dell’archeologia, a me pare che questo simbolico spartiacque debba essere piuttosto considerato nella sua valenza di ‘punto di non ritorno’, premessa essenziale di una significativa trasformazione – nel segno forte dell’identità – delle relazioni che le rispettive comunità scientifiche avevano intessuto in un periodo allora ormai già più che secolare di interessi comuni e di scambi.

  • 11   Barbanera 2015.
  • 12   Momigliano 1984: 60-61; Pommier 2001. Su Winckelmann e l’archeologia antiquaria cfr. in sintesi B (...)
  • 13   Treves 1962: 4-73; Settis 1993; Barbanera 2015: 17-22, con indicazioni bibliografiche: 29-30.
  • 14   Mazzarino 1972-73; Fraschetti 1982; Momigliano 1987.

6Ma, se il cambiamento viene formalizzato allora, dal punto di vista culturale erano stati decisivi i decenni centrali del XIX secolo. In quell’orizzonte, infatti, si erano del tutto sbilanciati i rapporti stabilitisi già nel quadro della ‘nuova antiquaria’ settecentesca e di età neoclassica11, in riferimento alla quale è appena il caso di ricordare il ruolo cruciale svolto a Roma da Johann Joachim Winckelmann, quale apripista di una temperie che in Germania si sarebbe presto saldata agli indirizzi romantici12. Così, pure, si era fatta remota l’esperienza degli anni della Restaurazione, che vide insigni esponenti della tradizione antiquaria italiana acquisire un profilo di rilievo nello scenario europeo della république des savants, primo fra tutti Ennio Quirino Visconti, che era stato antiquario del Papa – come era stato suo padre e come sarebbero state suo fratello e il nipote –, e riuscì ad esserlo anche di Napoleone e dei Borbone, a Parigi, organizzando il nucleo originario del futuro Museo del Louvre13. In quella temperie, figure insigni di studiosi italiani come Giuseppe Micali, Angelo Mai, Bartolomeo Borghesi e Celestino Cavedoni erano state in grado non solo di influenzare i metodi della cultura storico-antiquaria tedesca14, ma anche di stabilire autorevoli contatti con intellettuali che avrebbero svolto un ruolo decisivo nella formazione del classicismo accademico germanico, come Wilhelm von Humboldt, Barthold Georg Niebuhr e Eduard Gerhard, fra gli animatori della romana Academia Hyperborea o Hyperboreisch-römische Gesellschaft, premessa alla fondazione, nel 1829, nella sede diplomatica prussiana sul Campidoglio, dell’Instituto di Corrispondenza Archeologica, spazio e contesto di un rapporto privilegiato che la ricerca archeologica tedesca strinse con quella italiana, intessendo una rete di relazioni che da Roma si allargava a tutta la Penisola (Pavan 1980).

  • 15   Momigliano 1987: 68-69; Ampolo 1997: 79-83.

7Da allora, i percorsi si erano progressivamente, profondamente diversificati. In Germania, il classicismo aveva dato ali alla ‘rivoluzione romantica’ tedesca, offrendo temi e riferimenti alla causa dell’identità nazionale. Si era creata una profonda sinergia fra il nuovo approccio alla conoscenza del mondo antico e la formazione di una generazione di intellettuali presenti e consapevoli nella contemporaneità. E, del resto, a partire dall’istituzione della cattedra di Filologia Classica nell’Università di Berlino, affidata con grande successo a August F. Wolff, dalla quale si fa partire l’idea di Altertumswissenschaft (Momigliano 1984: 82-83), l’attenzione all’insegnamento era stata uno dei cardini sui quali poggiava lo studio delle antichità, che aveva ricevuto impulso e giovamento anche da un uso funzionale dell’educazione classicista, orientato in maniera coerente e unitaria alla creazione di una élite dirigente colta per la nazione tedesca, ancora a venire (Marchand 1996: 17-24). E ciò si mantenne anche quando l’ampio respiro spirituale delle tematiche classiciste romantiche fu incanalato verso il rigore del metodo storicista in quel processo che contrassegnò con la sua impronta materialistico-positivistica la seconda metà del secolo XIX15.

  • 16   Momigliano 1984: 31-33; Brice 2001: 480-485; Tagliamonte 2014.
  • 17   Momigliano 1986; Brice 2001: 479-483.

8In Italia invece – paradossalmente – il ripensamento dell’antichità aveva nutrito concezioni conflittuali e laceranti quanto ai percorsi di costruzione identitaria della nazione, in rapporto soprattutto alla dialettica fra Roma e le diverse realtà storiche italiche, o all’ellenismo16. Queste idee, che in certo modo rispecchiavano sia le contraddizioni politiche del presente sia i divergenti indirizzi delle correnti unitarie risorgimentali, fecero sì che si guardasse altrove che all’antico alla ricerca dell’orizzonte genetico, storico e spirituale, della nuova Italia17. Ne risultò però che, parallelamente, senza fresche prospettive e rinnovati impulsi dinamici, gli studi sul mondo antico restarono inchiodati ai tradizionali interessi di stampo antiquario a carattere elitistico, esprimendo un campo del sapere che appariva, secondo l’espressione di G. C. Conestabile della Staffa, «…come cosa di lusso, buona per pochissimi e perciò superflua e inutile alla grande maggioranza» (Conestabile della Staffa 1873: 541). Si aggiunga a ciò che la tradizione italiana dell’erudizione antiquaria di matrice tardo-illuministica, cui sopra si è fatto cenno, mentre aveva offerto indirizzi esemplari allo sviluppo dello studio documentario dell’antichità in tutta Europa, proprio nella Penisola s’andava spegnendo senza lasciare dietro di sé eredi o epigoni degni di nota. La generazione dei grandi ‘antiquari’, rappresentata da esperti che Theodor Mommsen rimpiangerà apertamente (Mommsen 1874: 75), non solo non era riuscita a fare scuola, come è stato osservato (Barbanera 2001: 496), ma non ebbe gli strumenti per trasformarsi in un sistema coerente di specializzazioni disciplinari di ricerca: le mancarono indirizzi e forza politica ma anche, sul piano culturale, una globale visione storica dell’antico in rapporto al presente. Un vecchio vizio – si potrebbe dire – che la cultura classica in Italia non ha mai perduto.

  • 18   Momigliano 1984: 81-82; Horstmann 1988; Ampolo 1997: 48-49.
  • 19   Momigliano 1988; Ampolo 1997: 49-56.
  • 20   Sul taglio delle ricerche e dei progetti editoriali di questo periodo cfr. Ampolo 1997: 81-93.
  • 21   Per i problemi dell’istruzione scolastica detta ‘mezzana’ nel gergo del tempo cfr. gli atti della (...)
  • 22   Momigliano 1987: 69-70.

9E così, nel torno di pochi anni, in Germania s’era potuta percorrere una parabola (Momigliano 1987: 68): gli appassionati, rivoluzionari pionieri dell’Altertumswissenschaft – gli esempi più nitidi dei quali si offrono in figure come August Boeckh18, che aveva saputo rianimare di nuova vita l’antica Atene, o come Karl Otfrid Müller, martire, sotto il sole di Delfi, della ricerca sul campo delle fonti per la storia greca19 – avevano fatto in tempo a trasformarsi nei paludati professori delle università germaniche (Borbein 1988), tesi alle rigorose, fredde, monumentali imprese di documentazione ‘positiva’ e catalogazione di cui tutti noi antichisti ancor oggi godiamo i benefici20. Nel frattempo, a petto della crescente auctoritas degli studi d’Oltralpe, in Italia l’interesse per il mondo antico si sviliva in prima istanza nell’ottusità dei percorsi di studio scolastico, ancora in gran parte nelle mani di religiosi, e poi nella vacuità dell’insegnamento delle Università21: tanto che, si può dire, non fu un caso se l’unico vero spirito versatile e geniale degli studi antichi in Italia nella seconda metà dell’Ottocento, Domenico Comparetti, si formò da sé, da autodidatta22.

2. Un’archeologia per la nazione

  • 23   Barbanera 2001: 494.
  • 24   Marchand 1996: 97-103; Barbanera 2001: 494.

10E dunque, per tornare a focalizzare quel che importa tener presente al nostro discorso, il contesto culturale in cui va calata la trasformazione dei rapporti fra Italia e Germania in campo archeologico-antiquario all’epoca delle rispettive unificazioni era quello di una consapevolezza – piena e, per così dire, bilaterale – del ‘primato germanico’ nel campo dello studio dell’antichità, anzi della ‘scienza dell’antichità’, così come era venuta definendola il mondo accademico tedesco, consolidando su di essa la propria supremazia nei tre decenni che intercorrono fra la fondazione dell’Instituto di Corrispondenza Archeologica a Roma (1829) e l’Unità d’Italia23. Emblema significativo di questa differenza di peso fra i due interlocutori, per quel che riguarda il côté germanico, il fatto che l’Instituto romano, che all’inizio era stato strutturato come uno spazio cosmopolita d’interazione e comunicazione della cultura tedesca col mondo mediterraneo e la sua tradizione storico-archeologica, si trasformasse sostanzialmente, via via, nel segno di quella che fu la nuova denominazione, di Istituto prussiano, prima (1871), e infine di Deutsches archäologisches Institut (1874, Kolbe 1980). Vale a dire, in termini pratici, un ente burocraticamente dipendente dal Ministero degli Esteri tedesco, che optava, a differenza del passato, per il tedesco come lingua ufficiale e vedeva una drastica diminuzione della presenza di italiani24.

  • 25   Per le iniziative su questo fronte cfr. Guzzo 2001.
  • 26   Barbanera 2015: 42-43.
  • 27   E di fatto mancarono finanche gli ammessi ai primi concorsi della Scuola Archeologica di Pompei, (...)
  • 28   Un’analisi preceduta e seguita da una intensa discussione pubblica su riviste nazionali, su cui c (...)
  • 29   Conestabile della Staffa 1869; 1872-1873; Mommsen 1874. Altre voci di accademici si inserirono in (...)
  • 30   Cfr. in tal senso le osservazioni sulla conduzione della cattedra pisana di archeologia in Faedo (...)

11Il giovane Regno d’Italia, dal canto suo, aveva in questo campo problemi contingenti troppo gravi e pressanti per adontarsi d’una tale chiusura. La necessità, «fatta l’Italia, di fare l’archeologia degli Italiani», per usare l’espressione che Marcello Barbanera (2001: 493) ha mutuato da D’Azeglio, assumeva aspetti di grave urgenza: non solo dal punto di vista della normativa, nel campo della quale lo Stato italiano aveva la necessità di rendere uniformi regole, procedure e istituzioni rispetto alla babele di legislazioni esistenti nei diversi stati pre-unitari (Barbanera 2015: 35-40), ma soprattutto quanto ai compiti di mantenimento e di tutela dell’enorme patrimonio archeologico del Paese, che già da tempo alimentava il fiorente mercato di spoliazione destinato a soddisfare il collezionismo privato e pubblico di tutta Europa25. V’era infine un altro onere connesso alla ponderosa eredità monumentale e storico-artistica, che da un lato faceva inorgoglire il nuovo regno e lo chiamava al consesso «delle altre nazioni civili», per dirla con la retorica del tempo, dall’altro rendeva l’Italia in una certa misura ostaggio del valore universale dei resti del proprio passato (Brice 2001: 488-489): quello degli studi e della ricerca. Un lusso da ricchi che la giovane nazione poteva permettersi con difficoltà: in campo archeologico, per esempio, l’Italia post-unitaria non vantava neppure un novero sufficiente di antichisti all’altezza dell’arduo compito26. Mancava all’appello un’intera generazione27, quella che avrebbe dovuto formarsi negli anni a cavallo del secolo e crebbe invece nelle condizioni ben rappresentate da autorevoli voci contemporanee: il rapporto ministeriale di Pasquale Villari28, confermato alcuni anni più tardi dalle desolate considerazioni pubblicate da G. C. Conestabile della Staffa, nel 1873 (ma già nel 1869), sul quadro dell’insegnamento di Archeologia, materia di incerta definizione che ottiene il minimo dello spazio nelle Facoltà di Lettere, e dalla risposta di Theodor Mommsen che lo studioso italiano rese nota, nella stessa sede editoriale, poco tempo dopo29. Una situazione di disagio da cui la Lettera del ministro Pubblica Istruzione Berti a Vittorio Emanuele II, scritta nel 1866 a sostegno della creazione di una Scuola Archeologica nazionale a Pompei, non assolve i responsabili stessi della formazione, che non supportano le vocazioni dei giovani studiosi, i quali pure spesso non mancano di valore, ma sono giocoforza indirizzati a studi eruditi e antiquari di corto respiro30.

  • 31   Delpino 2014; Barbanera 2015.

12Fra la consapevolezza del declino e dell’arretratezza degli studi di antichità nella Penisola e la necessità di organizzare quel che oggi definiremmo un ‘settore strategico’, in mezzo alle difficoltà economiche del nuovo Stato, che molto limitavano i mezzi a disposizione (Guzzo 2001), trovare uomini che potessero essere impiegati allo scopo divenne essenziale. C’era tuttavia un punto più delicato e trasversale (quel che potremmo definire come il nesso vitale del problema che stiamo indagando), nascosto fra la necessità di esercitare autorità di tutela e l’autorevolezza scientifica che mancava all’Italia. Essa, con i suoi governanti e amministratori, con i funzionari che operavano sul campo, doveva sobbarcarsi la custodia e sviluppare la conoscenza di beni di valore universale, ed era per questo posta sub iudice all’occhio critico del mondo per scelte sulle quali personaggi dal vasto prestigio culturale in campo internazionale ritenevano di aver voce in merito (primo e più ingombrante di tutti, per quel che riguarda l’archeologia, Theodor Mommsen, «il più grande maestro vivente della scrittura storica», come lo avrebbe salutato la motivazione del Premio Nobel assegnatogli nel 1902). Ma a indicare che tipo di studiosi occorressero a questo scopo era difficile che fossero d’aiuto modelli d’oltralpe: alla quantità e alla vastità delle memorie antiche presenti in Italia non potevano bastare le ricerche degli accademici né la presenza occasionale di illuminati gentiluomini che si dilettassero di scavi e rilievi archeologici; erano necessari conservatori museali, funzionari esperti presenti in loco ad impedire gli abusi e ad esercitare un’azione tempestiva di tutela degli interessi pubblici e al tempo stesso della scienza. E sarà questo un fronte sul quale, proprio con l’organizzarsi delle strutture statali preposte, si addiverrà a netti conflitti31.

  • 32   Di eccellente formazione antiquaria (numismatica ed epigrafica) e archeologo, nonché dotato di be (...)
  • 33   Fiorelli, lettera a Paquale Villari, cit. in Barbanera 2001.

13La complessità proprio di questo nodo problematico era ben presente a colui che a buon diritto può essere definito il padre dell’archeologia italiana postunitaria: Giuseppe Fiorelli32. Questi, prestatosi in toto alla missione della tutela del patrimonio archeologico nazionale nella strategica carica di Direttore Generale per le Antichità e Belle Arti (1874), tentò di dar vita a un percorso di formazione specifica per il settore dell’archeologia che, pur se ispirato in molti aspetti al modello accademico tedesco, potesse essere efficacemente destinato a quelle finalità operative che erano essenziali per la peculiare situazione italiana. È il progetto, presentato a Vittorio Emanuele II nel 1866, della Scuola archeologica per l’Italia, con sede a Pompei, che negli intenti sarebbe dovuta essere il centro generatore di una «archeologia nostrale viva ed operosa, vera scienza italiana dei monumenti opposta alla dispersa presente dottrina delle antichità»33. Basato sull’idea di residenzialità degli studenti presso la più importante area archeologica italiana, e di un’esperienza diretta delle evidenze monumentali e dei metodi di scavo, esso in un certo senso si poneva in alternativa alla pedissequa importazione del modello universitario germanico, centrato su un classicismo di tipo filologico e orientato a uno studio storico del mondo antico anche attraverso i Realien. Significative, in proposito, le preoccupazioni di Theodor Mommsen, contrario all’iniziativa di Fiorelli «di fondare a Pompei una specie di seminario teoretico-pratico per l’archeologia» (cit. da Barbanera 2015: 50), mentre nella sua convinzione «vera scuola dell’archeologo futuro è la filologia, cioè l’università» (1874: 76). «Nei corsi universitari», scriverà lo storico tedesco nella sua risposta a Conestabile della Staffa sul sistema universitario italiano, «senza dubbio l’archeologia, ossia la storia dell’arte classica deve avere il suo posto accanto alla filologia classica» (ibidem) ma, pur senza negare l’importanza di approcci disciplinari legati allo studio dei documenti antichi scritti o figurati, come quello epigrafico o numismatico, essi erano da considerarsi sempre subordinati e «di second’ordine». Figurarsi se ci sarebbe stato posto per lo scavo e lo studio dei materiali!

  • 34   Di essa si può considerare testimonianza anche la pubblica discussione seguita al difficile inizi (...)
  • 35   De Angelis 1993; Pirson 1999.

14Il parere di Mommsen non resterà senza effetto. In quei primi due decenni di vicende unitarie che stiamo qui esplorando, quella sorta di oculata tutela che una parte del mondo accademico tedesco esercitava sugli sviluppi dell’archeologia italiana34 fu, a suo modo, una sponda autorevole e un’efficace dinamica di crescita per il nostro Paese. Di essa, del resto, resta testimonianza nei carteggi ufficiali e personali fra autorevoli figure accademiche germaniche e i loro omologhi, ovvero autorità politiche, in Italia: per esempio quelli fra Theodor Mommsen e Michele Amari (Muscolino 2013), illustre arabista e Ministro della Pubblica Istruzione nel governo Farini-Minghetti (dicembre 1862-settembre 1863), o fra lo storico tedesco e lo stesso Fiorelli35.

  • 36   Mazzarino 1972-73; Fraschetti 1999.
  • 37   Momigliano 1986; — 1987; Barbanera 2001: 501-502; — 2015: 66-67.

15Osteggiato dall’auctoritas accademica tedesca e da quella italiana germanizzante, e mai troppo amato dai Ministri della Pubblica Istruzione succeduti al Berti, il progetto di Fiorelli – che del resto non fu facile da attuare anche per le carenze dei giovani studiosi a cui era destinato – finì col perdere efficacia con l’avanzare di quel che è stato definito un «germanesimo culturale»36, che in questo campo rappresenta una via più breve alla formazione di giovani leve di classicisti, cominciata con un’apertura di disponibilità di borse per giovani italiani perché studiassero in Germania (alle Università di Lipsia e Berlino, soprattutto), e proseguita col far venire a insegnare in Italia docenti ginnasiali prima, e poi professori universitari tedeschi, inaugurando «un gradino ulteriore dei rapporti fra istituzioni italiane e scienza tedesca […], una sorta di protettorato tedesco» (Barbanera 2015). Si scrisse così, non senza rancorosi dissensi, una pagina importante dello studio delle antichità in Italia, che portò Emanuel Löwy e perfino un ‘eretico’ come Julius Beloch in cattedra a Roma, Adolf Holm a Palermo e a Napoli (1876-1884 e 1884-96), e che soltanto l’irrigidirsi delle posizioni nazionalistiche all’avvicinarsi della Prima guerra mondiale interromperà37.

3. Uomini e storie

16Come si è visto, la primissima risposta da parte dei governi italiani unitari all’emergenza costituita dall’enorme patrimonio archeologico e storico-artistico fu, necessariamente, un ‘serrate i ranghi’, che mise in gioco tutte le forze disponibili, formatesi in esperienze assai diverse. Così è nel caso dei due protagonisti delle nostre ‘storie esemplari’ di rapporti con il mondo accademico tedesco: Francesco Saverio Cavallari e Antonino Salinas.

  • 38   Diversamente in Cianciolo Cosentino 2007, dettagliato profilo biografico di Cavallari, sebbene so (...)
  • 39   Cfr. Tusa 1978 e già in Salinas 1976: 7-9; De Vido 1993: 19; Gandolfo 2014a: 13-14.
  • 40   Grazie alla madre, Teresa Gargotta, cultrice di studi antiquari e collezionista, il giovanissimo (...)

17Entrambi palermitani, erano differenti pressoché in tutto il resto. Di una generazione più anziano, Cavallari (1810-1896), uomo di origini modeste e di formazione tecnica, divenne archeologo da autodidatta, lavorando sul campo, dapprima come disegnatore, per poi seguire studi che fecero di lui uno storico dell’arte, architetto e ingegnere, piuttosto che un antichista38. Al contrario Salinas, nato nel 1841, era non solo – come Fiorelli – espressione della buona borghesia di funzionari borbonici illuminati che ne aveva forgiato i valori civili39, ma aveva nutrito il suo giovane ingegno – fin dall’infanzia, si può dire – al magistero della grande antiquaria siciliana a cui lo connettevano anche legami familiari del ramo materno40.

  • 41   Sul rilevante contributo di Michele Amari alla riorganizzazione delle attività di tutela e conser (...)

18Le vicende dei due, che s’intrecciano in quella prima stagione dell’archeologia dell’Italia post-unitaria sotto il segno del comune amico e mentore Michele Amari41, disegnano in maniera istruttiva proprio le tipologie di contatti fra studiosi italiani e mondo accademico tedesco, in Germania come in Italia, e l’evolversi di questi rapporti.

  • 42   Carteggio Amari, Göttingen, 22 maggio 1844; 9 luglio 1845; 13 agosto 1846; 3 giugno 1848; ‘riserb (...)
  • 43   Cianciolo Cosentino 2004. L’associazione del duca fra i membri italiani dell’Instituto di Corrisp (...)
  • 44   Cfr Carteggio Amari IV, 1502 poi in Cianciolo Cosentino 2012: 84. Cavallari compare fra i corrisp (...)
  • 45   Cianciolo Cosentino 2007: 32-43; — 2012: 1-2.
  • 46   Contrariamente a quanto Cavallari amava ricordare, con quel po’ di vanagloria che certo non gli m (...)
  • 47   Cianciolo Cosentino 2012: 1; 170; 8-15 per l’irrequietezza del profilo biografico.
  • 48   Per l’attività di architetto in Messico cfr. Vidargas 1997. In generale sulle peregrinazioni in I (...)

19Francesco Saverio Cavallari era arrivato al milieu degli antichisti germanici presenti in Italia attraverso l’esperienza delle campagne archeologiche promosse da Domenico Lo Faso Pietrasanta, duca di Serradifalco, in cui era stato coinvolto giovanissimo. Serradifalco – di cui negli anni della maturità Cavallari non mancherà di dire gran male42 – era il tipico esponente di quell’aristocrazia siciliana che agli interessi antiquari univa ormai una vera militanza archeologica e, anche grazie a questa, aveva intrecciato strettissimi rapporti in campo europeo, e in particolare con gli ambienti germanici e con l’Instituto di Corrispondenza Archeologica, di cui fu membro onorario fin dalla fondazione43. Sotto la sua direzione, fra il 1827 e il 1837, Cavallari aveva eseguito scavi e rilievi in molte località della Sicilia, fra cui quelli che portarono alla scoperta di alcune metope dei templi E e F di Selinunte e al rilievo del teatro greco-romano di Taormina, e per Serradifalco aveva realizzato la maggior parte delle incisioni e dei disegni contenuti nei cinque volumi de Le Antichità della Sicilia (1834-42). Corrispondente a sua volta dell’Instituto Archeologico, entra in contatto diretto con l’associazione una volta trasferitosi a Roma, quando nel 1837 lascia Palermo per sfuggire all’epidemia di colera che vi imperversa44. Nel corso del soggiorno romano, infatti, Cavallari ha modo di lavorare con lo storico dell’arte Heinrich Wilhelm Schulz e, fra il 1837 e il 1840, di viaggiare nell’Italia centrale e meridionale al seguito di questi, il quale lo apre agli studi di architettura e di quella che allora veniva definita ‘storia archeologica’. Nel 1840 ritorna in Sicilia per collaborare con il geologo tedesco Wolfgang Sartorius von Waltershausen ai rilievi della Carta topografica e geologica dell’Etna, e nel 1843 si trasferisce a Göttingen, su invito del Waltershausen, per completare l’elaborazione delle carte topografiche e per portare a termine la stesura del grande atlante etneo che il geologo tedesco ha in progetto. L’esperienza in Germania durerà sei anni e gli consentirà di frequentare la Georg-August-Universität, di intraprendere viaggi di studio nell’Europa settentrionale e di pubblicare i suoi primi studi di topografia e di storia dell’arte in lingua tedesca45. La sua vicenda personale dice molto dell’afflato tardo-romantico e dello spirito liberale che ancora anima le università tedesche rendendole partecipi dei fermenti risorgimentali: quando, richiamato dai moti insurrezionali del 1848 in Italia, Cavallari decide di ritornare in Sicilia, il decano Karl Friedrich Höck, con il voto unanime di tutti i membri della Philosophische Fakultät di Göttingen, gli assegna il titolo honoris causa di Philosophiae Doctor et Artium Liberalium Magister46, e sempre, anche nelle difficoltà degli anni successivi, egli potrà contare sull’affettuoso sostegno degli antichi colleghi di studi47. Le vicissitudini, del resto, non mancheranno in questa fase della lunga vita del Cavallari, spirito eclettico e cosmopolita, patriota e uomo d’azione, anche in questo figlio della sua generazione: rimasto in Sicilia fino al 1854, dove ricopre la cattedra di Architettura Decorativa e Disegno Topografico alla Regia Università di Palermo, lascia nuovamente il regno per motivi politici, prima per Milano, poi addirittura per il Messico, dove gli era stata offerta la carica di direttore della Sezione di Architettura all’Accademia Nazionale di Belle Arti di San Carlos e dove resterà fino al 186448.

  • 49   Pelagatti 2001: 604-605, con riferimenti alla documentazione. Cianciolo Cosentino 2012: 20-27, ma (...)
  • 50   Lo sbilanciamento fra competenze e capacità decisionale all’interno della Commissione e nei rappo (...)
  • 51   Se in un primo tempo Cavallari deve aver immaginato di trovare in Salinas un utile sostegno accad (...)

20In quello stesso anno, al suo ritorno definitivo in Sicilia, pochi anni dopo l’Unità, viene immediatamente reclutato in quella necessaria mobilitazione di uomini e competenze di cui il giovane Stato italiano ha urgente bisogno e alla quale può offrire il suo bagaglio tecnico e la sua esperienza, oltre che le sue benemerenze politiche di esule. In virtù della carica di Direttore di Antichità e Belle Arti nel 1863 conferitagli dall’amico e commilitone Michele Amari, fino al 1896 sarà impegnato, con alterne fortune, nella tutela del patrimonio monumentale dell’isola49. L’incarico di Direttore delle Antichità costituiva una novità voluta proprio dall’Amari (vale a dire l’introduzione di una figura operativa di specialista) in un’istituzione (la Commissione di Antichità e Belle Arti) già risalente al Regno borbonico, e che di solito coinvolgeva, per chiara fama o nomina regia, nobili, dotti e personalità: vale a dire, tutt’altro che specialisti. L’archeologo-architetto venuto dal nulla vi entra dalla porta di servizio e con incarichi del tutto operativi: anche per questo i rapporti con i membri di pieno diritto della Commissione non saranno dei più felici50. Pur fra le difficoltà e le ristrettezze di fondi, per alcuni anni Cavallari appare il solo responsabile del patrimonio archeologico e monumentale in Sicilia, fino al sorgere dell’astro di Salinas che, diversamente da lui, aveva non solo l’esperienza pratica dell’archeologo, ma anche la formazione e la competenza scientifica dell’antichista: ragione non secondaria del rapido deteriorarsi dei rapporti fra i due51.

  • 52   Carteggio Amari, Siracusa 19 giugno 1872; Monte S. Giuliano 19 ottobre 1877; Siracusa 18 giugno 1 (...)
  • 53   Frisone [in corso di stampa].

21Ma del resto i tempi erano cambiati, le esigenze dell’amministrazione statale in campo archeologico si andavano definendo e così pure un più saldo progetto organizzativo. S’apprestava la riforma della Direzione nazionale degli scavi voluta dal ministro Bonghi e il forte indirizzo che ad essa avrebbe dato Fiorelli: sarà il Salinas l’espressione operativa della Direzione centrale delle Antichità. Il ruolo del vecchio architetto-archeologo, molto critico verso la nuova impostazione centralistica52, sarà poco a poco ridotto a quello di Direttore dell’erigendo Museo di Siracusa (1884) – di fatto declassato anche a seguito di alcune vicende non del tutto onorevoli che lo avevano visto coinvolto53 – nel quale lo affiancherà ben presto l’archeologo roveretano Paolo Orsi (1888), uno studioso della nuova generazione che intanto andava formandosi, destinato a succedergli nel 1891. Ma è indicativo che, nel frattempo, Fiorelli non si fidi di lasciare nelle mani di Cavallari il delicatissimo incarico dell’Inventario del Museo, cui provvede tramite Antonio Sogliano, suo stretto collaboratore, che viene spedito espressamente a Siracusa dal Museo di Napoli nel 1885.

  • 54   Carteggio Amari, Palazzolo Acreide, 22 giugno 1872; Palermo 30 luglio 1872; 8 maggio 1879 in Cian (...)
  • 55   «Notizie degli Scavi di Antichità» 1879: 156-159; «Notizie degli Scavi di Antichità» 1880: 152-16 (...)
  • 56   Resta il dubbio che lo sia anche nella concezione ottocentesca dove è indicativa da un lato la de (...)
  • 57   Frisone [in corso di stampa]. Cfr. Carteggio Amari, Palermo 1 settembre 1873 in Cianciolo Cosenti (...)

22Cavallari infatti, nonostante fosse un vero e proprio segugio sullo scavo (‘cane da caccia’, così lo chiamavano)54 con un fiuto infallibile per le scoperte archeologiche e una cospicua dose di fortuna (la stessa che lo portò a scoprire per caso – a quel che raccontava – la tomba del Timpone Grande di Sibari, con le famose laminette d’oro iscritte)55, è in fondo espressione di una categoria di scavatori dalla formazione esperienziale, generosa ma incompleta, che sarebbe arduo definire archeologi in un’accezione moderna del termine56. Il fatto che questa costituisse la maggioranza degli uomini disponibili all’archeologia del giovane Regno d’Italia fu, come si è visto, una parte non piccola dei problemi posti da questo settore. Egli inoltre appartiene a una generazione che si muove con procedure irrazionali, la cui preparazione è un coacervo di nozioni da antiquaria di vecchio stampo, e il cui fine principale è la scoperta tout court. In questa prospettiva, egli è spesso a contatto, in una dimensione umbratile in cui i ruoli si confondono, anche con razziatori di reperti e mediatori del mercato di opere d’arte, se non addirittura con falsari (lo stesso Cavallari vedrà la sua carriera ‘bruciata’ da uno scandalo di falsi da lui coperto)57.

  • 58   Carteggio Amari, Siracusa 19 novembre 1870; Palermo 22 febbraio 1871; 29 ottobre 1871; 22 ottobre (...)
  • 59   Osservazioni di Cavallari sul lavoro di Schubring in Cianciolo Cosentino 2012: 187. Sulle ricerch (...)

23Può sembrare singolare che Cavallari, che aveva trascorso all’Università di Göttingen un periodo ben più lungo di quello che passarono in Germania Salinas e tutti i giovani studiosi di quella generazione che fu inviata a perfezionarsi col metodo tedesco, non sia stato mai considerato parte di quell’avanguardia. Ma egli non era, né divenne mai, un classicista, non conosceva il greco e probabilmente neanche il latino, non aveva nulla del profilo intellettuale dello studioso di matrice accademica. Incarnava anzi l’Idealtypus di quella «specie di uomini pratici [...] che non sono mai stati mossi intimamente dalla grande storia e dalla grande arte e poesia de’ nostri maggiori», che Theodor Mommsen (cit. da Barbanera 2015: 50) paventava come possibile prodotto di un insegnamento archeologico troppo tecnico, come quello che egli attribuiva al progetto di Fiorelli. Da ciò consegue che, al di là della sua scarsa consapevolezza dei propri limiti, Cavallari di fatto agisse come braccio operativo sul campo, al fianco di ‘corrispondenti’ o direttori scientifici, italiani oppure, frequentemente vista la sua formazione, tedeschi, come Adolf Holm, professore chiamato alla cattedra di Storia universale a Palermo, con cui lavorerà alla pubblicazione della Topografia archeologica di Siracusa58, o Julius Schubring, che si applicherà a quella di Agrigento59. In partnerships di questo tipo la sua impagabile esperienza, il suo ‘fiuto’ e la conoscenza tecnica (p. es. nel campo del rilievo) lo rendevano essenziale nelle indagini, pur non conferendogli una pari dignità scientifica nella fase dello studio e dell’interpretazione, in cui egli per primo cercherà di continuo il sostegno di «dotti», ovvero di studiosi. Questa è forse la ragione per la quale il suo buon rapporto con interlocutori accademici ‘puri’ si trasforma in attrito o conflitto aperto con figure come quelle di Fiorelli, di Salinas, o di Paolo Orsi, che al profilo scientifico univano anche la capacità operativa sul campo.

24Per tutte queste ragioni, in misura di un cambiamento profondo avvenuto negli archeologi italiani nei decenni che stiamo considerando, l’uomo della generazione successiva a Cavallari, Antonino Salinas, per molti aspetti ne impersona quasi l’alter ego. Tanto l’uno, il più anziano Cavallari, era irruente, motivato ma al tempo stesso insofferente delle regole e degli obblighi, entusiasta ma spesso totalmente asistematico, tanto l’altro portava dentro di sé l’impronta di una tradizione di studi che lo aveva plasmato profondamente, e che soprattutto aveva saputo rinnovare con l’apporto del moderno metodo scientifico di matrice europea. I due, insomma, non potevano intendersi né amarsi.

  • 60   Cimino 1985; De Vido 1993.
  • 61   Cimino 1985: XXIII-XXXI; Merra 2014.
  • 62   Cit. in Salinas 1976: 10.
  • 63   Salinas 1976, I: 71-113.

25Ma proviamo a considerare queste differenze su un piano più generale e di sistema. In primo luogo, Antonino Salinas segna, rispetto a Cavallari, un passaggio epocale proprio in quanto fa parte di quel manipolo di giovani sperimentatori dello svecchiamento degli studi di antichistica che il nuovo Regno d’Italia invia all’estero come investimento sul futuro scientifico della nazione (Barbanera 2015: 38-42). Grazie a Michele Amari, che, giovanissimo, lo aveva conosciuto e apprezzato per i suoi studi numismatici, era stato fra i primi ad avere opportunità di crescita fuori dalla Sicilia e fuori dall’Italia, perdendo quella sua «scurcidda» (i.e.: crosticina; lettera ad Amari da Berlino 9.10.1862 in Cimino 1985: 11) da erudito siciliano per apprendere un metodo rigoroso e scientifico allo studio del mondo antico60. Nel 1861 a Torino e Firenze, dal 1862 in paesi stranieri per studi di perfezionamento che lo portarono in Svizzera, Francia, Austria, Inghilterra ma soprattutto in Germania61. Qui, a Berlino, visse la sua stagione di alumnus e fece in tempo a conoscere autentici monumenti viventi dell’epica stagione dell’Altertumwissenschaft, come August Boeckh, a farsi corrispondenti del calibro di Theodor Mommsen e soprattutto a trovare maestri come Eduard Gerhard, il «vecchio Gerhard» dei suoi affettuosi toni epistolari. Infine, quale membro dell’epica prima Missione Italiana in Grecia (Cimino 1985: XXV-XXVI), aveva potuto sperimentare l’emozione che era stata di generazioni di giovani intellettuali europei: sedersi sulla «soglia sacra del Partenone» a guardare «quel mare che ha il colore infocato come il vino» in cui «paiono nuotare Salamina ed Egina, e da lunge, per la meravigliosa trasparenza dell’aere, vedi i monti di Cillene e l’istmo di Corinto»62. Come nei sogni di ogni archeologo classico, aveva scavato al Ceramico di Atene e aveva avuto per le mani la famosa, bellissima stele di Dexileos appena portata alla luce63.

26Salinas aveva dunque potuto essere, in tutto e per tutto, un archeologo classico dell’Ottocento, ivi comprese le pose filogermaniche che rispecchiano la temperie del tempo (De Vido 1993: 18). Non sorprende, dunque, che il suo sia stato uno dei pochi corsi universitari che Julius Beloch ricorderà di aver seguito con profitto in Italia.

  • 64   Cfr. i riferimenti in Pelagatti 2001: 611, che giustamente sottolinea il valore dell’operato di S (...)
  • 65   Salinas 1976, I: 27-45. De Vido 1993: 18-19; Spatafora 2014a: 22-23.
  • 66   Spatafora-Gandolfo 2014.

27Ma accanto a questo, occorre considerare le scelte di metodo e di indirizzo che egli praticò in quanto docente universitario di archeologia e archeologo. Al di là delle ingenerose valutazioni degli scorsi decenni e della sbrigativa sottovalutazione che ancora accompagna la considerazione del suo operato64, Salinas fu non solo una figura rappresentativa dei travagli dell’archeologia italiana dei primi decenni post-unitari, ma anche uno sperimentatore di possibili soluzioni (De Vido 1993: 22). Nel 1865, quando aveva ottenuto a soli ventiquattro anni la cattedra di Archeologia a Palermo, appena istituita, aveva subito tentato di mettere a frutto le esperienze all’estero, e in particolare il periodo trascorso all’Università di Berlino65. Come professore, aveva tentato di aprire le collezioni segregate, immobili, caotiche, del Museo dell’Università (quel che poi sarebbe divenuto il Real Museo Archeologico e ora porta il suo nome)66 alle esigenze di un approccio moderno allo studio dell’archeologia, quello che lui stesso aveva conosciuto. Già dal principio egli vedeva bene, e teorizzava – in consonanza con quanto sarebbe stato sostenuto in quegli stessi anni anche da Conestabile della Staffa –, che per un insegnamento accademico aggiornato, d’impronta germanica, occorressero strumenti per esplorare la dimensione materiale degli argomenti trattati: «…modelli, gessi, calchi, fotografie e copie di ogni genere, senza le quali le lezioni non possono arrecare alcun frutto». Ma appare estremamente interessante come nel corso degli anni egli si avvicini a quelle proposte che, marcando una possibile risposta alla crisi degli studi antichi in Italia, si allontanavano però in una certa misura dall’aureo modello tedesco, disegnando quel che Fiorelli chiamava «vera scienza italiana delle antichità».

  • 67   I brani della Prolusione intitolata Del Museo Nazionale di Palermo e del suo avvenire sono tratti (...)
  • 68   De Vido 2001; Spatafora 2014a.

28E tanto più significativa appare la consonanza che nel corso degli anni viene maturando con quanto in anni lontani Fiorelli aveva progettato per il Museo di Napoli (Milanese 2001), immaginandolo come innovativo luogo di formazione per studiosi di antichità, quel modello che poi avrebbe proposto per la sua Scuola archeologica di Pompei. Come studioso e ‘conservatore’ di antichità – nel nuovo incarico di affiancamento per l’allestimento del Museo Archeologico di Palermo cui lo destina la Commissione di Antichità e Belle Arti e poi in quello di Direttore che terrà per quarant’anni dal 1874 (Spatafora 2014b: 25) – egli aveva maturato l’idea che le testimonianze del passato raccolte nei musei dovessero avere un obiettivo educativo: «…porgere per mezzo dei monumenti genuini e classificati con esattezza una immagine vera e genuina dell’arte e della vita dei secoli precedenti». Un filo rosso legava per Salinas la funzione di «ben conservare le opere d’arte» e quella di conoscerle e studiarle, un legame tanto imprescindibile da plasmare per lui l’essenza stessa dei musei, e da far sì che essi, «ove non siano messi in continui rapporti con l’insegnamento, giovino più a vana pompa, che a vera utilità»67. Se imparare l’archeologia significava sentire, conoscere, sperimentare concretamente, pure si rendeva necessaria una prassi che, nei luoghi deputati alla conoscenza e alla conservazione dei documenti della storia, si aprisse alla società, anzi, di più, alla collettività. Perché fra la dimensione ‘privata’ della passione per gli studi e le antichità, eredità della gloriosa antiquaria siciliana cui tanto doveva la sua formazione giovanile, e quella pubblica fede, ottocentesca e positivista, nel «progredimento» della civiltà nazionale, stava l’idea risorgimentale che le testimonianze del passato, per il loro valore educativo e civile, fossero «pubblico bene» consegnato al presente come un percorso di auto-svelamento in cui la collettività potesse ritrovare se stessa e i propri obiettivi di nazione. Per questo motivo voleva rendere oggetto d’interesse «insieme all’arte anche la vita…», sull’esempio dei musei europei dove «insieme alle grandi creazioni d’arte, sono disposti, secolo per secolo, i mobili, gli abiti, gli utensili della vita domestica». E dunque la scelta d’insegnare all’Università, prima, e poi anche di provarsi nell’impresa di sottrarre con il Museo di Palermo alla dimenticanza e all’inutilità un’autentica istituzione culturale, dotata di importanti e vaste collezioni ma anche di una sua logica organizzativa e di personale attento, ben formato e ben diretto68. Un museo europeo. Anche in questo campo, dunque, in cui l’accademico si fonde al funzionario e al rappresentante dello Stato, si coglie una consonanza fra il percorso di Salinas e il pensiero di Fiorelli, col quale i rapporti saranno sempre fattivi.

  • 69   Vid. da ultimo Spatafora 2014a e i diversi saggi su singoli scavi e ricerche in Spatafora-Gandolf (...)

29Ma l’assommare così gravi impegni e responsabilità, quali quelle che gli venivano dalla didattica, dalla direzione del Museo e dal diuturno impegno del suo arricchimento e sistemazione, e infine dall’attività di tutela sul vastissimo territorio della Sicilia occidentale-settentrionale69, aveva un prezzo e a Salinas costò il brillante profilo di studioso, fiorito promettente dagli anni felici della ricerca e degli studi all’estero. Il suo «maestro Mommsen», quell’orso di Mommsen, come lo chiama negli scritti confidenziali, lo riprenderà aspramente «…per questo sciupio di tempo che io faccio per causa del Museo» (lettera ad Amari 6.11.1877 in Cimino 1985: 148). Era, il suo, infine, una sorta di tradimento a quel modello di impegno negli studi e nel sapere teoretico al quale era stato educato, era restare impigliati nel margine, imprigionati in una dimensione limitata della ricerca, perdendo energie nella dura lotta sotterranea col centralismo ministeriale da un lato e con le forze centrifughe dei funzionari locali dall’altro. Quella sfida sarebbe stata per un’altra generazione.

Bibliographie

Ampolo C., 1997, Storie greche. La trasformazione della moderna storiografia sugli antichi Greci, Torino, Einaudi.

Barbanera M., 1998, L’archeologia degli Italiani. Storia, metodi e orientamenti dell’archeologia classica in Italia, Roma, Editori Riuniti.

Barbanera M., 2001, Il sorgere dell’archeologia in Italia nella seconda metà dell’Ottocento, in Antiquités, archéologie et construction nationale au XIXe siècle. Journées d’études (Rome 29-30 avril 1999 et Ravello 7-8 avril 2000), «Mélanges de l’Ecole française de Rome. Italie et Méditerranée» 113. 2: 493-505.

Barbanera M., 2015, Storia dell’archeologia classica in Italia. Dal 1764 ai giorni nostri, Roma-Bari, Laterza.

Barnabei M.-Delpino F., 1991, Le “Memorie di un archeologo” di Felice Barnabei, Roma, De Luca Edizioni d’Arte.

Blanck H., 1998, Naxos in alcuni documenti ottocenteschi dell’Istituto Archeologico Germanico di Roma, in M. C. Lentini (a cura di), Naxos a quarant’anni dall’inizio degli scavi. Atti della Tavola Rotonda (Giardini-Naxos 26-27 ottobre 1995), Giardini Naxos (Messina), Museo archeologico di Naxos: 23-36.

Bonghi Jovino M., 2011, La Scuola Archeologica di Pompei e le due anime dell’archeologia risorgimentale, in G. M. Della Fina (a cura di), La fortuna degli Etruschi nella costruzione dell’Italia unita. Atti del XVIII Convegno Internazionale di Studi sulla Storia e l’archeologia dell’Etruria, Orvieto, Quasar 18: 413-424.

Borbein A. H., 1988, Ernst Curtius, Alexander Conze, Reinhard Kekulé: Probleme und Perspektiven der Klassischen Archäologie zwischen Romantik und Positivismus, in K. Christ-A. Momigliano (a cura di), L’Antichità nell’Ottocento in Italia e Germania/Die Antike im 19. Jahrhundert in Italien und Deutschland. Atti della Settimana di Studio (Trento 1 - 5 settembre 1986), Bologna, Il Mulino/Berlin, Duncker & Humblot: 275-302.

Brice C., 2001, Antiquité, archéologie et construction nationale en Italie: quelques pistes de recherche, in Antiquités, archéologie et construction nationale au XIXe siècle. Journées d’études (Rome 29-30 avril 1999 et Ravello 7-8 avril 2000), «Mélanges de l’Ecole française de Rome. Italie et Méditerranée» 113. 2: 475-492.

Canfora L., 1980, Ideologie del classicismo, Torino, Einaudi.

Capaldi C.-Fröhlich T.-Gasparri C. (a cura di), 2014, Archeologia italiana e tedesca in Italia durante la costituzione dello Stato Unitario, Atti delle giornate internazionali di studio (Roma 20-21 settembre – Napoli 23 novembre 2011), «Quaderni del Centro Studi Magna Grecia» 20, Napoli, Naus.

Christ K., 1988, Aspekte der Antike-Rezeption in der deutschen Altertumswissenschaft des 19. Jahrhunderts, in K. Christ-A. Momigliano (a cura di), L’Antichità nell’Ottocento in Italia e Germania/Die Antike im 19. Jahrhundert in Italien und Deutschland. Atti della Settimana di Studio (Trento 1 - 5 settembre 1986), Bologna, Il Mulino/Berlin, Duncker & Humblot: 21-37.

Cianciolo Cosentino G., 2007, Francesco Saverio Cavallari architetto senza frontiere tra Sicilia Germania e Messico, Palermo, Caracol.

Cianciolo Cosentino G., 2012, L’architetto e l’arabista. Un carteggio inedito: Francesco Saverio Cavallari a Michele Amari (1843-1889), trascrizione e note di G. Sinagra, Palermo, Assessorato dei Beni culturali e dell’Identità siciliana, Sicilia/Biblioteche on line 2, http://www.bibliotecacentraleregionesiciliana.it/Carteggio_Cavallari_Amari.pdf.

Cicala L., 2014, Problemi della ricerca in Magna Grecia nella seconda metà dell’Ottocento, in C. Capaldi-T. Fröhlich-C. Gasparri (a cura di), Archeologia italiana e tedesca in Italia durante la costituzione dello Stato Unitario. Atti delle giornate internazionali di studio (Roma 20-21 settembre – Napoli 23 novembre 2011), «Quaderni del Centro Studi Magna Grecia» 20, Napoli, Naus: 315-333.

Cimino G., 1985, Lettere di Antonino Salinas a Michele Amari, Palermo, Biblioteca centrale della Regione siciliana.

Conestabile della Staffa G. C., 1869, Sull’insegnamento classico in Germania e sovra una Scuola di arte in Weimar. Lettera del Conte G. Conestabile al Ch. Prof. P. Villari, «Nuova Antologia» 10: 609-623.

Conestabile della Staffa G. C., 1873, Sull’insegnamento della Scienza delle Antichità in Italia, «Rivista di Filologia e d’Istruzione Classica» 1: 541-551.

De Angelis F., 1993, Giuseppe Fiorelli: la “vecchia” antiquaria di fronte allo scavo, in S. Settis (a cura di), L’archeologia italiana dall’Unità al Novecento, «Ricerche di Storia dell’Arte» 50: 6-16.

Delpino F., 2014, L’archeologia a Roma intorno al 1870: tra cosmopolitismo e contrapposti nazionalismi, in C. Capaldi-T. Fröhlich-C. Gasparri (a cura di), Archeologia italiana e tedesca in Italia durante la costituzione dello Stato Unitario, Atti delle giornate internazionali di studio (Roma 20-21 settembre – Napoli 23 novembre 2011), «Quaderni del Centro Studi Magna Grecia» 20, Napoli, Naus: 11-21.

De Vido S., 1993, Antonino Salinas: il museo come «scuola» e il «genio proprio» delle arti di Sicilia, in S. Settis (a cura di), L’archeologia italiana dall’Unità al Novecento, «Ricerche di Storia dell’Arte» 50: 17-26.

De Vido S., 2001, Mostrare la storia. Palermo e il suo museo, in Antiquités, archéologie et construction nationale au XIXe siècle. Journées d’études (Rome 29-30 avril 1999 et Ravello 7-8 avril 2000), «Mélanges de l’Ecole française de Rome. Italie et Méditerranée» 113.2: 739-758.

Faedo L., 2010, Cento anni di Archeologia nell’Università di Pisa (1861-1961), «Annali di Storia delle Università italiane» 14: 165-173.

Ferrara B., 2014, Poseidonia/Paestum e l’archeologia tedesca nell’Italia post-unitaria, in C. Capaldi-T. Fröhlich-C. Gasparri (a cura di), Archeologia italiana e tedesca in Italia durante la costituzione dello Stato Unitario, Atti delle giornate internazionali di studio (Roma 20-21 settembre – Napoli 23 novembre 2011), «Quaderni del Centro Studi Magna Grecia» 20, Napoli, Naus: 335-347.

Forster K. W., 1996, L’ordine dorico come diapason dell’architettura moderna, in S. Settis (a cura di), I Greci. Storia Cultura Arte Società 1. Noi e i Greci, Torino, Einaudi: 665-670.

Fraschetti A., 1982, Per Bartolomeo Borghesi: antiquari e tecnici sulla cultura italiana dell’Ottocento, in Bartolomeo Borghesi, Scienza e libertà, Atti del colloquio internazionale AIEGL (1981), Bologna, Pàtron: 135-157.

Fraschetti A., 1999, Intervento in S. De Caro-P. G. Guzzo (a cura di), A Giuseppe Fiorelli. Nel primo centenario della morte, Napoli, Arte Tipografica: 51-52.

Frisone F., [in corso di stampa], Les objets fous de Palerme e et d’autres histoires fantastiques d’épigraphie créative, in Impostures Savantes. Le faux, une autre science de l’antique? Colloque International (Paris 6 et 7 mai 2015).

Gandolfo L., 2014, La famiglia e la prima giovinezza, in F. Spatafora–L. Gandolfo (a cura di), “Del Museo di Palermo e del suo avvenire”. Il Salinas ricorda Salinas, Palermo, Assessorato dei Beni culturali e dell’Identità siciliana: 12-17.

Grafton A., 2001, «Germanograecia»: lo spazio del greco nel sistema d’istruzione, in S. Settis (a cura di), I Greci. Storia Cultura Arte Società. 3. I Greci oltre la Grecia, Torino, Einaudi: 1263-1286.

Guzzo P. G., 2001, Ostacoli per una legislazione nazionale della tutela dell’archeologia dopo l’Unità, in Antiquités, archéologie et construction nationale au XIXe siècle. Journées d’études (Rome 29-30 avril 1999 et Ravello 7-8 avril 2000), «Mélanges de l’Ecole française de Rome. Italie et Méditerranée» 113.2: 539-547.

Heydemann G., 1988, Deutscher und Britischer Philhellenismus. Ein Vergleich, in K. Christ-A. Momigliano (a cura di), L’Antichità nell’Ottocento in Italia e Germania/Die Antike im 19. Jahrhundert in Italien und Deutschland. Atti della Settimana di Studio (Trento 1 - 5 settembre 1986), Bologna, Il Mulino/Berlin, Duncker & Humblot: 361-396.

Horstmann A., 1988, August Boeckh und die Antike-Rezeption im 19. Jahrhundert, in K. Christ-A. Momigliano (a cura di), L’Antichità nell’Ottocento in Italia e Germania/Die Antike im 19. Jahrhundert in Italien und Deutschland. Atti della Settimana di Studio (Trento 1 - 5 settembre 1986), Bologna, Il Mulino/Berlin, Duncker & Humblot: 39-75.

Kolbe H. G., 1980, La trasformazione dell’Instituto di Corrispondenza Archeologica in Istituto Archeologico Germanico, in G. Carrettoni-H. G. Kolbe-M. Pavan, L’Instituto di Corrispondenza Archeologica, Roma, Istituto di studi romani 17-20.

La Penna A., 1983, Università e Istruzione pubblica, in Storia d’Italia. 18. I Documenti. Istituzioni e Società Civile, Torino, Einaudi: 1739-1779.

Ligota C.R., 1996, An Inferiority Complex. Review of Polverini L. (a cura di): Lo studio storico del mondo antico nella cultura italiana dell’Ottocento, «The Classical Review» 46.2: 364-365.

Lo Iacono G. (a cura di), 2014, L’Attività della Commissione di antichità e Belle Arti in Sicilia, Parte VI. Verbali delle Riunioni della Commissione 1873-1875, «Quaderni del Museo Archeologico Regionale ‘Antonino Salinas’» Supplemento 9.

Lupi C., 1881, L’insegnamento dell’archeologia nelle nostre Università, «Nuova Antologia» 56: 74-79.

Marchand S. L., 1996, Down from Olympus. Archaeology and Philhellenism in Germany (1750-1970), Princeton, Princeton University Press.

Marconi C. (a cura di), 2002, L’Attività della Commissione di Antichità e Belle Arti in Sicilia, Parte V. Verbali delle Riunioni della Commissione 1861-1871, «Quaderni del Museo Archeologico Regionale ‘Antonino Salinas’» Supplemento 8.

Mazzarino S., 1972-73, Germanesimo culturale negli studi romani dell’Ottocento italiano, «Annali dell’Università di Padova»: 931-939.

Merra A., 2014, Gli studi in Europa, in F. Spatafora-L. Gandolfo L. (a cura di), “Del Museo di Palermo e del suo avvenire”. Il Salinas ricorda Salinas, Palermo, Assessorato dei Beni culturali e dell’Identità siciliana: 18-21.

Milanese A., 2001, Real Museo Borbonico e costruzione nazionale. Spunti di riflessione, in Antiquités, archéologie et construction nationale au XIXe siècle. Journées d’études (Rome 29-30 avril 1999 et Ravello 7-8 avril 2000), «Mélanges de l’Ecole française de Rome. Italie et Méditerranée» 113.2: 585-598.

Momigliano A., 1984, Sui fondamenti della storia antica, Torino, Einaudi.

Momigliano A., 1986, Studi classici per un paese ‘classico’. Il caso dell’Italia nel XIX e nel XX secolo, «Atene&Roma» n.s. 31: 115-132.

Momigliano A., 1987, German Romanticism and Italian Classical Studies, in Ottavo contributo alla storia degli studi classici e del mondo antico, Roma, Edizioni di storia e letteratura: 59-72.

Momigliano A., 1988, Introduzione, in K. Christ, A. Momigliano (a cura di), L’Antichità nell’Ottocento in Italia e Germania/Die Antike im 19. Jahrhundert in Italien und Deutschland. Atti della Settimana di Studio (Trento 1 - 5 settembre 1986), Bologna, Il Mulino/Berlin, Duncker & Humblot: 9-20.

Mommsen Th., 1874, Sull’insegnamento della scienza dell’antichità in Italia. Lettera a Gian Carlo Conestabile della Staffa, «Rivista di Filologia e d’Istruzione Classica» 2: 74-77.

Montevecchi L.-Raicich M. (a cura di), 1995, L’inchiesta Scialoja sulla istruzione secondaria maschile e femminile (1872-1875), Roma, Ministero per i beni culturali e ambientali. Ufficio centrale per i beni archivistici.

Muscolino F., 2013, Michele Amari e Theodor Mommsen, «Athenaeum» 101. 2: 683-692.

Muscolino F., 2014, Scoperte e restauri a Taormina e l’Instituto di Corrispondenza Archeologica, in C. Capaldi-T. Fröhlich-C. Gasparri (eds.), Archeologia italiana e tedesca in Italia durante la costituzione dello Stato Unitario, Atti delle giornate internazionali di studio (Roma 20-21 settembre – Napoli 23 novembre 2011), «Quaderni del Centro Studi Magna Grecia» 20, Napoli, Naus: 107-118.

Pavan M., 1980, La cultura a Roma e la fondazione dell’Istituto di Corrispondenza Archeologica nel 1829, «Studi romani» 28.2: 192-200.

Pelagatti P., 2001, Dalla Commissione Antichità e Belle Arti di Sicilia (CABAS) alla amministrazione delle Belle Arti nella Sicilia post-unitaria. Rottura e continuità amministrativa, in Antiquités, archéologie et construction nationale au XIXe siècle. Journées d’études (Rome 29-30 avril 1999 et Ravello 7-8 avril 2000), «Mélanges de l’Ecole française de Rome. Italie et Méditerranée» 113.2: 599-621.

Pirson F., 1999, Giuseppe Fiorelli e gli studiosi tedeschi, in S. De Caro-P. G. Guzzo (a cura di), A Giuseppe Fiorelli. Nel primo centenario della morte, Napoli, Arte Tipografica: 25-41.

Pommier E., 2001, Arte e libertà. Winckelmann e i suoi seguaci, in S. Settis (a cura di), I Greci. Storia Cultura Arte Società. 3. I Greci oltre la Grecia, Torino, Einaudi: 1287-1310.

Rausa F., 2014, Julius Achubring, pioniere degli studi sulla topografia storica di Akragas, in C. Capaldi-T. Fröhlich-C. Gasparri (a cura di), Archeologia italiana e tedesca in Italia durante la costituzione dello Stato Unitario, Atti delle giornate internazionali di studio (Roma 20-21 settembre – Napoli 23 novembre 2011), «Quaderni del Centro Studi Magna Grecia», Napoli, Naus: 349-362.

Salinas A., 1873, Del Real Museo di Palermo, Palermo, Stab. tip. Lao.

Muscolino F., 1976, Scritti scelti, a cura di V. Tusa, vol. I-II, Palermo, Edizioni della Regione siciliana.

Salmeri G., 1993, L’antiquaria italiana dell’Ottocento, in L. Polverini (a cura di), Lo studio storico del mondo antico nella cultura italiana dell’Ottocento. Incontri perugini di storia della storiografia antica e sul mondo antico, 3. (Acquasparta 1988), Napoli, Edizioni Scientifiche Italiane: 265-298.

Sampaolo V., 2014, Disegnatori italiani e tedeschi a Pompei nel periodo unitario, in C. Capaldi-T. Fröhlich-C. Gasparri, Archeologia italiana e tedesca in Italia durante la costituzione dello Stato Unitario, Atti delle giornate internazionali di studio (Roma 20-21 settembre – Napoli 23 novembre 2011), «Quaderni del Centro Studi Magna Grecia» 20, Napoli, Naus: 305-313.

Settis S., 1993, Da centro a periferia. L’archeologia degli Italiani nel secolo XIX, in L. Polverini (a cura di), Lo studio storico del mondo antico nella cultura italiana dell’Ottocento. Incontri perugini di storia della storiografia antica e sul mondo antico, 3. (Acquasparta 1988), Napoli, Edizioni Scientifiche Italiane: 301-334.

Snell B., 1963, La cultura greca e le origini del pensiero europeo, Torino, Einaudi (ed. orig. 1946, Die Entdeckung des Geistes. Studien zur Entstehung des europäischen Denkens bei den Griechen).

Spatafora F., 2014a, La carriera accademica, in F. Spatafora-L. Gandolfo (a cura di), “Del Museo di Palermo e del suo avvenire”. Il Salinas ricorda Salinas, Palermo, Assessorato dei Beni culturali e dell’Identità siciliana: 22-24.

Spatafora F., 2014b, Direttore del Museo di Palermo e Soprintendente Salinas, in F. Spatafora-L. Gandolfo (a cura di), “Del Museo di Palermo e del suo avvenire”. Il Salinas ricorda Salinas, Palermo, Assessorato dei Beni culturali e dell’Identità siciliana: 25-27.

Spatafora F.-Gandolfo (a cura di), 2014, “Del Museo di Palermo e del suo avvenire”. Il Salinas ricorda Salinas, Palermo, Assessorato dei Beni culturali e dell’Identità siciliana.

Tagliamonte G., 2014, L’Italìa e i ‘popoli italici’ fra documentazione antica e dottrina moderna, in Da Italìa a Italia. Le radici di un’identità, Atti del LI Convegno di Studi sulla Magna Grecia (Taranto 29 settembre-2 Ottobre 2011), Taranto, Istituto per la Storia e l’Archeologia della Magna Grecia: 281-318.

Treves P. (a cura di), 1962, Lo studio dell’antichità classica nell’Ottocento, Milano/Napoli, Riccardo Ricciardi Editore.

Tusa V., 1978, Antonino Salinas nella cultura palermitana, «Archivio Storico Siciliano» S.IV. 4: 429-444.

Vidargas F., 1997, Dos arquitectos de transicion: Cavallari y Boari, in M. Sartor (a cura di), Artisti italiani in America latina. Presenze, contatto, commerci, «Ricerche di Storia dell’Arte» 67: 73-89.

von Hesberg H., 2014, Il progetto di scavo di Wilhelm Henzen nel santuario degli arvali e a monte Cavo (1872), in C. Capaldi-T. Fröhlich-C. Gasparri (a cura di), Archeologia italiana e tedesca in Italia durante la costituzione dello Stato Unitario, Atti delle giornate internazionali di studio (Roma 20-21 settembre – Napoli 23 novembre 2011), «Quaderni del Centro Studi Magna Grecia» 20, Napoli, Naus: 233-247.

Notes

1   Marchand 1996; Ampolo 1997: 43-56; 79-90; — 1984: 153-184; Momigliano 1986; Christ 1988; Momigliano 1988.

2   Heydemann 1988; Marchand 1996: 36-50; Grafton 2001. Sulle ideologie del classicismo Canfora 1980: 3-8. Un esempio tipico del classicismo che pone un rapporto ‘fondante’ fra mondo antico (greco) e cultura europea contemporanea in Snell 1963: «Il pensiero nelle sue forme logiche comuni a noi Europei è sorto presso i Greci, e anzi da quel tempo viene considerato come l’unica forma possibile di pensiero» (9).

3   Mi riferisco in particolare ai due incontri tenutisi a Roma, nel 140° anniversario della breccia di Porta Pia, e a Napoli nel successivo novembre 2011, ora editi in Capaldi-Fröhlich-Gasparri 2014.

4   Ferrara 2014; Sampaolo 2014.

5   Forster 1996; Ferrara 2014: 337-339.

6   Cicala 2014; Ferrara 2014; Muscolino 2014; von Hesberg 2014.

7   Treves 1962; La Penna 1983: 1747; Momigliano 1986; — 1988; Salmeri 1993; Settis 1993; Ampolo 1997: 98-103.

8   Settis 1993; Barbanera 2001: 494-495; — 2015: 31-43.

9   Barbanera 1998: 34-39, con riferimento anche alla discussione che al tempo della problematica prima istituzione della Scuola Archeologica di Pompei vide studiosi italiani e tedeschi riflettere sulla natura (e sulla dignità formativa) dell’archeologia come prassi. Cfr. inoltre Bonghi Jovino 2011: 415-420.

10   Brice 2001: 480-488; Bonghi Jovino 2011: 414-415.

11   Barbanera 2015.

12   Momigliano 1984: 60-61; Pommier 2001. Su Winckelmann e l’archeologia antiquaria cfr. in sintesi Barbanera 2015: 13-16.

13   Treves 1962: 4-73; Settis 1993; Barbanera 2015: 17-22, con indicazioni bibliografiche: 29-30.

14   Mazzarino 1972-73; Fraschetti 1982; Momigliano 1987.

15   Momigliano 1987: 68-69; Ampolo 1997: 79-83.

16   Momigliano 1984: 31-33; Brice 2001: 480-485; Tagliamonte 2014.

17   Momigliano 1986; Brice 2001: 479-483.

18   Momigliano 1984: 81-82; Horstmann 1988; Ampolo 1997: 48-49.

19   Momigliano 1988; Ampolo 1997: 49-56.

20   Sul taglio delle ricerche e dei progetti editoriali di questo periodo cfr. Ampolo 1997: 81-93.

21   Per i problemi dell’istruzione scolastica detta ‘mezzana’ nel gergo del tempo cfr. gli atti della commissione d’inchiesta Scialoja in Montevecchi-Raicich 1995. Sull’Università cfr. le osservazioni di Pasquale Villari in La Penna 1983: 1739-1757 e i ricordi e le riflessioni di F. Barnabei (in Barnabei-Delpino 1991: 76) e di G.C. Conestabile della Staffa (1873).

22   Momigliano 1987: 69-70.

23   Barbanera 2001: 494.

24   Marchand 1996: 97-103; Barbanera 2001: 494.

25   Per le iniziative su questo fronte cfr. Guzzo 2001.

26   Barbanera 2015: 42-43.

27   E di fatto mancarono finanche gli ammessi ai primi concorsi della Scuola Archeologica di Pompei, voluta da Giuseppe Fiorelli, Direttore Generale delle Antichità: Barbanera 2015: 49-50.

28   Un’analisi preceduta e seguita da una intensa discussione pubblica su riviste nazionali, su cui cfr. La Penna 1983.

29   Conestabile della Staffa 1869; 1872-1873; Mommsen 1874. Altre voci di accademici si inserirono in tale dibattito, direttamente, come gli studiosi francesi E. Renan, M. Breal e A. Dumont (cfr. Mommsen 1874: 77), o indirettamente, come Salinas 1873 e Lupi 1881, nonché immediatamente lo stesso Fiorelli: cfr. Barbanera 1998: 57-59.

30   Cfr. in tal senso le osservazioni sulla conduzione della cattedra pisana di archeologia in Faedo 2010.

31   Delpino 2014; Barbanera 2015.

32   Di eccellente formazione antiquaria (numismatica ed epigrafica) e archeologo, nonché dotato di benemerenze patriottiche, divenne professore di archeologia nell’università di Napoli (1860-63), poi Direttore del Museo di Napoli e degli scavi di Pompei, nonché Senatore del regno (1865).

33   Fiorelli, lettera a Paquale Villari, cit. in Barbanera 2001.

34   Di essa si può considerare testimonianza anche la pubblica discussione seguita al difficile inizio della Scuola di Pompei e all’inchiesta ministeriale condotta da P. Villari, con interventi di Mommsen e di Schöne.

35   De Angelis 1993; Pirson 1999.

36   Mazzarino 1972-73; Fraschetti 1999.

37   Momigliano 1986; — 1987; Barbanera 2001: 501-502; — 2015: 66-67.

38   Diversamente in Cianciolo Cosentino 2007, dettagliato profilo biografico di Cavallari, sebbene sotto alcuni aspetti tendente all’agiografia. Gli aspetti più intensi del Cavallari uomo d’azione e patriota sono messi in luce da Cianciolo Cosentino 2012: 10-20.

39   Cfr. Tusa 1978 e già in Salinas 1976: 7-9; De Vido 1993: 19; Gandolfo 2014a: 13-14.

40   Grazie alla madre, Teresa Gargotta, cultrice di studi antiquari e collezionista, il giovanissimo Salinas a nove anni è già in possesso dei primi rudimenti di numismatica e appena undicenne è ammesso come socio onorario nell’Accademia Peloritana dei Pericolanti: cfr. V. Tusa in Salinas 1976: 8; Gandolfo 2014a: 13-14.

41   Sul rilevante contributo di Michele Amari alla riorganizzazione delle attività di tutela e conservazione delle antichità siciliane, attraverso il riassetto della Commissione per le Antichità e Belle Arti di Sicilia, le cui competenze vengono nel 1863 ridefinite e adattate alle nuove esigenze soprattutto attraverso la stesura di un preciso regolamento riguardante la struttura, la competenza e le modalità d’azione dell’organismo, cfr. Pelagatti 2001: 605-608.

42   Carteggio Amari, Göttingen, 22 maggio 1844; 9 luglio 1845; 13 agosto 1846; 3 giugno 1848; ‘riserbatissima’ da Palermo, 13 novembre 1866; e Palermo, 6 luglio 1867. Perfino quando sembra prendere le difese del Serradifalco, come nella lettera da Palermo del 22 ottobre 1872, Cavallari ha per il defunto duca una stilettata. Cfr. in Cianciolo Cosentino 2012: 48; 50; 58; 60; 84; 92; 152.

43   Cianciolo Cosentino 2004. L’associazione del duca fra i membri italiani dell’Instituto di Corrispondenza Archeologica è registrata fin dal primo Bollettino pubblicato col «manifesto dell’associazione» («Bullettino dell’Instituto di Corrispondenza archeologica» 1829.1: VIII). Per l’attività di Serradifalco a Taormina e la ricezione delle sue ricerche da parte di Gerhard e di tutto il gruppo dell’Instituto cfr. Muscolino 2014: 108-111 e note 8-15.

44   Cfr Carteggio Amari IV, 1502 poi in Cianciolo Cosentino 2012: 84. Cavallari compare fra i corrispondenti dell’Instituto di Corrispondenza da Palermo (cfr. «Bullettino dell’Instituto di Corrispondenza archeologica», 1840, 12: 186), prima dall’Italia e poi, dopo il trasferimento oltre Atlantico, dal Messico. Diviene infine membro ordinario dopo il suo ritorno in Italia.

45   Cianciolo Cosentino 2007: 32-43; — 2012: 1-2.

46   Contrariamente a quanto Cavallari amava ricordare, con quel po’ di vanagloria che certo non gli mancava, i suoi «gradi accademici» non si dovevano propriamente all’assiduità dei suoi studi: ma cfr. Carteggio Amari, Palermo, 3 ottobre 1877 in Cianciolo Cosentino 2012: 190.

47   Cianciolo Cosentino 2012: 1; 170; 8-15 per l’irrequietezza del profilo biografico.

48   Per l’attività di architetto in Messico cfr. Vidargas 1997. In generale sulle peregrinazioni in Italia e all’estero Cianciolo Cosentino 2007; — 2012: 10-20.

49   Pelagatti 2001: 604-605, con riferimenti alla documentazione. Cianciolo Cosentino 2012: 20-27, ma con una non sempre corretta visione dei rapporti.

50   Lo sbilanciamento fra competenze e capacità decisionale all’interno della Commissione e nei rapporti di questa con il Direttore delle Antichità, che da essa dipendeva, sarà origine di non poche difficoltà e attriti. Amari riceverà dall’amico pettegolezzi e impagabili quadretti al vetriolo sulle riunioni di questi pomposi signori: Carteggio Amari, Palermo, 7 settembre 1865; 13 novembre 1866; 14 giugno 1867 in Cianciolo Cosentino 2012: 76-78; 83-85; 88-90. D’altra parte, la posizione subordinata di Cavallari emerge chiaramente dagli atti della Commissione di Antichità e Belle Arti in Sicilia (Marconi 2002; Lo Iacono 2014).

51   Se in un primo tempo Cavallari deve aver immaginato di trovare in Salinas un utile sostegno accademico al suo ruolo nella Commissione (Carteggio Amari, Palermo, 14 giugno 1867 e 6 luglio 1867 in Cianciolo Cosentino 2012: 90; 92 e cfr. la lettera di Salinas ad Amari da Parigi del 24.6 1864 in Cimino 1985: 25), il quadro dei rapporti si modifica (cfr. p.es. Carteggio Amari, Palermo, 4 maggio 1869 e 29 ottobre 1871 in Cianciolo Cosentino 2012: 108; 128-129), sempre più rapidamente dopo le riforme del 1874 e la direzione nazionale di Fiorelli (Carteggio Amari, Siracusa 19 giugno 1872 e Palermo, 24 febbraio 1873 in Cianciolo Cosentino 2012: 145-147; 160-161). In particolare, nelle lettere ad Amari, Cavallari arriva a chiamare il Salinas Mefistofele e ad accusarlo di averlo voluto allontanare dal servizio attivo (Carteggio Amari, Siracusa, maggio 1884 in Cianciolo Cosentino 2012: 90). Eco delle polemiche si ha anche, in termini assai più contenuti, nel carteggio privato fra Salinas e Amari (cfr. p.es. le lettere ad Amari del 20.2.1873, o del 20.1.1874 in Cimino 1985: 80-81; 99 e passim).

52   Carteggio Amari, Siracusa 19 giugno 1872; Monte S. Giuliano 19 ottobre 1877; Siracusa 18 giugno 1873 in Cianciolo Cosentino 2012: 146; 163-164;191-192.

53   Frisone [in corso di stampa].

54   Carteggio Amari, Palazzolo Acreide, 22 giugno 1872; Palermo 30 luglio 1872; 8 maggio 1879 in Cianciolo Cosentino 2012: 148; 150; 192 e passim.

55   «Notizie degli Scavi di Antichità» 1879: 156-159; «Notizie degli Scavi di Antichità» 1880: 152-162. Sulla proverbiale fortuna di Cavallari nell’intercettare scoperte prestigiose cfr. Carteggio Amari, Trapani 20 marzo 1874 e Palermo 8 maggio 1879 in Cianciolo Cosentino 2012: 181; 193.

56   Resta il dubbio che lo sia anche nella concezione ottocentesca dove è indicativa da un lato la definizione di Mommsen di archeologia come «antichità figurate e storia dell’arte antica» (1874: 76) e dall’altro rilevano le posizioni di studiosi italiani come Conestabile della Staffa (1873: 546), Fiorelli (in Barbanera 2015: 49-53 e cfr. anche Milanese 2001 e Bonghi Jovino 2011) o Salinas.

57   Frisone [in corso di stampa]. Cfr. Carteggio Amari, Palermo 1 settembre 1873 in Cianciolo Cosentino 2012: 169 e, per il pesantissimo giudizio espresso su di lui da Mommsen a tal riguardo in una lettera a W. Henzen del 14 ottobre 1877, Blanck 1998: 36.

58   Carteggio Amari, Siracusa 19 novembre 1870; Palermo 22 febbraio 1871; 29 ottobre 1871; 22 ottobre 1872; Siracusa 18 giugno 1873; Palermo 22 luglio 1873; Acropoli di Selinunte 27 febbraio 1877; Siracusa 16 maggio 1884 in Cianciolo Cosentino 2012: 146; 165-166; 189;191-192; 195-196.

59   Osservazioni di Cavallari sul lavoro di Schubring in Cianciolo Cosentino 2012: 187. Sulle ricerche di Schubring vid. Rausa 2014.

60   Cimino 1985; De Vido 1993.

61   Cimino 1985: XXIII-XXXI; Merra 2014.

62   Cit. in Salinas 1976: 10.

63   Salinas 1976, I: 71-113.

64   Cfr. i riferimenti in Pelagatti 2001: 611, che giustamente sottolinea il valore dell’operato di Salinas. Ciò nonostante una certa diminutio accompagna il suo ricordo sia in De Vido 1993: 23-24 sia, soprattutto in Barbanera 2015: 40; 42.

65   Salinas 1976, I: 27-45. De Vido 1993: 18-19; Spatafora 2014a: 22-23.

66   Spatafora-Gandolfo 2014.

67   I brani della Prolusione intitolata Del Museo Nazionale di Palermo e del suo avvenire sono tratti da Salinas 1976, I: 54-64. Per una appassionata analisi della dimensione progettuale e ideale di questa esperienza di Salinas cfr. De Vido 2001, in particolare 739-742.

68   De Vido 2001; Spatafora 2014a.

69   Vid. da ultimo Spatafora 2014a e i diversi saggi su singoli scavi e ricerche in Spatafora-Gandolfo 2014.

Auteur

Professore di Storia Greca presso l’Università del Salento, conduce indagini sulla documentazione storica e storiografica greca di età arcaica, classica ed ellenistica, con specifica attenzione alla storia sociale e politica e alle testimonianze di ambito rituale. È autrice di monografie specialistiche e di oltre settanta pubblicazioni scientifiche. Si occupa in particolare di ricerche sull’ideologia funeraria greca e sulle implicazioni religiose, sociali, giuridiche dei rituali funebri nel mondo antico, tema su cui ha pubblicato il volume Leggi e regolamenti funerari nel mondo greco. I. Le fonti epigrafiche, Galatina, Congedo Editore, 2000. Ha condotto e diretto ricerche sui fenomeni della colonizzazione greca e della mobilità umana nel Mediterraneo di età arcaica e classica, con particolare riferimento alle esperienze insediative in Magna Grecia e in Sicilia (su cui ha pubblicato, con M. Lombardo, Colonie di colonie: le fondazioni sub-coloniali greche tra colonizzazione e colonialismo, Galatina, Congedo Editore, 2009 e Greek Secondary Colonisation, in Greek Colonisation. An Account of Greek Colonies and Other Settlements Overseas, a cura di Gocha R. Tsetskhladze, vol. III, Leiden/Boston, Brill). 
Si è occupata inoltre di studi sulla storia dell’antiquaria e dell’archeologia in Italia nel XIX secolo e, più di recente, di problematiche inerenti alla public history.Su questi temi ha curato l’allestimento di mostre ed esposizioni, organizzato convegni scientifici di rilevanza internazionale e tenuto seminari presso atenei e istituti di ricerca, italiani ed esteri, nonché conferenze pubbliche a carattere divulgativo

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search