Version classiqueVersion mobile

Franco Fortini e le istituzioni letterarie

 | 
Gianni Turchetta
, 
Edoardo Esposito

Premessa

Gianni Turchetta

Texte intégral

1Nel 2017 cadeva il centenario della nascita di Franco Fortini (10 settembre 1917 - 28 novembre 1994). Certamente Franco Lattes, in arte Fortini, nato a Firenze, ma vissuto a Milano per quasi cinquant’anni, fino alla morte, è stato uno dei massimi protagonisti del Novecento letterario e culturale, italiano e non solo: come critico letterario, saggista militante a 360°, traduttore da più lingue (memorabili, fra le molte altre, le traduzioni delle poesie di Brecht, del Faust di Goethe, di La fugitive di Proust), poeta fra i maggiori del secolo, narratore, ma anche insegnante, consulente editoriale, persino autore di canzoni e copywriter. È quasi impossibile trovare altri intellettuali che, come lui, abbiano saputo affrontare la realtà del mondo e della cultura a 360°, passando, sempre con lucidissima intelligenza e competenza profonda, da raffinate indagini su testi letterari a saggi sulle dinamiche politiche e sociali del XX secolo, dalla poesia alla narrativa, dal lavoro editoriale a quello nella scuola e nell’università.

2Il volume che avete sotto gli occhi raccoglie gli Atti del convegno Franco Fortini e le istituzioni letterarie, tenutosi all’Università degli Studi di Milano il 24 e 25 ottobre 2017, organizzato, con il coordinamento scientifico di Edoardo Esposito, Luca Daino, Laura Neri e di chi scrive, dal Dipartimento di Studi Letterari, Filologici e Linguistici e dal Dipartimento di Scienze della Mediazione Linguistica e Studi Interculturali, con la collaborazione della Fondazione Arnoldo e Alberto Mondadori e del Centro APICE di Unimi. La scadenza del centenario ha fortunatamente mostrato una persistente attenzione all’opera di Fortini, generando numerose iniziative in suo onore: come, oltre a quella milanese, il convegno dell’Università di Torino Franco Fortini: leggere e scrivere poesia, quello dell’Università di Siena su Franco Fortini e la traduzione, quello dell’Università di Padova Fortini ’17 e altre ancora.

3Il Convegno di Milano ha scelto di concentrare la propria attenzione sui molteplici aspetti di quella “istituzione letteraria” che dà il titolo alla prima sezione di Verifica dei poteri: riprendendo però intenzionalmente il sintagma al plurale, come già accadeva ancora in un saggio della stessa parte di quel volume, Istituzioni letterarie e progresso del regime, dove Fortini sottolinea perentoriamente come queste “istituzioni” comprendano sia il sistema delle convenzioni formali che definiscono il campo letterario, sia le materiali attività che hanno per oggetto la letteratura, critica ed editoria in testa. Nel caso specifico, nella nostra scelta ha indubbiamente pesato anche l’esigenza di dare rilievo a quelle che potremmo chiamare le armoniche contestuali di Milano, una città che forse fatica a restare “Capitale morale” d’Italia, ma rimane comunque, e di gran lunga, la capitale dell’editoria italiana. E non è certo un caso che proprio a Milano sia voluto venire anche Fortini, come già una foltissima schiera di intellettuali e scrittori, fin dal XIX secolo. Abbiamo così cercato, da prospettive diverse, di guardare al lavoro di Fortini privilegiando la sua capacità di cogliere sempre, insieme alla dimensione letteraria stricto sensu, quella dei contesti e delle pratiche reali che la rendono possibile, facendone interagire, avrebbe detto il compianto Franco Brioschi, le condizioni simboliche con quelle pragmatiche. Tutto il lavoro di Fortini è accompagnato dalla profonda consapevolezza (non particolarmente diffusa tra gli intellettuali italiani) dello stretto rapporto tra forme e contesti, scelte espressive e luoghi di espressione, sia fisici sia istituzionali.

4In termini di storia di lungo periodo cento anni potrebbero anche non essere poi così tanti. Tuttavia, a guardarsi intorno, anche solo il tempo passato dalla morte di Fortini, poco meno di un quarto di secolo, pare marcare una distanza immensa. Proprio per verificarne l’attualità o l’inattualità ci è parso utile rileggerlo dando particolare rilievo proprio a quelle dimensioni dove emergono con particolare nettezza la forza e l’originalità di un metodo critico che riesce a scavalcare molte antitesi teoriche della critica degli ultimi decenni, a cominciare da quella fra indagine formale e interpretazione storico-sociale. Fin dai tempi del «Politecnico», del resto, Fortini aveva scherzato apposta con la terminologia crociana, ricordando che ogni “poesia” vive e si sostanzia proprio della “non-poesia” che chiama in causa, e senza la quale non esisterebbe.

5I saggi del presente volume indagano così, programmaticamente, con finezza analitica e robustezza di metodi, alcune delle molte e varie dimensioni delle istituzioni letterarie attraversate da Fortini, in un territorio che comprende sia la letteratura propriamente detta, sia le forme dell’intrattenimento e della divulgazione, sia le articolazioni della comunicazione letteraria e culturale in genere. Mi pare importante sottolineare la ricchezza delle prospettive di ricerca che ne emergono. In estrema sintesi, Emanuele Zinato studia il rapporto, una volta di più teorico e pratico insieme, tra Fortini e le istituzioni scolastiche, e più in generale la dimensione formativa. Paolo Giovannetti indaga su quel particolare istituto testuale che è l’antologia, genere praticato in vari modi da Fortini. Fra antologia e saggio si colloca anche quello straordinario volume che è I poeti del Novecento, di cui scrive Donatello Santarone, in occasione della riedizione presso Donzelli. Luca Lenzini mette a fuoco una dimensione testuale in Fortini strategica, molto ampiamente praticata, e tuttavia ancora pochissimo studiata nella sua specificità: la voce d’enciclopedia. Due saggi si dedicano all’attività di Fortini sui periodici: da un lato Paolo Jachia studia la complessa relazione con Vittorini, e in specie la collaborazione di Fortini con «Il Politecnico» e con «il menabò»; Fabio Magro si dedica invece alle collaborazioni con «il manifesto». Laura Neri approfondisce i rapporti di Fortini con Giovanni Giudici, attraverso l’inedito epistolario. Vale la pena di ricordare che il convegno ha registrato anche la presentazione del volumetto La gioia di conoscere. I giudizi editoriali di Franco Fortini per Mondadori, curato da Luca Daino per la collana Carte raccontate della Fondazione Arnoldo e Alberto Mondadori. Infine, Alberto Rollo studia l’importante attività di autore di canzonette di Fortini, mentre Stefano Ghidinelli la poetica di Fortini riguardo alla metrica. Sono due aspetti a prima vista collocati ai lati opposti del sistema letterario, quello dell’intrattenimento e quello della letteratura alta, ma pure curiosamente vicini sul piano formale: a confermare una volta di più, se ancora ce ne fosse stato bisogno, l’ampiezza senza pregiudizi con cui Fortini ha saputo confrontarsi con innumerevoli ambiti della scrittura.

6Non è facile, in fin dei conti, decidere se Fortini sia diventato ormai inattuale, impraticabile nel presente, o se invece, come io credo, sia ancora attuale, per la complessità teorica ma persino per l’applicabilità analitica del suo non metodico metodo. Organizzare questo convegno, e pubblicare questo libro significa certo, e neanche tanto implicitamente, scommettere ancora sulla sua vitalità, sulla sua, come dire?, “resistenza”, che è un po’ anche la nostra. È comunque molto interessante notare come nella critica italiana degli ultimi vent’anni si sia andata costituendo una folta pattuglia di nuovi studiosi di Fortini, di diverse aree e provenienze, ma tutti diversamente convinti, senza mezzi termini, che valga ancora la pena di riproporlo, di studiarlo, di cercare (e non è sempre facile) di capirlo, proprio perché ha molto ancora da dirci. Il tempo di Fortini è passato, lo sappiamo; ma noi abbiamo ancora bisogno di lui.

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search