Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Vittorio Sereni, un altro compleanno

 | 
Edoardo Esposito

I. Della poesia di Sereni

«Lavori in corso»: elaborare la perplessità?

Clelia Martignoni

Texte intégral

1Le sole cinque pagine, orgogliosamente premesse da Dante Isella all’eccellente Meridiano delle Poesie di Sereni del 1995 (l’edizione critica conta 622 pagine di apparati, contro le 266 del testo poetico) toccano grandi risultati anche critici. In particolare, facendo perno sulla coincidenza filologia = critica, Isella scrive con secca sicurezza che gli apparati filologici «risultano […] la migliore mappa descrittiva della poesia di Sereni» (P XIV). E che «le carte perlopiù autografe su cui è stata condotta questa edizione rispecchiano un modus operandi perfettamente omogeneo a un processo di sospesa, perplessa decifrazione della vita» (P XIII).

  • 1 Pagine ora tutte fortunatamente raccolte in volume: Pier Vincenzo Mengaldo, Per Vittorio Sereni, T (...)
  • 2 Ma si rinvia anche a Pier Vincenzo Mengaldo, Ricordo di Vittorio Sereni [1983] e Il solido nulla [ (...)

2Che perplessità e instabilità, anche personali oltreché culturali e storiche, si ripercuotano sul – o vadano di pari passo con il – mobilissimo livello formale e che il piano formale le rappresenti con splendide soluzioni di movimento sono aspetti già illustrati da grandi lettori, in primis da Pier Vincenzo Mengaldo, cui tutti siamo debitori di decisive acquisizioni, dal grande saggio sugli Strumenti umani del 1972 in avanti.1 Il primo saggio di Mengaldo analizzava con magistrale intelligenza le travagliose modalità poetiche, la varia articolazione degli stilemi formali di «iterazione e specularità» e la loro funzione stilistica e semantica, restituendo la complessa fisionomia ed esperienza culturale del poeta, la sua tormentata visione del mondo.2

  • 3 È noto che Isella si trovò di fronte inopinatamente materiali ben più numerosi e disordinati di qu (...)

3Ma nel 1995, reduce dal corpo a corpo con gli intricati autografi mai prima esplorati di insospettata complicazione e ricchezza,3 Isella segnala un dato del tutto consentaneo con la critica maggiore tuttavia nuovo: le stesse modalità perplesse e sospese che distinguono la poesia di Sereni ne caratterizzerebbero anche i processi inventivi e elaborativi. Per concludere: «su tutta l’opera sua, si potrebbe […] porre il cartello di “Lavori in corso”» (P XIII). L’affermazione è affidata ai soli apparati, senza ulteriormente commentarla.

4Proprio questo punto, che dal livello filologico – accertato dal maggiore maestro di filologia d’autore – investe evidentemente il livello semantico profondo, ora ci interessa. Tenterò dunque di accogliere la sfida di Isella, delegata agli apparati e alla brevità quasi sprezzante delle cinque pagine introduttive, cercando i segnali perpetui o ricorrenti dei «lavori in corso» nel tragitto genetico di Sereni, attestato dalle ispide carte e dagli apparati, e scorrendone i «manoscritti labilissimi» (ancora Isella) che «vanno in tutte le direzioni».

  • 4 Nella bellissima edizione non venale del 1979 (in realtà uscì nella primavera’80), stampata a Vero (...)
  • 5 Sull’epigrafe fanno luce le informazioni di Maria Teresa Sereni nell’edizione mondadoriana postuma (...)
  • 6 Limpide parole di Sereni attinte dall’intervista del 1982 a cura di Anna Del Bo Boffino, Il terzo (...)
  • 7 Su questi fenomeni, rinvio alle pagine di Enrico Testa sugli Strumenti umani e su Stella variabile(...)

5Labilità e mutevolezza arrivano all’estremo in Stella variabile4 in omaggio alla ‘variabilità’ di fondo che dà il bel titolo al volume e ne guida l’epigrafe,5 e ai temi «della contraddizione, delle cose come ti appaiono e del loro rovescio», su cui si sarebbe «formato tutto il libro».6 Il linguaggio si è fatto al massimo franto, emotivo; come il tessuto dialogico, fitto di voci altrui, di figure-maschere, o doppi allucinati dell’io, secondo quanto avveniva negli Strumenti e più; come le emergenze ellittiche di non detto e inter-detto;7 e i soprassalti già consueti sogno-veglia. Le soluzioni sintattico-ritmiche appaiono più di prima sbilanciate e dissonanti (già dalla soglia del libro, con la serie Quei tuoi pensieri di calamità, In una casa vuota, Lavori in corso): comportando punti di eccellenza testuale, e svelando insieme profonde angosce e inappartenenze (tutto commentato da Mengaldo e poi da altri). Con Stella variabile siamo al vertice dell’anomalia decostruttrice, con violenza rara nel maestro di understatement Sereni.

  • 8 Isella ha utilizzato la formula «lavori in corso» per l’ultima volta nel sottotitolo (Cinquant’ann (...)
  • 9 Cfr. sul tema in breve: Almuth Grésillon, Eléments de critique génétique. Lire les manuscrits mode (...)

6«Lavori in corso», oltre che sigla complessiva lanciata, come si diceva, per Sereni da Isella, è sul côté di Isella metafora fabbrile-artigianale a lui molto cara per rappresentare il proprio operato filologico-critico, vigile in contemporanea su molte grandi imprese, e spesso definito un cantiere in fieri.8 Inoltre la metafora è cara anche alla critique génétique che per nominare il proprio lavoro usa volentieri termini affini.9 Né ci si sorprende se si ragiona sul fatto che entrambi i metodi – la filologia d’autore di Isella, e la génétique – pur così differenti, interrogano con accanimento i materiali compositivi e in progress degli autori per districarne le dinamiche compositive.

7Ma che cosa significa quest’etichetta dalla parte di Sereni?

8Per cominciare, tutti ricordano che è questo il titolo di una complessa poesia di Stella variabile (datata «New York, 1967»), sezione I, suddivisa in tre tempi. Il suo iter compositivo si cimenta a più riprese con l’incastro difficoltoso di più nuclei versali (donde il titolo ‘sospeso’) ed è restituito molto bene, per chi abbia la pazienza di leggere, appunto dagli apparati di Isella.

  • 10 Attingo per i dati al bellissimo catalogo luinese del 2002: Amici pittori. I libri d’arte di Vitto (...)
  • 11 Cfr. per la scheda descrittiva Amici pittori, cit., pp. 142-143, e per le immagini (copertina e in (...)

9Interessante rilevare che Sereni, assediato (o anche sedotto?, come sembrerebbe in Stella variabile ) dal provvisorio e dal precario, forse anche dall’indecidibile, impiegò questo stesso titolo, in anni vicini (seconda metà dei sessanta), per due rare, raffinate e dissimili plaquette poetiche condivise con amici artisti come era suo costume.10 Partirò dalla più tarda, 1969 (Lussemburgo, in edizione franco-italiana), che reca un’incisione dell’amico Franco Francese, e contiene sempre con testo a fronte francese queste poesie: I ricongiunti (1966, poi negli Strumenti umani seconda edizione, 1975); e quattro liriche della futura Stella variabile (tutte entreranno nella sezione I): In una casa vuota, Posto di lavoro, Toronto sabato sera, e l’eponima Lavori in corso (di cui però qui vengono editi solo il I e il II tempo).11

  • 12 Scheda descrittiva in Amici pittori, cit., pp. 141-142; immagini, p. 6; Nota di Sereni, p. 103. Cf (...)
  • 13 Per cui già nella Nota finale degli Strumenti si leggeva un segnale di insoddisfazione: «data qui (...)

10Più vicina al nostro discorso è l’altra plaquette dallo stesso titolo, precedente di alcuni anni (Scheiwiller, novembre 1965), uscita a ridosso di Strumenti umani, e comprendente cinque incisioni di Attilio Steffanoni.12 Essa ospita su sette bifolii due tipologie testuali differenziate anche graficamente: tre testi degli appena editi Strumenti (settembre’65) di cui si sottolinea la provvisorietà e vari frammenti. Vediamone la lista precisa. Dagli Strumenti sono riprodotti in testo a stampa: La poesia è una passione?,13 L’alibi e il beneficio (senza titolo) e Corso Lodi. A essi sono intervallati lacerti di versi, tutti senza titolo, riprodotti in facsimile autografo. Alcuni di questi confluiranno in Stella variabile (ed. Garzanti, che Isella sigla SV 2, come farò di qui in avanti): precisamente in Altro compleanno, e in Progresso; altri non sono individuabili; inoltre al centro si segnala il recupero di un vecchio testo, Biscia d’acqua, 1936 (area Frontiera, ora nel Meridiano, Appendice II. Poesie giovanili di Frontiera, P 414-415). Chiude e chiarisce la parte poetica una Nota di Sereni, molto interessante, da cui prelevo il primo paragrafo, utile al nostro punto di vista (il paragrafo successivo, che tralascio, verte sull’accompagnamento alle incisioni di Steffanoni):

I versi qui riprodotti a stampa e una parte di quelli scritti di mio pugno e pure qui riprodotti figurano già nel mio libro Gli strumenti umani (Einaudi, Torino, 1965). In particolare, “La poesia è una passione?” è un testo da considerare incompiuto, “lavoro in corso” nel senso che ho ritenuto di precisare nella nota posta al termine di quel volume. È probabile che lo stesso componimento si aggreghi o incorpori, non so ancora come, “Corso Lodi” e “L’alibi e il beneficio”, pure presenti nel volume Einaudi e lì autonome. Gli altri testi autografi, nient’altro che appunti in alcuni casi o semplici promemoria e punti di riferimento in altri, appartengono a epoche diversissime: la loro trascrizione e disposizione secondo un certo ordine, magari arbitrario, serve a darmi un’idea dello stato dei lavori e una base per la prosecuzione degli stessi.

  • 14 L’incompiutezza di La poesia è una passione? è ribadita infatti da non poche testimonianze d’autor (...)
  • 15 Il sintagma «lavori in corso» torna una seconda volta nella parte non riportata della Nota, per qu (...)

11Come si vede, i punti-chiave della densa Nota sono l’incompiutezza e la provvisorietà dei materiali raccolti nella plaquette. Sereni in primo luogo definisce un «lavoro in corso» La poesia è una passione?, e la dice destinata forse a unirsi, in modalità incerte, agli altri due testi ospitati nella plaquette (L’alibi e il beneficio e Corso Lodi). Lo statuto di «lavoro in corso» per La poesia è una passione? trova palese conferma nei documenti reperiti da Isella e registrati negli Apparati; non ha riscontro invece l’ipotesi di una combinazione della poesia con i due testi suddetti, mentre è attestato un tentativo di connessione con Progresso.14 Tutto ciò a testimonianza di un cantiere mobile, aperto a sperimentazioni fluide e a incroci intertestuali. Proseguendo nell’analisi della Nota, i frammenti intervallati in facsimile d’autografo sono detti o «appunti», o «promemoria», o «punti di riferimento», con varia allusione alla loro instabilità.15 Il loro insieme – chiarisce Sereni – organizzato qui in «un certo ordine, magari arbitrario» stabilisce lo stato provvisorio di un lavoro in fieri. Tali parole anticipano con coincidenze puntuali l’avvertenza iniziale, sempre virata sul provvisorio, apposta dopo quasi quindici anni all’edizione non venale di Stella variabile (SV 1 la sigla Isella e così faremo noi):

Questa edizione speciale […] mi aiuta a fare momentaneamente il punto sullo stato dei testi di cui dispongo, in vista di un libro futuro di cui solo adesso comincio a intravedere i lineamenti e che spero di completare. (P 653; miei i corsivi)

  • 16 In quelle pagine, accompagnate da emozionanti riproduzioni di intricatissimi avantesti (Proust, Fl (...)

12Viene alla mente un caso particolare ed emblematico del difficoltoso e seducente cantiere sereniano: il Quaderno B degli Archivi di Luino, citato rapidamente da Isella nella Prefazione (P XIII-XIV) e richiamato più volte all’occorrenza negli apparati. Si tratta di un quaderno ad anelli, con fogli staccabili e colorati, che include, in bella copia o quasi, frammenti vari di versi destinati a potenziali impieghi: l’intero quaderno è dunque di «lavori in corso», e si offre al lavoro del poeta come un deposito di materiali mobili, più o meno articolati ed estesi. Sui «lavori in corso» che dunque affascinarono Sereni (o lo condizionarono nei propri instabili meccanismi?), per il grande traduttore di Char poteva anche operare il ricordo della giovanile raccolta surrealista del 1930 (condivisa da Char con Éluard e Breton), Ralentir: travaux. Accenno inoltre, nonostante sia pertinente non al nostro discorso specifico ma a scenari generali di provvisorietà teorico-metodologica e ad anni molto inoltrati, che una delle più autorevoli esponenti della génétique francese, Almuth Grésillon, usò lo stesso titolo Ralentir: travaux nel primo numero, 1992, della rivista del centro ITEM. Institut des Textes et Manuscrits Modernes, «Génesis. Manuscrits. Recherche. Invention», per il suo intervento programmatico d’apertura.16

13Tornando a Sereni e alle sue inquiete modalità di lavoro, prima di arrivare ai lacerti ricopiati sul Quaderno B, interessa vedere che analoghe tecniche del provvisorio si palesano non di rado a chi consulti con attenzione trasversale gli apparati. Spicca Un posto di vacanza, la cui elaborazione (gli apparati occupano nell’edizione più di 60 pagine) ma anche l’esito finale consegnano effetti superbamente instabili e precari. Ma il caso è davvero troppo complesso e domanderebbe un’articolatissima disanima.

14Vado invece ad altre situazioni in parte vicine al Quaderno B, collettore di «lavori in corso». A Maria Corti, donando nel 1970 vari e abbondanti materiali per il Fondo Manoscritti dell’Università di Pavia connessi agli Strumenti umani, Sereni scrive, illustrando l’insieme delle carte: «Tieni presente che i casi sono diversi tra loro. A volte ci sono appunti già elaborati rispetto a un appunto precedente […] Altre volte trovi successive copiature di uno stesso testo […]». Ed ecco il riferimento alla situazione per noi più pertinente: «In altri casi ancora trovi su più fogli trascrizioni di versi isolati o di brevi gruppi di versi appartenenti a poesie diverse: si tratta di trascrizioni “pro memoria”» (lettera datata 11 maggio 1970, P 475).

15Una serie di istruzioni per l’uso si trova anche di necessità, dato l’intrico di cui Sereni era del tutto consapevole, nella lettera unita al fascicolo degli Strumenti umani donato a Lanfranco Caretti nel 1972. Così precisa Sereni, nell’intento di aiutare il filologo a sbrogliare il disordine, mentre a noi le sue indicazioni servono per approfondire la fluidità genetica e l’intersezione mai chiusa di materiali ‘in corso’ di cui stiamo ragionando (lettera datata 21 febbraio 1972):

spesso i testi riprodotti sulla pagina di sinistra non hanno niente a che fare con quelli riprodotti sulla pagina di destra […] Altre volte si trovano semplici appunti che poi vengono sviluppati in tutt’altro punto del fascicolo. […] Qualche nota sin qui non utilizzata l’ho dovuta ricopiare per non perderne traccia inviandoti il fascicolo. Mi rendo conto che si tratta di un grosso pasticcio, ma è un pasticcio che mi assomiglia. (P 474)

  • 17 Si rinvia su ciò agli Apparati, con varie testimonianze: P 486, 488, 490-491.

16Tra le carte dell’Archivio di Luino e tra le carte pavesi, è molto frequente che alcuni fogli presentino insieme spezzoni che poi defluiranno in più testi. Né si tratta soltanto della genesi intrecciata di testi diversi rinvenibile dentro certi abbozzi, fenomeno interessante ma non eccezionale nel lavoro letterario e in particolare poetico (come del resto è frequente il fenomeno inverso: la fusione finale di frammenti separati). Per il primo punto, la genesi intrecciata di più testi, per Sereni indicherei ad esempio l’elaborazione variamente congiunta e poi separata di Comunicazione interrotta, Il tempo provvisorio, La repubblica (anni 1945-1946) degli Strumenti Umani, gestite insieme a più riprese anche in un unico testo,17 e poi entrate in seconda, terza, quarta posizione nella raccolta.

17Ma più singolare è la consuetudine di seriare lacerti e/o frammenti per destinarli a riusi potenziali e persino imprevisti, in un laboratorio che si può dire insieme oculato-economico e magmatico. Tale procedimento, che caratterizza in modo radicale il Quaderno B, si può rinvenire almeno in parte in altri quaderni (in particolare nel cosiddetto Quaderno A, pure luinese: cioè un’agenda verde del 1965) o in fogli o in blocchi di fogli, come segnalano le suddette note di Sereni del 1970 e del 1972 a Maria Corti e Caretti.

  • 18 Cfr. P 514-515.

18Si prenda ad esempio un bifolio del Fondo Manoscritti (FMP I 121, secondo la sigla attribuitagli da Isella), che porta una redazione cassata degli Squali (Gli Strumenti umani ), ma anche spezzoni di: Comunicazione interrotta, Il tempo provvisorio, Il male d’Africa, ancora Gli squali.18 Interessante poi, a testimonianza della mobilità dell’elaborazione, che, inviando a Fortini una stesura degli Squali datata 1954-’55, Sereni avverta della persistenza nel testo di «un intervallo ancora da colmare con altri due o tre o più versi che potrebbero anche formare un’altra poesia del tutto autonoma, di cui per ora esiste solo qualche parola» (P 515).

  • 19 Così in generale Mengaldo, Ricordo di Vittorio Sereni, cit.: «Sereni […] ha sempre avuto una strao (...)
  • 20 Cfr. P 566-567.
  • 21 Cfr. P 569.

19Molto meditata e spesso franta in segmenti si rivela la stesura del lungo e quasi poematico Nel sonno (Gli Strumenti umani), sei tempi e più di 100 versi complessivi, bilancio storico-lirico dell’età postbellica con memorie della Resistenza, datato tra gli autografi 1948-1953.19 Il Quaderno B ne conserva con insistenza più nuclei versali anche sparsi; così il Quaderno Z e il Quaderno G; e così anche alcuni fogli di Pavia (dove si affacciano insieme frammenti di altri testi poi in Stella variabile).20 Un abbozzo contenuto nel fascicolo Caretti allinea sperimentalmente tre frammenti staccati di pochi versi ciascuno.21 Non soltanto: nella prima edizione degli Immediati dintorni (1962) sono dati a compendo lirico, sotto il titolo Un venticinque aprile, due stralci di versi intervallati da due righe di punti: il bellissimo incipit («Tardi, anche tu li hai uditi/quei passi che salivano alla morte», ID2 43) e il blocco dell’explicit («Geme da loro in noi nascosta una ferita/[…]», ID2 44).

  • 22 Cfr. P 599.

20Anche per Ancora sulla strada di Creva (Gli Strumenti umani ), la genesi del testo procede spesso per lacerti di versi che il poeta allinea nei fogli di lavoro mescolandoli però ad altri di altre poesie. Ad esempio sotto il titolo, o promemoria, originario Poteva essere (le prime parole dell’incipit definitivo: «Poteva essere lei la nonna morta»), nel dattiloscritto FMP I 47 si leggono tre nuclei versali intervallati da righe di punti (il segmento centrale entrerà però in Un ritorno, sempre negli Strumenti).22

21Mi fermo qui con questa casistica estratta sparsamente dalle carte d’archivio sulla scorta degli apparati per non affaticare ulteriormente la pazienza dei lettori. Ma sono persuasa, come ha detto oggi in apertura con parole incisive un grande maestro come Mengaldo, che l’edizione di Isella sia da percorrere di continuo per acquisire e mettere in chiaro altri elementi critici sulle travagliate modalità compositive di Sereni, su ciò in particolare che abbiamo chiamato, in linea con la semantica profonda dei testi, l’elaborazione della perplessità o sospensione, la tecnica plurima del provvisorio.

22Il nostro Quaderno B, spogliato con acribia da Isella in ogni sua carta per estrarne i dati per l’Apparato, non è mai stato analizzato unitariamente. Credo che meriterebbe un’edizione autonoma, con sobrie tavole di commento, per intenderci secondo le prassi della critique génétique: in quanto si tratta a tutti gli effetti di un dossier genetico vivamente sperimentale, costruito all’insegna della potenzialità, predisposto per possibili riprese, attinzioni, o anche ripensamenti; di un vero cahier d’études (per dirla con Gadda, anche se il laboratorio gaddiano restituisce zibaldoni di lavoro articolati in maniera molto dissimile). L’edizione varrebbe insomma come segnale manifesto di quei «lavori in corso» cui ho riservato il mio intervento, muovendo dall’affermazione, o sfida, di Dante Isella che mi piace replicare, lanciata dal vivo del suo cantiere filologico e dal vivo (che è poi la stessa cosa) dei folti e complicati materiali di Sereni: «su tutta l’opera sua, si potrebbe […] porre il cartello di “Lavori in corso”».

  • 23 Da ultimo, in un saggio (Studiare i materiali genetici: ipotesi interdisciplinari e campioni di an (...)

23Aggiungo però, come mi è capitato altre volte di osservare,23 che l’edizione autonoma ha tanto più valore e senso poiché nel caso specifico (purtroppo raro) gli aggrovigliati autografi godono dell’edizione critica di Isella che ha razionalizzato e chiarito l’intero percorso. Quando così non fosse, il solo Quaderno B o altre edizioni parziali e sparse non potrebbero restituire il senso complessivo dell’operazione e mancherebbe la connessione necessaria con le altre fasi del lavoro di Sereni.

24Del Quaderno allego qui qualche foglio solo per dare una documentazione diretta al lettore e allo studioso.

25Preciso che la datazione risulta impossibile o difficilissima, dal momento che i fogli colorati sono immessi nel quaderno ad anelli in tempi diversi e alcuni potrebbero esserne stati eliminati. Tuttavia, individuati i testi che contiene (operazione già fatta sparsamente da Isella in funzione appunto degli apparati) non solo si ravvisa spesso il termine post quem, o meglio una serie di termini, ma soprattutto appare che il materiale riguarda le più mature modalità elaborative del poeta dopo la guerra, intento a testi più ampi, articolati e complessi, dagli Strumenti a Stella variabile.

  • 24 Cfr. P 673-686.
  • 25 La fonte è stata individuata da Caretti stesso.

26Infine: non mi soffermo sulla genesi pure molto frantumata e quanto mai interessante del bellissimo ed enigmatico Lavori in corso (che richiederebbe un’analisi a sé), ma segnalo in breve l’iter sempre a riprova delle osservazioni precedenti. Anche qui la genesi è impostata per segmenti di versi di varia estensione (anche minima), come attestano quattro abbozzi conservati nel fascicolo Caretti, più altri testimoni dell’Archivio luinese e del Fondo di Pavia.24 Poi via via il testo si stabilizza, nella smagliante precarietà ultima offerta in volume. Ma desidero segnalare, per ulteriori e illuminanti connessioni, che il primo abbozzo presente nel fascicolo Caretti (Isella lo sigla Car1 ) è steso su un foglio intestato a un Convegno di studi per Antonio Banfi, Reggio Emilia, maggio 1967, sul cui verso si leggono citazioni tratte da un saggio di Georges Poulet su Char (del 1964).25 In un altro autografo del medesimo fascicolo (che Isella sigla Car 3 ), insieme con lacerti elaborativi di Lavori in corso, si leggono pochi versi cassati, pieni di allarme e «catastrofe». Li trascrivo:

Pare certo volto risaputo
quale è la faccia della catastrofe.
Aspettata da gran tempo non certo dove ti affronta la tigre di poco fa.

  • 26 Un brano correlato sul tema dell’«ossessione», forse del’67 (edito nell’Apparato di Giulia Raboni,(...)

27L’immagine di catastrofe e il contesto inquietante e imprevisto richiamano perentoriamente il circa coevo Quei tuoi pensieri di calamità, poesia liminale di Stella variabile, apocalittica visione di angoscia calata nell’ultima casa del poeta (in via Paravia, dove Sereni si trasferì dal settembre-ottobre 1967). Poesia luttuosa, amara, visionaria, come la casa che ospita l’agguato, come gli amici ambiguamente ritratti tra sorriso e minaccia in una trappola subdola all’io che scrive. Il ricordo va al primo abbozzo in prosa della poesia, fosco e ossessivo, accolto da Giulia Raboni tra gli apparati della Tentazione della prosa26 e steso sul verso di un foglio con la stessa intestazione al convegno banfiano del 1967, a conferma di segrete intersezioni che solo la perlustrazione degli Archivi può portare alla luce.

28Questo Sereni perplesso, e forse più ancora assediato dal tormento dell’indecidibile di poesia e esistenza, non cessa, come diceva oggi ancora con grande finezza Mengaldo, di parerci contemporaneo e fraterno, e lo attesta anche la meravigliosa instabilità delle sue carte.

Notes

1 Pagine ora tutte fortunatamente raccolte in volume: Pier Vincenzo Mengaldo, Per Vittorio Sereni, Torino, Aragno, 2013. Cfr. per il primo saggio: Iterazione e specularità in Sereni, in Id., La tradizione del Novecento. Da D’Annunzio a Montale, Milano, Feltrinelli, 1975 (anticipato su «Strumenti critici» nel ’72); poi in Id., La tradizione del Novecento. Prima serie, Torino, Bollati Boringhieri, 1996.

2 Ma si rinvia anche a Pier Vincenzo Mengaldo, Ricordo di Vittorio Sereni [1983] e Il solido nulla [1986], entrambi in Id., Tradizione del Novecento. Nuova serie, Firenze, Vallecchi, 1987 (ora in Per Vittorio Sereni, cit.).

3 È noto che Isella si trovò di fronte inopinatamente materiali ben più numerosi e disordinati di quanto non sospettasse. Cfr. l’Avvertenza di Isella all’Apparato critico delle Poesie, dove si parla «di una documentazione tra le più ricche e le più caotiche che si possa immaginare», tanto che «l’esperienza compiuta può dirsi unica anche per chi ha una certa consuetudine con i problemi di filologia d’autore» (P 270).

4 Nella bellissima edizione non venale del 1979 (in realtà uscì nella primavera’80), stampata a Verona in 130 esemplari per i Cento Amici del Libro, con litografie a colori di Ruggero Savinio. Profondi i mutamenti strutturali introdotti nell’edizione Garzanti 1981, che include testi dal ’61 all’ 81.

5 Sull’epigrafe fanno luce le informazioni di Maria Teresa Sereni nell’edizione mondadoriana postuma dello “Specchio” a sua cura, TP 526. La citazione di Montaigne «La vita fluttuante e mutevole» nell’edizione Garzanti 1981 è preceduta, nel risvolto sinistro della copertina, da tre sintagmi nominali d’autore a definizione del tema della variabilità: «La natura che alletta e dissuade. La bellezza onnipresente e imprendibile. Il mondo degli uomini che si propone al giudizio, e si sottrae, e mai passa in giudicato». Maria Teresa Sereni avvisa dell’intenzione del poeta in una nuova eventuale edizione di conservare la citazione di Montaigne ma di accompagnarla, invece che con le parole suddette, con la definizione di Stella variabile attinta dal manuale tecnico per naviganti di Ferdinando Flora, Astronomia nautica (Navigazione astronomica), Milano, Hoepli, 1964. Ma come è noto l’edizione ulteriore non vi fu.

6 Limpide parole di Sereni attinte dall’intervista del 1982 a cura di Anna Del Bo Boffino, Il terzo occhio del poeta, apparsa su una sede minore, la rivista femminile «Amica», 28 settembre (cfr. P 665).

7 Su questi fenomeni, rinvio alle pagine di Enrico Testa sugli Strumenti umani e su Stella variabile in L’esigenza del Libro, nel volume miscellaneo La poesia italiana del Novecento. Modi e tecniche, a cura di Marco Antonio Bazzocchi e Fausto Curi, Bologna, Pendragon, 2003, pp. 103-108 (dove per gli aspetti in discussione si vedano pure i saggi di Pier Vincenzo Mengaldo, Gian Luigi Beccaria, Vittorio Coletti).

8 Isella ha utilizzato la formula «lavori in corso» per l’ultima volta nel sottotitolo (Cinquant’anni di lavori in corso ) del volume Carlo Porta (Torino, Einaudi, 2003), inclusivo dei suoi studi portiani di una vita (circa mezzo secolo dopo l’edizione critica del 1955-1956, comparsa a Firenze, nella «Biblioteca di Studi Superiori-Sezione “Filologia Italiana e Romanza”» diretta da Gianfranco Contini).

9 Cfr. sul tema in breve: Almuth Grésillon, Eléments de critique génétique. Lire les manuscrits modernes, Paris, PUF, 1994; Ead., La mise en oeuvre, Itinéraires génétiques, Paris, CNRS Éditions, 2008; Pierre-Marc de Biasi, La génétique des textes, Paris, ib., 2011 (con molta bibliografia). Da ricordare anche la rivista «GENESIS», in vita dal 1992. Cfr. anche infra nota 18.

10 Attingo per i dati al bellissimo catalogo luinese del 2002: Amici pittori. I libri d’arte di Vittorio Sereni, a cura di Dante Isella e Barbara Colli, Luino, Nastro & Nastro, 2002 (sotto l’insegna sereniana «dove infinita trema Luino»). Il libro contiene, oltre al censimento preciso delle edizioni in oggetto e alle riproduzioni artistiche, anche testi rari di Sereni, dedotti dai libri in questione.

11 Cfr. per la scheda descrittiva Amici pittori, cit., pp. 142-143, e per le immagini (copertina e incisione), pp. 10-11.

12 Scheda descrittiva in Amici pittori, cit., pp. 141-142; immagini, p. 6; Nota di Sereni, p. 103. Cfr. anche P 587.

13 Per cui già nella Nota finale degli Strumenti si leggeva un segnale di insoddisfazione: «data qui in forma ancora incompiuta, “lavoro in corso” destinato forse a un futuro libro e con sviluppi almeno parzialmente imprevedibili» (P 469).

14 L’incompiutezza di La poesia è una passione? è ribadita infatti da non poche testimonianze d’autore (interviste, lettere) leggibili negli Apparati, P 593-595. La prima uscita in rivista («La Città», 1964, cfr. P 592) presentava il testo come il frammento di un «racconto in versi». Inoltre Isella nel quaderno Y3 ne ha individuato un II tempo (cfr. P 593) che rivela forti tangenze con Progresso di SV2.

15 Il sintagma «lavori in corso» torna una seconda volta nella parte non riportata della Nota, per qualificare nell’insieme i testi che a Sereni parvero più idonei nel 1962 (data in cui evidentemente nacque la prima idea della plaquette) per accompagnare le incisioni di Steffanoni.

16 In quelle pagine, accompagnate da emozionanti riproduzioni di intricatissimi avantesti (Proust, Flaubert, Valéry, Ponge, Breton), Grésillon insiste sulla prospettiva della génétique di considerare il testo come un perpetuo lavoro in fieri, laboratorio, atélier, oggetto di indagini minuziose e pazienti. Cfr. supra nostra nota 9.

17 Si rinvia su ciò agli Apparati, con varie testimonianze: P 486, 488, 490-491.

18 Cfr. P 514-515.

19 Così in generale Mengaldo, Ricordo di Vittorio Sereni, cit.: «Sereni […] ha sempre avuto una straordinaria capacità di trasformare gli accadimenti biografici in grandi metafore storiche; qui è una delle ragioni specifiche della sua grandezza di poeta». E si veda anche Enrico Testa, sugli Strumenti umani, nel profilo che apre il capitolo su Sereni dell’antologia Dopo la lirica. Poeti italiani 1960-2000, a cura di Enrico Testa, Torino, Einaudi, 2005, pp. 4-5: «È difficile trovare un libro di poesia che, come questo, contenga in sé tanta storia: privata (da ragazzo sul lago a funzionario editoriale in viaggio di lavoro a Francoforte) e collettiva».

20 Cfr. P 566-567.

21 Cfr. P 569.

22 Cfr. P 599.

23 Da ultimo, in un saggio (Studiare i materiali genetici: ipotesi interdisciplinari e campioni di analisi ) presentato nel 2102 al seminario di studi La metamorfosi digitale. Scritture, archivi, filologia, Università di Sassari, ora in uscita.

24 Cfr. P 673-686.

25 La fonte è stata individuata da Caretti stesso.

26 Un brano correlato sul tema dell’«ossessione», forse del’67 (edito nell’Apparato di Giulia Raboni, TPR 467), offre un’interessante stesura in prosa della lirica, ancora non coincidente – si direbbe anteriore – con le varianti genetiche registrate da Isella (P 666).