Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Alberto Martini (1931-1965)

 | 
Federica Nurchis

Capitolo 3. Le riviste

Texte intégral

3.1. «Arte figurativa antica e moderna», 1959-1960

«Ha inizio […] con questo numero una nuova “Arte figurativa” diversa nella impostazione e nelle finalità. Una rivista dedicata allo studio e alla informazione dei fatti di attualità artistica nel mondo, che, unendo caratteri di serietà scientifica e di chiara divulgazione, vuol essere un utile strumento sia agli amatori d’arte sia al più vasto pubblico. Abbiamo costituito a questo scopo un comitato di redazione che conta già alcuni dei più importanti nomi della critica d’arte internazionale, ai quali altri si aggiungeranno prossimamente; questi nomi sono la garanzia della serietà dei nostri intenti».

  • 1 «Arte figurativa antica e moderna», VII, 4, 1959, p. 20. Per alcune indicazioni su Caviggioli e la (...)

1Questa breve introduzione, nel numero di luglio-agosto del 1959, segna il cambio di passo alla direzione del bimestrale milanese «Arte figurativa antica e moderna» da Aurelio Caviggioli (1910-1970), che lo ha guidato dalla fondazione nel 1953, al ventottenne Alberto Martini1.

  • 2 Lo si evince anche dal contratto stipulato con la Società Editrice Arte Figurativa s.r.l., che imp (...)

2È Franco Russoli, classe 1923, più grande di lui di qualche anno, il tramite per cui l’allievo di Longhi approda alla redazione di via Pancaldo 7: si può immaginare che gli editori del periodico lo abbiano interpellato, forse per offrirgli personalmente il ruolo, e che, oberato di impegni braidensi, Russoli abbia suggerito il nome del giovane amico2. Del resto a quel tempo, Alberto gli è «sempre tra i piedi in Pinacoteca» – è un ricordo di Arturo Carmassi –, quando non è indaffarato a scrivere i numerosissimi articoli con cui si mantiene, nei primi mesi dopo il trasferimento da Ravenna.

  • 3 Si veda ad esempio una lettera di Russoli da Sori del 4 agosto 1959 (AAM): «Caro Alberto, domani t (...)
  • 4 Bruno Toscano, da Spoleto, il 3 agosto 1959 gli scrive: «M’interessa molto ciò che mi dici sulla n (...)

3L’obiettivo del nuovo direttore di «Arte figurativa» è apertamente dichiarato nella presentazione: rifondare in senso scientifico la testata, che fino a quel momento ha seguito da vicino i gusti della Milano “bene”, registrando i maggiori eventi legati al mondo delle mostre, delle aste e dell’antiquariato, ma anche le mode nell’arredo e la veste delle case lombarde di pregio. Martini e Russoli, che gestiscono insieme la rivista3, pensano a un target rivolto tanto allo specialista quanto all’amatore, agli addetti del settore e ai collezionisti; in questa chiave, l’attenzione dedicata al mercato artistico non va intesa come un fine, ma un mezzo, un ponte tra due mondi: commenti tecnici sulle opere, viste in commercio o nei musei, e segnalazioni4.

  • 5 Si conserva una lettera della studiosa a Martini da Trieste, 17 agosto 1959 (AAM): «Mentre saluto (...)
  • 6 Così Jan Bialostocki a Russoli da Varsavia, 7 agosto 1959 (AAM): «Caro Russoli, […] Sono molto ono (...)
  • 7 Myron Laskin a Martini, Londra, 20 luglio 1959 (AAM): «Caro Alberto, […] mi fai l’onore di chieder (...)
  • 8 Dal numero di maggio-giugno del 1960 si aggiungerà, da Barcellona, Josè Milicua.

4La rosa di nomi coinvolti nel comitato di redazione è elencata in apertura: Umbro Apollonio, Alessandro Bettagno e Giuseppe Pilo da Venezia, Giuliano Briganti da Roma, Estella Brunetti da Firenze5, Enrico Castelnuovo da Torino, Oreste Ferrari da Napoli, Ernesto Luca da Bologna, Emilio Tolaini da Pisa. I corrispondenti dall’estero sono Vicente Aguilera Cerni per la Spagna, Jan Białostocki per la Polonia6, Vitale Bloch per l’Olanda, Yvonne Brunhammer e Jean Albert Cartier per la Francia, Dennis Farr e Denys Sutton per Inghilterra, Edouard Hüttinger e Walter Schönenberger per la Svizzera, Myron Laskin per gli Stati Uniti7 e Erich Steingräber per la Germania8.

  • 9 Si veda la lettera della studiosa da Parigi del 10 agosto 1960 (AAM): «Caro Martini, poiché probab (...)
  • 10 Si segnala inoltre che Carlo Volpe, a cui Martini ha probabilmente chiesto di entrare in redazione (...)

5L’esperimento, è bene dirlo subito, almeno dal punto di vista degli editori e probabilmente delle vendite, non avrà successo. Ma negli otto numeri di «Arte figurativa» apparsi tra luglio del 1959 e ottobre del 1960, compariranno alcuni tra i nomi più significativi del panorama storico artistico del periodo, con l’apporto di molte giovani leve: ad esempio, Evelina Borea9 e Giovanni Previtali, Andrea Emiliani, Liliana Grassi, Marco Valsecchi o il fantomatico Alberto Alberti, che altri non è che Martini mascherato da uno pseudonimo, forse per non dare l’impressione di un numero eccessivo di articoli dello stesso direttore sulla rivista10.

  • 11 La tela che Martini crede opera di Sebastiano Mazzoni (1615-1685 circa) è oggi diversamente attrib (...)

6La copertina del primo fascicolo della nuova serie di «Arte figurativa», il quarto del 1959, è intimamente legata agli interessi dell’attuale responsabile e riproduce l’immagine dell’Apollo e Dafne della Pinacoteca di Ravenna, di cui il giovane storico dell’arte ha da poco pubblicato il catalogo11.

  • 12 Se ne veda il catalogo: Mariacher, Pilo, Zampetti 1959.
  • 13 All’esposizione Martini aveva dedicato anche un documentario televisivo, trasmesso il 9 luglio 195 (...)
  • 14 L’articolo di Emiliani propone alcune riflessioni in chiusura alla mostra dei Maestri della pittur (...)

7Il dipinto deve richiamare l’attenzione del lettore sulla mostra allora in corso a Ca’ Pesaro, dov’è esposto, dedicata alla pittura del Seicento a Venezia12; sul tema si concentra la gran parte dei contributi del fascicolo, in onore alla manifestazione, che lo stesso studioso ravennate recensisce nella «Rassegna delle mostre»13. Tra gli articoli, si trovano le Spigolature venete di Alberto Martini, Su Matteo Ponzone e Girolamo Pilotti di Nicola Ivanoff, Due schede per il Seicento Veneto di Franco Russoli, Nuovi contributi alla conoscenza del Seicento veneto di Giuseppe Pilo; si aggiungono gli Appunti sulla pittura bolognese del Seicento di Andrea Emiliani14 e Henri Moore scultore di Edouard Hüttinger. Le rubriche che completano il numero, oltre a quella dedicata alle esposizioni, sono la «Rassegna dei premi», «Notizie dal mondo» (allestimenti e concorsi stranieri), «Mercato antiquario», che registra i risultati delle migliori aste, e «In giro per le gallerie», commentando le opere più interessanti disponibili sul territorio nazionale ed europeo:

  • 15 Martini 1959 P15.

«In giro per le gallerie, tra l’accavallarsi confuso di mobili, dipinti, sculture, oggetti curiosi, l’occhio del conoscitore può sempre estrarre documenti significanti del gusto e del costume dei secoli andati, e in taluni casi anche documenti inediti dei pensieri poetici di artisti che si conoscono principalmente attraverso le opere conservate in pinacoteche e musei pubblici. Contribuire alla integrazione di questa sempre parziale conoscenza, indicare e segnalare le opere di maggior livello qualitativo e di reale interesse per la storia dell’arte e del costume, sarà, d’ora in poi, il compito di questa nostra rassegna»15.

  • 16 Si veda quanto già detto a riguardo alla nota 82 del capitolo dedicato agli studi di Martini per l (...)
  • 17 L’attribuzione si deve a Hermann Voss nel 1953; sull’opera, donata nel 1961 al museo di Auckland d (...)

8Vi fanno capolino molti pezzi significativi: basti ricordare che per la prima volta, su queste pagine, appare la tavola con l’Augusto della Agnew’s Gallery di Londra, che Martini avvicina a Bernardino Fungai «in un momento di congiuntura con Girolamo di Benvenuto», pubblicata su «Paragone» cinque anni più tardi da Roberto Longhi come opera di quest’ultimo, senza citare l’allievo16; una coppia di paesaggi con figure e rovine di Giuseppe Zais (1709-1784), pescati dal mercante Celestini in via Sant’Andrea 11 a Milano; una Buona ventura di Pietro Paolini (1603-1681) in vendita alla Galleria Leger nella capitale inglese, oggi conservata alla City Art Gallery di Auckland17. Ancora la Vestizione di Venere e Marte di Cornelis van Haarlem (1562-1638) allora a Parigi, Galleria Aubry, composizione che mi pare ritrovarsi quasi identica, pur in controparte, nella tavola con lo stesso soggetto della Norton Simon Art Foundation di Pasadena (inv. M.2010.1.25.P) datata 1599, con misure simili (52×39 cm e 55,2×43,8 cm).

9Questa rubrica è il frutto degli interessi e delle girovaghe ricerche del nuovo direttore, che non disdegna mai il rapporto con i mercanti italiani e stranieri; con alcuni di loro intrattiene fitte relazioni epistolari, che gli permettono di conoscere, per così dire in anteprima, i dipinti che transitano nelle gallerie.

  • 18 Martini 1960 P5, V2 e V3. «Arte figurativa» edita anche una versione del catalogo della biennale f (...)

10La rivista dedicherà molta attenzione anche alle principali mostre mercato antiquarie, come la prima biennale internazionale in Palazzo Strozzi a Firenze nel 1959, o Cinque secoli d’arredamento d’arte, nel salone d’onore della XXXVIII Fiera di Milano (poi in Palazzo Ducale a Genova) nel 1960, di cui «Arte figurativa» editerà persino una versione del catalogo, con introduzione di Martini18.

11A partire dal secondo numero si annunciano:

«alcune nuove rassegne, dedicate all’“arredamento”, alla “letteratura artistica”, alla attività dei Musei – nuovi acquisti e importanti restauri –, ai più interessanti ritrovamenti artistici in ogni paese del mondo: in particolare, inaugureremo una “piccola posta” con il pubblico degli abbonati e dei lettori allo scopo di soddisfare ad ogni quesito e ad ogni informazione desiderata. Inoltre la redazione è a disposizione dei collezionisti e degli “amatori” d’arte per consulenze gratuite: basterà inviare la fotografia dell’opera e, su quella base, sarà formulato un giudizio critico. Nei casi in cui le opere abbiano un particolare interesse, esse verranno pubblicate nell’apposita rassegna».

12Le nuove rubriche, soprattutto quelle dedicate alle aste inter-nazionali, alle mostre antiquarie e alla «Corrispondenza con i lettori», di fatto sostituiranno «In giro per le gallerie», e l’unica occasione di vedere pubblicate opere passate, magari in sordina, dalle botteghe degli antiquari resterà isolata nel primo fascicolo.

13La pubblicazione che inaugura la serie gestita da Martini e Russoli provoca entusiasmi e critiche: in una sola uscita non può compiersi appieno la trasformazione del periodico, che pur accogliendo articoli di livello scientifico, non soddisfa alcuni tra i redattori. Dura ad esempio è la reazione di Umbro Apollonio, consegnata al direttore da una lettera dei primi di novembre del 1959:

  • 19 Lettera da Venezia, 3 novembre 1959 (AAM). Il nome di Russoli apparirà solo dal primo numero del 1 (...)

«Caro Martini, mie diverse prolungate e ripetute assenze da Venezia mi hanno impedito di darti prima d’ora le mie impressioni sul numero di “Arte figurativa” che doveva inaugurare la nuova serie della rivista, e dichiaro subito che esso mi ha procurato quanto mai brucianti delusioni, sia perché è venuto meno alle aspettative così come mi erano state prospettate, sia perché di molti fatti importanti sono stato tenuto completamente all’oscuro. […] Comunque, allo scopo di non guastare un’amicizia e di conservare la necessaria chiarezza di rapporti, espongo qui di seguito i miei rilievi. Mi fu detto che la rivista […] sarebbe stata diretta da Franco Russoli con Martini capo redattore; che tra i redattori avrebbero figurato Bloch, Sutton, Huettinger, Steingraeber, Cerni, Cartier, Bettagno, Briganti, Jaffè, Emiliani. Invece […] Russoli non figura nemmeno come redattore; nella redazione sono stati inclusi nomi nuovi, di cui alcuni a me del tutto ignoti e sui quali, ove ne fossi stato informato, avrei potuto almeno richiedere qualche notizia. […] Quando si compone una redazione è regola comune far sapere ad ognuno quali saranno i suoi colleghi, e non lo si mette di fronte ad un fatto compiuto. Tanto più quando alcuni, già officiati, sono costretti a ritirarsi. […] C’è poi da dire che la selezione italiana non è alla pari con la fama degli stranieri […]. Nel testo introduttivo si dice che altri redattori si aggiungeranno: anche questo non è né simpatico, né corretto, e può lasciare molti dubbi. […] Devo inoltre osservare che s’era parlato di fare una rivista tipo “L’Oeil”, ma che di tutto questo non c’è nemmeno l’ombra, e nulla per di più lascia prevedere che ciò potrà avvenire in seguito. Intanto bisognava, come pure è costume normale, citare “Nuova Serie”; cambiare (se non titolo) copertina, impostazione, struttura: dare insomma una veste tipografica che facesse “sentire” il cambiamento o, per lo meno, il proposito di cambiare. Questo era necessario per ragioni note, apertamente e concordemente discusse: mentre il primo nuovo numero si lancia o quanto meno esce in coincidenza con la mostra fiorentina dell’antiquariato e si annunciano consulenze gratuite a favore dei collezionisti. In conclusione […] devo constatare con rincrescimento che la rivista non è uscita con quell’impostazione che mi ero figurato in base ai brevi scambi di notizie avute e per la quale soltanto avrei potuto condividere una responsabilità redazionale. Le mie osservazioni non sono da considerarsi come un atto di sfiducia o, peggio, di disistima: esse sono dettate da considerazioni obiettive […] cui non è estranea la mancata partecipazione di alcuni colleghi italiani. È appunto sulla base di simili rilievi che devo prevenirti come io mi veda costretto a riservarmi di rivedere la mia permanenza o meno nel comitato di redazione a seconda degli sviluppi che la rivista assumerà nel corso dell’anno presente»19.

  • 20 «Speravo di vederti a Venezia per dirti le mie impressioni dopo l’uscita del nuovo numero della ri (...)

14Anche Sandro Bettagno condivide l’opinione negativa di Apollonio20, mentre impressioni positive giungono allo studioso da diverse altre direzioni. Gli scrive Estella Brunetti:

  • 21 Lettera da Firenze, 2 ottobre 1959 (AAM).

«ti ringrazio molto per l’omaggio del primo numero di “Arti Figurative”, proprio su un piano nuovo – poggia in gran parte sulla tua opera […]. La tua idea di conciliare una rivista d’arte di studio con una rivista d’arte informativa e più propriamente per amatori, e di dare sviluppo congruo a tutte e due le parti è ottima, e non mancherà di fare della rivista qualcosa di molto serio e di molto utile, sì da essere presente in due generi diversi di biblioteche»21.

  • 22 Lettera da Bologna, 24 settembre 1959 (AAM).
  • 23 Vitale Bloch a Martini, s.l., 14 luglio 1959 (AAM).
  • 24 Lettera da Milano, 26 giugno 1960 (AAM).

15O ancora Andrea Emiliani: «Caro Alberto, grazie di cuore e molti complimenti per la bella realizzazione: tanto editoriale che scientifica. Credo che il tuo lavoro sarà veramente utile a tutti»22. Vitale Bloch, il 14 luglio gli fa sapere che «il fascicolo della rivista» gli «pare molto riuscito (nessuna falsa attribuzione…). Se Le posso essere utile a Parigi sarò lieto. Quando avrò un po’ di pace scriverò qualche cosa per “L’arte figurativa”»23. Anche Joshua Taylor, docente alla University of Chicago, in visita a Milano, esprime un parere entusiasta: «Dear Dr. Martini […] you are much to be congratulated on the transformation of Arte Figurativa. I […] am very impressed with the range and quality of material you present» e aggiunge: «when I return to the States I must surely subscribe to it»24.

  • 25 Sul primo numero della rivista, nel 1955, apparvero un contributo sulla scuola di Fontainebleau, u (...)

16In effetti l’esordio della nuova «Arte figurativa», che diversamente da quanto lamentato da Apollonio mostra qualche novità grafica, non prende, nella struttura, lunghe distanze rispetto alla direzione di Caviggioli, e solo una patina di superficie mostra somiglianze con «L’Oeil», il magazine francese creato pochi anni prima da Rosamond e Georges Bernier, con l’intento di seguire da vicino l’evoluzione dell’arte contemporanea: uno strumento vivo, composto di testi semplici destinati al grande pubblico e aperti a temi innovativi, come la decorazione d’interni o il design, che incontrano grande favore25.

  • 26 Un altro riferimento molto vicino è «Il collezionismo domanda» della rivista «Arte Club» Garzanti, (...)

17Le novità portate da Martini nel bimestrale milanese ricalcano piuttosto l’impostazione di «Sele arte», fondata nel 1951, uno dei modelli di riferimento in questi anni per le riviste di divulgazione artistica. È forse da lì, ad esempio, che il nuovo direttore mutua «Notizie dal mondo» e la rubrica della corrispondenza, che nel periodico di Carlo Ludovico Ragghianti ha però un carattere più ampio, in cui i lettori avanzano quesiti generali, legati anche alle novità degli studi, alle mostre in corso, ai generi artistici, alla qualità delle pubblicazioni e delle loro immagini, ai restauri di monumenti, opere d’arte e altro26. Molto simile anche «mostre musei gallerie», che Martini spacchetta in tre sezioni distinte, segnalando singolarmente le esposizioni allestite nel bimestre, le acquisizioni dei musei e, come si è visto nel primo numero, qualche opera d’eccezione in vendita nelle gallerie, dall’antico al contemporaneo.

18Poiché il giovane interviene a dirigere una testata già dotata di una pur breve storia e destinata a target preciso, che gli editori vogliono rispettare, le modifiche non giungono a toccare gli aspetti strutturali del prodotto e anche il formato (30×21 cm) rimane lo stesso degli anni precedenti. Tuttavia aumenta sensibilmente, fin quasi a raddoppiare, la consistenza dei fascicoli – ogni numero si aggira con Martini attorno al centinaio di pagine – e l’immagine che guadagna la copertina appare ora a tutto campo; la veste grafica ricalca nei titoli delle rubriche lo stile di «Sele arte», che invece non recava illustrazioni sul cartoncino leggero in tinta unita, ogni volta di colore differente, destinato a ricoprire il giornale.

  • 27 Pilo 1959.
  • 28 Esiste un’altra versione di quest’ultima opera di Pietro Liberi (molto simile, ma priva del putto (...)
  • 29 Lettera di Fiocco a Martini, Venezia, 26 settembre 1959 (AAM).

19L’esperienza da direttore procura allo studioso, già alla prima puntata, una brutta grana: nei Nuovi contributi alla conoscenza del Seicento Veneto, Giuseppe Pilo presenta un Noli me tangere su tavola di collezione privata olandese, segnalatogli da Giuseppe Fiocco, come opera di Pietro Liberi (1605-1687)27; la pubblicazione del dipinto va ad aggiungersi al «nuovo contributo alla conoscenza del maestro», che qualche pagina prima Martini stesso illustra nelle sue Spigolature venete, presentando un’inedita Allegoria del Tempo che svela la Verità, vista mesi prima alla Galleria Monforte di Milano28. Già il 26 settembre infatti, Fiocco gli fa sapere che il Noli me tangere era stato da lui periziato al privato proprietario (A. J. van Woerkom di Baarn) come Domenico Fetti (1589-1623): «questo nome non poteva essere mutato: 1°) perché il Pilo non ha mai visto il dipinto, 2°) perché la mia attribuzione riguarda un privato e non doveva essere in nessun modo cambiata», protesta. «Ho scritto al Pilo che se sorgessero responsabilità per tutto questo, data la violazione del diritto privato, io terrei responsabile lui e anche la rivista»29.

20Martini avverte Pilo, che illumina l’amico sui retroscena della questione:

  • 30 Lettera da Venezia, 12 ottobre 1959 (AAM).

«Caro Alberto, […] a Fiocco io avevo già risposto, avanti di ricevere la tua lettera. […] Il prof. Fiocco (alla cui amicizia e simpatia sono il primo a tenere) non può negare che io gli ho chiesto il permesso di pubblicare la foto in questione come Liberi, senza equivoci, e di avermi in questo senso concesso di pubblicarla: senza di che, evidentemente, non l’avrei mai fatto. Egli ha purtroppo omesso di dirmi in quella circostanza di essersi impegnato con i proprietari sul nome di Fetti, credo per iscritto: cosa che mi è stata detta solo dopo avvenuta la pubblicazione, da Bettagno. Su queste circostanze […] la mia lettera [a Fiocco] sorvola, al fine di rinunciare a qualsiasi punta polemica […]. Ma a te avevo il dovere di dire le cose dall’a alla z. […] Inutile precisare (ciò che tu stesso confermi) che non vi è ombra di dubbio circa l’esattezza dell’attribuzione (e ciò, credo, conta anche qualcosa). Può forse interessarti sapere che essa è condivisa (e lo sarebbe in qualunque sede le circostanze eventualmente lo richiedessero) dal Pallucchini e dal Longhi. […] Tengo moltissimo all’amicizia di Fiocco, al quale sono legato da grande affetto e, per lui oltre che per voi, farò privatamente ogni cosa possa essergli utile in questa storia; a meno che non sia lui a preferire la via delle “frane”; ma non lo credo perché è troppo abile per farlo, dal momento che il torto è suo (in ogni senso)»30.

  • 31 Giuseppe Pilo a Martini, Venezia, 13 ottobre 1959 (AAM).

21Il giorno successivo, Pilo sembra aver già chiarito con il maestro: «ricevo ora un “predicozzo” da Fiocco che, evidentemente, chiude la faccenda con l’ultima parola, che, innegabilmente, gli spetta: un predicozzo rudemente paterno. Al quale non risponderò che con poche parole amorevoli»31.

  • 32 FSSARL, Carteggio Alberto Martini-Roberto Longhi. Il dipinto (89×70 cm), di cui non so indicare l’ (...)

22Le lamentele di Fiocco probabilmente arrivano anche all’orecchio di Longhi, e il professore forse riprende l’allievo, che non ci sta e il 15 maggio 1959 risponde di essere «molto sorpreso della Sua lettera. Qualsiasi rilievo di carattere culturale mi è sempre estremamente gradito da Lei che è stato ed è il mio Maestro, ma non credo che si possa in alcun modo discutere la mia moralità di studioso: e credevo di essere stato abbastanza chiaro nello spiegarLe la vicenda di quel dipinto e di quell’attribuzione, per altro ovvia e facilissima»32.

23L’incidente attributivo, per quanto risolto, interrompe di fatto i rapporti tra Martini e Giuseppe Fiocco, che in quello stesso anno aveva patrocinato il suo tomo sulla Pinacoteca di Ravenna, nella serie dei «Cataloghi di raccolte d’arte» della Fondazione Cini. Da allora in poi l’allievo di Longhi, sul fronte veneto, si rivolgerà a Rodolfo Pallucchini, di una generazione più giovane, con cui stringerà rapporti assidui soprattutto per «I Maestri del Colore».

  • 33 Lo riferisce Pilo a Martini nella già citata lettera del 13 ottobre 1959.

24Nel numero di «Arte figurativa» di settembre-ottobre, a fare i conti, dalla redazione si sono tolti Bettagno, che si dimette per l’incompatibilità ravvisata “nel carattere spiccatamente antiquariale che la Rivista – a suo parere – tuttora avrebbe, con il suo incarico presso la Fondazione Cini, il cui fondatore è notoriamente fra i maggiori collezionisti italiani”33, e Oreste Ferrari, mentre Apollonio rimane nonostante le rimostranze. Un bilancio tra riscontri positivi e negativi a caldo sulla prima uscita è riportato in una lettera di Martini a Longhi al principio di ottobre:

  • 34 Lettera da Milano, 7 ottobre 1959 (FSSARL, Carteggio Alberto Martini-Roberto Longhi).

«Gentile professore, Le ho inviato, or sono alcune settimane, il primo numero della nuova serie di “Arte Figurativa”, che da poco è stata affidata da un nuovo gruppo editoriale alle mie cure, unitamente a quelle del dr. Franco Russoli: ho lavorato con molta passione, ma è difficile rinnovare di colpo un ingranaggio storto e caotico. Siamo ancora lontani dal tipo di rivista che vogliamo realizzare, ma un primo passo è fatto ed ora ci attendono i prossimi, che speriamo sempre più certi e sicuri. Abbiamo avuto un certo consenso nell’ambiente degli studi: se non altro per aver reso utile qualcosa di inutile»34.

  • 35 Evidentemente Martini, secondo il consiglio di Russoli, ha domandato un articolo a Giovanni Testor (...)

25Nel fascicolo, compaiono articoli di Angela Ottino Della Chiesa, Liliana Grassi, Denys Sutton, Alberto Martini, Wolfang Wegner, Estella Brunetti, Marisa Volpi, Emilio Tadini, Erich Steingräber, Franco Russoli e si annunciano nelle puntate seguenti scritti di Guido Ballo, Alessandro Bettagno, Maurizio Calvesi, Andrea Emiliani, Oreste Ferrari, Guido Gregorietti, Michel Laclotte, Luigi Mallè, Paolo Mezzanotte, Franco Russoli, Gianni Testori, Marco Valsecchi, Giulia Veronesi e Carlo Volpe35.

  • 36 Tanzi 1987, pp. 154-156, fig. 21 e nota 38. Già nel 1961 Maria Luisa Ferrari nega l’attribuzione a (...)

26Come annunciato, prende ora avvio la «Corrispondenza con i lettori», curata dallo stesso critico ravennate; di alcuni dei dipinti sottoposti al direttore nell’occasione si ritrovano le fotografie in una cartella del suo archivio. È il caso di una Madonna con il Bambino e san Giuseppe (73×61 cm) che assegna ad Altobello Melone (1490 circa-ante 1543), nota da un bianco e nero speditogli da un collezionista bresciano: è una versione poco differente da quella del Romanino conservata all’Ermitage; sarà pubblicata nel 1987 da Marco Tanzi, come opera di Francesco Prata da Caravaggio (1495 circa-1567)36.

  • 37 Martini 1959 P27, p. 91.

«Da Brescia un lettore ci scrive per sottoporre alla nostra attenzione questo singolare e bellissimo dipinto raffigurante una Madonna col Bambino e san Giuseppe: diciamo subito che si tratta di uno dei più alti capodopera di quell’ingegno estroso e bizzarro, fondamentalmente anticlassico, che fu il cremonese Altobello Melone, in un momento di stretta congiuntura con il Romanino, molto probabilmente nel terzo decennio del Cinquecento. […] Ci riserviamo di tornare a parlare di questo dipinto e di altri dello stesso autore in un altro momento»37.

  • 38 Le opere di Pietro Antoniani (1740 circa-1805) sono quattro vedute di Napoli, di cui Martini ricev (...)

27E ci sarebbe tornato, se Longhi avesse accolto le sue offerte per «Paragone», presentate nella lettera del 7 ottobre 1959: «un breve saggio su “Pietro Antoniani: vedutista milanese a Napoli”, alcuni inediti di Altobello e Romanino, un bellissimo Bonone e altre cose». «Alcuni mesi fa», comunica l’allievo il 17 dicembre seguente, «Le scrissi per proporle alcune cose che stavo studiando (Altobello, Romanino, Tempesta, Bellotto, Guardi, Antoniani) e di cui avevo rinvenuti alcuni inediti in collezioni private del bresciano: non avendo ricevuto risposta, penso che non Le interessino e di poter inviarli ad altre riviste»38.

  • 39 Devo la segnalazione ad Antonio Mazzotta, che ha rintracciato la scheda del dipinto tra le cartell (...)
  • 40 Si vedano le fotografie in FZ, invv. 64786-64787.
  • 41 È l’indicazione manoscritta che Martini appone al verso della fotografia; vi figura anche un altro (...)

28Tra gli Altobello e i Romanino che Martini vorrebbe illustrare su «Paragone», rientra verosimilmente anche un Cristo morto tra la Madonna e san Giovanni, passato all’asta da Sotheby’s a Londra il 9 giugno 1955 (lotto 74) come Lazzaro Bastiani (1429-1512)39 e dal 1960 conservato allo Yager Museum of Art di Oneonta (Hartwick College, New York), dove è tenuto per opera del Romani «until recently attributed to Giovanni Bellini», nome quest’ultimo a cui pensava anche Federico Zeri40. Non so indicare il motivo per cui la tavola non compaia su «Arte figurativa», ma certo era nelle intenzioni di Alberto pubblicarla, a stare ai segni dell’ingombro tracciati a matita sul retro del bianco e nero che possedeva; lo avrebbe presentato come Romanino probabilmente con un punto di domanda41, attribuzione che non sconviene in toto alla composizione, meglio riconducibile, come ritiene Marco Tanzi, al notevole maestro, proprio tra Altobello e Romanino, che affrescò la Deposizione tra i santi Rocco e Sebastiano nella seconda cappella di destra della Pieve della Mitria a Nave nel bresciano.

  • 42 Martini 1959 P27, p. 90.

29Il Carlo Bonone (1569-1632) è invece un Suonatore di violoncello di proprietà dell’architetto E. M. di Milano, proveniente da Mantova, che Martini attribuisce sulla rivista, considerandolo «una delle più eccezionali riuscite poetiche» del pittore ferrarese, «nel periodo tardo della sua attività, già nel terzo decennio del Seicento, forse. […] Anche questo dipinto ci riserviamo di illustrarlo più ampiamente in altro momento»42.

  • 43 Martini 1960 P6, p. 73.
  • 44 Martini 1960 P8.

30Nei fascicoli dei mesi seguenti compariranno copie bassanesche, quadri veneti, tele desunte da stampe carraccesche, un San Paolo (?) dubitativamente ascritto a Pier Francesco Mola (1612-1666), del dottor F. B. di Mantova, La morte di Clorinda di Alessandro Tiarini (1577-1668) o una caravaggesca Incredulità di san Tommaso napoletana, del signor B. C. di Milano; la contessa M. R. di Roma invia la riproduzione fotografica di un frammento di affresco del secondo Trecento, proveniente dalla cappella di un palazzo distrutto di Chieti, ritenuto di scuola senese43. Ma sulle pagine della rubrica troveranno spazio anche, tra l’altro, una scultura barocca, più d’una importante zuccheriera in argento, una marina di raccolta modenese attribuita a Pieter Mulier (1637-1701, forse il Tempesta della lettera a Longhi), una Madonna del Sassoferrato (1609-1685) o un disegno della signora M. S. di Cagliari di soggetto agreste, proposto a Francesco Londonio (1723-1783)44.

  • 45 Sul dipinto, conservato come scuola di Orazio Gentileschi presso il Museo di Palazzo d’Arco a Mant (...)

31Scartabellando tra le fotografie dell’archivio di Alberto Martini, che non pubblica l’opera e non lascia traccia di sue riflessioni in merito, si incontra anche l’immagine di una composizione con Giuseppe e la moglie di Putifarre, siglata con tre lettere incrociate «MVS», probabilmente spedita al direttore di «Arte figurativa» dall’ultima contessa d’Arco di nome Giovanna (1880-1973): la tela, che proviene dalla collezione del conte Annibale Chieppio (1563-1623), segretario di Stato del duca Vincenzo I Gonzaga e poi ministro di Francesco IV e dell’ex cardinale Ferdinando, va ricondotta all’esiguo catalogo del casalese Nicolò Musso (1585/90-1623/27)45.

  • 46 Si veda ad esempio l’appunto sulla pagina del 23 marzo di un’agenda del 1960: «dal conte Cormani i (...)
  • 47 Peraltro, nel suo fondo documentario, non si conserva alcuna lettera di privati proprietari, che c (...)
  • 48 Esaminata la fotografia dell’opera acclusa alla lettera del Trevisan del 24 luglio 1960 (AAM), Gia (...)

32Sembra di capire dai documenti rimasti, che il giovane abbia spesso occasione di frequentare le case di vari collezionisti46; non è detto perciò che di tutte le opere pubblicate nella «Corrispondenza con i lettori» gli siano realmente giunte le fotografie per posta, o che quantomeno non si sia poi recato, nei casi più interessanti, a prenderne visione di persona47. Il pericolo di essere fraintesi allestendo una rubrica di expertise per i lettori è davvero concreto, se Luca Luciano Trevisan, bizzarro personaggio difficilmente collocabile tra passione amatoriale studi e mercato, gli scrive chiedendo di poter rendere noto un supposto «ritratto di Ser Piero da Vinci» (28×39 cm), eseguito dal figlio Leonardo con il maestro Verrocchio, di sua proprietà: «La incarico, se accetta, di fare la massima réclame a questa scoperta, e di procurarmi l’acquirente. Assegno a Lei il venti per cento sul totale prezzo ricavabile a titolo di prestazioni e di onorario»48.

  • 49 Si veda Un arredamento di Mongiardino 1959.

33Nel numero 5 del 1959 di «Arte figurativa», compare un annuncio di ampliamento, a partire dal fascicolo seguente, delle rassegne «di Archeologia, Numismatica e Medaglistica, Corrispondenza con i lettori, Mercato antiquario internazionale, mentre un importante articolo sull’arredamento dà avvio a una speciale rubrica dedicata all’ambientazione dei mobili antichi»49.

  • 50 Russoli 1960.

34Oltre allo sviluppo delle voci elencate, sulle pagine della rivista occasionalmente appaiono in seguito anche segnalazioni di opere o di raccolte private particolari, come nel caso di una tavola di collezione milanese (150×50 cm), presentata da Russoli nella rubrica «Schede» – una «schèdula che non tornerà inutile agli amici studiosi dell’ambiente pittorico dell’Italia centro-meridionale nella seconda metà del Quattrocento» –, una Santa «di artista non immune da influssi di Antoniazzo», con «una qualità più alta e sicura dei molti ripetitori di moduli umbri»: «ogni altra mia supposizione sarebbe adesso prematura e non giustificata. Valga intanto l’indicazione dell’inedito»50.

  • 51 Martini 1960 P38; cfr. Longhi 1954c e 1959.

35Tra le «Schede», Martini compie invece un’aggiunta alla serie individuata da Longhi a Jan de Momper (1617-1684), rendendo noti tre Paesaggi con figure visti a Monaco «nel giro di pochi giorni», due alla Alte Pinakothek (inv. nn. 5436 e 5935), dove erano assegnati a Salvator Rosa, e uno in una casa privata51.

36Vi trovano posto anche due pagine fitte di immagini, con una selezione di dipinti della collezione Bartolini di Firenze e della raccolta della «signora F. F. di Montebelluna (Treviso)». Della prima si riproducono «con piacere» diversi pezzi:

  • 52 Martini 1959 P1. Le didascalie delle immagini recitano: «Manfredino di Castelnuovo Scrivia: Madonn (...)

«perché esprimono tutti una alta qualità pittorica e perché sono stati autorevolmente indagati da studiosi illustri quali Roberto Longhi, Rodolfo Pallucchini ed Hermann Voss, che si possono annoverare tra i pochi veri conoscitori dell’epoca nostra. Ed è, per exempla, una scorsa su taluni degli episodi più notevoli della cultura artistica europea, dai primi del Quattrocento alla fine del Settecento. […] Un complesso eccezionale, come raramente è dato vedere»52.

37Della seconda, sette ritratti di una dama di fine Settecento,

«provenienti da una nobile famiglia d’Este: si tratta certamente di opere uscite dalle abili mani di un maestro veneto, educato nell’ambiente dei Longhi […]. Più che per la storia dell’arte, questi dipinti hanno un interesse veramente eccezionale per la storia della moda e del costume […]: non si conosce altro esempio di una serie di quadri dedicati ad una persona in toilettes diverse, intonate alla stagione dell’anno e all’ora del giorno».

38Il fascicolo due della nuova serie di «Arte figurativa» sembra riscuotere maggiori consensi: «il II numero della rivista mi sembra ben riuscito, ed è senz’altro un miglioramento rispetto al primo. Sono sicuro che con la tua abilità e tenacia, riuscirai ad alzare di molto il vecchio tono della rivista», scrive il 14 dicembre 1959 Bettagno a Martini, che pare consapevole del progresso.

  • 53 Lettera da Milano, 17 dicembre 1959 (FSSARL, Carteggio Alberto Martini-Roberto Longhi).

39«Per uno di quegli inspiegabili disguidi che affliggono tutte le organizzazioni», comunica pochi giorni più tardi al maestro Longhi, «non Le è stato inviato il secondo numero della rivista: ieri me ne sono accorto, ieri ho provveduto a farlo spedire. Non è ancora “a fuoco”, naturalmente, ma già mi pare di aver fatto qualche passo rispetto al numero precedente»53. Nei mesi successivi vi saranno ulteriori avanzamenti rilevati anche da Lamberto Vitali, prodigo di consigli all’amico direttore:

  • 54 Lettera da Castellare di Pescia, 8 maggio 1960 (AAM).

«Ho ricevuto […] l’ultimo numero di “Arte figurativa”. Mi sembra che a poco a poco la rivista stia trovando il tono giusto, di divulgazione intelligente e divertente, dando un colpo al cerchio e uno alla botte. Certe cose non mi persuadono ancora […] forse, varrebbe la pena di studiare […] se adottare o no quello che fa di solito “Oeil” e che del resto io facevo venticinque anni fa in “Emporium”: mettere in fondo al testo di ogni articolo una bibliografia essenziale. Mi pare che ne varrebbe la pena. Altra questione: le recensioni. O si fanno recensendo tutto quello che di importante è stato pubblicato o non si fanno. Si potrebbe anche aggiungere regolarmente un elenco delle varie pubblicazioni uscite in Italia nel bimestre. Che ne pensi? Forse dirai, e non a torto, che ficco il naso in quello che non mi riguarda, ma qui in campagna sento più che mai bisogno di crearmi delle illusioni di lavoro»54.

  • 55 Lettera da Princeton, 17 ottobre 1960 (AAM).

40Anche lo storico dell’arte americano David Robbins Coffin, che il giovane ha conosciuto in qualità di direttore dell’«Art Bulletin» per la pubblicazione del saggio su Bartolomeo della Gatta, è positivamente colpito dai cambiamenti: «Here at Princeton we have been very impressed with what you are doing with Arte Figurativa; it has become an extremely interesting periodical»55.

  • 56 Si veda quanto già detto nelle ultime pagine del primo capitolo, dedicato agli studi su Bartolomeo (...)

41Martini investe attivamente nella trasformazione della pubblicazione bimestrale, affidandole, in una versione adattata a un pubblico non specialista, un articolo sul «protomanierismo» toscano nell’ultimo quarto del Quattrocento: un estratto dagli studi seguiti alla tesi di laurea, che faceva in origine da premessa alla proposta di identificazione del catalogo dell’anonimo Maestro di Griselda con l’ultima fase dell’attività pittorica di Piero d’Antonio Dei56. Marisa Volpi, anch’essa allieva di Longhi, che si aggiunge al comitato di redazione al principio del 1960, commenta in una lettera spedita il 5 febbraio:

  • 57 Marisa Volpi a Martini, Roma, 5 febbraio 1960 (AAM).

«Il tuo saggio Precedenti del manierismo mi ha interessato molto, finalmente un articolo che si legge di corsa (intendo su quell’ambiente). È un nostro pregiudizio non accostarsi con fiducia se non ai contributi “scientifici”, con un terzo di pagine dedicate alle note ecc… Pregiudizio che ho superato rapidamente entrando nei tuoi argomenti: tuttavia un corredo filologico più ricco avrebbe servito a far tacere certe lingue (puoi immaginare a chi mi riferisco). A me comunque è piaciuto: e non capisco perché certe nostre idee e intelligenze si debbano tener gelosamente nascoste per pochi eletti, e non usarle anche per divulgare una modernità di giudizio storico in ambienti non specializzati»57.

  • 58 Sutton 1960. Si veda una lettera di Denys Sutton da Londra, 12 dicembre 1959 (AAM), a mostra ancor (...)
  • 59 Martini 1960 P20.

42Il primo numero del nuovo anno è in gran parte dedicato alla celebre mostra Italian art and Britain, che nelle sale della Royal Academy di Londra, tra il 2 gennaio e il 6 marzo, illustra una panoramica della pittura italiana conservata nelle collezioni inglesi. Apre l’indice del fascicolo, tra i contributi principali, una lunga recensione di Denys Sutton (Quattro secoli di connoisseurship, pubblicata in italiano e in inglese)58, seguita da un articolo dello stesso Martini su una “scoperta”, condivisa con Kenneth Clark proprio nelle sale dell’esposizione. I due critici individuano infatti la mano del giovane Leonardo nella Madonna con il Bambino, una tavola trasferita su tela proveniente dalla raccolta di John Ruskin (1819-1900), allora conservata alla Graves Art Gallery di Sheffield e oggi presso la National Gallery of Scotland di Edimburgo, tradizionalmente ascritta alla bottega di Verrocchio: l’attribuzione vinciana, resa nota su «Arte figurativa», suscita grande eco sulla stampa nazionale ed estera, comprese radio e tv59.

  • 60 «In 1960 Martini suggested [the painting] might have been executed by the young Leonardo da Vinci (...)

43Nonostante l’ipotesi di Martini e Clark – che si tratti di un’opera di Leonardo su cartone del maestro Verrocchio – sia rifiutata dagli studi alcuni anni dopo, all’epoca la risonanza è tale che il Courtauld Institute e la Royal Academy, nella persona del segretario Humphrey Brooke, decidono di eseguire l’analisi ai raggi x del quadro. I risultati, che sembrano suffragare l’attribuzione, mostrando un disegno sottostante la pittura che richiama, in specie per l’architettura, altre opere leonardesche, sono esposti a fianco dell’opera durante gli ultimi tre giorni di Italian art and Britain e poi al Courtauld Institute60.

  • 61 Sulla vicenda, gli eredi Martini conservano le missive di Brooke, Seddon e Rees Jones. Un’unica le (...)

44Richard Seddon, direttore della Graves Art Gallery, il 5 maggio 1960 invita lo studioso italiano a tenere una conferenza sull’argomento al museo di Sheffield, mentre la sera precedente, dagli studi di Manchester, la BBC allestisce un programma, in onda alle 22.15, a cui partecipano Humphrey Brooke, Richard Seddon, Martini e Stephen Rees Jones, responsabile del laboratorio analisi del Courtauld61.

45«Per la trasmissione televisiva, della durata di 10 minuti», racconta Alberto alla fidanzata rimasta a Milano, «avremo fatto almeno sei prove»:

  • 62 Lettera di Alberto Martini a Paola Salvioni da Sheffield, 5 maggio 1960, conservata presso gli ere (...)

«tutto il pomeriggio e la sera. È andata benissimo, ed io ho brevemente parlato in inglese: per fortuna che tu non mi potevi sentire. […] La B.B.C. è straordinaria: non fanno che bere, tutti, e mangiare. Ogni dieci minuti si andava nella sala della Direzione e tutti bevevano: io mi sono riempito di tonic water, non potendo bere altro. Per fortuna, altrimenti sarei arrivato alla trasmissione completamente ubriaco: e non sarebbe stato serio per un famoso critico d’arte come me. […] Inoltre, ho gentilmente concesso un’intervista alla Radio, improvvisando in inglese le risposte: che schifo è saltato fuori non so proprio. ’Sti ruffiani continuavano a dire che andava benissimo. […] Ti lascio, adesso, e torno alla grande commedia, alla mia parte di famoso e illustre e eminente critico, scopritore del Leonardo»62.

46Le reazioni di colleghi e conoscenti si affastellano nelle lettere di quei mesi: «Caro Alberto», gli scrive Andrea Emiliani il 6 marzo, «non ci si può più addormentare col giornale sulla faccia, che ci si ritrova col naso sul tuo nome e sulle tue diaboliche imprese. […] Immagino che alla cosa darai il seguito che merita». Rodolfo Pallucchini, da Venezia, il 27 febbraio: «rallegramenti per la scoperta londinese! Io parto domani per Londra. Intanto tutti ne parlano. Bravo»; e, un mese dopo: «Ho visto alla Burlington Home la “Madonna” […]: certo la Sua ipotesi è avvincente. Ma non mi ritengo un “competente” in materia… Come sa, io coltivo il campicello dei veneti: e non oso avventurarmi in altri terreni». Dennis Farr dalla capitale del Regno Unito, il 23 marzo: «May I congratulate you warmly on your Leonardo discovery. It was widely reported in the English newspapers, and “The Times” was gracious enough to call you “eminent”. It is usually such a stuffy paper».

47La vicenda regala a Martini notevole visibilità e il compiacimento è forse eccessivo, tanto che di primo acchito Giovanni Previtali, incontrato proprio in questo periodo alla Exposition Nicolas Poussin al Louvre, non ha di lui un’impressione positiva: «ho fatto per l’occasione la conoscenza personale di un po’ di storici dell’arte», comunica da Parigi il 14 maggio 1960 all’amico Fernando Tempesti:

  • 63 Si veda Galansino 2013, pp. 54, 209.

«Gnudi, tipo di orso simpatico, Cavalli, quarantenne di pelo rosso, Martini, montatissimo, direttore di rivista, internazionalizzato, timido allo sbaraglio (credo sull’esempio milanese di Russoli, normalista mondano, anche Martini lo è, che ha conquistato la Galleria di Brera, cioè ne è diventato direttore, in età estremamente giovanile, il che non è poco); mi ha un po’ istruito sull’ambiente storico artistico inglese nel quale, grazie alla faccenda del Verrocchio-Leonardo è introdottissimo»63.

  • 64 Martini 1960 P13.
  • 65 Reg. Cron. 594.

48Le due annate di «Arte figurativa» guidate dall’allievo di Longhi, registrano a caldo osservazioni e approfondimenti sui principali eventi artistici del panorama italiano e straniero. Non può dunque mancare la Biennale di Venezia, giunta alla XXX edizione: sulla manifestazione, tra luglio e agosto, il direttore conduce un dibattito, partecipanti Dino Buzzati, «uno dei più noti e stimati scrittori italiani» che «porta il contributo della sua sensibilità fine e colta», Carlo Cardazzo, «collezionista e mercante d’arte», chiamato a mettere in luce «la complessità dei fattori economici relativi ad una vasta organizzazione», e Marco Valsecchi, «critico d’arte di molta competenza e ben addentro nei numerosi problemi critici e strutturali della Biennale», il quale «discute difende e critica i criteri organizzativi, di regolamento e di statuto di questa importante esposizione, considerandola nel quadro delle mostre nazionali e internazionali»64. Come documentano alcune fotografie scattate nell’occasione, il dialogo si svolge nell’ufficio milanese del soprintendente Gian Alberto Dell’Acqua, che interviene in qualità di segretario generale della Biennale veneziana, incarico ricoperto dal 1957 al 1970: i convenuti seduti gli uni di fronte agli altri, l’immancabile sigaretta di Martini, il registratore sul tavolo, mentre sulla sinistra a parete si scorge il Noli me tangere di Vincenzo Catena (1480 circa-1531) della Pinacoteca di Brera (Fig. 18)65.

  • 66 Gregorietti 1960; è stato Antonio Mazzotta a rintracciare nelle Teche Rai il filmato, proiettato n (...)

49Tra i nuovi temi introdotti nell’indice del bimestrale, trova posto anche un’idea che il giovane ha in testa da tempo, una rassegna di ville e dimore storiche, illustrate da articoli di specialisti, con un’ampia documentazione fotografica realizzata ad hoc. Medita probabilmente di metterne a punto anche una versione televisiva, che non andrà in porto, come testimonia il prospetto, purtroppo privo di data, per la serie Dove il tempo si è fermato, su cui già si è detto nel capitolo precedente. La possibilità che la collana di trasmissioni non compiuta si trasformi in una rubrica per la rivista – o che, viceversa, gli esempi apparsi a stampa diano corpo al progetto per il piccolo schermo –, troverebbe qualche conforto nel fatto che uno degli articoli, il primo del 1960, dedicato da Guido Gregorietti a I “Tatti” di Bernard Berenson, fosse stato nel 1959, in occasione della scomparsa dello studioso lituano-statunitense, oggetto di un documentario della Rai, curato dallo stesso autore (Ricordo di Bernard Berenson, regia di Eugenio Giacobino), che riflette la medesima impostazione del contributo su «Arte figurativa»66.

  • 67 Martini 1959 P8 e P17.

50Comunque sia, per il critico la rubrica è l’occasione di visitare luoghi privati non facilmente accessibili, accompagnando in molti casi il fotografo nelle campagne. Lo confermano, ad esempio, la ricca documentazione di immagini del castello di Malpaga e degli affreschi degli interni che riaffiora dal suo archivio, per lo studio curato di persona, o una lettera da Milano del 31 luglio 1959 di Nicolò Cicogna, proprietario di un «mirabile esempio di architettura manierista felicemente inserita nel paesaggio lombardo», il quale lo ringrazia per la piacevole colazione: «mi faccia sapere se viene a Bisuschio domenica»67.

  • 68 Come già detto nell’introduzione al volume, Loprieno (1935-1968) è il fotografo di fiducia di Mart (...)
  • 69 Sonsis 1960a. Anche Mina Gregori collabora alla rassegna sulle ville: «Non vedo l’ora di vedere ar (...)
  • 70 Lettera da Londra del 5 ottobre 1960 (AAM).

51Si veda ancora un foglio di provini 6×6 cm rintracciato nell’archivio di Alfredo Loprieno68, che documenta la visita a villa La Pietra di Firenze per il testo di Marcella Sonsis del 1960, dedicato al celebre giardino all’italiana che incornicia la residenza. Nelle fotografie compaiono il proprietario Harold Acton e Martini, mentre osservano le numerose sculture che arredano il parco, dal periodo romano all’Ottocento, o discorrono seduti sulla balaustra della terrazza (Fig. 19)69. John Pope Hennessy, conservatore del dipartimento di architettura e scultura del Victoria and Albert Museum, si complimenterà per il servizio: «thank you so much for sending me the July-August number of Arte Figurativa. It is full of fascinating things. I was particularly glad to see the statues in the Acton garden properly illustrated at last»70.

  • 71 Grassi 1959; Sonsis 1960b.
  • 72 Dagli appunti di Martini per il progetto della serie filmata.

52Oltre a Bisuschio, Malpaga, I Tatti e La Pietra, nei fascicoli presieduti da Martini appaiono reportage su villa Melzi a Bellagio, a cura di Liliana Grassi, e su villa I Cedri a Ripoli, anch’esso di Marcella Sonsis71. Come in tv, l’edificio va inquadrato «non solo dal punto di vista architettonico ma anche ambientale, nella decorazione pittorica, o sculturale, nell’arredamento e negli accessori vari»72.

  • 73 «Dear Dr. Martini, I have finally been able to put together an essay based upon selections from my (...)

53Alla lista va aggiunto un saggio di David Coffin su villa d’Este a Tivoli, intitolato The Este Garden of the Hesperides, che non sarà infine pubblicato: se ne conserva il dattiloscritto tra le carte del direttore, insieme a una decina di foto per le illustrazioni e ad alcune lettere del professore di Princeton73. «It is with regret that I learned that you had resigned as editor of Arte Figurativa», gli scrive a dicembre del 1960:

  • 74 Lettera da Princeton del 7 dicembre 1960. Sul nuovo periodico citato si rimanda al prossimo paragr (...)

«Under your editorship Arte Figurativa had rapidly become a very attractive and outstanding art periodical, and I am very sorry that you will be unable to continue that work which showed such promise. Do not worry about that article which I sent to you. If you can use it in any way in the new periodical you mention may be sponsored by Sansoni I would be very honored, but if it is not suitable please do not feel that you must make any effort to see it published»74.

54A causa delle novità introdotte e dell’inedita veste, più scientifica, quello di Martini al vertice di «Arte figurativa» è un periodo breve e funestato da continue incomprensioni con gli editori, fomentate da difficoltà di ordine economico nei pagamenti delle collaborazioni. Dopo poco più di un anno, Alberto decide di sfilarsi dall’impasse, per rivolgersi a nuovi progetti; in apertura all’ultimo numero del 1960 si annuncia che a succedergli sarà chiamato «un comitato di redazione ristretto», che avrà il compito di rendere il periodico «un efficace strumento di orientamento nel campo dell’antiquariato, di guida nel mondo dell’arte antica e moderna, di utile consultazione per quanto concerne le espressioni più moderne d’arte decorativa, nella speranza di corrispondere più agilmente alle esigenze vive dei suoi lettori».

3.2. Il progetto di una rivista internazionale: «L’arte moderna»

55«Ci sono molte novità sul lavoro», annuncia Martini in una lettera all’amico collezionista Roberto Pagnani, a novembre del 1960:

  • 75 Lettera da Milano, 20 novembre 1960 (ArCGP).

«da un paio di settimane ho dato le dimissioni da direttore di “Arte figurativa”, in seguito a dissensi con gli editori che duravano da molto tempo. Nel frattempo sto lavorando moltissimo per preparare una nuova rivista internazionale di arte moderna (Ottocento-Novecento) che raccoglie un notevolissimo gruppo di studiosi americani […], inglesi francesi italiani di tendenza simile alla mia. I finanziatori ci sono e conto di concludere presto»75.

56Le istanze che dovevano muovere il cambiamento di «Arte figura-tiva» si intensificano e confluiscono, dopo il congedo dalla redazione di via Pancaldo, nell’idea di fondare una nuova rivista internazionale, interamente dedicata all’arte moderna e contemporanea, che infine non andrà in porto, pur pianificata ormai nei dettagli.

  • 76 In un secondo momento si penserà di escludere Cooper dal comitato direttivo, pur rimanendo nella l (...)
  • 77 «Ho riflettuto a lungo sulle proposte fattemi e che, sinceramente, mi lusingano», scrive Quintaval (...)

57In prima battuta, Martini e Russoli individuano come referenti principali del progetto, che resterà nelle loro intenzioni fino almeno al 1962, per il comitato direttivo: Giovanni Testori, Peter Selz, Joshua Taylor, Denys Sutton, Jean Leymarie, Douglas Cooper76, Michele Ranchetti; anche il giovane Arturo Carlo Quintavalle è invitato nel gruppo redazionale, chiamato a collaborare con Luciano Caramel, anch’egli a quel tempo poco più che un ragazzo, molto stimato dallo studioso ravennate77.

58Nella minuta di una lettera inviata a Selz, conservatore del Museum of Modern Art di New York, tra la fine del 1960 e gli inizi del nuovo anno, Martini auspica l’esordio del periodico prima dei mesi estivi:

  • 78 Si veda Selz 1959.
  • 79 Dal confronto con alcuni fogli di appunti, si intuisce che Martini intende pubblicare un contribut (...)

«Carissimo Peter Selz, Russoli ed io stiamo lavorando moltissimo per mettere a punto il programma per i primi numeri della nuova rivista e speriamo veramente che lei e Taylor accettiate di far parte del Comitato Direttivo. […] Il primo numero uscirà con ogni probabilità il 1 giugno; non abbiamo ancora deciso il nome, ma io avevo proposto “new images”, in omaggio alla Mostra da Lei realizzata[78]. […] Per i primi numeri stiamo raccogliendo materiale. Per i documenti forse avremo inediti del Dott. Kahnweiler, lettere di Boccioni e il suo taccuino del 1908, lettere di Medardo Rosso, Derain e altre cose. Per i saggi, avremo scritti su Medardo Rosso (con inediti, sculture e disegni)[79], su Romolo Romani, sui Nazareni e sui Puristi, su Sickert, sui simbolisti in Olanda, su Morlotti, Bacon, Giacometti, su Mellerio e la Revue Blanche. Nel primo numero, la m

80
  • 81 L’accostamento ad altri architetti nella distinta stilata da Martini farebbe pensare a Giancarlo D (...)
  • 82 Come si apprende dalla pagina del 17 aprile 1961 del suo diario parigino, anche Giovanni Previtali (...)

59Lungo è l’elenco dei collaboratori e degli artisti da coinvolgere e trattare, appuntato dal giovane in alcuni fogli rintracciati nelle sue carte. Per i primi, tra cui si registrano storici dell’arte e architetti, ma anche letterati, scrittori, storici, etnologi, antropologi, musicologi, musicisti, direttori d’orchestra, cineasti, fanno capolino i nomi di «Francesco Arcangeli, Carlo Volpe, Andrea Emiliani, Antonio Del Guercio, Roberto Longhi, Mina Gregori, Ferdinando Bologna, Enrico Castelnuovo, Luigi Carluccio, Marco Valsecchi, Renato Guttuso, Elio Vittorini, Pierpaolo Pasolini, Alberto Moravia, Italo Calvino, Guido Piovene, Federico Zeri, Ignazio Gardella, Ernesto Nathan Rogers, De Car[l?]o[81], Vittorio Gregotti, Piero Melograni, Franco Monti, Ernesto De Martino, Roberto Leydi, Gianandrea Gavazzeni, Luigi Nono, Dennis Farr, Vitale Bloch, Denys Sutton, Peter Selz, Joshua Taylor», citati nell’ordine. Per i secondi: «Guttuso, Giacometti, Morlotti, Bacon, Sutherland, Armitage, de Staël, Ajmone, Richier, Gruber, Dubuffet, Matta, Ernst, Picasso, Klee, Ben Shahn, De Kooning, Levine, Evergood, Hopper, Orozco, Siqueiros, Pollock, Wols, Dova, Peverelli, Bergolli, Gianquinto, Calabria, Sughi, Vespignani, Trafeli, Perez, Romiti, Saroni, Ruggeri, Marino, Roszak, Paolozzi, Mirko, Negri, Cherchi, Cassinari, Treccani»82.

60Prevista con periodicità bimestrale o trimestrale, organicamente dedicata all’arte moderna e contemporanea, architettura e musica comprese, la pubblicazione mira, nei progetti di Martini e Russoli, a mettere ordine nel convulso mondo della critica e a seguire da vicino mostre e novità proposte; si ipotizzano alcuni titoli: oltre a «New Images», «Figura», «Museo», «L’Arte Moderna» che pare il prescelto, «Il Frangente», «Cultura d’arte» o «Documenti e Commenti d’arte moderna».

  • 83 Lettera da Milano, 5 luglio 1962 (AKIF, Korrespondenz/Corrispondenza Heinrich Middeldorf).

61«Sto attivamente lavorando per una nuova rivista di studi d’arte moderna, che condirigo, pubblicata da Feltrinelli», dichiarerà Alberto a Ulrich Middeldorf nell’estate del 1962: «è una rivista di formula nuova, in quanto tende a trasferire il metodo della storia dell’arte alle vicende dell’arte moderna: credo che potrà portare a molti chiarimenti entro un argomento così confuso e caotico»83.

62Tra le «ragioni di una rivista», quattro fogli dattiloscritti preparatori a un’introduzione per il primo numero, i direttori illustrano «principi e finalità» dell’iniziativa:

«In Italia si pubblicano alcune riviste che si occupano anche di storia e di critica d’arte moderna, sia di carattere universitario o scientifico, sia di carattere divulgativo o variamente informativo. Ma sono riviste che non assumono a loro specifico fine la ricerca, lo studio, la discussione e la polemica, anche, sui fatti importanti dell’attività artistica internazionale dalla fine del 1800 ad oggi, e l’analisi storica e il pregiudizio estetico su di essi in rapporto con l’ambiente “culturale” in cui si sono verificati. Sono riviste in cui è dato trovare anche ottimi saggi casuali e dispersi, ma non un’organica e continuata indagine su tale argomento, che acquista sempre maggiore interesse per il pubblico più vasto. […] Nostro proposito e impegno è invece di offrire uno strumento di esame storico e di critica libera, di ricerca metodologica e di confronto e dibattito ideologico. […] Vogliamo dedicare ogni numero della Rivista ad un argomento che presenti attualità di poetica e di morale, indagandone le vere origini e portando elementi nuovi alla sua piena conoscenza […]. Pubblicazioni di fonti, di documenti inediti, di opinioni critiche, di rassegne bibliografiche ragionate, si accompagneranno a interviste, inchieste, polemiche su quegli argomenti: la testimonianza storica sarà sempre in funzione dell’attualità critica. […] Un altro fine, nient’affatto secondario, della rivista è quello di promuovere nuovi studi e ricerche sull’Ottocento e sul Novecento che dovrebbero gettare le basi per un diverso e più storico modo di valutare le vicende artistiche di questi due secoli, la cui interpretazione ristagna in una convenzionalità perentoria, in una manualistica schematicità».

63L’assetto di ogni numero del periodico include: un editoriale, un intervento su «una grande mostra d’arte (attualità)», nella rubrica «La Mostra del Mese», e tre testi destinati a occupare la parte preponderante del fascicolo: «un articolo storico-moderno, ad esempio sulla storia della Biennale e dei suoi artisti premiati, la storia dei Salons, o su artisti poco studiati dell’Ottocento-Novecento»; «un saggio su un artista contemporaneo, con apparato informativo (notizia biografica, sua formazione artistica, ecc…) e parte critica»; infine un intervento dedicato a uno tra i «grandi critici d’arte e scrittori-critici dell’Otto-Novecento». Completano ciascuna uscita diverse rubriche, a cominciare dalla «Rassegna delle Mostre» d’arte moderna e contemporanea, redatta dai rispettivi referenti per le principali città (Londra: Dennis Farr, New York: Peter Selz, Parigi: Jean Albert Cartier, Milano: Alberto Martini, Zurigo: Edouard Hüttinger…): «questa sezione, dedicata all’attualità artistica, deve essere curata con estremo rigore e tempestività, nonché vivacità e spregiudicatezza. In media possiamo dedicarvi 6 pagine».

64Segue la «Rassegna di architettura», «in un certo senso il pendant delle mostre: commento alle più importanti costruzioni del mese e discussione di temi di attualità. Da affidarsi stabilmente ad una persona, orientata in una direzione razionalista. Forse Gregotti. 2 pagine»; poi le «Arti applicate», su cui i due direttori in pectore riflettono: «la civiltà moderna ha dedicato grande attenzione alle forme utili degli oggetti d’uso quotidiano: presentare quelli più interessanti e meno conformisti al gusto razionalista di tradizione Bauhaus. 1-2 pagine». Si procede con una segnalazione di «Documenti», «come lettere e appunti di artisti dell’Otto e Novecento, che abbiano un particolare interesse letterario o storico. S’illustra con le fotografie dell’artista o, quando non ci sono, con ritratti». La «Rassegna dei Musei» prende invece nota dei nuovi acquisti, delle donazioni e delle attività delle varie istituzioni.

65Non manca «L’angolo del collezionista», composto di varie voci, riproposizione elaborata di quanto già sperimentato in «Arte figurativa». Da un lato le «Quotazioni»: con le «riproduzioni delle opere degli artisti contemporanei antichi e moderni» e i prezzi «che esse raggiungono alle maggiori aste»; «si discutono anche le ragioni delle quotazioni, che sappiamo spesso legate a grossi interessi mercantili che nulla hanno a che fare con l’importanza culturale dell’opera stessa. Si esamina inoltre l’orientamento del collezionismo internazionale nei riguardi dell’arte antica e moderna. 2 pagine». Poi una «raccolta di notizie che interessino il mondo artistico contemporaneo» (il «Notiziario»), la «Corrispondenza coi lettori», che questa volta non dispensa expertise gratuite, ma prevede un confronto «sui temi trattati, risposte a informazioni, etc…»; la «Letteratura artistica», che riporta indicazioni «sul contenuto del libro, ma anche la discussione sull’atteggiamento critico dell’autore: rassegna di tutto quanto viene pubblicato in libri e riviste sull’Otto e Novecento». Infine il «Calendario delle mostre», «aggiornatissimo e preciso, di tutte le più importanti esposizioni d’arte moderna e contemporanea nei maggiori centri artistici del mondo».

  • 84 In un appunto di Martini si legge: «1 giugno titolo e copertina: Ajmone (prima copertina futurista (...)
  • 85 Si veda Taylor 1961.
  • 86 Non si sa se «Dieci minuti con…» fosse un caso isolato, o dovesse diventare nelle intenzioni di Ma (...)

66Precise indicazioni manoscritte rintracciate nell’archivio di Martini ci permettono di ricostruire il piano immaginato per l’indice del primo fascicolo, da far uscire il 1 giugno 1961, con una copertina disegnata da Giuseppe Ajmone84: in apertura avremmo letto un editoriale sull’aspetto fiscale delle donazioni artistiche, probabilmente steso da Alberto o da Russoli. «La Mostra del mese» sarebbe stata, come già annunciato a Selz, quella sul Futurismo a New York85; tra i documenti, avremmo visto riprodotto il «taccuino di Boccioni [del 1908], presentato da Guido Ballo», chiudendo con «originali contributi su Romolo Romani e su Antonio Sant’Elia». Sarebbe comparso anche, forse con lo stesso titolo, un parallelo del programma trasmesso sul piccolo schermo italiano nella seconda metà degli anni Cinquanta, «Dieci minuti con…», puntate monografiche ciascuna su un artista, un letterato, uno scrittore o comunque un personaggio di rilievo: sulle pagine del periodico il protagonista doveva essere, a stare agli appunti, Daniel Henry Kahnweiler, a cura di B. Crémieux86

67Un elenco di «argomenti da svolgere nei prossimi numeri della rivista» conta:

«la Cultura d’arte in Italia agli inizi del secolo XX; l’Arte in Russia dal 1905 al 1925 (Arte e Rivoluzione); Arte e Industria; il problema della figurazione, oggi; l’arte moderna in Inghilterra (Bacon, Sutherland, Moore, ecc.); Alberto Giacometti (con interventi di Sartre, Genet); Naturalismo e Simbolismo Mitteleuropa (Corinth, Slevgot, Hodler, Amiet, Kubin, ecc.); la psicanalisi e il linguaggio artistico moderno; la satira nell’arte moderna; l’esotismo e il primitivismo nell’arte moderna; Metafisica».

  • 87 David Coffin a Martini, Princeton, 7 dicembre 1960 (AAM).
  • 88 Sulla questione qualche ulteriore indizio si può pescare in una missiva della neo- consorte Paola, (...)
  • 89 Galansino 2013, p. 222: è evidente che Previtali confonde il titolo della rivista.

68Non è chiaro quale editore sostenga il progetto del bimestrale: da una lettera di David Coffin si intuisce una sponsorizzazione di Sansoni («I am very interested to learn that Sansoni may begin a new periodical in which you will participate»87), ma nella missiva inviata a Pagnani il 20 novembre 1960 il giovane ravvennate scrive: «vi partecipa in piccola parte anche Feltrinelli. Ma è bene non dirlo»88. Tuttavia, il 13 aprile 1961 Previtali annota nel proprio diario parigino un «appuntamento per pranzare insieme con […] Alberto Martini con la moglie, in viaggio di nozze a Parigi». Segnala che l’amico «andrà in America per conto della nuova rivista “L’Arte figurativa” che farà a Milano con Russoli per lo stesso editore, e nello stesso formato de “L’Architettura” di Zevi. Laura [Malvano] farà le corrispondenze da Parigi; tutto a meraviglia dunque»89: il periodico fondato da Bruno Zevi nel 1955, è pubblicato in quegli anni dalla milanese Etas Kompass di Carlo Caracciolo, con cui Alberto è effettivamente in contatto a quel tempo.

  • 90 È facile riconoscere Renato Guttuso, Vittorio Olcese, Giovanni Testori, Ennio Morlotti: per i loro (...)

69Tra le note di Martini si trova anche un elenco di finanziatori, in molti casi difficili da identificare, con qualche cifra, citati in questo ordine: Guttuso, Olcese, Testori e Morlotti ciascuno 1.000.000 di lire; Pirelli 1.600.000; Bassetti 1.000.000, Brambilla 200.000; Riva e Milani 100.000; Pinzochero 200.000; Malabarba; Caminada; Mezzacane, Marchi, Bocchi, Cavallini, Bodrero 100.000 ciascuno; Piovene 200.000; Mostes; Falk; Usuelli; Gardella; Beldi; Visconti; Gavazzeni; Pietra; Murialdi; Mattioli R.; Borletti, Brustio e Mattioli G. contattati da Russoli; Locatelli; Franchetti; Olivetti; Marzotto; Sanguinetti; Magioretti; Guiducci; Bellora; Guzzi90.

70Scorrere la corrispondenza tra l’allievo di Longhi e gli studiosi coinvolti nell’impresa permette di chiarire anche alcuni aspetti organizzativi, economici, d’impostazione, pratici e talvolta anche “politici”. Ad esempio Denys Sutton, in visita a Milano con la moglie nell’ottobre del 1960, non ha il tempo che spera per parlare della nuova rivista con Martini e gli scrive:

  • 91 Lettera da Milano, [tra il 21 e il 23 ottobre 1960] (AAM).

«We were very sorry not to see you again […]. As you know we go to Rome […] this afternoon. Obviously your new Rivista will prove a very exciting venture. But it is one that has many problems – especing as it may have a polemical tone, as it should do. From my point of view, I am quite happy to help in many way that I can. Nevertheless before my name appears on it, or connected with it, I should like to know more about the “Comitato”. For instance, I gathered that Guttuso was aware of the scheme. Is he to be connected with it difficulty? I ask because his political affiliations are very different from my own; and whereas I agree with a “Concetto” of cospiratività I do not adhere to that of political or social realism, as currently understood. Moreover, whereas I saw no obiection in Dr Bloch being a member of the Comitato of Arte Figurativa, here might be problems if he were to be on that of the new Rivista – owing to his being an art dealer. The scope of the new one is evidently more important»91.

71Il 20 febbraio del nuovo anno Peter Selz, da New York, ringrazia il giovane

  • 92 Lettera da New York, 20 febbraio 1961 (AAM).

«for your letter outlining the new, still untitled magazine. It looks as if it will be a very good undertaking, and I am certainly happy to be on the directing committee. […] I am pleased to tell you that Greta Daniel has agreed to do the article on Art Nouveau furniture by the end of March. It was difficult, however, to get her agreement for a fee of $50 and I must tell you that I think it essential to raise the author’s honorarium to at least $100 per article in order to get the best possible contributors. This seems necessary also for purposes of competition with American magazine»92.

72Joshua Taylor, insieme a Selz il principale referente americano, suggerisce soluzioni a varie questioni materiali, dalla lingua alla distribuzione di un prodotto a diffusione internazionale:

  • 93 Lettera da Chicago, 28 febbraio 1961 (AAM). La «Gazette des Beaux Arts», diretta dal 1928 da Georg (...)

«My dear Martini: […] Peter Selz and I have spoken several times of the proposed magazine […]. Your ideas for it all seem admirable to me and I shall be glad to do anything for you I can. As to the language, why not follow the procedure of the Gazette des Beaux Arts? For sale in America there are two possibilities: send sample copies to major libraries, and prepare a brochure for wider distribution. You might check with Wittenborn in New York to see if he could help in marketing. […] Meanwhile I shall contact a couple of young scholars who have been studying some interesting works, and see if I can get some lively articles from them»93.

  • 94 L’incontro con Peter Selz a New York, che Martini raggiunge in una delle tappe americane del viagg (...)
  • 95 Peter Selz a Martini da New York, 21 marzo 1961 (AAM).

73E marzo inoltrato quando si ipotizza di chiamare la rivista «L’arte moderna», nome che incontra il gradimento di Peter Selz: «I am delighted […], that you shall be in New York in the middle of April and I am very much looking forward to seeing you again and to discussing all kinds of things with you at the time94. Let me say now that I think L’Arte Moderna is an excellent name for our magazine»95. Un titolo che seguirà la storia della pubblicazione.

74Da poco la strada di Martini ha incrociato quella di Dino Fabbri, sempre insieme a Russoli, e il suo impegno d’ora in poi è monopolizzato dall’editore per l’impresa dei fascicoli; è così che, ai due studiosi amici, viene meno il tempo per portare avanti il piano di lavoro del periodico internazionale.

  • 96 «Mi piacerebbe molto sentire da te cosa state progettando per la rivista», aggiunge l’11 ottobre s (...)
  • 97 La lettera, non datata, è spedita al maestro prima del 7 ottobre 1964 (FSSARL, Carteggio Alberto M (...)

75Tuttavia le sollecitazioni, specie dal canto fiorentino, non tardano: «Non ti pare, per esempio, che sarebbe ora che Fabbri (che ha i mezzi tecnici ed il direttore) si mettesse a fare una rivista settimanale (o quindicinale) di storia dell’arte? In tal caso non gli mancherebbe l’appoggio di noi “longhiani” e anche di altri amici in gamba sparsi per il mondo», gli ricorda Giovanni Previtali il 7 settembre 196396. E forse l’idea del bimestrale, mai sopita, torna in pista, se a un anno di distanza l’ex allievo scrive a Longhi: «Pur tra molte e pensabili difficoltà stiamo lavorando a perfezionare il progetto della rivista d’arte contemporanea […]: quando saremo in una fase più avanzata, e meno indefinita, mi farò vivo per sottoporla al Suo giudizio del quale, come sempre, approfitteremo»97.

76Nel programma messo in cantiere alla Fabbri è certo prevista una precisa attenzione agli eventi artistici delle principali città, almeno d’Europa. Ne è testimone anche un fotografo della casa editrice, Roberto Esposito:

«Poco prima che succedesse l’incidente, Alberto era a Parigi e, mentre lo stavo riportando alla Gare de Lyon con la macchina, mi aveva detto: “Stiamo progettando di creare una pubblicazione mensile. Guardati intorno e trova una sistemazione perché abbiamo pensato che tu rimarrai a Parigi, per fare servizi fotografici di eventi artistici ed esposizioni della capitale francese”. Credo si trattasse di una rivista, nessuno poi me ne ha più parlato».

  • 98 Se ne riparlerà nel paragrafo Le imprese incompiute, 1965-1969, nel prossimo capitolo.

77Resta da chiedersi se, dopo la morte di Martini, il modello non si sia in parte trasformato e non abbia assunto la forma – più familiare ai Fabbri – della serie a fascicoli, dando origine a una collana che con il mancato periodico internazionale condivide anche il titolo «L’arte moderna», edita tra il 1967 e il 1969 in centoventinove dispense, sotto la direzione di Franco Russoli98.

Notes

1 «Arte figurativa antica e moderna», VII, 4, 1959, p. 20. Per alcune indicazioni su Caviggioli e la sua discutibile gestione della rivista: Dal Pozzolo 2015, pp. 87-88, 98.

2 Lo si evince anche dal contratto stipulato con la Società Editrice Arte Figurativa s.r.l., che impegna Martini alla direzione della rivista: «Facciamo riferimento agli accordi intervenuti sotto gli auspici del Prof. Russoli, per confermarLe i termini di quanto convenuto. Ella presterà la Sua opera redazionale alla nostra rivista tenendo presenti la necessità di un non interrotto contatto con noi e le esigenze derivanti dalla data di pubblicazione della rivista (di regola la fine di ogni mese pari). Ciò richiederà la Sua presenza in redazione, sia pure limitata a quattro pomeriggi settimanali. […] Il compenso fissato per le Sue prestazioni è di L. 50.000 mensili, a datare dal primo luglio 1959» (AAM).

3 Si veda ad esempio una lettera di Russoli da Sori del 4 agosto 1959 (AAM): «Caro Alberto, domani ti mando i pezzetti. Emiliani mi dice che ti manderà l’articolo. Tutto quindi dovrebbe essere a posto. Perché non chiedi qualcosa a Testori? Stammi bene, e tante care cose, Franco».

4 Bruno Toscano, da Spoleto, il 3 agosto 1959 gli scrive: «M’interessa molto ciò che mi dici sulla nuova rivista tua e di Russoli: vi faccio tutti i migliori auguri, e sono certo che sarà una nuova, valida forma a favore della “buona causa”…» (AAM).

5 Si conserva una lettera della studiosa a Martini da Trieste, 17 agosto 1959 (AAM): «Mentre saluto con piacere il sorgere di una nuova “Arte Figurativa”, con criteri ed intenti così seri e completi, sono lieta di ringraziare te, che sei uno studioso e un organizzatore tanto acuto, per il gentile invito rivoltomi a far parte della Redazione, invito a cui aderisco molto volentieri».

6 Così Jan Bialostocki a Russoli da Varsavia, 7 agosto 1959 (AAM): «Caro Russoli, […] Sono molto onorato [dell’invito rivoltomi a collaborare alla] Rivista “Arte Figurativa” e nello stesso tempo sto scrivendo al dottore Martini. Non sono sicuro, tuttavia, se il materiale polacco sarà interessante abbastanza per ogni numero della rivista. D’altra parte non sono specialista d’arte contemporanea, e piuttosto vorrei limitare il mio lavoro al campo dell’arte antica. Aspetto il primo numero per saperne il carattere».

7 Myron Laskin a Martini, Londra, 20 luglio 1959 (AAM): «Caro Alberto, […] mi fai l’onore di chiedermi d’essere corrispondente e naturalmente m’interessa molto. […] L’offerta è molto gentile e la tua rivista sembra una idea molto interessante».

8 Dal numero di maggio-giugno del 1960 si aggiungerà, da Barcellona, Josè Milicua.

9 Si veda la lettera della studiosa da Parigi del 10 agosto 1960 (AAM): «Caro Martini, poiché probabilmente non ti ricordi di me, mi ripresento: tua vecchia compagna di università dei bei tempi di Firenze, attualmente a Roma aiutante di Briganti; associata per la vita e per la morte al nome di Domenichino (e, spero, di Polidoro). Non ho altre referenze: ma conto tu voglia accogliermi egualmente sulla tua rivista, per esempio con una recensione sulla Mostra dei Disegni francesi del XVII secolo del Louvre […] e poi con un articolo sui ritratti a matita di Annibale Carracci (inediti del Louvre)».

10 Si segnala inoltre che Carlo Volpe, a cui Martini ha probabilmente chiesto di entrare in redazione, gli scrive: «Apprendo con piacere che ti interessi di “Arti Figurative”, e sono certo che, cambiando il manico e le intenzioni, muti affatto anche di tono e di serietà, non fosse che per la tua presenza. Grazie poi per l’invito, di cui ti assicuro che tengo conto» (lettera da Bologna, 23 settembre 1959, AAM).

11 La tela che Martini crede opera di Sebastiano Mazzoni (1615-1685 circa) è oggi diversamente attribuita a Cecco Bravo (1601-1661); cfr. Martini 1959 V1, pp. 121-123, n. 77, Martini 1959 P23 e Ceroni 2001, pp. 212, 272-273, n. 202.

12 Se ne veda il catalogo: Mariacher, Pilo, Zampetti 1959.

13 All’esposizione Martini aveva dedicato anche un documentario televisivo, trasmesso il 9 luglio 1959, per cui si rimanda al capitolo precedente.

14 L’articolo di Emiliani propone alcune riflessioni in chiusura alla mostra dei Maestri della pittura del Seicento emiliano, da poco terminata all’Archiginnasio di Bologna (Arcangeli, Calvesi, Cavalli 1959). Si veda la lettera dello studioso a Martini del 24 luglio 1959 (AAM): «Mi congratulo molto per il “cast” che hai impiantato. Sono sicuro che la tua rivista farà del buono e servirà agli studi in modo agile e intelligente. Ma se questo numero è dedicato proprio al Seicento veneto, non ci faremo un po’ la figura dei cugini poveri? Perdona l’espressione: non potremmo eventualmente attendere il successivo, a costo di [perdere] nell’attualità?».

15 Martini 1959 P15.

16 Si veda quanto già detto a riguardo alla nota 82 del capitolo dedicato agli studi di Martini per la tesi di laurea.

17 L’attribuzione si deve a Hermann Voss nel 1953; sull’opera, donata nel 1961 al museo di Auckland da Norman B. Spencer (inv. 1961/2), si veda la monografia di Giusti Maccari 1987, p. 79.

18 Martini 1960 P5, V2 e V3. «Arte figurativa» edita anche una versione del catalogo della biennale fiorentina, come numero speciale della rivista: Prima Mostra 1959.

19 Lettera da Venezia, 3 novembre 1959 (AAM). Il nome di Russoli apparirà solo dal primo numero del 1960 e resterà nell’elenco del comitato di redazione fino alla fine del 1961.

20 «Speravo di vederti a Venezia per dirti le mie impressioni dopo l’uscita del nuovo numero della rivista da te diretta. […] Non ti nascondo che sono rimasto un po’ sorpreso e per varie ragioni (e con me anche l’amico Apollonio). Non desidero proprio che questo diventi un argomento di difficoltà tra noi due: siamo sempre stati amici fin dall’epoca “bizantino-ravennate” e nulla deve cambiare questo stato di fatto. Faccio appello perciò alla nostra vecchia amicizia per pregarti di togliermi dal Comitato della rivista: credo che non ti sarà difficile. Naturalmente questo fatto non cambierà la mia buona intenzione di collaborare alla rivista: anzi sarà proprio determinante per questo scopo. E, come ti avevo promesso fin dall’inizio, mi adopererò affinché molti altri amici diano la loro collaborazione» (Bettagno a Martini da Venezia, 11 ottobre 1959, AAM).

21 Lettera da Firenze, 2 ottobre 1959 (AAM).

22 Lettera da Bologna, 24 settembre 1959 (AAM).

23 Vitale Bloch a Martini, s.l., 14 luglio 1959 (AAM).

24 Lettera da Milano, 26 giugno 1960 (AAM).

25 Sul primo numero della rivista, nel 1955, apparvero un contributo sulla scuola di Fontainebleau, una visita al laboratorio di Alberto Giacometti e un’intervista al critico Daniel Henry Kahnweiler (1884-1979).

26 Un altro riferimento molto vicino è «Il collezionismo domanda» della rivista «Arte Club» Garzanti, anch’essa debitrice di «Sele arte», su cui Martini a quei tempi pubblica qualche articolo. Si veda una lettera di Giuseppe Pilo da Venezia, che incalza l’amico sulle caratteristiche che intende dare al periodico: «Caro Alberto, […] mi sarebbe stato gradito riprendere con te il discorso circa la Rivista, e la sua struttura. Ho avuto modo di parlarne nei giorni scorsi anche con Castelnuovo e ci siamo trovati d’accordo su molti punti. Poiché bisognerebbe discuterne assieme, non riterresti opportuna una riunione dei redattori italiani? […] Mi sembra opportuno per non rimanere a lungo nel compromesso che il primo numero denuncia. Penso che si potrebbe utilmente tenere presente il modello del “Connoisseur”. Ho visto che anche “Arte Club” ha una rubrica di expertise. Da noi come funziona? Ha successo finora? Si riuscirà, credi, a far qualcosa di meglio che in “A. C.”? (perché quella loro rubrica, così come si presenta, mi ha un po’ allarmato). Che carattere intendi dare alla rubrica bibl[iografica]: solo libri o anche saggi di rivista; e con che criterio? Ma questi non sono che temi sparsi; che devono rientrare in un discorso più vasto. Non ti pare? Fatti vivo, dunque» (27 ottobre 1959, AAM).

27 Pilo 1959.

28 Esiste un’altra versione di quest’ultima opera di Pietro Liberi (molto simile, ma priva del putto con la clessidra), di ubicazione ignota, documentata da un’immagine della Fototeca Zeri (FZ, inv. 117457); di nessuno dei due dipinti si conoscono le misure, ma Martini parla di una «grande tela».

29 Lettera di Fiocco a Martini, Venezia, 26 settembre 1959 (AAM).

30 Lettera da Venezia, 12 ottobre 1959 (AAM).

31 Giuseppe Pilo a Martini, Venezia, 13 ottobre 1959 (AAM).

32 FSSARL, Carteggio Alberto Martini-Roberto Longhi. Il dipinto (89×70 cm), di cui non so indicare l’attuale collocazione, è venduto a Londra all’asta Sotheby’s del 27 marzo 1968 come Pietro Liberi (lotto n. 75).

33 Lo riferisce Pilo a Martini nella già citata lettera del 13 ottobre 1959.

34 Lettera da Milano, 7 ottobre 1959 (FSSARL, Carteggio Alberto Martini-Roberto Longhi).

35 Evidentemente Martini, secondo il consiglio di Russoli, ha domandato un articolo a Giovanni Testori, che in prima battuta deve aver accettato; in seguito tuttavia non si trova alcun suo intervento sulla rivista. Non v’è traccia nemmeno dei contributi previsti ad opera di Guido Ballo, di Alessandro Bettagno, di Maurizio Calvesi, di Michel Laclotte, di Paolo Mezzanotte, di Giulia Veronesi e di Carlo Volpe.

36 Tanzi 1987, pp. 154-156, fig. 21 e nota 38. Già nel 1961 Maria Luisa Ferrari nega l’attribuzione ad Altobello (Ferrari 1961, tav. 26) e quattro anni più tardi il dipinto sarà esposto alla mostra su Romanino nel duomo vecchio di Brescia come opera del pittore cremonese con un punto di domanda (Panazza 1965, p. 162, n. 82, fig. 154). Il quadro è citato come copia dell’esemplare dell’Ermitage anche nella monografia di Alessandro Nova, che offre un elenco della bibliografia sull’opera compreso, per primo, Martini (Nova 1994, p. 247, n. 35, fig. 70).

37 Martini 1959 P27, p. 91.

38 Le opere di Pietro Antoniani (1740 circa-1805) sono quattro vedute di Napoli, di cui Martini riceve le fotografie dall’antiquario olandese Louis van Wachem nel 1958: saranno infine illustrate nell’articolo che il giovane dedicherà al pittore su «Paragone» nel 1965 («Ricevo il tuo scritto sull’Antoniani», gli riferisce Longhi il 7 ottobre 1964: «Certo non si tratta di un grand’uomo, ma è pur degno di memoria e quanto ne dici è giusto e pertinente. Perciò lo si pubblicherà al più presto in “Paragone”. Se hai altre cose pronte rammentati di noi»). Non mi risulta invece che lo studioso abbia mai pubblicato altrove né la Madonna con il Bambino e san Giuseppe, né altri pezzi degli autori elencati nella lettera al maestro del 17 dicembre 1959.

39 Devo la segnalazione ad Antonio Mazzotta, che ha rintracciato la scheda del dipinto tra le cartelle di Bastiani nella fototeca della National Gallery di Londra.

40 Si vedano le fotografie in FZ, invv. 64786-64787.

41 È l’indicazione manoscritta che Martini appone al verso della fotografia; vi figura anche un altro nome, probabilmente una vecchia attribuzione, scritto da mano diversa da quella dello studioso e poi cancellato, che non è stato possibile decifrare.

42 Martini 1959 P27, p. 90.

43 Martini 1960 P6, p. 73.

44 Martini 1960 P8.

45 Sul dipinto, conservato come scuola di Orazio Gentileschi presso il Museo di Palazzo d’Arco a Mantova (Sala di Diana, inv. 1199), residenza cittadina del Chieppio, si veda Nurchis 2014; sul pittore restano fondamentali Romano 1971 e 1990, il catalogo della mostra Da Musso a Guala (Romano, Spantigati 1999) e le pagine dedicate al pittore in Romano 1999.

46 Si veda ad esempio l’appunto sulla pagina del 23 marzo di un’agenda del 1960: «dal conte Cormani in via Gesù 10 visto un bel paesaggio lungo di Andrea Locatelli».

47 Peraltro, nel suo fondo documentario, non si conserva alcuna lettera di privati proprietari, che chiedano delucidazioni attributive sui dipinti poi effettivamente apparsi sulla rivista, anche se è possibile che le missive siano rimaste presso gli uffici della redazione in via Pancaldo. Tra le carte di Martini si trovano tuttavia alcune richieste, mi pare inascoltate, di collezionisti che, come Mario Ciccotti di Roma, si informano sulle «tariffe per un annuncio illustrato riguardante la mia raccolta di antichi vasi e tessuti» (16 ottobre 1959); o come il veneziano Luca Luciano Trevisan, «Accademico Onorario R. [dell’]Accademia Internazionale del “Parnaso” e dell’Accademia “Phoenix”» – così recita la carta intestata –, che domanda «quale è l’onorario dovuto a Lei pel giudizio di autentica a redigere sopra Arte figurativa con riproduzione della fotografia». Egli desidera anche che nella pagina «Indirizzi da ricordare» sia introdotta «per tre o quattro volte consecutive» la sua inserzione: «anziano studioso d’Arte Antica vende parte della propria collezione di capolavori del Rinascimento a personalità competente, che acquistasse in proprio o per Musei e Gallerie, anche esteri. Prezzi ridotti di prima mano e di privato»: «sono pronto al pagamento e mi urge incominciare», specifica nella missiva da Venezia del 12 settembre 1960.

48 Esaminata la fotografia dell’opera acclusa alla lettera del Trevisan del 24 luglio 1960 (AAM), Gianni Mazzoni non ha dubbi che si tratti di un falso risalente ai primi decenni del Novecento. Il Trevisan, autore di un volume su Giorgione con 586 tavole commentate (Trevisan 1951), invia a Martini anche una strampalata relazione completa di fotografie, in cui sostiene di aver identificato le fattezze del padre di Leonardo da Vinci nella tavola di sua proprietà, sulla base di confronti con altre opere e specificamente con un personaggio dell’affresco sistino della Consegna delle Chiavi, su cui il ritratto è modulato. Superfluo dire che Martini ignora la segnalazione. Si rintraccia un’unica altra notizia sul collezionista, nel catalogo di un’asta romana del 1968, che mette in vendita «nei saloni dell’albergo Cavalieri Hilton, una parte della Pinacoteca del N.H. Luca Luciano Trevisan»; tra i lotti non figura il ritratto in questione (Vendita all’asta 1968).

49 Si veda Un arredamento di Mongiardino 1959.

50 Russoli 1960.

51 Martini 1960 P38; cfr. Longhi 1954c e 1959.

52 Martini 1959 P1. Le didascalie delle immagini recitano: «Manfredino di Castelnuovo Scrivia: Madonna col Bambino tra i santi Ottavio e Nicola. Francesco Guardi: Fiori. Francesco Guardi: Fiori. Luca Baudo (?): Madonna col Bambino. Ridolfo del Ghirlandaio: Ritratto. Francisco Goya: Ritratto di gentiluomo. Jacobello del Fiore: Madonna dell’Umiltà. Michele Marieschi: Paesaggio. Michele Marieschi: Paesaggio». Tra questi dipinti, si rintracciano, ad esempio, la Madonna con il Bambino di Jacobello del Fiore, segnalata nel 1991 in una raccolta privata di Pisa nella scheda della fotografia del dipinto della Fototeca Zeri (FZ, inv. 60918); il Ritratto di Pier Soderini di Ridolfo del Ghirlandaio, indicato da Zeri nel 1974 nella collezione Frascione a Firenze (FZ, inv. 82308). Del trittico firmato da Mafredino Bosilio nel 1495, in cui a fianco della Madonna vanno riconosciuti i santi Bovo e Nicola, irreperibile dagli anni Sessanta come rileva nel 1981 Carlenrica Spantigati (si legga la versione del testo con gli aggiornamenti: Spantigati 1985, fig. 112), Dalerba 2011 ha indicato la provenienza dalla chiesa di San Bovo a Voghera; è curiosa la notazione di Zeri sul retro della vecchia foto del pezzo (170×180 cm), anteriore al restauro, che possedeva (FZ, inv. 59544): «viene da un oratorio di Bergamo».

53 Lettera da Milano, 17 dicembre 1959 (FSSARL, Carteggio Alberto Martini-Roberto Longhi).

54 Lettera da Castellare di Pescia, 8 maggio 1960 (AAM).

55 Lettera da Princeton, 17 ottobre 1960 (AAM).

56 Si veda quanto già detto nelle ultime pagine del primo capitolo, dedicato agli studi su Bartolomeo della Gatta.

57 Marisa Volpi a Martini, Roma, 5 febbraio 1960 (AAM).

58 Sutton 1960. Si veda una lettera di Denys Sutton da Londra, 12 dicembre 1959 (AAM), a mostra ancora in allestimento: «As you suggest I will write an article on the exhibition and I think that one must have at least 15 plates. I just have been round the show with Denis Mahon and we thought of at least 25 pictures that were little known, but perhaps as many as that would be impossible. In any case, I shall write the article as soon as possible and send it to you with about 25 photographs». Per l’esposizione si veda il catalogo: Italian art 1960.

59 Martini 1960 P20.

60 «In 1960 Martini suggested [the painting] might have been executed by the young Leonardo da Vinci in Verrocchio’s workshop. His opinion was based largely on the extremely elaborate and carefully drawn perspective of the architectural background which he compared with Leonardo da Vinci’s drawing of the Adoration of the Magi in the Uffizi, Florence. Martini’s suggested attribution has attracted no fresh support, and it must be emphasised that there is no prima facie reason to suppose Verrocchio incapable of constructing the geometrical perspective of our picture. […] Since our picture was cleaned [1973-1975], both [Federico] Zeri and [Everett] Fahy have indipendently suggested it might be an early work by Domenico Ghirlandaio […] at the period around 1470 when he was apparently closely influenced by Verrocchio» (Brigstocke 1978, p. 189). Già Angela Ottino Della Chiesa, nella sezione Altre opere riconducibili a Leonardo del volume de «I Classici dell’arte» Rizzoli, pubblicato nel 1967, ricordava che la proposta di Martini riscosse «ampia risonanza da parte della stampa, ma […] scarso seguito fra gli specialisti» (L’opera completa di Leonardo pittore 1967, p. 115, n. 125).

61 Sulla vicenda, gli eredi Martini conservano le missive di Brooke, Seddon e Rees Jones. Un’unica lettera di Alberto a quest’ultimo del 18 giugno 1960 si trova nel fascicolo del dipinto alla National Gallery of Scotland; un ringraziamento particolare a Aidan Weston-Lewis per averne fornito copia: «La cosa più importante che debbo comunicarle è che Sir Kenneth Clark era completamente entusiasta della “Madonna” Ruskin, dopo aver visto le sue brillanti indagini ai raggi x e infrarossi: ed ora crede giusta in tutto la mia ipotesi e ritiene il quadro dipinto da Leonardo anche nella figura della Vergine e del Bambino. Per quanto riguarda la pubblicazione di tutto l’interessantissimo materiale ne parlerò tra breve con il Prof. Longhi, che non ho ancora avuto il tempo di andare a visitare a Firenze. Comunque le sarei molto grato se, non appena ha un po’ di tempo, cominciasse a stendere l’articolo. Mi piacerebbe molto che lei scrivesse anche, per la mia rivista, l’articolo che insieme avevamo concordato sulle indagini scientifiche sui quadri». Sull’attribuzione del dipinto della collezione di John Ruskin, ancora oggi riferito a Verrocchio e bottega, si leggano le schede dell’opera nei cataloghi del museo di Edimburgo (ad esempio Brigstocke 1978, pp. 188-192) e Brigstocke 1981.

62 Lettera di Alberto Martini a Paola Salvioni da Sheffield, 5 maggio 1960, conservata presso gli eredi Martini.

63 Si veda Galansino 2013, pp. 54, 209.

64 Martini 1960 P13.

65 Reg. Cron. 594.

66 Gregorietti 1960; è stato Antonio Mazzotta a rintracciare nelle Teche Rai il filmato, proiettato nel corso di un seminario sulla figura di Bernard Berenson tenuto da Giovanni Agosti all’Università di Milano nell’anno accademico 2010-2011. Il filmato è ricordato in Ragghianti 1962, p. 66.

67 Martini 1959 P8 e P17.

68 Come già detto nell’introduzione al volume, Loprieno (1935-1968) è il fotografo di fiducia di Martini. Si conoscono presso l’agenzia Mercurio di Garibaldo Marussi, che realizza le illustrazioni per il settimanale «Settimo giorno», su cui lo studioso scrive a partire dal 1959; entrambi inoltre collaborano alla rivista «Le Arti» dello stesso Marussi. Insieme giungeranno alla Fabbri, l’uno come fotografo di redazione, l’altro come direttore di collana, lavorando a stretto contatto fino al 1965. Un ringraziamento particolare alla moglie Carla Inzoli e al figlio Gilberto, per aver messo a disposizione il materiale del suo archivio (AAL).

69 Sonsis 1960a. Anche Mina Gregori collabora alla rassegna sulle ville: «Non vedo l’ora di vedere articolo e foto. Quello di cui ti vorrei pregare è di mandarmi qualche foto da dare ai proprietari, che l’hanno chiesta. Quanto all’eventuale piano futuro dimmi che pensi di fare, quanti servizi, ecc. […] Attendo disposizioni per prendere accordi con gli Acton e con i De Marinis e per cercare altri… obbiettivi» (Firenze, 5 aprile 1960, AAM). Che la Gregori svolga un ruolo di mediazione con i proprietari di dimore storiche toscane si comprende anche da una missiva di Harold Acton a Martini: «con piacere sono disposto a darle le fotografie di mobili e di interni che Lei desidera, ma non posso sapere quali Le interessano riguardo agli articoli; di conseguenza occorre che la Signorina De Gregori [sic] in persona ne faccia la scelta. La prego quindi di avvisare la signorina stessa perché fissi un appuntamento per venire qui alla villa La Pietra» (Firenze, 23 agosto 1960, AAM). Si è recentemente aggiunto alla bibliografia su villa La Pietra, dal 1994 sede italiana della New York University, sulle vicende della famiglia Acton e sulla formazione della collezione di opere d’arte, il libro di Dialta Alliata Lensi Orlandi 2014.

70 Lettera da Londra del 5 ottobre 1960 (AAM).

71 Grassi 1959; Sonsis 1960b.

72 Dagli appunti di Martini per il progetto della serie filmata.

73 «Dear Dr. Martini, I have finally been able to put together an essay based upon selections from my book on the villa d’Este at Tivoli [Coffin 1960] as you suggested last spring. I do not know whether it is at all what you had in mind, and I hope that you will feel perfectly free not to publish it if it is not appropriate» (lettera da Princeton del 17 ottobre 1960, AAM).

74 Lettera da Princeton del 7 dicembre 1960. Sul nuovo periodico citato si rimanda al prossimo paragrafo.

75 Lettera da Milano, 20 novembre 1960 (ArCGP).

76 In un secondo momento si penserà di escludere Cooper dal comitato direttivo, pur rimanendo nella lista dei collaboratori, per alcune riserve avanzate da Taylor e Selz: «Might I suggest that, regarding the English component of the Board, you might think of another prominent individual such as Roland Penrose or Lawrence Alloway instead of Douglas Cooper. Mr. Cooper, as you probably know, is not only a writer of extreme arrogance but also very much involved in the art business», suggerisce Peter Selz a Martini da New York, il 16 dicembre 1960 (AAM).

77 «Ho riflettuto a lungo sulle proposte fattemi e che, sinceramente, mi lusingano», scrive Quintavalle a Martini da Parma, il 30 gennaio 1961: «si tratta di un posto magnifico, pieno di possibilità di lavoro e di aperture a nuove conoscenze, ma è anche un posto al quale si può giungere, credo, un poco più avanti con gli anni, con dietro di sé serie opere fatte, non così come sono io, veramente poco provveduto e, per l’arte antica, pieno di lacune (non discorro dell’arte moderna dove non potrei parlare neppure di… lacune). Non posso poi trasferirmi subito a Milano […] ma mi è possibile, sempre che Voi lo riteniate utile, dare un aiuto parziale concreto, una collaborazione insomma non limitata all’articolo o alla recensione singola […] penso che il contatto con un’esperienza così ricca e viva potrebbe darmi molto» (AAM). Le informazioni sul periodico internazionale riassunte in questo paragrafo sono collazionate da varie testimonianze epistolari e da alcuni fogli di appunti rintracciati nell’archivio di Martini, relativi a varie fasi del progetto mai realizzato, che talvolta paiono sovrapporsi, con cambiamenti intervenuti nel corso del lavoro.

78 Si veda Selz 1959.

79 Dal confronto con alcuni fogli di appunti, si intuisce che Martini intende pubblicare un contributo dedicato a una serie di disegni inediti dello scultore, che ha visto a Barzio, al Museo Medardo Rosso, in occasione delle riprese per il documentario televisivo, di cui si è detto nel capitolo La Rai: radio e tv. Nell’archivio dello studioso si trovano molte fotografie di questi schizzi dell’artista, in parte utilizzate nella realizzazione del film.

80 Minuta databile tra metà dicembre del 1960 e febbraio del 1961, conservata in AAM. L’«articolo sui mobili dell’Art Nouveau» si riferisce a un intervento richiesto a Greta Daniel, Associate Curator of Design del Moma, già per un fascicolo di «Arte figurativa» da dedicare interamente al Liberty; il testo sarebbe confluito in uno dei primi numeri della nuova rivista. Resta a riguardo, tra la corrispondenza di Martini, una lettera della studiosa da New York del 23 settembre 1960.

81 L’accostamento ad altri architetti nella distinta stilata da Martini farebbe pensare a Giancarlo De Carlo (1919-2005), professionista ma anche docente universitario e critico.

82 Come si apprende dalla pagina del 17 aprile 1961 del suo diario parigino, anche Giovanni Previtali si dà da fare per il progetto di Alberto e Russoli, tentando di coinvolgere altri amici, come Ruggero Savinio, «cui ho proposto di scrivere qualcosa per la rivista di Martini; gli è piaciuta l’idea di un articolo su Balthus; se a Martini andasse (in fondo l’argomento è di attualità) sarebbe un bel colpo: due amici accontentati nello stesso tempo. E poi penso che si debba spingere ad impegnarsi tutti questi apatici colti e intelligenti (Scarpellini, Savinio, Calabrese), altrimenti si lascia il campo libero agli arrivisti come Maurizio Bonicatti, Enrico Crispolti, Marisa Volpi. Anche per l’arte contemporanea non è mica detto che le cose stiano come dicono loro… soltanto perché sono gli unici a parlare» (Galansino 2013, p. 223).

83 Lettera da Milano, 5 luglio 1962 (AKIF, Korrespondenz/Corrispondenza Heinrich Middeldorf).

84 In un appunto di Martini si legge: «1 giugno titolo e copertina: Ajmone (prima copertina futurista)». Per i rapporti dello studioso con il pittore, già amico del suocero Alberto Salvioni, si veda l’ultimo capitolo del volume.

85 Si veda Taylor 1961.

86 Non si sa se «Dieci minuti con…» fosse un caso isolato, o dovesse diventare nelle intenzioni di Martini un appuntamento fisso, in un altro foglio di appunti citato come «Entretiens». è

verosimile che l’“intervistatore” fosse piuttosto Francis Crémieux (1920-2004), scrittore francese figlio del critico Benjamin Crémieux (1888-1944), con cui nel 1961 nasceva l’autobiografia di Kahnweiler Mes galeries et mes peintres: entretiens avec Francis Crémieux (Kahnweiler 1961). Sulla trasmissione televisiva si legga la nota 53 del precedente capitolo.

87 David Coffin a Martini, Princeton, 7 dicembre 1960 (AAM).

88 Sulla questione qualche ulteriore indizio si può pescare in una missiva della neo- consorte Paola, mentre Martini è in viaggio per la Fabbri, il 21 novembre 1961: «Per la nuova rivista niente di nuovo. Ho incontrato Caramel in biblioteca e dice che presto dovrebbe essere pubblicata da Feltrinelli, ad ogni modo con [Vittorio] Olcese non si riesce a discutere di niente con precisione e Caramel e Quintavalle, che sono stipendiati con contratto fino ad agosto (lire 75.000 al mese) continuano a presentare a Ranchetti», dal 1955 al 1963 consulente editoriale di Gian Giacomo Feltrinelli, «tutto ciò che vogliono perché non sanno cosa altro fare».

89 Galansino 2013, p. 222: è evidente che Previtali confonde il titolo della rivista.

90 È facile riconoscere Renato Guttuso, Vittorio Olcese, Giovanni Testori, Ennio Morlotti: per i loro rapporti con Martini si rimanda all’ultimo capitolo. Con Pirelli si intendono gli industriali della gomma, come con Falk i proprietari delle acciaierie, con Olivetti i produttori di macchine da scrivere e da calcolo, con Bassetti, Marzotto e Bellora i tessili, con Riva la famiglia poi proprietaria dell’Ilva, con Sanguinetti l’editore di via Hoepli a Milano, con Borletti la famiglia di industriali dediti della meccanica di precisione, mecenati, proprietari di una grande villa progettata nel 1928 da Emilio Lancia e Gio Ponti in via San Vittore 40 nel capoluogo lombardo. Si identificano ancora Guido Piovene, che Alberto incontra qualche volta nella villa di Guttuso a Velate, l’architetto Ignazio Gardella, il collezionista milanese Gianni Mattioli, il direttore d’orchestra Gianandrea Gavazzeni, il giornalista e scrittore Italo Pietra e Raffaele Mattioli, dirigente d’azienda ed economista, finanziatore di riviste, istituzioni, case editrici e imprese culturali. Milani che mette a disposizione 100.000 lire potrebbe essere lo scultore e pittore milanese Umberto o l’artista, scrittrice e giornalista savonese Milena.

91 Lettera da Milano, [tra il 21 e il 23 ottobre 1960] (AAM).

92 Lettera da New York, 20 febbraio 1961 (AAM).

93 Lettera da Chicago, 28 febbraio 1961 (AAM). La «Gazette des Beaux Arts», diretta dal 1928 da Georges Wildenstein, costretto nel 1941 a emigrare negli Stati Uniti, è pubblicata sia in francese che in inglese a partire dal 1948 e fino alla chiusura nel 2002. La Wittenborn Art Books, casa editrice fondata nel 1941 da George Wittenborn a New York, è considerato il book store di carattere artistico più importante d’America.

94 L’incontro con Peter Selz a New York, che Martini raggiunge in una delle tappe americane del viaggio per la ricerca iconografica delle collane Fabbri Editori, avviene più tardi del previsto, alla metà di ottobre.

95 Peter Selz a Martini da New York, 21 marzo 1961 (AAM).

96 «Mi piacerebbe molto sentire da te cosa state progettando per la rivista», aggiunge l’11 ottobre successivo, da Firenze, annunciando all’amico una prossima visita milanese (AAM).

97 La lettera, non datata, è spedita al maestro prima del 7 ottobre 1964 (FSSARL, Carteggio Alberto Martini-Roberto Longhi).

98 Se ne riparlerà nel paragrafo Le imprese incompiute, 1965-1969, nel prossimo capitolo.