Version classiqueVersion mobile

« La grâce de montrer son âme dans le vêtement » Scrivere di tessuti, abiti, accessori. Studi in onore di Liana Nissim

 | 
Marco Modenesi
, 
Maria Benedetta Collini
, 
Francesca Paraboschi

Introduzione

Marco Modenesi

Texte intégral

 

«Nous naviguons, ô mes divers / Amis, moi déjà sur la poupe / Vous l’avant fastueux qui coupe / Le flot de foudres et d’hivers».

1Questi versi ci paiono poter felicemente aprire il trittico composto, da più di un centinaio di contributi, in onore di Liana Nissim.

2In primo luogo, perché si tratta della seconda strofa di un componimento che Mallarmé ha scelto di chiamare «Toast», brindisi, e nei brindisi si alzano i calici in onore di un festeggiato – per noi, una festeggiata – di grande riguardo. Questi volumi sono, infatti, uno dei tanti modi di brindare per rendere omaggio ad un’insigne francesista da parte del mondo accademico in cui è prestigiosa figura, a livello nazionale e internazionale (come testimoniano anche l’istituzione dei «Seminari Balmas», la fondazione della rivista «Ponti / Ponts», il titolo di «Officier dans l’Ordre des Palmes Académiques» e la Laurea Honoris Causa conferitale dall’Université Blaise Pascal di Clermont-Ferrand).

3In secondo luogo, perché il poeta, pur distinguendo due diverse posizioni sulla nave che traducono due momenti di un essere, diversi nel tempo, prima di ogni altra cosa, accomuna tutti in un Nous, un collettivo dal quale, proprio come dalla comunità scientifica, non si esce mai, rispetto al quale, se si è ben operato, non è possibile convertirsi (o essere convertiti) in estranei.

4Infine, perché nella metafora del viaggio, antica quanto feconda, ben si raffigura anche l’attività dello studioso; del suo fare ricerca, dell’edificare, con la ricerca, ponti (come significativamente sottolinea il nome della rivista fondata da Liana) fra mondi diversi, fra culture diverse e, prima di ogni altra cosa, fra persone diverse. Persone che, attraverso lo studio letterario, di cui Liana Nissim è certamente Maestra, viaggiando insieme – magari anche solo per brevi tratti, magari senza nemmeno essere pienamente consci di rotte comuni o condivise –, crescono in umanità, nel loro essere donne e uomini, nel senso più pieno.

5Per rendere omaggio a Liana Nissim, le rotte di oltre centoventi donne e uomini di lettere hanno scelto di convergere verso un’area di studio di cui lei è, senza dubbio alcuno, massima esperta. Hanno, quindi, scelto di scrivere di tessuti, abiti, accessori, creando, in tal modo, un’articolatissima composizione, fatta di forme, materiali e colori variegati, cuciti insieme da un filo rosso. L’ampio tessuto variopinto che ne risulta vuole essere il dono, speriamo adeguato, per renderle l’onore che crediamo sinceramente le sia dovuto.

6Certo, «Les honneurs déshonorent, le titre dégrade, la fonction abrutit». Per almeno due volte, nella corrispondenza del gennaio 1879, Flaubert riprende questa sua massima, questi tre assiomi in sequenza folgorante che, come gli amici sanno, la finissima flaubertista che è Liana Nissim conserva da sempre nel suo vastissimo bagaglio culturale e verso i quali non ha mai negato di provare ironica simpatia, se non vera e propria integrale adesione.

7Approfittando, allora, di questa condivisione parziale del pessimismo sociale del romanziere con cui ha di certo maggiormente e più frequentemente convissuto, confidiamo nel fatto che crederà alla sincerità e alla franchezza di ciò che diciamo, quando suggeriamo le ragioni profonde del nostro atto d’omaggio che come tale vogliamo sia letto.

8I saggi che si srotolano nei tre volumi che li raccolgono sono, senza possibilità di esitazione, tributo da parte di quella comunità scientifica cui alludevamo poco prima e in cui convivono, insieme con Liana, colleghi, allievi, amici.

9Una comunità scientifica che ha scelto questa via per esprimere – secondo modi e misure diversi, in accordo con l’individualità di ogni singolo autore – rispetto, stima, riconoscenza, gratitudine e affetto per la studiosa, per la Maestra, per la persona che Liana è; per il suo fare, quindi, ma soprattutto e prima di tutto, per il suo essere.

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search