Version classiqueVersion mobile

Franco Fortini e le istituzioni letterarie

 | 
Gianni Turchetta
, 
Edoardo Esposito

Voci. Fortini enciclopedico

Luca Lenzini

Texte intégral

  • 1 Soprattutto in Una opportuna premessa a Franco Fortini, Ventiquattro voci per un dizionario di let (...)
  • 2 Franco Fortini, Nuovi saggi italiani, Milano, Garzanti, 1987: si tratta di Classico (da Encicloped (...)
  • 3 Id, Ventiquattro voci… cit.
  • 4 Id., Non solo oggi. Cinquantanove voci, a cura di Paolo Jachia, Roma, Editori Riuniti, 1991.
  • 5 Id., Una opportuna premessa cit., p. 9.

1Non son pochi gli autori novecenteschi che nei loro curricula annoverano collaborazioni a enciclopedie (settoriali o generali), manuali, dizionari e companions; collaborazioni quasi sempre trattate dalla critica come episodi marginali, hors-d’oeuvres o faccenduole di tipo “alimentare” e pertanto degne di un’attenzione d’ordine poco più che bibliografico. Eppure, è da credere che uno studio sistematico delle “voci” redatte da scrittori fornirebbe un capitolo non insignificante della cultura novecentesca; e nel caso di Fortini si tratta di una produzione tanto estesa nel tempo e quantitativamente rilevante, quanto rimarchevole sotto il profilo qualitativo, e per di più accompagnata – e questo è un tratto tipicamente fortiniano – dalla riflessione sul “genere” stesso, sulla sua evoluzione storica e il suo background ideologico.1 Non è perciò affatto un caso, ma un segno di coerenza e un fatto meritevole di attenzione, che alcune delle voci redatte dall’autore non solo confluiscano nell’opera “maggiore” (Nuovi saggi italiani),2 ma formino addirittura due interi libri: Ventiquattro voci per un dizionario di lettere3 e Non solo oggi. Cinquantanove voci.4 Non è insomma di hors-d’oeuvres che stiamo parlando; e se è vero che lo stesso Fortini, nell’Opportuna premessa a Ventiquattro voci, dichiarò senza giri di parole che «l’abilità di stendere frasi o pagine a comando e quasi su qualsiasi argomento mi ha consentito di nutrirmi, di fornire abiti e acqua calda alle persone della mia famiglia, di usare un’auto»,5 non per questo è meno vero che abbiamo a che fare, qui, con un tratto peculiare e rilevante del suo lavoro di intellettuale.

  • 6 Id., Verifica dei poteri. Scritti di critica e di istituzioni letterarie, Milano, il Saggiatore, 1 (...)
  • 7 Id., Questioni di frontiera. Scritti di politica a di letteratura 1965-1977, Torino, Einaudi, 1977
  • 8 Da ricordare in questo senso il sempre utile lavoro di Pia Mondelli in Carlo Fini, Luca Lenzini, P (...)

2Se sommiamo i lemmi dei due libri appena citati, abbiamo un totale di ottantaquattro voci. Ad uno sguardo ravvicinato notiamo, però, un altro fatto: il libro del ’91, Non solo oggi, si compone in realtà non di voci in senso stretto (testi destinati, cioè, a opere di divulgazione) ma, tranne una, su cui tornerò più avanti, di brani tratti dalla produzione saggistica, indicizzati e riutilizzati in quanto ritenuti riassuntivi di concetti e temi pregnanti e cari all’autore. Ora, questa dell’indicizzare e del “riuso” è una prassi anch’essa tipica dell’autore, che curava personalmente l’Indice delle cose notevoli delle sue raccolte di saggi, come avvenne per Verifica dei poteri6 e poi per Questioni di frontiera:7 uso a sua volta attestato anche dai quaderni di lavoro, veri e propri zibaldoni. L’intento è di ordine “privato”, in questo caso, ma più in generale, nei libri citati, si tratta di predisporre una guida per l’orientamento del lettore dentro le folte e non di rado ardue compagini dei testi, ovvero uno strumento per la loro consultazione in base alle sollecitazioni e alle domande che, da parte dell’utente, si volgono all’interpretazione del mondo circostante. Si potrebbe anche dire che con questi strumenti, indici o voci che dir si voglia, Fortini tende a fornire una bussola nell’apparente e lussureggiante disordine di un pensiero mobilissimo, che in chiave saggistica esplora costantemente i più diversi aspetti della cultura e della società contemporanea; ma soprattutto, per anticipare una possibile conclusione, va aggiunto che una tale intenzione di fondo, con quel tanto di “enciclopedico” che comporta un’apertura senza preclusioni, è intrinseca a quella più ampia verifica dei poteri che è, poi, a farla breve, l’opera di Fortini nel suo complesso.8

  • 9 «Pisacane Carlo», «Il Politecnico» (Enciclopedia), 5, 27 ottobre 1945, p. 3 (poi in Franco Fortini(...)
  • 10 Si veda Davide Dalmas, La protesta di Fortini, Aosta, Sygma, 2005, p.
  • 11 Franco Fortini, Dieci inverni (1947-1957). Contributi ad un discorso socialista, II ediz. con una (...)
  • 12 Id., Albe Steiner, in Disegni Incisioni Dipinti. Catalogo ragionato della produzione pittorica e g (...)

3Ma torniamo, ora, al quanto, alla produzione di testi. Decurtate dell’apporto di Non solo oggi, le voci in senso stretto sono quarantaquattro, distribuite lungo un arco cronologico i cui estremi risultano a loro volta di evidente valore “epocale”: 1945 e 1990; arco in cui possiamo distinguere almeno tre fasi, che mi provo a delineare per sommi capi. Procedendo con ordine: la prima voce è dedicata a Carlo Pisacane,9 ottobre ’45, firmata Giona,10 nel n. 5 del «Politecnico». Non c’è bisogno di dire perché una rivista che si richiamava a Cattaneo accogliesse una rubrica intitolata Enciclopedia, redatta da più collaboratori e redattori e naturalmente multidisciplinare; basterà notare, qui, che la voce d’esordio, di ambito storico-biografico, coincide con una fase precisa della storia del nostro paese e di Fortini in quella: siamo dentro il ripensamento sul passato recente e prossimo che in lui aveva preso quota durante l’esilio in Svizzera e fa tutt’uno, ora, con lo sforzo di rinnovamento della rivista di Vittorini, ovvero con quella ambizione di cui si parla nel saggio d’apertura di Dieci inverni, intitolato Che cosa è stato il «Politecnico»: «rivolgere agli intellettuali dell’antifascismo, alla frazione radicale della borghesia e a quei lavoratori che la Resistenza aveva presentati alla responsabilità politica, un discorso complesso dove l’informazione (e la divulgazione) di tutti i risultati di quella cultura contemporanea dalla quale il fascismo aveva tenuti lontani quasi tutti gli italiani, fosse, per metodo, linguaggio e correlazione di soluzioni e problemi, una proposta o fondazione di “cultura nuova”».11 Neanche può stupire, in tale contesto, che sia la figura di Pisacane a rappresentare la voce inaugurale della rubrica del «Politecnico»: quel nome riaffiorava, certo con la memoria a Rosselli e Pintor, tra le «sbarre spesse del quotidiano»12 con lo scopo di riaprire il discorso sulla rivoluzione in Italia, ovvero sui limiti e sul lascito di un Risorgimento «che è oggi in gran parte da rifare».

  • 13 Ibidem.
  • 14 Ibidem.
  • 15 Id., Per un mancato editoriale del «Politecnico», «Studi novecenteschi», II, 5, luglio 1973, pp. 2 (...)

4Era così la relazione tra presente e passato, di voce in voce, a innervare sin dall’inizio il «didattismo tutto positivo»13 di Vittorini, che anche nella grafica del quotidiano, grazie ad Albe Steiner, si ispirava a «una sorta di gaiezza pedagogica della linea retta, di polemica della pulizia intellettuale contro il caos ripugnante di frantumi, liquami, rifiuti, scarti – reali e simbolici – che la guerra ci aveva lasciato in eredità».14 Il lessico da comporre era, cioè, un modo per così dire “ecologico” per ricominciare a ragionare sul presente (e sul futuro), e insieme per fondare una cultura nuova (Una nuova cultura s’intitolava l’editoriale inedito di Fortini per la rivista,15 come quello dell’amico Elio) in virtù di altrettanto nuovi «metodo, linguaggio e correlazione di soluzioni e problemi». Ebbene, in questo gesto fondativo e innovativo, nel riprendere la parola condividendo un alfabeto elementare ma non per questo scontato o banale (anzi, tutto il contrario) è da vedere, io credo, l’imprinting del «Politecnico» quale è dato ravvisare da allora in poi in questo filone della scrittura di Fortini e, più in generale, come si accennava prima, il codice genetico della dimensione pedagogica, nel senso più alto e non specialistico, della sua vocazione.

  • 16 «De Amicis Edmondo» [f. Giona], «Il Politecnico», 7, 10 novembre 1945, p. 3; «Salgari Emilio» [f. (...)
  • 17 F. Fortini, «Gramsci Antonio», in Grande Dizionario Enciclopedico UTET, vol. VI, 1957, pp. 376-378 (...)
  • 18 Id., Lettere di Antonio Gramsci, «Avanti!», 20 aprile 1947, p. 3 (recensione a A. Gramsci, Lettere (...)
  • 19 In ordine: «Alla ricerca del tempo perduto», vol. I (1964), pp. 140-143; «Ambiguità», vol. I, pp. (...)
  • 20 Libri nel tempo, a cura di Franco Fortini, in AZ Panorama Enciclopedia monografica della letteratu (...)
  • 21 Franco Fortini, Londra, in AZ Panorama: enciclopedia monografica della geografia, vol. IV, La Terr (...)
  • 22 Id., Ventiquattro voci per un dizionario di lettere cit., p. 34.

5Le altre voci del «Politecnico» sono dedicate a Edmondo De Amicis e a Emilio Salgari,16 sicché si può osservare che il trittico fortiniano, per quanto limitato, sembra nei fatti contraddire la diffidenza dell’intellighenzia del Partito Comunista italiano – sospettoso verso le avanguardie e le troppe licenze rispetto ai canoni del marxismo ortodosso – rispetto alla dimensione poco “nazionale” della cultura promossa dalla rivista di Vittorini. In Fortini, invece, la riflessione sulla cultura ereditata è parte integrante del lavoro svolto a partire dal primo dopoguerra (ovvero di questa prima fase); e ne è un episodio importante anche la voce Gramsci redatta un decennio dopo, nel 1957, per il Grande Dizionario Enciclopedico UTET,17 preceduta da lontano, quanto all’oggetto, da due importanti recensioni sull’«Avanti».18 Ma il passaggio decisivo, sia nel senso dell’impegno professionale, sia in ordine allo spessore delle imprese editoriali, è quello legato a due importanti enciclopedie di larga diffusione pubblicate tra i Cinquanta e i Sessanta: questa seconda fase, che ci introduce in un contesto storico e culturale del tutto diverso, segnato dall’accelerato sviluppo del paese, è rappresentata dai testi consegnati a AZ Panorama di Zanichelli e Le Muse: enciclopedia di tutte le arti della De Agostini. Entrambe le opere annoverano collaboratori di primo piano (da Calvino a Pampaloni ad Antonicelli, per dire solo dei letterati); quanto a Fortini, per la prima, composta di dodici volumi editi tra il ’54 e il ’62, non si limitò a scrivere voci ben impegnative come La lettera e l’epistolario di Voltaire, Guerra e pace, Alla ricerca del tempo perduto, Il processo, La biblioteca immaginaria,19 bensì curò l’intero volume intitolato Libri nel tempo. Enciclopedia monografica della letteratura,20 nonché la voce dedicata a Londra nel quarto volume, La Terra in cui viviamo.21 Per la seconda (Le muse), anch’essa di dodici volumi o «dispense», scrisse invece ventiquattro voci, delle quali ventidue andranno a far parte di Ventiquattro voci per un dizionario di lettere insieme ad altre due, dedicate una a La Gerusalemme liberata e l’altra a Montale che, come avverte l’Opportuna premessa,22 derivano da un’edizione scolastica e da un repertorio francese, Les écrivains célèbres (Paris, Mazenoud, 1965).

6«Ero tutto contento di scrivere le mie voci», scrive nella Premessa di Ventiquattro voci Fortini:23 una gioia del fare e una dedizione all’utile che è agli antipodi di ogni snobismo di casta o di pose da letterato sublimeggiante. Un atteggiamento non diverso, in fondo, da quello con cui si era cimentato, alla Olivetti24, con i compiti del copywriter: lavoro anch’esso e ancor di più “nutritivo” sul piano del sostentamento, ma anche estremamente stimolante – oltre che per l’ambiente culturale – in quanto l’obbligo al rispetto delle regole, l’attenzione alla misura e al lessico dei testi pubblicitari gli avevano consentito un approfondimento delle questioni di metrica relative al far poesia e una riflessione sugli aspetti formali dei testi (esperienza che va insieme, in quegli anni, al lavoro su Brecht) da cui saprà trarre una lezione anche teorica. Era, a farla breve, un modo di star dentro l’industria, fianco a fianco con grafici e tipografi, managers e uomini delle public relations, che faceva interagire gli aspetti creativi del lavoro con la coscienza di svolgere un servizio prettamente professionale (come del resto avviene, per Fortini, nel campo delle consulenze editoriali). All’insofferenza – che fu anche, eccome, del docente – verso le posture genialoidi e il mito dell’immediatezza, egli contrappone, come dicevo all’inizio, l’acuta consapevolezza della propria funzione e del contesto: nel nostro caso, la competenza critica con cui egli si accosta al “genere” è evidente e quasi squadernata nell’Opportuna premessa di Ventiquattro voci, declinato com’è quel testo (di fatto un saggio tutto fondato sulla conoscenza diretta dell’industria culturale e della pratica editoriale) in termini di sociologia del lavoro letterario, secondo una prospettiva volta a valorizzare le modalità in cui i singoli – gli utenti presenti e futuri – possono e debbono razionalizzare la propria esperienza. Su questo nesso di razionalità ed esperienza insiste Fortini, ed è un nesso che si può leggere alla luce di un terzo elemento, non citato ma ben presente, ovvero l’idea di emancipazione: poiché è questo, alla fine, il passaggio ineludibile e tale, non altra, la questione ogni volta riaperta quando non si mira semplicemente a tramandare la cultura ricevuta. È il tema a fondamento di un’altra importante voce, Eguaglianza,25 redatta per l’«Almanacco Letterario Bompiani» del 1959: «[…] da Babeuf alla Comune di Parigi e dalla rivolta di Barcellona a quella di Budapest la passione dell’eguaglianza resiste. Alla falsa eguaglianza delle società fondate sulla concorrenza - che tanto più predicano gli uomini tutti egualmente figli di Dio o della legge umana quanto più profittano della divisione delle classi o, nella più ipocrita delle ipotesi, di quella fra riformatori e riformati - si debbono ostinatamente contrapporre la descrizione dell’ineguaglianza come risultato storico e l’ostinata lotta per raggiungerla. Gli uomini non nascono eguali. Possono meritare di diventarlo».

  • 26 Franco Fortini, Profezie e realtà del nostro secolo. Testi e documenti per la storia di domani, Ba (...)
  • 27 Id., Come riscrivere un articolo, «Quaderni piacentini», IX, 42, novembre 1970, pp. 119-23 (poi in (...)
  • 28 La serie Scrivere chiaro compare su «il manifesto», 8 gennaio 1974, p. 2; 11 gennaio 1974, p. 3; 1 (...)
  • 29 In origine Franco Fortini, Le figure del discorso. Per il comunismo dei prodotti intellettuali (I) (...)

7Ricordiamolo, allora, di nuovo: siamo, a quest’altezza, in un periodo di profonde trasformazioni del tessuto sociale e culturale del paese, e proprio per questo il momento basilare (o anzi basic) da affrontare non era solo quello della sintesi: occorreva bensì sfrondare dal lessico le falsificazioni ideologiche e i facili passepartout dei luoghi comuni, demolire gli ambigui sottintesi di chi, dall’alto di una sapienza impartecipabile, ammannisce sempre e soltanto mezze verità o generiche conferme (o magari certezze di dubbia vernice “scientifica”). La cultura come bene comune esige un lavoro di disarticolazione e, ad un tempo, di ricostruzione, ed è tipico di questa fase – ad altro livello, anche la straordinaria antologia del ’65 Profezie e realtà del nostro secolo26 muoveva in questa direzione – il senso di scommessa che anima l’autore, il suo modo d’interpretare il cambiamento. Ma certo, non era alla portata di tutti passare dalle definizione di “avanguardia” e quella di “decadentismo” al compendio del Processo o della Recherche o Guerra e pace: se queste voci d’ambito letterario presuppongono l’esperienza del lettore-critico e del traduttore, attivi su questi fronti ormai da un trentennio, quelle dedicate a “Articolo”, “Diario” o “Critica letteraria” sviluppano il filone didattico e pedagogico in un ambito categoriale tanto più significativo in quanto per l’appunto soggetto ad un uso irriflesso, e perciò stesso mediato e dunque imbottito d’ideologia. È il filone destinato a riaffiorare più avanti, lungo gli anni Settanta, in saggi come Come riscrivere un articolo,27 Scrivere chiaro,28 Dove scrivere,29 confluiti in Questioni di frontiera: sono questi gli anni in cui il cambiamento e i movimenti di contestazione dell’esistente già cominciano a battere in testa e a prendere derive involutive, mentre il «dialogo ininterrotto» (e collettivo) che per Fortini coincideva con l’essenza della rivoluzione, tende a irrigidirsi in cliché e a riproporre oltranze da apprendisti stregoni e, insieme, antiche complicità, parole d’ordine compromesse. Quando il nesso tra potere e sapere, da sempre all’ordine del giorno nell’agenda dell’intellettuale Fortini, torna a declinarsi, sia nel discorso pubblico che nel linguaggio dell’inconscio, secondo modelli dell’esclusione e gerarchie implicite e indiscutibili, occorre ricominciare di nuovo e sempre dal lessico, dall’abicì (direbbe Brecht), per scongiurare l’eterno riflusso di quei «frantumi, liquami, rifiuti, scarti» combattuti sin dai tempi del «Politecnico», ma che non hanno davvero smesso di circolare allora e, quanto a questo, ai nostri giorni.

  • 30 Id., Il dissenso e l’autorità, «Quaderni piacentini», VII, 34, maggio 1968, pp. 91-100, poi in Id.(...)

8Ma attenzione, in questa fase, al rapporto d’interscambio che percorre la produzione fortiniana nel suo insieme: se da una parte le voci d’ampio respiro presuppongono uno sguardo saggistico capace di enucleare le coordinate dell’opera di Baudelaire, di Breton o Tasso, dall’altra i saggi assorbono al loro interno vocabolari, distinzioni e definizioni che formano un promemoria o vademecum rivolto soprattutto ai giovani. Così un testo scritto nel ’68 e ripreso in Questioni di frontiera, Il dissenso e l’autorità30, ospita un passaggio come questo, inteso a separare nettamente, sfidando il senso comune della sinistra più incline a demagogie e slogan, i concetti di “autorità” e “autoritarismo”:

  • 31 Cito da Saggi ed epigrammi cit., p. 1415.

Autorità è la voce, nello stesso tempo, dell’accordo e della gerarchia dei valori che sull’accordo si fonda. Hai l’autorità di un pensiero, di una verità, di un esempio. Finché non viene contestata in nome di una più alta, c’è l’autorità della propria esperienza; c’è quella del proprio passato irreversibile. Autoritarismo è invece l’insieme dei modi con i quali si impone una data gerarchia di valori. L’autorità accettata è sempre stata imposta? Sì, dalla forza del padre, del maestro, del signore, eccetera; ma solo fino a quando, contestata, non viene sostituita da un’altra autorità, quella che si è venuta costituendo nel corso della contestazione e che è l’altro nome della libertà.31

  • 32 Da annotare al riguardo che molto diverso fu l’atteggiamento di Fortini rispetto alle due imprese: (...)

9Si badi bene: non c’è soltanto, in questo caso, l’ammonimento a non scambiare due nozioni distinte come “autorità” e “autoritarismo” e dunque a definirne rispettivamente genesi e scopi; c’è bensì il richiamo a denunciare apertamente, senza sottintesi, in quale prospettiva si contesta o ci si ribella. Il ribellismo generico e la confusione terminologica e ideologica (che vanno insieme) sono da contrastare sempre e comunque; ma la dialettica che fonda la relazione, delineata nel saggio citato, tra autorità ed esperienza ha a che vedere direttamente con i fondamenti dell’attività critica stessa di Fortini, con il suo costante sottoporre a verifiche il sapere che si vuole comune. È qui, a partire da questa dialettica intrisa di socialità, che si forma e parla l’auctoritas specifica di Franco Fortini, la sua interpretazione dell’idea medesima di libertà; ed è da questo punto alto di consapevolezza e dalla scommessa radicalmente democratica e collettiva della seconda fase che meglio si legge, in controluce, la fase ulteriore e ultima delle voci fortiniane, quella che tra il ’76 e l’80 lo vede collaborare all’Enciclopedia Europea Garzanti e all’Enciclopedia Einaudi.32

  • 33 «Classico», in Enciclopedia Einaudi, vol. 3, Torino, Einaudi, 1978, pp. 192-202; «Letteratura», iv (...)
  • 34 Durable 5168 in Franco Fortini, Composita solvantur, Torino, Einaudi, 1994 (ora in Id., Tutte le p (...)

10Si tratta di nove voci33, tutte di grande spessore ed ampiezza: due di esse sono dedicate a singoli autori, Bertolt Brecht e Giacomo Debenedetti; le altre sono “Avanguardia” (di nuovo), “Critica letteraria” (di nuovo), “Classico”, “Surrealismo”, “Il romanzo moderno”, “Realismo”, “Letteratura”. Lette di seguito, queste voci sembrano formare già di per sé un’enciclopedia o più precisamente, un dizionario della letteratura come quelli di cui Fortini era appassionato lettore e a cui spesso indirizzava gli studenti; ma tale è la ricchezza e, insieme, il rigore analitico di queste voci da rendere impossibile un resoconto adeguato, e approssimativa ogni descrizione; mentre si potrebbe, con le citazioni dai singoli testi, rimontare un altro, articolato e sorprendente repertorio di termini, correnti, luoghi esemplari, non senza affilatissime pointes in polemica con il presente. Se proviamo a immaginare che per effetto di qualche imprevisto hackeraggio delle nostre banche-dati oppure per causa di un ignorante e definitivo algoritmo, tutte le opere di Fortini scomparissero («Don’t save, don’t save! Inizializza di netto…», recita una tarda quartina di Composita solvantur),34 e per caso fossero sopravvissute soltanto queste voci disperse, credo che basterebbero a far almeno ricordare il suo nome. Decisiva, comunque, è la cornice storica entro cui, essendo la letteratura una «istituzione sociale», ogni fenomeno viene affrontato: e si parla non di aspetti secondari o di singole opere, ma di generi, categorie e concetti sui quali si sono confrontati i maggiori autori e interpreti della Weltliteratur, lungo i secoli dall’antichità all’altrieri.

  • 35 Franco Fortini, Letteratura, in Id., Nuovi saggi italiani cit., p. 169
  • 36 Ivi, p. 170
  • 37 Franco Fortini, Extrema ratio. Note per un buon uso delle rovine, Milano, Garzanti, 1990.

11Ecco, nella concomitanza dell’apertura di compasso a tutto campo con l’interpretazione storico-contestuale degli oggetti del discorso si coglie, prescindendo dai singoli giudizi, il proprio dello sguardo fortiniano, il suo tratto distintivo e di più nobile sfida alle trattazioni pseudoscientifiche e ai saperi iniziatici. Il punto di osservazione – ed anche questa è una lezione di metodo – non è mai sottaciuto, anzi lo “scriba” denuncia apertamente la prospettiva da cui parla, che pur servendosi delle più recenti acquisizioni della semiologia o della linguistica, non è per nulla rassicurante, a questo punto, quanto alla diagnosi dello stato dell’arte: «Alla dissoluzione dell’uomo cristiano-borghese – si legge in “Letteratura” – annunziata da cent’anni, non rispondendo la nascita di nessun nuovo soggetto o “centro” storico, è giusto corrisponda una non-letteratura, se letteratura era il sapere che definiva quella fase della umanità occidentale»;35 e ancora: «La letteratura somiglia sempre più a un enorme edificio abbandonato, luogo di transito e quasi cava di pietra per tante discipline, dalla linguistica alla filologia, dalla antropologia culturale alla psicanalisi, dalla ricerca storica a quella filosofica».36 Osservazioni di tono ben diverso da quello di Ventiquattro voci e che annunciano piuttosto il clima che sarà di Extrema ratio,37 il cui sottotitolo Note per un buon uso delle rovine non sarebbe fuor di luogo, si direbbe, per queste ultime voci fortiniane.

  • 38 Franco Fortini, Che cos’è il comunismo, in Id., Extrema ratio cit., pp. 99-101, e Id., Non solo og (...)
  • 39 Franco Fortini, Astuti come colombe (1962) in Id.,Verifica dei poteri cit.; e Id., Un giorno o l’a (...)
  • 40 Vedi Luca Lenzini, Appunti su Manzoni in Fortini (e viceversa), «Testo. Studi di teoria e storia d (...)
  • 41 Vedi Riccardo Bonavita, La scuola della gioia. “Occasioni” leopardiane di Fortini, «Ospite ingrato (...)
  • 42 In Franco Fortini, Paesaggio con serpente. Versi 1973-1983, Torino, Einaudi, 1984 (ora in Id., Tut (...)

12Non di rovine ci parlano, però, le due voci che concludono questa mia troppo breve rassegna. Non le si legge in nessuna enciclopedia ma, come le altre, ebbero dei committenti precisi. Il primo fu il settimanale satirico «Cuore», che nel gennaio dell’89 chiese a Fortini «quaranta righe» per dire che cosa intendesse per “comunismo”: «le quaranta righe erano una sfida, come una scommessa metrica», ha scritto Fortini presentando quel testo in Extrema ratio;38 «mi pareva bene – aggiungeva – che quel mio pezzo comparisse tra le vignette, mascherato.» È dunque in quelle che poi diventarono non quaranta ma ottanta righe, che possiamo vedere l’ultima sfida di Fortini (non solo metrica, s’intende) al proprio tempo, ancora una volta in forma di voce da riusare e ora più che mai per i posteri: le ilari rimozioni e le funeste euforie con cui il secolo si andava chiudendo hanno qui un formidabile e asciutto controcanto, un alto e solitario memento. Era il momento giusto, per l’ospite ingrato, per ricapitolare il senso del proprio operare lungo gli anni, e insieme per ribadire il fine a cui tendere: un testamento, forse, da custodire lungo altri inverni, almeno per chi volesse raccogliere l’invito affidato ai versi di Composita solvantur: «proteggete le nostre verità». Al supplemento umoristico della testata fondata da Antonio Gramsci era così consegnato un testo che tra le righe conteneva un autoritratto e, insieme a quello, un ordigno verbale simile alla «lima fine d’acciaio nascosta nella pagnotta dell’ergastolano», di cui l’ospite ebbe parlare più di una volta.39 Parole di una lingua ignota alle scritture del tempo (e proprio per questo tanto più urticanti alla procurata incoscienza dei contemporanei) che condensavano il pensiero del loro autore, proponendo un ideale e insieme un’agenda che non collimano né con le premesse teoriche e le prassi politiche del “socialismo reale” (allora dissoltosi), né con la tradizione ortodossa del marxismo (e meno ancora con le proposte dell’avvizzita cultura progressista, ormai del tutto appiattitasi sul primato scientista-tecnologico). A risaltare, nella voce estrema, insieme ai riverberi manzoniani40 (e biblici), sono piuttosto i moventi primi, di ordine etico, tanto a livello esistenziale che di poetica, che un’ultima volta ribadiscono la correzione in direzione utopica (e pedagogica) del radicale «pessimismo antropologico» (di profilo leopardiano41) che informa il materialismo fortiniano; una versione tanto personale, quanto priva di astrattezza e tutta calata nel vissuto, cioè nel quotidiano conflitto per il Vero, dalla parte dei sommersi, senza illusioni di “autenticità” o di una qualche palingenesi («Il combattimento per il comunismo è già il comunismo»). Mascherato tra le vignette e i fumetti d’epoca, quel testo, e non più inquadrato tra le linee terse di Albe Steiner; ma ben riconoscibile tanto nel moto d’orgoglio che presuppone, quanto nell’umiltà didascalica dell’«ostinato che a notte annera carte / coi segni di una lingua non più sua», come recitano i versi di Molto chiare…42

  • 43 Autodizionario degli scrittori italiani, a cura di F. Piemontese, Milano, Leonardo Editore, 1990, (...)
  • 44 Ivi, p. 157.
  • 45 Ivi, p. 158.
  • 46 Ibidem.
  • 47 Ibidem.

13L’altra voce è quella che Fortini consegnò all’Autodizionario degli scrittori italiani curato da Felice Piemontese nel 1990. Il sottotitolo è Per una piccola enciclopedia della letteratura italiana, anno 202943 ed è in effetti una scrittura breve e nel registro ironico: una scheda di trentatré righe, stavolta, che ponendosi in una prospettiva temporale ormai più prossima alla nostra che non a quella dei lettori del tempo riepiloga il contributo di Fortini Franco alla cultura del Novecento. L’inizio è il seguente: «Vivente l’a., la critica sopravvalutò i termini biografici e le posture ideologiche di F., che oggi appaiono poco diversi da quelli di chi ebbe a vivere gli sconvolgimenti internazionali della seconda guerra mondiale e dei tre decenni che la seguirono».44 C’è qui come un ridimensionamento a distanza del discorso ideologico che può sembrare in linea con le tendenze del “pensiero unico” e le rimozioni epocali; il che non è senza ironia. Ma datare la voce al 2039 significava non solo distanziare il presente – l’89 e tutto quel che comportava – bensì collocarsi in un tempo in cui, passate due generazioni, l’insistente rumore di fondo del secolo poteva dirsi defunto; e d’altra parte, non è forse vero (già oggi lo vediamo meglio) che troppo spesso la critica, vivente l’autore, troppo spesso è rimasta impigliata in una discussione di breve respiro, impari rispetto allo spessore dell’opera, del suo complesso (e anche contraddittorio, anche imprevisto) svolgersi e ramificarsi? Come suggerisce in chiusa la voce, dovremmo invece accogliere l’invito (o la sfida) dell’estensore ad avvicinarla, quell’opera, «spenta la controversia e lontana dall’applauso come dalla denigrazione, spogliata dalle interpretazioni psicologistiche».45 Ancora uno sforzo, ci chiede forse la piccola enciclopedia… «Recenti studi sul linguaggio di F. (e soprattutto sul rapporto fra metrica e sintassi) – continua la voce – hanno posto in evidenza tensioni non riconducibili alla coscienza politica e letteraria dell’a. ma piuttosto intrinseche a una secolare vicenda dell’Occidente europeo confrontato al proprio avvenire».46 Ed ecco, lo sguardo lungo di tante voci è qui rivolto da Fortini anche a Fortini Franco, storicizzandone il contributo intellettuale, ma mettendo in primo piano il lavoro poetico, che la voce chiaramente privilegia sul resto; senza rinunciare, però, a una di quelle accensioni critiche che popolano un po’ ovunque i suoi saggi, allo stesso tempo riallacciandosi all’altra voce estrema, come una lungimirante e sintetica postilla: «Il “comunismo” di F. è la poesia della esistenza in lotta con la storia e quindi con la propria medesima alienazione».47

14Mi pare ben detto e spero che nel 2029 qualcuno vorrà interrogarsi, ancora, su queste parole.

Notes

1 Soprattutto in Una opportuna premessa a Franco Fortini, Ventiquattro voci per un dizionario di lettere, Milano, il Saggiatore, 1968 ( II ediz. Ivi, 1998); ma si vedano anche le recensioni Fra gentiluomini ci si intende, «Corriere della Sera», 12 settembre 1976, p. 11 (sul Dizionario di filosofia Rizzoli e sulla Enciclopedia Feltrinelli Fischer, vol. I, Letteratura) e Un libro di libri, «Panorama», XXII, 970, 19 novembre 1984, p. 28 (sul vol. XII dell’Enciclopedia Europea edita da Garzanti).

2 Franco Fortini, Nuovi saggi italiani, Milano, Garzanti, 1987: si tratta di Classico (da Enciclopedia Einaudi, vol. III, Torino, Einaudi, 1978, pp. 192-202) e di Letteratura (da Enciclopedia Einaudi, vol. VIII, Torino, Einaudi, 1979, pp. 152-751979).

3 Id, Ventiquattro voci… cit.

4 Id., Non solo oggi. Cinquantanove voci, a cura di Paolo Jachia, Roma, Editori Riuniti, 1991.

5 Id., Una opportuna premessa cit., p. 9.

6 Id., Verifica dei poteri. Scritti di critica e di istituzioni letterarie, Milano, il Saggiatore, 1965 (nuova ediz. ivi, 1969; poi Torino, Einaudi, 1989, e ora con introduzione di Alberto Rollo, Milano, il Saggiatore, 2017).

7 Id., Questioni di frontiera. Scritti di politica a di letteratura 1965-1977, Torino, Einaudi, 1977.

8 Da ricordare in questo senso il sempre utile lavoro di Pia Mondelli in Carlo Fini, Luca Lenzini, Pia Mondelli, Indici per Fortini, Firenze, Le Monnier, 1989, pp. 153-155.

9 «Pisacane Carlo», «Il Politecnico» (Enciclopedia), 5, 27 ottobre 1945, p. 3 (poi in Franco Fortini, Saggi ed epigrammi, a cura e con un saggio introduttivo di Luca Lenzini, Milano, Mondadori, 2003, pp. 1242-1246).

10 Si veda Davide Dalmas, La protesta di Fortini, Aosta, Sygma, 2005, p.

11 Franco Fortini, Dieci inverni (1947-1957). Contributi ad un discorso socialista, II ediz. con una nuova Prefazione, Bari, De Donato, 1974 (prima ediz. Feltrinelli, 1957), p. 61.

12 Id., Albe Steiner, in Disegni Incisioni Dipinti. Catalogo ragionato della produzione pittorica e grafica di Franco Fortini, a cura di Enrico Crispolti, Macerata, Quodlibet, 2001, p. LXXII.

13 Ibidem.

14 Ibidem.

15 Id., Per un mancato editoriale del «Politecnico», «Studi novecenteschi», II, 5, luglio 1973, pp. 275-281; poi con il titolo Un mancato editoriale del «Politecnico» in Id., Questioni di frontiera cit., pp. 237-244 e Id.., Saggi ed epigrammi cit. pp. 1232-1237.

16 «De Amicis Edmondo» [f. Giona], «Il Politecnico», 7, 10 novembre 1945, p. 3; «Salgari Emilio» [f. Franco Fortini], «Il Politecnico», 25, 16 marzo 1946, p. 3.

17 F. Fortini, «Gramsci Antonio», in Grande Dizionario Enciclopedico UTET, vol. VI, 1957, pp. 376-378; poi in Id., Saggi ed epigrammi cit., pp. 1345-9

18 Id., Lettere di Antonio Gramsci, «Avanti!», 20 aprile 1947, p. 3 (recensione a A. Gramsci, Lettere dal carcere, Torino, Einaudi); Gramsci e Marx, oggi, «Avanti!», 26 marzo 1948, p. 3 (recensione a A. Gramsci, Il materialismo storico e la filosofia di Benedetto Croce, Torino, Einaudi).

19 In ordine: «Alla ricerca del tempo perduto», vol. I (1964), pp. 140-143; «Ambiguità», vol. I, pp. 178-179; «Aneddoto», vol. I, pp. 228-229; «Antichi e moderni», vol. I, pp. 267-268; «Apollinaire», vol. I, pp. 290-291; «Articolo», vol. I, p. 403; «Assoluto, ricerca dell’», vol. I, pp. 419-420; «Autobiografia», vol. I, pp. 464-465; «Avanguardia», vol. I, pp. 470-472; «Bouvard et Pecuchet», vol. II (1965), pp. 390-391; «Brecht, Bertolt», vol. II, pp. 411-413; «Cardarelli, Vincenzo», vol. III (1965), p. 83; «Le Confessioni», vol. III, p. 390; «Contenuto», vol. III, p. 406; «Critica letteraria», vol. IV (1965), pp. 7-8; «Cronaca», vol. IV, pp. 25-6; «Curiosità estetiche», vol. IV, p. 35; «Decadentismo», vol. IV, pp. 101-103; «Demònico», vol. IV, p. 148; «Dialogo», vol. VI (1965), pp. 182-183; «Diario», vol. VI, pp. 184-146; «Franz Kafka», vol. V (1965), pp. 223-224.

20 Libri nel tempo, a cura di Franco Fortini, in AZ Panorama Enciclopedia monografica della letteratura, Bologna, Zanichelli, 1957.

21 Franco Fortini, Londra, in AZ Panorama: enciclopedia monografica della geografia, vol. IV, La Terra in cui viviamo, Bologna, Zanichelli, p. 479.

22 Id., Ventiquattro voci per un dizionario di lettere cit., p. 34.

23 Ivi, p. 15.

24 Sul tema si veda l’importante intervento di Sergio Bologna: http://www.ospiteingrato.unisi.it/i-poeti-e-la-pubblicita-note-su-fortini-copywriter-per-la-olivetti/

25 Vocabolarietto dell’italiano, pp. 171-172, poi in Franco Fortini, Un giorno o l’altro, a cura di Marianna Marrucci e Valentina Tinacci, Macerata, Quodlibet, 2006, pp. 280-281.

26 Franco Fortini, Profezie e realtà del nostro secolo. Testi e documenti per la storia di domani, Bari, Laterza, 1965.

27 Id., Come riscrivere un articolo, «Quaderni piacentini», IX, 42, novembre 1970, pp. 119-23 (poi in Id., Questioni di frontiera cit., pp. 109-15.

28 La serie Scrivere chiaro compare su «il manifesto», 8 gennaio 1974, p. 2; 11 gennaio 1974, p. 3; 18 gennaio 1974, p. 3 (poi in F. Fortini, Questioni di frontiera, pp. 125-131; e vedi Id., Disobbedienze I. Gli anni della sconfitta. Scritti sul Manifesto 1985-1994, Roma, Manifestolibri, 1997); mentre Perché è difficile scrivere chiaro dal «Corriere della Sera», 11 luglio 1977, pp. 1-2, passa in Insistenze cit., pp. 116-8 .

29 In origine Franco Fortini, Le figure del discorso. Per il comunismo dei prodotti intellettuali (I), «Aut-Aut», 145-146, n.s., gennaio-aprile 1975, pp. 88-90; poi con il titolo Dove scrivere (1) in Id., Questioni di frontiera cit., pp. 116-118 (poi in Saggi ed epigrammi cit., pp. 1492-1494).

30 Id., Il dissenso e l’autorità, «Quaderni piacentini», VII, 34, maggio 1968, pp. 91-100, poi in Id., Questioni di frontiera cit., pp. 53-67 (e Saggi ed epigrammi cit., pp. 1409-1424).

31 Cito da Saggi ed epigrammi cit., p. 1415.

32 Da annotare al riguardo che molto diverso fu l’atteggiamento di Fortini rispetto alle due imprese: molto positivo nei confronti dell’Europea (si veda Un libro di libri cit.) quanto diffidente e talora ironico sull’impianto di quella einaudiana. Una Lettura personale da “Letteratura” a “Cultura materiale” di quest’ultima si legge in Enciclopedia Einaudi: descrizione, finalità, guida alla lettura, n. 16, II semestre, 1980.

33 «Classico», in Enciclopedia Einaudi, vol. 3, Torino, Einaudi, 1978, pp. 192-202; «Letteratura», ivi, vol. 7, Torino, Einaudi, 1979, pp. 152-175; «Avanguardia», Enciclopedia Europea Garzanti, vol. 1, Milano, Garzanti, 1976, pp. 895-897; «Brecht», Ivi, vol. 2, 1976, pp. 558-560; «Critica letteraria», Ivi, vol. 3, Milano, 1977, pp. 14-16; «Debenedetti, Giacomo», Ivi, vol. 3, Milano 1977, pp. 1056-1057; «Il romanzo moderno e le teorie sul romanzo» [sub «Romanzo»], Ivi, vol. 9, Milano 1979, pp. 990-992; «Realismo» [sub «Letteratura»], Ivi, vol. 9, Milano 1979, pp. 549-552; «Surrealismo» [sub «Letteratura»], Ivi, vol. 10, 1980, pp. 1111-1113.

34 Durable 5168 in Franco Fortini, Composita solvantur, Torino, Einaudi, 1994 (ora in Id., Tutte le poesie, a cura di Luca Lenzini, Milano, Mondadori, 2014, p. 578.)

35 Franco Fortini, Letteratura, in Id., Nuovi saggi italiani cit., p. 169

36 Ivi, p. 170

37 Franco Fortini, Extrema ratio. Note per un buon uso delle rovine, Milano, Garzanti, 1990.

38 Franco Fortini, Che cos’è il comunismo, in Id., Extrema ratio cit., pp. 99-101, e Id., Non solo oggi cit., pp. 41-43 (poi Saggi ed epigrammi cit., pp. 1653-1656 (vedi p. 1803 per le notizie).

39 Franco Fortini, Astuti come colombe (1962) in Id.,Verifica dei poteri cit.; e Id., Un giorno o l’altro cit., p. 4.

40 Vedi Luca Lenzini, Appunti su Manzoni in Fortini (e viceversa), «Testo. Studi di teoria e storia della letteratura e della critica», XXXVIII, 74 n.s., luglio-dicembre 2017, pp. 48-49.

41 Vedi Riccardo Bonavita, La scuola della gioia. “Occasioni” leopardiane di Fortini, «Ospite ingrato», IV-V, 2001-2002, p. 341. Su questo testo vedi anche Ennio Abate, Appunti politici (3): “Comunismo” di F. Fortini, http://www.poliscritture.it/2017/02/09/appunti-politici-3-comunismo-di-f-fortini/

42 In Franco Fortini, Paesaggio con serpente. Versi 1973-1983, Torino, Einaudi, 1984 (ora in Id., Tutte le poesie cit., p. 491).

43 Autodizionario degli scrittori italiani, a cura di F. Piemontese, Milano, Leonardo Editore, 1990, pp. 157-158.

44 Ivi, p. 157.

45 Ivi, p. 158.

46 Ibidem.

47 Ibidem.

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search