Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Cesare De Lollis tra filologia romanza e letterature comparate

 | 
Diego Stefanelli

VIII. De Lollis comparatista

Texte intégral

1. La cattedra romana

  • 1 Cf. Croce 1903d. Si cita direttamente dalla nota apparsa sulla rivista. Lo scritto è stato poi opp (...)

1Nel primo fascicolo della «Critica» apparve una nota di Croce sulla Letteratura comparata.1 L’occasione dello scritto era l’uscita del nuovo «Journal of Comparative Literature», pubblicato a cura di George Edward Woodberry, Jefferson Butler Fletcher e Joel Elias Spingarn. In quello stesso anno, come ricordava Croce, Torraca assumeva la cattedra di Letteratura comparata all’Università di Napoli, creata nel 1861 dall’allora ministro della pubblica istruzione Francesco De Sanctis, per il poeta e politico tedesco Georg Herwegh (che non la ricopri) e da De Sanctis stesso tenuta dal 1871 al 1875.

2Croce si chiedeva innanzitutto cosa fosse la letteratura comparata e procedeva, come di consueto, per successive negazioni delle definizioni correnti. Innanzitutto, quella che identificava la letteratura comparata con il «metodo comparativo», che, in quanto «semplice metodo di ricerca», non poteva, per Croce, «delimitare un campo di studii»:

  • 2 Croce 1903d: 78.

L’uso assai comune, talora in grande, talora più spesso in piccolo, di questo metodo, non ha nulla di esclusivo e di caratteristico né per la letteratura in genere, né per l’una o per l’altra delle ricerche possibili intorno alla letteratura.2

  • 3 Cf. Koch 1886. Literarhistoriker di grande importanza negli studi letterari positivistici tedeschi (...)
  • 4 «Il sottoscritto [...] ha tra l’altro pubblicato una ventina di memorie dirette ad indagare la dif (...)

3Un’altra definizione, particolarmente diffusa nel contesto degli studi tedeschi di Vergleichende Literaturgeschichte, la qualificava come disciplina intenta alla ricerca di «idee e temi letterarii» e delle loro «vicende, alterazioni, aggregazioni, svolgimenti e influenze reciproche» (78). Una tale concezione della letteratura comparata si trovava nell’introduzione di Max Koch al primo fascicolo della «Zeitschrift fùr vergleichende Literaturge- schichte» (1886).3 Proprio sul confronto con quel testo Croce basava il suo intervento. Anche se era consapevole di aver praticato lui stesso quel tipo di ricerche,4 le considerava, a distanza di anni, un esercizio «arido»: «A dedicarvisi esclusivamente il cervello si stanca e prova come il senso del vuoto» (78).

  • 5 Ibid.

Da che tale aridità? Da che il senso del vuoto? Gli è che queste ricerche sono di mera erudizione, e non si prestano mai ad una trattazione organica. Esse non ci conducono mai, da sole, a comprendere un’opera letteraria, non ci fanno penetrare mai nel vivo della creazione artistica. Il loro subietto non è la genesi estetica dell’opera letteraria; ma o la storia esterna dell’opera già formata (vicende, traduzioni, imitazioni, etc.), o un frammento del vario materiale che ha contribuito a formarla (tradizione letteraria). I libri, che si tengono strettamente in quest’ordine di ricerche, prendono, di necessità, la forma del catalogo o della bibliografia, talvolta celata alla meglio dall’abilità e dal brio dello scrittore. Manca — e non può non mancare — lo studio del momento creativo, che è quello che davvero interessa la storia letteraria ed artistica.5

  • 6 Croce 1903d: 79, che traduceva il passo di Koch.

4Della contrapposizione tra compilazione erudita e «trattazione organica» dovremo ricordarci tra poco, giacché, come vedremo, l’aggettivo «organico» fu spesso impiegato da De Lollis per descrivere ciò che, a suo dire, gli usuali lavori di letteratura comparata non erano e avrebbero dovuto essere. Vi era poi, per Croce, una terza definizione di letteratura comparata, che si intrecciava con quanto già scritto da Koch e che prevedeva una costante attenzione all’«intimo legame» tra storia politica e storia letteraria, e a quello «tra storia della letteratura e storia dell’arte, svolgimento letterario e svolgimento filosofico».6 Croce apprezzava tali rilievi di Koch in quanto da essi si evinceva che «la storia comparata è qualcosa d’inseparabile dal concetto stesso di storia letteraria» (79). Si arrivava per questa via alla definizione crociana della comparazione letteraria, che si identificava con la storia «intesa nel suo vero senso», ovvero:

  • 7 Croce 1903d: 79.

Come spiegazione completa dell’opera letteraria, compresa in tutte le sue relazioni, collocata nell’insieme della storia universale [...], vista in quelle connessioni e preparazioni che sono la sua ragion d’essere.7

5Tale idea di comparazione letteraria influì notevolmente su De Lollis, che non a caso lesse con interesse la nota dell’amico. Come abbiamo visto, il 20 gennaio 1903 gli commentò per lettera il primo fascicolo della «Critica», soffermandosi, tra l’altro, proprio sulla definizione crociana di letteratura comparata. Egli concordava con le posizioni di Croce, tranne in un punto, laddove il filosofo aveva negato che il metodo comparativo fosse insufficiente a definire di per sé una disciplina. De Lollis, che nel 1903 era ancora a Genova e insegnava Storia comparata delle letterature neolatine, rivendicava la necessità del «lume della comparazione» per le letterature romanze medievali:

  • 8 Cf. FBBC, Cesare De Lollis a Benedetto Croce, 263, Genova, 20 gennaio 1903.

La “comparazione” può esser conditio sine qua non per l’esistenza d’una disciplina letteraria, p. es. della storia delle letterature neolatine, nel senso cronologicamente ristretto che le si assegna qui da noi dove non eccede né deve eccedere i limiti del medio-evo. Ciascuna delle letterature neolatine è un individuo d’un’abbastanza numerosa famiglia: ma se si voglia studiarla nelle sue origini i tratti suoi individuali, quando pur ve ne siano, non si riesce a scoprirli e metterli in rilievo se non al lume della comparazione. Questo senti il gran padre Dante, che tu opportunamente ricordi, questo sentirono i nostri cinquecentisti quando tentarono l’indagine della nostra prima letteratura, questo senti il Bonghi quando istituì in Italia, accanto alla cattedra di letteratura italiana, quella di lett. neolatine comparate. Più si viene in qua e men viva appare la necessità della comparazione, quasi, direi, immedesimandosi le condizioni della comparazione nel campo linguistico, nel quale ultimo (parlo sempre da semplice neolatinista) e lingue e dialetti rampollati da un sol ceppo vanno col tempo assumendo tratti cosi risolutamente caratteristici da poter esser studiati in sé e di per sé.8

6De Lollis non era però uno strenuo difensore della propria disciplina. Anzi, come vedremo, già in questi anni egli progettava il trasferimento a Roma alla cattedra di Letterature moderne comparate (che alla fine divenne di Letterature francese e spagnola moderne). Nella lettera, egli faceva riferimento al suo proposito e, in modo abbastanza sorprendente, negava che la comparazione avesse senso per la modernità:

  • 9 Cf. FBBC, Cesare De Lollis a Benedetto Croce, 263, Genova, 20 gennaio 1903

Con ciò ti vengo a dire che, candidato per una cattedra di letterature moderne comparate, riconosco antiscientifico un tale titolo: più antiscientifico ancora? altro di letteratura comparata, dove il singolare è infinitamente più comprensivo che il plurale. Logico non mi parrebbe poter essere se non ristretto all’indagine comparata delle vicende di singole forme, temi, generi letterarj, come avrebbe potuto e voluto essere ai tempi beati della Weltliteratur, quando l’un dei due Schlegel scriveva una storia della drammatica; ma, oggi come oggi peccherebbe sempre di troppa comprensività, dato l’immenso materiale da valutare e date le connessioni che pur sempre si riuscirebbero a scoprire tra forma e forma, tema e tema, genere e genere.9

  • 10 Proprio contro indagini su «temi presi in astratto e che conducono perciò a conseguenze critiche f (...)

7Il passo è interessante e sembra preannunciare alcuni interventi di qualche anno dopo sulla «Cultura», nei quali De Lollis espresse il proprio scetticismo nei confronti della moda del comparativismo. Si noti poi che l’idea per cui le indagini di letteratura comparata fossero legittime se limitate alle «vicende di singole forme, temi, generi letterarj» non avrebbe trovato il consenso di Croce (né forse dello stesso De Lollis qualche anno dopo).10

  • 11 Se ne trova qualche accenno in Monteverdi 1964: 21-2.

8Il passaggio alla filologia moderna avvenne due anni dopo la lettera a Croce, nel 1905. Le vicende che portarono alla cattedra romana di Letterature francese e spagnola moderne meritano una certa attenzione:11 al di là degli aneddoti sulle vicende accademiche, esse rivelano il difficile ingresso della filologia moderna (intesa in senso lato come studio scientifico delle letterature moderne) all’interno dell’Università italiana, in particolare rispetto ad altre due filologie con una tradizione ben più salda, quella classica e quella neolatina.

  • 12 L’idea gli era stata suggerita dall’amico Luigi Ceci e consisteva nel sostituire Francesco Lorenzo (...)
  • 13 Cosi aveva scritto a D’Ovidio il 16 giugno 1902: «Il De L. torna all’assalto e mi chiede come avre (...)
  • 14 «Il Monaci protesta e riprotesta», scriveva De Lollis a Novati il 2 febbraio 1905, «presso il mini (...)
  • 15 Anche sul nome dell’insegnamento Monaci non intendeva far sconti. Dalla citata lettera a Croce del (...)
  • 16 Cf. supra: 169-72.

9De Lollis insegnava a Genova, dal 1895, Storia comparata delle letterature neolatine e, come già prima di lui l’amico Francesco Novati, era insofferente nei confronti della cattedra genovese: nel 1896, aveva provato a trasferirsi a Pisa, senza successo.12 Solo la chiamata a Roma nel 1905 gli consenti di lasciare Genova, e di inaugurare nel contempo una nuova fase della propria attività di studioso. Come attesta la citata lettera a Croce, già dal 1903 si discuteva delle modalità del passaggio. Le maggiori opposizioni alla nomina di De Lollis provenivano da Monaci, il quale, trovandosi dapprima nell’imbarazzo di dover scegliere tra due allievi (De Lollis e Carlo Segré),1313 optò poi per il secondo,1414 entrando in violento contrasto con il primo.15 La venuta di De Lollis a Roma era stata caldeggiata, oltreché dal diretto interessato, da Luigi Ceci. Come si evince dalla già ricordata lettera di Monaci a Vossler,16 il linguista aveva in vario modo sollecitato il passaggio di De Lollis a Roma, ipotizzando perfino un’improbabile cattedra di Letterature germaniche per l’amico.

10Il 29 dicembre 1904, scrivendogli da Genova, De Lollis aveva informato Novati del progettato passaggio a Roma:

  • 17 CN, Cesare De Lollis a Francesco Novati, 629/19, 29 dicembre 1904.

La Facoltà romana mi ha proposto per un insegnamento di letteratura francese e spagnola moderna sotto forma di comando. Ma finora non c’è che il voto. Roma mi piace, come puoi immaginare: ma più mi spiace Genova, dove assolutamente non mi sento in grado di vivere operosamente e serenamente.17

  • 18 Cf. Bollettino Ufficiale dell’Istruzione, 1903. Decreto ministeriale 3 febbraio 1905. «De Lollis C (...)

11La nomina avvenne con decreto ministeriale del 3 febbraio 1905.18 La cattedra di De Lollis passò (dal 1° marzo) a un altro allievo di Monaci, Vincenzo De Bartholomaeis, che la tenne fino al 1908, quando passò a Bologna. All’arrivo di De Lollis nella Capitale, la «Cultura» divenne lo strumento attraverso il quale, a partire dal 1907, lo studioso (insieme a Ceci e Festa) mirò alla formazione di quella «scuola di filologia moderna» che, come aveva scritto Monaci a Vossler, Ceci insisteva a creare a Roma.

2. La rivendicata serietà della filologia moderna

12Nello stesso anno in cui assunse la cattedra romana, De Lollis scrisse un articolo sulla «Nuova Antologia», intitolato Per la filologia moderna nelle università italiane (De Lollis 1905a). Il presupposto iniziale dell’intervento era la necessità di studiare le letterature moderne con la stessa serietà con cui si studiavano le antiche, superando «il distacco troppo reciso che una disgraziata tradizione stabilisce tra la filologia classica e quella moderna in Italia» (604). Lo studio delle letterature moderne implicava poi un approccio comparato, per cui la tradizione letteraria di un paese era intimamente connessa a quella degli altri:

  • 19 De Lollis 1905a: 604.

Oggi non si può più concepire nell’àmbito europeo che questa o quella nazione si chiuda in una letteratura tutta sua propria come in un’armatura di ferro, e neppure che una imponga ad un’altra la propria, di peso. Non è più possibile nemmeno per un breve periodo che i debiti sian tutti da una parte e dall’altra tutti i crediti. Potrà una nazione avere e serbar per sé a lungo il segreto di più perfetti cannoni e fucili: ma le cosi dette correnti letterarie, quando ve ne siano, son destinate inevitabilmente ad attraversare l’Europa prima che il paese d’origine abbia la ben precisa coscienza della priorità [...].
E così essendo, lo studio, quanto più si possa largo, delle lingue e delle letterature straniere, diventa una necessità; la quale, come tutte le necessità, non importa più quello sforzo ch’è invece inerente al conseguimento di ciò che ha solo sapor di peregrino.19

13A differenza della Francia e della Germania, mancava in Italia un insegnamento universitario serio di lingue e letterature moderne: non solo per rattaccamento eccessivo al retaggio classico, ma anche per un motivo che toccava De Lollis molto da vicino. Era infatti la concezione italiana della filologia romanza, limitata com’era al Medioevo, a lasciar fuori le letterature moderne.

  • 20 lbi: 606.

Nelle nostre Facoltà letterarie la filologia neolatina ha per sé una cattedra a cui già nel titolo — Storia comparata delle letterature (o lingue e letterature) neolatine — è assegnato un dominio chiuso entro i termini del medio evo. Poiché la comparazione che un tale titolo prescrive è spediente necessario solo pel periodo degl’inizi, in cui e lingue e letterature serbano ancora evidenti i tratti dell’origine comune. Cosi, e non davvero per colpa degl’insegnanti, tra i quali ve n’è che la dotta Germania ci può invidiare, s’è venuto formando a poco a poco un malinteso ch’è ormai dilagato anche fuor della scuola: e che cioè il medio evo letterario, come lo storico, formi un mondo a sé separato per un abisso ugualmente profondo da quello antico e da quello moderno, col quale ultimo invece è in quei rapporti di continuità nei quali è l’arbusto col tronco della pianta.20

  • 21 De Lollis 1920b: 61.
  • 22 Cf. Rajna 1920. Si rimanda a Lucchini 2008: 440-1.

14La polemica sarebbe tornata a distanza di quindici anni, nel 1920, quando, dalle pagine della «Rivista di Cultura», nell’articolo Medioevo universitario, De Lollis ribadì le proprie idee sull’inutihtà di una filologia romanza «limitata al Medioevo», auspicando che la filologia neolatina comprendesse «in atto, non in potenza, evo medio e moderno delle varie letterature neolatine».21 Alle tesi di De Lollis controbattè Pio Rajna, con l’articolo Letterature neolatine e “Medioevo universitario” (sulla «Nuova Antologia»), difendendo la filologia romanza di tipo italiano, incentrata sul Medioevo.22Anche se le idee di De Lollis non erano cambiate, va peraltro notato che se nel 1905 si trattava di difendere la legittimità di un nuovo insegnamento (quello di Letterature moderne), nel 1920 — passato De Lollis alla cattedra romana di filologia romanza — la questione era mostrare la legittimità di una concezione diversa del vecchio insegnamento, modificandolo, per cosi dire, dall’interno, col dilatarne i confini cronologici.

  • 23 De Lollis 1905a: 607. L’articolo va peraltro letto nel contesto del coevo dibattito didattico-scol (...)
  • 24 Si veda quanto scrisse in una Cronaca del 1909, in prossimità delle nuove elezioni: «Molti lettori (...)

15Nell’articolo del 1905 l’intento di De Lollis era quindi soprattutto di inserire la filologia moderna negli insegnamenti universitari, garantendole la serietà che contraddistingueva la filologia classica. «Sopra un terreno sicuro e piano non possono condurci se non i rigori dello studio scientifico applicati alla filologia moderna come già si applicarono a quella classica».23 Non fu questo l’unico intervento di De Lollis sulla questione: sulle pagine della «Cultura» di questi anni egli si espresse, spesso in modo aspro, sulla scarsa qualità dell’insegnamento delle lingue e soprattutto delle letterature moderne. Tali interventi ci interessano in quanto si inseriscono nella riflessione di De Lollis sui rapporti tra filologia moderna e comparazione. In particolare, egli contestava il disegno di legge per gli esami d’abilitazione all’insegnamento delle lingue straniere (approvato dal Senato il 5 giugno 1907) e attaccava (pesantemente)24 l’allora Ministro della Pubblica Istruzione Luigi Rava (che ricopri tale carica dal 2 agosto 1906 al 10 dicembre 1909). In un intervento del 1907, De Lollis lo accusava di non aver consultato le facoltà a proposito di un «assetto definitivo di una scuola veramente scientifica di filologia moderna», né sulle modifiche da introdurre nei programmi e negli esami di abilitazione. Rava era mosso, per De Lollis, da una errata concezione della filologia moderna, confusa con una comparazione tanto onnicomprensiva quanto inconcludente; dall’idea che:

  • 25 De Lollis I908a: 27-8.

Nelle Facoltà di Lettere basti per la filologia moderna un professore il quale derivando nel campo della letteratura la teoria della monogenesi da qualcuno applicata alle lingue [...], insegni da solo tutte le letterature dell’orbe terraqueo. Comparativamente, s’intende; perché la comparazione è né più né meno che il sale del mondiale cibreo e l’etichetta che esclude in modo assoluto lo scopo troppo democratico di preparare o contribuire a preparare buoni professori di lingue e letterature moderne per le scuole medie.25

16Per Rava, incalzava De Lollis (che citava la prelezione al corso di filosofia del diritto dell’Università di Siena, del 1887) la letteratura era «concepita come qualche cosa ch’è alla portata di tutti in qualsiasi momento, a qualsiasi proposito; e che comparata diventa comodissimamente coll’accostare a furia nomi proprj diversi» (29).

17L’anno dopo De Lollis discuteva nel dettaglio il regolamento e i programmi per gli esami di abilitazione all’insegnamento delle lingue straniere nelle scuole medie, approvati con decreto regio e pubblicati sulla «Gazzetta ufficiale» del 10 giugno. In particolare, a proposito delle conoscenze letterarie che i candidati al secondo grado dell’abilitazione dovevano possedere, De Lollis notava che, nonostante una premessa altisonante («La letteratura delle singole nazioni dovrà essere interpretata nelle sue manifestazioni principali e caratteristiche come irradiazione dello spirito quale complesso di civiltà e di vita»), esse si riducevano a un elenco disordinato di autori. Punto per punto, De Lollis criticava la scelta antologica del decreto, prendendo a esempio il programma della letteratura francese:

  • 26 De Lollis 1909a: 426-7.

Dalla Chanson de Roland si salta alla «caratteristica del Rinascimento e della Riforma in Francia. Manifesto e frutti principali della Pleiade» [sic]. Ma l’opera della Pleiade [sic] in che cosa era un’innovazione, contro che e chi, a sua volta, reagiva? Contro quella triste, miserrima poesia gotica che forma una desolante quanto ininterrotta continuità dai trovieri del secolo XIII ai «grands rhétoriqueurs»; e di essa non può tacere chi della Pleiade [sic] vuol parlare e sentir parlare... dopo l’inevitabile Chanson de Roland. Al séguito della Pleiade [sic] sfilano nel programma Margherita di Navarra, Rabelais, Montaigne; Malherbe è soppresso o, meglio, dimenticato anche qui e lascia che arriviamo senz’altro alle «Idee direttive del Discours sur la (corr. de Idi) Méthode del Descartes». Il dramma del Corneille è, si può dire, il Traité despassions di Descartes in azione; ma il legislatore, alla buona, da Descartes salta a Pascal, e a Corneille preferisce arrivare attraverso Alessandro Hardy, unicamente perché autore, come lui, di drammi. Se non che, in linea con loro mette anche Racine che sarebbe andato invece, non solo per ragion cronologica, ma per il comune fondamento naturalistico, con Molière e La Fontaine.
Pel secolo decimonono, dopo aver troppo vagamente accennato alle «correnti principali (oh linguaggio da letteratura brandesiana, ossia comparata!) del romanticismo in Francia» e messi alla loro guardia Mme de Staél e Chateaubriand, si fanno i soli nomi di «V. Hugo, Lamartine, A. de Musset, A. de Vigny»; e si passa, disinvoltamente, agli «Altri poeti drammatici del secolo: Scribe, Augier, i due Dumas». Dunque, Hugo e compagnia non vorranno, non dovranno esser studiati dal candidato che come drammaturghi (peggio di tutti si troverà il povero Lamartine!); come tali soltanto studierà egli anche i «due Dumas», messi insieme evidentemente per ragioni di famiglia da quella potissima dell’omonimia; e, quanto ai romanzieri, si limiterà — sempre seguendo i parchi consigli del programma — a Balzac e Flaubert ‘siti’ sulla stessa direzione del realismo.26

  • 27 «La menzione di questo o quello scrittore piuttosto che di questo o quell’altro; raggruppamento di (...)
  • 28 Brandes (che fu, tra l’altro, uno dei primi lettori di Nietzsche, per il quale coniò la formula di (...)
  • 29 Si ricordi solo, a dare l’idea della diversa concezione delle Neuere Sprache, che a fine Ottocento (...)
  • 30 «Lo studio letterario dell’epoca di Byron è, dal punto di vista erudito e critico, tanto produttiv (...)

18De Lollis aveva buon gioco a mostrare le superficialità del programma richiesto ai futuri insegnanti di Lingua e letteratura francese. Con lucidità, egli esprimeva poi l’importanza del «canone» di autori che si sceglievano, in quanto, di per sé, esso costituiva un’interpretazione valutativa della letteratura da studiare.27 Inoltre, non sfuggirà la parentetica nella quale, a proposito della dizione «correnti principali», si chiamava in causa, negativamente, la «letteratura brandesiana, ossia comparata». Il riferimento era al volume del critico danese Georg Brandes28 e alle sue lezioni all’Università di Copenhagen, tra il 1871 e il 1883, sulle Grandi correnti della letteratura in Europa nel secolo XIX. «Comparato» indicava insomma, per De Lollis, una concezione grossolana della letteratura, un affastellamento di nomi e periodi storici senza una approfondita conoscenza delle complesse relazioni interne a una tradizione letteraria e fra tradizioni letterarie differenti. Alla letteratura comparata egli contrapponeva la dizione «filologia moderna», per certi modi accostabile allo studio (e insegnamento) delle «neuere Sprachen» in Germania. Non a caso, alla fine dello scritto, De Lollis citava una conferenza dell’anglista austriaco Alois Brandi sul tema delle Neuere Sprachen, che peraltro va collocata nel ben diverso contesto dell’insegnamento delle lingue e letterature moderne in Germania.29Brandi aveva scritto, tra l’altro, che «ist das Literaturstudium der Byron- zeit ebenso gelehrt und kritisch ergiebig wie das der Beowulfzeit»:30 Byron, insomma, doveva essere studiato con la stessa serietà del Beonwulf. De Lollis vi trovava la «conferma che le letterature moderne vanno studiare scientificamente come le medievali» (De Lollis 1909a: 428). Inoltre, come De Lollis, anche Brandi riteneva che «lo studio delle lingue e letterature moderne presuppone quello del latino» e che «anche quelli che insegnano lingue con scopo pratico, devono poter documentare la propria provenienza scientifica» (426).

  • 31 Nel 1909 De Lollis commentò sulla «Cultura» il discorso tenuto da Garlanda per l’inaugurazione del (...)
  • 32 Manacorda fu bibliotecario a Catania dal 1906 al 1911, quando passò a Pisa. Autore nel 1909 della (...)

19Erano questi i punti principali della polemica di De Lollis contro il Ministro Rava e in generale contro i nuovi regolamenti sull’insegnamento delle lingue moderne. Anche in altri interventi,31 De Lollis insistette sul fatto che la filologia moderna dovesse essere all’altezza di quella classica e acquisire qualità e serietà di intenti, sia nella ricerca che nella didattica. Egli non era peraltro l’unico studioso che in quegli anni discusse del ruolo della filologia moderna e del suo rapporto con le altre filologie. Il dibattito era abbastanza vivo. Basti pensare che nel 1908 l’allora bibliotecario della Biblioteca Universitaria di Catania, Guido Manacorda (che sarebbe diventato di li a poco, nel 1913, professore di Lingua e letteratura tedesca a Napoli)32 fondò gli «Studi di filologia moderna». La rivista durò fino al 1914: l’anno successivo, il suo fondatore (come del resto lo stesso De Lollis) parti volontario per il fronte.

20Il Programma con cui si inaugurava il primo fascicolo dava voce a idee abbastanza diffuse tra i professori italiani di Letterature moderne, assimilabili a quelle espresse a più riprese da De Lollis. Già l’«intendimento» espresso nella frase iniziale poteva essere sottoscritto dallo studioso abruzzese: «Mettere un poco d’ordine, un poco di metodo e salda coscienza negli studi delle lingue e letterature moderne in Italia; dar loro impulso duraturo e fecondo» (Manacorda 1908: 1). Poco più avanti, si affrontava il rapporto con i «maestri» della scuola storica e la posizione che la «filologia moderna» avrebbe dovuto occupare tra la critica storica e le novità dell’estetica:

  • 33 Manacorda 1908: 1-2.

I nostri maestri, nella scuola e nella vita, sono stati Giosuè Carducci, Alessandro D’Ancona, Adolfo Bartoli, Graziadio Ascoli, e tutta la bella scuola, che si parti da loro, e che, per buona ventura d’Italia, mirabilissimi servigi rese, e potrà rendere ancora, alla critica e all’insegnamento. Chi pertanto s’immaginasse trovare nel nostro periodico, in omaggio al titolo di moderno che lo fregia, conversazioni per le dame e scienza ridotta in confettini per i buongustai, s’ingannerebbe di molto.
Qui troveranno sempre onorevolissima accoglienza indagini intese a ricostruire l’obiettiva consistenza dei fatti, per quanto minimi e trascurabili essi paiano al facile osservatore; qui si prenderanno sempre le mosse da una qualche realtà con tutti i sussidi, ch’oggi offre la scienza, debitamente ricercata e vagliata. Si prenderanno le mosse, diciamo; poiché non riusciamo a concepire il positivismo storico, se non come un buon terreno — il solo buon terreno anzi — sul quale possa germogliare e fruttificare un sano idealismo critico. Per questo, noi gradiremo sommamente saggi di pura indagine estetica; per questo, noi apriamo le porte non solo all’erudito, ma, forse più e meglio, allo speculatore che a forti studi unisca guardo profondo nelle cose. Da una parte, dunque, ricerca e rilievo di fatti letterari e linguistici; dall’altra, esame interno dell’opera d’arte, e studio della sua genesi, del suo svolgimento e della sua intrinseca natura.33

  • 34 La rivista si inaugurava proprio con la prolusione di Farinelli all’Università di Torino del 13 di (...)
  • 35 «Ho avuto anche io dal buon Manacorda tutto un dossier», scriveva a Croce il 3 novembre 1907. «Sta (...)
  • 36 «Additare il Farinelli sarebbe un preparare la nevrosi collettiva di tutta la Società. Nessuno men (...)
  • 37 Cf. Klemperer 1914a, 1914b. Il primo volume del Montesquieu usci nel 1914, il secondo l’anno dopo (...)

21Non si era troppo distanti dalle idee di De Lollis. Non stupirà quindi che questi fosse uno dei tre studiosi coinvolti da Manacorda, nel 1907, nella formazione di una Società di Filologia Moderna, della quale la rivista avrebbe dovuto essere l’organo ufficiale. Gli altri due erano Paolo Savj-Lopez e Benedetto Croce. Anche Farinelli venne coinvolto,34 con un certo disappunto di De Lollis. Del resto, questi aveva già «La Cultura», come sede dalla quale condurre la propria azione volta a un irrobustimento della filologia moderna. Non era sua intenzione quindi impegnarsi in un’altra impresa, che considerava un impiccio più che un’opportunità.35 Come provava la presenza di Farinelli, poi, il rischio era che si rivelasse come l’ennesima rivista di letteratura comparata in senso positivista, senza la visione «organica» che per De Lollis, in consonanza con Croce, era necessaria alla disciplina.36 Peraltro, pur non reggendo il confronto con la «Cultura», la rivista di Manacorda ospitò interventi di alcuni studiosi di non poco conto. Oltre al fondatore, vi scrissero, tra gli altri, Paolo Sav) -Lopez, Giulio Bertoni, Henri Hauvette, Eugenio Mele, Alfredo Galletti, Federico Garlanda, Pietro Toldo, Angelo Monteverdi. La presenza più sorprendente è forse quella di Victor Klemperer (lettore di tedesco all’Università di Napoli nel 1914-1915), che nell’ultimo numero del 1914 vi recensì Frankreichs Kultur im Spiegelseiner Sprache di Vossler e vi anticipò la Einfiihrung al proprio volume su Molière.37 Si trattava insomma, nel complesso, di una rivista a suo modo esemplare della situazione della filologia moderna italiana di primo Novecento, entro la quale si inseriva, a suo modo, quella di De Lollis e della «Cultura».

3. L’«alchimia letteraria» della comparazione

  • 38 Cf. F. Neri, La tavola dei valori del comparatista, apparso nel 1937 sul «Giornale storico della l (...)

22La rivendicata serietà della Filologia moderna comportava non solo una sua battagliera difesa a livello didattico, ma anche un confronto con la letteratura comparata, intesa sia come insegnamento sia come approccio critico-metodologico. Proseguendo sulla scia delle compilazioni erudite settecentesche, ma aggiornandole a nuovi criteri di scientificità, il positivismo produsse, come è noto, una messe notevole di studi di letteratura comparata. Cosi scrisse un importante comparatista italiano di primo Novecento, Ferdinando Neri, in un testo del 1937,38 a proposito della fioritura di tali studi a fine Ottocento:

  • 39 Ibi: 117.

Gli studi di letteratura comparata conobbero [...] un operoso risveglio: ebbero i loro programmi, la loro bibliografia, speciali periodici; ne trassero impulso nuove rassegne generali di storia letteraria; e una fittissima rete d’indagini sui rapporti d’origine e di fortuna, di “Tonti”, e “foci”, fra l’una e l’altra letteratura. Si formò allora l’immagine, il tipo del comparatista, come di un ufficiale di collegamento fra le varie letterature, e si svolsero, come avvisaglie di confine, le discussioni teoriche, e metodiche, sulla necessità, o l’importanza delle nuove ricerche.39

23Riviste quali le già ricordare «Zeitschrift fùr vergleichende Literaturge- schichte» di Max Koch (1887) e «The Journal of Comparative Literature» di George Edward Woodberry, Jefferson Butler Fletcher e Joel Elias Spingarn (1903), cosi come la «Revue de littérature comparée» di Paul Flazard e Fernand Baldensperger (1921); rassegne come i Periods of European Eiterature diretti da George Saintsbury (1897-1907), l’Elandbuch der Eiteraturwissenschajt diretto da Oskar Walzel (dal 1926), la Storia universale della letteratura di Giacomo Prampolini (per limitarci a citare alcuni dei riferimenti suggeriti da Neri), attestavano la costituzione della comparatistica quale disciplina accademica tra Otto e Novecento e il consolidarsi di una prassi di studi comparati.

  • 40 Cf. Betz 1900. La trad. it. dell’introduzione di Texte è stata antologizzata in Gnisci—Sinopoli 19 (...)
  • 41 Cf. Sinopoli 1997.

24La comparatistica godeva di particolare fortuna in Francia, dove la prima cattedra di Littérature comparée fu tenuta da Joseph Texte nel 1896 a Lione. Lo testimonia, tra l’altro, la bibliografia di letteratura comparata, redatta da Louis-Paul Betz nel 1900 e introdotta dallo stesso Texte.40 Organizzata in dodici capitoli, essa permette di avere un’idea di cosa si intendesse per letteratura comparata a fine Ottocento. Si iniziava quindi con le Études théoriques, cui seguiva un capitolo su Les rapport littéraires génèraux de la France, de l’Allemagne, de l’Angleterre, de l’ltalie et de I’Espagne; quindi, capitoli riguardanti il confronto tra due letterature (La France et l’Allemagne, La France et l’Angleterre, l’Angleterre et l’Allemagne) ; due interi capitoli su l’Italie (a loro volta suddivisi in sottocapitoli sulla ricezione di Dante nelle altre tradizioni letterarie e sui rapporti tra letteratura italiana e quella di altre nazioni) e su l’Espagne (et le Portugal). Due capitoli erano poi dedicati a Les littératures du Nord e Les littérature slaves. Seguiva uno su La France, l’Allemagne et l’Angleterre dans leurs rapport littéraires aree quelques autres pays. Quindi, due capitoli finali sull’influenza della letteratura provenzale e dell’antichità greco-romana sulle letterature moderne (più un’appendice su L’Histoire dans la Littérature). Si trattava evidentemente, come è stato scritto, di una «comparazione intraculturale»,41 incentrata sulla letteratura europea (con un accenno a quelle slave) e quasi unicamente su Francia, Germania, Inghilterra, Italia e Spagna. Tale era l’orizzonte anche dei comparatisti italiani di inizio Novecento: si pensi su tutti ad Arturo Farinelli (il cui nome ricorreva spesso nella Bibliographie di Betz).

  • 42 È interessante citare a questo proposito la recensione al volume scritta da Alfredo Galletti sugli (...)

25Per intendere la posizione di De Lollis nei confronti della letteratura comparata è utile partire proprio dalla sua recensione a un libro di Farinelli, i due volumi di Dante e la Francia dall’età media al secolo di Voltaire, del 1908 (Farinelli 1908a). Pur riconoscendo a Farinelli la serietà del suo lavoro, De Lollis si chiedeva se la fatica fosse valsa la pena. Che per Dante, «spirito gotico per eccellenza», non ci fosse posto nel classicismo francese, era un fatto già noto e la «moltissima copia di indagini» di Farinelli non lo aveva modificato «in alcuna misura e in alcun senso» (De Lollis 1908i: 658). Il libro poteva essere utile per rapporto di singoli dati interessanti, ma nel complesso il suo «scopo utile» non era chiaro e la sua natura «inorganica» (681).42 Non bastava insomma raccogliere dati di per sé interessanti per produrre un libro strutturalmente compatto:

  • 43 De Lollis 1908i: 661-2.

La critica a caratteri di crudo positivismo ha finito per confondere la curiosità che s’appaga dello spicciolo colla indagine che costruisce e risolve problemi organici e che col cumulo dei fatti che vien mettendo insieme mira ad una meta certa. Alle notizie di un cosi detto carattere obiettivo si è finito per dare un valore in sé; e non c’è che un passo di li all’illusione che i fatti aggruppati secondo un criterio d’ordine affatto materiale possano, purché esatti e un per uno bene accertati, costituirsi in un tutto organico.
Invece, il problema letterario deve preesistere, in termini netti e precisi, al libro che lo vuol risolvere; non si deve venir formando ed assettando durante lo sviluppo del libro. Anzi, esso ha da essere già risolto nella mente di chi scrive il libro quando lo incomincia a scrivere; e i fatti ch’egli espone per dimostrarlo, non sono per lui ma per chi ha da leggerlo.43

26Le osservazioni che De Lollis muoveva alla concezione generale del libro riguardavano soprattutto la fede positivistica nei «fatti». Nondimeno, esse erano rivolte a un tipico libro di “letteratura comparata” tra Otto e Novecento, che ripeteva anche nel titolo una dizione molto in voga negli studi dell’epoca (come il citato indice della bibliografia di Texte mostra chiaramente). In questo caso, De Lollis non rimproverava una mancanza di serietà, ma l’assenza di una concezione più ampia degli studi letterari, che potesse inserire le ricerche sui singoli fatti in un quadro più organico.

27È questo, in effetti, il principale rimprovero mosso dal filologo alla comparatistica di stampo positivista, in linea con la posizione espressa da Croce nella citata nota sulla Letteratura comparata.

28Lo scritto va letto insieme agli altri apparsi alla fine degli anni Dieci sulla «Cultura», che intendevano mettere in discussione i presupposti della critica positivista. Del resto, già da ora, l’atteggiamento di De Lollis era ambiguo: se da una parte esprimeva l’esigenza di un superamento del metodo storico, egli si richiamava proprio alla serietà di quegli studi per legittimare il nuovo insegnamento di Filologia moderna. La stessa letteratura comparata non poteva esimersi da una base di fatti letterari accertati con serietà di metodo. Cosi scriveva, recensendo positivamente la prima parte delle Calderon-Studien di Hermann Breymann («un lavoro di vent’anni esteso a biblioteche ed archivi d’ogni paese»):

  • 44 De Lollis 1905b: 312.

Di siffatti libri vien precisato in modo egregio il concetto dello studio della letteratura comparata; in quanto ammaniscono i dati di fatto dei quali la critica comparativa, quando voglia razionalmente esercitare il proprio ufficio, deve giovarsi per determinar come e quanto la produzione del genio abbia operato fuor dei confini della propria nazione.44

  • 45 Si legga a questo proposito una lettera di Mazzoni a Vittorio Rossi, in cui si imputava la recensi (...)
  • 46 Cf. Mazzoni—Pavolini 1906. De Lollis aveva scritto sulla prima edizione del manuale sulle pagine d (...)
  • 47 Praz—Lo Gatto 1946. Si veda Zannoni 2008.

29Il problema principale della comparatistica era per De Lollis lo stesso che rimproverava ai nuovi insegnamenti di letteratura straniera: la superficialità. “Letteratura comparata” diventava allora una formula di moda, che poteva accogliere tutto e niente. De Lollis lo espresse chiaramente in un articolo-recensione (apparso nel 1908 sulla «Cultura»)45 alla seconda edizione del Manuale comparativo delle letterature straniere di Mazzoni e Pavolini (uscito in prima edizione nel 1906);46 un manuale che ebbe una certa diffusione (ne parlò Praz nella Prefazione alla Antologia delle letterature straniere, da lui curata insieme a Lo Gatto nel 1946).47

30La prima obiezione di De Lollis verteva sull’accostamento di antichità e medioevo, «un grave errore di concezione» (De Lollis 1908f: 82). Inoltre, l’assenza della letteratura greca e latina inficiava inevitabilmente il carattere comparativo del libro: «L’intento comparativo come si può aspirare a conseguirlo sopprimendo [...] i “i due più insigni” termini di paragone?» (83). Lamentevole era poi l’esclusione della letteratura nazionale, che sarebbe stata necessaria «dato l’intento comparativo» del manuale:

  • 48 De Lollis 1908f: 83-4.

Primo, perché, dopo le classiche è quella che sulle altre moderne ha esercitato i più larghi e duraturi influssi; secondo, perché è la letteratura nazionale degli studiosi e studenti, ai quali il manuale comparativo è destinato, ed è quindi il loro naturale punto di partenza, Ausgangspunkt. Quel sapientissimo comparatista ch’è il Baedeker nei prontuarj dei valori monetarj prende come termine iniziale di comparazione l’unità di moneta del paese al quale il viaggiatore appartiene...48

  • 49 De Lollis 1909g: 220.
  • 50 De Lollis 1908f: 84.

31In effetti, nei propri studi comparativi sulla letteratura francese e spagnola De Lollis mantenne sempre come punto di vista privilegiato sulle altre tradizioni letterarie quella italiana: era una comparazione, quella delollisiana, che muoveva consapevolmente da un centro, da un Ausgangspunkt ben preciso (in virtù di un «orientazione nazionale di fronte all’opera d’arte non nazionale»).49 Del resto, l’ironico riferimento al «sapientissimo comparatista» Baedeker dimostrava ancora una volta il fastidio di De Lollis verso il termine “comparato”. L’aggettivo “comparativo” scelto dagli autori del manuale serviva «per secondare una moda verbale che non ha e non avrà mai alcuna estrinsecazione concreta e non può quindi aver per sé l’autorità di alcuno studioso sul serio».50

32De Lollis scendeva poi nei particolari, criticando alcune superficialità nel trattamento di singoli autori o periodi. La critica più interessante è quella al modo con cui Mazzoni e Pavolini avevano trattato le differenze tra culteranismo e conceptismo nel Seicento spagnolo. Oltre a notare la derivazione di questa parte del manuale dalla fortunata History of Spanish Literature (1898) dello scozzese James Fitzmaurice-Kelly, De Lollis prospettava la necessità di uno studio comparato delle letterature spagnola e italiana del Seicento, accennando alla «enfiare eroica del Chiabrera e le sonorità bibliche del Filicaja»:

  • 51 De Lollis 1908f: 86.

Come fa egli [Mazzoni] ad evitare il sospetto che non abbia un’idea chiara neppure del seicento italiano? Qui si ch’è il caso di comparare; e chi non riesce a penetrare i caratteri specifici del gongorismo non potrà e saprà neppure intendere a pieno, lasciam li i soliti Marini, Achillini e Preti, pei quali ci son formule fatte [...] ma la faticosa enplure eroica del Chiabrera e le sonorità bibliche del Filicaja.51

33Come vedremo, proprio in questi anni De Lollis rifletteva sulla poesia eroica italiana in stretta correlazione con quella francese e spagnola. Alla fine dello scritto, egli tornava sulla superficialità con cui si intendeva il termine «comparato», formula di moda e quasi magica (di qui il titolo ironico dell’articolo, Alchimia letteraria):

  • 52 Ibi: 90.

[Il manuale] non si sa bene a chi sia destinato, non ha né scopi né limiti certi, confonde miseramente le esigenze editoriali con quelle scientifiche, e già nel suo titolo di Manuale comparativo — che luccica agli occhi degl’inesperti come etichetta duna disciplina misteriosa, duna specie d’alchimia letteraria — mostra di contare sull’assenso e magari sull’entusiasmo di quelli che non capiscono come per imparar bene qualche cosa bisogni molto studiare, e credono o amano di credere che ci possano esser libri ed espedienti per imparar tutto senza studiar nulla.52

  • 53 Cf. Martegiani 1908.

34La dizione «letteratura comparata» era presente anche nel sottotitolo del volume di Lida Martegiani (Il romanticismo italiano non esiste. Saggio di letteratura comparata),53 recensito da De Lollis sulla «Cultura» del 1909. A proposito del «sonoro titolo» del libro della Martegiani e sull’utilizzo dell’aggettivo “comparata”, De Lollis scriveva che non bastava a giustificarlo l’inclusione nel volume di un capitolo sul romanticismo francese. La tesi di Martegiani (che non fosse esistito un autentico romanticismo francese) non era affatto nuova, avendolo già scritto Lasserre, giustamente citato da De Lollis. Inoltre, un saggio di letteratura comparata non poteva limitarsi ad un parallelo tra romanticismo italiano e francese, ma avrebbe dovuto trattare il tema su un piano più ampio e approfondito:

  • 54 De Lollis 1909f: 176.

Codesta conclusione della signorina Martegiani viene a costituire un puro e semplice e quindi inutile parallelo con quella enunciata per l’Italia. Laddove la comparazione ben intesa, quella cioè che vuol essere mezzo e non fine, strumento cioè e non oggetto d’indagine, si sarebbe risolta in questa cauta interrogazione: come mai Italia, Francia, Spagna vollero, su per già allo stesso momento, avere il loro romanticismo?54

35Non solo quindi la «comparazione ben intesa» doveva essere condotta con la stessa serietà della filologia classica e neolatina, ma doveva anche esser ben chiaro che essa non era il fine dell’indagine. Nel caso del romanticismo, la comparazione si rendeva necessaria non in sé, ma per rispondere a un quesito di più ampia portata storiografica. Anche per il classicismo, scriveva ancora nella recensione, non si poteva che agire su uno sfondo europeo:

  • 55 Ibi: 175.

Il classicismo italiano, il francese, lo spagnolo; il secentismo italiano, il francese, lo spagnolo non sono davvero la stessa cosa. Eppure recano uno stesso nome: e codesta identità onomastica proprio perché addita o almeno include delle comunanze generiche giova a coglier subito le note essenziali dell’uno o l’altro fenomeno letterario da nazione a nazione.55

36In un altro articolo di questi anni De Lollis si confrontò con un tipico prodotto della comparatistica di inizio Novecento. Si trattava del volume del filologo romanzo francese Gabriel Maugain (in quegli anni borsista dell’Institut Français di Firenze, quindi fùturo professore a Strasburgo), Documenti bibliografici e critici per la storia della fortuna del Fénelon in Italia (1910). «Mi consentano i lettori della Cultura», scriveva De Lollis all’inizio del suo articolo-recensione, «di tornare ancora una volta sugli inconvenienti della letteratura comparata e specialmente di quella sua cospicua varietà che consiste nell’indagare la fortuna d’un qualsiasi scrittore in uno od altro paese» (De Lollis 1910e: 513). Si trattava, continuava subito dopo, di «confermar cose già dette con un esempio nuovo». Come in altri casi, De Lollis riconosceva l’acribia dell’autore, ma gli rimproverava un trattamento non ragionato dei fatti, un positivistico rispetto dei dati privo di una più approfondita interpretazione che cogliesse l’organicità del disegno complessivo e, nel caso di simili lavori sulla fortuna di un autore in una certa tradizione letteraria, le ragioni profonde di tale fortuna. La contrapposizione era quindi tra «storia letteraria» e «bibliografia»:

  • 56 De Lollis 191 Oe: 515.

Quando un libro come questo del Maugain, con un’ardita enjambée, va al di là dai diritti e doveri della bibliografia pura e semplice, la quale, appunto perché raccoglie e ordina dati di carattere affatto estrinseco, non vuole e non può dare delle conclusioni, ma pazientemente aspetta di essere utile a qualcuno — senza poter prevedere a chi —, esso libro invade subito il campo della storia letteraria...
E la storia letteraria sa anche o deve sapere che la fortuna di una data opera, quando ci sia veramente, s’avvera in un dato momento in una data nazione, non per una somma di piccole ragioni, ma per una data ragione che sarà sempre il trovar essa in quel dato libro incarnata una sua aspirazione o tendenza; e quella data ragione la storia letteraria ricerca e accerta, sapendo che tutte le altre o appartengono a un altro momento della fortuna di quella stessa opera, o sono illusorie, in quanto occasionate da quell’unica ragione accertata.56

  • 57 Ibid.

37Se in una bibliografia «le persone diventan numeri e un numero vale l’altro», in una storia letteraria era invece necessario che «la relatività di valore tra persona e persona tornasse ad essere accertata e ad esser messa bene in vista» (515). Per esempio, a proposito della popolarità de Les Aventures de Télémaque in Italia tra 1725 e 1854, Maugain allegava «parecchie categorie di fatti, senza preoccuparsi se da qualcuna di esse emergesse la vera ragione della popolarità [...] del libro». Non bastava elencare i motivi di una tale popolarità («perché satirico [...], perché morale, perché ricco di bella mitologia, perché atto ad insegnate l’arte di governare [...], perché preoccupantesi di problemi sociologici, e specialmente della situazione economica, perché scritto infine in francese elegantissimo»);57 bisognava invece indicare chiaramente quella che per De Lollis era la ragione «vera», ovvero una motivazione estetica:

  • 58 Ibi: 516.

Forse la ragione ultima, d’ordine estetico, è la vera: la classicità, direi quasi l’omericità di quella prosa cosi eletta in seno a una letteratura che da un pezzo potea vantarsi e si vantava di avere a poco a poco portata la poesia a combaciare colla prosa. Di essa — soltanto perché tale — non potè non piacersi, bearsi addirittura il pubblico italiano che, attaccato alla tradizione boccaccesca, nella prosa desiderava tutto quanto — fino a un principio di ritmo — potesse parer piuttosto proprio della poesia.58

38Su tale idea di storia letteraria, organica e motivata da ragioni estetiche profonde, agiva evidentemente l’influsso di Croce e di Vossler (del quale era uscita, due anni prima, nel 1908, redizione italiana di Positivismo e idealismo). Cosi, nel libro di Maugain, l’assenza di un «un punto fisso per l’orientamento» aveva portato alla moltiplicazione delle «distinzioni e classificazioni» e al disordine: «Il piano e lo scopo del libro» concludeva De Lollis «non eran rigorosamente razionali» (De Lollis 1910e: 517).

4. Classicismo e romanticismo

  • 59 Cf. supra: 220-28.

39Negli articoli apparsi sulla «Cultura» tra il 1907 e il 1912 De Lollis inaugurò alcune linee di ricerca che avrebbe ripreso all’indomani della Grande Guerra, e che rivelavano nella pratica la sua visione dell’approccio comparatistico. Esse muovevano da una dicotomia sulla quale si imperniavano molti degli scritti più notevoli di De Lollis: quella tra classicismo e romanticismo.59 È questo il tema principale di una critica che si avviava a diventare sempre più variegata e apparentemente divagante. In realtà, a ben guardare, a partire dal 1905, essa si fece sempre più coerente e a suo modo sistematica. È proprio questo, citando nuovamente la recensione a Maugain, il «punto fisso» che permette di orientarsi nella critica di De Lollis. Del resto, lo aveva segnalato molto acutamente Umberto Bosco già nel 1928, nel suo intervento nel fascicolo commemorativo della «Cultura»:

  • 60 Bosco 1928: 510.

Questa marcia fallita verso il realistico è propriamente il contrapposto della vittoriosa «marcia verso Eroico» che costituisce? altro filone della sua ricerca critica. Sono, in fondo, due aspetti del medesimo problema, concepito nella rigorosa sostanziale unità dello spirito del De Lollis. E un’unità che può sfuggire al lettore frettoloso, nel barbaglio delle immagini, nel continuo gioco di richiami acuti, dotti, sapienti, scintillanti, che ogni pagina di lui ci offre; ma non sfugge a chi sa guardar nel profondo. Giacché Cesare De Lollis è, contro le apparenze, forse uno degli scrittori più unitari che abbia la critica italiana.60

40In effetti, la contrapposizione tra classicismo e romanticismo (e conseguentemente tra poesia eroica e poesia realistica) era il nucleo generatore di molti dei più notevoli scritti delollisiani. Lo sguardo era esteso principalmente a tre tradizioni letterarie europee (italiana, francese e spagnola), di cui De Lollis coglieva assonanze e dissonanze interne. Tale peculiare comparativismo si iscriveva sicuramente nel contesto dell’epoca ma, pur in assenza di teorizzazioni esplicite, tentava di coniugare comparativismo positivista e storiografia idealistica. Basta tener sottocchio la bibliografia dello studioso per accorgersi che l’origine vera del suo peculiare comparativismo è negli articoli apparsi tra la fine degli anni Dieci e l’inizio della Grande Guerra. Negli anni Venti De Lollis riprese quei temi, con nuove aggiunte (spesso importanti), ma il nucleo delle raccolte del Dopoguerra risale agli anni Dieci (a parte le ricerche su Manzoni): cosi, tutti gli scritti dei Saggi di letteratura francese (De Lollis 1920a) risalgono a un decennio prima (con l’eccezione de I «Promessi Sposi» di Chateaubriand); la raccolta Cervantes reazionario (De Lollis 1924a) era strettamente legata (come si è mostrato) all’articolo omonimo del 1913; il libretto polemico Crusca in fermento (De Lollis 1922a), raccoglieva sette articoli apparsi tra 1910 e 1912. Agli anni immediatamente precedenti alla Grande Guerra risaliva anche buona parte degli articoli sui romantici italiani, confluiti poi nella raccolta postuma, curata da Croce, dei Saggi sulla forma poetica italiana dell’Ottocento. Negli stessi anni, insomma, De Lollis si occupava di Corneille, di classicismo francese, di Cervantes, di Berchet, Tommaseo, Carducci, Aleardi. Si trattava sempre di indagare da una parte la poesia classicista, caratterizzata da un culto della forma non fine a se stesso ma funzionale a una visione eroica dell’umano; dall’altra, la rivoluzione romantica, la netta rottura con il classicismo, l’ingresso della realtà. Lo sfondo era europeo e ogni autore era costantemente posto in relazione con i propri equivalenti stranieri.

  • 61 Cf. De Lollis 191 le, da ultimo in De Lollis 1971: 89-132, da cui si cita.

41A chi legga tali articoli nel loro complesso e come un blocco unitario, appaiono evidenti i continui richiami non solo tra saggi di argomento differente ma anche con quelli di una decina di anni dopo. Basti pensare alla lingua rassegna bibliografica intitolata Cinquecento francese, del 1911.61

42Si iniziava con il primo tomo della Histoire de la poésie française au XVI siecle di Henry Guy, dedicato a l’ècole des rhétoriqueurs (1910); un argomento che, come si è visto, consentiva a De Lollis di riallacciare la poesia provenzale a quella moderna, rintracciando in quella l’«ideale già umanistico, per non dir classico addirittura» dell’«individualità artistica che vuol trionfare, ma nella tradizione.» (De Lollis 1971: 90). Era questo in fondo il presupposto dei coevi articoli sui romantici italiani, nei quali però più che lo sforzo di affermazione individualistica si registrava la romantica inserzione di elementi della realtà in una tradizione poetica altamente codificata in senso selettivo. Al centro dell’articolo stava però la Plèiade, considerata in stretta relazione con la letteratura italiana cinquecentesca. In particolare, a proposito di un libro di Paul Villey sulle fonti italiane della Défense et illustration de la langue française di Joachim du Bellay (1908), De Lollis approfondiva il confronto tra Du Bellay e il Dialogo delle lingue di Sperone Speroni, «una vera e propria “querelle des anciens et des modernes”» (De Lollis 1971: 101). Per entrambe le letterature «la meta da raggiungere [...] era la stessa» (103), e consisteva nella conquista di una poesia «classica.», «per magistero di composizione e per gravità di contenuto» ed «eroica in reazione a quella amorosa e galante.».

  • 62 Ibi: 103-4.

Si trattava ora di ritrovare il mondo dell’ode oraziana; mondo dai limiti incerti, se non sconfinati, a cui tesero prima e dopo del Dialogo delle Pingue, prima e dopo la Défense, il Trissino, Bernardo Tasso, Bartolomeo del Bene, il Chiabrera e Annibal Caro [...]. Si potrà, si vorrà andare anche oltre, fino all’ode pindarica (Alamanni e Ronsard), al grande poema nazionale (Trissino e Ronsard), all’adozione della metrica classica (Tolomei e Baif); ma son sempre sforzi nell’unica direzione dell’eroico.62

43Poco dopo, De Lollis accomunava la letteratura francese, italiana e spagnola cinquecentesche in una sola «marcia verso f eroico»:

  • 63 Ibi: 104.

È il momento, questo, della marcia verso l’eroico e per la poesia italiana e per la francese e la spagnuola: la marcia che metterà capo all’enflure secentesca del Filicaja, del Corneille — nel cui dramma ciò che è grande è la magniloquenza lirica —, del Góngora.63

44La formula sarebbe tornata nel titolo di un articolo del 1925 (Italia e Francia in marcia verso l’eroico), tutto basato su un continuo parallelismo tra la letteratura francese e quella italiana del Cinquecento (De Lollis 1925c). La «marcia verso l’eroico» era collegata alla imitazione rinascimentale dei classici latini: «Il secolo XVI», vi si legge, «viene a ritrovarsi in Italia, precisamente come in Francia, davanti al problema d’una letteratura volgare che non abbia a vergognarsi al cospetto delle antiche» (De Lollis 1971: 158). E poco più oltre:

  • 64 De Lollis 1971: 160.

Non si comprenderà mai a pieno la rinascenza se a quella ammirazione passiva per gli antichi stereotipata nell’opinione corrente non si sostituisca un pretensioso spirito di gara con un’umanità superiore ingigantita dalla contemplazione a distanza, e del quale l’ultima conseguenza sarà il secentismo.64

45Già nel 1913 De Lollis avrebbe riutilizzato la formula in un articolo su Aleardi, confluito poi nei Saggi sulla forma poetica italiana: Alleando Aleardi poeta della storia. L’idea crociana di «poeta della storia» era collegata con la tradizione latina di poesia «eroica». La poesia storica di Aleardi (e Carducci) era cosi fatta rientrare nella «lirica grave del mondo latino», sulla scia di quegli stessi Ronsard, Herrera, Alamanni, Caro citati nella rassegna sul Cinquecento francese:

  • 65 Ibi: 490-1.

Ecco di che luculenze è fatto — scriveva De Lollis, a proposito di una strofa dei Sette soldati di Aleardi — l’arsenale della poesia storica di Aleardi; e si ritroveranno poi nel meglio della grande poesia carducciana. E son quelle di cui è fatta tutta la lirica grave del mondo latino, sia pure con una frequente intrusione di suppellettile mitologica. Quella di Ronsard, che, primo poeta della grande Francia moderna, primo senti e fece sentire la poesia dell’eroico, dell’umanità, cioè, rilucente in armi, e primo foggiò quella lingua da re che continuerà a suonare e balenare come l’oro tra le mani di Corneille. La poesia di Herrera, che con superbo volo d’aquila volteggia sulla inopinata gesta di Lepanto. La poesia dei lirici italiani da Bernardo Tasso, Luigi Alamanni, Bartolomeo del Bene, Annibal Caro, Torquato Tasso, Chiabrera, Filicaia, Testi, Guidi, giu giù fino a Fantoni, Monti, Foscolo, Leopardi, Manzoni, quello dei cori, Giosuè Carducci. Poesia che anche nei suoi peggiori momenti non va giudicata con criterio che potrebbe parer desanctisiano, come vuota e puramente formale, semplicemente perché essa non aveva, qui in Italia, una realtà cui corrispondesse [...]. Tutta codesta poesia storica o in ogni modo sempre d’occasione eroica, in quanto per lo meno si indirizzava a un Grande e non si preoccupava che d’una umanità eletta, sta nella storia letteraria d’Italia come una panoplia gentilizia di vuote e meravigliose armature, per le quali si allevino e si aspettino silenziosamente quelli che saranno in grado di vestirle: Foscolo, Monti, Leopardi, Carducci, e, prima di lui — proprio cosi — Aleardi.65

46Erano gli stessi nomi che comparivano anche nel citato Italia e Francia verso l’eroico, a riprova della coerenza tra i due scritti:

  • 66 Ibi: 161.

In Italia, nel tentativo della canzone eroica del Caro per Enrico II si concilia alla meglio il petrarchismo e il lirismo all’antica, tra i quali oscilla il Bembo nel dialogo dello Speroni. Il Chiabrera, più in là, aggredirà a freddo avvenimenti, a volte anche di dubbio valor nazionale [...] o, pur di pindareggiare, celebrerà un vincitore al gioco del pallone. Il Filicaja, poiché i turchi gliene danno buon pretesto, si metterà a scuola di gonfiezza dalla Bibbia. Alessandro Guidi pindareggerà cosi come un bambino, da una finestra, si mette a gonfiar bolle di sapone. In Ispagna da Herrera a Góngora è una corsa pazzamente sfrenata verso Eroico. In Francia Ronsard, dopo aver tentata la gara con Pindaro, in principio della sua carriera, si attaccherà, alla fine, al modello di Virgilio, non il Virgilio minuto osservatore della natura e maestro nell’arte di dir tutto con evidenza, ma il celebratore della immensa mole romana. E ne verrà fuori l’aborto della Frandade.66

47Proprio in questi anni, parallelamente agli studi sul classicismo, De Lollis cominciò a interessarsi al romanticismo. Già nel 1907 recensì un libro di Pierre Lasserre su Le Romantisme Français (1907), un libro «robusto», di cui però contestava l’assunto di fondo, ovvero la polemica contro il romanticismo. Nonostante alcuni eccessi, esso aveva infatti avuto una indiscutibile «significazione morale e filosofica oltre che letteraria» e la prospettiva entro il quale andava studiato non poteva che essere europea:

  • 67 De Lollis 1907e: 198.

Ciò di cui io dubito forte è che il suo robusto libro abbia ragione d’essere quel che vuol essere: una battaglia elegante, ma fiera, deleteria e senza possibile replica, contro il romanticismo. È giusto ch’egli, nell’indagare l’essenza e l’evoluzione del romanticismo, appunti gli occhi specialmente su quelle che sono le manifestazioni eccessive: o come fermarsi alla zona temperata che produsse i Goethe, i Manzoni, i Lamartine? Ma non altrettanto giusto ch’egli assegni un valore del tutto negativo ad un fenomeno che anche per lui ha significazione morale e filosofica oltre che letteraria, che, quantunque egli lo studi soltanto in Francia, fu cosa europea; che vanta una ostinazione alquanto più che secolare, che, anzi, proprio al dir del Lasserre, si continuò in Francia anche dopo il ’60, sotto forma di reazione, col naturalismo; vi si continua, sotto forma di reazione a quella reazione, colle novità iniziate nel ’90.67

48Il passo è interessante non solo perché fa intravedere i futuri studi di De Lollis sulla letteratura francese dell’Ottocento, ma anche perché vi è implicitamente formulata la dimensione comparata richiesta dallo studio del romanticismo. Il «sentimentalismo» romantico non andava poi fatto risalire a Rousseau, come voleva Las serre, ma affondava le radici nelle origini dell’anima moderna, che per De Lollis andavano riportate al cristianesimo:

  • 68 Ibi: 199.

Quel che al Las serre appare disordine, squilibrio proprio ed essenziale del romanticismo, e che in ogni modo appunto per aver pervaso tutto Tessere romantico non potè non assurgere a dignità d’espressione d’arte, è invece caratteristico dell’anima moderna. E l’anima in codesto senso s’ammoderna dacché trionfa nel mondo il cristianesimo.68

49Sul nesso tra pensiero romantico e cristianesimo De Lollis sarebbe tornato molti anni dopo, occupandosi di Manzoni. Nell’articolo del 1907 il discorso riguardava piuttosto la collocazione storica del romanticismo. Non si parlava ancora di un tema che sarebbe ben presto diventato centrale nella riflessione di De Lollis in questi anni: gli effetti della rivoluzione romantica sulla poesia.

50Ne parlò due anni dopo, nel 1909, nella ricordata recensione a II romanticismo italiano non esiste di Martegiani. Merita di essere riletto in particolare un punto dello scritto nel quale si riconduceva il carattere principale del romanticismo tedesco (e quindi di quello italiano) alla «interruzione della tradizione»:

  • 69 De Lollis 1909f: 175.

Tutti quei caratteri i quali la signorina Martegiani [...] distingue e fissa come specifici del romanticismo tedesco, si lascian tutti radunare in un principio unico: l’interruzione della tradizione (che, tra parentesi, era, in Germania, quella dell’imitazione). Codesto principio include in sé gli altri di realtà, sincerità, attualità; e proprio per la comune aspirazione ad essi vollero e potettero gl’italiani professarsi romantici come e quanto i Tedeschi.69

  • 70 Come già ricordato, i saggi, scritti negli anni Dieci, furono raccolti da Croce nel 1929 (De Lolli (...)
  • 71 Cf. Stefanelli 2017.

51Di li a poco, De Lollis avrebbe studiato tale «interruzione della tradizione» nel caso, per certi versi peculiare, della lingua poetica del romanticismo italiano; proprio in virtù di tali studi70 De Lollis si assicurò un posto, molti decenni dopo, nella stilistica italiana novecentesca. Di questo ci si è già occupati altrove.71 Va però qui ribadito che tale importante parte della critica delollisiana s’inseriva in un un discorso più ampio e si legava strettamente agli articoli coevi sulle letterature francese e spagnola.

52La migliore descrizione del comparativismo delollisiano è stata data da Vossler, nella già citata (ma poco nota) recensione al Cervantes reazionario. Nelle prime righe, egli presentava cosi lo studioso abruzzese al pubblico della «Deutsche Literaturzeitung»:

  • 72 «De Lollis è, nel senso migliore della parola, uno storico della letteratura di approccio comparat (...)

De Lollis ist im besten Sinne des Wortes ein vergleichender Literarhistoriker. Nicht nur um sogenannte EinfLùsse festzustellen, vergleicht er die dichteri- schen Werke miteinander, auch nicht nur um sie gegeneinander abzuwàgen und Verwandtschaften zu entdecken oder Zeitstile oder gar historische Kunstgesetze nach Wòlfflins Art herauszulòsen [...]; vielmehr ist sein eigent- licher Gegenstand, wie mir scheint, das was man die literarische Situation nennen kònnte: die Verwobenheit der Dichter und ihres Schaffens in die Literatur ùberhaupt.72

  • 73 Proprio sulla «Cultura» Vossler diede conto nel 1922 (cf. Vossler 1922) di uno dei non pochi tenta (...)
  • 74 Cosi scriveva Santoli a proposito del Cervantes reazionario in De Collis e la stilistica letterari (...)

53La particolare «vergleichende Literaturgeschichte» di De Lollis risiedeva quindi, per Vossler, nel suo non limitarsi alle tipiche indagini comparatistiche di impostazione positivista (basate sul confronto e sulle ricerche di parentele) o a quelle ispirate a Wòlfflin73 (un nome che fu talvolta evocato per descrivere la critica delollisiana).74 La vera peculiarità della critica di De Lollis era piuttosto la costante attenzione alla «literarische Situation», intesa come «intreccio tra i poeti e la loro creazione nella letteratura». Poco più avanti, Vossler coglieva anche l’assenza di teorizzazioni esplicite in De Lollis, la cui critica si basava, più che su un metodo, su un quasi istintivo accostamento di autori ed epoche. Il rilievo era giusto, anche se, come si è mostrato, la critica delollisiana — in particolare la comparatistica degli anni Dieci — aveva trovato nutrimento e stimoli proprio in una costante attenzione a quanto i «teorici» come Vossler (e soprattutto Croce) avevano scritto.

Notes

1 Cf. Croce 1903d. Si cita direttamente dalla nota apparsa sulla rivista. Lo scritto è stato poi opportunamente antologizzato in Gnisci—Sinopoli 1997: 73-8.

2 Croce 1903d: 78.

3 Cf. Koch 1886. Literarhistoriker di grande importanza negli studi letterari positivistici tedeschi (in particolare per la Vergleichende Literaturgeschichte), dal 1890 professore di Neuere Literaturge schichte a Breslavia, Koch fu autore, tra l’altro, di studi volti a indagare i legami tra letteratura inglese e tedesca (come Koch 1880) e tra Dante e la Germania (Koch 1921). Fondò, oltre alla «Zeitschrift fùr vergleichende Literaturge schichte», le «Studien zur vergleichenden Literaturge schichte» (1901-1909).

4 «Il sottoscritto [...] ha tra l’altro pubblicato una ventina di memorie dirette ad indagare la diffusione e l’influenza della letteratura e dei costumi spagnuoli in Italia e va sempre adunando materiale a questo scopo» (Croce 1903d: 78).

5 Ibid.

6 Croce 1903d: 79, che traduceva il passo di Koch.

7 Croce 1903d: 79.

8 Cf. FBBC, Cesare De Lollis a Benedetto Croce, 263, Genova, 20 gennaio 1903.

9 Cf. FBBC, Cesare De Lollis a Benedetto Croce, 263, Genova, 20 gennaio 1903

10 Proprio contro indagini su «temi presi in astratto e che conducono perciò a conseguenze critiche fallaci» si era espresso il filosofo a proposito di un libro di «verglei- chende Literatur» di Karl Kipka sul tema di Maria Stuarda nei drammi della Weltliteratur (1907). Lo stesso libro venne recensito, sulle pagine della «Cultura», e in termini negativi, da Alfredo Gargiulo (1909). Anche sulle pagine degli «Studi di filologia moderna» di Manacorda (cui si farà cenno) il libro venne recensito abbastanza negativamente da Alfredo Galletti, che scriveva: «Questo del Kipka è un ottimo volume di ricerche storiche e un cattivo saggio di critica letteraria: pregio e difetto che paiono escludersi, ma che coesistono benissimo in questo libro, come in altri parecchi, i quali indagano l’origine e le vicende dei fatti letterali» (Galletti 1909a: 119).

11 Se ne trova qualche accenno in Monteverdi 1964: 21-2.

12 L’idea gli era stata suggerita dall’amico Luigi Ceci e consisteva nel sostituire Francesco Lorenzo Pullè, ordinario di Sanscrito all’Università di Pisa ma intenzionato a lasciare la città toscana (lo fece nel 1899, quando passò a Bologna, alla cattedra di Filologia indo-europea), aggiungendo, nella dizione della cattedra, le lingue alle letterature. La cattedra lasciata da De Lollis a Genova sarebbe stata occupata dal glottologo Fausto Gherardo Fumi. Nondimeno, il progetto sfumò: De Lollis rimase nell’odiata Genova e al suo posto Leandro Biadene (allora insegnante di lettere italiane al liceo “Parini” di Milano) venne nominato, il 26 dicembre 1896 (cf. «Bollettino Ufficiale dell’Istruzione» 1897:112), professore straordinario di Storia comparata delle letterature neolatine nell’Università di Pisa.

13 Cosi aveva scritto a D’Ovidio il 16 giugno 1902: «Il De L. torna all’assalto e mi chiede come avrei accolta la sua domanda in Facoltà. Risposi che, se non si metteva d’accordo col Segrè, io mi sarei astenuto dal votare, non volendo pigliar parte in un conflitto fra due che erano stati ugualmente miei scolari. Allora, egli perdè la bussola, e cominciò a dirmi tali parole, che io dovetti voltargli le spalle» (cit. in Benedetti 2016: 126). E ancora un giorno dopo, ad Ascoli: «Al De Lollis promisi che non avrei fatto opposizione alla sua domanda per le “Lett. mod. comp.”, non promisi di appoggiarla. Questo non avrei potuto fare, perché una domanda simile era stata fatta dal Segré, ed io che avevo avuto ambedue a scolari, sentivo il dovere di astenermi da qualunque voto, se non riuscivo a impedire fra loro un conflitto» (cit. sempre in Benedetti 2016: 126).

14 «Il Monaci protesta e riprotesta», scriveva De Lollis a Novati il 2 febbraio 1905, «presso il ministro, per mezzo d’un autorevole personaggio che non so chi sia, contro l’invasione del suo territorio, che par sia vasto come quello di Carlo V; ma le persone di buon senso replicano che contro l’invasione o collisione dovea protestare quando si trattò d’istituire la cattedra: laddove egli s’acquetò a tale istituzione, prese parte alla votazione per coprir detta cattedra, sostenne e votò il nome d’un suo candidato (egli solo, solissimo!), come ora sostiene e si dichiara pronto a votare quello del Farinelli» (CN, Cesare De Lollis a Francesco Novati, 2 febbraio 1905)

15 Anche sul nome dell’insegnamento Monaci non intendeva far sconti. Dalla citata lettera a Croce del 1903 si apprende che in origine il Ministero aveva proposto di intitolare la cattedra Letterature moderne comparate. La Facoltà romana aveva controproposto, invece, la dizione Letterature neolatine moderne. A questo si era opposto Monaci, ritenendola troppo concorrenziale rispetto alla propria cattedra di Lingue neolatine comparate: «In due giorni il coperchio della tomba genovese è ricaduto sul mio capo, e chi sa s’io riuscirò mai a sollevarlo [...]. Il Cocchia, relatore al Cons. Sup. della “pratica” concernente me, proponeva di sostituire il titolo di “letterature neolatine moderne” a quello di “letterature moderne” che la Facoltà di Roma avea proposto, sostituendolo, a sua volta, a quello di “letterature moderne comparate” ch’era il titolo messo innanzi dal Ministero. Il Monaci strepitò, e, strepitando, riuscì ad indurre la Facoltà a sopprimere il “comparate”, aggettivo o participio, che avrebbe determinato la collisione della nuova cattedra colla sua!!!» (FBBC, 263, Cesare De Lollis a Benedetto Croce, 20. 1903, s. m.).

16 Cf. supra: 169-72.

17 CN, Cesare De Lollis a Francesco Novati, 629/19, 29 dicembre 1904.

18 Cf. Bollettino Ufficiale dell’Istruzione, 1903. Decreto ministeriale 3 febbraio 1905. «De Lollis Cesare, professore ordinario di storia comparata delle letterature neolatine nell’università di Genova è, col suo consenso, comandato a decorrere dal 16 febbraio 1905 a impartire l’insegnamento delle letterature francese e spagnuola moderna conservando il grado e lo stipendio dei quali è provveduto». Il decreto di nomina di De Lollis incontrò alcune difficoltà da parte della Corte dei Conti, sulle quali non è il caso di soffermarsi. Si può accennare, però, alla Risposta, firmata dal capo divisione dell’Istazione Superiorie Francesco Coppola, a un Rilievo della Corte dei conti (N. 1364), datato 3 febbraio 1905, in cui si riteneva non opportuna la chiamata per «comando» di De Lollis a Roma. Tra i motivi, vi era il fatto che a Roma era stata già istituita una cattedra di lingua spagnola, affidata a Luigi Bacci: «Non sembra pertanto consentito», si legge nel Rilievo, «allargare i limiti di quell’insegnamento adottando la forma del comando». La Risposta iniziava con un’interessante precisazione sulle caratteristiche della cattedra che si assegnava a De Lollis, «un vero e proprio insegnamento universitario, cioè a base filologica, di letterature spagnola e francese moderna», diverso da quello di lingua spagnola di Bacci («istituito, in seguito ad accordi ed impegni presi colla Repubblica Argentina, che istituì nelle sue scuole l’insegnamento della lingua italiana»), e più simile a quello di filologia inglese tenuto da Federico Garlanda (cf. Ministero della Pubblica Istruzione, Direzione generale del Personale, Fascicoli del personale [2° versamento]. Fascicolo De Lollis, Archivio Centrale dello Stato, Roma).

19 De Lollis 1905a: 604.

20 lbi: 606.

21 De Lollis 1920b: 61.

22 Cf. Rajna 1920. Si rimanda a Lucchini 2008: 440-1.

23 De Lollis 1905a: 607. L’articolo va peraltro letto nel contesto del coevo dibattito didattico-scolastico che portò all’istituzione nel 1911, con la legge Daneo—Credaro, del “liceo moderno”; dibattito del quale «La Cultura», con la sua sezione di Letteratura scolastica, fu sede non secondaria. Si ricordi poi che proprio nel 1905, nel brevissimo tempo in cui tenne il dicastero della Pubblica Istruzione, Leonardo Bianchi aveva istituito una commissione reale intesa a valutare attentamente lo stato della scuola secondaria italiana.

24 Si veda quanto scrisse in una Cronaca del 1909, in prossimità delle nuove elezioni: «Molti lettori che immaginano (o come mai?) una segreta corrispondenza d’amorosi sensi tra l’on. Rava e La Cultura ci chiedono che cosa avverrà dell’attuale Ministro dell’Istruzione a elezioni compiute. Ed ecco quello che noi possiamo loro rispondere. Nessuno pensa, neppur lontanamente, che l’on. Rava se ne vada da sé. L’on. Rava ha vivo il senso del dovere come pochi, come forse nessuno al mondo, e sa che il primo, il vero, il solo dovere d’un ministro è di non lasciare il portafogli» (De Lollis 1909p).

25 De Lollis I908a: 27-8.

26 De Lollis 1909a: 426-7.

27 «La menzione di questo o quello scrittore piuttosto che di questo o quell’altro; raggruppamento di questo con quello invece che con quell’altro, significano altrettante valutazioni per rispetto al posto che a ciascun d’essi spetta nella storia letteraria di questo o quel paese. Con un programma quindi particolareggiato si viene né più né meno che a tracciare un tipo stabile di storia letteraria secondo il quale i candidati si devono orientare. E chiaro è che tale essendo o volendo essere, esso ha da formare un tutto organico» (ibi: 427).

28 Brandes (che fu, tra l’altro, uno dei primi lettori di Nietzsche, per il quale coniò la formula di «radicalismo aristocratico», cf. Brandes 2001) era stato un punto di riferimento importante per De Lollis, negli ultimi decenni dell’Ottocento, per i suoi scritti sulla letteratura tedesca contemporanea, in particolare su Hauptmann. Il profilo di Ge- rhart Hauptmann scritto da Brandes nella raccolta di saggi intitolata Menschen und Werke (pubblicata in Germania nel 1894 e letta da De Lollis nella seconda edizione del 1897) era citato nella monografia sul drammaturgo tedesco (cf. De Lolhs 1899a). In particolare, il critico danese (definito «apostolo dell’esotico in Germania non meno efficace che il visconte de Vogué in Francia», cf. De Lollis 2010: 117) era il punto di riferimento per l’introduzione dell’ibsenismo in Germania, un tema importante nel libro su Hauptmann, a detta di De Lollis notevolmente influenzato dal drammaturgo norvegese (cf. supra: 180-4). «Critico altamente geniale» era poi definito in un articolo del 1899 su Paul Heyse (De Lollis 1899b, quindi in De Lollis 2010: 197).

29 Si ricordi solo, a dare l’idea della diversa concezione delle Neuere Sprache, che a fine Ottocento la Romanistik e la Anglistik erano state accorpate, nelle univeristà tedesche, nella cosiddetta Neuphilologie o Neuere Philologie (era dell’ottobre 1886 il primo Neuphilologentag, tenutosi a Hannover). Per le vicende storico-istituzionali di Romanistik e Anglistik nelle università tedesche dell’Ottocento si rimanda a Christmann 1985 e Bott 2010. Basti qui segnalare (per Hmitarci al caso di Berlino, dove ebbe un ruolo importante proprio Brandi, citato da De Lollis), che nel 1870 a Berlino il Romanist Adolf Tobler e Anglist Julius Zupitza (figura di grande importanza per l’anglistica tedesca dell’Ottocento) avevano fondato il Romanisch-englisches Seminar. Nel 1895, lo studioso austriaco (originario di Innsbruck) Alois Brandi divenne professore di Englische Philologie a Berlino e in quello stesso anno, a seguito della morte di Zupitza, entrò nel Seminar, all’interno del quale però scisse la romanistica dall’anglistica, fondando un proprio Englisches Seminar.

30 «Lo studio letterario dell’epoca di Byron è, dal punto di vista erudito e critico, tanto produttivo quanto quello dell’epoca del Beonwulf.

31 Nel 1909 De Lollis commentò sulla «Cultura» il discorso tenuto da Garlanda per l’inaugurazione dell’anno scolastico 1908-1909 dell’Università di Roma, intitolato Le lingue e le letterature moderne (cf. De Lollis 1909g). Pur non sposando alcune opinioni di Garlanda (come la presunta povertà lessicale della lingua italiana rispetto ad altre lingue), De Lollis concordava sul fatto che «lo studio delle letterature moderne giovi ad avvivare, ad umanizzare quello delle letterature classiche; e che le principali nostre università dovrebbero aver ciascuna una sezione di Filologia moderna, alla quale però i giovani provenienti dalle scuole medie accedessero “già armati di una sufficiente cognizione pratica delle lingue moderne”» (De Lollis 1909g: 218). Nello stesso intervento, De Lollis cdti- cava la posizione di Nino Bixio Morelli che, sulle pagine del «Bollettino di filologia moderna» del novembre 1908 contestava Futilità di scuole di filologia moderna, a suo avviso sostituibili da più utili finanziamenti di perfezionamento all’estero. Per insegnare lingue e letterature straniere non bastava però, scriveva De Lollis ricorrendo alla terminologia tedesca, essere Sprachlehrer. Occorreva non solo una sensibilità da Sprachforscher, ma anche una profonda preparazione culturale: «Per le lingue, lettori (all’uso tedesco) nati, cresciuti e educati (voglio intendere anche gebildet) nei paesi dove le rispettive lingue si parlano; e l’opera loro gioverà anche a preparar maestri di lingue non confondibili con quelli annualmente fabbricati mediante il sistema ridotto dell’abilitazione. Per le letterature, insegnanti con solido fondamento di cultura classica, e, preferibilmente, nati ed educati nel paese dove quella data letteratura s’insegna come straniera».

32 Manacorda fu bibliotecario a Catania dal 1906 al 1911, quando passò a Pisa. Autore nel 1909 della guida bibliografica Germania filologica, per la quale entrò in discussione con Farinelli (cf. Manacorda 1909 e Farinelli 1911), diresse dal 1912 al 1914 la collana laterziana degli «Scrittori stranieri». Dopo la guerra (nella quale era partito volontario) e dopo la svolta spirituale degli anni Venti (che lo portò a formulare una «nuova mistica» con un certo seguito tra alcuni giovani intellettuali toscani) si allontanò progressivamente da Croce. La divergenza tra i due si tradusse in scontro velenoso a seguito della stroncatura crociana della traduzione di Manacorda del Faust (Manacorda 1932a). La risposta di Manacorda (Benedetto Croce, ovvero dell’improntitudine, cf. Manacorda 1932b) gli fruttò l’appoggio di Mussolini, a seguito del quale si avvicinò al regime con l’intento di «promuovere la convergenza fra cattolici e fascismo» (Garzarelli 2007). Ritorneremo brevemente sul libro anticrociano di Manacorda a proposito dell’articolo apparso sulla «Cultura» di Mattioli, a difesa del filosofo.

33 Manacorda 1908: 1-2.

34 La rivista si inaugurava proprio con la prolusione di Farinelli all’Università di Torino del 13 dicembre su l’umanità di Herder, e il concetto della “razza” nella storia evolutiva dello spirito (cf. Farinelli 1908b).

35 «Ho avuto anche io dal buon Manacorda tutto un dossier», scriveva a Croce il 3 novembre 1907. «Sta bene quanto pensi e dici ed hai scritto al M. — Io gli scrivo francamente che persisto nel proposito, manifestatogli prima di iscrivermi con te qui, di limitare la mia responsabilità economica al rimborso proporzionale di quanto egli aveva allora speso. Non sono, non posso essere in grado di mantenere due riviste!» (FBBC, 313, Cesare De Lollis a Benedetto Croce, 3 novembre 1907). Il 17 marzo gli scriveva ancora: «Il Savi-Lopez ha scritto al Farinelli perché s’accordi col Manacorda nella direzione della rivista. Scrivigli anche tu in tal senso, ti prego. Aggiungigli che tu, Savj-Lopez e io non ce ne occuperemmo affatto. Cosi sarebbero contenti i due che più tengono alla rivista e al resto, e noi dovremmo evitare la ridicola pubblicità dello scioglimento...sociale!» (FBBC, 337, Cesare De Lollis a Benedetto Croce, Roma 17 marzo, s. a.). Una decina di giorni dopo ribadiva la volontà di non impegnarsi in un’impresa che lo avrebbe distolto dalla «Cultura»: «Non so se tu voglia perdere del tempo a rispondere al Farinelli. Dato che si, digli, ti prego: 1 °) che io avendo La Cultura, la quale potrà anche diventare settimanale, non posso pensare ad addossarmi un’altra rivista; 2°) che se, non avendo La Cultura, mi fossi assunta la direzione della Riv. di fi. moderna, l’avrei saputa tenere anche senza l’irradiazione benefica dell’“amicizia franca e sincera” del Farinelli» (FBBC, 338, Cesare De Lollis a Benedetto Croce, Roma, 19 marzo 1908).

36 «Additare il Farinelli sarebbe un preparare la nevrosi collettiva di tutta la Società. Nessuno meno adatto di lui a portar vigore di coesione in qualsiasi impresa di carattere collettivo. D’altra parte io come io voglio te presidente; 1°) perché non appartieni all’inferma plebe dei professori professanti; 2°) perché il tuo è il nome di maggiore autorità; 3°) perché, oltre ad esserti come gli altri occupato di letterature straniere, hai una larghezza di idee che non va confusa colla molta notizia che di molte cose ha il Farinelli [...]. Ho scritto di codesto [...] apertamente anche al buon Manacorda; il cui stile mi è apparso un po’ troppo enfatico nella circolare. Ho proposto delle semplificazioni e degli abbassamenti di tono» (FBBC, 317, Cesare De Lollis a Benedetto Croce, 26, s. m., s. a.)

37 Cf. Klemperer 1914a, 1914b. Il primo volume del Montesquieu usci nel 1914, il secondo l’anno dopo (cf. Klemperer 1914-1915).

38 Cf. F. Neri, La tavola dei valori del comparatista, apparso nel 1937 sul «Giornale storico della letteratura italiana», venne poi incluso in Neri 1951, quindi in Neri 1964: 109-19, da cui si cita.

39 Ibi: 117.

40 Cf. Betz 1900. La trad. it. dell’introduzione di Texte è stata antologizzata in Gnisci—Sinopoli 1997: 63-72.

41 Cf. Sinopoli 1997.

42 È interessante citare a questo proposito la recensione al volume scritta da Alfredo Galletti sugli «Studi di filologia moderna», nella quale si sosteneva invece l’armonia organica della ricerca di Farinelli: «Tutta questa congerie di fatti, di osservazioni, di riscontri, si ordina e si connette organicamente in questo lavoro, costretta e disciplinata dall’attitudine alla sintesi e da un senso dell’armonia che solleva i macigni più grevi dell’erudizione, che impasta e cementa i fatti anche minuti, i dati sian pur tenui, costringe gli elementi più ribelli a cooperare all’armonia dell’insieme» (Galletti 1909b: 346).

43 De Lollis 1908i: 661-2.

44 De Lollis 1905b: 312.

45 Si legga a questo proposito una lettera di Mazzoni a Vittorio Rossi, in cui si imputava la recensione negativa di De Lollis alla prima edizione del Manuale a sole motivazioni accademiche e personali (legate alla cattedra romana): «L’articolo del De Lollis, nella Rivista d’Italia, contro il Manuale mio e del Pavolini ha una brutta base di rancori personali. Pur votando il passaggio di lui da Genova a Roma per l’artic. 69, e usando verso lui ogni amichevole cortesia di fatti e di parole, sostenni, per debito di coscienza, nel Consiglio, che in Italia ora non si può abbinare in una cattedra sola (quando si specifichino le letterature moderne) la francese e la spagnola. Scegliesse lui tra l’una e l’altra. Ma egli tutt’e due le vuole insieme, per far contraltare al Monaci: pettegolezzi e ripicchi e odii romaneschi nei quali, se Dio vuole, io non entrai né entro» (cit. in Benedetti 2016: 130). Peraltro, anche se non c’è ragione di dubitare della «base di rancori personali», ancor meno giustificato sarebbe riportare solo a quelli le obiezioni di De Lollis al Manuale, che erano inserite in un più complesso ragionamento sulle ragioni e gli scopi della letteratura comparata.

46 Cf. Mazzoni—Pavolini 1906. De Lollis aveva scritto sulla prima edizione del manuale sulle pagine della «Rivista d’Italia» del 1906 (cf. De Lollis 1906).

47 Praz—Lo Gatto 1946. Si veda Zannoni 2008.

48 De Lollis 1908f: 83-4.

49 De Lollis 1909g: 220.

50 De Lollis 1908f: 84.

51 De Lollis 1908f: 86.

52 Ibi: 90.

53 Cf. Martegiani 1908.

54 De Lollis 1909f: 176.

55 Ibi: 175.

56 De Lollis 191 Oe: 515.

57 Ibid.

58 Ibi: 516.

59 Cf. supra: 220-28.

60 Bosco 1928: 510.

61 Cf. De Lollis 191 le, da ultimo in De Lollis 1971: 89-132, da cui si cita.

62 Ibi: 103-4.

63 Ibi: 104.

64 De Lollis 1971: 160.

65 Ibi: 490-1.

66 Ibi: 161.

67 De Lollis 1907e: 198.

68 Ibi: 199.

69 De Lollis 1909f: 175.

70 Come già ricordato, i saggi, scritti negli anni Dieci, furono raccolti da Croce nel 1929 (De Lollis 1929a).

71 Cf. Stefanelli 2017.

72 «De Lollis è, nel senso migliore della parola, uno storico della letteratura di approccio comparatistico. Egli confronta tra loro le opere poetiche non solo per accertare i cosiddetti influssi, né solo per confrontarle e scoprire parentele o stili del periodo o leggi artistiche alla Wòlfflin [...]; piuttosto, il suo vero oggetto di studio è, mi sembra, quella che si potrebbe chiamare la situazione letteraria: soprattutto l’intreccio tra i poeti e la loro creazione nella letteratura» (cf. Vossler 1924c: 2149-50).

73 Proprio sulla «Cultura» Vossler diede conto nel 1922 (cf. Vossler 1922) di uno dei non pochi tentativi di applicazione delle categorie artistiche di Wòlfflin alla letteratura che caratterizzarono la Germanistik degli anni Venti, il libro di Fritz Strich, Deutsche Klassik und Romantik (1922).

74 Cosi scriveva Santoli a proposito del Cervantes reazionario in De Collis e la stilistica letteraria. «Descrizione [...] in cui quel tanto di psicologia che è indispensabile per la caratterizzazione del contenuto è in funzione di simboli che vorremmo dire della “intuizione pura’. E qui è dato misurare lo stacco fra il metodo di De Lollis e la tradizionale trattazione dei “generi’: stacco paragonabile a quello che nella critica figurativa divide la maniera vecchia, che opera con le categorie degli “stili’, dalla nuova inaugurata appunto dagli schemi di Wòlfflin» (Santoli 1962: 268). Più avanti, lo studioso si spingeva a individuare negli scritti del maestro sui romantici italiani una «tavola» di «schemi caratterizzanti [...] dell’espressione» (come, per citarne solo alcuni, composizione-sconnessione, precisione-imprecisione, finitezza-immediatezza), definendoli «ricca serie di polarità che forma un perfetto riscontro con i (posteriori) Grundbegriffe figurativi di Wòlfflin» (ibi: 269).