Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Il Lucidario bergamasco

Appendici

Appendice IV - L’inferno del codice Suardi3

Texte intégral

  • 3 La trascrizione interpretativa è mia, da Leggende Agiografiche.

|63v| Ancora disse lo morto: «E’ t’ò dito in parte
como lo inferno dentro è ordinato.
Sapi, compagno, che dentro è desi porti
fati per arte e per incantamento,
e dese pene cum senti e forti
che cescaduna à lo so tromento.
Or te dirò como al·l’è ordinado
li peni e li porti dove s’ade.
La prima porta se ciama pianto,
che questa za may non se zoga ni ride;
se tuto lo mondo fosse pianto
saria tuto niente queli guay.
A questa porta sí è uno fogo tremando
che la Scriptura ne parla e dise:
«Se tutte le aque intrasse in lo mare
una faliva non lo poria morzare».
In questo fogo specialmete sí vano
|64r| queli che in superbia fano sua volontade,
li soy penseri sempre pronti stano
de conpiasere ala sua carnalitade.
Sempre cum superbia vano,
voleno li soy vezini descazare,
perzò sí vano in questo pesimo fogo
che za mai non averà fine ni logo.
La seconda porta s’è de dolore
et è inxí granda che non g’è mesura.
Questa porta è l’aqua e lo fredore,
ché la seconda pena è molto scura,
et è inxí grando tremore
che in quela aqua è ogna ora.
Se tuti li monti fosse fogo ardente
de quelo fredore non abasaria niente.
E questa pena sí è ordinada
|64v| ali invidiosi senza caritade,
che mai la oratione non la compagnie
ni al suo proximo no ’l volia aiutare;
cum piú lo vediva lo invediava
e non voliva al dir lo predicatore:
ely sono fredi in l’amor del signore,
perzò stano sempre in quello fredore.
La terza porta sí è de pagura
e de tremore senza seguranza;
a questa may non se à segura,
alcuna anima sono in dubitanza.
a questa porta sta li vermi seguramente
che pareno ruspi in sua somanza».

Notes

3 La trascrizione interpretativa è mia, da Leggende Agiografiche.

Acheter

Volume papier

amazon.fr