Version classiqueVersion mobile

Fare Open Access

 | 
Simone Aliprandi

Appendice Documenti e norme

Texte intégral

Budapest Open Access Initiative – Dichiarazione di Budapest per l’accesso aperto (2002)1

1Un’antica tradizione e una nuova tecnologia sono confluite per dar vita a un bene pubblico senza precedenti. L’antica tradizione è la scelta degli scienziati e degli studiosi di pubblicare gratuitamente i frutti delle loro ricerche in riviste scientifiche, per amore della ricerca e della conoscenza. La nuova tecnologia è Internet. Il bene pubblico che hanno reso possibile è la diffusione mondiale in formato elettronico della letteratura scientifica peer-reviewed e l’accesso ad essa completamente gratuito e senza restrizioni per tutti gli scienziati, studiosi, insegnanti, studenti, e per ogni mente curiosa. Rimuovere le barriere di accesso a tale letteratura produrrà accelerazione nella ricerca, arricchirà l’istruzione, consentirà di condividere la conoscenza del ricco con il povero e del povero con il ricco, permetterà di utilizzare al meglio i risultati e porrà le fondamenta per unire l’umanità in una conversazione intellettuale comune e in una comune ricerca di conoscenza.

2Per varie ragioni, tale disponibilità online, libera e senza restrizioni – che chiameremo accesso aperto – finora è rimasta circoscritta a piccole porzioni della letteratura scientifica. Ma pur in questi casi limitati, diverse iniziative hanno dimostrato che l’accesso aperto è economicamente praticabile, offre ai lettori un’eccezionale possibilità di recuperare e utilizzare letteratura scientifica pertinente, e dà agli autori e ai loro lavori visibilità, leggibilità e impatto in un modo nuovo, ampio e misurabile. Per garantire a tutti questi benefici, ci appelliamo a tutte le istituzioni e singoli individui interessati affinché aiutino a rendere accessibile anche il resto della letteratura scientifica e rimuovano le barriere, specialmente le barriere di prezzo, che ostacolano il cammino. Quanti più si uniranno alla causa, tanto prima godremo tutti dei benefici dell’accesso aperto.

3La letteratura che dovrebbe essere liberamente accessibile online è quella che gli studiosi offrono al mondo senza aspettarsi una ricompensa in denaro. Nel novero entrano innanzitutto articoli di riviste peer-reviewed, ma riguarda anche pre-print non ancora sottoposti a giudizio e che gli autori desiderino mettere online per ottenere commenti o per informare tempestivamente i colleghi su importanti risultati di ricerca. Esistono diversi gradi e tipi di accesso, più ampio e facile, a questo genere di letteratura. Per “accesso aperto” a tale letteratura intendiamo la sua disponibilità pubblica e gratuita in Internet, e la possibilità per ogni utente di leggere, scaricare, copiare, diffondere, stampare, cercare, o linkare al testo completo degli articoli, di analizzarli e indicizzarli, di trasferirne i dati in un software, o usarli per ogni altro utilizzo legale, senza ulteriori barriere (legali, tecniche o finanziarie) se non quelle relative all’accesso a Internet. L’unico vincolo riguardo la riproduzione e la distribuzione, e l’unica funzione del copyright in questo ambito, dovrebbe essere la tutela dell’integrità del lavoro degli autori e il diritto di essere debitamente riconosciuti e citati.

4Mentre la letteratura peer-reviewed dovrebbe essere accessibile online gratuitamente per i lettori, non è priva di costi per chi la produce. Tuttavia, casi concreti dimostrano che i costi complessivi per fornire l’accesso aperto a questa letteratura sono di gran lunga inferiori ai costi delle tradizionali forme di disseminazione. Una simile opportunità di risparmiare denaro e, allo stesso tempo, di espandere il raggio della disseminazione, costituisce ora un forte incentivo per associazioni professionali, università, biblioteche, fondazioni, e altri ancora, ad accogliere l’accesso aperto come mezzo per promuovere le proprie le proprie finalità istituzionali. Realizzare l’accesso aperto richiederà nuovi modelli sia di recupero dei costi che di finanziamento, ma la netta diminuzione dei costi generali di disseminazione dà motivo di ritenere possibile l’obiettivo e non semplicemente preferibile o utopico.

5Raccomandiamo due strategie complementari per realizzare l’accesso aperto alla letteratura scientifica:

  • Auto-archiviazione: Innanzitutto gli studiosi hanno bisogno di strumenti e assistenza per poter depositare i propri articoli scientifici sottoposti a referee in archivi elettronici aperti, una pratica comunemente chiamata auto-archiviazione. Se tali archivi sono conformi agli standard sviluppati da Open Archives Initiative, allora i motori di ricerca e altri strumenti possono trattare i diversi archivi come se fosse un unico archivio. Gli utenti non avrebbero pertanto necessità di conoscere i singoli archivi e gli indirizzi per recuperare e utilizzarne i contenuti.
  • Riviste open access: gli studiosi hanno poi bisogno di mezzi sia per lanciare una nuova generazione di riviste impegnate nell’accesso aperto sia per aiutare le riviste già esistenti che hanno optato per la transizione all’accesso aperto. Dato che gli articoli scientifici dovrebbero essere disseminati nel modo più ampio possibile, queste nuove riviste non invocheranno più il copyright per restringere l’accesso e l’uso dei materiali pubblicati. Semmai utilizzeranno il copyright e altri strumenti per assicurare l’accesso aperto permanente a tutti gli articoli pubblicati. Considerato che il prezzo è un ostacolo all’accesso, le nuove riviste non richiederanno costi di abbonamento né di accesso e adotteranno altri metodi per coprire le spese. A tal scopo esistono molte fonti di finanziamento alternative: fondazioni e governi che finanziano la ricerca, università e laboratori che assumono i ricercatori, e ancora, sovvenzioni da associazioni scientifiche disciplinari o da istituzioni, e ancora, amici della causa dell’accesso aperto, profitti derivanti dalla vendita di allegati ai testi principali, tutti fondi resi disponibili a seguito della cessazione o della cancellazione di riviste che richiedono il tradizionale abbonamento o le quote di accesso o perfino contributi da parte degli stessi ricercatori. Ciascun Paese o area disciplinare non dovrà privilegiare una di queste soluzioni rispetto alle altre, né smettere di cercare altre possibili alternative.

6L’accesso aperto alla letteratura prodotta da riviste peer-reviewed è l’obiettivo. I modi per ottenere tale obiettivo sono l’auto-archiviazione (I) e una nuova generazione di riviste ad accesso aperto (II). Si tratta di strumenti diretti ed efficaci per raggiungere lo scopo e, inoltre, sono già a disposizione dei ricercatori e pertanto non comportano l’attesa di cambiamenti prodotti dai mercati o dalla legislazione. Noi sosteniamo le due strategie appena illustrate ma incoraggiamo anche la sperimentazione di ulteriori modi per realizzare la transizione dai metodi attuali di disseminazione all’accesso aperto. Flessibilità, sperimentazione e adattamento a specifiche locali, sono le vie migliori per garantire un successo rapido, sicuro e duraturo nei diversi contesti.

7Open Society Institute, il network della fondazione creata dal filantropo George Soros, si impegna a fornire l’aiuto iniziale e il finanziamento per realizzare tale obiettivo. La fondazione farà ricorso alle sue risorse e alla sua influenza per estendere e promuovere l’auto-archiviazione istituzionale, per lanciare nuove riviste ad accesso aperto e per aiutare il sistema delle riviste ad accesso aperto a diventare economicamente autosufficiente. Anche se l’impegno e le risorse di Open Society Institute sono notevoli, l’iniziativa ha davvero bisogno dell’impegno e delle risorse di altre organizzazioni.

8Invitiamo governi, università, biblioteche, direttori di riviste, editori, fondazioni, associazioni scientifiche, associazioni professionali e singoli studiosi che condividono la nostra prospettiva, a unirsi a noi nel compito di rimuovere le barriere all’accesso aperto e costruire un futuro in cui la ricerca e l’istruzione possano prosperare più liberamente in ogni parte del mondo.

Dichiarazione di Berlino sull’accesso aperto alla letteratura scientifica (2003)2

Premessa

9Internet ha radicalmente modificato le realtà pratiche ed economiche della distribuzione del sapere scientifico e del patrimonio culturale. Per la prima volta nella storia, Internet offre oggi l’occasione di costituire un’istanza globale ed interattiva della conoscenza umana e dell’eredità culturale e di offrire la garanzia di un accesso universale.

10Noi, i firmatari, ci impegniamo ad affrontare le sfide di Internet come mezzo funzionale emergente per la diffusione della conoscenza. Siamo certi che questi sviluppi saranno in grado di incidere significativamente tanto sulla natura delle pubblicazioni scientifiche quanto sul sistema esistente di valutazione della qualità scientifica.

11In accordo con lo spirito della Dichiarazione della Budapest Open Access Initiative, la Carta di ECHO e il Bethesda Statement sull’Open Access Publishing, abbiamo redatto la Dichiarazione di Berlino per promuovere Internet quale strumento funzionale alla conoscenza scientifica generale di base e alla speculazione umana e per indicare le misure che le figure dominanti nelle politiche di ricerca, le istituzioni scientifiche, i finanziatori, le biblioteche, gli archivi ed i musei devono tenere in considerazione.

Obiettivi

12La nostra missione di disseminazione della conoscenza è incompleta se l’informazione non è resa largamente e prontamente disponibile alla società. Occorre sostenere nuove possibilità di disseminazione della conoscenza, non solo attraverso le modalità tradizionali ma anche e sempre più attraverso il paradigma dell’accesso aperto via Internet. Definiamo l’accesso aperto come una fonte estesa del sapere umano e del patrimonio culturale che siano stati validati dalla comunità scientifica.

13Per mettere in pratica la visione di un’istanza globale ed accessibile del sapere, il Web del futuro dovrà essere sostenibile, interattivo e trasparente. I contenuti ed i mezzi di fruizione dovranno essere compatibili e ad accesso aperto.

Definizione di contributi ad accesso aperto

  • Accreditare l’accesso aperto quale procedura meritevole richiede idealmente l’impegno attivo di ogni e ciascun produttore individuale di conoscenza scientifica e di ciascun depositario del patrimonio culturale. I contributi ad accesso aperto includono le pubblicazioni di risultati originali della ricerca scientifica, i dati grezzi e i metadati, le fonti, le rappresentazioni digitali grafiche e di immagini e i materiali multimediali scientifici. Ciascun contributo ad accesso aperto deve soddisfare due requisiti:
  • L’autore(i) ed il detentore(i) dei diritti relativi a tale contributo garantiscono a tutti gli utilizzatori il diritto d’accesso gratuito, irrevocabile ed universale e l’autorizzazione a riprodurlo, utilizzarlo, distribuirlo, trasmetterlo e mostrarlo pubblicamente e a produrre e distribuire lavori da esso derivati in ogni formato digitale per ogni scopo responsabile, soggetto all’attribuzione autentica della paternità intellettuale (le pratiche della comunità scientifica manterranno i meccanismi in uso per imporre una corretta attribuzione ed un uso responsabile dei contributi resi pubblici come avviene attualmente), nonché il diritto di riprodurne una quantità limitata di copie stampate per il proprio uso personale.

14Una versione completa del contributo e di tutti i materiali che lo corredano, inclusa una copia della autorizzazione come sopra indicato, in un formato elettronico secondo uno standard appropriato, è depositata (e dunque pubblicata) in almeno un archivio in linea che impieghi standard tecnici adeguati (come le definizioni degli Open Archives) e che sia supportato e mantenuto da un’istituzione accademica, una società scientifica, un’agenzia governativa o ogni altra organizzazione riconosciuta che persegua gli obiettivi dell’accesso aperto, della distribuzione illimitata, dell’interoperabilità e dell’archiviazione a lungo termine.

Sostenere la transizione verso il paradigma dell’accesso aperto elettronico

15Le nostre organizzazioni sono interessate all’ulteriore promozione del nuovo paradigma dell’accesso aperto per offrire il massimo beneficio alla scienza e alla società. Perciò intendiamo favorirne il progresso:

  • incoraggiando i nostri ricercatori e beneficiari di finanziamenti per la ricerca a pubblicare i risultati del loro lavoro secondo i principi dell’accesso aperto;
  • incoraggiando i detentori del patrimonio culturale a supportare l’accesso aperto mettendo a disposizione le proprie risorse su Internet;
  • sviluppando i mezzi e i modi per valutare i contributi ad accesso aperto e le pubblicazioni in linea, così da preservare gli standard qualitativi della validazione e della buona pratica scientifica;
  • difendendo il riconoscimento delle pubblicazioni ad accesso aperto ai fini delle valutazioni per le promozioni e l’avanzamento delle carriere;
  • difendendo il merito intrinseco dei contributi ad un’infrastruttura ad accesso aperto attraverso lo sviluppo di strumenti di fruizione, la fornitura di contenuti, la creazione di metadati o la pubblicazione di articoli individuali.

16Noi riconosciamo che il passaggio all’accesso aperto modifica la disseminazione della conoscenza nei suoi aspetti legali e finanziari. Le nostre organizzazioni mirano a trovare soluzioni che sostengano futuri sviluppi degli attuali inquadramenti legali e finanziarie al fine di facilitare l’accesso e l’uso ottimale.

Documento italiano a sostegno della Dichiarazione di Berlino sull’accesso aperto alla letteratura accademica

(Gruppo di lavoro Open Access della CRUI, 2004)3

  • 3 Documento noto anche come Dichiarazione di Messina. Testo tratto da https://it.wikisource.org/wiki (...)

I CONVENUTI

17CONSIDERATA l’importanza fondamentale che la diffusione universale delle conoscenze scientifiche riveste nella crescita economica e culturale della società;

18VISTA l’esigenza avvertita in seno alle comunità accademiche internazionali e negli Atenei italiani di individuare forme alternative di diffusione della comunicazione scientifica che garantiscano la più ampia disseminazione e il più alto impatto scientifico dei prodotti culturali creati al loro interno;

 

19CONSIDERATE le numerose iniziative intraprese a livello internazionale che hanno ravvisato nell’«accesso aperto » alla letteratura scientifica lo strumento basilare nella disseminazione del patrimonio culturale delle comunità accademiche e di ricerca;

 

20VISTA la Dichiarazione di Berlino che, in armonia con lo spirito della Dichiarazione della Budapest Open Access Initiative, la Carta di ECHO e il Bethesda Statement sull’Open Access Publishing, persegue tra i suoi obiettivi il sostegno a «nuove possibilità di disseminazione della conoscenza non solo attraverso le modalità tradizionali ma anche e sempre più attraverso il paradigma dell’accesso aperto via Internet»;

 

21CONSIDERATA l’importanza dei principi enunciati e condivisi dai convenuti e l’alto profilo a livello internazionale delle istituzioni accademiche, di cultura e di ricerca firmatarie;

DICHIARANO

di aderire alla Dichiarazione di Berlino, «Berlin Declaration on Open Access to Knowledge in the Sciences and Humanities», a sostegno dall’accesso aperto alla letteratura scientifica, con l’auspicio che questo gesto costituisca un primo ed importante contributo dato dagli Atenei italiani ad una più ampia e rapida diffusione del sapere scientifico.

Open Definition – Definizione di Conoscenza Aperta (versione 2.0)4

22La Definizione di Conoscenza Aperta precisa il significato di “aperto” (open) rispetto alla conoscenza, promuove beni comuni (commons) robusti a cui chiunque può partecipare, ed offre una interoperabilità efficace.

23Sommario: La conoscenza è aperta quando chiunque ha libertà di accesso, uso, modifica e condivisione ad essa – avendo al massimo come limite misure che ne preservino la provenienza e l’apertura.

24Il significato essenziale corrisponde con quello di “aperto” rispetto al software, come nel caso della Open Source Definition, dove è sinonimo di “libero” secondo quanto descritto dalla Definition of Free Cultural Works. La Definizione di Conoscenza Aperta originariamente derivava dalla Open Source Definition che a sua volta eredita il concetto dalle linee guida Debian Debian Free Software Guidelines.

25Il termine opera sarà utilizzato per indicare l’oggetto o l’elemento di conoscenza che viene trasferito.

26Il termine licenza si riferisce alla licenza in base alla quale l’opera è resa disponibile. Nel caso in cui non sia stata concessa alcuna licenza, ci si riferisce alle normali condizioni giuridiche a cui il l’opera è soggetta (per esempio il copyright o dominio pubblico).

1. Opera aperta

27Un’ opera aperta deve soddisfare i seguenti requisiti nella sua distribuzione:

1.1 Licenza aperta

28L’ opera deve essere disponibile con una licenza aperta (come definito nella Sezione 2). Qualsiasi condizione aggiuntiva che accompagna l’opera (come condizioni d’uso o brevetti del licenziatario) non deve contraddire le condizioni della licenza.

1.2 Accesso

29L’ opera deve essere disponibile nella sua interezza ed a un costo di riproduzione ragionevole, preferibilmente tramite il download gratuito via Internet. Qualsiasi informazione aggiuntiva vincolata dalla licenza (come i nomi dei contributori richiesti nel caso del requisito di attribuzione) deve accompagnare l’opera.

1.3 Formato aperto.

30L’ opera deve essere fornita in un formato opportuno e modificabile che non ponga inutili ostacoli tecnologici allo svolgimento dei permessi forniti dalla licenza. Nello specifico, i dati devono essere machine-readable (processabili da una macchina), disponibili in massa (bulk) e messi a disposizione in un formato aperto, vale a dire un formato le cui specifiche siano pubblicamente e liberamente disponibili e che non imponga nessuna restrizione economica o di altro tipo al suo utilizzo o che almeno, come caso estremo, possa essere elaborato da almeno un software libero.

2. Licenze aperte

31Una licenza è aperta se i suoi termini soddisfano le seguenti condizioni:

2.1 Autorizzazioni necessarie

32La licenza deve irrevocabilmente permettere le seguenti condizioni:

2.1.1 Uso

33La licenza deve permettere il libero uso dell’opera licenziata.

2.1.2 Ridistribuzione

34La licenza non deve imporre alcuna limitazione alla vendita o all’offerta gratuita dell’opera singolarmente considerata o come parte di un pacchetto composto da opere provenienti da fonti diverse.

2.1.3 Modifiche

35La licenza deve consentire la realizzazione di modifiche e di opere derivate e deve consentire la loro distribuzione agli stessi termini dell’opera originaria.

2.1.4 Separazione

36La licenza deve consentire a qualsiasi parte dell’opera di essere liberamente usata, distribuita o modificata separatamente da qualsiasi altra parte dell’opera o da qualsiasi pacchetto di opere con cui era originariamente distribuita. Tutte le persone a cui il lavoro viene ridistribuito devono avere gli stessi diritti concessi in congiunzione con il pacchetto originario.

2.1.5 Compilazione

37La licenza non deve imporre restrizioni su altre opere distribuite insieme all’opera licenziata. Per esempio, la licenza non deve insistere sul fatto che tutte le altre opere distribuite sullo stesso supporto siano aperte.

2.1.6 Non discriminazione

38La licenza non deve discriminare alcuna persona o gruppo di persone.

2.1.7 Distribuzione

39I diritti relativi all’opera devono essere applicati a tutti coloro a cui è ridistribuita senza la necessità di accettare altri termini legali aggiuntivi.

2.1.8 Uso per qualsiasi scopo

40La licenza deve permettere l’uso, la ridistribuzione, modifica e compilazione per qualsiasi scopo. La licenza non deve impedire a nessuno di utilizzare l’opera in un determinato settore d’attività.

2.1.9 Nessun addebito

41La licenza non deve imporre nessuna spesa di attivazione, royalty o altre compensazioni o remunerazioni monetarie, come parte delle sue condizioni.

2.2 Condizioni accettabili

42La licenza non deve limitare, rendere insicuro o ridurre le autorizzazioni obbligatorie nelle Sezione 2.1 eccetto nelle seguenti condizioni:

2.2.1 Attribuzione

43La licenza può richiedere nella distribuzione di citare contributori, titolari dei diritti, sponsor e creatori dell’opera purché tali obblighi non siano onerosi.

2.2.2 Integrità

44La licenza può richiedere, come condizione perché l’opera venga distribuita in forma modificata, che l’opera derivata abbia un nome o un numero di versione diverso dall’opera originaria.

2.2.3 Condividi allo stesso modo

45La licenza può richiede a chi genera contenuti da un prodotto di rilasciare i derivati con le stesse condizioni dell’originale.

2.2.4 Avviso

46La licenza può richiedere il mantenimento delle notifiche di (copyright) e l’identificazione della licenza originale.

2.2.5 Sorgente

47La licenza può richiedere che opere modificate siano rese disponibili in un formato adatto per future modifiche.

2.2.6 Assenza di restrizioni tecnologiche

48La licenza può proibire la distribuzione dell’opera quando ci sono condizioni tecnologiche che impongo restrizioni all’esercizio dei diritti in altro caso concessi.

2.2.7 Non aggressione

49La licenza può richiedere modifiche che concedano permessi pubblici aggiuntivi (per esempio, brevetti di licenza) come richiesto per l’esercizio dei diritti accompagnati dalla licenza. La licenza può inoltre permettere autorizzazioni di non aggressione contro i licenziatari rispetto all’esercitare qualsiasi altro diritto permesso (nuovamente, ad esempio, contenziosi sui brevetti).

Le norme giuridiche italiane in materia di Open Access

50Riportiamo l’articolo “Accesso aperto in Italia: tra sogno e realtà” di Antonella De Robbio pubblicato per la prima volta su “Vedi anche - Notiziario della Sezione Ligure dell’Associazione Italiana Biblioteche” nel 2013. L’articolo ci offre una completa ricostruzione del quadro normativo italiano in materia di Open Access e lo commenta ponendolo a confronto con quello tedesco.5

Uno sguardo retrospettivo e la necessità di una norma

  • 6 Sottoscritta nel novembre 2004 da un nucleo di atenei che nel corso di questo decennio si è allarg (...)
  • 7 Una versione italiana della Dichiarazione di Berlino per l’accesso aperto alla letteratura scienti (...)
  • 8 Testo del decreto-legge 8 agosto 2013, n. 91 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 186 del (...)

51A distanza di nove anni dalla Dichiarazione di Messina6 formulata per promuovere l’adesione delle università italiane alla ”Dichiarazione di Berlino per l’accesso aperto alla letteratura scientifica”7, l’Italia si è finalmente dotata di una “Legge OA” sull’accesso aperto alla ricerca. La Legge 7 ottobre 2013, n. 1128 – di conversione del Decreto Legge 9 agosto 2013 n. 91 “Disposizioni urgenti per la tutela, la valorizzazione e il rilancio dei beni e delle attività culturali e del turismo” – che introduce l’open access come percorso “obbligato” nelle ricerche finanziate con fondi pubblici, è ormai una realtà e l’impatto in termini organizzativi che deriva dalla sua applicazione avrà ripercussioni di una certa rilevanza negli ambienti bibliotecari. Sebbene sia arduo definire “legge” il disposto normativo in questione, si tratta comunque di una novità piuttosto rilevante da accogliere con favore, sia dal punto di vista formale sia da quello organizzativo.

52Nel corso di questo decennio la comunità scientifica accademica da più parti aveva in più modi riconosciuto l’importanza dell’accesso pieno e aperto alle informazioni e ai dati: tramite l’organizzazione di una serie di iniziative che si sono collocate a vario livello entro le istituzioni e attraverso l’attuazione di attività concrete che hanno preso corpo entro gruppi di lavoro nazionali e locali. Tali attività in particolare hanno prodotto un background tecnico di archivi aperti istituzionali (institutional repository IR)9 ben consolidati entro un’infrastruttura organizzativa che poggia sulle solide basi dell’interoperabilità del protocollo OAI-PMH. A corredo in questi anni il gruppo Open Access della CRUI10 ha elaborato anche tutta quella documentazione – raccomandazioni, linee guide, regolamenti, politiche e piani di sviluppo – indispensabile ad una corretta condivisione di buone prassi al fine di ottimizzare tempi, risorse e processi, generando tutto quel know-how utile a creare un fervido movimento italiano in connessione con l’Europa.

53A questo punto c’era bisogno di una norma che una volta per tutte sancisse – entro un quadro normativo – la necessità di rendere disponibili in accesso aperto i risultati delle ricerche finanziate con fondi pubblici.

Punti di forza e punti di debolezza della norma

54In Italia la clausola è collocata entro un quadro normativo che si riferisce ai beni culturali. Il disposto infatti è collocato entro l’art. 4 del cosiddetto Decreto “valore-cultura” che è formalmente intitolato “Disposizioni urgenti per favorire lo sviluppo delle biblioteche e degli archivi e per la promozione della recitazione e della lettura”, come se l’accesso aperto possa favorire l’accrescimento delle biblioteche piuttosto che della ricerca. Semmai saranno le biblioteche che attraverso gli strumenti e le vie dell’accesso aperto possono favorire lo sviluppo della ricerca.

Articolo 4, commi 2, 3 e 4 (testo coordinato) legge 112/2013

2. I soggetti pubblici preposti all’erogazione o alla gestione dei finanziamenti della ricerca scientifica adottano, nella loro autonomia, le misure necessarie per la promozione dell’accesso aperto ai risultati della ricerca finanziata per una quota pari o superiore al 50 per cento con fondi pubblici, quando documentati in articoli pubblicati su periodici a carattere scientifico che abbiano almeno due uscite annue. I predetti articoli devono includere una scheda di progetto in cui siano menzionati tutti i soggetti che hanno concorso alla realizzazione degli stessi. L’accesso aperto si realizza:

  • tramite la pubblicazione da parte dell’editore, al momento della prima pubblicazione, in modo tale che l’articolo sia accessibile a titolo gratuito dal luogo e nel momento scelti individualmente;
  • tramite la ripubblicazione senza fini di lucro in archivi elettronici istituzionali o disciplinari, secondo le stesse modalità, entro diciotto mesi dalla prima pubblicazione per le pubblicazioni delle aree disciplinari scientifico-tecnico-mediche e ventiquattro mesi per le aree disciplinari umanistiche e delle scienze sociali.

2-bis. Le previsioni del comma 2 non si applicano quando i diritti sui risultati delle attività di ricerca, sviluppo e innovazione godono di protezione ai sensi del codice di cui al decreto legislativo 10 febbraio 2005, n. 30;

3. Al fine di ottimizzare le risorse disponibili e di facilitare il reperimento e l’uso dell’informazione culturale e scientifica, il Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo e il Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca adottano strategie coordinate per l’unificazione delle banche dati rispettivamente gestite, quali quelle riguardanti l’anagrafe nazionale della ricerca, il deposito legale dei documenti digitali e la documentazione bibliografica

4. Dall’attuazione delle disposizioni contenute nel presente articolo non devono derivare nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica. Le pubbliche amministrazioni interessate provvedono con le risorse umane, strumentali e finanziarie disponibili a legislazione vigente.

55Certo sarebbe stato opportuno un richiamo alla legge sul diritto d’autore, norma di rango molto forte in Europa e anche in Italia, collocata in alto entro la gerarchia delle fonti normative. Meglio sarebbe stato prevedere una specifica eccezione inserita nel capitolo V della legge italiana sul diritto d’autore, che si riferisce alle eccezioni, formulazioni obsolete che attualmente lasciano poco spazio alla libera ricerca e didattica.

  • 11 Ci si riferisce al termine “unificazione” cambiato a seguito di un emendamento votato dalla maggio (...)

56Inoltre una norma sull’accesso aperto alla ricerca avrebbe dovuto essere incardinata entro una legge emanata dal ministero competente per la ricerca, il MIUR, Ministero dell’Università e della Ricerca e non collocata in un articolo – in modo piuttosto casuale – che riguarda i beni museali. Se poi si considera che i commi che riguardano l’OA sono posti in seguito ad un primo comma che riguarda la lettura nelle biblioteche pubbliche delle opere letterarie, questo la dice lunga sulla confusione concettuale di chi ha formulato l’intero articolo: lettura nelle biblioteche pubbliche in parallelo con la possibilità di una “lettura pubblica” di articoli scientifici. Chi volesse andare a vedere gli emendamenti al Senato si accorgerebbe con sgomento come l’idea di accesso aperto sia – in quella sede – totalmente stravolta nel suo significato più profondo e come in certi casi si siano approvati emendamenti volti a cambiare il significato di termini tecnici che avevano un loro specifico significato semantico a favore di terminologie sui generis che comporteranno non poche difficoltà in termini di applicazioni pratiche11.

57In particolare le critiche sono sorte in riferimento all’allungamento posto al periodo di embargo che nel testo normativo è fissato in 18 mesi per le pubblicazioni delle aree scientifico-tecnico-mediche e 24 mesi per le aree umanistiche e delle scienze sociali, un periodo molto distante dai 6/12 mesi richiesti dalle raccomandazioni europee del 12 luglio 201212. L’embargo è un periodo di tempo – stabilito dalle politiche di ciascun editore e per ciascuna rivista - durante il quale il lavoro depositato in un respository istituzionale risulta secretato ed accessibile solo per la parte dei metadati. Mantenere un embargo più lungo rispetto ad altri Paesi comporterebbe un tasso di citazioni più basso per le pubblicazioni degli autori italiani, una restrizione che non gioverebbe di certo, in termini di impatto, alla ricerca del nostro Paese, soprattutto in vista dei recenti e futuri esercizi della ricerca in Italia.

58Un altro punto debole sta nella mancanza di riservare un finanziamento adeguato, criticità che denota la mancanza di una volontà politica che davvero promuova e attui l’accesso aperto. La norma infatti dispone che non ci debbano essere nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica.

  • 13 Roberto Caso, La legge italiana sull’Open Access. Uno sguardo dall’interno, Il Bo 28 ottobre 2013 (...)

59Ma come ci dice Roberto Caso, giurista a Trento “il confine della formalizzazione legislativa del principio è oramai varcato ed è possibile solo muoversi oltre: applicando il dettato della legge” anche se la formulazione finale non è la migliore possibile e quindi anche la conseguente applicazione pratica potrebbe comportare dubbi, incertezze, ambiguità in quanto il disposto “costituisce un’applicazione molto parziale della politica europea in materia di Open Access e mischia elementi (non i migliori) presi dai vari modelli legislativi di riferimento”13.

Il confronto con la norma tedesca

60In termini di confronto con la parallela norma tedesca, va innanzi tutto osservata la semplice linearità del disposto normativo tedesco – rispetto alla contorta formulazione italiana - il quale, come sottolinea Maria Chiara Pievatolo è volto alla piena tutela degli autori contro i soprusi degli oligopoli. “Non obbliga all’OA, ma libera gli autori, usando sottilmente il diritto, originario, dell’autore contro quello, derivato, dell’editore. Visto che la retorica dei sostenitori del copyright si fonda sempre sui poveri autori e mai sui ricchi editori, il legislatore tedesco spunta sottilmente quest’arma: Der Teufel steckt im Detail :-)”14.

61L’autore di un contributo scientifico che ha avuto origine nell’ambito di un’attività di ricerca e insegnamento finanziata almeno per metà da fondi pubblici ed è pubblicato in una collezione che esce periodicamente almeno due volte l’anno ha il diritto – anche se ha concesso all’editore o al curatore un diritto d’uso esclusivo – di rendere pubblicamente accessibile, dopo la scadenza di dodici mesi dalla prima pubblicazione, il contributo nella versione del manoscritto accettato, fin tanto che non serva a uno scopo commerciale. La fonte della prima pubblicazione deve essere indicata. Un accordo divergente a detrimento dell’autore è senza effetto.

62In effetti la formulazione tedesca racchiude due nuclei ben congegnati tra loro:

  • responsabilizza gli autori che a questo punto - liberati dai legacci di contratti editoriali che li obbligano a cessioni dei diritti per i soliti noti motivi - hanno il diritto di rendere pubblicamente accessibili i loro lavori ... se non lo fanno non possono dire che è colpa degli editori;
  • obbliga le istituzioni a dotarsi di un regolamento, considerato che comunque un ateneo o un’istituzione di ricerca deve avere uno strumento regolamentare in materia e in tale direzione potrebbe usare mandati anche forti con i propri afferenti, non solo suggerendo o promuovendo ma anche citando la norma governativa...

63Oltre all’embargo più breve nella norma tedesca, c’è anche l’affermazione esplicita della nullità dei patti contrari, che rafforza il diritto dell’autore e questo non è un dettaglio di poco conto considerata la forte impronta europea del diritto morale entro il diritto d’autore.

64Dal punto di vista del campo di applicazione entrambe le norme si riferiscono ai soli articoli pubblicati su periodici a carattere scientifico (non divulgativi) “che abbiano almeno due uscite annue”. Le monografie restano pertanto escluse, per ora, dalla sfera dell’Open Access, ma questa scelta può avere delle valide ragioni riconducibili a vari fattori, tra i quali le stesse finalità didattiche e non scientifiche dell’opera, o il fatto che alcune monografie generano profitti per gli autori o ancora il fatto che sussistono difformità anche sensibili nei regolamenti per le pubblicazioni scientifiche nei vari atenei che finanziano – tramite i dipartimenti – monografie dei loro afferenti.

Cosa dovremo fare da ora in avanti

65Raggiungere questo risultato non è stato facile. È stata una battaglia durissima, decine di salti ad ostacolo tra emendamenti posti da ogni schieramento politico - in sede di dibattito parlamentare al Senato - che alla fine hanno comportato un testo che è stato molto difficile poter raddrizzare. Quasi impossibile cercare di portare a casa un risultato migliore come invece ha fatto la Germania dove la clausola OA sta dentro una legge emanata dal ministero della ricerca. Ma il risultato va accolto positivamente e deve essere ricondotto e riadattato entro un contesto tutto italiano che si è evoluto seppur lentamente, in modo costante. Anche perché per fortuna, all’ultimo momento – alla Camera in fase di conversione del decreto – Ilaria Capua e Stefano Quintarelli hanno sottoscritto una richiesta di modifica, accettata come impegno del Governo15, di riallineare la neonata norma italiana al periodo di embargo suggerito dalle Raccomandazioni europee.

66Il legislatore italiano, come quello tedesco, lascia comunque libera scelta di usare una delle due vie previste dall’Open Access, ma mentre nel disposto tedesco usa un generico “rendere pubblicamente accessibile”, il legislatore italiano indica espressamente le due vie (aurea e verde) come realizzazioni dell’accesso aperto:

  • tramite la pubblicazione da parte dell’editore, al momento della prima pubblicazione, in modo tale che l’articolo sia accessibile a titolo gratuito dal luogo e nel momento scelti individualmente;
  • tramite la ripubblicazione senza fini di lucro in archivi elettronici istituzionali o disciplinari, secondo le stesse modalità.

67Alla fine, una norma – anche se non perfetta – serve come richiamo a chi non vuol sentire, è una chiara risposta a chi non vuole porsi domande sul perché – a seguito di un finanziamento pubblico – i risultati della sua ricerca non possano essere aperti e disponibili ad essere testati da altri gruppi di ricerca, in modo indipendente.

  • 16 I PRIN hanno sostituito la forma di finanziamento della Ricerca Universitaria, nota come MURST 40%
  • 17 Istituito dalla legge finanziaria 2001 (art. 104) con l’obiettivo di rendere disponibile uno strum (...)

68In particolare ci sarà da lavorare in modo trasparente e coordinato a livello nazionale alla redazione di policy e regolamenti entro le istituzioni che devono essere emanati al più presto. Sarà necessario come primo step prevedere degli obblighi di deposito di tutti i risultati delle ricerche prodotti dai Programmi di Ricerca Universitari di Interesse Nazionale (PRIN)16 e alle ricerche svolte grazie al Fondo per gli Investimenti della Ricerca di Base (FIRB)17 dotando gli archivi aperti dell’apposito modulo per il caricamento dei paper entro i repository. Un altro aspetto fondamentale è quello di nominare un referente tecnico per l’Open Access in ogni istituzione di modo che vi sia un collegamento pratico (e non solo di facciata) al network nazionale che deve avere una struttura agile e snella. La trasparenza nelle licenze deve essere posta come una priorità, ma deve esserci una consapevolezza concreta ed efficace di quello che comporta l’adozione di una licenza piuttosto che un’altra. Un tema caldo, strettamente connesso, è quello dei dati aperti alla ricerca, proprio perché nel contesto dell’Open Access il libero accesso ai dati primari prodotti nell’ambito della ricerca scientifica e finanziati da fondi pubblici è innanzitutto un problema etico.

Altri documenti importanti di cui si consiglia la lettura

  • L’iniziativa di Budapest per l’accesso aperto, dieci anni dopo (2012)18
  • Free Cultural Works Definition – Definizione di Opere Culturali Libere19
  • Manifesto del Pubblico Dominio20

Notes

1 Testo tratto da http://www.budapestopenaccessinitiative.org/translations/italian-translation; traduzione di Paola Castellucci, Università di Roma “La Sapienza”; l’opera è rilasciata sotto licenza Creative Commons Attribution 3.0 unported (https://creativecommons.org/licenses/by/3.0/).

2 Testo tratto da https://it.wikisource.org/wiki/Dichiarazione_di_Berlino. Traduzione di Susanna Mornati (CILEA, Segrate) e Paola Gargiulo (CASPUR, Roma).

3 Documento noto anche come Dichiarazione di Messina. Testo tratto da https://it.wikisource.org/wiki/Dichiarazione_di_Messina.

4 Testo tratto da http://opendefinition.org/od/2.0/it/; traduzione di Veronica Lipella e Maurizio Napolitano basata sull’opera di Primavera De Filippi, Andrea Glorioso e Juan Carlos De Martin per il NEXA Center for Internet & Society del Politecnico di Torino; l’opera è rilasciata sotto licenza Creative Commons Attribution 4.0 International (https://creativecommons.org/licenses/by/4.0/).

5 La versione originale dell’articolo è disponibile all’indirizzo http://digitalia.sbn.it/article/view/312; l’opera è rilasciata sotto licenza Creative Commons Attribution 3.0 unported (https://creativecommons.org/licenses/by/3.0/).

6 Sottoscritta nel novembre 2004 da un nucleo di atenei che nel corso di questo decennio si è allargato fino a comprendere 71 atenei italiani e circa una ventina di centri di ricerca italiani.

7 Una versione italiana della Dichiarazione di Berlino per l’accesso aperto alla letteratura scientifica si trova sul sito del Max-Planck Institute http://openaccess.mpg.de/67682/BerlinDeclaration_it.pdf.

8 Testo del decreto-legge 8 agosto 2013, n. 91 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 186 del 9 agosto 2013), coordinato con la legge di conversione 7 ottobre 2013, n. 112 (in questa stessa Gazzetta Ufficiale alla pag. 1), recante: «Disposizioni urgenti per la tutela, la valorizzazione e il rilancio dei beni e delle attivita’ culturali e del turismo.». (13A08109) (GU Serie Generale n.236 del 8-10-2013) https://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2013/10/08/13G00158/sg.

9 Gli archivi aperti istituzionali in Italia sono circa 90.

10 http://www.crui.it/HomePage.aspx?ref=894.

11 Ci si riferisce al termine “unificazione” cambiato a seguito di un emendamento votato dalla maggioranza. Al comma 3, sostituire le parole: «la piena integrazione, interoperabilità e non duplicazione» con le seguenti: «l’unificazione».

12 Antonella De Robbio, Lo spazio aperto della conoscenza, Il Bo 3 ottobre 2012 http://www.unipd.it/ilbo/content/lo-spazio-aperto-della-conoscenza.

13 Roberto Caso, La legge italiana sull’Open Access. Uno sguardo dall’interno, Il Bo 28 ottobre 2013 http://www.unipd.it/ilbo/content/la-legge-italiana-sullopen-access-uno-sguardo-dallinterno.

14 L’accesso aperto è legge – in Germania di Maria Chiara Pievatolo http://minimacademica.wordpress.com/2013/09/20/laccesso-aperto-e-legge-in-germania/.

15 Qui il testo della mozione Capua/Quintarelli http://banchedati.camera.it/sindacatoispettivo_17/showXhtml.asp?highLight=0&idAtto=7498&stile=7.

16 I PRIN hanno sostituito la forma di finanziamento della Ricerca Universitaria, nota come MURST 40%.

17 Istituito dalla legge finanziaria 2001 (art. 104) con l’obiettivo di rendere disponibile uno strumento di sostegno finanziario specificamente destinato alla ricerca di base.

18 Documento disponibile in traduzione italiana all’indirizzo http://www.budapestopenaccessinitiative.org/boai-10-translations/italian-translation.

19 Documento disponibile in traduzione italiana all’indirizzo http://freedomdefined.org/Definition/It.

20 Documento disponibile all’indirizzo https://publicdomainmanifesto.org/.

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search