Version classiqueVersion mobile

La densità meravigliosa del sapere

 | 
Maurizio Pirro

Edizioni, traduzioni e censure: Cicognara, i fratelli Giachetti e l’editoria artistica di inizio Ottocento1

Alexander Auf der Heyde et Barbara Steindl

Texte intégral

  • 1   Il presente saggio è la versione ampliata e aggiornata di uno studio recentemente pubblicato in a (...)
  • 2   Non a caso Giachetti si distingue anche nel campo dell’editoria medico-clinica, come dimostrano l (...)
  • 3   Per la storia della tipografia Giachetti sono importanti gli studi riuniti in Cavaciocchi 1985 e (...)
  • 4   Biblioteca Roncioniana di Prato [da ora in avanti BRPr]: carte Guasti, b. 61, ins. 28, citata già (...)

1Nella sua Gita a Prato (1833) Niccolò Tommaseo rimane colpito dalla presenza, in una città di dodicimila abitanti, di ben quattro stamperie, fra le quali spicca l’impresa dei fratelli Giachetti, «che diedero e danno opere di mole e d’importanza» (Tommaseo 1838: 311). Avviata nel 1819 dal medico chirurgo Vincenzio Giachetti per i figli Giuseppe, Antonio e Carlo, la tipografia dei Giachetti nasce a Prato all’interno di una fortunata costellazione culturale di assonanze tardo-gianseniste o liberali (Landi 2004: 513)2. Gli altri protagonisti della sua attività sono con Giovanni Silvestri, Giovacchino Benini e Ferdinando Baldanzi tre figure di spicco nella cultura pratese di allora: nominato rettore del Collegio Cicognini, Silvestri è a partire dal 1831 responsabile di un’importante riforma dell’insegnamento, Benini è un avvocato dalle idee liberali ben inserito nell’ambiente letterario del Gabinetto Vieusseux, Baldanzi è dal 1835 al 1851 bibliotecario della Roncioniana prima di diventare vescovo di Volterra e arcivescovo di Siena. Il loro coinvolgimento è particolarmente rilevante per la sorte della casa tipografica3. Come lo è del resto quello di Luigi Pieri (1788-1871), notaio e sino al 1838 procuratore al Supremo Consiglio di Giustizia di Firenze, il quale – a giudicare dalla testimonianza di Cesare Guasti – dette l’impulso decisivo ad avviare nella città una nuova stamperia. È sempre a Pieri che si deve anche il primo (e per il numero delle ristampe forse unico) grande successo della tipografia: l’edizione delle opere complete di Carlo Goldoni uscita nel 1819 in concomitanza con l’apertura (nel 1817) del nuovo Teatro Goldoni a Firenze, che prometteva uno «smercio prontissimo […] perché le persone di ogni classe trovano pascolo in quelle opere»4.

  • 5   Cfr. Chiosso 2003: 253-254; Giommi 1985: 310-314; Mecatti 1858.
  • 6   Silvestri 1821; Adriani 1822-23. Notizie sull’edizione di Adriani si trovano in Pierallini 1873 ( (...)

2Durante il breve periodo della sua conduzione – Vincenzio muore nel dicembre del 1824 – la nuova tipografia di palazzo Capponi in via della Stufa si distingue per la qualità tipografica e redazionale, ed è quest’ultima una caratteristica conservata anche nei momenti difficili che a ondate continuano a investire la vita dello stabilimento sino al 1890, anno in cui la famiglia cessa l’attività5. Dopo i volumi di Goldoni escono, nel 1821, lo Specimen inscriptionum C Latinitarum adiectis nonnullis carminibus di Giuseppe Silvestri e nell’anno seguente, a cura di Ferdinando Baldanzi, l’Istoria di Giovambattista Adriani6.

  • 7Prefazione degli editori, in Winckelmann 1830-34, vol. I: 3.

3A una svolta nell’attività di Vincenzio Giachetti porta, negli anni 1823-24, la pubblicazione della Storia della scultura di Leopoldo Cicognara, con la quale egli inaugura l’importante filone delle pubblicazioni storico-artistiche che avrebbero reso celebre la sua impresa. Con Cicognara, Giachetti acquisisce non solo un autore rinomato, ma anche un esperto capace di indirizzare le sue scelte editoriali data l’esperienza acquisita nei decenni precedenti. Alla Storia di Cicognara seguono quindi in rapida successione la Vita di Antonio Canova di Melchior Missirini (1824) e, risalendo a ritroso l’ordine cronologico, la Storia dell’arte dimostrata coi monumenti (1826-29) di Séroux d’Agincourt nelle due versioni in folio e in 8°, e tra il 1830 e il 1834 le opere complete di Johann Joachim Winckelmann, anch’esse stampate nei due formati – tutte prontamente annunciate e/o recensite sull’«Antologia» e su diversi altri giornali e riviste. La serie dei grandi manuali storico-artistici si conclude, probabilmente più per cause estrinseche che per decisione, con le Memorie spettanti alla storia della calcografia, sempre di Cicognara. Quanto alla scelta di invertire l’ordine cronologico dei grandi manuali, Cicognara – oppure un autore idealmente vicino al suo sentire – sottolinea diversi anni dopo, nella Prefazione degli editori alle Opere di G.G. Winckelmann, che la decisione di procedere a ritroso era dovuta in primo luogo alla morte di Canova e quindi alle circostanze esteriori che avrebbero senz’altro agevolato la circolazione: «L’avvenimento sempre deplorabile della morte del Fidia moderno, e le nuove cure adoperate dal Conte Cicognara onde aggiungere splendore alla sua opera ci consigliarono ad invertire l’ordine naturale di quelle Istorie, e richiamare gli amatori delle Arti Belle a ciò che meglio confacevasi nella circostanza al loro interesse»7.

1. la seconda edizione della storia della scultura di leopoldo cicognara

  • 8   Cfr. Steindl 2007: 61. Per il rapporto con Giordani e la genesi della Storia della scultura, cfr. (...)
  • 9   Nella sua del 5 novembre 1817 Giordani scrive all’amico Cicognara: «Vado pensando che tu dovresti (...)
  • 10   Prima di rivedere il testo, Cicognara si rivolge all’amico Francesco Cancellieri (Vicenza, 27 giu (...)
  • 11   BRPr: s. VII. 6, nn. 41-48.
  • 12   Cfr. la lettera di L. Cicognara a V. Giachetti (Venezia, 28 giugno 1823), BRPr: s. VII. 6, n. 18.

4Sin dal 1813 Cicognara stava maturando l’idea di una seconda edizione della Storia della scultura. L’amico Pietro Giordani lo incoraggia non solo a intraprenderne una traduzione francese (questo renderebbe «Europea, anzi mondiale la tua opera»), ma media anche il contatto con l’editore Silvestri a Milano per dare vita ad un’edizione economica del testo in ottavo, ma il tutto si arena perché Cicognara non vuole rinunciare all’apparato illustrativo8. Superata la delicata fase di transizione politica dopo la Restaurazione, nell’estate del 1822 l’ipotesi di fare una nuova edizione più praticabile e accessibile del suo testo si ripresenta tramite l’amico e collega di Cicognara, Giovanni degli Alessandri. È infatti grazie alla mediazione del presidente dell’Accademia di Firenze che Vincenzio Giachetti propone all’erudito ferrarese una nuova edizione della sua opera. La proposta trova subito il consenso dell’autore e rapidamente i due arrivano a un accordo che include come conditio sine qua non dell’autore l’acquisto (al prezzo di 500 zecchini o 5000 franchi) dei rami da parte della tipografia – un rimedio per sanare almeno parzialmente le ingenti spese sostenute per la pubblicazione della Storia, che Giordani aveva consigliato all’amico già nel 18179. Un altro punto particolarmente caro a Cicognara riguarda gli aggiornamenti da apportare alla prima edizione, per i quali egli chiede come unico compenso una copia del libro10. Massima cura è riservata anche all’aspetto tipografico: la correzione delle bozze (un argomento su cui insiste molto anche Missirini nella corrispondenza con i Giachetti)11, la scelta della carta («polputa» per le tavole) e la decisione sul formato. Cicognara, infatti, non condivide l’idea dell’editore di stampare il libro in due formati, in 8° e in folio, con una tiratura di sole 50 copie (tant’è vero che la Storia uscirà solo nel formato ridotto con l’atlante delle illustrazioni in folio a parte)12.

  • 13   Le tavole aggiunte riproducono le opere di Canova realizzate dopo il 1817, in particolare il Monu (...)
  • 14   Cfr. le lettere di G. degli Alessandri a V. Giachetti (Firenze, 3 giugno 1822 e 17 giugno 1822), (...)
  • 15   Lettera di V. Giachetti a L. Cicognara (s.l., 9 aprile 1823), cit. da Malamani 1888, vol. II: 266 (...)
  • 16   Lettera di L. Cicognara a V. Giachetti (Venezia, 16 aprile 1823): «Il mio piano era d’arrivare al (...)
  • 17   Lettera di L. Cicognara a M. Missirini (s.l., 1817), cit. in Fedi 1990: 214.
  • 18   Lettera di L. Cicognara a V. Giachetti (Venezia, 28 giugno 1823), BRPr: s. VII. 6, n. 18. Il Cano (...)
  • 19   Commenta Malamani: «Il Cicognara si era stranamente ingannato nel giudicare quest’uomo, che non e (...)
  • 20   Lettera di V. Giachetti a L. Cicognara (Prato, 9 febbraio 1824), Livorno, Biblioteca Comunale Lab (...)

5L’autore in prima persona si occupa inoltre dell’esecuzione dei rami delle opere canoviane non ancora presenti nella prima edizione13, della redazione di avvisi e manifesti fino alla vendita e alla distribuzione del libro14. Inizialmente l’idea era quella di dedicare l’opera proprio a Canova, visto che il titolo della Storia della scultura dal suo risorgimento in Italia sino al secolo di Napoleone andava opportunamente cambiato in fino al secolo di Canova. Con la scomparsa dell’artista, l’editore accarezza l’idea di dedicarla invece al grande rivale dello scultore veneto – Bertel Thorvaldsen («In questo caso non si dovrebbe far qualche parola delle opere sue? E allora si compiacerebbe Ella farne l’illustrazione?»)15. Ma la proposta suscita comprensibilmente perplessità in Cicognara, che considera il danese un artista talentuoso come i vari Finelli, Gibson o Dannecker, ma certo non all’altezza del grande Canova16. Lo scultore di Possagno è il protagonista indiscusso di un disegno non solo estetico, ma anche etico-civile teso a riportare l’Italia contemporanea in cima alla civiltà artistica. Non a caso in una lettera a Missirini, Cicognara sostiene con un po’ d’enfasi che «tutta la mia storia fu scritta per quel solo capitolo»17. Con la scomparsa dell’artista e la redazione della Biografia di Antonio Canova (1823), la quale «dando occasione di qualche pubblico aggradimento, rifluirà anche su quest’opera più grande»18, l’editore scopre le potenzialità commerciali della memorialistica canoviana tanto da intraprendere l’edizione Della vita di Antonio Canova (1824) ad opera di Melchiorre Missirini19. Cicognara funge in questo caso da mediatore e Giachetti concede al suo consulente editoriale il diritto di intervenire sul testo dell’abate («Ella tagli ed aggiunga, come crede. Son p[er]suaso, che l’autore stesso non temerà questo, giacché ha sottoposto l’intiera op[er]a alla di lei approvaz[ione]»)20.

  • 21   Lettera di L. Cicognara a V. Giachetti (Valdagno, 27 agosto 1823), BRPr: s. VII. 6, n. 19. Le cor (...)
  • 22   Lettera di L. Cicognara a V. Giachetti (Venezia, 19 settembre 1822), BRPr: s. VII. 6, n. 15. Vien (...)
  • 23   Lettera di L. Cicognara a V. Giachetti (Venezia, 26 settembre 1823), BRPr: s. VII. 6, n. 20. Appe (...)
  • 24   Lettera di V. Follini a L. Cicognara (3 gennaio 1824), BCLi: AUMA, cass. 47, ins. 795, n. 1. Diec (...)
  • 25   Non è dato di sapere se Cicognara abbia personalmente condotto tali ricerche oppure se si sia avv (...)
  • 26   Rumohr 1822; Tolomei 1821; Boissérée 1823; Durelli 1823-33. Cfr. rispettivamente Cicognara 1823-2 (...)
  • 27   Un’altra opera vista nel frattempo nel gabinetto imperiale di Vienna è la Saliera di Francesco I (...)
  • 28   Cfr. Cicognara 1823-24, vol. VI: 372.
  • 29   Cfr. a questo proposito Gallo 1998.
  • 30   Lettera di C. A. Böttiger a L. Cicognara (Dresda, 13 novembre 1823), BCLi: AUMA, cass. 14, ins. 1 (...)
  • 31   Lettera di L. Cicognara a V. Giachetti (Venezia, 28 giugno 1823), BRPr: s. VII. 6, n. 18.
  • 32   «Jusqu’à présent cette seconde édition a été peu connue en Allemagne, le commerce et l’échange de (...)

6Rispetto alla prima edizione, quella pratese della Storia della Scultura presenta un’evoluzione stilistica vistosa con l’adozione del meno personale «noi» al posto dell’«io» narrante della prima edizione. In genere le modifiche riguardano soprattutto il primo volume, mentre negli altri ci sono «più aggiunte che varianti, poiché nella Storia lo stile andò migliorando dopo il primo volume», come specifica Cicognara in una lettera a Giachetti21. Per evitare gli innumerevoli errori tipografici che avrebbero devastato il suo Catalogo dei libri d’arte e d’antichità (1821), Cicognara non manca di raccomandarsi più volte «alla sua cura, e alla sua delicatezza», di chiedere aiuto ai suoi amici fiorentini: «Si tratta d’oggetti d’arte, e di cognizioni che non tutti i letterati hanno, dunque ove sono aggiunte bisogna aver pazienza, e mandare il foglio ad Alessandri, che preghi [Giovanni Battista] Zannoni a dargli una ultima rivista»22. È, infatti, tramite il presidente dell’Accademia fiorentina che Giuseppe Gonelli23 e Vincenzo Follini mandano informazioni relative alle porte di San Giovanni a Firenze24. Particolare attenzione è riservata ai cantieri delle grandi cattedrali, le quali si rivelano essere «cause integrali e patenti di grande progresso nelle arti e particolarmente nella Scultura» (Cicognara 1823-24, vol. I: 41). In alcuni casi – come la Basilica Marciana – Cicognara attinge a ricerche da lui stesso condotte nell’ambito de Le Fabbriche più cospicue di Venezia (Cicognara 1823-24, vol. II: 60-61); alcuni passi aggiunti a proposito del duomo di Milano (214) e soprattutto le informazioni su San Petronio sono direttamente attinte dall’archivio della fabbrica bolognese (vol. II: 233-236; vol. III: 123-124)25, controlli archivistici atti a verificare se l’origine greca di Buscheto fosse davvero documentata (vol. II: 97). Per il resto l’autore aggiorna la bibliografia tenendo conto delle recenti indagini sul duomo di Siena pubblicate da Rumohr nell’«Antologia» e della guida di Pistoia di Tolomei, per non parlare dell’imminente pubblicazione dei lavori di Boissérée sul duomo di Colonia e dei fratelli Durelli sulla Certosa di Pavia26. Non può mancare l’accenno agli Elgin marbles visti a Londra (Cicognara 1823-24, vol. I: 206; vol. IV: 408)27 e agli studi di Benjamin Robert Haydon che paragona i cavalli di San Marco a quelli fidiaci (Haydon 1818)28; infine non deve mancare una risposta polemica di Cicognara alle obiezioni di Émeric-David, il quale recensendo la prima edizione della Storia della scultura, aveva denunciato la prospettiva italocentrica dell’opera (Cicognara 1823-24, vol. V: 386)29. Nelle lettere ricevute dall’archeologo di Dresda Carl August Böttiger vediamo invece l’intenzione dell’autore di ampliare l’orizzonte geografico dell’opera, tanto è vero che compare un brano piuttosto lungo su alcuni scultori tedeschi come Peter Vischer (definito il «Ghiberti dell’Allemagna»), Adam Kraft e Hans Brüggemann30. Con questo allargamento delle maglie geografiche Cicognara tiene conto anche del crescente interesse nei confronti dei suoi studi da parte dei lettori tedeschi. Tanto è vero che suo figlio, recandosi in Germania, porta con sé diversi esemplari del manifesto d’associazione31. Rimane però l’incognita di una circolazione libraria sensibilmente rallentata dalle barriere doganali e dalla censura, come scrive lo stesso Böttiger nella sua del 14 novembre 182532.

2. Gli interventi della censura a proposito della Storia della scultura

  • 33Cfr. a questo proposito Bruni 2002: 528.
  • 34   Lettera di V. Giachetti a L. Cicognara (Prato, 11 agosto 1823), BCLi: AUMA, cass. 54, ins. 653, n (...)
  • 35   Lettera di L. Cicognara a V. Giachetti (Venezia, 26 settembre 1823), BRPr: s. VII. 6, n. 20.
  • 36   «Non ci è che la mente dell’Autore, che possa togliermi da questo cattivo incontro rifabbricando (...)
  • 37   «[…] per non apportare a lei danni troppo considerabili io ho transatto in tutto, però alcuna cos (...)
  • 38   Per le varie perplessità della censura, cfr. l’appendice di questo studio.
  • 39   Cfr. a questo proposito Haskell 1982; Steindl 2007: 49.

7Nel manifesto dell’associazione sull’«Antologia» viene annunciato il primo volume per il mese di luglio 1823 (Cioni 1823). Ma l’effettiva uscita del testo subisce un rallentamento significativo dovuto all’intervento della censura. Di fatto, in data 15 luglio 1823 il presidente del Buon Governo Aurelio Puccini informa il vicario Regio di Prato che qualsiasi libro o foglio stampato andava d’ora in avanti sottoposto alla revisione dell’ufficio di censura fiorentino e non più all’auorità locale (ossia il Vicario Regio)33. Sin dall’agosto del 1823 – quando il primo volume e gran parte del secondo erano già stampati – Giachetti avverte Cicognara di fare presto per assorbire eventuali ritardi dell’uscita dovuti alla revisione prevista dai «nuovi regolamenti di censura sui libri»34. Cicognara sembra poco preoccupato dalla censura e semmai delega l’eventuale intervento al parere dell’editore («Io non ho badato al testo in modo di confronto p[er] conoscere se alcuna frase abbia spiaciuto alla censura fiorentina. Ella lo avrà verificato – Meno avrà da occuparsi nel secondo volume»)35. Il 3 ottobre 1823 invece un Giachetti imbarazzato avverte l’autore delle variazioni richieste per il primo volume (il terzo è stato approvato e il secondo è ancora in attesa d’approvazione)36. Cicognara reagisce con pacatezza e frasi ironiche sulla «sofisticheria di questo censore che probabilmente sarà frate, o frataccio»37. In realtà, come è stato giustamente messo in risalto, gli interventi del censore, padre Mauro Bernardini, sono moderati e certo non lesivi nei confronti della dignità dell’autore; a differenza della censura veneta che intende vietare l’opera soprattutto per l’uso di testi incriminati come De l’usage des statues chez les anciens (1768) di Octavien Guasco, le Recherches sur l’origine, l’esprit et les progrès des Arts de la Grece (1785) del barone d’Hancarville, l’Origine des tous les Cultes ou Religion universelle (1794-5) di Charles Dupuis e infine The history of the decline and fall of the Roman empire (1776-88), opera messa all’indice, di Edward Gibbon (Steindl 2007: 46-50)38. I punti controversi sui quali insistono tutti gli organi di censura riguardano soprattutto il sincretismo religioso caro alla filosofia illuminista e l’insistente denuncia della furia iconoclasta dei primi cristiani, per non parlare della riserva nei confronti delle potenzialità estetiche di una religione morale, tema – quest’ultimo – del quale Cicognara discute animatamente con Giordani39.

  • 40   Scrive Malamani: «Era allora Capo Censore il bibliografo Bartolomeo Gamba, italiano rinnegato, ch (...)
  • 41   Cicognara manda una lettera al censore: «Le compiego la minuta del foglio in cui l’Inquisitore di (...)
  • 42   Cicognara si appella a questo punto all’Aulico Supremo Uffizio della Censura di Vienna e in quell (...)

8Una volta stampati tutti i volumi, il calvario della Storia della scultura non finisce, visto che anche la censura veneta nega la circolazione libera dell’opera40. Facendo riferimento ai numerosi emendamenti fatti dietro suggerimento del Bernardini, Cicognara si appella all’ufficio censura di Milano che dà, infatti, ragione all’erudito41: l’autore, col suo frequente invocare l’unità d’Italia, offende semmai i principi politici del governo austriaco «e per questo soltanto, avuto riguardo alla dottrina, alla mole ed al gran costo dell’opera, doversi applicare il transeat» (Malamani 1888, II: 280-281). Ad ogni modo, questo giudizio comporta la mancata pubblicizzazione dell’opera nelle gazzette; è vietata così perfino l’esposizione pubblica nelle vetrine dei librai42. Il fatto poi che la censura veneta chiedesse addirittura la cancellazione dell’indicazione di Cicognara come autore della Storia della scultura dal manifesto dell’edizione di Séroux d’Agincourt destinato alla «Gazzetta privilegiata di Venezia» fa traboccare il vaso e il conte risponde con una lettera stizzita rivolta al censore veneto Bartolomeo Gamba (Malamani 1888, vol. II: 282).

3. Stefano Ticozzi e la traduzione italiana dell’Histoire de l’art par les monumens di Séroux D’Agincourt

9Finito il cantiere della Storia della scultura, nel gennaio 1824 Vincenzo Giachetti informa Cicognara dei prossimi progetti nei quali desidera coinvolgerlo:

  • 43   Lettera di V. Giachetti a L. Cicognara (Prato, 28 gennaio 1824), BCLi: AUMA, cass. 54, ins. 653, (...)

Allorché Filo Aurelio Visconti seppe da mio figlio in Roma, che avrei ripetuta la storia della Scultura del Cicognara, disse = va bene ma meglio sarebbe cominciare da Winckelman, scendere a d’Agincourt, e finire con Cicognara. Anche il Cav. Gher. de Rossi dava il medo avviso. Io ero già troppo preparato per cangiare idea. Questo accadde in estate 1822. In ottobre an. scorso viene da me Rosini e dice = Compito il Cicognara voi dovete fare il d’Agincourt, e io farò il Winckelmann. Eccomi p[er] tanto nel caso di pensar sul serio al d’Agincourt. Ma come fare in un numero | immenso di tavole, e in un diluvio di disegni. Rosini accomoda presto le cose dicendo che le tavole si riducono, i disegni si lucidano. Ma chi è che darà mano a questa riduzione? Il S. Senatore [Giovanni degli Alessandri] e Niccolini, che mi confortano a quest’impresa, concorrono meco nel confessare, che non vi è che il Conte Cicognara che possa metter lume su questa cosa, lasciando a parte quel che è inutile, e ritenendo solo il necessario. Mia idea sarebbe di fare dei disegni nuovi, e delle tavole nuove, grandi quanto quelle della sua storia, in Litografia. Per la versione lavora, lavora già Stefano Ticozzi, a Lei forse noto. Non occulto che io sarei invogliato di far quest’impresa, ma non vorrei naufragar in tanto oceano. Rimando p[er] tanto a lei il suo savio parere avanti di inoltrarmi43.

  • 44   L’ambiente pratese intorno a Baldanzi è descritto in C. Guasti 1970: 3-68. Per Benini si veda C. (...)
  • 45   Su Ticozzi si veda Dell’Oro 2006; —, 2009; Benini 1982: 218-223. La corrispondenza tra Ticozzi e (...)
  • 46   Le lettere di Giuseppe Giachetti a Giovacchino Benini sono conservate in BRPr S. III. 8; una desc (...)
  • 47   Il coinvolgimento dei due incisori è documentato nel catalogo dei Libri editi dai Fratelli Giache (...)

10Dopo la morte del padre, nel dicembre 1824, Giuseppe assume la gestione della tipografia e della libreria, ed è affiancato da Ferdinando Baldanzi e – per alcuni anni – dall’avvocato Benini. Secondo le testimonianze di Cesare Guasti e di Giovanni Pierallini, i due intellettuali assumono un ruolo determinante nella conduzione dello stabilimento e molto del lavoro editoriale nei primi anni Trenta dell’Ottocento va proprio attribuito a loro. Benini inoltre si occupa della conduzione della libreria, della redazione dei cataloghi, di manifesti e annunci sulle riviste e della corrispondenza con i librai francesi44. Tale ruolo sempre più importante dei due collaboratori traspare anche dalla vicenda editoriale della Storia dell’arte dimostrata coi monumenti di Séroux d’Agincourt, che in un primo momento viene affidata a Stefano Ticozzi, esperto traduttore e curatore di testi storico-artistici che allora (1822-28) risiedeva a Firenze45. Ticozzi, infatti, firma i primi tre volumi della Storia dell’arte dimostrata coi monumenti […] tradotta ed illustrata da Stefano Ticozzi, come si legge sul frontespizio. Gli altri, come d’altronde tutti i tomi delle Opere di Winckelmann, escono senza che siano indicati traduttori o curatori. Essi sono opera di un’équipe in cui «al Benini toccò la parte del tradurre e del compilare, parte modesta, ma non facile». A lui, infatti, va attribuita la traduzione «dal terzo al sesto volume» dell’opera di d’Agincourt e di «molti brani del Winckelmann dal tedesco, massime per le note prese dall’edizioni originali», mentre Pierallini indica Baldanzi come traduttore «del Museo di Stosch», che inoltre «aiutò con zelo paziente quella splendida e voluminosa edizione [le Opere di Winckelmann] che tanto illustrò i tipi giachettiani» (C. Guasti 1867: 239)46. Di questo gruppo di lavoranti ‘anonimi’ fanno parte anche gli incisori impegnati nella riproduzione delle tavole che, oltre a Raffaello Morghen che incide il ritratto dell’archeologo tedesco, sono Giovanni Paolo Lasinio – che nelle lettere a Giuseppe Giachetti si firma «Lasinio figlio» – e, per i monumenti architettonici, Antonio Bernatti47.

  • 48   Queste, appunto, le parole di G. G. de’ Rossi nella sua lettera ai frat. Giachetti (Roma, 20 dice (...)
  • 49Notizia intorno alla vita ed alle opere di G.B.L.G. Seroux d’Agincourt, in Séroux d’Agincourt 182 (...)
  • 50   Lettera di G.P. Vieusseux ai frat. Giachetti (17 marzo 1827), cit. in Barocchi 1975-79, vol. V: 3 (...)

11A inaugurare il primo volume della Storia dell’arte dimostrata coi monumenti è una biografia dell’erudito francese e Giachetti contatta tramite un «ministro» Giovanni Gherardo de’ Rossi, chiedendogli di redigere una biografia di Séroux «onde porla innanzi alla sua opera» (de’ Rossi nota: «Mi rispose che sarebbe tornato, e più non l’ho veduto»)48: ma invece di coinvolgere de’ Rossi, Ticozzi traduce la Notice sur la vie et les travaux de J[ean Baptiste].L[ouis].G[eorges]. Seroux d’Agincourt servendosi – come dice in nota – di «alcune brevi memorie manoscritte raccolte dalla valente pittrice [Marianna] Dionigi, ch’ebbe la fortuna di stringere amicizia con d’Agincourt»49. La riuscita dell’intero progetto editoriale viene poi messa a repentaglio dall’esistenza di una traduzione analoga della Storia dell’arte col mezzo dei monumenti dalla sua decadenza nel IV secolo fino al suo risorgimento nel XVI, che esce tra il 1824 e il 1835 con i tipi dell’editore milanese Fanfani. Evidentemente spaventato dal pericolo di un disastro commerciale della sua impresa, Giachetti chiede a Vieusseux di pubblicare sull’«Antologia» una recensione comparativa che facesse risaltare i pregi dell’edizione pratese, ma l’editore ginevrino, pur dichiarandosi disponibile a pubblicizzare i libri di Giachetti, si rifiuta di fare un confronto, perché «sarebbe odioso e non conveniente specialmente alla dignità del mio giornale»50.

4. L’Edizione delle Opere di G.G. Winckelmann

  • 51   Fondamentali, a questo proposito, i lavori di Ferrari 2002; —, 2007. Per la storia editoriale del (...)
  • 52   Anche in questo caso l’editore ripropone le incisioni pubblicate nelle edizioni precedenti che, p (...)
  • 53   «Il savio lettore correggerà facilmente quello, che può avere di inconveniente un tale epiteto ge (...)
  • 54   Cfr. Gabbi Tamassia 1985a.
  • 55   Archivio di Stato di Firenze [da ora in avanti ASFi], Censura 15, n. 5601, 11 marzo 1830. Il bran (...)

12Winckelmann non è un autore sconosciuto ai lettori italiani e lo dimostrano ben due traduzioni della Storia delle arti del disegno, quella romana del 1783-84 iniziata da Carlo Fea in collaborazione con José Nicolás de Azara e Johann Friedrich Reiffenstein e quella milanese di Carlo Amoretti (1779)51. Alla base dell’edizione Giachetti sta l’edizione completa degli scritti dell’archeologo pubblicata a Donaueschingen (1825-29) a cura di Joseph Eiselein (1781-1856) (Winckelmann 1825-29)52. A differenza dell’edizione tedesca che ripropone gli Opera omnia di Winckelmann in ordine cronologico, in modo che il lettore possa ripercorrere lo sviluppo intellettuale dell’autore, Giachetti parte dalle opere di «maggiore importanza, e che hanno più stretta relazione colle Tavole in rame», in altre parole si focalizza sulla Storia delle arti del disegno (Winckelmann 1830-34, vol. I: 194). I rari interventi degli editori pratesi (Ferdinando Baldanzi e Giovacchino Benini) sono segnati E.P., ma sono pochi e per lo più riferibili a questioni di concordanza tre le varie edizioni, oppure rimandi alle tavole aggiunte e agli altri testi del corpus. Una sola volta gli editori pratesi prendono con un po’ d’imbarazzo le distanze da Winckelmann che esprime, in una delle sue lettere familiari, giudizi poco lusinghieri sul conto del pontefice Benedetto XIV53. A questo va aggiunto l’intervento della censura granducale la quale – dopo essere duramente intervenuta sui testi di Cicognara e Pouqueville54 – chiede una modifica al saggio biografico, «perché sia purgato da diverse asserzioni e proposizioni equivoche ed inesatte nei motivi che indussero Winckelmann ad abbracciare la Religione Cattolica»55.

  • 56   Come è stato messo in evidenza da Stefano Ferrari, l’archeologo tedesco funge nella Storia della (...)
  • 57   La pubblicazione della recensione suscita la reazione sdegnata degli editori delle opere di Visco (...)

13La principale differenza rispetto all’edizione di Donaueschingen si osserva comunque nell’XI volume dell’edizione Giachetti (1832), che contiene delle Aggiunte alla Storia dell’Arte tratte da diversi autori: si tratta di un’antologia della scienza antiquaria di fine Sette e inizio Ottocento, a partire dai rilievi critici di Herder, Lessing e Heyne fino a Quatremère de Quincy, il cui saggio sulla perfezione seppure frammentaria della Venere di Milo letto all’Académie des Beaux-Arts (1821) conclude in maniera programmatica l’edizione (Winckelmann 1830-34, vol. XI: 791-816). A differenza dei lettori tedeschi che vedono in Winckelmann non solo l’archeologo, ma, sulle orme di Goethe, anche uno scrittore, nonché profeta del Neoclassicismo ottocentesco, il lettore italiano dispone così di un quadro aggiornato della scienza antiquaria ed archeologica degli ultimi cinquant’anni. Questa scelta di contestualizzare Winckelmann riflette la lunga e assai critica frequentazione dei suoi scritti da parte di Cicognara56, il quale persegue anche lo scopo di offrire un modello alternativo di opera completa a quello – assai controverso – degli scritti di Visconti apparsi nel decennio precedente. Sulla rivista «Amalthea» del 1820 appare, infatti, una recensione fortemente critica dei primi fascicoli del Museo Pio-Clementino e dell’Iconografia Romana la cui edizione, a cura di Giovanni Labus, era stata iniziata subito dopo la morte dell’archeologo nel 1818 (von Köhler 1820). Il pubblico italiano conosce la recensione firmata da Heinrich Karl Ernst von Köhler grazie alla traduzione apparsa sulla «Biblioteca Italiana», dove viene accompagnata da una lettera a Giuseppe Acerbi di Carl August Böttiger (Böttiger-von Köhler 1821)57. Nella Storia della scultura Cicognara canta le lodi di Böttiger e in genere dell’archeologia tedesca la quale – ben lungi dall’imbalsamare Winckelmann – sceglie di commentare doverosamente le sue opere, di rettificare attribuzioni sbagliate e segnalare opere nel frattempo rinvenute. Böttiger e con lui gli eredi di Winckelmann

[…] non per deprimere il merito altrui, né impadronirsi delle scoperte altrove già fatte, ma per un lodevole zelo di calibrare la verità, spogliandola d’ogni dubbiezza, rivedono attentamente gli studj de’ primi maestri, e forse alla dottrina dei Winckelmann, dei Zoega, dei Visconti, aggiugnendo una diligenza più scrupolosa, vengono a dare l’ultima mano i preziosi lavori che questi gran luminari produssero scortati da un genio più vivace e più pronto, il quale non sempre si sottopose alla severità di una analisi rigorosa (Cicognara 1823-24, vol. IV: 440-441).

  • 58   Rifiutarsi di intraprendere un’edizione critica delle opere di Visconti, che contenga correzioni (...)

14Di fatto la scienza antiquaria compie in quegli anni un’evoluzione davvero galoppante come ben dimostrano gli scavi, la cultura del restauro, il collezionismo, la pubblicistica e le vicende in campo museografico. Cicognara è ben consapevole di quest’esigenza ed è quindi del tutto plausibile che sia dovuto ad un suo sollecito l’invito a corredare l’ultimo volume delle Opere di G.G. Winckelmann di un’appendice che tenesse adeguatamente conto della situazione contemporanea in questo campo di studi58. Bisogna, inoltre, tenere presente quanto a questo proposito è stato osservato da Daniela Gallo, secondo la quale la polemica sull’edizione delle opere di Visconti segna un momento di passaggio di consegne,

[…] après des siècles de primauté italienne dans les études d’antiquaria, la nouvelle école allemande, en reprenant à son compte l’apport de Winckelmann, était bien décidée à prendre le flambeau. Sous la Restauration, Visconti avait le double tort d’avoir été un homme du XVIIIe siècle qui, de surcroît, avait renié sa patrie en choisissant d’être naturalisé français, ce qui dans une Europe désormais vivement anti-française était une tache bien grave. (Gallo 2009)

5. Le Memorie spettanti alla storia della calcografia e le ultime iniziative editoriali di Cicognara

  • 59   Gli incisori sono elencati nella biografia anonima di Francesco Nenci (Nenci 1850). Per le notizi (...)
  • 60   Sulla crisi della tipografia negli anni Trenta cfr. Giommi 1985: 310-314.
  • 61   Cfr. ad esempio la lettera di G. Giachetti a C. Spreti (Prato, 9 agosto 1830), Biblioteca Comunal (...)
  • 62   Per la figura dell’erudito romagnolo, cfr. Zavalloni 2012.
  • 63   Lettera di G. Giachetti a L. Nardi (Prato, 28 febbraio 1831), BCFo, Carte Romagna: b. 337/061.
  • 64   Lettera di G. Giachetti a I. Rosellini (Prato, 19 luglio 1830), Biblioteca Universitaria di Pisa (...)
  • 65   Lettera di A. Giachetti a I. Rosellini (Prato, 21 marzo 1831), BUPi: Ms. Rosellini 294/1.

15I grandi progetti avviati da Vincenzio e realizzati nei primi anni dopo la sua morte, la Storia di Séroux d’Agincourt e le Opere di Winckelmann, ma anche la monumentale Bibbia nella versione di Antonio Martini, edita in 26 volumi e corredata di un ampio apparato iconografico di 78 incisioni su disegni da Francesco Nenci (G. Guasti 1908: 6-7)59, si rivelano particolarmente impegnativi sia sotto il punto di vista editoriale che economico, e sono sicuramente una delle cause della grave crisi che investe la tipografia Giachetti nei primi anni Trenta60. Dalla corrispondenza dei figli emergono particolari difficoltà nel vendere le Opere di Winckelmann, motivo per cui si rivolgono personalmente ai vari eruditi, bibliofili e bibliotecari cui offrono anche condizioni particolari per l’acquisto61. Particolarmente interessante è il caso di Luigi Nardi (1777-1837), antiquario romagnolo, che rappresenta la Biblioteca comunale di Rimini62: la sua biblioteca (come del resto quella di Parma) possiede già l’edizione romana della Storia delle arti e quindi Giachetti propone di ritirare l’edizione vecchia concedendo così uno sconto fino a 70 zecchini sull’associazione delle Opere63. Anche all’egittologo pisano Ippolito Rosellini (1800-1843) Giuseppe chiede il favore (19 luglio 1830) di «procurarci la sottoscrizione della Biblioteca della Sapienza alla nostra Opera del Winckelmann»64. E quando, in mancanza di un riscontro, invia a Pisa perfino un agente commerciale (tale Giuseppe Fiorio) per sollecitare l’associazione della biblioteca universitaria, Antonio Giachetti non fa mistero della situazione precaria in cui versa l’impresa: «I critici tempi esigono da noi un’attività tale da non potersi agevolmente dimostrare a parole – noi convertiamo la notte in giorno p[er] tutto pensare, p[er] tutto tentare – tutto cerchiamo, a tutto ci attacchiamo […]»65.

  • 66   Cfr. a questo proposito i due promemoria (riservato e pubblico) allegati alla lettera di L. Cicog (...)
  • 67   L. Cicognara a L. de Cambray Digny (Venezia, 19 marzo 1831), BCLi: AUMA, cass. 028, ins. 1685.
  • 68   Cfr. lettera di protesta (7 agosto 1831) cit. da Malamani 1888, vol. II: 400-402.
  • 69   Lettera di L. Cicognara ai frat. Giachetti (Padova, 16 agosto 1831), BRPr: s. VII. 6, n. 24.

16Queste evidenti difficoltà di piazzare le Opere di Winckelmann sul mercato editoriale si riverberano anche sulla produzione dello stesso Cicognara, in particolare le Memorie spettanti alla storia della calcografia (1831). L’accordo con l’editore, così come era stato negoziato per conto di Cicognara dall’architetto Luigi de Cambray Digny, prevedeva – come nel caso della Storia della scultura – l’acquisto delle matrici da parte dell’editore (al prezzo di 2000 franchi), nonché quaranta esemplari in folio e ottanta copie in ottavo da destinare all’autore66. Ma tutto ciò sembra rallentato dalle difficoltà dell’editore che non manda, come aveva promesso, i fogli di stampa; Cicognara sfoga la propria rabbia in una lettera allo stesso architetto («vogliono subordinare la edizione dell’opera mia a quella del Winkelmann»)67. Finalmente nell’estate del 1831 la situazione si sblocca e questa volta di nuovo pare che la censura – pur avendo concesso da tempo ormai l’imprimatur – rallenti la spedizione dei fogli di stampa inviati sotto fascia prima a Venezia per poi giungere a destinazione (Padova). Cicognara protesta ancora una volta con l’ufficio censura di Venezia68, ma nel frattempo organizza con Giachetti l’invio clandestino dei fogli ripiegati per evitare i controlli della censura veneta e garantire la correzione, quasi in tempo reale, del suo libro: «Rimanghiamo dunque intesi – Li fogli d’ora innanzi me li spediranno [in] piego chiuso affatto a modo di lettera, in carta sottile ben battuta […] ed io li tornerò corretti sotto fascia»69.

  • 70   Cfr. l’accenno alla questione nella lettera di G.P. Vieusseux ai frat. Giachetti (8 aprile 1826), (...)
  • 71   Lettera di L. Cicognara ai frat. Giachetti (Venezia, 14 novembre 1833), Venezia, Biblioteca del M (...)
  • 72   Lettera di L. Cicognara ai frat. Giachetti (Venezia, 14 novembre 1833), BMCVe: Mss. P.D. 547 c/73 (...)
  • 73   Lettera di L. Cicognara ai frat. Giachetti (Venezia, 14 novembre 1833), BMCVe: Mss. P.D. 547 c/73 (...)
  • 74   Cfr. la lettera dei frat. Giachetti a Lucia Cicognara (Firenze, 16 maggio 1835), BMCVe: Mss. P.D. (...)

17Le Memorie spettanti alla storia della calcografia (1831) sono l’ultimo frutto della collaborazione decennale tra Cicognara e i fratelli Giachetti: nelle lettere emergono diversi altri progetti mai portati a compimento come l’edizione critica del Libro dell’arte di Cennino Cennini che doveva essere affidata ad Antonio Benci (aprile 1826)70, un dizionario biografico degli «artisti Italiani o che studiarono in Italia» pensata come una sorta di registro aggiornato per il Lanzi71, una storia dell’architettura «che tutto comprenda in un gran quadro»72, una traduzione italiana del Peintre graveur di Bartsch che per «allettamento di novità» dovrebbe contenere un atlante con cento fac-similes73. Sempre dalla corrispondenza dei fratelli Giachetti sappiamo che la vedova di Leopoldo – Lucia Cicognara – vuole affidare all’editore pratese la pubblicazione degli scritti inediti di materia artistica e letteraria del compianto marito: un progetto malvolentieri accettato dai Giachetti che, però, non sarà portato a termine74. Cicognara stesso, del resto, aveva iniziato la pubblicazione delle sue Opere con l’editore veneziano Paolo Lampato: anche in questo caso il risultato si distingue per «la bellezza della carta, la nitidezza de’ caratteri, la diligente correzione, i sobrj avvertimenti all’uopo inseriti intorno a ciascuno di quegli scritti» ed è un’ulteriore conferma dell’ottima fama di cui godono i libri pubblicati dai Giachetti, se il recensente del primo tomo delle Opere nota la conformità dell’edizione con quella «bellissima della Storia della scultura del Cicognara dei fratelli Giachetti di Prato» (Anonimo 1835).

  • 75   L’amicizia tra Benini e Giachetti si rompe nel 1835, proprio sulle consulenze legali che l’avvoca (...)
  • 76   Il primo testo da ricordare in tal senso sono i Cenni (1830) che Missirini dedica alle pitture di (...)

18Quello dei fratelli Giachetti con Leopoldo Cicognara è un sodalizio d’eccellenza tra un erudito bibliofilo attento ai mezzi e materiali di realizzazione tipografica e uno stampatore che possiede strumenti e collaboratori capaci di metterne in pratica le idee. Anche se nel 1834 la crisi dell’editoria risulta in larga misura superata, resta fuori dubbio che la tipografia Giachetti perde con Cicognara e poi con Benini due dei suoi consulenti editoriali di rilevanza nazionale75. Passata nelle mani soprattutto di Baldanzi, l’attività editoriale viene sensibilmente ridimensionata, nonché concentrata sulla riscoperta del patrimonio culturale pratese che interessa soprattutto i lettori locali76.

Appendice:

19le osservazioni della censura toscana a proposito della storia della scultura (1813-18) di leopoldo cicognara

20I tre verbali dell’ufficio censura, che pubblichiamo integralmente in questa sede, sono già stati consultati e in parte commentati da Malamani (1888). Essi risalgono al periodo immediatamente precedente alla pubblicazione della seconda edizione del testo (1823-24). La trascrizione del manoscritto è stata fatta secondo criteri diplomatici, gli unici interventi correttivi dei curatori riguardano l’accentazione e le abbreviature che sono state opportunamente sciolte. Con il segno «|» si indica il passaggio di cartella.

Archivio di Stato Firenze: Censura Reg. 8, n. 8492, 9 settembre 1823

21A di 9 settembre 1823 / Storia della scultura dal suo risorgimento fino al secolo di Canova del conte Leopoldo Cicognara p[er] servire di continuazione alle opere di Winckelman e di Agincourt, seconda edizione riveduta ed ampliata dall autore / Volume primo / Prato: p[er] i Fratelli Giachetti / 1823. / In Venezia nell’anno 1813 uscì p[er] la prima volta alla luce in tre tomi in Foglio col corredo di molti Rami una magnifica edizione della Storia della scultura fino al secolo di Napoleone. Scritta dal conte | Leopoldo Cicognara e da esso con dedica piena di adulazione consacrata all’imperator dei Francesi.

22Di questa opera furono fatti grandissimi elogj sì ne giornali d’Italia che nei più accreditati dell’Europa, e fu considerata generalmente come una degna e necessaria continuazione delle opere di Winckelman e di D’Agincourt. Si presentano molti argomenti p[er] indurci a credere che l’applauso p[er] la nuova Storia della scultura fosse mosso non tanto dal merito intrinseco che trovasi nell’opera dell’erudito e teorico Artista Italiano quanto da certe opinioni ardite annesse con artifizio o con aria dubitativa in materia di Religione delle quali appariscono fardellati i Principj Generali contenuti nel 1° Libro:

23Dieci anni dopo in questo medesimo anno 1823 gli stampatori Giachetti di Prato impresero a farne una nuova edizione, riveduta ed ampliata dall’autore dal quale comprarono i Rami, essendo con | venuti di una retribuzione p[er] le nuove aggiunte che io medesimo ho veduto nell’originale della 1a edizione postillato dal medesimo.

24Il genio dell’autore nei Principj Generali, che precedono la Storia delle belle arti sembra esser quello di Depuis ed esteso da D Ancarville, nomi troppo celebri p[er] le irreligiose discussioni sull’origine dei culti. Non in tutti i luoghi è espressa evidentemente questa tendenza, ma la smania che manifesta l’autore di voler francamente ragionare sui principj astratti che motivano l’incivilimento fra gli uomini lo portano ad unire le sue opinioni proprie le opinioni singolare dei suddetti non che di altri increduli, e ben vero che sovente questo scrittore acuto e destro nel presentar con riserva le sue idee parla p[er] ipotesi, o si serve di espressioni che possono aver un doppio significato, ma questo metodo medesimo oltre al render palesi gli errori altrui non lascia di risvegliare il ridicolo | o il disprezzo o il dubbio in materie santissime. Inoltre, e da notarsi che nel riferire gli altrui irreligiosi sentimenti mai si prende il pensiero di accompagnarli con una confutazione che sembrerebbe necessaria, mezzo il più confacente p[er] sanzionare questi sentimenti e p[er] pubblicare le opere che sono proscritte p[er] il vantaggio dei Governi e dei Popoli. Nella revisione che ho dovuto fare di questo tomo gia stampato, che era sul punto di pubblicarsi, ho notati non tutti, ma alcuni punti, nei quali lo spirito dell’autore più evidentemente si manifesta e che io indicherò col numero delle pagine seguenti dell’edizione Pratese, cioè Pag. 37. 54, 56 (bis), 58, 63, 64, 73, 95, 96, 97, 98, 116[,] 169, 170, 262, 286, 287 alla 308.

  • 77   Nella prima edizione si parla della «imperfezione dei mezzi coi quali sono stati conservati gli a (...)

25La dottrina che s’insinua con l’arredo di molta erudizione e destrezza particolarmente nelle pagine, 37, 54, 56 (bis), 58, 63, 64, e quella di dichiarare che p[er] quanto l’uomo con le sue indagini voglia penetrare sulle origini delle cose e sul principio stesso avvolto | dell’uomo, tutto troverà avvolto nell’oscurità o nell’incertezza o nel dubbio, ne potrà mai fissare alcuna epoca determinata, giacchè egli dice (pag: 96) con ingiuria gravissima a Mosè e alla Scrittura che i mezzi con i quali son conservati gli annali religiosi del mondo sono imperfetti77.

  • 78   Cicognara 1813-18, vol. I: 39.

26Giudicando favolosi alcuni fatti puramente istorici considera allegorico e favola il fatto di Babele, mettendolo a confronto della guerra dei Giganti (pag: 98)78.

  • 79   Cicognara 1813-18, vol. I: 71.
  • 80   Cicognara 1813-18, vol. I: 109.

27Alle pag: 116, 169, 170 usa espressioni poco rispettose alla memoria di Pontefici santi, le più frequenti delle quali sono di superchieria pontificcia durezza pontificale e alla pag: 169, 170 chiama favola e superchieria la sovranità perpetua e temporale dei Papi, perche appoggiata ai decretali della donazione di Costantino fabbricate e pubblicate da Adriano primo79. Alla pag. 286 dichiara che un Concilio abbia adottato gli errori degli Inconoclasti, mentre questo non fu che un conciliabolo sotto l’impe- | [ratore] sopronimo condannato posteriormente dal Concilio Niceno secondo80.

28Alla mancanza gravissima la quale riscontrasi pag: 74, 262, 292, 294, 287 fino alla pag 308 e quella di spiegare i simboli più angusti della nostra SSma religione come della Trinità del Figlio di Dio, dello Spirito Santo, di maria [et cetera] colla provenienza coll’uso di quelli praticati presso le nazioni pagane.

29Sono queste le osservazioni che p[er] coscienza ho creduto di dover dirigere a V: S Illma riscontrate nel primo tomo della Storia della scultura del Conte Leopoldo Cicognara, senza rammentare le circostanze particolari che hanno accompagnato la prima edizione e la stima in che è tenuta dagli Artisti p[er] merito d’arte e di Scienza, io credo dovermi prender la libertà di farle osservare che la revisione del 1° e 2° Tomo spettava veramente al revisore di Prato, o a tutt’altri fuori che a me, giacchè nell’epoca in cui ricevei dalla di Lei Segreteria l’incarico delle opere in seguito si sarebbero stampate a prato, gli Stampatori Giachetti avevano gia eseguita la Stampa dei primi | due Tomi. Pur non ostante io ho rivisto il tomo terzo che mi apparteneva e nel quale non trovai eccezioni. Sono in Fine della revisione del secondo Tomo la quale p[er] ora egualmente non ha alcuna eccezione: ho rivisto il primo che contiene le eccezioni notate pregando V: S a prendere intorno a quest’affare quelle decisioni che nella Sua Saviezza troverà più convenienti.

30In Fine mi permetto un egual libertà di farle riflettere, che questi Stampatori specialmente di Provincia debbano presentar le opere da stamparsi prima d’incominciare la stampa, o si tratti di opere manoscritte, o si tratti di nuove edizioni; p[er] esempio a Prato dall’epoca della soppressione della censura sicuramente si è stampato e si stampa. Dovrò io trovarmi al caso occorso nell’opera attuale, particolarmente essendo spesso accaduto che opere non permesse in Firenze sieno state stampate in Provincia.

31Da tutto ciò che ho detto sull’opera in questione risulta che l’autore seguace e propagatore in Italia in | tempi disgraziati delle opinioni di Depuis e di Hancarville ha espresso dei suoi errori 1° una parte in modo evidente e senza riserva; 2° una parte (e ciò più frequente) o in modo ipotetico, o dubitativo, o con espressioni cavillose e di doppio significato; 3° una parte con riferire gli altrui errori senza adottarli (dubito) in un modo evidente e determinato, ma sempre però senza confutarli; 4° una parte coll’usare un linguaggio poco rispettoso al sacerdozio e a sante determinazioni di Pontefici tenuti in altissima stima.

32Sotto questo aspetto ho creduto ho creduto [sic] di classare gli errori osservati nel primo Tomo; affinche ella colle superiori vedute, e col punto di vista a lei proprio, valutata l’indole dell’opera, il carattere diverso degli errori e tutte le circostanze estrinseche che accompagnano la prima e l’attuale edizione, formi quel progetto, che ella nella sua sapienza crederà più conveniente e che riesce difficile a me p[er] una certa angustia di tempo essendo essendo [sic] fisicamente indisposto.

Archivio di Stato Firenze: Censura Reg. 8, n. 8588, 30 settembre 1823

33A dì 30 7mbre 1823. / Storia della Scultura dal suo risorgimento in Italia fino al Secolo di Canova del Conte Leopoldo Cicognara, edizione seconda Vol. I° Prato. / Stamp. Giachetti. / Rimetto nelle mani di VS. Illma il primo Tomo della Scrittura del Conte Cicognara, ed aggiungo un foglio a parte contenente le correzioni, che sarebbero opportune a questo primo Volume. Non s’intende che dette Correzioni sieno fatte con le parole medesime con le quali sono scritte, ma è sufficiente che nei termini creduti più convenienti mantengano lo Spirito delle Correzioni. |

34In questo lavoro nojosissimo sono state notate tutte le proposizioni le quali sarebbero state degne di censura. Gli Stampatori non dovrebbero ricever vantaggio alcuno perché hanno mancato di trasgressione con lo stampare opere di delicata materia senza preventiva licenza, essendo anzi per questo motivo degni di riprensione.

35Vi sono tra le Osservazioni qui scritte alcune di maggiore ed altri di minore importanza, e queste ultime sono contrassegnate con piccola croce x. Sopra queste Ella prenda quella determinazione che crede opportuna.

36Nelle correzioni della massima e decisa importanza ve ne sono due, nelle quali ho voluto che si professasse espressamente la venerazione e la fede ai Libri Santi, professione che toglie l’equivoco ad altre correzioni che per questo appunto le giudico di minore importanza.

37PS. – Si nota che le correzioni contrassegnate co[n] l[a] piccola croce sono di N[umero] 10.

Correzioni al Volume 1° della Storia della Scultura del Conte Cicognara.

  • 81   Cicognara 1813-18, vol. I: 12.

Pag. 37 v. 7 = Se si vorrà riflettere all’incer- | certezza del principio di molte scoperte che si son fatte, si riconoscerà ec:81

  • 82   Cicognara 1813-18, vol. I: 19.

Pag. 53. v. 13- = E indarno tenta di togliere dalla oscurità le primitive sorgenti di tante sue esposizioni, etc:82

  • 83   «D’altronde le memorie, le quali sembrano recar qualche luce nella remota antichità dei tempi, es (...)

Pag. 54. v. 6. = D’altronde le memorie (non considerando quelle ineffabili registrate nei Libri Santi) le quali sembrano, etc:83

  • 84   Cicognara 1813-18, vol. I: 20.

Pag. 56, v. 8 = Sia che da un solo ceppo, come è certo, per lenta progressione di famiglia si popolasse la terra, o quando anche falsamente vogliasi che in altro modo, etc:84

  • 85   Cicognara 1813-18, vol. I: 24.

Pag. 64. v. 3 = I principj alle cose è un volere impropriamente attribuire alla schiatta, etc:85

  • 86   Cicognara 1813-18, vol. I: 28.

Pag. 73. v. 5 = Occupati dagli Sciti e in conclusione lo pone come un emblema di genio divino e di una potenza intermedia tra l’uomo e la Divinità, che fu adorato da alcune nazioni. Non manca, ec:86

  • 87   «[...] invece di accusare e di querelarsi della imperfezione dei mezzi coi quali sono stati conse (...)

Pag. 96. v. 6 = Sono stati conservati gli annali del Mondo (eccettuati quelli dei Libri Santi)87

  • 88   Cicognara 1813-18, vol. I: 38.

Pag. 97. v. ultimo = Quanto era in poter suo gli altri uomini. Le Storie, ec:88

  • 89   Cicognara 1813-18, vol. I: 39.

Pag. 98. v. 7 = Una tal verità; e ci conducono ad una medesima conseguenza le favolose guerre de’ Titani ed il fatto certo della Torre di Babele89.

  • 90   Cicognara 1813-18, vol. I: 46.

Pag. 116. v. 3 = Durezza pontificiale, di che altri, per quanto falsamente hanno levato | grido per il trattamento fatto a Canossa, ec:90

  • 91   Cicognara 1813-18, vol. I: 71.

Pag. 169. v. 23 = Quando verso la fine dell’ottavo Secolo in seguito della donazione di Costantino Adriano I esortò Carlo Magno ad imitare, ec:91

  • 92   Cicognara 1813-18, vol. I: 71.

Pag. 170. v. 2 = Come volgarmente si stima, erano contemporanei gli autori del Ritratto del Papa Gio: VII, etc:92

  • 93   «[...] e quantunque Roma vedesse pontefici che a forza d’infamie per la turpe loro origine e per (...)

Pag. 170. v. 23 = Roma vedesse con dolori Papi o Antipapi, che a forza d’infamia, etc:93

  • 94   «Ma perchè non rimase ella in attività questa legge, e perchè mai col fatto vi derogò l’ignoranza (...)

Pag. 262. v. 20 = Vi derogo l’ignoranza di alcuni colla loro adesione ai criminosi voti, ec:94

  • 95   «S. Gregorio spinse il suo zelo sino a far gittare nel Tevere tutti i monumenti di questa natura (...)

P. 271[,] v 1 [=] di privata ragione. Quindi non parrà strano se divenne oggetto, ec:95

  • 96   «La sua [i.e. la religione cristiana] forma più astratta che materiale e dedicata all’elevazioni (...)

Pag. 273. v. 24 = Contribuire alla prosperità dell’Arti i Misteri, le Vergini, i Confessori ed i Martiri, ec:96

  • 97   «L’odio dei primi cristiani verso la religion dello stato produsse ancora la confusione dei riti (...)

Pag: 275 = O si levi l’odio dei Cristiani verso la Religione dello Stato, ec: oppure si rassetti così = Essendo alcuni riti civili connessi strettamente con i riti religiosi erano quelli attribuiti ad oggetti di Culto. Ond’è che i Cristiani avendo giustamente avversione a tutto ciò che era proprio della Religione Pagana furono renitenti al prestarsi ad alcune esterne dimostrazioni di cerimonia civile; e quindi si attirarono la persecuzione dei Magistrati, e caddero in aborrimento molte | costumanze pompose, e che il sussidio delle Arti rendeva più auguste97.

  • 98   «Nei primi tempi del cristianesimo si cadde nell’eccesso contrario, non tanto per principio quant (...)

Pag: 284. V. 21 All’eccesso p[er] timore di non esporre [etc]98.

  • 99   «La ripugnanza immensa dei primi cristiani alle imagini veniva da un resto di giudaismo e dall’av (...)

Pag: 285. V. 8. La ripugnanza si tolga tutto questo fino al V° 22 l’immagine o il busto di un santo99.

(Si assegni la vera ragione della scarsezza delle imagini nel primo tempo del cristianesimo, ma non si dica che mancavano assolutamente, poiche il segno della croce [è] stato sempre usato, ed i padri del Concilio Niceno appoggiano principalmente la loro decisione favorevole al culto delle immagini sulla adorazione della Croce fatta sempre nella chiesa).

  • 100   «[...] e nel 754 un concilio generale di vescovi a Costantinopoli dichiarò bestemmia ed eresia og (...)

Pag: 286. V. 23. E nel 754 un conciliabolo a Costantinopoli100.

  • 101   Cicognara 1813-18, vol. I: 109.

Pag: 287. V. 21. Famoso generale consiglio di Nicea nel 797. che condannò il sud° conciliabolo101.

  • 102   Nella prima edizione la frase incriminata dice: «Il mistico poi, che avviluppò di un velo impenet (...)

Pag: [287] V 22. Ad immagine del suo autore presto sempre all’artista ogni giustificazione p[er] dare alla divinità le umane sembianze desumendo dall’opera creata la forma del creatore (si tolga il resto) basta leggere | gli autori102

  • 103   Cicognara 1813-18, vol. I: 111.

Pag: 290 V. 23. Espressa si voglia questa rappresentanza della Divinità [etc.]103

  • 104   Nella prima edizione il paragrafo incriminato dice: «Quanto poi ai cherubini, l’origine loro si r (...)

P. 292. V. 17. Si tolga il paragrafo Cherubini104.

  • 105   «Le imagini di Dio padre poi hanno offerto un carattere proprio dell’idea che vuolsi inspirare co (...)

P. 293. V. 17. Le immagini di Dio Padre poi hanno offerto con carattere proprio dell’idea della prima persona della SSma Trinità cui si attribuisce la onnipotenza della creazione universale p[er] quanto questo tributo in sostanza sia comune a (le altre) divine persone105.

  • 106   Cicognara 1813-18, vol. I: 112.

P. 294. V. 14 In questo §. Spirito Santo non si puo in verun modo ammettere che il simbolo della colomba p[er] esprimere la terza persona della SSma Trinità, lo Spirito santo sia stato preso dai cristiani dall’uso che hanno avuto gli antichi di simboleggiare sotto la colomba lo spirito fecondatore. I Cristiani dipingon lo Spirito Santo sotto la figura di colomba o di lingue di fuoco perché sotto tali figure è apparso agli uomini106.

  • 107   Cicognara 1813-18, vol. I: 117, e il rispettivo passo in Benedetto XIV 1749: 859-861.

P 305. V. 16. Non si può metter dubbio sull’autenticità della Veronica di Roma di Spagna e di Gerusalemme, ed il sudario costando questa da Bolla Pontificia e dalla costante tradizione e venerazione dei popoli come bene avverte. Ben XIV nella sua opera de Beatificatione et Canonizatione SS. L. 4. P. 2. C. 31107.

Archivio di Stato Firenze: Censura Reg. 8, n. 8715, 12 novembre 1823

38A di d° [12 novembre 1823] / Storia della Scultura del Conte Leopoldo Cicognara, Tomo I. / Il Sig. Conte Cicognara è convenuto, ed ha dato un’ampia adesione alle Censure, ed osservazioni fatte intorno al primo Tomo della sua Scultura stampato in Prato, darne rivisto, e spedito a VS. Illma sotto il di 30 Settembre.

39Nel Tomo suddetto che a Lei rimetto, si trovano eseguite con doppio riscontro anche della bozza stampata ed attaccata di faccia alla pagina relativa. Queste eseguite correzioni da me ed una ad una riscontrate sulle indicazioni del mio Registro stanno tutte bene, e l’Autore, quasi in tutte non solo ha guardato allo Spirito delle correzioni, ma ha adottato le espressioni medesime delle correzioni.

40Converrebbe per altro che questo esemplare del primo Tomo che Le rimetto | in questa mattina fosse per ogni buona regola ritenuto presso la Censura. Il Giachetti se vuole avere una copia per garanzia può mandare altro Tomo con simili bozze che firmato, ed approvato per le fatte correzioni potrà ritenere presso di se.

Bibliographie

Adriani G. B., 1822-23, Istoria de’ suoi tempi, ed. di Marcello Adriani. Notizie intorno alla vita di Giovambatista Adriani scritte dal conte Giammaria Mazzuchelli, 8 voll., Prato, Giachetti.

Anonimo, 1835, Opere del conte commendatore Leopoldo Cicognara ferrarese. Vol. I. Belle arti in generale – Venezia, 1834, coi tipi di Paolo Lampato, di p. XXIV e 453, in 8°, «Biblioteca Italiana» a. XX.77: 326-327.

Auf der Heyde A.-Steindl B., 2016, Leopoldo Cicognara, i fratelli Giachetti e l’editoria storico-artistica a Prato (1822-35), in B. Arbeid-S. Bruni-M. Iozzo (a cura di), Winckelmann, Firenze e gli etruschi: il padre dell’archeologia in Toscana, Pisa, Edizioni ETS: 289-299.

Baldanzi F., 1831, Delle pitture che adornano la Cappella del Sacro Cingolo di M. Vergine nella Cattedrale di Prato: breve notizia, Prato, Giachetti.

Baldanzi F., 1835, Delle pitture di Fra Filippo Lippi nel coro della Cattedrale di Prato e de’ loro restauri, Prato, Giachetti.

Baldanzi F., 1838, La Madonna detta dell’Ulivo presso Prato, disegnata e descritta, Prato, Giachetti.

Baldanzi F., 1846, Della chiesa cattedrale di Prato: descrizione corredata di notizie storiche e di documenti inediti, Prato, Giachetti.

Barocchi P. (a cura di), 1975-79, Gli scritti d’arte della Antologia di G.P. Vieusseux, 1821-1833, 6 voll., Firenze, Edizioni S.P.E.S.

Benassai P., 2000, La letteratura artistica a Prato nell’Ottocento, in R. Fantappiè (a cura di), L’ Ottocento a Prato, Firenze, Edizioni Polistampa: 135-146.

Benedetto XIV, 1749, Benedicti XIV. pont. opt. max. olim Prosperi Card. De Lambertinis [...] De servorum dei beatificatione et beatorum canonizatione liber quartus editio tertia auctior, et castigatior ad usum academiae liturgicae conimericensis, Romae, Nicolaus et Marcus Palearini.

Benini A., 1982, Stefano Ticozzi: saggio di bibliografia, «Archivi di Lecco e della provincia» 5: 218-223.

Bettoni N.-Labus G., 1821, Al sig. Giuseppe Acerbi, direttore della Biblioteca Italiana. Gli editori milanesi delle Opere di Ennio Quirino Visconti, «Biblioteca Italiana» 6.24 :416-420.

Böttiger C. A.-von Köhler H. K. E., 1821, Sopra la nuova edizione delle opere e degli scritti di Ennio Quirino Visconti, «Biblioteca Italiana» 6.24: 103-115; 254-259.

Boissérée S., 1823, Geschichte und Beschreibung des Doms von Köln, nebst Untersuchungen über die alte Kirchenbaukunst, Stuttgart, Cotta.

Bruni D. M., 2002, L’organizzazione della censura preventiva nel Granducato di Toscana, «Archivio Storico Italiano» 160.3: 515-554.

Cavaciocchi S. (a cura di), 1985, Ex Libris. Tipografia e cultura a Prato nell’800, Firenze, Le Monnier.

Chiosso G. (a cura di), 2003, Tipografia, e editori scolastico-educativi dell’Ottocento, Milano, Editrice Bibliografica.

Ciatti M., 2000, Restauratori e restauri a Prato nell’Ottocento, in R. Fantappiè (a cura di), L’Ottocento a Prato, Firenze, Edizioni Polistampa: 119-134.

Cicognara L., 1813-18, Storia della scultura dal suo risorgimento in Italia sino al secolo di Napoleone: per servire di continuazione alle opere di Winckelmann e di D’Agincourt, 3 voll., Venezia, Picotti.

Cicognara L., 1823-24, Storia della scultura dal suo risorgimento in Italia fino al secolo di Canova: per servire di continuazione alle opere di Winckelmann e di D’Agincourt […], 2. ed., riveduta ed ampliata dall’autore, 8 voll., Prato, Giachetti.

Cicognara L., 1831, Memorie spettanti alla storia della calcografia, 2 voll., Prato, Giachetti.

Cicognara L., 2007, Storia della scultura dal suo risorgimento in Italia fino al secolo di Canova, ed. anastatica a cura di F. Leone-B. Steindl-G. Venturi, Bassano del Grappa, Istituto di ricerca per gli studi su Canova e il Neoclassicismo.

Cioni G., 1823, Storia della scultura, dal suo risorgimento in Italia, fino al secolo di Canova: del conte Cicognara. Volumi VII, «Antologia» 10.30: 176.

CLIO, 1991, Catalogo dei libri italiani dell’Ottocento (1801-1900), 19 voll., Milano, Editrice Bibliografica.

de Feo F., 1969, Bibliografia Pratese – dispiaceri e pettegolezzi, «Archivio storico pratese» 45.1-2: 125-143.

de’ Rossi G. G., 1827, Notizie storiche del Cav. G.B. Lod. Giorgio Seroux D’Agincourt, Venezia, Alvisopoli.

Dell’Oro A., 2006, Stefano Ticozzi (1762 - 1836): formazione e carriera di un sacerdote giacobino, «Archivi di Lecco e della provincia» 29.1: 9-49.

Dell’Oro A., 2009, Stefano Ticozzi (1762 - 1836): alcuni aspetti dell’opera e del pensiero, «Archivi di Lecco e della provincia» 32.1: 9-39.

Di Cesare G. (a cura di), 2000, Le illustrazioni della Bibbia di Antonio Martini nell’edizione dei Fratelli Giachetti, Prato 1827-1832, Giulianova, Piccola Opera Charitas onlus.

Durelli G.-Durelli F., 1823-33, La Certosa di Pavia descritta ed illustrata con tavole incise da’ fratelli Gaetano e Francesco Durelli, Milano, Bettoni.

Fedi F., 1990, L’ideologia del bello: Leopoldo Cicognara e il Classicismo fra Settecento e Ottocento, Milano, Angeli.

Ferrari S., 2002, L’eredità culturale di Winckelmann: Carlo Fea e la seconda edizione della ‘Storia delle arti del disegno presso gli antichi’, «Roma moderna e contemporanea» 10.1-2: 15-48.

Ferrari S., 2007, Carlo Amoretti e la «Storia delle Arti del Disegno» (1779) di Winckelmann, in G. Cantarutti-S. Ferrari (a cura di), Paesaggi europei del Neoclassicismo, Bologna, Il Mulino: 191-212.

Ferrari S., 2014, Cicognara e Winckelmann: continuità e critica della storia dell’arte, «Intersezioni» 34.1: 97-114.

Ferrari S., 2017, Publikationsgeschichte, Ubersetzungen und Editionsgeschichte (1755-1834), in M. Disselkamp-F. Testa (a cura di), Winckelmann-Handbuch. Leben-Werk-Wirkung, Stuttgart, Metzler: 330-339.

Follini V., 1828, Sopra alcune difficultà che s’incontrano nella storia del lavoro delle porte di bronzo del battistero fiorentino, lezione di Vincenzio Follini detta nell’adunanza del di 13 gennaio 1824, Firenze, Tipografia all’Insegna di Dante.

Gabbi Tamassia M., 1985a, La censura a Prato. Alcuni episodi esemplari di limite alla libertà di stampa, in S. Cavaciocchi (a cura di), Ex Libris. Tipografia e cultura a Prato nell’800, Firenze, Le Monnier: 341-374.

Gabbi Tamassia M., 1985b, Catalogo della stamperia Giachetti dal 1823 al 1847, in S. Cavaciocchi (a cura di), Ex Libris. Tipografia e cultura a Prato nell’800, Firenze, Le Monnier: 953-970.

Gallo D., 1998, La Storia della scultura de Cicognara: une polémique franco-italienne sous l’Empire et la Restauration, in O. Bonfait (a cura di), Curiosité: études d’histoire de l’art en l’honneur d’Antoine Schnapper, Paris, Flammarion: 229-237.

Gallo D., 2009, Visconti, Ennio Quirino, in P. Sénéchal–C. Barbillon (a cura di), Dictionnaire critique des historiens de l’art actifs en France de la Révolution à la Première Guerre mondiale, Paris, INHA, http://www.inha.fr/fr/ressources/publications/publications-numeriques/dictionnaire-critique-des-historiens-de-l-art/visconti-ennio-quirino.html.

«Gazzetta di Firenze», 1826, «Gazzetta di Firenze» 123, sabato 14 ottobre 1826: 4.

Giommi E., 1985, Tipografi e editori pratesi tra Settecento e Ottocento, in S. Cavaciocchi (a cura di), Ex Libris. Tipografia e cultura a Prato nell’800, Firenze, Le Monnier: 265-340.

Guasti C., 1867, Necrologio dell’avv. Giovacchino Benini di Prato, «Archivio storico italiano» s. III 5.1: 236-245.

Guasti C., 1970, Carteggi con Carlo Livi e Ferdinando Baldanzi, a cura di F. De Feo, Firenze, Olschki: 3-68.

Guasti G., 1908, Notizie della stampa in Prato (Toscana), Firenze, Società tipografica Fiorentina.

Gussalli A. (a cura di), 1854-55, Epistolario di Pietro Giordani, 7 voll., Milano, Borroni e Scotti.

Haskell F., 1982, Cicognara eretico, in G. Mazzi (a cura di), Giuseppe Jappelli e il suo tempo, Padova, Liviana, vol. I: 217-225.

Haydon B. R., 1818, Comparaison entre la tête d’un des chèvaux de Venise qui etoient sur l’arc triomphale des Thuilleries et qn’on dit être de Lysippe, et la tête du Cheval d’Elgin du Parthenon, London, W. Bulmer et Co.

von Köhler H. K. E., 1820, Ueber die neue Ausgabe der Werke und Schriften des Visconti, «Amalthea oder Museum der Kunstmythologie und bildlichen Alterthumskunde» 1: 292-308.

Landi P., 2004, Editori italiani dell’Ottocento, Milano, Franco Angeli.

Leone F., 2007, Canova attraverso la Storia della scultura di Cicognara: «Egli avrà avuto il proprio storico contemporaneo», in L. Cicognara, Storia della scultura dal suo risorgimento in Italia fino al secolo di Canova, ed. anastatica a cura di F. Leone-B. Steindl-G. Venturi, Bassano del Grappa, Istituto di ricerca per gli studi su Canova e il Neoclassicismo: 63-110.

Malamani V., 1888, Memorie del conte Leopoldo Cicognara tratte dai documenti originali, 2 voll., Venezia, Tipografia dell’Ancora.

Mecatti C., 1858, Sentenza Graduatoria dei Creditori dei Fratelli Giachetti di Prato proferita dal Tribunale di prima istanza di Firenze (primo turno civile) sotto dì 19 Febbraio 1858 sul progetto redatto da messer Carlo Mecatti, Prato, Giachetti.

Missirini M., 1830, Delle Pitture, che adornano il nuovo Teatro di Prato, cenni […], Prato, Giachetti.

Monti N., 1832, Cappella dipinta da Giovanni da S. Giovanni nel Palazzo di S.E. il Principe Rospigliosi in Pistoia, Prato, Giachetti.

Nenci F., 1850, Della vita e delle opere del Cav. Prof Francesco Nenci direttore nell’I. e R. Accademia delle Belle Arti in Siena, Siena, Tipografia all’insegna dell’Ancora.

Nuti G., 1985, Tipografia e cultura a Prato nell’Ottocento, in S. Cavaciocchi (a cura di), Ex Libris. Tipografia e cultura a Prato nell’800, Firenze, Le Monnier: 193-264.

Nuti R., 1930, La stamperia Giachetti di Prato, «Il ragguaglio dell’attività culturale e letteraria dei cattolici in Italia»: 53-71.

Piccardi M., 1985, L’editoria a Prato. Un tentativo di sistemazione nel contesto nazionale degli anni 1843-44, in S. Cavaciocchi (a cura di), Ex Libris. Tipografia e cultura a Prato nell’800, Firenze, Le Monnier: 375-406.

Pierallini G., 1873, Ricordo di monsignore Ferdinando Baldanzi arcivescovo di Siena. Elogio detto all’Università de’ teologi in Firenze il dì 28 settembre 1872, Prato, Guasti/Ranieri.

Rizzioli E.G., 2016a, L’officina di Leopoldo Cicognara: la creazione delle immagini per la Storia della scultura, Rovereto, Edizioni Osiride.

Rizzioli E.G., 2016b, La Collezione di tutti i disegni originali che hanno servito per intagliare le tavole della «Storia della scultura» di Leopoldo Cicognara (Vat. Lat. 13748), Città del Vaticano, Biblioteca Apostolica Vaticana.

Rotta M., 1987, L’attività di illustratore, in Francesco Nenci: il pittore e l’illustratore; 1782 – 1850, Milano, Mazzotta: 30-38.

von Rumohr C. F., 1822, Notizie storiche intorno al duomo di Siena, «Antologia» 5.13: 187-195.

Séroux d’Agincourt J. B. L. G., 1826-29, Storia dell’arte dimostrata coi monumenti dalla sua decadenza nel 4. secolo fino al suo risorgimento nel 16. […] tradotta ed illustrata da Stefano Ticozzi, 8 voll., Prato, Giachetti.

Silvestri G., 1821, Specimen inscriptionum C Latinitarum adiectis nonnullis carminibus, Prato, Giachetti.

Steindl B., 2007, Per un inquadramento della ‘Storia della scultura’: impostazione storiografica e rapporto con Giordani, in L. Cicognara, Storia della scultura dal suo risorgimento in Italia fino al secolo di Canova, ed. anastatica a cura di F. Leone-B. Steindl-G. Venturi, Bassano del Grappa, Istituto di ricerca per gli studi su Canova e il Neoclassicismo: 15-62.

Tigri G., 1833, De’ plastici dell’Ospedale di Pistoia: discorso […], Prato, Giachetti.

Tolomei F., 1821, Guida di Pistoia per gli amanti delle belle arti: con notizie degli architetti, scultori, e pittori pistoiesi, Pistoia, Bracali.

Tommaseo N., 1838, Gita a Prato (Gennaio 1833), in Della bellezza educatrice. Pensieri, Venezia, co’ tipi del Gondoliere: 310-316.

Winckelmann J. J., 1825-29, Johann Winckelmanns sämtliche Werke: dabei Porträt, Facsimile und ausführliche Biographie des Autors; unter dem Texte die frühern und viele neue Citate und Noten; die allerwärts gesammelten Briefe nach der Zeitordnung, Fragmente, Abbildungen und vierfacher Index, 12 Bde., Donaueschingen, Verlag Deutscher Classiker.

Winckelmann J. J., 1830-34, Opere di G.G. Winckelmann, 1a ed. ital. completa, 12 voll. più l’atlante delle incisioni, Prato, Giachetti.

Zambler G., 1873, In morte di Antonio Bernati, professore emerito di architettura […], Padova, Sacchetto.

Zavalloni F., 2012, Nardi, Luigi, in Dizionario Biografico degli Italiani, Roma, Istituto della Enciclopedia Italiana 77: 778-781.

Notes

1   Il presente saggio è la versione ampliata e aggiornata di uno studio recentemente pubblicato in altra sede (Auf der Heyde-Steindl 2016). Barbara Steindl è autrice del paragrafo 3, Alexander Auf der Heyde dei paragrafi 1, 2, 4, 5. L’introduzione e l’appendice sono state scritte a quattro mani.

2   Non a caso Giachetti si distingue anche nel campo dell’editoria medico-clinica, come dimostrano le pubblicazioni del Trattato sulla diagnosi ossia sulla scienza dei segni proprii per distinguere le une dalle altre malattie (1826) di Friedrich Wilhelm Dreyssig, nonché l’avvio di una collana di manuali e trattati di medicina ispirata al modello dell’editore francese Gabou et Cie. Cfr. a questo proposito «Gazzetta di Firenze» 1826.

3   Per la storia della tipografia Giachetti sono importanti gli studi riuniti in Cavaciocchi 1985 e in particolare Giommi 1985; Gabbi Tamassia 1985a; Gabbi Tamassia 1985b; un quadro generale della stampa pratese nel secolo XIX emerge dagli studi di G. Nuti 1985 e Piccardi 1985. Cfr. inoltre G. Guasti 1908: 6-7; R. Nuti 1930 e la relativa scheda in Chiosso 2003: 253-254.

4   Biblioteca Roncioniana di Prato [da ora in avanti BRPr]: carte Guasti, b. 61, ins. 28, citata già da de Feo 1969: 128 (n. 3).

5   Cfr. Chiosso 2003: 253-254; Giommi 1985: 310-314; Mecatti 1858.

6   Silvestri 1821; Adriani 1822-23. Notizie sull’edizione di Adriani si trovano in Pierallini 1873 (qui cit. da Giommi 1985: 315). Ambedue i titoli avranno varie ristampe nel corso del secolo XIX. Per un catalogo (quasi) completo delle opere pubblicate da Giachetti, cfr. CLIO 1991, vol. IX: 6930-6939.

7Prefazione degli editori, in Winckelmann 1830-34, vol. I: 3.

8   Cfr. Steindl 2007: 61. Per il rapporto con Giordani e la genesi della Storia della scultura, cfr. anche Fedi 1990: 133-230.

9   Nella sua del 5 novembre 1817 Giordani scrive all’amico Cicognara: «Vado pensando che tu dovresti fare un buon negozio coi rami della tua grande opera» (Gussalli 1854-55, vol. IV: 107). Secondo le precisazioni di Cicognara le lastre del secondo e del terzo volume potevano essere riutilizzate così com’erano, mentre una parte delle lamine del primo volume avrebbe richiesto un ritocco.

10   Prima di rivedere il testo, Cicognara si rivolge all’amico Francesco Cancellieri (Vicenza, 27 giugno 1822), cui chiede di mandargli per ciascuno dei tre volumi della prima edizione una lettera con correzioni e integrazioni da apportare alla seconda. Modena, Biblioteca Estense, aut. Campori: Cicognara II° n. 73.

11   BRPr: s. VII. 6, nn. 41-48.

12   Cfr. la lettera di L. Cicognara a V. Giachetti (Venezia, 28 giugno 1823), BRPr: s. VII. 6, n. 18.

13   Le tavole aggiunte riproducono le opere di Canova realizzate dopo il 1817, in particolare il Monumento modellato per il Marchese Berio di Napoli (tav. XLIX, dis. e inc. da Antonio Bernati), le Metope per il Tempio di Possagno (tavv. L-LI, dis. da L. Servi e inc. da A. Bernatti), la Pietà di Possagno (tav. LII, Ultimo gruppo, modellato da Canova, inc. da A. Bernatti). Per le illustrazioni della Storia della scultura, cfr. Rizzioli 2016a; Rizzioli 2016b.

14   Cfr. le lettere di G. degli Alessandri a V. Giachetti (Firenze, 3 giugno 1822 e 17 giugno 1822), BRPr: s. VII. 6, nn. 2-3, e la risposta di Cicognara a degli Alessandri (1 giugno 1822), BRPr: s. VII. 6, n. 11, in cui spiega all’amico le sue condizioni per una seconda edizione della Storia, soprattutto per quanto riguarda le lastre delle incisioni.

15   Lettera di V. Giachetti a L. Cicognara (s.l., 9 aprile 1823), cit. da Malamani 1888, vol. II: 266-267.

16   Lettera di L. Cicognara a V. Giachetti (Venezia, 16 aprile 1823): «Il mio piano era d’arrivare al Canova senza parlar dei viventi […] Torvalsen non ha mai lavorato un marmo, tutti i suoi marmi sono da finire, e sembrano abbozzati – compone bene il basso rilievo dapoichè Canova aprì quella strada, e la lasciò per tenersi a opere più grandi. […] Gli scultori subalterni lavorano per lui, e meglio di lui: senza di loro egli sarebbe perduto […]. Io stimo molto Torvalsen ma bisogna lasciarlo al suo posto, e ricordarsi che l’Italia ha degli uomini grandi, e delle grandi speranze da non avvilire colla pretenzione […]» (Biblioteca Marciana, Venezia: It X cod. 326/6668 int. 7). Cicognara propende allora per l’alternativa di dedicare l’opera al duca di Calabria (dal 1825 re Francesco I delle due Sicilie) che – una volta accettata – avrebbe avuto il vantaggio notevole di facilitare la circolazione dell’opera nel Regno delle due Sicilie.

17   Lettera di L. Cicognara a M. Missirini (s.l., 1817), cit. in Fedi 1990: 214.

18   Lettera di L. Cicognara a V. Giachetti (Venezia, 28 giugno 1823), BRPr: s. VII. 6, n. 18. Il Canova emerso dall’edizione pratese della Storia della scultura è una figura pienamente storicizzata: particolare attenzione è posta sugli inizi dello scultore e sul rapporto con l’antico (per non parlare delle opere eseguite dopo il 1817). Per il rapporto Cicognara-Canova, cfr. la sintesi efficace delle ricerche precedenti in Leone 2007: 99-100.

19   Commenta Malamani: «Il Cicognara si era stranamente ingannato nel giudicare quest’uomo, che non era degno di scrivere di Canova, del quale sovente falsò il carattere e coperse la immensa bontà con la ipocrisie chiericale, facendone un prete. È chiaro: la gonfiezza frugoniana, le ridondanze, gli artifizi, le frasche della sua prosa, e quei pensieretti annegati in un mare di erudizione mitologica, mostrano che egli aveva scritto il libro più per sé che pel Canova, più per l’effetto che per l’affetto. Cosa di molto significato pare anche il silenzio del Giordani su questo libro nelle lettere che scrisse al Cicognara, di cui tengo sotto gli occhi tutti gli originali». Per il ruolo di Cicognara e le perplessità dell’abate Sartori, cfr. Malamani 1888, vol. II: 271.

20   Lettera di V. Giachetti a L. Cicognara (Prato, 9 febbraio 1824), Livorno, Biblioteca Comunale Labronica, autografoteca Bastogi [da ora in avanti BCLi]: AUMA Cass. 54 / Ins. 653 / n. 11. Cicognara si raccomanda con Giachetti più volte di fare Della vita di Antonio Canova (1824) un’edizione economica, in un solo volume, che possa essere distribuita in tutta Italia (Lettera di L. Cicognara a V. Giachetti [Padova, 10 luglio 1824], BCLi: AUMA Cass. 28 / Ins. 1706 / n. 3).

21   Lettera di L. Cicognara a V. Giachetti (Valdagno, 27 agosto 1823), BRPr: s. VII. 6, n. 19. Le correzioni e integrazioni sono segnate a mano su una copia stampata che Cicognara invia all’editore con l’esplicito invito di vederla restituita: «[…] quantunque si abbiano a sporcare, pazienza, basta che non si perdano, poiché io la pregherò di serbarmeli, e dopo la edizione fatta me li farà pervenire, che io voglio tenermi l’autografo di questa seconda edizione p[er] mia compiacenza coi confronti delle varianti ed aggiunte» (Lettera di L. Cicognara a V. Giachetti [Venezia, 19 settembre 1822], BRPr: s. VII. 6, n. 15).

22   Lettera di L. Cicognara a V. Giachetti (Venezia, 19 settembre 1822), BRPr: s. VII. 6, n. 15. Viene invece eluso dall’editore l’augurio di trovare un «paziente giovine e colto» per gli indici che Cicognara considera importantissimi, perché «rendono il libro utile, comodo, interessante» (Lettera di L. Cicognara a V. Giachetti [Venezia, 26 settembre 1823], BRPr: s. VII. 6, n. 20). Giuseppe Giachetti risponde, infatti, in data 5 ottobre: «Rispetto poi all’Indice Analitico delle Materie contenute nella sua Opera, noi non vediamo altro espediente, più quieto e sicuro di quello che farlo Lei stesso di mano in mano sulle stampe che le rimetteremo per la Correzione, sì per i Nomi propri di tutte le Nazioni & tanto più che difficilmente potrebbe ritrovarsi persona piena di zelo come la è l’Autore stesso» (BCLi: AUMA, cass. 54, ins. 653, n. 1).

23   Lettera di L. Cicognara a V. Giachetti (Venezia, 26 settembre 1823), BRPr: s. VII. 6, n. 20. Appena concluso il lavoro di revisione per il secondo volume, Cicognara informa Giachetti di aspettare da Gonelli «un riscontro ch’io bramava p[er] una delle varianti del secondo volume» che sarà mandato a Prato tramite Missiaglia.

24   Lettera di V. Follini a L. Cicognara (3 gennaio 1824), BCLi: AUMA, cass. 47, ins. 795, n. 1. Dieci giorni dopo (13 gennaio 1824) Follini tiene una lezione accademica sulle porte del Battistero (Follini 1828).

25   Non è dato di sapere se Cicognara abbia personalmente condotto tali ricerche oppure se si sia avvalso dell’aiuto di altri studiosi.

26   Rumohr 1822; Tolomei 1821; Boissérée 1823; Durelli 1823-33. Cfr. rispettivamente Cicognara 1823-24, vol. II: 131-133; vol. III: 454; vol. IV: 388.

27   Un’altra opera vista nel frattempo nel gabinetto imperiale di Vienna è la Saliera di Francesco I ad opera del Cellini (cfr. Cicognara 1823-24, vol. V: 232).

28   Cfr. Cicognara 1823-24, vol. VI: 372.

29   Cfr. a questo proposito Gallo 1998.

30   Lettera di C. A. Böttiger a L. Cicognara (Dresda, 13 novembre 1823), BCLi: AUMA, cass. 14, ins. 1603, n. 1, e a questo proposito Cicognara 1823-24: IV, 444-445.

31   Lettera di L. Cicognara a V. Giachetti (Venezia, 28 giugno 1823), BRPr: s. VII. 6, n. 18.

32   «Jusqu’à présent cette seconde édition a été peu connue en Allemagne, le commerce et l’échange des livres entre l’Italie et l’Allemagne etant asoujetti aux entraux des douanes et d’une censure qui se defie de tout. Mais notre pays attende à présent ces amateurs vides qui veulent posséder cette nouvelle edition. Mai[s] il faut aussi qu’il en sachent apprécier tout le prix. J’en prendrai soin, je Vous en réponds. La bibliothèque particulier de S. M. notre Roi en fera je l’espère l’acquisition. J’en ai parlé au bibliothecaire Mr. Ebert» (Lettera di C. A. Böttiger a L. Cicognara [Dresda, 14 novembre 1825], BCLi: AUMA, cass. 14, ins. 1603, n. 2). Conclusa l’edizione, l’amico Giordani si rammarica ancora una volta che Cicognara non abbia dato vita ad un’edizione in lingua francese: «Tu sai che io potrei esser buon istoriografo della tua grande opera; la quale ti fa glorioso (inutilmente); e se il mondo andava per diritto, ti doveva far ricco. Il buon Giachetti fa bene, per sé, per l’Italia, pel tuo onore, ristampandola: ma alla tua borsa poco giova. Fu cautela necessaria a te stamparne dapprincipio piccol numero; perché chi si poteva allora assicurare d’un grande spaccio? E poi bisognava aspettare parecchi anni. Ora il buon Giachetti intende che poteva bene stamparne mille copie; poiché in parte d’Italia ne ha già collocate 600 copie; e gliene rimangono solo 150: ma adesso è tardi, che già ha stampato il 5° volume. Oh perché non facesti a modo mio? Sai ch’io volevo che tu facessi fare una traduzione francese; della quale potevano stampare sicuramente duemila copie; perché il francese gira in Francia, in Germania, in Inghilterra, in America; e in Italia chiunque può leggere un buon libro, legge francese. L’edizione francese poteva anche eseguirsi bene in Italia: e con duemila esemplari le tue tavole ti si potevano comodamente pagare più del doppio» (Lettera di P. Giordani a L. Cicognara [Piacenza, 11 giugno 1824], cit. Gussalli 1854-55, vol. V: 265-266).

33 Cfr. a questo proposito Bruni 2002: 528.

34   Lettera di V. Giachetti a L. Cicognara (Prato, 11 agosto 1823), BCLi: AUMA, cass. 54, ins. 653, n. 4. Ancora il mese dopo Giachetti annuncia che «per i nuovi rigori un tempo non breve deve anche scendersi nella censura» (Lettera di V. Giachetti a L. Cicognara [Prato, 13 settembre 1823], BCLi: AUMA, cass. 54, ins. 653, n. 2).

35   Lettera di L. Cicognara a V. Giachetti (Venezia, 26 settembre 1823), BRPr: s. VII. 6, n. 20.

36   «Non ci è che la mente dell’Autore, che possa togliermi da questo cattivo incontro rifabbricando ove occorra nuova materia nello spirito richiesto, che vaglia a serbare la continuazione delle cose, e che al tempo stesso non metta in fascio la mia edizione coll’obbligarmi al dissesto delle pagine. Ella possiede il volume; e la nota che le accludo appella alle pagine di d.o. Così Ella può vedere cosa abbisogna, onde la nuova materia stia a parare ciò che si coglie, e resti p[er] ciò ferma la mia pagina, senza altro danno, che non è piccolo, di mutar pagine e quarticini, non offendendo l’intiero volume. Si degni, di grazia, a prestarsi a questa mia premurosissima richiesta, senza di che io non avrei mezzo di sortire da questa dolorosa circostanza» (Lettera di V. Giachetti a L. Cicognara [Prato, 3 ottobre 1823], BCLi: AUMA, cass. 54, ins. 653, n. 5).

37   «[…] per non apportare a lei danni troppo considerabili io ho transatto in tutto, però alcuna cosa giustificando, e facendo le sostituzioni in tutti i luoghi che potrebbero imbarazzare il compositore di troppo – Ella cerchi colle buone che questo Frate conosca la ragione evidente da me esposta, e si compiaccia della mia deferenza che non è stata poca. […] Mi figuro che nel secondo volume il luogo che avrà dato fastidio possa esser stato in proposito della chiesa di Loreto: ella me lo comunicherà – […] nel terzo non sarà occorsa mutazione. Quanto agli altri volumi vorrei sperare che il censore sarà ben discreto, poiché vennero stampati dopo l’occupazione austriaca e criticati da una censura rigidissima a Venezia: e non nego che spiacerebbe assai qui se la Toscana s’avesse a rimproverarsi di troppa correttezza con un sindacato più rigoroso» (Lettera di L. Cicognara a V. Giachetti [Padova, 15 ottobre 1823], BRPr: s. VII. 6, n. 21).

38   Per le varie perplessità della censura, cfr. l’appendice di questo studio.

39   Cfr. a questo proposito Haskell 1982; Steindl 2007: 49.

40   Scrive Malamani: «Era allora Capo Censore il bibliografo Bartolomeo Gamba, italiano rinnegato, che il Buratti sferzò a sangue in una bella satura. Costui, trovando a dirittura empio il primo volume dell’opera del Cicognara, lo passò ad uno dei Revisori delle pubbliche stampe, un canonico – figurarsi ! – certo Montan, cattivo uomo e maligno, sul fare del defunto abate Morelli: e questo canonico notò non so quanti oltraggi alla religione, pei quali propose la soppressione dell’opera, o per lo meno la limitazione al transeat» (Malamani 1888, vol. II: 280).

41   Cicognara manda una lettera al censore: «Le compiego la minuta del foglio in cui l’Inquisitore di Firenze chiese l’emenda di ventisette luoghi nel primo tomo, l’unico volume su cui siano cadute osservazioni. Io ho pienamente aderito, come può vedersi, e nell’accordare ogni domanda, e nell’accedere ad ogni sostituzione. Mi dispiacerebbe che il rispettabile Censore di Venezia spingesse sì oltre la sagacità della sua dottrina da non esser pago di quanto si è fatto, e mi costringesse a far venire il libro per le finestre invece che per le porte, il che farebbe nascere senza proposito dicerie, e richiamerebbe delle osservazioni inconvenienti sul Censore fiorentino, animato dagli stessi principi nell’esercizio delle sue funzioni. Finalmente non trattasi di libricciuoli che vadano per le mani di tutti, e io non insegno teologia; ma ove accada mi è indispensabile il portare le opinioni, qualunque siano, de’ scrittori che mi han preceduto, facendomi responsabile soltanto delle mie» (Malamani 1888, vol. II: 280-281).

42   Cicognara si appella a questo punto all’Aulico Supremo Uffizio della Censura di Vienna e in quella sede dichiara che come funzionario del governo austriaco pretende d’essere trattato adeguatamente (Malamani 1888, vol. II: 281-282).

43   Lettera di V. Giachetti a L. Cicognara (Prato, 28 gennaio 1824), BCLi: AUMA, cass. 54, ins. 653, n. 9.

44   L’ambiente pratese intorno a Baldanzi è descritto in C. Guasti 1970: 3-68. Per Benini si veda C. Guasti 1867, mentre per un’analisi dettagliata della costellazione Giuseppe Giachetti – Giovachino Benini – Ferdinando Baldanzi, cfr. Giommi 1985: 305-314.

45   Su Ticozzi si veda Dell’Oro 2006; —, 2009; Benini 1982: 218-223. La corrispondenza tra Ticozzi e Giuseppe Giachetti è conservata presso BRPr: s. VII. 6, nn. 84- 89; S. VII. 20, n. 95; in seguito alla traduzione di Séroux d’Agincourt Ticozzi si dedica alla Storia della rigenerazione della Grecia di François Charles H. L. Pouqueville che esce presso Giachetti in 18 volumi, dal 1824 al 1827.

46   Le lettere di Giuseppe Giachetti a Giovacchino Benini sono conservate in BRPr S. III. 8; una descrizione particolareggiata del carteggio offre Giommi 1985: 306-307, ma vedasi anche Pierallini 1873: 11-12.

47   Il coinvolgimento dei due incisori è documentato nel catalogo dei Libri editi dai Fratelli Giachetti dal 1819 al 1830 comprese le edizioni in corso, Prato, 1830, qui citato secondo le indicazioni di E. Colle in Cavaciocchi 1985: pp. 455-478, BRPr (S. VII. 6, nn. 30-39); è conservata la corrispondenza tra Lasinio figlio e Giuseppe Giachetti, mentre la collaborazione con Antonio Bernatti è ricordata da Zambler 1873: 9.

48   Queste, appunto, le parole di G. G. de’ Rossi nella sua lettera ai frat. Giachetti (Roma, 20 dicembre 1825), BRPr: s. VII. 6 n. 26. Dalla stessa lettera si evince che Giachetti ha pure intenzione di ristampare alcune commedie dello scrittore.

49Notizia intorno alla vita ed alle opere di G.B.L.G. Seroux d’Agincourt, in Séroux d’Agincourt 1826–29, vol. I: 13-14; l’anno dopo viene pubblicata invece la biografia redatta dallo scrittore romano (de’ Rossi 1827).

50   Lettera di G.P. Vieusseux ai frat. Giachetti (17 marzo 1827), cit. in Barocchi 1975-79, vol. V: 390.

51   Fondamentali, a questo proposito, i lavori di Ferrari 2002; —, 2007. Per la storia editoriale della Storia delle arti del disegno, cfr. ultimamente Ferrari 2017.

52   Anche in questo caso l’editore ripropone le incisioni pubblicate nelle edizioni precedenti che, però, sono ritoccate ad opera di Lasinio e Bernatti. «Saranno […] emendati e rifatti, ove sia duopo, i disegni sui monumenti originali o sulle migliori copie esistenti nella Galleria di Firenze, o in altri rispettabili Musei, né si trascurerà di aggiungerne dei nuovi, ove s’incontri qualche omissione, e lo esiga la materia» (Prefazione degli editori, in Winckelmann 1830-34, vol. I: 8-9).

53   «Il savio lettore correggerà facilmente quello, che può avere di inconveniente un tale epiteto gettato tanto crudamente contro un pontefice, di cui tutti conoscono le eccellenti qualità» (Winckelmann 1830-34, vol. IX: 175).

54   Cfr. Gabbi Tamassia 1985a.

55   Archivio di Stato di Firenze [da ora in avanti ASFi], Censura 15, n. 5601, 11 marzo 1830. Il brano incriminato (J. Eiselein, Winckelmanns Biographie, in Winckelmann 1825-29, vol. I: LI-LVIII) viene infatti tagliato dall’edizione pratese.

56   Come è stato messo in evidenza da Stefano Ferrari, l’archeologo tedesco funge nella Storia della scultura sia come modello (seppure controverso) di metodo storiografico, sia come (co)protagonista dell’ultimo periodo incentrato sulla scultura canoviana. In genere, facendo riferimento alla concezione storiografica di Heyne, Cicognara respinge «la mitizzazione winckelmanniana dell’arte greca, concordando che il rapporto tra arte e politica non è mai determinabile attraverso le medesime cause» (Ferrari 2014: 106).

57   La pubblicazione della recensione suscita la reazione sdegnata degli editori delle opere di Visconti: Al sig. Giuseppe Acerbi, direttore della Biblioteca Italiana. Gli editori milanesi delle Opere di Ennio Quirino Visconti (Bettoni-Labus 1821).

58   Rifiutarsi di intraprendere un’edizione critica delle opere di Visconti, che contenga correzioni di sviste e imperfezioni, è naturalmente un grande errore, «giacché l’esistenza dei monumenti da lui illustrati, il nuovo spargersi di luce sui medesimi pei confronti delle medaglie, e delle pietre incise, il rivendicarsi dai ristauri arbitrarii una quantità di preziosi resti dell’antichità deturpati dall’ignoranza per renderli appariscenti imbarazzando chiunque voglia illustrarli, i passi ogni giorno più importanti che la scienza dell’antiquaria va sempre facendo, sono altrettanti mezzi che si innestano inseparabilmente con ciò che venne operato dal nostro insigne Archeologo Visconti, e di tal maniera che la riproduzione delle sue stesse opere non poteva separarsi dai dotti rilievi intorno a quelle già fatte» (Cicognara 1823-24, vol. IV: 442).

59   Gli incisori sono elencati nella biografia anonima di Francesco Nenci (Nenci 1850). Per le notizie sui disegni per la Bibbia, cfr. Rotta 1987; Di Cesare 2000.

60   Sulla crisi della tipografia negli anni Trenta cfr. Giommi 1985: 310-314.

61   Cfr. ad esempio la lettera di G. Giachetti a C. Spreti (Prato, 9 agosto 1830), Biblioteca Comunale di Forlì [da ora in avanti BCFo], Carte Romagna: b. 457, ins. 198.

62   Per la figura dell’erudito romagnolo, cfr. Zavalloni 2012.

63   Lettera di G. Giachetti a L. Nardi (Prato, 28 febbraio 1831), BCFo, Carte Romagna: b. 337/061.

64   Lettera di G. Giachetti a I. Rosellini (Prato, 19 luglio 1830), Biblioteca Universitaria di Pisa [da ora in avanti BUPi]: Ms. Rosellini, 294/1.

65   Lettera di A. Giachetti a I. Rosellini (Prato, 21 marzo 1831), BUPi: Ms. Rosellini 294/1.

66   Cfr. a questo proposito i due promemoria (riservato e pubblico) allegati alla lettera di L. Cicognara a L. de Cambray Digny (Venezia, 19 marzo 1831), BCLi: AUMA, cass. 28, ins. 1685. Particolarmente interessante la parte riservata, nella quale emergono le reali aspettative di Cicognara: 1.500 franchi per le lastre, 30 copie in folio e 60 in ottavo.

67   L. Cicognara a L. de Cambray Digny (Venezia, 19 marzo 1831), BCLi: AUMA, cass. 028, ins. 1685.

68   Cfr. lettera di protesta (7 agosto 1831) cit. da Malamani 1888, vol. II: 400-402.

69   Lettera di L. Cicognara ai frat. Giachetti (Padova, 16 agosto 1831), BRPr: s. VII. 6, n. 24.

70   Cfr. l’accenno alla questione nella lettera di G.P. Vieusseux ai frat. Giachetti (8 aprile 1826), cit. in Barocchi 1975-78, vol. V: 306. Vieusseux dichiara in quella sede che Cicognara è altrettanto convinto dell’utilità di un’edizione del genere.

71   Lettera di L. Cicognara ai frat. Giachetti (Venezia, 14 novembre 1833), Venezia, Biblioteca del Museo Correr [da ora in avanti BMCVe]: Mss. P.D. 547 c/73/4. Un’idea simile l’aveva esternata V. Giachetti in una lettera a Cicognara (Prato, 28 gennaio 1824), BCLi: AUMA, cass. 54, ins. 653, n. 9.

72   Lettera di L. Cicognara ai frat. Giachetti (Venezia, 14 novembre 1833), BMCVe: Mss. P.D. 547 c/73/4.

73   Lettera di L. Cicognara ai frat. Giachetti (Venezia, 14 novembre 1833), BMCVe: Mss. P.D. 547 c/73/4.

74   Cfr. la lettera dei frat. Giachetti a Lucia Cicognara (Firenze, 16 maggio 1835), BMCVe: Mss. P.D.712 C LXIII/22.

75   L’amicizia tra Benini e Giachetti si rompe nel 1835, proprio sulle consulenze legali che l’avvocato aveva prestato all’amico durante i primi anni Trenta. Per la questione si veda Giommi 1985: 310-314.

76   Il primo testo da ricordare in tal senso sono i Cenni (1830) che Missirini dedica alle pitture di Antonio Marini in occasione dell’inaugurazione del nuovo teatro di Prato, un’impresa che insieme alla recente fondazione della Cassa di Risparmio viene letta come sintomo di una rinascita culturale e morale della città (Missirini 1830). A ritmo pressoché annuale seguono per quasi un decennio una serie di piccole pubblicazioni spesso dotate di un apparato illustrativo, che prendono in esame i monumenti della città e del territorio circostante: nel 1831 esce il primo saggio di Baldanzi dedicato agli affreschi di Agnolo Gaddi nella cappella del Sacro Cingolo nella Cattedrale di Prato, appena risorti «a nuova vita» grazie al sapiente restauro di Antonio Marini, che fornisce anche i disegni per le tavole illustrative (Baldanzi 1831). Seguono due opuscoli sull’arte nella vicina Pistoia: nel 1832 la ‘scoperta’ delle pitture di Giovanni da San Giovanni nella cappella di palazzo Rospigliosi di Pistoia (Monti 1832) e l’anno seguente il discorso di Giuseppe Tigri pronunciato in occasione del recente (1826) restauro del famoso fregio dell’ospedale del Ceppo (Tigri 1833). Nel 1835 Baldanzi pubblica il secondo saggio dedicato alle pitture di Filippo Lippi nel coro della cattedrale, appena restaurate da Marini (Baldanzi 1835). Questo e altri studi del canonico (Baldanzi 1838) confluiscono nella grande monografia sulla cattedrale (Baldanzi 1846). Dopo questa data la storia dell’arte, ad eccezione di qualche sporadica ristampa, scompare quasi completamente dai cataloghi degli editori Giachetti. Cfr. a questo proposito Ciatti 2000 e nello stesso volume il contributo di Benassai 2000.

77   Nella prima edizione si parla della «imperfezione dei mezzi coi quali sono stati conservati gli annali del mondo» (Cicognara 1813-18, vol. I: 38).

78   Cicognara 1813-18, vol. I: 39.

79   Cicognara 1813-18, vol. I: 71.

80   Cicognara 1813-18, vol. I: 109.

81   Cicognara 1813-18, vol. I: 12.

82   Cicognara 1813-18, vol. I: 19.

83   «D’altronde le memorie, le quali sembrano recar qualche luce nella remota antichità dei tempi, essendo per alcuni un oggetto di cieca e religiosa credenza, e per altri non presentando che oscuri enigmi ed intralciati geroglifici, non offrono una base tanto solida al ragionamento da trarne con egual forza ed evidenza un convincimento generale per tutti» (Cicognara 1813-18, vol. I: 19).

84   Cicognara 1813-18, vol. I: 20.

85   Cicognara 1813-18, vol. I: 24.

86   Cicognara 1813-18, vol. I: 28.

87   «[...] invece di accusare e di querelarsi della imperfezione dei mezzi coi quali sono stati conservati gli annali del mondo, si degraderà e si accuserà piuttosto l’umana specie, cercando i primi inventori delle cose in tali epoche che potevano essere forse altrettante rivoluzioni pari a quelle di cui noi possiamo render conto quasi oculare?» (Cicognara 1813-18, vol. I: 38).

88   Cicognara 1813-18, vol. I: 38.

89   Cicognara 1813-18, vol. I: 39.

90   Cicognara 1813-18, vol. I: 46.

91   Cicognara 1813-18, vol. I: 71.

92   Cicognara 1813-18, vol. I: 71.

93   «[...] e quantunque Roma vedesse pontefici che a forza d’infamie per la turpe loro origine e per le indegne loro aderenze macchiarono la sede apostolica collocandosi con violenza sulla cattedra di S. Pietro, non fu troncato mai il filo delle arti, i cui monumenti restano ancora visibili a fronte della miseria che li circonda» (Cicognara 1813-18, vol. I: 71).

94   «Ma perchè non rimase ella in attività questa legge, e perchè mai col fatto vi derogò l’ignoranza di alcuni papi colla loro adesione ai criminosi voti di più ignoranti avidi artisti i quali mal consigliando la suprema autorità furono rei di leso criterio, di vilipeso gusto e di cruda sevizie contro i più santi monumenti dell’antichità?» (Cicognara 1813-18, vol. I: 97).

95   «S. Gregorio spinse il suo zelo sino a far gittare nel Tevere tutti i monumenti di questa natura contro i quali poté inveire, ancorché di privata ragione, e si ricusava dai nazzareni quella medesima tolleranza che avevano altre volte implorata per le proprie loro costumanze. Quindi non parrà strano se divenne oggetto della severa e strana morale di quei tempi il non frequentare le arti, il chiudere le officine, alla celebrità delle quali l’idolatria aveva contribuito, e se riguardavasi come sacrilegio chi non solo coltivasse, ma serbasse qualunque monumento di questa specie» (Cicognara 1813-18, vol. I: 101-102).

96   «La sua [i.e. la religione cristiana] forma più astratta che materiale e dedicata all’elevazioni mentali che all’esteriorità del culto, fu necessariamente fatale alla scultura. I misterj, le vergini, i confessori ed i martiri furono meno proprj ad esaltare la mente degli artisti e a far brillare i poetici vantaggi dell’arte di quello che i Giovi, i Nettuni, le Veneri, le Grazie e gli Amori» (Cicognara 1813-18, vol. I: 102).

97   «L’odio dei primi cristiani verso la religion dello stato produsse ancora la confusione dei riti civili coi riti religiosi, e per zelo di questi ogni qualunque funzione publica si attribuiva ad oggetto di culto. Questa forse è una delle più forti ragioni per cui renitenti al prestarsi ad ogni esterna dimostrazione di ceremonia, quantunque alle volte civile, si attirarono la persecuzione dei magistrati, furono sacrificate numerose vittime ad una così gelosa intolleranza, e caddero in abborrimento molte costumanze innocenti ma pompose e che il sussidio delle arti rendeva più auguste» (Cicognara 1813-18, vol. I: 103).

98   «Nei primi tempi del cristianesimo si cadde nell’eccesso contrario, non tanto per principio quanto per timore di non esporre a disprezzo gli emblemi di un culto nascente e adorati quasi furtivamente» (Cicognara 1813-18, vol. I: 108).

99   «La ripugnanza immensa dei primi cristiani alle imagini veniva da un resto di giudaismo e dall’avversione che avevano pei greci e pel loro culto, risguardando come idolatria l’adorazione dell’opera delle loro mani, e ciò a tal segno da trovar meno strano, che i simulacri acquistando la vita ed il moto si fossero staccati dai loro piedestalli e avessero adorata l’ammirabile potenza del loro artefice. Non vien fatta parola dagli storici delle imagini che dopo i primi 300 anni dell’era cristiana, e sotto i successori di Costantino possono essere state autorizzate dai vescovi; ed il culto dopo la ruina del paganesimo manca di un parallelo che diverrebbe odioso oltre ogni modo. L’imagine o il busto d’un santo cominciò a ricordare ai devoti memorie ben più importanti che le sue spoglie e le sue reliquie, rivendicandosi così quel diritto della ragione e del cuore, pel quale si è in ogni tempo con particolar tenerezza blandito e guardato con pubblica stima e particolar interesse un genere di rappresentazioni sì analoghe alle umane affezioni» (Cicognara 1813-18, vol. I: 108).

100   «[...] e nel 754 un concilio generale di vescovi a Costantinopoli dichiarò bestemmia ed eresia ogni simbolo visibile di Gesù Cristo colla dichiarazione, che chiunque si ricusasse alla distruzione delle imagini fosse trasgressore in faccia alla chiesa e all’imperatore, il che costò infinite stragi; e l’esecuzione degli editti imperiali trovando nel fanatismo e nella divozione popolare qualche volta molta opposizione fu causa di numerose palme di martirio» (Cicognara 1813-18, vol. I: 109).

101   Cicognara 1813-18, vol. I: 109.

102   Nella prima edizione la frase incriminata dice: «Il mistico poi, che avviluppò di un velo impenetrabile alcune religioni, non solo contribuì ad alterar la bellezza di queste forme, ma a far si vedessero mostri e chimere simboliche per rappresentare mistiche speculazioni, o contrarie ad ogni ragione o superiori a qualunque sorta d’intendimento» (Cicognara 1813-18, vol. I: 109).

103   Cicognara 1813-18, vol. I: 111.

104   Nella prima edizione il paragrafo incriminato dice: «Quanto poi ai cherubini, l’origine loro si ripete da molto più antiche cosmogonie, trovandosi negli emblemi delle religioni di antichissime nazioni, come fra i persiani ed i sciti, la testa del bue per un segno della loro venerazione; ed ecco anche il motivo della tendenza che avevano gl’israeliti per l’adorazione del vitello d’oro, come culto sicuramente dei loro padri che divenne vietato soltanto dopo la legge scritta. Null’ostante la prudenza del legislatore gli suggerì di non togliere a un tratto di fronte e radicalmente un oggetto caro alla nazione e consecrato dalle abitudini secolari; e forse anche previde, come nella parte segreta dei cuori potesse indurre una specie di tranquillità la non total distruzione di questo emblema, lasciando una tacita libertà alle private opinioni, purchè fosse osservata publicamente con ogni rigore la nuova legge; quindi si conservarono nei cherubini le memorie dell’idolo antico, avendo questi l’anterior parte del corpo in forma di bue, e se ne adornò l’arca sacra. Quell’oggetto la cui adorazione in un tempo era adottata, divenne oggetto di proscrizione in un altro, ma non venne tolto però dalla pubblica vista e sostanzialmente rimase un accessorio del culto in luogo d’esserne il segno principale» (Cicognara 1813-18, vol. I: 111-112).

105   «Le imagini di Dio padre poi hanno offerto un carattere proprio dell’idea che vuolsi inspirare con questo simbolo augusto di creazione universale [...]» (Cicognara 1813-18, vol. I: 112).

106   Cicognara 1813-18, vol. I: 112.

107   Cicognara 1813-18, vol. I: 117, e il rispettivo passo in Benedetto XIV 1749: 859-861.

Auteurs

Storico dell’arte e ricercatore all’Università di Palermo. Ha compiuto gli studi a Firenze addottorandosi alla Scuola Normale Superiore di Pisa con una tesi su Pietro Selvatico Estense (1803-80). Ha pubblicato studi sul discorso ottocentesco sull’arte, in particolare su Carl Ludwig Fernow, Carl Friedrich von Rumohr, Rudolf Eitelberger von Edelberg e Leopoldo Cicognara

Storica dell’arte e lavora al Kunsthistorisches Institut di Firenze. Si è addottorata alla Ludwig-Maximilians-Universität di München con una tesi sui Torlonia e il collezionismo d’arte nella Roma dell’Ottocento. Da anni si occupa di storiografia artistica tra Sette e Ottocento, in particolare di Leopoldo Cicognara. Fra i suoi studi ricordiamo innanzitutto l’edizione commentata della Storia della scultura dello stesso Cicognara (Bassano del Grappa, Istituto di ricerca per gli studi su Canova e il neoclassicismo 2007)

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search