Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Cesare De Lollis tra filologia romanza e letterature comparate

 | 
Diego Stefanelli

V. La letteratura tedesca e il rapporto con la Germania

Texte intégral

1. De Lollis germanista?

1Cosi scriveva Monaci all’ex allievo Vossler (in una lettera purtroppo non datata) a proposito dell’intricata vicenda accademica che portò alla creazione della cattedra romana di Letterature francese e spagnola moderne tenuta da De Lollis nel 1905:

  • 1 NV, Ernesto Monaci a Karl Vossler, s.d.

Da due anni il prof. Ceri si è fitto in capo di far venire nella facoltà di Roma il suo amico De Lollis ora prof, di letter. romanze a Genova. Per creargli un posto, cominciò dal gridare che a Roma si doveva istituire tutta una scuola di filologia moderna, e in ciò si era tutti d’accordo con lui; ma quando si trattò di dire in che doveva consistere questa scuola, quali scopi proporsi, quali insegnamenti comprendere, egli non riuscì a concretare un progetto e si limitò di proporre che intanto, per cominciare, si chiamasse il De Lollis, per le Letterature germaniche. Un germanista cosi improvvisato provocò le risa, e il Cons. Sup.re della P. I. mandò il voto agli Archivi, suggerendo di maturare meglio il progetto.1

  • 2 II dato è confermato da Monteverdi 1964: 21-2, che lo ricavò dai verbali del Consiglio della Facol (...)
  • 3 Si noti, solo come aneddoto accademico, che De Lollis avrebbe dovuto prendere parte come giudice a (...)

2Torneremo sulla questione e sulla lettera. Per ora ci importa richiamare l’attenzione sulla prima materia che Ceci aveva pensato di affidare all’amico De Lollis per farlo finalmente tornare a Roma: la letteratura tedesca.2 La improbabile cattedra di Letterature germaniche da affidarsi al filologo romanzo si inseriva nel progetto più ampio della formazione di una «scuola di filologia moderna» a Roma, della quale era espressione la cattedra che venne in seguito affidata a De Lollis. Agli occhi di Ceci, gli articoli dell’amico sugli scrittori spagnoli dell’Ottocento equivalevano sostanzialmente a quelli sui tedeschi. Difficile dire (in assenza per ora di testimonianze epistolari) se De Lollis fosse d’accordo su un suo eventuale abbandono del campo romanzo per quello germanico: certo, nonostante gli articoli di materia tedesca (e il libro su Gerardo Hauptmann e l’opera sua letteraria) sarebbe stato davvero difficile dar torto alla definizione sprezzante di Monaci («germanista improvvisato»).3 L’improbabile progetto di un De Lollis «germanista» rivelava non solo la distanza che ormai separava l’abruzzese dalla filologia neolatina, ma anche la considerazione nella quale erano tenuti i suoi scritti di letteratura tedesca. Nonostante il loro carattere di divulgazione giornalistica, essi occupavano allora un posto non del tutto secondario nella sua produzione, tanto da indurre Ceci a giocarli come ultima carta nei non esaltanti maneggi accademici volti a far tornare l’amico a Roma.

  • 4 Gli articoli di De Lollis sulla letteratura tedesca sono stati raccolti da Fausto De Sanctis in De (...)
  • 5 L’acerbo articolo giornalistico su Brentano apparso sulla «Domenica Letteraria» dell’8 febbraio 18 (...)
  • 6 Cf. De Lollis 1886b, quindi in De Lollis 2010: 43-8.
  • 7 Cf. De Lollis 1886e, quindi in De Lollis 2010: 43-8. Bottacchiari giudicò «notevole» l’articolo, f (...)
  • 8 Aveva tradotto La morte di Caro e Re Ottone nel 1885 (De Lollis 1885b) e nel 1886 il Canto dei mor (...)

3De Lollis si era occupato di letteratura tedesca già dai primi anni Ottanta, agli esordi della propria attività di studioso.4 Aveva scritto, in particolare, su Clemens Maria Brentano,5 sul bavarese Hans Hopfen,6 sull’austriaco Nikolaus Lenau7 e su August von Platen, di cui aveva tradotto alcune liriche.8 Non erano nomi molto noti al pubblico italiano,

  • 9 Cf. Arato 2010.
  • 10 Santoli 2002: 253.
  • 11 Cf. De Lollis 1897c, 1897d, 1897e, quindi in De Lollis 2010: 49-99, da cui si cita. Di Platen De L (...)

4con l’eccezione significativa di Platen, molto amato da Carducci e all’epoca abbastanza di moda.9Proprio alla stima di Carducci verso il poeta austriaco si richiamava De Lollis all’inizio dell’articolo (definito da Santoli «fondamentale»),10 apparso sulla «Nuova Antologia», in tre puntate, nel 1897:11

  • 12 De Lollis 2010: 49.

Non deve parer superfluo che qui da noi si parli un po’ per conto nostro e a modo nostro d’un poeta che i migliori anni suoi visse in Italia, che in Italia senti e proclamò d’aver potuto incarnare l’ideale eccelso dell’arte sua, in Italia mori e giace sepolto, e in Italia finalmente ebbe ai nostri giorni un ammiratore, che da solo vale molti, Giosuè Carducci, il quale onorò la memoria di lui, non solo col tradurre squisitamente qualche sua ode e ballata, ma col porre il suo nome, quasi auspicio dell’ardita innovazione, in fronte al primo volume delle Odi Barbare.12

5Il «gusto» di De Lollis era, in buona parte, carducciano, con una predilezione per la cura formale, che diventava spesso determinante nel giudicare il valore di uno scrittore. Proprio gli articoli su autori stranieri moderni (e contemporanei) permettevano allo studioso di Casalincontrada di mostrare, più o meno consapevolmente, il suo gusto letterario. Se negli scritti filologici era costretto a mantenere il doveroso abito scientifico e a limitare al minimo i giudizi di valore, scrivendo di autori tedeschi e spagnoli era più libero di esprimere le proprie predilezioni letterarie. Peraltro, gli articoli che qui si considerano non spiccano per particolare originalità o profondità. Essi offrono non pochi spunti interessanti e attestano la varietà di interessi del filologo romanzo abruzzese: di per sé, però, non sembrano tra i suoi interventi più significativi. Le concessioni ad alcune mode letterarie e cliché dell’epoca (come un certo ibsenismo negli articoli su Hauptmann, la predilezione per Platen, la continua contrapposizione tra spirito latino e germanico), unitamente a uno stile che talvolta — soprattutto nei prolissi riassunti delle opere di Hauptmann, nella monografia a lui dedicatagli — ostenta evitabili pretese letterarie, fanno di questi interventi dei buoni articoli giornalistici di informazione letteraria, non di più. Nei primi anni del Novecento, l’equilibrio tra critica militante e critica accademica — che sarà uno dei migliori risultati della produzione di De Lollis negli anni Venti — era ancora da trovare.

2. Platen e l’attenzione carducciana alla metrica

  • 13 De Lollis 2010: 49.

6Nella prima parte del lungo saggio su Platen, dopo aver biasimato gli studiosi e il pubblico tedesco per non aver riconosciuto (a differenza dell’italiano Carducci) i grandi meriti del poeta, De Lollis ne ripercorreva l’inquieta giovinezza e i primi interventi poetici. Biografia e produzione letteraria, «uomo» e «poeta» si intrecciavano strettamente, tanto che, citando un articolo francese sul poeta tedesco, Platen, étude biographique et littéraire, di Paul Besson (1894), De Lollis gli rimproverava di aver tenuto troppo distinte la «biografia» e «la carriera letteraria» del poeta («sarebbe stato meglio», scriveva, «non distinguere perché con maggiore evidenza la vita dell’uomo rendesse ragione dell’opera del poeta»).13

  • 14 «Io non v’intesserò per disteso la sua biografìa: mi basterà solo accennare per ora alla circostan (...)
  • 15 In tal senso, la citazione dall’epigramma plateniano An die Poetaster posta in epigrafe alle Odi b (...)

7La grande attenzione alla biografia del poeta, ritenuta indispensabile per intenderne l’opera, era, come vedremo, una costante degli articoli del giovane De Lollis sugli scrittori tedeschi, dove si leggono equivalenze quanto meno discutibili (come quella tra la produzione letteraria di Lenau e la sua malattia nervosa).14 Nell’articolo su Platen l’esposizione biografica non era però del tutto fuori posto, dal momento che essa ben rendeva l’«irrequietezza» del poeta tedesco, che risultava ancor più interessante se accostata alla perfezione formale delle sue poesie. De Lollis si soffermava più volte, infatti, sui pregi tecnico-formali di Platen, «campione della parola eletta in rima e fùori rima» (52), in linea con la lettura già carducciana del poeta, apprezzato proprio per lo sforzo di coniugare contenuti profondamente moderni e forma classicamente composta.15

8De Lollis sottolineava la «forma piana e ad un tempo perfetta», di una poesia giovanile di Platen, Saul und David:

  • 16 De Lollis 2010: 51.

Qui, la ispirazione è sana e altissima: qui la forma è piana e ad un tempo perfetta: chi vorrà, potendo, legger l’originale, troverà che le sei quartine in decasillabi giambici si eguaglian tutte in compattezza e nitore come sei gemme preziose adunate in un ricco monile.16

9Anche la formazione poetica del giovane Platen era presentata come una progressiva acquisizione di quella perizia tecnica che consentiva, al poeta ventenne, «di cogliere col taglio della parola adamantina le fibrille della sua povera anima di malato» (56). I criteri di giudizio con cui De Lollis valutava le opere di Platen erano, in sostanza, la «sincerità» dell’ispirazione e la qualità tecnico-formale, in un difficile equilibrio tra spontaneità e labor limae. Per esempio, commentando le ottave scritte da Platen in occasione dell’«ascensione del Rigi», nel suo soggiorno svizzero del 1816 (esperienza rielaborata poi in Kloster Konigsfelden), De Lollis si soffermava sulla «fattura poetica dell’ottava», che salvava la qualità per il resto non eccellente del componimento:

  • 17 Ibi: 57.

In queste ventuno ottave si affastellano troppi nomi propri di luoghi e di persone, v’è troppo ordine geografico, troppa preoccupazione di non dimenticare nulla anche di ciò che figura bene in un taccuino di viaggio senza dover per questo essere, ad ogni costo, materia poetica. E, insomma, non arriva mai, in tutto il percorso della lunga poesia, il momento in cui le singole impressioni, urgendo tutte insieme sulla immaginazione del poeta, ne sprigionino un di quei lampi la cui luce si proietti, d’un tratto, su tutto l’insieme. Quel che però è da ammirare senza riserve in questa descrizione poetica è la fattura dell’ottava: tassesca, anziché ariostea (benché egli a quel tempo leggesse l’Ariosto), pel frangersi rumoroso dei primi sei versi contro la salda riga del distico finale. 17

10De Lollis si soffermava poi sul Gesang der Toten, che citava nella propria traduzione, apparsa sul «Fanfulla della Domenica» del 31 ottobre 1886 (e alla quale riconosceva «il merito della fedeltà»). Il componimento era considerato un esempio di poesia formalmente perfetta, sebbene, proprio per gli «effetti di tanto magistero», esso mostrasse una certa «indifferenza» dell’«anima del poeta» al suo contenuto.

  • 18 De Lollis 2010: 61.

Un incisore — scriveva De Lollis — un alluminatore, un orafo, ai quali si commettesse di rappresentare in diversi piani, le une contro alle altre, varie opposte scene della vita e della morte, non riuscirebbero ad esser più precisi di quel che sia qui il Platen: salvo poi a vedere se quella ordinata enumerazione di antitesi, ognuna delle quali trova rigorosamente il suo posto nell’ambito d’una quartina, non riesca, poeticamente parlando, fredda. Qui insomma, come in molte delle poesie del Platen, l’immagine è concepita ed elaborata alla perfezione, la frase è incisiva, la musicalità del verso adattata in ogni sua sfumatura all’immagine che si vuole esprimere: ma agli effetti di tanto magistero si direbbe che rimanga indifferente, per la prima, l’anima del poeta stesso.18

11A differenza degli altri interventi su poeti tedeschi e spagnoli, in quello su Platen De Lollis esaminava più da vicino i testi poetici citati, soffermandosi soprattutto sulla metrica, a conferma dell’influenza carducciana. Non è un caso, per esempio, che nella seconda puntata dell’articolo (Platen in Italia), De Lollis si concentrasse sulla forma metrica del ghagal (di moda nella poesia romantica tedesca a partire dal West-ostlicher Divan di Goethe), criticandone la «monotonia» poco adatta al «pensiero moderno», il quale «abituato ai larghi panneggiamenti, non si può rassegnare ad esser sbrandellato in liste fermate ad un estremo da borchie (vale a dire rime) d’un unico tipo» (65). Inoltre, poco più avanti, criticava le scelte metriche di Platen per riprodurre l’inno pindarico:

  • 19 Ibi: 80.

In tutti [gli inni] la congegnatura strofica pindarica è già solo per questo profondamente svisata, che essi son monostrofìci [...] mentre le odi di Pindaro sono, salve pochissime eccezioni, a triadi. Senza dire poi che le odi di Pindaro, qualunque in realtà ne fosse lo schema metrico, eran cantate, mentre ciascun dei versi che entrano nella stanza dell’inno plateniano, preso in sé, è privo anche di quel tanto d’armonia che la tradizionale pronuncia scolastica presta ai versi più comuni della metrica oraziana, quali il saffico, l’asclepiadeo, l’alcaico.19

  • 20 Cf. D’Ovidio 1903.

12A proposito dell’ode alcaica An Konig Ludwig (scritta il 14 novembre 1825 per la salita al trono del re Ludovico I di Baviera), De Lollis parlava di «versi che non trovan legittimamente posto né nella metrica classica né nella ritmica moderna» (71). Era quindi affrontata la questione, tutta carducciana, della traduzione della metrica classica in quella moderna (sulla quale, qualche anno dopo, si sarebbe soffermato, tra gli altri, D’Ovidio)20e degli sforzi di Platen per rispettare la ferrea alternanza classica di lunghe e brevi, che egli traduceva in quella — assai faticosa da rispettare — di sillabe toniche e atone:

  • 21 De Lollis 2010: 71.

Sarà lieve al lettore immaginare che torture infliggesse il poeta a se medesimo colla rigorosa osservanza di leggi metriche, la cui applicazione presso i poeti antichi egli, al par di chiunque altro, non riusciva a rappresentarsi perfettamente, e di cui, pure, egli proprio Elemento che l’orecchio moderno più difficilmente si rappresenti, Elemento, cioè della quantità, s’illudeva di derivare nella poesia tedesca, svisandolo, s’intende, in quello, per sua natura affatto differente, dell’accento. Non dunque, come risultato ultimo, l’armonia che si lascia sicuramente governare dall’orecchio del poeta perché ritrova nell’indole stessa della lingua le sue leggi costanti; ma lo stillicidio freddo, monotono, penoso di sillabe toniche ed atone che a stento riescono a combinarsi nella maniera voluta, nonostante quella padronanza piena della lingua di cui poteva vantarsi il Platen.21

  • 22 «Ne consegue che l’ispirazione abbia solo di rado libero corso e che il più sovente essa appena tr (...)

13Platen si era illuso di riprodurre nelle odi l’alternanza quantitativa classica tra lunghe e brevi ricorrendo a quella moderna tra toniche e atone, ovvero di trasferire l’elemento della quantità (quello che «l’orecchio moderno più difficilmente si rappresenti») nella poesia tedesca. Ciò comportava, per De Lollis, una perdita di sincerità22 e costringeva il poeta, «custode d’ogni purezza ed eleganza della lingua poetica», a incorrere in «vere e proprie violenze contro i naturali caratteri del patrio idioma» (72).

  • 23 Di una «conoscenza quasi perfetta della lingua tedesca, [...] naturale in un uomo veramente colto» (...)

14De Lollis forniva quindi alcuni interessanti esempi di forzature linguistico-stilistiche a cui la metrica plateniana costringeva, dimostrando una buona conoscenza della lingua tedesca (che gli derivava anche dalla giovanile attività di traduttore):23

  • 24 De Lollis 2010: 72.

La trasposizione del complemento oggetto davanti al verbo, necessaria in certi dati casi della sintassi tedesca, è per lui cosa normale; singolarmente egli si diletta della posposizione dell’aggettivo al sostantivo, anche quando solo a stento si possa a quello attribuire il valor logico d’una apposizione; e qualche volta, anche, arbitrariamente, esprime in forma avverbiale l’aggettivo che andrebbe declinato e concordato col nome; sopprime nel maggior numero dei casi l’articolo, e il cosi detto passato prossimo delle nostre grammatiche esprime normalmente col solo participio; i rapporti tra sostantivo e sostantivo predilige significare colla fusione dei due in una parola composta, anziché coll’assegnare all’un d’essi il caso genitivo: ciò che spesso falsa addirittura la rappresentazione dell’idea, poiché, a regola, la parola composta non deve designare un rapporto accidentale tra due sostantivi, sibbene uno stabile: finalmente, egli si permette assai spesso la rarità di chiudere il verso coll’articolo: ciò che in tedesco riesce più duro che in italiano, poiché il sostantivo o aggettivo che segue all’articolo va con esso declinato.24

  • 25 La «fede nell’arte» (espressione che sarebbe tornata nell’articolo su La fede di Dante nell’arte),(...)

15Alla fine del lungo articolo, «ricostruita [...] la figura di Platen, nel suo insieme di uomo e di poeta» (95), De Lollis esprimeva un giudizio complessivo. I meriti che gli riconosceva riguardavano gli alti ideali del bavarese, «iniziatore, in Germania, della poesia politica battagliera»; meriti riguardanti l’«uomo» più che il «poeta». Subito dopo, però, egli aggiungeva che, a quegli «altissimi ideali», Platen «anelò sorretto dalla fede d’un’arte che nulla lasciò intentato». Alla poesia di Platen, dunque, De Lollis riconosceva il pregio della forma, con cui il poeta si sforzava di «condecentemente rivestire tanta nobiltà di pensiero» (95),25

  • 26 Nelle pagine dedicate a Platen nella citata Letteratura tedesca moderna, Santoli ripetè sostanzial (...)
  • 27 Cit. in Arato 2010: 409, n. 18.
  • 28 «La storia delle forme poetiche», scrisse Domenico Pettini a Croce il 10 maggio 1929, qualche mese (...)
  • 29 «Giosuè Carducci tentò, con una risolutezza nuova, l’accordo della realtà cruda della contenenza c (...)

16L’apprezzamento della perfezione formale di Platen e l’attenzione dedicata alla metrica del poeta bavarese si spiegavano, in buona parte, proprio per l’influenza di Carducci: non tanto dello studioso, quanto dell’autore delle Odi barbare.26 Platen era cosi (moderatamente) rivalutato in reazione ai giudizi violentemente negativi di Heine. Nel complesso, il giudizio di De Lollis era lo stesso di Carducci, che cosi si era espresso in una lettera del febbraio 1872 a Giuseppe Chiarini: «Con tutto il rispetto a Enrico Heine, il Platen era grande artista e poeta: freddo, ma profondo, e splendido e puro come marmo pario».27 Di Platen piacevano a Carducci (a e De Lollis) il «virtuosismo metrico — anche se entro i canoni della tradizione» — e, sul piano dei contenuti, l’attenzione a tematiche storicocivili: «Il poeta agonistico e giambico che, di là dalle sperimentazioni del metro, richiama la letteratura ai suoi interrogativi civili» (Arato 2010: 418). L’articolo delollisiano su Platen mostrava insomma interessanti componenti carducciane nel gusto poetico e, di conseguenza, nella prassi critica del giovane filologo. 28 Non stupirà quindi che, nel necrologio di Carducci apparso sulla «Cultura», il poeta maremmano venisse definito «scolare del Platen» nel ricercato «accordo della realtà cruda della contenenza con una suprema nobiltà di forma».29

17Del resto, nel saggio su Platen, nonostante la carducciana attenzione alla metrica e, in generale, all’«arte» del poeta, il giudizio complessivo si basava, in ultima istanza, su ragioni biografico-psicologiche. De Lollis citava il celebre giudizio di Goethe (espresso in una conversazione con Johann Peter Eckermann del 25 dicembre 1825), per cui a Platen sarebbe mancato l’«amore» necessario per essere un grande poeta. De Lollis precisava che

  • 30 De Lollis 2010: 96-7.

Mancò al Platen l’“amore”, non soltanto [...] in quel senso largamente umano, evangelico, che volle intender l’autore del Faust, ma anche in quello, non meno umano, benché più ristretto e più comune della parola: giacché solo per un momento, e negli anni della sua adolescenza, un fantasma di donna sorrise agli occhi e al cuore di Platen, e non solo tra i primi suoi saggi poetici ve n’è qualcuno che possa dirsi ispirato al sentimento che fu l’unico ispiratore di Saffo e del Petrarca. Or questo prova, lo abbiam già accennato altrove, quanto la sua natura d’uomo fosse manchevole, e com’egli rimanesse estraneo a quella realtà della vita di cui son parte necessaria e principalissima certe illusioni giovanili.30

18I limiti di un tale discorso, in cui la presunta «manchevolezza» dell’uomo era chiamata in causa per giudicare l’opera del poeta, appaiono evidenti. Della stessa ricerca metrica di Platen si offriva una altrettanto discutibile interpretazione «psicologica»:

  • 31 Ibi: 96.

Ogni nuovo tentativo del poeta vuol essere una sfida o una rivincita o una vendetta: e all’invenzione di forme novissime più che il desiderio d’incarnare alte idealità artistiche, lo sospinge una bramosia febbrile di gloria, che vuol esser principalmente a scapito ed umiliazione degli altri. Non più, dunque, serenità di concezione e di esecuzione: e in luogo della calma, che ha del divino, colla quale l’artista matura nel proprio seno il soggetto che lo ispirò, la fatica lenta, eppure impaziente, convulsa, ripugnante, forse, a un certo punto, dell’autore il quale dall’opera propria anziché la simpatia e la gratitudine del mondo si ripromette uno stupore che non vuol essere scevro d’invidia.31

19Anche a proposito del secondo volume dei Tagebücher di Platen (di cui scrisse nel 1900 su «Arte e Vita»), De Lollis ribadiva le mancanze umane dello scrittore, che si traducevano «irrimediabilmente» in difetti poetici:

  • 32 De Lollis 2010: 105.

Il Platen fu decisamente manchevole come uomo, e spesso n’ebbe coscienza egli stesso come d’un fatto irrimediabile e pur sentendo che uomini bisogna essere anzi tutto per riuscire ad essere poeti universalmente intesi e compresi.32

  • 33 Sulla trasfigurazione letteraria dell’Italia (e in particolare di Venezia) in Platen si rimanda a (...)

20I diari di Platen in Italia33 apparivano a De Lollis privi di «finezza d’osservazione» proprio per «l’assenza di quella freschezza sanamente umana in virtù della quale l’anima riceve e serba le impressioni delle cose esteriori» (105).

21Nella lettura delollisiana di Platen intervenivano insomma motivazioni, per cosi dire, extra-letterarie: il giudizio finale era riducibile, in fondo, a un assioma di vago sapore desanctisiano (Platen non fu grande poeta perché non fu grande uomo), con l’aggiunta di un certo lessico della malattia accostabile (come vedremo a proposito degli articoli su Heine) ai coevi studi sulle «patologie» degli artisti. L’attenzione al dato psicologico-biografico aveva un peso notevole, talvolta eccessivo: le stesse notazioni stilistico-metriche (probabilmente la parte migliore dell’intervento) risultavano quasi pause parentetiche nel corso dell’esposizione, organizzata nella forma, abbastanza comune negli articoli di giornalismo letterario, di «vita e opere del poeta».

3 Hauptmann e il teatro ibseniano

  • 34 Cf. De Lollis 1899a, incluso poi in De Lollis 2010: 116-82, da cui si cita.
  • 35 Ibi: 178.

22Nel 1899 apparve, presso Le Monnier, un volume di De Lollis interamente dedicato al drammaturgo tedesco Gerhart Hauptmann.34 Il libro non è esente, in più punti, da una certa prolissità, soprattutto nei lunghi riassunti che De Lollis fece delle opere del drammaturgo. Peraltro, essi si giustificavano con lo scopo divulgativo dell’opera: «Io mi sono studiato», si legge nelle pagine conclusive, «di render minuto conto di ciascuna delle produzioni del Hauptmann, appunto perché il lettore italiano possa essere in grado di valutar da sé l’insieme della sua opera letteraria».35 La monografia tendeva, quindi, più all’ampiezza che alla profondità: si trattava di presentare nel suo insieme al pubblico italiano la produzione (non solo teatrale) del drammaturgo e narratore tedesco, fùturo premio Nobel per la letteratura (nel 1912) e, all’epoca, molto amato in area tedesca. A differenza di Platen (morto nel 1835), Hauptmann (nato nel 1862, un anno prima di De Lollis) era, a tutti gli effetti, un autore contemporaneo.

  • 36 Sulla ricezione di Ibsen in Italia si rimanda ad Alonge 1995, Urso 2004, Magris 2008, D’Amico 2011

23Il libro attesta la buona conoscenza di De Lollis della letteratura tedesca moderna e contemporanea, e, in particolare, del teatro, su cui già aveva scritto a proposito della produzione teatrale di Platen. De Lollis notava, inoltre, in più occasioni, «riscontri» tra le opere di Hauptmann e quelle di Ibsen, autore di moda, all’epoca, in Europa e in Italia (in cui la fortuna un po’ tardiva del norvegese iniziò con la prima della Casa di bambola il 9 febbraio 1891 al Teatro dei Filodrammatici di Milano).36 Ibsen era modello principale di Hauptmann, che, a detta di De Lollis,

  • 37 De Lollis 2010: 179

Non è quasi mai originale neppur nella mossa prima dei suoi drammi: e il modello da cui la prende in prestito riesce a volte ad imporsegli anche nella dipintura dei caratteri e nel disegno delle situazioni fondamentali.37

  • 38 Su questo dramma, De Lollis pubblicò un articolo nel 1898 sulla «Nuova Antologia» (cf. De Lollis 1 (...)

24Anche in quello che giudicava «il dramma più originale del Hauptmann» (178), Il vetturale Henschel (Fuhrmann Henschel),38 De Lollis scriveva che «a voler sottilizzare, vi si potrebbe [...] rintracciar qualche reminiscenza di tipi e motivi già recati sulla scena da altri drammaturghi contemporanei», ovvero, in sostanza, da Ibsen. Nel finale del libro, De Lollis scriveva che l’opera di Hauptmann rivelava «in tutta la sua distesa [...] una rigorosa continuità di programma, o, se si preferisca dir cosi, d’intenzioni», ovvero la costante preoccupazione per le problematiche sociali, che egli faceva risalire a Zola e Tolstoj: «L’asservimento dell’arte», scriveva, «come [...] lo propugnarono e praticarono ai due estremi d’Europa Zola e Tolstoi, ai problemi sociali, restringentisi a volte a problemi di famiglia» (178).

  • 39 «Nei suoi primi drammi le disposizioni della scena son raccomandate a linee geometriche, combinant (...)

25Egli notava, poi, che una tale idea dominante era stata affrontata dal drammaturgo con una notevole diversità di espedienti, «tentati l’un dopo l’altro, in omaggio alla tendenza del momento» (178) e, quindi, della moda: dal Dromethidenlos (1885) — «poema epico svaporante in nebulose astrazioni, poiché cosi cominciavano tutti i campioni del novissimo Sturni und Drang» — ai drammi naturalisti (come, su tutti, Die Weber, del 1892) con una «applicazione eccessiva» di quel Naturalismi che «penetrato in Germania più tardi che altrove, volle compensarsi del ritardo col fasto singolare del trionfo»; quindi, con Da campana sommersa (Die versunkene Glocke, del 1896) «un tuffo nel simbolismo, ch’era reazione, bandita dal Maeterlinck, contro il naturalismo» e infine il ritorno al naturalismo stesso (con Duhrmann Dlenschel); «un ritorno brusco [...] che fu certo un atto d’obbedienza ai richiami dell’autorevole critica indigena» (178). Nei «minimi particolari» dei suoi drammi, Hauptmann dipendeva da «modelli norvegesi»39 e De Lollis gli rimproverava proprio tale eccessiva dipendenza. Hauptmann sarebbe dovuto rimanere più fedele alla realtà del suo paese, che era troppo diversa da quella norvegese:

  • 40 Ibi: 181.

Gerardo Hauptmann [...] è degno figlio di quel paese, dove la beata facoltà di sognare s’è, sempre, non saprei se dir meglio alternata o armonizzata con quella del saggio e composto operare: di quel paese che per una lunga ed ordinata preparazione, nella quale lo spirito ha avuto la più larga parte, ha oggi conseguito un assetto meraviglioso, un assetto, direi, geometrico di giardino curato da mani sapienti, e nel quale la pianta prosperosa dell’individuo non aduggia f aiuola fiorente della famiglia. Or come e perché, malgrado tali differenze d’ambiente, che non possono non riflettersi nell’intimo donde l’arte vera sgorga, il poeta della Germania giovanissima dovrà utilizzare la realtà circostante unicamente come contorno ai temi ibseniani?40

  • 41 «L’Ibsen venne su tra un popolo dove (strano contrasto) la pianta dell’individualismo fioriva acca (...)

26Il passo attesta la grande stima di De Lollis verso la cultura tedesca, il filogermanesimo dello studioso che, come vedremo, è riscontrabile in buona parte di questi scritti. Per il resto, il discorso era irrimediabilmente datato. Lo stesso ritratto che De Lollis, innalzando il tono, tracciava di Ibsen era un ritratto d’epoca,41 che, come tale, merita una certa considerazione, in quanto documento in più per una storia della ricezione di Ibsen in Italia.

27Su Ibsen De Lollis sarebbe tornato nel 1900, commentando il nuovo dramma del norvegese, Quando noi morti ci destiamo (De Lollis 1900a), apparso l’anno prima e che De Lollis leggeva nella traduzione tedesca di Christian Morgenstern. Esposta, come di consueto, la trama del dramma, De Lollis rintracciava nella differente sorte delle due coppie (Maia e Ulfheim, Rubek e Irene), «una più alta significazione», ovvero

  • 42 De Lollis 1900a: 310.

Il sempiterno e doloroso contrasto tra la felicità, la pienezza della vita, facilmente e felicemente conseguita dagli esseri volgari, e quella che brilla, sempre in elevate vette di pericoloso accesso, agli occhi degli eletti come un miraggio ingannatore che vela di luce l’inevitabile rovina.42

28Tra le due coppie, scriveva, «non è solo parallelismo o contrasto antitetico, ma vuol essere un vero cozzo», tra un’umanità «volgare» e una di «eletti». Ibsen — «il vecchio Atlante il quale reca sulle spalle il mondo delle nuove idee [...] colla balda pretesa di frantumare in un cozzo formidabile il mondo che da secoli poggia sui cardini rugginosi della menzogna e del convenzionalismo» (310) — volle, scriveva De Lollis,

  • 43 Ibi: 311

Magnificamente poetando ancora una volta affermare che la società qual è oggi, per un falso indirizzo della sua volontà collettiva, in seno a cui miseramente naufraga quella individuale, tollera, favorisce anzi lo sviluppo di quelle che si posson dire le piante nane dell’umanità e alle quali è propizio il fango della palude; e avversa e soffoca quelle gigantesche che sulle altezze montane s’avvicinano quanto più possono al sole.43

29De Lollis, inoltrandosi «nei meandri dell’immaginoso simbolismo ibseniano» (315), legittimato, quindi, dalla «elasticità» del simbolo «che ad una figura o ad un atto o ad una parola può consentire (sia pure a danno della perspicuità) più significati» (312), leggeva il dramma come rappresentazione simbolica del «misero arenamento del [...] grandioso ideale [di Ibsen] tra l’ondeggiar lutulento della società attuale» (312).

  • 44 Cf. Croce 1910, quindi in Croce 1914a, II: 5-110 (il paragrafo su Anticarduccianesimo postumo alle (...)

30Nel loro complesso, gli interventi delollisiani di argomento teatrale riflettevano un gusto letterario abbastanza aggiornato e variegato (specie nel caso di Ibsen), con una buona competenza, ma più da appassionato lettore e spettatore che da vero e proprio esperto. La stessa lettura “simbolista” dei drammi di Ibsen era in linea con le interpretazioni di moda all’epoca, inaugurate, agli inizi degli anni Novanta, dalle rappresentazioni dei drammi del norvegese al Théàtre de l’Oeuvre di Aurélien Lugné-Poe, roccaforte del teatro simbolista contrapposto a quello naturalista del Théàtre Libre fondato, nel 1887, da André Antoine. Inoltre, la buona conoscenza dell’opera di Hauptmann era l’indice di un gusto letterario che tendeva volentieri a varcare, in maniera autonoma, i confini nazionali. Anzi, non sarà senza interesse notare che se De Lollis si mostrava abbastanza aggiornato nel campo della letteratura europea, il suo gusto in fatto di letteratura italiana contemporanea si fermava, sostanzialmente, a Carducci, definito, nell’articolo su Platen, «il nostro maggiore poeta vivente» (De Lollis 2010: 49): vivente, certo, ma, nonostante i molti riconoscimenti, sostanzialmente estraneo alle nuove correnti letterarie italiane, a partire dagli anni Novanta, allorquando, come scrisse Croce in Anticarduccianismo postumo, «s’iniziava e cresceva il movimento dannunziano, avverso nella sua intima tendenza e antipatico all’opera del Carducci».44 Andrà poi notato che proprio la predilezione per Carducci — che implicava anche una polemica contrapposizione alla moda letteraria — accomunava Croce e De Lollis, cosi come la passione per alcuni autori tedeschi (tra cui, soprattutto, Heine e Goethe).

4 Heine e Goethe

31A scorrere la bibliografia di De Lollis si nota che gli scritti sulla letteratura tedesca si collocano tra gli ultimi anni dell’Ottocento e i primi del Novecento. Nei primi anni del nuovo secolo apparvero alcuni articoli più brevi e occasionali, ma nel complesso più interessanti. Essi non riguardavano più i «nuovi poeti della Germania», bensì due autori già ben collocati nel canone della letteratura tedesca ottocentesca, anche se in posizioni affatto differenti: Goethe e Heine.

  • 45 Cf. De Lollis 1902 e 1908e, poi in De Lollis 2010: 199-210, da cui si cita.

32Del poeta di Dùsseldorf De Lollis si occupò in due occasioni: nel 1902 sulla «Nuova Antologia» (Spigolature heiniane) e, sei anni dopo, sulla «Cultura, con l’articolo Un poeta senza statue,45 In entrambi i casi egli si espresse a proposito della controversa fortuna di Heine, che, nonostante l’ammirazione internazionale, era violentemente accusato dai nazionalisti (e antisemiti) tedeschi di non rappresentare lo spirito della nazione. «Sull’immensa distesa di suolo ove si parla tedesco», scrisse nel 1902, «non sorge una pietra che ricordi il poeta»,

  • 46 Ibi: 199.

Un tentativo dei Renani [...] fu soffocato dalle proteste, concordi nella loro furia, di ultramontani, conservatori e antisemiti: sicché al grandioso monumento che lo scultore berlinese Herter aveva con amorosa sollecitudine apprestato non si trovò posto su suolo tedesco, e si dove cercare ospitalità oltre l’Atlantico, nella terra delle libertà. Da poco più di due anni esso sorge in un parco della città di Nuova York: ed una scritta in inglese precisa il carattere limitato dell’omaggio, che è solo dei Germans in the United States.46

  • 47 Cf. De Lollis 1909h.
  • 48 Ibi: 240-1. Sulla ricezione di Heine si rimanda tra gli altri a Peters 2000.

33Il riferimento era all’Heinrich-Heine-Denkmal dello scultore Ernst Herter, che avrebbe dovuto essere eretto nella città natale di Heine per il centenario della sua nascita (1897) ma che — a seguito di violente proteste nazionaliste e antisemite (in particolare di Georg von Schònerer, leader della Deutschnationale Bewegung) — fu posto a New York, nel Bronx. «Dolorosa» era per De Lollis tale incomprensione del «secondo lirico tedesco dopo Goethe» (199). Peraltro, lo studioso italiano manteneva un atteggiamento abbastanza ambiguo nei confronti di tali attacchi: «È doloroso», scriveva poco dopo, «pur non potendosi a meno di ammirare in qualche modo quella ferrea disciplina nazionale, che la severa condanna dell’uomo non lascia neppur attenuare dalla universale ammirazione pel poeta». Cosi, recensendo nel 1909 La nuova Germania di Giuseppe Antonio Borgese (un testo sul quale torneremo),47 scriveva che si doveva riconoscere «quel che di giusto o almeno di scusabile nell’odio a cui è fatto segno da tanta parte — ch’è poi anche la miglior parte — di Tedeschi».48

  • 49 Cf. Rahmer 1903,1909,1911.
  • 50 Come lo scrittore ebreo Gustav Karpeles, di cui De Lollis citava un volume del 1899 su Heine (cf. (...)

34Nell’ambiguità del giudizio di De Lollis giocava un ruolo importante la sua moderata ma ferma germanofilia, ma anche (e questo ci importa maggiormente) una certa difficoltà nel valutare il rapporto tra autobiografia e opera letteraria. Non a caso, nello scritto del 1902, De Lollis discuteva soprattutto un volume del medico tedesco Sigismund Rahmer (1901), autore di altri libri dedicati alle patologie di poeti quali Heinrich von Kleist, August Strindberg, Nikolaus Lenau.49 Meglio di altri apologisti del poeta,50 «giova alla travagliata memoria del poeta l’arida e fredda esposizione che della storia della sua malattia, dagli inizi alla catastrofe, fa S. Rahmer, non uomo di lettere, non giurista, non storico di professione, ma dottore in medicina» (De Lollis 2010: 200).

  • 51 De Lollis 2010:200.

Dalle pagine del libro, cosi semplicemente contesto, il terribile morbo si svolge quasi in ributtanti spire di viscido rettile, che a poco a poco ingoi la nobile creatura [...]; la malattia di Enrico Heine non fu, secondo le conclusioni del Rahmer, una tabe dorsale, come fu dai più creduto, e dai suoi nemici volentieri si lasciava credere, essendo agevole assegnare ad una tale infermità un’origine poco edificante. Egli venne al mondo con una singolare predisposizione alle malattie nervose, luminosamente attestata da alcuni episodi bizzarri della sua infanzia e della sua giovinezza, quali egli stesso narra.51

35Le contraddizioni di Heine uomo, originate dalla sua «malattia», spiegavano quindi quelle di Heine poeta: «Contraddizioni nella vita, scatti e contrasti nell’arte sua, essenzialmente epigrammatica» (202). La nevrosi di Heine serviva non solo a giustificare l’uomo di fronte alle critiche dei connazionali, ma anche a spiegarne l’arte. Tanto ne era convinto De Lollis da scrivere che

  • 52 Ibi: 202-3.

Intorno all’arte del Heine si potrebbe egregiamente e sperimentare l’innesto della psicopatologia sul vecchio tronco della critica letteraria: in modo da potersene minutamente render ragione avvicinandone i caratteri alle condizioni psichiche, che tanto è dire quanto fisiche, del poeta.52

  • 53 Tra i vari scrittori «geniali» sottoposti all’indagine degli psicologi di fine Ottocento è emblema (...)
  • 54 De Lollis 2010: 206. Si trattava di Bartels 1906 e della seconda edizione di Bartels 1907, dell’an (...)

36L’interesse verso gli studi della «psiche» del genio (tipici di certa psicologia positivista di fine Ottocento) non deve sorprendere più del dovuto, dal momento che tali letture erano abbastanza usuali per gli esponenti della scuola storica.53 È più interessante constatare che, a distanza di qualche anno, De Lollis avrebbe in parte mutato la propria posizione. L’articolo sulla «Cultura» del 1908 affrontava nuovamente le critiche dei nazionalisti e antisemiti tedeschi contro Heine, discutendo due volumi di Adolf Bartels volti a «impedire la jattura che Heine abbia una statua su suolo tedesco».54 Nei confronti del giornalista e scrittore antisemita e dei suoi libri «magari tendenziosi, ma certo pensati e sentiti e perciò rispettabili», De Lollis mostrava un certo apprezzamento, che si inseriva nella più generale comprensione (se non vicinanza) del nazionalismo tedesco.

37De Lollis concordava con Bartels sul fatto che Heine in quanto poeta non avesse «nulla di specificamente tedesco» (De Lollis 2010: 207), non però che egli non fosse poeta. Il riferimento era a un un capitolo di Bartels (Heine der Dichter und Macher seines Ruhms), nel quale si provava a dimostrare — con discutibili criteri critici e «formule esteticamente inammissibili» (come le definiva De Lollis) — la presunta pochezza di Heine. In particolare, De Lollis criticava l’equivalenza tra i difetti dell’uomo e quelli del poeta. «La psicologia dell’individuo», scriveva lo studioso, «non ha nulla a che vedere con questa o quell’opera d’arte» (207). Bartels aveva ragione a insistere sul non essere Heine «poeta veramente tedesco», ma questo non bastava a negarne la poesia. Anzi, continuava De Lollis, se, come Bartels dimostrava, l’avversione di Heine contro la Germania era sincera, egli era a maggior ragione, in tale sincerità, poeta («sia pure poeta dell’odio e dell’odio semitico in ispecie»). Abbastanza abilmente De Lollis faceva insomma ammettere allo stesso Bartels, sfruttandone la debolezza argomentativa, la grandezza della poesia di Heine. Concludendo, egli riaffermava la propria stima vero Bartels ribadendo però anche l’infondatezza dei suoi giudizi su Heine:

  • 55 De Lollis 2010: 210.

Io non ho voluto dare una lezione ad Adolfo Bartels che non ne aspetta o merita né da me né da altri e che va in ogni modo lodato di quel suo geloso amore per la sua bella, buona e grande Germania. Anzi, io credo ch’egli possa aver ragione credendo e sostenendo che Enrico Heine non fu un buon tedesco né un poeta veramente tedesco. Ma nei due volumi dell’egregio uomo ho voluto semplicemente additare una insigne, quando funesta negli effetti, contravvenzione a quel sanissimo principio estetico che prescrive di guardare a faccia a faccia l’opera d’arte — ed essa sola —, di profondar l’occhio nella creazione senza curarsi del creatore.55

  • 56 Gargiulo 1908: 709
  • 57 Cf Vossler 1908. Con il volume laterziano, Vossler non si era limitato ad accorpare i due libretti (...)

38Come si è visto, sei anni prima, nello scritto su Heine (ma anche nei profili degli altri poeti tedeschi) De Lollis aveva indugiato proprio sulla «malattia» del creatore per spiegarne la creazione. Evidentemente, ravvicina- mento alla estetica crociana contribuì a una più approfondita riflessione sui rapporti tra biografia e opera poetica. Tanto più che in quegli anni l’estetica idealistica si stava confrontando con «l’invasione delle teorie psicologiche» (come si espresse Alfredo Gargiulo56 recensendo la traduzione italiana di Positivismo e idealismo di Vossler),57 ovvero con l’estetica a base psicologica (in particolare con quella wundtiana).

  • 58 Cf. Di Benedetto 2002; Di Giammarino 2004.
  • 59 E del 1921 lo scritto su Heine (apparso sulla «Critica» di quell’anno, undicesima delle Note sulla (...)

39I due scritti su Heine vanno inseriti nella buona fortuna che incontrò la poesia heiniana in Italia, a fine Ottocento, quando il poeta tedesco non solo era molto amato, ma anche molto tradotto (si pensi, tra le altre, alle traduzioni di Carducci).58 Fu nei primi decenni del Novecento che la sua fortuna si incrinò, complice soprattutto il giudizio negativo di Croce.59De Lollis non si sarebbe più occupato del poeta di Dùsseldorf, se non tramite accenni in altri scritti. Peraltro, a riprova del perdurante apprezzamento verso il poeta, va ricordato che lo studioso scelse proprio un titolo di Heine (Reisebildet) per il suo diario di viaggio sudtirolese (De Lollis 192%).

40De Lollis concordava con quanti accusavano Heine di non essere un poeta «veramente tedesco», anche se per lui tale caratteristica non era da ascrivere ai difetti, bensì alle virtù. Nel 1902 aveva scritto che l’arte di Heine, a differenza di quella di Goethe, «valse a dare all’anima tedesca [...] voci che trovarono nella nostra latina un consenso pieno e spontaneo» (De Lollis 2010: 199). E ancora, nell’articolo del 1908, scriveva che «l’opera letteraria di Heine, cosi tenue e trasparente nella concezione, cosi poco ambiziosa di profondità, cosi nitida nella esecuzione, non ha nulla di specificamente tedesco», dal momento che «cosa non tedesca sono l’eleganza — la civetteria anzi — sentimentale di moltissimi suoi Lieder; e lo scoppiettio sarcastico della sua prosa» (De Lollis 2010: 207).

  • 60 Cf. Ferrerò 1897. Anche De Lollis, come buona parte del mondo accademico italiano, fu un acceso op (...)

41La poesia di Heine era insomma più latina che tedesca. Il presupposto di tale giudizio era la ben nota contrapposizione tra latinità e germanicità, che attraversò tutto l’Ottocento e almeno metà Novecento, in particolare dopo il 1870. Tale contrapposizione fu, come è stato scritto, «una delle linee principali lungo le quali dopo il 1870 si mosse il pensiero europeo, riprendendo in forma originale e con nuovi effetti spunti e temi spesso più antichi» (Galasso 2002: 40). L’argomento è vasto e complesso e non si intende certo affrontarlo qui. Basti solo ricordare che gli scritti di De Lollis sulla Germania sono coevi a un libro che ebbe una notevole importanza nel definire in senso politico (e di razza) tale contrapposizione: l’Europa giovane di Guglielmo Ferrerò (1897),60 nella quale, come ha scritto ancora Galasso, l’Europa giovane era «quella di Bismarck, col socialismo, col Kulturkampp con l’industrialismo, il militarismo, il nazionalismo, riscontrata nella Germania imperiale e messa a confronto con l’Inghilterra e la Russia» (Galasso 2002: 40). De Lollis aderiva pienamente a tale retorica della contrapposizione tra popoli e i suoi scritti sui tedeschi ne registrano, in forma spesso di luogo comune, l’adesione. Nondimeno, proprio l’attenzione all’incontro tra spirito latino e spirito tedesco portò De Lollis a concentrarsi in modo originale su un tema storico-letterario di grande interesse: il soggiorno di scrittori tedeschi in Italia.

  • 61 Cf. Platen 1896-1900.

42Come si è visto, già la seconda puntata del lungo articolo su Platen era dedicata al primo viaggio del poeta in Italia (nel 1824), mentre sul secondo (avvenuto nel 1826) De Lollis scrisse su «Natura e Arte» del 1900. In entrambi i casi, egli attingeva dai due volumi dei Tagebiicher di Platen (pubblicati in quegli anni da Georg von Laubmann e Ludwig von Scheffler),61 nei quali si mostrava, a suo dire, la «manchevolezza» del poeta nel suo confrontarsi con la «superiore» natura meridionale. Diverso il caso di un altro scrittore tedesco profondamente legato all’Italia, Paul Heyse, che, a differenza di Platen («a cui le nordiche nebbie avean già aduggiata l’anima»), senti «l’arcano fascino del Mezzogiorno», ammirando «nelle felici creature meridionali [...] una naturale egemonia» (De Lollis 2010: 183). Interessava a De Lollis soprattutto quanto l’esperienza italiana avesse potuto influenzare l’arte di Heyse:

  • 62 De Lollis 2010: 197.

Ho già dimostrato [...] quanto del suo ottimismo e idealismo fosse dovuto all’Italia. Ma mi resta da aggiungere che anche della sua qualità di scrittore morbido, agile, efficace, egli va in gran parte debitore del «Mezzodì». I durevoli e ripetuti soggiorni in Italia; lo studio lungo, indefesso, appassionato dei nostri scrittori (dai quali, com’è noto, largamente e squisitamente tradusse) e di quelli di altri paesi latini, specie provenzali e spagnuoli, dettero a lui la limpida visione del soggetto, la definizione precisa del sentimento, la plasticità dell’espressione.62

  • 63 Cf. De Lollis 1904c, quindi in De Lollis 2010: 216-24.

43Anche nei suoi (non numerosi) interventi sull’amato Goethe, De Lollis si soffermò soprattutto sui rapporti del grande scrittore tedesco con l’Italia, considerati attraverso il suo soggiorno nella Penisola. In L’Ifigenia di Goethe63 si trattava di indagare l’influenza che l’ltalienische Reise ebbe sul dramma goethiano. Solo in Italia Goethe avrebbe potuto creare con il personaggio di Ifigenia «il tipo ideale umano, l’Urmensch morale»:

  • 64 Ibi: 220.

Opera qui sullo spirito di Goethe, pure a traverso il fuoco della ispirazione poetica, quel principio di natura che eterna il tipico, folgorante nella sua purità, a rappresentar la specie e[...] il Goethe attribuì a sé medesimo la precisa coscienza di questa «pura umanità» appunto in Italia e propriamente in Roma tra la folla immobile delle statue antiche.64

  • 65 Cf. De Lollis 1904d, quindi in De Lollis 2010: 225-33. Sugli scritti di argomento goethiano appars (...)
  • 66 Tra la vasta bibliografia sui viaggiatori tedeschi in Italia ci si limita a rimandare a Bòdeker 20 (...)

44Più interessante sembra però l’altro articolo goethiano di De Lollis, Il Baedeker di Goethe in Italia,65 nel quale era indagato quanto la guida Baedeker scritta da Volkmann (le Historisch-kritische Nachrichten von Italien), che Goethe si era portato in Italia, ne avesse influenzato la descrizione del paese che «allora era considerato semplicemente come un museo, dall’Alpi al Lilibeo» (De Lollis 2010: 225).66 La guida non si limitò ad accompagnare il grande viaggiatore, ma «spesso ebbe virtù d’avviarne lo spirito verso una od altra direzione; a volte propriamente suggestionandolo, a volte con una sua osservazione mettendolo in moto per arrivar poi magari al punto opposto» (225). De Lollis studiava quindi quanto la guida di Volkmann avesse influito sulla descrizione goethiana dell’Italia. In particolare, si interessava al «contrasto» tra i giudizi artistici dei due, come davanti al Giudizio Universale di Michelangelo. Volkmann, amico e seguace di Winckelmann, vi rivelava «difetto di colorito e mancanza d’azione dell’insieme, pur essendo anatomicamente perfette le singole figure» (227). Nella tradizione di Winckelmann e Mengs, Volkmann, e come lui la «folla di Tedeschi peregrinanti in Italia», preferiva la «bellezza pura e tranquilla» di Raffaello. Ben diversa era l’opinione di Goethe, che si sottraeva alla scuola classicheggiante e ritrovava in Michelangelo la conferma della propria «concezione della vita universale»: «Quell’immenso grappolo di corpi umani sospesi al cenno dell’Onnipotente [...] operò nella sua fantasia di poeta e di scienziato precisamente come la folta e rigogliosa vegetazione dei giardini pubblici di Palermo» (228).

  • 67 Cf. Archenholz 1787.

45De Lollis si soffermava poi sulla sostanziale indipendenza di Goethe, nel giudicare «i costumi e le tendenze» degli italiani, dal giudizio tradizionalmente negativo che si leggeva nelle guide tedesche, anche in quella di Volkmann; giudizio addirittura esasperato nella guida di Johann Wilhelm Archenholz (England und Italien),67 ricordata da De Lollis per segnalare lo sprezzo di Goethe verso il libro. «Meravigliosa» era per De Lollis l’interpretazione goethiana dei fannulloni di Napoli e le pagine sulla città partenopea «le più belle» dell’Italienische Reise. Proprio il Baedeker aveva per esempio invogliato Goethe a considerare con uno sguardo più profondo i «fannulloni» di Napoli (a detta di Volkmann «oziosi che non hanno e non desiderano alcuna determinata occupazione»). Per Goethe, si trattava invece di un modo di concepire il lavoro diverso da quello dell’«uomo del Nord»: era «tra la classe più bassa dove gli altri cercavano e trovavano i trenta e quaranta fannulloni» che si sarebbe dovuta cercare l’«industria» dei napoletani (De Lollis 2010: 232).

5. La germanofila di De Lollis prima della grande guerra

46Come si è detto, gli scritti poc’anzi ricordati, tutti del primo Novecento, furono gli ultimi nei quali De Lollis si occupò distesamente di letteratura tedesca. Con l’approdo alla cattedra di Letterature francese e spagnola moderne, i suoi interessi si volsero soprattutto a tematiche concernenti le moderne letterature neolatine (in particolare, il classicismo e il romanticismo in Francia e Italia) e vi fu sempre meno spazio per gli autori tedeschi. Con il trauma della Prima guerra mondiale, poi, la situazione mutò anche sul piano politico: se De Lollis fu un fervente neutralista nel 1914 (con gli scritti sulla rivista «Italia Nostra»), è indubbio che anch’egli (partito per il fronte nel 1915) non potè non avvertire, in tutta la sua drammaticità, lo scontro con una Germania fino a quel momento considerata con favore, e non solo sul piano della scienza.

  • 68 Cf. Borgese 1909. Il libro ebbe una seconda edizione nel 1917, con «consistenti tagli nel testo e (...)
  • 69 Su Borgese e la Grande Guerra si rimanda a Tosi 1973 e da ultimo a Bonnet 2010.
  • 70 Nel 1909 tutto ciò era però ancora lontano. Non affronteremo qui il rapporto complesso di Borgese (...)
  • 71 Cf. Borgese 1915.

47È significativa, in tal senso, la ricordata recensione di De Lollis alla prima edizione della Nuova Germania di Borgese.68 Di lì a qualche anno i due si sarebbero trovati su schieramenti opposti, neutralista De Lollis e interventista Borgese.69 Del resto, come vedremo, i dissapori si erano già verificati durante la condirezione della «Cultura», conclusasi con una netta rottura.70 A proposito della Nuova Germania, lo stesso Borgese senti l’esigenza, anni dopo, nel pieno della propria campagna a a favore della Guerra di redenzione (come intitolò la brochure del 1915),71 di chiarire la propria posizione nei confronti della passata ammirazione per la cultura tedesca. Nell’Introduzione a Italia e Germania (uscito nel 1915 e ristampato nel 1919) cosi scriveva a proposito della Nuova Germania:

  • 72 Borgese 1919: XVIII-XIX.

Se merito ho, è [...] quello d’essere stato fra i primi a fare un’analisi pessimistica della Germania moderna. Il libro era perfino troppo uniforme e grigio per l’insistenza di questa tesi, la quale allora offese molti per la sua «stramberia» [...]; sentii con intensità, ed anche con le esagerazioni e le unilateralità difficilmente evitabili da chi si metta per una strada poco battuta, la decadenza tedesca. Ne cercai i segni nella vita politica e nella sentimentale, nelle crisi di partito e nei grandi processi, nell’arte e nello stile di vita quotidiano.72

48Recensendo il libro di Borgese (elogiato all’inizio della recensione per la Storia della critica romantica in Italia), De Lollis condivideva molte delle critiche di Borgese alla società tedesca, ma non tutte. «L’indipendenza di giudizio del Borgese», scriveva, «accanto a tanto di bene lo porta a vedere anche il molto ch’è di male nella Germania d’oggi: irreligiosità, dissoluzione della famiglia, mania del fasto, corruzione» (De Lollis 1909h: 241). Eppure, continuava poco dopo, Borgese riconosceva, né avrebbe potuto misconoscere, i grandi pregi della Germania, che per De Lollis erano nettamente superiori ai difetti:

  • 73 De Lollis 1909h: 242.

Il Borgese riconosce che la Germania è un paese il quale ha ancora vivissimo il culto della disciplina, che romani sono i Tedeschi d’oggi molto più di tutte le nazioni latine, se romano vuol dire forte e paziente e tenace; riconosce che essi praticano oggi come cinquanta o cento anni fa quella lealtà sociale che in tutti i Latini è scarsa, minima negli Italiani; riconosce che Amburgo è un miracolo presente foriero di miracoli avvenire; non potrà non riconoscere, quantunque non ne parli di proposito, che le manifestazioni della vita moderna le quali richiedono per sé la più squisita delicatezza della precisione, trams, ferrovie ordinarie o sotteranee e aeree, transatlantici, uffici postali e via dicendo hanno raggiunto e mantengono una perfezione d’esercizio ignota e a noi e alla Francia e all’Inghilterra stessa. Non potrà non riconoscere che le scuole d’ogni grado funzionano con una regolarità e proficuità che denotano un’eguale freschezza d’entusiasmo in maestri e scolari; che gli opificj si moltiplicano senza che la quantità sia a scapito della qualità; che della pletora dell’industria tedesca si risentono tutti i mercati del mondo; che i nipoti d’Arminio, dal Handmrksbursche al capitalista, corrono in tutti i sensi il mondo e dovunque mettono e profondano le radici. Non potrà il Borgese non riconoscere che un reggimento tedesco in genere, prussiano in ispecie, è, in marcia, uno spettacolo d’unità, di ritmo e di forza (un nostro deputato meridionale mi diceva immaginosamente, lo scorso autunno, d’essersi messo a scappare quando senti segnare il passo alla guardia del palazzo reale di Berlino) ... E tutto ciò riconoscendo o dovendo riconoscere, vorrà, potrà egli sostenere che codesti segni o indici non valgano nulla di contro a quegli altri?73

  • 74 «La mobilità d’occhi d’un giornalista eletto; l’impressionabilità d’un artista; un buon fondo di c (...)
  • 75 Cinque articoli vennero raccolti in De Lollis 1915. Sul neutralismo di De Lollis e sulla decisione (...)

49Il giudizio di De Lollis sul libro del futuro collega di rivista era positivo, cosi come sul suo autore.74 Nondimeno, lo scopo del libro (ovvero, come Borgese scrisse anni dopo, mostrare la decadenza tedesca) era voluta- mente ignorato da De Lollis. Per lui, la Germania era ben lungi dall’essere in crisi, offrendo invece lo spettacolo di «unità, ritmo, forza» di uno schieramento prussiano. La posizione di De Lollis era insomma un moderato ma fermo filogermanismo, che sarà alla base anche del battagliero neutralismo degli articoli apparsi nel 1914-1915 sul «Giornale d’Italia» e soprattutto su «Italia Nostra».75

  • 76 Va però segnalata una significativa eccezione, ovvero lo scritto sui Contatti romantici colla poes (...)
  • 77 «Non avrei mai creduto possibile che due popoli alleati potessero perdere a tal punto e in cosi po (...)

50Dopo la guerra, De Lollis non scrisse sostanzialmente più nulla sulla letteratura tedesca, a differenza dell’amico Croce (che proprio nel 1919, l’anno delle Pagine di guerra, pubblicò la monografia goethiana).76 Tuttavia, soprattutto nell’immediato Dopoguerra, De Lollis si sforzò di ristabilire i rapporti tra i due paesi. Lo si evince, tra l’altro, da alcune lettere all’amico Vossler, che come molti altri Romanisten aveva vissuto con offeso rammarico la scelta dell’Italia di schierarsi contro la Germania.77 Cosi gli scriveva De Lollis (in una lettera non datata):

  • 78 NV, Cesare De Lollis a Karl Vossler, Orsogna (Chieti) s.d.

Che tu senta cosi profondamente le sventure della tua grande patria mi piace assai. Non credo le sentano allo stesso modo e i commercianti e gli industriali tedeschi. E ciò prova che negli uomini veramente d’ingegno la cultura si fa succo e sangue e produce viva scrupolosità di coscienza che li accompagna in tutte le contingenze della vita.78

  • 79 «Caro amico, pochi tedeschi conoscono e amano l’Italia bene come tu. Perché non mi scrivi una lett (...)
  • 80 «Anche io non so più nulla dei miei amici italiani. Con i migliori tra loro (Croce e De Lollis) cr (...)

51Già nell’ottobre 1914 De Lollis aveva sollecitato da parte di Vossler un intervento per il «Giornale d’Italia» sui rapporti tra Italia e Germania (che sarebbe poi stata la lettera di Carlo Vossler sull’Italia e la Germania, del 19 ottobre): «Lieber Freund, wenige Deutsche kennen und lieben Italien so wie du. Warum schreibst du mir nicht einen Brief uber die jetzigen Verhàltnisse zwischen den zwei Làndern?».79 Proprio De Lollis era, insieme a Croce, l’unico studioso italiano col quale Vossler, scrivendo a Schuchardt nel 1915, si diceva sicuro di potersi facilmente riconciliare. «Von meinen italien. Freunden erfahre auch ich nichts mehr», gli scrisse l’8 agosto 1915, «mit den besten unter ihnen: Croce u. De Lollis glaube ich mich rasch wieder zu verstehen».80 La riconciliazione avvenne in effetti nel 1919 (come scrisse ancora a Schuchardt il 10 novembre), innanzitutto con Croce, ma anche con De Lollis, Torraca, Gentile, Farinelli e «verschiedene Jùngere»:

  • 81 «Per i miei rapporti con l’Italia Monaco è in ogni caso il posto più conveniente, e i migliori tra (...)

Fùr meine italienischen Verbindungen ist Mùnchen ohnedem der gùnstigere Platz, u. die besten meiner italienischen Freunde, Croce vor Alien, dann aber auch Torraca, De Lollis, Gentile, Farinelli u. verschiedene Jùngere haben in so herzlicher, in so schonender u. feiner Art mir die Hand als Erste wieder angeboten, daB ich das Gefuhl habe: man ist sich menschlich noch nàher gerùckt als man fruher stand.81

  • 82 Le Pagine di guerra erano uscite nel 1919 e la traduzione di Schlosser tre anni dopo (cf. Croce 19 (...)

52Nei primi anni del Dopoguerra si trattava di ristabilire i rapporti culturali tra i due paesi. Erano gli anni, insomma, per limitarci a ricordare un solo episodio significativo, in cui Julius von Schiosser traduceva le Pagine di guerra di Croce;82 un’«operazione interessante», come ha scritto Domenico Conte, in quanto «traduzione tedesca, attraverso uno studioso austriaco, dei “saggi di guerra” di uno dei più importanti rappresentanti [...] della cultura d’Italia, cioè di una delle potenze vittoriose nella guerra contro gli imperi centrali» (Conte 2016: 606). In una lettera del 22 novembre 1919 De Lollis esortava Vossler a superare l’astio bellico contro l’Italia, a cui «troppe cose» lo legavano, e si augurava che potesse tornare a collaborare alla nuova «rivistucola»:

  • 83 NV, Cesare De Lollis a Karl Vossler, 22 novembre 1919

Mi dispiacque sentire da te che a venire in Italia ti manca la “Stimmung”. Uno spirito equilibrato come il tuo deve crearsela. Troppe cose — di cuore e di cervello — ti legano all’Italia, e troppi amici ci conti, ai quali farebbe tanto piacere rivederti. Del resto, chi può esser lieto, ora? Chi vuol esser lieto sia, dice il poeta della Rinascenza. Io mi son ritratto da tutti e da tutto. Lavoro per lavorare. Fumo le mie idee e quelle degli altri, come fumo i miei sigari.
Pure, mi son lasciato andare ad impegnarmi per una rivistucola mensile, indi- pendente, possibilmente seria, senza essere troppo tecnica. Qui, come in Germania, bisogna gittar dei ponti tra la così detta alta cultura e il grosso pubblico. Spero vorrai, più in là, collaborare anche tu.83

53Il 28 febbraio (in una lettera senza data ma presumibilmente del 1920) De Lollis tornava sull’argomento:

  • 84 NV, Cesare De Lollis a Karl Vossler, 28 febbraio s.a.

So che c’è un certo movimento per ristabilire le relazioni intellettuali tra Germania e Italia, ed io non posso non simpatizzare per esso in quanto viene ad implicare un programma di serietà. Ma non ti nego che, siccome io risi rabe- laisianamente, dell’«entente intellectuelle», che mi ricordava il Concilio di Trento, dubito che sia opportuno qualsiasi programma d’intesa in altro senso, e credo sarebbe meglio cominciare a scambiarci, intensamente, riviste e articoli, e a segnalare, reciprocamente, le pubblicazioni importanti. Che ne dici? Comunque, tu devi essere uno dei primi a muoverti.84

54Il 18 luglio 1921 De Lollis cosi commentava il viaggio di Vossler in Italia in quei giorni:

  • 85 NV, Cesare De Lollis a Karl Vossler, 18 luglio 1921. Nella lettera erano acclusi i due ritagli de (...)

Mi fa piacere che tu ti sia trovato bene del tuo viaggio qui. Bisogna che, nell’interesse dei due paesi, Germania e Italia tornino ad intendersi; e a ciò si può arrivare anche senza la diplomazia. Ti accludo un ritaglio del Tempo e uno dal germanofobo anzi germanofago Giornale d’Italia: vedi un po’ come anche quest’ultimo sia stato lieto di segnalar la tua presenza qui. Per ora, pur troppo, non verrò in Germania.85

  • 86 Conte 2016: 604.

55La presenza di Vossler nella nuova serie della «Cultura» riprendeva una consuetudine iniziata già ai tempi della prima serie delollisiana della rivista, alla fine degli anni Dieci, e si inseriva nell’intento di riconnettere Italia e Germania sul piano culturale. Peraltro, non fu questa la principale delle battaglie di De Lollis negli anni Venti e in generale l’interesse per la letteratura tedesca (che aveva caratterizzato in modo non secondario gli inizi della sua attività critica) sfumò, nell’ultimo periodo, insieme a una non più proponibile germanofilia: erano anni, oramai, irrimediabilmente diversi. Del resto, De Lollis non visse abbastanza per sperimentare quel «lungo e complesso tragitto» che portò Croce «dalla vicinanza alla lontananza»86 nei confronti della Germania che abbiamo amata (per citare il noto articolo crociano del 1936).

Notes

1 NV, Ernesto Monaci a Karl Vossler, s.d.

2 II dato è confermato da Monteverdi 1964: 21-2, che lo ricavò dai verbali del Consiglio della Facoltà di Lettere e Filosofia di Roma tra il 1903 e il 1906.

3 Si noti, solo come aneddoto accademico, che De Lollis avrebbe dovuto prendere parte come giudice al concorso della cattedra di tedesco dell’Università di Roma nel 1909. Ne informava lui stesso, in due interventi sul «Giornale d’Italia» del 6 e 15 dicembre 1909 e sulla «Cultura» del 15 dicembre, accusando l’onorevole Rava di averlo escluso per le dure polemiche che gli aveva rivolto a proposito degli esami di lingue e letterature straniere: «Nel Giornale d’Italia del 6 e 15 dicembre ho pubblicato due lettere (ci voleva un ministro a far di me un epistoliere!) per informare il pubblico delle ragioni che avevano indotto l’on. Rava a non tener conto del voto delle Facoltà che mi designava come un dei giudici del concorso per la letteratura tedesca dell’Università di Roma» (De Lollis 1909o: 761-2). La cattedra toccò a Giuseppe Antonio Borgese, che insegnava Letteratura tedesca a Torino dal 1909 e che un anno dopo venne trasferito a Roma, dove rimase fino al 1917. Collega di De Lollis all’ateneo romano, condiresse, come vedremo, insieme a lui e a Nicola Festa, la «Nuova Cultura» nel 1913.

4 Gli articoli di De Lollis sulla letteratura tedesca sono stati raccolti da Fausto De Sanctis in De Lollis 2010, da cui si cita.

5 L’acerbo articolo giornalistico su Brentano apparso sulla «Domenica Letteraria» dell’8 febbraio 1885 non è stato inserito nella bibliografia di De Lollis allestita da Migliorini, ma è stato incluso in De Lollis 2010: 37-42.

6 Cf. De Lollis 1886b, quindi in De Lollis 2010: 43-8.

7 Cf. De Lollis 1886e, quindi in De Lollis 2010: 43-8. Bottacchiari giudicò «notevole» l’articolo, forse un po’ esagerando per amor di discepolo (cf. Bottacchiari 1928: 526).

8 Aveva tradotto La morte di Caro e Re Ottone nel 1885 (De Lollis 1885b) e nel 1886 il Canto dei morti (De Lollis 1886f). Come ha scritto Franco Arato, «anche queste belle versioni rientrano a pieno titolo nella storia della fortuna dei tedeschi nell’Italia fin de siede» (Arato 2010: 416). Croce le incluse nel volume da lui curato, Reisebilder e altri scritti (De Lollis 1929b: 149-153). La versione delollisiana di Gesang der Toten è stata inoltre riportata da Vittorio Santoli nella sua Letteratura tedesca moderna (Santoli 2002: 243-4).

9 Cf. Arato 2010.

10 Santoli 2002: 253.

11 Cf. De Lollis 1897c, 1897d, 1897e, quindi in De Lollis 2010: 49-99, da cui si cita. Di Platen De Lollis si occupò ancora nel 1900 con un articolo apparso in «Natura ed Arte» (De Lollis 1900d, anch’esso raccolto in De Lollis 2010: 100-7).

12 De Lollis 2010: 49.

13 De Lollis 2010: 49.

14 «Io non v’intesserò per disteso la sua biografìa: mi basterà solo accennare per ora alla circostanza che vi spiega luomo e il poeta: egli fu durante la sua vita, profondamente malato nel sistema nervoso» (ibi: 43).

15 In tal senso, la citazione dall’epigramma plateniano An die Poetaster posta in epigrafe alle Odi barbare era una chiara dichiarazione di poetica («die edlere Form tiefe Gedanken bedarf», recitava il terzo dei quattro versi), con la quale «era irrisa la presunzione di tanti verseggiatori che rivestivano di forme metriche rare e inusitate pensieri volgari» (Arato 2010: 412).

16 De Lollis 2010: 51.

17 Ibi: 57.

18 De Lollis 2010: 61.

19 Ibi: 80.

20 Cf. D’Ovidio 1903.

21 De Lollis 2010: 71.

22 «Ne consegue che l’ispirazione abbia solo di rado libero corso e che il più sovente essa appena trasudi a traverso la compattezza metallica del verso plateniano, battuto, ribattuto, limato, rilimato colla industre pazienza d’un orafo che il maggiore se non unico elogio dell’opera propria attenda dalla finezza dei minuti particolari» (ibi: 71-2).

23 Di una «conoscenza quasi perfetta della lingua tedesca, [...] naturale in un uomo veramente colto» ha parlato, a proposito degh studi di letteratura tedesca del maestro, Bottacchiari 1928: 524.

24 De Lollis 2010: 72.

25 La «fede nell’arte» (espressione che sarebbe tornata nell’articolo su La fede di Dante nell’arte), era dunque, già in quegli anni, uno dei punti fermi della critica di De Lollis. Nell’articolo del 1912 su Carducci (Appunti sulla lingua poetica del Carducci) avrebbe riconosciuto al poeta maremmano «la preoccupazione d’un’arte laboriosa e, per tal via, dignitosa», in contrasto con la «faciloneria e gli sdilinquimenti degli ultimi romantici» (De Lollis 1968: 539). Come noto, Carducci, nella nota alla prima edizione delle Odi barbare aveva posto come condizione necessaria della sopravvivenza della poesia lirica il suo carattere di «arte», nella stessa accezione delollisiana di poesia formalmente elaborata: «La lirica — aveva scritto Carducci — individuale com’è, par che resista, e può durare ancora qualche poco, a condizion per altro che si serbi arte: se ella si riduce ad essere la secrezione della sensibilità o della sensualità del tale e del tale altro, se ella si abbandona a tutte le rilassatezze e le licenze innaturali che la sensibilità e la sensualità si concedono, allora, povera lirica, anche lei la vedo e non la vedo» (Carducci 1877: 105-6).

26 Nelle pagine dedicate a Platen nella citata Letteratura tedesca moderna, Santoli ripetè sostanzialmente il giudizio del maestro sul poeta: «Più remote ancora, e di parecchio, dal comunale senso della forma sono le odi (alcaiche, saffiche, asclepiadee) alle quali il Platen attese con rigorosissimo impegno metrico, nello sforzo (come con bella metafora disse il De Lollis) di regalare “superbi monili” alla patria letteratura. Di qui una dizione “luculenta” e una profusione a piene mani di “tutti gli espedienti che Greci e Latini predilessero per raddobbo festoso dell’idea”, sicché l’impeto lirico si direbbe venga misurato dallo “sforzo sapiente del Poeta di contenerlo entro alla strofe” (De Lollis). E che il Platen, scegliendo forme di tanta difficile nobiltà [...] anelava a rivestire il suo pensiero dei panni più lussuosi: sentimento espresso con tutta chiarezza dai distici che non per nulla Giosuè Carducci pose in fronte alle Odi Barbare» (Santoli 2002: 240). Anche la predilezione di Santoli per le poesie di Platen di argomento storico derivava, per sua stessa ammissione, da Carducci e De Lollis: «per tornare alla poesia sembra a noi, scolari pure in questo di Carducci e De Lollis, che essa si dispieghi meglio nelle ballate di argomento storico» (ibi: 241).

27 Cit. in Arato 2010: 409, n. 18.

28 «La storia delle forme poetiche», scrisse Domenico Pettini a Croce il 10 maggio 1929, qualche mese dopo la morte del maestro, «non astratte (l’ottonario, il settenario, il poema epico, la lirica) come lintendevano il Carducci, e un po’ ancora, nonostante gli influssi dell’opera Sua il De Lollis, non è la miglior preparazione alla comprensione e quindi al giudizio delle opere d’arte?» (Croce—Pettini: 55-56).

29 «Giosuè Carducci tentò, con una risolutezza nuova, l’accordo della realtà cruda della contenenza con una suprema nobiltà di forma [...]; in questo suo tentativo, in cui apparve l’audacia non la meditazione che lo preparò, il Carducci si atteggiò, con generosa modestia, scolare del Platen, un poeta di volontà, più che di ispirazione, delle cui convulsioni pindariche ferocemente rise quel gran monello di Heine. Ma veramente lo guidò il suo istinto di artista» (De Lollis 1907c: 86).

30 De Lollis 2010: 96-7.

31 Ibi: 96.

32 De Lollis 2010: 105.

33 Sulla trasfigurazione letteraria dell’Italia (e in particolare di Venezia) in Platen si rimanda a Hachmeister 2002: 113-43. Del resto, già tra Otto e Novecento, il rapporto tra il poeta tedesco e l’Italia era un tema abbastanza usuale all’interno della bibliografia plateniana (si pensi, tra gli altri, a Sorrento 1910).

34 Cf. De Lollis 1899a, incluso poi in De Lollis 2010: 116-82, da cui si cita.

35 Ibi: 178.

36 Sulla ricezione di Ibsen in Italia si rimanda ad Alonge 1995, Urso 2004, Magris 2008, D’Amico 2011.

37 De Lollis 2010: 179

38 Su questo dramma, De Lollis pubblicò un articolo nel 1898 sulla «Nuova Antologia» (cf. De Lollis 1898d, quindi in De Lollis 2010: 109-115)

39 «Nei suoi primi drammi le disposizioni della scena son raccomandate a linee geometriche, combinantisi in una pianta bella e buona; i personaggi son detti “persone agenti” (bandeInde Menschen), gli atti Dergdnge; e in essi e nei seguenti tutti le didascalie hanno ora dell’epico per la soverchia lunghezza, ora del lirico perché usurpano l’espressione dei moti intimi dell’animo che dovrebbero invece tradursi in azione; e spesso, troppo spesso il tipico dei personaggi è raccomandato alla ostinata ripetizione di una frase o d’un gesto che abbiano in sé dell’anomalo: senza dire che là dove l’autore non riesce a trovare per una troppo rara combinazione psichica, sia pur momentanea, l’espressione piena e limpida, egli si cava d’impaccio ponendo in bocca ai propri perso- naggi qualche parola spazieggiata, che appunto perché non ha nel contesto un significato preciso vuol esser terribilmente suggestiva per lo spettatore. Tutto ciò vien da modelli norvegesi; e da essi anche il Hauptmann derivò, giudiziosamente, la nervosa rapidità del dialogo, alla quale non si fa eccezione se non nel Florian Geyer» (De Lollis 2010: 179).

40 Ibi: 181.

41 «L’Ibsen venne su tra un popolo dove (strano contrasto) la pianta dell’individualismo fioriva accanto a quella della superstizione e all’ombra della potenza sacerdotale, grandissima perché frazionata tra molti appropriantisi anche ogni forma di attività intellettuale; dove le pareti anguste del gaard opprimono, senza riuscire a soffocarlo, quel senso gigante dell’io [...]; dove la natura ostile dà non solo la necessità, ma la voluttà della lotta. Aspirante al nuovo a traverso l’incerto e rinverisimile; dove la notte, per lunghi mesi incombente, confonde nel proprio seno realtà e sogno, e al pensiero vigilante nelle tenebre e avvolgente si in mille strane combinazioni, che son come un baloccarsi dell’anima al gioco del solitario, dà vigore e intensità d’azione. Questo in via generale. Quanto all’Ibsen in ispecie, il suo esodo dalla patria, che fu principio di lunghe peregrinazioni a traverso l’Europa centrale e meridionale, ha ben qualche cosa della fuga desolante d’un orso infuriato a traverso i vigneti e le biade fiorenti, e nella sua dolorosa realtà meravigliosamente simboleggia le remote peregrinazioni dei Wikingar fuggenti, su fragili schifi, più che la sterilità del suolo natio, le tirannidi che sorgevano annunzia- trici d’un viver nuovo ordinato a certa regola. Lo spettacolo delle civiltà lentamente e gradatamente stratificate irrita, quasi, il suo spirito selvaggio, che nella fresca vigoria dei propri impeti, balza d’un tratto all’ideale della perfezione improvvisa, a traverso la distruzione di ciò che ora è. E Ibsen, insomma, norvegese nell’anima, non isdegnerebbe certo di riconoscer la propria essenza nell’eroe nazionale ch’egli stesso regalò al proprio paese: in Peer Gynt, il sognatore, lo scettico, l’avventuriero, che fonde in sé don Chisciotte, Amleto, Tartarin; che i propri sogni porta sul terreno della realtà; che colla irrequietezza dell’azione tien dietro a quella del pensiero; e al proprio agire, sotto cieli più indulgenti che il suo, non segna né confini, né direzione; che per l’invincibile bisogno dello sconfinato si compensa del perduto dominio dei ghiacci con quello del gran deserto» (De Lollis 2010: 180-1).

42 De Lollis 1900a: 310.

43 Ibi: 311

44 Cf. Croce 1910, quindi in Croce 1914a, II: 5-110 (il paragrafo su Anticarduccianesimo postumo alle pp. 5-30).

45 Cf. De Lollis 1902 e 1908e, poi in De Lollis 2010: 199-210, da cui si cita.

46 Ibi: 199.

47 Cf. De Lollis 1909h.

48 Ibi: 240-1. Sulla ricezione di Heine si rimanda tra gli altri a Peters 2000.

49 Cf. Rahmer 1903,1909,1911.

50 Come lo scrittore ebreo Gustav Karpeles, di cui De Lollis citava un volume del 1899 su Heine (cf. Karpeles 1899).

51 De Lollis 2010:200.

52 Ibi: 202-3.

53 Tra i vari scrittori «geniali» sottoposti all’indagine degli psicologi di fine Ottocento è emblematico il caso di Benvenuto Celimi. La sua «psiche», aveva interessato, tra Ottocento e Novecento, molti psicopatologi (si veda per esempio Courbon 1906 e Que- renghi 1913). I loro lavori erano letti anche da alcuni studiosi di letteratura, come Rodolfo Renier: interessato al confronto con la psicologia lombrosiana, egli aveva incluso negli Svaghi critici uno scritto riguardante proprio La psicopatologia di benvenuto Cellini, discutendo il citato libro di Courbon (cf. Renier 1910: 71-92). Vi si legge, tra l’altro, che «i seguaci del metodo storico, come si credono in obbligo, per spiegarsi l’opera d’arte o di scienza, di studiare accuratamente la temperie in che l’artista o il pensatore è cresciuto, la sua educazione, la sua indole, la sua biografia, giacché da particolari siffatti può ricevere luce la sua produzione, cosi non debbono essere indifferenti alle qualità fisiche dell’individuo che studiano, alle sue anomalie morali ed intellettuali, ai suoi vizi ed alle sue debolezze di uomo».

54 De Lollis 2010: 206. Si trattava di Bartels 1906 e della seconda edizione di Bartels 1907, dell’anno successivo.

55 De Lollis 2010: 210.

56 Gargiulo 1908: 709

57 Cf Vossler 1908. Con il volume laterziano, Vossler non si era limitato ad accorpare i due libretti apparsi nel 1904 e nel 1905 (Vossler 1904b e 1905), ma aveva anche apportate varie modifiche, spesso molto significative. Sulla questione si rimanda a Stefanelli 2017.

58 Cf. Di Benedetto 2002; Di Giammarino 2004.

59 E del 1921 lo scritto su Heine (apparso sulla «Critica» di quell’anno, undicesima delle Note sulla poesia italiana e straniera del secolo decimonono), poi raccolto in Poesia e non poesia (cf. Croce 1923: 172-85).

60 Cf. Ferrerò 1897. Anche De Lollis, come buona parte del mondo accademico italiano, fu un acceso oppositore del progetto del 1910 di affidare a Ferrerò una cattedra di Filosofia della storia all’Università di Roma. In G. Ferrereo e «forse che st, forse che no» si legge: «La scienza non ha patria. Figurarsi quindi se può aver domicilio fisso all’Università. Ma la Facoltà di Lettere di Roma che non ha mai aspirato ad arrostire i liberi pensatori come una volta si divertiva a fare la Sorbonne [...]. La Facoltà di Lettere di Roma, opponendosi alla nomina di G. Ferrerò, non ha già voluto affermare la propria intolleranza verso qualsiasi forma di attività extra-accademica, come pure si va vociando; ha semplicemnte dubitato e mostrato di dubitare, nel caso speciale, dei risultati dell’attività storico-filosofica di G. Ferrerò» (De Lollis 191 Oc: 368). Il bersaglio polemico era soprattutto Grandezza e decadenza di Roma, che fu molto apprezzato dal pubblico, ma non altrettanto dagli esperti (cf. Ferrerò 2016).

61 Cf. Platen 1896-1900.

62 De Lollis 2010: 197.

63 Cf. De Lollis 1904c, quindi in De Lollis 2010: 216-24.

64 Ibi: 220.

65 Cf. De Lollis 1904d, quindi in De Lollis 2010: 225-33. Sugli scritti di argomento goethiano apparsi sulla «Nuova Antologia» e in generale sul contributo della rivista alla ricezione italiana di Goethe si rimanda a Belski 1997.

66 Tra la vasta bibliografia sui viaggiatori tedeschi in Italia ci si limita a rimandare a Bòdeker 2005.

67 Cf. Archenholz 1787.

68 Cf. Borgese 1909. Il libro ebbe una seconda edizione nel 1917, con «consistenti tagli nel testo e raggiunta di una significativa Prefazione, in cui fautore sottolinea la presa di distanza dalla precedente versione» (De Seta 2007: 117).

69 Su Borgese e la Grande Guerra si rimanda a Tosi 1973 e da ultimo a Bonnet 2010.

70 Nel 1909 tutto ciò era però ancora lontano. Non affronteremo qui il rapporto complesso di Borgese con la cultura e la politica tedesche, una questione complessa («l’attitude de Borgese vis-à-vis de l’Allemagne est [...] complexe et n’est peut-étre pas exempte de contradictions», ha scritto giustamente Bonnet 2010: 4), cosi come complesse sono le vicende della germanofilia italiana nei primi decenni del Novecento. Ci basti qui considerare la recensione di De Lollis alla prima edizione della Nuova Germania, nel contesto degli scritti del filologo di argomento tedesco.

71 Cf. Borgese 1915.

72 Borgese 1919: XVIII-XIX.

73 De Lollis 1909h: 242.

74 «La mobilità d’occhi d’un giornalista eletto; l’impressionabilità d’un artista; un buon fondo di cultura storica; assennatezza naturale di mente; la delicatezza d’una penna agguerrita nelle sottigliezze dei problemi letterarj... Belle qualità, a prenderle una per una; bellissime, costituite in un insieme; condizione eccezionalmente propizia codesto insieme alla buona riuscita d’un libro di questo genere. E di tal condizione è nel pieno possesso — a me sembra — A. G. Borgese» (ibi: 243).

75 Cinque articoli vennero raccolti in De Lollis 1915. Sul neutralismo di De Lollis e sulla decisione di partire per il fronte da volontario si rimanda a Vinciguerra 1957 e Cattaneo C. 2007-2008. Sull’esperienza al fronte del tenente De Lollis si veda poi il Taccuino di guerra pubblicato da Massimo Colesanti nel 1955 (De Lollis 1955).

76 Va però segnalata una significativa eccezione, ovvero lo scritto sui Contatti romantici colla poesia tedesca (De Lollis 1920e, da ultimo in De Lollis 1968: 433-50). Il punto di vista era però in questo caso tutto italiano e l’interessante confronto con le ballate tedesche era funzionale al discorso sulla lingua poetica italiana dell’Ottocento.

77 «Non avrei mai creduto possibile che due popoli alleati potessero perdere a tal punto e in cosi poco tempo ogni contatto morale e politico» scrisse a Croce nel 1914 (cf. Croce—Vossler 185).

78 NV, Cesare De Lollis a Karl Vossler, Orsogna (Chieti) s.d.

79 «Caro amico, pochi tedeschi conoscono e amano l’Italia bene come tu. Perché non mi scrivi una lettera sugli attuali rapporti tra i due Paesi?». Cf. NV, Cesare De Lollis a Karl Vossler, s.d. [timbro del 23-24 ottobre 1914].

80 «Anche io non so più nulla dei miei amici italiani. Con i migliori tra loro (Croce e De Lollis) credo che andrò di nuovo d’accordo velocemente» (Schwàgerl—Melchior 2015: 216).

81 «Per i miei rapporti con l’Italia Monaco è in ogni caso il posto più conveniente, e i migliori tra i miei amici italiani, su tutti Croce, ma anche Torraca, De Lollis, Gentile, Farinelli e diversi giovani mi hanno per primi porto la mano in un modo cosi cordiale, cosi riguardoso e cosi fine, che ho la sensazione che, quanto a umanità, ci si sia avvicinati ancor più di prima». Cfr. Schwàgerl-Melchior 2015: 222.

82 Le Pagine di guerra erano uscite nel 1919 e la traduzione di Schlosser tre anni dopo (cf. Croce 1922). Sui rapporti tra i due studiosi ci si limita a rimandare al carteggio Croce— Schlosser. Nella citata lettera, Vossler presentava cosi a Schuchardt il libro dell’amico: «Ich weiB nicht, ob Sie die Pagine sulla guerra kennen, die Croce wàhrend des Krieges gelegentlich veròffentlicht u. jetzt bei Ricciardi in Neapel in einem Sammelband hat erscheinen lassen. Da spricht doch ùberall eine klare Vernunft, ein anstàndiges Vater- landsgefuhl, eine seltene Zivilcourage gegen Chauvinismus u. ein warmes Herz» («Non so se conosce le Pagine sulla guerra, che Croce ha pubblicato saltuariamente durante la guerra e che ora ha fatto uscire in volume a Napoli presso Ricciardi. Vi parla dappertuto una lucida ragione, un onesto sentimento patriottico, un raro coraggio civile contro lo sciovinismo e un caldo cuore»). Cf. Schwàgerl-Melchior 2015: 222.

83 NV, Cesare De Lollis a Karl Vossler, 22 novembre 1919

84 NV, Cesare De Lollis a Karl Vossler, 28 febbraio s.a.

85 NV, Cesare De Lollis a Karl Vossler, 18 luglio 1921. Nella lettera erano acclusi i due ritagli de «Il Tempo», 2 maggio 1921 (Un banchetto a Carlo Vossler) e del «Giornale d’Italia» della stessa data (Per Carlo Vossler). Nel primo Vossler era definito «l’insigne romanista, i cui studi su Dante, sui trovatori, su “Idealismo e positivismo nella scienza del linguaggio” sono tanto noti fra di noi quanto nella sua patria»; nel secondo, «il ro- manologo dell’Università di Monaco, in Italia ben noto per la sua opera geniale e monumentale sul divino Poeta: Va Divina Commedia studiata nella sua genesi e interpretata».

86 Conte 2016: 604.