Version classiqueVersion mobile

Alberto Martini (1931-1965)

 | 
Federica Nurchis

Tracce per una biografia

Texte intégral

1Alberto Martini nasce in provincia di Mantova, ad Acquanegra sul Chiese, il 3 gennaio 1931; è figlio di Giuseppina Vaccari e Valfrido Martini, un funzionario del genio civile il cui lavoro porta la famiglia a trasferirsi già prima della guerra a Ravenna, dove fisseranno la loro dimora negli anni a venire, costruendo l’abitazione di via Duca d’Aosta n. 13. Nella cittadina, che durante il regime è teatro delle scorrerie di “Gim dagli occhi verdi” (Ettore Muti), Alberto trascorre l’infanzia insieme alla sorella Luisa, per chi è di casa solo Isa, più grande di lui di cinque anni; una piccola fotografia che in futuro avrebbe non poco urtato la sua sensibilità lo ritrae bambino con la divisa fascista e il cappello che copre il caschetto biondo.

2Durante il conflitto sono sfollati a Traversara, vicino a Lugo, in casa di amici; al ritorno, tra il 1944 e il 1945, la loro ordinata villetta, col fazzoletto di giardino attorno, è occupata da un presidio di neozelandesi delle truppe di liberazione, che li costringe a vivere nello scantinato per alcuni mesi.

  • 1 Si veda Pasi 2012, p. 159.

3Una famiglia non ricca, ma dove non manca nulla e i sacrifici dei genitori assicurano a entrambi i figli gli studi fino alla laurea. Mentre Isa è portata per le materie scientifiche – si laureerà a Bologna in matematica –, Alberto si iscrive al locale liceo classico, dove ha per compagno Mario Bolognesi, futuro letterato e poeta che già al tempo amava dedicare raffinati versi agli amici della classe e tra loro ad Alberto, descritto come delicata «fogliolina bionda»1. Insieme i due partiranno, dopo la maturità, alla volta di Firenze per iscriversi alla Facoltà di Lettere: Bolognesi opta per gli studi in letteratura e una tesi su Vittorio Alfieri con Giuseppe De Robertis, Martini, già da giovanissimo appassionato di storia dell’arte, entra da subito nell’orbita di Roberto Longhi, con cui si laurea nel 1954 (Fig. 2).

4È un periodo felice quello dell’università, ma sempre un po’ appartato per quella estrema riservatezza, strascico di un’adolescenza piuttosto chiusa, che non vincerà del tutto se non più tardi, a Milano, finalmente affermato. Per ora, ai compagni che frequenta tra i banchi della facoltà e nella villa del maestro in via Benedetto Fortini, preferisce i giovani tedeschi giunti come borsisti in piazza Santo Spirito all’Istituto Germanico diretto da Ulrich Middeldorf. Il clima concorrenziale creato da Longhi tra i suoi allievi certo non l’avrà aiutato, per quanto rientrasse nel drappello di «quelli bravi», come ricorda Evelina Borea. Negli anni fiorentini, forse presentati dal professore, Martini incontra Mino Maccari, Ottone Rosai, Giorgio Morandi e Carlo Carrà, solo un’anteprima della grande rete di conoscenze con critici e artisti che saprà crearsi nell’arco della sua pur breve vita.

  • 2 Lo si intuisce dalle uniche due lettere di Elena e Piero Bigongiari, entrambe del 1963, conservate (...)

5Non è noto dove lo studente risieda a Firenze, ma si sa che è molto amato, quasi “adottato”, da Piero Bigongiari e dalla moglie Elena Ajazzi Mancini, per cui anche Alberto nutre grande affetto; la loro casa in piazza Cavalleggeri, dove alle pareti, tra una scaffalatura e l’altra stipate di libri «in doppia o tripla fila», si potevano vedere una superba raccolta di dipinti antichi, ma anche qualche Rosai, Morlotti o Balthus, è una tappa d’obbligo per ogni soggiorno fiorentino negli anni a venire. Bigongiari, amico tra gli altri di Carlo Bo, Oreste Macrí, Eugenio Montale, Carlo Emilio Gadda, Giuseppe Ungaretti, Elio Vittorini o Carlo Betocchi, ma anche di Georges Braque, è poeta e studioso di letteratura, redattore fino al 1959 di «Paragone» e de «L’Approdo», con una spiccata predilezione per le tele del Seicento toscano, qualcuna probabilmente acquistata con il consiglio dell’allievo di Longhi2.

  • 3 Ivi, p. 9.

6Certo Martini può apprendere molto, specie nell’approccio alle opere, da quel letterato che «non si considerava un collezionista», ma «diceva di essere, piuttosto, uno studioso appassionato della pittura fiorentina del Seicento e di avere radunato nella propria casa i dipinti di quella scuola, solo perché la visione quotidiana e diretta gli consentiva di potere leggere e capire meglio quei testi pittorici». Egli «vedeva la propria raccolta come una sorta di laboratorio di studi e, spesso, l’acquisizione di un quadro prefigurava l’apertura di un nuovo campo di ricerca»3.

7Tornato a Ravenna dopo la laurea nel luglio del 1954, Alberto resta nella casa di famiglia per quattro anni, durante i quali vive intensamente la vita artistica romagnola e bolognese al fianco di una guida più adulta, più che altro un caro amico come Roberto Pagnani, con cui condivide passione e destino. Al bar Byron in centro città, ritrovo di intellettuali e artisti locali, Roberto gli fa conoscere Mattia Moreni, il pittore che più ama e a cui consacra diverse pareti del salone della propria villa, costruita in quegli anni in via Canalazzo 26, per contenere gli esemplari della sua sfavillante raccolta d’arte contemporanea, che Martini contribuisce a incrementare di qualche numero non scontato. Quest’ultimo gli presenta invece Francesco Arcangeli, con cui Pagnani coltiverà lunga amicizia.

  • 4 Minuta di una lettera di Pagnani a Martini da Ravenna, 16 ottobre 1958 (ArCGP).
  • 5 Affitterà dopo poco un appartamento in via Vivaio 10, dove resterà fino al trasferimento, nel 1961 (...)

8Ma l’asfittica provincia ravennate non offre sufficienti appigli all’ambizione del critico e il trasferimento a Milano nel 1958 sembra agli amici persino scontato («Ravenna è sempre quella città che tu ben conoscevi: non è terra per esploratori!»4); il giovane del resto ha allacciato già da qualche anno – soprattutto con Franco Russoli – i rapporti che lo aiuteranno ad ambientarsi nel capoluogo lombardo. I primi tempi, ospitato all’arrivo dal pittore e scultore Arturo Carmassi5, sono mesi di frenetico lavoro, di giorno e di notte, a battere sui tasti della macchina da scrivere le decine di articoli per le riviste più varie, che oggi allungano a dismisura la sua bibliografia, per affrancarsi dal sostegno economico della famiglia; quando non basta, ma solo in casi estremi, egli sacrifica le ancor poche opere avute in dono dagli amici artisti in Romagna, come una Natura morta in cortile di Sergio Vacchi del 1955 a lui dedicata, venduta a Pagnani e ancor oggi conservata presso gli eredi del collezionista.

  • 6 The early work of Bartolomeo della Gatta (Martini 1960 P37) e Two drawings and a panel by Pellegri (...)

9È così che entro il 1960 lo studioso in erba scrive su «L’Approdo», «Arte antica e moderna», «Arte Club», «Arte veneta», «La Biennale di Venezia», «Itinerari», «Letteratura», «Paragone», «Settimo giorno», «Il taccuino delle arti», «Il Veltro», «il Verri» e altri periodici; gli argomenti sono i più disparati: articoli sul Trecento riminese, sul Seicento emiliano o su Poussin, accanto a testi su Vuillard, Mafai, l’arte Zen, la pittura americana alla Biennale di Venezia o Ben Shahn. Ma nel frattempo pubblica anche, uno dei rari italiani in quei decenni, saggi di maggiore impegno sull’«Art Bulletin» o il «Burlington Magazine»6. Intanto, grazie a Longhi, ha già accumulato diverse esperienze di collaborazione con la radio, dalla metà degli anni Cinquanta, e la tv, con servizi di argomento artistico per varie rubriche e due film documentario veri e propri, curati in autonomia, su Medardo Rosso e Virgilio Guidi.

10La Milano in cui giunge Martini alle soglie del nuovo decennio, in cerca di maggiori opportunità lavorative, gode del clima fervido che si instaura tra la fine degli anni Cinquanta e i primi Sessanta, un momento di straordinaria apertura culturale che deve il suo vigore, nella favorevole congiuntura del “miracolo economico italiano”, alla collaborazione di tutti gli operatori a diversi livelli: gli storici dell’arte lavorano in sintonia con i musei, lo Stato gioca una parte fondamentale e anche il mondo dell’antiquariato e delle gallerie, come l’editoria, coopera alla riuscita di notevoli progetti culturali.

11Alla Pinacoteca di Brera, vicino all’amico direttore Russoli, il giovane trascorre il poco tempo libero e, lì attorno, frequenta gli studi degli artisti, il bar Jamaica e il ristorante delle sorelle Pirovini “credito illimitato”; tra le sue letture di svago ci sono i romanzi di Scott Fitzgerald, passione condivisa tra i coetanei del tempo a Milano – ad Alberto piace la rappresentazione di quella borghesia americana viziata dagli effetti di un eccessivo benessere nell’esaltazione collettiva dell’“età del jazz” –, e al cinema tra i film preferiti le saghe di James Bond.

12Si presenta in questo periodo la possibilità di prendere in mano un bimestrale di taglio borghese, «Arte figurativa antica e moderna», per farne, nelle intenzioni di Martini e di Russoli, una testata di livello scientifico. Per diversi motivi l’esperienza è breve (poco più di un anno), ma prelude al progetto di un nuovo periodico a diffusione internazionale, questa volta dedicato solo ad arte moderna e contemporanea, cui sono chiamati a partecipare i maggiori specialisti del settore in ogni paese coinvolto: almeno, oltre all’Italia, Francia, Germania, Svizzera, Inghilterra e Stati Uniti. La rivista, pianificata nei dettagli, non sarà mai varata, anche perché da allora in poi (1961) i due – Alberto in prima linea, Russoli quasi solo per le scelte redazionali – saranno completamente assorbiti dal lavoro alla Fratelli Fabbri Editori.

13Dino Fabbri, amico e grande estimatore di Longhi, ha bisogno di uno storico dell’arte spigliato e intraprendente, una personalità poco accademica, che ben sappia muoversi negli ambienti artistici, per portare avanti il progetto che ha in testa: applicare il sistema della dispensa, già sperimentato dalla casa editrice con la memorabile enciclopedia «Conoscere», alla sua predilezione, l’arte. Longhi non esita a indicargli l’allievo, che per passione divulgativa e dimestichezza con le nuove esigenze del grande pubblico dimostrate, ad esempio, nel corso di varie collaborazioni con la Radiotelevisione Italiana, fa proprio al caso dell’editore.

  • 7 Righetti 2001.

14È nella congiunzione con gli interessi artistici di parte longhiana di Dino, il «d’Artagnan dell’editoria» e «della cultura di massa»7, che entra in gioco la figura di Alberto Martini alla Fabbri, dove è ritenuto una grande speranza, e serpeggia tra gli uffici la voce che quel giovane sia dal maestro molto considerato. È allora che nascono, sotto la sua direzione, tra le altre, le celebri collane «Capolavori nei Secoli» e «I Maestri del Colore».

15Quella realizzata dalla casa editrice milanese di via Abbadesse – solo nel 1965 sarà compiuta l’immensa sede di via Mecenate – è una produzione per l’epoca innovativa, che fa della storia dell’arte per la prima volta un fatto di “massa”, un concetto da inquadrare a quel tempo in ambito piccolo borghese, non ancora esteso alla maggioranza della popolazione: la disciplina artistica e in generale la cultura sono distribuite in edicola a 350 lire, mantenendo un alto livello scientifico. L’innovazione si basa, oltre che sulla “rateizzazione” dei volumi in fascicoli, anche sulla novità della fotografia a colori messa in campo a piena pagina; le rivoluzionarie campagne fotografiche Fabbri sono seguite, almeno nei primi tempi, da Alberto in persona, che si ritrova sballottato per il mondo insieme al fotografo Alfredo Loprieno, tra diversi paesi europei, gli Stati Uniti, l’India, il Giappone e le Hawaii.

16Tutti questi spostamenti, inconsueti per un giovane storico dell’arte italiano al principio degli anni Sessanta, certamente rafforzano carattere e autostima di Martini, che d’ora in poi acquisterà tale sicurezza nei rapporti con le persone, da farsi ritrarre, agli occhi dell’amico pittore e critico Emilio Tadini, in una piccola tela oggi presso la famiglia, come Doctor Mellifluus: una specie di pulcinotto biondo, dai modi dolci e gentili, ma risoluto, perentorio e pungente all’occorrenza (Fig. 3).

  • 8 Per la mostra mantegnesca del 1961, che si evocherà nuovamente nel capitolo dedicato alle collabor (...)

17Non è necessario rammentare l’importanza de «I Maestri del Colore» e quale notevolissimo ruolo abbiano giocato nell’ampliamento della conoscenza artistica presso le classi meno agiate della società; ma va ricordato almeno quanto l’esordio della collana debba al successo, per la prima volta davvero popolare, della mostra su Mantegna curata da Giovanni Paccagnini a Mantova nel 1961: non è un caso che il primo numero della raccolta, che nasce di lì a poco (redatto da Martini), sia proprio dedicato all’artista di Isola di Carturo, a cui capita in sorte al principio degli anni Sessanta, a cavaliere tra l’esposizione mantovana e l’uscita dei fascicoli Fabbri, di porsi come punto fermo, giro di boa della democratizzazione della storia dell’arte in Italia8.

  • 9 Martini 1959 V1. «Giovi ricordare», scriverà Longhi nel necrologio dell’allievo pubblicato su «Par (...)

18L’attività milanese non impedisce allo studioso di mantenere saldi i legami con Ravenna. Nemmeno trentenne, cura il primo catalogo moderno della locale pinacoteca, che esce nell’ottobre 1959, per i tipi di Neri Pozza, nella serie di «Cataloghi di raccolte d’arte» della Fondazione Cini di Venezia9; vi lavora almeno quattro anni, ma già nel maggio del 1956, per promuovere la conoscenza della collezione ancora ospitata nelle inadeguate sale dell’Accademia di Belle Arti – il trasferimento nell’attuale sede della Loggetta Lombardesca avverrà solo nella prima metà degli anni Settanta –, realizza un servizio per la trasmissione radiofonica «La Rassegna», nella sezione artistica curata da Marziano Bernardi, il critico d’arte de “La Stampa”.

  • 10 Si veda Martini 1958 V1.
  • 11 Lettera da Milano, databile tra il 2 e il 14 giugno 1964 (AGP). L’esposizione coinvolgeva gli arti (...)
  • 12 Si veda Focus on drawings 1965.

19Anche sul fronte delle esposizioni, tutte d’arte contemporanea, Alberto compie alcune esperienze significative. Tra il 1957 e il 1958, con Ludwig Grote, direttore del Germanisches Nationalmuseum di Norimberga, allestisce la mostra Malerei des jungen Italien itinerante in varie città tedesche, in cui coinvolge Giuseppe Ajmone, Vasco Bendini, Aldo Bergolli, Mario Bionda, Arturo Carmassi, Alfredo Chighine, Roberto Crippa, Gianni Dova, Gianfranco Fasce, Filippo Marignoli, Mattia Moreni, Cesare Peverelli, Bruno Pulga, Sergio Romiti, Piero Ruggeri, Sergio Saroni, Emilio Scanavino, Giacomo Soffiantino, Sergio Vacchi ed Emilio Vedova10. Qualche anno più tardi collabora all’organizzazione della rassegna dell’Ente Manifestazioni Milanesi a Palazzo Reale Pittura a Milano dal 1945 al 1964, lasciando infine per divergenze il comitato esecutivo composto da Raffaele De Grada, Mario De Micheli, Gillo Dorfles, Giorgio Kaisserlian: «adesso, a Milano, si inaugura una mostra di alcuni pittori milanesi del dopoguerra: hanno fatto tanta confusione, hanno tanto mescolato il buono e il cattivo che sono stato costretto a dare le dimissioni dal comitato», scrive all’amico Giovanni Previtali11. Non farà invece in tempo a curare la sezione italiana di Focus on drawings, tenutasi alla Art Gallery of Toronto tra il 15 ottobre e il 7 novembre 1965, di cui si ritrovano il materiale preparatorio e le lettere di commissione nel suo archivio12.

  • 13 Intervista raccolta il 23 marzo 2011 presso l’Istituto Germanico a Firenze.

20Nel capoluogo lombardo Alberto sviluppa a pieno quella capacità camaleontica che gli permette di fagocitare, in pochi anni, le esperienze più disparate: carta stampata, studi scientifici, editoria periodica, fascicoli divulgativi, mostre, radio e televisione sono solo alcuni degli ambiti che ospitano i suoi interessi. Non disdegna mai il rapporto con le gallerie e i mercanti d’arte antica e contemporanea, che gli permette di fare anche qualche scoperta. Detlef Heikamp lo ricorda come un uomo fuori dai ranghi accademici: «non voleva fare né la carriera soprintendenziale, né avvicinarsi all’università, voleva essere sul mercato libero…» sostiene: «immagino che se fosse ancora in vita sarebbe un personaggio molto importante nel mondo editoriale o anche magari un antiquario o un mercante d’arte, di arte moderna… era questa la sua prospettiva»13.

  • 14 Arcangeli 1954.
  • 15 Martini 1965 P1. Al termine dell’articolo apparso postumo sulla rivista bolognese, una nota di Ste (...)

21Nel frattempo si infittiscono anche i rapporti con gli artisti, che Alberto frequenta con Paola, figlia del pittore ticinese Alberto Salvioni, sposata il 6 aprile 1961; al loro matrimonio, da cui tre anni più tardi nascerà la figlia Lorenza, i testimoni sono Sandro Somarè e il collezionista ravennate Guido Rosetti. Se nel periodo trascorso a Ravenna il critico frequenta in particolare il gruppo di pittori bolognesi che Francesco Arcangeli definisce «ultimi naturalisti» in un celebre saggio su «Paragone»14 (in-sieme a Ennio Morlotti e a Mattia Moreni), nella metropoli ambrosiana le amicizie braidensi si ampliano man mano fino ad assumere dimensioni ragguardevoli, che si misurano sulle pareti dell’appartamento di Alberto e Paola in via Boccaccio 4, dove si trovano appese le poche opere acquistate, soprattutto grafica di Bonnard e Vuillard, passioni di una vita, e le molte donate dagli artisti, per affetto o in cambio dei testi di presentazione del loro lavoro, che Martini volentieri stende per i cataloghi delle mostre allestite in varie gallerie. Si contano disegni, incisioni, sculture e dipinti di Valerio Adami, Giuseppe Ajmone, Aldo Bergolli, Carlo Carrà, Giancarlo Cazzaniga, Gianfranco Ferroni, Renato Guttuso, Mino Maccari, Pompilio Mandelli, Luciano Minguzzi, Ennio Morlotti, Cesare Peverelli, Bruno Pulga, Sergio Romiti, Ottone Rosai, Mario Rossello, Emilio Scanavino, Ben Shahn, Sandro e Guido Somarè, Emilio Tadini o Sergio Vacchi, solo per nominare i principali; un rapporto speciale si instaura, a partire dal 1962, con Alberto Giacometti, su cui tre anni più tardi lo storico dell’arte mette a punto un saggio fondamentale, che non riuscirà a vedere pubblicato su «Arte antica e moderna»15.

  • 16 I primi due anni di vita dell’istituto sono dedicati alle operazioni finanziarie e allo studio del (...)
  • 17 Martini collabora alla preparazione delle aste e dei relativi cataloghi nn. 2 (15-16 maggio 1962: (...)

22Tra i numerosi impegni, a Milano Alberto Martini prende parte da subito alla storia di Finarte, fondata da Gian Marco Manusardi e dal genero Casimiro Porro il 16 aprile 1959, a cui collabora come consulente dalla prima asta di opere d’arte antica16. Lo studioso vive dall’interno la stagione delle commissioni peritali, condivise con nomi importanti, prima che dissidi interni e personalismi tra i vari specialisti portino Casimiro Porro ad affidare la ricognizione attributiva al solo Giovanni Testori17. «Gli esperti d’arte, in modo particolare di arte antica, terreno difficile da esplorare […], sono fondamentali per una casa d’aste. Sono in grado di infondere certezze durante la preparazione del catalogo, nel momento della valutazione. Sono figure centrali nella vita di una società come la nostra», ricorda molti anni più tardi lo stesso Porro.

  • 18 Vagheggi 1999, p. 45.

«Nei primi anni d’attività, Finarte aveva dato vita a vere e proprie commissioni formate da storici, restauratori, antiquari. Lo storico determinava l’attribuzione, il restauratore lo stato di conservazione, l’antiquario la valutazione economica. Se si sfogliano i nostri cataloghi, si scopre che in occasione della seconda vendita, la prima di arte antica, tenutasi a Milano il 15 e il 16 maggio 1962, erano in funzione tre commissioni di cui facevano parte Wart Arslan, Aldo Bertini, Enos Malagutti, Giuliano Briganti, Alberto Martini, Leonardo Borgese. […] Nelle commissioni del 1963 troviamo anche Giovanni Testori, Marco Valsecchi, Rossana Bossaglia e, per l’Ottocento, Gustavo Predaval. Nel 1964 entrò a farne parte anche Carlo Volpe. In quegli anni, voglio ricordarlo, Finarte era un grande porto dove attraccavano storici d’arte, critici, collezionisti ma anche avventurieri e imbroglioni che proponevano operazioni impossibili, vere e proprie truffe. Dovevamo ripararci da una pioggia di Raffaello, Michelangelo, Leonardo, con magnificanti perizie di disinvolti storici dell’arte. […] Ma nella nostra sede si vivevano giorni elettrizzanti soprattutto quando arrivavano i dipinti che poi sarebbero andati all’asta. Davanti alle opere nascevano discussioni interminabili, battute frizzanti, cominciavano giornate che sembravano non avere mai fine e che magari si chiudevano al “Biffi Scala”»18.

  • 19 Vendita in data 3 maggio 1966 (si veda A ricordo di Alberto Martini 1966). Rammenta l’asta il rece (...)

23Il lavoro di Martini in Finarte prosegue fino alla sua scomparsa, tanto che nel 1966, a sostegno della vedova e della figlia, l’istituto si metterà a disposizione per organizzare una mostra-asta in suo ricordo con opere donate da pittori, scultori, mercanti, collezionisti e storici dell’arte: l’adesione di oltre centotrenta tra i più importanti nomi del panorama del periodo, chiamati a raccolta dagli amici Franco Russoli e Fausto Salvadori, è testimonianza «di quanto ha inciso sulla cultura e la società artistica attuale il lavoro appassionato, generoso, intelligentissimo, di Alberto Martini, che è stato storico, critico, “editore”, organizzatore di straordinaria efficienza e qualità, portando contributi al chiarimento storico dei fatti dell’arte antica e moderna, svolgendo un’opera intensa e illuminata per la diffusione della cultura»19.

Notes

1 Si veda Pasi 2012, p. 159.

2 Lo si intuisce dalle uniche due lettere di Elena e Piero Bigongiari, entrambe del 1963, conservate tra la corrispondenza di Martini. Circa cinquanta pezzi della collezione dei Bigongiari sono oggi conservati presso la Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia nell’antico Palazzo dei Vescovi in piazza del duomo a Pistoia (si veda Baldassari 2004); dal 2006, per volontà della consorte, le carte e i libri del poeta sono ospitati in una sala della Biblioteca San Giorgio di Pistoia a lui intitolata.

3 Ivi, p. 9.

4 Minuta di una lettera di Pagnani a Martini da Ravenna, 16 ottobre 1958 (ArCGP).

5 Affitterà dopo poco un appartamento in via Vivaio 10, dove resterà fino al trasferimento, nel 1961, nella casa di via Boccaccio 4. Si ricorrerà più volte nel volume ai ricordi di Arturo Carmassi, scomparso al principio del 2015, intervistato nella sua casa-studio di Fucecchio alla fine di gennaio del 2011.

6 The early work of Bartolomeo della Gatta (Martini 1960 P37) e Two drawings and a panel by Pellegrino Tibaldi (Martini 1960 P39); la tavola che lo studioso rende nota come Tibaldi, allora nella collezione di Paul Drey a New York e oggi a Palm Beach (Norton Museum of Art), è poi stata ricondotta a Giovanni Francesco Bezzi, detto il Nosadella (1530 circa-1571), da Vittoria Romani (Romani 1988, p. 12 e nota 26, fig. 36).

7 Righetti 2001.

8 Per la mostra mantegnesca del 1961, che si evocherà nuovamente nel capitolo dedicato alle collaborazioni di Martini con la casa editrice dei fratelli Fabbri, si veda la ricostruzione di Agosti 2006 e, sull’artista, Su Mantegna I (Agosti 2005) e il catalogo della mostra curata dallo studioso insieme a Dominique Thiébaut al Louvre nel 2008 (Agosti, Thiébaut 2008).

9 Martini 1959 V1. «Giovi ricordare», scriverà Longhi nel necrologio dell’allievo pubblicato su «Paragone» alla sua scomparsa, «il buonissimo Catalogo della Galleria dell’Accademia di Ravenna, stampato da Neri Pozza nel 1959» (Longhi 1965).

10 Si veda Martini 1958 V1.

11 Lettera da Milano, databile tra il 2 e il 14 giugno 1964 (AGP). L’esposizione coinvolgeva gli artisti Giuseppe Ajmone, Enrico Baj, Remo Brindisi, Bruno Cassinari, Alfredo Chighine, Roberto Crippa, Gianni Dova, Lucio Fontana, Franco Francese, Piero Manzoni, Gino Meloni, Giuseppe Migneco, Ennio Morlotti, Cesare Peverelli, Emilio Scanavino ed Ernesto Treccani. Nonostante le dimissioni, Martini curerà nel catalogo le presentazioni di Peverelli e di Scanavino (Martini 1964 V12 e V13).

12 Si veda Focus on drawings 1965.

13 Intervista raccolta il 23 marzo 2011 presso l’Istituto Germanico a Firenze.

14 Arcangeli 1954.

15 Martini 1965 P1. Al termine dell’articolo apparso postumo sulla rivista bolognese, una nota di Stefano Bottari ricorda la figura del giovane studioso appena scomparso (Bottari 1965).

16 I primi due anni di vita dell’istituto sono dedicati alle operazioni finanziarie e allo studio del mercato italiano: l’asta numero 1 è battuta al teatro Angelicum di Milano, tra il 21 e il 22 novembre del 1961. Sulla nascita e l’attività di Finarte si vedano in particolare: Finarte S.p.A. 1959, Finarte 1975, Vagheggi 1999.

17 Martini collabora alla preparazione delle aste e dei relativi cataloghi nn. 2 (15-16 maggio 1962: Vendita pubblica all’asta 1962), 4 (12-13 marzo 1963: Vendita pubblica all’asta 1963a) per cui compila le note critiche di tutti i lotti d’arte antica (dell’Ottocento si occupa Gustavo Predaval), 6 (19-20 novembre 1963: Vendita pubblica all’asta 1963b) e 9 (29 ottobre 1964: Vendita pubblica all’asta 1964).

18 Vagheggi 1999, p. 45.

19 Vendita in data 3 maggio 1966 (si veda A ricordo di Alberto Martini 1966). Rammenta l’asta il recente Persona e maschera di Alvar González-Palacios, che già aveva citato la figura di Martini ne Le tre età (si vedano González-Palacios 2014, pp. 59-60 e Id. 1999, pp. 119 e 178). L’invenduto fu poi consegnato a Paola Martini, insieme alle lettere scambiate tra Salvadori, Russoli e i vari aderenti, conservate in ricordo delle attestazioni di stima e affetto nei confronti del marito scomparso. Sulla morte di Martini si vedano l’articolo apparso su “Il Resto del Carlino” il 10 maggio 1965 e il ricordo dello storico dell’arte, pubblicato sullo stesso quotidiano il 25 giugno seguente (Presso Sant’Arcangelo di Romagna sciagura in curva 1965 e M.Z. 1965).

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search