Version classiqueVersion mobile

Open Access

 | 
Ernest Abadal

2. Riviste scientifiche

Texte intégral

1Come già detto, la pubblicazione in riviste ad accesso aperto è una delle vie (in concreto, la via dorata) per ottenere la libera diffusione del sapere scientifico.

2Le riviste scientifiche furono il primo canale di diffusione della scienza -abbiamo parlato in precedenza delle loro origini nella seconda metà del secolo XVII- e sono ancora il tipo di documento chiave per facilitare la comunicazione di contenuti accademici.

3La comparsa del modello di accesso aperto alle riviste scientifiche non è avvenuta fino agli inizi degli anni’90, con l’invenzione del web. Non è un caso che Jean-Claude Guédon e Stevan Harnad, sostenitori riconosciuti del movimento per l’accesso aperto alla scienza, siano stati i primi a creare, nel 1991, le riviste Surfaces e Psycoloquy, rispettivamente. Entrambi i titoli erano accomunati dalla gratuità dei loro contenuti in Internet mantenendo i copyright per gli autori (così come si sarebbe detto nella dichiarazione di Budapest o in quella di Berlino).

4La comparsa delle riviste create dalla Public Library of Science (PLoS), in particolare la prima di queste PLoS Biology nel 2003, diede un impulso importante e grande visibilità alle riviste ad accesso aperto.

5Altro importante editore ad accesso aperto era BioMedCentral che disponeva di un 200 riviste per un totale di oltre 40.000 articoli pubblicati all’anno (acquisito da Springer, il secondo editore scientifico mondiale, alla fine del 2008).

6A seguire, commenteremo la situazione internazionale e spagnola delle riviste prestando particolare attenzione a quelle edite ad accesso aperto; successivamente definiremo le tipologia di riviste ad accesso aperto; infine, risponderemo ai dubbi che sono stati inculcati riguardo la qualità e la sostenibilità economica.

Situazione internazionale

7Le riviste scientifiche costituiscono un ambito che ha avuto un notevole sviluppo, soprattutto a partire dalla seconda Guerra Mondiale. Ogni disciplina ha i propri titoli specializzati ed esistono anche riviste con carattere multidisciplinare. Si tratta, quindi, di un settore vasto e con tematiche differenti.

8Gli editori tecnico-scientifici costituiscono un settore specifico nel mondo dell’editoria. In inglese sono denominati con la sigla STM, in riferimento ai tre settori che comprendono (scienza, tecnica e medicina). Fino alla comparsa dell’accesso aperto, era un mercato dominato da aziende di commercio e società scientifiche.

9Gli editori commerciali, la cui principale caratteristica è quella di ottenere rendimenti economici, godono di una vasta tradizione nel mercato, visto che alcune case editrici attuali hanno origini risalenti a più di due secoli fa. Per esempio, John Wiley fu fondata nel 1807, sebbene non si sia specializzata nell’ambito scientifico fino agli inizi del XX secolo. Reed Elsevier, uno dei maggiori gruppi di imprese, comprendente l’editoriale Elsevier, fu fondata a Rotterdam nel 1880, prende il suo nome da una famosa famiglia di tipografi olandesi del XVI secolo e comprende anche l’editoriale fondata nel 1894 da Albert Reed.

10Esistono anche numerose società scientifiche che si sono convertite in case editrici di famoso prestigio e notevole influenza. Ci stiamo riferendo alla British Medical Association (che ha creato il gruppo editoriale BMJournals), alla American Psychological Association (APA), che comprende una cinquantina di riviste, alla Institution of Electrical and Electronic Engineers (IEEE), con un centinaio di riviste specializzate in ingegneria e circa 360.000 soci, o alla AMC, tra le altre. Le loro riviste si vendono a prezzi speciali per i soci e per il resto si comportano come editori commerciali.

11A livello aziendale, l’editoria STM si è vista protagonista nei processi di concentrazione e globalizzazione che hanno colpito, specialmente negli ultimi anni, tutti i settori produttivi. Questo ha comportato una diminuzione del numero di editori e attualmente il mercato è dominato da un piccolo numero di aziende nelle cui mani si concentra la maggior parte degli affari (Reed-Elsevier, Springer, Taylor & Francis, Blackwell, ecc.).

12La fonte più completa e affidabile per conoscere il numero di riviste scientifiche che esistono al mondo è la Ulrich’s periodicals directory, sebbene essa contenga alcune lacune e imprecisioni, principalmente per la mancanza di aggiornamento di alcuni dati (in particolare riguardo le riviste eliminate, difficili da rintracciare). Per ciò che concerne strettamente le riviste ad accesso aperto, il repertorio di riferimento è il Directory of Open Access Journals (DOAJ), mantenuto dall’Università di Lund, che include quelle riviste scientifiche che hanno controlli di qualità e che permettono l’accesso libero e gratuito al testo completo.

13Da un punto di vista quantitativo, il numero totale di riviste scientifiche si aggira intorno i 101.000 titoli per tutte le discipline (prendendo in considerazione come fonte Ulrich’s). Per avere una visione un po’più precisa di questo elevato conglomerato di titoli, si può stabilire una divisione in tre zone a seconda del livello di qualità. Tali zone sono:

14a) Elite [19.000]
Le riviste di maggior prestigio e impatto sono quelle che figurano nei due principali databases scientifici: Web of Science (Thomson Reuters) e Scopus (Elsevier). Queste directory selezionate comprendono il contenuto di un piccolo elenco di riviste che soddisfa indicatori di altissima qualità. Nonostante abbiano suscitato diverse critiche, in particolare per la loro tendenza anglosassone e i deficit nelle scienze umane e sociali, sono gli indicatori principali per la valutazione di articoli scientifici. Il numero di riviste che si inseriscono in questo gruppo è tra le 10.000 di Web of Science e le 19.000 di Scopus.

15b) Revisione esterna [19.000-59.000]
La revisione dei contenuti da parte di esperti esterni alla rivista costituisce il fondamento della comunicazione scientifica. Oltre al gruppo precedente, una buona parte di riviste si avvale di questo procedimento per assicurare la qualità dei contenuti. In questa situazione si trovano 40.000 titoli che non si trovano indicizzati in nessuno degli indici precedenti.

16c) Senza revisione esterna [59.000-101.000]
In questo gruppo ci sono quelle riviste che diffondono contenuti scientifici, alle volte più con spirito di divulgazione che non di ricerca, ma che non hanno definito un sistema di revisione degli originali da parte di esperti. Si tratta di un gruppo molto vasto che include le 42.000 riviste rimanenti.

17Il numero di riviste ad accesso aperto si aggira intorno i 10.000 titoli (secondo il DOAJ) e i 14.000 (secondo Ulrich’s), che rappresenta il 14% del totale delle riviste accademiche che si pubblicano (le 101.000 che compongono la piramide).

18Le prime posizioni per paese, come possiamo vedere dalla tabella 2 sono occupate dagli USA, seguiti da Brasile, India, Gran Bretagna e Spagna. La presenza di due stati emergenti, come Brasile e India (e Turchia all’11 posto), non è casuale e si spiega con la notevole spinta che si sta dando alla comunicazione scientifica e all’accesso aperto. L’Italia si trova al nono posto.

Figura 4. Distribuzione delle riviste scientifiche.

Figura 4. Distribuzione delle riviste scientifiche.

19Allo stesso tempo è opportuno evidenziare il progetto SCOAP3 (Sponsoring Consortium for Open Access in Particle Physics Publishing), un consorzio di centri di ricerca, enti di finanziamento e biblioteche che propone un modello economico per trasformare in open access tutte le riviste scientifiche del settore della fisica delle particelle. Il modello è composto da biblioteche che hanno abbonamenti alle riviste di questa disciplina e che, insieme ad enti di aiuto alla ricerca, finanziano le case editrici affinché pubblichino le riviste e le distribuiscano gratuitamente e senza costi per gli autori. Al momento già contano su numerosi sostegni in tutto il mondo e soprattutto negli USA.

Tabella 2 Principali paesi editori di riviste ad accesso aperto (2013).

Tabella 2 Principali paesi editori di riviste ad accesso aperto (2013).

Fonte: DOAJ

Situazione in Italia

20Il panorama delle riviste italiane ad accesso aperto è assai variegato. In mancanza di dati ufficiali di carattere nazionale occorre far riferimento alla Directory of Open Access Journals (DOAJ) che colloca l’Italia, come già si è indicato, al nono posto nella classifica mondiale dei paesi che pubblicano periodici ad accesso aperto.

21Nello specifico, il repertorio elenca complessivamente, ad agosto 2013, 283 titoli editi in Italia e di questi risultano essere ben 60 quelli che hanno iniziato la pubblicazione proprio nell’anno 2013. Dal punto di vista diacronico si osserva una crescita molto significativa (figura 5) se si considera che i primi periodici indicizzati da DOAJ risalgono al 2003 (appena 3 titoli) e che nel 2008 le riviste italiane presenti nel repertorio erano solo 67 (figura 6).

Figura 5. Numero dei titoli italiani aggiunti in DOAJ per anno.

Figura 5. Numero dei titoli italiani aggiunti in DOAJ per anno.

22Dall’analisi dei dati bibliografici dei titoli italiani elencati nel repertorio risulta una prevalenza di periodici multilingue, molto spesso con un comitato editoriale internazionale. Emerge anche una predominanza di impiego del software Open Journal System e l’adozione da parte di numerose riviste italiane OA di licenze Creative Commons.

23Risulta inoltre che la gran parte delle riviste italiane ad accesso aperto è pubblicata dalle università (a mezzo delle case editrici universitarie) o da singoli dipartimenti, ovvero con il contributo finanziario di fondi universitari. A questo riguardo meritano di essere segnalate in particolare l’Università di Firenze, l’Università di Bologna, l’Università del Salento e l’Università di Milano. Alcune riviste sono pubblicate da centri di ricerca (il CNR, l’Istituto universitario europeo) o da società professionali (quali ad esempio la Società speleologica italiana, la Società italiana di pediatria). Dal punto di vista disciplinare si tratta di titoli che appartengono in prevalenza al segmento HSS (Humanities and Social Sciences ). Tra queste ricordiamo in particolare nell’ambito del settore LIS (Library & Information Science) JLIS. it, la rivista ad accesso aperto dedicata alla biblioteconomia e alle discipline correlate lanciata nel 2010, diretta da Mauro Guerrini ed edita dall’Università di Firenze. Sempre nel 2010 sono state lanciate in Italia, ad opera dei consorzi interuniversitari CILEA e CASPUR, due piattaforme per la pubblicazione di riviste Open Access. Si tratta di LEO (Letteratura Elettronica Online) mantenuta dal CILEA e di CASPUR-CIBER Publishing Pubblicazioni Ecosostenibili.

Figura 6. Numero totale dei titoli italiani in DOAJ (2008-2012).

Figura 6. Numero totale dei titoli italiani in DOAJ (2008-2012).

Situazione in Spagna

24In Spagna il numero di riviste accademiche ad accesso aperto (506 nel DOAJ e 701 nell’Ulrich’s) rappresenta il 29% del totale di riviste scientifiche (che sono secondo Ulrich’s, 2405), una cifra che raddoppia la percentuale internazionale indicata prima.

25Questa proporzione maggiore può essere speigata partendo dalle origini delle aziende editoriali. A differenza di ciò che accade nei mercati avanzati (come gli Stati Uniti, il Regno Unito, i Paesi Bassi o la Germania) il numero di editori commerciali in Spagna è meno di un quarto del totale di titoli presenti. I rimanenti tre quarti sono formati da case editrici senza scopo di lucro dipendenti da università, centri pubblici di ricerca, società scientifiche e associazioni e collegi professionali, che si sposano alla perfezione con la filosofia del movimento e che si sono orientati con una certa rapidità verso questo modello.

Tipologia

26Per quanto riguarda la tipologia di riviste ad accesso aperto, Melero e Abad (2008) distinguono i seguenti modelli:

1) Libera e gratuita per lettori e autori

27Permettono non solo il libero accesso (gratis) ma anche il riutilizzo e la diffusione (liberi) dei contenuti. Questo è il caso della maggior parte delle riviste ad accesso aperto e ovviamente si tratta della situazione più opportuna. In questa modalità, i costi sono direttamente ed interamente a carico dell’editore per il quale la diffusione dei contenuti prevale rispetto al beneficio economico e che funge da patrocinante. Come si può dedurre facilmente, questi editori sono in genere collegati con il settore pubblico (facoltà e dipartimenti universitari, centri di ricerca o qualsiasi altro tipo di enti pubblici) anche se possiamo incontrare casi di alcune società scientifiche. Le riviste solitamente sono dell’ambito delle scienze umane e sociali.

2) Pagamento per la pubblicazione (a carico dell’autore)

28In questo caso non esiste alcuna sovvenzione pubblica o patrocinio e i costi editoriali ricadono direttamente sull’autore, che deve pagare delle tasse per la pubblicazione. Alcuni esperti ritengono che questo sia l’unico modello economico contrapponibile e equiparabile al modello commerciale. E’molto frequente in riviste di scienze della salute (quelle del BioMedCentral o PLoS, per citare le più famose).

29Il costo per la pubblicazione di un articolo è variabile e può oscillare tra i 600 e i 2500 euro, in funzione della rivista e di alcune caratteristiche dell’articolo. Si tratta di una quantità che, in pratica, l’autore non paga direttamente di tasca propria, ma utilizzando risorse provenienti da progetti di ricerca, la maggior parte dei quali dispongono di elementi specifici per la pubblicazione. In altri casi, queste tasse di pubblicazione sono a carico diretto dell’istituzione di cui fa parte l’autore. Bisogna tenere conto che man mano che il numero di riviste di accesso aperto aumenta, le loro biblioteche potranno risparmiare una parte del presupposto pagato per gli abbonamenti.

3) Pagamento per la pubblicazione in riviste commerciali (modello ibrido)

30E’simile al caso precedente (l’autore paga) e la differenza sta nel fatto che si tratta di articoli inseriti in concreto in riviste commerciali (che richedono, quindi, un pagamento per la sottoscrizione). In questo modo coesistono per gli abbonati articoli aperti e articoli “chiusi”. Normalmente è richiesto all’autore il pagamento di un importo.

31Una delle prime case editrici che si adattò a questo modello ibrido fu Springer, con l’opzione Open Choice offerta nelle sue riviste che permette agli autori interessati di pubblicare in open access e, in questo modo, raggiungere un pubblico più vasto e soddisfare i requisiti di bandi di ricerca che richiedono la diffusione aperta. In Spagna, la rivista El profesional de la información, offre questa stessa possibilità.

4) Accesso gratuito

32In questo paragrafo si includono le riviste commerciali (con abbonamento a pagamento, quindi) che offrono accesso gratuito ai loro contenuti anche se non in modo immediato. Questi periodi di attesa sono molto incerti (da sei mesi a tre anni) anche se stanno riducendosi in maniera progressiva. Un esempio ci è offerto dal prestigioso New England Journal of Medicine, che permetto l’accesso ai contenuti sei mesi dopo la loro pubblicazione.

33In questo caso si eliminano gli ostacoli economici, visto che le riviste offrono accesso gratuito (free), ma, in cambio, non si tratta di accesso libero, perché a differenzia dei tre modelli precedenti, l’utente non ha la possibilità di copiare, distribuire o rendere pubblici i contenuti dato che non esiste nessun trasferimento dei diritti di utilizzo.

Le riviste ad accesso aperto possono ottenere buoni livelli di qualità ed essere economicamente sostenibili?
Riguardo la qualità
I dubbi sulla competitività o il riconoscimento esterno della qualità e dell’impatto nelle riviste ad accesso aperto sono stati fatti circolare tra gli autori per screditare o sottovalutare la loro effettività.
La realtà, ad ogni modo, elimina qualsiasi dubbio al riguardo. Le riviste di libero accesso rappresentano in questo momento il 12% del totale dei titoli esistenti e seguono gli stessi standard di qualità per ottenere il massimo riconoscimento e prestigio. Così per esempio, molte delle riviste del PLoS o del BioMedCentral hanno fattori di impatto che le pongono in cima alle loro categorie tematiche e lo stesso si può dire per la The New Journal of Physics, pubblicata dall’Institute of Physics, che detiene uno dei fattori di impatto più alti nel suo ambito.
Nell’Ulrich’s ci sono 1.102 riviste ad acceso aperto incluse nella Web of Science, il che significherebbe il 10% del totale di questo database (10.762 riviste, secondo lo stesso Ulrich’s).
Riguardo la sostenibilità economica
Come si possono finanziare le riviste con il modello ad accesso aperto? Questo è un altro dei dubbi che si stanno spargendo, soprattutto ad opera degli editori commerciali. La sostenibilità economica, ossia lo stabilimento di forti flussi di entrate che consentano di sostenere i costi editoriali, gli sviluppi tecnologici delle piattaforme digitali, ecc., è una delle sfide principali delle riviste ad accesso aperto al giorno d’oggi. È così e bisogna ammetterlo.
Questo nuovo tipo di attività ha due caratteristiche distintive. Da una parte, i diritti di utilizzo sono conservati dall’autore, e dall’altra, le entrate provenienti dagli abbonamenti sono sostituite da altri mezzi di finanziamento.
Nonostante tutto, la domanda centrale resta quali siano queste fonti e la loro redditività.
I mezzi principali per ottenere introiti sono i pagamenti per la pubblicazione di originali (già spiegato precedentemente), i ricavi da inserzioni, le sovvenzioni esterne, le donazioni, gli sponsor, i finanziamenti pubblici (frequenti nelle scienze umane e sociali) o la pubblicità. Bisogna anche prestare attenzione al progetto SCOAP3, basato sul finanziamento da parte di biblioteche ed enti di aiuto alla ricerca, e che, nonostante riguardi una sola disciplina, può servire come modello per altri settori.
Partendo da qui si sono potute consolidare diverse iniziative che potranno servire da modello per quelle che vorranno aggiungersi in futuro.

Table des illustrations

Titre Figura 4. Distribuzione delle riviste scientifiche.
URL http://books.openedition.org/ledizioni/docannexe/image/567/img-1.jpg
Fichier image/jpeg, 68k
Titre Tabella 2 Principali paesi editori di riviste ad accesso aperto (2013).
Crédits Fonte: DOAJ
URL http://books.openedition.org/ledizioni/docannexe/image/567/img-2.jpg
Fichier image/jpeg, 80k
Titre Figura 5. Numero dei titoli italiani aggiunti in DOAJ per anno.
URL http://books.openedition.org/ledizioni/docannexe/image/567/img-3.jpg
Fichier image/jpeg, 60k
Titre Figura 6. Numero totale dei titoli italiani in DOAJ (2008-2012).
URL http://books.openedition.org/ledizioni/docannexe/image/567/img-4.jpg
Fichier image/jpeg, 73k

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search