Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Cesare De Lollis tra filologia romanza e letterature comparate

 | 
Diego Stefanelli

VII. Tra metodo storico ed estetica crociana

Texte intégral

1. La polemica su De Sanctis

  • 1 Croce 1993: 59

1I primi rapporti personali tra De Lollis e Croce risalgono alla seconda metà degli anni Ottanta. L’amicizia tra i due giovani, ben diversi per appartenenza sociale, era resa possibile, oltreché dalla comune origine abruzzese, anche dal condiviso gusto poetico carducciano («la mia generazione», avrebbe scritto Croce nel 1915, nel Contributo alla critica di me stesso, «fu carducciana»).1 I due, come altri (sull’esempio del poeta maremmano), erano lettori di Platen, di cui Croce, nel 1886, aveva raccolto nella «Rassegna pugliese» alcune Massime per la vita. In quegli anni, tuttavia, le differenze erano più significative delle somiglianze: promettente e agguerrito filologo romanzo De Lollis, desideroso di intraprendere al più presto, forte anche della stima di Monaci, la carriera accademica; ancora in cerca di se stesso il giovane Croce, iscritto a Giurisprudenza ma intento a varie ricerche erudite, il cui carattere personale e disordinato era il primo indizio di un’irrequietezza profonda, rischiarata in parte dalle lezioni di filosofia morale di Antonio Labriola.

  • 2 Ibi: 26.

2Nel 1886 Croce si era trasferito a Napoli («in una società tutta composta di bibliotecari», scrisse nel Contributo, «archivisti, eruditi, curiosi, e altra onesta e buona e mite gente, uomini vecchi o maturi i più, che non avevano l’abito del troppo pensare»),2 dove si dedicò, per non pochi anni, a ricerche erudite su Napoli e la Spagna, compiendo, per conto proprio, vari viaggi all’estero. Anche De Lollis, in quegli anni, fu viaggiatore, ma per conto dell’Istituto Storico Italiano e della Commissione Colombiana, a Parigi e in Spagna, a collazionare codici. Anche l’approccio al mondo degli studi era inevitabilmente differente: pur sempre autodidatta Croce, condannato, per destino più ancora che per carattere — in virtù di un’agiatezza economica che si direbbe invidiabile, se non si conoscesse la tragedia familiare che l’aveva resa possibile — a un’autonomia di ricerca e di pensiero; ben addentro all’Università, invece, De Lollis, fin dall’inizio consapevole che solo la carriera accademica avrebbe potuto garantirgli

3quella stabilità economica che la famiglia, non povera ma lontana dall’agiatezza, non avrebbe potuto per sempre assicurargli, tanto più dopo la morte del padre Alceste. Ottenuta prestissimo la libera docenza (nel 1887, a ventiquattro anni), De Lollis entrò in quella categoria culturale, i «professori», che Croce, a partire dagli anni Novanta, criticò aspramente.

  • 3 Fino a quel momento e anche in seguito all’ottenimento della libera docenza in Letteratura italian (...)
  • 4 Cfr. infra: 126-146.

4La prima vera occasione di confronto, più o meno diretto, tra i due fu la pubblicazione, nel 1897, delle Legioni sulla letteratura italiana del secolo XIX di De Sanctis, trascritte da Torraca e curate da Croce (De Sanctis 1897). Il volume fu recensito da Emilio Bertana sul «Giornale Storico» (1897). Lo studioso, già autore di alcuni studi di materia settecentesca (Bertana 1890, 1899), e, di li a qualche anno, di un volume su Vittorio Alfieri (1902), apparteneva, con pieno diritto, al mondo degli eruditi, se non a quello dell’Università.3 In quell’anno De Lollis era nel pieno della violenta polemica sordelliana con Torraca,4 dal quale erano state trascritte le lezioni desanctisiane, «con abilità pari solo alla diligenza e all’affetto verso il Maestro» (Croce 1898: 206). Già alla fine dell’articolo su Pro Sordello, De Lollis aveva espresso «un sommario giudizio dispregiativo» (190) sulle Legioni:

  • 5 De Lollis 1897a: 201-2.

Eredi del De Sanctis, buono e dolce, quelli che la fiacchezza dei giudizj credono di ritemprar nel succo dell’acrimonia; eredi del De Sanctis quelli che dalle panche della sua scuola riportano ammassi di appunti informi che giran ora l’Italia pubblicati in modo da movere a sdegno chiunque anche una sola volta abbia udito la parola calda ed efficace di quel grande maestro!5

  • 6 Da una lettera di De Lollis scritta da Chieti nel luglio 1897, si intuisce che Francesco Novati, c (...)
  • 7 «Giudizi eccessivi e contraddizioni ricorron pure molto, troppo frequenti nei capitoli dedicati al (...)

5Il giudizio era, in effetti, tanto sommario quanto dispregiativo. Lo stesso De Lollis senti l’esigenza di svilupparlo e di meglio articolarlo. Scrisse, quindi, due brevi recensioni, che comparvero sulla milanese «La Perseveranza»6 e sulla «Cultura» nel 13 e 15 settembre 1897. In quella apparsa sulla «Cultura» (uno dei primi interventi di De Lollis sulla rivista) egli segnalava innanzitutto i «giudizi eccessivi e contraddizioni» (De Lollis 1897b: 274) che riscontrava nelle lezioni del critico irpino sulla letteratura italiana del XIX secolo. Il difetto di fondo era la divisione desanctisiana tra scuola democratica e scuola liberale, che, scriveva De Lollis, «in realtà riposa sul diverso atteggiamento politico dei due gruppi» (273). Non condivideva inoltre il giudizio desanctisiano su Berchet (definito un «artista d’occasione»),7 a cui De Lollis avrebbe dedicato vari anni dopo (nel 1912) uno dei futuri Saggi sulla forma poetica italiana dell’Ottocento (De Lollis 1912a).

  • 8 Continuava De Lollis: «Or sempre, dappertutto e per tutti altro è pronunciare, altro è scrivere: s (...)
  • 9 Si legga l’inizio della recensione di Bertana: «S’anche paresse necessario vagliare alcuni antichi (...)

6Dopo aver discusso, anche se per accenni e per esempi, le presunte contraddizioni di De Sanctis, De Lollis biasimava «la dicitura, ossia ciò che più comunemente si dice la forma» del volume, dal momento che «esso non fu, per così dire, costituito in libro dall’autore stesso, bensì messo insieme da altri su appunti riportati da un corso di lezioni da lui pronunciate all’università di Napoli» (De Lollis 1897b: 274).8 Lodata, non senza una certa ironia, la solerzia dei due editori, De Lollis scriveva che sarebbe stato preferibile «se quel materiale greggio d’appunti avessero un po’ sfrondato e mondato». Del resto, le mancanze del volume non erano da riportarsi solo alla genesi delle lezioni (a cui erano dovuti alcuni difetti di forma), bensì, a un livello più profondo e generale, allo stesso metodo desanctisiano, il quale mostrava la propria debolezza (per De Lollis, come per Bertana)9 quando veniva applicato ad autori “minori”.

7Il finale era il passo più interessante della recensione, dal momento che De Lollis vi affrontava una questione metodologica tipica dell’epoca, ovvero la querelle tra metodo storico e metodo estetico desanctisiano, reimpostata, a fine secolo, dallo stesso Croce:

  • 10 De Lollis 1897b: 274-5.

Noi crediamo — scriveva De Lollis — che al metodo critico del De Sanctis mancasse ogni presa, quando, anziché sul capolavoro, si esercitasse sulla produzione di scrittori di secondo o terz’ordine, alla quale sa adattarsi convenientemente solo il metodo storico. Chè il merito indiscutibile di questo metodo è di curare, per amor della verità, anche le piccolezze. Dico cliché perché non è colpa del metodo se v’è chi specialmente o unicamente di piccolezze si preoccupi, scambiando il mezzo con il fine, ma, ad ogni modo, l’esagerazione in questo senso non è neppur essa contro la verità, e non può quindi essere dannosa e pericolosa, cosi come mostrano di credere quelli che imprecano con quanto fiato hanno in gola al “materialismo storico”: chi se la prenderebbe con la matematica, perché, mentre è uno dei principali coefficienti dei progressi materiali dell’umanità, si presta anche in mano a un qualche povero solitario fraticello a [...] giochetti cabalistici?110

8Nella memoria su Francesco De Sanctis e i suoi critici recenti — letta all’Accademia Pontaniana di Napoli il 3 aprile 1898 — Croce rispondeva a questa obiezione (e ad altre) dei due «critici recenti» di De Sanctis, ribadendo l’esigenza di una più approfondita riflessione teorico-metodologica sul problema:

  • 11 Croce 1898: 197.

Ora, perché la critica estetica e il giudizio estetico — ch’è il giudizio del valore delle opere letterarie —, non può applicarsi egualmente alle opere altissime ed alle infime? Si tratta forse, in letteratura, di organismi di cui alcuni sono visibili ad occhio nudo, e per altri occorrono istrumenti speciali come il microscopio? Sarebbe curioso che per giudicare brutta un’opera brutta ci volesse un istrumento speciale; e non bastasse — satis superque! — quello stesso con cui giudichiamo bellissima un’altra bellissima! — Che poi il metodo storico — quando, beninteso, si faccia storia — sia applicabile cosi alle opere grandi come alle infime, è precisamente la mia opinione; ma soltanto credo che bisogni avere un’idea un po’ esatta di quel che sia un metodo [...] e non confondere il tipo col caso particolare, e non chiamare metodo storico solo quello della piccola erudizione. E, in tal modo, si vedrà, che il De Sanctis applicava sempre il «metodo storico» quando esponeva le opere e ne rifaceva la genesi, e il metodo estetico, quando le giudicava come belle o brutte, riuscite o sbagliate, stupende o ridicole.11

  • 12 II volume apparve nel 1895 a Roma, presso Loescher (quindi nel 1896, in seconda edizione riveduta, (...)

9Era questo il modo con cui il giovane Croce, negli anni precedenti alla Estetica, affrontava la disputa tra metodo estetico e metodo storico, attraverso una riflessione sulla natura e sui compiti della critica letteraria e un’attenta riconsiderazione terminologica Non a caso, già ne La critica letteraria. Questioni teoriche,12 nell’ultimo paragrafo riguardante Le presenti condizioni degli studi letterari in Italia e di una loro deficienza. Croce aveva identificato il limite maggiore degli stessi proprio nell’assenza — o scarsità — di attenzione ai problemi metodologici,

  • 13 Croce 1919a: 158-159.

Che un po’ per legittima reazione contro il vuoto generalizzare solito un tempo, e un po’ per effetto di quella filosofia allegra che è il positivismo, e per l’ignoranza che ne è seguita, si considerano ora come “chiacchere”.13

10Nella memoria letta all’Accademia Pontaniana, criticando il citato passo della recensione di De Lollis sulla migliore applicabilità del metodo storico ad autori minori, Croce coglieva l’occasione per biasimare l’uso improprio, da parte dell’amico filologo, del termine «materialismo storico»:

  • 14 Croce 1898: 7-8.

E vorrei poi osservare all’amico De Lollis, che, quando egli, a proposito di erudizione, vien fuori col materialismo storico, fa uso un po’ ad orecchio di una parola della quale non gli è chiaro il significato. Il «materialismo storico» è la filosofia della storia propria del socialismo critico del Marx, ed è apparsa finora in una doppia forma: in una forma sistematica ed assoluta, nella quale è una vera e propria metafisica, o costruzione a priori della storia; e in una forma critica, nella quale non è altro che un modo d’interpretazione della storia che si faccia avendo principal riguardo alle cause materiali ed economiche della vita delle società. In tutte e due le forme, esso non ha il più lontano rapporto con l’erudizione minuta. Non voglio, per altro, far grave colpa al De Lollis, ch’è valente filologo di neolatino, del non conoscere con esattezza le teorie moderne sulla storia.14

  • 15 Cf. Croce 1919b: 189-236.
  • 16 Nel 1896, alla stessa Accademia Pontaniana di Napoli, Croce aveva letto la memoria Sulla concezion (...)

11Più di ventanni dopo, nel ripubblicare la memoria nel volume Una famiglia di patrioti,15 Croce decise — probabilmente per cortesia verso l’amico — di eliminare il passo. Comunque, non è privo di interesse il fatto che egli, nel 1898, avesse sentito l’esigenza di correggere De Lollis su un argomento in quegli anni per lui molto importante16 e sul quale era, senza dubbio, molto più competente.

12De Lollis non rispose alle critiche e alle osservazioni dell’amico, almeno in pubblico. Anche se dal carteggio tra i due non risultano (salvo smentite, possibili allorquando esso sarà pubblicato interamente) accenni alla discussione sulle lezioni di De Sanctis sulla Letteratura italiana nel XIX secolo, è probabile che i due amici avessero avuto occasione di parlarne. Certo è che la copia della memoria pontaniana su De Sanctis e i suoi critici recenti donata da Croce a De Lollis (con dedica autografa «All’amico prof. De Lollis | B. Croce»), e custodita nella Miscellanea De Lollis della Biblioteca Alessandrina di Roma, reca non poche annotazioni dello studioso. Esse permettono di seguire, nel dialogo tra annotazione e testo annotato, la riflessione di De Lollis sull’intervento di Croce.

  • 17 «Il mio amico prof. Cesare De Lollis, polemizzando per altre sue occorrenze col Torraca, raccoglit (...)

13Già nella seconda pagina della memoria, laddove Croce presentava la recensione dell’amico,17 De Lollis annotava, riferendosi al «giudizio dispregiativo»: «Io ho disprezzato gli editori, non l’autore». In realtà, anche se le critiche dell’abruzzese alle lezioni di De Sanctis riguardavano, come si è visto, principalmente le modalità con cui erano state edite (senza aggiustamenti formali, limitandosi a trascrivere le lezioni prese da Torraca), il filologo abruzzese aveva colto l’occasione anche per criticare il metodo stesso di De Sanctis. Nel farlo, si era collocato decisamente dalla parte del metodo storico, appreso dai suoi maestri e da lui stesso, fino a quel momento, praticato e insegnato.

14Anche le annotazioni alla memoria crociana presentano alcuni giudizi generali su De Sanctis e il suo metodo. A pagina quattro della memoria, nel primo paragrafo su La concezione storica ed estetica del De Sanctis, a proposito del pregiudizio «erudito» nei confronti del metodo del critico irpino, Croce si era soffermato sull’erudito il quale

Si chiude in un dato ordine di fatti, per esempio nello studiare un gruppo di opere letterarie di una data epoca, e nell’indagarne le condizioni prossime di formazione [...] finisce col considerare questi fatti come i soli fatti letterarii di quell’epoca; e, se vede qualcuno che, prescindendo da queste ricerche o servendosene parzialmente e sorpassandole, si domanda qual è la fisionomia letteraria dell’epoca, e le cause ultime di essa, — l’erudito, come dicevo, diffida o disprezzi.

15Ripetendo, senza molta originalità, l’accusa di inesattezza, mossa da molti a De Sanctis, De Lollis annotava cosi:

Ma il male è che il De S. non fa a meno, non prescinde dai fatti particolari, ma li falsa. E se questo diritto egli ha, allora l’erudito, a cui pure il C. permette di vivere non ha ragion di esistere.

16Ancora, nella stessa pagina, riguardo alla «storia generale» di cui, scriveva Croce, «l’erudito stesso non può sconoscere la necessità», De Lollis si appuntava, senza peraltro dire nulla di nuovo: «Questo non c’entra. Il De S. ha fatto una storia di singoli autori».

  • 18 Bertana 1897: 498.

17In un’annotazione a pagina sei, De Lollis si riferiva nuovamente alla «inesattezza» di De Sanctis espositore di fatti. Scriveva Croce, rispondendo a una delle critiche mosse da Bertana a De Sanctis («di fatti il De Sanctis fu sempre scarso espositore»):18

  • 19 Croce 1898: 6.

Se il De Sanctis, facendo lo storico, non esponeva fatti, che cosa esponeva? Fantasie? Sogni? Pretese rivelazioni e ispirazioni divine? O si vuol dire ch’esponeva idee? E le idee, quando se ne fa la storia, non sono anche esse dei fatti, ossia dei fatti ideali? O si vuol riconoscere carattere di fatto solo ai piccoli fatti e ai fatti esteriori, e ai dati che si attingono immediatamente da documenti d’archivio, da bolle e da diplomi, da carte notarili e sentenze giudiziarie?19

  • 20 Ibi: 19
  • 21 Ibi: 21. Nel 1912 Croce sarebbe tornato a difendere il critico irpino dalle accuse di inesattezza (...)

18Da parte sua, De Lollis annotava: «Il torto del De Sanctis è di citare erroneamente i pochi fatti che cita». Era questo quasi un luogo comune delle critiche degli esponenti della scuola storica a De Sanctis. Lo stesso Bertana, nella sua recensione, aveva elencato gli «errori di fatto» che rinveniva nelle Legioni desanctisiane. Nella memoria pontaniana, Croce aveva provveduto a discutere, uno per uno, tali presunti errori, i quali riteneva essere «più che altro imprecisioni di linguaggio, dovute all’improvvisazione orale»;20 imprecisioni che non intaccavano, scriveva ancora, «la costruzione storica del De Sanctis e le caratteristiche ch’egli dà degli scrittori».21

19Alle pagine sei e sette della memoria pontaniana, Croce, difendendo il metodo di De Sanctis dalla critica, mossagli sia da Bertana che da De Lollis (ma, annotava quest’ultimo, «la coincidenza è fortuita!»), di essere poco applicabile ad autori minori, scriveva che «la critica estetica o il giudizio estetico [...] non può applicarsi alle opere altissime ed alle infime». Da parte sua, De Lollis, dando per scontata la differenza (in realtà, problematica e da spiegare) tra il grande capolavoro e l’opera minore, scriveva a margine: «La grande opera letteraria ha un’evidenza nella storia del pensiero che preoccupa il critico non curante di piccoli fatti».

20In altre annotazioni, De Lollis ribadiva la legittimità e la necessità della critica erudita. Per esempio, affrontando il problema della «cosiddetta critica o ricerca delle fonti e delle influenze» (definita «uno dei più sottili e complicati problemi della storiografia», ridotto dai «puri letterati», a un «giochetto infantile») Croce scriveva che:

  • 22 Croce 1898: 9.

Il difficile non è già nel constatare tali contatti, rapporti, influenze e derivazioni; sibbene nell’intendere le condizioni nelle quali questi fatti avvengono, e per le quali riescono più e meno efficaci. Il medioevo conobbe in gran copia gli scrittori latini: perché questi non produssero alcuni secoli prima il rinascimento dello spirito? La tradizione del diritto romano non si spense mai del tutto attraverso i secoli oscuri; or perché cosi tardi i popoli se ne servirono come arma ad abbattere la costituzione feudale? E, con queste posizioni dei problemi, si ritorna alla vita, e alle sue cause e ai suoi bisogni.22

21De Lollis commentava a margine:

Ma come a porre tali problemi si può arrivare senza l’esame del singolo? Chi può intendere le condizioni nelle quali i fatti avvennero senza conoscere i fatti?

22Poco dopo, Croce accennava all’importante problema dei rapporti tra la letteratura di un dato periodo storico e la «vita e la società» di quello stesso periodo:

  • 23 Ibi: 11.

Quando lo storico si avvicina alla folla delle opere letterarie di una data epoca, per trattarne da un punto di vista generale o sintetico, egli non è già libero di scegliere un qualunque aggruppamento o ripartizione delle opere letterarie; ma il suo primo compito sta nel rispondere alla domanda: — Essendo la letteratura espressione e funzione della vita e della società, che cosa queste opere rappresentano rispetto alla vita e alla società?23

23De Lollis, a margine, si appuntava: «ma dunque bisogna prima conoscere questa vita e questa società. E come si farà senza gli eruditi?».

2. Interesse per la letteratura italiana contemporanea

  • 24 In questi anni De Lollis propose alcuni articoli o note di argomento tedesco per la rivista dell’a (...)

24Già a partire dal primo numero del 1903 De Lollis fu un attento lettore della «Critica», come attestano alcune lettere inviate a Croce nei primissimi anni del Novecento. Da Genova, il 22 novembre 1902, egli rispondeva alla circolare mandata da Croce a vari studiosi, dichiarando di essere molto interessato alla nuova rivista e, nel caso lo si fosse voluto tra i collaboratori,24 proponeva di occuparsi di letterature straniere, ben consapevole che la filologia romanza non sarebbe stata di grande interesse per Croce.

  • 25 FBBC, Cesare De Lollis a Benedetto Croce, 239, Genova, 22 novembre 1902.

Il proposito che voi manifestate nella vostra bella circolare risponde a un bisogno vivamente sentito da chi, come il sottoscritto, ha sempre avuto poca fede negli specialisti e nelle specializzazioni. E voi siete uomo da riuscire egregiamente nell’impresa. Sono, dunque, con voi. Ma mi volete come semplice abbonato o come collaboratore? Nel secondo caso, ben volentieri vi ajuterei a tenere i vostri lettori al corrente delle letterature straniere, alle quali io ho sempre Pocchio, pur rimanendo, per ragioni di mestiere, uno spulciatore di vecchie carte e uno squarciatore di sillabe toniche ed atone.25

  • 26 Nella stessa lettera De Lollis scriveva a proposito della «varietà» su Fa «letteratura comparata»,(...)
  • 27 Cf. Croce 1903a. Come si legge in Borsari 1964, tale articolo «non fu mai ristampato nella forma o (...)

25Come si nota dall’uso del «voi», era questa una delle prime lettere di De Lollis a Croce. Di lì a poco, il 20 gennaio 190326 il filologo abruzzese, passando al «tu», commentava il primo fascicolo della «Critica», soffermandosi, in particolare, sulla prima delle Note sulla letteratura italiana nella seconda metà del secolo XIX, riguardante «il più cospicuo rappresentante della moderna letteratura italiana», Giosuè Carducci:27

  • 28 Cf. FBBC, Cesare De Lollis a Benedetto Croce, 263, Genova, 20 gennaio 1903.

Per quanto tu dici del Carducci hai [...] il mio pieno consenso. Certe cose le avevo già formulate tra me e me come tu le esprimi; altre le avevo trasentite o intraviste, e mi fa gran piacere di sentirle ora squillanti nella tua parola “rettilinea”, tale cioè che senza ambagi cerca la sostanza delle cose [...]. Giuste, nuove e dette con franchezza equidistante dalla timidità e dall’irriverenza mi pajon le tue osservazioni che Carducci non è né poeta d’amore né poeta satirico, quantunque tanto spesso abbia voluto atteggiarvisi: egli è un poeta della storia che i fatti appurati come erudito è in grado, come poeta, di rivivere e far rivivere agli altri. Sono molto curioso di sentire che cosa sarai per dire del D’Annunzio. A quando il tuo giudizio su lui?28

  • 29 «Il retaggio del “latin sangue gentile”», scriveva De Lollis, «non solo non fu per lui una convinz (...)
  • 30 Cf. De Lollis 1912e, quindi da ultimo in De Lollis 1968: 539-70.
  • 31 Cf. De Lollis 1914a, 1914b, da ultmo in De Lollis 1968: 489-497, da cui si cita.
  • 32 De Lollis 1968: 493.

26L’idea crociana di Carducci quale «poeta della storia», oltre che essere ripresa da De Lollis nel necrologio da lui dedicato al poeta di Valdica- stello,29 sarebbe stato uno dei punti saldi dell’importante saggio di De Lollis dedicato alla «lingua poetica» di Carducci,30 pubblicato, in due puntate, nel 1912 sulla «Cultura». La stessa definizione De Lollis avrebbe usato per un altro poeta, Aleardo Aleardi,31 tracciando cosi una, più o meno discutibile, linea di parentela tra Aleardi e il poeta maremmano (per cui il primo «fa già presentire, come una fatale necessità, il Carducci poeta della storia»).32

  • 33 All’indomani della morte di De Lollis, Croce aveva provveduto a pubblicare, presso Laterza, due vo (...)

27Gli interventi di Croce su Carducci fùrono dei precedenti importanti, se non fondamentali, per l’articolo delollisiano sulla lingua poetica carducciana, che Croce avrebbe raccolto nei Saggi sulla forma poetica italiana dell’Ottocento?33 È anzi probabile che sia stata proprio l’attenta lettura delle prime Note crociane sulla letteratura italiana della seconda metà dell’Ottocento (apparse sulla «Critica» e confluite, poi, nei volumi della Letteratura della nuova Italia) ad avvicinare De Lollis alla poesia del secondo Ottocento italiano.

28Non è un caso quindi che in altre lettere a Croce di questi anni De Lollis si soffermasse proprio sulle «note» di letteratura italiana contemporanea. Il 22 marzo 1903, ricevuto il secondo fascicolo della rivista, egli commentava la seconda delle Note, riguardante Fogazzaro (Croce 1903b), complimentandosi con l’amico per aver ripreso la «via maestra» della critica:

  • 34 Cf. FBBC, Cesare De Lollis a Benedetto Croce, 264, Genova, 22 febbraio 1903.

Il tuo scritto sul Fogazzaro ha, fra tanti altri, il pregio della sincerità, al quale i critici tanto volentieri rinunciano quando parlano di autori contemporanei altolocati nell’opinione pubblica. La critica di questi ultimi decennj, preoccupata sempre dei minuti particolari e dei piccoli fatti [...] ci avea divezzati dai colpi d’occhio sull’insieme, i quali, per giunta, eran diventati il privilegio dei criticuzzi da giornali domenicali. Tu, forte di naturale ingegno e di solido sapere, hai ripresa la via maestra; e vedrai che presto avrai gran dignità. Tra le cause della popolarità del romanziere veneto avrei anche voluto veder allegata questa: la reazione (a volte alimentata da spiriti di regionalismo!) contro il D’Annunzio. Io che vivo da tanti anni in Alta Italia ti posso accertare che c’è dei settentrionali i quali non si possono rassegnare a un’egemonia meridionale in fatto di letteratura e vogliono assolutamente avere un campionario tutto loro. Tanto meglio se il pretesto per una contrapposizione più o men legittima c’è: il pretesto della morale. Ma della morale dei romanzi del Fogazzaro tu hai fatto bellamente giustizia; e a tal proposito mi sarebbe piaciuto che tu avessi ricordato il Quo Vadis dove il sentimento cristiano serve specialmente ad officiare il profumo della carne femminile ammassata sui triclinii neroniani.34

  • 35 Nel 1908 De Lollis avrebbe firmato, sulla «Cultura», un breve necrologio dello scrittore, sottolin (...)

29Ancora, il 31 maggio De Lollis commentava il terzo fascicolo della «Critica», in particolare l’articolo su Edmondo De Amicis (Croce 1903c). Sulla sua «nota fondamentale» concordava pienamente, anche se l’amico avrebbe potuto approfondire maggiormente la questione, non certo secondaria, del ruolo che la prosa di De Amicis35 ebbe nella diffusione del modello manzoniano:

  • 36 Cf. FBBC, Cesare De Lollis a Benedetto Croce, 266, Genova, 31 maggio 1903

La nota fondamentale del tuo articolo mi par giustissima: il De Amicis è sempre rimasto agli ordini della bonaria musa della pedagogia; e, aggiungo io, ispirato dalle tue osservazioni e conclusioni, egli ricorda quei buoni borghesi del secolo XIII, i quali, per contrabbilanciare l’opera poco edificante della più parte dei giullari, s’assumevan l’impresa di diffondere per le piazze e per le strade la morale semplicetta dei Disticha Catonis, dei Proverbi di Salomone e che so io. Solo, avrei desiderato che tu avessi messo nel debito rilievo i meriti ch’io credo indiscutibili del De Amicis riguardo alla [...] cogitazione [?] d’un tipo unico, a tutti accessibile, di prosa italiana. Credo che le influenze dall’opera manzoniana sotto tal rispetto non sarebbero state né molto larghe né molto profonde, se il De Amicis non fosse stato il mediatore tra il Manzoni e quella grandissima parte di pubblico che per una ragione o per l’altra non si sentiva del tutto a suo agio nella lettura dei Promessi Sposi?36

30Di li a qualche anno, il 23 maggio 1905, in un’altra lettera, De Lollis commentava la «nota» crociana su Pietro Cossa e Felice Cavallotti (Croce 1905):

  • 37 Cf. FBBC, Cesare De Lollis a Benedetto Croce, 282, Roma, 23 maggio 1905.

Pel Cossa e pel Cavallotti tu hai cercata e, al solito, trovata la nota caratteristica. A parer mio, avresti potuto anche toccar d’una nota, diciamo secondaria, comune a tutti due: la sciatteria della forma. L’uno e l’altro s’illusero, io credo, di poter sdegnare i lenocinij della tecnica, avendo tra le mani una materia piena d’interesse. Ma sta il fatto che nel Nerone del Cossa gli endecasillabi pajon ritagliati alla bene e meglio da una prosa ritmica; e l’enjambement che il Goethe ammirava nei drammi del Manzoni v’è sfruttato con deplorevole esagerazione. E nei canti del Cavallotti è sempre assente quel tanto di elaborato, direi anche faticoso, che è proprio della nostra lirica, fatalmente sempre classicheggiante.37

31È assai probabile che una più approfondita esplorazione delle lettere di De Lollis a Croce apporterà ulteriori spunti di riflessione. Bastino, per ora, gli esempi citati, che attestano il precoce appassionamento del filologo romanzo per la poesia italiana del secondo Ottocento, stimolato senza dubbio dalla lettura delle note crociane. In particolare, l’ultima lettera citata sembra particolarmente rivelatrice dell’attitudine con cui De Lollis, già nel 1905, leggeva la poesia italiana, «fatalmente sempre classicheggiante». Proprio tale idea è alla base degli articoli (apparsi di lì a qualche anno sulla «Cultura») sugli scrittori italiani dell’Ottocento, raccolti poi da Croce nei Saggi sulla forma poetica italiana.

3. De Lollis lettore di Ciò che è vivo e ciò che è morto della filosofia di Hegel

  • 38 Cf. Croce 1907a.
  • 39 Cf. De Lollis 1907b.

Un’ulteriore occasione di confronto di De Lollis con il pensiero di Croce si ebbe a proposito di Ciò che è vivo e ciò che è morto della filosofia di Hegel 38 un’occasione abbastanza sorprendente, dato che la filosofia hegeliana non era mai rientrata negli interessi del filologo romanzo abruzzese (in linea con le scarse competenze filosofiche degli esponenti del metodo storico). De Lollis non solo lesse con attenzione il volume crociano, ma decise anche di pubblicare, sulla «Cultura» del 1907, un breve articolo al riguardo (intitolato La resurrezione di Hegel)?39

  • 40 «Quando il Croce, nel 1907, pubblicò il suo volume su Ciò che è vivo e ciò che è morto nella filos (...)

32La copia del libro regalata da Croce a De Lollis è conservata presso la Biblioteca Alessandrina di Roma. Essa reca, oltra alla dedica di Croce («al mio carissimo Cesare De Lollis affettuosamente B. Croce») varie annotazioni in matita, non sempre decifrabili con facilità e, talvolta, cancellate. Già nel 1928 Guido Calogero (nello scritto Estetica delollisiana,, compreso nel volume commemorativo della «Cultura» dedicato a De Lollis), aveva suggerito un esame delle postille delollisiane al volume di Croce.40Dopo un’attenta rilettura delle postille sulla copia personale di De Lollis del volume crociano, si è avuta la conferma di quanto già era stato segnalato: l’articolo apparso sulla «Cultura», almeno per quel che concerne propriamente l’esposizione delle teorie hegeliane, è costituito dalle note scritte da De Lollis nei margini della sua copia personale.

  • 41 Cf. Gentile 1920:152-61. L’articolo, scritto nel 1907, fu pubblicato solo nel 1920, nella prima ra (...)
  • 42 II filosofo siciliano vi aveva contestato quanto scritto da Croce sulla «teoria dell’errore» in He (...)

33Prima di esporre dettagliatamente le modalità con cui egli traspose e adattò le sparse annotazioni per dar vita all’articolo del 1907, è doveroso fare una precisazione. Il saggio hegeliano di Croce riveste una notevole importanza non solo all’interno del pensiero crociano, ma per lo stesso dibattito filosofico italiano della prima metà del Novecento. L’interpretazione crociana di Hegel implicava da una parte un recupero del sistema, per quella mai venuta meno esigenza di totalità e di «simmetria» tipica del pensiero di Croce e spesso in conflitto con la concreta prassi critica del filosofo; dall’altra, una netta distinzione da quello stesso sistema, in particolare dall’identificazione hegeliana di «nesso dei distinti» e opposizione dialettica. De Lollis, scrivendo del saggio hegeliano dell’amico, si addentrava in un mondo di intricati problemi, che non era il suo. Basterebbe confrontare l’articolo delollisiano con quello, dello stesso anno (ma pubblicato solo nel 1920), di Gentile su La teoria dell’arte come momento dialettico e il rapporto tra arte e filosofia,41 di ben altro valore speculativo.42 Lo scritto di De Lollis su Hegel non importa tanto in se stesso, quanto per il suo testimoniare la disponibilità intellettuale dell’abruzzese, che, quasi cinquantenne, affrontava argomenti e letture lontanissime dalla propria formazione.

34La genesi stessa dello scritto dice molto sulla sua natura. L’inizio si ritrova nelle postille scritte da De Lollis nei margini superiori delle pagine comprese tra la 19 e la 24 della copia del volume crociano, appartenenti al primo capitolo «La dialettica o la sintesi degli opposti». A p. 19, in cui Croce si soffermava sul «principio di risoluzione del problema degli opposti» di Hegel, nello spazio bianco a destra e via via debordante fino al margine inferiore della pagina, si legge un’annotazione di De Lollis, che avrebbe costituito il primo periodo dell’articolo:

  • 43 De Lollis 1907b: 55.

Nella concretezza e universalità del concetto filosofico la realtà si presenta come unità o sintesi di opposti. Sintesi in senso speciale, anzi unico; in quanto nel proprio seno non concilia già l’opposizione delle due verità unilaterali, ma
pur offrendosi come loro integrazione, la serba viva, come fonte perenne d’una realtà ch’è svolgimento e vita.43

35La nota continua nei margini superiori delle pagine successive. A p. 20, in alto, si legge il futuro secondo periodo dell’articolo:

  • 44 Ibid.

Una triade dunque dialettica, secondo la terminologia del Hegel, ch’è però anche unità, fondendosi i tre concetti in un solo, ch’è l’universale concreto nella sua intima costituzione.44

36De Lollis continuava, nelle due pagine dopo, la 22 e 23. Si legge, nel margine alto:

  • 45 Per essere stata scritto sul bordo della pagina, questa porzione di testo (corrispondente, presumi (...)

Prima triade della logica hegeliana costituita secondo questo profondo principio, quella che comprende in sé tutte le altre: essere, nulla, divenire. Privi d’ogni propria significazione [confondibili anzi]45 l’un coll’altro i due primi termini (opposti), presi ciascuno per sé; riviventi nel terzo che, integrandosi con essi, è verità e, nella scala delle triadi, primo concetto concreto.

37Infine, in alto a p. 24, si legge: «I due opposti, l’essere e il nulla, se [veramente] pensati, non possono esser pensati se non in un conflitto che è esso stesso il divenire».

  • 46 «Chi fondava un tal sistema, nel quale il finito e l’infinito son fusi in uno, e il bene e il male (...)

38Un altro blocco di annotazioni si trova nel terzo capitolo riguardante «La dialettica e la concezione della realtà». A p. 66 (in cui Croce accennava al «doloroso e infecondo dissidio proprio delle menti degli ideologi e dei sognatori»), in alcune annotazioni non chiarissime scritte nel margine superiore e in quello sinistro, si intravede il seguito dell’articolo.46 Quindi, De Lollis continuava ad annotare nei margini superiore, destro e inferiore delle due pagine seguenti:

[E a dare un pregio, un valore assoluto alla realtà o essenza delle cose o idea] sprigionante si dal conflitto dei due opposti, assoluto nel senso che ogni realtà è adeguata per tal via all’ideale e riveste la storia del mondo in tutta la sua continuità d’un carattere sacro. Un carattere sacro che le spetta a dispetto degli ideologi e sognatori comunque particolarmente denominati e denominabili, i quali fan colpa al mondo di non attuare a puntino il loro ideale, e se ne dolgono e se ne disperano, non intendendo che il mondo non scende a duello cogl’individui ma lotta con sé stesso nella lotta che perennemente forma la sua vita, i quali anche quando abbiano [avuto sott’occhi] uomini come Cavour e Bismarck nei quali il razionale e fide ale furon sempre compiuti e fusi, non si accorgono che l’uomo il quale veramente fa consapevole o no dell’opera propria è strumento del supremo principio di ragione.

  • 47 «Per virtù di tale dottrina, ch’è una grande scoperta nella storia del pensiero umano, la realtà è (...)

39Nell’articolo, le annotazioni alle pagine 66-68 si leggono, con qualche minima variazione, in un unico periodo a pagina 56.47 Nella pagina bianca finale (76) del III capitolo («La dialettica e la concezione della realtà»), De Lollis si appuntava:

È un merito di Hegel la rivolta alla classificazione delle facoltà dell’anima e la sostituzione ad essa d’una teoria d’implicazione, secondo la quale esse si distinguono, grazie a un movimento interno, per gradi che non importano frazionamenti, ma lasciano invece sussistere l’unità fondamentale. Sostituzione dunque della concezione dei gradi dello spirito o, in genere, della realtà, alla classificazione delle realtà; proclamazione in somma dell’autonomia delle varie forme dello spirito pur nella loro necessaria connessione ed unità. Se non che, egli, entusiasmato, confuse la teoria degli opposti con quella dei distinti, facendo anche di questi ultimi dei concetti impensabili fuori della loro sintesi, precisamente come l’essere e il non essere che s’integrano nel divenire.

  • 48 «Non tutto vivo, certo, o ravvivatale nella filosofia di Hegel. E quanto v’era di caduco e cadde i (...)

40Il passo corrisponde, grosso modo, all’inizio del secondo paragrafo dell’articolo,48 in cui De Lollis accennava, appunto, alla dialettica degli opposti di Hegel.

41Alla fine del capitolo successivo, il quarto («Il nesso dei distinti e la falsa applicazione della forma dialettica») e debordando all’inizio del successivo (96-97), De Lollis scriveva nuove annotazioni, che avrebbe poi, nel futuro articolo, posto immediatamente dopo il passo sopracitato. Scriveva, dunque:

Errore sostanziale ch’ebbe la doppia fatale conseguenza: per la struttura della logica di elevare, sull’analogia dei distinti, i termini della triade degli opposti tesi e antitesi che presi ognuno per sé sono errori filosofici alla dignità di concetti parziali o particolari, cioè di concetti distinti.

42Quindi, aggiungeva a fine pagina (e all’inizio della successiva):

  • 49 Ibi: 56.

E inversamente, per la Estetica, la filosofia della storia, la filosofia della natura, la conseguenza di abbassare a semplici conati verso la verità, a verità incomplete ed imperfette, cioè ad errori filosofici quelli che sono realmente concetti distinti.49

43Il comma successivo dell’articolo («Addio... svolta!») si intravede in una nota posta nella pagina iniziale (115) del capitolo VI («La metamorfosi dei concetti particolari in errori filosofici»), ma è stata cancellata e non rimane che l’impronta della matita di De Lollis sulla pagina, il che rende impossibile e vano ogni tentativo di decifrazione. Nell’annotazione scritta nella pagina finale del VII capitolo, si legge chiaramente il seguito dell’articolo:

  • 50 Ibi: 57.

Congruamente, Hegel negò l’autonomia della storia, di quella cioè che come l’arte ha il suo soggetto proprio nell’elemento intuitivo. Egli non intese e non poteva intendere che poteva esserci una filosofia della storia nel solo senso che s’estraessero gli elementi teorici dalla contemplazione del particolare. Invece, egli immaginò la storia del mondo come una storia bell’e fatta, regolata dall’immanenza d’un principio supremamente razionale e nella quale perciò i fatti — quelli che costituiscono la storia degli storici — i fatti e le date fossero semplicemente da calare e incastrare ai rispettivi luoghi. Insomma una storia ideale che precede quella effettiva. Salvo poi anche a fare una cernita tra fatti e fatti, fatti storici e fatti non storici, fatti essenziali e fatti inessenziali, come se tutti i fatti non formassero nella storia un’unica massa compatta e i massimi e i minimi non rivestissero tutti un unico carattere di contingenza!50

44Alla fine di pagina 167 (ovvero nella terza parte su «La natura» dell’ottavo capitolo, «La metamorfosi dei concetti particolari in errori filosofici»), De Lollis annotava: «Congruamente ancora, nel modo stesso, negò l’autonomia delle scienze esatte, e le trattò come concetti filosofici ed errori parziali da inverarsi in una filosofia della natura». Alle pagine 185-186 del volume, all’inizio del capitolo decimo su «Il dualismo non superato», De Lollis si appuntava quello che sarebbe stato il finale del paragrafo dell’articolo:

  • 51 Cf. De Lollis 1907b: 57.

Il panlogismo lo indusse in un erroneo dualismo più o men larvato, quando nella sua filosofia della natura cercò di determinare il passaggio dall’idea alla natura. Secondo il suo stesso concetto, che nella rappresentazione della natura faceva ampie concessioni a sistemi filosofici incalzatisi dal XVII in poi, si trattava di due realtà concrete e distinte, non due astrazioni: invano quindi, per superarlo, ricorse, mettendo in opera il terzo termine del logo, alla forma triadica già applicata a superare [il dualismo degli opposti. Di li] la divisione della scuola hegeliana in teistica e naturalistica, che sviluppa un’opposizione esistente in germe già nello stesso Hegel.51

45In sostanza, quindi, i primi due paragrafi dell’articolo apparso sulla «Cultura» nel 1907 sono la trasposizione, peraltro con poche varianti e aggiunte, delle annotazioni di De Lollis sulla copia del libro donatagli dall’amico. Annotando, De Lollis non intendeva, per lo più, dialogare alla pari col testo di Croce: intendeva, piuttosto, imparare. Lo stesso articolo, infatti, aveva ben poco di originale, dal momento che il filologo abruzzese seguiva, sostanzialmente, l’interpretazione crociana di Hegel, senza apportare alla discussione contributi originali. La risurrezione di Hegel, però, testimonia la riflessione di De Lollis sul filosofo tedesco e, soprattutto, su Croce. Le numerose annotazioni sul volume erano il segno di una lettura non superficiale: pur consapevole di non dire nulla di nuovo, era però importante, per De Lollis, riflettere, a modo suo, su quegli argomenti, i quali avvertiva attuali e importanti per se stesso. La genesi dell’articolo — di fatto un collage di annotazioni e appunti presi nel corso di una intensa lettura — spiega il carattere poco sistematico dell’intervento di De Lollis, ma è indice anche di una strenua volontà di apprendere e riflettere, di fare i conti con un pensiero dal quale l’abruzzese non voleva sentirsi del tutto escluso.

  • 52 «Al libro del Croce, che vuol esser come la chiave dell’Enciclopedia delle scienze filosofiche di (...)

46Nelle annotazioni non compariva quanto, in rivista, De Lollis avrebbe scritto a proposito di Croce stesso: leggendo il libro, l’attenzione del filologo romanzo era tutta rivolta ai contenuti del testo, che se non gli erano del tutto nuovi, erano però ben lontani dai suoi abituali campi di studi. La parte finale del saggio merita però una certa attenzione. Dopo aver elogiato il volume di Croce (che, nella filosofia italiana contemporanea occupava ormai «un posto eminente»),52 De Lollis esprimeva il valore del pensiero crociano anche al di fuori del campo filosofico:

  • 53 Ibi: 57-8.

Il Croce ha di proprio un sistema estetico che ha assai notevolmente contribuito a ravvivare le energie intellettuali dei nostri giovani, intorpidite dalla tradizione già più volte decennale d’una micrologia letteraria a cui era condizione di vita la mancanza assoluta d’aria e di luce. In essa egli ha spinto fino alle estreme conseguenze la teoria dell’identità dell’intuizione e dell’espressione: e da molti, non moltissimi in verità, io sento gridare all’esagerazione d’un principio vero.
Ma le verità speculative, come le matematiche, possono dar luogo ad errori d’applicazione; non sono però suscettibili d’esagerazione. O sono fondamentalmente errate, non sono cioè verità; o al punto estremo ch’esse raggiungono sul filo della logica, sono altrettanto vere quando al loro punto d’inizio.53

47Come per altri studiosi, anche per De Lollis l’estetica crociana aveva rappresentato la risposta all’inquieta insoddisfazione per il metodo storico e la sua «micrologia letteraria». Di qui, l’interesse del filologo per il libro crociano su Hegel e in generale il suo avvicinamento all’idealismo, particolarmente evidente negli articoli apparsi nella prima serie della «Cultura» diretta da De Lollis insieme a Ceci e Festa; articoli che costituiscono lo sfondo nel quale va letto l’articolo hegeliano del filologo.

4. Alcuni articoli sulla «Cultura» tra 1907 e 1913

48L’inatteso interessamento per la filosofia hegeliana (pur sempre sotto la scorta della lettura crociana) si colloca, non certo casualmente, negli anni di massima contestazione delollisiana della critica erudita. Si legga, per esempio, l’articolo Esteticume e critica storica del 1907, nel quale, prendendo spunto dal saggio di De Sanctis su Petrarca, ripubblicato dallo stesso Croce in quell’anno (De Sanctis 1907), De Lollis affrontava la questione dei rapporti tra la critica estetica e la critica erudita, considerando legittima quest’ultima solo in funzione della prima.

  • 54 De Lollis 1907g: 311.

Il grande errore dell’ultimo trentennio — scriveva — è [...] che si è confuso il mezzo col fine, s’è creduto che i fatti certi in letteratura — la quale è cosa dello spirito — fossero solo quelli tangibili e ponderabili; che ognuno di questi fatti, pazientemente ricercati e trovati, parlasse poi da sé; che, magari, ognun d’essi fosse proprio il solo anello che mancava o pareva mancare a quella data catena che il critico avea tra le mani; e s’è finito per illudersi che l’indagine storica, la ricerca delle fonti, la paleografia, la bibliografia, la collazione, e magari la edizione diplomatica (di tutto codesto ho fatto un poco anch’io che scrivo) ognuna per sé fossero la critica letteraria.54

49Era un rimprovero che De Lollis muoveva soprattutto a se stesso: nell’elenco di indagini erudite che egli faceva, quali esempi di cosa non fosse la vera critica letteraria, egli riassumeva, sostanzialmente, la propria formazione, avvenuta pienamente all’interno della critica erudita. Si era ben lontani, insomma, dalle critiche che De Lollis aveva rivolto, qualche anno prima, a De Sanctis, difendendo (come abbiamo visto) il primato della critica storica. Qualcosa era evidentemente cambiato.

  • 55 «Chi abbia ben presente» scriveva De Lollis «l’insieme del suo saggio [...] troverà che pel De San (...)
  • 56 «O che il De Sanctis non dice forse cose inesatte ed anche in tutto e per tutto errate quando, per (...)

50Proprio per la sua appartenenza a quel metodo storico ora contestato, l’opposizione fu, almeno all’inizio, cosi dura e incondizionata. Nello stesso articolo su Esteticume e critica storica,, per esempio, De Lollis scriveva che De Sanctis, per capire la poesia di Petrarca, avrebbe potuto fare a meno di leggere i documenti riguardanti le persone storiche di Laura e Petrarca.55 Tanto più perché, continuava De Lollis, la conoscenza della letteratura precedente al Canzoniere non era necessaria, al critico, per intendere la poesia petrarchesca.56 Il discorso era esteso, molto discutibilmente, alla stessa filologia romanza, in particolare agli studi di letteratura provenzale:

  • 57 De Lollis 1907g: 311.

Della novità, anzi modernità della poesia provenzale — e qui sta la sua vera importanza, anche storica — o che cosa si è saputo dire dopo il Diez, quantunque tante edizioni si sian venute poi facendo, critiche e non critiche (ne ho fatte anch’io) di poesia trovadorica? In quelle pagine che rappresentano la sintesi nulla è da ritoccare; molto invece e agevolmente si può correggere nella parte ch’è a base di ricerche teoriche. Il che vuol dire che giovò al Diez specialmente la penetrazione estetica ch’ebbe in alto grado egli che tradusse mirabilmente in versi dal provenzale, dopo aver tradotto dall’antico spagnolo e mentre traduceva anche dal...Byron!57

  • 58 Cfr. suprcr. 111-67.
  • 59 A proposito dell’atteggiamento di De Lollis nei confronti della letteratura dei trovatori (e in pa (...)

51Una certa esagerazione, che rendeva discutibili molti giudizi e faceva apparire poco approfondite alcune riflessioni, era la nota caratteristica dell’articolo, come di altri apparsi in quegli anni sulla «Cultura». Peraltro, come si è mostrato nell’apposito capitolo,58 fu proprio in virtù dell’insofferenza verso gli studi storico-filologici riguardanti la letteratura provenzale,59 che De Lollis approfondi i legami tra quella e le letterature moderne.

  • 60 Insieme a un altro saggio apparso sempre nel 1907 sulla «Critica» (Di un carattere della più recen (...)

52Si consideri poi un altro articolo di questi anni, dal titolo significativo: Critica estetica e critica storica (De Lollis 1908c). De Lollis arrivava al paradosso di rimproverare allo stesso Croce un’eccessiva indulgenza verso la critica erudita. Nel 1907, nell’articolo intitolato Intorno alla critica della letteratura contemporanea e alla poesia di G. Pascoli,60 Croce aveva scritto che il proprio metodo critico

  • 61 Croce 1907b: 257-8.

Per giudicar l’opera d’arte non conosce altra via che quella d’interrogare direttamente l’opera stessa e risentirne la viva impressione; e a questo scopo, e solo a questo scopo, crede ammissibili, anzi indispensabili, le ricerche delle circostanze di fatto, le ricerche erudite, che hanno un valore ermeneutico e debbono aiutare a trasportarci, come si dice, nelle condizioni di spirito dell’autore allorché generò la sua sintesi artistica.61

53Nel 1908 De Lollis scriveva, riferendosi al citato Esteticume e critica storica:

  • 62 De Lollis 1908c: 172.

Allo stesso modo com’io mi chiesi altra volta [...] se veramente per la piena intelligenza del canzoniere petrarchesco giovò al De Sanctis la conoscenza ch’egli potè avere della letteratura italiana anteriore al Petrarca; allo stesso modo dubito ora che il Croce ecceda in cortesie verso la critica erudita, proclamandola compagna necessaria e inseparabile della estetica per ragioni che non rivestono un carattere d’universalità. Un residuo di simpatia per quella che fu la prima e tutt’altro che infeconda forma della sua operosità; e il rispetto che l’uomo coscenzioso [sic] è portato a professare per quanti con coscenziosità [sic] pari alla fede s’ostinarono per anni ed anni in quell’indirizzo di studj. Ecco due ragioni, diciam cosi, sentimentali. Di carattere obiettivo la terza: che egli la propria teoria viene ora e sperimentando su opere d’arte, intorno alle quali, per essere contemporanee o di tempi recentissimi, le circostanze di fatto s’affollano spontaneamente; e alle quali, nella scala delle valutazioni estetiche, non si può assegnare se non i secondi, i terzi, e magari i quarti posti.62

  • 63 De Lollis era un attento lettore di Brunetière, che fu una guida importante per i suoi studi sulla (...)

54Per De Lollis, invece, la critica erudita era incapace, da sola, di far intendere la vera poesia. Il presupposto teorico di un tale discorso era «la concezione rigorosamente individualistica e intuitiva dell’opera d’arte», che De Lollis poneva alla base della critica crociana, ricollegandola, o meglio accostandola, a quella di Sainte-Beuve e di Bmnetière.63

  • 64 De Lollis 1908c: 171.

Quel che davanti alla critica teorica e pratica del Croce conta è: l’individuo e il momento dell’individuo. Tanto giustamente che contava, in fondo, anche per Sainte-Beuve il quale, pur dandosi l’aria d’essere il Cuvier della letteratura, si lasciava andare a dire: «à la différence d’un fleuve l’esprit humain n’est point compose d’une quantité de gouttes semblables»; contava anche, anzi perfino pel Brunetière, il quale, sistematicamente chiuso nella sua teoria dell’evoluzione dei generi, pur si rassegnava a rappresentarsi l’individualità in arte — quella sola, egli intendeva, che raggiunge le proporzioni del genio — come l’eccezione, la mostruosità destinata all’avanzamento dei generi letterarj!64

  • 65 «Posta la concezione rigorosamente individualistica e intuitiva dell’opera d’arte, sorgono spontan (...)
  • 66 Cf. Novati 1908: 143-76.

55Di fronte alla necessità di «rifare un individuo» la critica storica si rivelava insufficiente e l’affastellamento di dati e fatti non poteva neppure ricostruire («nel senso rigoroso della parola») l’ambiente storico nel quale l’individuo aveva operato.65 Una tale concezione degli studi letterari era evidentemente diversa rispetto a quanto, fino a quel momento, De Lollis aveva scritto e fatto. Non ci stupiremo, quindi, che subito dopo egli parlasse della propria edizione critica di Sordello, nella quale, come si è visto, il contrasto non armonizzato tra il personaggio storico — documentabile con la ricerca erudita — e quello dantesco era stato alla base della velenosa polemica con Torraca. Nel 1908 De Lollis in parte rivedeva la propria interpretazione del trovatore mantovano, citando un intervento di Novati su Sordello, ripubblicato in Freschi e minii66

  • 67 De Lollis 1908c: 173.

Sordello! Ma studiandolo al lume di molti documenti io mi son ritrovato tra le mani un Gil Blas del secolo decimo terzo! E l’amico Novati ha molto finalmente dimostrato che l’amor patrio di cui gli riempie il petto e gli colora la voce l’Alighieri va inteso — proprio in conformità di quanto potè intendere l’Alighieri — per amor regionale, anzi addirittura di campanile. Ma se questo amore, di cosi modeste origini e proporzioni, squilla cosi forte per bocca di Sordello che, varcati gli angusti confini regionali, riallacci, trasvolando per gli alti spazi del cielo, l’Alpi e il Lilibeo, non potrà la critica storica limitarne la portata. L’estensibilità — soggettiva e pur legittima — dell’opera d’arte che sia capolavoro è immensa e incontenibile. 67

56In realtà, il volume su Sordello del 1896 era un esempio abbastanza tipico di critica storica. Anzi, se la polemica con Torraca può essere intesa, in parte, come un caso particolare della più vasta contrapposizione tra critica estetica e critica erudita, De Lollis, in quell’occasione, aveva dato l’impressione di parteggiare decisamente per la seconda. Lui stesso, come si è visto, aveva «limitato la portata» del trovatore nella propria ricostruzione biografica.

  • 68 Cf. FBBC, Cesare De Lollis a Benedetto Croce, Genova, 28 gennaio 1904

57È evidente, insomma, che questo, come altri articoli apparsi nei primi volumi della «Cultura» di De Lollis, Ceci e Festa, esprimeva, in toni più irruenti che meditati, la crisi metodologica del filologo abruzzese. Egli provava a ripudiare nel modo più deciso possibile la critica dei maestri (che era, ormai, anche la sua), correndo il rischio di sembrare, per cosi dire, più crociano dello stesso Croce. «Tu credi cosi e cosi nell’utilità della critica storica», aveva scritto a Croce il 28 gennaio 1904, «io non ci ho mai creduto e la odio, perché ho dovuto darle il meglio di me, costretto dalle necessità della vita».68

58De Lollis aveva dedicato anni di fatiche a studi nei quali non riusciva più a credere, né forse aveva mai creduto fino in fondo: era quasi inevitabile che la sua contestazione avesse forti motivazioni personali e che più che la riflessione vi agisse lo spirito polemico. Si consideri, per esempio, la critica che egli muoveva a una delle consuetudini più tipiche della scuola storica di fine Ottocento (e non solo): le miscellanee in onore di uno studioso. In “Dotta polve” e relativi inconvenienti, un articolo del 1909, pervaso da una vis polemica energica quanto rancorosa, De Lollis scriveva:

  • 69 De Lollis 1909e: 162.

Prima di tutto, gl’iniziatori sono, quasi senza eccezione, scolari di jeri, se non d’oggi; vi si credono obbligati dal fatto che si tratta, ormai, duna consuetudine larghissima; e a me ripugna la possibilità che i giovani, senza accorgersene, proprio dal desiderio di far piacere ai maestri sian messi, negli anni delle impazienze e delle sdegnosità, sulla via dell’adulazione. Come anche e più ancora mi ripugna la possibilità che tal desiderio sia — anche qui inconsapevolmente e consigliera la subdola vanità — favorito o anche sollecitato dagli stessi maestri. Certo è che della poca o nessuna spontaneità iniziale un indice possono essere, sono gli artificj ai quali si ricorre per inventare le occasioni.
Non c’è bisogno, ora, di cogliere il momento che il maestro, invecchiato sulla cattedra, ne ritragga il piede con quel virile rincrescimento col quale un torero, fiaccato nel braccio non nell’animo dagli anni, prende la sua despedida (funzione commovente, epica addirittura) dalla trionfale piarla de toros. Non c’è più bisogno dei parecchi decennj dacché un maestro pubblicò un’opera insigne o col raggio della giovinezza sulla fronte ora rugosa si presentò la prima volta al pubblico universitario. Non c’è più bisogno della scoperta scientifica che abbia messo a rumore il mondo...Basta il ventennio d’insegnamento, il decennio [...]; basta perfino il trasferirsi, perché fa piacere e comodo, d’una in altra università, oppure — anche questo, s’intende, perché fa piacere e comodo — il prender moglie, l’aver dalla medesima un pargolo, il mandare a nozze i proprj figli.69

59Quindi, rincarava la dose, paragonando le miscellanee di articoli alle raccolte settecentesche di sonetti:

  • 70 De Lollis 1909e: 164.

Queste benedette miscellanee sono decisamente una prova di scioperataggine letteraria non meno insigne che le raccolte poetiche settecentesche, per nozze e per prime messe e per monacazioni [...]. Con dei sonetti — i quali, del resto, imbrattavan tanto meno carta —, s’inventavano, diciam cosi, i sentimenti. Per lavori invece di erudizione che l’improvvisa occasione consiglia o impone, di tratto in tratto, a tutta la gioventù studiosa d’Italia, si è costretti a cercare il documento importante, o a dare importanza a quello che, già noto, non ne ha mai avuta agli occhi di nessuno, ovvero sia a creare il problema storico o letterario, e magari in mancanza d’altro, a creare il dubbio dove non ha ragione di sorgere, purché, insomma, ci sia materia a discussione. E con tutto codesto, è chiaro, si fa alla verità una violenza assai più rilevante che non con un sonetto poco o punto ispirato.70

60In un altro articolo del 1909 (l’eloquente Elogio della pigrizia), De Lollis, difendendo la «critica estetica» dall’accusa, non nuova, di «pigrizia» mossagli da quella «storica», contestava il mito della “laboriosità” erudita. Il breve intervento è, nel complesso, un atto di accusa contro certo eruditismo fine a se stesso. I toni satirici prevalgono nettamente sulla riflessione. Nel bisogno di sfogare disagi covati da anni De Lollis non si fermava a distinguere o a meglio dirigere le frecce del proprio arco: le scagliava contro tutto e tutti, con efficacia forse minore di quanto avrebbe potuto.

  • 71 De Lollis 19091:578-9.

Codesta italica passione — se dicessi delirio non direi forse troppo — per la ricerca del fatterello, l’accertamento della data più o meno insignificante, le più o men vane esercitazioni ermeneutiche, delle quali è specialmente vittima, ahimè!, il gran padre Alighieri, le quasi sempre inutili cribrazioni di varianti, non si potrebbe spiegarla — sia pure che l’esempio tedesco più o men male inteso o esagerato abbia contribuito ad agevolarne la voga — come una manifestazione di quella vana operosità accademica che M. me de Staél, la M. me de Staél della prima maniera, cioè della Lettérature additava caratteristica della mentalità italiana? Per Dio, all’Arcadia si può arrivare anche a traverso l’erudizione! E certo è, generalmente parlando, assai meno dignità nel fare cose inutili che nel non far nulla. Quanto alla letteratura poi in ispecie, che è o dovrebbe almeno essere cosa dello spirito, fare per fare è non meno deplorevole che in una qualsiasi arte manuale adoperar di continuo senza scopo uno strumento di materia e di congegno delicatissimi. Se non che, quante volte e per quanto entra lo spirito nei cosiddetti lavori di erudizione che annualmente si allestiscono a migliaia e migliaia in Italia per ammazzare il tempo o per far carriera? Incredibile, ma vero. È diventato un titolo di nobiltà intellettuale la laboriosità ininterrotta, sia pure ch’essa si manifesti solamente con miserrimi ma incessantemente incalzantisi contributi a miscellanee adulatorie, con comunicazioni accademiche, o con recensioncelle che non fanno se non riassumere libri i quali non meritano d’essere riassunti [...]. Come se ciò che può esser soltanto prova di buone intenzioni potesse esser valutato quale eccellente produzione letteraria; e come se il bisogno irresistibile di far subito conoscere al mondo (un mondo, ah questo si! molto piccino) quella ch’è o pare una minuscola scoperta, ovvero una qualsiasi osservazioncella che questa o quella lettura ha suggerita non fosse un sicuro segno d’incontinenza intellettuale, e questa non fosse a sua volta segno di congenita incapacità a raccogliersi in un dignitoso sforzo di pensiero e in una veramente feconda meditazione. E come se, in fine, posto che la letteratura si faccia — e mi par proprio di si — col cervello, quelli che hanno un cervello non lo condannassero a una perenne inoperosità, dedicandosi a lavori nei quali esso non interviene affatto, e per tal via non incorressero nel peccato di pigrizia che si rimprovera a... questi altri!71

  • 72 De Lollis 1909e: 163.

61Il lungo passo dimostra la vis polemica e la tonalità satirica dei primi articoli delollisiani apparsi sulla «Cultura»; polemica e satira in cui le motivazioni personali avevano un ruolo difficile da sottovalutare, tanto più che, come si è già detto, il bersaglio di De Lollis era il mondo di studi in cui egli stesso si era formato. La critica era tanto più sorprendete perché veniva da uno studioso ormai maturo, già maestro di altri allievi: un uomo di «un’età senatoriale»,72 come scrisse in Dotta polve, il quale, per un disagio e una inquietudine culturali covate da tempo, metteva in discussione, dalle fondamenta, un tipo di critica e una concezione della cultura che non era solo di coloro che gli furono maestri, ma che ormai era anche la propria. La contestazione di De Lollis era quindi, diretta, più o meno consapevolmente, anche contro ciò che lui stesso era stato e ancora era.

62Si legga, per esempio, ancora in Elogio della pigrizia, il ritratto del tipico studioso erudito «che apprezza l’inedito per l’inedito», nel quale non si faticherà a ritrovare lo stesso giovane De Lollis, impegnato (si pensi alle ricerche colombiane o sui codici provenzali) a collazionare codici su codici:

  • 73 De Lollis 19091: 579.

Lo studioso che apprezza l’inedito per l’inedito — scriveva — e quello che muove con formidabile apparato di mezzi alla conquista d’una data, senza punto preoccuparsi della utilità od opportunità della conquista che si propone; l’altro che esplora i cataloghi d’una biblioteca o intraprende addirittura una spedizione per un lontano archivio col puro e semplice scopo di metter la mano su qualche cosa che metta conto di pubblicare; l’altro infine che legge la Divina Commedia per vedere su quale passo oscuro potrebbe iniziare una discussione ermeneutica; ecco delle figure — e si potrebbe moltiplicarne il numero — che nel mondo erudito contemporaneo sono comunissime e sono prese sul serio, e che nel mondo degli studiosi avvenire o non esisteranno più affatto o faranno sorridere.73

63Poco dopo, la critica dell’abruzzese si faceva meno generica, entrando nel merito della materia studiata e insegnata da lui stesso, la filologia romanza. Il Medioevo, scriveva De Lollis, era stato dominio quasi esclusivo degli studi eruditi, diventando «la più comoda, la più affollata, non che, per conseguenza, la più inutile palestra dei micrologi» (si noti il riutilizzo del termine già impiegato nell’articolo hegeliano); e aggiungeva:

  • 74 Ibi: 580-1.

Si trattava, in fondo, d’un’epoca in cui l’uomo era pur sempre l’uomo, immutabile, secondo il pensiero di quello scetticone del Montaigne, in qualsiasi età e sotto qualsiasi cielo. Ma per un bisogno di reazione alla troppo perfetta normalità e simmetria del mondo classico, il medio evo apparve gravido di bizzarrie interiori ed esteriori alle immaginazioni romantiche tedesche e a quelle dei Francesi che, in maggiore o minor misura, e in un momento o nell’altro [...] contribuirono alla demolizione dell’edificio neoclassico più che due volte secolare. Una nebulosa dunque da ridurre alla compattezza d’un mondo debitamente arrotondato e lustro; un’accozzaglia di elementi fluttuanti da ridurre ad unità organica. E poiché tanto, anzi tutto era da fare, parve che qualsiasi contributo di lavoro, per esiguo che fosse, dovesse essere altamente meritorio [...]; d’altra parte, nella letteratura medievale vera e propria, quella cioè che precede Dante, mancava l’opera d’arte: la quale sola può dar luogo alla vera critica. Ed anche per tal ragione la micrologia si sentiva tra le molte nebbie del medio evo come sui tappeti di casa propria. Più precisamente, mancava tra la farragine delle letterature medievali la condizione prima dell’opera d’arte; l’affermazione o, meglio, l’espressione individuale. E, per esempio, dopo i primi che, senza soverchia fatica d’indagini, avevano accertati i caratteri di quelle varie collettività che si chiamarono scuole poetiche, nulla di essenziale restò da fare.74

64Non era solo il ripudio di un metodo, ma anche di una materia: il Medioevo, infatti, sembrava a De Lollis inadatto alla «vera critica», dal momento che esso gli appariva privo non solo dell’«opera d’arte», ma anche della «condizione prima» di quest’ultima, ovvero «l’affermazione o, meglio, l’espressione individuale». Il discorso era molto discutibile, tanto più che De Lollis, nella foga della contestazione, sembrava non tener conto di quanto la lunga pratica dello studio della letteratura provenzale gli aveva insegnato. Come si è visto, proprio lo studio dei trovatori gli aveva consentito di elaborare uno dei concetti più importanti e produttivi della sua critica matura, ovvero la dialettica tra rinnovazione individuale e la tradizione poetica. La modernità della poesia dei trovatori, come De Lollis ebbe occasione di scrivere più volte, risiedeva nello sforzo con cui essi esprimevano se stessi in un contesto poetico formalmente e tematicamente codificato.

65Il passo citato di Elogio della pigrigia, pur nella sua ingiusta sottovalutazione della letteratura medievale, dava voce a un problema che De Lol- lis non poteva non avvertire: che posto bisognava dare alla letteratura medievale precedente a Dante per non escluderla del tutto dalla letteratura e dalla cultura moderne? La soluzione possibile era accennata in un articolo sempre del 1909, intitolato A grande letteratura critica piccina. Discutendo un volume di Joseph Anglade su Les troubadours, leurs vies, leurs oeuvres, leur influence (1908), De Lollis coglieva l’occasione per parlare nuovamente dello stato degli studi provenzali: un argomento che lo riguardava in prima persona. Per De Lollis, nonostante le molte ricerche erudite effettuate sulla poesia dei trovatori, non si era ancora giunti a «cogliere o sceverare i caratteri essenziali di quella poesia»:

  • 75 De Lollis 1909b: 34.

Io non posso nascondere che avrei desiderato [dal libro di Anglade] qualche cosa di diverso che, forse, sarebbe stato anche qualche cosa di più: che cioè l’Anglade avesse risolto o tentato di risolvere o almeno posto in termini precisi i problemi di carattere generale ai quali dan luogo i fatti particolari da lui con tanta diligenza esposti. Il medio evo provenzale è da decennj e decennj palestra nella quale si esercita la pazienza, qualche rara volta intelligente, degli eruditi. Con fatiche che ricordano quelle dei poveri schiavi che tiraron su le Piramidi, si son copiati, fotografati, genealogizzati i manoscritti; si son classificati i moduli metrici; s’è indagata a fondo l’origine e ? evoluzione dei varj generi; si sono schematizzati gli espedienti rettorici più in uso; si sono approntati dei rimarj; di molti trovatori si son studiate a parte vita e opere [...] e s’è raccolto Dio sa quanto materiale di riscontro tra la poesia provenzale e la nostra lirica dugentesca e petrarchesca. Eppure [...] ciò prova che con tanto ostinato lavoro non s’è ancora arrivati a cogliere o sceverare i caratteri essenziali di quella poesia.75

66La soluzione era, in sostanza, ricollegare la poesia provenzale alla moderna, mostrando come in quest’ultima fosse possibile rintracciare tematiche la cui origine era da ritrovare nella poesia dei trovatori. Dopo aver esemplificato alcuni esiti moderni della «casistica psicologica» d’amore («uno dei caratteri di modernità della poesia provenzale che tanto se ne compiace nelle canzoni e nelle tenzoni»), De Lollis prospettava la necessità di una ricognizione comparativa dell’influsso provenzale sulle varie letterature moderne:

  • 76 Ibi: 38.

Il signor Anglade mi dirà: io ho voluto fare una “storia” della letteratura provenzale. Gli altri ne tirino poi le conclusioni che vorranno. Ma i fatti bruti, per quanto bene accertati — e accertarli, s’intende, bisogna — non fan la storia, e molto meno la storia letteraria. Bisogna che i fatti abbiano già parlato a chi li ha raccolti perché possan pretendere di essere costituiti in un tutto organico. D’altra parte, è pur stretto compito di chi scrive la storia d’una data letteratura metterne in rilievo l’importanza. E l’importanza della letteratura provenzale, nella quale è insomma assai poco pascolo per l’estetica, non si può valutarla se non spingendo gli occhi sino agli ultimi termini di quelli che furono i suoi influssi sulle altre letterature.76

67Il passo è uno dei pochi davvero “costruttivi” che sia dato ritrovare in tali articoli di contestazione del metodo storico, nei quali la pars destruens, come si è visto, era di gran lunga prevalente. La prospettiva consapevolmente comparativa del finale dell’articolo non era solo teorica, dal momento che l’impostazione di molti dei più importanti saggi di De Lollis sulle letterature moderne si sarebbe basata sul reciproco gioco di influssi tra le principali letterature moderne europee. Inoltre, in tal modo, la letteratura provenzale (anche se in essa, scriveva De Lollis, «è [...] assai poco pascolo per l’estetica»), poteva essere legittimamente ricollegata alla poesia moderna, da lei derivando — sia pure in diversa declinazione — un vasto repertorio tematico e stilistico. Era questa la via per recuperare la materia alla quale De Lollis aveva dedicato la maggior parte delle proprie fatiche (accanto, è bene non dimenticarlo, alle ricerche colombiane). Inoltre, nel riconnettere la poesia provenzale alle letterature moderne, De Lollis poneva il problema dei rapporti tra filologia romanza e letterature comparate.

  • 77 De Lollis 1909b: 39.

68Egli contrapponeva poi al libro di Anglade la ponderosa monografia di Vossler sulla Commedia. Lo studioso tedesco aveva illustrato molto meglio di Anglade, a detta di De Lollis, gli stretti legami di Dante con i provenzali, mostrandone le motivazioni profonde. Vera storia letteraria era allora quella di Vossler, in quanto, pur affrontando solo «per incidente» la letteratura provenzale, mostrava «come e perché e in che misura potè operare sul genio di Dante»,77 indagandone le motivazioni storico-estetiche profonde:

  • 78 Ibi: 40.

Dante, venuto su in un paese, dove la tiepidità del sentimento religioso, la vivacità della tradizione classica, il naturale atteggiamento pratico dello spirito, e infine la tirannia del formalismo congiuravano contro l’espressione artistica e cosciente della propria individualità e l’invenzione d’una tecnica nuova e personale ad essa adeguata, proprio dai trovatori fu messo sulla via di cercare un contenuto nuovo e una forma nuova, e [...] la poesia loro fu il solo retaggio medievale ch’egli si degnasse accogliere tra le proprie mani.78

69Se Vossler aveva «dominato i fatti», questi avevano invece «sopraffatto» Anglade, affetto, in questo, dalla «passività intellettuale» che dominava i coevi esponenti del metodo storico (ma dalla quale era immune uno studioso come «il vecchio Diez»):

  • 79 Ibi: 41.

Ma gli è che il vecchio Diez e il giovane Vossler han dominato i fatti, i fatti invece grandi e piccoli hanno [...] sopraffatto l’Anglade. E una tal passività intellettuale, ch’è del resto malattia largamente diffusa, anzi endemica nell’età presente della critica, non può non avere come conseguenza la incomprensibilità del fenomeno o periodo letterario che si studia.79

70Come vedremo, fu proprio l’idea di «organicità» quale requisito essenziale della storia letteraria a influire maggiormente sulla critica di De Lollis. Ed è forse questo l’influsso più significativo che l’estetica idealistica (intesa qui in senso lato) esercitò sullo studioso abruzzese. L’imperativo dell’«organicità» — intesa come spiegazione dei nessi profondi tra autori e correnti letterarie — agiva in effetti in tutti i più importanti saggi di De Lollis.

Notes

1 Croce 1993: 59

2 Ibi: 26.

3 Fino a quel momento e anche in seguito all’ottenimento della libera docenza in Letteratura italiana a Torino (1902), egli fu insegnante in vari licei, quindi provveditore agli studi e ispettore ministeriale per le scuole medie (1910-1913), infine preside del liceo classico “Alfieri” di Torino.

4 Cfr. infra: 126-146.

5 De Lollis 1897a: 201-2.

6 Da una lettera di De Lollis scritta da Chieti nel luglio 1897, si intuisce che Francesco Novati, collaboratore del giornale milanese (fondato nel 1859 e diretto dapprima da Pacifico Valussi, quindi, dal 1866 al 1874, da Ruggiero Bonghi), aveva proposto a De Lollis, che probabilmente gli aveva chiesto consigli in proposito, di pubblicare la recensione sulla «Perseveranza»: «Carissimo, ti scrivo da un caffè di quest’alma città − Grazie infinite per la cortese offerta. Se non ti disturba troppo, prova: ma ti prevengo che io nell’articolo ho chiamato pane il pane e sanguisughe le sanguisughe, dicendo il fatto suo al De Sanctis, il cui libro non è semplicemente mostruoso sotto il rispetto della forma, ma anche sotto quello della sostanza. E dubito che un giornale rispettoso della memoria dei grandi come la Perseveranza possa provare un gran piacere a pubblicare un tale articolo» (CN, 628/38, Chieti, luglio 1897).

7 «Giudizi eccessivi e contraddizioni ricorron pure molto, troppo frequenti nei capitoli dedicati alla Scuola democratica, dove, per esempio, con risoluto disprezzo si discorre del Niccolini, il “filosofo” (perché?) della scuola [...]; né so se possa al Berchet convenire in qualche modo il titolo di “capo dei romantici”, che il De Sanctis gli assegna, una volta che egli mostra di rappresentarsi il romanticismo come un vano spaziare nei campi del fantastico e dell’inverosimile. E sarà, come il De Sanctis afferma, un gran titolo di merito pel Berchet l’aver prediletto il verso decasillabo: ma non certo perché questo, oltre ad essere ilpiù vecchio (!) dei nostri metri, sia infinitamente superiore all’endecasillabo, reo, agli occhi, o, meglio, agli orecchi del De Sanctis, d’essere suscettibile d’una grande varietà di modulazioni» (De Lollis 1897b: 274).

8 Continuava De Lollis: «Or sempre, dappertutto e per tutti altro è pronunciare, altro è scrivere: senza dire che il De Sanctis, lasciandosi facilmente trascinare dagli entusiasmi del pensiero, fu, anche scrivendo, in modo singolare esposto al pericolo delle contraddizioni nell’espressione delle idee accessorie, della inesattezza nella enunciazione dei fatti, della scorrettezza, infine, nella dicitura. E ben naturale che un tal pericolo divenisse per lui maggiore e più frequente nella critica parlata. Alludevamo alla dicitura, ossia a ciò che più comunemente si dice la forma, poco corretta: e invero in questo volume ad ogni piè sospinto accade che la parola resti al di qua o vada al di là dell’idea» (De Lollis 1897b: 274).

9 Si legga l’inizio della recensione di Bertana: «S’anche paresse necessario vagliare alcuni antichi e recenti giudizi dati sul D-S e la sua critica, una tal discussione non sarebbe equo ed opportuno fondarla su cotesto volume degli scritti postumi di lui; e per convincersene, basti por mente alla materia insidiosa ed alla formazione speciale del libro. La materia è la letteratura italiana nel secolo XIX (il Manzoni ed il Leopardi esclusi); ed a scrittori di seconda, di terza, o d’infima grandezza è assai diffìcile ben applicare quella critica estetica di cui generalmente al D-S. s’accorda il principato» (Bertana 1897: 492-3).

10 De Lollis 1897b: 274-5.

11 Croce 1898: 197.

12 II volume apparve nel 1895 a Roma, presso Loescher (quindi nel 1896, in seconda edizione riveduta, presso la stessa casa editrice, poi in Croce 1919a: 73-165 da cui si cita). Esso iniziava con un paragrafo intitolato Dell’inesattezza della denominazione «critica letteraria», e della varietà dei lavori che in essa si comprendono.

13 Croce 1919a: 158-159.

14 Croce 1898: 7-8.

15 Cf. Croce 1919b: 189-236.

16 Nel 1896, alla stessa Accademia Pontaniana di Napoli, Croce aveva letto la memoria Sulla concezione materialistica della storia (Croce 1896b), uno dei primi interventi nati da quell’«appassionamento marxista dell’ultimo Ottocento» (Garin 1997: 207), fondamentale per i successivi sviluppi del pensiero crociano.

17 «Il mio amico prof. Cesare De Lollis, polemizzando per altre sue occorrenze col Torraca, raccoglitore delle lezioni da me pubblicate in volume, buttò fuori in furia un sommario giudizio dispregiativo di quell’opera del De Sanctis [...] e lo ripetette poi alquanto temperato, e con più particolari, in una recensione inserita nella Coltura [sic] e nella Perseveranza» (Croce 1898: 2).

18 Bertana 1897: 498.

19 Croce 1898: 6.

20 Ibi: 19

21 Ibi: 21. Nel 1912 Croce sarebbe tornato a difendere il critico irpino dalle accuse di inesattezza mosse all’«opera capitale e fondamentale del De Sanctis» (Croce 1919b: 274), ovvero La storia della letteratura italiana. In appendice all’edizione apparsa nel 1912, nella collana di «Scrittori d’Italia», Croce pose un’ampia nota in cui, tra l’altro, elencava e discuteva gli «errori di fatto» della Storia desanctisiana. Della nota, apparsa in appendice all’edizione laterziana della Storia (De Sanctis 1912: 427-444), Croce pubblicò un estratto in Una famiglia di patrioti, col titolo Come fu scritta la «Storia della letteratura italiana» (Croce 1919b: 265-274) e un altro, riguardante appunto gli errori presenti nella Storia, col titolo Gli errori di fatto nella «Storia della letteratura italiana» del De Sanctis, in Croce 1954: 175-82.

22 Croce 1898: 9.

23 Ibi: 11.

24 In questi anni De Lollis propose alcuni articoli o note di argomento tedesco per la rivista dell’amico. Il 2 maggio 1904 gli spediva una nota di argomento goethiano («ti ho spedito oggi per la Crìtica una recensione-notizia su una curiosità goethiana che mi pare debba interessare il pubblico italiano. Se ti va, pubblicala, non senza però mandarmene le bozze», FBBC, 285, Genova, Cesare De Lollis a Benedetto Croce, 2 maggio 1904). Ancora, a novembre, gli inviava un resoconto del libro del francese Fernand Baldensperger su Goethe en France (che non pubblicò, a quanto risulta, come tale, ma riassunse poi nell’articolo su Dante e Goethe in Francia, apparso sulla «Cultura» il 1° maggio 1907, da ultimo in De Lollis 2010: 234-8). Inviandolo a Croce, De Lollis ribadiva la propria volontà di scrivere qualcosa per la «Critica»: «Ti mando il resoconto del libro del Baldensperger. Molto, troppo lungo. Ma forse potrai fargli posto tra le varietà. Se no, ritornamelo: lo utilizzerò per un’altra rivista e a te manderò qualche altra cosa. Voglio, insomma, provarti come posso il mio interessamento per la rivista» (FBBC, 288, Cesare De Lollis a Benedetto Croce, 29 novembre 1904).

25 FBBC, Cesare De Lollis a Benedetto Croce, 239, Genova, 22 novembre 1902.

26 Nella stessa lettera De Lollis scriveva a proposito della «varietà» su Fa «letteratura comparata», di cui si parlerà (cf. infra’. 273-7).

27 Cf. Croce 1903a. Come si legge in Borsari 1964, tale articolo «non fu mai ristampato nella forma originale, ma rifuso negli Studi carducciani», usciti dapprima sulla «Critica» (Croce 1910), poi in Croce 1914a, II: 5-110 (da ultimo in Croce 1920).

28 Cf. FBBC, Cesare De Lollis a Benedetto Croce, 263, Genova, 20 gennaio 1903.

29 «Il retaggio del “latin sangue gentile”», scriveva De Lollis, «non solo non fu per lui una convinzione e un’evocazione letteraria, ma fu anche qualche cosa di più che un elemento precipuo d’ispirazione: fu uno stato perenne di coscienza che si rivelava in ogni suo atteggiamento. Di qui, in lui, che giustamente fu detto poeta della storia, quel senso sempre ugualmente vivo della continuità della storia di nostra gente» (De Lollis 1907c).

30 Cf. De Lollis 1912e, quindi da ultimo in De Lollis 1968: 539-70.

31 Cf. De Lollis 1914a, 1914b, da ultmo in De Lollis 1968: 489-497, da cui si cita.

32 De Lollis 1968: 493.

33 All’indomani della morte di De Lollis, Croce aveva provveduto a pubblicare, presso Laterza, due volumi dell’amico: Reisebilder e altri scritti e, appunto, i Saggi sullaforma poetica italiana dell’Ottocento. Il 12 agosto 1928, da Meana, Croce scriveva a Laterza, riferendosi a Reisebilder. «Vi mando [...] l’originale di un grazioso volumetto del De Lollis per la BCM» (Croce—Laterga, III: 496). Il 20 ottobre 1928, da Napoli, Croce sollecitava Laterza a consegnare in tipografìa i Reisebilder. «Vorrei pregarvi, nel dare in tipografìa i volumi, di non dimenticare tra i primi il volumetto del De Lollis. Molti sono gli amici e gli scolari che aspettano questo volumetto, il quale ricorderà loro in modo vivo il caro uomo sparito» (ibi: 514). Stampato il libretto, Croce, nel dicembre di quell’anno, scriveva a Laterza: «Grazie del volumetto del De Lollis, che è assai ben riuscito, e credo piacerà, perché è un caro ed elegante libriccino. Ne avrete mandato copie al fratello. Un’altra copia vi prego di spedirla al Vossler, che gli era amicissimo e a cui piacerà di leggerlo» (ibi: 524). Sempre da Napoli, il 24 novembre 1928, Croce aveva inviato a Laterza l’originale dell’altro volume delollisiano, i Saggi sulla forma poetica’. «Vi mando l’originale dell’altro volume del De Lollis. È un assai bel libro. Va nella B. C. M.» (ibi: 519).

34 Cf. FBBC, Cesare De Lollis a Benedetto Croce, 264, Genova, 22 febbraio 1903.

35 Nel 1908 De Lollis avrebbe firmato, sulla «Cultura», un breve necrologio dello scrittore, sottolineando la funzione svolta dalla sua prosa, al di là del valore letterario: «In mezzo alla gran pace degli olivi di Bordighera moriva l’il corrente Edmondo de Amicis. Non fu un apostolo di alcuna novità grandissima, non fu rivoluzionario in alcun senso e in alcuna misura; e perciò, parlando oggi di lui morto jeri, tutti sanno di parlar serenamente. Grande scrittore non fu, ma grande fu la sua efficacia di scrittore sulla generazione fiorita entro agli ultimi quarantanni. Questa medesima generazione che fu da Giosuè Carducci risospinta verso la poesia dai maschi ideali e dalla forma vigorosa, verso in somma la poesia classica nel senso sano della parola, imparò dal De Amicis l’arte della prosa che ad una realtà osservata con occhi normali sa dare espressione adeguata. Cosa difficile, perché infieriva, quando il De Amicis scriveva da poco più d’un decennio, coi caratteri eccessivi d’una reazione, il verismo; ed anche perché il modello della prosa adattabile ai grandi umili della realtà — I Promessi Sposi — era pericoloso proprio per la sua grandezza fatta di delicatissime finezze. Ma il temperamento equilibrato permise al De Amicis di non accorgersi della gazzarra del verismo arrabbiato, e gli consenti d’altra parte di rimettere in circolazione i pregi della prosa manzoniana con un valore ridotto e, proprio perché tale, più facilmente accessibile alla generalità. Fu, quindi, come il Carducci, un altro illustre morto italiano di jeri, un avversario delle accademie e dell’accademico: con minor fierezza di atteggiamenti, ma forse, con non minor bontà di risultati, proporzion fatta, s’intende, fra i diversi campi d’azione» (De Lollis 1908d: 197).

36 Cf. FBBC, Cesare De Lollis a Benedetto Croce, 266, Genova, 31 maggio 1903

37 Cf. FBBC, Cesare De Lollis a Benedetto Croce, 282, Roma, 23 maggio 1905.

38 Cf. Croce 1907a.

39 Cf. De Lollis 1907b.

40 «Quando il Croce, nel 1907, pubblicò il suo volume su Ciò che è vivo e ciò che è morto nella filosofia di Hegel, egli vi scrisse sopra un articolo, in cui i motivi più profondi del pensiero hegeliano e dell’interpretazione crociana si trovano esposti con sobrietà e determinazione perfette. Interessante anche il modo in cui l’articolo, cosi limpido e organico, fu da lui composto. Chi prendesse, tra i libri della sua biblioteca, ora per sua volontà conservati nella Facoltà di Lettere dell’Università di Roma, la copia di quel volume (nella primitiva edizione della «Biblioteca di cultura» del Laterza) a lui inviata dal Croce stesso con un’affettuosa dedica, vi troverebbe, in testa ai capitoli, sui margini, nelle pagine bianche, tutta una serie di postille scritte frettolosamente a lapis; le quali, messe insieme, con pochissime varianti e lacune, vengono poi senz’altro a formare l’articolo apparso in seguito sulla Cultura. Egli aveva cioè, con gran pazienza e attenzione, tratto da ogni capitolo, e fissato in margine, ciò che gli era sembrato essenziale, e l’estrazione era stata sempre cosi febee, da dar modo ai suoi sparsi prodotti di riunirsi da sé, agevolmente, in un articolo organico. Ciò che prova, da una parte, la preoccupazione, la premura quasi si direbbe scolastica, di fissare man mano in brevi periodi i risultati di una lettura di cui doveva sentire tanto più vivo interesse, quanto meno facile e consueta essa doveva apparirgli: come, dall’altra, la solida organicità del suo cervello, pronto a cogliere l’essenziale, e a sistemarlo nitidamente, anche in un argomento strettamente filosofico» (Calogero 1928: 492-3).

41 Cf. Gentile 1920:152-61. L’articolo, scritto nel 1907, fu pubblicato solo nel 1920, nella prima raccolta di scritti sull’estetica. «Ho pubblicato questa nota», scriveva Gentile alla fine dell’articolo, «ritrovata tra mie vecchie carte, come semplice documento delle difficoltà in cui s’è travagliato il mio pensiero per giungere a certe soluzioni».

42 II filosofo siciliano vi aveva contestato quanto scritto da Croce sulla «teoria dell’errore» in Hegel, e in generale la stessa teoria dei distinti, che sembrava minare l’«unità della ragione» («se ci fosse un nesso dei distinti», scriveva Gentile, «oltre l’unità degli opposti, la legge logica della ragione sarebbe duplice; e per salvare l’unità della ragione, bisognerebbe superare questa duplicità, o dialetticamente o con la teoria dei gradi, in una legge superiore e fondamentale», Gentile 1920: 154).

43 De Lollis 1907b: 55.

44 Ibid.

45 Per essere stata scritto sul bordo della pagina, questa porzione di testo (corrispondente, presumibilmente, al «confondibili anzi» dell’articolo) può essere solo dedotta avendo sottocchio la futura trasposizione nell’articolo (ibi: 55-6).

46 «Chi fondava un tal sistema, nel quale il finito e l’infinito son fusi in uno, e il bene e il male costituiscono un unico processo, [...] si librava, contemplando la storia umana al di sopra d’ogni preconcetto d’ottimismo o pessimismo» (De Lollis 1907b: 56).

47 «Per virtù di tale dottrina, ch’è una grande scoperta nella storia del pensiero umano, la realtà è sottratta al pericolo di tutte le dualità, di tutte le scissioni a cui l’intelletto astratto la sottopone [...] e si costituisce in un’unità compatta. E, poiché in essa il termine negativo dei due opposti è la molla dello svolgimento, l’infinito e il finito son fusi in uno, il bene e il male costituiscono un unico processo, chi la creava veniva a librarsi, contemplando la storia umana, al di sopra di ogni preconcetto d’ottimismo o pessimismo e a dare un pregio, un valore assoluto alla realtà o essenza delle cose o idea, sprigionatesi dal conflitto dei due opposti, assoluto nel senso che ogni realtà è adeguata per tal via all’ideale e riveste la storia del mondo in tutta la sua continuità d’un carattere sacro. Un carattere sacro che le è proprio a dispetto degl’ideologi e sognatori comunque particolarmente denominati e denominabili, i quali fan colpa al mondo di non attuare a puntino il loro ideale, e se ne dolgono e disperano, non intendendo che il mondo non scende a duello cogl’individui, ma lotta con sé stesso nella lotta che perennemente forma la sua vita; i quali anche quando abbiano avuto sott’occhi uomini come Cavour e Bismarck fondenti in sé mirabilmente il razionale e l’ideale, non s’accorgono che l’uomo il quale veramente fa, consapevole o no dell’opera propria, è strumento del supremo principio di ragione» (ibi: 56).

48 «Non tutto vivo, certo, o ravvivatale nella filosofia di Hegel. E quanto v’era di caduco e cadde irremissibilmente poggiava, secondo il Croce, sulla teoria dei gradi della realtà. Plausibile, definitiva anzi anch’essa, presa in sé: in quanto importava la rivolta alla classificazione delle facoltà dell’anima e la sostituzione ad essa d’una teoria d’implicazione, secondo la quale le facoltà stesse si distinguono, grazie a un movimento interno, per gradi che non importano frazionamenti, ma lasciano invece sussistere l’unità fondamentale. Sostituzione dunque della concezione dei gradi dello spirito o, in genere, della realtà, alla classificazione delle realtà; proclamazione insomma dell’autonomia delle varie forme dello spirito pur nella loro necessaria connessione ed unità. Se non che Hegel nella foga del suo trionfale innovare confuse la teorica degli opposti con quella dei di stinti, facendo anche di questi ultimi dei concetti impensabili fuori della loro sintesi, precisamente come l’essere e il non essere che s’inverano nel divenire» (De Lollis 1907b: 56).

49 Ibi: 56.

50 Ibi: 57.

51 Cf. De Lollis 1907b: 57.

52 «Al libro del Croce, che vuol esser come la chiave dell’Enciclopedia delle scienze filosofiche di Hegel da lui tradotta, mi par superfluo augurar fortuna. L’avrà come tutto ciò ch’è fatto con quella passione, senza la quale, diceva proprio Hegel, nulla si fa al mondo. Una passione, si badi bene, nel caso specifico, che si rivela unicamente per la Hmpidità davvero singolare dell’esposizione della dottrina hegeliana, e che non taglia d’altra parte il passo alla critica là dove questa ha, come s’è visto, da cribrare o rettificare. Hegeliano dunque vuol essere chi ha scritto questo bel libro e consiglia agli altri di essere soltanto in una misura proporzionale alla parte di verità definitivamente acquisita da Hegel. Ora, profondarsi come il Croce fa nella dottrina di quel gigante del pensiero e serbar l’indipendenza del proprio pensiero è una bella prova di vigorosità di mente [...]. Ed anche mette conto osservare, poiché nella storia del pensiero contemporaneo il Croce occupa ormai un posto eminente, ch’è per giunta fuori d’ogni combinazione o convenzione accademica, mette conto osservare che il suo eclettismo non va fuori dai confini, che gli convengono, del metodo, fino a quelli del sistema» (Ibi: 57).

53 Ibi: 57-8.

54 De Lollis 1907g: 311.

55 «Chi abbia ben presente» scriveva De Lollis «l’insieme del suo saggio [...] troverà che pel De Sanctis non solo non avrebbero avuta alcuna importanza centinaia di documenti che avessero consentito di ricostruire la vita quotidiana di madonna Laura, ma neppur quelli [...] che avessero precisati i rapporti di lei con Francesco Petrarca» (ibi: 310).

56 «O che il De Sanctis non dice forse cose inesatte ed anche in tutto e per tutto errate quando, per far meglio intendere agli altri i segreti della poesia petrarchesca, rende conto di quel ch’eran state la poesia provenzale e la pròvenzaleggiante?» (ibid.).

57 De Lollis 1907g: 311.

58 Cfr. suprcr. 111-67.

59 A proposito dell’atteggiamento di De Lollis nei confronti della letteratura dei trovatori (e in particolare degli studi della scuola storica sui provenzali) sono di un certo interesse alcune lettere inviate all’amico Vossler, nelle quali De Lollis commentava alcuni lavori di materia provenzale dello studioso tedesco. Il 22 novembre 1919 cosi gli scriveva a proposito del suo libro sul trovatore Marcabru (Vossler 1913b): «Ho riletto in questi giorni i tuoi capitoli sui trovatori nel Dante, e il Marcabruno. Con tanto piacere. Dopo Diez, sei uno dei pochissimi che abbian cercato la vita in quel museo che è la poesia trovadorica. Faccio quest’anno un corso sull’espansione della poesia provenzale (ho accettata la successione del Monaci), e perciò rileggo cose attraenti sulla letteratura medievale. So che hai pubblicato delle cose su Peire Cardenal! Ho cercato di acquistarle. Niente. Pregai un anno fa quasi tuo cognato Tommaso di rivolgersi a te. Niente. Se ne hai una copia, fammela, ti prego, tenere. La leggerò subito e te la ritornerò! Non pare che il commercio libraio accenni a rivitalizzarsi. Un anno circa mi ci è voluto per avere il Ventadorn dell’Appel. Quanto lavoro! Ma, non so perché, mi è parsa una voce d’oltretomba» (NV, Cesare De Lollis a Karl Vossler, 22 novembre 1919). Ancora, in una lettera senza anno, del 21 dicembre, De Lollis cosi commentava gli studi di Vossler su Cardenal (Vossler 1916) e Ventadorn (Vossler 1918): «[Il libro su Cardenal] è un nuovo documento della maniera larga colla quale tu sai studiare questi provenzali vittime, dopo quella albigese, della crociata dei filologi aridi come il sughero. A mio parere, tu sei troppo benevolo verso la personalità del Cardenal. Ma l’importante è che tu riesci a ben determinare la posizione dei trovatori in genere rispetto alla crociata e al movimento ereticale che ne fu causa o pretesto. La figura del trovatore cataro o magari valdese in fondo all’anima e per tal via direttissimo precursore di Lutero o Melantone dovrà rifugiarsi nella mente dei cercatori di precursori. Un buon trovatore della prima metà del XIII, pure imprecando al pasto dei chierici, dovrà continuare le sue simpatie al “Viver gioioso” dal quale la sua arte era germinata [...]. Ti riscriverò del Ventadorn. Dell’uno e dell’altro ti farei una recensione. Ma dove? In Italia non c’è una rivista di fil. rom. Sulle francesi non voglio scrivere. Su una nuova specie di Cultura che forse uscirà presto non potrò scendere a particolari tecnici, perché dovrà essere una rivista di generalità» (NV, Cesare De Lollis a Karl Vossler, 21 dicembre s.a.). In un’altra lettera senza anno (ma presumibilmente del 28 febbraio 1920), cosi si esprimeva sulla provenzalistica tra Otto e Novecento: «Si è concluso cosi poco e si è lavorato cosi tanto! Quante ipotesi, quante incertezze nei lavori dello stesso Paris che ci aveva abituati a jurare in verba magistrì! D’altronde: cogli anni riacuisce in me il desiderio di stare sempre a contatto con ciò che rechi in sé l’impronta incantevole dell’arte. E, francamente, tutto ciò che siamo venuti scavando e ricostruendo è roba nata morta» (NV, Cesare De Lollis a Karl Vossler, 28 febbraio s.a.).

60 Insieme a un altro saggio apparso sempre nel 1907 sulla «Critica» (Di un carattere della più recente letteratura italiana), lo scritto apparve nel volume, dell’anno successivo, letteratura e critica della letteratura contemporanea in Italia (Croce 1908a).

61 Croce 1907b: 257-8.

62 De Lollis 1908c: 172.

63 De Lollis era un attento lettore di Brunetière, che fu una guida importante per i suoi studi sulla letteratura francese. Uno dei primi interventi sulla «Cultura» condiretta con Ceci e Festa fu proprio il necrologio dello studioso francese. Si veda quanto scrisse a proposito del «sistema» di Brunetière e della sua consapevolezza degli «incroci» tra generi diversi: «Un sistema tutto suo volle avere [...] e, presi dalla tradizione della critica classica i generi letterarii, li affidò alle cure feconde dell’evoluzione [...]. Formule innocue, perché il Brunetière vedeva poi perfettamente come un genere, a un dato momento, perdesse quella sua individualità graziosamente attribuitagli e sostenibile solo provvisoriamente e si perdesse in un altro o con esso si confondesse o ne prendesse in prestito dei tratti; e di ciò anche vedeva e metteva egregiamente in rilievo le ragioni, sia che, per esempio, egli additasse già nel Rabelais qualche atteggiamento lirico proprio poi del Ronsard, sia che nella lirica dello stesso Ronsard scoprisse l’embrione del genere dell’eloquenza fiorito poi nel secolo decimosettimo; sia che nella tragedia del Corneille riconoscesse puramente e semplicemente la messa in azione dell’“eroismo” che l’Amyot avea divulgato colla sua traduzione di Plutarco e in servigio del quale la Plejade era venuta foggiando un linguaggio solenne; sia che, alla fin delle fini, si rassegnasse a concludere con M.me de Stael che la lirica francese non può gareggiare colla tedesca, perché nell’anima francese non è vivo come in quella tedesca il senso della individualità. Ragioni etniche, contemperate con quelle storiche, cioè d’ambiente. Ma il Brunetière, anche qui, si ricordava di certi “arresti” e “incrocti” fatati neti’evoluzione detie specie animati, e questi nomi preferiva invocare» (De Lollis 1907a: 11).

64 De Lollis 1908c: 171.

65 «Posta la concezione rigorosamente individualistica e intuitiva dell’opera d’arte, sorgono spontanee le considerazioni: rifare una società non è rifare un individuo; rifare un ambiente, non è rifare un momento. E la critica storica, per di più, non ci può dare il modo di rifar né l’uno né l’altra, nel senso rigoroso della parola. Qualche dato, molti dati mancheranno sempre» (ibi: 173).

66 Cf. Novati 1908: 143-76.

67 De Lollis 1908c: 173.

68 Cf. FBBC, Cesare De Lollis a Benedetto Croce, Genova, 28 gennaio 1904

69 De Lollis 1909e: 162.

70 De Lollis 1909e: 164.

71 De Lollis 19091:578-9.

72 De Lollis 1909e: 163.

73 De Lollis 19091: 579.

74 Ibi: 580-1.

75 De Lollis 1909b: 34.

76 Ibi: 38.

77 De Lollis 1909b: 39.

78 Ibi: 40.

79 Ibi: 41.