Version classiqueVersion mobile

Franco Fortini e le istituzioni letterarie

 | 
Gianni Turchetta
, 
Edoardo Esposito

Fortini attraverso Vittorini: dal «Politecnico» al «Menabò»1

Paolo Jachia

Texte intégral

Introduzione

  • 1 Il mio titolo richiama Attraverso Pasolini di Fortini. Vale dunque anche per questa mia ricostruzi (...)
  • 2 Edoardo Esposito, Elio Vittorini. Scrittura e utopia, Roma, Donzelli, 2011, p. 181, cui si rimanda (...)
  • 3 Elio Vittorini, Conversazione in Sicilia, in Id., Opere narrative, a cura e con Prefazione di Mari (...)

1Per comprendere il rapporto tra Fortini e Vittorini rispetto al «Politecnico» e al «Menabò», le ultime riviste «di dibattito del Novecento italiano»,2 credo opportuno iniziare da una frase di Vittorini che è, a mio avviso, il motivo per il quale Fortini e Vittorini s’incontrano e dopo poco si allontanano: «Il mondo è grande ed è bello, ma è molto offeso. Tutti soffrono, ognuno per se stesso, ma non soffrono per il mondo che è offeso e così il mondo continua ad essere offeso (...) E hai detto... che io scrivo sui dolori del mondo offeso? (...) Bene, al nostro amico puoi dirglielo. Digli che come un eremita antico io trascorro qui i miei giorni su queste carte e che scrivo la storia del mondo offeso».3

2Se questo comune sentire il «mondo offeso» è il motivo dell’incontro tra Fortini e Vittorini (è Fortini che cerca Vittorini ma è Vittorini che sceglie Fortini e lo preciseremo), quando e come Fortini comincia a percepire la sua distanza, sul piano letterario e ideologico e sociale, da Vittorini?

  • 4 Franco Fortini, Dieci inverni 1947-1957 Contributi a un discorso socialista, (I ed. 1957), II ed., (...)

3Io credo sia già all’altezza di «Politecnico», anche se la distanza non era ancora marcata in termini di piena consapevolezza umana e ideologica come lo sarà invece da lì a poco: «La verità è che ora Vittorini la politica lascia ormai che la facciamo gli altri e che il mondo offeso se la sbrighi da sé».4

  • 5 Parleremo di seguito di Vittorini, Fortini e del « Politecnico». Intanto qui ricordiamo che « Il M (...)

4La frase, del 1951, ovvero dopo la chiusura del «Politecnico» (dicembre 1947) e l’abbandono del PCI da parte di Vittorini, è sì una lapide ma anche una dichiarazione d’amore e di un amore deluso. E della sua radice: «ll mondo offeso». Dunque, nel precisarsi e approfondirsi filosofico-politico e letterario di Fortini, viene anche definirsi la distanza non solo rispetto al Vittorini del «Politecnico» ma più ancora rispetto a quello del «Menabò».5

  • 6 Elio Vittorini, Gli anni del « Politecnico». Lettere 1945-1951, a cura Carlo Minoia, Torino, Einau (...)
  • 7 Franco Fortini, Un dialogo ininterrotto. Interviste 1952-1994, a cura di Velio Abati, Torino, Bori (...)
  • 8 Vittorini è oggetto di una trentina di scritti di Fortini dal 1943 al 1993 ; per un approfondiment (...)

5Vittorini però per Fortini non è solo una posizione ideologica, è anche una giovinezza e un’amicizia. Ad esempio scrive Vittorini nel 1946: «io sono molto amico con Fortini».6 Precisa Franco: «1945-1947: due anni nei quali ho avuto un contatto quotidiano e continuo con Vittorini»; e poi: «la simpatia e la cordialità fra Vittorini e me cominciarono a diminuire durante l’estate del 1948», se pure – va sottolineato – senza venire meno mai.7 E anche quest’aspetto andrebbe vagliato, ma non in questa sede dove cercheremo solo di ricostruire i rapporti tra Fortini e Vittorini da un punto di vista ideologico e di critica letteraria e in riferimento alle ‘loro’ due riviste.8

6In particolare nei primi due paragrafi cercherò di sintetizzare le posizioni di Fortini e Vittorini rispetto al «Politecnico» e al «Menabò» in un ordine però cronologicamente inverso, iniziando cioè dal «Menabò» per arrivare al «Politecnico», ovvero da una posizione nettamente e polemicamente definita, appunto «Il Menabò», a una situazione magmatica ed emotivamente coinvolgente quale quella del «Politecnico», subito dopo la Resistenza e la Liberazione.

7Nel terzo e quarto paragrafo si presenteranno invece, ancora facendo riferimento a Vittorini e, in parte, anche alle riviste da lui dirette, le caratteristiche più eclatanti dell’opera di Fortini, il marxismo critico e la forma saggistica etico-politica e figurale, ovvero proprio gli esiti più alti del suo confronto con lo scrittore e saggista siciliano.

1. Fortini versus il Vittorini del «Menabò»: arte, cultura e politica.

8Afferma Fortini: «Quello che ci distingue dal neoempirismo alla Calvino-Vittorini e dal neopositivismo vulgato non è semplicemente l’affermazione d’una priorità della cultura sull’espressione letteraria: è la volontà di praticarla, questa tesi della priorità, nel corso dell’esercizio critico». E prosegue: «Nel 1948 Vittorini, con la formula idealistica ed evasiva di l’arte è engagement naturale falsificava senza volerlo il senso della lotta sostenuta dal suo “Politecnico” contro il controllo politico dei Comitati Centrali e... rientrava nell’ordine. I Comitati centrali, per spirito di compromesso, dicevano e non dicevano, predicavano zdanovismo artistico-letterario ai meno furbi e praticavano libertà vigilata con i più astuti». Ed è questa parola, «astuti», che ci porta al successivo saggio fortiniano (Astuti come colombe, del 1962) direttamente e polemicamente dedicato a Vittorini e dove la querelle si fa ancora più serrata:

Sul (suo) «Menabò»... Vittorini ripropone il suo antistoricismo, anche se, si direbbe, sul mito della crudele purezza che fu suo vent’anni fa, sembra oggi prevalere l‘altra faccia dello stesso mito, quello della corruttela ottimistica e creatrice. (...) È molto difficile discutere nei termini di Vittorini, se arcaico o vecchio equivalgono per lui a negativo e nuovo a positivo. (...) Non è un caso che Vittorini (...) non sappia parlare che di oggetti nuovi e di gesti nuovi... invece di parlare di nuovi rapporti fra gli uomini, cioè nuovi sentimenti, valori, pensieri.

  • 9 Franco Fortini, Verifica dei poteri. Scritti di critica e di istituzioni letterarie (I ed. 1965), (...)
  • 10 Franco Fortini, Disobbedienze. Scritti sul Manifesto 1972-1994, (2 voll.), Roma, manifestolibri, 1 (...)
  • 11 Franco Fortini, lettera del 18 sett. 1972 in Il Menabò 1959-1967, a cura di Donatella Marchi, Roma (...)

9Con questa stoccata finale: «Un albero è l’arcaico e un televisore il nuovo?».9 «Che idea è mai questa? (...) Vittorini, bisogna dirlo, ebbe rovinati alcuni dei suoi ultimi anni dall’illusione ottica emessa dal rapporto, mai veramente criticato, fra vecchio e nuovo».10 E in coerenza il progetto complessivo del «Menabò» viene così bollato da Fortini: «un vecchio scientismo messo a nuovo» ed espressione di uno «scientismo razionalistico... neopositivistico».11

  • 12 Cfr. « Il Politecnico», 28, 6 aprile 1946.

10Non è però tutto, perché la polemica di Fortini contro il novismo vittoriniano colpisce anche, retrospettivamente, la scelta del direttore Vittorini di trasformare «Il Politecnico» da settimanale a mensile con una motivazione, credo, per nulla condivisa da Fortini: «Noi non abbiamo avuto con il settimanale – scrive Vittorini – una funzione propriamente creativa... l’altra funzione, la divulgativa, ci ha preso sempre di più la mano... abbiamo compilato... tradotto... esposto... informato... ma abbiamo detto ben poco di nuovo».12

  • 13 Fortini, Attraverso Pasolini, cit., p. 199 ; Id., Un giorno o l’altro, cit., p. 57.

11Non era in realtà il nuovo che interessava Fortini ma il come e dunque la sua valutazione contrastativa era chiarissima e, nel tempo, si definisce ulteriormente: Vittorini infatti, come più avanti Pasolini, ha «un atteggiamento di rifiuto e di ignoranza procurata nei confronti della critica della cultura e dell’industria culturale, perché ciò lo avrebbe costretto a fare quel che non ha mai voluto fare ossia una critica dei propri strumenti di comunicazione... preferiva considerarsi un condannato alla parola, un artista», dove il concetto è declinato proprio riguardo a Vittorini e il pericolo è quello di diventare solo un «autore di libri».13

12Con questa necessaria precisazione di Fortini:

  • 14 Franco Fortini, Questioni di frontiera Scritti di politica e di letteratura 1965-1977, Torino, Ein (...)

In quegli anni ero proprio io ad ammonirli (scilicet: Vittorini ma anche Pasolini) che l’immediatezza è un sogno e che bisogna piegarsi alla mediazione, se non si vuole il compromesso. Ma essere giovani vuol dire essere divisi, senza dialettica, tra due poli estremi, quello del desiderio furioso della concretezza, con l’angoscia e la febbre dell’immediatezza e della corporeità... e quello del desiderio, altrettanto furioso, di astrattezza e di rigore disincarnato, di ossequio... ai principi.14

13Di questa frase vorrei sottolineare il richiamo al concetto, tipico vittoriniano, di furiosa astrattezza e come ad esso si contrapponga la parola chiave fortiniana di mediazione dialettica. È qui la radice etico-politica di un conflitto ideologico e letterario che caratterizza il confronto tra Fortini e Vittorini dalla seconda metà degli anni Quaranta, quando Fortini, dopo la chiusura del «Politecnico», comprende davvero la posizione di Vittorini, fino alla morte di Franco (1994).

 

  • 15 « Le eresie di Vittorini e Fortini scorrevano parallele, ognuna a suo modo “eroica” su un fondo cu (...)
  • 16 Fortini, Verifica dei poteri, cit., p. 37. Si ricordi che Fortini definisce Vittorini « compagno s (...)
  • 17 Vittorini, Gli anni del « Politecnico», cit., p. 139.

14Se non possiamo qui approfondire il nesso Fortini-Vittorini-Pasolini,15 ora è invece importante ricordare che le parole di Fortini sopra riportate si chiudono su un’autostoccata, tipica anch’essa di Franco e caratterizzata dal duplice movimento di autodenigrazione e finale autoesaltazione: «Gli aggettivi per commentare queste mie affermazioni esistono già, e settario è uno di loro... credo infatti si soffra, da tempo, di mancanza di settarismo cioè di attitudine alla separazione, sola via a nuove unità».16 Dove risuona anche la replica a uno dei più espliciti e precoci rimproveri di Vittorini a Fortini, che è presente in una lettera del 27 ottobre 1947: «A proposito, mi sembra di doverti avvertire anche di un altro pericolo che tu a volte corri; quello di metterti in posizione di scelta... la posizione di aut-aut. (...) Non bisogna Franco... noi dobbiamo essere gli uomini del ‘questo e quello’».17

15Tornando però a Fortini, cosa rimprovera davvero, al di là delle metafore e delle repliche e controrepliche, Fortini a Vittorini?

  • 18 Alfonso Berardinelli, Stile degli estremismi, Roma, Ed. Riuniti, 2001, p. 16.

16Fondamentalmente un deficit ideologico e un precipitarsi troppo immediato nel cortocircuito innovazione-progresso e cioè il non aver fino in fondo compreso la centralità della categoria hegelo-marxista della mediazione dialettica (per la centralità di questa categoria in Fortini si veda la mia monografia e quanto sinteticamente detto da Alfonso Berardinelli: «Fortini è sempre stato affezionato alla categoria dialettica della mediazione»).18

  • 19 Fortini, Dieci inverni, cit., pp. 73-74.

17Ma non è tutto. Nella primavera del 1947, dopo la pubblicazione della lettera di Vittorini a Togliatti avvenuta sul «Politecnico» del dicembre 1946, in un clima che preclude all’incombente chiusura della rivista, Fortini scrive a sua volta una lettera privata a Vittorini dove afferma: «L’errore di tutti i cattivi amici di “Politecnico”... l’errore nel quale tu stesso sembri talvolta cadere, è quello di credere che l’unità fra cultura e politica sia una trovata provvisoria, un matrimonio di ragione, qualcosa che va bene in tempo di pace» E precisa: «Per me invece è evidente che cultura e politica sono la stessa cosa, espressa in mezzi diversi».19

18A questo proposito, e in specifico rispetto al nesso dialettico cultura e politica e ancor di più rispetto a quello etica e politica, ritengo opportuno riportare un passo di Vittorini del 1965 in cui lo scrittore siciliano ritorna sulla fine del «Politecnico» e segnalare che però, neppure in questa apparente autocritica, Vittorini comprende realmente quel che sta affermando Fortini, ovvero che l’autonomia dell’artista è nella sua piena consapevolezza politica, nella sua autonoma e volontaria subordinazione a una scelta politica; dice infatti Vittorini:

  • 20 Elio Vittorini, Diario in pubblico, Milano Bompiani, 2016, p. 575 ; per un approfondimento, anche (...)

mi riferisco allo scontro coi professionisti della politica. (...) Abbiamo accettato di essere dei culturali, e così ci siamo confinati da noi nella posizione che ci attribuivano coloro (scilicet: P. Togliatti, M. Alicata, i dirigenti del PCI, ecc.) che si dichiaravano o consideravano se stessi dei politici. (...) È mancato l’impegno (il coraggio) di dire ai politici: siamo politici anche di noi.20

19Non era però il coraggio («l’impegno») che mancava a Vittorini (questo credo il pensiero di Fortini) ma una lucidità ideologica da cui viene non solo cultura e letteratura ma anche etica e politica. Ed è quello che riconosce, ma oramai troppo tardi, Vittorini stesso poche righe dopo: «È prevalsa (invece) la vecchia distinzione tra cultura e politica che veniva ancora dal crocianesimo, dall’influenza delle strutture tradizionali italiane».

  • 21 Fortini, Dieci inverni, cit., p. 71.
  • 22 Umberto Eco, Sugli specchi e altri saggi, Milano, Bompiani, 1985, p. 99.

20Se tutto questo è vero - Fortini afferma duramente che «le repliche... di Vittorini a... Togliatti (del marzo 1947) furono evasive e manifestamente insufficienti» e coglie, dietro a tutto questo, la mancanza di un serio «dibattito... sui motivi essenziali del marxismo»21 - va però anche riconosciuto a Vittorini e al suo «Politecnico» un preciso merito: quello di aver esplicitamente e lealmente rivendicato (fin dalla scelta del nome del settimanale che riprendeva la rivista ottocentesca di Carlo Cattaneo, tardo illuminista e anticipatore del positivismo) un richiamo a una tradizione che è stata suggestivamente definita «illuminismo padano» (rimando a Umberto Eco, per il quale fanno parte di questo «illuminismo padano» tanto il sardo Gramsci quanto il siciliano Vittorini).22

21Ne segue che l’errore di Togliatti e la speranza, destinata a essere rapidamente delusa, di Fortini, avevano entrambe alla loro base un’inesatta valutazione di Vittorini. Vittorini infatti non era un monolite ma un prisma dai riverberi cangianti. Voglio dire che nel fuoco del «Politecnico» (e di Uomini e no!) era possibile far coesistere tensioni diverse tra loro che però erano difficilmente amalgamabili nel lungo periodo. Vittorini era un campo di forze anche contraddittorie, e dunque esistevano e interagivano nel Vittorini del «Politecnico» la tensione togliattiana, la tensione fortiniana, e quella (semplifico molto) calviniana o neoprogressista-illuminista. «Il Menabò» con il quale Fortini sta in particolare polemizzando è infatti, a suo avviso, solo una deriva neoprogressista-illuminista di quel primo Vittorini che ora ha lasciato non solo il partito di Togliatti, ma anche una certa immagine del «Politecnico», quella con Fortini, e alla quale Franco rimane invece legato. Vittorini ha infatti scelto come alterego per «Il Menabò», la sua nuova pubblicazione-avventura dei primi anni Sessanta e fino alla morte, nel 1966, non più Fortini ma Calvino.

22Ora pero, fatto cenno a tutto questo, diviene necessario, per una più esatta valutazione del nodo dialettico e conflittuale Fortini-Vittorini, approfondire, sia pure solo sotto questa precisa angolazione, proprio l’importanza storico-culturale del «Politecnico» e lo faremo nel prossimo paragrafo.

2. Il «Politecnico» di Vittorini e quello di Fortini.

23Iniziamo con il precisare come avvenne l’incontro tra i due scrittori. Rammenta Fortini:

  • 23 Fortini, Un dialogo ininterrotto, cit., p. 104 ; Id, Sere in Valdossola (I ed. 1963), II edizione, (...)

Vittorini era autore Bompiani... proprio nel suo ufficio da Bompiani, fra un bombardamento e l’altro dell’estate del 1943... lo avevo incontrato per la prima volta (...) ed Elio mi parlò della possibilità, una volta finita la guerra, (...) di creare una rivista... Era il primo germe del «Politecnico» (...) una nuova rivista... che pubblicasse studi sui problemi sociali e una larga informazione su quella parte della cultura europea che per tanti anni è stata ignorata in Italia.23

  • 24 Vittorini, Gli anni del « Politecnico», cit., p. 13.

24E così Vittorini scrive a Fortini il 7 luglio del 1945: «Io aspettavo che tu venissi a Milano per chiederti di collaborare a un settimanale di cultura che sto preparando. Ma non ti chiedo una collaborazione generica, perciò sarà necessario parlare. (...) Dimmi solo se non hai niente in contrario a scrivere su un settimanale da me diretto».24

25Da qui, da questo momento aurorale, è utile passare, direttamente e per semplificazione, alla lettera-bilancio del 22 gennaio 1948 che Fortini scrive a Vittorini e nella quale egli mostra di aver ben compreso limiti e punti di forza dell’avventura «Politecnico»:

  • 25 Cfr. « L’osapite ingrato», cit., p. 218.

Nessuna delle riviste o dei giornali di partito ha saputo fare quello che ha fatto «Il Politecnico». Il risultato è questo: che te e io e qualche altro abbiamo rappresentato, in mezzo alle riviste della cultura italiana... l’unico tentativo coerente di critica letteraria, culturale, di costume e di storia che sia stato tentato dalla Liberazione in poi. I difetti sono stati l’imprecisione filosofica (...) e (…) il non aver saputo legare cinque o dieci persone strettamente alle sorti della rivista e al suo significato. (...) E invece, prendendoti, come hai fatto, tutte le tue responsabilità, oggi, se «Il Politecnico» deve scomparire, sembra scomparire come l’organo personale di Vittorini e per i casi politici o ideologici personali di Vittorini.25

26Insomma, ferma la positiva valutazione sul saggismo del «Politecnico» su cui torneremo, se leggiamo in filigrana questo lacerto fortiniano, ne vengono, almeno, due considerazioni.

  • 26 Gian Carlo Ferretti, L’editore Vittorini, Torino, Einaudi, 1992, p. 73.

27La prima è che, se è possibile riconoscere l’inconfondibile impronta vittoriniana in ogni parte e iniziativa del «Politecnico», è vero anche che, seconda considerazione, nella rivista si possono rintracciare più marcati percorsi individuali e tra questi spicca certamente quello di Fortini.26

28A questa ricostruzione ancipite vanno però aggiunte alcune precisazioni che nascono in particolare da un intervento del 1987 di Fortini sulla storia del «Politecnico» e sulle ragioni profonde del suo epilogo, ovvero l’antistalinismo e il suo embrionale, e pure temuto, marxismo critico:

  • 27 Fortini, Un dialogo ininterrotto, cit., p. 464. Tra le letture di questo periodo vi sono anche : l (...)

«Il Politecnico» (è stata) un’esperienza inebriante perché credo di non aver mai lavorato tanto in vita mia. Imparavo tutto e facevo tutto. Una specie di violentissimo metabolismo tra quel che imparavo (dovevo recuperare non solo i venti mesi che gli uomini e no avevano vissuti nella realtà italiana, ma anche i miei due anni precedenti, d’isolamento nel servizio militare), e l’assorbimento di una quantità di testi, di proposte, d’ipotesi, d’imprese, d’iniziative. Riversavo in quella attività giornalistica tutto quel che avevo imparato nei venti mesi oltre il Gottardo; e da un’altra cultura, da un’altra lingua. Ciò mi dava, senza che me ne rendessi minimamente conto, uno strano privilegio nei confronti di coloro che erano rimasti in Italia. Un opuscolo di V. Serge (16 fusillés. Ou va la révolution russe?), La speranza di A. Malraux e il verbale dei processi a Bucharin bastarono per farmi capire cose che a Milano non si sapevano (o non si volevano sapere).27

29A questo proposito viene chiesto a Fortini da cosa nascessero allora le differenze tra lui e Vittorini e Franco risponde:

  • 28 Fortini, Un dialogo ininterrotto, cit., p. 166.

Dal fatto che nei venti mesi passati in Svizzera avevo avuto dei contatti, visto gente, letto libri che gli altri non avevano avuto. Quando Vittorini diceva: Ma io Marx non l’avevo letto, forse è vero, ma certo, qualcosa io avevo letto, avevo parlato con gli antifascisti della vecchia generazione, avevo capito certe cose e, soprattutto, avevo afferrato, credo, con l’aiuto dei libri di Serge, di Malraux, un nodo capitale, decisivo, quello dei processi di Mosca.28

30Questa considerazione antistaliniana e antitogliattiana di Fortini illumina anche il senso del passaggio del «Politecnico» da settimanale a mensile (maggio 1946), che è sì, da un lato, una mossa difensiva di Vittorini rispetto al tentativo di egemonia politica dei dirigenti comunisti italiani, ma anche, dall’altro lato, un suo, di Vittorini, volersi smarcare rispetto alla richiesta di Fortini di una più precisa ridefinizione ideologica della rivista.

  • 29 Fortini, Dieci inverni, cit., p. 73 e Id., « L’ospite ingrato», cit, p. 286.

31Vittorini insomma, con il passaggio da settimanale a mensile, cerca non solo di tranquillizzare Togliatti e la dirigenza comunista ma anche di spezzare l’accerchiamento interno depotenziando quella che era stata l’anima del «Politecnico» settimanale, la redazione, di cui Fortini era membro di spicco, e concentrando, invece e ancora di più, la conduzione della rivista nelle sue mani. A conferma il ricordo di Fortini che connette logicamente i due fatti: «Dopo la pubblicazione della Lettera a Togliatti del dicembre 1946... non esisteva più una vera e propria redazione»; e precisa: «Nei mesi del mensile... c’è solo Vittorini».29

  • 30 Fortini, Saggi italiani, cit., vol. I, p. 283.
  • 31 Nelle poesie di Fortini, ad esempio, troviamo l’immagine, potentissima, del “Poeta servo”, profeta (...)

32Riguardo ancora allo scontro Vittorini-Togliatti, Fortini nel 1973 afferma: «quello che Vittorini sente così fortemente e non sa chiaramente spiegare nella disputa con Togliatti» è che «il linguaggio... della letteratura reca (in sé) una politica altra che si pone accanto o contro il linguaggio proprio della politica».30 Fortini rimprovera cioè a Vittorini di utilizzare contro Togliatti delle categorie deboli (cioè di stampo liberale, crociano e idealista) e non rivendichi invece quel che Fortini sa e che ben esprime non solo in prosa ma anche in versi. Fortini cioè non rivendica una libertà borghese ma una servitù rivoluzionaria. Ed è qui che la scelta etico-politica di Fortini si tinge di armoniche che sono state spesso percepite come d’ascendenza religiosa. Solo la consapevolezza delle proprie catene, e non un generico appello a una libertà formale e borghese, ci permette di agire nella prospettiva di un’autentica liberazione.31

  • 32 Elio Vittorini, Nota (1945) in Id., Uomini e no, Milano, Bompiani, 1945 ; cfr. Id., Opere narrativ (...)
  • 33 Fortini, Dieci inverni, cit., p. 59.

33Nulla di tutto questo è però percepito da Vittorini che non esce dal partito comunista per il pesante richiamo all’ordine di Togliatti (Vittorini si allontanerà dal partito comunista solo dopo le elezioni del 1948), ma si limita a trasformare, o a cercare di trasformare, «Il Politecnico» in una rivista letteraria progressista (quale sarà più avanti per Fortini, appunto, «Il Menabò»). Ed è, in effetti, questo il nodo di concetti che troviamo nella conclusione, splendida ma anche contraddittoria, di Uomini e no: «Cercare in arte il progresso dell’umanità è tutt’altro che lottare per tale progresso sul terreno politico e sociale. In arte non conta la volontà, non conta la coscienza astratta, non contano le persuasioni razionali... La mia appartenenza al Partito comunista indica dunque quello che voglio essere mentre il mio libro può indicare soltanto quello che in effetti io sono».32 Parole cui segue questo amaro commento di Fortini: «Era già una difesa, una recinzione di territori. Restava (solo) la parola progresso. Di qui, in realtà, Vittorini non s’è (mai) mosso: troppo forte in lui il sentimento del progresso tecnico nella letteratura, dell’avanguardia degli scrittori e delle sue proprie invenzioni e ricerche; e, a un tempo, troppo forte l’antipatia per le intenzioni e la volontà».33

  • 34 Fortini, Saggi italiani, cit., vol. I, p. 283 ; « L’ospite ingrato», cit., p. 218 ; Fortini, 24 vo (...)

34Se il contrasto ideologico di Fortini con Vittorini è dunque ultimativo, diversa la sua valutazione non solo sul piano artistico ma anche in campo saggistico: «non mi pare dubbio – scrive Fortini – che la prosa saggistico-critica di Vittorini e soprattutto quella del periodo che va da Americana alla fine del “Politecnico” debba essere positivamente riconsiderata»; si ribadisce quindi che, se «Il Politecnico» fu «l’unico tentativo coerente di critica letteraria, culturale, di costume e di storia», va anche riconosciuta come una delle caratteristiche salienti di Vittorini «l’esigenza di una nuova scrittura saggistica».34

35Queste riflessioni sono importanti non solo per un’esatta considerazione di Vittorini, ma anche per illustrare cosa ha imparato in questo periodo Fortini da Vittorini, ovvero proprio la forma saggistica ideologicamente connotata e figuralmente disposta, che sarà il vero tratto distintivo dell’intera opera di Fortini. Il tema (il saggismo etico-politico e figurale di Fortini) è però troppo vasto e complesso e dunque vi torneremo solo nel paragrafo conclusivo. Ora invece sarà opportuno rivolgerci ancora al piano del contenuto (filosofico-ideologico) e a quello che convenzionalmente possiamo definire il marxismo critico di Fortini e che è, in realtà, l’anima ultima di Franco. Ma per comprendere meglio proprio chi è Fortini e cosa si debba intendere per marxismo critico e come questo si intrecci con la presenza intellettuale di Vittorini, dobbiamo tornare al partigiano Fortini e ai venti mesi da lui trascorsi in Svizzera tra il 1943 e il 1945.

3. Fortini, da Firenze alla Svizzera alla Milano del «Politecnico»: per un marxismo critico

  • 35 Fortini, Una volta per sempre, p. 231.
  • 36 Fortini, Un giorno o l’altro, cit., p. 217. Alludo al saggio di Mario Alicata, La corrente di Poli (...)
  • 37 Si veda il n° 17 del « Politecnico», 19 gennaio 1946, ma Sartre è presente anche già nel n° 4 e po (...)

36Come è noto il sottotenente Fortini, ebreo per parte di padre e antifascista, dopo l’otto settembre 1943 lascia l’Italia e si rifugia in Svizzera dalla quale rimpatrierà definitivamente solo l’11 maggio 1945. In questo tempo Fortini inizia a definirsi non solo come vero poeta ma anche come vero ideologo tanto che già dalla metà degli anni Quaranta (e dal «Politecnico»!) è chiaro quale sia il suo maggior tratto distintivo, ovvero la ricerca radicale e apocalittica di un marxismo critico («Sempre sono stato comunista... / di questo mondo sempre volevo la fine»).35 Tutto questo, in effetti, è già ben avvertibile sia nei versi della sua prima raccolta di poesie Foglio di via del 1946, sia, appunto, nella partecipazione di Fortini al «Politecnico» (1945-1947). Limpide in questo senso alcune sue parole riferite a Dieci Inverni pubblicato nel 1957: «Queste pagine giovino… a mostrare che… esisteva già, nella seconda metà degli anni Cinquanta… quel che, pochi anni dopo, sarebbe emerso come marxismo critico», dove è da notare che Fortini, per modestia, dice «a metà degli anni Cinquanta», mentre io credo che tale affermazione vada anticipata e intesa come alla metà degli anni Quaranta, ovvero esattamente a partire dal ««Politecnico», o meglio dall’emergere di quella che fu polemicamente definita da Alicata e Togliatti La corrente «Politecnico».36 Credo importante cioè dire, con Fortini, che il vero motivo del contrasto tra «Il Politecnico» e il PCI fu il timore della dirigenza comunista di un possibile deviazionismo rispetto alla linea politica e culturale del partito e il possibile crearsi di una vera corrente «Politecnico» di taglio «esistenzialista… marxista». Si deve leggere così con particolare attenzione la pagina del «Politecnico» dove troviamo scritto: «l’onore dell’uomo è nel riconoscimento e nell’assunzione delle proprie catene, secondo una formula che prima di essere esistenzialista è marxista».37

  • 38 Franco Fortini, Saggi italiani, prima edizione, Bari, De Donato, 1974, p. 253.
  • 39 Fortini, Verifica dei poteri, cit., p. 183. E si veda inoltre Franco Fortini, Esistenzialismo e ma (...)

37Illuminante già in questo senso una recensione del 1945 di Fortini a Uomini e no di Vittorini, dove si parla di un «Marx interpretato da Sartre», locuzione con la quale però Fortini non definisce direttamente se stesso ma proprio il Vittorini del «Politecnico» e di Uomini e no.38 Abbastanza chiaramente però Fortini sta dicendo che il marxismo togliattiano (e stalinista) presentava un grave deficit antropologico, deficit che chiedeva una rilettura del marxismo in chiave esistenzialista: «Si dirà che questa ennesima operazione d’innesto dell’esistenzialismo sul marxismo è una battaglia di retroguardia. È probabile. Ma dovunque il tasso di ossigeno esistente in una società si abbassa oltre un certo limite, si ripropongono interrogativi che possiamo tranquillamente chiamare etici».39

  • 40 Fortini, Dieci inverni, cit. pp. 67, 78, 206 ; e Franco Fortini, I politici intellettuali, in Gli (...)

38Se questo era inaccettabile per il PCI, al contrario per Fortini il merito di «Politecnico», «merito che nessuna critica può contestargli», è consistito proprio nell’aver posto il problema «delle relazioni fra il pensiero marxista e le altre correnti del pensiero contemporaneo» e in connessione a nuove «vie di metodologia critica». Per Fortini «Il Politecnico» avrebbe cioè potuto essere tout-court la prima rivista del marxismo critico italiano: «Vittorini e “Il Politecnico” rappresentarono invece… (solo) un’opposizione al marxismo ufficiale e quindi (solo) una potenziale alternativa italiana allo stalinismo» e al togliattismo; Fortini insomma afferma che «il motivo centrale della rivista (era stato) il problema della posizione del marxismo moderno» e che dunque «Il Politecnico» avrebbe potuto contribuire al superamento dell’ «imperfetta assimilazione critica degli sviluppi positivi del pensiero... contemporaneo» e alla «mancata verifica critica dei fondamenti teorici, sociali, economici del marxismo».40

39Ma questo non fu. Ed è da questo insieme di spinte e controspinte legate al «Politecnico (e a Vittorini) che nasce l’astio di Fortini per Togliatti e Alicata («Alicata… faccia falsa di vera tragedia... avesse potuto… mi avrebbe subito mandato a morire in un lager»). O, al contrario, l’apprezzamento per l’attenzione di Vittorini al «sartrismo». Viene chiesto a questo proposito a Fortini di segnalare «qualche fatto culturale importante per Vittorini» e la risposta non mostra incertezze: «Quello che poi si è chiamato il sartrismo». E in particolare ricorda:

  • 41 Fortini, Un giorno o l’altro, cit., p. 172 ; Id., Un dialogo ininterrotto, cit., pp. 166-167.

lo scritto di Sartre che diceva ai comunisti, però un po’ di angoscia non vi farebbe male contro il vostro trionfalismo. (...) (Poi) Elio andò a Parigi nel marzo ’47 (…) e conobbe comunisti che… vivevano ancora il dramma del patto Hitler-Ribbentrop, lo scontro tra PC e trotskismo, ebbe cognizione della Gauche Communiste Internationaliste, dei transfughi del movimento operaio. (...) Elio capì insomma le cose che io avevo già annusato in Svizzera.41

  • 42 Fortini, Dieci inverni, cit., p. 206.

40Senza però, questo il pensiero di Fortini, avere il rigore intellettuale di trarne tutte le conseguenze. A conferma di tutto questo travaglio vale questa amara riflessione di Fortini: «Vittorini non immaginò la possibilità di quella trasformazione del comunismo che noi stiamo vivendo, così da parte nostra non si fu capaci di immaginare un’opposizione che non incominciasse dalla letteratura».42 Ma è proprio alla letteratura e alla critica letteraria che dobbiamo ora tornare per cercare di definire l’esito più alto per Fortini del confronto con Vittorini, ovvero la forma saggistica etico-politica e figurale.

4. Ancora dal «Politecnico» di Vittorini: il saggismo etico-figurale di Fortini

  • 43 Fortini legge di Erich Auerbach « Mimesis... nel 1956 e più tardi... i suoi saggi danteschi» : cfr (...)

41Dunque la domanda che dobbiamo ora porci è questa: se la cifra stilistica ultima di Fortini è la forma saggistica etico-politica e figurale, e se questa forma appartiene a Fortini ben prima del suo incontro con Auerbach e con il suo saggio dantesco Figura43, e sulla base dunque di una molteplicità di fonti (ad esempio Dante stesso, Giacomo Noventa, la tradizione filosofico-esegetica protestante, Karl Barth, ecc.), quale è stato l’apporto di Vittorini in questo alto risultato fortiniano?

  • 44 Franco Fortini, Ma esisteva Vittorini ?, « L’Espresso», 2 febbraio 1986, p. 86.
  • 45 Fortini, Saggi italiani, cit., vol. I, p. 283.
  • 46 Si veda, a conferma e ad esempio, Fortini, Fortini : leggere e scrivere, cit, p. 51 : « In questo (...)
  • 47 Vittorini, Gli anni del « Politecnico», cit., p. 139. Ritroviamo questo concetto spesso in Fortini (...)

42Iniziamo da un passo del 1986 nel quale Fortini afferma che «la prosa saggistica» di Vittorini, dal «Politecnico» al «Menabò» al Diario in pubblico, era il luogo «dove si leggeva il meglio e il peggio della sua intelligenza. Il peggio... era (la) presunzione di onnipotenza intellettuale; il meglio... era (la) fede in valori verificabili potenzialmente da tutti».44 Il punto di forza della scrittura critica vittoriniana era cioè la tensione etica e civile, la fede in valori verificabili socialmente. Niente di nuovo in realtà in Vittorini perché questa caratteristica era già presente nel suo «Politecnico». Scrive infatti Fortini in un lacerto che già abbiamo già riportato ma che occorre ritrascrivere per la sua importanza: «Comunque non mi pare dubbio che la prosa saggistico-critica di Vittorini e soprattutto quella del periodo che va da Americana alla fine del “Politecnico” debba essere positivamente riconsiderata».45 È facile cioè dire che, se quello che ha contraddistinto l’opera di Fortini sul piano contenutistico è stato il marxismo critico, sul piano della forma è, in ultima analisi, la forma saggistica e che questo stile etico-politico di Fortini si sia definito in confronto dialettico con Vittorini. Ma che cosa è per Fortini il saggio? È una forma etico-politica e figurale, è una forma che riesce, prendendo in analisi un singolo particolare, a collocarlo in una prospettiva universale. Fortini in tutta la sua vita intellettuale ha sempre avuto questa tensione dentro di sé (è questa tensione che lo porta alla conversione valdese nel 1939 e da questa al marxismo critico46) ma sul piano della scrittura è da rilevare che Fortini impara il saggismo etico-politico dopo la guerra nel «Politecnico» di Vittorini. Importante così una lettera di Vittorini del 27 ottobre 1947 a Fortini ed esemplificativa del nostro ragionamento: «Ti mando a parte l’Ungaretti. Ma questo significa che scriverai un saggio su Ungaretti, non è vero? Un saggio, come è detto a proposito di Kafka, che sia civile non soltanto letterario».47

  • 48 Lenzini in Fortini, Saggi e epigrammi, cit, p. XLII.

43Esplicita questo nesso tra il saggismo fortiniano e il saggismo vittoriniano Lenzini per il quale «il servizio di Fortini nel “Politecnico” si articola su due versanti» che percorreranno poi l’intera opera fortiniana: «l’attività critico-divulgativa, che dà luogo a una nutrita serie di schede, voci di enciclopedie, note e recensioni», e «il filone più propriamente saggistico, di più rade occorrenze ma di grande rilievo nella storia dello scrittore»; ed in effetti «le avvisaglie della stagione maggiore del saggista (sul “Politecnico”) si colgono nei pezzi su Dante, Kafka, Leopardi» e in quelli sulla letteratura e la poesia contemporanea.48

  • 49 Fortini, Saggi italiani, cit., vol. I, p. 295.

44Il saggio fortiniano ha, in realtà, due caratteristiche fondanti. Da un lato è una scrittura specialistica (informa in modo raffinato di ‘qualcosa’), dall’altro esprime una tensione etico-politica universale. Anzi precisa Fortini «una saggistica presuppone sempre un’etica, una filosofia, una fede».49

  • 50 Franco Fortini, La promessa in Id, Paesaggio con serpente, Torino, Einaudi, 1994, p. 93.
  • 51 Franco Fortini, Insistenze Cinquanta scritti 1976-1984, Milano, Garzanti, 1985, p. 10.
  • 52 Fortini, Un dialogo ininterrotto, cit., p. 563.

45Duplice quindi la caratteristica del saggismo fortiniano, e cioè, da un lato una vastissima cultura enciclopedica, dall’altro il non perdere mai di vista che la scrittura non è un esercizio gratuito e narcisistico, ma è «cibo e realtà di molti («Qualcosa mi è stato detto / che debbo ricordare meglio: che / quanto di me si consuma / sarà cibo e bevanda di molti»).50 E, sempre a proposito della sua forma saggio, Franco afferma: «Questo volevo: mostrare con quanta velocità, qualunque tema si sfiori, qualunque argomento si tratti, si arriva a luoghi essenziali e a scelte senza scampo».51 Precisa Fortini: «La visione figurale è quella per cui una persona, un oggetto, un evento è quello che è e, nel contempo, è allegoricamente altro», sicché, come negli eventi biblici, «avviene che l’esistenza concreta, singola e temporale, trova la sua ragione in un al di là di essa, in un adempimento di cui essa è solo figura» (e si vedano per una concretizzazione di questo ragionamento almeno due versi da una poesia ontologicamente figurale come La gioia avvenire e pubblicata, significativamente, per la prima volta nel n° 35 del «Politecnico» del gennaio 1947: «E dalle bocche sparite dei santi / come le siepi di marzo brillano le verità»).52

  • 53 Wolfgang Goethe, Faust, trad. it. di Franco Fortini, Milano, Mondadori, 1972, p. 1057.

46Significativo allora anche un passo della traduzione di Fortini del Faust: «Ogni cosa che passa / è solo figura» con la sottolineatura del valore della figura come profezia.53 E come scelta etico-politica. Ed è qui che batte la presenza di Vittorini e la lezione più profonda che resta in Fortini dell’avventura del «Politecnico» vittoriniano.

Notes

1 Il mio titolo richiama Attraverso Pasolini di Fortini. Vale dunque anche per questa mia ricostruzione la precisazione di Franco : « Non avverso ma di traverso (...) reciproco intoppo, contraddizione, ostacolo. [...] Non ostilità ma inconciliabilità» (Franco Fortini, Attraverso Pasolini, Torino, Einaudi, 1993, pp. xiv-xv). Per ogni approfondimento, anche biobibliografico, si veda il mio Fortini, Arezzo, Zona, 2007 e Luca Lenzini, Introduzione e Cronologia, in Franco Fortini, Saggi ed epigrammi, a cura di L. Lenzini, Milano, Mondadori, 2003.

2 Edoardo Esposito, Elio Vittorini. Scrittura e utopia, Roma, Donzelli, 2011, p. 181, cui si rimanda per un profilo critico di Vittorini.

3 Elio Vittorini, Conversazione in Sicilia, in Id., Opere narrative, a cura e con Prefazione di Maria Corti. Note ai testi e Bibliografia di Raffaella Rodondi, (2 voll.) Milano, Mondadori, 1974, vol. I, p. 673.

4 Franco Fortini, Dieci inverni 1947-1957 Contributi a un discorso socialista, (I ed. 1957), II ed., Bari, De Donato, 1973, p. 204.

5 Parleremo di seguito di Vittorini, Fortini e del « Politecnico». Intanto qui ricordiamo che « Il Menabò» (direttore Vittorini e condirettore Italo Calvino) ebbe cadenza annuale, dal 1959 al 1967, e che Fortini, polemicamente, non aderì alla rivista.

6 Elio Vittorini, Gli anni del « Politecnico». Lettere 1945-1951, a cura Carlo Minoia, Torino, Einaudi, 1977, p. 82.

7 Franco Fortini, Un dialogo ininterrotto. Interviste 1952-1994, a cura di Velio Abati, Torino, Boringhieri, 2003, p. 106 e Id., Un giorno o l’altro, a cura di Marianna Marrucci e Valentina Tinacci, Macerata, Quodlibet, 2006, p. 81.

8 Vittorini è oggetto di una trentina di scritti di Fortini dal 1943 al 1993 ; per un approfondimento si veda « L’ospite ingrato», anno III, 2000, passim.

9 Franco Fortini, Verifica dei poteri. Scritti di critica e di istituzioni letterarie (I ed. 1965), Torino, Einaudi 1989, pp. 28, 47, 38 e 39.

10 Franco Fortini, Disobbedienze. Scritti sul Manifesto 1972-1994, (2 voll.), Roma, manifestolibri, 1997, vol. I, p. 90.

11 Franco Fortini, lettera del 18 sett. 1972 in Il Menabò 1959-1967, a cura di Donatella Marchi, Roma, Ed. Ateneo, 1973, p. 60 e p. 39 e Franco Fortini, Saggi italiani (I ed. 1974), Milano, Garzanti, 1987, vol. I., p. 278.

12 Cfr. « Il Politecnico», 28, 6 aprile 1946.

13 Fortini, Attraverso Pasolini, cit., p. 199 ; Id., Un giorno o l’altro, cit., p. 57.

14 Franco Fortini, Questioni di frontiera Scritti di politica e di letteratura 1965-1977, Torino, Einaudi, 1977, p. 41.

15 « Le eresie di Vittorini e Fortini scorrevano parallele, ognuna a suo modo “eroica” su un fondo culturale di diffuso grigiore, al momento dell’entrata in scena della terza grande personalità del dopoguerra : Pier Paolo Pasolini» (Giuseppe Leonelli, La critica letteraria in Italia : 1945-1994, Milano, Garzanti, 1994, p. 73).

16 Fortini, Verifica dei poteri, cit., p. 37. Si ricordi che Fortini definisce Vittorini « compagno separato» in Fortini, Questioni di frontiera, cit, pp. 236-246.

17 Vittorini, Gli anni del « Politecnico», cit., p. 139.

18 Alfonso Berardinelli, Stile degli estremismi, Roma, Ed. Riuniti, 2001, p. 16.

19 Fortini, Dieci inverni, cit., pp. 73-74.

20 Elio Vittorini, Diario in pubblico, Milano Bompiani, 2016, p. 575 ; per un approfondimento, anche riguardo la polemica Vittorini-Togliatti, cfr. Marina Zancan, Il progetto Politecnico. Cronaca e strutture di una rivista, Venezia, Marsilio, 1984.

21 Fortini, Dieci inverni, cit., p. 71.

22 Umberto Eco, Sugli specchi e altri saggi, Milano, Bompiani, 1985, p. 99.

23 Fortini, Un dialogo ininterrotto, cit., p. 104 ; Id, Sere in Valdossola (I ed. 1963), II edizione, Venezia, Marsilio, 1985, p. 81 ; Id, Disobbedienze, cit., vol. II, p. 149.

24 Vittorini, Gli anni del « Politecnico», cit., p. 13.

25 Cfr. « L’osapite ingrato», cit., p. 218.

26 Gian Carlo Ferretti, L’editore Vittorini, Torino, Einaudi, 1992, p. 73.

27 Fortini, Un dialogo ininterrotto, cit., p. 464. Tra le letture di questo periodo vi sono anche : l’Ideologia tedesca di Marx ed Engels, « due tomi delle opere di Lenin», altri volumi di autori d’ispirazione marxista e, in particolare, « un saggio di M. Raphael che già proponeva delle interpretazioni marxiste di opere d’arte» : cfr. Franco Fortini, Fortini : leggere e scrivere, a cura di Paolo Jachia, Firenze, Nardi, 1993, pp. 43 e 86.

28 Fortini, Un dialogo ininterrotto, cit., p. 166.

29 Fortini, Dieci inverni, cit., p. 73 e Id., « L’ospite ingrato», cit, p. 286.

30 Fortini, Saggi italiani, cit., vol. I, p. 283.

31 Nelle poesie di Fortini, ad esempio, troviamo l’immagine, potentissima, del “Poeta servo”, profeta e schiavo, titolo-emblema di una poesia che nasce dalle medesime e coeve riflessioni e anche dalla stessa contrapposizione all’ottimismo e al solidale progressismo di Vittorini (e Calvino) : « Perdonate se vado così solo, / (...) se non ho canto : / sono un servo / di molti padroni. / ... / Non sanno / che li tradisco. / ... / E se sparisco / l’odio il riso l’inganno... / il loro il mio errore / saranno queste parole d’amore / verità senza dolore / aria libertà» (Franco Fortini, Una volta per sempre. Poesie 1938-1973, Torino, Einaudi, 1978, p. 128).

32 Elio Vittorini, Nota (1945) in Id., Uomini e no, Milano, Bompiani, 1945 ; cfr. Id., Opere narrative, cit., vol. I, pp. 1210-1211.

33 Fortini, Dieci inverni, cit., p. 59.

34 Fortini, Saggi italiani, cit., vol. I, p. 283 ; « L’ospite ingrato», cit., p. 218 ; Fortini, 24 voci per un dizionario di lettere, Milano, Mondadori, 1968, p. 28.

35 Fortini, Una volta per sempre, p. 231.

36 Fortini, Un giorno o l’altro, cit., p. 217. Alludo al saggio di Mario Alicata, La corrente di Politecnico, « Rinascita», III, 5-6, maggio-giugno 1946, poi in Id, Scritti letterari, Milano, il Saggiatore, 1968. Che il timore della dirigenza PCI fosse un deviazionismo antisovietico, sartriano, esistenzialista è il senso della ricostruzione complessiva di Fortini : cfr. Fortini, Disobbedienze, cit., II, pp. 148-152.

37 Si veda il n° 17 del « Politecnico», 19 gennaio 1946, ma Sartre è presente anche già nel n° 4 e poi n° 16, n° 23, ecc.

38 Franco Fortini, Saggi italiani, prima edizione, Bari, De Donato, 1974, p. 253.

39 Fortini, Verifica dei poteri, cit., p. 183. E si veda inoltre Franco Fortini, Esistenzialismo e marxismo, in Id, Non solo oggi. Cinquantanove voci, a cura di Paolo Jachia, Roma, Ed. Riuniti, 1991, pp. 77-81 e p. XIX.

40 Fortini, Dieci inverni, cit. pp. 67, 78, 206 ; e Franco Fortini, I politici intellettuali, in Gli intellettuali di sinistra e la crisi del 1956, a cura di Giuseppe Vacca, Roma, Ed. Riuniti, 1978, p. 43.

41 Fortini, Un giorno o l’altro, cit., p. 172 ; Id., Un dialogo ininterrotto, cit., pp. 166-167.

42 Fortini, Dieci inverni, cit., p. 206.

43 Fortini legge di Erich Auerbach « Mimesis... nel 1956 e più tardi... i suoi saggi danteschi» : cfr. Fortini, Fortini : leggere e scrivere, cit., pp. 65, 87, 93.

44 Franco Fortini, Ma esisteva Vittorini ?, « L’Espresso», 2 febbraio 1986, p. 86.

45 Fortini, Saggi italiani, cit., vol. I, p. 283.

46 Si veda, a conferma e ad esempio, Fortini, Fortini : leggere e scrivere, cit, p. 51 : « In questo senso la concezione figurale mi è parsa contigua al pensiero dialettico».

47 Vittorini, Gli anni del « Politecnico», cit., p. 139. Ritroviamo questo concetto spesso in Fortini e, ad esempio, nella II ed. di Verifica dei poteri, Milano, il Saggiatore, p. 31 : « Non esiste problema […] della letteratura che non sia della società. Qualsiasi discorso sulla letteratura che […] respinga le implicazioni, cioè le eteronomie, è obiettivamente errore e menzogna».

48 Lenzini in Fortini, Saggi e epigrammi, cit, p. XLII.

49 Fortini, Saggi italiani, cit., vol. I, p. 295.

50 Franco Fortini, La promessa in Id, Paesaggio con serpente, Torino, Einaudi, 1994, p. 93.

51 Franco Fortini, Insistenze Cinquanta scritti 1976-1984, Milano, Garzanti, 1985, p. 10.

52 Fortini, Un dialogo ininterrotto, cit., p. 563.

53 Wolfgang Goethe, Faust, trad. it. di Franco Fortini, Milano, Mondadori, 1972, p. 1057.

Auteur

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search