Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books Ledizioni Di/Segni Formula e metafora Tra fantasia e realtà: lo scienzi...

Formula e metafora

 | 
Marco Castellari

Tra fantasia e realtà: lo scienziato russo nelle opere di Michail Bulgakov

Between imagination and reality: The Russian scientist in Mikhail Bulgakov’s works

Liudmila Chapovalova

Résumé

The main characters of M. Bulgakov’s fantasy tales (Fatal Eggs and Heart of a Dog, 1925) are two scientists who manage to achieve outstanding results, even if the consequences of their daring experiments end up being dramatic and dangerous. There are two levels of narration: reality and fantasy; real and metaphorical-philosophical, which are closely linked together. Thanks to the use of grotesque, real life is more phantasmagorical than any wildest dream, while the fantastic dimension is perceived as a real possibility. These works are full of satirical elements, where important ethical questions in science are dealt with. Those are issues that remain relevant even today.

Texte intégral

1I due racconti lunghi Uova fatali (1924) e Cuore di cane (1925) possono essere considerati una sorta di prova generale della brillante tecnica narrativa che Michail Bulgakov applicherà con eccellente maestria nel suo capolavoro – Il Maestro e Margherita (1929-1940).

2Nelle due storie reale e fantastico, concreto, metaforico e filosofico sono strettamente intrecciati e, grazie all’utilizzo del grottesco, la vita reale risulta più fantasmagorica della più sfrenata fantasia, mentre il piano fantastico viene recepito come una reale possibilità. Le figure dei due scienziati protagonisti sono collocate in un contesto reale ricco di elementi satirici. Nelle opere vengono poste importanti questioni etiche rivolte alla scienza, questioni che restano attuali anche oggi.

3Il racconto Uova fatali, definito dallo stesso Bulgakov una novella grottesca, fu pubblicato nel 1925 sull’almanacco «Nedra», dopo aver subito alcune modifiche richieste dal redattore Angarskij in previsione della censura. Il testo fu accolto con successo dai lettori, ricevette apprezzamenti da parte di alcuni colleghi noti scrittori (tra cui Maksimilian Vološin, Vikentij Veresaev, Andrej Belyj, Maksim Gor’kij), mentre alcuni critici ne percepirono immediatamente la pericolosità. Il 22 febbraio 1928 un agente segreto della ogpu scrive un rapporto sulle Uova fatali:

  • 1 Il riferimento è alla raccolta Diavoleide, ristampata nel 1926, di cui Le Uova fatali sono il ‘piat (...)
  • 2 Sokolov 1996. Salvo diversa indicazione, la traduzione è mia [L.Ch.].

Ci si può solo meravigliare dell’infinita pazienza del Potere Sovietico, che a tutt’oggi non impedisce la diffusione del libro di Bulgakov1. […] Questo libro costituisce una sfrontatissima e disgustosissima calunnia contro il Potere Rosso. Racconta in toni vividi come sotto l’effetto di un raggio rosso nascano dei serpenti che si divorano l’un l’altro e marciano su Mosca. C’è un punto infame, un perfido accenno al defunto Lenin: una rana morta sul cui viso, anche dopo la morte, è rimasta un’espressione di cattiveria. È impossibile capire come questo libro possa circolare liberamente. I lettori lo divorano. Bulgakov è amato dalla gioventù, è un autore popolare2.

  • 3 Inedito in vita, il racconto vide la luce per la prima volta all’estero nel 1968 nella rivista «Gra (...)

4Il secondo racconto, Cuore di cane, scritto nello stesso periodo e destinato ai numeri successivi dello stesso almanacco «Nedra», fu rifiutato, dopo diversi tentativi di pubblicare l’opera, per motivi ideologici. Decisivo fu il parere di Lev Kamenev (1883-1936), il potente dirigente del partito, che sentenziò: «È un pungente pamphlet contro la vita contemporanea, non può essere assolutamente pubblicato» (Čudakova 1988: 252). Si può dire che proprio da quell’anno, 1925, la produzione letteraria di Bulgakov verrà sottoposta al rigido controllo del glavlit (la censura) e della sicurezza di stato (ogpu, in seguito nkvd – il Commissariato della sicurezza di Stato), mentre per la pubblicazione in patria del racconto Cuore di cane si dovette aspettare fino a 19873.

5La narrazione di Uova fatali si apre con una data precisa collocata nel futuro prossimo – la sera del 16 aprile 1928 – e con la presentazione del protagonista: professore di zoologia presso la iv Università statale e direttore dell’Istituto di zoologia di Mosca. Viene subito anticipato che «l’inizio della terrificante catastrofe va fatto risalire proprio a quella infausta sera, così come la causa prima di questa catastrofe va individuata proprio nel professor Vladimir Ipat’evic Persikov» (Bulgakov 2000: 1229). Il primo accostamento fra ‘scienziato’e ‘terrificante catastrofe’introduce il tema della responsabilità della scienza per le tragiche conseguenze che essa può provocare. Nel primo capitolo, intitolato «Curriculum vitae del professor Persikov», viene delineata la figura dello scienziato:

Cinquantotto anni appena compiuti, aveva una testa singolare, a forma di pestello, calva, con ciuffi di capelli giallastri che sporgevano ai lati. Un viso ben rasato e il labbro inferiore sporgente. Tutto ciò conferiva al volto di Persikov un’eterna impronta un po’capricciosa. Occhietti brillanti, statura alta, un po’curvo. […] La sua voce era stridula, sottile, gracidante, […] fra le altre sue stranezze aveva la seguente: quando diceva qualcosa in tono autorevole e sicuro, trasformava l’indice della mano destra in un uncino e strizzava gli occhietti. E siccome parlava sempre in tono sicuro, giacché nel suo campo possedeva un’erudizione assolutamente fenomenale, l’uncino compariva molto spesso davanti agli interlocutori del professor Persikov. Ma il professor Persikov non parlava quasi mai di argomenti che esulavano dal suo campo, cioè la zoologia, l’embriologia, l’anatomia, la botanica e la geografia (ibidem).

  • 4 Si tratta di una via del centro storico, abitata dall’ intelligencija moscovita. Bulgakov conosceva (...)
  • 5 Bulgakov allude ai cambiamenti positivi avvenuti negli anni Venti durante la nep (Nuova Politica Ec (...)
  • 6 Romanzo del 1904 di H.G. Wells (1866-1946). Il professore ricorda vagamente di aver letto il famoso (...)

6Il professore viene presentato come un genio che ha una sola passione: la sua scienza; egli vive immerso nel suo mondo, tutto il resto rimane fuori dai suoi interessi: «non leggeva i giornali e non frequentava i teatri. Sua moglie l’aveva abbandonato nel 1913 per scappare con un tenore […] lasciandogli un biglietto dal seguente contenuto: “Le tue rane provocano in me un intollerabile brivido di disgusto. A causa loro sarò infelice tutta la vita”» (1230). Da quel momento il professore stava da solo, affidato alle cure della vecchia governante Maria Stepanovna; viveva in un appartamento di cinque stanze in via Prečistenka4. Ma nel 1919, dopo la Rivoluzione d’Ottobre, gli vennero requisite tre delle cinque stanze; il 1920 risultò ancora peggiore: nei terrari del suo Istituto di zoologia man mano creparono per denutrizione e freddo quasi tutti gli esemplari di animali, tutto andava in rovina. «Se non la smettono con queste indecenze, me ne andrò all’estero», dichiarava nel 1919 il professor Persikov (ibidem). Avrebbe potuto facilmente ottenere una cattedra di zoologia in qualsiasi università del mondo, in quanto era uno scienziato di primo ordine e nel suo campo non aveva uguali, leggeva in quattro lingue oltre al russo, e parlava il francese e il tedesco come la madrelingua. Invece restò nella sua fredda stanza, zeppa di libri fino al soffitto, continuando gli studi, accudito sempre dalla sua fedele governante. Nel 1922 ebbe inizio una sorta di inversione di tendenza5, e nel corso degli anni successivi il professore riprese in pieno l’insegnamento e le sue ricerche, gli vennero restituite le stanze requisite e anche il suo Istituto fu rimesso a nuovo. Intorno allo scienziato si muoveva una Mosca energica e dinamica in continua trasformazione, descritta da Bulgakov con tanti dettagli e particolari realistici, caratterizzanti la città del 1928. Proprio «nell’estate di quell’anno accadde quel fatto incredibile, terrificante…» (1233). Si trattava di una scoperta scientifica, avvenuta casualmente, di un ‘raggio rosso’, definito anche un ‘raggio della vita’in quanto agisce in modo stupefacente sul deuteroplasma e in generale sulla cellula uovo, accelerando in un modo straordinario i processi vitali degli organismi. A questo punto il narratore aggiunge: «Fu vera e propria sventura che per qualche secondo questo raggio avesse attratto l’occhio esperto di quel virtuoso» (1240). Ovviamente, lo scienziato si mette subito a studiare a fondo gli effetti e si rende conto sia della pura casualità della sua eccezionale scoperta che dell’imprevedibilità delle conseguenze: «Che prodigiosa combinazione che mi abbia chiamato […], altrimenti non me ne sarei mai accorto. Ma cosa potrà venirne fuori?... Lo sa il diavolo!... […] Mio Dio! Non si possono neppure immaginare tutte le conseguenze…» (1238). L’assistente del professore, coinvolto nella ricerca, esclama con entusiasmo: «Professor Persikov, lei ha scoperto il raggio della vita! […] lei diventerà talmente famoso…[…] Vladimir Ipat’evic, gli eroi di Wells in confronto a lei sono banali sciocchezze… E io che pensavo fossero favole… Ricorda Il nutrimento degli dèi6?» (Ibidem).

  • 7 Dieci minuti dopo si presentarono due agenti della gpu; dopo lunghi interrogatori in cui il profess (...)
  • 8 Sono note le telefonate di Stalin a Boris Pasternak e allo stesso Bulgakov. Nel romanzo di Vasilij (...)
  • 9 Il problema dei rapporti tra scienza e potere diventerà uno dei temi fondamentali del romanzo di Al (...)

7La notizia del ‘magico raggio’trapela e il professore viene assediato dalle visite di vari reporter e da continue telefonate; tra gli altri si presenta un tale con un’altisonante qualifica di Plenipotenziario delle sezioni commerciali delle rappresentanze estere presso la Repubblica dei Soviet, che cerca di corromperlo offrendogli cinquemila rubli e il finanziamento della sua ricerca. Sdegnato, il professore caccia lo straniero, chiama la gpu e comunica loro l’accaduto7. Il lavoro del professore suscita l’interesse del Cremlino e gli arrivano alcune telefonate8 nelle quali una voce gentile gli chiede di cosa avesse bisogno – erano disposti a regalargli un’automobile e avevano accelerato la spedizione dell’apparecchiatura necessaria. Bulgakov a questo punto pone il problema dei rapporti tra la scienza, e più in generale dell’ intellegencija, con il potere9. Osservando le amebe grigiastre il professore notò come queste tentassero con tutte le loro forze di entrare nella striscia rossa e, una volta entratevi, si rianimassero.

Una misteriosa forza infondeva loro lo spirito della vita. Avanzavano a frotte e lottavano per conquistare un posto nel raggio. In esso si svolgeva una proliferazione che non si può che definire frenetica. Infrangendo e capovolgendo tutte le leggi che Persikov conosceva come le sue cinque dita, sotto i suoi occhi esse si riproducevano per gemmazione a una velocità fulminea. Nel raggio si scindevano in più parti, e in due secondi ogni parte diventava un organismo nuovo e fresco. In pochi istanti questi organismi crescevano e maturavano solo per produrre subito dopo a loro volta una nuova generazione. Nella striscia rossa, e poi in tutto il disco venne a mancare lo spazio, ed ebbe inizio un’inevitabile lotta. I nuovi nati si gettavano furiosamente uno contro l’altro, si sbranavano, e si fagocitavano. Tra i nuovi organismi giacevano i cadaveri di quelli che erano morti nella lotta per l’esistenza. Vincevano i migliori e i più forti. E questi migliori erano spaventosi (1240).

  • 10 Il 28 marzo 1930 Bulgakov, ridotto alla solitudine e privo di prospettive, scrive una lettera ai ‘d (...)
  • 11 Azienda agricola statale.
  • 12 Si tratta di un cognome ‘parlante’: in russo Rokk si pronuncia come rok, che significa fato, destin (...)

8In questa descrizione viene evidenziato uno dei problemi centrali del racconto: rivoluzione ed evoluzione sia sul piano naturale che su quello sociale, tema che verrà sviluppato anche in altre opere dello scrittore. La valutazione di Bulgakov è trasparente: egli non vuole nascondere il suo scetticismo riguardo allo sviluppo rivoluzionario della società russa e rivendica il suo diritto alla critica10. Il raggio scoperto dal professor Persikov diventa contemporaneamente simbolo dell’era nuova nelle scienze naturali e delle idee rivoluzionarie, rappresentando l’energia del popolo risvegliata dalla rivoluzione – non a caso è di colore rosso, colore più volte utilizzato nei nomi di giornali, riviste, alberghi. A livello di fabula è importante il personaggio di un funzionario del partito, nominato direttore del sovchoz11 modello Raggio rosso, di nome Rokk12. È un attivista della provincia con un passato rivoluzionario, un uomo molto energico e sicuro di sé.

Ahimè! Ahimè! Per sventura della Repubblica, il ribollente cervello di Aleksandr Semjonovič non si acquietò, a Mosca Rokk s’imbatté nella scoperta di Persikov e in una stanza dell’albergo Parigi Rossa in via Tverskaja Aleksandr Semjonovič partorì l’i-dea di usare il raggio di Persikov per far rinascere in un mese le galline della Repubblica (1289).

  • 13 Il finale è stato, come detto, ispirato al romanzo di Wells La guerra dei mondi (1898).

9Nel racconto è lui il rappresentante del potere, incaricato dal Cremlino di ricostruire il patrimonio zootecnico dell’Unione Sovietica colpito dalla moria di polli proprio in quel periodo. Il professor Persikov non riesce a contrastare gli ordini del Cremlino quando gli si intima con un documento ufficiale di consegnare l’apparecchiatura sperimentale al compagno Rokk, del tutto incompetente in materia, ma convintissimo di risolvere velocissimamente con il ‘raggio rosso’ il problema del paese. Gli avvertimenti dello scienziato sul fenomeno ancora poco studiato e sulle possibili conseguenze non vengono presi in considerazione. È il partito che prende decisioni. Allo scienziato non rimane che esclamare: «Me ne lavo le mani» (1277). Il finale quasi apocalittico del racconto conferma i timori del professore. Caso vuole che, per un banale scambio, al compagno Rokk arrivino, anziché uova di gallina, uova di struzzo, di serpente e di coccodrillo, destinate alle ricerche del professore. Le conseguenze dell’infausto scambio non si faranno attendere e saranno disastrose. Dalle uova irradiate usciranno ben presto torme di mostri, vitalissimi e spaventosamente prolifici, che semineranno la desolazione e la morte in una vasta regione del paese, scatenando un’ondata di panico in tutta l’Unione Sovietica e minacciandone la stessa esistenza13. Inutili si riveleranno tutti i provvedimenti escogitati dalle autorità; inutile persino l’invio dell’armata rossa e di divisioni corazzate. I mostri continueranno ad avanzare finché, all’improvviso, il flagello si estinguerà per caso, così come per un caso (fatale) era iniziato. I terribili serpenti, coccodrilli e struzzi, scatenati dalla tecnica ma invulnerabili ai suoi antidoti, saranno distrutti non dall’uomo ma dal gelo (un gelo eccezionale, metafisico: diciotto gradi sottozero in pieno agosto). A Mosca una folla inferocita distruggerà l’Istituto zoologico del professor Persikov che pure verrà massacrato a furor di popolo in quanto considerato il vero artefice e la causa prima della catastrofe. La prima traduttrice del racconto, M. Olsoufieva, concludeva così la sua introduzione:

Uova fatali è carico di una simbologia più vasta e sfumata e, come sempre in Bulgakov, di oscure risonanze mistiche. Volendone ricavare una morale, sembrerebbe legittimo dedurre un implicito giudizio negativo sulla capacità dell’uomo di dominare la natura e di controllare processi che pure riesce a scatenare, e, all’opposto, una manifestazione di fiducia, se non proprio di fede, nella capacità della natura di ristabilire, malgrado l’uomo, i suoi equilibri turbati (Bulgakov 1967: 7).

10Il professor Preobraženskij, protagonista del racconto Cuore di cane, è un luminare di fisiologia d’importanza mondiale e si occupa di ricerche nel campo dell’eugenetica. Viene presentato all’inizio dalla prospettiva di un affamato cane randagio che spera di ricevere qualcosa da mangiare:

La porta del negozio […] si aprì e ne uscì un cittadino. Proprio un cittadino, non compagno, anzi quasi certamente un signore. Si avvicinò, vide più chiaro: era un signore. […] È un signore che fa un lavoro intellettuale, con una barbetta appuntita, civilizzata, e baffi grigi, folti e spavaldi come quelli degli antichi cavalieri francesi, ma il suo odore, portato dalla tormenta, è cattivo, sa di ospedale e di sigaro (Bulgakov 2000: 1327).

  • 14 Bulgakov ha sempre difeso l’intelligencija, considerandola la parte migliore della società russa pe (...)

11Ricevuto dal signore un pezzo di salame, il cane esclama con stupore: «Oh, che altruista!», e decide di seguirlo fino al suo elegante appartamento nelle vicinanze della stessa via Prečistenka. A differenza del collega Persikov, il professor Preobraženskij è un signore affascinante, indossa abiti di ottima fattura, si circonda di tutti le comodità, lavora e studia molto, ma trova il tempo di coltivare altri interessi: ama la musica, frequenta i teatri, le mostre; gli piace la buona tavola, ben apparecchiata, e spesso durante i pranzi (dettagliatamente descritti nel testo) si diletta nelle conversazioni con il suo assistente, il dottor Bormental’. È sempre corretto con le persone, i suoi pazienti lo ammirano. Diventa però severissimo e intransigente di fronte a sfrontatezza, maleducazione e mancanza di cultura. Le figure dei due scienziati nei racconti rappresentano quella parte dell’ intelligencija russa di vecchio stampo che al tempo riusciva a convivere con il potere sovietico pur mantenendo uno stile di vita diverso14. Il professor Preobraženskij è una persona autoritaria, indipendente, non ha paura di esprimere le proprie opinioni e i propri giudizi; riesce a proteggere lo stile di vita e la libertà di ricerca. Tutto questo, però, gli è possibile soltanto grazie alla protezione dei suoi pazienti importanti e altolocati (alcuni anche legati al Cremlino) che hanno bisogno di lui, in quanto ottengono dal professore una seconda giovinezza.

  • 15 Si trattava di Klim Čugunkin, un teppista, ubriacone e ladro, morto in un incidente.
  • 16 Nel racconto Cuore di cane è possibile trovare qualche associazione col romanzo Wells L’i-sola del (...)
  • 17 Bulgakov 2000: passim. Molte aspre e pungenti considerazioni critiche sulla nuova realtà del profes (...)

12Al centro della narrazione è la storia dell’incredibile trasformazione del cane randagio, chiamato dal professore Šarik, nell’uomo Šarikov (Pallino/Pallinov in traduzione italiana). Dal quaderno rigorosamente compilato dal dottor Bormental’veniamo a sapere che il 23 dicembre del 1924 (alla vigilia del Natale cattolico) fu eseguita l’operazione, la prima del genere in Europa. Scopo dell’operazione: sperimentare sul cane il trapianto combinato dell’ipofisi e dei testicoli, prelevati da un uomo di 28 anni15, con l’intento di chiarire la questione dell’attecchimento dell’ipofisi e, in un secondo tempo, della sua influenza sul ringiovanimento dell’organismo. Il risultato ottenuto sembra stupefacente: già il 6 gennaio 1924 (vigilia del Natale ortodosso) l’essere, creato dal professore, perde la coda e pronuncia distintamente la parola «birreria»; la trasformazione si conclude il 17 gennaio quando la fisionomia è definitivamente formata. Per la struttura fisica è un uomo completo: pesa 50 kg, statura bassa, testa piccola, ha cominciato a fumare, si veste da solo e può sostenere una conversazione16. Quest’uomo, però, conserva ancora la sua radice canina e la unisce al carattere e alle abitudini del suo donatore (un malvivente di 28 anni, morto in una rissa), così da creare un individuo sregolato, che commette oscenità, «un mascalzone e un porco», «un furfante matricolato» che si interessa alle idee socialiste, ma rincorre ancora i gatti per la casa. Tutti gli sforzi di educarlo risultano inutili, la situazione peggiora sempre di più e, quando «l’uomo nuovo» minaccia l’esistenza stessa del suo creatore, lo scienziato, con l’aiuto del suo assistente riesce a sottoporre Šarikov (Pallinov) a un altro intervento e a restituirgli il suo aspetto iniziale17.

13L’esperimento, che all’inizio sembra un grande successo della scienza, si rivela un vero fallimento riconosciuto dallo studioso stesso. Riflettendo sul risultato finale della sua sperimentazione, il professore dice al suo assistente: «Ecco, dottore, quel che succede quando uno scienziato, invece di procedere di pari passo e a contatto con la natura, forza la soluzione del problema e solleva il velo. Eccoti uno Šarikov…» (Bulgakov 2000: 1439). Le sue riflessioni lo portano alla conclusione che non si può andare contro la natura e non si deve tentare di controllarla, perché la natura è stata creata da Dio e vive di un equilibrio che l’uomo non può comprendere. Lo scienziato si rende conto dei risultati imprevedibili e pericolosi che si possono ottenere quando si tenta di superare certi limiti nelle ricerche. Il premio Nobel Rita Levi Montalcini ha formulato lo stesso pensiero in modo laconico: «non tutto quello che si può fare si deve fare» (Battaglia 1990: 63). Il dottor Bormental’discute col suo ammiratissimo professore l’ipotetico caso del trapianto su Šarik dell’ipofisi di Spinosa, ma il professor Preobraženskij, oramai convinto che i tentativi di interferire nell’evoluzione della natura non hanno nessuna prospettiva, ribatte:

  • 18 Michail Vasil’evič Lomonosov (1711-1765), poeta e scienziato, codificatore della lingua letteraria (...)

Sì, è possibile trapiantare l’ipofisi di uno Spinoza o di qualsiasi altro accidenti del genere e confezionare con un cane un essere di altissimo valore, ma perché diavolo, mi domando. Mi spieghi, per favore, perché fabbricare artificialmente degli Spinoza quando qualsiasi donnetta ne può partorire uno quando che sia?... E infatti, madame Lomonosova ha ben messo al mondo a Cholmogory quella sua celebrità18. Sì, dottore, a questo provvede l’u-manità stessa e per via dell’evoluzione, ogni anno, tenacemente, selezionandoli da una massa di porcherie d’ogni specie, crea a decine dei geni eminenti, ornamento del globo terrestre. Adesso lei capisce, dottore, perché ho contestato le conclusioni a cui lei è giunto nella cartella clinica di Šarikov. La mia maledetta scoperta – che il diavolo se la porti! – che lei innalza alle stelle non vale un soldo bucato... (Bulgakov 2000: 1421).

14La morale è chiara: la libertà della ricerca, senza la quale non si ha scienza, deve muoversi contemporaneamente con l’esigenza sociale della sicurezza e deve implicare un’etica. Ancora una volta viene evidenziata la responsabilità dello scienziato di fronte alla scelta delle esigenze scientifiche o della morale umana. Questa conclusione è importante anche per la comprensione dell’a-spetto sociale che costituisce lo sfondo su cui si è svolta la sperimentazione scientifica: non ci si può intromettere artificialmente né nell’evoluzione della natura, né in quella sociale; le conseguenze dello squilibrio morale nella società possono essere drammatiche. Possiamo notare che ‘l’andare contro natura’in Bulgakov è altamente simbolico. Il racconto sulla sperimentazione del professor Preobraženskij, come quello sul ‘raggio rosso’del professor Persikov, va letto in quella chiave metaforica che permette a Bulgakov di esprimere la propria posizione riguardo alla Rivoluzione russa del 1917 vista come esperimento sociale.

15Nell’epilogo del racconto, il professor Preobraženskij dichiara: «La scienza ignora ancora il modo di trasformare le bestie in uomini. Io avevo provato, ma senza successo, come vedete!» (1439). Eppure l’immagine con cui si conclude la narrazione, anche se solo nel sogno del cane, sembra voler riproporre un’irresistibile voglia di scoprire i misteri della natura:

Il cane sognava cose terribili. Il grand’uomo immergeva in un recipiente le mani coperte di guanti scivolosi e ne traeva un cervello. Tenace, ostinato, si accaniva a cavarne fuori qualcosa, lo trovava, lo tagliava, lo esaminava, socchiudeva gli occhi e cantava: «Alle sacre rive del Nilo…» (1440).

16La sete del sapere non si placa, sembra vuol dire l’autore. Con le figure di due scienziati russi Bulgakov mette in evidenza le questioni dell’etica scientifica e della responsabilità degli studiosi per le ricerche che possono creare mostri, sofferenza e tragedie. Bulgakov lo fa dal punto di vista di una persona credente che vive nel paese degli atei, dove regna incondizionata la fede nelle potenzialità dell’uomo. Il timore e le preoccupazioni dello scrittore risultano profetici e restano attuali anche oggi.

Bibliographie

Battaglia L., 1990, La sfida al nostro operare, in Jacobelli J. (cur.), Scienza ed etica. Quali limiti, Bari – Roma, Laterza: 15-19.

Bulgakov M., 1967, Uova fatali e altri racconti, trad. di M. Olsoufieva, Bari, De Donato.

—, 1983, Cuore di cane, trad. di G. Crino, La Spezia, Melita.

—, 1989, Pis’ma. Žizneopisanie v dokumentach, Moskva, Sovremennik.

—, 1991, Racconti fantastici, intr. di V. Laskin, Milano, Rizzoli.

—, 2000, Romanzi e racconti, a cura di M. Čudakova, Milano, Mondadori.

Čudakova M., 1988, Žizneopisanie Michaila Bulgakova, Moskva, Kniga.

Sokolov B., 1996, Bulgakovskaja enciklopedija, Moskva, Lokid – http://www.bulgakov.ru (ultima consultazione: 23/05/2013).

Notes

1 Il riferimento è alla raccolta Diavoleide, ristampata nel 1926, di cui Le Uova fatali sono il ‘piatto forte’.

2 Sokolov 1996. Salvo diversa indicazione, la traduzione è mia [L.Ch.].

3 Inedito in vita, il racconto vide la luce per la prima volta all’estero nel 1968 nella rivista «Grani», edita a Monaco di Baviera, e nell’almanacco «Student», di Londra. Nell’Unione Sovietica fu pubblicato per la prima volta nella rivista «Znamja» (6, 1987).

4 Si tratta di una via del centro storico, abitata dall’ intelligencija moscovita. Bulgakov conosceva bene questo quartiere e lo amava. Qui abitavano le persone di spirito, cultura ed educazione consoni con quelli dello scrittore. Qui abitano molti personaggi bulgakoviani, tra cui anche il professor Preobraženskij, protagonista del racconto Cuore di cane.

5 Bulgakov allude ai cambiamenti positivi avvenuti negli anni Venti durante la nep (Nuova Politica Economica, 1921-1928) che viene a sostituire la politica del ‘comunismo di guerra’ adottata nel periodo della Guerra civile (1917-1922/1923).

6 Romanzo del 1904 di H.G. Wells (1866-1946). Il professore ricorda vagamente di aver letto il famoso romanzo dello scrittore inglese; Bulgakov, invece, conosceva bene i romanzi di Wells e utilizzò qualche sua idea nelle trame dei suoi racconti fantastici, sviluppandoli in modo del tutto originale. Nel finale di Uova fatali si riconosce un altro suo famoso romanzo, La guerra dei mondi. Su Wells si veda in questo stesso volume il contributo di Carlo Pagetti.

7 Dieci minuti dopo si presentarono due agenti della gpu; dopo lunghi interrogatori in cui il professore dovette descrivere l’aspetto del visitatore, chiese loro: «E non potreste fucilare i reporter?». Questa domanda divertì oltremodo gli ospiti (Bulgakov 2000: 1259s.). Sembra qui che lo scrittore preannunci il periodo delle purghe staliniane negli anni Trenta, quando la realtà, come è noto, supererà ogni fantasia.

8 Sono note le telefonate di Stalin a Boris Pasternak e allo stesso Bulgakov. Nel romanzo di Vasilij Grossman Vita e destino la telefonata di Stalin al fisico Viktor Štrum lo salva, permettendogli di continuare le sue ricerche.

9 Il problema dei rapporti tra scienza e potere diventerà uno dei temi fondamentali del romanzo di Aleksandr Solženicyn Il Primo cerchio.

10 Il 28 marzo 1930 Bulgakov, ridotto alla solitudine e privo di prospettive, scrive una lettera ai ‘dirigenti dell’Unione sovietica’ e a Stalin: «I colori neri e mistici dei miei racconti satirici, in cui sono rappresentati gli aspetti brutti, innumerevoli, del nostro costume, il veleno di cui è impregnata la mia lingua, lo scetticismo profondo sul processo rivoluzionario che si svolge nel mio paese arretrato, e la contrapposizione, ad esso, dell’amata Grande Evoluzione […] la rappresentazione degli aspetti terribili del mio popolo, quegli stessi aspetti che molto tempo prima della rivoluzione suscitavano le più profonde sofferenze del mio maestro Saltykov-Ščedrin. E non c’è proprio niente da dire, se la stampa dell’urss non ci ha neppure pensato a notare questo, assorbita com’era da osservazioni poco convincenti sulla “calunnia” che ci sarebbe in Bulgakov». Bulgakov 1989: 175.

11 Azienda agricola statale.

12 Si tratta di un cognome ‘parlante’: in russo Rokk si pronuncia come rok, che significa fato, destino; questa omofonia è ben sfruttata nel testo originale.

13 Il finale è stato, come detto, ispirato al romanzo di Wells La guerra dei mondi (1898).

14 Bulgakov ha sempre difeso l’intelligencija, considerandola la parte migliore della società russa per la sua cultura, l’impegno intellettuale, artistico e sociale. Nei racconti il nuovo assetto sociale e i suoi principi sono oggetto di satira pungente. Secondo lo scrittore, ogni persona dev’essere valutata non sulla base della propria origine sociale, come all’epoca, ma sulla base di educazione, cultura e qualità del lavoro.

15 Si trattava di Klim Čugunkin, un teppista, ubriacone e ladro, morto in un incidente.

16 Nel racconto Cuore di cane è possibile trovare qualche associazione col romanzo Wells L’i-sola del Dottor Moreau (1896), ma certamente il protagonista di Bulgakov non assomiglia in minima parte al pazzo Dr Moreau – si veda in questo stesso volume il contributo di Nicoletta Vallorani.

17 Bulgakov 2000: passim. Molte aspre e pungenti considerazioni critiche sulla nuova realtà del professor Preobraženskij rendevano questa critica distruttiva e pericolosa per la società sovietica, che dichiarava con orgoglio la formazione dell’‘uomo nuovo’. Il risultato della sperimentazione dello scienziato, in modo allegorico, metteva in dubbio tali dichiarazioni pubbliche.

18 Michail Vasil’evič Lomonosov (1711-1765), poeta e scienziato, codificatore della lingua letteraria russa moderna.

Auteur

Ricercatore confermato, si occupa della letteratura russa del Novecento prestando attenzione particolare ai processi di evoluzione e di trasformazione che caratterizzano la vita culturale e letteraria nel passaggio dall’epoca sovietica al periodo post-sovietico. Tra gli articoli dedicati agli scrittori e ai poeti russi: L’eredità di Gogol’nella nuova letteratura russa; Il fenomeno di V. Šukšin; Dialogo tra ragione e cuore nella prosa di Michail Veller; Eroe e Tempo: analisi dei racconti di V. Šukšin, M. Veller e V. Pjecuch; L’amore secondo Vera Pavlova; Inni al destino; Pensieri intempestivi. Riflessioni sulla rilettura odierna di M. Gor’kij.

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search