Version classiqueVersion mobile

Fare Open Access

 | 
Simone Aliprandi

Capitolo 6. L’editoria al servizio dell’accademia

Nicola Cavalli

Texte intégral

1Vorrei iniziare questo breve contributo con un’usanza anglosassone, che apprezzo. Metto subito in chiaro che sono editore con Ledizioni, che è anche l’editore di questo volume. Qui scrivo però non in qualità di Ledizioni, ma più genericamente come editore ed osservatore del sistema editoriale accademico.

  • 1 A partire dalla mia tesi di dottorato: Cavalli, Nicola Editoria Scientifica: La transizione al dig (...)

2Credo anche che sia opportuno mantenere il taglio del contributo stesso su un piano molto concreto e operativo, lasciando da parte molte speculazioni teoriche, che pure ho approfondito altrove1, così come i discorsi di carattere più introduttivo e propedeutico che sono già stati ben trattati in questo volume.

3Uno dei punti fondamentali nel sistema editoriale Open Access è la gestione dei diritti della propria opera. Una volta che l’autore non li trasferirà in toto all’editore, potrà cedere la licenza all’editore per la pubblicazione di determinati formati e per la commercializzazione degli stessi, mantenendo per sé, e per la diffusione in Open Access, gli altri. Grazie a questo passo, l’autore potrà porsi nei confronti dell’editore in una dialettica di fornitura di servizi e non più di passivo acquirente del prodotto-libro o prodotto-articolo, spesso esclusivamente cartaceo. L’autore che mantiene i diritti sulla propria opera potrà richiedere solamente i servizi di cui ha bisogno alla casa editrice, ed essi potranno essere, ad esempio, la correzione di bozze, la traduzione, l’impaginazione, la creazione di indici, la produzione di determinati formati (cartaceo, epub, PDF….) e la commercializzazione degli stessi; ma anche molti altri, dipendendo dal tipo di opera e da cosa la casa editrice potrà offrire in modo più competitivo.

4Si passerà quindi, dal punto di vista della casa editrice, a offrire servizi di pubblicazione, piuttosto che a vendere un prodotto (il libro), il cui acquirente erano o l’autore stesso, o le biblioteche, dato che, nel caso dell’editoria accademica e scientifica, il mercato della libreria e degli acquirenti privati e individuali non ha mai avuto molto peso. Questo passaggio dovrebbe portare a una maggiore trasparenza nei rapporti fra case editrici e autori, oltre ovviamente ad un sensibile abbassamento, tendente all’azzeramento dei contributi richiesti agli autori, sempre mantenendo come caposaldo la pubblicazione in Open Access, che in quest’ottica può essere visto come un servizio ulteriore che la casa editrice può offrire ai propri autori.

5In quest’ottica, infatti, la decisione di diffondere in Open Access alcuni formati di un’opera può essere vista come un’opzione dai costi (relativamente) facilmente calcolabili per una casa editrice. Quante copie digitali e cartacee venderò in meno diffondendo l’opera in Open Access? La stima può essere alla base della richiesta economica per la diffusione in Open Access dell’opera. Se ovviamente i mancati incassi di questa operazione non sono rilevanti, la diffusione Open Access può anche essere offerta gratuitamente.

6L’editore quindi che decide di superare la logica della “scatola nera” del libro come prodotto inscindibile e imperscrutabile da offrire ai suoi autori e ai suoi lettori, si porrà in una dialettica che sarà propedeutica a spiegare e offrire i diversi servizi, necessari alla buona riuscita dell’attività di pubblicazione.

  • 2 I dati di questo progetto, gestito dell’Università di Bielefeld, si possono consultare a questo in (...)

7Credo che questo sia un passaggio fondamentale per far emergere un sistema di editoria scientifica più efficace ed efficiente, che possa incorporare la diffusione in Open Access in modo “nativo”; l’oscurità dei costi dell’attività di pubblicazione e diffusione di contenuti accademici e scientifici, infatti, rimane uno dei grossi ostacoli in vista di un’evoluzione del sistema. Attualmente vi sono diversi editori che offrono delle opzioni di diffusione in Open Access di articoli o monografie a prezzi non correlati ai servizi effettivamente offerti. Stando infatti ai dati presenti pubblicamente sui siti degli editori e a quelli raccolti dal progetto “Open APC initiative”2 vediamo ad esempio che l’Università degli Studi di Milano ha pagato mediamente 1544 Euro per diffondere gratuitamente un articolo pubblicato su una rivista Springer, 2.204 Euro su una rivista Elsevier e 2.508 su una di Oxford University Press. A questi costi è difficile sostenere un sistema editoriale Open Access, a livello pratico ma anche teorico, oltre che etico. È infatti possibile fare Open Access con dei costi molto più sostenibili, sempre che, appunto, ci sia chiarezza e una visione condivisa dei compiti e dei lavori svolti da autori ed editori, oltre che dei sistemi valutativi delle università e dei ricercatori che permettano di pubblicare in sedi “alternative”, anche se non comprese negli indici bibliometrici classici o, per il caso italiano, nelle classifiche di riviste di classe A. La breve ricognizione dei principali modelli di pubblicazione Open Access attualmente presenti sul mercato vuole essere un contributo in questo senso: gettare le basi di una maggiore conoscenza che possa essere foriera di un cambiamento del sistema, in modo che possa diffondersi maggiormente il sistema editoriale Open Access e con esso – perché no – anche nuovi attori del sistema editoriale scientifico.

1. I modelli economici della pubblicazione Open Access

8Se quindi si inizia a ragionare in un ottica di servizio, risulterà chiaro che la presenza di una casa editrice ha senso solo quando effettivamente offre dei servizi funzionali al buon andamento del sistema della comunicazione scientifica, e – lasciatemi aggiungere – quando la qualità dei suoi servizi è soddisfacente ed offerta a prezzi competitivi. La dimostrazione è che ci sono modelli, come alcuni di quelli che andremo ad esaminare di seguito, che non prevedono la presenza di una casa editrice, pur contribuendo in modo teoricamente soddisfacente al processo di comunicazione scientifica.

1.1 Community Publishing

9Questo è un modello diffuso per riviste e monografie di settori di ricerca di nicchia, e in particolare (ma non esclusivamente) nelle arti e nelle scienze umane. Le riviste (o le monografie) vengono prodotte interamente all’interno dell’accademia e pubblicate online gratuitamente, e, talvolta, anche a stampa, con costi per gli acquirenti che servono a coprire i costi di stampa e distribuzione. Si cerca di ridurre al minimo i costi, utilizzando lavoro volontario per tutti gli aspetti possibili: dalla peer-review, all’editing e produzione. A volte il processo può essere aiutato dall’utilizzo di sistemi di pubblicazione che organizzano il flusso di lavoro e aiutano nelle diversi fasi del lavoro editoriale, come ad esempio il software open source Open Journal Systems3. Questo modello è una variante del modello della “sovvenzione istituzionale” (di cui si parlerà a breve), poiché in quasi tutti i casi vengono utilizzati nel processo di pubblicazione le strutture istituzionali, a partire dall’utilizzo dei computer, dei software e della connessione internet. Esempi italiani di community publishing possono essere molte riviste che si trovano sulle piattaforme “riviste.unimi.it” dell’Università Statale di Milano, “Sirio@Unito” dell’Università di Torino, “ojs.uniroma1.it” dell’Università La Sapienza di Roma.

1.2 Pubblicità e sponsorizzazioni

10Un modello possibile è quello della pubblicità o della sponsorizzazione. Ci sono ovviamente argomenti e discipline che hanno una maggiore facilità a trovare pubblicità e sponsor, prima fra tutte la medicina, dove è frequente trovare aziende farmaceutiche che sponsorizzino un numero speciale di una rivista o che mettano regolarmente pubblicità. Ma lo stesso avviene anche in altri settori delle scienze e dell’ingegneria, si veda ad esempio la rivista “Ingegneria dell’Ambiente”4 edita da Ledizioni.

11È vero che pensare di sostenere una rivista scientifica solamente con sponsorizzazione e pubblicità è molto difficile; la stragrande maggioranza delle riviste non può sperare di attrarre abbastanza pubblicità per sostenere le loro operazioni senza altre entrate: tuttavia, se una rivista riesce a raggiungere il suo pubblico e a crearsi spazio nella sua nicchia, la raccolta pubblicitaria può aiutare a supportare la pubblicazione in Open Access. È più facile che la pubblicità sia una soluzione parziale, in altre parole.

12Un esempio di rivista di prestigio che pubblica (anche) in Open Access ed è aiutata da un flusso di introiti pubblicitari è il British Medical Journal. Questa rivista, che svolge anche un ruolo di “job posting” nel Regno Unito, guadagna sia dalla pubblicità che dalla vendita di abbonamenti, offrendo un tipico modello misto, sempre più diffuso, anche se dai contorni non sempre chiari.

1.3 Sovvenzione istituzionale

13Ci sono poi i casi delle sovvenzioni istituzionali, da sempre diffuse in Italia, anche se, purtroppo, spesso fornite in modo poco trasparente. Nel caso della sovvenzione istituzionale ai fini di una pubblicazione Open Access, prodotta dall’istituzione stessa o in collaborazione con una casa editrice, il senso del contributo è chiaramente di massimizzare la diffusione della ricerca prodotta dall’istituzione stessa e forse anche di avere un maggiore controllo sui costi. Se andiamo a vedere la storia della comunicazione scientifica, notiamo che la predominanza e la centralità di attori economici esterni all’accademia, non è né necessaria né eterna. Il processo si può quindi anche interpretare come un ritorno al passato. Grazie a questo processo le biblioteche, i servizi di archiviazione digitale, così come quello delle piattaforme per l’e-publishing (come le installazioni di OJS citate sopra), che ormai sono in possesso di molte istituzioni, assumono una centralità significativa.

1.4 Vendita di copie cartacee

  • 5 Anche diverse riviste da noi pubblicate sono finanziate, in parte, con questo modello. Si veda www (...)
  • 6 Per approfondire rimando sempre al mio articolo: Cavalli, Nicola. “Overlay Publications: a functio (...)

14Come descritto in precedenza, il British Medical Journal sostiene in parte il suo modello di pubblicazione aperta dalle vendite della versione di stampa. Molte altre riviste Open Access vengono pubblicate utilizzando questo modello, e spesso quindi non hanno necessità di richiedere un contributo agli autori (cioè il modello APC illustrato nel prossimo paragrafo) per sostenere i costi del processo di pubblicazione. MedKnow, una casa editrice medica indiana, pubblica tutte le sue riviste su questa base. Tutti i contenuti sono liberamente accessibili on-line, e le biblioteche di tutto il mondo possono abbonarsi alla versione cartacea5. In alcuni casi si può anche verificare un incremento delle vendite del cartaceo, grazie alla maggiore diffusione data dalla versione elettronica in Open Access6.

1.5 APC (Article Processing charge)

  • 7 Si veda ad esempio qui, l’annuncio dello studio di Suber e Sutton: http://legacy.earlham.edu/~pete (...)

15Si ritiene comunemente che tutte le riviste Open Access impongano un pagamento per la pubblicazione, che deve essere pagato da autori, dalle loro istituzioni o dai finanziatori della ricerca. In realtà le cose non stanno così. Ci sono diversi studi che dimostrano che la maggior parte delle riviste Open Access non applica un APC7. Molte riviste, specialmente quelle degli editori commerciali, applicano un costo a fronte della pubblicazione dell’articolo che ha superato la peer-review. Si tratta di un modello sostenibile se la comunità servita dalla rivista ha fondi da utilizzare per questo scopo. I fondi quasi sempre provengono dalla propria istituzione di appartenenza. Alcuni finanziatori della ricerca impegnano fondi specifici per il pagamento degli APC all’interno dei bandi di ricerca stessi. Diciamo che questa pratica nasce da una prassi di alcune discipline che hanno sempre avuto (anche prima dell’Open Access e delle edizioni elettroniche) un pagamento separato per avere le pagine a colori o, appunto, altri servizi aggiuntivi. Editori commerciali esclusivamente Open Access, come BioMed Central (ora proprietà di Springer), pubblicano anche una lista di fondazioni che sostengono la pubblicazione aperta di accesso secondo questa modalità. Un’altra fonte di fondi per il pagamento dei singoli APC è l’istituzione dell’autore e il numero di istituzioni che allocano fondi a questo scopo è in crescita, anche in Italia.

1.6 Affiliazioni istituzionali

16Alcuni editori Open Access hanno introdotto anche un sistema di affiliazione istituzionale. Mentre questo non può essere un modello di business adatto per i piccoli editori, è possibile farlo con grandi editori che pubblicano diverse opere di membri dell’istituzione ogni anno. Due esempi sono BioMed Central e Hindawi Publishing Corporation che fondamentalmente offrono la possibilità alle istituzioni di pagare annualmente un forfait per un certo numero di pubblicazioni in Open Access nelle proprie riviste da parte dei membri della propria istituzione. Si tratta di pacchetti di APC, offerti a un prezzo più conveniente rispetto all’acquisito singolo.

1.7 Modelli di acquisto collaborativo

17Sempre più diffusi, a partire dal primo esperimento in tal senso, SCOAP3 (Sponsoring Consortium for Open Access Publishing in Particle Physics)8 sono i modelli in cui comunità coese, da un punto di vista disciplinare o nazionale (si vedano i casi di contrattazione nazionale con Springer, ad esempio9) pagano più o meno lo stesso ammontare richiesto dall’editore per l’accesso in abbonamento, ottenendo però che quel contenuto venga diffuso in Open Access. Nel caso di SCOAP3 tutte le riviste di quel particolare settore (una decina) sono transitate al modello Open Access, mentre nel caso delle contrattazioni nazionali le riviste rimangono chiuse (in abbonamento), ma la comunità nazionale ottiene la possibilità di diffondere in Open Access i propri lavori pubblicati con quell’editore, dando così vita agli Hybrid Journals, riviste con alcuni articoli in Open Access ed altri in abbonamento.

  • 10 Per approfondire consiglio il recente “Making moves towards the large-scale transition to Open Acc (...)

18Sulla validità e percorribilità di questo modello i dubbi sono diversi, ma non è questa la sede su cui soffermarci10.

Notes

1 A partire dalla mia tesi di dottorato: Cavalli, Nicola Editoria Scientifica: La transizione al digitale. Università, biblioteche e case editrici di fronte ad un sistema in evoluzione, 2007, PhD Thesis thesis, Università degli studi di Milano-Bicocca, http://eprints.rclis.org/10144/.

2 I dati di questo progetto, gestito dell’Università di Bielefeld, si possono consultare a questo indirizzo https://treemaps.intact-project.org/

3 https://pkp.sfu.ca/ojs/

4 Il sito della rivista è http://www.ingegneriadellambiente.org.

5 Anche diverse riviste da noi pubblicate sono finanziate, in parte, con questo modello. Si veda www.ledijournals.com

6 Per approfondire rimando sempre al mio articolo: Cavalli, Nicola. “Overlay Publications: a functional overview of the concept.” In Rethinking Electronic Publishing: Innovation in Communication Paradigms and Technologies - Proceedings of the 13th International Conference on Electronic Publishing, 55-68. ELPUB. Milano, Italy, 2009.

7 Si veda ad esempio qui, l’annuncio dello studio di Suber e Sutton: http://legacy.earlham.edu/~peters/fos/newsletter/11-02-07.htm#list

8 https://scoap3.org/

9 Si veda qui per approfondimenti: http://www.springer.com/gp/open-access/springer-open-choice/springer-compact/for-uk-authors-intro/731990

10 Per approfondire consiglio il recente “Making moves towards the large-scale transition to Open Access . An opinion piece by Ralf Schimmer, Max Planck Digital Library” (http://sparceurope.org/wp-content/uploads/2016/11/Schimmer_231016_Final.pdf) ed il precedente: Schimmer, R.; Geschuhn, K.K.; Vogler, A. (2015): ‘Disrupting the subscription journals’ business model for the necessary large-scale transformation to open access’ (http://dx.doi.org/10.17617/1.3)

Auteur

Dottore di ricerca in Società dell’Informazione, socio e amministratore di Ledi International Bookseller, socio e direttore editoriale di Ledizioni, senior member dell’Osservatorio sui Nuovi Media dell’Università di Milano Bicocca, presidente dell’associazione culturale Librinnovando. Svolge attività di consulenza e formazione nel settore editoriale e delle nuove tecnologie applicate all’apprendimento

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search