Version classiqueVersion mobile

« La grâce de montrer son âme dans le vêtement » Scrivere di tessuti, abiti, accessori. Studi in onore di Liana Nissim

 | 
Marco Modenesi
, 
Maria Benedetta Collini
, 
Francesca Paraboschi

Come si è vestita la terra?

Giorgio Botta

Texte intégral

Laudato si’, mi’ Signore, per sora nostra matre terra,
la quale ne sustenta et governa, et produce diversi fructi,
con coloriti flori et herba.
Francesco d’Assisi, Il cantico delle creature

1È raro contemplare la ‘nuda Terra’, priva del suo abbigliamento.

2La Terra si rende, di fatto, riconoscibile a tutti noi proprio perché ‘abbigliata’, cioè resa manifesta nelle sue diversità, dall’azione della natura e dalle iniziative umane.

3I paesaggi rurali e urbani raccolgono ed espongono la varietà dell’abbigliamento, talvolta sontuoso, tal altra lacero, che la caratterizza.

  • 1   Reclus É., 1905-1908, L’Homme et la Terre, Paris, Librairie universelle. Daremo i riferimenti bib (...)

4Il frontespizio della più importante opera dell’autorevole geografo francese Elisée Reclus, L’Homme et la Terre1 (1905-1908), raffigura il globo terrestre tenuto alto da due mani. La didascalia a questa figura mette in luce gli intendimenti di questo studioso.

Fig. 1 Elisée Reclus, 1905-1908, L’Homme et la Terre, 6 t., Paris, Librairie Universelle, frontespizio

Fig. 1 – Elisée Reclus, 1905-1908, L’Homme et la Terre, 6 t., Paris, Librairie Universelle, frontespizio

5Nella figura è esplicitato il significato di stretta relazione tra la Terra e l’Uomo. Autonoma come organismo, la Terra è sorretta e mostrata dalle mani dell’Uomo che la pone in trono, e da quel contatto, a sua volta, ne trae vita.

6Cosa percepiranno della sua superficie quelle grandi mani, nel sostenerla con presa salda? Talvolta sprofonderanno negli oceani, tal altra faticheranno a trattenere catene montuose, tuttavia godranno del ristoro di verdi distese o delle vellutate sabbie dei deserti. Quelle grandi mani percepiranno in parte le ricchezze, cioè le varietà della superficie terrestre, ma anche le zone povere di risorse naturali, che si presentano glabre, erose, innaturali porzioni contraddistinte dalla ‘nuda Terra’.

7George Perkins Marsh, geografo americano, scrive nel 1863 il suo libro più importante, L’Uomo e la Natura. Ossia la superficie terrestre modificata per opera dell’uomo. Il Capitolo Terzo della sua opera, Le Foreste, inizia così:

  • 2   Marsh G.P., 1988, L’Uomo e la Natura. Ossia la superficie terrestre modificata per opera dell’uom (...)

Esistono molte ragioni per credere che la superficie della terra abitabile, in tutti i climi e in tutte le regioni che sono ora o sono state la dimora di popolazioni numerose e civili, era, meno poche eccezioni, di già coperta da una vegetazione forestale, quando per la prima volta divenne abitazione dell’uomo.2

8Nell’opera di Marsh, al di là delle considerazioni relative alla copertura vegetale della Terra, oggetto di particolare trattazione, viene più specificamente affrontato il tema già indicato nel titolo: la superficie terrestre modificata per opera dell’uomo. Pensiamo infatti che questa sia la questione nodale per la sopravvivenza del pianeta e quindi per la nostra possibilità di vita. Il genere umano ha avuto in consegna la Terra nella sua completezza e potenzialità:

Nel giorno in cui Jahve Dio fece la terra e il cielo, quando ancora nessun cespuglio della steppa era sulla terra, quando ancora nessuna graminacea della campagna era spuntata – perché Jahve Dio non aveva fatto piovere sulla terra e non c’era alcun uomo che lavorasse il suolo e che facesse salire dalla terra l’acqua dei canali e irrigasse tutta la superficie del suolo – allora Jahve Dio plasmò l’uomo [...].
Jahve piantò un giardino nell’Eden, a oriente, e vi collocò l’uomo che aveva formato. Jahve Dio fece spuntare dal suolo ogni sorta di alberi piacevoli a vedersi e buoni da mangiare, l’albero della vita in mezzo al giardino e l’albero della conoscenza del bene e del male.
C’era un fiume che usciva dall’Eden per irrigare il giardino [...]
Jahve Dio prese dunque l’uomo e lo pose nel giardino dell’Eden perché lo coltivasse e lo custodisse. (Genesi II, 4-16)

Fig. 2 – L’Eden Disegno tratto da: Pinin Carpi, 2011, Il sentiero segreto, Milano, Il Castoro.

Fig. 2 – L’Eden Disegno tratto da: Pinin Carpi, 2011, Il sentiero segreto, Milano, Il Castoro.

© 1984 Arnoldo Mondadori Edizioni, © 2011 Editrice Il Castoro Srl - Viale Andrea Doria 7, 20124 Milano - www.castoro-on-line.it

9Con il trascorrere dei secoli, grandi evoluzioni di ordine economico e dunque sociale hanno generato il paradosso: l’ecumene, in stretta relazione con la natura, ne trae sostegno, ma nel contempo, per le realizzazioni delle proprie necessità ma anche dei propri profitti, cancella e profana le forme e la sostanza stessa di ‘Natura’.

10Certo, le risorse naturali devono essere funzionali alla vita, salvaguardando però gli equilibri e la persistenza degli elementi naturali sulla Terra.

11Invece alcuni guasti a danno della natura sono tanto gravi da essere irreversibili. In tal senso, diviene un processo prezioso l’analisi del paesaggio in geografia: ricostruire il preesistente, valutare il danno e la sua portata e individuare le cause di questa ingiuria.

12‘Geo-grafia’ significa ‘scrittura della Terra’, cioè identificazione dei ‘segni’ per mezzo dei quali la Terra si rende a noi riconoscibile. A scuola, da piccoli, abbiamo imparato a ‘guardare’ e memorizzare quei segni – catene montuose, deserti, laghi, mari, oceani, ghiacciai – che sono così divenuti il codice iconografico di riconoscimento delle sue parti, appunto ‘i segni della Terra’.

13Lo sguardo degli umani può scorgerli ed enumerarli, ma da un’altitudine notevole, sorvolando la Terra con aerei o astronavi, o leggendo le immagini da satelliti.

14Solo a quote più basse ci è però consentito di scorgere i mutamenti di quei segni, la loro disgregazione o addirittura la loro cancellazione rispetto al passato, grazie all’analisi del paesaggio, che diviene così strumento di analisi storica, politica, economica, antropica, fisica, morfologica.

15In questo modo riusciamo a identificare i grandi cambiamenti avvenuti su spazi pur limitati della superficie terrestre.

16Proprio l’osservazione e lo studio dei dettagli ci permette talvolta di cogliere qua e là l’interruzione e il mutamento di continuità territoriali e paesaggistiche. Si avverte un senso di disordine, inequivocabile segno di distruzione e sfacelo. Sono elementi perturbativi che si manifestano talvolta con la scomparsa della copertura vegetale, ma anche con lo sconquasso provocato, ad esempio, da un terremoto. In questo modo, si può talvolta scorgere la ‘nuda Terra’.

17Viene alla mente il recente e catastrofico terremoto dell’Aquila, nell’aprile 2009, con conseguenze gravi per la portata dell’evento, ma a tutt’oggi divenute insopportabili dall’inoperosità del governo centrale che non ha ancora avviato opere di risanamento possibili in numerose zone del centro storico, impedendo così a un buon numero di abitanti di rientrare nelle proprie abitazioni.

18La città ha perso la sua fisionomia, i suoi spazi sono mutati di funzione e significato. Per generazioni scenario di vita, ora, in quegli spazi negati o profondamente mutati – strade, piazze, luoghi di incontro – i superstiti faticano a trovare il modo per continuare a organizzare la vita e le relazioni, ed è un poco come se fossero morti anche loro.

19Forse, una città che ha perso la sua forma, struttura e funzioni sociali è impoverita al punto di rappresentare anch’essa la ‘nuda Terra’.

20Sul tema delle catastrofi ‘naturali’ in relazione ai territori della Penisola, è ineludibile la figura di Roberto Almagià, uno studioso di grande importanza per la Geografia moderna. In età giovanile, agli inizi del secolo scorso, su incarico della Società Geografica Italiana, Almagià pubblica la sua ricerca Studi geografici sulle frane in Italia, dal 1907 al 1910.

21Si tratta di un contributo fondamentale che a tutt’oggi non ha riscosso sufficiente impegno di conoscenze e non ha avuto un conseguente sviluppo negli studi geografici. Le motivazioni per l’affidamento all’Almagià di una tale ricerca sono assai chiare:

  • 3   Porro C., 1902, I problemi insoluti della Geografia d’Italia, comunicazione al IV congresso geogr (...)

Ogni anno, e spesso più volte all’anno, molte parti dell’Italia sono funestate dalle frane. E si noti che queste frane si ripetono per lo più negli stessi luoghi, e spesso è il materiale una volta franato che torna di nuovo a franare. Ebbene, di fronte a questo fenomeno di sfacelo, che annualmente ed anzi più volte si rinnova, che mette in pericolo vite umane, danneggia proprietà e rovina le comunicazioni, se ci domandiamo cosa abbia fatto la geografia, dobbiamo rispondere: nulla.3

22Queste sono le argomentazioni proposte dal colonnello Carlo Porro nella sua relazione I problemi insoluti della Geografia d’Italia, presentata al IV Congresso Geografico Italiano, tenutosi a Milano nel 1901. Questi temi verranno successivamente riprese in riunioni e Congressi, fino a giungere nel 1904 all’attribuzione dell’incarico a Roberto Almagià di condurre la ricerca.

23Le argomentazioni del colonnello Porro mettono in evidenza le condizioni delle zone a frana del territorio italiano che restano del tutto simili, per gravità ed estensione, a quelle attuali.

24Leggendo la relazione di Porro, è particolarmente sorprendente rilevare come, pure in ambito accademico, non vi fosse alcuna remora a riconoscere l’inoperosità della disciplina geografica in tale materia. Un senso autocritico vivacissimo, che invece, con il trascorrere del secolo fino ad oggi, è andato del tutto perdendo una tale energia.

25Inoltre, va sottolineata la lungimiranza di un’Istituzione nazionale come la Società Geografica Italiana, nel porsi assai ‘modernamente’ a considerare fenomeni di ordine geografico – fisico e antropico – in stretta relazione con le molteplici realtà della penisola. Si trattava di impegnarsi per contribuire a risolvere problemi della popolazione a rischio con la conseguente perdita delle sue attività.

26Anche questo naturale connubio tra la ricerca territoriale e le condizioni di vita delle popolazioni, tranne rari casi locali, non ha avuto seguito nella tradizione degli studi geografici in Italia, da un secolo a questa parte.

27Roberto Almagià nella sua ricerca, ben rende l’idea di crisi dei territori a rischio:

  • 4   Almagià R., 1907-1910, Studi geografici sopra le frane in Italia, in Memorie della Società Geogra (...)

è facile intendere come nelle regioni ove se ne incontrano [di frane] in gran numero associate, si debba generare uno speciale tipo di paesaggio, che ben può appellarsi paesaggio di frana.4

28L’autore conia una specificazione al concetto di paesaggio geografico e lo definisce paesaggio di frana, un paesaggio cioè talmente impoverito da non aver alcun elemento caratterizzante, e che dunque ben rappresenta l’immagine e il significato di ‘nuda Terra’.

29Si può fare molto per la difesa del suolo a fronte delle catastrofi, non sempre ‘naturali’.

  • 5   Almagià R., 1907-1910, Studi geografici sopra le frane in Italia, cit.: t. 1, 316.

Chi percorra le vallate dei fiumi emiliani, appena inoltratosi nella regione collinosa e montana, non può fare a meno di notare come la maggior parte dei paesi sorgano su alture isolate e ripide, ovvero si trovino appollaiati su sproni rocciosi in posizioni ardite e pittoresche, quasi che si fossero rifugiati qua e là a schivare un nemico comune. Ma talvolta […] la loro postura elevata che par quasi cercata a posta [qui si riferisce ai comuni del Chietino e del Molise], non li salva pur talora del pericolo delle frane. […] la serie dei paesi, dei villaggi danneggiati o minacciati da frane è assai lunga e lunga è anche la lista dei più grandi disastri hanno prodotto rovine di case e colti e uomini; né mancano esempi di paesi che più volte subiscono le stesse distruzioni, poiché ‘la carità del natio loco’, più forte negli abitanti che il timore del pericolo, li fa restii ad abbandonare le loro dimore, anche quando conoscono che sono votate a certa ruina.5

30Concludiamo così la proposta di alcuni passi dell’opera di Roberto Almagià con questa magistrale descrizione che ci aiuta a comprendere come per conoscere a fondo e poter operare su di un territorio vadano considerate nella loro complessità una serie di questioni, fondamentali e delicate, che riguardano gli aspetti della natura intimamente collegati con le abitudini, i bisogni e le tradizioni della popolazione.

31Una ‘splendida Geografia’ quella proposta da Roberto Almagià, che vorremmo poter vedere rinascere nell’attualità delle nostre Istituzioni geografiche e nelle nostre ricerche.

Fig. 3 – Il Monte Toc, l’area di rilascio della frana.

Fig. 3 – Il Monte Toc, l’area di rilascio della frana.

Bruno Pittarello, 2013, Vajont, ottobre 1963, Caselle di Sommacam­pagna (Verona), Cierre

32Il Monte Toc si trova nella Valle del Vajont, un modesto corso d’acqua che scorre tra le province di Udine e Belluno, per poi gettarsi nel Piave.

33Alle 22.39 del 9 ottobre 1963 una grande frana in un unico blocco di 260 milioni di m3 di roccia e vegetazione, con un piede di due chilometri e un’altezza di 700 metri cade nel sottostante lago artificiale in 20/25 secondi, alla velocità di 70/100 Kmh, sollevando un’ondata di 260-270 metri di altezza. Una parte dell’ondata risale il lago distruggendo alcune frazioni e, superata la diga, indenne, precipita nella sottostante Valle del Piave, di fronte a Longarone. Con un salto di circa 200 m l’ondata percorre 1 600 m in 4 minuti e, alta 70 metri, travolge Longarone. Sono le 22.43. Di Longarone si salvano solo alcune case verso l’estremità nord, sopraelevata rispetto alla piana del Piave.

34L’onda risale il corso del Piave, perdendo di potenza, e tuttavia distrugge una decina di centri abitati.

35Le vittime sono quasi 2 000.

36Il progetto per la costruzione della diga diviene esecutivo alla fine degli anni Cinquanta, ma viene sistematicamente celato che il luogo dove si sta costruendo non è geologicamente idoneo. Autorevoli geologi hanno tuttavia svolto perizie che autorizzavano l’opera, con il conseguente benestare di illustri accademici, e quindi gli avalli del competente Ministero.

37Trattandosi di un’opera di pubblica utilità, da parte delle autorità locali, si era antecedentemente proceduto, e si è continuato a seconda delle necessità della costruzione, a effettuare numerosi sfratti dei contadini che vivevano e lavoravano in località nell’area del cantiere.

38Successivamente i pascoli, che da secoli erano il sostentamento principale per quella popolazione di agricoltori e pastori, furono progressivamente allagati dalle acque del bacino artificiale.

39Dall’inizio dei lavori si registrarono movimenti franosi che mutavano di intensità e si ripetevano incessanti e sempre più frequenti, fino al momento della catastrofe.

40Nel 2013 si è celebrato il cinquantenario dell’evento catastrofico, che resta il più grave di quelli registrati in Europa nel secolo scorso.

41Gli ormai pochi sopravvissuti e gli anziani che ricordano si sono intristiti e i giovani non hanno percepito la solennità della celebrazione, peraltro poco diffusa come notizia, non avendo elementi per riconoscere e ripercorrere ciò che non è mai stato loro proposto come materia di studio, che non compare sui libri di scuola.

42Le pendici del Toc, le frazioni montane colpite dall’azione erosiva dell’ondata, la spianata al posto di Longarone, tutti questi luoghi resi inesistenti, si ricordano citandoli con il loro toponimo, unico elemento del passato, ma ora unicamente rappresentati con le sembianze della ‘nuda Terra’.

Fig. 4, 5 – Longarone il giorno dopo

Fig. 4, 5 – Longarone il giorno dopo

Bruno Pittarello, 2013, Vajont, ottobre 1963, Caselle di Sommacam­pagna (Verona), Cierre

Fig. 6

Fig. 6

fotografia di Luigi Zanfron

Fig. 7 – Un augurio a tutto il mondo Così si vestirebbe la Terra Disegno tratto da: Pinin Carpi, 2011, Il sentiero segreto, Milano, Il Castoro

Fig. 7 – Un augurio a tutto il mondo Così si vestirebbe la Terra Disegno tratto da: Pinin Carpi, 2011, Il sentiero segreto, Milano, Il Castoro

© 1984 Arnoldo Mondadori Edizioni, © 2011 Editrice Il Castoro Srl - Viale Andrea Doria 7, 20124 Milano - www.castoro-on-line.it

Notes

1   Reclus É., 1905-1908, L’Homme et la Terre, Paris, Librairie universelle. Daremo i riferimenti bibliografici strettamente indispensabili nelle note a pie’ di pagina.

2   Marsh G.P., 1988, L’Uomo e la Natura. Ossia la superficie terrestre modificata per opera dell’uomo, F. Vallino (ed.), Firenze, Franco Angeli: 146.

3   Porro C., 1902, I problemi insoluti della Geografia d’Italia, comunicazione al IV congresso geografico italiano, Firenze, Nuova Italia: 466-467.

4   Almagià R., 1907-1910, Studi geografici sopra le frane in Italia, in Memorie della Società Geografica Italiana, 2 t., Roma, Società Geografica Italiana: t. 1, 289. I corsivi sono dell’autore.

5   Almagià R., 1907-1910, Studi geografici sopra le frane in Italia, cit.: t. 1, 316.

Table des illustrations

Titre Fig. 1 Elisée Reclus, 1905-1908, L’Homme et la Terre, 6 t., Paris, Librairie Universelle, frontespizio
URL http://books.openedition.org/ledizioni/docannexe/image/6842/img-1.jpg
Fichier image/jpeg, 233k
Titre Fig. 2 – L’Eden Disegno tratto da: Pinin Carpi, 2011, Il sentiero segreto, Milano, Il Castoro.
Crédits © 1984 Arnoldo Mondadori Edizioni, © 2011 Editrice Il Castoro Srl - Viale Andrea Doria 7, 20124 Milano - www.castoro-on-line.it
URL http://books.openedition.org/ledizioni/docannexe/image/6842/img-2.jpg
Fichier image/jpeg, 854k
Titre Fig. 3 – Il Monte Toc, l’area di rilascio della frana.
Crédits Bruno Pittarello, 2013, Vajont, ottobre 1963, Caselle di Sommacam­pagna (Verona), Cierre
URL http://books.openedition.org/ledizioni/docannexe/image/6842/img-3.jpg
Fichier image/jpeg, 313k
Titre Fig. 4, 5 – Longarone il giorno dopo
Crédits Bruno Pittarello, 2013, Vajont, ottobre 1963, Caselle di Sommacam­pagna (Verona), Cierre
URL http://books.openedition.org/ledizioni/docannexe/image/6842/img-4.jpg
Fichier image/jpeg, 170k
Titre Fig. 6
Crédits fotografia di Luigi Zanfron
URL http://books.openedition.org/ledizioni/docannexe/image/6842/img-5.jpg
Fichier image/jpeg, 570k
Titre Fig. 7 – Un augurio a tutto il mondo Così si vestirebbe la Terra Disegno tratto da: Pinin Carpi, 2011, Il sentiero segreto, Milano, Il Castoro
Crédits © 1984 Arnoldo Mondadori Edizioni, © 2011 Editrice Il Castoro Srl - Viale Andrea Doria 7, 20124 Milano - www.castoro-on-line.it
URL http://books.openedition.org/ledizioni/docannexe/image/6842/img-6.jpg
Fichier image/jpeg, 1,1M

© Ledizioni, 2015

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search