Version classiqueVersion mobile

Franco Fortini e le istituzioni letterarie

 | 
Gianni Turchetta
, 
Edoardo Esposito

Lunga la poesia, lungo l’errore. Su I poeti del Novecento di Franco Fortini

Donatello Santarone

Texte intégral

  • 1 Carlo Muscetta, Saba triestino d’Europa, in Umberto Saba, Antologia del “Canzoniere”, Torino, Eina (...)
  • 2 Franco Fortini, Tutte le poesie, a cura di Luca Lenzini, Milano, Mondadori, 2014, p. 513.

1I poeti del Novecento è un concentrato di moltissime cose. Si tratta di un libro, vero e proprio gioiello di storiografia letteraria, che Fortini scrisse su commissione. Fu Carlo Muscetta a volerlo e ad insistere perché fosse riservata, ad esempio, la giusta rilevanza a poeti come Umberto Saba. Lo stesso Muscetta, il quale ha riconosciuto con il tempo, come Fortini, la grandezza del poeta triestino, lo ricorda nell’introduzione ad una sua scelta del Canzoniere: “Se devo esser sincero, proprio di questa grandezza non ero del tutto convinto. E non ero certo il solo. Ho dovuto leggere e rileggere il Canzoniere decine di volte, come ho fatto solo per Petrarca, Baudelaire, Leopardi, Belli. Poi me ne sono a tal punto persuaso, che per la Letteratura italiana di Laterza non avrei affidato il capitolo sulla poesia del Novecento a Franco Fortini, se egli non mi avesse dato garanzie di parlarne come poi ha fatto: innanzi tutto smettendo la convenzione triadica (Ungaretti, Montale, Saba) ripetitiva e sbagliata non meno dell’altra (Carducci, Pascoli, D’Annunzio), e poi liquidando i pregiudizi critici correnti e costanti a deprimere Saba”.1 Fortini ha compreso Saba progressivamente fino a coglierne la profondità e la ricchezza e a dedicare al poeta triestino in Composita solvantur un ritratto di sofferto riconoscimento: “riconosco/con lo stupore di chi vede il vero/lunga la poesia, lungo l’errore”.2

  • 3 Andrea Zanzotto, Scritti sulla letteratura, Milano, Mondadori, 2001, II, pp. 409-410.

2Fortini amava la poesia con una passione che si intrecciava con le sue posizioni storico-politche e con la sua sensibilità alle questioni linguistiche e metriche. Questo va sempre ricordato anche quando lo vediamo polemizzare contro la religione della poesia, la “panpoesia” del partito dei poeti. Perché Fortini era un autentico poeta e con il trascorrere dei decenni la sua opera si è affermata tra le maggiori della poesia europea del secondo dopoguerra. Andrea Zanzotto ha scritto su questo delle parole importanti in occasione della pubblicazione di Composita solvantur: «Anche per Fortini credo che in ultima analisi la poesia fosse spudoratamente libera e “cosa in sé”, anche nel suo stesso verificarsi e vanificarsi come ludus. Pur sullo sfondo di dolorose consapevolezze e di convinzioni tenacemente “rimorse”, egli pure l’accoglie come particolare modo dell’immediato e del vero che “adveniunt” nel vortice della realtà».3

  • 4 Franco Fortini, Questioni di frontiera, Torino, Einaudi, 1977, p. 148.

3I poeti del Novecento va messo in rapporto con un altro libro di Fortini che uscì nello stesso anno, nel 1977, una raccolta di saggi di politica e letteratura dal titolo, molto fortiniano, Questioni di frontiera. Nel libro vi sono alcune riflessioni che aiutano a capire il metodo di indagine che Fortini utilizza nell’approccio ai poeti del Novecento. «Come per Hegel la vita può mantenersi solo in prossimità della morte, così il discorso poetico può mantenersi solo se accetta la propria continua contestazione compiuta dal discorso extrapoetico ossia con la lettura comunicativa-pratica».4 Questioni di frontiera è attraversato da questa tensione, da questi cortocircuiti che Fortini sapeva magistralmente attivare anche quando parlava di un verso della Gerusalemme liberata e confrontava Tasso con i poeti contemporanei, con le guerre di religione, con i temi dell’intercultura, dell’alterità, insomma un mare magnum di profondità e bellezza.

  • 5 Franco Fortini, Un giorno o l’altro, a cura di Marianna Marrucci e Valentina Tinacci, introduzione (...)

4Un altro aspetto importante è la funzione pedagogica di questo libro e la funzione che Fortini assegnava alla poesia: che oltre a una funzione estetica, un ludus, come dice Andrea Zanzotto, doveva avere anche una funzione pratico-conoscitiva e educativa. «Volevo dire che proprio della parola poetica è rivolgersi a tutto l’uomo, non all’uomo “poetico”, di essere una allegoria di totalità che parla a una totalità. […] È assolutamente giusto che il lettore legga certe parole e certi nessi (“luna”, “pace”, “selva oscura”, “spoglia immemore”…) con un immediato confronto alle lune, alle paci, alle selve e alle spoglie della propria esperienza, riprendendo l’antico e sacrosanto principio schilleriano per cui l’“educazione estetica” dell’uomo è “educazione mediante l’arte” non “educazione a capire l’arte”».5

5In Fortini c’è una raffinatissima sensibilità metrico-linguistica presente in molte singole note ai testi, concentrato di analisi stilistica, introspezione psicologica e analisi sociologica. A Fortini interessa il poeta al di là delle correnti letterarie, delle riviste, delle consorterie, interessa penetrare dentro Montale o Saba. Non è senza significato che i due critici più citati in questo libro siano Gianfranco Contini e Giacomo Debenedetti.

  • 6 Franco Fortini, I poeti del Novecento, Roma, Donzelli, 2017, p. 99.

6C’è poi una “funzione Brecht” nel Fortini poeta e critico, oltreché naturalmente traduttore del poeta tedesco, rispetto alla concezione dell’arte e della poesia, ripresa più che da Benjamin proprio da Brecht. Tra parentesi, ne I poeti del Novecento Brecht viene ricordato quando si parla di Vincenzo Cardarelli: «Per quanto possa parere paradossale, ci sono testi di Cardarelli (come, ad esempio, la poesia A Omar Kayyam) che nel loro ritmo razionale e morale è possibile persino facciano venire in mente talune liriche, in metro aperto, di un Brecht; non fosse che il colore di fondo resta quello della sconsolatezza decadente (ma anche in Brecht, spesso…)».6

  • 7 Franco Fortini, Introduzione a Profezie e realtà del nostro secolo, Bari, Laterza, 1965, p.VII.
  • 8 Franco Fortini, Prefazione, a B. Brecht, Storie da calendario, Torino, Einaudi, 1972 (prima ed. 19 (...)

7Ma Brecht è presente sottotraccia nel rapporto tra specialismo e non specialismo («amo la serietà dello specialismo senza credere nell’ideologia dello specialismo»7), tra poeta e non poeta: un esempio è nella poesia Leggenda sull’origine del libro Taoteking dettato da Laotse sulla via dell’emigrazione, che Fortini definisce «forse la più perfetta lirica di Brecht, divenuta giustamente famosa anche per un commento che le dedicò, subito dopo la sua prima pubblicazione, il critico Walter Benjamin».8 Il testo racconta di un incontro tra Laotse, padre del taoismo, e un povero gabelliere che vuole condividere il sapere del maestro. È il cuore del componimento che Brecht condensa nell’ultima strofa:

Ma non solo al Saggio si dia lode
che sul libro col suo nome splende!
Ché strappargliela si deve, prima, al Saggio la saggezza.
Anche sia grazie dunque al gabelliere
che la seppe volere.

  • 9 Ibidem.

8E così commenta Fortini, quasi parlando di sé e della sua idea di poesia: «l’essenza medesima del poemetto [è nel] nesso fra sapienza aristocratica e sapienza umile: è, naturalmente, anche una poetica e un’etica. La poetica del “mandato sociale” per cui il non-poeta è l’indispensabile collaboratore del poeta; è l’etica dell’uomo che è di aiuto all’uomo».9

  • 10 Fortini, I poeti del Novecento, cit., p. 142.

9Questa poesia “cinese” di Brecht richiama tanta parte della produzione di Fortini che con la Cina ha sempre avuto un rapporto di forte interesse. Ricordo nel 1956 la pubblicazione presso Einaudi del primo importante reportage sulla Cina di Mao, Asia Maggiore. Viaggio nella Cina, frutto di un viaggio compiuto nell’ottobre 1955 con una delegazione che comprendeva Norberto Bobbio, Carlo Cassola, Piero Calamandrei, Ernesto Treccani, Carlo Bernari, Antonello Trombadori, Cesare Musatti e altre personalità di primo piano della cultura e della politica. Un libro che si rivolgeva ad un pubblico italiano pressoché digiuno di conoscenze sulla Cina socialista (e sulla sua letteratura: fu allora che Fortini scoprì Lu Xun) e che si interrogava quindi principalmente su di noi e sulla possibilità di intraprendere un cambiamento in senso socialista del nostro paese. La dimensione internazionale è d’altronde una delle componenti centrali in Fortini, uno dei pochi letterati del secondo Novecento che assume l’orizzonte mondiale per leggere il particolare, il presente, il qui-e-ora e per leggere la poesia, anche la poesia lirica, anche la poesia apparentemente priva di storia, squisitamente lirica, che egli collega alla dimensione storica, umana, politica. «I riferimenti espliciti al nazismo (ad esempio) nella lirica di Montale, dal momento in cui appaiono, alterano la portata e il valore tonale di stilemi e di modi che il poeta ha fissati nella sua opera antecedente e che continua a impiegare. Le apparizioni “storiche” modificano il senso di quelle “non storiche” o di “altra storia”».10

  • 11 Ivi, p. 247.

10Un’altra particolarità di questa antologia poetica è il rilievo dato alla canzone come forma espressiva dotata di una sua specifica “poeticità”, nel senso che molti temi e stilemi della poesia “tradizionale” entrano, trasformati anche in virtù della musica, nei nuovi cantautori o cantastorie che dagli anni Sessanta occupano la scena musicale italiana e internazionale. Dalla canzone di protesta di Ivan Della Mea e del Canzoniere Italiano a Giorgio Gaber, da Brassens a Bob Dylan, al quale non senza ragione è stato conferito nel 2016 il Premio Nobel per la Letteratura. «Lo spessore culturale raggiunto da questi testi – scrive Fortini – è ormai inseparabile da quello delle ricerche della poesia “vestita da poesia”».11 Non era scontato che in un’antologia di poesia italiana del Novecento Fortini facesse questa apertura verso altri linguaggi poetici come quello della canzone d’autore. E probabilmente questo deriva anche da una vicenda biografica dell’autore che nel corso dei decenni ha scritto anche canzoni, tra le quali ricordiamo solo Quella cosa in Lombardia, musicata da Fiorenzo Carpi e cantata, tra gli altri, da Enzo Jannacci e Laura Betti. Fortini partecipa ad una interessante stagione della riproposta della canzone sociale, politica e popolare italiana.

  • 12 Ivi, p. 187.

11Tutta l’antologia è, inoltre, puntellata da innumerevoli note a piè di pagina, veri e propri micro commenti stilistico-storici condensati in poche righe. E proprio la formula della Letteratura italiana di Laterza veniva incontro, con il suo intreccio di “storia e testi”, alla attenzione di Fortini al dettaglio poetico – secondo il precetto di Hegel per il quale «l’arte ama indugiare nel particolare» – dove poteva intrecciare le due più grandi qualità del saggista: parlare di un verso e, nello stesso tempo, alludere ad altro in una inesauribile dialettica di particolare e universale, di parole e langue. Un esempio di questa attitudine è nel commento a piè di pagina alla poesia La spiaggia di Sereni nella quale ad un certo punto si dice che i morti parleranno, avranno voce. Così commenta Fortini: «La voce del mare assicura il poeta che gli scomparsi e coloro che finora non hanno parlato, avranno la parola (e anche il foscoliano “e tutta narrerà la tomba”). La parola dei condannati storici al mutismo (popoli, classi) fa tutt’uno con quella del poeta stesso che con questa poesia si rassicura nel suo bisogno (e dovere) di parole autentiche. La ripetizione è conferma di identità e scatto al suo superamento. I morti sono quella parte di realtà sua e nostra che non ha avuto esistenza, coloro “qui n’ont jamais vecu”, come scrisse Baudelaire. Ma essi, i distanti, i lontani, gli avvenire, insomma i vendicatori, parleranno. La poesia di Sereni è un implacabile consiglio di prudenza: e il punto in cui una discrezione di conservatore si tramuta in un sottile, aguzzo e quasi inconfessato appello alla trasformazione radicale».12

Notes

1 Carlo Muscetta, Saba triestino d’Europa, in Umberto Saba, Antologia del “Canzoniere”, Torino, Einaudi, 1987, p. VI.

2 Franco Fortini, Tutte le poesie, a cura di Luca Lenzini, Milano, Mondadori, 2014, p. 513.

3 Andrea Zanzotto, Scritti sulla letteratura, Milano, Mondadori, 2001, II, pp. 409-410.

4 Franco Fortini, Questioni di frontiera, Torino, Einaudi, 1977, p. 148.

5 Franco Fortini, Un giorno o l’altro, a cura di Marianna Marrucci e Valentina Tinacci, introduzione di Romano Luperini, Macerata, Quodlibet, 2006, p. 256.

6 Franco Fortini, I poeti del Novecento, Roma, Donzelli, 2017, p. 99.

7 Franco Fortini, Introduzione a Profezie e realtà del nostro secolo, Bari, Laterza, 1965, p.VII.

8 Franco Fortini, Prefazione, a B. Brecht, Storie da calendario, Torino, Einaudi, 1972 (prima ed. 1959), pp. X-XII.

9 Ibidem.

10 Fortini, I poeti del Novecento, cit., p. 142.

11 Ivi, p. 247.

12 Ivi, p. 187.

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search