Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Il Lucidario bergamasco

Avvertenza

Texte intégral

1Il presente volume costituisce la rielaborazione della mia tesi di laurea magistrale, discussa il 4 aprile 2014 presso l’Università degli Studi di Milano, dal titolo Il «Lucidario» bergamasco (Biblioteca Civica ‘A. Mai’, ms. MA 188). Studio ed edizione critica.

2All’interno dell’ampia tradizione, romanza e non, dei volgarizzamenti dell’Elucidarium di Onorio Augustodunense si è scelto di editare il testimone unico del volgarizzamento diretto dal latino sia per l’intrinseco interesse linguistico, in quanto corposo testimone della prosa volgare bergamasca e piú genericamente settentrionale, sia per l’interesse storico-documentario che esso riveste, essendo probabilmente un prodotto del forte e prolifico ambiente confraternale cittadino, scaturito dalla stratificazione e dalla collaborazione fra il lavoro degli Ordini Mendicanti, forse Domenicani, e dei laici acculturati della metà del XV sec.

3Le rielaborazioni rispetto alla tesi originariamente discussa ri-guardano soprattutto l’individuazione dell’ambiente di produzione del testo, lo studio linguistico (certamente passibile di ulteriori re-visioni e aggiornamenti) e in alcuni punti anche l’edizione del testo critico.

4L’immagine di copertina, raffigurante una teoria di disciplini oranti, non è da intendersi come cogente individuazione del parti-colare ambiente della Confraternita bergamasca di s. Maria Mad-dalena; essa è scelta per la pertinenza cronologica, geografica, e piú latamente per la connessione con l’ambiente confraternale cui il presente testo viene ricondotto.

5Congedandomi da questo lavoro, che mi è tanto caro, desi-dero con grande piacere ringraziare gli studiosi che, a vario titolo e con esperta di-sponibilità, hanno contribuito alla riuscita di questo lavoro.

6La mia gratitudine va anzitutto ad Alfonso D’Agostino e ad Anna Cornagliotti, che hanno accolto questo volume nella collana di studî da loro fondata e diretta, alla redazione che ha seguito le fasi di lavoro per la stampa e al Dipartimento di Studi letterari, filologici e linguistici dell’Università degli Studi di Milano, che ne ha sostenuto finanziariamente la pubblicazione.

7Il mio ringraziamento va poi al mio correlatore di tesi, Luca Sacchi, che nella sua profonda conoscenza dell’opera enciclope-dica medievale ha contribuito con sottili accorgimenti, sin dal principio del lavoro, all’inquadramento di questo testimone all’interno della vasta fortuna dell’Elucidarium. Al disponibilissimo Roberto Tagliani, ad Alvise Andreose, che dirigerà la mia futura tesi di dottorato, e ai blind reviewers che per forza di cose non so nominare, vanno i ringraziamenti per le preziose indicazioni lin-guistiche che tanto hanno contribuito a migliorare il mio lavoro da principiante. Alla pazienza di Rossana Guglielmetti, che ha risolto le difficoltà paleografiche dell’illeggibile orazione posta in coda al manoscritto, e alle sempre pronte risposte di Dario Personeni sui miei dubbi di latino medievale vanno gli altri cari ringraziamenti. Ancora, la generosità di Maria Teresa Brolis e gli autorevolissimi giudizi di Attilio Bartoli Langeli hanno dato una svolta decisiva nell’individuazione delle coordinate storico-sociali del testo. A tutto il personale della Civica Biblioteca ‘Angelo Mai’ di Bergamo e in particolare all’interesse di Marta Gamba verso il mio lavoro va tutta la mia riconoscenza.

8Un affettuoso pensiero, oltre ad essere naturalmente rivolto alla mia famiglia, agli amici, a Fabio, che mi hanno sempre sostenuto e hanno sorbito piú volte l’entusiastico resoconto del mio lavoro, va ad Alessia.

9Ma soprattutto al mio maestro Alfonso D’Agostino, che mi ha guidato in entrambe le tesi, magistrale e triennale, con grande pazienza, attenzione e fiducia in me, dedico questo lavoro.

10Va da sé che tutti i limiti, le imperfezioni e gli errori qui con-tenuti ricadono sotto la mia diretta responsabilità.