Version classiqueVersion mobile

« La grâce de montrer son âme dans le vêtement » Scrivere di tessuti, abiti, accessori. Studi in onore di Liana Nissim

 | 
Marco Modenesi
, 
Maria Benedetta Collini
, 
Francesca Paraboschi

Il pagne nei romanzi di Kourouma

Nataša Raschi

Texte intégral

  • 1   Nato nel 1927 in Costa d’Avorio e mancato a Lione l’11 dicembre 2003. Ricordiamo l’ultimo convegn (...)

1Ahmadou Kourouma1 viene ricordato unanimamente dalla critica come uno dei più straordinari autori africani del Ventesimo secolo. A cinquant’anni esatti da quelle indipendenze di cui aveva inesorabilmente stigmatizzato il tradimento delle speranze di un intero continente, le Éditions du Seuil parigine hanno raccolto la sua opera omnia in un unico volume, consuetudine riservata agli autori maggiormente rappresentativi del panorama letterario mondiale (Kourouma 2010). Originario della Costa d’Avorio, la sua narrativa è ambientata in quella terra che adorava, proprio lui che era stato condannato all’esilio a seguito della rappresentazione della sua unica pièce, Le diseur de vérité, titolo-faro per un autore oltremodo impegnato com’è sempre stato Kourouma (Raschi 2001: 162-172).

2Nel corso della sua carriera di scrittore, iniziata quasi per caso, ha ricevuto innumerevoli premi ovunque nel mondo e si è trovato al centro di interessanti ricerche scientifiche che coinvolgevano sia l’ambito letterario che quello linguistico, con una critica che sottolinea all’unisono il «viol de l’usage littéraire» e il «renouvellement de la langue», fedele al suo più celebre motto secondo il quale si deve «casser la langue» (Gauvin 2004: 316). Questo significa in sostanza «la travailler dans tous les sens […], la resémantiser et l’irriguer de l’intérieur par la mémoire d’autres langues» (Gauvin 2004: 341) come, nel suo caso, il malinké.

  • 2   Cf. Rey (1985: s.v. pagne).
  • 3   Cf. Imbs (1986: s.v. pagne).
  • 4   Cf. Littré (1965: s.v. pagne).
  • 5   A questo proposito, pure il Trésor de la Langue française sottolinea che «Jusqu’au début du XIXe (...)

3Nei romanzi studiati è naturalmente presente il vestiario dell’Africa subsahariana, per il quale però l’autore non indugia mai nell’analisi descrittiva. All’interno dell’abbigliamento tradizionale africano predomina il pagne, il quale «s’adresse en premier lieu aux femmes» (Lebreton 2003: 160), indumento così difficile da definire per gli occidentali e perfino per gli stessi africani. Il Grand Robert attribuisce al termine una doppia definizione2. La prima, e più generica, parla di un «vêtement sommaire, constitué généralement par un morceau d’étoffe, parfois par un assemblage de feuilles, etc., qu’on ajuste autour des reins et qui sert de culotte ou de jupe», mentre la seconda, specifica del Français d’Afrique, lo sminuisce a una «cotonnade, en général ornée de motifs de couleur» (Vol. 7.7). Il Trésor de la langue française parla di un indumento «rudimentaire porté par les indigènes des pays chauds, fait d’étoffe, de cuir, de plumes ou de matière végétale» (t. 12, 778-779), da cui ricaviamo un’idea precisa soltanto sull’uso dei materiali che possono concorrere alla sua realizzazione3. Il Littré4 aveva peraltro segnalato un elemento interessante in riferimento al genere della parola che aveva provocato una qualche incertezza iniziale: «L’Académie fait ce mot masculin, et, d’après l’étymologie, il doit l’être. Mais les auteurs le font souvent féminin»5.

  • 6   Cf. Devoto-Oli (2000).
  • 7   Cf. Treccani (1997).
  • 8   Cf. La Treccani (1996: s.v. pagne).

4L’instabilità riscontrata nella definizione del termine rende quanto mai arduo il processo traduttivo e assai variegata la resa. Il Devoto-Oli6 non lo inserisce affatto, come pure il Vocabolario Treccani7. L’Enciclopedia Treccani8 ne dà invece una definizione fuorviante, sminuendolo a semplice «perizoma» o generalizzandolo come «pezzo di stoffa con cui si cingono la vita uomini e donne di molti gruppi etnici, specie nelle zone tropicali» (t. 8, 679).

  • 9   Fra i numerosi stilisti originari di Abidjan, si distinguono Miss Zahui e soprattutto Pathé’O ass (...)

5Il pagne, di cui la Costa d’Avorio sembra essere la «capitale idéale» (Lebreton 2003: 155)9, viene celebrato dalla critica soprattutto per quella particolare capacità di veicolare messaggi «qui se situent entre l’identité culturelle de celle qui porte le pagne et l’affirmation de la néo-africaine entre sa position sociale et son milieu» (Blé 2012: 1), in quanto modalità per esibire il proprio status. E questo, grazie al fatto che «la variété des motifs et l’éclat des couleurs, les techniques d’impression et de teinture en ont fait un art textile riche de significations» (2) per interrogare ogni aspetto della società, dalla politica alla religione fino agli eventi legati alla vita di coppia.

6Nel primo romanzo di Kourouma, Les soleils des Indépendances, la problematica del pagne occupa la centralità dell’opera. Inizialmente viene proposto al lettore come tessuto apparentemente leggero e drappeggiato, del quale però non viene mai fornita alcuna precisazione in termini di tinte e motivi decorativi: «Elle revoyait chaque fille à tour de rôle dénouer et jeter le pagne, s’asseoir sur une poterie retournée» (Kourouma 1970: 36) davanti all’«exciseuse» (Ibidem) in procinto di effettuare la pratica più barbara e aberrante che consiste nel «trancher le clitoris» (Ibidem).

7Nel componimento dedicato a Salimata, Kourouma le cuce addosso un pagne che potrebbe assurgere a refrain per la sua immagine; lei si identifica con una grande quantità di pagnes, diversi a seconda dei momenti della giornata, scelti a volte con cura a volte macchinalmente per le varie attività di cui è protagonista. Gesto abituale e sostanziale al contempo, movimento che racchiude tutta la sua persona principalmente dedita all’espletamento delle attività domestiche, se è vero che «balayer, épousseter, laver, placer ceci, déplacer cela seyaient mieux à une femme porteuse de pagne» (66).

8Un giorno in cui deve allontanarsi da quel luogo con il quale si identifica, eccola mentre «se précipita à la chambre, noua un pagne lavé, enfila une camisole et, la cuvette sur la tête, sortit dans la rue» (45), per andare a prendere quella barca che l’avrebbe portata al mercato. Prima di scendere a terra, compie lo stesso gesto, «renoua son pagne, rajusta sa cuvette de riz, descendit la plate-forme» (51).

9Appena tornata a casa, deve preparare il pranzo per il marito Fama e per questo «arrangea les ustensiles, changea de pagne “pour la cuisine”» (55), un’attenzione forse dovuta alla volontà di non sporcare, e dunque rovinare, il capo scelto per uscire, solitamente più prezioso ed elegante rispetto a quello destinato all’uso domestico, come del resto avviene in Occidente.

10Decide poi di tornare al mercato e si prepara nuovamente: «Après de rapides ablutions, elle changea de pagne, se chargea des cuvettes» (57). Questo indumento è tanto più importante perché nasconde «beaucoup d’argent dans le bout» (59) ripiegato a formare una tasca vicino al nodo che serve per sorreggerlo ai fianchi. Pagne maledetto, potremmo aggiungere, visto che proprio lì gli affamati e gli abbandonati, serviti da Salimata per un gesto di carità dopo che ha finito di vendere il suo riso, si accaniscono contro di lei al punto che «abandonnèrent Salimata […] le pagne tiré, les fesses nues, les cuisses serrées, les seins à découvert» (62). Immagine quest’ultima che lascia intendere una violenza inaudita, alla quale la vittima fa fronte con il gesto a lei più consueto, ovvero «s’empressa de renouer son pagne, de rentrer ses seins, de s’arranger» (Ibidem). Sembra così voler cancellare il sopruso a convincersi che non sia successo nulla di grave e che la vita possa riprendere da dov’era stata interrotta.

11Una vita durissima però quella di un essere come Salimata, la cui esistenza è flagellata da soperchierie che lei sembra accettare quasi a voler compensare la sua unica, gravissima colpa, quella della sterilità. L’episodio del mercato, di per sé aberrante, viene oltremodo superato dalla crudeltà del marabout. In questa lunga scena, la descrizione del pagne scandisce la progressiva pericolosità dell’evento che Salimata sembra procurare a se stessa.

12All’inizio il pagne, «devenu aussi léger qu’une toile d’araignée», copre senza contenere quelle «fesses [qui] se contractèrent et durcirent» (68), irrigidimento tipico di chi prova una grande paura e si rende conto di non avere via di scampo. In un crescendo di urla e brutalità, è chiaro che l’impostore vuole approfittarsi di colei il cui «ventre grogna et le pagne se dénoua» (69). Comincia allora un valzer di lembi che vengono alternativamente alzati o ripresi, ma che sempre sembrano sfuggire a una presa certa, scanditi dal refrain «le pagne descendait, elle le renoua» (69). Il tutto fino all’esasperazione dell’uomo in un rituale del desiderio fisico dall’allure crescente, esplicitazione di pulsioni bestiali e incontrollate, che non solo denudano la donna, ma attestano la violenza disarmante di colui che «tira à arracher le pagne» (69) con felina rapidità alla malcapitata. Nonostante Kourouma sia sempre rispettoso del proprio universo culturale d’appartenenza, in tal caso non manca di sottolineare con sguardo ironico l’ingenuità di certe persone, che si affidano a saccenti ‘maghi’ senza protezione alcuna.

13L’autore riesce in questo frangente di disperazione a strappare i corpi alla superficialità delle immagini per restituire il senso dell’insopportabile violenza, rinviando così metaforicamente al primo episodio subìto e mai pienamente superato dell’«exciseuse» (36).

  • 10   L’indigo si ottiene dalla «macération de feuilles pilées et séchées, mélangées à une solution de (...)

14Il pagne riveste un ruolo tutto diverso nel caso di Mariam, la co-épouse, perché occupa «toutes les pensées et rêves de la nuit» (128) di Fama. Simbolo della sensualità e dell’erotismo per lui, della bellezza giovane e prosperosa per lei, che vanta una fisicità prorompente. Tutto provoca e amplifica quel desiderio che nel protagonista tende a ripetersi all’infinito: «Le visage luisait, la poitrine aussi, et les seins serrés dans le pagne indigo rebondissaient, ramassés et durs comme chez une petite jeune fille. Les cuisses et les fesses se répandaient, infinies et ondulantes sous le pagne» (129). La precisazione indigo sottolinea la preziosità e la raffinatezza di un indumento, considerato come l’ultimo baluardo da sormontare prima del possesso definitivo10.

15Le co-épouses, sommariamente, ma pur sempre efficacemente tratteggiate dal variegato uso del pagne, finiscono per affrontarsi, esasperate come sono dall’insopportabile convivenza. E si attaccano proprio ai rispettivi pagne in una lotta finalizzata ad impossessarsi di quel sesso inteso unicamente come prevaricazione dell’una sull’altra e causa, per la prima, di sterilità con la «matrice ratatinée» (152) di Salimata, per la seconda, di una disponibilità che non conosce remore, con l’innominata «chose pourrie et incommensurable d’une putain» (Ibidem) di Mariam.

16Qui il pagne funge da tramite per esplicare una visione dei rapporti tra mogli e marito dentro il sistema della poligamia, che fa da sfondo all’intero romanzo. In quel sistema, l’importanza della donna corrisponde alla ricchezza del pagne indossato. In Costa d’Avorio è nota la differenza esistente fra il ‘wax hollandais’, di buona qualità e soprattutto prodotto all’estero, e il ‘pagne fanci’ confezionato in loco dall’azienda Utexi di Dimbokro, nel cuore del paese. La considerazione del marito per la propria moglie è determinata dal fatto che quest’ultima indossi un pagne anziché l’altro. In occasione della celebrazione di un matrimonio, fa parte della dote e in essa la varietà dei colori, il peso e la qualità di ogni pezzo dimostrano la ricchezza della famiglia del pretendente.

17Se da una parte la descrizione del pagne come ultimo ostacolo che si contrappone a una sessualità bestiale assurge a critica sociale (presentazione della donna, rapporto uomo-donna, relazione fra co-épouses), dall’altra parte Kourouma ne fa anche un uso tutto improntato alla critica politica. Questo in due situazioni molto chiare. Inizialmente per sottolineare l’agiatezza di «député, ministre, ambassadeur et autres puissants qu’aucune somme ne peut dépasser et qui pourraient se confectionner des pagnes en billets de banque» (Kourouma 1990: 66), laddove l’esagerazione serve per indicare un’opulenza illimitata e ostentata.

18Successivamente, la critica si serve del pagne come mezzo per esplicitare il malcostume dilagante, infatti «la politique n’a ni yeux, ni oreilles, ni cœur; en politique le vrai et le mensonge portent le même pagne, le juste et l’injuste marchent de pair, le bien et le mal s’achètent ou se vendent au même prix» (157), con un’insistenza tesa a sottolineare che la priorità dei politici africani è unicamente riconducibile al denaro.

19Altra immagine particolarmente efficace è l’iperbole che ritroviamo in Monnè, outrages et défis, laddove si annuncia la decisione di spingere il collegamento ferroviario fino a Soba: «Quand on s’est engagé à tisser un pagne pour couvrir toute la nudité des fesses de l’éléphant, on s’est engagé à réaliser une besogne importante» (76). Trattandosi però di un impegno titanico per un’opera fuori dal comune, l’esagerazione è d’obbligo e per questo assistiamo a un’immediata ripetizione con effetto di convincimento, quasi a voler giustificare il cammino intrapreso: «Nous nous sommes promis une œuvre plus importante que le pagne couvrant la nudité de l’éléphant; il faut la réaliser» (77).

  • 11Le pagne noir (Dadié 1955) è un celebre racconto di Bernard Dadié che darà poi il titolo all’inte (...)

20In quest’opera, il pagne scandisce i fatti salienti della vita dei personaggi. Può essere un dono per i momenti di festa, quale il battesimo della preferita Moussokoro quando vengono regalati alcuni «pagnes à la mère» (130). Può altresì divenire simbolo di morte, alla stregua del sudario, come già esplicitato dal celebre racconto di Bernard Dadié11, nel caso dell’apparizione dei revenants, «une véritable double haie de femmes et d’hommes, tous serrés dans le même pagne en coutil blanc» (120).

21Intorno al pagne kouroumiano ruota tutto l’universo dei personaggi femminili, o meglio, intorno a quel nodo che funge da chiave per penetrare lo scrigno segreto tanto agognato dall’universo maschile. Può rappresentare l’ordine come nel caso precedente di Salimata, ma anche il disordine come nella dispersione dell’harem del re Djigui, che «pullulait de jeunes femmes» le quali però «se lavaient peu, nouaient maladroitement les pagnes et disaient faussement les prières» (133). Tutti elementi che indicano una trascuratezza del corpo e dell’anima sintomo di malessere per una situazione innaturale e coercitiva, oltre al desiderio di respingere lo sposo condiviso. In generale, anche la simbologia legata al nodo è quanto mai ambivalente. Può infatti alludere a complicazione e costrizione da un lato, a liberazione e soluzione definitiva dall’altro (Chevalier-Gheerbrant 1982: 668).

22Il romanzo En attendant le vote des bêtes sauvages si presenta come una satira delle dittature africane delle quali Kourouma dipinge meticolosamente i vizi e i peccati degli eroi più tristemente noti. All’inizio si parla con delicatezza e rispetto della madre del protagonista Koyaga, una donna stupenda e potente, elegantissima nella sua semplicità, «aussi saine d’esprit que de corps» (Kourouma 1998: 60) con un pagne «négligemment noué» (59), lasciando così intendere occupazioni di più vasta portata.

23Kourouma crea in seguito un parallelismo interessante ad ogni nuova descrizione dei dittatori africani, la cui cupidigia e amoralità vanno di pari passo con la sfrontatezza e la voluttà che caratterizzano le donne di ogni paese menzionato in un crescendo parossistico di offerta sessuale. A iniziare dalle donne Zendé del «Pays aux deux fleuves» (215) le quali

se disputaient l’étranger qui s’aventurait dans un village […]. Et celle qui parvenait à se l’approprier l’entraînait immédiatement dans le lit, le balançait, le manipulait jusqu’à l’épuisement, jusqu’à la détumescence, jusqu’à l’anérection, et le chagrinait jusqu’à ce qu’il reconnaisse sa défaite, jusqu’à ce qu’il demande pardon à haute voix […]. Alors la femme zendé l’abandonnait vidé, inutile; précipitamment nouait son pagne, sortait dans la rue, allait de case en case, de commère en commère, le caleçon à la main, et se vantait de son exploit. (215-216)

24Il pagne dunque come simbolo di vittoria della donna sull’uomo definitivamente domato. Nella «République du Grand Fleuve» (237) si porta «à demi dénoué» (Ibidem), in quanto invito esplicito rivolto all’uomo di potere per il congiungimento attraverso danze «vraiment salaces, impudiques des fesses» (Ibidem). Da qui alle «femmes paléos» (280) il passo è breve. Poiché queste ultime «supportaient mal le pagne» e non volevano affatto «se couvrir les fesses» (Ibidem), ecco che viene introdotta una «obligation» (Ibidem) vera e propria con la seguente giustificazione: «les femmes de peuples indépendants ne peuvent pas avoir le sexe aux mouches» (Ibidem).

  • 12  Un pagne molto famoso in Costa d’Avorio a quell’epoca prende il nome di Balai de Guéi, dedicato al (...)

25Il pagne rientra nei riti d’accoglienza riservati al dittatore in visita nei diversi villaggi, dove alcune donne «étalent leurs pagnes sous (ses) pas» (278). In questo senso si intuisce l’importanza dei «pagnes imprimés d’effigies des trois chefs d’État» in occasione della visita alla «République du Grand Fleuve» (237). Questi tessuti possono veicolare molteplici messaggi a seconda delle epoche storiche, ma sono comunque importanti perché simbolo del sostegno politico accordato12.

  • 13   Come le Signare del Senegal di Senghor in Chants pour Signare (Senghor 1961).

26Il lavoro con il pagne diviene poi sinonimo di conquista sociale. È il caso delle venditrici di pagne chiamate «mamies Benz […] ces riches commerçantes plantureuses circulant sur des banquettes arrière des grosses Mercedes Benz» (301). Simili attività, originarie del Togo, sono divenute comuni a tutta l’ex-AOF e hanno determinato la riuscita di una donna emancipata13.

27Penultimo romanzo di Kourouma, Allah n’est pas obligé è il racconto picaresco e terrificante di un’epoca di massacri tutta africana, della quale «les enfants-soldats, les small-soldiers ou children-soldiers» (Kourouma 2000: 49) sono gli spaventosi protagonisti. In un mondo completamente rovesciato, il pagne assurge a simbolo della situazione descritta. Le donne ne sono private con violenza, dal momento che vengono considerate come oggetti di piacere e nient’altro. «Ils ont arraché le pagne» (56) di una madre alla quale avevano appena «zigouillé son enfant» (Ibidem). Pur in una situazione tanto tragica, l’attenzione si concentra sul «caleçon [qui] cachait mal le gnoussou-gnoussou. [Gnoussou-gnoussou signifie sexe de femme]» e sul fatto che la colpa appartenga interamente al personaggio femminile per quel suo «sex-appeal voluptueux» (58), che attirerà su di lei l’inevitabile violenza di cui sarà vittima. Un mondo che gira al contrario, in cui le donne vengono svestite per essere poi violentate, non può contemplare la nudità maschile, l’uomo qui non è mai dipinto in situazioni di debolezza. Per questo i ribelli fanno di tutto per coprire il corpo di Birahima, l’enfant-soldat protagonista, e il suo accompagnatore, il marabout Yacouba, del quale si deve «cacher sa partie honteuse» (58). I pagnes arrivano subito per loro, mentre le donne restano abbandonate alla loro privazione totale che è quanto di più disumanizzante possa essere immaginato.

  • 14  Immagine questa che non manca di ricordare altri personaggi tristemente delineati da Véronique Tad (...)

28Altre due situazioni semplicemente tratteggiate non mancano di evocare figure di donna completamente antitetiche. In un caso scopriamo il pagne come nascondiglio di armi per sœur Gabrielle Aminata, una religiosa parimenti criminale e assassina che «avait le kalach sous les froufrous des pagnes» (187), pronta a seminare il panico, a uccidere e a difendere con ogni mezzo il suo campo di battaglia14. Per converso, scopriamo che il pagne può servire anche al culto dei morti in un simile contesto allucinante, come espressione di quella pietas che gli umani provano nei confronti dei defunti per onorarne e conservarne la memoria. Il viaggio del protagonista aveva l’obiettivo di ritrovare una zia. Di lei resteranno soltanto «le pagne et la camisiole déchirés en loques» (218), a significare gli stenti e i patimenti subìti dall’anziana tanto che persino Birahima, apparentemente insensibile, commenterà a modo suo, abbandonando per un attimo la sua durezza con l’esclamazione «Faforo (cul de mon père)! Ça faisait pitié» (218).

  • 15   Celebre «parole samorienne» citata anche in Monnè, outrages et défis (266).

29Nel romanzo postumo Quand on refuse on dit non15, sul cui valore sono stati espressi molteplici dubbi (Nissim 2006: 108-109), il pagne viene ricondotto a immagini tristemente note. L’intero tableau potrebbe essere accostato alla crisi di tutta la comunità ivoriana o n’za sa, nome derivato da un pagne fatto da pezzi di pagne tutti diversi, così come si presentava il Paese prima dell’abominevole concetto di ivoirité alla base della guerra appena conclusa.

30Nonostante Kourouma si riferisca espressamente a quello scontro fratricida, non possiamo non ripensare al genocidio del Ruanda, alla tragedia del Congo, all’agonia del Sudan. Qui è «toute la Côte-d’Ivoire» (Kourouma 2004: 37) che si mette in marcia in file estenuanti, che tanto fanno somigliare le persone alle giganti formiche «magnans» (Ibidem). Soprattutto le donne, che incedono portando sulla testa poche cose raccolte in secchi di plastica fra cui i «pagnes empilés» (38), seguite dai figli con in più «au dos, serré fortement dans un pagne, leur dernier bébé» (Ibidem). Da queste pagine di estrema disperazione, di gente che ha perso tutto e che ha l’ignoto come unica chance, emerge comunque un’immagine di donna ordinata, forte, capace, dalla dignità inalterata.

31Questo «flot de réfugiés» (41) annovera naturalmente anche i feriti che «protégéaient leurs lésions par des morceaux de pagne de différentes couleurs» (Ibidem). Stoffe a brandelli allora, metonimia di tutte le vite sospese di questa colonna umana in cammino verso chissà cosa, ma pur sempre colorati e la precisazione è di rilievo in quanto anticipa gli unici due elementi positivi di tutto il racconto. Innanzitutto, ed è essenziale, «en pleine forêt, nous n’avons pas à craindre des escadrons de la mort» (Ibidem), e poi Fanta, la compagna di viaggio di Birahima, lo stesso protagonista di Allah n’est pas obligé, gli annuncia che nel corso della loro marcia gli spiegherà storia e geografia del loro Paese, cosa che per il ragazzo desideroso di conoscenza e di risposte si eleva fino alla «merveille» (Kourouma 2000: 41)

32All’interno dei romanzi kouroumiani, il pagne accompagna, come abbiamo visto, le situazioni più disparate, ma è pur sempre vero che viene usato per descrivere soprattutto giovani donne. In queste occasioni, l’autore non si sofferma sulle tinte che ne costituiscono solitamente i motivi più sgargianti, bensì sul nodo effettuato per sostenerlo, in un gioco di seduzione calcolata e di fisicità dirompente. Mancano completamente gli aggettivi necessari alla descrizione più approfondita e questa povertà è sinonimo della scarsa importanza accordata dall’autore a questo aspetto.

33Un’essenzialità che si riscontra nelle descrizioni dell’universo maschile, connotato esclusivamente dall’uso del «boubou amidonné» (Kourouma 1995: 56), simbolo non solo di ricchezza, ma anche di distinzione per un musulmano che sa portarlo con eleganza. La stessa modalità caratterizza la totalità dei personaggi di origine occidentale. L’autore non indugia mai sul loro guardaroba, quasi a suggerire che questi ultimi siano riconducibili all’immagine del tutto stereotipata del colonizzatore dedito a indossare divise uniformizzanti.

  • 16   In merito all’universo femminile di Kourouma, cf. Kouassi (2004).

34Costellazione dei diversi modelli femminili e ricettacolo di tutte le varianti in cui questi possono essere declinati16, il pagne è un indumento il cui uso oltrepassa quello quotidiano, in quanto la donna ne fa sfoggio soprattutto in occasione di cerimonie particolarmente rilevanti nel corso della propria vita. A volte viene sommariamente tratteggiato, altre volte si insiste invece su un particolare rilevante. Ci vuole maestria nel dipingerne i panneggi e le stoffe, dalle più austere giocate su tonalità quasi monocrome, alle vesti bianche dei sudari, fino ai raffinati drappi eleganti e maestosi più vicini a personaggi di elevata statura sociale che ad esseri quasi mitici. In tutti i casi presi in esame, il pagne veicola messaggi variegati legati all’uso e alle circostanze in cui si sceglie, così come ai motivi stampati. Il modo stesso di indossarlo può divenire sinonimo di appartenenza a una classe ben definita.

35Non si preferisce, non si offre, non si acquista mai un pagne qualunque, perché «le pagne est tout un monde, dans lequel circulent les femmes, chacune à sa guise, pour le plaisir de son corps et pour le regard de l’autre» (Boni 2011: 27). Nell’universo tracciato da Kourouma, esso diviene sinonimo del suo mondo d’origine, totalmente ascrivibile sia alla tradizione che all’evoluzione in atto.

Bibliographie

Benelli G., 1999, Le roman en Côte d’Ivoire, in A. Mossetto-N. Raschi (eds.), Regards sur la littérature de Côte d’Ivoire, Roma, Bulzoni: 167-196.

Blé R.G., 2012, Le pagne. Un moyen de communication en Côte d’Ivoire, «Communication» 30.1, en ligne: http://communication.revues.org/3026 (consultation: 21/06/2014).

Boni T., 2011, Que vivent les femmes d’Afrique?, Paris, Karthala.

Chevalier J.-Gheerbrant A., 1982, Dictionnaire des symboles, Paris, Laffont / Jupiter.

Coquet M., 1993, Textiles africains, Paris, Adam Biro.

Dadié B.B., 1955, Le pagne noir, Paris, Présence Africaine.

Devoto G.-Oli G.C., 2000, Il dizionario della lingua italiana, Firenze, Le Monnier.

Diarra S., 1997, Les faux complots d’Houphouët-Boigny, Paris, Karthala.

Djian J.-M., 2010, Ahmadou Kourouma, Paris, Seuil.

Fauque C.-Wollenwebur O., 1991, Tissus d’Afrique, Paris, Alternatives.

Gauvin L., 2004, La fabrique de la langue, Paris, Seuil.

Imbs P. (ed.), 1986, Trésor de la Langue Française, Paris, Gallimard.

Kouassi V.A., 2004, Des femmes chez Ahmadou Kourouma, «Notre Librairie» 155-156: 190-195.

Kourouma A., 1970, Les soleils des Indépendances, Paris, Seuil.

―, 1990, Monnè, outrages et défi, Paris, Seuil.

―, 1998, En attendant le vote des bêtes sauvages, Paris, Seuil.

―, 2000, Allah n’est pas obligé, Paris, Seuil.

―, 2004, Quand on refuse on dit non, Paris, Seuil.

―, 2010, Les Soleils des Indépendances, Monnè, outrages et défis, En attendant le vote des bêtes sauvages, Allah n’est pas obligé, Quand on refuse, on dit non, Le Diseur de vérité, Paris, Seuil.

Lebreton S., 2003, La pratique du pagne en Côte d’Ivoire, «Africultures» 56: 155-160.

Littré E., 1965, Dictionnaire de la langue française, Paris, Gallimard-Hachette.

Nissim L., 2006, L’écriture de la cruauté dans le roman africain francophone, in F. Franchi (ed.), Le texte cruel, Università degli Studi di Bergamo / Université de Paris IV-Sorbonne: 93-109.

Raschi N., 2001, Quand le tronc se fait caïman. Drammaturgie di Costa d’Avorio, Roma, Bulzoni.

Rey A. (ed.), 1985, Le Grand Robert, Paris, Le Robert.

Senghor L. S., 1961, Nocturnes, Paris, Seuil.

Tadjo V., 2000, L’ombre d’Imana, Paris, Actes Sud.

Treccani. Dizionario Enciclopedico Italiano, 1997, Roma, Istituto Poligrafico dello Stato.

Notes

1   Nato nel 1927 in Costa d’Avorio e mancato a Lione l’11 dicembre 2003. Ricordiamo l’ultimo convegno in suo onore dal titolo Ahmadou Kourouma: un écrivain total, organizzato presso l’Université de Cocody di Abidjan (18-20 settembre 2013).

2   Cf. Rey (1985: s.v. pagne).

3   Cf. Imbs (1986: s.v. pagne).

4   Cf. Littré (1965: s.v. pagne).

5   A questo proposito, pure il Trésor de la Langue française sottolinea che «Jusqu’au début du XIXe s., pagne était usuellement empl. au fém» (Imbs 1986: t. 12, 779).

6   Cf. Devoto-Oli (2000).

7   Cf. Treccani (1997).

8   Cf. La Treccani (1996: s.v. pagne).

9   Fra i numerosi stilisti originari di Abidjan, si distinguono Miss Zahui e soprattutto Pathé’O assai conosciuto in tutta l’Africa Occidentale Francese per aver introdotto il pagne nella moda maschile. Le sue «chemises en wax-print offrent une nouvelle perspective sur le pagne, et donnent la possibilité aux hommes de se distinguer en tant qu’Africains sans avoir à se parer en tenue traditionnelle» (Lebreton 2003: 160).

10   L’indigo si ottiene dalla «macération de feuilles pilées et séchées, mélangées à une solution de potasse» (Cf. La vie artisanale chez les Baoulé, sul sito http://www.rezoivoire.net/cotedivoire/patrimoine/102/la-vie-artisanale-chez-les-baoule.html#.U5iJDJyg2_I, consultation: 21/06/2014).

11Le pagne noir (Dadié 1955) è un celebre racconto di Bernard Dadié che darà poi il titolo all’intera raccolta nella quale si trova inserito.

12  Un pagne molto famoso in Costa d’Avorio a quell’epoca prende il nome di Balai de Guéi, dedicato all’autore del colpo di stato del 1999 allorché aveva spodestato Henri Konan Bédié. Il generale rifiutò in seguito di rinunciare al potere e fu a sua volta ‘balayé’ da Gbagbo alle elezioni dell’ottobre 2000 (Blé 2012: 12).

13   Come le Signare del Senegal di Senghor in Chants pour Signare (Senghor 1961).

14  Immagine questa che non manca di ricordare altri personaggi tristemente delineati da Véronique Tadjo (2000).

15   Celebre «parole samorienne» citata anche in Monnè, outrages et défis (266).

16   In merito all’universo femminile di Kourouma, cf. Kouassi (2004).

© Ledizioni, 2015

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search