Version classiqueVersion mobile

La densità meravigliosa del sapere

 | 
Maurizio Pirro

Due riviste romane nel transfert culturale italo-tedesco dell’età di Winckelmann

Giulia Cantarutti

Texte intégral

1. pubblicazioni periodiche e transfert culturale

11.1. Questo intervento su due riviste del Settecento romano, le «Efemeridi letterarie di Roma» (1772-1798) e l’«Antologia romana» (1774-1798), non appare per mere ragioni cronologiche all’inizio di una serie di lavori che dal XVIII secolo giunge al XX con «Rinascita», «Società» e «Politecnico». Il numero stesso di contributi sulla «cultura tedesca in Italia tra Settecento e Novecento» che contengono fin dal titolo un riferimento a pubblicazioni periodiche segnala che queste ultime svolgono un ruolo fondamentale ai fini della diffusione della cultura tedesca in Italia. Vale anche l’opposto, e in entrambi i casi si registrano travasi e intersezioni ancora ampiamente da sondare. Difficile dire quale sia l’epoca che da questo punto di vista riserva le maggiori sorprese o le maggiori difficoltà di indagine. Può considerarsi invece accertata la proficuità di ricerche compiute in riferimento a situazioni ben determinate, entro precise coordinate spazio-temporali.

 

21.2. Occupandosi di Settecento, è d’obbligo il rimando a Michel Espagne, all’avanguardia nell’approccio per transferts culturelles e nella connessa teorizzazione della necessità di mettere a fuoco i profili dei singoli passeurs, la tipologia dei media e la ‘rete’ sottesa ad ogni singola rivista. Lo studio dei rapporti fra Sassonia e Francia ai fini della genesi di un «milieu favorable pour la mise en place de l’Histoire de l’art antique» (Espagne 2000: 171) si è rivelato estremamente fertile. Non meno fertile, ma assai meno indagata appare l’area italiana, che si caratterizza per una differenziazione locale fortissima cui non corrisponde una consolidata tradizione di ricerche quali quelle che per il «Journal étranger» (1754-1762) di Jean Baptiste Antoine Suard e François Arnauld sono state intraprese già agli inizi del XX secolo. Il Prospectus del «Journal étranger» (ovvero «Giornale straniero», come viene spesso chiamato dai suoi lettori italiani) annuncia un intento ampiamente condiviso nell’epoca del giornalismo enciclopedico: «rassembler les connaissances, les découvertes, les chefs d’oeuvre de tous les articles, de tous les savants du monde en tout genre et dans toutes les langues vivantes». È proprio questo intento a creare uno spazio nuovo per occuparsi anche delle belles lettres e delle Belle arti tedesche, ma i modi in cui ci se ne occupa nella Venezia del giornalismo enciclopedico dei Caminer, nella Milano della «Gazzetta letteraria» (1772-1776) o nella Lucca in cui si traduce il «Journal encyclopédique de Liège» con il titolo «Giornale enciclopedico di Liegi» (1756-1770) differiscono profondamente. Le differenziazioni sono anche all’interno dello stesso spazio geografico: il progetto da cui nel 1768 nasce nella capitale della Serenissima l’«Europa letteraria» è assai diverso da quello della serie periodica fondata da Angelo Calogerà, la «Nuova raccolta di opuscoli scientifici e filologici», che ospita il primo schizzo della letteratura tedesca redatto da un italiano, Giovan Battista Corniani (1774); altrettanto forti sono in Toscana le diversità di impianto fra le «Novelle letterarie» di Firenze fondate da Giovanni Lami nel 1740, il «Giornale enciclopedico di Liegi» e il «Giornale letterario di Siena» (1776-1777), redatto, fino al suo trasferimento a Napoli, da Aurelio de’ Giorgi Bertola (1753-1798), che inizia su questa rivista il cammino che lo porta a divenire il massimo mediatore della «poesia alemanna» in Italia con il supporto determinate, vedremo, degli «efemeridisti» romani.

2. la diversité des lumières nel prisma dell’arcadia

32.1 Quale immagine delle belles lettres, delle «belle arti», delle Wissenschaften e schöne Wissenschaften tedesche diffondono le «Efemeridi letterarie di Roma» e l’«Antologia romana»? Nel caso delle due più celebri riviste del Settecento romano, durate un quarto di secolo, la domanda non può prescindere da una precisazione temporale. Il ‘quando’ e il ‘dove’ sono entrambi coordinate essenziali per dare conto dell’apporto di una rivista al transfert culturale italo-tedesco e quindi anche della sua specificità – sincronicamente e diacronicamente – rispetto all’apporto di altre riviste.

  • 1   Barroero-Susinno 2000 e in versione ampliata Barroero-Susinno 1999.
  • 2   Cito da Roettgen 2001 perché la studiosa monacense è stata all’avanguardia nella storiografia art (...)

4Le «Efemeridi letterarie di Roma» appaiono dal gennaio 1772 «presso Gregorio Settari, e compagni librajo a S. Marcello. All’insegna d’Omero», superando in longevità di due anni e mezzo la «Antologia romana», che esce dal luglio 1774, poco prima della fine improvvisa, nel settembre 1774, del pontificato di Clemente XIV/Lorenzo Ganganelli. La loro pubblicazione cessa quando la capitale dello Stato pontificio è invasa nel 1798 dalle milizie francesi del generale Berthier e al governo pontificio subentra la Repubblica romana. La loro localizzazione è l’Arcadian Rome1, ovvero la Roma arcadica capitale universale delle arti del disegno, il «centro e punto di partenza» del Neoclassicismo (Roettgen 2001)2, dove Anton Raphael Mengs (1728-1779), arcade con il nome di Dinia Sipilio, dipinge l’Allegoria della Storia (1772) per la Camera dei Papiri, irradiando con le sue opere in tutt’Europa: le stesse Opere di Antonio Raffaello Mengs primo pittore della maestà del Re cattolico Carlo III pubblicate dal Cav. D. Giuseppe Niccola d’Azara, pur uscendo nella Stamperia Reale di Parma, sono un prodotto della Roma arcadica, non diversamente dall’insieme dei discorsi sulla «scienza antiquaria» che fanno delle due riviste più longeve del Settecento romano il riferimento ineludibile per l’affermarsi del «triangolo neoclassico».

  • 3   Cfr. Cantarutti 1999 e 2000.
  • 4   Per il concetto di Diversité des Lumières e la trattazione delle «Efemeridi letterarie di Roma» d (...)

5Nell’arco temporale della loro esistenza avvengono però cambiamenti radicali rispetto alla stagione politico-culturale in cui nascono: la stagione in cui Clemente XIV, menzionato sempre laudativamente nelle due testate, dichiarava disciolto l’ordine dei Gesuiti. Continuano a uscire per ben diciassette anni dopo la morte, a Capodanno del 1781, del loro fondatore Giovanni Lodovico Bianconi, ovvero, autobiograficamente, Gian Lodovico Bianconi (1717-1781), medico-scienziato-amatore di Belle Arti bolognese, rientrato in Italia nel 1764 con la carica di rappresentante diplomatico (Ministerresident) della Sassonia presso il Soglio pontificio; una carica del tutto in linea con i sei anni trascorsi ad Augusta (1744-1750) e i quattordici a Dresda (1750-1764) esercitando sempre le funzioni congiunte di archiatra e consiliarius3. Chiedersi in che misura incida il suo ruolo di «Consigliere sassone» nelle imprese giornalistiche che finanzia fino alla morte implica anche la riflessione su come si evolvano i rapporti fra le «Efemeridi letterarie» e l’«Antologia romana». Fondatore ed entourage delle due riviste, ‘estensori’ (ovvero redattori) stipendiati e collaboratori non stipendiati appartengono tutti all’Arcadia, ma l’Arcadia ha una pluralità di volti, non diversamente dalle Lumières4. Dove corrono i fronti all’interno dell’Arcadia? La divergenza di posizioni fra gli arcadi emerge bene da come Ennio Quirino Visconti, nel suo Discorso sullo Stato attuale della romana letteratura del 1785, liquida i «due fogli periodici che abbiamo settimanalmente in Roma», di cui «uno col titolo d’Efemeridi dà conto de’ nuovi libri, l’altro col titolo d’Antologia annuncia le novità delle scienze»:

L’abate Pessuti [Gioacchino Pessuti (1743-1814), che dal 1781 succede a Bianconi] che li dirige ha un gran merito nelle matematiche; gli articoli perciò dell’Efemeridi, che trattan di libri matematici, sono eccellenti: gli altri per lo più deboli e pieni di troppe lodi agli autori. L’Antologia è ordinariamente un estratto d’altri Giornali, ove suol inserirsi un breve elogio de’ letterati defunti. (Visconti 1785: 43)

  • 5   «Efemeridi letterarie di Roma» 1781: 62-64, 69-72, 75-78, 85-88.
  • 6   Cantarutti-Ruzzenenti 2011: 157-158, 162.

6La divergenza di posizioni è però evidente già prima del 1785 nell’attacco che Onorato Caetani, arcade con il nome di Iblasio Euripilano, sferra nelle «Efemeridi letterarie» del 1781 all’edizione delle Opere di Antonio Raffaele Mengs, curata dal suo compastore José Nicolás de Azara5, e specialmente nel carteggio fra il ministro spagnolo e l’editore Bodoni6. Al vero e proprio scontro si giunge in occasione dell’adunanza per la commemorazione funebre del pittore prediletto da Clemente XIV: l’equivalente a stampa, Adunanza tenuta dagli Arcadi in morte del Cavaliere Antonio Raffaele Mengs, detto in Arcadia Dinia Sipilio con l’indicazione tipografica «in Roma per Benedetto Francesi 1780», contiene solo i contributi di chi aderiva alla «seconda Arcadia», ovvero «Arcadia filosofica» o «seconda Arcadia filosofica», capitanata dal collaboratore di maggior spicco di Bianconi, Giovanni Cristofano Amaduzzi (1740-1792). Il volumetto dell’Adunanza sta completamente sotto la regia di questo «doctus italus» (Cantarutti 2002) originario di Savignano sul Rubicone, venuto a Roma giovanissimo dopo avere frequentato a Rimini il Lyceum di Giovanni Bianchi alias Jano Planco Ariminensis (1693-1775), scienziato di cultura universale e capostipite della ‘Romagna erudita’.

7L’organizzazione dell’omaggio a Mengs/Dinia Sipilio, incentrata sul discorso tenuto dal suo compastore-amico, direttamente coinvolto nel progetto della Stanza dei Papiri, ha carattere programmatico. Il ruolo da regista assunto da Amaduzzi/Biante Didimeo si vede, assai più che dal carteggio con Maria Maddalena Morelli (oltretutto pessimamente edito), incoronata Corilla Olimpica in Campidoglio il 31 agosto 1776, dal Carteggio 1774-1791 (Amaduzzi-De’ Giorgi Bertola 2005) con Bertola, il riminese arcade col nome di Ticofilo Cimmerio. Rivelatrici sono in particolare le lettere in cui il discorso sui versi per Mengs si intreccia con l’attività del savignanese, promotore in quanto «efemeridista» del suo giovane conterraneo come «Musagete delle muse Alemanne».

8Amaduzzi è la punta di diamante degli «arcadi filosofi»: gli arcadi che vedono le arti come «felici alunne della libertà» (secondo una convinzione diffusa di cui Winckelmann è il più noto interprete) e assegnano loro una funzione esemplarmente espressa nel discorso su Mengs (Adunanza 1780: IX-LXV) e nella Idea della bella letteratura alemanna.

2.2. L’«Arcadia filosofica»

  • 7   Stampata in Gasperoni 1941: 322-343.

9Questa «Arcadia filosofica», che tramite il suo esponente di maggior spicco imprime alle due riviste finanziate da Bianconi il suo indirizzo, è il ‘partito’ dominante per una breve stagione che si caratterizza, vedremo, per una straordinaria apertura agli oltramontani, segnatamente «alemanni». È stata definita l’Arcadia di orientamento giansenista o filogiansenista. Il termine può essere utile, per intendersi, se rapportato all’asserzione secondo cui i libri sono l’arma dei giansenisti, ma tenendo ben presente che Amaduzzi stesso si è sempre ritenuto fedele alla «sana dottrina» dei Padri della Chiesa. Conosciuto come protegé e amico intrinseco di Clemente XIV, che gli aveva conferito la cattedra di Lingua greca nell’Archiginnasio della Sapienza di Roma e la sovraintendenza della Stamperia de Propaganda Fide, Amaduzzi, oggetto di attacchi costanti da parte dei Gesuiti, viene perseguitato sempre più implacabilmente via via che Pio VI si allontana dalla linea del suo predecessore. Questo abate vissuto a Roma, tenuto in alta considerazione nel mondo tedesco (Cantarutti 2002), muore con il marchio di eretico, ma la sua Rimostranza umile al Trono pontificio7 dell’agosto 1790 ribadisce che l’epiteto di «giansenista» altro non è che un «calunnioso nome» attribuito dal «partito fazionario», da «furiosi partitanti», per i quali «la religione è l’arma di cui abusano in rovina altrui» (Gasperoni 1941: 329-330).

  • 8   Nelle citazioni le «Efemeridi letterarie di Roma» saranno abbreviate con la sigla E, seguita dai (...)
  • 9   Gonzaga di Castiglione 1776. Su Amaduzzi come «guida e maestro» del principe Gonzaga, cfr. Ventur (...)

10Lasciando ad altri il giudizio sulla conciliabilità fra ortodossia e inimicizia per la corte romana (inimicizia dichiarata fin dal primo dei suoi discorsi arcadici, il Discorso filosofico sul fine e l’utilità dell’accademie), ritengo che l’indirizzo delle «Efemeridi letterarie di Roma» e dell’«Antologia romana» durante gli anni in cui il coltissimo savignanese è la loro eminenza grigia possa definirsi nella maniera più precisa come l’adesione al concordet scientia cum fide. È l’indirizzo espresso icasticamente già dal titolo La filosofia alleata della religione: il Discorso filosofico-politico che, come si legge sul frontespizio, è stato recitato nella «generale Adunanza tenuta nella Sala del Serbatoio d’Arcadia il dì VIII gennaio MDCCLXXVII». Ha la falsa quanto illuminante indicazione tipografica «In Livorno per i Torchi dell’Enciclopedia» e si conclude con l’apologia del «meraviglioso innesto di doppia luce» – la filosofia e la religione – come l’unico capace di «formare il vero modello d’un savio Filosofo, d’un perfetto Letterato, d’un buon Cittadino» (Amaduzzi 1778: 50). Meriterebbe citare integralmente l’“estratto” di tale discorso nelle «Efemeridi letterarie di Roma» del 20 giugno 1778, che stigmatizza come «spiriti deboli» coloro che «accusano la Filosofia di essere la sorgente dell’irreligione» (E 197)8, in sintonia con le idee espresse nel Letterato buon cittadino (1776) da Luigi Gonzaga Principe di Castiglione9.

11La sintonia fra i discorsi arcadici e le «Efemeridi letterarie» nell’epoca in cui Bertola chiamava l’amico il «Capo» degli «Efemeridisti» (lettera del 26/12/1775) giunge a riprese letterali nella recensione amaduzziana della Rettung der göttlichen Offenbarung di Leonhard Euler, l’«aureo opuscolo» tradotto dal «celebre Padre Don Gregorio Fontana delle scuole pie, regio Professore di Mattematiche nell’Università di Pavia, da noi altre volte meritamente encomiato» (E 1777: 134). Viene riportato l’intero titolo esplicativo, Saggio di una difesa della divina rivelazione, coll’aggiunta dell’esame dell’argomento dedotto dall’abbreviamento dell’anno solare, e planetario, e viene sottoscritta integralmente, con rimando a Haller, la tesi che «gli spiriti più elevati, e più profondi hanno sempre avuto il più alto rispetto per la Religione»:

Colà dove un Hobbes dubitava, un Newton credeva; colà dove un Metrie [La Mettrie] motteggiava, un Boerhaave adorava, disse Haller nella sua prima lettera su la Rivelazione [Rettung der Göttlichen Offenbarung]; e mentre censura un Voltaire, un Euler difende, diremo noi presentemente. (E 1777: 134)

12Come la «lettera su la Rivelazione» anche il Ragionamento su la irreligione «con l’aggiunta di alcune note» di «Fra Tommaso Maria Soldati» viene subito recensito nelle «Efemeridi letterarie» del 16 agosto 1777. L’oggi dimenticatissimo traduttore viene presentato come «Professore di Teologia nel Collegio Germanico-ungarico»: un luogo che verrà bollato come fucina di miscredenti, al pari del Collegio Nazareno.

13I massimi protagonisti del concordet scientia cum fide, Haller ed Euler, appaiono come i più celebrati fra i moderni ‘filosofi’ oltremontani di lingua tedesca. Le «Efemeridi letterarie» costituiscono in genere una tessera di primaria importanza per la diffusione – diretta ma anche indiretta – della fama dell’Accademia delle Scienze di Berlino: l’Accademia fridericiana cui erano ascritti non solo Jano Planco, amico e corrispondente di Haller, ma anche Algarotti, Denina, Spallanzani, Paolo Frisi, spesso lodati dagli «efemeridisti».

2.3. Relazioni e recensioni

  • 10   Biblioteca Civica Gambalunga, Rimini, Fondo Gambetti, Lettere al Dott. Giovanni Bianchi, Registro (...)
  • 11   «La Terra di Ombra, minerale assai cognito, e di un’uso assai generale in Europa, era stata finor (...)

14Sterminati carteggi, per lo più inediti, conservano oggi le tracce di relazioni personali (immediate o mediate attraverso il medium scritto) che si profilano quasi regolarmente dietro gli “estratti”. Due esempi soltanto. Il primo è costituito dall’abate «Gaudioso Jagemann», ovvero Christian Joseph Jagemann (1735-1804), in veste di traduttore-adattatore della Neue Erdbeschreibung di Anton Friedrich Büsching, «Consigliere del concistoro supremo del Re di Prussia, e Direttore del Collegio illustre di Berlino», di cui le «Efemeridi letterarie» presentano in data 19 novembre 1774 l’«edizione prima Veneta» e il 29 giugno 1776 l’«edizione prima Veneta corretta, illustrata, accresciuta, e di alcuni rami adornata». Jagemann aveva, come Amaduzzi stesso, legami strettissimi con i ‘fiorentini-romani’, in particolare con Giovanni Gaetano Bottari, importante collaboratore delle «Efemeridi letterarie», e con Scipione de’ Ricci, che verrà clamorosamente condannato quattordici anni più tardi. Il futuro bibliotecario della Duchessa Anna Amalia di Weimar era già conosciuto – a Firenze come a Roma – per il suo Saggio sul buon gusto nelle belle arti ove si spiegano gl’Elementi dell’Estetica (Firenze 1771): un libriccino di grande interesse nel transfert culturale italo-tedesco. Al di là delle amicizie personali, l’opera «tradotta in lingua Toscana», ma anche «ornata» da Jagemann «di molte particolari erudizioni» aveva meriti obiettivi grandissimi nell’ottica dell’«Arcadia filosofica»: rappresentava la geografia intesa come scienza all’avanguardia nella diffusione dei Lumi. Analogamente il «Barone di Hupsch», ovvero Johann Wilhelm Carl Adolph Hüpsch-Lontzen (1726-1805), viene lodato nelle «Efemeridi letterarie» del 19 marzo 1774 non in virtù delle sue amicizie arcadiche ma perché questo arcade (in carteggio dal 1770 con Giovanni Bianchi)10, nobile illuminato, aveva mostrato nel suo «Saggio sopra la natura e l’origine della terra di Ombra», ovvero Neue Entdeckung des wahren Ursprungs des cöllnischen Umbers oder der cöllnischen Erde, «sagacità» e «sapere», compiendo una deduzione intelligente che nessuno prima di lui aveva compiuto e risolvendo così una lunga diatriba fra naturalisti11.

15La funzione emancipatrice della scienza e più in generale dei libri è un pilastro dell’«Arcadia filosofica». Essa declina con caratteristiche proprie – l’alleanza programmatica fra scienze e muse – una costante nel transfert culturale italo-tedesco: il ruolo prioritario delle ‘scienze sode’ rispetto alla ‘letteratura’ modernamente intesa.

3. Il segmento 1772-1779

  • 12   Cfr. Ferrari 2001.

163.1 Un prospetto di tutte le opere direttamente rilevanti per il transfert culturale italo-tedesco recensite nelle «Efemeridi letterarie di Roma» dal momento della fondazione al momento del ‘divorzio’ dalla «Antologia romana» alla fine degli anni Settanta non può avere l’ambizione di fornire un quadro completo. Fornisce al massimo una sinopia. Un unico esempio: il primo estratto di opera tedesca concernente Winckelmann è in data 30 gennaio 1779 ed è la Lobschrift auf Winckelmann12, l’elogio di «Cristiano Teofilo Heyne Consigliere Aulico di S.M. Britannica, e Professore di Eloquenza, e di Poesia in Gottinga» (E 1779: 37). Winckelmann però appare nelle «Efemeridi letterarie» fin dal primo numero del loro anno di fondazione, in un “estratto” di un’opera francese, le Observations sur la statue de Marc-Aurele et sur d’autres objetcs relatifs aux beaux arts di Etienne Falconet. Il recensore (come sempre anonimo) si accende di sdegno contro questo «Signor Falconet [che] non è contento neppure del Mosè di Michel Angelo» e «con quegli occhi medesimi e coll’istessa mente [...] ha esaminato la Storia dell’arte presso gli Antichi del Signor Vinckelmann [sic], e vi trova “più inezie, che in tutti gli altri scrittori” e [...] pretende di dimostrare che questo eruditissimo Antiquario non sapea di Greco, e che non ha inteso un passo di Plutarco» (E 4.1.1772: 6). Poco più di un mese dopo, in data 8 febbraio 1772, in una ristampa di un libro italiano del 1666, Roma antica di Famiano Nardini, appare una ben più circostanziata esaltazione delle «congetture del dottissimo e veramente profondo Antiquario Winckelmann», della «somma dottrina di quell’uomo» e della sua «singolare modestia».

  • 13   Ad onta delle date indicate nel titolo, il volumetto di Carmassi abbraccia 120 anni esatti, dal 1 (...)

17Dando per scontato questo e altri limiti di un prospetto impostato per area di provenienza, procederò in analogia al lavoro compiuto assieme a Silvia Ruzzenenti relativamente al decennio 1780-1789 (per un convegno organizzato da Michel Delon, Gérard Laudin e Didier Masseau che indicava espressamente come area privilegiata d’indagine «les comptes rendus d’ouvrages étrangers»). Nelle pagine che seguono elencherò i semplici titoli in originale, senza aggiungere qualche riga di riassunto di ciò che dice la recensione. Vado in direzione opposta a quella di Carmassi (1988), che estrapola in segmenti temporali non definiti rispetto alla durata di vita complessiva delle riviste titoli ritenuti rappresentativi ai fini di un quadro generale de La letteratura tedesca nei periodici letterari italiani del Seicento e del Settecento (1668-1779)13. Contrappunterò invece l’approccio secondo titoli in ordine cronologico con una riflessione sul criterio seguito da Marina Caffiero nella sua analisi di questo periodico a scadenza settimanale di «otto pagine stampate a due colonne, formato in ottavo con numerazione e indici annuali» e «generalmente un ristretto numero di recensioni di libri di varia provenienza, secondo una media di quattro-cinque per settimana» (Caffiero 1997: 65): il criterio dei macroraggruppamenti secondo materie. La questione è rilevante metodologicamente; le dedicherò quindi una postilla a conclusione di questo prospetto che indica sempre, oltre al titolo, la città di stampa del libro recensito nella forma usata dagli «efemeridisti». Soffermandomi sulla non proponibilità di raggruppamenti disciplinari moderni, potrò focalizzare aspetti utili alla lettura della lista che segue:

1772
pp. 15-16
LIPSIA: K.H. von Heinecken, Idée générale d’une collection complette d’estampes, avec une dissertation sur l’origine de la gravure et sur les premiers livres d’images. A Leipsic et Vienne, Kraus 1771.

p. 80
MONACO: D. von Limbrunn, Versuch eines neuen chronologischen Systems über das Sterbjahre Jesu Christi. München, Akademie der Wissenschaften 1771.

p. 142
MANHEIM: Academia Elect. Scient. et elegantiorum litterarum Theodoro-Palatina, Codex Principis olim Laureshamensis Abbatiae Diplomaticus. Vol. III. Mannhemii, Typis academicis 1770.

pp. 153-154
ROMA: Vari Componimenti per Musica di Ermelinda Talea [Maria Antonia Valburga di Baviera] Reale Pastorella Arcade. Roma, Giovanni Zempel 1772.

pp. 158-160
LIPSIA: J.J. Reiske, Oratorum Graecorum, quorum Princeps est Demosthenes, quae supersunt Monumenta ingenii. Vol. I, 1770, vol. 2, vol. 3 e vol. 4, 1771. Lipsiae, Typis Sommeri.

pp. 189-191
VIENNA: Eusebius Verinus [Joszef Benczur], Commentatio juridica critica de haereditario jure Serenissimae Domus Austriacae. Viennae et Lipsiae, Jahn, 1771.

p. 198
LIPSIA: C:H: de Manstein, Mémoires historiques, politiques et militaires sur la Russie, depuis l’année 1727, jusqu’à 1744. Avec la vie de l’auteur par M. Huber. Leipzig, Heritiers Weidmann et Reich 1771.

pp. 199-200
BRUNSWICH: [C. von Schmidt - detto Phiseldeck], Briefe über Rusland. Braunschweig, Schröder 1771.

p. 208
BERLINO: L. Euler, Vollständige Anleitung zur Algebra, I-II. St. Petersburg, Kayserliche Academie der Wissenschaften 1771.

pp. 357-358
VIENNA: F.F. Schrietter, Versuch einer österreichischen Staatsgeschichte von dem Ursprunge Oesterreichs bis nach dessen Erhöhung in ein Herzogthum. Wien, Kraus 1771.

pp. 358-360
BERLINO: G. Kalmar, Praecepta Grammaticae atque Specimina Linguae Philosophicae sive Universalis ad omne vitae genus accommodatae. Berolini, Iacobaeer 1772.

pp. 388-390
MAGONZA: J. Fuchs, Alte Geschichte von Mainz, aus den ältesten und ersten Zeiten, von dem Anfange dieser Hauptstadt unter dem Kaiser Augustus bis zu Ende des siebenden Jahrhunderts. Tomo I. Mainz, Häfner 1772.

1773
pp. 46-48
BERLINO: [D. Michelessi], Gustavi III. Sveciae Regis Orationes e Sveco in Latinum conversae. Berolini, Litt. Georg. Jac. Deckari Typ. Reg. 1772.

p. 56
LEIDA: [J.F. Bielfeld], Institutions politiques. Tomo 3. Leide, Luchtmans 1772

p. 72
BRESLAVIA: C.G. Gruner, Censura librorum Hippocrateorum qua veri a falsis integri a suppositis segregantur: collegit ex optimis quibusque avctoribvs Erotiano, Galeno, Hier. Mercuriali, Foësio, Clerico, Io. Albert. Fabricio, Hallero aliisque. Vratislaviae, apud I.F. Kornium 1772.

p. 75
HEIDELBERGA: A. Schmidt, Institutiones juris ecclesiastici Germaniae accomodatae. Vol. 2. Heidelbergae, Goebhardt 1771.

pp. 110-112
MARBURGO: J. Holler, Dissertatio Iuridica Inauguralis De Obligatione Patris Ad Constituendam Dotem Non Promissam Illiusque Sublata Quamvis Lege Voconia Cum Ante Tum Post Nuptias Filiae Contractas Efficacia. Marburgi Cattorum, Müller 1770.

pp. 125-128
STETIN: Annuncio del progetto di traduzione in tedesco del poema Edda, a cura di J. Schimmelmann.

p. 168
LIPSIA: C.F. Wolle e H.A.Seger, Archeologiae juridicae Specimen. Lipsiae, ex Officina Langenhemia 1773.

pp. 278-280
GOTTINGA: A. von Haller, De partibus corporis humani sentientibus et irritabilius sermo tertius. In «Novi Commentarii Societatis Regiae Scientiarum Gottingensis», T. 3 ad annum 1772, pp. 1-36, 1773.

pp. 316-317
LEYDEN: D. Wyttenbach, Plutarchi Liber De Sera Numinis Vindicta: Accedit Fragmentum Eidem Vindicatum apud Stobaeum. Lugdunum Batavorum, Luchtmans 1772.

pp. 414-416
LIPSIA: J.J. Reiske, Oratorum Graecorum, Voll. V, VI, VII. Lipsiae, Sommerus 1773.

1774
pp. 21-24 + 31-32 + 39-40
PARIGI: F.G. Klopstock, Le Messie. Traduzione dal Tedesco. Paris, Vincent 1772, 2. Vol.

pp. 79-80
BERLINO: C.S. Hugo, Abhandlungen aus dem Finanzwesen. Berlin, Buchhandlung der Realschule 1774.

pp.81-83
ROMA: C. Mezger, Poesis Hebraica publicae disputationi submissa. Roma, Palearini, 1774.

pp. 92-93
COLONIA: J.W.K.A. von Hüpsch, Neue Entdeckung des wahren Ursprungs des cöllnischen Umbers oder der cöllnischen Erde. Frankfurt und Leipzig 1772.

pp. 111-112
COLONIA: J.W.K.A. von Hüpsch, Neue in der Naturgeschichte des Nieder-Deutschlandes gemachte Entdeckungen. Frankfurt, Metternich 1773.

pp. 118-119
LIPSIA: C.A. Clodius, Jablonovio Principi Celsissimo Palatino Novogrodensi felicitatis perpetuitatem ominatur. S.l. 1774.

pp. 134-135
LIPSIA: A.W. Ernesti, Ammiani Marcellini rerum gestarum libri. Lipsiae, Weidmann 1774.

pp. 255-256
OSNABRUG, e HANNOVER: J.H. Jung, Historiae antiquissimae Comitatus Benthemiensis Libri tres. Hanoverae, et Osnabrugi, apud Schmidium 1773.

pp. 305-307
ROMA: C. Cellarius, Geographia antiqua in compendium redacta. Romae, Casaletti 1774.

pp. 327-328
LIPSIA: N.G. Leske, Ichtyologiae Lipsiensis Specimen. Lipsiae, Crusius 1774.

pp. 358-359
BRUNSWIK: U.F. Brückmann, Abhandlung von Edelsteinen. Braunschweig, Waisenhaus-Buchhandlung 1774.

pp. 374-375
VENEZIA: A.F. Büsching, Nuova Geografia. Tradotta in lingua Toscana dall’Ab. Gaudioso Jagemann. Edizione prima Veneta. Venezia, Zatta 1773.

pp. 407-408
LIPSIA: J.J. Reiske, Plutarchi Chaeronensis, quae supersunt, Opera, Graece et Latine. Tomo I. Lipsiae, Weidmann 1774.

1775
pp. 55-56
LIPSIA: J. A. Fabricii, Bibliotheca latina. Lipsiae, Weidmann 1774, 2. Vol.

pp. 70-71
ZURIGO: J. Müller, Bellum Cimbricum. Zürich, Orell, 1772.

pp. 118-120
VIENNA: A. Störck, Instituta Facultatis Medicae Vindobonensis. Vindobonae, Trattner 1775.

pp. 157-160
HALA DI MAGDEBURGO: K.L. Bauer, Philologia Thucidideo-Paullina, vel notatio Figurarum dictionis Paullinae cum Thucididea comparatae. Halae Magdeburgicae, Orphanotropheus 1773.

pp. 167-168
BERNA: [J.S. Wyttenbach], Beyträge zu der Naturgeschichte des Schweizerlandes. Bern, Typ. Gesellschaft 1774, 2 Vol.

pp. 183-184
MANNHEIM: K. von Haeffelin, Discours de l’influence des Voyages sur le progrès des arts. Mannheim, Imprimerie de la Cour et de l’Academie 1775.

pp. 191-192
VIENNA: A. de Haen, Ratio medendi in nosocomio practico. Tomo XV et ult. Viennae Austriae, Krüchten 1775.

p. 200
BERLINO: Astronomisches Jahrbuch oder Ephemeriden. Berlin, Decker 1775.

pp. 213-214
FRANCFORT: F.L. Cancrinus, Erste Gründe der Berg und Salzwerkskunde. 2 vol. Frankfurt am Main, Andreä 1775

p. 264
ARNSTADT: J.G. Lindner, Curae posteriores in Athenagorae deprecationem pro cristianis. Longosalissae, Ioh. Christian Martini 1775.

pp. 287-288
MAGONZA: J.L. Isembiehl, Chrestomathia Patristica Graeca. Moguntiae, Häffner 1774.

pp. 294-296 + 300-303 + 309-310
BERLINO: Nouveaux mémoires de l’Académie Royale des Sciences et Belles-Lettres. Berlin, Voß 1775.

pp. 389-392
DRESDA: Catalogus Librorum, maximam Partem exquisitissimorum, quae in Biblioteca Electorali Dresdensi in duplo extiterunt, quorumque venditio fiet d. 15. Novembris et seq. hujus anni. Dresdae, Typis Waltheri 1775.

pp. 399-400
LIPSIA: J.J. Engel, Der Philosoph für die Welt. Leipzig, Dyck 1775, Tom. 2.

p. 400
BREMA: J. Oelrichs, Germaniae litteratae Opuscula historico philologico-theologica emendatius; et auctius recusa. Bremae, Cramer 1775, Tomus II.

p. 416
LIPSIA: C. Cellarius, Geografia antiqua. [Notitia orbis antiqui, sive Geographia plenior cum tabulis geographicis et novis annotationibus I.C. Schwarzii]. Lipsiae, Gleditsch 1773.

1776
pp. 14-15
GOTHA: J.G. Eichhorn, Monumenta antiquissima historiae Arabum. Gothae, Ettinger 1775.

pp. 78-80
ZURIGO: A. von Haller, Bibliotheca Anatomica, qua scripta ad Anatomen, et Physiologiam facentia a rerum initiis recensentur, Tiguri, Orell-Gessner-Fuessli 1774, Tom. I.

pp. 86-88
VARSAVIA, o LIPSIA: [G.A. Janocki], Janociana, sive Clarorum, atque Illustrium Poloniae Auctorum, Maecenatumque Memoriae Miscell. Varsaviae et Lipsiae, Groellium 1776, Vol. I.

pp. 111-112
GHETTINGA: J.C.P. Erxleben, Anfangsgründe der Chemie. Göttingen, Dieterich 1775.

pp. 116-118
STRASBOURG: [J.J Oberlin], Museum Schoepflini. Argentorati, ex prelo Jonae Lorenzii Typographi 1773, Vol. I.

p. 128
FLENSBOURG: M. Ehlers, Fasciculus Dissertationum argumenti Philosophici. Flensburgi et Lipsiae, Impensis Kortiorum 1775.

pp. 132-134
VIENNA: N.J. von Jacquin, Florae Austriacae, sive Plantarum selectarum in Austriae Archiducatu sponte crescentium icones ad vivum coloratae. Viennae Austriae, Kaliwoda 1773, T. I, II, III.

p. 136
LIPSIA: J.L.E. Püttmann, Adversariorum juris, seu Fasciculus dissertationum ex omnibus Jurisprudentiae partibus eductarum Opera Antecessoris Lipsiensis. Lipsiae, Crusius 1775.

p. 176
LEIPSICK: C. Meiners, Vermischte philosophische Schriften. Leipzig, Weygand 1775, Tom. I.

p. 208
VENEZIA: A.F. Busching, Nuova Geografia. Tradotta in lingua Toscana dall’Abate Gaudioso Jagemann; Edizione prima Veneta corretta, accresciuta, e di alcuni rami adornata. Venezia, Zatta 1775-76.

p. 232
BERLINO: J.F. Thym, Die Nutzbarkeit, fremde Thiere, Bäume und Pflanzen sowohl zur Nahrung als zu Fabriquen einzuführen und fortzupflanzen, und dadurch die Menschen zu vermehren. Berlin, Decker 1776.

p. 288
STRASBOURG: J.J. Oberlin, Orbis antiqui monumentis suis illustrati primae lineae. Argentorati, Stein 1776.

p. 352
MITTAU: J.M.C. Beseke, Commentatio de frumentaria largitione et legibus frumentariis ad explicanda et illustranda multa iuris et veterum auctorum loca. Mitaviae, Hinzium 1775.

pp. 374-376
MANNHEIM: G. Koelreuter, Historia experimentorum circa sexum plantarum. Commentationes Accademiae Electoralis Scientiarum, et elegantiorum Litterarum Theodoro Palatinae. Mannhemii, Typis academicis 1775, Vol. 3.

p. 376
VIENNA: A. von Störk, Instituta facultatis Medicae Vindobonensis. Vindobonae, Trattner 1775.

p. 392
BERLINO: Gio. Bernoulli, Liste des Astronomes connus, actuellement vivans, par ordre alphabétique des lieux de leur demeure. Berlin, Haude & Spener 1776.

1777
pp. 7-8
LIPSIA: C. Meiners, Vermischte philosophische Schriften. Leipzig, Weygand 1776.

p. 15
SOLINGEN: M.T.C. Mittelstedt, Westphalische Alterthumer oder Beweis, daß diejenige welche Christum gekreuziget und Johannes den Täufer enthauptet, Westphälingen gewesen. Solingen, bey I.A.Z. 1776.

pp. 47-48
PIETROBURGO: N. Fuss, Eclaircissemens sur les etablissements en faveur tant des veuves que de morts. St. Petersburg, Acad. imp. des sciences, 1776.

pp. 53-54
PARIGI: G. Zimmermann, Traitè de la dyssenterie. Paris, Vincent 1775.

p. 56
JENA: D.H. Hasenstien, Dissertatio inauguralis de Privilegio Medicorum in concursu Creditorum. Jenae, Heller 1776.

pp. 60-61
STRASBURGO: R. Forsten, Disquisitio medica cantharidum historiam naturalem chemicam, et medicam exibens. Argentorati, Koenig 1776.

p. 64
ERLANG: E.L. Wernberger¸ Beytrag chemischer Versuche und Gedanken in Absicht auf eine nähere Kenntniß der Universalsäure. Frankfurt und Leipzig, Goebhardt 1776.

p. 71
GOTTINGA: C.E. Kositzki, Noxas fasciarum, sive de damnis, quae ex earum usu proveniunt. Goettingae, Dieterich 1776.

p. 72
AMBURGO: J.E. Faber, Über den Orient, Aus Reisebeschreibungen. Hamburg, Bohn, 1776.

p. 96
GHETTINGA: J.D. Martini, Analecta quaedam ad masmatologoian, sive de primis miasmatum morbosorum originibus. Halae Salicae, Hendelius 1776.

p. 120
LIPSIA: N. Niclas, Jo. Matthei Gesneri Primae lineae isagoges in eruditionem universalem nominatim philologiam, historiam et philosophiam in usum praelectiones ductae. Lipsiae, apud Fritsch 1776.

pp. 127-128
RIGA: J.F. Kleuker, Zend-Avesta, Zoroasters Lebendiges Wort: worin die Lehren und Meinungen dieses Gesetzgebers von Gott, Welt, Natur, Menschen. Erster Theil, welcher die beiden Bücher Izeschne und Vispered enthält. Riga, Hartknoch 1776.

pp. 133-135 + 142-143
PAVIA: L. Euler, Saggio di una difesa della divina Rivelazione. Tradotto dall’idioma Tedesco [da G. Fontana]. Pavia, Bolzani 1777.

p. 168
FRANCFORT: J.F. Heynatz, Centum Aenigmata, quae ab aliquibus Symposio, ab aliis Lactantio tribuuntur. Francofurti ad Viadrum, Strausius 1775.

p. 184
SALISBURGO: D. Beck, Institutiones Physicae. Salisburgi, Mayr 1776.

pp. 187-189
NAPOLI: Scelta d’Idilj di Gessner tradotti dal Tedesco [A. De’ Giorgi Bertola]. Napoli, Raimondi 1777.

pp. 191-192
MANHEIM: C.A. Collini, Journal d’un voyage, qui contient differentes observations mineralogiques: particulierement sur les Agates, et le Basalte; avec un detail sur la maniere de travailler les Agates. Mannheim, Schwan 1776.

pp. 198-200

BERNA: A. von Haller, Bibliotheca chirurgica, qua scripta ad artem chirurgicam facentia a rerum initiis recensentur. Tomus I. Bernae, Haller 1774. Tomus II 1775.

pp. 206-207
VIENNA: J.H. Eckhel, Nummi Veteres anecdoti ex Musaeis Caesareo Vindoboniensi. Viennae Austriae, Kurzböck 1775.

pp. 207-208
LIPSIA: J.D. Hahn, Oratio de usu venenorum in Medicina. Lipsiae, Iunium 1775.

pp. 239-240
DRESDA: A. Chenot, Abhandlung von der Pest. Tradotto dal latino da J.W. Schweigart. Dresden, Groell 1776.

pp. 257-259
ROMA: Ragionamento su la irreligione del Barone di Haller. Tradotto dal Francese da T.M. Soldati. Roma, Casaletti 1777.

pp. 326-328
STRASBURGO: J.J. Ferber, Lettres sur la minéralogie et sur divers autres objets de l’histoire naturelle d’Italie. Opera tradotta dal Tedesco dal Sig. P.-F. de Dietrich. Strasbourg, Bauer & Treuttel 1776.

1778
pp. 7-8
VERCELLI
Idili di Gessner ridotti in versi Italiani dal Sig. Ferdinando Cappelli [recte: Ceppelli] . Aggiunta l’elegante parafrasi dell’Idilio La ferma risoluzione, fatta dal Conte Castone della Torre di Rezzonico. Vercelli, Tipografia patria 1777.

pp. 73-74
ROMA: M. Mayer, Monsieur Le Comte De Falckenstein, ou Voyages de L’Empereur Joseph II, en Italie, en Boheme et en France. Leipzig, Schneider 1777.

pp. 95-96
NAPOLI: Poesie diverse tradotte dall’Alemanno, e pubblicate per le santissime nozze de’ nobilissimi Signori Conte Francesco Piccolomini di Siena, e Contessa Francesca Bertozzi di Fano. Napoli, Stamperia Raimondiana 1777. [Traduzioni di A. De Giorgi Bertola]

260-261
VERCELLI: I nuovi Idilli di Gessner in versi Italiani, con una lettera del medesimo sul dipingere di paesetti. Traduzione di F. Soave. Vercelli, dalla Stamperia Patria 1778.

p. 288
NORIMBERGA: G.W. Knorr, Deliciae Naturae selectae oder auserlesene Naturaliencabinet. Nürnberg, Knorr 1778, 2 Vol.

p. 328
LIPSIA: C.-E. Mangelsdorf, Lexicon latinae linguae nova ratione digestum. Lipsiae, Iacobaeer 1777.

pp. 335-336
ILDESEIM: H.L. Ibbeken, Grundlehre von der Geschichte, von der Ausübung, und von den Rechten der Handlung. Heidesheim, Philan- thropische Buchhandlung 1778.

p. 368
MANHEIM: J.F. von Pfeiffer, Entdecktes allgemein brauchbares Verbesserungsmittel der Steinkohlen und des Torfs. Mannheim, Schwan 1777.

pp. 375-376
LIPSIA: J.L.E. Püttmann, Dissertatio de Poetis privilegiorum exsortibus. Lipsiae, Langenheim. 1777.

pp. 389-390
VENEZIA: A.L.B. de Störck, Istruzione Medico-pratica de’ Chirurghi civili, e militari dei paesi Austriaco-Germanici. Trasportata dal Tedesco da B. Battisti. Edizione prima Veneta. Venezia, Milocco 1778. Tomi 2.

1779
p. 32
LIPSIA: J.G.I. Breitkopf, Uber den Druck der geographischen Charten. Leipzig, Breitkopf 1777.

pp. 37-40
CASSEL: C.G. Heyne, Lobschrift auf Winckelmann. Leipzig, Weygand 1778.

p. 48
MUNSTER: B. Witte, Scriptoris ab anno saltem 1480. usque ad annum 1580. Aschendorf, Monasterii Westphalorum 1778.

p. 72
ULMA: M.I. Schmidt, Geschichte der Deutschen. Vol. I. Ulm, Lebrecht 1778.

p. 88
POTSDAM: J.H.S. Formey, Entretiens de morale pratique. Potsdam, Horvath 1778.

pp. 94-96
LIPSIA: J.J. Winckelmann, Prospectus de l’histoire de l’art de l’antiquité. Tradotto dal Tedesco da M. Huber. Leipzig 1778.

pp. 118-120
LIPSIA: C. Cellarius, Notitia orbis antiqui; sive Geographia plenior ab orta Rerumpublicarum ad Constantinorum tempora. Lipsiae, Gleditsch 1773-1776. Tomi 2.

p. 120
COPENAGHEN: J.H. Schlegel, Osservationes criticae et historicae in Cornelium Nepotem cum chronologia rerum Graecarum, et Persicarum, Carthaginiensium, et Romanarum. Hauniae, Philibert 1778.

p. 232
RIGA: [C. von Schmidt], Materialien zur russischen Geschichte seit dem Tode Kaisers Peters des Großen. Riga, Hartknoch 1777.

p. 256
BERLINO: J. Entick, Der gegenwaertige Zustand der Brittischen Reichs. Tradotto dall’Inglese [da J.P. Bamberger]. Tom. I. Berlin, Real-Schul Buchhandlung 1778.

pp. 263-264
STRASBOURG: J.J. Oberlin, Vibius Sequester de fluminibus, fontibus, lacubus, nemoribus, paludibus, montibus, gentibus. Argentorati, Bibliopolam 1778.

p. 288
ANNOVER: J.C. Spörl, Geschichte von Corsica. Hannover, Helwing 1778.

pp. 319-320
VIENNA: F. Neumann, Populorum, et Regum Numi veteres inediti. Vindobonae, Graeffer 1779.

pp. 330-332 + 341-342
NAPOLI: A. de’ Giorgi Bertola, Idea della poesia alemanna. Tomo I, Napoli, Raimondi 1779.

3.2 Titoli vs. materie

18Marina Caffiero analizza ‘monograficamente’ le «Efemeridi letterarie di Roma» in tutta la loro durata, dando indicazioni percentuali per materia che si riferiscono alla totalità dei libri recensiti. Mette «le scienze al 27%»: «l’assoluta maggioranza» se si considera la medicina, che ritiene fortemente rappresentata «in omaggio alla specializzazione del fondatore/redattore/finanziatore dell’impresa, il medico bolognese Giovanni Lodovico Bianconi» (Caffiero 1997: 70). Seguono fra il 16% e il 9% «religione e teologia» e «storia»; sotto il 10% «arti»; sotto il 5% «la filosofia», «la geografia e le relazioni di viaggio», «il diritto». Nella percentuale attribuita alla «filosofia», «poco più del 4%», diventa evidente che Caffiero intende ciò che oggi rientra in tale ambito.

  • 14   «Est omnium intelligentium consensu, in accurata numorum et sigillorum veterum cognitione, magna (...)

19Quanto serve questo tipo di divisione per materie? Si prenda un libro ragionevolmente sconosciuto oggi a chi non sia un esperto di numismatica ma che apparteneva, come gli Oratorum Graecorum di Johann Jacob Reiske, alle opere di Oltramontani che si vendevano anche a Roma, nel caso specifico «al prezzo di uno zecchino legato alla rustica dal Sig. Venanzio Monaldini Librajo al Corso» (E 1779: 319-320): Populorum, et Regum Numi veteres inediti, di Franz Neumann (1744-1816), recensito in data 2 ottobre 1779. Un minimo di latino è sufficiente a riconoscere il plurale di nummus anche nella forma meno frequente, numi, e a capire dunque che si tratta di numismatica: nell’età di Winckelmann, questa materia ha una sua fisionomia ben precisa, che modernamente definiremmo interdisciplinare; il suo appeal può inferirsi benissimo anche solo leggendo le tre frasi iniziali della recensione di venticinque pagine alla Description des pierres gravées du feu de Stosch, ovvero Gemmae sculptae Baronis Stoschii, descriptae, et dicatae Eminentissimo Cardinali Alexandro Albani, opera et studio Abbatis Winkelmanni, qui est Eminentiae huic a Bibliotheca nei «Nova Acta Eruditorum». Subito si ripete come dato incontroverso ciò che è necessario per eccellere in ogni genere di disciplina, ribadendo l’utilità della conoscenza «delle monete e dei sigilli degli antichi»14: un topos che permette di inquadrare storicamente l’interesse per la raccolta numismatica di Neumann come di altri personaggi oggi patrimonio dei soli specialisti.

20Rubricazioni moderne vengono messe fuori gioco costantemente. Come classificare la serie di opuscoli editi a cura di Johann Oehlrichs (1724-1801), assai lodati nelle «Efemeridi letterarie di Roma» del 16 dicembre 1775 (E 1775: 400)? Il titolo li definisce Opuscola historico philologica-theologica. In quale casella può venire messo il Saggio sopra l’anno emortuale di Cristo ovvero Versuch eines neuen chronologischen System über das Sterbjahre Jesu Christi di D. von Limbrunn, «Consigliere della Camera Aulica del Serenissimo Duca di Baviera, e socio illustre della Elettorale Accademia delle Scienze»? Questo saggio, che suscita «per tutta la Germania dotta le più acerbe censure, ed opposizioni» (E 1772: 80), correggendo il sistema di Denis Pétau (1583-1652), grande studioso di cronologia commemorato da Leone Allacci, con quello di «Monsignor Bianchini», applica la cronologia a una questione teologico-religiosa. Tutto il transfert materiale dei libri dall’area tedesca a quella italiana sottende una cultura comune in cui gli ambiti dei saperi appaiono reciprocamente aperti.

21Un titolo quale Censura librorum Hippocrateorum qua veri a falsis integri a suppositis segregantur: collegit ex optimis quibusque avctoribvs Erotiano, Galeno, Hier. Mercuriali, Foësio, Clerico, Io. Albert. Fabricio, Hallero aliisque (E 1773: 72) è assai più significativo della peculiarità dell’opera di Christian Gottfried Gruner (1744-1815), «degno discepolo del celebre Ernesti» (E 1773: 72), di quanto non lo sia una rubricazione come mera ‘materia medica’. I titoli sono un filo di Arianna prezioso per riportarsi al punto di vista dei destinatari della Prefazione al primo foglio delle «Efemeridi letterarie», datato 4 gennaio 1772: «amatori delle cose gravi ugualmente che delle leggere, o delle erudite» – comunque lettori colti, che con gli oltramontani condividevano terminologia e nozioni – esemplarmente quelle di «litterarum scientia», di «scientia antiquitatis», di «antichità figurata», essenziali per focalizzare convinzioni e percorsi settecenteschi («lo studio delle Etrusche, Romane e Greche antichità non può andar disgiunto, quando sia fatto con diligenza, e con possesso, delle cognizioni delle belle arti», «Antologia romana» 1780-1781: 201) e in genere per orientarsi in un assetto dei saperi radicalmente diverso da quello attuale.

4. giornalismo militante, manifesti e apertura oltremontana

  • 15   Si veda «Anecdota litteraria ex mss. codicibus eruta», 1773, Lectoribus eruditis editores 1: II, (...)
  • 16   Su questo best seller europeo cui Amaduzzi aveva fornito abbondanti materiali, apparso in italian (...)

22Un ideale condiviso era anche quello del giornalismo al servizio dei Lumi. Amaduzzi aveva conosciuto già da adolescente, nel Lyceum riminese, anche le riviste dello scienziato-pubblicista-scrittore Fortunato Bartolomeo De Felice: entrato in contatto, grazie al suo maestro, con Giovanni Lami, scrive per le «Novelle letterarie» ancora anteriormente alla sua venuta a Roma nel 1762. Prende a modello il giornalismo esercitato non per mero motivo di lucro, ma quale lo praticavano Lami, Scipione Maffei e Apostolo Zeno. Il terreno su cui collabora con Bianconi incrocia giornalismo militante ed eruditio, comprendendo dal 1773 gli «Anecdota litteraria ex mss. codicibus eruta», pubblicazione periodica essa pure uscita nei suoi primi tre volumi «apud Gregorium Settarium ad insigne Homeri». Il Consigliere sassone la finanzia, ma la lascia completamente in mano ad Amaduzzi che ne dà accurati estratti nelle «Efemeridi letterarie». Il titolo è ricalcato sugli «Acta litteraria ex manuscriptis eruta atque collecta» di Burkhard Gotthelf Struve. Il rimando agli eruditi editores15, alle «Amoenitates literariae» di Johann Georg Schelhorn e alle Deliciae eruditorum di Lami definiscono, complementarmente alle «Efemeridi letterarie», il profilo del savignanese come erede e compagno dei giornalisti evocati nelle Lettres interessantes du Pope Clement XIV di Louis-Antoine Caraccioli16.

 

  • 17   Nel seguito abbreviata con BAFS. Segnalo la presenza degli estratti con paternità autografa, di a (...)

234.1. Una prova della consapevolezza squisitamente illuminista della funzione cruciale della stampa periodica maturata alla stessa scuola di Clemente XIV è costituita dalla raccolta dal titolo autografo Miscellanea di manifesti, fogli, estratti, e critiche di vari Giornali di Europa che può servire per la storia letteraria del loro incominciamento e cessazione, rilegata in modo artigianale e oggi conservata assieme a migliaia di fogli nella Biblioteca della Rubiconia Accademia dei Filopatridi di Savignano sul Rubicone17. La raccolta contiene anche i rarissimi manifesti delle «Efemeridi letterarie» e della «Antologia romana».

24Il primo, il Manifesto di Gregorio Settari libraio romano ai Signori letterati, datato «Roma, li 5 ottobre 1771», aggiunge un dato importante a ciò che si desume dalla Prefazione alle «Efemeridi letterarie»: la Prefazione si impegna a fornire giudizi «leggendo in fonte i libri» e non di seconda mano, cioè «spogli[ando] gli altri fogli di questo genere»; il Manifesto del 1771 combinato con quello redatto per il «nuovo foglio periodico, che sotto il nome d’“Antologia” servir dee di compimento alle mie “Efemeridi letterarie”», Gregorio Settari agli amatori delle utili cognizioni, datato «Roma, li 30 maggio 1774», focalizza il carattere non locale delle testate. Sebbene prevalgano fra i nomi dei luoghi di stampa dei libri recensiti nelle «Efemeridi letterarie» le località italiane e in apertura si trovi sempre un libro stampato a Roma, la rivista intende essere portavoce di «quella Roma a cui concorrono a gara e si perfezionano tanti varj, e nobili ingeni d’ogni nazione»: di conseguenza «le notizie de’ Libri e della Letteratura d’Oltremonti saranno in queste “Efemeridi” più frequenti, e copiose, che in tutti i passati fogli italiani». Sta in perfetto pendant dunque con l’«Antologia», designata nel Manifesto come «risultato» ovvero «compendio di tanti Fogli e Giornali Oltramontani che gli Autori delle Efemeridi sono obbligati a leggere per la compilazione del loro foglio».

 

254.2. L’intento degli «Autori», che Settari dichiara essere «gli stessi» nelle due riviste, «erudire i nostri paesani non di ciò, che fra noi si pensa e fa, ma di quanto producesi ed esce in luce Oltramonti», non dipende dalla biografia del «Consigliere sassone» né dalle frequentazioni estere di altri collaboratori – sia ‘corilliani’, sia ‘anticorilliani’ – alle imprese giornalistiche della Roma arcadica. Essere «spogliato di ogni pregiudizio di nazionale orgogliosa rivalità» viene detto nella recensione del 16 ottobre 1779 come titolo di merito del Bertola autore dell’Idea della poesia alemanna, ma è prerogativa essenziale degli «arcadi filosofi». Il poeta-filosofo italiano più amato dagli «efemeridisti», Ticofilo Cimmerio, ribadirà all’inizio della seconda edizione della sua storia della letteratura tedesca, Idea della bella letteratura alemanna, nel capitolo su I Minnesänger in apertura al suo Saggio storico-critico sulla poesia alemanna:

Non v’ha per avventura esercizio più atto a perfezionare il gusto, e ad ingrandire ancora e a fortificar l’immaginazione, di quello che nasce dal paragonare tra di loro le ricchezze d’arti e di lettere di differenti nazioni; e del piacer che lo accompagna pochi altri più delicati ne conosce lo spirito umano. Si potrebbe dir senza dubbio che a questo piacere abbiano un singolar diritto gl’Italiani, i quali nell’istituir paragoni siffatti, ritrovano i germi letterarj che la lor patria tramandò a tutti i moderni, e chiamano ad esame il vario frutto de’ doni suoi. (De Giorgi Bertola 2016: 15)

26L’antefatto è la recensione di Amaduzzi, praticamente in tempi reali, in data 14 giugno 1777, della Scelta d’Idilj di Gessner tradotti dal Tedesco (E 1777: 187-189), volumetto uscito per i tipi dell’editore della Napoli del trionfo massonico, i fratelli Raimondi. La recensione rimanda all’inserimento di «due di quegli Idilj» nei «numeri XXIX, e XXX della corrente nostra Antologia [1777: 25-29, 33-34]».

27Non ripercorrerò qui le singole tappe dell’impegno di Bertola traduttore inteso a «fornire l’Italica poesia di nuove grazie, e di nuovi ornamenti» (E 1777: 188), dell’eco di questo suo impegno nella «Neue Bibliothek der schönen Wissenschaften und der freyen Künste» e della preziosa opera svolta a favore della diffusione di Gessner e dei suoi traduttori da Amaduzzi. Basti tenere presente che Biante Didimeo meritava appieno il fecisti vatem con cui viene ringraziato da Bertola nella lettera da Napoli del 20 gennaio 1778 (Cantarutti 2006).

28Mi interessa invece sottolineare quanto emerge dalla recensione alla Idea della Poesia alemanna: Ticofilo Cimmerio è colui che, smantellando tenaci pregiudizi, scopre per l’Italia «popoli» presso i quali sei secoli prima, quando «le muse non si erano ancora addomesticate con alcun’altro popolo in Europa», «l’amore animava già maestrevolmente le lire» (E 1779: 331). Di qui l’individuazione dell’auspicio che i poeti si comportino come i filosofi in chiave di sintesi dell’opera del «celebre P. Bertola»:

I Filosofi, più toleranti de’ Poeti, non han formato, benché diversi di nazione, che un solo popolo [...] Se sull’esempio de’ Filosofi, i Poeti non si prefiggessero, che la gloria della loro arte divina; se tutte le varie provincie del regno poetico, rinunziando ciascuna a quei pretesi diritti esclusivi, che le tengono vicendevolmente in perpetua guerra, non costituissero, che un solo erario, di cui la moneta di ogni nazione accrescesse il tesoro, e il deposito; se i seguaci di Apollo amassero di considerarsi piuttosto cittadini del mondo, che Italiani o Francesi, il lustro della poetica monarchia sarebbe in proporzione dell’estensione de’ suoi confini. Questo oggetto pare a noi, che sia stato quello del celebre P. Bertola. (E 1779: 330-331)

29Si noti il parallelismo con la celebrazione di Mengs nell’Adunanza: un sassone «fatto già pubere sul Tebro» (Adunanza 1780: XXXIII) è il campione degli ideali dell’Arcadia filosofica in ambito figurativo. «La nostra etade» scopre il genio pittorico di chi era nato «fra lor, che in aspro clima bevono la gelata onda de l’Elba» (VI). Sono parole del Custode generale d’Arcadia Gioacchino Pizzi che in tale veste firma la Prefazione all’Adunanza: una silloge che è un unicum nel panorama internazionale. Giornalismo militante, ethos cosmopolita e predilezioni in ambito poetico e figurativo si intrecciano costantemente.

5. cultura della rappresentazione

  • 18   «Antologia romana» 1779-1780: 193-197, 201-205, 209-212, 217-221, 225-230, 233-238, 241-245, 249- (...)
  • 19   «Carta etc. Lettera del Sig. Antonio Raffaele Mengs primo pittore di Camera di S.M. Cattolica ins (...)

30Diverso progetto, diversa finalità sottende l’Elogio storico del Cavaliere Antonio Raffaele Mengs di Bianconi/Filetore Palladiense, uscito in dieci puntate dal dicembre 1779 al febbraio 1780 nel volume VI, del 1779/1780, della «Antologia romana»18. L’Elogio diventa il più noto contributo italiano in materia, mettendo in un’ombra sempre più fitta il Mengs «rarissimo, e forse l’unico esempio della più sublime Filosofia delle Belle Arti»19, ovvero il Mengs amaduzziano, il Mengs dalla mano «filosoficamente maestra», esempio, come Euripide fra gli antichi e Gessner fra i moderni, dell’«alleanza» e «combinazione felice» di pittura e poesia-

  • 20   In seguito AAB.
  • 21   AAB, b 192, lettera del 18.5.1771 di Gian Lodovico al fratello Angelo Michele.

31Bianconi, che scrivendo all’amico concittadino Hercolani usa la formula «noi sassoni», costruisce con l’Elogio retoricamente sapientissimo l’immagine di un Mengs Apelle Sassone. I rapporti effettivi di Mengs con la corte vengono edulcorati: il re altro non cerca se non il bene e l’amicizia del «nostro Mengs». E questi, nell’imminenza della morte, scrive come «ultima opera di quella mano, che io direi quasi divina», una «lunga e ben ragionata lettera» di espressione di gratitudine verso l’augusta Casa di Sassonia. In realtà la lettera è uno scarno biglietto in cui il morente lascia «tutto a disposizione di S.A.S.» e «supplica» solo di saldare quelli cui deve pagamenti d’opera. L’eco di questa biografia-elogio è enorme, e l’«Archivio Bianconi», ancora inesplorato, pervenuto nel 2010 all’Archivio arcivescovile di Bologna20 per legato dell’ultima discendente dei Bianconi, Paola Giovannini (1924-2009), porta alla luce la funzione cruciale che ha avuto il soggiorno a Roma del fratello di Gian Lodovico, Carlo Bianconi, lui pure collaboratore alle «Efemeridi letterarie», ai fini della irradiazione del classicismo arcadico a Milano. L’ammirazione per le «belle cose [che] fa Mengs»21 è indubbia; ma altrettanto indubbio è che l’Elogio ‘spende’ il più ammirato pittore dell’epoca a fini celebrativi della corte sassone.

  • 22   «Antologia romana», vol. VI, luglio 1779: Preambolo 9-11, 17-21, 25-26, 33-35, 41-45, 49-52, 57-6 (...)

32Questa finalità, da leggersi all’interno della Repräsentationskultur propria alla società di corte, è la stessa che induce il Consigliere sassone a fare pubblicare nella rubrica Antiquaria del VI volume della «Antologia romana» del 1779-1780 le lettere che Winckelmann aveva inviato a Dresda dal suo primo viaggio in Campania affinché venissero lette al principe ereditario Friedrich Christian e alla di lui consorte, Maria Antonia Walpurgis. Bianconi ne era il destinatario formale. Alla fine degli anni Settanta le affida ad Amaduzzi che le trasforma in sedici articoli, con notevolissime modifiche (tagli e ricompattamenti) rispetto agli originali. Non mi soffermo in questa sede sulle differenze fra i sedici articoli, Alcune lettere dell’abate Winckelmann, da lui scritte nella sua prima venuta a Roma ad un suo amico di Dresda, riguardanti principalmente le preziose antichità che si scavarono in quei tempi ad Ercolano, Pompei, Stabbia, Caserta e nelle vicinanze di Roma22, come recita l’indice analitico della rivista, e gli originali, che vedranno la luce solo all’interno della Historisch-kritische Ausgabe dei Winckelmanns Briefe (Winckelmann 1952-1957), ma ricordo solo che il Cod.ms. 70 nel fondo Amaduzzi della Rubiconia Accademia dei Filopatridi di Savignano sul Rubicone permette di affermare con assoluta sicurezza (Cantarutti 2013) che tutto il lavoro di redazione degli articoli è opera di Amaduzzi. Bianconi riserva a sé solo il breve «Preambulo». È la più importante collaborazione fra Amaduzzi e Bianconi e al tempo stesso il più importante contributo delle riviste romane alle edizioni postume di Winckelmann.

33Queste cosiddette «Relazioni antiquarie» rispondono al tipo di interessi ampiamente documentati nelle «Efemeridi letterarie», in particolare nel 1779, nei tre estratti amaduzziani (dal 10 al 24 luglio 1779) dei Vetera Monumenta quae in ortis coelimontanis et in aedibus matthaejorum adservantur. In gennaio, come si è visto, esce l’Elogio di Heyne, il 20 marzo l’estratto del Prospectus de l’histoire de l’art de l’antiquité di quasi sette colonne, che identifica la «gloria di Winckelmann» e «quella di Roma e delle sue magnificenze» (E 20.3.1779: 94), rivelando nel recensore una perfetta conoscenza anche delle vicissitudini del manoscritto e dell’edizione viennese del 1776.

34La risonanza delle «relazioni antiquarie» non poteva che essere straordinariamente vasta e immediata. Un lettore attento riconosce però quanto il «Preambulo» sia angolato ad usum delphini, con l’abilità di cui Bianconi dà prova nelle «Efemeridi letterarie» recensendo l’Idée générale di Heineken, ovvero «Idea generale d’una raccolta compiuta di stampe», l’«eccellente recentissimo libro [del] Sig. Carlo Enrico d’Heineken Cavaliere del S.R.I., amatore delle bell’Arti» in data 11 gennaio 1772 (E 1772: 15-16). Giovanna Perini Folesani, senza conoscere la recensione o le lettere nell’Archivio arcivescovile di Bologna, ha avanzato, come ipotesi, una supposizione giustissima sui servigi linguistici prestati da Bianconi a Heineken quando il bolognese-sassone sperava di riuscire ad «avere la responsabilità, come già Algarotti [...] degli acquisti per le raccolte reali» (Perini Folesani 2017: 376).

35Trasparenti sono invece le ragioni celebratorie del volumetto dei Varj Componimenti per Musica di Ermelinda Talea Reale Pastorella Arcade edito in occasione del soggiorno romano dell’«Elettrice Vedova» e il connesso estratto di Bianconi nelle «Efemeridi letterarie» del 16 maggio 1772 (E 1772: 153.154). L’estratto contiene anche un piccolo assaggio della futura linea dell’Elogio del «nostro Mengs», che Maria Antonia Walpurgis, reale pastorella arcadica, «amava e stimava dalla sua prima adolescenza [...] e avealo veduto crescere in Dresda alla sua corte».

36La capacità di attuare nel medium letterario strategie lato sensu politiche accomuna e, insieme, divide i «dotti giornalisti» della Roma arcadica.

Bibliographie

Fondi archivistici

AAB: Archivio Bianconi, Archivio arcivescovile di Bologna.

BAFS: Biblioteca dell’Accademia dei Filopatridi, Savignano sul Rubicone.

Biblioteca Civica Gambalunga, Rimini, Fondo Gambetti.

Adunanza, 1780, Adunanza tenuta dagli Arcadi in morte del Cavaliere Antonio Raffaele Mengs detto in Arcadia Dinia Sipilio, Roma, Benedetto Francesi.

«Antologia romana», 1774-1798.

Amaduzzi G. C., 1778, La filosofia alleata della religione. Discorso filosofico-politico, Livorno, per i Torchi dell’Enciclopedia.

Amaduzzi G. C.-De’ Giorgi Bertola A., 2005, Carteggio 1774-1791, a cura di F. Turchetti, Roma, Edizioni di Storia e Letteratura.

Barroero L.-Susinno S., 1999, Roma arcadica capitale universale delle arti del disegno, «Studi di storia dell’arte» 10: 89-178.

—, 2000, Arcadian Rome, Universal Capital of the Arts, in E. Peters Bowron J.J. Rishel (eds.), Art in Rome in the Eighteenth Century, Philadelphia, Philadelphia Museum of Arts/London, Merrel: 47-75.

Caffiero M., 1997, Le «Efemeridi letterarie di Roma» (1772-1798). Reti intellettuali, evoluzione professionale e apprendistato politico, in M. Caffiero-G. Monsagrati (a cura di), Dall’erudizione alla politica. Giornali, giornalisti ed editori a Roma tra XVII e XX secolo, Milano, Franco Angeli: 63-101.

Cantarutti G, 1999, Un italiano nella Firenze sull’Elba: Gian Lodovico Bianconi, «Neoclassico» 15-16: 7-50.

—, 2000, «Noi Sassoni». Gian Lodovico Bianconi: Italiener in Elbflorenz, Sächsischer Ministerresident in Rom, in B. Marx (Hrsg.), Elbflorenz. Italienische Präsenz in Dresden 16.-19 Jahrhundert, Dresden, Verlag der Kunst: 243-268.

—, 2002, «Doctus italus Amadutius». Con documenti su Corilla e gli “Oltramontani”, in M. Fabbri (a cura di), Corilla Olimpica e la poesia del Settecento europeo, Montespertoli, Maschietto editore: 69-85.

—, 2006, «Fecisti vatem». Zu Aurelio de’ Giorgi Bertola und den deutsch-italienischen Begegnungen im 18. Jahrhundert, in F. Marri-M. Lieber (Hrsg.), «Die Glückseligkeit des gemeinen Wesens». Wege der Ideen zwischen Italien und Deutschland im Zeitalter der Aufklärung, Frankfurt a.M./Berlin/New York, Peter Lang: 173-196.

—, 2013, Fra Italia e Germania. Studi sul transfert culturale italo-tedesco nell’età dei Lumi, Bologna, BUP.

Cantarutti G.-Ruzzenenti S., 2011, Les “Efemeridi letterarie di Roma” dans les transferts culturels, «Lumières» 17-18: 147-180.

Carmassi C., 1988, La letteratura tedesca nei periodici letterari italiani del Seicento e del Settecento (1668-1779), Pisa, Jacques e i suoi quaderni-

Corniani G. B., 1774, Saggio sopra la poesia alemanna, «Nuova raccolta d’opuscoli scientifici e filologici» XXVI: 2-50, ristampa a cura di G. Cantarutti, Rimini, Raffaelli 2015.

De’ Giorgi Bertola A., 2016, Idea della bella letteratura alemanna, a cura di M. Pirro, Milano-Udine, Mimesis (1784, Lucca, Bonsignori).

«Efemeridi letterarie di Roma», 1772-1798.

Espagne M., 2000, Le creuset allemand. Histoire interculturelle de la Saxe. XVIIIe-XIXe siècle, Paris, PUF.

Ferrari S., 2001, Christian G. Heyne e la ricezione del Winckelmann nell’Italia del secondo Settecento, «Neoclassico» 19: 75-101.

Gasperoni G., 1941, Settecento italiano. (Contributo alla storia della cultura), vol I, L’Ab. Giovanni Cristoforo Amaduzzi, Padova, CEDAM.

Gonzaga di Castiglione L., 1776, Il letterato buon cittadino. Discorso filosofico e politico, Roma, Benedetto Francesi.

Laudin G.-Masseau D., 2011, Introduction a Les Lumières dans leur siècle, «Lumières» 17-18: 11-18.

Nacinovich A., 2003, Il sogno incantatore della filosofia. L’Arcadia di Gioacchino Pizzi (1772-1790), Firenze, Olschki.

Perini Folesani G., 2017, Giovanni Ludovico Bianconi e la corte di Dresda, in U.C. Koch-C. Ruggero (Hrsg.), Heinrich Graf von Brühl. Ein sächsischer Mäzen in Europa, Dresden, Sandstein: 368-382.

Roettgen S., 2001, Mengs. La scoperta del Neoclassico, Venezia, Marsilio.

Venturi F., 1990, L’ultimo Gonzaga alla ricerca della democrazia, in S. Rota Gibaudi-F. Barcia (a cura di), Studi politici in onore di Luigi Firpo, vol. II, Milano, Angeli: 773-809.

Visconti E. Q., 1785, Stato attuale della romana letteratura, in Due discorsi inediti di Ennio Quirino Visconti con alcune sue lettere e con altre a lui scritte, Milano, Per Giovanni Resnati: 25-48 (1841).

Winckelmann, J.J., 1952-1957, Winckelmanns Briefe. Historisch-kritische Ausgabe hrsg. von W. Rehm u. H. Diepolder, 4 voll., Berlin, De Gruyter.

Notes

1   Barroero-Susinno 2000 e in versione ampliata Barroero-Susinno 1999.

2   Cito da Roettgen 2001 perché la studiosa monacense è stata all’avanguardia nella storiografia artistica non italiana, offrendo una lettura del Neoclassicismo capace di integrare i canonici studi di Robert Rosenblum e Hugh Honour che si incentravano sull’area francese e anglosassone.

3   Cfr. Cantarutti 1999 e 2000.

4   Per il concetto di Diversité des Lumières e la trattazione delle «Efemeridi letterarie di Roma» del periodo 1780-1789 in quest’ottica cfr. Laudin-Masseau 2011: 9-18.

5   «Efemeridi letterarie di Roma» 1781: 62-64, 69-72, 75-78, 85-88.

6   Cantarutti-Ruzzenenti 2011: 157-158, 162.

7   Stampata in Gasperoni 1941: 322-343.

8   Nelle citazioni le «Efemeridi letterarie di Roma» saranno abbreviate con la sigla E, seguita dai numeri di pagina.

9   Gonzaga di Castiglione 1776. Su Amaduzzi come «guida e maestro» del principe Gonzaga, cfr. Venturi 1990: 774.

10   Biblioteca Civica Gambalunga, Rimini, Fondo Gambetti, Lettere al Dott. Giovanni Bianchi, Registro della corrispondenza, ad vocem: Hupsch.

11   «La Terra di Ombra, minerale assai cognito, e di un’uso assai generale in Europa, era stata finora un’oggetto di dispute, e di dubbj per i Naturalisti; il maggior numero non potendo scoprirne l’origine, ne avevano fatta una terra primitiva, e particolare, ed il gran Wallerius [Johan Gottschalk Wallerius (1709-1785)] in conseguenza di questa opinione anche da lui adottata, aveva posto questa Terra di Ombra, o sia di Colonia, fra le terre primitive, e magre; Una casualità fece osservare al Sig. Barone di Hupsch i legni corrotti, e guasti per la vecchiaja, in una finestra di un granajo, ove i chiodi erano stati sciolti, e la loro dissoluzione unita al legno terrificato aveva prodotto una verissima terra di Ombra. Egli si persuase dunque, che le dissoluzioni marziali qualunque incontrandosi con i legni fossili dovessero produrre questo minerale; ha osservato le cave di Turba (che come tutti sanno è legno terrificato) delle vicinanze di Colonia, del Ducato di Berg, e di altri luoghi della Germania, e tutte le sue osservazioni lo hanno sempre più confermato nel giudizio, che ne aveva formato, e lo hanno messo in istato di dare una compita istoria della terra di Ombra» (E 1774: 92-93).

12   Cfr. Ferrari 2001.

13   Ad onta delle date indicate nel titolo, il volumetto di Carmassi abbraccia 120 anni esatti, dal 1677 al 1796 compresi, con spoglio di 47 «periodici che hanno dato esito “positivo”» (Carmassi 1988: XIV).

14   «Est omnium intelligentium consensu, in accurata numorum et sigillorum veterum cognitione, magna ad Scriptores vetere rite interpretandos facultas», 1763, «Nova Acta Eruditorum» 32: 1-25, qui 1.

15   Si veda «Anecdota litteraria ex mss. codicibus eruta», 1773, Lectoribus eruditis editores 1: II, con accurata mappatura di tutte le opere consimili (II-III). La Praefatio del primo Opuscolo «ad cl. praesulem Stephanum Borgiam [Stefano Borgia (1731-1804)]» ha invece il nome dell’autore, Giovanni Cristoforo Amaduzzi, e documenta (7) il suo rapporto con Reiske: «libenter accepimus a Viro Cl. Ioh Iacobo Reiskio (cui tam splendidam, ac tam accuratam Constantini Porphyrogenitae Caerimonialis Aulae Byzantinae, tum Graecorum omnium Oratorum, aliorumque Operum editione debemus) novam Lipsiae meditari omnium Libanii Orationum impressionem, pro qua rite exornanda multos iam sibi parasse Mss. Codices, aliosque conquirere, ac scrutari, nobis insuper innotuit» (ibidem).

16   Su questo best seller europeo cui Amaduzzi aveva fornito abbondanti materiali, apparso in italiano col titolo Lettere interessanti del Pontefice Clemente XIV Ganganelli, cfr. Nacinovic 2003.

17   Nel seguito abbreviata con BAFS. Segnalo la presenza degli estratti con paternità autografa, di articoli nelle «Novelle letterarie» su Giuseppe Pelli [Bencivenni] e Joseph Eckel, numismatico sommo, la Lista delle Gazzette e Giornali Oltramontani, ed Italiani, che possono aversi in Venezia dal Sig. Domenico Caminer, la recensione della «Italienische Bibliothek», nella «Gazette universelle de Litterature» 1779: 97.

18   «Antologia romana» 1779-1780: 193-197, 201-205, 209-212, 217-221, 225-230, 233-238, 241-245, 249-254, 257-259, 265-268.

19   «Carta etc. Lettera del Sig. Antonio Raffaele Mengs primo pittore di Camera di S.M. Cattolica inserita nel Tom. VI. del Viaggio di Spagna riferito nelle passate Efemeridi» (E 1778: 141).

20   In seguito AAB.

21   AAB, b 192, lettera del 18.5.1771 di Gian Lodovico al fratello Angelo Michele.

22   «Antologia romana», vol. VI, luglio 1779: Preambolo 9-11, 17-21, 25-26, 33-35, 41-45, 49-52, 57-60, 65-67, 73-74, 81-85, 89-92, 97-100, 105-109, 113-115, 121-123, 129-131 e (ottobre 1779), 137-139.

Auteur

Insegna Letteratura tedesca nell’Università di Bologna dove è stata professore ordinario fino al 2016. Con saggi, monografie, curatele, edizioni di testi e traduzioni si è occupata prevalentemente di letteratura del Settecento e del Novecento, creando presso Il Mulino la collana «Scorciatoie», dedicata alle forme brevi. Tra le sue monografie Aphoristikforschung im deutschen Sprachraum (Frankfurt am Main et al., Lang 1984), Fra Italia e Germania. Studi sul transfert culturale italo-tedesco nell’Età dei Lumi (Bologna, Bononia University Press 2013)

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search