Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books Ledizioni Di/Segni Formula e metafora Bridging the gap between «The Two...

Formula e metafora

 | 
Marco Castellari

Bridging the gap between «The Two Cultures»: Il medico che si fa autore e personaggio nella narrativa di A.J. Cronin (1896-1981)

Bridging the gap between «The Two Cultures»: Doctors as authors and characters in A.J. Cronin’s fiction (1896-1981)

Marco Canani

Résumé

In his Rede Lecture on The Two Cultures (University of Cambridge, 1959), the scientist and novelist C.P. Snow denounced the «sheer loss» caused by the polarization of sciences and humanities in twentieth-century western society. For Snow, the academic system is responsible for both the difficulty to train a modern and adequately skilled ruling class and the lack of a place where both cultures may meet and cross-fertilize each other. Already in the nineteenth century, however, English fiction seems to have attempted to bridge this gap and reconcile scientific progress and mainstream culture. In the 1930s, the debate concerning the efficiency and the costs of the healthcare system, and the project of the National Health Service in Great Britain drew the attention of the public to medicine as a branch of science having a tangible impact on everyday life. Such aspects are investigated in the fiction of a number of physician writers. This essay focuses on Archibald Joseph Cronin (1896-1981) and his bestselling novel The Citadel (1937), which contributed to the coeval debate on the foundation of the nhs, while Cronin’s last work, Doctor Finlay of Tannochbrae (1978), portrays a ‘postmodern’ healthcare provider who recognizes the importance of both scientific knowledge and public aid. The essay explores the works of Cronin as one of those physicians who, by becoming literary authors, popularized medical fiction as a genre. Its focus lies on the portrayal of doctors who, by acknowledging the importance of professional ethics, depart from the Faustian cliché of the scientist and provide a place where ‘soft’ and ‘hard’ sciences meet.

Texte intégral

  • 1 Snow 1959: 1. «Ero scienziato per formazione, scrittore per vocazione». Qui e più avanti, le traduz (...)

1Nella Rede Lecture tenuta a Cambridge nel 1959, il chimico e romanziere Charles Percy Snow affronta la distanza tra quelle che definisce «The Two Cultures». Dopo aver precisato che «[b] y training I was a scientist: by vocation I was a writer»1, Snow nota come la società del secondo dopoguerra sia segnata da una frattura profonda che contrappone, su due poli inconciliabili, cultura umanistica e cultura scientifica. Si tratta, nelle sue parole, di una separazione pregiudizievole sul piano intellettuale, perché, nella storia dell’umanità, è stato l’incontro-scontro tra culture e modi di pensare diversi a farsi motore del progresso (Snow 1959: 17).

2Secondo Snow, questo divario si è fatto incolmabile proprio nel ventesimo secolo, epoca in cui l’arte si è resa impermeabile alle ‘scienze dure’. Ma se, nella sua analisi, l’Inghilterra soffre maggiormente di questo divario rispetto alle due super potenze del secondo dopoguerra, è pur vero che il romanzo di lingua inglese sembra intraprendere, proprio nel ‘secolo breve’, un risanamento di questa frattura. Il tentativo di riconciliare progresso scientifico e mainstream culture ha fatto del genere medico-ospedaliero uno dei più popolari del Novecento, dalla narrativa in cui i medici si fanno autori e divengono personaggi, fino alla serialità delle diagnosi e dei pronto soccorso che affollano i palinsesti dei network generalisti. Una popolarità che nasce da un effetto catartico, quel lenimento che deriva dal bisogno inconscio di affrontare paure ancestrali, come la malattia e la morte, «esorcizzandoli con parole e raffigurazioni» (Grasso 2007: 144).

  • 2 Nel 1937, oltre a The Citadel, vengono pubblicati in Gran Bretagna anche Dr Bradley Remembers di Fr (...)

3Le radici di questa popolarizzazione della figura del medico sono databili agli anni Trenta del secolo scorso, quando si affaccia in Gran Bretagna un genere formulaico che vi intuisce un potenziale eroe moderno, promotore del progresso sociale oltre che scientifico, e che opera e lotta in quella zona oscura che si situa tra la vita e la morte. Si afferma così un tipo letterario che, facendo appello alle vulnerabilità tipiche della natura umana, instaura una relazione di forte empatia con il lettore (McKibbin 2008: 670s.). Gli esponenti di questo filone letterario, che oscilla tra il documentarismo scientifico e il giornalismo sociale, sono Archibald Joseph Cronin, Francis Brett Young e James Johnston Abraham: medici che, abbandonato l’esercizio della professione, trasferiscono sulla pagina la loro esperienza di operatori sanitari2.

  • 3 Pur mettendo in discussione l’adesione di Gustave Flaubert alla fede positivistica ottocentesca, Ju (...)

4A ben guardare, il legame moderno tra letteratura e medicina, la cui origine è ravvisabile già nelle figure di alchimisti e speziali rinascimentali, si fa più stretto e reciprocamente fecondo sin dall’inizio del diciannovesimo secolo. È qui che medicina e letteratura si incontrano in un comune sostrato di «materialismo romantico» in virtù del quale non soltanto la figura del medico entra a pieno titolo in letteratura, ma la medicina stessa si fa narrativa allorché si intuisce la necessità di includere il vissuto del paziente, al pari della sua sintomatologia, all’interno dell’indagine anamnestica (McLarren Caldwell 2004: 1). Se il grande romanzo naturalista francese trova nella medicina un metodo scientifico di osservazione esemplare, come ricorda Zola in Le Roman Expérimental (Zola 1880: 1-5)3, la presenza diffusa di figure di medici nel romanzo vittoriano è già testimonianza non solo dell’affermarsi di una ben definita identità professionale all’interno della società inglese, ma anche dell’applicabilità, a livello narrativo, di precisi modelli epistemologici di derivazione naturalistico-metodologica (Sparks 2009: 3).

5E tuttavia, la specificità dell’opera di Cronin – nonostante i suoi personaggi trovino nell’idealismo e nell’ambizione del dottor Lydgate di Middlemarch (1874) di George Eliot un illustre predecessore – sta nell’unire il dato clinico a una volontà riformatrice improntata a criteri di maggior equità sociale. La sua esperienza di medico si evince con forza in tre opere che fotografano la realtà del sistema sanitario britannico: The Citadel (La cittadella, 1937), Adventures of a Black Bag (La valigetta del dottore, 1943) e Doctor Finlay of Tannochbrae (Dottor Finlay, 1978). Pagine in cui il dottor Cronin si fa autore e diviene personaggio, muovendosi tra casi professionali e problemi personali e tentando di riconciliare rigore scientifico, dilemma etico e impegno politico.

1. La narrativa come spazio di denuncia sociale

6Dopo una breve esperienza come medico della marina britannica negli anni della Grande Guerra, dal 1921 Cronin lavora come G. P. – General Practitioner, ossia medico di medicina generale – nelle zone minerarie del Galles meridionale. Già consulente del Ministry of Pensions, nel 1924 assume l’incarico di Medical Inspector of Mines, stendendo una relazione sulle condizioni dei pronto soccorso nelle miniere carbonifere locali e conducendo uno studio sulle inalazioni di polveri nelle miniere di ematite (Davies 2011: 81). Stabilitosi a Londra, apre un ambulatorio privato a Harley Street, già dall’Ottocento cuore del distretto medico di Westminster.

  • 4 Cfr. Salwak 1982: xiv e Davies 2011: 76s. Non è dello stesso parere McKibbin (2008: 653), secondo c (...)
  • 5 Cronin 1937: 11s. «[Ad Andrew] tornò in mente tutto quello che aveva sentito, tutti gli avvertiment (...)

7Abbandonata la professione medica, nel 1930 Cronin si trasferisce nelle Highlands occidentali dedicandosi alla scrittura e, dopo la pubblicazione di tre «romanzi psicologici» (ivi: 121), decide di dare alla sua prosa un’impronta maggiormente politica e affrontare temi di interesse pubblico. Ambientato nelle cittadine minerarie di Sleescale e Tynecastle, The Stars Look Down (E le stelle stanno a guardare, 1933) anticipa già alcuni motivi chiave di The Citadel, in cui i parallelismi tra le esperienze di Cronin e le vicende del neolaureato Andrew Manson sono facilmente ravvisabili, anche se per Salwak e Davies la lettura autobiografica dell’opera di Cronin è almeno in parte discutibile4. Assunto dall’anziano dottor Page, Manson mette la sua competenza professionale a servizio della comunità di Drineffy, microcosmo dei mali del Galles di inizio secolo (ivi: 134). Tanto che, appena preso servizio, «[a]ll that he had been told, all the warnings that he had received regarding the questionable ways of practice in these remote Welsh valleys flashed into [Andrew’s] recollection»5.

  • 6 Ivi: 27. «[T]imoroso di chiedere qualsiasi cosa al Consiglio, nell’eventualità che gli decurtino il (...)

8Accertata la diffusione endemica di febbri tifoidi, Manson si scontra con l’indifferenza del District Medical Officer. Pur consapevole del focolaio, il dottor Griffiths ne ignora la minaccia, «afraid to ask the Council for anything in case they dock his wretched salary to pay for it»6. L’unica possibilità di arginare l’epidemia è fare esplodere, complice il cinico dottor Philip Denny, le fognature da cui si propaga il contagio. Come Manson, anche Denny è un giovane medico fedele al giuramento di Ippocrate, pur nella convinzione che il fine giustifica i mezzi. È a lui che Cronin affida il compito di preparare Manson (e il lettore) alla realtà che il romanzo progressivamente tratteggia:

  • 7 Ivi: 34. «I pensieri di Andrew tornarono inconsapevolmente a Denny, che non mancava mai di burlarsi (...)

Unconsciously Andrew’s thoughts returned to Denny who never failed in his derision towards his profession to which they belonged. Denny at first had aggravated him intensely by his weary contention that all over Britain there were thousands of incompetent doctors distinguished for nothing but their sheer stupidity and an acquired capacity for bluffing their patients. Now he began to question if there were not some truth in what Denny said7.

  • 8 Ivi: 133. «[S] empre guidato dal suo principio, il metodo scientifico».
  • 9 Ivi: 210. «[L] etteratura sull’argomento. Era sconcertato da quanto fosse scarsa. Pochi ricercatori (...)

9Dopo il matrimonio con Christine, Andrew si trasferisce nella vicina Aberalaw, dove lavora per la cassa assistenziale destinata ai lavoratori della comunità mineraria locale. «[A] lways guided by his principle, the scientific method»8, Andrew si dedica con rigore alla ricerca per il trattamento della silicosi, malattia professionale che dilaga tra i minatori, e la cui diffusione evidenzia lo iato tra gli interessi del capitale e la salute degli operai, riattualizzando temi già affrontati da Frances Trollope, Elizabeth Gaskell e la stessa George Eliot. La ricerca di Manson si sviluppa in modo scrupoloso e pienamente scientifico, muovendosi dallo studio della «literature on the subject. Its paucity astounded him. Few investigators seemed to have concerned themselves greatly with the pulmonary occupational diseases»9. Nel corso delle visite, Manson raccoglie le anamnesi, incrociandone i dati con i risultati di test di laboratorio condotti su campioni di secrezioni polmonari analizzati al microscopio. Per questo, egli intuisce l’importanza degli interventi di ‘follow-up’, oggi riconosciuti dalla medicina come fondamentali. La volontà di seguire il paziente in occasione di controlli periodici lo porta così a mettere in discussione l’opera dei colleghi e il sistema in vigore:

  • 10 Ivi: 172. «Mi sembra […] che questo nostro sistema sia completamente sbagliato. Bighelloniamo e imp (...)

It seems to me […] that our system here is all wrong. We just go hacking and muddling through in the antediluvian way like we were ordinary town and country G. P.’s, fighting each other, not members of the same Medical Society […]. Why is that? It’s because there’s no attempt at organisation in our profession10.

  • 11 Ivi: 242. «Era tipico di quasi tutta l’attività di ricerca nel paese: controllata da un’oligarchia (...)

10Elaborando i dati minuziosamente raccolti, Manson determina gli indici di incidenza della silicosi tra i lavoratori di Aberalaw, suscitando le ire dei ‘poteri forti’ che mettono fine alle sue ricerche per un burocratico vizio di forma: non disponendo di un’autorizzazione ufficiale a condurre esperimenti sulle cavie, Manson deve interrompere il suo studio. Come ricorda il patologo Hope, del resto, «[i]t was typical of most of the research work in the country: controlled by a quorum of eminent mugs who were too busy squabbling amongst themselves to shove the waggon in any one definite direction»11.

11Impegno professionale e questioni etiche sono al centro dell’intero romanzo, e Manson è costretto a scendere a compromessi per conciliare il conflitto tra ambizione e coscienza (Pirracchio 2011: 52). Soprattutto lo scenario londinese, dove Manson arriva grazie alla sua ricerca, nominato Medical Officer del Coal and Metalliferous Mines Fatigue Board, è popolato da medici avidi, spregiudicati e non di rado incompetenti. La caduta dell’eroe Manson coincide con la sua decisione di intraprendere la libera professione, a servizio di capricciosi e relativamente sani pazienti ‘solventi’ai quali medici dalla deontologia discutibile non esitano a prescrivere inutili e costosi placebo. Come spiega a Manson e ad altri colleghi il dottor Paul Deedman, uno dei ‘decani’ di Harley Street,

  • 12 Ivi: 270s. «Negli ambulatori delle classi elevate, le somministrazioni orali sono senza dubbio fuor (...)

In good-class practice oral administration is definitely demoded. If I prescribed – oh, say a veripon powder, at the Plaza, it wouldn’t cut one guinea’s worth of ice. But if you give the same thing hypodermically, swabbing up the skin, sterilising and all the rest of the game, your patient thinks, scientifically, that you are the cat’s pyjamas! […] They don’t know how little these things cost. Whenever a patient sees a row of ampules on your desk she thinks instinctively, «Heavens! This is going to mean money!»12.

12L’impegno politico alla base di The Citadel è evidente: il romanzo richiama l’attenzione sull’indifferenza delle istituzioni britanniche sia ai rischi cui è esposta la classe che sostiene l’economia nazionale, sia alle frodi sanitarie diffuse. Per questo, Cronin è celebrato dal National Health Service (nhs) britannico non solo come la J.K. Rowling del suo tempo, ma anche come giornalista sociale. Il servizio sanitario nazionale britannico, approvato con un atto parlamentare voluto dal ministro laburista Aneurin Bevan nel giugno 1946, ed entrato in vigore due anni dopo, viene istituito anche grazie all’attenzione attirata da The Citadel sullo stato della sanità pubblica nel Regno Unito. E proprio l’nhs, in occasione del suo sessantennio di attività, nel 2008 ha reso omaggio a Cronin, ricordando che già prima del 1947 esistevano forme previdenziali come la Tredegar Medical Aid Society, ma anche che «il sistema in vigore […] era nell’insieme corrotto e immorale»,13 né garantiva al malato dignità e cure adeguate.

  • 14 Anche le vicende di Finlay sono state trasformate in due serie televisive di successo, trasmesse, r (...)
  • 15 Cit. in Salwak 1982: 29. «Le critiche alla professione medica non sono niente di nuovo, ma mai in p (...)

13Nella sola Gran Bretagna, The Citadel vende centocinquantamila copie nel giro di appena tre mesi. Trasformato in un radiodramma dalla bbc, il romanzo è adattato per il cinema dalla Metro Goldwin Mayer nel 193914. Le ragioni della fortuna presso il grande e variegato pubblico sono ascrivibili alla denuncia della mancanza di un codice deontologico condiviso dalla classe medica e politica del periodo interbellico (Salwak 1982: XIII), denuncia che suscita, naturalmente, polemiche tra i professionisti della sanità britannica. La British Medical Association risponde con indignazione alla pubblicazione del romanzo, come si legge nella recensione apparsa il 27 agosto 1937 sul «Lawrence Tribune» (Massachusetts), che precisa come «[c] riticisms of the medical profession are no new thing, but never before has such a vehement attack been made upon it by a popular author who has himself had a medical training and has practised as a doctor»15. Per questo, il protagonista di Adventures of a Black Bag e Doctor Finlay of Tannochbrae diviene lo snodo attraverso il quale Cronin muove una critica più ampia. Una critica mirata contro le logiche dell’interesse economico che regolano le condotte individuali, ma anche una riflessione sul ruolo del medico e della medicina di base all’interno della comunità.

2. Una figura di medico postmoderno

14Il dottor John Finlay, già protagonista delle storie di Adventures of a Black Bag, è un giovane medico di medicina generale che si prende cura dei pazienti di una fittizia cittadina scozzese, Tannochbrae, con la dedizione di un prevosto, trasformando la visita medica in un incontro dal potere taumaturgico (Pirracchio 2011: 58). Dopo la raccolta del 1943, la figura di Finlay torna in Doctor Finlay of Tannochbrae, ultima opera di Cronin. Questa seconda serie di racconti viene data alle stampe nel 1978, l’anno in cui la Dichiarazione di Alma Ata, promossa dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, delinea i fondamenti irrinunciabili dell’assistenza sanitaria di base. Diversamente dagli specialisti, i medici generici devono avvalersi di capacità e competenze molteplici e pertinenti non soltanto all’ambito della diagnostica. Nelle intenzioni dell’oms, il ruolo della medicina generale non deve limitarsi al trattamento di malattie comuni e alla normale profilassi immunitaria, ma deve promuovere un’educazione alla salute psicofisica della persona (Agarwal 2009: 115s.). E Finlay concepisce la medicina come una scienza inesatta, che non può ridurre «l’antropologia al somatico» (Cosmacini 2000, cit. in Pirracchio 2011: 59), ma che deve subordinare la diagnosi a una dettagliata indagine anamnestica e intervenire con una terapia di natura non solo farmacologica, ma di orientamento olistico. In effetti, Adventures of a Black Bag, pubblicato nel 1943, vede una seconda edizione nel 1969, al termine di quel decennio in cui, secondo gli storici della medicina, si comprende la necessità di porre l’attenzione sugli aspetti relazionali di cura, muovendosi verso una «dimensione umana» della professione medica (D’Ivernois e Gagnayre 2006: 20).

15Doctor Finlay of Tannochbrae presenta invece un andamento narrativo che, pur maggiormente romanzato, rispecchia l’organizzazione a ‘cartella clinica’ di Five Patients (Casi di emergenza, 1970), in cui un altro autore medico, Michael Crichton, unisce al documentarismo scientifico maturato negli anni del suo internato la denuncia delle inefficienze e iniquità del sistema sanitario statunitense. I capitoli di Doctor Finlay hanno un andamento episodico: ciascuno affronta un paziente, una storia, un problema interessante più per l’aspetto sociale che per il dato clinico. Nell’episodio di apertura, Finlay deve affrontare un tema ancora caldo per la società britannica coeva, quello dell’aborto, in anni più recenti riattualizzato da Vera Drake, Leone d’oro come miglior film al Festival di Venezia del 2004. L’interruzione volontaria della gravidanza era stata legalizzata in Gran Bretagna nel 1967, ma, al di là delle possibili implicazioni etiche, Finlay non può soddisfare la richiesta della donna, perché già oltre i termini consentiti. Il che gli permette di tutelare non solo il feto, ma anche la madre, che intenderebbe abortire poiché incinta a seguito di un rapporto extraconiugale:

  • 16 Cronin 2010: 9. «Che stupido era stato a lasciarsi invischiare in un casino famigliare [...]. Però (...)

What a fool he had been to entangle himself in a family mess […]. Nevertheless, he had given his word and he had a haunting premonition that, if he did not act wisely on behalf of his beautiful patient, she herself might come to grief16.

16Finlay assiste la signora Alvarez nell’ultimo trimestre di gravidanza ricorrendo a competenze non soltanto mediche, ma anche socioassistenziali, aiutandola così ad affrontare la maternità con la serenità necessaria:

  • 17 Ivi: 11. «Alcuni giorni dopo, quando la signora Alvarez riuscì a mettersi seduta tenendo il bambino (...)

A few days later, when Madame Alvarez was able to sit up with the child in her arms, the señor arrived and Finlay, who witnessed the reunion of husband and wife, thanked heaven that he had preserved the love of this truly devoted couple17.

17Del resto, la questione dell’infanzia è squisitamente inglese. La riflessione letteraria sulla medicina pediatrica affonda le sue radici in Charles Dickens, con la descrizione del Children’s Hospital in The Uncommercial Traveller (1859, Viaggiatore per diporto). Fatta eccezione per alcuni documenti relativi a dati epidemiologici, però, la letteratura scientifica aveva a lungo trascurato la patologia del bambino, mentre gli elevati tassi di mortalità infantile venivano spesso guardati con indifferenza (Shorter 1986: 87). Quell’indifferenza contro la quale si muove Finlay, prima restaurando l’elegante villa georgiana, concessagli dall’amministrazione comunale, per trasformarla in una casa di convalescenza per l’infanzia disagiata, e poi sottraendo il piccolo José agli abusi di una ricca coppia boliviana. Affidando José alle cure di Janet, domestica e ‘perpetua’ del medico presso il quale presta servizio, Finlay soddisfa a un tempo il bisogno di amore e cure del piccolo e il desiderio di maternità della donna:

  • 18 Ivi: 87. «“C’è una cosa per cui devo dirle umilmente grazie, dottore: grazie alle sue capacità e al (...)

«There’s just one thing that I must humbly thank ye for, doctor: your skill and gentleness that made the birth o’my bairn absolutely painless. Ye must a gi’en me a great big dose o’the chloroform, for it’s the God’s truth I never felt a thing till I woke up wi’the dear bairn in my airms».
Finlay studied her, kindly. [...] Now, indeed, Janet yielded to all her years of frustrated motherhood. A woman too plain to attract a man, yet longing in her heart to have a child. She sat down, holding her little boy tight, and let the warm tears flow
18.

  • 19 Ivi: 60. «[S] pazzatura di ambulatorio raffinato, gente per bene alla quale si danno ricette a paga (...)

18La natura olistica dell’approccio di Finlay è pienamente scientifica, e conforme alle conclusioni raggiunte dalla moderna epidemiologia, sempre più convinta che la malattia, oltre che da cause organiche, genetiche o patogene, possa trarre origine anche da fattori psicologici, cognitivi e sociali (D’Ivernois e Gagnayre 2006: 6s.). L’ultima opera di Cronin dà prova, inoltre, della sua fedeltà a una precisa idea di deontologia professionale: l’indisponibilità di Finaly a esercitare per un «high-class practice, nae trash, just high-class gentry that can be gi’en a private prescription without even takin’their shirts off»19 rivela un’ulteriore e neanche troppo velata critica a quella classe medica già mira di The Citadel.

19La verità scientifica, del resto, non viene messa da parte da Cronin. Il Novecento porta con sé le conquiste nell’ambito della batteriologia, della diagnostica e della farmacologia iniziate nel secolo precedente. Il rigore scientifico accompagna il trattamento della febbre tifoide e la ricerca sulla silicosi del dottor Manson, e permette a Finlay, intervenendo con una trasfusione, di curare un piccolo paziente sopperendo alla negligenza del dottor Cameron. A differenza dell’anziano collega, Finlay esamina il giovane prestando la massima attenzione al quadro sintomatologico:

  • 20 Ivi: 15s. «Bob si consegnò in silenzio, mentre Finlay gli controllava il polso, prima di osservarne (...)

Bob submitted in silence while Finlay took his pulse, then peered into the boy’s white, tense face. Finlay spent some time examining the boy’s eyes in particular, everting the lower lids and studying the conjunctiva, which was not a healthy red but pallid and bloodless. [...] The blood, pale and watery-looking, was drawn up into a hypodermic syringe then transferred to a test tube and within twenty minutes the tests were complete20.

20Ma la scientificità della narrazione è funzionale, e forse subordinata, allo scopo sociale. Già in The Citadel, Manson, fresco di laurea, si accorge della necessità di un mutamento di prospettive nell’ambito della professione sanitaria:

  • 21 Cronin 1937: 60s. «Sono arrivato qui con la testa piena di formule, di quelle cose che tutti sappia (...)

I came down here full of formulæ, the things that everybody believes, or pretends to believe. That swollen joints mean rheumatism. That rheumatism means salicylate. You know, the orthodox things! Well I’m finding out that some of them are all wrong. Take medicine, too. It seems to me that some of it does more harm than good. It’s the system. A patient comes into the surgery. He expects his «bottle of medicine.» And he gets it, even if it’s only burnt sugar, soda carb. and good old aqua. That’s why the prescription is written in Latin – so he won’t understand it. It isn’t right. It isn’t scientific. And another thing. It seems to me that too many doctors treat disease empirically, that’s to say, they treat the symptoms individually. They don’t bother to combine the symptoms in their own mind and puzzle out the diagnosis. They say, very quick, because they’re usually in a rush, «Ah! Headache – try this powder,» or «you’re anæmic, you must have some iron.» Instead of asking themselves what is causing headache or anæmia21.

  • 22 Ivi: 201. «Ci vorrebbe una legge che obbligasse i medici ad aggiornarsi. È tutta colpa del nostro s (...)

21L’episodio di cui è protagonista il dottor Cameron è un caso di negligenza professionale privo di conseguenze, ma sintomatico della necessità di un più efficace sistema di formazione e aggiornamento degli operatori sanitari, un’esigenza che Cronin aveva già sollevato in The Citadel. È ad Aberalaw, infatti, che Manson riconosce come «[t] here ought to be a law to make doctors keep up to date. It’s all the fault of our rotten system. There ought to be compulsory post-graduate classes – to be taken every five years»22.

22Il successo editoriale di Cronin sembra così correlabile al dibattito che ha fornito la cornice all’interno della quale hanno visto la pubblicazione i suoi primi romanzi (McKibbin 2008: 665), anche se Davies (2011: 123) diffida dall’identificare in Cronin effettive simpatie socialiste o l’esplicita adesione a un preciso modello di welfare. Al di là delle intenzioni, è indubbio che The Citadel abbia contribuito ad alimentare, presso l’opinione pubblica e le istituzioni, il dibattito in corso sull’opportunità di istituire nel Regno Unito un sistema sanitario nazionale. Certamente il romanzo non risparmia, come si è visto, le critiche ai sistemi esistenti, quale, ad esempio, quello di Aberalaw, versione letteraria della Tredegar Medical Aid Society presa a modello dal ministro Bevan:

  • 23 Ivi: 227. «L’idea che un gruppo di lavoratori controllasse i servizi sanitari della comunità a bene (...)

It was a wonderful ideal, this group of working men controlling the medical services of the community for the benefit of their fellow workers. But it was only an ideal. They were too biased, too unintelligent ever to administer such a scheme progressively23.

  • 24 Sulla definizione di medico e paziente «postmoderno» cfr. Shorter 1986. Si veda anche l’analisi pro (...)

23Quello che sembra indiscutibile riconoscere nella narrativa di Cronin, allora, è una proposta di rinnovamento che aspira a un sistema sanitario e a un’etica professionale di tipo postmoderno24. L’innovazione di cui Cronin sembra farsi portavoce è una relazione tra paziente e datore di cure che si basa sulla riflessività reciproca. Un orientamento secondo il quale la capacità degli operatori sanitari di osservare e mettere criticamente in discussione il proprio operato è fondamentale all’istituzione di una relazione medicopaziente più equilibrata e interattiva (Bissolo et al. 2009: 28s.) e, dunque, più efficace dal punto di vista sia del successo terapeutico che della gestione del sistema. In questa prospettiva, i medici di Cronin abbandonano definitivamente lo stereotipo dello scienziato faustiano e prometeico a favore di una dimensione più umana, esplorata nei suoi conflitti e nei dilemmi personali.

24Forse anche per questo, però, i suoi protagonisti faticano a fare proprio, in senso letterale, il versetto evangelico medice, cura te ipsum (Lc 4:23).

Bibliographie

Agarwal G., 2009, Geographies of Family Medicine: Describing the Family Doctor’s Practice-Based Landscape of Care, in Crooks V.A. – Andrews G.J. (eds.), Primary Health Care: People, Practice, Place, Farnham and Burlington (VT), Ashgate: 115-130.

Barnes J., 1985, Flaubert’s Parrot, London, Picador.

Bissolo G. – Fazi L. – Gianelli M.V., 2009, Relazioni di cura. Introduzione alla psicologia sociale maligna, Roma, Carocci.

Cosmacini G., 2000, Arte di chirurghi e arte di medici: ospedali e condotte, in Cortinovis I. – Auxilia F. et al., Essere medico: antologia di testi, provocazioni ed esercizi di autovalutazione, Milano, cea: 277-289.

Cronin A.J., 1937, The Citadel, London, Gollancz.

—, 2010, Dr Finlay of Tannochbrae, in id., Dr Finlay’s Casebook, Edinburgh, Birlinn. (1978)

Davies A., 2011, A.J. Cronin: The Man Who Created Doctor Finlay, Richmond, Alma Books.

D’Ivernois J.-F. – Gagnayre R., 2006, Educare il paziente: un approccio pedagogico, Milano, McGraw Hill.

Grasso A., 2007, Buona maestra. Perché i telefilm sono diventati più importanti del cinema e dei libri, Milano, Mondadori.

Haining P., 1994, On Call with Doctor Finlay, London, Boxtree.

McKibbin R., 2008, Politics and the Medical Hero: A. J. Cronin’s «The Citadel», «English Historical Review» 502.123: 651-678.

McLaren Caldwell J., 2004, Literature and Medicine in Nineteenth-Century Britain, Cambridge University Press.

Pirracchio F., 2011, Il medico nei romanzi: «La Cittadella» e il «Dottor Finlay» di Cronin. Il medico nella storia di tutti i giorni, «Medicina narrativa» 1: 51-60.

Salwak D., 1982, A.J. Cronin. A Reference Guide, Boston (MA), G.K. Hall.

Shorter E., 1986, La tormentata storia del rapporto medico-paziente, Milano, Feltrinelli.

Snow C.P., 71961, The Two Cultures and the Scientific Revolution. The Rede Lecture, New York, Cambridge University Press. (1959)

Sparks T., 2009, The Doctor in the Victorian Novel: Family Practices, Farnham and Burlington (VT), Ashgate.

Zola É., 1880, Le Roman Expérimental, in id., Le Roman Expérimental, Paris, Charpentier: 1-53.

Notes

1 Snow 1959: 1. «Ero scienziato per formazione, scrittore per vocazione». Qui e più avanti, le traduzioni sono mie [M.C.].

2 Nel 1937, oltre a The Citadel, vengono pubblicati in Gran Bretagna anche Dr Bradley Remembers di Francis Brett Young (Il Dottor Bradley ricorda) e Leaves from a Surgeon’s Case-Book di James Johnston Abraham (Dallo schedario di un chirurgo). Non si tratta di casi senza precedenti, almeno per quanto concerne il panorama britannico. Salwak (1982: xi) ricorda, ad esempio, come le opere di Oliver Goldsmith, Arthur Conan Doyle, William Somerset Maugham, C. S. Forester e Robert Bridges rivelino tutte, pur in misura diversa, la formazione medica dei loro autori.

3 Pur mettendo in discussione l’adesione di Gustave Flaubert alla fede positivistica ottocentesca, Julian Barnes (1985: 84s.) nota in Flaubert’s Parrot (Il pappagallo di Flaubert) come, verso l’epilogo di Madame Bovary, la morte di Emma sia vegliata, oltre che dal prete, dal farmacista Homais, contrapponendo così alla vecchia ortodossia il trionfo del progresso scientifico e dei valori borghesi.

4 Cfr. Salwak 1982: xiv e Davies 2011: 76s. Non è dello stesso parere McKibbin (2008: 653), secondo cui i romanzi di Cronin si distinguerebbero proprio per l’impossibilità di scindere realtà e fiction.

5 Cronin 1937: 11s. «[Ad Andrew] tornò in mente tutto quello che aveva sentito, tutti gli avvertimenti che gli erano stati dati a proposito della discutibile condotta professionale di queste remote valli del Galles».

6 Ivi: 27. «[T]imoroso di chiedere qualsiasi cosa al Consiglio, nell’eventualità che gli decurtino il suo dannato stipendio».

7 Ivi: 34. «I pensieri di Andrew tornarono inconsapevolmente a Denny, che non mancava mai di burlarsi della professione che entrambi esercitavano. All’inizio, Denny lo aveva urtato non poco con la sua noiosa tesi che, in tutta la Gran Bretagna, c’erano migliaia di medici incompetenti, noti unicamente per la loro totale stupidità e l’acquisita capacità di ingannare i pazienti. Ma adesso cominciava a domandarsi se non ci fosse un pizzico di verità in quello che diceva Denny».

8 Ivi: 133. «[S] empre guidato dal suo principio, il metodo scientifico».

9 Ivi: 210. «[L] etteratura sull’argomento. Era sconcertato da quanto fosse scarsa. Pochi ricercatori sembravano essersi interessati seriamente alle malattie polmonari di orgine professionale».

10 Ivi: 172. «Mi sembra […] che questo nostro sistema sia completamente sbagliato. Bighelloniamo e improvvisiamo quasi fossimo semplici medici di base, di città o campagna, litigando gli uni con gli altri, anziché lavorare come membri della stessa Associazione Medica […]. Perché poi? Perché non c’è il minimo impegno a dare un’organizzazione alla nostra professione».

11 Ivi: 242. «Era tipico di quasi tutta l’attività di ricerca nel paese: controllata da un’oligarchia di emeriti babbei, troppo occupati a bisticciare gli uni con gli altri per muovere la carretta in qualsiasi direzione precisa».

12 Ivi: 270s. «Negli ambulatori delle classi elevate, le somministrazioni orali sono senza dubbio fuori moda. Se prescrivessi, ad esempio, una sospensione di veripon al Plaza, non ci ricaverei l’equivalente di una ghinea. Ma se la stessa sostanza si somministra per via ipodermica, sterilizzando la siringa, strofinando la pelle con il cotone e mettendo in piedi tutto il teatrino, allora i pazienti ti reputano un fuoriclasse della scienza! […] Non hanno idea di quanto poco costi il tutto. Basta che una paziente veda una serie di fiale sul tavolo che subito pensa, “Oh cielo! Chissà quanti soldi!”».

13 Si veda la pagina An Expectant Public dal sito del nhs Scotland, http://www.ournhsscotland.com/history/birth-nhs-scotland/expectant-public (ultima consultazione: 26/01/2014).

14 Anche le vicende di Finlay sono state trasformate in due serie televisive di successo, trasmesse, rispettivamente, dalla bbc (1962-1971) e da itv (1993-1996). Cfr. Haining 1994.

15 Cit. in Salwak 1982: 29. «Le critiche alla professione medica non sono niente di nuovo, ma mai in passato è stata criticata con tanta veemenza da un autore popolare che ha ricevuto una formazione medica e ha esercitato la professione».

16 Cronin 2010: 9. «Che stupido era stato a lasciarsi invischiare in un casino famigliare [...]. Però aveva dato la sua parola, e aveva l’angoscioso presentimento che, se non avesse agito con giudizio per conto della sua bella paziente, sarebbe stata lei stessa a soffrirne».

17 Ivi: 11. «Alcuni giorni dopo, quando la signora Alvarez riuscì a mettersi seduta tenendo il bambino in braccio, arrivò il señor Alvarez. Finlay, testimone del ricongiungimento di moglie e marito, ringraziò il cielo per essere riuscito a tutelare l’amore di una coppia così sinceramente devota».

18 Ivi: 87. «“C’è una cosa per cui devo dirle umilmente grazie, dottore: grazie alle sue capacità e alla sua gentilezza, la nascita del marmocchio è stata totalmente indolore. È come se lei mi avesse dato una dose massiccia di cloroformio, perché mi è testimone Dio che non ho sentito nulla, finché non mi sono svegliata con quel dolce frugolo tra le braccia”. Finlay la osservò con tenerezza. [...] Adesso, infatti, Janet si arrendeva a tutti quegli anni di maternità frustrata. Una donna troppo insipida per attrarre un uomo, ma che nel cuore desiderava un figlio. Seduta, stringendo forte il piccolo, lasciò che le lacrime scorressero calde».

19 Ivi: 60. «[S] pazzatura di ambulatorio raffinato, gente per bene alla quale si danno ricette a pagamento, senza che neanche si tolgano la camicia».

20 Ivi: 15s. «Bob si consegnò in silenzio, mentre Finlay gli controllava il polso, prima di osservarne il viso pallido e teso. Finlay si soffermò in particolare a esaminare gli occhi, rivoltandogli le palpebre inferiori e studiandone la congiuntiva, che non era di un rosso sano, ma pallida ed esangue. [...] Il sangue, pallido e simile ad acqua, fu prelevato attraverso una siringa ipodermica, e poi trasferito in una provetta. Nel giro di una ventina di minuti, i test erano completi».

21 Cronin 1937: 60s. «Sono arrivato qui con la testa piena di formule, di quelle cose che tutti sappiamo o fingiamo di sapere. Quel gonfiore alle giunture indica reumatismi. E per i reumatismi ci vuole del salicilato. Insomma, le solite cose! Beh, sto scoprendo che alcune sono completamente sbagliate. Le medicine, ad esempio. Mi sembra che alcune facciano più male che bene. È il sistema. Il paziente viene in ambulatorio, e si aspetta il suo “flacone di medicina”. E lo riceve, anche se è solo zucchero bruciacchiato, carbonato di sodio e cara vecchia acqua. Per questo la ricetta è in latino, perché non capiscano cosa c’è scritto. Non va bene. Non è scientifico. E un’altra cosa. Ho l’impressione che troppi medici curino la malattia in modo empirico, curando cioè i sintomi individualmente. Non si prendono la briga di metterli insieme, nella loro testa, per arrivare a una diagnosi. Dicono solo, e di solito in modo sbrigativo, perché hanno fretta, “Ah! Mal di testa – provi questa polvere”, o “lei è anemico, deve assumere del ferro”. Anziché domandarsi quale sia la causa del mal di testa o dell’anemia».

22 Ivi: 201. «Ci vorrebbe una legge che obbligasse i medici ad aggiornarsi. È tutta colpa del nostro sistema marcio. Ci vorrebbero dei corsi post-laurea obbligatori, da seguire ogni cinque anni».

23 Ivi: 227. «L’idea che un gruppo di lavoratori controllasse i servizi sanitari della comunità a beneficio dei colleghi era fantastica. Ma era solo una chimera. Erano troppo poco intelligenti e troppo poco imparziali per gestire il sistema in modo progressista».

24 Sulla definizione di medico e paziente «postmoderno» cfr. Shorter 1986. Si veda anche l’analisi proposta da Pirracchio 2011.

Auteur

Laureato in Lingue e letterature straniere presso l’Università degli Studi di Milano, dove è dottorando di ricerca in Letteratura inglese. Si è occupato degli echi shakespeariani nella poesia di John Keats e della ricezione dell’Antica Grecia nella letteratura e nelle arti britanniche tra Sette e Ottocento. Al momento la sua ricerca si concentra sul recupero del Rinascimento italiano nella letteratura tardo vittoriana, con particolare attenzione a questioni di estetica e gender. Di prossima uscita è un volume, curato con Sara Sullam, in occasione del settantennio della morte di James Joyce e Virginia Woolf (Cambridge Scholars).

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search