Version classiqueVersion mobile

La densità meravigliosa del sapere

 | 
Maurizio Pirro

Italiani a Parigi tra radicalismo politico e Weltliteratur. Per una storia della prima traduzione italiana del Faust1

Michele Sisto

Texte intégral

1. L’introduzione al Faust di Scalvini: un’indagine

  • 1  Questo lavoro è nato nell’ambito del progetto MIUR Futuro in Ricerca Storia e mappe digitali della (...)
  • 2   Così anche nell’ormai indispensabile edizione critica (Scalvini 2012), mentre fa eccezione Heubec (...)
  • 3   Ancora nel 1857 la prima edizione integrale del Faust, che comprende la versione di Scalvini dell (...)

1La prima traduzione italiana del Faust di Goethe, o più esattamente della «prima parte della tragedia», fu realizzata, com’è noto, dal letterato bresciano Giovita Scalvini e pubblicata nel 1835 dall’editore milanese Giovanni Silvestri. Che il libretto contenga anche, come introduzione, il testo Cenni su la vita e su le opere di Volfango Goethe (Anonimo 1835), non viene quasi mai rilevato2. Questa introduzione resta tuttavia per circa vent’anni, fino all’edizione Le Monnier del 1857, la più comune via d’accesso al Faust e all’opera di Goethe nel suo complesso3. Se non ha suscitato l’interesse della critica è probabilmente perché si tratta di un testo anonimo. Sotto il titolo, nell’edizione Silvestri, si legge semplicemente «Dalla Foreign Review», e una nota a piè di pagina spiega: «Questi Cenni sono tolti dal fascicolo XV Dicembre 1830 dell’Indicatore Lombardo, che si pubblica dal Signor Giacinto Battaglia, in Milano» (Anonimo 1835: V).

  • 4   L’ampia recensione sarà più volte ristampata in successive raccolte dei saggi di Carlyle. Per rag (...)

2Nel fascicolo indicato della rivista milanese troviamo in effetti un saggio anonimo su Goethe che si presenta come una traduzione dalla «Foreign Review» (Anonimo 1830), e, sfogliando i numeri della «Foreign Review» dei mesi immediatamente precedenti, ci si imbatte a un certo punto in un articolo su Goethe, che però è tutt’altro che anonimo: si tratta infatti della celebre recensione di Thomas Carlyle (1828) ai volumi VI-X dei Sämtliche Werke di Goethe nell’edizione Cotta4. Nonostante la sua fortunatissima traduzione dei Wilhelm Meisters Lehrjahre sia uscita già nel 1824, Carlyle è ancora assai poco noto fuori dai confini britannici: si spiega così il fatto che il suo nome sia stato omesso, cosa che peraltro corrisponde a una prassi assai comune nelle riviste del tempo.

  • 5   Con la stessa sigla è firmata, sull’«Indicatore Lombardo» dell’ottobre 1830, la traduzione di un (...)

3Se confrontiamo la recensione con la sua traduzione sull’«Indicatore Lombardo», notiamo che le differenze sono assai rilevanti: nella versione italiana il testo originale è ridotto a circa un terzo della sua estensione, ampiamente rimaneggiato e interpolato con alcuni brani di pugno del traduttore, così che nell’insieme la traduzione assume una linea argomentativa sostanzialmente nuova, che dà particolare rilievo al carattere politico dell’opera di Goethe. Chi sia l’autore della traduzione non si può che ipotizzare, dal momento che viene indicato semplicemente con la sigla «G. A.»5. Viene ora naturale chiedersi perché la recensione di Carlyle sia stata tradotta, con quale intento sia stata riscritta e perché proprio a questo strano testo, nel quale peraltro non si parla affatto del Faust, sia stato assegnato l’importante ruolo di introdurre il lettore italiano all’opera di Goethe.

4Queste domande ci forniscono lo spunto per un’indagine sulle riviste e le case editrici del periodo della Restaurazione che, attraverso articoli, recensioni e traduzioni, hanno prodotto in Italia l’immagine pubblica di Goethe e delle sue opere, e in particolare sul ruolo di mediatori che hanno contribuito alla loro lettura letteraria e consacrazione simbolica. Procederemo secondo un metodo ora sistemico ora prosopografico, per individuare gli attori e le strutture che avevano un interesse ad appropriarsi di Goethe e della sua opera, e a rinnovarne la percezione che se ne aveva nel nostro paese.

2. La letteratura tedesca in italia dopo il 1814

  • 6   370 voci sull’arco di mezzo secolo non è molto, ma neanche poco: nel periodo fra il 1668 e il 177 (...)

5Lo strumento più importante per ricostruire la storia e le dinamiche della mediazione di letteratura tedesca sulle riviste della Restaurazione è lo studio di Carlo Carmassi (1984), che comprende anche una bibliografia commentata di 370 tra articoli e traduzioni relativi alla letteratura tedesca pubblicati su 178 riviste letterarie italiane fra il 1800 e il 18476.

6Una prima, notevole cesura si può individuare nell’uscita della traduzione italiana di De l’Allemagne (1814) e del saggio Sulla maniera e l’utilità delle traduzioni (1816) di M.me de Staël, quest’ultimo sulla «Biblioteca Italiana»: ha origine così la contrapposizione fra ‘classici’ e ‘romantici’, laddove essere ‘romantici’ significa in sostanza esplorare le letterature europee moderne, tradurne le opere più caratteristiche e rinnovare la letteratura italiana sulla base di questi nuovi modelli. Le modalità di questa esplorazione sono tuttavia assai diverse, e dipendono dal posizionamento degli attori e delle riviste nel mondo letterario, in cui peraltro proprio in questo periodo si riconoscono i primi timidi segni di autonomizzazione di quello che Bourdieu definirebbe un campo letterario (cfr. Albergoni 2006).

  • 7   A conferma di questo quadro è utile uno sguardo sulle traduzioni da questi autori apparse in volu (...)
  • 8   Di Kotzebue vengono pubblicati a Venezia fra il 1803 e il 1807 non meno di 25 drammi, mentre una (...)
  • 9   Della Lenore di Bürger appaiono, a partire da quella celebre di Berchet, quattro traduzioni tra i (...)

7Le riviste che a partire dal 1814 dedicano un’attenzione relativamente assidua alla letteratura di lingua tedesca sono innanzitutto «Lo Spettatore» (per il quale la bibliografia di Carmassi elenca 18 voci negli anni 1814-17), la «Biblioteca Italiana» (44 voci, 1816-40) e l’«Antologia» (16 voci, 1821-32); più tardi, dopo il 1828, anche l’«Indicatore Lombardo» (31 voci, 1829-37), l’«Eco» (17 voci, 1828-35) e il «Ricoglitore Italiano e straniero» (10 voci, 1834-37); per l’importanza di alcuni dei contributi pubblicati vanno segnalati anche «Il Conciliatore» (4 voci, 1818-19), «L’Ape/La Vespa» (11 voci, 1819-27) e l’«Indicatore Livornese» (5 voci, 1828-29). Il repertorio degli autori più presenti su queste riviste è piuttosto distante dall’attuale canone del primo Ottocento: per il periodo 1800-1826 – prima che, come vedremo, si sviluppi un interesse tutto nuovo e particolare per Goethe – la bibliografia di Carmassi contiene 26 voci relative a Schiller, 10 rispettivamente a Gessner, Kotzebue e A. W. Schlegel, 9 a Wieland e Bürger, 8 a Goethe, 6 a Klopstock e 5 a Winckelmann. Ancora assai rilevante è dunque la presenza degli autori che avevano goduto del più ampio riconoscimento in Italia a partire dagli anni Sessanta del secolo precedente, in primis Winckelmann, Klopstock, Gessner e Wieland7; Kotzebue aveva trovato il suo pubblico nei teatri veneziani dopo che la Serenissima era diventata una provincia dell’Impero asburgico8 (nelle stesse circostanze era stato tradotto – ma con numeri assai meno imponenti – anche Lessing). Nonostante la disputa fra ‘classici’ e ‘romantici’ fosse scoppiata a proposito della traduzione della Lenore di Bürger, la vera scoperta dei ‘romantici’ è senz’altro Schiller: i suoi drammi sono l’impresa letteraria più discussa e imitata degli anni Venti9.

3. Il ‘ferrovecchio’ Goethe: riverito, proibito, travisato

  • 10   Di Goethe appaiono in volume, nel periodo considerato, solo il Werther (di cui fra il 1782 e il 1 (...)
  • 11   La recensione peraltro è a sua volta una traduzione, dal «Mercure de France».
  • 12   Sulle prime traduzioni italiane del Werther: Manacorda 2001.

8Che posto ha Goethe in questo repertorio? Nella bibliografia di Carmassi troviamo, in un quarto di secolo, appena 8 voci10, e quasi sempre si tratta di testi che lo avversano. Si comincia nel 1805 con l’anonima stroncatura di una versione francese del Werther, quella di Sevelinges, nella quale peraltro non si biasima tanto la qualità della traduzione quanto l’idea stessa di mettere in circolazione un libro del genere (E.Q.B. 1805)11. Le successive prese di posizione su Goethe non sono più benevole. Invano si cercherebbe, peraltro, una recensione del Werther negli anni tra il 1774 e il 1830: il romanzo, che pure circola in migliaia di esemplari12 spesso provvisti di un’«apologia» a far le veci di introduzione, è tabù nella sfera pubblica, non se ne può scrivere. L’autore viene considerato immorale e politicamente pericoloso. Così si esprime, per esempio, nel 1815 il censore austriaco del Lombardo-Veneto, Giovanni Petrettini, fine letterato classicista e conservatore, che solo l’anno prima aveva dato alle stampe una Vita di Vittorio Alfieri e nel 1820 sarà nominato ordinario di Filologia latina e greca all’Università di Padova:

Romanzo di mano maestra; ma tende artificiosamente a renderci insopportabile l’esistenza; ed in tal modo scuote le fibre del cuore, che può essere cagione di terribili conseguenze. Werther, innamorato dell’altrui moglie, semina la discordia in una onesta famiglia, e non potendo possedere l’oggetto amato, si uccide. Le fini riflessioni delle quali egli fa parte al lettore, mescolandovi, con finissimo accorgimento, le idee politiche naturali e religiose dell’uomo, sono come il canto della sirena, che a viva forza trae a questo orrendo attentato. Quindi è assai ripetuto il suicidio alla Werther, ed ebbimo [sic], non ha molto, dai pubblici fogli, che un tenero ragazzo di dodici anni commise il suicidio, e fu trovato al suo fianco questo libro pericoloso. Per tutte queste ragioni non può la traduzione essere esposta all’occhio del pubblico, ed entrerebbe per certo nella classe del dannatur, se molti squarci di vera eloquenza, certe descrizioni pittoresche, varie poetiche comparazioni, alcune massime filosofiche, ed un modo di vedere e di esprimer le cose affatto nuovo e bellissimo, non lo rendessero classico nel suo genere, e degno di confidarsi alle persone dotte ed assennate soltanto. Quindi credo di riporlo nella classe dell’erga schedam. (Malamani 1909: 529)

  • 13Su Salom e la ricezione della sua traduzione: Manacorda 2001.
  • 14   Perdurante è l’influenza delle forti riserve su Goethe espresse da Aurelio de’ Giorgi Bertola (17 (...)

9Che il Werther fosse un’opera politicamente scottante, il cui potenziale rivoluzionario era evidente tanto ai radicali quanto ai conservatori, è testimoniato tra l’altro dalle simpatie giacobine di molti ammiratori di Goethe, da Michiel Salom, autore della famosa traduzione del 1796, letta anche da Foscolo e Leopardi (nonché dal censore Petrettini, che proprio questa esamina nel 1815), fino a Giuseppe Mazzini13. Negli anni della Restaurazione, quando ha inizio l’esplorazione sistematica della letteratura tedesca contemporanea, Goethe è sì riconosciuto come una delle personalità più rilevanti della cultura tedesca, ma nessuno si interessa davvero alla sua opera: i ‘classici’, che ignorano del tutto il suo classicismo, lo spregiano per la ‘sregolatezza’ delle sue opere giovanili14; i ‘romantici’, influenzati da M.me de Staël e August Wilhelm Schlegel, gli preferiscono di gran lunga l’appassionato e ‘impegnato’ Schiller, rispetto al quale il freddo e ‘distante’ Goethe appare loro superato. Dopo Vincenzo Monti, che ancora nel 1783, dunque prima della Rivoluzione francese, aveva imitato alcuni passi del Werther nei suoi Pensieri d’amore, nessun italiano vuole essere associato a Goethe, con la sola eccezione del sovversivo Ugo Foscolo, che ancora dopo il Congresso di Vienna e il conseguente esilio a Londra, riconosce pubblicamente i rapporti fra il Werther e le sue politicissime Ultime lettere di Jacopo Ortis (1816: I-CXII).

  • 15   Così anche Hoffmeister (1984): «Insgesamt scheint der Dichter des Faust in Italien mehr als kühle (...)
  • 16   Come ha osservato Roberto Zapperi (1999), «in Italien sprach man von diesem in ganz Europa berühm (...)

10Almeno fino al 1826 Goethe è, nella sfera pubblica italiana, un ‘ferrovecchio’: generalmente riverito, ma, per quanto attiene a una ricezione sia critica sia produttiva, considerato un relitto del passato15. Fino a quella data non solo il suo capitale simbolico è tutt’altro che fuori discussione, ma la sua fama è quasi esclusivamente legata al Werther, un romanzo di cui non si può parlare in pubblico, avversato dalle élites politiche e religiose, successo di vendite e di scandalo presso la gioventù sentimentale e oggetto di culto per i letterati politicizzati che hanno il loro punto di riferimento principale in Foscolo16.

  • 17   Sulla Carboneria e il suo discusso rapporto con la Massoneria, le società segrete transnazionali (...)

11Dunque, non c’è da stupirsi se sulla rivista più attiva nella mediazione di letteratura tedesca nel periodo della Restaurazione, la «Biblioteca Italiana» (Milano, 1816-1840), che negli anni fra il 1817 e il 1826 pubblica ben 17 tra articoli e traduzioni, Goethe non è neppure menzionato. Questa rivista, sulla quale appare anche il saggio sulle traduzioni di M.me de Staël, è voluta e finanziata dal governo austriaco allo scopo di suscitare nelle classi colte italiane simpatie per i nuovi signori del Regno Lombardo-Veneto istituito nel 1815. Come direttore della rivista viene designato Giuseppe Acerbi (1773-1846), dopo che sia Ugo Foscolo sia Vincenzo Monti si erano rifiutati di accettare l’incarico (il primo andrà quindi in esilio, il secondo vi assumerà un ruolo subalterno come semplice collaboratore), e anche il più celebrato scrittore milanese, Alessandro Manzoni, respinge ogni invito a contribuire. Anche sulla rivista concorrente, «Il Conciliatore» (Milano, 1818-1819), principale organo dei ‘romantici’, Goethe viene citato assai di rado, e quando accade, sempre in relazione a Shakespeare e Schiller, come precursore del Romanticismo. La rivista viene fondata da un gruppo di letterati scontenti dell’orientamento della «Biblioteca Italiana» e per un anno e mezzo, sotto la direzione di Silvio Pellico (1879-1854), funziona come foro dei liberali e patrioti ostili all’Austria, finché non viene chiusa. Il governo asburgico ha buoni motivi per farlo: il mecenate della rivista, il conte Federico Confalonieri, capo della Carboneria nel Lombardo-Veneto, progettava una rivolta contro la dominazione austriaca, e nel 1821 viene incarcerato per cospirazione insieme a Pellico e ad alcuni collaboratori della rivista, mentre altri sono costretti a andare in esilio17.

4. Carbonari a Parigi: l’esilio come condizione per l’allargamento dell’orizzonte letterario

12Degli esuli che provengono dalla cerchia del «Conciliatore» fanno parte anche tre giovani amici che avranno un ruolo importante nell’affermazione di una nuova immagine di Goethe in Italia: Giovita Scalvini, Camillo Ugoni e Giovanni Arrivabene. I tre, che hanno la loro iniziazione politica a Brescia, appartengono a un’altra frazione della Carboneria rispetto alla maggior parte degli altri collaboratori del «Conciliatore»: mentre la frazione patriottico-liberale del conte Confalonieri combatte soprattutto per l’indipendenza e la costituzione, i Carbonari bresciani sono di orientamento decisamente giacobino e combattono invece per una rivoluzione sociale, democratica ed egualitaria (Scaglia 1993). Sono strettamente legati tra loro almeno dal 1810: leggono e ammirano Rousseau, Milton, i Canti di Ossian, Sismondi, August Wilhelm Schlegel e Tiraboschi, e considerano la storia e critica della letteratura italiana come un terreno d’azione politica.

  • 18   Sulla vita di Scalvini: van Nuffel 1965, Heubeck 1986 e Martinelli 1993.

13Giovita Scalvini (1791-1843)18, il traduttore del Faust, viene da una famiglia dell’aristocrazia bresciana in decadenza. Suo padre aveva preso parte alla Guerra d’indipendenza americana al seguito del generale La Fayette e in seguito era diventato un fautore di Napoleone. Fin dall’inizio Scalvini è vicino al credo repubblicano. Nel 1807 conosce Ugo Foscolo e nel 1808 Vincenzo Monti, entrambi di passaggio da Brescia, e la loro amicizia e influenza sarà determinante per i suoi orientamenti letterari. Dopo aver studiato diritto a Pavia e Bologna senza arrivare alla laurea, tra il 1817 e il 1820 collabora alla «Biblioteca Italiana» e lavora come precettore in casa dei conti Melzi, senza nascondere l’insofferenza nei confronti di questi impieghi di mera sopravvivenza. La sua situazione può essere paragonata a quella del precettore Läuffer nel dramma di Jakob Micheal Reinhold Lenz, o anche, in una certa misura, a quella del giovane Werther: un giovane borghese colto che non può aspirare a una posizione soddisfacente nella società di ancien régime.

  • 19   Sulla vita di Ugoni: Pietroboni Cancarini 1974-78.

14La traiettoria del suo compagno e amico di gioventù Camillo Ugoni (1784-1855)19 è piuttosto simile. Nel 1807 diventa anch’egli un seguace di Ugo Foscolo, di cui nel 1824 tradurrà dall’inglese i Saggi sul Petrarca; nel 1812 dedica all’imperatore Napoleone una traduzione dei Commentarii di Giulio Cesare, ottenendone in compenso il titolo di barone; tra il 1820 e il 1822 pubblica la prima parte dell’opera che lo terrà impegnato per tutta la vita, Della letteratura italiana nella seconda metà del secolo XVIII, nella quale dedica ampio spazio, e tra i primi, alla letteratura contemporanea, in particolare a Vincenzo Monti, Giacomo Leopardi, Alessandro Manzoni e naturalmente a Foscolo. Nonostante il titolo aristocratico, anche Ugoni si rivela assai presto incline all’impegno politico in senso repubblicano, anche se il vero rivoluzionario della famiglia è suo fratello Filippo (1794-1877), che nel 1821 è a capo della Carboneria bresciana.

  • 20   Sulla vita di Arrivabene: Arrivabene 1879.

15Il terzo, Giovanni Arrivabene (1787-1881)20, appartiene a una famiglia nobiliare mantovana caduta in disgrazia ai tempi della Repubblica Cisalpina. Ciononostante, nel periodo della Restaurazione si converte alle idee liberali, diventando anch’egli un nemico dell’Austria. Nel 1813 conosce Scalvini e Ugoni, nel 1819 è tra i collaboratori del «Conciliatore» e l’anno seguente fonda in un suo possedimento a Mantova una scuola per il mutuo insegnamento ispirata alle dottrine pedagogiche di Joseph Lancaster, che, considerata in odore di liberalismo, viene chiusa dal governo austriaco dopo pochi mesi. Nel 1815 durante un viaggio in Toscana i tre conoscono Gino Capponi ed elaborano insieme il progetto di una rivista che qualche anno dopo sarà alla base della fiorentina «Antologia».

16Nel maggio del 1821, nel corso dell’inchiesta del magistrato Antonio Salvotti sulla Carboneria, Pellico fa il nome di Arrivabene, che viene incarcerato; durante la perquisizione della sua abitazione viene rinvenuta una lettera di Scalvini che attrae l’attenzione degli inquirenti per alcune frasi:

Domani [Giacinto] Mompiani [fondatore della scuola di mutuo insegnamento di Brescia, sostenuta da Camillo e Filippo Ugoni] ed io andremo alla Calderara: niun tedesco, niun ministro, niuna spia. – Monti ha scritto un inno per lo imperatore [d’Austria, Francesco I] ch’è sotto i torchi. Bada bene, è sotto i torchi l’inno, non l’imperatore per nostra sventura. Siamo tali piante noi che di null’altro ci nutriamo che di liberalismo. (Cantù 1878: 226)

17Anche Scalvini viene arrestato, e rimane in carcere nove mesi. Alla loro liberazione, per sfuggire alla nuova inchiesta apertasi con l’arresto di Confalonieri (che si concluderà nel 1824 con la condanna a morte di entrambi per alto tradimento), i due lasciano l’Italia. Con Camillo Ugoni (il cui fratello Filippo sarà condannato insieme a loro) passano nell’aprile del 1822 il confine svizzero, e trascorreranno insieme gran parte degli anni successivi, prima a Londra, poi a Parigi, più tardi spesso a Gaesbeck, vicino a Bruxelles, ospiti della famiglia Arconati Visconti. Per anni Scalvini, povero e spesso ammalato, trova accoglienza e sostegno presso l’amico Arrivabene. Nel 1824 si spostano a Parigi, dove si trovano a fare i conti con una problematica letteraria completamente diversa da quella italiana e con un repertorio internazionale decisamente più ampio. Dopo un anno, Camillo Ugoni scrive:

  • 21   Camillo Ugoni a Anna da Schio, 30/9/1825 (Scolari 1952: 58); sulla traduzione del Faust di Filipp (...)

Mio fratello [Filippo] ha fatto grandi acquisizioni in fatto di lingue, perché oltre ad aver imparato assai bene l’inglese, sa tanto anche il tedesco da aver potuto tradurre uno de’ libri più difficili, il Faust di Goethe […]. Da questo lato non è molto invidiabile la sorte di coloro che sono restati in Italia a dibattere eternamente intorno ad una sola lingua, e forse impiegheranno più fruttuosamente il tempo quegli altri, che intanto imparano le principali lingue d’Europa e colle lingue anche un pochettino della letteratura e in genere del sapere, e dei costumi europei21.

18I tre amici frequentano la cerchia del marchese de Lafayette e i corsi della Sorbona, dove conoscono François Guizot, Benjamin Constant, Auguste Comte, Abel-François Villemain e soprattutto Victor Cousin. Camillo Ugoni viene introdotto, pare grazie alla mediazione di Stendhal, nell’ambiente del «Globe» di Paul-François Dubois, sulle cui pagine viene ristampata e presentata come «peut-être l’un des premiers jugements favourables porté sur M. Manzoni» la sua introduzione all’edizione Baudry delle Tragedie, che contribuisce in misura rilevante al riconoscimento internazionale dello scrittore milanese (Ugoni 1826a e b).

  • 22   Cfr. Manzoni 1912-1912, parte I, lettere 138, 209, 249, 253, 255, 257, 261, 264 e 266. Si veda in (...)

19Proprio in questi anni il capitale simbolico di Goethe nella capitale della république mondiale des lettres conosce una sensibile crescita: mentre in Italia è ancora un ‘ferrovecchio’, diversi articoli da «Über Kunst und Altertum» – tra cui il celebre annuncio di una Weltliteratur – vengono tradotti e discussi sul «Globe» (Mix 2017), viene data alle stampe la traduzione del Faust di Gérard de Nerval (1827) – la terza dopo quelle del conte di Saint-Aulaire di Albert Stapfer – e numerose rappresentazioni del Faust vengono messe in scena con successo nei teatri parigini (Paul 2017). In luogo del vecchio autore del Werther si rivela agli occhi dei letterati italiani un nuovo Goethe, che ora appare loro come l’avanguardia di una nuova letteratura internazionale, incarnando la modernità par excellence. Nel 1827 Manzoni pubblica i suoi Promessi sposi, e nella considerazione degli esuli, che a Parigi leggono il romanzo immediatamente con enorme ammirazione, diventa il principale rappresentante della nuova letteratura in Italia: «È troppo bello, è troppo bello!», grida Arrivabene giunto all’episodio di Fra Cristoforo (Arrivabene 1879: 160). In quello stesso anno Goethe pubblica la sua Teilnahme an Manzoni come prefazione all’edizione dei drammi del milanese pubblicata a Jena, e da lui stesso promossa. I rapporti personali fra Goethe e Manzoni sono ben noti22, ma è proprio l’associazione simbolica tra i due autori come antesignani di una nuova letteratura, associazione che si evidenzia intorno al 1827 e innanzitutto agli occhi dei nostri letterati in esilio, a indurre Scalvini e Ugoni a indagare criticamente e a promuovere internazionalmente la loro opera.

  • 23   Nel 1827 Ruggia pubblica, senza indicare il nome del traduttore, Interesse di Goethe per Manzoni; (...)

20Ancora nel 1827 Ugoni traduce la Teilnahme di Goethe in italiano e scrive la già citata introduzione all’edizione Baudry delle Tragedie e poesie varie di Manzoni, mentre almeno a partire dal 1829 Scalvini lavora a un ampio saggio sui Promessi sposi. Tutti questi scritti vengono pubblicati anonimi in Svizzera: a farsene carico è il tipografo Giuseppe Ruggia (1771-1839) di Lugano, che proprio nel 1827 avvia la sua impresa e, grazie alla collaborazione del suo amico Filippo Ugoni, diventa rapidamente uno dei più importanti editori della diaspora letteraria italiana, pubblicando opere di Foscolo, Pellico, Tommaseo e Mazzini23.

  • 24   Secondo Heubeck (1986: 223) Scalvini inizia a tradurre il Faust solo alla fine del 1833, mentre v (...)
  • 25   Arrivabene non pare avere un particolare interesse per la letteratura. Durante i suoi anni all’es (...)
  • 26   Sulla vita di Passerini: Aguzzi 1985.

21È in questo contesto che Scalvini inizia a tradurre il Faust24; possiamo presumere che la recensione di Carlye alle opere di Goethe uscita sulla «Foreign Review» nel 1828 susciti l’interesse del nostro gruppo di letterati, e per questo venga tradotta in italiano. Dietro la sigla «G. A.» potrebbe dunque celarsi Giovanni Arrivabene25,oppure l’intero gruppo di amici, a cui egli avrebbe ‘prestato’ le sue iniziali. Non sarebbe forse azzardato considerare la traduzione un prodotto del lavoro collettivo della cerchia di Scalvini, allora impegnata nella rivalutazione di Goethe, o di qualche altro esule italiano ad essa vicino. Per esempio, lo stesso Filippo Ugoni, che come abbiamo visto aveva a sua volta tentato una traduzione del Faust, oppure il futuro traduttore delle Lezioni sulla filosofia della storia di Hegel, Giambattista Passerini (1793-1864)26.

22Anche Passerini appartiene al gruppo dei Carbonari esuli da Brescia, collabora, come gli Ugoni, con l’editore Ruggia, e approda nel 1828 a Parigi, dove frequenta Victor Cousin e il «Globe». Negli anni parigini introduce l’amico Giovita Scalvini alla filosofia tedesca contemporanea e probabilmente viene a sua volta influenzato dalla ricerche letterarie di questi: intorno al 1830 lavora infatti alla traduzione del recentissimo studio di Wolfgang Menzel Deutsche Dichtung, uno dei primi e più solidi tentativi di fare una storia letteraria con criteri scientifici e sistematici (siamo sul terreno di Camillo Ugoni) e, introducendone nel 1831 l’edizione italiana, apparsa anch’essa presso Ruggia, si fa carico di difendere Goethe dalle critiche mossegli dal critico romantico tedesco, ricorrendo peraltro ad argomenti simili a quelli che troviamo nei Cenni (Passerini 1831).

  • 27   Questo punto non può essere ulteriormente sviluppato in questa sede, ma non mancano gli studi sul (...)

23Anche in assenza di prove dirimenti per identificare il nostro «G. A.» possiamo tuttavia dare per assodati alcuni rilevanti elementi di contesto: 1) tra i letterati italiani in esilio a Parigi, vale a dire in un ambiente politicamente radicale e socialmente internazionalizzato, si aggrega una cerchia letteraria assai produttiva, i cui membri, influenzati dalla scena letteraria locale, si interessano con spirito ‘militante’ alla ‘nuova’ letteratura, in particolare a Manzoni e Goethe; 2) questa cerchia, alla quale possiamo ricondurre per lo meno Scalvini, i fratelli Ugoni, Arrivabene e Passerini, tutti accomunati dalla passata attività politica a Brescia, è saldamente legata ad alcune riviste e case editrici, in primo luogo il «Globe» a Parigi e Ruggia a Lugano; 3) le riflessioni di Ugoni e soprattutto di Scalvini su Goethe e Manzoni sono orientate all’individuazione di una nuova poetica, dal carattere assai più spiccatamente politico e internazionalista di quella dei ‘romantici’ italiani del decennio precedente27; 4) tanto la traduzione del Faust quanto quella della storia letteraria di Menzel possono essere ricondotte a questa sorta di laboratorio letterario in esilio. E forse anche quella della recensione di Carlyle.

24A tutto ciò possiamo aggiungere che i lavori prodotti in questa cerchia vengono pubblicati e recensiti prevalentemente sulle riviste più liberali e progressiste che fosse dato diffondere nella sfera pubblica italiana di allora, in primo luogo l’«Antologia» di Firenze e l’«Indicatore Lombardo» di Milano.

5. La svolta del 1827: l’«antologia» e la recensione di Mazzini al Faust

  • 28   Numerose prese di posizione favorevoli a Goethe si possono trovare anche nella rivista (e gabinet (...)
  • 29   Sebbene la sua famiglia debba fuggire all’arrivo dell’esercito napoleonico ed egli viva per alcun (...)
  • 30   Più tardi curerà l’edizione degli scritti postumi di Scalvini (Tommaseo 1860).

25I primi segni di una svolta nella produzione di un Goethe ‘italiano’ si possono osservare proprio nel 1827, e in particolare su una nuova rivista che viene assiduamente letta, e in parte anche fatta, dagli esponenti dalla frazione più avanzata del mondo letterario italiano, si trovino essi in patria o in esilio: l’«Antologia» (Firenze, 1821-1832)28. La rivista viene fondata da Giovan Pietro Vieusseux (1779-1863), un commerciante ligure di origine svizzera, che viaggia per tutta Europa prima di stabilirsi a Firenze e aprirvi, nel 1819, un ‘gabinetto letterario’. Due anni dopo comincia a stampare una rivista dal profilo in apparenza assai più modesto rispetto alle concorrenti «Biblioteca Italiana» e «Il Conciliatore»: si tratta infatti di una semplice raccolta di traduzioni da riviste straniere, sul modello della «Revue Encyclopédique». Presto però l’«Antologia» si apre anche a contributi originali, nonché a una prospettiva panitaliana e perfino paneuropea. Tra i principali collaboratori figurano il marchese Gino Capponi (1792-1876)29, politicamente un moderato e letterariamente un classicista, e Niccolò Tommaseo (1802-1874), figlio di un commerciante dalmata e futuro autore del Dizionario della lingua italiana, che politicamente è un democratico e letterariamente un romantico, amico e sostenitore di Manzoni. Il secondo anima l’ala radicale della rivista, nella quale sono rappresentate, se non proprio tutte, quantomeno le principali tendenze politiche e letterarie del tempo, ma che tuttavia, a causa delle proteste del governo austriaco contro un articolo di Tommaseo sulla rivoluzione greca, dovrà chiudere. Anche Tommaseo sceglie la via dell’esilio, e a Parigi si lega a Ugoni e Scalvini30.

26Proprio sull’«Antologia», alla quale Ugoni collabora saltuariamente a partire dal 1823, Giuseppe Montani, amico di Ugoni e a sua volta un radicale, recensisce nel 1827 la traduzione italiana della Teilnahme an Manzoni di Goethe dedicandole parole entusiastiche; e nel 1829 vi appare, anonimo, il lungo saggio di Mazzini D’una letteratura europea, che reca come motto una citazione di Goethe sulla Weltliteratur (tratta da «Über Kunst und Altertum», ma mediata dal «Globe»: «Io intravedo l’aurora d’una Letteratura Europea: nessuno fra i popoli potrà dirla propria, tutti avranno contribuito a fondarla») e definisce lo scrittore tedesco «l’intelletto sovrano dell’epoca» (1829b: 115).

27Perché mai Giuseppe Mazzini, futuro fondatore della Giovine Italia, il primo partito politico d’Italia, si interessa a Goethe? Di quindici anni più giovane di Scalvini, Mazzini gli è socialmente e politicamente molto prossimo. Figlio di un medico giacobino, appartiene alla borghesia genovese, studia diritto, legge con passione l’Ortis di Foscolo e, poco dopo aver preso parte alla rivolta studentesca del 1821 a Genova, s’imbatte nel Werther (Belardelli 2010: 15). Nel 1827 aderisce alla frazione giacobina della Carboneria. Per anni lettore della «Revue encyclopédique» e del «Globe», a partire dal 1828 collabora intensamente con diverse riviste italiane, soprattutto con l’«Indicatore Livornese» di Francesco Domenico Guerrazzi, che dopo un anno di attività viene proibito dal governo del Granducato di Toscana. Su questa rivista appare nel 1829, in occasione dell’uscita della traduzione francese di Nerval, il suo saggio sul Faust (Mazzini 1829a). La lunga recensione, in cui Mazzini auspica con toni accesi che il Faust venga tradotto anche in Italia, è il primo saggio di una qualche consistenza mai apparso in Italia su Goethe. E viene scritto all’insegna dell’orientamento più radicale tra quelli rappresentati sulla scena politica del tempo.

28Pochi mesi più tardi appare sull’«Antologia» un altro suo saggio di grande importanza: D’una letteratura europea. Qui Mazzini accosta Goethe a Byron, Foscolo e Manzoni quali principali rappresentanti della nuova letteratura. Questa letteratura deve essere, secondo lui, non solo ‘impegnata’ e nazionale, dunque patriottica, come volevano i ‘romantici’, ma anche internazionale ed europea:

Esiste in Europa una concordia di bisogni, e di desiderii, un comune pensiero, un’anima universale, che avvia le nazioni per sentieri conformi ad una medesima meta.
Dunque la letteratura – quando non voglia condannarsi alle inezie – dovrà inviscerarsi in questa tendenza, esprimerla, aiutarla, dirigerla – dovrà farsi europea. (1829b: 115)

  • 31   Non è qui la sede per approfondire le idee letterarie di Mazzini e Scalvini, che senza dubbio son (...)

29Nella proposta di Mazzini si possono riconoscere notevoli affinità con il tentativo di Scalvini e dei suoi amici di elaborare una nuova idea di letteratura che si lasci alle spalle tanto il conflitto, tutto italiano, fra ‘classici’ e ‘romantici’ quanto il dissidio, tutto politico, fra militanza attiva e rappresentazione estetica della realtà. Mossi dall’esigenza di superare queste antinomie, sia l’uno che gli altri trovano a Parigi l’idea di Weltliteratur promossa dal «Globe» e, legata a questa, un’immagine di Goethe del tutto nuova e inattesa, e accolgono entrambe nella loro riflessione31. Anche Mazzini peraltro, a causa della sua attività nella Carboneria, viene arrestato nel 1831, e parte a sua volta per l’esilio.

6. L’«indicatore lombardo» e il saggio di Carlyle

  • 32   Su Giacinto Battaglia e l’«Indicatore Lombardo»: Berengo 2012: 195-204. All’inizio degli anni Tre (...)

30Torniamo alle riviste. Nel 1829 ne viene fondata a Milano un’altra che nel giro di pochi anni acquisisce nella sfera pubblica del Regno Lombardo-Veneto un ruolo comparabile a quello dell’«Antologia»: l’«Indicatore Lombardo» (1829-1837)32. Il suo editore è Giacinto Battaglia (1803-1861), un borghese benestante e di idee liberali, discepolo di Gian Domenico Romagnosi, una delle più autorevoli firme del «Conciliatore». La sua è una rivista liberale, moderata, indipendente, sulla quale si può discutere seriamente di letterature straniere, in particolare della tedesca, e ci si può perfino permettere di parlare di Goethe.

31Come l’«Antologia», la nuova rivista si presenta inizialmente come una innocua raccolta di articoli tradotti, per aprirsi poi via via a contributi originali di letterati italiani. Fra le riviste ‘straniere’ dalle quali vengono selezionati i pezzi da riproporre c’è, in prima linea, proprio la toscana «Antologia»: e tra i primi articoli ristampati troviamo D’una letteratura europea di Mazzini, che viene pubblicato in apertura del fascicolo del giugno 1830, naturalmente anonimo e mutilato dalla censura (Prunas 1906: 130).

32Nel dicembre dello stesso anno appare, come abbiamo visto, la traduzione del testo di Carlyle, che dopo la recensione di Mazzini al Faust di Nerval è, per consistenza, il secondo saggio su Goethe fino ad allora pubblicato in Italia. Sebbene non sia certo che la traduzione possa essere ascritta, come ipotizzato, al gruppo di esuli legata a Scalvini, è tuttavia evidente che il senso in cui viene manipolata corrisponde alle idee radicali di Mazzini, Scalvini e della cerchia parigina. Se si confronta il testo anonimo dell’«Indicatore Lombardo» (1830) con quello di Carlyle (1828) e si analizzano in particolare i brani che non compaiono nell’originale, e dunque sono da ascrivere al traduttore, si può osservare quanto segue.

1) La recensione viene trasformata in una biografia di Goethe, che in questo modo può rientrare nel programma, portato avanti dall’«Indicatore Lombardo», di offrire ai lettori una serie di ritratti di autori tedeschi moderni: a Goethe seguiranno, nei fascicoli successivi, Lessing, Schiller, Zacharias Werner, Theodor Körner, Kleist, Tieck e Novalis.

2) Finalmente si scrive del Werther, ponendo fine al tabù che aveva impedito fino ad allora ogni discussione pubblica sull’opera di maggior successo di Goethe. Fin dalle prime righe una nota, evidentemente di mano del traduttore, si dà cura di precisare: «La pubblicazione del Werther di Goethe fu un vero avvenimento nella storia letteraria d’Europa» (Anonimo 1830: 311). Non solo il romanzo viene valutato in termini altamente positivi, ma si fa esplicito riferimento al suo significato politico:

Werther comparve. Era l’espressione dell’inquietezza generale, tal quale l’avea provata in tutte le sue più riposte latébre il cuore di un giovine e di un poeta. Era la disperazione di una generazione posta sul margine di un abisso, disperazione che la potenza di commuovere, tutta particolare a un grande ingegno, rendeva più terribile e contagiosa, analizzandola e servendole d’organo. (319)

E ancora:

Il Werther, a cui tanti critici apposero per censura riprovevole una falsa sentimentalità di pensiero e di stile, era un’opera eminentemente vera rispetto al suo autore e al suo tempo. L’appassionato lamento, di cui Goethe rendevasi l’eco, usciva per così dire dal seno dell’Europa sofferente. (323)

33Per concedersi questa infrazione il traduttore utilizza abilmente un argomento di Carlyle, il quale nella sua recensione affermava che il Werther apparteneva a una fase iniziale dello sviluppo dell’autore, che al più tardi col Wilhelm Meister sarebbe approdato a una visione del mondo più alta e composta. Ciò permette al contempo di riconoscere al romanzo la sua carica politicamente dirompente e di liberare Goethe dal cliché del pericoloso rivoluzionario.

3) Sul fronte opposto Goethe viene scagionato dall’accusa mossagli dai romantici tedeschi, e in particolare da Menzel, di aver praticato tutte le forme e i contenuti possibili senza partecipazione interiore, vale a dire di essere, in sostanza, freddo e disimpegnato. Ancora una volta, per giustificare la «flessibilità» del suo autore, il traduttore argomenta a partire dal piano politico:

Nati in un’epoca turbinosa noi vedemmo l’Europa tramutar più volte d’aspetto: tutti i principj rimescolati, tutte le dottrine ribollendo, per così dire, in un comune crogiuolo hanno presentato al nostro sguardo il caos più stravagante. La vita degli stati, dopo il 1780, è stata una vita di sforzo, di lotta, di tormentoso svolgimento, di vie tentate da ogni banda, di conflitto fra tutte le diverse influenze sociali, di soggezione alla loro possanza contrastante. Ecco quello che l’ingegno e le opere di Goethe riprodussero con una fedeltà ammirabile. La felice sua tempra d’animo si prestò a tutte le idee di perfezionamento senza mai accoglierne gli eccessi. Egli ebbe, come il suo secolo, i suoi interni conflitti, le sue dubbiezze, le sue utopie, i suoi interni dolori, i suoi anni d’angosciosa incredulità, i suoi trasporti verso le libere idee, i suoi ritorni all’ordine, alla religione. Un francese, il di cui nome suona famoso negli annali della diplomazia, diceva scorgendo Goethe: «Ha la figura d’un uomo che sofferse molte angoscie [sic]». Egli aveva torto, diceva Goethe stesso in una delle sue opere; quel francese doveva dire di me: «Ecco un uomo che ha saputo lottare con energia». (316-317)

34Nei mesi immediatamente successivi alla Rivoluzione parigina del luglio del 1830, alla quale Scalvini, Passerini e Filippo Ugoni prendono parte attivamente, scrivere queste parole significa immaginare che l’Europa possa ancora una volta «tramutar d’aspetto».

35A conclusione di questa abile riscrittura, la sedicente traduzione «dalla Foreign Review» può rovesciare la percezione del ‘ferrovecchio’ Goethe proclamando: «Egli è forse l’uomo che a’ nostri giorni comprese meglio lo spirito dell’età in cui viviamo» (334).

7. La prima edizione del Faust e la sua introduzione

36Quando alla fine del 1834 Scalvini termina la traduzione del Faust, cerca insieme ai suoi amici un editore per darla alle stampe. Dal momento che l’autore è ancora ritenuto politicamente e letterariamente problematico, e che il suo traduttore è un esule politico, la cosa non è facile. Ruggia sarebbe l’editore più adatto, ma proprio in quell’anno attraversa una crisi finanziaria. Scalvini spedisce il manoscritto a Milano alla marchesa Costanza Arconati Visconti, che con Arrivabene ha provveduto per anni al suo sostentamento e con Ugoni lo ha assiduamente assistito nella traduzione. Il 16 dicembre l’amica gli risponde:

Ho ricevuto i foglietti mandatimi [la traduzione del Faust], faccia presto ad inviare il resto che si metta mano all’opera subito. [Tommaso] Grossi troppo occupato delle publicazione [sic] del prossimo libro [Marco Visconti] non poteva prestarsi, e non ha neppur avuto il tempo di venirmi a trovare un momento. Altri che fu da me pregato si scusò, dicendo schiettamente che temeva di compromettersi. Di modo ch’io era un po’ sgomentata e pensava già di far la temerità di intraprendere la cosa io sola, quando, non aspettato, mi si esibì uno. (Arconati Visconti 1965: 92)

  • 33   La sua ricostruzione, pubblicata nell’introduzione della propria traduzione del Faust, è tuttora (...)
  • 34   Il tramite potrebbe essere stato lo stesso Maffei, o forse anche Camillo Ugoni, che a sua volta e (...)

37Quest’«uno» potrebbe essere Andrea Maffei (1798-1885), che era in rapporti di amicizia con Scalvini dai tempi della «Biblioteca Italiana»,33 oppure lo stesso editore, Giovanni Silvestri, che nel 1832 aveva inaugurato una «Biblioteca scelta di opere tedesche tradotte in lingua italiana», la prima collana italiana espressamente dedicata alla cultura tedesca, e aveva quindi tutto l’interesse a cercare traduzioni con cui alimentarla34. In ogni caso sembra che a seguire l’iter editoriale fino alla pubblicazione sia la stessa Arconati Visconti: «Ho ricevuto jeri le sue poche righe con l’ultima scena del Faust», scrive a Scalvini il 31 dicembre, «e jeri consegnai io stessa tutto il manoscritto al Censore» (93); e il 18 aprile del 1835: «Ha ricevuto Faust? Mio fratello mi scrisse fin dai primi d’aprile che aveva spedito le copie a lei e una a me» (95).

  • 35   «Biblioteca scelta di opere italiane antiche e moderne» (1814-55, 584 titoli), «Biblioteca scelta (...)
  • 36   Per un’analisi approfondita della collana e del canone letterario da essa proposto si veda in que (...)

38L’editore, Giovanni Silvestri (1778-1855), viene da una famiglia proletaria, apprende il mestiere facendo il garzone in tipografia, ma non rivela alcuna particolare inclinazione politica. Si dimostra invece un abile imprenditore: «uno dei più grandi editori dell’Ottocento Italiano» (Berengo 2012: 66). Nei primissimi anni della Restaurazione fonda la sua casa editrice – tra le prime pubblicazioni c’è la traduzione dell’Alemagna di M.me de Staël (1814) – e subito dopo alcune collane di grande successo35. La sua «Biblioteca scelta di opere tedesche tradotte in lingua italiana» prende avvio con testi giuridici (Joseph von Sonnenfels, Johann Georg Edler von Scheidlein), storici (Christoph Meiners) e morali (Johann Georg Zimmermann), per aprirsi nel 1835, e proprio con Goethe, alla letteratura: dapprima vi appare una vecchia traduzione del Wilhelm Meister, poi il Faust. In seguito, vengono pubblicati, quasi sempre in traduzioni già apparse in precedenza, il Messia di Klopstock, Il visionario di Schiller, gli Idillij di Gessner, le Opere filosofiche di Mendelssohn e le Opere del pittore Anton Raphael Mengs36. Mentre dunque intorno al 1830 l’interesse letterario di Scalvini e dei suoi compagni s’incontrava con quello politico del tipografo svizzero Ruggia, ora converge con quello tutto economico di un moderno imprenditore che si ripropone di rinnovare il mercato editoriale italiano.

  • 37   Un altro testo comparso nel frattempo – sull’«Indicatore Lombardo» nel 1831 – è l’Analisi critica (...)

39Ma perché Silvestri usa, come introduzione al Faust, proprio la traduzione del saggio di Carlyle? Una risposta semplice e immediata potrebbe essere: perché, in quel momento, è l’unica biografia di Goethe disponibile in lingua italiana che non sia ostile all’autore (cfr. Heubeck 1985: 64). La circostanza che sia anonima e per di più tratta da un rivista straniera offre il vantaggio di non sollecitare l’attenzione della censura austriaca, come avrebbero fatto nomi sospetti come quello di Mazzini, autore dell’unico altro testo che sarebbe stato adeguato – e ben più di quello di Carlyle – allo scopo37. Si può inoltre pensare che, se davvero la traduzione da Carlyle, come quella del Faust, è stata realizzata nella cerchia degli esuli parigini, siano stati essi stessi a suggerirne l’utilizzo, in luogo di quell’introduzione che Scalvini non aveva scritto, che non porterà mai a termine, e che comunque nel 1835 non sarebbe probabilmente stato possibile pubblicare.

  • 38   Per una rapida rassegna delle recensioni di Cesare Cantù, Giovanni Bolza, Francesco Ambrosoli e a (...)

40Tra i primi lettori del Faust italiano, per lo più tiepidi nei confronti dell’opera38, c’è proprio Mazzini: «Ho ricevuto la tua lettera», scrive a Gaspare Ordoño de Rosales il 6 giugno del 1835 da Grenchen, in Svizzera, «il Fausto, etc. – Ringrazio molto Ugoni: rimanderò il Faust tra giorni. – Anche a me pareva che in un’edizione italiana del Fausto un discorso preliminare originale fosse miglior cosa, che l’andare a caccia d’articoli stranieri – tanto più che Scalvini è tale da far bene assai» (Mazzini 1911: 451). L’anno seguente, nell’ottobre del 1836, scrive una lunga lettera allo stesso Scalvini – ancora non si conoscevano, se non per il tramite di Filippo e Camillo Ugoni – per proporgli di ripubblicare la sua traduzione in una nuova collana che egli stesso sta progettando. La collana dovrebbe rappresentare le diverse tendenze della letteratura ‘romantica’ internazionale (tra i tedeschi Mazzini nomina Zacharias Werner e Schiller) e porre le basi di una nuova letteratura italiana. È in questa circostanza che egli chiede a Scalvini di scrivere una nuova introduzione per sostituire quei Cenni «mendicati» all’estero; in alternativa si dichiara pronto a scrivere egli stesso un saggio «sul concetto generatore dell’opera». Infine, gli chiede, per completare il lavoro, se sia disposto a tradurre anche l’Elena: significativamente non l’intera seconda parte dal Faust, che era stata pubblicata nel 1832 ma godeva, ça va sans dire, di cattiva fama tanto in Germania quanto in Italia. Vale la pena di riportare un largo brano di questa lettera, che testimonia lo stretto intreccio fra militanza politica e letteraria, fra attività traduttiva e editoriale, fra esperienza dell’esilio e allargamento degli orizzonti, nel segno di una «critica che ha per intento di formare una sintesi letteraria europea agli ingegni e un popolo agli scrittori»: una versione mazziniana e italiana dell’idea di Weltliteratur coniata da Goethe e consacrata a Parigi dal «Globe».

L’altro [favore] è che vogliate, se mandate il Faust, dirmi francamente se stampandolo io potrei prefiggere uno scritto critico sul concetto generatore dell’opera, sull’idea di che il Faust è, o parmi, simbolo. Meglio se scrivete voi medesimo. Dove no, vorrei pure, curandone la ristampa, sostituire qualche cosa d’italiano a quei Cenni che il Silvestri ha cavato dalla Rivista straniera [«Foreign Review»]: perché mendicare dall’estero anche la critica mi par troppo. Né io, se rimanete, avrò difficoltà di mandarvi il discorso, perché vediate se può stare colla vostra traduzione o se v’incresce.
Questa mia domanda si connette a un pensiero che tentiamo verificare, quello cioè di pubblicare via via una serie di volumetti che presentino tradotte le migliori cose tedesche, ma con un intento di scuola, accoppiando sempre la critica e gli esempli, facendo tutta intera la serie rappresentazione e sviluppo d’una idea di rinnovamento letterario che avrete veduto accennata, se pur è giunto in Bruxelles, nel primo articolo dell’«Italiano». Sarebbe intenzione di scegliere nelle letterature straniere tanto che rappresenti tutte le varie tendenze che la letteratura così detta romantica ha indicate per poi desumere quell’una da cui avrebbe a prender le mosse la nuova letteratura. Di questo nostro pensiero, tutto italiano, l’Ugoni potrà dirvi altro, cominciando dal Werner, che ha ritentato il dogma greco orientale della fatalità, e trapassando per gli scrittori che rappresentano le fasi intermedie del problema, si verrebbe a conchiudere con una edizione di tutte le cose drammatiche di Schiller, nel quale albeggia, se non erro, la scuola sociale, la scuola della Provvidenza. Sarebbe, se avesse effetto, un corso di letteratura applicata – una rivista filosofica della scuola di letteratura oggi spenta o morente – un riassunto di quanto ha insegnato di vero, perché l’intelletto italiano potesse farne suo pro’ e fondare, aggiungendovi ciò che il pensiero dell’epoca vuole, una letteratura Europea per l’intento e pel pensiero, italiana per le forme e pel teatro che avrebbe. Il Faust entrerebbe naturalmente nella serie di queste pubblicazioni, ma la parte teorico-critica sarebbe necessaria.
Un’altra cosa: perché non tradurreste l’Elena, ignota all’Italia ed anche alla Francia? So che la dicono poca cosa; ma non mi fido in questo a’ giudizi tedeschi, perché oggi v’à reazione democratica giovanile contro il Goethe, e per combattere l’uomo gittano l’anatema anche all’ingegno; dagli estratti ch’io ne ho veduti in un numero antico d’una rivista inglese e nell’«Au delà du Rhin» del superficialissimo Lerminier, direi vi fosse del bello, e in ogni modo forma un tutto col Faust, e forse è necessaria a darne la chiave. Tradurla mi parrebbe ben fatto, e non vedo che voi per farlo, dacché avete così ben tradotto il Faust. Vogliate pensarvi e rispondere qualche cosa.
Avete altre traduzioni di cose lunghe o brevi, tedesche? Conoscete altri che n’abbia? Io non ho mai potuto vedere l’Eleonora di Bürger, tradotta dal Berchet, e che forse, unendovi qualche altra piccola cosa dello stesso autore, gioverebbe ristampare. Tutto dipende dal successo del primo volumetto in Italia, perché se abbiamo da andare innanzi, è necessario che venga alimento dai compratori. Queste idee mi paiono utili. La critica è in oggi l’unica che possa rifare una letteratura all’Italia, ma la critica-educazione, la critica che ha per intento di formare una sintesi letteraria europea agli ingegni e un popolo agli scrittori. Tutto sta nel modo di verificarla. E però chiedo il vostro aiuto e di quanti credono che s’abbia, su qualunque terreno possibile, intellettuale e politico, a far qualche cosa per l’Italia e ad emanciparla dalla servitù domestica e forestiera che occupa non solo il popolo, ma gli intelletti. (Mazzini 1912: 152-154)

8. In conclusione

41A partire dal 1827 Goethe, che fino a quel momento era rimasto ai margini del repertorio letterario italiano, viene riscoperto, reinterpretato e reintrodotto in Italia da un piccolo gruppo di letterati (Ugoni, Mazzini, Passerini, Scalvini e altri) che operano nell’esilio parigino. Questi letterati appartengono per lo più a una borghesia di tendenze giacobine, prendono parte ai movimenti politici più radicali (Carboneria, moti parigini del 1830, Giovine Italia) e sono indotti dall’esperienza dell’esilio a rielaborare profondamente le loro idee politiche e letterarie. I loro scritti e le loro traduzioni vengono pubblicati o da case editrici e riviste straniere (Baudry, Ruggia, il «Globe») oppure, per lo più anonimi o sotto pseudonimo, su riviste italiane che si presentano come moderate ma sono aperte a prese di posizione politiche e letterarie radicali («Antologia», «Indicatore Lombardo»). Così il nuovo Goethe del Faust, per lo più associato al Manzoni dei Promessi sposi a sua volta avviato alla scalata della fama internazionale, comincia il suo cammino dal margine al centro del repertorio italiano della Weltliteratur.

Bibliographie

Anonimo, 1830, Goethe. Dalla «Foreign Review», «Indicatore Lombardo» 2.14: 311-334.

Anonimo, 1835, Cenni su la vita e su le opere di Volfango Goethe, in J. W. Goethe, Fausto, trad. di G. Scalvini, Milano, Giovanni Silvestri: V-XL.

Aguzzi L., 1985, Riforma religiosa, hegelismo, comunismo e il problema del Risorgimento in Italia nel pensiero di Giambattista Passerini (1793-1864), Brescia, Ateneo di Scienze Lettere e Arti.

Albergoni G., 2006, I mestieri delle lettere tra istituzioni e mercato: vivere e scrivere a Milano nella prima metà dell’Ottocento, Milano, Franco Angeli.

Andres J., 1808, Dell’origine, progressi e stato attuale di ogni letteratura, Roma, Mordacchini e Ajani.

Arconati Visconti C., 1965, Lettere a Giovita Scalvini durante l’esilio, a cura di R. van Nuffel, Supplemento ai «Commentari dell’Ateneo di Brescia per l’anno 1965».

Arrivabene G., 1879, Memorie della mia vita, Firenze, Barbera.

Avanzi G.-Sichel G., 1972, Bibliografia italiana su Goethe 1779-1965, Firenze, Olschki.

Belardelli G., 2010, Mazzini, Bologna, Il Mulino.

Belski F., 1990, La ricezione di Goethe in Italia nella prima metà dell’Ottocento, in F. Belski-R. Battaglia Boniello-E. Y. Dilk-T. Villaggi, Rapporti fra letteratura tedesca e italiana nella prima metà dell’Ottocento, Milano, Vita e Pensiero: 3-55.

Berengo M., ²2012, Intellettuali e librai nella Milano della Restaurazione, Milano, Franco Angeli (1980).

Bertola A. de’ Giorgi, 2016, Idea della bella letteratura alemanna, a cura di M. Pirro, Milano-Udine, Mimesis (1784).

Blank H. (Hrsg.), 1992, Weimar und Mailand. Briefe und Dokumente zu einem Austausch um Goethe und Manzoni, Heidelberg, Winter.

Borgese G. A., 1905, Storia della critica romantica in Italia, Roma, Edizioni della Critica.

Cantù C., 1878, Il «Conciliatore» e i carbonari, Milano, Treves.

Carlyle Th., 1828, Goethe, «Foreign Review» 1.2: 80-127.

Carmassi C., 1984, La letteratura tedesca nei periodici letterari italiani del primo Ottocento (1800-1847), Pisa, Jacques e i suoi quaderni.

Carmassi C., 1988, La letteratura tedesca nei periodici letterari italiani del Seicento e del Settecento (1668-1779), Pisa, Jacques e i suoi quaderni.

Carpi U., 1974, Letteratura e società nella Toscana del Risorgimento, Bari, De Donato.

Cazzaniga G. M., 2006, Origini ed evoluzioni dei rituali carbonari italiani, in La Massoneria. Storia d’Italia. Annali, 21, Torino, Einaudi: 559-578.

Curran E. M., 1991, The «Foreign Review» (1828-1830), «Victorian Periodicals Review» 24.3: 119-136.

Del Zoppo P., 2009, Faust in Italia. Ricezione, adattamento, traduzione del capolavoro di Goethe, Roma, Artemide.

De Michelis I., 2015, I lettori italiani del «Faust», «Cultura tedesca» 47-48: 81-92.

E.Q.B., 1805, Nuova traduzione del «Verter» in una nuova edizione accresciuta di C. L. Sevelinges, «L’Ape» 3.3: 135-142.

Fasola C., 1909, Goethe è popolare in Italia?, «Rivista di letteratura tedesca» 3.5-8: 147-180.

Foscolo U., 1816, Ultime lettere di Jacopo Ortis, Londra 1814 [ma: Zürich, Orell, Füssli & C., 1816].

Goethe J. W., 1827, Interesse di Goethe per Manzoni, trad. anonima [C. Ugoni], Lugano, Ruggia.

Heubeck L., 1985, Giovita Scalvini e la traduzione del «Faust», «Commentarii dell’Ateneo di Brescia per l’anno 1984»: 47-73.

Heubeck L., 1986, La vita di Giovita Scalvini attraverso i documenti e le testimonianze, «Commentarii dell’Ateneo di Brescia per l’anno 1985»: 171-240.

Hoffmeister G., 1984, Goethe und die europäische Romantik, München, Francke.

Maffei A., 1869, Introduzione, in J. W. Goethe, Fausto. Tragedia di Wolfango Goethe tradotta da Andrea Maffei, Firenze, Le Monnier: LXXXIII-LXXXVI.

Malamani V., 1909, La censura austriaca delle stampe nelle province venete (1815-1848), «Il Risorgimento italiano: rivista storica» 2.3-4: 491-541.

Manacorda G., ²2001, Materialismo e masochismo. Il «Werther», Foscolo e Leopardi, Roma, Artemide (1973).

Manzoni A., 1912-1921, Carteggio, Milano, Hoepli.

Marri Tonelli M., 1999, Andrea Maffei e il giovane Verdi, Riva del Garda, Museo Civico.

Martinelli B. (a cura di), 1993, Giovita Scalvini: un bresciano d’Europa. Atti del Convegno di studi 28-30 novembre 1991, Brescia, Ateneo di scienze lettere e arti.

Martinola G., 1985, Un editore luganese del Risorgimento: Giuseppe Ruggia, Lugano, Fondazione Ticino Nostro.

Mazzini G., 1911, Scritti editi ed inediti, vol. X, Epistolario vol. III, Imola, Galeati.

Mazzini G., 1912, Scritti editi ed inediti, vol. XII, Epistolario vol. V, Imola, Galeati.

Mazzini G., 1829a, Faust. Tragédie de Goethe, Nouvelle traduction complète en prose et en vers par Gérard De Nerval, «L’Indicatore Livornese» 1.11-12: 145-173.

Mazzini G., [Un Italiano], 1829b, D’una letteratura europea, «Antologia» 9.107-108: 91-120.

Mazzini G., [Anonimo], 1830, D’una letteratura europea, «Indicatore Lombardo» 2.9: 293-329.

Mazzucchetti L., 1913, Schiller in Italia, Milano, Hoepli.

Mix Y.-G., 2017, Der Zauberlehrling und die Weltliteratur. Die Zeitschriften «Le Globe» und «Ueber Kunst und Alterthum» im transkulturellen Dialog, in Ch. Charle-H.-J. Lüsebrink-Y.-G. Mix (Hrsg.), Transkulturalität nationaler Räume in Europa (18. bis 19. Jahrhundert). Übersetzungen, Kulturtransfer und Vermittlungsinstanzen / La transculturalité des espaces nationaux en Europe (XVIIIe-XIXe siècles). Traductions, transferts culturels et instances de médiations, Göttingen, Vandenhoeck & Ruprecht: 133-150.

Passerini G. B., 1831, Prefazione, in W. Menzel, Della poesia tedesca, trad. di G. B. Passerini, Lugano, Ruggia: III-XV.

Paul C., 2017, Goethes Faust auf dem Weg nach Frankreich. Verlauf und Vermittlungsinstanzen einer gespaltenen Rezeption, in Ch. Charle-H.-J. Lüsebrink-Y.-G. Mix (Hrsg.), Transkulturalität nationaler Räume in Europa (18. bis 19. Jahrhundert). Übersetzungen, Kulturtransfer und Vermittlungsinstanzen / La transculturalité des espaces nationaux en Europe (XVIIIe-XIXe siècles). Traductions, transferts culturels et instances de médiations, Göttingen, Vandenhoeck & Ruprecht: 379-404.

Perini Bianchi I., 1993, Scalvini e Goethe, in B. Martinelli (a cura di), Giovita Scalvini: un bresciano d’Europa. Atti del Convegno di studi 28-30 novembre 1991, Brescia, Ateneo di scienze lettere e arti: 231-262.

Pietroboni Cancarini P., 1974-78, Camillo Ugoni. Letterato e patriota bresciano, 4 voll, Milano, SugarCo.

Prunas P., 1906, L’«Antologia» di Gian Pietro Vieusseux. Storia di una rivista italiana, Roma, Società Editrice Dante Alighieri.

Rath R. J., 1964, The ‘Carbonari’. Their Origins, Initiation Rites, and Aims, «American Historical Review» 69: 353-370.

Saito N., 1960, Introduzione, in J. W. Goethe, Faust, trad. di G. Scalvini, Torino, Einaudi: VII-XXV.

Scaglia B., 1993, Giovita Scalvini e i moti del ’21, in B. Martinelli (a cura di), Giovita Scalvini: un bresciano d’Europa. Atti del Convegno di studi 28-30 novembre 1991, Brescia, Ateneo di scienze lettere e arti: 53-64.

Scalvini G. [A. H. J.], 1831, Dei «Promessi Sposi» di Alessandro Manzoni, Lugano, Ruggia.

Scalvini G. [A. H. J.], 1860, Scritti di Giovita Scalvini, per cura di Niccolò Tommaseo, Firenze, Le Monnier.

Scalvini G. [A. H. J.], 1948, Foscolo, Manzoni, Goethe: scritti editi e inediti, a cura di M. Marcazzan, Torino, Einaudi.

Scalvini G. [A. H. J.], 2012, Traduzione del «Faust» di Goethe, edizione critica a cura di B. Mirisola, saggio introduttivo di I. Perini, postfazione di M. E. D’Agostini, Brescia, Morcelliana.

Scolari A., 1952, Anna da Schio Serego Alighieri e gli inizi del romanticismo patriottico a Verona, Verona, Vita Veronese.

Sisto M., 2017a, Goethe in Weimar-Paris-Mailand. Exilrevolutionäre, Zeitschriften, Verlage und die Produktion eines italienischen Faust (1814-1837), in Ch. Charle-H.-J. Lüsebrink-Y.-G. Mix (Hrsg.), Transkulturalität nationaler Räume in Europa (18. bis 19. Jahrhundert). Übersetzungen, Kulturtransfer und Vermittlungsinstanzen / La transculturalité des espaces nationaux en Europe (XVIIIe-XIXe siècles). Traductions, transferts culturels et instances de médiations, Göttingen, Vandenhoeck & Ruprecht: 267-286.

Sisto M., 2017b, Cesare Cases e le edizioni italiane del «Faust», «Studi Germanici» 12: 107-178.

Staël-Holstein A. L. G., 1814, L’Alemagna [trad. di anonimo], Milano, Giovanni Silvestri.

Staël-Holstein A. L. G., 1816, Sulla maniera e l’utilità delle traduzioni, «Biblioteca Italiana» 1.1: 9-18.

Ugoni C., 1826a, Prefazione, in A. Manzoni, Tragedie: il «Conte di Carmagnola», e l’«Adelchi», aggiuntevi le poesie varie dello stesso, ed alcune prose sulla teorica del dramma tragico, Paris, Baudry: III-XXIV.

Ugoni C., 1826b, Sur les tragédies de Manzoni, «Le Globe», 29.6.1826: 431-432 e 1.7.1826: 436-438.

Ugoni C., 1830, Prefazione, in A. Manzoni, Tragedie e poesie varie di Alessandro Manzoni, colle prose analoghe ed un’apposita prefazione del barone Camillo Ugoni, Lugano, Ruggia.

Unfer Lukoschik R., 2004, Friedrich Schiller in Italien (1785-1861): eine quellengeschichtliche Studie, Berlin, Duncker & Humblot.

van Nuffel R., 1957, Lettere di Camillo Ugoni a Giovita Scalvini, «Convivium» 25.6: 720-731.

van Nuffel R., 1965, prefazione a C. Arconati Visconti, Lettere a Giovita Scalvini durante l’esilio, a cura di R. van Nuffel, Supplemento ai «Commentari dell’Ateneo di Brescia per l’anno 1965»: 5-22.

Zapperi R., 1999, Das Inkognito: Goethes ganz andere Existenz in Rom, München, Beck.

Notes

1  Questo lavoro è nato nell’ambito del progetto MIUR Futuro in Ricerca Storia e mappe digitali della letteratura tedesca in Italia nel Novecento: editoria, campo letterario, interferenze (2013-2018), che coinvolge un gruppo di studiosi dell’Istituto Italiano di Studi Germanici in Roma, dell’Università per Stranieri di Siena e di Sapienza Università di Roma. Una prima versione è stata recentemente pubblicata in tedesco (Sisto 2017a); le novità della presente stesura riguardano soprattutto il par. 7. Una più ampia indagine sulla ricezione editoriale del Faust in Italia dai suoi inizi fino al presente è stata pubblicata sulla rivista «Studi Germanici» (Sisto 2017b).

2   Così anche nell’ormai indispensabile edizione critica (Scalvini 2012), mentre fa eccezione Heubeck che lo prende, seppure brevemente, in considerazione (1985: 64-66). Sulla traduzione del Faust di Scalvini si veda Del Zoppo 2009.

3   Ancora nel 1857 la prima edizione integrale del Faust, che comprende la versione di Scalvini della prima parte e quella di Giuseppe Gazzino della seconda parte, viene pubblicata dall’editore fiorentino Le Monnier con i Cenni come introduzione; solo a partire dagli anni Sessanta, con le nuove traduzioni di Giuseppe Rota (1860), Federico Persico (1861), la nuova edizione Le Monnier della versione di Scalvini e Gazzino (1862) e la versione di Andrea Maffei (1869), l’accesso all’opera verrà veicolato da altri scritti introduttivi. Nel 1836 Scalvini aveva iniziato a scrivere una sua introduzione destinata a una nuova edizione, che è tuttavia rimasta allo stato di appunti e frammenti fino alla sua morte (cfr. Scalvini 1948).

4   L’ampia recensione sarà più volte ristampata in successive raccolte dei saggi di Carlyle. Per ragguagli sulla storia della «Foreign Review» si veda Curran 1991.

5   Con la stessa sigla è firmata, sull’«Indicatore Lombardo» dell’ottobre 1830, la traduzione di un articolo del conte di Saint-Aulaire sul dramma Struensee del tedesco Michael Beer, tratto dalla «Revue française»: si potrebbe dunque ipotizzare, anche per il testo di Carlyle, un doppio passaggio attraverso una rivista francese.

6   370 voci sull’arco di mezzo secolo non è molto, ma neanche poco: nel periodo fra il 1668 e il 1779, vale a dire su un arco di oltre un secolo, è stato possibile individuare appena 175 fra articoli e traduzioni in un corpus di 91 riviste (Carmassi 1988). Naturalmente la bibliografia di Carmassi, come ogni bibliografia, non è completa al cento per cento, ma un confronto con quella goethiana di Avanzi e Sichel (1972) ci conforta sulla sua sostanziale attendibilità.

7   A conferma di questo quadro è utile uno sguardo sulle traduzioni da questi autori apparse in volume fino al 1830: di Klopstock La morte d’Adamo (1760) e Il Messia (1771); di Wieland Selim e Selima (1771), Socrate delirante (1781), I dodici dialoghi degli dei (1784), Musarion (1890, a Lipsia), Storia del saggio Danischmend (1800), Istoria di Agatone (1802), Menandro e Glicera (1806), Aristippo (1809), Amore accusato (1810), La salamandra e la statua (1816), Crate e Ipparchia (1817), Alceste (1830, libretto); di Winckelmann Monumenti antichi inediti (1767), Storia delle arti del disegno presso gli antichi (1779, poi in più edizioni), Opere postume (1784), Opere (1830-34, in 8 volumi); di Gessner Idillij (1776, poi in altre cinque traduzioni).

8   Di Kotzebue vengono pubblicati a Venezia fra il 1803 e il 1807 non meno di 25 drammi, mentre una collezione in 16 volumi del suo Teatro appare fra il 1820 e il 1828.

9   Della Lenore di Bürger appaiono, a partire da quella celebre di Berchet, quattro traduzioni tra il 1817 e il 1829; di Schiller escono in volume Il visionario (1809), Amore e raggiro (1817), sei drammi tradotti da Pompeo Ferrario (1819-20), Giovanna d’Arco (1821) e Storia della Guerra dei Trent’anni (1822). Sulla ricezione italiana di Schiller: Mazzucchetti 1913, Unfer Lukoschik 2004.

10   Di Goethe appaiono in volume, nel periodo considerato, solo il Werther (di cui fra il 1782 e il 1828 escono quattro traduzioni e almeno sedici edizioni), Ermanno e Dorotea (1804), Alfredo Meister (1809, versione di un rifacimento francese del Wilhelm Meister, ridotto a circa un quarto dell’originale) e Torquato Tasso (1820).

11   La recensione peraltro è a sua volta una traduzione, dal «Mercure de France».

12   Sulle prime traduzioni italiane del Werther: Manacorda 2001.

13 Su Salom e la ricezione della sua traduzione: Manacorda 2001.

14   Perdurante è l’influenza delle forti riserve su Goethe espresse da Aurelio de’ Giorgi Bertola (1784) e riprese anche da Juan Andres (1808).

15   Così anche Hoffmeister (1984): «Insgesamt scheint der Dichter des Faust in Italien mehr als kühler Olympier verehrt als gelesen worden zu sein» (115). Ciò sembra contraddetto da un’indagine peraltro accurata come quella di Franca Belski (1990), che tuttavia appare condizionata nelle sue premesse dall’enorme capitale simbolico di cui Goethe gode in Italia oggi, ma che comincia a consolidarsi, peraltro piuttosto lentamente, solo a partire dagli anni Sessanta dell’Ottocento. Come già Carlo Fasola (1909), la studiosa assume come presupposto che gli italiani non abbiano potuto ignorare Goethe, cosa che invece, con le pochissime eccezioni che vedremo, hanno tranquillamente fatto. Del resto, gran parte delle testimonianze da lei addotte sono, a ben vedere, ostili a Goethe, perché influenzate dalle posizioni di M.me de Staël e di A. W. Schlegel: così il Prospetto generale di letteratura tedesca di Angelo Ridolfi (1818), la Storia della letteratura alemanna di François-Adolphe Loève-Veimars (tradotta in italiano nel 1826), come anche l’influente Della poesia tedesca di Wolfgang Menzel (tradotto in italiano nel 1831). Con l’eccezione dell’articolo di Mazzini del 1829, sul quale torneremo, è proprio il Faust a essere il bersaglio delle critiche più dure, in prima battuta da parte di Michiel Salom, di Anton Giulio Basevi e di Cesare Cantù, per culminare infine nella celebre stroncatura di Vittorio Imbriani.

16   Come ha osservato Roberto Zapperi (1999), «in Italien sprach man von diesem in ganz Europa berühmten Roman nur negativ, oder überhaupt nicht, was freilich nicht hieß, daß er, vor allem im Milieu der Literaten, nicht gelesen worden wäre. Für die Verbreitung sorgten schon die zahlreichen französischen Übersetzungen, die trotz der strengen Kontrolle der Zensur so gut wie überall in Italien zirkulierten» (71).

17   Sulla Carboneria e il suo discusso rapporto con la Massoneria, le società segrete transnazionali di Filippo Buonarroti e più tardi con la Giovane Italia di Mazzini: Rath 1964; Cazzaniga 2006.

18   Sulla vita di Scalvini: van Nuffel 1965, Heubeck 1986 e Martinelli 1993.

19   Sulla vita di Ugoni: Pietroboni Cancarini 1974-78.

20   Sulla vita di Arrivabene: Arrivabene 1879.

21   Camillo Ugoni a Anna da Schio, 30/9/1825 (Scolari 1952: 58); sulla traduzione del Faust di Filippo Ugoni qui menzionata non ho potuto reperire altre notizie.

22   Cfr. Manzoni 1912-1912, parte I, lettere 138, 209, 249, 253, 255, 257, 261, 264 e 266. Si veda inoltre almeno Blank 1992.

23   Nel 1827 Ruggia pubblica, senza indicare il nome del traduttore, Interesse di Goethe per Manzoni; nel 1830 le Tragedie e poesie varie di Alessandro Manzoni, colle prose analoghe ed un’apposita prefazione del barone Camillo Ugoni, che in appena un anno sembrerebbe arrivare, stando all’editore, alla quindicesima edizione; nel 1831, sotto lo pseudonimo A. H. J., il saggio di Scalvini Dei Promessi Sposi di Alessandro Manzoni, originariamente destinato alla «Rivista Italiana» progettata da Filippo Ugoni e mai realizzata (Martinola 1985).

24   Secondo Heubeck (1986: 223) Scalvini inizia a tradurre il Faust solo alla fine del 1833, mentre van Nuffel (1957: 723) sostiene che vi lavorasse già dal 1830; dalle lettere di Costanza Arconati Visconti si desume che nell’autunno del 1832 vi lavorasse già da tempo (1965: 47, 50).

25   Arrivabene non pare avere un particolare interesse per la letteratura. Durante i suoi anni all’estero pone le basi per la sua successiva carriera di economista, che nel 1859, dopo venticinque anni di esilio, gli procurerà un posto nel Senato del Regno d’Italia: si interessa a Robert Owen, Henri de Saint-Simon, Charles Fourier und Jean-Baptiste Say, traduce gli Elementi di economia politica di James Mill, scrive un saggio Sulle società di beneficienza della città di Londra (1828 e 1832) e il libello Considérations sur les principaux moyens d’ameliorer la sorte de la classe ouvrière (1832).

26   Sulla vita di Passerini: Aguzzi 1985.

27   Questo punto non può essere ulteriormente sviluppato in questa sede, ma non mancano gli studi sulla critica letteraria del Romanticismo, da Scalvini e Mazzini, passando per Cesare Cantù, Niccolò Tommaseo e Carlo Tenca, fino a Francesco De Sanctis (cfr. Borgese 1905).

28   Numerose prese di posizione favorevoli a Goethe si possono trovare anche nella rivista (e gabinetto letterario) «L’Eco» (Milano, 1828-1835), pubblicata dal radicale Francesco Lampato (1774-1855), figlio di un commerciante e già soldato nell’esercito della Repubblica Cisalpina. Lo stesso Goethe, che era abbonato e la leggeva regolarmente a Weimar, la apprezzava per il suo carattere popolare, e inviava alla redazione pensieri e poesie (tra cui Ein Gleichnis). In genere però qui lo scrittore viene più esaltato che veramente commentato, in «articoli di varia natura, ma di scarso spessore» (Belski 1990: 33).

29   Sebbene la sua famiglia debba fuggire all’arrivo dell’esercito napoleonico ed egli viva per alcuni anni presso la corte degli Asburgo a Vienna, Capponi diviene un sostenitore della causa nazionale e della lotta contro l’Austria.

30   Più tardi curerà l’edizione degli scritti postumi di Scalvini (Tommaseo 1860).

31   Non è qui la sede per approfondire le idee letterarie di Mazzini e Scalvini, che senza dubbio sono da annoverare fra i critici italiani più avanzati e internazionalizzati.

32   Su Giacinto Battaglia e l’«Indicatore Lombardo»: Berengo 2012: 195-204. All’inizio degli anni Trenta l’«Indicatore Lombardo» ha una tiratura di ca. 500 copie, mentre l’«Antologia» di ca. 700 (Carpi 1974: 78).

33   La sua ricostruzione, pubblicata nell’introduzione della propria traduzione del Faust, è tuttora la più accreditata presso gli studiosi (Saito 1960: XV; Perini Bianchi 1993: 231; Marri Tonelli 1999: 30): «Enrico Mylius, di cara ed onorata memoria, per quanti hanno in pregio la virtù e la beneficienza sapiente, mi eccitava nell’anno 1830 a far conoscere all’Italia il Fausto di Wolfango Goethe, della cui amicizia egli andava glorioso. In quel tempo io stava traducendo il teatro tragico di Federico Schiller, e mi doleva lasciar questo per altri lavori, ma così vivo era in me il desiderio di gradire all’uomo eccellente ed al poeta immortale, che mi posi alla prova, e ne verseggiai parecchie scene. In questo mezzo Giovita Scalvini m’inviava dal Belgio una sua versione in prosa della tragedia stessa, invitandomi a pubblicarla. Di fatto la pubblicai coi tipi del Silvestri stampator milanese» (Maffei 1869: LXXXIII).

34   Il tramite potrebbe essere stato lo stesso Maffei, o forse anche Camillo Ugoni, che a sua volta era in rapporti con Silvestri, il quale nel 1828 aveva ripubblicato la sua traduzione dei Commentarii di Cesare.

35   «Biblioteca scelta di opere italiane antiche e moderne» (1814-55, 584 titoli), «Biblioteca scelta di opere greche e latine tradotte in lingua italiana» (1828-1855, 84 titoli), «Biblioteca scelta di opere tedesche tradotte in lingua italiana» (1832-46, 26 titoli) e «Biblioteca scelta di opere francesi tradotte in lingua italiana» (1834-55, 37 titoli).

36   Per un’analisi approfondita della collana e del canone letterario da essa proposto si veda in questo volume il saggio di Maurizio Pirro.

37   Un altro testo comparso nel frattempo – sull’«Indicatore Lombardo» nel 1831 – è l’Analisi critica del Faust, tragedia di M. de Goethe di Michiel Salom, che tuttavia «conclude ancora una volta con lo sconsigliare l’imitazione di una tale opera» (De Michelis 2015: 88).

38   Per una rapida rassegna delle recensioni di Cesare Cantù, Giovanni Bolza, Francesco Ambrosoli e altri si veda De Michelis 2015.

Auteur

Professore associato di Letteratura Tedesca all’Università “Gabriele d’Annunzio” di Chieti-Pescara. Coordina il progetto MIUR Futuro in Ricerca Storia e mappe digitali della letteratura tedesca nel Novecento: editoria, campo letterario, interferenza (2013-2018). È redattore delle riviste «Allegoria» e «Studi Germanici», dei blog http://www.germanistica.net e http://www.ragionipratiche.it, e direttore delle collane Letteratura tedesca in Italia (Quodlibet) e Wilhelm Meister & Co. (Textus). Si occupa di storia sociale e comparata della letteratura, di critica letteraria e di transfert letterario tra Germania e Italia. Ha pubblicato saggi su Karl Kraus, Theodor Lessing, Gunther Anders, Günter Grass, Christa Wolf e Paolo Nori, sulla ricezione italiana di Goethe, Büchner e Uwe Johnson, sulla funzione del gender nella produzione letteraria e sulla critica militante nell’era di Internet. Ha curato i volumi L’invenzione del futuro. Breve storia letteraria della DDR dal dopoguerra a oggi (Milano, Scheiwiller 2009), Il saggio tedesco del Novecento (Firenze, Le Lettere 2009, con D. Nelva e M. Bonifazio), Letteratura italiana e tedesca 1945-1970: campi, polisistemi, transfer (Roma, Istituto Italiano di Studi Germanici 2013, con I. Fantappiè), Scegliendo e scartando. Pareri di lettura di Cesare Cases (Torino, Aragno 2013), Sull’utopia (Trento, Università degli Studi 2017, con A. Fambrini e F. Ferrari) e La letteratura tedesca in Italia. Un’introduzione (1900-1920) (Macerata, Quodlibet 2018, con A. Baldini, D. Biagi, S. De Lucia e I. Fantappiè)

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search