Version classiqueVersion mobile

« La grâce de montrer son âme dans le vêtement » Scrivere di tessuti, abiti, accessori. Studi in onore di Liana Nissim

 | 
Marco Modenesi
, 
Maria Benedetta Collini
, 
Francesca Paraboschi

Il tema dell’abbigliamento nel Livre des trois vertus di Christine de Pizan

Anna Slerca

Texte intégral

1Christine de Pizan redige il Livre des trois Vertus – uno dei trattati sull’educazione della donna prodotti nel medioevo – nel 1405, qualche anno dopo il suo testo a carattere ‘femminista’ forse più noto, il Livre de la Cité des Dames, di cui è la continuazione ideale. Ricordiamo che Christine è nata a Venezia nel 1365, che ha seguito in Francia nel 1369 il padre, Tommaso da Pizzano, nominato consigliere di Carlo V, e che è autrice di un numero considerevole di testi che si collocano in ambiti diversi, dalla lirica al poema narrativo, dall’argomento politico-sociale all’argomento storico o religioso (Muzzarelli 2007; Autrand 2009).

2Il suo trattato pedagogico al femminile ha conosciuto un grande successo, inferiore solo allo stesso Livre de la Cité des Dames (Christine 1997): se ne conoscono più di venti manoscritti e tre edizioni a stampa, pubblicate nel 1497, nel 1503 e nel 1536. Una traduzione portoghese è stata realizzata per la regina Isabel, moglie di Alfonso V, tra il 1447 e il 1455: la traduzione in questione, di cui è conservato un manoscritto, è stata pubblicata a Lisbona nel 1518. La sua fortuna presso i contemporanei e le generazioni successive non sorprende, poiché si tratta di un’opera che rivela una profonda conoscenza dei sentimenti umani e che offre una serie di quadri di costume disegnati con grande arte.

3In epoca moderna il testo è andato incontro ad un certo oblio, come è accaduto a una grande parte della produzione letteraria medievale. Tuttavia nel XVII secolo è pubblicata una serie di estratti antologici negli Avis chrétiens et moraux pour l’institution des enfants di Claude Joly, un canonico della cattedrale di Parigi, con l’accompagnamento di alcuni brevi commenti (Joly 1675: 330-359), e nel secolo seguente si registra un’edizione parziale (Collection des meilleurs ouvrages 1787: t. 2, 109-167; t. 3, 1-132).

  • 1   I miei sinceri ringraziamenti vanno a Liliane Dulac, per i suoi preziosi consigli riguardo alla p (...)

4L’edizione critica del testo è a cura di Charity Cannon Willard e Eric Hicks (Christine 1989), e una traduzione in francese si deve a Liliane Dulac, con un ampio studio introduttivo (Christine 2006)1. In quanto agli studi critici, il trattato ha beneficiato della crescente attenzione per la produzione della nostra scrittrice: secondo le indicazioni del sito Arlima, dal 1980 a oggi si contano circa una trentina di saggi (Dulac 1980; Lorcin 1987, 1995; Rinaldi-Dufresne 1990; Varty 1995; Cannon Willard 1996; Pratt 2002; Krueger 2003), mentre dall’inizio del XX secolo alla fine degli anni Settanta le pubblicazioni sono ben poco numerose. Tuttavia è nel 1912 che è stato pubblicato il solo volume monografico esistente, di cui è autrice Mathilde Laigle.

5Il presente lavoro intende privilegiare il tema dell’abbigliamento, ma intende anche presentare un confronto sintetico con un testo italiano trecentesco, il Reggimento e costumi di donna di Francesco da Barberino (1348). Mathilde Laigle ha affermato nella sua monografia che si tratta di una delle fonti del trattato cristiniano, senza fornirne un’analisi comparativa conseguente: da qui l’opportunità di un approfondimento. Per citare le sue parole: «Bien que le nom de Francesco da Barberino ne se rencontre pas dans ses écrits, Christine a dû connaître son traité Del Reggimento e dei costumi delle donne», e la studiosa prosegue sostenendo che la molteplicità degli accostamenti costituisce un argomento a favore di un influsso diretto (Laigle 1912: 79 e nota 2). Ricordiamo che un utile e ragionato confronto è stato condotto in proposito da Liliane Dulac (1980).

6Francesco è uno scrittore e un notaio toscano che ha soggiornato per alcuni anni nel sud della Francia, e che è stato influenzato nella sua scrittura dalla letteratura provenzale. La sua produzione comprende, oltre al Reggimento, alcune liriche e una raccolta di novelle oggi perduta. È inoltre l’autore di un trattato in versi italiani accompagnati da una traduzione e da un commento in latino, dal titolo Documenti d’amore, che porta sull’educazione dell’uomo. L’esposizione del Reggimento è per lo più in versi, intercalati da alcune novelle in prosa (Francesco da Barberino 1995; Thomas 1883).

1. La struttura narrativa del Livre des trois Vertus

7Un’allegoresi incornicia il testo del Livre des trois Vertus, che inizia con un dialogo tra Christine, poco desiderosa di riprendere la scrittura secondo la finzione narrativa, e tre figure allegoriche, le stesse che si incontrano anche nel Livre de la Cité des Dames. Si tratta di Raison, Droiture e Justice, che incoraggiano la scrittrice ad uscire dalla sua inattività e che sono accompagnate per qualche tratto da altre tre figure: Sapience, Prudence Humaine e Sainte Information. Christine dovrà porre in scrittura gli insegnamenti che questi personaggi le comunicheranno.

8Il Reggimento si presta ad un confronto con il contenuto del Livre des trois Vertus, in primo luogo per l’appunto in relazione all’allegoresi della cornice. Francesco afferma parallelamente di scrivere il suo testo per esortazione e sotto dettatura di alcune figure, Saggezza, Eloquenza, Onestà, Pietà, Cortesia, Industria e altre ancora, le quali obbediscono ad un personaggio altrettanto allegorico, Madonna, di cui non è rivelata l’identità, e che alcuni critici hanno identificato con l’Intelligenza. La cornice del Reggimento prosegue in modo divergente dal testo cristiniano. Di una nuova apparizione di Madonna si narra fra l’altro a metà della quarta parte. Un gruppo di dame interpellate da Francesco gli dice di avere visto una dama presso una fontana: il suo vestito era rialzato e avevano potuto notare un piede calzato di seta e ornato di pietre preziose. Francesco bussa alla porta del palazzo di Madonna, ma i suoi servitori lo afferrano e lo incatenano. Lo scrittore ottiene comunque il suo perdono e per la prima volta può contemplarla senza il suo velo. Nell’insieme la cornice del testo barberiniano possiede dunque una maggiore complessità diegetica.

9La struttura del Livre des trois Vertus è tripartita: una prima parte è dedicata alle dame dell’alta nobiltà, la seconda alle donne di uno strato socialmente meno elevato, e precisamente alle baronesse, alle dame di corte e alle religiose. La terza parte infine tratta delle donne borghesi e delle mogli di artigiani, fino alle donne che si vendono per denaro, alle prostitute. Christine afferma esplicitamente che i precetti che propone sono in gran parte validi per tutte le donne, tuttavia una porzione importante del testo privilegia le dame dell’aristocrazia: d’altronde forse le uniche che si potessero permettere di possederne un manoscritto. Quando Christine si rivolge alle donne di condizione umile, afferma infatti di sperare di riuscire a comunicare con loro in qualche modo, mentre si dichiara certa che il suo testo sarà accolto presso molte corti, e dimostra il suo grado di autocoscienza nel sostenere che la sua opera vivrà anche in futuro: «Si la verront et orront maintes vaillans dames et femmes d’auctorité ou temps present et en cil a venir, qui prieront Dieu pour leur servante Cristine, desirans que de leurs temps fust sa vie au siecle, ou que veoir la peussent» (Christine 1989: 225).

10La suddivisione per livelli di condizione sociale distingue il testo di Christine da altri trattati appartenenti allo stesso genere, quali il libro del Chevalier de La Tour Landry, del 1371 circa, o il Mesnagier de Paris, del 1391 circa. Una tipologia strutturale simile si riscontra solo in rari testi precedenti: nel trattato citato sopra di Francesco da Barberino e nel De eruditione prædicatorum di Humbert de Romans, del XIII secolo (Humbert 1978). Questo domenicano, che fu superiore del suo ordine in Francia, ha prodotto fra l’altro un manuale per i predicatori nel quale si leggono ammaestramenti indirizzati alle religiose, alle donne nobili, alle ricche borghesi, alle donne povere dei villaggi, alle domestiche e infine alle meretrici, secondo un andamento analogo alla strutturazione del testo di Christine de Pizan. Alcune analogie puntuali si possono citare, ad esempio, a proposito delle domestiche (Christine 1.3, ch. IX; Humbert 1978: 98); tuttavia per il domenicano le donne sono solo mogli, madri e figlie, il loro lavoro è rivolto alla famiglia, con l’eccezione delle meretrici, nei cui confronti l’atteggiamento è alquanto spregiativo. Tutto questo non corrisponde all’ideologia su cui si basa la nostra scrittrice. Per Christine al contrario la donna non è confinata tra le mura di casa, e con la sua azione e con i suoi consigli è una saggia collaboratrice del marito, a volte una sua sostituta anche nel governo di uno stato o nella guida di un esercito, se le circostanze lo richiedono. In quanto alle meretrici, la scrittrice consiglia loro ovviamente di cambiare stile di esistenza, ma dando prova di grande umanità nei loro confronti.

11Nella quinta parte del trattato barberiniano, dedicata alla donna sposata, troviamo una divisione in categorie sociali secondo il ruolo del padre o del marito, iniziando dalla figlia di un regnante. Le categorie sociali sono numerose, dalla famiglia di imperatori si passa alla classe dei nobili, dei cavalieri, giudici e medici, dei mercanti e artigiani, dei lavoratori; si prosegue poi con le vedove, le monache, le dame di compagnia, le ancelle, le schiave, e si conclude con una serie di lavoratrici di umile condizione: barbiere, fornaie, tessitrici, mugnaie e altre ancora.

2. Abbigliamento e onorabilità sociale: l’alta aristocrazia

12Sarebbe anacronistico pensare alla possibilità per la donna di aspirare ad una parità nei confronti dell’uomo all’epoca medievale. Christine afferma ad esempio che la donna non dovrà pretendere di scegliere il proprio marito senza il consenso dei genitori, e che dovrà dimostrargli rispetto e obbedienza. Come osserva Liliane Dulac: «L’objet du livre n’est pas d’affranchir les femmes des tutelles traditionnelles, mais de leur permettre d’occuper dignement tout l’espace auquel elles peuvent prétendre dans la vie sociale» (Christine 2006: 551). Secondo l’ideologia del testo, dimostrarsi all’altezza del proprio ruolo sociale per un’aristocratica significa in primo luogo preservare con ogni cura il proprio buon nome e il proprio onore, e a questa concezione sono ispirati i precetti pedagogici di Christine, fra l’altro in materia di abbigliamento.

13L’abbigliamento è in effetti un tema trattato più volte dalla scrittrice, con maggiore ampiezza nel Livre des trois Vertus, ma non è raro incontrarlo anche in altri testi della prima fase della sua produzione. Un passo più volte citato si legge ad esempio nel suo Livre du chemin de long estude (1402-1403), contenente un’efficace descrizione dell’abbigliamento della scrittrice in abiti di viaggiatrice, con un velo sul volto per difendersi dal vento e dal sole, e con il lembo della gonna sollevato per non impacciare il passo (Christine 2000: vv. 700-708). Nel Livre de la Mutacion de Fortune (1403), per citare un altro esempio, Christine descrive la cerimonia del suo matrimonio:

Mantel de soye blanc, sanz tache,
A queue trainant, d’une atache
Liee au col, j’oz, belle et riche,
En la poitrine, noble affiche,
Çainture et tout estorement
Qu’il appartient au parement
De pucelle.
(Christine 1959-1966: t. 1, vv. 867-873)

  • 2   Nel suo poema a tonalità misogina, il Miroir de mariage (seconda metà del XIV sec.), Eustache Des (...)

14Già da questa citazione possiamo comprendere il valore sociale che Christine attribuisce all’abbigliamento: mentre per i poeti satirici quali Eustache Deschamps l’eleganza femminile era vista soltanto come un desiderio capriccioso di lusso2, e allo stesso modo per i moralisti la donna che si occupava del suo aspetto estetico era considerata frivola, per Christine esiste un collegamento tra il fasto e il livello sociale, per cui il personaggio collocato in una posizione gerarchica elevata è definito dalla ricchezza del suo equipaggiamento: un abbigliamento non consono sarebbe una contravvenzione al codice comportamentale. Questo principio è confermato fra l’altro da alcuni passi del Livre des fais et bonnes mœurs du sage roy Charles V (1404), che elogiano l’eleganza dei sovrani (Christine 1936-1940). Nel capitolo XX (1.1) si legge ad esempio come la regina dimostrasse la propria nobiltà cambiando più volte al giorno i suoi abiti ornati d’oro e di pietre preziose. è descritto inoltre in particolare l’abito sontuoso indossato dal re per la cerimonia della sua incoronazione, che era mostrato agli ospiti insieme agli altri tesori reali (1.3, ch. xxxii).

15Di conseguenza, nel Livre des trois Vertus, alla dama dell’alta nobiltà il lusso non solo è consentito ma fa parte dei suoi doveri: «Et la .V.e somme [del reddito annuale] mettra en tresor, et la dessus prendra a sa plaisance ce qu’elle vouldra pour mettre en joyaulx, robes et autres abillemens» (1.1, ch. xix, 76).

16Una prospettiva simile si ritrova nel Reggimento: in generale, il punto di vista di Francesco è laico, parallelamente a Christine, benché la moderazione sia consigliata:

Sta bene a donna d’aver bella vesta
E anco tutta la sua ornatura,
Ma non convien ch’ella passi misura.
(Francesco da Barberino 1995: 180)

17Analogamente, nel Livre des trois Vertus si consiglia di evitare gli eccessi, questo a proposito delle donne di tutte le condizioni sociali. Anche la dama dell’aristocrazia, che è comunque autorizzata ad essere «richement aournee», dovrà dimostrare sobrietà e moderazione, e non dovrà superare un limite suggerito dalla ragione e dalla tradizione:

Superflus et oultrageux habis, joyaulx, attours et estat plus que raison, lui deffendra a avoir sur toute riens par l’admonestement de Prudence, qui ainsi lui dira: sans faille il apertient bien que toute princepce ou dame terrienne selon son degré soit richement aournee, tant de vestemens, d’atours, de paremens, de joyaulx comme de gent et d’estat pour l’onneur de l’office ou Dieu l’a assise, mais ne doubtez pas que se toy ou aultre n’estoyes contente de tel estat et abillement que tes nobles devanciers ont porté et que tu voulsisse avoir plus grant ou commencier nouvelles choses, tu mesprendroies et feroyes contre ton honneur et contre le bien de sobrece. (1.1, ch. XI: 43-44)

3. Abbigliamento e rispetto dello ‘status’: il ceto medio

18Un secondo concetto è altrettanto centrale per Christine quanto la salvaguardia della propria posizione onorevole nella società: si tratta della corrispondenza con il proprio status. Un punto di vista che è condiviso fra l’altro dal trattato di Francesco da Barberino, ed ecco come si esprime in proposito lo scrittore toscano:

Non si conviene alle donne più basse
Usar le veste e l’altezze e le spese
Delle maggior che sono in suo paese.
(Francesco da Barberino 1995: 181)

19Dagli studi storici in materia apprendiamo che è nel XII-XIII secolo che il lusso incomincia a diffondersi anche presso le classi borghesi (Duby-Perrot 1990; Muzzarelli 1996; Blanc 1997). Nel 1398 a Bologna furono emanate delle leggi dette suntuarie, che tentavano di disciplinare questa tendenza (Muzzarelli 1996). Molti predicatori, fra cui Gilbert de Tournai e Bernardino da Siena, criticano la mancanza di un rispetto della propria collocazione sociale, soprattutto da parte della donna.

20Christine ne fa un punto di forza della sua argomentazione a carattere vestimentario. Un intero capitolo della seconda parte, relativa alle donne del ceto medio, reca il titolo seguente: «Item, devise de celles qui sont oultrageuses en son habillemens» (Christine 2006: 1.2, ch. XI). L’ideologia di base si ispira al principio della ‘piramide sociale’, delle stratificazioni gerarchiche che è necessario attuare in una società bene ordinata:

Mais pour ce que nostre present propos chiet en la matiere et que yceulx vices et deffaulx peuent tourner a grant prejudice de leurs ames, et ne sont bons ne beaulx meismes aux corps, en parlerons: l’un est des oultrageux attours et abiz qu’ilz prennent, et l’autre des harnois qu’elles font d’aler l’une devant l’autre quant ensemble sont. Et premierement de ce qui touche aux abiz, a declairier que celles qui tant s’y delictent mesprennent: n’est pas doubte que par les belles anciennes coustumes les habis des roynes n’osassent prendre les ducheces, ne ceulx des ducheces les contesses, ne ceulx des contesses les simples dames, ne ceulx des dames les damoyselles; mais a present pareillement que tout est desordonné, et pour ce yppert comment tout va: n’y a es abiz ne es attours regle tenue. (1.2, ch. XI: 157-158)

21Nel corso dello stesso capitolo, Christine traccia fra l’altro un quadro di costume che ci può ricordare le ‘smanie della villeggiatura’ di penna goldoniana. Alcune donne di condizione sociale intermedia, non per propria iniziativa ma indotte a questo dal proprio coniuge, mostrano un eccessivo desiderio di affermazione sociale e quindi di fasto, al punto che si verifica a volte la situazione paradossale di dover dare in pegno un abito per acquistarne un altro:

Et se telz gens [i nobili di provincia] ont de la povreté par de cousté, et que mal leur en preigne, on ne les doit plaindre: car pluseurs se desertent et mettent a poverté par telz oultrages qui fussent bien aiséz, se amodereement voulsissent vivre. Et plus grant honte y a a pluseurs: c’est des debtes que souvent font aux cousturiers, drapiers et orfevres, desquelles [sic]: sont a la fois excecutéz, et faut qu’ilz baillent une robe en gages pour l’autre avoir, – et Dieux scet se on leur sale bien ce que ilz prennent a creance, et se la denree leur couste au double! (1.2, ch. XI: 158-159)

22Ancora nel capitolo in questione, un aneddoto illustra efficacemente il punto di vista di Christine. Una donna borghese di provincia, una sorta di Madame Bovary ante litteram, ordina presso un sarto parigino una cottardita – una veste aderente al busto, caratterizzata da una scollatura tonda e da una gonna ampia – alquanto lussuosa, provvista di uno strascico e con le maniche lunghe fino a terra, e questo fatto è sanzionato dalla scrittrice in termini negativi:

Car a nul ne souffist son estat, ains vouldroit chascun ressembler un roy; et sera fort que tel orgueil Dieu ne punisse quelque foiz lordement, car il ne le puet souffrir. Et n’est ce pas grant oultrage voirement et chose superflue ce que comptoit l’autre jour un taillandier de robes de Paris, que il avoit fait pour une simple dame qui demeure en Gastinois une cote hardie ou il a mis .V. aulnes de drap a l’aune de Paris de drap de Bruisselles de la grant moison, et traine bien par terre trois quartiers, et aux manches a bombardes qui vont jusques aux piéz? Mais Dieux scet se selon cet abit convient large attour et haultes cornes, qui est en verité un tres lait abillement, et qui messiet. (1.2, ch. XI: 159)

  • 3   Anche alla «dame de religion» Christine consiglia di evitare vesti troppo «estrainctes et espingl (...)

23Nella terza parte del nostro testo un ulteriore capitolo è dedicato allo stesso tema: «Comment femmes d’estat et bourgoises doivent estre ordonnees en leurs abis» (1.3, ch. II: 177-183). In questo caso sono gli abiti aderenti e gli ampi colletti, sovente raffigurati nei manoscritti medievali, a essere riprovati in riferimento alle donne comuni3:

Si apertient doncques a toute femme qui veult garder bonne renommee que elle soit honneste et sans desguiseure en son abit et abillement, non trop estraincte ne trop grans coléz, ne autres façons malhonnestes, – ne trop grant trouveresse de choses nouvelles, par especial cousteuses et non honnestes. (1.3, ch. II: 178-179)

24Ad un aneddoto illustrativo che ha pretese di storicità è dedicato uno spazio non trascurabile nel capitolo successivo a questo. Si tratta dell’episodio concernente una «gisant»: la moglie di un mercante di Parigi, che era diventata da poco tempo madre di un bimbo, è mostrata al lettore mentre riceve i visitatori nelle sue stanze ornate di tappeti e di arredi sontuosi, in abbigliamento elegante, come un’aristocratica. La citazione è parziale:

Car ains que on entrast en sa chambre, on passoit par .ii. autres chambres moult belles ou il avoit en chascune un grant lit de parement bien et richement encourtiné; et en la seconde avoit un grant dreçoir couvert comme un autel, tout chargié de vaiselle d’argent blanche. Et puis de celle on entroit en la chambre de la gisant, laquelle estoit grant et belle, toute encourtinee de tapisserie faicte a la devise d’elle ouvree tres richement de fin or de Chipre, le lit grant et bel encourtiné tout d’un parement et les tapis d’entour le lit mis par terre sur quoy on marchoit, tous pereilz a or ouvréz, les grans draps de parement qui passoient plus d’un espan par soubz la couverture de si fine toile de Raims que ilz estoient prisiéz a .ccc. frans […]. En ce lit estoit la gisant, vestue de drap de soye taint en cramesy, appuiee de grans oreilliers de pareille soye a gros boutons de perles, atournee comme une damoiselle. (1.3, ch. III: 185-186)

25Nel testo di Francesco da Barberino si può leggere la descrizione del matrimonio di una regina, in termini non dissimili da questi. Lo scrittore toscano si sofferma sulla ricchezza delle parures della sposa e delle sue damigelle, come pure sull’addobbo della stanza nuziale. L’eleganza dei partecipanti alla festa è estrema: «Qui vestimenta inaudite e vise, / qui son le perle e pietre preziose / su per le teste e le vesti solenni» (Francesco di Barberino 1995: 50). Le dame di compagnia scortano quindi la nobildonna nelle sue stanze, il cui arredamento è descritto in dettaglio, con le pareti drappeggiate, i baldacchini e le coperte ricamate con arte:

Meno’la dentro in camera nova,
le cui pareti son sì adrapati
che non si vede se non seta e oro […]
Covron lo suolo ricchisimi bissi;
qui baldachini e le banche dintorno
tutte coverte di perle tessute;
guanciali per tutto di sciamiti piani,
piuma per entro degli uccelli grifoni […].
Un cavezale e non più vi si truova,
grande non troppo, ma di bella forma;
lenzuola suso di seta curata,
soave e umile, sottile e costante;
coltre solenne e ‘ntagli per entro
e, tratti ad ago e di varie scolture,
pesci e ugelli e belli tutti animali. (52)

26La riproposizione di Christine, se è possibile esprimersi in questi termini, modifica il punto di vista della sua fonte, poiché applica i dati del testo ad una classe sociale diversa da quella contemplata da Francesco. La scrittrice per di più confronta in modo sfavorevole la classe mercantile di Parigi con i mercanti di grandi città quali Genova o Venezia, osservando che i traffici dei mercanti italiani trattavano una quantità maggiore di merce in rapporto ai loro colleghi francesi. Si può notare inoltre che Christine in una diversa occasione confronti la realtà italiana con quella del suo paese adottivo, approvando il fatto che la moda cambi a suo dire meno frequentemente per le donne italiane, che non devono quindi rinnovare di anno in anno il loro guardaroba (Christine 2006: 1.2, ch. XI).

4. Conclusione

  • 4   La conoscenza probabile da parte di Christine dell’opera di Francesco da Barberino rafforza l’ipo (...)

27Benché le somiglianze esistenti siano davvero notevoli, questo a conferma dell’ipotesi di Mathilde Laigle, non sempre l’ideologia cristiniana e la concezione barberiniana coincidono, come è ovvio4. L’autore del Reggimento raccomanda alla donna elevata socialmente di comparire in pubblico con un abbigliamento adeguato a rappresentare lo status e la potenza della famiglia cui appartiene, parallelamente a Christine; tuttavia, se la fanciulla è figlia di lavoratore: «imprenda bene a cucire, a filare e a cuocer meglio e masserizia fare, e como ancella sostenga per casa fatica e briga al condur la famiglia […] E non si curi d’aconciare, ma scalza e mal vestita, non pettinata né lisciata molto, como il poder della casa richiede si procuri d’andare» (Francesco di Barberino 1995: 16). Un’esortazione quest’ultima che contrasta con la difesa della dignità femminile che è una preoccupazione costante di Christine. Il suo trattato fornisce quasi una risposta al passo di Francesco in questione, e mi riferisco al consiglio rivolto alle fanciulle non ancora sposate di prendersi cura del proprio aspetto: «leurs abiz et vesteures bien fais, joins et poliz – mais que deshonnesteté n’y ait – et nettement tenus; leurs cheveux bien ordennéz et non mie trainans par les joues, ne sales» (Christine 2006: 1.3, ch. V, 195).

28Nella parte conclusiva del Reggimento sfilano le Virtù, per rendere omaggio a Madonna. Successivamente l’autore in persona offre il suo libro a questa figura misteriosa, che accetta il dono e afferma che il libro sarà apprezzato soltanto da coloro che sono amici del bene (221). Questa sequenza presenta una parziale analogia con la conclusione del Livre de la Cité des Dames, che descrive le tre figure allegoriche, insieme a Christine e alle donne celebri della storia o della leggenda di cui il testo presenta i ritratti, mentre accolgono la Vergine nella città ideale.

Bibliographie

Opere dell’autore

Christine de Pizan, 1936-1940, Le Livre des fais et bonnes mœurs du sage roy Charles V, 2 t., S. Solente (ed.), Paris, Champion.
—, 1959-1966, Le Livre de la Mutacion de Fortune, 4 t., S. Solente (ed.), Paris, Picard (Société des anciens textes français).
—, 1989, Le Livre des trois Vertus, C. Cannon Willard-E. Hicks (eds.), Paris, Champion.
—, 1997, La città delle donne, E.J. Richards-P. Caraffi (ed. e trad.), Milano / Trento, Luni.
—, 2000, Le Chemin de longue estude, A. Tarnowski (ed.), Paris, Librairie générale française.
—, 2006, Le Livre des trois Vertus, traduction en français moderne L. Dulac, in Voix de femmes au Moyen âge, D. Régnier-Bohler (ed.), Paris, Laffont: 543-698.

Aa.Vv., 1787, Collection des meilleurs ouvrages composés par des femmes, Mademoiselle L.F. de Kéralio (ed.), Paris, Lagrange.

Opere relative all’autore

Autrand F., 2009, Christine de Pizan: une femme en politique, Paris, Fayard.

Blanc O., 1997, Parades et parures. L’invention du corps de mode à la fin du Moyen Âge, Paris, Gallimard.

Cannon Willard Ch., 1996, The Manuscript Tradition of the «Livre des Trois Vertus» and Christine de Pizan’s Audience, «Journal of the History of Ideas» 27: 433-444.

Deschamps E., 1893-1903, Le Miroir de mariage, in Œuvres complètes, t. 9, A. Queux de Saint-Hilaire-G. Raynaud (eds.), Paris, Firmin Didot.

Duby G.-Perrot M. (eds.), 1990, Storia delle donne in occidente. Il medioevo, Bari, Laterza.

Dulac L., 1980, Inspiration mystique et savoir politique: les conseils aux veuves chez Francesco da Barberino et chez Christine de Pizan, in Aa.Vv., Mélanges à la mémoire de Franco Simone. France et Italie dans la culture européenne, t. 1, Genève, Slatkine, 1980: 113-141.

Francesco da Barberino, 1995, Reggimento e costumi di donna, G.E. Sansone (ed.), Roma, Zauli Editore.

Humbert de Romans, 1978, De eruditione praedicatorum, in C. Casagrande (ed. e trad.), Prediche alle donne del secolo XIII, Milano, Bompiani.

Joly C., 1675, Avis chrétiens et moraux pour l’institution des enfants, Paris, Frédéric Léonard.

Krueger R.L., 2003, Christine’s Treasure. Women’s Honor and Household Economics in the «Livre des Trois Vertus», in B.K. Altmann-D.L. McGrady (eds.), Christine de Pizan. A Casebook, New-York / London, Routledge: 101-114.

Laigle M., 1912, Le «Livre des trois Vertus» de Christine de Pisan et son milieu historique et littéraire, Paris, Champion.

Loba A., 2013, Le réconfort des dames mariées. Mariage dans les écrits didactiques adressés aux femmes à la fin du Moyen Âge, Poznan, Adam Mickiewicz University Press.

Lorcin M.-Th., 1987, Les échos de la mode dans le «Livre des trois Vertus» de Christine de Pizan, «Razo» 7: 89-94.
—, 1995, «Le Livre des trois Vertus» et le «Sermo ad status», in L. Dulac-B. Ribémont (eds.), Une femme de lettres au Moyen Âge. Études autour de Christine de Pizan, Orléans, Paradigme: 139-149.

Muzzarelli M. G., 1996, Gli inganni delle apparenze. Disciplina di vesti e ornamenti alla fine del medioevo, Torino, Paravia.
—, 2007, Un’italiana alla corte di Francia. Christine de Pizan, intellettuale e donna, Bologna, Il mulino.

Pratt K., 2002, The Context of Christine’s «Livre des Trois Vertus»: Exploiting and Rewriting Tradition, in L. Dulac-R. Brown-Grant (eds.), Context and Continuities. Proceedings of the IVth Colloquium on Christine de Pizan, University of Glasgow Press: 671-684.

Rinaldi-Dufresne R., 1990, A Woman of Excellent Character: A Case Study of Dress, Reputation and the Changing costume of Christine de Pizan in the Fifteenth Century, «Dress» 17: 104-117.

Scollen-Jimack Ch., 2005, L’œuvre d’Eustache Deschamps: goûts et aversions, in N. Lacassange-Th. Lassabatère (eds.), Les «Dictez vertueulx» d’Eustache Deschamps. Forme poétique et discours engagé à la fin du Moyen Âge, Paris, PUPS: 215-232.

Slerca A., 2012, Christine de Pizan, Geoffrey Chaucer, Giovanni da Prato et l’allégorèse ornitologique, in D. Buschinger-L. Dulac-C. Le Ninan-Ch. Reno (eds.), Christine de Pizan et son époque. Actes du Colloque International des 9, 10 et 11 décembre 2011 à Amiens, Amiens, Presses du Centre d’Études Médiévales, Université de Picardie-Jules Verne: 190-198.

Thomas A., 1883, Francesco da Barberino et la littérature provençale en Italie au Moyen Âge, Paris, Thorin.

Varty K., 1995, Autour du «Livre des trois Vertus» de Christine de Pizan, in L. Dulac-B. Ribémont (eds.), Une femme de lettres au Moyen Âge. Études autour de Christine de Pizan, Orléans, Paradigme: 161-171.

Notes

1   I miei sinceri ringraziamenti vanno a Liliane Dulac, per i suoi preziosi consigli riguardo alla presente ricerca.

2   Nel suo poema a tonalità misogina, il Miroir de mariage (seconda metà del XIV sec.), Eustache Deschamps accusa fra l’altro la donna di esasperare il proprio coniuge con una continua richiesta di abiti e di ornamenti lussuosi: «Vestemens d’or, de draps de soye, / Couronne, chapel et courroye / De fin or, espingles d’argent» (1893-1903: vv. 1225-1227; cf. Scollen-Jimack 2005).

3   Anche alla «dame de religion» Christine consiglia di evitare vesti troppo «estrainctes et espinglees» (1.2, ch. XIII, Christine 1989: 168).

4   La conoscenza probabile da parte di Christine dell’opera di Francesco da Barberino rafforza l’ipotesi che ho avuto modo di formulare, sia pure in termini dubitativi, circa la sua frequentazione di un testo di Giovanni da Prato, uno scrittore toscano suo contemporaneo, dal titolo Il Paradiso degli Alberti (Slerca 2012).

Auteur

Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search