Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Cesare De Lollis tra filologia romanza e letterature comparate

 | 
Diego Stefanelli

II Gli studi abruzzesi tra dialettologia e ricerca storico-letteraria

Texte intégral

  • 1 Cf. G. D’Annunzio, Ricordifrancavillesi. frammento autobiografico, in «Il Fanfulla della Domenica» (...)

1De Lollis può essere legittimamente inserito nella «nuova generazione» di studiosi, artisti e scrittori abruzzesi che, quasi come «risarcimento, con alto tasso d’interesse, al lungo silenzio di oltre un trentennio» (De Matteis 2000: 634), contribuirono, a partire dagli anni Ottanta dell’Ottocento, a quel «risveglio degli Abruzzi», di cui si parlava nel primo numero della «Rivista Abruzzese di Scienze e Lettere» (1886). Tale «risveglio» riguardò in special modo l’arte e la letteratura, le quali, strettamente connesse — basti citare il noto Circolo di Francavilla di Francesco Paolo Michetti, la cui consacrazione letteraria fu opera dell’abruzzese Gabriele D’Annunzio —,1 contribuirono a creare una certa «immagine» dell’Abruzzo, tramutatasi ben presto in topos letterario.

  • 2 Cf. De Matteis 2000: 636.
  • 3 Su cui cf. il numero speciale del «Bullettino della Deputazione Abruzzese di Storia Patria», del 1 (...)
  • 4 Sulla letteratura laudistico-teatrale abruzzese si veda, tra gli altri, Paratore 1971: 235-54.
  • 5 Cf. Pèrcopo 1885 e 1886-1892. Cf. anche Sabatini 1975.

2Sul piano degli studi storici e linguistici si ebbe in quegli anni un fiorire di iniziative scientifiche ed editoriali, quali la citata «Rivista Abruzzese di Scienze e Lettere» e il «Bollettino della Società di Storia Patria “Anton Ludovico Antinori” negli Abruzzi» (fondato nel 1889), importanti esempi di applicazioni del positivismo erudito, pur con un orizzonte «quasi esclusivamente provinciale». Preponderante era la rivalità per «l’affermazione del primato culturale regionale» che contrapponeva le due città attorno alle quali gravitavano, Teramo e L’Aquila;2 rivalità che pesò anche sulla formazione della Società di Storia Patria (1888).3 L’interesse per i dialetti e la letteratura abruzzesi ebbe comunque un respiro nazionale e si concentrò soprattutto sulla produzione laudistico-teatrale, nella storia della quale l’Abruzzo ebbe, come si sa, un ruolo importante. Aquilane erano le laudi,4 scoperte da Monaci nel 1874 (e discusse nel secondo volume della «Rivista di Filologia Romanza»), che le riteneva, come scrisse nel secondo numero del «Giornale di Filologia Romanza», «l’anello di congiunzione fra le antichissime rappresentazioni dell’Umbria e i successivi esplicamenti di questo genere nelle provincie napolitane». I dialetti e la letteratura abruzzesi («delle più ricche fra quelle dialettali delle origini», come la definì Erasmo Pèrcopo, nel 1886) furono dunque un campo molto frequentato dagli studiosi della scuola storica: non solo dagli esponenti locali, le cui opere ebbero spesso però un respiro nazionale — basti pensare al Dizionario dell’uso abruzzese di Gennaro Finamore o agli studi di Erasmo Pèrcopo, che pubblicò i Poemetti sacri e il Laudario contenuti nel cod. XIII. D. 59 della Biblioteca Nazionale di Napoli, testimone di notevole importanza per la letteratura religiosa aquilana in volgare —,5ma anche dai più importanti studiosi dell’epoca.

1. I dialetti abruzzesi

3Gli studi abruzzesi si collocano agli inizi dell’attività di De Lollis, nell’ultimo ventennio dell’Ottocento. Divisi tra ricerca storico-letteraria (con due scritti su Buccio di Ranallo del 1886) e dialettologica, essi riflettono nella loro duplicità non solo la formazione dello studioso (allievo prima di D’Ovidio a Napoli, quindi di Monaci a Roma), ma anche una condizione tipica degli studi di quegli anni, nei quali la filologia era istituzionalmente praticata per lo più senza distinguere tra un approccio linguistico ai documenti letterari medievali e uno storico-letterario.

  • 6 Come è noto, la rivista era stata fondata da Monaci, sul modello della «Romania» (della quale, per (...)
  • 7 Di «impronta ovidiana» ha parlato esplicitamente Bruno Migliorini (Migliorini 1964: 3). Proprio ne (...)
  • 8 In alcuni casi rimandava, perciò, alla pronuncia dei parlanti. Per esempio, riguardo al comportame (...)

4Il suo primo intervento comparve sugli «Studj di filologia romanza» di Monaci nel 18846 e riguardava un argomento linguistico, i raddoppiamenti della consonante postonica (De Lollis 1884) segno evidente del magistero napoletano di D’Ovidio.7 De Lollis intendeva approfondire il fenomeno, attingendo dal dizionario della lingua italiana: «È mio proposito», scriveva, «il dar semplicemente f elenco di quelle voci che nel dizionario italiano presentano un raddoppiamento genuino» (410), nella consapevolezza che la scelta di attuare la ricerca sui «colonnini dei dizionari» e di non estenderla ai dialetti, ne limitasse la portata.8 La spiegazione «fisiologica» del fenomeno era, all’inizio, illustrata nel dettaglio da De Lollis, che dimostrava di aver bene appreso, negli anni napoletani, la scienza glottologica tedesca:

  • 9 Ibi: 408.

Del resto, da quel poco di che io posso disporre, può derivarsi agevolmente la ragione organica che determina il fatto, nella massima parte delle sue manifestazioni; l’influenza, cioè, che, nella parola, esercita l’accento principale sulla consonante che immediatamente la segue. Questa influenza è veramente assai rilevante nella fonetica della lingua italiana, la quale, insieme colla spagnola, ha, a preferenza delle altre lingue neolatine, accordata una grandissima importanza all’accento principale. Da questo proviene che presso di noi la vocale hochtonige possieda una preponderanza di suono, che mentre è a scapito delle vocali e quindi delle sillabe anteriori e posteriori, riesce poi tutta a vantaggio della consonante immediatamente postonica, la quale raccoglie l’eccesso di quell’energia di Expirationstrom impiegata per la pronuncia.9

  • 10 Giammarco 1964: 37.
  • 11 Migliorini 1928: 528. Scriveva De Lollis: «Bonaccia, bel caso di etimologia antifonica, com’io vor (...)

5La causa principale — se non l’unica — del raddoppiamento postonico era quindi riportata da De Lollis, forte del consenso al riguardo degli «illustri romanisti» chiamati in causa al principio dell’articolo, all’«eccesso [...] d’energia a cui si lascia andare la voce nella pronunzia della vocale accentata» (411), favorita in ciò dal proparossitonismo. Si intravede qui, come ha scritto Ernesto Giammarco, nel suo importante lavoro su Cesare De Lollis dialettologo, «la tendenza del De Lollis a ricercare la causa e l’origine dei fenomeni fonetici, non considerati a sé ed ineccepibili nella loro regolarità, ma quali valori morfologici»;10 tendenza che avrebbe caratterizzato anche i successivi articoli sul dialetto abruzzese. Accennate brevemente le cause del fenomeno, De Lollis elencava le forme da lui individuate, fornendo, di ognuna, una breve spiegazione etimologica, talvolta con ricostruzioni ingegnose, tra cui, apprezzata da Migliorini, quella «che spiega bonaccia come antifrasi eufemistica di μαλακια».11

  • 12 In una lettera del 22 luglio 1885, scritta da Casalincontrada, ne accennava già a Monaci: «Più in (...)
  • 13 Per il dialetto abruzzese, oltre al doveroso rinvio ai lavori di Giammarco (tra gli altri, 1960,19 (...)

6Nel 1891, sette anni dopo lo studio sui raddoppiamenti postonici, De Lollis pubblicò, sull’«Archivio glottologico italiano», l’articolo Dell’influsso dell’-i o del j postonico sulla vocale accentata in qualche dialetto abruzzese (De Lollis 1891b). Il progetto di studiare il vocalismo nei dialetti abruzzesi risaliva già alla fine del 1885.12 L’argomento sarebbe stato affrontato, oltre che nell’articolo apparso sull’«Archivio» (riguardante la metafonesi dovuta all’influsso di -i e j), nel saggio comparso nella Miscellanea linguistica in onore di G. L Ascoli (1901), riguardante la -a finale (De Lollis 1901a). La campionatura offerta da De Lollis era attinta dal dialetto teramano e dal casalese, ovvero il dialetto di Casalincontrada, suo paese nativo. La scelta del proprio dialetto si giustificava per motivazioni scientifiche, giacché nel casalese la metafonesi da -i e j si presentava in uno stadio anteriore rispetto a quello del teramano.13 Cosi scriveva De Lollis, all’inizio dell’articolo:

  • 14 De Lollis 1891b: 2.

Pel teramano mi sono strettamente ed esclusivamente attenuto alla parlata della città di Teramo: mentre pel chietino ho preferita la parlata del mio villaggio nativo, Casalincontrada, il quale è solo a 7 od 8 chilometri da Chieti.
Ho creduto dar luogo a tal preferenza, non già perché dell’uno più che dell’altro parlare io m’abbia pratica, ma si solo per la ragione che nell’evoluzione della vocale tonica provocata dall’-i o dal j postonico, la parlata casalese, che ci rappresenta del resto lo stessissimo fondo dialettale che quella chietina, non arriva, nella maggior parte dei casi, come questa, sino al punto stesso a cui arriva il teramano, ma si ferma allo stadio immediatamente anteriore: ci permette quindi di sorprendere una stessa forma in due diversi momenti del suo processo evolutivo e ci rende perciò più agevole il rifare la storia di questo.14

  • 15 Cf. Savini 1879 e 1881.

7Per il casalese De Lollis si basava sulle proprie conoscenze e sulle ricerche condotte nel paese, mentre per il teramano seguiva, soprattutto, gli studi di Giuseppe Savini.15 Il lungo articolo era diviso in tre «capi»: i primi due riguardavano rispettivamente la Vocale accentata sotto l’influenza dell’-i e la Vocale accentata sotto l’influsso d’un j postonico. A loro volta, essi erano divisi, secondo il metodo ascoliano, in due paragrafi concernenti i termini parossitoni e quelli proparossitoni: quindi, per ogni vocale, il materiale era organizzato in «indeclinabili», «declinabili» e «coniugazione». Il terzo capo trattava della flessione verbale e nominale, ovvero degli effetti della metafonesi sulla morfologia, che era la parte che più interessava lo studioso, come aveva scritto a Monaci nella lettera parigina (citata in nota) del 27 novembre 1887: «Il punto di partenza non è nuovo: ma io più che ad analizzare la natura del fenomeno, mi dedico a studiarne gli effetti principalmente nella morfologia». Scriveva De Lollis:

  • 16 De Lollis 1891b: 196.

Se finalmente dalla flessione verbale passiamo a quella nominale, troveremo che la metafonesi ha finito per assumere nei nostri dialetti i caratteri d’un espediente morfologico. L’effetto della vocale finale sull’accentata, costituisce, senza dubbio, un fenomeno d’indole fonetica. Ma la condizione speciale della vocale desinenziale, che qui diventa una vocale indistinta, indusse i parlanti a sfruttare la metafonesi nell’interesse della flessione nominale, e il fatto, d’origine puramente fonetica, divenne cosi un espediente di flessione.16

8E concludeva:

  • 17 Ibid.

La metafonesi dunque è un fenomeno d’indole puramente fonetica di questi dialetti: i suoi risultati però si combinano in tal maniera colle esigenze della morfologia (e, più specialmente, della flessione) che il suo avvenimento può anche essere subordinato alle necessità morfologiche. La morfologia ne fece un espediente suo proprio, estendendone l’applicazione: ma quando essa possa fare a meno di tale espediente, riesce anche a paralizzare l’azione a cui la metafonesi avrebbe diritto.17

  • 18 Lettera citata in Lucchini 2008: 277.

9La lunghezza dello studio di De Lollis era in linea con gli altri contributi ospitati nell’«Archivio», «piuttosto una collezione di Memorie che non un periodico», come aveva scritto Ascoli a Gaston Paris, in una lettera del 18 luglio 1879.18 In esso il giovane De Lollis dimostrava non solo un’ottima preparazione in campo glottologico, ma anche il perdurare in lui dell’interesse linguistico trasmessogli da D’Ovidio (il cui studio sul dialetto di Campobasso — D’Ovidio 1878 — era citato spesso nell’articolo dell’«Archivio»).

2. Buccio di Ranallo

  • 19 L’edizione più recente della Cronica, dopo quella di De Bartholomaeis del 1907 (di cui si farà cen (...)

10Sebbene il lavoro sulla metafonesi abruzzese fosse di natura esclusiva- mente linguistica, De Lollis vi citava, talvolta, la Cronica aquilana rimata di Buccio di Ranallo,19 nell’ottica con cui, nell’archivio», trovavano posto le testimonianze letterarie, ovvero come «documenti funzionali a descrizioni linguistiche» (Lucchini 2008: 277). La Cronica era, per esempio, menzionata in quanto prova dell’attestazione già antica di un fenomeno morfologico dell’aquilano moderno, il plurale in -uni, -uri,, -usi:

  • 20 De Lollis 1891b: 10.

Le desinenze di plurale -uni -uri -usi sono normali nell’odierno aquilano. E ad ogni piè sospinto se ne trovano esempi nel più antico testo aquilano che si conosca, la Cronica di Buccio da Ranallo (sec. XIV), in Muratori, Ant. It. t. VI (v. anche le varianti che per un certo numero di quartine io estrassi dai tre mss. superstiti, in Bullett. Dellist. Stor, n° 3). Gli antichi testi meridionali, in genere, ne riboccano, e assai spesso, in verità, ci danno anche -uso — -oso.20

  • 21 De Lollis aveva dato la propria disponibilità a una nuova edizione del testo, come si legge nel te (...)
  • 22 Fu Vincenzo De Bartholomaeis, un altro allievo di Monaci, abruzzese come De Lollis, a curare nel 1 (...)

11Con l’utilizzo di esempi tratti dalla lingua di Buccio, nell’articolo si metteva in pratica, come ha scritto Giammarco (1964: 40), «l’applicazione del metodo storico-comparativo nello studio ad un tempo sincronico e diacronico della metafonia abruzzese». Proprio la Cronica era stata l’oggetto delle prime ricerche in cui si era impegnato il giovane De Lollis, negli anni romani. Su Buccio di Ranallo pubblicò due lavori, entrambi del 1886: i Sonetti inediti di Buccio di Ranallo, comparsi nel «Giornale storico della letteratura italiana» (De Lollis 1886c) e le più impegnative Ricerche abrasesi, cui alludeva nel passo citato sopra, pubblicate nel BISI (De Lollis 1886d). Le ricerche sui codici della Cronica erano state svolte, nel 1885, all’Aquila (all’Archivio e alla Biblioteca Comunale), per conto dell’Istituto di Studi Storici.21 Il risultato confluì nelle Ricerche abrasesi, in cui De Lollis presentava la situazione codicologica della Cronica, funzionale a una nuova edizione che migliorasse quella procurata da Anton Ludovico Alitinoti, nel VI tomo delle Antiquitates Italicae22 Della Cronica si conosceva, all’epoca, un solo codice, custodito alla Nazionale di Napoli (XV, F, 56), sebbene lo stesso Antinori avesse consultato, per la propria edizione, una quindicina di codici.

  • 23 De Lollis 1886d: 55.

Il Monaci — scriveva De Lollis — convinto che in Aquila dovesse trovarsene ancora qualche altro esemplare, due anni or sono vi fece fare all’uopo delle ricerche; ma non si riuscì di trovar nulla. Se non che mi vi recai io, pochi mesi appresso, per consiglio dello stesso Monaci, ed ebbi la fortuna di rinvenire due esemplari, uno nell’Archivio Municipale (fondo S. Bernardino), ed un altro posseduto dal signor Giuseppe Leosini, ragioniere in quel Municipio.23

  • 24 Per la descrizione dei due codici – siglati già a partire dall’edizione di De Bartholomaeis rispet (...)

12Forte della scoperta, De Lollis procedeva alla descrizione e datazione dei due nuovi codici, la copia di Alessandro De Ritiis (che siglava SB, dal convento di San Bernardino, dove De Ritiis fu frate) e l’allora codice Leosini (siglato L da De Lollis).24 Quindi, egli entrava nel merito di una futura edizione del testo. Criticava, innanzitutto, la stampa di Antinori, accusato di avere collazionato i quindici codici a sua disposizione con «incauto eclettismo» e di aver procurato un testo contraddistinto, dal punto di vista linguistico, da «un ibridismo di arcaico e moderno»:

  • 25 De Lollis 1886d: 58.

I due più antichi [tra i tre codici a disposizione per una ristampa della Cronica] furono, probabilissimamente, tra i quindici esemplari, di cui si servi l’Antinori: e il confronto tra quelli e la sua edizione ci convince come egli si servisse dei quindici esemplari con incauto eclettismo: poiché, secondo appare dai risultati del suo lavoro, egli non solo non iscelse tra i quindici un codice unico che servisse di base alla edizione, ma servendosi di tutti insieme, spesso rifiutò la lezione buona offertargli dall’uno, per accogliere quella peggiore offertagli dall’altro. Difatti, primieramente, mentre i codici N e SB danno generalmente un testo per la lingua conveniente all’età di Buccio, l’edizione Antinori presenta quasi dappertutto un ibridismo di arcaico e di moderno.25

13Ci si chiedeva, quindi, con quali criteri si sarebbe potuta effettuare una nuova edizione della Cronica. Il problema filologico non era da poco: non solo per il valore di quell’«opus magnum bucciano» (Vignuzzi 1992: 603) che risulta di fondamentale importanza per la letteratura dell’Italia mediana, ma anche per la situazione codicologica stessa (all’esiguità di testimoni si aggiungeva il loro essere tutti posteriori di almeno un secolo alla stesura dell’opera). La proposta di De Lollis era di ricorrere al codex optimus, da tenere come base per l’edizione e da integrare, eventualmente, nei punti erronei, confrontandolo con gli altri testimoni. Tra i tre codici, egli sceglieva quello di De Ritiis. Il motivo principale di tale scelta era la anteriorità cronologica di questo rispetto agli altri, che permetteva di conservare «meno alterato il rozzo tipo primitivo della Cronica» (quella «certa rusticità provinciale» di cui avrebbe parlato Gianfranco Contini nel profilo di Buccio incluso nella letteratura italiana delle origini). A ciò si univa la lezione generalmente più corretta e la presenza, in esso, di parti mancanti negli altri testimoni:

  • 26 De Lollis 1886d: 60.

Con quali criteri ci serviremo noi dei tre codici in discorso? Uno dei tre, quello che appaia conservarci il testo più approssimativamente genuino, dovrebbe, secondo noi, esser preso a fondamento del lavoro di ricostituzione. E, per fortuna, ci sono argomenti di fatto che ci provano come il codice SB sia fra i tre il più degno di fiducia. Il testo del cod. L, benché mostri di derivare da buona fonte, fu esemplato in un’epoca in cui l’amanuense non poteva trattenersi dal levigare certe rozzezze arcaiche e dal ridurre a forma più moderna quella primitiva che forse il testo esemplato gli presentava. Il codice N, del sec. XVI, pecca anch’esso, benché meno gravemente, dello stesso difetto. Il codice SB invece risale al sec. XV e ci conserva assai meno alterato il rozzo tipo primitivo della Cronica. Non solo; ma è più completo; perché, a mo’ d’esempio, tra le quartine V e VI di A, N, L esso reca una quartina negli altri mancante; e, inoltre, contiene tre sonetti che non si trovano né nell’edizione Antinori né nei codici N, L, e un altro ce ne dà intiero che manca in A ed è mutilo nel codd. N, L. Che sia più corretto, mi pare di averlo già dimostrato poco sopra, confrontando per alcuni versi [...] la lezione del cod. SB con quelle dell’Antinori e degli altri due codici.26

14Posto il codice De Ritiis a base dell’edizione, De Lollis si riservava la possibilità di ricorrere agli altri due, qualora quello presentasse errori evidenti: «S’intende poi che gli altri due non andrebbero assolutamente messi da parte; ché anzi noi, guidati dal senso o da criteri linguistici e paleografici, potremmo di essi giovarci, quando ci trovassimo di fronte a una lezione dubbia od errata del cod. SB» (61). Infine, egli riportava, «affinché ognuno possa senza fatica vedere in che è quanto dalla edizione Antinori si differiscano i tre codici», le prime e le ultime venti quartine del testo Antinori, con in calce le varianti degli altri testimoni, «anche quelle grafiche di minima importanza».

  • 27 De Bartholomaeis, nella sua edizione del 1907, mise a testo proprio il codice De Ritiis, mentre De (...)
  • 28 Si tengano presenti la recensione di Salomone Morpurgo, apparsa sul «Giornale di Filologia Romanza (...)
  • 29 L’edizione di Canello era un contributo filologico molto importante, dal momento che esso costitui (...)

15Le Ricerche di De Lollis si proponevano, dunque, come un utile punto di partenza per una futura edizione della Cronica: egli non si limitava a fornire nuovi testimoni importanti, ma esprimeva anche la propria opinione circa il modus operandi ecdotico che si sarebbe dovuto adottare. La proposta di tenere come testo base il codice di San Bernardino (scoperto da De Lollis stesso) era ben argomentata, ancorché discutibile.27 Nondimeno, egli evitava di affrontare le questioni più spinose legate all’edizione di un testo antico, quali, per esempio, la resa ortografica, il rapporto dei testimoni, il tipo di errori, l’eventuale contaminazione e, in generale, il problema, dibattuto in Italia negli anni Ottanta dell’Ottocento, circa la natura di un’edizione critica, ovvero se essa debba essere un lavoro di “riproduzione” o di “ricostruzione”. In quegli anni la «questione ecdotica» cominciava, infatti, ad appassionare alcuni studiosi anche in Italia.28A quelle discussioni, i maestri della scuola storica non presero sostanzialmente parte, essendovi invece coinvolti «alcuni fra i loro più valenti allievi o, quanto meno, i più battaglieri se non sempre i più agguerriti metodologicamente» (Lucchini 2008: 415). Lo stesso Monaci si interessò poco alla questione, anche se la sua rivista aveva ospitato alcuni contributi significativi: oltre alla recensione di Morpurgo all’edizione Arnone di Cavalcanti (Morpurgo 1880), era comparso, nello stesso numero, il sirventese di Peire de la Cavarana, a cura di Canello (Canello 1880).29

  • 30 Come vedremo, una competenza superiore e una più aggiornata consapevolezza metodologica De Lollis (...)

16La pubblicazione curata da De Lollis, e apparsa nel «Giornale storico della letteratura italiana», di cinque sonetti inediti di Buccio di Ranallo presenti nel codice di San Bernardino (e assenti nella stampa curata da Antinori) si inseriva nella pratica, senz’altro più storico-erudita che filologica, di Monaci (e non solo) di offrire trascrizioni diplomatiche di testi letterari inediti.30 De Lollis trascriveva i cinque componimenti dal codice di De Ritiis in modo per lo più conservativo, senza avvertire l’esigenza di chiarire i criteri di trascrizione. La pubblicazione dei sonetti si giustificava, non solo per il loro carattere di «inediti», ma anche per l’importanza del codice di San Bernardino:

  • 31 De Lollis 1886c: 243.

Questo manoscritto della cronica di Buccio è senza dubbio di molto valore, e del massimo interesse per chi voglia imprendere la ristampa di quel prezioso monumento della storia e della letteratura abruzzese; perché esso è del sec.
XV (mentre il cod. XV, F, 56 della Nazionale di Napoli è del XVI) e, oltre i sonetti che qui si pubblicano, contiene anche molti couplets che non si leggono nel Muratori, e, m’immagino, neanche sul cod. napolitano, che è quello dal sig. Pèrcopo studiato.31

  • 32 Cf. Belgrano 1890. Comprendeva gli anni dal 1099 al 1293 (gli annalisti Caffaro e Oberto Cancellie (...)

17Sia nel riferimento alla «antichità» del codice come motivo della sua importanza, sia nel giudizio sulla Cronica come «prezioso monumento della storia e della letteratura abruzzese», traspariva l’insegnamento di Monaci, del fondatore di quell’Istituto di Studi Storici a cui il giovane De Lollis si legò dapprima con le ricerche su Buccio, quindi collazionando a Parigi, per conto dell’Istituto stesso, i codici degli Annali di Caffaro, in vista dell’edizione degli Annali genovesi di Caffaro e de’ suoi continuatori,, a cui stava lavorando Luigi Tommaso Belgrano, delegato della Società Ligure di Storia Patria presso l’Istituto.32

  • 33 Cf. Monaci 1887. Il poema, che narrava le vicende di Federico Barbarossa e di Arnaldo da Brescia a (...)

18Nondimeno, De Lollis non curò direttamente nessuna delle pubblicazioni della prestigiosa collana dell’Istituto, le «Fonti per la storia d’Italia». I suoi contributi alla collana assunsero la forma di una collaborazione indiretta, per cosi dire, nel caso dell’edizione della Cronica aquilana procurata nel 1907 da Vincenzo De Bartholomaeis, e preparatoria, invece, per quella degli Annali di Caffaro. Egli aveva inoltre collaborato alla prima pubblicazione delle «Fonti per la storia d’Italia», l’edizione del poema sulle Gesta di Federico I in Italia, curata, nel 1887, da Monaci.33 A parte questi contributi, De Lollis non si occupò più, in quanto studioso, delle «Fonti per la storia d’Italia» dell’Istituto. Effettivamente, a parte le giovanili ricerche su Buccio (di cui era stato incaricato da Monaci), De Lollis, nel prosieguo della sua attività di studioso, si interessò sempre meno a testi antichi italiani. I suoi interessi, almeno fino all’incontro con Colombo, riguardarono soprattutto la letteratura provenzale e si volsero poi decisamente (e, per certi versi, inaspettatamente) alle letterature moderne.

  • 34 Mentre era impegnato nelle sue ricerche sui codici della Cronica, all’Archivio e alla Biblioteca c (...)

19Nell’Archivio dell’Aquila,34 oltre ai due nuovi esemplari della Cronica, De Lollis aveva potuto prendere visione di una quarantina di volumi, provenienti da due fondi: quello del convento di San Bernardino, con diciannove codici (tra cui quello della Cronica) descritti minutamente da De Lollis nella prima delle due appendici delle Ricerche, e il fondo del convento di S. Angelo d’Ocra, di cui consultò un solo codice (n. 11), contenente componimenti sacri in latino. L’interesse del codice risiedeva, per De Lollis, in un componimento in volgare inserito nel sermone De Passione Domini, sul quale egli si soffermava, nella seconda appendice delle Ricerche, insieme ad altri componimenti simili intercalati in un codice di San Bernardino. Anche in questo caso, l’interesse per la letteratura sacra derivava al giovane De Lollis da Monaci, il quale, studiando la produzione di laude drammatiche umbre e abruzzesi (scoperte nei codici Vallicelliano e Corsiniano), aveva elaborato, in un importante studio apparso nella «Rivista di Filologia Romanza» del 1872 e 1875 (Monaci 1872-1875), una teoria evolutiva del teatro sacro italiano — nelle tre tappe della lauda lirica, della lauda drammatica e della sacra rappresentazione —, sostanzialmente accolta da D’Ancona nelle Origini del teatro italiano.

20Descrivendo i componimenti sacri da lui scoperti, De Lollis era chiaramente debitore degli studi di Monaci, D’Ancona e Pèrcopo sul teatro abruzzese, ma, soprattutto, della teoria del maestro. Riferendosi ai testi ritrovati nel codice di S. Angelo, scriveva:

  • 35 De Lollis 1886d: 86.

Se si conviene nella mia ipotesi, è innegabile che questi componimenti fanno testimonianza di una forma se non ignota, certo poco osservata e meno ancora documentata nello sviluppo del Dramma sacro. Né ci deve meravigliare che se ne rinvengano le tracce nell’Abruzzo, dove, dall’Umbria ad esso cosi vicina e per condizioni naturali somigliante, dove, prima che in ogni altra provincia d’Italia, trapiantarsi il germe del Dramma Sacro, per poi svilupparsi in tutte le fogge possibili, senza mai pervenire a quella di Sacra Rappresentazione. Quest’ultima trasformazione del Dramma sacro, prodotta nel secolo XV esclusivamente dal senso artistico del popolo di Firenze, non era possibile in Abruzzo, dove l’intensità del sentimento mistico impediva il trionfo di quello estetico.35

21In una lettera a Monaci, scritta da Chieti il 2 maggio del 1886, De Lollis lo informava, tra l’altro, su quei componimenti sacri, convinto di aver trovato del materiale che avrebbe potuto destare l’interesse dello studioso:

  • 36 Cf. CM, Cesare De Lollis a Ernesto Monaci, 10, Chieti, 2 maggio, s. a. (il timbro postale è del 18 (...)

Oltre all’inventario dei codici di S. Bernardino, che non presenta in verità grande importanza, ho trascritto da due o tre mss. parecchi componimenti in volgare, che possono riuscire interessanti per la storia letteraria in genere e specialmente per quella degli Abruzzi, di cui cosi poco ci resta. Sono sacre rappresentazioni che si leggono in mss. del sec. XV, incastrate nelle prediche di due monaci dell’ordine di S. Francesco. Hanno ad argomento la passione di Cristo: e mostrano dei riscontri evidenti fra di loro, non solo: ma si l’uno come l’altro dei due componimenti sono in un’indubbia relazione con quella Sacra Rappresentazione pubblicata dal D’Ancona in uno dei primi fascicoli della Riv. di fil. rom. Io non ho potuto fare i debiti confronti ad Aquila e non so se potrò farli qui: ma di questi riscontri son certo, e c’è da spiegarli, credo, nella comunanza del testo del vangelo. Le due rappresentazioni, di cui io Le parlo, sono in ottave. Parecchie ottave sono identiche nell’una e nell’altra, e poiché in ambedue i mss., secondo le prove grafiche possibili, si tratta di copie, son portato a credere che un componimento d’epoca anteriore sia stato tenuto presente dai due frati. Una terza rappresenta poi non è né in endecasillabi né in ottave, ma in settenari di cui tre nell’interno della quartina fanno una rima e il quarto conserva la stessa rima per tutte le strofe. Oltre a queste, ho trovato qualche altra poesia di argomento sacro. Ella giudicherà poi dell’importanza del tutto.36

22Era ben vivo, quindi, nel giovane allievo di Monaci l’interesse verso il campo di studi più frequentato dal maestro. Tuttavia, anche se la letteratura abruzzese, e in particolare il teatro sacro, avevano impegnato De Lollis al principio della sua attività di studioso, essi non sarebbero più stati affrontati dal filologo. I suoi interventi di materia abruzzese confermano comunque la sua formazione pienamente inserita all’interno del metodo storico. I lavori su Buccio e sui dialetti abruzzesi contribuiscono poi validamente — se riportati, come qui si è provato a fare, al loro contesto storico-culturale — a meglio intendere uno dei capitoli più interessanti degli studi eruditi dell’ultimo ventennio dell’Ottocento, quello appunto riguardante i dialetti e le letterature dell’Italia mediana.

Notes

1 Cf. G. D’Annunzio, Ricordifrancavillesi. frammento autobiografico, in «Il Fanfulla della Domenica», 7 gennaio 1883 (ora in D’Annunzio 1996: 86-7).

2 Cf. De Matteis 2000: 636.

3 Su cui cf. il numero speciale del «Bullettino della Deputazione Abruzzese di Storia Patria», del 1989, in particolare, tra gli altri, Marinangeli 1989. Dalle lettere scritte da De Lollis a Monaci ai tempi delle sue ricerche aquilane si evince che il giovane studioso era stato incaricato dall’Istituto di Studi Storici di discutere con il nobile aquilano Luigi Dragonetti, già fondatore della rivista «Il Gran Sasso d’Italia», la possibilità di formare in Abruzzo una Società di Storia Patria (istituita nel 1888, col nome di «Società di storia patria “A. L. Antinori” negli Abruzzi»), che ancora vi mancava, dipendente dall’Istituto. De Lollis scriveva a Monaci, il 18 aprile 1885: «ho anche parlato al Dragonetti [...] privatamente. Gli ho domandato se gli piacerebbe di modificare la sua proposta di fondar qui una Società di Storia patria, facendone semplicemente una sezione dell’Istituto Storico Italiano, residente a Roma. La sola possibilità che si realizzi tal cosa lo ha entusiasmato: egli si metterebbe subito all’opera, con tutte le sue forze [...]. Le dirò anche che il Marchese, la sola persona che in Aquila abbia diritto al rispetto altrui, mi ha invitato per domani a visitare la sua pinacoteca e i suoi manoscritti» (CM, 1,19 aprile 1885).

4 Sulla letteratura laudistico-teatrale abruzzese si veda, tra gli altri, Paratore 1971: 235-54.

5 Cf. Pèrcopo 1885 e 1886-1892. Cf. anche Sabatini 1975.

6 Come è noto, la rivista era stata fondata da Monaci, sul modello della «Romania» (della quale, però, non eguagliò mai il prestigio), nel 1872, un anno prima della fondazione dell’«Archivio glottologico italiano» di Ascoli, col nome «Rivista di filologia romanza». A dirigerla furono lo stesso Monaci (vero direttore di fatto), il conte Luigi Manzoni di Mordano (Lugo) ed Edmund Stengel, conosciuto da Monaci a Roma, nei primissimi anni Settanta, ultimo allievo, a Bonn, di Friedrich Diez. La rivista, stampata, all’inizio, a Imola, presso Galeati, quindi, dal 1875, presso Ermanno Loescher, ebbe «vita difficile e travagliata» (Lucchini 2008: 254). Nel 1876 cessò le pubblicazioni per rinascere due anni dopo, nel 1878, sotto la direzione del solo Monaci, col titolo di «Giornale di Filologia Romanza»; quindi, dal 1884, assunse quello di «Studj di filologia romanza». L’intervento linguistico del giovane De Lollis era tutt’altro che fuori posto nella rivista: essa, infatti, aveva accolto un gran numero di contributi di materia linguistica già dai primi fascicoli, nei quali era «predominante, indipendentemente dai risultati, la linea “linguistica” rispetto a quella “filologica”» (Cf. Lucchini 2008: 296).

7 Di «impronta ovidiana» ha parlato esplicitamente Bruno Migliorini (Migliorini 1964: 3). Proprio nel nome di D’Ovidio cominciava l’articolo di De Lollis, che, nel ricordare i precedenti lavori riguardanti «il fenomeno della geminazione in generale nella fonetica della lingua italiana», citava, oltre alla Grammatica di Diez, anche altri «illustri romanisti»: Schuchardt, D’Ovidio e Rajna, autori di due studi apparsi sul «Propugnatore», sulla geminazione paratattica. Ma, soprattutto, De Lollis citava un secondo articolo di D’Ovidio (1877) sulle Voci italiane che raddoppiano una consonante prima della vocale accentata, trattate dallo studioso molisano «con la perspicacia e lucidezza a lui abituali», come ebbe a scrivere lo stesso De Lollis.

8 In alcuni casi rimandava, perciò, alla pronuncia dei parlanti. Per esempio, riguardo al comportamento non coerente dei derivati dei nomi latini col suffisso -ĂGINE, -ĬGINE, -ŬGINE, per cui alcuni hanno il raddoppiamento postonico, altri no, De Lollis precisava che se i dizionari presentavano oscillazioni talvolta difficili da spiegare, i parlanti – la cui autorità era ritenuta, ai fini della sua ricerca, superiore a quella del dizionario – si comportavano invece secondo le proprie abitudini fonetiche, coerentemente: «in questioni di fonetica l’autorità dei dizionarj non è incrollabile, e certo è meno salda di quella dei parlanti: ora, mentre i vocaboli per un filone di queste voci coi suffissi -AGĬNE, -IGĬNE ecc. dànno il g scempio, e per un altro il g doppio, la pronuncia viva dei parlanti non fa distinzioni, e si attiene costantemente o all’una o all’altra forma; secondoché si è dato al g il valore di chuintante douce (come a Firenze) o gli si è conservato il suono palatale (come nell’Umbria, a Roma ecc.). Sicché in propaggine e immagine, in fuliggine ed origine, un Fiorentino fa sentire indifferentemente il semplice j dei Francesi, un Romano, ancorché colto, il gg palatale» (De Lollis 1884: 415-6).

9 Ibi: 408.

10 Giammarco 1964: 37.

11 Migliorini 1928: 528. Scriveva De Lollis: «Bonaccia, bel caso di etimologia antifonica, com’io vorrei dire. Il latino era malada (dal greco μαλακος): questo sostantivo colla sua radice mal- (molle) che suonava male in italiano sembrò una stonatura per significare la calma del mare e dette luogo a bonaccia (i marinai dicono: il mare è buono, quand’è calmo)» (De Lollis 1884: 418).

12 In una lettera del 22 luglio 1885, scritta da Casalincontrada, ne accennava già a Monaci: «Più in là, non potendo far altro, mi occuperò del fenomeno dell’Umlaut nei dialetti abruzzesi, fenomeno che si presenta costante e solo con modificazioni ambientali nei dialetti chietino e teramano» (CM, Cesare De Lollis a Ernesto Monaci, 4, Casalincontrada, 22 luglio 1885). In un’altra, scritta sempre da Casalincontrada, il 15 ottobre 1885: «In questo frattempo sono andato studiando qualcuno fra i più strani fenomeni che presenta il vocalismo abruzzese: ma non mi sono azzardato a gittar le fondamenta d’un lavoro, considerando la scarsezza dei libri. E male buttar giù lo scheletro d’un lavoro, nella speranza di colmar poi le lacune in appresso, quando si abbiano i libri necessari: vi si ravvisa sempre qualcosa d’irregolare» (CM, Cesare De Lollis a Ernesto Monaci, 8, Casalincontrada, 15 ottobre 1885). Ancorché, per il momento, il lavoro fosse solo un progetto, De Lollis procedette però già alla raccolta del materiale nella nativa Casalincontrada, il cui dialetto, insieme al teramano, avrebbe fornito i dati per lo studio. Nei mesi trascorsi a Parigi, mentre era impegnato nelle faticose collazioni di codici degli Annali di Caffaro per conto dell’Istituto di studi storici, continuò a lavorare al futuro articolo. L’11 novembre 1887, da Parigi, scriveva a Monaci: «Desidererei attendere anche a qualche lavoro attorno ^Umlaut in qualche dialetto abruzzese» (CM, Cesare De Lollis a Ernesto Monaci, 37, Parigi, 11 novembre, s. a., ma il timbro postale di arrivo è Roma, 18 novembre 1887). Ancora, il 27 novembre: «Nei ritagli di tempo, a casa, o la sera alla Biblioteca della Sorbona, vado facendo qualche cosa per me in materia glottologica. Il lavoro che Ella mi consiglia su Buccio mi piacerebbe molto: ma come porvi mano qui, senza nessuno dei tre codici? Mi occupo dunque della sola questione dell’Umlaut nei dialetti chietino e teramano: il punto di partenza non è nuovo: ma io più che ad analizzare la natura del fenomeno, mi dedico a studiarne gli effetti principalmente nella morfologia. Ne parlai all’Ascoli, che vidi prima di partire, ed egli non trovò a ridire sul tema da me prescelto. D’altra parte mi pare che riuscirò ad appurare qualche fatto o non notato o non inteso nel suo essere vero» (CM, Cesare De Lollis a Ernesto Monaci, 39, Parigi, 27 novembre, s. a., ma il timbro postale è del 1887). Soprattutto da quest’ultima lettera, si evince che, anche se era impegnato a collazionare i codici di Caffaro, De Lollis non abbandonava la passione per la glottologia. Il tema, del resto, come si legge nella lettera, aveva ottenuto l’approvazione di Ascoli stesso, la cui rivista era, presumibilmente, la sede già originariamente destinata ad accogliere lo studio, il cui tasso di tecnicità lo rendeva idoneo più all’«Archivio» che agli «Studj di filologia romanza».

13 Per il dialetto abruzzese, oltre al doveroso rinvio ai lavori di Giammarco (tra gli altri, 1960,1966,1979) si rimanda a Vignuzzi 1992: 594-628.

14 De Lollis 1891b: 2.

15 Cf. Savini 1879 e 1881.

16 De Lollis 1891b: 196.

17 Ibid.

18 Lettera citata in Lucchini 2008: 277.

19 L’edizione più recente della Cronica, dopo quella di De Bartholomaeis del 1907 (di cui si farà cenno) è quella curata da Carlo De Matteis nel 2008 (Buccio di Ranallo [De Matteis]). Si tenga conto però dei rilievi di Vittorio Formentin (2010) nella sua recensione, affatto negativa, all’ed. De Matteis. Quanto a Buccio, ci si limita a rinviare alla monografia a lui dedicata dallo stesso De Matteis (1990).

20 De Lollis 1891b: 10.

21 De Lollis aveva dato la propria disponibilità a una nuova edizione del testo, come si legge nel terzo volume del «Bullettino» (12): «Essendosi avuta notizia che nell’archivio e nella biblioteca Comunale di Aquila si trovino documenti non ancora esplorati, e segnatamente un codice antico della Cronica di Buccio di Ranallo, della quale recentemente erasi affermato non trovarsi piú alcuno dei manoscritti che eran serviti per la edizione Muratoriana, fu creduto opportuno di far fare colà una esplorazione; tanto piú che nella regione abruzzese non esiste ancora, come nelle altre, una Società locale che s’interessi delle sue cose storiche. Fu pertanto dato incarico di questa ricerca ad un esperto giovane di quella provincia, il dott. Cesare De Lollis, il quale erasi già messo a disposizione dell’Istituto per una nuova edizione della Cronica di Buccio di Ranallo, e dei buoni risultati ottenuti fa fede la relazione da lui mandata, che si pubblicherà in questo stesso numero del nostro Bullettino».

22 Fu Vincenzo De Bartholomaeis, un altro allievo di Monaci, abruzzese come De Lollis, a curare nel 1907 l’edizione critica della Cronica, per le «Fonti per la storia d’Italia» dell’Istituto di studi storici (Cf. Buccio di Ranallo [De Bartholomaeis]).

23 De Lollis 1886d: 55.

24 Per la descrizione dei due codici – siglati già a partire dall’edizione di De Bartholomaeis rispettivamente A e R – si rimanda alla Nota al testo dell’ed. De Matteis (Buccio di Ranallo [De Matteis]: LXI-LXVIII).

25 De Lollis 1886d: 58.

26 De Lollis 1886d: 60.

27 De Bartholomaeis, nella sua edizione del 1907, mise a testo proprio il codice De Ritiis, mentre De Matteis ha optato per il cod. Palatino Parmense 77 (P), appartenuto a Francesco d’Angeluccio di Bazzano, mercante aquilano vissuto tra le prime decadi del XV secolo e il 1488, che commissionò il codice (la cui composizione, per De Matteis si colloca tra il 1463 e il 1488). Il codice P — rivalutato ai fini editoriali da De Matteis — era già stato segnalato in De Bartholomaeis 1924a, 1924b. Già l’erudito sulmontino Giovanni Pansa, nel 1902, pubblicando testi medievali di storia aquilana tramandati da codici del XV, XVI e XVII secolo (Pansa 1902), aveva messo in dubbio, forte anche della scoperta di un nuovo esemplare della Cronica, l’opportunità di porre a testo di riferimento il codice De Ritiis, giudicandolo «non solo il meno autentico, ma il più incompleto» (cit. in De Matteis 1990: 202). Il testimone scoperto da Pansa era proprio P: misteriosamente scomparso (e quindi non consultato da De Bartholomaeis nel 1907) venne poi riscoperto da Piacentino 1967-1969, quindi recuperato da De Matteis.

28 Si tengano presenti la recensione di Salomone Morpurgo, apparsa sul «Giornale di Filologia Romanza», all’edizione di Nicola Arnone delle rime di Cavalcanti (Morpurgo 1880); la discussione tra Giulio Salvadori e Rodolfo Renier (nella rivista «Preludio», nel 1882) circa i criteri di resa ortografica da seguire nell’edizione di testi antichi e, in generale, sul concetto stesso di «edizione critica» (cf. Salvadori 1882; Renier 1882); le recensioni di Casini e di Morpurgo (cf. Casini 1883; Morpurgo 1882) all’edizione delle liriche di Fazio degli Uberti, procurata dallo stesso Renier nel 1883. Erano tutte occasioni in cui si cominciavano ad affrontare i problemi più tipici della moderna critica testuale, anche se con un certo ritardo e con alcuni limiti (cf. Lucchini 2008: 388-415).

29 L’edizione di Canello era un contributo filologico molto importante, dal momento che esso costituiva «un primo tentativo di edizione critica ispirato ai criteri del Lachmann, basato infatti sulla collazione di tre codici, di cui si rilevano gli errori congiuntivi e separativi» (Lucchini 2008: 409). Monaci, che pure collaborò, con ricerche presso la Biblioteca Vaticana, all’importante edizione di Canello di Arnaut Daniel, dimostrava una minore consapevolezza delle questioni proprie della critica testuale. Egli, «erudito più che filologo, si mostrava alquanto diffidente sulla necessità e sull’utilità della collazione di più codici, convinto com’era che l’edizione di testi medievali si dovesse fondare su un solo codice (di norma il più antico)» (ibi: 410).

30 Come vedremo, una competenza superiore e una più aggiornata consapevolezza metodologica De Lollis dimostrò nell’edizione critica degli Scritti di Cristoforo Colombo (cf. infra: 65-110).

31 De Lollis 1886c: 243.

32 Cf. Belgrano 1890. Comprendeva gli anni dal 1099 al 1293 (gli annalisti Caffaro e Oberto Cancelliere). Il secondo volume fu curato da Belgrano e Cesare Imperiale di Sant’Angelo (1901) e comprendeva gli annalisti Ottobono Scriba, Ogerio Pane, Marchisio Scriba e riguardava gli anni dal 1174 al 1224. Il terzo, curato dal solo Cesare Imperiale usci nel 1923 e riguardava gli anni 1225-1250. Il quarto usci nel 1926 (anni dal 1251 al 1279). Il quinto (1929) comprendeva gli anni dal 1280 al 1293. Anche i volumi IV e V, come il III, furono curati dal solo Imperiale. Nel 1923 usci il primo volume della traduzione degli -Annali genovesi di Caffaro e dei suoi continuatori a cura di Ceccardo Roccatagliata Ceccardi e Giovanni Monleone. De Lollis ne diede conto, nel 1924, in una breve nota nella «Cultura»: «Chi scrive queste righe ha registrato tra le memorie della sua prima giovinezza una collazione, a Parigi, degli Annali Genovesi di Caffaro e continuatori. Con vera commozione riguarda ora i disegni primitivi sui margini di quelle gloriose cronache [...] e non si può non lesinar la lode a chi non ha saputo resistere alla tentazione di volgerli in italiano. Quantunque non sia ultima delizia dell’originale sentir pulsare attraverso un latinaccio affaresco il volgare, cioè la lingua di tutti i giorni parlata nei banchi e sulle navi» (De Lollis 1924d). Il perfezionamento di De Lollis a Parigi, se ebbe come principale movente quello della collazione del codice originale degli Annales alla Biblio- thèque nationale de France con l’edizione procuratane da Georg Heinrich Pertz (nel XVIII volume degli Scriptores, nei Monumenta Germaniae Historiae) e con un nuovo testimone, scoperto allora, custodito nell’Archivio del Ministero degli Esteri francese, permise anche al giovane abruzzese di seguire le lezioni di Gaston Paris e di Paul Meyer. Interessante, a tal proposito, è una lettera di De Lollis a Monaci, scritta da Parigi, il 25 dicembre 1887: «Quanto a quello che mi aspettavo di poter fare a Parigi, ho provato un po’ di disillusione. Il corso del Meyer è molto ordinato, ma è troppo superficiale, perché dedicato ai principianti, ai quali poi egli deve dare idea sommaria di tutto, a cominciare dalle origini delle lingue romanze, per finire alla decadenza delle singole letterature medievali. Il corso degli Alti Studj che il Paris fa in casa sua ogni domenica ed al quale invita ed ammette solo i maturi è anch’esso... poco alto [...]. Mi creda, è spaventevole la miseria intellettuale di questi giovani francesi. Le cause mi appaiono evidenti: ma son troppe e troppo lunghe perché io stia qui ora ad esporgliele» (CM, 40, Parigi, 25 dicembre, s. a., ma il timbro postale è del 25 dicembre 1887).

33 Cf. Monaci 1887. Il poema, che narrava le vicende di Federico Barbarossa e di Arnaldo da Brescia a Roma, era tramandato dal cod. Ottoboniano nr. 146, ritrovato da Monaci, che dieci anni prima, nel 1877, aveva annunciato la scoperta all’Accademia dei Lincei (Cf. Monaci 1877). Nella sua edizione, «l’opera di maggiore importanza che il Monaci abbia composto in servigio degli studj storici» (cf. Fedele 1920: 184) egli aveva posto, sotto l’apparato critico, una serie di raffronti con i testi classici, per i quali si era avvalso, come scriveva lui stesso in una nota di ringraziamento («ringrazio qui i sigg. C. De Lollis, G. Biondi, G. Presutti, i quali mi aiutarono nei raffronti classici», Monaci 1887: XXXI), della collaborazione di alcuni studiosi tra cui De Lollis stesso.

34 Mentre era impegnato nelle sue ricerche sui codici della Cronica, all’Archivio e alla Biblioteca comunale dell’Aquila, De Lollis ne informava via lettera, nell’aprile 1885, lo stesso Monaci. Si leggano per esempio alcuni passi di una lettera dell’aprile 1885: «Egregio Signor Professore, Ho ricevuto da un paio di giorni il piego raccomandato contenente il volume del Percopo [...]. Da quel che dice il Percopo nella Prefatore, il cod. napoletano della Cronica di Buccio reca altri sonetti oltre i dieci da lui pubblicati. Perché dunque non li ha pubblicati tutti? Uno dei due codici che io ho qui ora ne ha, niente di meno, diciotto; ed è precisamente quel codice di possesso privato, che è davvero del sec. XVII, ma pare sia una copia molto accurata. Io trascriverò gli otto non pubblicati dal Percopo: non sarà certo una gran fatica per me. Ho fatta una breve descrizione dei manoscritti (19 in tutto) che son pervenuti al Municipio dal convento di S. Bernardino. Essi hanno, in genere, pochissima importanza, si per la storia, come per la letteratura, e non hanno davvero tutto quel pregio che loro accordano, di testa loro, s’intende, i più illustri personaggi d’Aquila. Certo ci sarebbe da racimolare per la storia di questa città; ma, capirà, per questo la collazione non ha che un interesse molto limitato. Vi sono poi 23 volumi, venuti dal Convento di S. Angelo di Ocra. Ho fatto un po’ d’esame anche di questi: ma essi sono tutti di materia chiesastica. Ho trascritto da due di essi dei componimenti sacri, che hanno indubbiamente importanza letteraria. Lo stesso Archivio Comunale conserva entro certi cassettini molti documenti a fogli volanti. Tra essi son molte bolle papali originali e molti atti del Governo Aragonese. Di li si potrebbe certamente raccogliere buona messe per la storia di questa provincia nel medio-evo» (CM, Cesare De Lollis a Ernesto Monaci, 2, Aquila, 26, s. m., s. a., dal timbro, poco leggibile, si può ipotizzare che sia dell’aprile 1885).

35 De Lollis 1886d: 86.

36 Cf. CM, Cesare De Lollis a Ernesto Monaci, 10, Chieti, 2 maggio, s. a. (il timbro postale è del 1886).