Version classiqueVersion mobile

Fare Open Access

 | 
Simone Aliprandi

Capitolo 3. Fare Open Access e farlo correttamente

Elena Giglia

Texte intégral

1. Perché è nato l’Open Access e quali vantaggi offre a chi fa ricerca (e alla società intera)

1«L’Open Access rimuove le barriere economiche e le restrizioni legali della letteratura scientifica», scriveva Peter Suber, uno dei padri del movimento, nel 20041, sottolineando il valore fondamentale di inclusione e partecipazione: la libera circolazione della letteratura scientifica, non più chiusa dietro abbonamenti inavvicinabili o diritti troppo restrittivi, «rende il lavoro scientifico utile in due sensi, primo perché è disponibile per un numero maggiore di persone, secondo perché queste persone sono libere di utilizzarlo e riutilizzarlo»2. Chiariamo di nuovo che la rimozione delle barriere legali non significa né plagio né mancata protezione della paternità intellettuale né violazione dei diritti di utilizzazione, perché come abbiamo visto la corretta attribuzione della paternità intellettuale è l’unico vincolo richiesto anche dalla Dichiarazione di Berlino, ed è, in sostanza, oltre al minimo comune denominatore di ogni etica scientifica, un diritto garantito dalle principali legislazioni in materia di diritto d’autore.

2Dal panorama che abbiamo cercato di tracciare finora risulta evidente che l’editoria scientifica attuale non è funzionale all’avanzamento della scienza, perché di fatto chiude i risultati entro riviste inaccessibili ai più, né offre più garanzie di qualità a causa delle logiche perverse introdotte da una valutazione distorta, né consente un equilibrio fra i diversi attori coinvolti, con evidente vantaggio dei grandi gruppi editoriali internazionali a scapito dei lettori, delle biblioteche, degli enti di finanziamento della ricerca.

3L’Open Access è nato dai ricercatori per cercare di riguadagnare possesso della comunicazione scientifica, oggi nelle mani di pochi grandi gruppi editoriali, e per cercare di riequilibrare i diritti di tutti gli attori coinvolti. Le sue logiche sono diametralmente opposte a quelle in vigore: se, ad esempio, il prestigio delle riviste scientifiche si basa sulla scarsità artificiale del contenuto, ottenuta mediante il famoso rejection rate (indice di rifiuto degli articoli proposti), l’Open Access, al contrario, dà valore alla conoscenza diffondendola il più possibile.

4Ciò non significa pubblicare lavori scadenti. Rendere la conoscenza aperta per tutti significa non solo diffondere liberamente i prodotti finali, ma anche adottare come vedremo logiche di inclusione, partecipazione, trasparenza, in ogni passo del processo di comunicazione scientifica. L’accesso aperto pone le quindi le basi per una scienza più solida, che sia al contempo maggiormente legata alla società e all’innovazione.

1.1. Quali i vantaggi per i ricercatori?

5I vantaggi diretti dell’Open Access per coloro che fanno ricerca sono molteplici.

6Innanzitutto, le idee circolano prima, perché spesso vengono diffuse sotto forma di preprint, prima della pubblicazione, negli archivi aperti (tipo ArXiv, usato dai fisici dal 1991).

7Le idee circolano di più, perché sono accessibili a tutti; non dimentichiamo che gli archivi Open Access sono visibilissimi su Google, ovvero dove ognuno di noi inizia la propria ricerca.

8La creazione di conoscenza risulta quindi accelerata, in perfetta consonanza con la ragione per cui nacquero le riviste scientifiche, ovvero la condivisione dei risultati per permettere di “salire sulle spalle dei giganti”, come recita la famosa citazione di Newton.

9Inoltre, più i lavori circolano liberamente, maggiore è il riconoscimento delle competenze degli autori, che – se ricordiamo – è esattamente il ritorno atteso al momento della pubblicazione di un lavoro.

  • 3 Gli studi sul vantaggio citazionale sono raccolti e aggiornati nel progetto di SPARC Europe: Open (...)

10Le citazioni dei lavori scientifici crescono in modo esponenziale3, perché va da sé che un accesso libero si traduce in un numero maggiore di lettori e quindi di potenziali riutilizzatori; anche questo in perfetta consonanza con il ritorno atteso al momento della pubblicazione e – se vogliamo – anche con gli attuali criteri di valutazione della ricerca.

  • 4 Content Mine, Finding knowledge about Zika in scientific literature, video, 2016 https://www.youtu (...)
  • 5 Hartgerink C. Elsevier stopped me doing my research, blog post, “Chris Hartgerink’s notebook blog” (...)

11Sui testi e i dati liberamente accessibili tutti possono utilizzare le nuove tecniche di estrazione del contenuto (text mining e data mining): si tratta di software che leggono testi e dati estraendone in automatico concetti ed entità, arrivando in pochi secondi dove l’occhio umano non arriverebbe mai, e creando collegamenti inediti fra le informazioni. L’estrema utilità di queste tecniche è stata dimostrata dal progetto britannico The Content Mine nel caso del virus Zika4. Notiamo per inciso che proprio sul text e data mining si è consumato uno scontro fra un ricercatore5 e i grandi gruppi editoriali, che, nonostante fossero già stati pagati gli abbonamenti alle riviste, hanno cercato di impedire il download dei testi necessario all’estrazione dei dati.

12Infine, molte riviste Open Access pubblicano anche i risultati negativi, che sono importanti al pari di quelli positivi, ma non troveranno mai spazio sulle riviste prestigiose legate ai canoni tradizionali di pubblicabilità.

  • 6 Cfr. https://en.wikipedia.org/wiki/Open_science_data

13In Open Access si pubblicano poi anche i dati delle ricerche, e non solo gli articoli che ne costituiscono le conclusioni; in questo caso si parla di “open data” o più precisamente di “open research data6”. E questo porta con sé altri innumerevoli vantaggi:

  • una scienza più solida, perché basata sui dati anziché sulla loro interpretazione;
  • una scienza più trasparente, perché pubblicare i dati insieme all’articolo significa sottoporli al vaglio di tutti, riducendo drasticamente il rischio di frodi o manipolazioni, o rendendo più semplice individuarli;
  • una scienza più interdisciplinare, perché lo stesso set di dati può essere interpretato da ricercatori di diverse discipline (senza dover essere acquisito o creato ex novo); anzi, alcune grandi sfide del nostro secolo, come il cambiamento climatico, devono essere affrontate leggendo i dati da prospettive diverse;
  • una scienza più riproducibile, perché i dati sono a disposizione di chiunque voglia ripetere l’esperimento, cosa che è alla base della scienza stessa.
  • 7 La citazione è riferibile a Rufus Pollock, presidente della Open Knowledge Foundation, http://rufu (...)

14E, su tutti, va considerato il valore del riuso inedito di dati raccolti da altri, perché spesso ciò che per un ricercatore costituisce “rumore” (nel gergo della fisica), per un altro può essere un chiaro “segnale”. O, come dice Rufus Pollock, «la cosa migliore da fare con i tuoi dati sarà pensata da qualcun altro»7.

1.2. Quali i vantaggi per gli enti finanziatori?

  • 8 Non a caso l’OCDE ha pubblicato sulla sua piattaforma legata all’innovazione una pagina sulla Open (...)

15Dal punto di vista degli enti finanziatori della ricerca, l’Open Access, oltre a rispondere all’istanza di totale trasparenza sui fondi utilizzati – ricordiamo infatti che si tratta spesso di fondi pubblici – garantisce anche un maggior ritorno sugli investimenti8, poiché i lavori godono della massima diffusione.

  • 9 Souter D. Towards inclusive knowledge societies: A review of UNESCO’s action in implementing the 1 (...)

16Per gli enti di ricerca, quali le Università, l’Open Access è in perfetta sintonia con la missione istituzionale di diffondere la conoscenza; di più, l’apertura è una leva essenziale se l’obiettivo è quello della crescita sociale, come ci ricorda l’UNESCO nel suo sforzo di creare società della conoscenza che siano inclusive: «società in cui tutti abbiano accesso all’informazione di cui hanno bisogno e alle competenze per trasformare quelle informazioni in conoscenza»9.

1.3. Quali i vantaggi per la società?

  • 10 McKiernan E. Imagining the ‘open’ university: Sharing science to improve research and education. 2 (...)

17Sottolineiamo allora i vantaggi per l’intera società, consci del fatto che per gli enti di ricerca «le opportunità di avere un impatto sono infinite, a patto che si condivida»10:

rendere aperti i risultati e dati della ricerca significa una maggiore apertura al territorio, alle piccole e medie imprese, in ultima analisi all’innovazione: uno studio danese ha rivelato come le piccole e medie imprese, che non possono certo permettersi gli abbonamenti alle riviste, avrebbero immesso sul mercato i loro prodotti due anni prima se avessero avuto accesso ai risultati delle ricerche accademiche11;

l’apertura contribuisce in maniera determinante al trasferimento tecnologico e alla creazione di start up e nuove imprese;

l’apertura di risultati e corsi contribuisce a innalzare il livello di istruzione e a innovare metodi di insegnamento, permettendo l’aggiornamento continuo;

l’accesso ai risultati degli studi più recenti permette ai professionisti di aggiornarsi e rispondere al meglio alle esigenze dei clienti;

l’accesso ai dati e ai risultati è strettamente connesso a tutto quanto legato al “public engagement”, ovvero a una maggiore e più consapevole partecipazione dei cittadini ai valori della ricerca e al riuso.

18Vediamo allora, in concreto, come ogni ricercatore può rendere disponibile la propria ricerca in Open Access.

2. Le due vie: come fare Open Access

  • 12 Sulla pagina OpenAccess@UniTO cerchiamo di offrire un elenco aggiornato di strumenti utili a fare (...)

19Ci sono due modi per fare Open Access: il deposito e la pubblicazione, anche noti come green road e gold road. In Italia il primo è sconosciuto ai più, e il secondo è spesso vittima di fraintendimenti o pregiudizi. Vediamo di ribadire alcuni concetti chiave delle due soluzioni, rimandando per gli strumenti operativi e i servizi pratici a pagine web, per loro natura più aggiornate rispetto a un capitolo di libro12.

2.1 Il deposito

20Il deposito negli archivi Open Access è conosciuto come “green road” (via verde) o self-archiving (auto-archiviazione).

21Nella pratica, l’autore deposita in un archivio Open Access, nel rispetto delle norme di copyright degli editori, la versione finale del suo lavoro, ovunque esso sia stato pubblicato.

22Per “versione finale” si intende il cosiddetto “postprint” o “versione accettata”, ovvero la versione andata in stampa, con tutte le correzioni dei revisori, ma senza l’impaginazione editoriale (layout).

  • 13 ArXiv, https://arxiv.org/
  • 14 Questo avviene grazie al protocollo OAI-PMH Open Archives Initiative Protocol for Metadata Harvest (...)

23Gli archivi Open Access possono essere disciplinari, come il famoso ArXiv13 per i fisici, o istituzionali, legati a un ente di ricerca e destinati a raccoglierne l’intera produzione. Tutti gli archivi sono fra di loro interoperabili e sono visibilissimi su Google14, contribuendo quindi ad aumentare sia la visibilità dei singoli autori sia quella degli enti di ricerca.

24Il rispetto delle norme di copyright è fondamentale. Una volta firmato il contratto di cessione dei diritti (copyright trasfer agreement), come abbiamo ricordato, i diritti passano in capo all’editore, che decide quindi come circola l’articolo e che tipo di riuso se ne può fare. I maggiori editori internazionali hanno dichiarato in una apposita banca dati chiamata SHERPA-RoMEO15 la loro posizione nei confronti del deposito negli archivi Open Access: oltre il 70% lo concede. Chi non può depositare nulla, perché l’editore nega il consenso, può sempre comunque depositare i dati bibliografici e l’abstract (il riassunto del lavoro), che comunque vengono esposti; il lettore potrà poi richiedere direttamente il testo all’autore.

25Come abbiamo ricordato, nella maggior parte dei casi non è consentito depositare la versione pubblicata (il pdf editoriale, con l’impaginazione dell’editore), ma la versione finale dell’autore – il vostro ultimo file di Word, per intenderci – ossia la versione che è assolutamente identica per contenuto ma non per forma (paginazione, testo su più colonne…) e che va sotto il già ricordato nome di “postprint”. A volte gli editori richiedono anche che venga rispettato un periodo di embargo, dai 6 ai 36 mesi, ossia un periodo nel quale il lavoro, pur depositato subito dopo la pubblicazione, non risulta visibile all’esterno.

26Il deposito è quindi il modo più semplice e immediato per fare Open Access, e porta con sé innegabili vantaggi:

  • è fattibile subito, a costo zero;
  • è immediato, perché anche nel caso non si possa depositare il testo integrale dell’articolo, i dati bibliografici e l’abstract circolano comunque, e il testo può essere richiesto privatamente all’autore;
  • soprattutto, non modifica le abitudini editoriali degli autori: si continua a pubblicare sulle sedi editoriali più prestigiose, su quelle ritenute più importanti ai fini della valutazione della ricerca, e poi si deposita la versione finale del lavoro, che circola liberamente.

27Il deposito quindi non lede in nessun modo l’autonomia accademica, poiché gli autori sono liberi di pubblicare dove vogliono; in un secondo tempo, in accordo con le politiche di copyright, rendono liberi i loro lavori depositando negli archivi. Questa è la modalità scelta dalle politiche di obbligo a depositare (mandatory policies) adottate da oltre 700 enti di ricerca nel mondo.

  • 16 Un elenco si trova in DOAR – Directory of Open Access repositories, http://www.opendoar.org/
  • 17 Un elenco ricercabile si trova in RE3Data, Registry of research data repositories, http://www.re3d (...)
  • 18 Zenodo, https://zenodo.org/

28Esistono nel mondo oltre 2000 archivi aperti, come risulta da DOAR, la Directory of Open Access Repositories16. Alcuni sono dedicati in particolare ai set di dati della ricerca17, oltre a un archivio per dati e testi (Zenodo18), gestito dal CERN di Ginevra ma aperto a chiunque voglia condividere la propria ricerca.

  • 19 Utilissima la tabella che mette a confronto funzionalità e finalità: Fortney, K.- Gonder, J. A soc (...)

29Gli archivi Open Access sono altra cosa e hanno finalità diverse19 rispetto a strumenti social accademici quali ResearchGate.net o Academia.edu (se ne parla diffusamente nel capitolo di Valeria Scotti); ma nell’uso comune questi vengono confusi con il modo più semplice per fare Open Access. ResearchGate.net e Academia.edu sono accattivanti per la loro facilità di utilizzo e per i servizi social che offrono, oltre al servizio di feedback sul numero di download e di lettori.

  • 20 Jamali, H. R. (2017). Copyright compliance and infringement in ResearchGate full-text journal arti (...)

30Posto che questo è stato l’enorme fallimento degli archivi istituzionali Open Access, perché avrebbero dovuto offrire questi stessi servizi, caricare i propri lavori su questi social network accademici presenta alcuni rischi: intanto, si sta violando il copyright, perché solitamente si mette in rete il pdf editoriale, cosa che gli editori commerciali proibiscono: almeno la metà degli articoli è caricata su ResearchGate.net nella versione non consentita20. Anche su Sherpa-RoMEO viene specificato il divieto di diffondere i pdf editoriali sui social network commerciali. Già, perché proprio di questo si tratta: di imprese commerciali, che oggi sono fiorenti e gratuite, domani potrebbero fallire o divenire a pagamento o decidere di chiudere o, come è successo nel caso di Mendeley e di SSRN (Social Science Research Network), essere acquisiti da Elsevier. Cosa ne sarà del contenuto depositato lì? Nessuno lo sa.

31È utile ricordare il carattere commerciale di queste imprese, e contrapporre il commento dello storico Guy Geltner nella sua lettera in cui invitava a lasciare Academia.edu: «Smettiamo di essere ingenui e facciamo qualcosa per liberare la comunicazione scientifica. L’Open Access ha a che fare con i diritti umani, non con i modelli di business21». Con questo, deve essere chiaro che il maggiore imputato resta il sistema dell’editoria commerciale che approfitta del lavoro intellettuale dei ricercatori, e non solo questi due canali social: «abbiamo un intero sistema di editoria accademica che è finanziato con denaro pubblico ma governato con logiche e interessi assolutamente privati, e questo dovrebbe preoccuparci di più22».

2.2. Il deposito: la via più veloce per la Open Science

32Vediamo allora come in concreto l’Open Access cerchi di dare risposte alternative alla crisi attuale della comunicazione scientifica, anche con il canale “green” del deposito.

33Intanto, ribadiamo che la versione di articoli già pubblicati altrove che viene depositata negli archivi non viola il copyright, perché è quella consentita dagli editori, come dichiarato nella banca dati SHERPA-RoMEO. Ma gli archivi servono anche a depositare altro, per esempio i “preprint”.

34Per favorire l’accelerazione nella diffusione della conoscenza, gli archivi Open Access sono al centro di un’importante svolta, iniziata dalla comunità delle scienze della vita nel 2016, verso i “preprint”. Preso atto del disappunto del 90% dei ricercatori23 nei confronti dei meccanismi e dei tempi lunghi di pubblicazione del sistema attuale, stimolati da eventi quali le epidemie di Ebola e Zika, i ricercatori hanno iniziato a diffondere immediatamente le loro ricerche sotto forma di “preprint” – ovvero la prima bozza, quella inviata come proposta di pubblicazione alle riviste, che non contiene ancora quindi i commenti dei revisori – sulla scorta di quanto fanno i fisici dal 1991 in ArXiv24: depositano il lavoro appena terminato, ottenendone subito la priorità e mettendo al contempo i risultati a disposizione di tutti, e ricevendo utili commenti da parte della comunità intera. Ne è nato il progetto ASAPBio25 e l’archivio BiorXiv26, cui sono seguiti PsyArXiv27 per la psicologia, SocArXiv28 per le scienze sociali, EngArXiv29 per l’ingegneria e l’architettura, AgriXiv30 per le scienze agrarie, oltre all’archivio multidisciplinare e generalista OSF Preprints31, che serve tutte le discipline.

35In area Open Access esistono poi archivi in cui, oltre ai risultati della ricerca, si possono depositare i codici sorgenti dei vari progetti software (Github32), l’intero protocollo dell’esperimento (MyExperiment33), immagini e tabelle (Figshare34), i dati (Zenodo, come già ricordato) estendendo ben oltre l’articolo il concetto di “pubblicazione scientifica” e approssimandosi sempre più all’idea di Open Science, ovvero dell’intero processo scientifico aperto. Rientrano in quest’ottica strumenti di scrittura collaborativa, come Arpha35, che può essere usato non solo da gruppi di ricerca per scrivere insieme, ma anche da autori e revisori per velocizzare le pratiche editoriali, o strumenti come Hypothesis36 o Pundit37, che servono per annotare pagine web, ivi comprese edizioni critiche digitali, per esempio. L’obiettivo finale è quello della massima condivisione di ogni passo della ricerca, nello stesso momento in cui il ricercatore lo registra per se stesso38. Valgono in questo senso i due esempi virtuosi del laboratorio del neuroscienziato Björn Brembs, che rende pubbliche tutte le note sugli esperimenti appena terminati, e del laboratorio di Rachel Harding, che mette a disposizione tutte le sere gli appunti degli esperimenti sulla malattia di Huntington, nella convinzione che insieme si possa trovare una risposta più rapidamente39.

  • 40 Open Access Button, cerca articoli e dati https://openaccessbutton.org/
  • 41 oaDOI, https://oadoi.org/

36Grazie al circuito degli archivi aperti sono poi possibili servizi quali Open Access Button40 e oaDOI41, che, in tutti quei casi in cui un articolo risulta chiuso dietro un abbonamento (o come lo definiscono gli anglofoni un “paywall”) ci aiutano a cercare in rete se esiste una versione aperta depositata dall’autore e ce la segnalano.

2.3 La pubblicazione

37La seconda via è la pubblicazione su riviste o sedi editoriali Open Access, che va sotto il nome di “gold road”, via d’oro.

  • 42 Open Journal System, https://pkp.sfu.ca/ojs/

38Va chiarito in via preliminare che rientrano in questo ambito le riviste di editori esclusivamente Open Access, quali PLoS, BioMedCentral, Hindawi, o le riviste curate direttamente da gruppi di ricerca e spesso pubblicate grazie al software OJS – Open Journal System42. Non sono da prendere in considerazione le riviste cosiddette “ibride” degli editori tradizionali commerciali (Elsevier, Springer, Wiley…) che offrono una “Open choice”: pagando una cifra iniziale di 3000 dollari, il singolo articolo diviene Open Access, mentre la rivista rimane in abbonamento, generando quindi un doppio pagamento. È un’opzione da sconsigliare vivamente, perché non fa che incrementare i guadagni degli editori commerciali cavalcando il fenomeno “open”; i lavori come abbiamo visto possono essere messi a disposizione di tutti depositando negli archivi, senza spese (green road).

  • 43 DOAJ, https://doaj.org/

39Il repertorio più accreditato in cui trovare riviste Open Access è DOAJ, Directory of Open Access Journal43, che ha recentemente ristretto e irrigidito i criteri di inclusione.

  • 44 Shieber S. What percentage of open-access journals charge publication fees? Blog post, May 29, 200 (...)

40Le riviste Open Access si differenziano da quelle tradizionali perché non hanno abbonamento, quindi chiunque è libero di leggere. Tuttavia offrire piattaforme innovative e servizi a valore aggiunto non è gratis; i costi di pubblicazione, quando ci sono, vengono coperti da chi scrive, o meglio, dalle loro istituzioni, per mezzo delle cosiddette APC – Article Processing Charges. Le APC vengono richieste solo dal 23% delle riviste44: è da sfatare quindi anche il diffuso adagio per cui «Open Access significa pagare per pubblicare».

  • 45 Beall J. Potential, possible, or probable predatory scholarly open-access publishers. https://scho (...)
  • 46 Why did Beall’s List of potential predatory publishers go dark? Retraction Watch, Jan. 17, 2017, h (...)
  • 47 Berger M. – Cirasella J. Beyond Beall’s List: We need a better understanding of predatory publishi (...)
  • 48 Crawford W. Ethics and Access 1: The Sad Case of Jeffrey Beall. Cites&Insights, 2014, 14, 4 1–14 h (...)
  • 49 Crawford W. “Trust Me”: The Other Problem with 87% of Beall’s Lists. Blog post. Jan. 29, 2016 http (...)
  • 50 Think, check, submit, http://thinkchecksubmit.org/
  • 51 OASPA, http://oaspa.org/

41L’altro mito da sfatare è che tutti gli editori di riviste Open Access siano i cosiddetti editori “predatori” (predatory publishers), ovvero editori poco seri che dietro pagamento pubblicano lavori senza accurata peer review né selezione editoriale né garanzia di conservazione o disseminazione. Lo strumento che fino al 15 gennaio 2017 veniva utilizzato era la lista curata da Jeffrey Beall45. Il 15 gennaio 2017, senza alcuna motivazione, la pagina è stata chiusa, scatenando le più varie illazioni46. Non tutti ne sentono la mancanza: inizialmente ben accetta e diffusa, era stata poi messa sotto accusa perché, alla prova dei fatti, non era né solida né scevra da pregiudizi gratuiti47. Oltre a una avversione indiscriminata per editori provenienti da paesi in via di sviluppo, Beall dimostrava anche in altri suoi articoli un’acredine ideologica di fondo verso l’Open Access e una predisposizione a non applicare agli editori tradizionali commerciali i suoi stessi criteri48. Quanto alla solidità scientifica, ben l’87.5% delle riviste erano inserite nella lista senza alcuna motivazione o discussione49. Invece di liste più o meno nere e più o meno affidabili, meglio utilizzare il nuovo servizio Think, Check, Submit50 che attraverso una serie di domande permette di giudicare criticamente e di individuare la rivista Open Access più adatta e di qualità. In caso di dubbio, si può sempre verificare se l’editore sia membro di OASPA - Open Access Scholarly Publishers Association51, l’associazione degli editori Open Access che ha rigidi criteri di inclusione.

  • 52 Wicherts J.M. Peer Review Quality and Transparency of the Peer-Review Process in Open Access and S (...)
  • 53 Peerage of science, https://www.peerageofscience.org/

42Se è vero che ci sono riviste poco serie (e questo vale sia per quelle Open Access che per quelle “tradizionali”), è anche vero però che in area Open ci sono riviste dalla peer review del tutto trasparente52, come quelle dell’editore BioMedCentral che pubblicano i commenti dei revisori insieme all’articolo, ci sono riviste che fanno open peer review, come quelle dell’editore Copernicus, che mettono l’articolo a disposizione dei commenti di tutti oltre che dei revisori classici, e ci sono servizi, come Peerage of Science53, che offrono una peer review indipendente per far valutare l’articolo ancora prima della proposta alla rivista.

2.4 Pubblicazioni innovative

43Esistono poi alcuni esempi di riviste che hanno reinventato il ruolo della rivista tradizionale e si sono riposizionate al servizio della Open Science.

a) La rivista in cui “pubblicare è solo l’inizio”
eLife54 è una rivista che effettua una peer review selettiva solo dal punto di vista della solidità scientifica, senza considerare criteri di moda o di mercato come invece fanno tutte le maggiori riviste di editori commerciali; pubblica quindi rapidamente i lavori e offre poi servizi di ricerca e riaggregazione del contenuto, convinta che il vero impatto si misuri dopo la pubblicazione, nella risonanza di un lavoro all’interno della comunità. eLife non fa e non farà domanda di ammissione in JCR-Journal Citation Reports per ottenere l’Impact Factor; fornisce però un set articolatissimo di misure a livello del singolo articolo, per dimostrarne il valore reale dentro e fuori l’accademia. Pioniere in questo senso erano state le riviste dell’editore PLoS, che si sono spinte oltre, ideando il servizio di ALM Reports, ovvero rapporti basati sulle metriche di impatto a livello di articolo Article Level Metrics (ALM)55 che visualizzano, per il set di articoli prescelto, la correlazione fra le singole misure - a volte scoprendo casi interessanti di lavori molto scaricati e poco citati, indice di una maggiore circolazione al di fuori dell’accademia;

  • 56 PeerJ, https://peerj.com/

b) La rivista che vive intorno alla comunità scientifica
PeerJ
56 si basa sull’idea di creare una comunità: gli autori possono pubblicare ma si impegnano anche a fare almeno una revisione all’anno. Il modello di business prevede o il pagamento di una APC per articolo oppure una quota per divenire membri a vita, potendo pubblicare un numero illimitato di articoli;

c) La rivista per l’intero ciclo della ricerca
RIO Journal
57 (dove RIO sta per Research Ideas and Outcomes) pubblica ogni passo del ciclo della ricerca, dalla proposta per ottenere un finanziamento all’articolo tradizionale. Il modello di business si basa su una articolata tabella58 in cui si paga in base al servizio scelto e al tipo di pubblicazione. L’articolo può aver già passato la peer review o no, ma viene pubblicato subito, nel secondo caso con l’etichetta «to be reviewed». Per la scrittura, e per la peer review ove richiesto, si utilizza Arpha59, un innovativo sistema di scrittura collaborativa. Tutti i testi utilizzano già un formato che permette la lettura delle macchine e quindi agevola text e data mining. RIO Journal, sensibile all’impatto sociale della ricerca60, permette anche di assegnare un’etichetta che associ all’articolo uno dei loghi che riportano gli obiettivi dello sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite o delle sfide sociali dell’Unione Europea.

d) L’archivio con servizi editoriali
È uno degli esperimenti più innovativi e aperti, basato sull’idea che tutta la ricerca sia degna di pubblicazione, e valga la pena di essere discussa e commentata, senza filtri artificiali a priori. Sarà poi la comunità degli esperti a decretarne la validità e il successo. The Winnower61 favorisce la pubblicazione di ricerche, discussioni, idee; ogni studioso può revisionarli, poi una volta raggiunta quella che si ritiene la versione finale, l’autore può assegnare un DOI e pubblicare quindi il lavoro. Lo stesso servizio offre F1000 Research62, che pubblica anche i preprint e non solo permette la peer review post pubblicazione, ma pubblica anche i commenti dei revisori, che spesso sono utili al pari dell’articolo, in quanto a loro volta “pezzi” di conoscenza. The Self Journal of Science, SJS,63 si presenta come un archivio con servizi editoriali, che demanda alla comunità scientifica la valutazione e la classificazione degli articoli, e invita i ricercatori a pubblicare qualsiasi lavoro ritengano utile al progresso della conoscenza (bozze, tabelle di laboratorio, studi non conclusi, articoli tradizionali) che viene poi messo a disposizione per i commenti dell’intera comunità. Ognuno può poi creare e gestire la sua rivista, riaggregando a piacere i contenuti. Insomma, «in SJS, ogni articolo è l’inizio di una conversazione scientifica globale».

e) L’archivio-network-rivista
Science Open
64 si definisce come una rete di ricerca e pubblicazione, che riunisca in una sola piattaforma i vantaggi di un motore di ricerca, di un social e di un research network, in cui si possono creare gruppi e seguire ricercatori affini, di un archivio di preprint che garantisca immediatezza di disseminazione e di una piattaforma editoriale che garantisca la qualità scientifica attraverso revisioni trasparenti. Science Open ha un solo motore di ricerca per quanto pubblica e per quanto aggrega dagli archivi Open Access, eliminando quindi i “silos informativi”, permette la creazione di profili e gruppi e quindi la discussione diretta fra pari, e accetta la pubblicazione di ogni tipo di ricerca, anche dai risultati negativi, anche non revisionata, offrendo un servizio di post-publication peer review (la revisione post-pubblicazione) attraverso la comunità.

f) La piattaforma di pubblicazione continua
PubPub
65 è nata a gennaio 2016 dai laboratori del MIT come piattaforma collaborativa di “pubblicazione continua”, in cui ognuno può pubblicare e poi decidere se rendere pubblico ciò che ritiene utile alla scienza. Si basa su software di scrittura collaborativa che permette articoli dinamici, commenti, interazioni, visualizzazioni live. Può ospitare riviste create da chiunque desideri aggregare/riaggregare contenuto, nella convinzione che le riviste non siano custodi del sapere ma facilitatori e curatori di contenuto.

g) La piattaforma collaborativa
Rapid Science
66 collega due piattaforme, Rapid learning e Rapid publications, allo scopo di abbreviare il tempo che intercorre fra la pubblicazione e la sua traduzione in cure efficaci. Offre un forum per la discussione, mette in relazione gruppi di ricerca, incoraggia la pubblicazione di articoli brevi con ricerche in progress, dati negativi, replication studies, nella convinzione che le reti collaborative facciano progredire la scienza più rapidamente.

h) Gli overlay journals
Gli overlay journals, come quelli ospitati sulla piattaforma èpiscience67, sono riviste che raccolgono intorno a una disciplina i pre-print presenti negli archivi Open Access, riproponendoli ai commenti della comunità di riferimento.

  • 68 Polydoratou P. Data journals. Presentazione, EU Workshop on Alternative Open Access business model (...)

i) Le riviste di dati
Si tratta di riviste che pubblicano set di dati, includendoli nel circuito della comunicazione scientifica e della valutazione della ricerca e incentivando quindi la pratica della condivisione dei dati. Un data paper deve presentare il set di dati nella prospettiva della sua potenziale utilità per altri ricercatori, e comprende quindi una descrizione dei metodi, della struttura, del suo potenziale quanto a riuso, delle licenze associate. Le riviste di dati sono complementari alla pubblicazione finale tradizionale sotto forma di articolo di ricerca, rendono i dati citabili in forma tradizionale e permettono quindi di tracciarne meglio il riuso68.

2.5 E i libri?

44Anche le monografie sono in lenta ma progressiva evoluzione. Intanto stanno diventando sempre più digitali – risvolto non scontato in discipline ancora molto legate alla carta – e spesso Open Access, come risulta da DOAB – Directory of Open Access Books69 e dalla sempre più variegata associazione degli editori “open”, in cui si possono trovare tutti i nomi di riferimento e gli ambiti di interesse70. Stanno sperimentando nuove forme “in divenire”, come i Liquid Books71 di Open Humanities Press o i Living Books72, progetto del JISC britannico: volumi che si modificano, si annotano, si aggiornano, e prendono una forma cristallizzata in pdf una tantum.

45Per salvaguardare la “bibliodiversità” e le lingue nazionali, stanno sperimentando modelli di business e di sostenibilità in forme molto più variegate rispetto al mondo delle riviste:

  • modello Freemium: adottato da Open Edition73, ha provato nei fatti la sua sostenibilità economica74. Prevede accesso libero al testo online, mentre gli ulteriori servizi si pagano;
  • modello rete di biblioteche: adottato dalla Open Library of Humanities75, si basa su un contributo minimo richiesto alle biblioteche per la gestione di una piattaforma di pubblicazione di libri Open Access, di cui ovviamente poi tutti possono fruire;
  • modello rete di partner: presuppone un cambio di prospettiva e invece del modello “costo per unità” pagato da ogni istituzione e moltiplicato per le singole unità (copie di libri), non sostenibile né scalabile, propone una rete di attori coinvolti (società scientifiche, biblioteche, enti di finanziamento), ognuno dei quali contribuisce con una quota annuale alla copertura delle spese complessive di pubblicazione e conservazione senza delegare ai solo autori o alle sole biblioteche76.
  • modello pubblicazione diffusa: adottato dal progetto Knowledge Unlatched77. Le biblioteche condividono il costo delle spese di pubblicazione di un singolo volume che poi diventa disponibile per tutti.

46Tutto questo ha un impatto positivo sull’ecosistema della ricerca, perché incrementa l’accesso diminuendo i costi, applicando le logiche Open Access anche nelle scienze umane e sociali.

2.6 Nuovi paradigmi per la valutazione della ricerca

  • 78 San Francisco Declaration on Research Assessment (DORA), http://www.ascb.org/dora/
  • 79 Hicks D. et al. Bibliometrics: The Leiden Manifesto for research metrics. Nature, 2015, 520, 429–4 (...)
  • 80 Priem J. – Taraborelli D. – Groth P. – Neylon C. Altmetrics: A manifesto, Oct. 26, 2010. http://al (...)
  • 81 Alperin J.P. The Public Impact of Latin America’s Approach to Open Access. Tesi di dottorato, Stan (...)
  • 82 Taylor M. Better ways to evaluate research and researchers. SPARC Europe Briefing Paper 8, 2016, h (...)

47Sempre in area Open Access si sta ridiscutendo anche di valutazione della ricerca. Contrastare l’uso indiscriminato dell’Impact Factor è lo scopo della DORA Declaration78, una sorta di “dichiarazione di indipendenza”, un segnale chiaro della necessità di misure più adeguate e meno manipolabili per valutare la ricerca. Il Leiden Manifesto for research metrics79 suggerisce invece dieci principi per una corretta valutazione, che eviti le aberrazioni attuali e metta un freno alla “ossessione per l’Impact Factor”. Sono poi nate iniziative come le Altmetrics80 (misure alternative di impatto), è stato proposto il concetto di “impatto sociale” al posto di Impact Factor (cioè quanto la ricerca “raggiunga” la società81), e si sta studiando “la misura meno sbagliata”82 per valutare la ricerca, a riprova di quanto dicevamo sulle logiche globalmente alternative in favore della scienza aperta. Se ne parlerà più specificamente nei prossimi paragrafi. Accenniamo poi solo di sfuggita al fenomeno delle AltMetrics, o metriche alternative, di cui si occuperà Valeria Scotti: sono misure nate in area Open per seguire le tracce del successo di un lavoro in rete, attraverso indicatori più “sociali” rispetto alle citazioni, che rilevano l’impatto solo in area accademica.

  • 83 PRO, https://opennessinitiative.org/

48Anche sulla peer review ci sono iniziative importanti, come quella di PRO, Peer Reviewers Openness Initiative83, in cui i revisori si impegnano a chiedere che tutto il materiale sottoposto a revisione si adegui a standard di apertura, ovvero renda pubblici i dati, software, altro materiale utile alla valutazione.

2.7 Due proposte per la transizione

49È evidente che ci troviamo in un periodo di transizione, in cui la crisi del sistema attuale è palese e le istanze di cambiamento sono diffuse.

  • 84 Schimmer R. Making moves towards the large-scale transition to Open Access. SPARC Europe Opinion p (...)
  • 85 Shamash K. Article processing charges (APCs) and subscriptions. Monitoring open access costs, JISC (...)

50Registriamo due proposte di cambiamento: una prevede una conversione dell’intero sistema dal regime attuale di abbonamenti alle riviste a un regime di APC (Article Processing Charges, spese di pubblicazione), con il vantaggio di enormi economie di scala84 ma con uno scarso potenziale correttivo nei confronti dell’oligopolio, che non verrebbe scalfito. In più, come dimostra uno studio britannico, il sistema delle APC riproduce esattamente le aberrazioni del sistema basato sugli abbonamenti, perché negli ultimi due anni le APC sono cresciute del 6% e sono molto più care per le riviste ibride rispetto alle riviste nativamente Open Access. Il rischio è quindi quello di assistere a una spirale dei prezzi delle APC85.

  • 86 Brembs B. Why haven’t we already cancelled all subscritpions? Blog post, May 20, 2016, http://bjoe (...)

51Più sovversiva è la proposta di Björn Brembs, che sostiene una moderna infrastruttura di diffusione dei lavori scientifici e si chiede «perché non abbiamo ancora cancellato tutti gli abbonamenti?»86. Con la stessa cifra che ogni anno si stima investita in abbonamenti, circa 10 miliardi di dollari, si potrebbe creare una nuova infrastruttura, tecnologicamente avanzata, sul modello degli archivi aperti, che consenta la circolazione gratuita delle pubblicazioni. L’analogia è con le comunicazioni telefoniche: l’università di Regensburg, presso la quale Brembs insegna, fa pagare le telefonate via cavo ai docenti, ma offre gratuitamente le chiamate via rete (con Skype). Così, chi vuole utilizzare il sistema obsoleto delle riviste dovrebbe pagare l’abbonamento di tasca propria, mentre a tutti verrebbe assicurato l’accesso gratuito con la nuova infrastruttura.

  • 87 Padula D. et al. Democratizing Academic Journals: Technology, Services, and Open Access, febbraio (...)

52Un cambiamento radicale è auspicato anche dal libro bianco Democratizing academic journals87, che stigmatizza gli interessi opposti dei grandi gruppi editoriali – il profitto – e dei ricercatori – la diffusione della scienza – e propone un modello basato si servizi, da affidare a soggetti differenti. Così facendo, si creerebbe di nuovo competizione sul mercato, il controllo della comunicazione scientifica tornerebbe nelle mani dei ricercatori, mentre verrebbe scardinato il sistema di valutazione basato sulle riviste.

  • 88 Guédon J.C. Open Access: A litmus test of scientific publishing and its business plans. Keynote sp (...)

53L’approccio corretto, quale che sia il futuro assetto, è quello suggerito dal professor Jean Claude Guédon: non cercare di salvaguardare l’esistente con aggiustamenti o conversioni, ma chiedersi piuttosto «cosa serve davvero alla comunicazione scientifica per funzionare al meglio?»88

3. Uno sguardo all’Europa: Open Access, Open Science e innovazione

54L’Open Access non è che un tassello della Open Science, la cui definizione informale secondo Michael Nielsen suona così: «La Open Science è l’idea che la conoscenza scientifica di ogni genere venga condivisa appena possibile»89. Con una definizione più canonica, «Scienza aperta significa dati e testi che possono essere liberamente usati, modificati, condivisi da chiunque per qualsiasi fine»90. Open Science è un concetto ombrello, quindi, che comprende, oltre ai testi, i software, i dati e le risorse educative. La mappa pubblicata dalla Commissione Europea91 ne rissume caratteristiche e indicatori, che sono di vitale importanza perché si tratta di un fenomeno in rapida evoluzione.

Fig. 1 Open Science Monitor

Fig. 1 Open Science Monitor

3.1. Cos’è la scienza aperta

55Con il suo approccio pragmatico il Commissario Europeo Carlos Moedas, che crede fermamente che nell’apertura risieda il futuro della scienza e della crescita dell’Europa, così parla della Open Science:

  • 92 Moedas C. Open science for a knowledge and data-driven economy. Speech. ERA conference, June 23 20 (...)

La scienza aperta descrive la trasformazione in atto nel modo in cui la scienza viene prodotta, i ricercatori collaborano, la conoscenza viene condivisa, e la scienza è organizzata. Rappresenta un cambiamento nel modus operandi della scienza e della ricerca. Riguarda l’intero ciclo della ricerca e tutti gli attori coinvolti, accresce le potenzialità della scienza creando più trasparenza, apertura, connessioni di rete, collaborazione, e sposta l’attenzione dalla cultura del “pubblica o muori” alla prospettiva di condivisione della conoscenza92.

  • 93 Why open research è una pagina ricca di suggerimenti ed esempi su come si possa mettere la propria (...)

56La scienza aperta è un beneficio per tutti, una situazione win-win in cui ognuno cresce, o, con le parole di Erin McKiernan: «Il vantaggio è per il pubblico. Il vantaggio è per te. Cosa aspetti? Sii open!»93

  • 94 Kroes N. Open Science depends on open minds. Video, Sept. 2014, https://www.youtube.com/watch?v=ic (...)
  • 95 Tweet, Oct. 17 2014, https://twitter.com/openscience/status/523141925667614720

57Per Neelie Kroes, ex Vice Presidente della Commissione Europea, «la scienza aperta dipende da menti aperte»94. Come recita un tweet di un giovane ricercatore,«essere aperti e trasparenti è un modo di fare, non è una casella di controllo alla fine»95.

  • 96 McKiernan E. et al. How open science helps researchers succeed. eLife 2016;5:e16800, http://dx.doi (...)

58La scienza aperta implica condividere ogni passo del processo di ricerca, dai dati, ai protocolli, al software, ai risultati, ma è un “continuum” di pratiche96, in cui si può cominciare con poco; nei casi più innovativi si giunge a mettere a disposizione di tutti gli appunti di laboratorio, come abbiamo visto al paragrafo 2.1 .

59L’obiettivo finale è una società migliore:

«Quando la società ha bisogno di capire, si rivolge al mondo della ricerca per avere analisi, approfondimenti, risposte. La Open Science mantiene aperto questo dialogo, permette di prendere decisioni informate, favorisce prospettive di innovazione per il futuro. E, auspicabilmente, fornisce anche nuova ispirazione alla generazione di giovani ricercatori»97.

  • 98 Kramer, B. & Bosman, J. Innovations in scholarly communication, https://101innovations.wordpress.c (...)

60La bellissima immagine di Bianca Kramer e Jeroen Bosman (Fig. 2), frutto del progetto Innovations in scholarly communication98, mostra quanti e quali siano gli strumenti e le pratiche della Open Science e come questa tocchi ogni aspetto del ciclo della comunicazione scientifica:

Fig. 2 La ruota della scienza aperta. La versione online è interattiva

Fig. 2 La ruota della scienza aperta. La versione online è interattiva

61L’accesso ai testi conta in piccola parte, poiché gli articoli non descrivono che le conclusioni del lavoro di ricerca; ciò che davvero può fare la differenza è l’accesso ai dati in formato leggibile dalle macchine: «La maggior parte dei dati nel mondo (circa il 90%) è stata prodotta negli ultimi due anni. I computer hanno da tempo superato gli uomini nella capacità di riconoscere i modelli in dataset di larghe proporzioni. I dati scientifici hanno un estremo bisogno di apertura, di una gestione più accurata, di essere leggibili dalle macchine e di tanto, tanto riuso99» come ci ricorda Barend Mons presentando la European Open Science Cloud100, lo strumento destinato a fare da supporto alla scienza e all’innovazione in Europa nei prossimi anni. Sì, perché la Commissione Europea crede fermamente nel legame fra scienza aperta e innovazione, come ci ricorda il Commissario Carlos Moedas in un discorso non a caso intitolato La scienza aperta per un’economia della conoscenza basata sui dati:

  • 101 Moedas C. Open science for a knowledge and data-driven economy. Speech. ERA conference, June 23 20 (...)

Scienza aperta significa anche essere sicuri che la scienza sia al servizio dell’innovazione e della crescita. Garantisce l’accesso aperto ai risultati della ricerca finanziata con i fondi pubblici e la possibilità di condividere conoscenza attraverso infrastrutture dedicate. Facilitare l’accesso a questi dati significa incoraggiare il riuso dei risultati della ricerca […], in particolare le piccole medie imprese possono accelerare l’implementazione di idee e prodotti innovativi101.

E ancora:

  • 102 Moedas C. The importance of research for the future of Europe. Speech. Aug. 31 2015, http://ec.eur (...)

Il dato comune al successo nell’area della ricerca e innovazione è l’apertura. Credo che il futuro dell’innovazione stia nel mettere insieme e far collaborare quante più persone, idee e discipline possibile […] Per me, il futuro sta nella innovazione aperta, perché l’apertura è il motore dell’innovazione102»

  • 103 Il motto è diventato anche il titolo del volume che raccoglie i suoi discorsi, Moedas C. Open Inno (...)

62Non è un caso che Moedas abbia coniato l’espressione Open innovation, Open Science, Open to the world103 e che abbia improntato tutto il suo mandato al sostegno deciso verso l’apertura. L’Europa sta andando decisamente in questa direzione.

3.2 Scienza aperta e innovazione

63Già nel 2012 la Commissione Europea aveva riconosciuto che

La ricerca moderna si fonda su un dialogo scientifico ampio e progredisce migliorando i lavori che l’hanno preceduta. Un accesso più completo e diffuso alle pubblicazioni e ai dati scientifici contribuirà quindi a:

  • accelerare l’innovazione (più rapidamente sul mercato = crescita più rapida);
  • favorire la collaborazione ed evitare la sovrapposizione delle iniziative (efficienza maggiore);
  • lavorare basandosi sui risultati di ricerche precedenti (risultati qualitativamente migliori);
  • coinvolgere i cittadini e la società (maggiore trasparenza del processo scientifico)
  • 104 Communication Towards better access to scientific information: Boosting the benefits of public inv (...)

[…] La Commissione europea ravvisa nell’accesso aperto un elemento essenziale di condivisione fra persone e idee, in grado di fungere da catalizzatore della scienza e dell’innovazione. Ai fini della crescita economica e in risposta alle crisi cui la società è confrontata nel XXI secolo, è essenziale ottimizzare la circolazione e il trasferimento del sapere scientifico fra i grandi portatori di interesse nel settore della ricerca europea: università, enti finanziatori della ricerca, biblioteche, aziende innovative, amministrazioni pubbliche e decisori politici, organizzazioni non governative (ONG) e società in genere104.

  • 105 Council Conclusions On The Transition Towards An Open Science System, May 27 2016, data.consilium. (...)

64Il Consiglio sulla Competitività del maggio 2016, nel documento finale La transizione verso un sistema di scienza aperta105, ha auspicato che entro il 2020 tutta la ricerca finanziata con fondi europei debba essere pubblicata in Open Access riconoscendo che

la scienza aperta ha il potenziale per aumentare la qualità, l’impatto e i vantaggi della scienza e per accelerare il progresso della conoscenza rendendola più affidabile, più efficiente e precisa, più facilmente comprensibile alla società e più rispondente alle sfide per la società, e che ha il potenziale per consentire la crescita e l’innovazione attraverso il riutilizzo dei risultati scientifici ad opera di tutte le parti interessate a tutti i livelli della società e, in ultima istanza, per contribuire alla crescita e alla competitività dell’Europa.

65Allo stesso tempo, con la Comunicazione European Cloud Initiative - Building a competitive data and knowledge economy in Europe, la Commissione sta cercando soluzioni concrete per sfruttare pienamente il potenziale dei dati e farne il motore della scienza aperta e della quarta rivoluzione industriale. Rientra in questo il progetto del Cloud europeo della scienza aperta, che

  • 106 Communication European Cloud Initiative - Building a competitive data and knowledge economy in Eur (...)

avvalendosi di un’infrastruttura di dati europea, mira a sviluppare l’eccezionale capacità di calcolo, la rapida connettività e le soluzioni cloud ad alta capacità necessarie. La base di utenti, inizialmente ristretta alla comunità scientifica, sarà estesa al settore pubblico e all’industria, creando soluzioni e tecnologie che porteranno vantaggi a tutti i settori dell’economia e della società. Per realizzare questo proposito sarà necessaria una collaborazione aperta a tutti coloro che saranno interessati a trarre beneficio dalla rivoluzione dei dati in Europa come componente essenziale della crescita mondiale106.

66La scienza aperta è vista come il principale vettore della competitività nei confronti di paesi quali Cina, Giappone, Russia, gli Stati Uniti, che stanno già sperimentandone i benefici, per esempio con l’utilizzo del cloud computing o delle tecniche di text e data mining.

  • 107 Picarra M. Open Access to scientific information: facilitating knowledge transfer and technologica (...)

67Le barriere alla diffusione della scienza, nel sistema di comunicazione chiuso attuale, sono ancora tante e tali da impedire produttività, competitività, crescita oltre che la soluzione di sfide globali di interesse comune107.

68In concreto, in Horizon 2020, il programma quadro di finanziamento della ricerca in Europa, è già previsto l’Open Access non solo per tutti i risultati ma anche per i dati (i dati su cui si basano le ricerche pubblicate, ovviamente, non i dati inediti108). Sono ben presenti – e dibattuti per anni – i concetti di integrità dei dati, di tutela della privacy e dei dati personali, di segretezza dei dati della ricerca applicata, in particolare per progetti in cooperazione con soggetti privati; ma la logica che è sottesa è di rendere i dati «aperti il più possibile, chiusi solo se necessario»109.

69Sono passi importanti verso una nuova concezione della comunicazione scientifica, assai diversa da quella attuale:

  • 110 Mons B. Preface to the First report of the Commission High Level Expert Group on the European Open (...)

La scienza sta diventando satura di dati. Ma la comunicazione scientifica, le tecniche di gestione dei dati, i sistemi di valutazione e gli incentivi non si stanno adattando a questa rivoluzione. I ricercatori, gli enti finanziatori e gli editori che pubblicano (ho sempre pensato che “pubblicare” volesse dire “rendere pubblico”) si tengono l’un l’altro ostaggio in un abbraccio mortale continuando a condurre, pubblicare, finanziare e valutare la ricerca come un secolo fa. Al momento, nessuno sembra in grado di spezzare questa catena. L’accesso aperto agli articoli è indispensabile, ma risolve solo una piccola parte del problema. Così come i dati, da soli, non bastano110.

  • 111 Amsterdam Call for Action on Open Science, https://english.eu2016.nl/documents/reports/2016/04/04/ (...)
  • 112 Ne è pienamente consapevole Alperin JP. Motivating Open Practices Through Faculty Review and Promo (...)

70Ciò che serve è un deciso cambio di paradigma verso una scienza che sia davvero aperta e funzionale all’innovazione. Per far questo occorre anche una rinnovata idea di comunicazione scientifica, simile a quella che abbiamo cercato di delineare in questi paragrafi, basata sull’idea di condivisione di dati e risultati, di immediatezza (la logica dei preprint), di riuso, di collaborazione anche con il privato, con le piccole medie imprese, con il territorio. Un valido punto di riferimento in questa direzione è la Amsterdam Call for Action on Open Science111 con le sue dodici azioni strategiche che prendono in considerazione tutti gli aspetti della ricerca: la produzione, la diffusione, la valutazione – perché, come abbiamo ricordato, finché non cambiano i criteri di valutazione e gli incentivi connessi è difficile che cambino i comportamenti dei ricercatori112.

71Gli obiettivi per il 2020 dovrebbero quindi essere: l’accesso aperto alle pubblicazioni, il riuso ottimale dei dati, un nuovo sistema di valutazione e incentivi, e un’armonizzazione delle politiche in favore della scienza aperta. La rimozione delle barriere che impediscono la Open Science passa, tra l’altro, dalla trasparenza sui costi della comunicazione scientifica, o dalla creazione di infrastrutture adeguate, o dalla diffusione dei principi FAIR (Findable, Accessible, Interoperable, Reusable – reperibili, accessibili, interoperabili, riusabili)113 per i dati. I principi FAIR sono basilari, perché non è sufficiente mettere i dati in rete, occorre farlo in maniera intelligente, come ricorda un fondamentale rapporto della Royal Society, La scienza come un’impresa aperta, in cui si parla di “intelligent openness”114.

  • 115 Masuzzo P. - Martens L. Do you speak open science? Resources and tips to learn the language. PeerJ (...)

72Il cammino è ancora lungo, c’è un linguaggio nuovo da imparare115, c’è una cultura da sviluppare, ci sono strumenti innovativi da provare, ci sono comportamenti e politiche da modificare.

73Ciò che serve è una sinergia fra la miriade di progetti in corso e un’idea nuova di infrastruttura che colleghi progetti, strumenti, comunità di ricerca con l’idea dei “commons”, dei beni comuni116.

74Ed è importante che la transizione verso modelli più aperti e più funzionali alla crescita e all’innovazione dell’intera società – non dimentichiamo che stiamo parlando di ricerca finanziata con fondi pubblici – parta da tutti gli attori coinvolti e si orienti a riequilibrare le asimmetrie esistenti nel sistema.

75In questo senso, le parole di Neelie Kroes sono tutt’oggi illuminanti:

Il meglio di Internet è che è aperto. Ci permette di condividere e innovare in ogni campo. Nella scienza, l’apertura è fondamentale […]. Scienza aperta non significa ignorare la realtà economica. Certo, abbiamo bisogno di modelli di business che siano sostenibili. Ma questo non significa che dobbiamo continuare a fare le cose come le abbiamo sempre fatte. Per questo, ovunque voi siate nella catena della produzione scientifica, che siate ricercatori, investitori o decisori politici, il mio messaggio è chiaro: investiamo in strumenti collaborativi che ci permettano di progredire. Abbattiamo i muri che rinchiudono la conoscenza. E rendiamo aperta la scienza117.

Notes

1 Suber P. Open Access overview, 2004-2015, http://legacy.earlham.edu/~peters/fos/overview.htm

2 Suber P. Open Access, MIT press, 2012, cap. 1 What is Open Access? https://mitpress.mit.edu/sites/default/files/titles/content/openaccess/Suber_08_chap1.html#chap1

3 Gli studi sul vantaggio citazionale sono raccolti e aggiornati nel progetto di SPARC Europe: Open Access citation advantage service, http://sparceurope.org/oaca/

4 Content Mine, Finding knowledge about Zika in scientific literature, video, 2016 https://www.youtube.com/watch?v=5lYzOZ2Cv_I

5 Hartgerink C. Elsevier stopped me doing my research, blog post, “Chris Hartgerink’s notebook blog”, November 16, 2015 http://onsnetwork.org/chartgerink/2015/11/16/elsevier-stopped-me-doing-my-research/ e anche Hartgerink C. Wiley also stopped me doing my research, blog post, “Chris Hartgerink’s notebook blog”, February 23, 2016 http://onsnetwork.org/chartgerink/2016/02/23/wiley-also-stopped-my-doing-my-research/

6 Cfr. https://en.wikipedia.org/wiki/Open_science_data

7 La citazione è riferibile a Rufus Pollock, presidente della Open Knowledge Foundation, http://rufuspollock.org/misc/, anche se non in preciso contesto.

8 Non a caso l’OCDE ha pubblicato sulla sua piattaforma legata all’innovazione una pagina sulla Open Science considerata anche dal punto di vista economico: https://www.innovationpolicyplatform.org/content/open-science il Rapporto Making Open science a reality (2016), http://www.oecd-ilibrary.org/science-and-technology/making-open-science-a-reality_5jrs2f963zs1-en;jsessionid=jgdh4pdbmkp1.x-oecd-live-02

9 Souter D. Towards inclusive knowledge societies: A review of UNESCO’s action in implementing the 185 WSIS outcomes. UNESCO, 2010, https://www.itu.int/net/wsis/review/inc/docs/ralfreports/WSIS10_ALF_Reporting-UNESCO.pdf.

10 McKiernan E. Imagining the ‘open’ university: Sharing science to improve research and education. 2017, PeerJ Preprints 5:e2711v1 https://doi.org/10.7287/peerj.preprints.2711v1

11 Access to Research and Technical Information in Denmark, Report, 2011, http://ufm.dk/en/publications/2011/access-to-research-and-technical-information-in-denmark

12 Sulla pagina OpenAccess@UniTO cerchiamo di offrire un elenco aggiornato di strumenti utili a fare Open Access, oltre a chiarimenti sui diritti, sul quadro europeo, sulle novità a livello internazionale: http://www.oa.unito.it

13 ArXiv, https://arxiv.org/

14 Questo avviene grazie al protocollo OAI-PMH Open Archives Initiative Protocol for Metadata Harvesting https://www.openarchives.org/pmh/

15 SHERPA-RoMEO, http://www.sherpa.ac.uk/romeo/index.php

16 Un elenco si trova in DOAR – Directory of Open Access repositories, http://www.opendoar.org/

17 Un elenco ricercabile si trova in RE3Data, Registry of research data repositories, http://www.re3data.org/

18 Zenodo, https://zenodo.org/

19 Utilissima la tabella che mette a confronto funzionalità e finalità: Fortney, K.- Gonder, J. A social networking site is not an open access repository, Office of Scholarly Communication, University of California, 2015, http://osc.universityofcalifornia.edu/2015/12/a-social-networking-site-is-not-an-open-access-repository/

20 Jamali, H. R. (2017). Copyright compliance and infringement in ResearchGate full-text journal articles, Scientometrics, 2017, DOI: 10.1007/s11192-017-2291-4, http://dx.doi.org/10.1007/s11192-017-2291-4

21 Geltner G. Upon Leaving Academia.edu. Blog post. Dec. 7, 2015, http://mittelalter.hypotheses.org/7123

22 Tennant, J. Who isn’t profiting off the backs of researchers? Discover, Feb. 1, 2017, http://blogs.discovermagazine.com/crux/2017/02/01/who-isnt-profiting-off-the-backs-of-researchers/

23 ASAPBio survey results, Feb. 2016 http://asapbio.org/survey

24 ArXiv, https://arxiv.org/

25 ASAPBio, http://asapbio.org/about-2

26 BiorXiv, http://biorxiv.org/

27 PsyArXiv, http://blog.psyarxiv.com/psyarxiv/

28 SocArXiv, https://osf.io/preprints/socarxiv

29 EngArxiv, https://osf.io/preprints/engrxiv/discover?subject=

30 AgriXiv, https://agrixiv.wordpress.com/about/

31 OSF Preprint, https://osf.io/preprints è un progetto di Ope Science Framework.

32 GitHub, https://github.com/

33 MyExperiment, http://www.myexperiment.org/home

34 Figshare, https://figshare.com/

35 Arpha collaborative writing, http://arpha.pensoft.net/

36 Hypothesis, https://hypothes.is/

37 Pundit, http://thepund.it/

38 Open Research, video, 2011, https://www.youtube.com/watch?v=LwW1-X3glak

39 Si vedano rispettivamente http://lab.brembs.net/ e http://labscribbles.com/

40 Open Access Button, cerca articoli e dati https://openaccessbutton.org/

41 oaDOI, https://oadoi.org/

42 Open Journal System, https://pkp.sfu.ca/ojs/

43 DOAJ, https://doaj.org/

44 Shieber S. What percentage of open-access journals charge publication fees? Blog post, May 29, 2009 https://blogs.harvard.edu/pamphlet/2009/05/29/what-percentage-of-open-access-journals-charge-publication-fees/ . Un calcolo empirico sulle riviste presenti su DOAJ al 6 gennaio 2017 restituisce il 20% delle riviste che richiedono APC.

45 Beall J. Potential, possible, or probable predatory scholarly open-access publishers. https://scholarlyoa.com/publishers/

46 Why did Beall’s List of potential predatory publishers go dark? Retraction Watch, Jan. 17, 2017, http://retractionwatch.com/2017/01/17/bealls-list-potential-predatory-publishers-go-dark/

47 Berger M. – Cirasella J. Beyond Beall’s List: We need a better understanding of predatory publishing without overstating its size and danger. College & Research Libraries News, 2015, 76.3: 132-5. Ripubblicato in LSE blog, March 18, 2015, http://blogs.lse.ac.uk/impactofsocialsciences/2015/03/18/beyond-bealls-list-predatory-publishers/

48 Crawford W. Ethics and Access 1: The Sad Case of Jeffrey Beall. Cites&Insights, 2014, 14, 4 1–14 http://citesandinsights.info/civ14i4.pdf

49 Crawford W. “Trust Me”: The Other Problem with 87% of Beall’s Lists. Blog post. Jan. 29, 2016 http://walt.lishost.org/2016/01/trust-me-the-other-problem-with-87-of-bealls-lists/

50 Think, check, submit, http://thinkchecksubmit.org/

51 OASPA, http://oaspa.org/

52 Wicherts J.M. Peer Review Quality and Transparency of the Peer-Review Process in Open Access and Subscription Journals. PLoS ONE. 2016, 11(1): e0147913. http://journals.plos.org/plosone/article?id=10.1371/journal.pone.0147913

53 Peerage of science, https://www.peerageofscience.org/

54 eLife, http://elifesciences.org/

55 Articel level metrics, http://almreports.plos.org/samples

56 PeerJ, https://peerj.com/

57 RIO Journal, http://riojournal.com/

58 Costi in RIO Journal, http://rio.pensoft.net/about#Low-Cost-Publishing

59 Arpha, http://blog.riojournal.com/2015/10/22/part-1-the-arpha-writing-tool-adding-value-to-rio/

60 Social impact in RIO, http://blog.riojournal.com/2015/10/01/rio-will-emphasise-the-social-impact-of-research/

61 The Winnower, https://thewinnower.com/

62 F1000, http://f1000research.com/

63 Self journal of science, http://www.sjscience.org/

64 Science Open, http://about.scienceopen.com/what-is-scienceopen/

65 PubPub, http://www.pubpub.org/

66 Rapid Science, http://www.rapidscience.org/

67 Èpiscience, http://www.episciences.org/page/journals

68 Polydoratou P. Data journals. Presentazione, EU Workshop on Alternative Open Access business models, Bruxelles, October 12, 2015, http://ec.europa.eu/newsroom/dae/document.cfm?doc_id=11237

69 DOAB, http://www.doabooks.org/

70 OASPA, http://oaspa.org/

71 Liquid Books, http://www.openhumanitiespress.org/books/series/liquid-books/

72 Living Books, http://www.livingbooksaboutlife.org/

73 Open Edition, https://www.openedition.org/

74 Mounier P. Freemium: a sustainable economic model for scholarly publishing. Presentazione, EU Workshop on Alternative Open Access business models, Bruxelles, October 12, 2015, http://ec.europa.eu/newsroom/dae/document.cfm?doc_id=11261

75 Open Library for Humanities, https://www.openlibhums.org/

76 Kennison R. Open Access Network - making Knowledge Public. Presentazione, EU Workshop on Alternative Open Access business models, Bruxelles, October 12, 2015, http://ec.europa.eu/newsroom/dae/document.cfm?doc_id=11236

77 Knowledge Unlatched, http://www.knowledgeunlatched.org/

78 San Francisco Declaration on Research Assessment (DORA), http://www.ascb.org/dora/

79 Hicks D. et al. Bibliometrics: The Leiden Manifesto for research metrics. Nature, 2015, 520, 429–431 doi:10.1038/520429a http://www.nature.com/news/bibliometrics-the-leiden-manifesto-for-research-metrics-1.17351

80 Priem J. – Taraborelli D. – Groth P. – Neylon C. Altmetrics: A manifesto, Oct. 26, 2010. http://altmetrics.org/manifesto

81 Alperin J.P. The Public Impact of Latin America’s Approach to Open Access. Tesi di dottorato, Stanford University, 2015, https://purl.stanford.edu/jr256tk1194

82 Taylor M. Better ways to evaluate research and researchers. SPARC Europe Briefing Paper 8, 2016, http://sparceurope.org/wp-content/uploads/2015/12/Evaluate-SEBriefingPaper-1215.pdf

83 PRO, https://opennessinitiative.org/

84 Schimmer R. Making moves towards the large-scale transition to Open Access. SPARC Europe Opinion piece, 2016, http://sparceurope.org/opinionpiecerschimmernov2016/ che fa riferimento alla circostanziata proposta contenuta in Schimmer R.- Geschuhn K. - Vogler A. Disrupting the subscription journals’ business model for the necessary large-scale transformation to open access. Max Planck Gesellschaft White paper, 2015 doi:10.17617/1.3 http://hdl.handle.net/11858/00-001M-0000-0026-C274-7

85 Shamash K. Article processing charges (APCs) and subscriptions. Monitoring open access costs, JISC report, June 2016, https://www.jisc.ac.uk/reports/apcs-and-subscriptions

86 Brembs B. Why haven’t we already cancelled all subscritpions? Blog post, May 20, 2016, http://bjoern.brembs.net/2016/05/why-havent-we-already-canceled-all-subscriptions/

87 Padula D. et al. Democratizing Academic Journals: Technology, Services, and Open Access, febbraio 2017, Copyright, Fair Use, Scholarly Communication, http://digitalcommons.unl.edu/scholcom/42

88 Guédon J.C. Open Access: A litmus test of scientific publishing and its business plans. Keynote speech. EU Workshop on Alternative Open Access business models, Bruxelles, October 12, 2015, http://ec.europa.eu/newsroom/dae/document.cfm?doc_id=11219

89 Nielsen M. Informal Open Science definition. Blog post, 2011, http://www.openscience.org/blog/?p=454

90 Traduzione mia dall’inglese della Open Definition (http://opendefinition.org/), la pagina italiana non riporta la definizione: http://opendefinition.org/od/2.0/it/

91 Open Science Monitor, marzo 2017, https://ec.europa.eu/research/openscience/index.cfm?pg=home&section=monitor

92 Moedas C. Open science for a knowledge and data-driven economy. Speech. ERA conference, June 23 2015, http://ec.europa.eu/commission/2014-2019/oettinger/blog/open-science-knowledge-and-data-driven-economy_en

93 Why open research è una pagina ricca di suggerimenti ed esempi su come si possa mettere la propria ricerca aperta a vantaggio di tutti, http://whyopenresearch.org/

94 Kroes N. Open Science depends on open minds. Video, Sept. 2014, https://www.youtube.com/watch?v=icu4ClrrlJI

95 Tweet, Oct. 17 2014, https://twitter.com/openscience/status/523141925667614720

96 McKiernan E. et al. How open science helps researchers succeed. eLife 2016;5:e16800, http://dx.doi.org/10.7554/eLife.16800

97 Dutch Open Science National plan. Feb. 9, 2017, https://www.openscience.nl/en

98 Kramer, B. & Bosman, J. Innovations in scholarly communication, https://101innovations.wordpress.com/. Il link diretto alla ruota della Open Science attivabile è https://bmkramer.databox.me/Public/Wheel_of_Open_Science/, mentre su Figshare si trova la versione editabile: https://figshare.com/collections/Open_Science_practices/3685048

99 Mons B. Preface to the First report of the Commission High Level Expert Group on the European Open Science Cloud, Oct. 11, 2016, p. 5 (traduzione mia) http://ec.europa.eu/research/openscience/pdf/realising_the_european_open_science_cloud_2016.pdf#view=fit&pagemode=none

100 European Open Science Cloud, http://ec.europa.eu/research/openscience/index.cfm?pg=open-science-cloud

101 Moedas C. Open science for a knowledge and data-driven economy. Speech. ERA conference, June 23 2015, http://ec.europa.eu/commission/2014-2019/oettinger/blog/open-science-knowledge-and-data-driven-economy_en

102 Moedas C. The importance of research for the future of Europe. Speech. Aug. 31 2015, http://ec.europa.eu/commission/2014-2019/moedas/announcements/importance-research-future-europe_en

103 Il motto è diventato anche il titolo del volume che raccoglie i suoi discorsi, Moedas C. Open Innovation, Open Science, Open to the world, EC press, 2016 http://bookshop.europa.eu/en/open-innovation-open-science-open-to-the-world-pbKI0416263/

104 Communication Towards better access to scientific information: Boosting the benefits of public investments in research, COM(2012) 401 final, http://eur-lex.europa.eu/legal-content/EN/TXT/?uri=COM:2012:0401:FIN

105 Council Conclusions On The Transition Towards An Open Science System, May 27 2016, data.consilium.europa.eu/doc/document/ST-9526-2016-INIT/en/pdf

106 Communication European Cloud Initiative - Building a competitive data and knowledge economy in Europe, COM(2016) 178 final, E 2016, http://eur-lex.europa.eu/legal-content/EN/TXT/HTML/?uri=CELEX:52016DC0178&from=GA

107 Picarra M. Open Access to scientific information: facilitating knowledge transfer and technological innovation from the academic to the private sector, PASTEUR4OA briefing paper, 2015, http://dx.doi.org/10.5281/zenodo.44316

108 Una guida pratica su come ottemperare alle richieste della Commissione per i progetti finanziati in Horizon 2020 si trova sulla pagina di OpenAIRE, https://www.openaire.eu/intro-researchers

109 Guidelines on FAIR Data Management in Horizon 2020, luglio 2016, http://ec.europa.eu/research/participants/data/ref/h2020/grants_manual/hi/oa_pilot/h2020-hi-oa-data-mgt_en.pdf

110 Mons B. Preface to the First report of the Commission High Level Expert Group on the European Open Science Cloud, Oct. 11, 2016, p. 5 (traduzione mia) http://ec.europa.eu/research/openscience/pdf/realising_the_european_open_science_cloud_2016.pdf#view=fit&pagemode=none

111 Amsterdam Call for Action on Open Science, https://english.eu2016.nl/documents/reports/2016/04/04/amsterdam-call-for-action-on-open-science

112 Ne è pienamente consapevole Alperin JP. Motivating Open Practices Through Faculty Review and Promotion. Blog post, Jan. 4, 2017, http://www.opencon2016.org/motivating_open_rpt

113 FAIR data principles, https://www.force11.org/group/fairgroup/fairprinciples

114 Royal Society. Science as an open enterprise. Report. London, 2012, The Royal Society, https://royalsociety.org/topics-policy/projects/science-public-enterprise/report/

115 Masuzzo P. - Martens L. Do you speak open science? Resources and tips to learn the language. PeerJ Preprints, 2017, 5:e2689v1 https://doi.org/10.7287/peerj.preprints.2689v1

116 Il progetto Open Science Commons mira proprio a questo: https://www.opensciencecommons.org/

117 Kroes N. Let’s make science open, video, Jun. 11 2012, http://www.youtube.com/watch?v=6sJbi2eaPXc&list=PL579F6BE69794EAEF&index=1&feature=plpp_video

Table des illustrations

Titre Fig. 1 Open Science Monitor
URL http://books.openedition.org/ledizioni/docannexe/image/5216/img-1.jpg
Fichier image/jpeg, 344k
Titre Fig. 2 La ruota della scienza aperta. La versione online è interattiva
URL http://books.openedition.org/ledizioni/docannexe/image/5216/img-2.jpg
Fichier image/jpeg, 375k

Auteur

E responsabile dell’Unità di progetto Open Access dell’Università di Torino. Svolge una intensa attività di formazione e promozione su logiche e vantaggi dell’accesso aperto e sulla comunicazione scientifica, temi sui quali ha pubblicato numerosi contributi. È membro del Gruppo di lavoro “Open Access” della CRUI e di AISA, l’Associazione Italiana per la promozione della Scienza Aperta. Partecipa a convegni nazionali e internazionali e a workshop europei su Open Access e Open Science

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search