Version classiqueVersion mobile

La densità meravigliosa del sapere

 | 
Maurizio Pirro

Nota introduttiva

Maurizio Pirro

Texte intégral

1Inaugurando il primo volume dell’«Archivio glottologico italiano», nel 1873, Graziadio Isaia Ascoli provava a correggere l’idea che il vantaggio della Germania nel campo della filologia corrispondesse a una sorta di superiorità tout court della cultura tedesca. La «scienza boreale», così Ascoli, si giova non di una disposizione naturale alla severità degli studi, ma di «quel felicissimo complesso di condizioni, mercè il quale nessuna forza rimane inoperosa e nessuna va sprecata, perché tutti lavorano, e ognuno profitta del lavoro di tutti, e nessuno perde il tempo a rifar male ciò che è già fatto e fatto bene». Queste condizioni strutturali alimentano una «densità meravigliosa del sapere, per la quale è assicurato, a ogni funzione intellettuale e civile, un numeroso stuolo di abilissimi operaj» (XXXIV). Il limpido giudizio di Ascoli ha fornito la formula introduttiva a un convegno dedicato all’attività delle istituzioni coinvolte in vari segmenti del commercio culturale italo-tedesco, svoltosi presso l’Università di Bari “Aldo Moro” il 19 e il 20 maggio 2016.

2Aderendo a una prospettiva oramai acquisita negli studi sul Kulturtransfer, gli interventi qui raccolti si concentrano sull’attività di singoli mediatori, ma allo stesso tempo allargano la visuale alle strutture e alle istituzioni entro cui costoro hanno operato. Riviste, case editrici, accademie, università compongono un mosaico disuguale sul piano topografico (l’Italia meridionale, per esempio, è interessata solo sporadicamente da fenomeni di ricezione organizzata e di lungo periodo – con la sola eccezione di Napoli), ma assai omogeneo se si considera la costanza del legame fra gli interessi e le pratiche dei mediatori e la situazione politico-culturale italiana. La storia della ricezione di cultura tedesca in Italia, prima ancora che illuminare aspetti precipui delle opere, degli autori e dei movimenti intellettuali ‘oltremontani’, compone un capitolo di storia della cultura italiana, strettamente intrecciato, quanto alle finalità perseguite, alle rappresentazioni mitografiche elaborate e alle categorie ideologiche chiamate in causa, ai discorsi dominanti nel complesso del campo culturale.

3Ringrazio Maria Giovanna Campobasso per il generoso contributo prestato alla configurazione del volume.

Bibliographie

Ascoli G. I., 1873, Proemio, «Archivio Glottologico Italiano» 1: V-XLI.

Auteur

Professore associato di Letteratura tedesca nell’Università di Bari “Aldo Moro”. Con monografie, curatele, saggi, traduzioni ed edizioni di testi si è occupato di letteratura del Settecento, di cultura del ‘fine secolo’ e di letteratura contemporanea. Ha pubblicato le monografie Anime floreali e utopia regressiva. Salomon Gessner e la cultura del suo tempo (Pasian di Prato, Campanotto 2003), Costruir su macerie. Il romanzo in Germania negli anni Cinquanta (Bari, Graphis 2009), Come corda troppo tesa. Stile e ideologia in Stefan George (Macerata, Quodlibet 2011) e Piani del Moderno. Vita e forme nella letteratura tedesca del ‘fine secolo’ (Milano-Udine, Mimesis 2016)

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search