Version classiqueVersion mobile

Fare Open Access

 | 
Simone Aliprandi

Capitolo 1. Scenario e problematiche aperte

Ivana Truccolo

Texte intégral

1. Il paradigma “open”

1La rivoluzione informatica dei computer e l’avvento di Internet prima e del web poi, hanno portato inevitabilmente con sé una rivoluzione nel modo di fare scienza. È cambiato soprattutto il modo di diffondere i contenuti e quindi il loro impatto sulla società, ma non solo. La caratteristica principale è il cosiddetto paradigma “open”, detto anche “quarto paradigma” della scienza, da Jim Gray, un informatico che vinse il premio Turing nel 1998. Successivamente Tom Hey et al.1 sistematizzarono tale concetto come un possibile cambio di paradigma nel modo non solo di diffondere, ma anche di produrre scienza. Pietro Greco ne riassume i tratti in una breve, ma efficace sintesi sul “quarto paradigma” pubblicata sulla rivista MICRON2. Esso succede al primo che riguarda la descrizione dei fenomeni naturali, al secondo relativo alla scoperta delle “leggi della natura” e al terzo centrato sulla simulazione, resa possibile dalla rivoluzione tecnologica del computer.

2Ora, è difficile capire se la possibilità di navigare, usare, condividere e riutilizzare una mole immensa di dati – essenza del quarto paradigma – costituisca un vero e proprio cambio epistemologico del modo di produrre scienza. In ogni caso, sicuramente, i cambiamenti dovuti a questa opportunità sono immensi, le ricadute importanti e, inevitabilmente, anche i rischi.

  • 3 Priem J., Taraborelli D., Groth P., Neylon C., Altmetrics: A manifesto, 26 October 2010. http://al (...)

3Se fino a dieci/quindici anni fa, per esempio, i ricercatori ritenevano fondamentale pubblicare i prodotti delle loro ricerche su riviste ad alto impatto e indicizzate nelle banche dati specializzate per farli conoscere alla comunità scientifica e acquisire autorevolezza e prestigio personale, ora tutto ciò non è più sufficiente. Pubblicare su riviste prestigiose è sempre importantissimo ma, innanzitutto, queste si sono evolute, sono molto più “social”. In secondo luogo è necessario, al contempo, fare in modo che i contenuti siano non solo pubblicati ma anche promossi, fatti circolare, diffusi dai loro autori nel maggior numero di luoghi virtuali e nel più breve tempo possibile. In pratica vi è sempre più l’esigenza che tali prodotti siano visibili, si facciano notare nel mare magnum di pubblicazioni prestigiose (o presunte tali, per autorevolezza delle fonti). È fondamentale che siano condivisi per sperare che siano letti, riutilizzati e citati da altri nei loro lavori e in future comunicazioni, presentazioni, pubblicazioni. Quindi il classico “publish or perish” ora è diventato “publish and be social or perish”.3

  • 4 Ferruccio Diozzi, Silvia Molinari, Francesca Gualtieri, Ivana Truccolo. Cinque tesi sui social net (...)

4I social network, inizialmente legati alla sfera privata e ludica, hanno acquisito un ruolo importante anche nella promozione e condivisione della scienza4. Basta notare che ormai tutte le banche dati specializzate più prestigiose, sia pubbliche che commerciali, le riviste specialistiche e le piattaforme integrate mettono a disposizione opzioni di condivisione attraverso tutti i canali social e gli strumenti ad accesso mobile. La contaminazione fra ambienti tradizionalmente separati ha comportato una gestione diversa, adeguata agli ambienti e agli strumenti, del diritto d’autore dei contenuti che sono comunque, e rimangono, “opere dell’ingegno”. Tutti questi aspetti verranno adeguatamente approfonditi nei capitoli di questo volume.

2. Rischi e opportunità

5In questa situazione, in cui i confini tradizionali fra ciò che è scientifico e ciò che non lo è sono saltati, e nello stesso tempo nuove definizioni operative faticano a imporsi con chiarezza e autorevolezza, ci è apparso importante affrontare l’argomento con spirito pratico.

6Per prima cosa abbiamo cercato di disaggregare la complessità, analizzando separatamente i vari concetti di accesso aperto, diritti d’autore e metriche di misurazione dell’impatto dei prodotti della comunicazione scientifica. In secondo luogo, ci è sembrato necessario offrire strumenti pratici alle persone che, sempre più numerose e in un sempre maggior numero di contesti, si trovano a fare delle scelte in tema di gestione dei diritti d’autore. I destinatari del nostro lavoro non sono quindi solo uomini di scienza o artisti o professionisti, ma anche persone “comuni” che si cimentano nella condivisione di contenuti propri o altrui in rete, a volte in modo piuttosto disinvolto. Il nostro obiettivo è quindi anche sensibilizzare le persone comuni ad acquisire coscienza delle proprie azioni e implicazioni per sé e gli altri quando si muovono nell’ambiente digitale.

7È inoltre necessario innanzitutto prendere compiutamente coscienza che i contenuti e i dati ad accesso aperto non riguardano solo le comunicazioni scientifiche in qualunque formato e supporto esse circolino, ma un’immensa quantità e tipologia di informazioni “grezze” la cui disponibilità di utilizzo e riutilizzo è una delle caratteristiche più importanti del “quarto paradigma”. Solo per restare alla biomedicina essi possono riguardare tutti i dati della ricerca, e nello specifico i seguenti:

a) dati sperimentali, legati all’osservazione diretta, ad es. per testare il risultato dell’azione di un farmaco su modelli sperimentali di patologia in vivo (su modelli animali) o in vitro (su linee cellulari) o anche non su organismi biologici (es. esperimento fisico per testare un dispositivo medico);

b) dati clinici e di biomonitoraggio, relativi ad es. ad immagini TAC, a prelievi di campioni biologici o al carico corporeo di un inquinante chimico per effetto di esposizione ambientale a contaminanti ambientali;

c) dati di sorveglianza, riferiti in genere a grandi quantità di dati utilizzati in studi epidemiologici di incidenza o mortalità per malattia, oppure a dati demografici su una popolazione affetta da malattie;

  • 5 Elisabetta Poltronieri, Paola De Castro. Gli ‘open data’ della ricerca in biomedicina: accesso, ba (...)

d) dati di simulazione (in silico), generati da programmi specifici in grado di riprodurre alcuni processi biologici5.

8C’è un filo rosso che lega il mondo dei dati ad accesso aperto, la tutela dei diritti d’autore delle opere dell’ingegno nell’era digitale, le metriche di misurazione dell’impatto dei prodotti della ricerca, ma il circuito che si crea non è sempre virtuoso. Essendo un circuito in cui c’è business, i rischi ci sono e sono anche elevati. Non si tratta solo di rischi di tipo economico-finanziario; c’è anche, per esempio, il rischio di una svalutazione e un discredito dell’intero mondo Open Access o di sottovalutazione del tema dei diritti o, al contrario, di una sua ipervalutazione. Come sempre, la mancata conoscenza dei dettagli e dei meccanismi che stanno dietro a tali scelte cui gli autori si trovano di fronte, per esempio al momento della pubblicazione di un manoscritto, porta molti autori ad agire senza essere pienamente consapevoli degli elementi da valutare prima di effettuare tali scelte.

9Pubblicare su riviste Open Access, infatti, è diventata un’opzione che sempre più autori scelgono non tanto per motivazioni razionali legate all’adesione ideale ai principi del movimento Open Access e/o come scelta dovuta ai progetti su cui stanno lavorando, ma per ragioni strumentali legate semplicemente ai criteri di valutazione della ricerca che si stanno affermando o ad altri fattori esterni. Tali criteri, peraltro, sono requisiti necessari per permettere ai ricercatori di presentare progetti di ricerca e vederli finanziati e quindi produrre altra ricerca, pubblicazioni, conoscenza; quindi sono criteri ineludibili, ma l’intero meccanismo necessita di essere compreso.

10La commistione fra ragioni ideali e pratiche, opportunità e rischi è “nelle cose”. Un atteggiamento moralistico non serve, l’analisi puntuale dei fenomeni invece sì. Da una parte ci sono le ragioni ideali e le immense opportunità pratiche che il movimento Open Access porta con sé per le persone nei loro diversi ruoli di ricercatori, autori, divulgatori, lettori, utenti. Dall’altra i rischi di incorrere in editori inaffidabili e spregiudicati (“vanity press”) che abusano e approfittano della parola “open”, del forte richiamo che la “notorietà” ha per gli autori, della superficialità che la troppa informazione porta con sé, per inserire nel mercato prodotti simil-validi, in realtà banalmente “tarocchi” nella maggior parte dei casi.

  • 6 Joshua A. Krisch. Publisher Retracts Dozens of Studies, The Scientist, 2016 November http://www.th (...)

11Il tema della qualità delle pubblicazioni peraltro non investe assolutamente solo le riviste ad accesso aperto. È in costante crescita, purtroppo, il fenomeno delle frodi scientifiche. È accaduto di recente che prestigiose riviste abbiano dovuto ritirare un grande numero di articoli pubblicati perché frutto di manipolazioni o plagi6. La contaminazione fra comunità scientifica e “non scientifica” è un elemento estremamente positivo per la divulgazione scientifica, per il trasferimento delle conoscenze e quindi per la democrazia. Ma è intuibile che c’è il rischio della sottovalutazione di temi che non sono immediatamente “dominabili”. Oltre a quelli che riguardano i contenuti divulgati e le modalità con cui circolano e, grazie alla tecnologia e alla rete, raggiungono in un attimo un enorme numero di persone in ogni parte del mondo, ve ne sono altri legati ai diritti di proprietà intellettuale dei contenuti, materia complessa anche per gli addetti ai lavori. Ora anche i “non addetti ai lavori” dovrebbero conoscerne perlomeno i capisaldi.

12Molte sono le informazioni ad accesso aperto disponibili sull’argomento, ma ciò che manca è un supporto diffuso da parte dei professionisti dell’informazione e comunicazione scientifica e strumenti informativi semplici e pratici per le persone che ne hanno bisogno nei diversi ruoli che si trovano a svolgere (autori, fruitori, divulgatori, riutilizzatori…).

 

13L’idea di questa pubblicazione nasce proprio dalla constatazione di questa mancanza e dall’esperienza maturata dagli autori nei loro diversi ruoli di conoscitori dei temi specifici, di professionisti coinvolti nelle diverse fasi di produzione e gestione della conoscenza, di formatori in vari corsi tenuti in Italia e all’estero a colleghi, ricercatori e cittadini, di facilitatori. L’era dell’accesso aperto, infatti, chiama ciascuno di noi, e non più solo gli addetti ai lavori, a una maggiore consapevolezza sui temi che tratteremo in questa pubblicazione. Nulla è scontato su questo argomento.

14È necessario che i bibliotecari, i documentalisti e gli altri operatori culturali adottino un atteggiamento pragmatico di fronte alle sfide che tale realtà comporta. È indispensabile adeguino le loro conoscenze teoriche e pratiche, facciano autoformazione e formazione continua dei loro utenti nei modi che ogni situazione potrà richiedere. Lo spazio che si è aperto è grande.

15Vi è però un’azione preliminare da compiere. Spesso la formazione propria e altrui non è efficace perché prevalgono nei discenti credenze pregresse, magari irrazionali, ma profondamente radicate sui temi trattati. Sono credenze che non solo i “non addetti ai lavori” ma anche i ricercatori, i biblio-documentalisti e i professionisti dell’informazione hanno e questo si riflette nel fare o non fare supporto esperto ai propri utenti.

16Si tratta quindi preliminarmente di far emergere tali credenze pregresse, dare loro dignità di dubbio, di quesito e affrontarle a viso aperto. Solo così è possibile che ciò che apprendiamo resti, modifichi le nostre convinzioni e ci muova ad agire.

  • 7 Daniel Goleman. Intelligenza sociale ed emotiva nell’educazione e nel lavoro. Erickson, 2014

17Anche per trattare di accesso aperto, diritti d’autore e metriche alternative, insomma, è necessario emozionarsi per imparare7.

 

18Indicherò di seguito alcune di tali false credenze, quesiti, dubbi rilevati in modo empirico nelle fasi di preparazione e di svolgimento dei corsi e in tali sedi affrontati. L’obiettivo è da un lato affrontare tali credenze spesso errate, dall’altro capirne le ragioni e apprendere ciò che serve per muoversi con sicurezza in questa realtà in evoluzione.

3. Alcune questioni aperte e false credenze

a) I temi legati al copyright, all’accesso aperto e alle metriche di misurazione sono di carattere “amministrativo-burocratico”, quindi di secondaria importanza per la ricerca.
Questa credenza è diffusa nella mente di molti ricercatori-autori. Ma non è così per una ragione molto semplice: le ricadute che scelte poco fondate in tema di Open Access e diritti d’autore hanno dirette ricadute sulla possibilità per i ricercatori di ottenere finanziamenti e quindi di fare ricerca. È auspicabile che questa pubblicazione aiuti ogni lettore a trovare proprie convinte ragioni circa l’importanza di tali temi.

b) Tutto ciò che è social è anche open; in altre parole, piattaforme social quali ResearchGate.net, Academia.edu o simili e gli archivi istituzionali ad accesso aperto sono intercambiabili e quindi pubblicare i propri lavori su una o l’altra di queste piattaforme è indifferente.
Non è così. Tale confusione è legata a molteplici fattori, in primis al fatto che il bisogno di visibilità è ormai prioritario a quello di attenta conoscenza degli strumenti utilizzati per veicolare i nostri contenuti. Anche qui, nessun giudizio di valore su tali strumenti (che anzi sono indubbiamente utili), ma l’affermazione della necessità di una corretta analisi e conoscenza dei vari strumenti che si vanno a usare e di ciò che ci possiamo attendere.

c) Depositare su archivi ad accesso aperto i prodotti dei progetti afferenti al programma europeo Horizon 2020 è solo un obbligo da adempiere.
Se ciò viene percepito come l’ennesimo obbligo, se ne svilisce il senso e non si coglie l’importante significato rivestito da tale indicazione per la comunità scientifica e l’intera società.

d) Pubblicare in Open Access significa perdere i diritti su ciò che si è pubblicato, correre il rischio di vedere i propri lavori pubblicati con il nome di altri che se ne sono appropriati senza riconoscerci la titolarità.
Tale convinzione è molto diffusa, in alcune persone è di carattere “viscerale”. In realtà, come vedremo nei capitoli che seguono, l’aspetto della paternità “scientifica” e “morale” delle opere di ricerca e divulgazione non ha nulla a che fare con le modalità di gestione dei diritti di utilizzo (copyright).

e) Non ci sono strumenti affidabili per valutare la serietà delle riviste ad accesso aperto.
Anche questa è credenza infondata; gli strumenti ci sono e bisogna conoscere potenzialità e limiti di ognuno, considerando ovviamente che si tratta di nuove forme che devono arrivare ancora a piena maturazione.

f) Pubblicare su riviste Open Access significa “comprarsi” la pubblicazione, eludere il processo di “peer review”.
Tale credenza è molto radicata e la diffusione della “vanity press” non aiuta a fugare i dubbi. È particolarmente importante approfondire l’argomento nelle sue varie sfaccettature. Un atteggiamento critico, peraltro, si dovrebbe tenere anche nei confronti delle pubblicazioni non open.

g) Le licenze di libera distribuzione di opere dell’ingegno tipo Creative Commons, nelle loro varie sfumature e combinazioni, riguardano solo le opere di intrattenimento culturale (musica, video, immagini) e non il mondo della ricerca scientifica.
Non è così; queste licenze riguardano qualsiasi opera e quindi anche le pubblicazioni scientifiche e i relativi dati. A maggior ragione è doveroso per tutti acquisire familiarità con tali licenze e le loro implicazioni.

h) Le metriche diverse dagli indicatori tradizionali – cosiddette Altmetrics – sono meno affidabili di quelle tradizionali quali Impact Factor ed H-index nel misurare l’impatto delle pubblicazioni scientifiche, e comunque sono alternative e non complementari.
È importante approfondire tale falsa credenza, molto dannosa; e lo faremo illustrando nel dettaglio il funzionamento di queste nuove metriche.

i) L’interesse per l’argomento delle metriche diverse dalle tradizionali è accessorio, “sfizioso”, riservato agli appassionati dei social, privo di interesse per la comunicazione scientifica.
Tale credenza è molto diffusa ed è auspicabile che ciò che spiegheremo in queste pagine possa servire a dipanare tale perniciosa quanto infondata credenza e a saper cogliere le opportunità legate all’evoluzione di tali metriche.

19Questi sono solo alcuni delle credenze diffuse più o meno implicitamente in tema di Open Access e libera disponibilità della conoscenza scientifica. Questa pubblicazione ha l’obiettivo non solo di affrontarli, ma di creare un clima amichevole e di dialogo con i lettori.

Notes

1 Tony Hey, Stewart Tansley,Kristin Tolle. The fourth paradigm: data-intensive scientific discovery. Microsoft Research, 2009

2 Pietro Greco, MICRON, 2012, 23:6-10 http://www.arpa.umbria.it/resources/docs/micron%2023/06-MICRON_23.pdf

3 Priem J., Taraborelli D., Groth P., Neylon C., Altmetrics: A manifesto, 26 October 2010. http://altmetrics.org/manifesto

4 Ferruccio Diozzi, Silvia Molinari, Francesca Gualtieri, Ivana Truccolo. Cinque tesi sui social network. Biblioteche oggi, 2014, 32(4) http://www.bibliotecheoggi.it/rivista/article/view/91/374

5 Elisabetta Poltronieri, Paola De Castro. Gli ‘open data’ della ricerca in biomedicina: accesso, barriere e condivisione. Bibliotime, 2014, 17(3) http://www.aib.it/aib/sezioni/emr/bibtime/num-xvii-3/poltronieri.htm

6 Joshua A. Krisch. Publisher Retracts Dozens of Studies, The Scientist, 2016 November http://www.the-scientist.com/?articles.view/articleNo/47408/title/Publisher-Retracts-Dozens-of-Studies/

7 Daniel Goleman. Intelligenza sociale ed emotiva nell’educazione e nel lavoro. Erickson, 2014

Auteur

Ha una laurea in sociologia, con perfezionamento in sociologia sanitaria, e una formazione in biblioteconomia con master in gestione e direzione di biblioteche. Opera nel settore dell’informazione biomedica dal 1984 ed è responsabile della biblioteca scientifica e per pazienti dell’IRCCS Centro di Riferimento Oncologico di Aviano. È particolarmente interessata e appassionata ai vari aspetti della ricerca in biomedicina, inclusa la valutazione, e alla diffusione dell’informazione di qualità a pazienti e cittadini. Fa parte attiva di associazioni quali AIB, GIDIF RBM e EAHIL

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search