Version classiqueVersion mobile

Franco Fortini e le istituzioni letterarie

 | 
Gianni Turchetta
, 
Edoardo Esposito

Appendice

Texte intégral

1Fra le “istituzioni” cui è lungamente andato l’impegno di Fortini e di cui si desiderava, pur senza pretese di esaustività, dare conto in questo volume, una manca invece programmaticamente e si direbbe – stando alla frequentazione e all’attenzione critica che si riscontra invece nel suo lavoro – paradossalmente: la traduzione. A questo problema è stato infatti interamente dedicato uno dei convegni che hanno inteso celebrare il centenario della nascita di Fortini, quello senese tenutosi nel novembre 2017, e ad esso (ne stanno comparendo gli Atti) è sembrato opportuno rinviare.

  • 1 Originariamente: Franco Fortini, I poeti del Novecento, Bari, Laterza 1977 (LIL 63). Ora: Franco F (...)
  • 2 Luca Daino, La gioia di conoscere. I pareri editoriali di Franco Fortini per Mondadori, introduzio (...)

2Di una presentazione che si è invece tenuta nel corso delle giornate milanesi diamo qui notizia attraverso l’intervento di Donatello Santarone, curatore della nuova edizione dell’esaurito da tempo Poeti del Novecento,1 valendoci al tempo stesso del materiale che è stato messo in luce dal lavoro di Luca Daino presso l’archivio della Fondazione Mondadori e che è ora consegnato al volume La gioia di conoscere. I pareri editoriali di Franco Fortini per Mondadori.2 Si ripercorre infatti, nella ricerca di Daino, un tratto non marginale del rapporto di Fortini con la casa di Arnoldo e poi con quella di Alberto Mondadori, quello di una collaborazione a più livelli che, a partire dal 1958, si viene progressivamente a stabilire e a consolidare e che, per i suoi caratteri e la sua durata assume i tratti di un impiego vero e proprio, non solo perché – come Fortini stesso ha ricordato nelle famose pagine di Verifica dei poteri, l’arruolamento degli intellettuali fra le forze dell’industria culturale è in fondo inevitabile – ma anche in forza di una implicita deontologia professionale dell’autore, che qualifica questa collaborazione per l’impegno e la serietà con cui è stata condotta.

  • 3 Franco Fortini, Questo muro, Milano, Mondadori, 1973.
  • 4 Il ‘parere’ è datato 26/10/1972: FAAM, AME, Segreteria editoriale autori italiani, 15/137.
  • 5 Parere datato 8/11/1972, ivi.

3Non mancano inoltre, nel materiale della Fondazione, testimonianze e ipotesi di pubblicazione del lavoro dello stesso Fortini. Troviamo ad esempio, nel ’62 e ’63, la richiesta che gli viene fatta del testo di Sere in Valdossola per la collana di nuova costituzione “Il Tornasole”, cui Vittorio Sereni dà l’avvio insieme con Niccolò Gallo, e nel ’71 la testimonianza di una nuova ipotesi editoriale, che alle Sere unisca I cani del Sinai, già edito da De Donato, insieme con un ulteriore testo da precisare. Per quanto riguarda invece la preparazione di Questo muro,3 si possono leggere interessanti pareri di lettura di Giuseppe Pontiggia (che conclude osservando che «l’irto ideologismo di Fortini, spesso irrisolto sul piano espressivo, qui cede spesso a una maggiore varietà di temi e di atteggiamenti, a una disponibilità più umana e indifesa»4), e di Marco Forti, che sottolinea rispetto alle già note poesie dell’autore una «maggiore articolazione, una maggior varietà di toni, di modi, direi anche di approcci alla realtà del linguaggio» e che rileva come proprio «Dalla giustapposizione, l’alternanza, l’abbandono o la ripresa di questi suoi diversi toni, Fortini si connoterà nella sua interezza. Ora autentico, lucido e commosso nei suoi diversi registri; e ora imperdonabilmente manierato, letterato e professorale. […] per averlo intero, dovremo prenderlo con i suoi pregi, vizi e contraddizioni, fino a cogliere la sua autenticità, difficile, prima di tutti, con se stesso».5

  • 6 Marco Forti, I poeti del Novecento, «Paragone», dicembre 1977, pp. 116-122.

4Di Marco Forti si ricorderà che nel ’77 esce su «Paragone» una recensione ai Poeti del Novecento alquanto critica sull’impostazione del volume,6 che non avrebbe messo in evidenza l’importanza dei ‘crepuscolari’ e che, individuando nel Porto sepolto il vero momento di ‘decollo’ della poesia del Novecento riduceva però Ungaretti alla dimensione prettamente ‘ermetica’, separandolo nettamente dall’esistenzialismo montaliano. Forti rimproverava in generale a Fortini di sconvolgere un panorama critico largamente riconosciuto, mostrandosi «critico di studiata parzialità», poco disposto a riconoscere l’importanza della «parabola dei significanti in rapporto all’intera linea novecentesca», così da sopravvalutare un poeta come Noventa e da ‘schiacciare’ troppo un autore come Zanzotto, proprio per gli aspetti linguistici, «verso la stagione delle neoavanguardie degli anni ’60». Ed ecco che una lettera che troviamo riprodotta proprio nel volume di Daino documenta la risposta di Fortini in proposito:

  • 7 FAAM, Archivio Marco Forti, b. 10, fasc, 236, lettera del 13 aprile 1978; riprodotta in Luca Daino (...)

Caro Forti, grazie degli estratti. E della costante attenzione. Quello su “Paragone”, anche perché più “in terris tuis” mi è parso interessantissimo e ricco di osservazioni da ritenere. Delle deficienze bibliografiche mi riconosco apertamente colpevole. Della omissione di Gozzano, Palazzeschi e c., come pure di alcune partizioni è responsabile la direzione della LIST, (e la mia incapacità, o l’impossibilità oggettiva, di conciliare lo schema a medaglioni e la fluenza di una – la sola necessaria – storia del linguaggio poetico). Non colpevole invece mi considero per la tesi centrale (che, a quel che vedo, rifiuti, stabilendo un altro ‘asse’) che rifiuta essa di privilegiare qualsiasi asse o linea dominante, sia perché lo ritiene inverificabile se non a prezzo di acrobazie sia perché le linee sono sempre almeno due (vedi anche il mio intervento al Turati).7

  • 8 Pier Vincenzo Mengaldo, Fortini e i «Poeti del Novecento», «Nuovi Argomenti, gennaio-marzo 1979, p (...)

5Un altro importante intervento sul libro di Fortini, quello di Pier Vincenzo Mengaldo uscito originariamente su «Nuovi Argomenti» nel ’798, è ora posto a prefazione della nuova edizione dei Poeti del Novecento, e di questa ci parla qui di séguito Donatello Santarone.

e.e.

Notes

1 Originariamente: Franco Fortini, I poeti del Novecento, Bari, Laterza 1977 (LIL 63). Ora: Franco Fortini, I poeti del Novecento, a cura di Donatello Santarone, con un saggio introduttivo di Pier Vincenzo Mengaldo, Roma, Donzelli Editore, 2017.

2 Luca Daino, La gioia di conoscere. I pareri editoriali di Franco Fortini per Mondadori, introduzione di Edoardo Esposito, Milano, Fondazione Arnoldo e Alberto Mondadori, 2017.

3 Franco Fortini, Questo muro, Milano, Mondadori, 1973.

4 Il ‘parere’ è datato 26/10/1972: FAAM, AME, Segreteria editoriale autori italiani, 15/137.

5 Parere datato 8/11/1972, ivi.

6 Marco Forti, I poeti del Novecento, «Paragone», dicembre 1977, pp. 116-122.

7 FAAM, Archivio Marco Forti, b. 10, fasc, 236, lettera del 13 aprile 1978; riprodotta in Luca Daino, La gioia di conoscere cit., p. 8.

8 Pier Vincenzo Mengaldo, Fortini e i «Poeti del Novecento», «Nuovi Argomenti, gennaio-marzo 1979, pp. 159-177.

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search